svar PRESENTAZIONE GIOVANNI POTENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "svar PRESENTAZIONE GIOVANNI POTENTE"

Transcript

1

2 svar PRESENTAZIONE State leggendo il numero 1 di SVAR, la rivista on line del Laboratorio di Italiano Scritto della Facoltà di Lettere dell Università della Calabria. Dobbiamo anche questo numero al contributo di alcuni degli studenti del Laboratorio, al loro talento e al loro impegno, così come altrettanto determinante è stato il prezioso lavoro delle ragazze e dei ragazzi della Redazione. Mi ritengo onorato di aver collaborato con tutti loro. Nella copertina si può osservare una rappresentazione del Dio indiano Shiva («nataraja»-«danzante») e di Shakti, la Dea-energia che lo ispira e completa. I due sono raffigurati nell atto di congiungersi danzando, nell estasi mistica dell eros sacro. Danzando simultaneamente distruggono e creano gli infiniti mondi, e ogni forma della vita. L immagine vuole essere un invito alla ricerca, ormai indifferibile, di quella complementarità -soprattutto tra maschile e femminile - che rappresenta l unico antidoto possibile alla degenerazione spirituale e materiale di questa nostra triste età oscura. Il sommario dà conto dei diversi testi rubrica per rubrica. Alcuni articoli erano in origine temi e tesine svolti per le necessità didattiche del Laboratorio. Altri sono stati scritti proprio per trovare collocazione in SVAR. Gli argomenti trattati sono i più vari. Questo nel segno della libertà di pensiero ed espressione che i nostri ragazzi hanno manifestato, e che personalmente ho inteso sollecitare. La sensibilità e la capacità di analisi dell esistente di molti nostri studenti sono maggiori di quelle di tanti adulti: curare ed incentivare questo patrimonio è un dovere categorico. In questo senso SVAR «calza gli stivali di Voltaire». Non perché crediamo alla «mitologia» dei valori illuministi (Ragione, Democrazia, Progresso ecc.) con cui da sempre l Occidente riveste e giustifica la propria violenza imperialista. Piuttosto, perché della lezione dell Illuminismo facciamo nostro il proposito libertario- di non sottrarre per principio argomento alcuno all indagine critica. GIOVANNI POTENTE

3 SVAR Cultura e Società A proposito di Ganja - Emilia dignitoso 1 La libertà di stampa Manuel Malfi 6 La terra è finita? Erika Gabriele 7 I falsi bisogni dell immaginario collettivo Marisa Russo - 10 Scuola e Curiositas: fucina del libero pensiero? Concettina Lo Gullo 11 L Occidente e l opera mistificante verso lo straniero Emanuela Infante 16 Tra sogno e realtà Carmela Gaudio 22 Letteratura e società Noemi Orrico 25 L insegnamento della letteratura nella scuola di oggi Antonia Capparelli 26 Manipolazione: l inganno dei popoli Maria Cristina Staine 28 Letteratura e Giornalismo Alessia Zinnari 32 Dal Vangelo secondo Voltaire - Angelo Massimo Tuttobene 33 Giovani di oggi: verso un futuro incerto Monica Granata - 36 Il concetto di scoperta nell uomo Serena Cribari 41 Il federalismo fiscale e una studentessa calabrese Roberta Luna 43 Il Sublime Alessia Raspante 45 L alienazione erotica. Tentativo di liberazione dell eros Giorgia Vitale 47 Il Piano di rinascita democratica - Marta Morreale 53 La tragedia della guerra Lorenzo Sharon I valori fondanti della moderna civiltà occidentale Libertà, fraternità e uguaglianza trovano ancora riscontro negli scenari odierni del mondo globalizzato? Giovanna Rubino 56 Libertà di informazione tra mezzi di comunicazione e potere politico Selena Bozzo 57 I valori fondanti della moderna civiltà occidentale Libertà, fraternità e uguaglianza trovano ancora riscontro negli scenari odierni del mondo globalizzato? Francesca Salerno 58 Diari di Svar Lettera di una scrittrice mai conosciuta Miriam Vecchio -60 La persuasione Laura Catricalà - 62

4 Tradizioni, Miti e Simboli L incantesimo delle parole Marco Florio 64 L Albero della vita Giovanni Potente - 66 Donna-Demone: Lilith Serena Gambaro Dicembre 2012 Rosellina Mendicino 73 Poesie e Racconti Dialogo Intorno al passato Massimiliano Croce - 77 Poesie Luca Rota 85 Poesie Maria Biondi 88 Poesie Susanna Cerulo - 89

5 A PROPOSITO DI GANJA 1 Emilia Dignitoso La canapa è una pianta erbacea coltivata dall uomo in tutto il mondo da tempo immemorabile. E una pianta dal fusto alto e sottile con la parte sommitale ricoperta di foglie e può superare i 4m di altezza. La parte fibrosa del fusto si chiama tiglio e la parte legnosa canapolo. Può essere coltivata per ricavarne sia la fibra tessile sia i semi. Essa può essere sfruttata per motivi terapeutici, voluttuari e commerciali. La canapa, infatti, è innanzitutto un medicinale, e come tale per secoli è stata adoperata in Oriente: oggi sappiamo con certezza che è efficace come analgesico, antiemetico, antidepressivo, e nella cura dell emicrania, dell epilessia, del glaucoma e dell asma. Da essa, inoltre, è possibile ricavare moltissimi prodotti: per secoli la pianta fu coltivata e poi usata per fabbricare, per esempio, i più diffusi tessuti, tra cui vele e cordame delle navi. Della canapa si conoscono due tipi principali: la Cannabis Sativa (di origine europea, a basso contenuto di resina, dal cui fusto macerato si hanno fibre tessili molto resistenti per farne corde,tela ecc..) e la Cannabis Indica (proveniente dall Asia Minore, ricca di resina contenente i cannabinoidi responsabili dell effetto psicoattivo). Individuare con precisione il paese di origine della Cannabis Sativa è impossibile. Sappiamo da diversi studi, invece, che l uso medicinale della Cannabis Indica risale all età preistorica (al Neolitico), e dall Asia Minore si sarebbe diffusa verso l India, dove era ritenuta di origine divina, tanto che alcune sette Hindu la usavano per scopi religiosi e come sollievo dalla fatica. Mentre in Cina l uso della pianta come sedativo è documentato in un antichissimo trattato di medicina e botanica. In Occidente, invece, l uso voluttuario della canapa iniziò verso la fine del 700. Poi la pianta divenne anche popolare per le sue proprietà curative. Il primo a rendere noto l uso medicinale della canapa in Inghilterra ed in America fu nel 1842 il medico William O Shaughnessy, che scoprì che essa allieva il dolore reumatico ed aiuta contro i sintomi di malessere e nausea causati dalla rabbia, dal colera e dal tetano; molti altri dottori la prescrivevano per una lunga serie di malanni, dal mal d orecchie al parto. Eppure, nonostante la prassi di utilizzarne le proprietà terapeutiche fosse tanto diffusa quanto praticamente senza effetti collaterali, ad un certo punto la canapa fu vietata, prima negli Stati Uniti d America e poi altrove. All origine dei primi divieti c è un problema che non la riguardava direttamente, ossia il fatto che la fine dell Ottocento l uso terapeutico della morfina era così diffuso negli Stati Uniti da rendere assuefatti un gran numero di americani, tanto che il governo istituì la Food and Drug Administration, che ne pose la distribuzione (assieme a quella dell oppio) sotto il controllo dei medici. Fu l inizio di una politica di repressione che avrebbe poi coinvolto anche la canapa. Per prima cosa una legge impose una tassa sull uso delle droghe senza scopi terapeutici derivate da oppio e coca che era superiore al loro stesso costo! Intanto una martellante campagna di stampa durata anni la cannabis, chiamata allora marijuana (nome messicano usato sconosciuto allora in America) al fine di metterla in cattiva luce, fu messa all indice di fronte all opinione pubblica; addirittura il suo consumo venne messo all origine di molti tra i più efferati delitti del tempo riportati dalla cronaca. Infine, nel 1937, molti Stati resero fuorilegge la coltivazione di qualsiasi tipo di canapa, ed infine, negli anni 50, vennero imposte sentenze obbligatorie contro i trasgressori. 1 Termine in lingua creolo giamaicana utilizzato per indicare la marijuana,erba ritenuta dai rastafariani indispensabile per la meditazione e la preghiera. La crema di hashish è usata per scopi meditativi anche dai Sadhu indiani,e da molti monaci buddhisti in Nepal,in generale nella zona Himalayana. 1

6 Anche nel resto del mondo la canapa andò incontro ad una sorte simile. Eppure, sapevate che nel corso del decennio l Italia è stata, dopo la Russia, la seconda nazione al mondo nella produzione di canapa e, per la qualità della fibra, prima sul mercato? Ma nel 1958 le fibre sintetiche sostituirono quelle naturali, finché la canapa non fu completamente rimpiazzata dal nylon. Fino al 1964 gli agricoltori della Campania si opposero alla recessione, ma tutto fu inutile: la canapa fu considerata a tutti gli effetti una droga illegale. Naturalmente sappiamo che la canapa, se usata in un certo modo, ha i suoi effetti. La resina allo stato puro, hascìsc 2, assunta a forti dosi provoca effetti allucinogeni. Nel 37 però (quando la canapa fu messa al bando) in America questo uso allucinogeno era sconosciuto, e in ogni caso non avrebbe mai potuto provocare i fatti di cronaca che le venivano attribuiti. In ogni caso, a differenza delle altre sostanze psicoattive come tabacco e alcool o cocaina, la canapa non produce nell uomo una sindrome di dipendenza fisica. Inoltre mentre una sbornia di alcool provoca estese distruzione di cellule celebrali, per le dosi anche allucinogene della canapa i danni al cervello sono del tutto inesistenti. «Risulta scientificamente incontestabile che la pianta di canapa non contiene alcaloidi e che il cannabinolo T.H.C. non è un alcaloide». E per questo che la sostanza attiva della canapa, la resina dei peli glandolosi, non ha un potenziale di dipendenza. Bisogna dunque dire che le azioni della cannabis non hanno nulla a che vedere con quelle della cocaina e della morfina. In merito, fonti scientifiche affermano che «i principi psicoattivi della coca e dell oppio sono degli alcaloidi e possiedono sulla loro molecola una carica elettrica che ha una certa affinità con l acqua,si sciolgono facilmente nel sangue e sono tossici. Il T.H.C. (Tetra Idro Cannabinolo,principio attivo della canapa) non è un alcaloide e non è carico elettronicamente, al contrario è sostanza lipofila, nel senso che tende a sciogliersi nei grassi». A ciò si aggiunga che nel 1992 il National Institute of Health degli U.S.A. ha scoperto che all interno del nostro corpo esiste un recettore capace di legarsi con il T.H.C.: le nostre cellule nervose producono una sostanza chimica che ha effetti simili al T.H.C. Questa sorta di T.H.C. endogeno,ovvero prodotto dal corpo umano stesso, si chiama anandamine (parola che deriva dal sanscrito e vuol dire beatitudine, gioia profonda. E infatti questa sostanza prodotta dal nostro cervello che ci fa essere felici senza sapere il perché,come quando mangiamo la cioccolata, passeggiamo in un parco o facciamo l amore. Insomma, non solo la canapa ha una lunga storia alle spalle di uso a scopo curativo,(il problema dei suoi blandi effetti psicoattivi era considerato trascurabile, tanto che veniva somministrata tranquillamente anche ai bambini) ma quegli stessi usi sarebbero ancora possibili ed utilissimi. Del resto, coltivare la canapa non vuol dire necessariamente produrre la marijuana. Con le materie prime della canapa si possono produrre: tessuti, carta, plastica, vernici, combustibili e materiale per l edilizia, nonché un olio alimentare di altissima qualità. Molti sono i contadini che vorrebbero riprendere a coltivarla sia per la sua velocissima crescita, sia perché sottrae la luce e soffoca tutte le altre erbe presenti sul terreno e lo libera da tutte le infestanti, meglio di quanto non sappiano fare i dannosissimi diserbanti chimici. Attualmente la canapa potrebbe essere lavorata in impianti che sostituirebbero le lunghe e faticose lavorazioni manuali di un tempo. La fibra della canapa è robusta e dura a lungo. I semi contengono un elevato valore biologico (infatti sono stati proposti come rimedio alla carenza di proteine dei paesi in via di sviluppo). L olio che se ne ricava,ricco di grassi insaturi,è l ideale per la dieta dell uomo moderno e per prevenire le malattie del sistema cardiocircolatorio. Le vernici fabbricate con questa materia prima,oltre e non essere inquinanti,sono di qualità incomparabilmente superiore rispetto a quelle prodotte con i derivati del petrolio. Inoltre con quest olio si possono fabbricare: saponi, cere, cosmetici, detersivi biodegradabili e lubrificati. Dopo aver estratto la fibra tessile e avere raccolto i semi, 2 Voce araba che significa erba ;estratto della canapa indiana ridotto a pasticche che si masticano o si fumano e danno una specie di estasi. 2

7 rimangono la stoppa e la parte legnosa. Con la stoppa si può fabbricare carta di alta qualità, sottile e resistente, mentre con le corte fibre cellulosiche del legno si può produrre la carta di uso più corrente (come quella dei giornali e dei cartono). Con i fusti interni della canapa, pressati con un collante,si possono fabbricare tavole per l edilizia e la falegnameria in sostituzione al legno,che sono robusti,flessibili e assai più leggeri. Cosicché, se l economia si sta spostando davvero verso produzioni basate su materie prime naturali e riciclabili, sostitutive del petrolio e dei suoi derivati, la canapa potrebbe dare, come tante altre piante da fibra, un aiuto fenomenale all ambiente e all economia, creare benessere ed occupazione. Ma il problema è che negli anni 30, quando ancora era da molti considerata fonte abbondante di materie prime per numerosi settori dell industria, è stata fatta diventare una droga solo per eliminare un pericoloso concorrente dell industria petrolifera ( a cominciare dalla Standard Oil di Rockefeller), dell industria chimica, delle case farmaceutiche e della carta fabbricata con il legno degli alberi. E da allora in poi l industria chimica, quella petrolifera e quella della carta fabbricata con il legno degli alberi hanno provocato distruzioni sempre più gravi negli ecosistemi mondiali. Solo per soffermarci sui danni provocati all ambiente dalle grandi cartiere, si pensi che queste attualmente utilizzano solo il legname degli alberi ed il processo per ottenere la pasta per la carta prevede l uso di grandi quantità di acidi che servono per sciogliere il legno. Questa è un operazione costosa ed inquinante, non necessaria con la carta di canapa, ottenuta con la sola fibra. Fibra e legno della canapa sono già di colore bianco e quindi la carta che si ottiene è già stampabile, basta solamente un trattamento al perossido di idrogeno (acqua ossigenata), anziché composti a base di cloro per la carta ricavata dal legno degli alberi. Questi composti chimici sono una delle cause principali dell assottigliamento dello strato di ozono nell alta atmosfera. Eppure proprio questo il punto: sebbene pochissimi sembrano rendersene conto, esiste la possibilità di sostituire il petrolio con materie prima naturali e rinnovabili, ed è questo di cui dovremmo prendere coscienza. Certo, a prima vista è difficile oggi immaginare un economia sviluppata che possa fare a meno del petrolio, e che rinunci ad abbattere milioni di alberi ogni anno per fare la carta e dei prodotti dell industria chimica. Ma non è impossibile immaginare una società senza montagne di rifiuti, l inquinamento e gli altri danni all ambiente a cui siamo abituati. Se vogliamo costruire una società dei consumi più sostenibile per l ambiente, dobbiamo, tra le altre cose, anche rovesciare la decisione del 1937, abolire il proibizionismo, ripristinare l utilizzo medico della canapa e riattivare la produzione dei suoi derivati, liberandola dal mero uso consumistico della marjuana. Per fare questo occorre, innanzitutto, correggere e ribaltare la demonizzazione che la canapa ha subito ingiustamente presso l opinione pubblica (demonizzazione mediatica funzionale al modello di sviluppo fondato solo sul petrolio). Lester Grinspoon 3,principale esperto mondiale di marijuana,sostiene che non esiste nemmeno un caso di morte attribuibile con certezza alla canapa. Tra 800 e 900 la canapa indica cominciò ad essere sostituita da farmaci sintetici che potevano essere dosati con esattezza,funzionare in modo più evidente ed anche guadagnare di più. Ma gli effetti collaterali non erano evidenti. Perché,ad esempio,il fumo della marijuana è considerato un rimedio per l asma? A differenza della nicotina del tabacco che provoca il restringimento degli alveoli dei polmoni,il fumo della cannabis ne provoca la dilatazione,favorendo l eliminazione delle sostanze estranee. Consideriamo per esempio i danni e la dipendenza di una sostanza ritenuta innocua e venduta senza ricetta medica in tutte le farmacie: l aspirina. Sostituita alla cannabis come analgesico cento anni fa, l aspirina provoca ulcerazioni allo stomaco, infatti a tutti sarà capitato di sentirsi dire di non prenderla a stomaco vuoto. Decine sono i casi di morte dovute all aspirina,e provoca assuefazione! Paragoniamo il farmaco cannabis a tutti quelli che lo 3 Studioso,promotore dell uso terapeutico della canapa e della sua decriminalizzazione.professore e psichiatra emerito dell Università di Harvard. 3

8 sostituiscono oggi: psicofarmaci,antiemetici provocano tutti danni collaterali,forte dipendenza e pesanti effetti sulla psiche:il confronto con l innocuità della cannabis indica è ancora più stridente. In Olanda,Spagna,Canada e undici stati degli U.S.A. l uso della cannabis a scopo medico è già consentito. In altri paesi extraeuropei l argomento è al centro di accesi dibattiti sia sul piano scientifico che etico. Le prospettive per la canapa possono dunque risultare di grande interesse,la canapicoltura potrebbe essere un occasione per ridurre l impatto ambientale, per avere un industria molto più sostenibile per l ambiente rispetto a quella che conosciamo. Fino ai primi anni del Novecento tutto si estraeva e si trasformava senza l aggressione chimica:i Cinesi estrassero carta nel a.c. ; persino Henry Ford, nel 1941, costruì una vettura in fibra vegetale (risultata più resistente agli urti,più leggera e soprattutto più biodegradabile) alimentata da olio di canapa (70% in meno inquinante degli attuali carburanti!). Anche i costi di smaltimento dei residui e i problemi di inquinamento sarebbero ridotti! Per alcuni il ritorno alla canapa è un modo per conservare un po della cultura e delle tradizioni del passato,per non dimenticare del tutto come l umanità è vissuta per tanti secoli prima dell era del benessere. Ma il problema oggi è che, per poter seminarla,è necessario che la zona ci sia qualcuno disposto a ritirare il raccolto. E indispensabile quindi l interessamento delle associazioni degli agricoltori ed è necessario realizzare le diverse filiere produttive. Il problema per il quale una pianta così importante non viene ancora coltivata su larga scala nasce dal fatto che la canapa europea,a basso tasso di T.H.C.,è quasi indistinguibile dalla canapa indiana (l O.M.S.-Organizzazione Mondiale della Sanità- ha stabilito che se la percentuale di T.H.C. è superiore all 1% si tratta di canapa indiana, cioè droga, altrimenti è canapa industriale). Anche se è possibile stabilire con delle analisi il tasso di T.H.C. di una pianta e anche se in deroga alla proibizione e con mille limitazioni è consentito coltivarla,di fatto la coltivazione a scopo industriale non è libera. E se può capitare che un contadino che la coltiva venga trattato come un trafficante di droga, difficilmente si potranno trovare agricoltori che la seminano e aziende che la lavorano. Credo che non si possa pretendere l astinenza generale sulla droga,così come sarebbe impossibile voler ottenere un eventuale astinenza sull alcool propagata dallo Stato,nemmeno usando la violenza da parte della polizia. Il motivo per il consumo di droga o alcool non sta unicamente nel volersi inebriare,essi sono da sempre generi voluttuari. A tal proposito,nel 1993,il quotidiano finanziario The Economist pubblicava un articolo di Grinspoon e Bakalar, intitolato Portare le droghe all interno della legge : «una società senza droghe o senza sostanze psicoattive è un sogno impossibile e probabilmente indesiderabile. Indesiderabile perché la nostra società si è plasmata accogliendo al proprio interno il suo rapporto millenario con le sostanze psicoattive. Impossibile,perché il bisogno di trascendere saltuariamente lo stato di coscienza normale e la vita produttiva è una pulsione fisiologica propria della specie umana( ) Regolare la soddisfazione di questo bisogno incomprimibile attraverso l uso di sostanze innocue come la cannabis sarebbe una prova di razionalità e un coraggioso atto di buon governo». Ribadisco che i vari stupefacenti si distinguono tra di loro per effetto,potenziale di dipendenza ecc Alcune sostanze illegali come i prodotti di cannabis contengono un potenziale dannoso nettamente minore rispetto ad altre droghe (legali come l alcool).questo dato di fatto non viene preso in considerazione nel divieto attuale sulla droga e nella differenzazione arbitraria di droghe legali e illegali. 4

9 SITOGRAFIA BIBLIOGRAFIA Grinspoon,Lester G.,Bakalar,James B., Marijuana: The Forbidden Medicine,U.S.A.,Yale University,

10 La libertà di stampa Manuel Malfi L articolo 21 della nostra Costituzione repubblicana italiana recita: Tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni. La legge prescrive inoltre che si possa procedere a sequestro dell attività di stampa periodica solo in caso di delitto o di violazioni delle norme che la legge stessa impone. La libertà di stampa, uno dei diritti fondamentali che uno Stato democratico riconosce ai propri cittadini, fu codificata per la prima volta nel nostro Paese nel 1848 nell ambito dello Statuto Albertino. Tale regolamentazione non venne, però, riconosciuta dal fascismo che cancellò ogni libertà, inclusa ovviamente quella d espressione. Parlare di libertà di stampa in termini costituzionali significa esprimere liberamente attraverso lo scritto il proprio pensiero, senza pericolo di censura o di alcuna sanzione penale, ma il pensiero scritto, per avere una qualche valenza politica e sociale, deve essere recepito da un gran numero di persone: ecco quindi i mass-media, che permettono la circolazione delle informazioni e il libero confronto di idee, anche se diverse tra di loro, incentivando il dibattito e gli scambi culturali. Eppure, la libertà di stampa, la libera trasmissione e circolazione d idee, è oggi fortemente compromessa, in Italia come in tutti i Paesi industrializzati dell Occidente, e questa reale minaccia è rappresentata proprio da un sempre più evidente monopolio e controllo esercitato sugli organi di stampa dai grandi potentati economici e finanziari. Solo per restare a quello che accade nel nostro Paese, possiamo dire che dietro i quotidiani di maggior tiratura nazionale vi sono noti colossi dell economia italiana, come quelli posseduti dalla FIAT e dalla famiglia Berlusconi, e che la stampa costituisce nel vero senso dell espressione il quarto potere, fin troppo mescolato agli altri. È allora evidente quanto possa essere pericoloso che essa venga gestito da pochi. In effetti in Italia il potere politico insidia la libertà e la correttezza dell informazione: basti pensare alle pressioni esercitate dalle forze politiche, sia di governo sia d opposizione, sui giornalisti, di giornali come di reti televisive, per presentare certe notizie in modo favorevole alla propria parte politica. La faziosità è da sempre il rischio dell informazione politica. Di qui nasce l esigenza di un sostanziale pluralismo dell informazione stampata che garantisce il rispetto dei lettori. Se la libertà di stampa si pone al servizio dei potentati dell economia e della finanza, finisce per negare se stessa, senza dimenticare che le sue radici affondano in quella libertà di pensiero che è alla basa di ogni autentica democrazia. In ultima analisi quindi il diritto alla libertà di stampa deve realizzarsi permettendo anche ai non professionisti di esprimersi liberamente con l accesso all informazione: condizione questa indispensabile per l esercizio della libertà individuale e di gruppo, nonché tra i principi fondamentali di uno stato democratico. 6

11 La Terra è finita? Erika Gabriele La storia degli ultimi cento cinquanta anni ha segnato definitivamente la frattura dolorosa tra l uomo e la natura. Non occorre essere degli esperti per rendersi conto dei fenomeni di degrado e inquinamento ambientale che angustiano la nostra vita quotidiana e mettono a repentaglio il nostro futuro. La mano dell uomo, armata dallo sviluppo delle attività industriali e agricole, ha modificato in modo irreversibile l ambiente, procurandogli ferite che difficilmente potranno essere sanate. Queste ferite sanguinanti del nostro bel Pianeta si chiamano: effetto serra, riscaldamento globale, piogge acide, desertificazione, globalizzazione Un tempo l uomo, antesignano della sostenibilità dello sviluppo 1, era un semplice consumatore delle risorse della natura: prendeva da essa solo ciò che bastava alla sua sopravvivenza; oggi si è invece trasformato in un cinico sfruttatore delle sue risorse. Il nostro Pianeta è considerato un supermercato da saccheggiare, e l uomo con la sua voracità sembra non rendersi conto dell esauribilità delle sue risorse. La Terra è in pericolo e l uomo rischia di infliggerle il colpo mortale perseverando nelle sue condotte sconsiderate. Porre fine a questo sacrilegio si può! E quanto mai necessario intervenire con una politica ambientale che conduca a una graduale rigenerazione del Pianeta. Bisogna inculcare sensibilità verso le tematiche ambientali, attualmente latente nella coscienza comune, investendo anche sull educazione dei più piccoli. L educazione ambientale deve entrare nelle aule delle nostre scuole per sconfiggere la credenza che dell ambiente si debbano occupare solo gli ecologisti e che nei suoi confronti tutto ci è concesso. Si deve insegnare alle nuove generazioni a scoprire e proteggere l inestimabile valore della biodiversità 2. L ambientalismo moderno deve partire da una forte spinta progettuale che concepisca l ambiente come chiave dello sviluppo, anche economico. La biodiversità ci salverà! E questo l insegnamento che ci viene da Vandana Shiva, una donna straordinaria dai molteplici talenti: filosofa, scrittrice, scienziata, considerata la teorica più significativa dell ecologia sociale. Fin da piccola educata al rispetto della natura,impara ad amare la Terra come una madre. Pur essendosi laureata in Canada in fisica quantistica, fa ritorno nel suo Paese, l India, e comunica al padre la sua decisione di abbandonare la fisica per diventare ecologista. Decide così di dedicare la sua vita alla difesa della Terra Madre, contro la globalizzazione 3 che rende i poveri ancora più poveri e concepisce il Pianeta in termini di proprietà privata, ( ) una globalizzazione liberista e suicida che inquina il Pianeta e dilapida ogni risorsa 4. Vandana Shiva non è certo sola al capezzale del nostro Pianeta malato. L ex vicepresidente degli Stati Uniti d America, Al Gore, si distingue per il suo impegno ambientalista per il quale è stato insignito dall Accademia di Stoccolma del Premio Nobel per la Pace. Gore, autore del film-documentario Una scomoda verità, ritiene l inquinamento 1 Forma di sviluppo che non compromette la possibilità delle future generazioni di perdurare nello sviluppo, perseverando la qualità e la quantità del patrimonio e delle riserve naturali.l obiettivo è di mantenere uno sviluppo economico compatibile con l equità sociale e gli ecosistemi, operante quindi in regime di equilibrio ambientale. 2 Per biodiversità si intende l'insieme di tutte le forme, animali o vegetali, geneticamente dissimili presenti sulla terra e degli ecosistemi ad essi correlati. Quindi biodiversità implica tutta la variabilità genetica e eco sistemica. 3 Con il termine globalizzazione si indica il fenomeno di crescita progressiva delle relazioni e degli scambi a livello mondiale in diversi ambiti, il cui effetto primo è una decisa convergenza economica e culturale tra i Paesi del mondo. 4 V. Shiva, (2006), pag. 8 7

12 prodotto dall uomo il principale responsabile del riscaldamento climatico, il global warming 5. Gore afferma: la crisi del clima è un problema morale più che politico, e non è più una questione ambientale ma una grave minaccia per il mondo e per i suoi cittadini, non solo per quelli a cui sta a cuore l ambiente. Il dibattito è finito da tempo, ora siamo di fronte a questa, pur scomoda verità: se non facciamo qualcosa, andremo incontro ad un cataclisma di proporzioni epiche. Il genere umano rischia l estinzione 6 Gli uomini devono cambiare. Non per salvare la natura, ma per non estinguersi, come accadde ai dinosauri milioni di anni fa. Certo, c è anche chi non condivide il nostro allarme. Gli scienziati James Lovelock e Lynn Margulis, autori della teoria ecologica nota con il nome di Gaia (Terra, in greco), sostengono che il nostro pianeta è un organismo vivente, perfettamente in grado di autodifendersi. Gaia è un vero e proprio organismo vitale, autoregolato, capace di auto perpetuarsi. Oggi, in piena emergenza ambientale, anche molti altri uomini di scienza al servizio delle multinazionali del petrolio sembrano avvallare e divulgare una nuova tesi gaia, in nome del profitto, del dio denaro. Non lasciamoci ingannare dal facile ottimismo di Gaia. Non accettiamo di sprofondare nelle tenebre della passiva accettazione di ciò che sta accadendo al nostro pianeta. Interroghiamoci sulle ragioni che hanno condotto ad una si grave alterazione degli ecosistemi. Piero Bevilacqua, ordinario di Storia contemporanea all Università la Sapienza di Roma, scrive che: La responsabilità della degradazione dell habitat è individuata nel processo storico che si è svolto soprattutto in età contemporanea. Il capitalismo, infatti, che costituisce il possente motore di questa epoca, non è solo un modo di produzione: esso ha creato culture, mentalità, comportamenti collettivi che hanno marcato come mai era accaduto in passato l impronta degli uomini sulla Terra. Negli ultimi cinquant anni è emersa una realtà a lungo rimasta latente: la capacità di distruzione globale che il capitalismo porta con sé 7. E necessario invertire la rotta e decidere una politica ambientale che protegga gli ecosistemi naturali dalle modificazioni negative che possono essere prodotte dalle attività umane. Il rispetto per l ambiente si unisce alla giustizia, alla solidarietà, alla cura della bellezza e al rispetto delle culture che lo popolano. La Terra non appartiene all uomo. E l uomo che appartiene alla Terra 8 come affermava Capo Seattle della tribù dei Suquamish nel Insegniamo ai nostri figli il valore di quest' affermazione. 5 Riscaldamento globale (global warming nella letteratura scientifica in inglese) è un' espressione usata per indicare le fasi, relative all'intera storia climatica della Terra, di aumento della temperatura media dell'atmosfera terrestre e degli oceani dovute a cause naturali (cicli solari, moti della Terra, variazioni atmosferiche,...). Spesso l'espressione viene usata impropriamente come sinonimo di Surriscaldamento Climatico che al contrario indica la parte di aumento delle temperature causata dalle attività umane (uso di combustibili fossili, deforestazione, allevamento e agricoltura,...). 6 Francesca Gentile, (2007), pag Piero Bevilacqua, (2006), pag Vandana Shiva, (2006), pag. 6 8

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016 PROGETTO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE SCUOLA SECONDARIA SECONDO GRADO anno scolastico 2015-2016 1 PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Anno Scolastico 2015-2016 FINALITÀ GENERALI: Il riferimento alla

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

LA COLTIVAZIONE DELLA CANAPA ED I SUOI POSSIBILI IMPIEGHI COMMERCIALI

LA COLTIVAZIONE DELLA CANAPA ED I SUOI POSSIBILI IMPIEGHI COMMERCIALI LA COLTIVAZIONE DELLA CANAPA ED I SUOI POSSIBILI IMPIEGHI COMMERCIALI WWW.PECOB.EU DICEMBRE 2012 La coltivazione della canapa è stata lungamente esclusa dalle possibilità commerciali a partire da secondo

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta

4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta 4.6 La sostenibilità: prendersi cura della vita del pianeta Definendo lo sviluppo come un concetto dinamico, implicante trasformazioni qualitative più che quantitative della società, allora lo studio del

Dettagli

BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854

BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854 BIOGRAFIA: VANDANA SHIVA. FILOSOFA DELLA SCIENZA a cura di Laura Abballe matr. 161854 Vandana Shiva è nata nell India del Nord a Dehra Dun nel 1952. Dopo aver studiato nelle scuole inglesi e statunitensi,

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Rilevazioni audiovisive

Rilevazioni audiovisive TRASCRIZIONE Nº 47 RADIO 3 SCIENZA ORE 11:30 DATA 14/11/2007 PIETRO GRECO (CONDUTTORE): E' dunque in discussione al Parlamento Europeo una proposta che è quella che gli esperti chiamano di pubblicità diretta

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e LA DROGA La diffusione del fenomeno droga ha assunto dimensioni allarmanti. Quali le cause di questo gravissimo male della società moderna? Quali possibili rimedi? Bisogna considerare il drogato un reo

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Appartenenza e metodo nel MEC

Appartenenza e metodo nel MEC Appartenenza e metodo nel MEC Per un nuovo inizio del Movimento, per il rilancio della vita delle nostre Comunità Qual è il legame tra appartenenza e metodo? L APPARTENENZA CHE È PRIMA DI TUTTO UNA SCELTA

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro Luigi Casa Monica Vincenzi Finalmente Beatrice Un viaggio nella Divina Commedia Prefazione di Alberto Bermolen e Maria Grazia Dal Porto Introduzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA CITTADINANZA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE prende coscienza della propria persona ed impara ad averne cura prende coscienza degli altri bambini e impara a lavorare

Dettagli

Scienze della natura Biologia, chimica, fisica

Scienze della natura Biologia, chimica, fisica Scienze della natura Biologia, chimica, fisica Obiettivi L insegnamento delle scienze naturali vuole essere un apporto alla comprensione della natura. Esso introduce agli svariati fenomeni e alle leggi

Dettagli

Prefazione. Se non cambiamo il nostro modo di pensare non riusciremmo mai a risolvere i problemi che noi stessi abbiamo creato Albert Einstein

Prefazione. Se non cambiamo il nostro modo di pensare non riusciremmo mai a risolvere i problemi che noi stessi abbiamo creato Albert Einstein Prefazione Se non cambiamo il nostro modo di pensare non riusciremmo mai a risolvere i problemi che noi stessi abbiamo creato Albert Einstein Durante l anno scolastico, nelle lezioni di scienze, gli insegnanti

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA INTERVENTO DEL DR ANDREA MAZZEO PRESENTAZIONE Il mio compito è quello di parlarvi

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

La valutazione degli insegnanti

La valutazione degli insegnanti La valutazione degli insegnanti Incipit Le considerazioni di questo breve testo in parte nascono da quanto letto in un articolo del Corriere della sera dell'11 giugno del 2008; un'intervista nella quale

Dettagli

STILI DI VITA COSA SONO?

STILI DI VITA COSA SONO? STILI DI VITA COSA SONO? PICCOLE AZIONI PER GRANDI CAMBIAMENTI guardare le cose da un altro punto di vista incentivare una economia pensare a cosa solidale ci rende veramente felici rispettare l ambiente

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO

PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO PUBBLICITÀ CON GIUDIZIO 40 ANNI DI PUBBLICITÀ VISTA DAL GIURÌ Campagne valutate, sospese, ritirate In occasione della Giornata della donna, 8 marzo 2008, la Città di Torino, attraverso il Settore Pari

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

CITTADINANZA e COSTITUZIONE

CITTADINANZA e COSTITUZIONE CITTADINANZA e COSTITUZIONE I Classe UdA interdisciplinare : (Ed. all Affettività ed Ed. alla Cittadinanza) Stiamo insieme -La famiglia e la scuola: norme, regole/ Freschi e puliti : regole per una corretta

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità

Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Da una visione nazionalista e unilaterale ad una visione globale dei problemi dell umanità Nel precedente tema ho evidenziato come l umanità nel lungo percorso della sua storia si è determinata e configurata,

Dettagli

PSICOLOGIA E APNEA. di Lorenzo Manfredini

PSICOLOGIA E APNEA. di Lorenzo Manfredini PSICOLOGIA E APNEA di Lorenzo Manfredini Psicologia e Apnea 1 La paura dell acqua 3/4 Domande, luoghi comuni e responsabilità 4/5/6 Discipline come l apnea e Scuole come Apnea Academy riconoscono alla

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Progetto d Istituto: Alimentazione e ambiente: sano per te, sostenibile per il pianeta A.s. 2010 1

Progetto d Istituto: Alimentazione e ambiente: sano per te, sostenibile per il pianeta A.s. 2010 1 A.s. 2010 1 ALIMENTAZIONE E AMBIENTE: SANO PER TE, SOSTENIBILE PER IL PIANETA Struttura del Progetto 1. Introduzione 2. Premessa 3. Progetto educativo 4. Finalità / Obiettivi 5. Metodologia / Strumenti

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI? Federazione CONVEGNO NAZIONALE 2006 San Giovanni Rotondo 18-19 novembre 2006 Il cammino del Volontario AVULSS VIVERE LA RESPONSABILITÀ L UOMO COME FINE NELLA SOCIETÀ DEI VALORI. QUALI RESPONSABILITÀ SOCIALI?

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Relazione Incontro del 28 Ottobre 2014. CASA DOLCE CASA Gli ingredienti per STARE BENE IN FAMIGLIA

Relazione Incontro del 28 Ottobre 2014. CASA DOLCE CASA Gli ingredienti per STARE BENE IN FAMIGLIA Relazione Incontro del 28 Ottobre 2014 CASA DOLCE CASA Gli ingredienti per STARE BENE IN FAMIGLIA Relatrici: Dott.ssa Barbara Meroni (Psicologa e psicoterapeuta gestaltica) L argomento della serata è dedicato

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE

DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE DIFFUSIONE DELLA CULTURA DI PROTEZIONE CIVILE Corso Base di formazione per allievi Volontari di Protezione Civile Todi 20 maggio 2014 Tecnici ANCI Umbria Protezione Civile CULTURA Il concetto moderno di

Dettagli

Filosofia e ambiente. Filosofia e ambiente. 28 Marzo 2008. Dott.ssa Isotta Burlin. Dott.ssa Isotta Burlin. Università di Napoli Federico II

Filosofia e ambiente. Filosofia e ambiente. 28 Marzo 2008. Dott.ssa Isotta Burlin. Dott.ssa Isotta Burlin. Università di Napoli Federico II Filosofia e ambiente Filosofia e ambiente 28 Marzo 2008 Filosofia e ambiente Può la filosofia dirci qualcosa riguardo l ambiente, la sicurezza, le tecnologie, anche se è una disciplina che di solito si

Dettagli

LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA

LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA Intervento di: SALVATORE CECCARELLI Genetista, Consulente in miglioramento genetico ICARDA (International Center for Agricultural Research in the Dry Areas Aleppo, Siria) LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO

CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO Obiettivi generali del progetto sono: Rinforzare le abilità personali utilizzando metodologie che

Dettagli

1.3 Educazione Ambientale

1.3 Educazione Ambientale 1.3 Educazione Ambientale La definizione di Educazione Ambientale e soprattutto l individuazione delle professionalità ad essa legate sono da anni al centro di molti dibattiti; spesso all interno di dichiarazioni

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Domande frequenti sull elaborazione del lutto

Domande frequenti sull elaborazione del lutto Domande frequenti sull elaborazione del lutto La situazione in cui ti trovi è straordinaria e probabilmente molto lontano da qualsiasi esperienza tu abbia avuto prima. Quindi, potresti non sapere cosa

Dettagli

IL POTERE DELLA MENTE

IL POTERE DELLA MENTE PARTE PRIMA IL POTERE DELLA MENTE Dimagrisci senza dieta_ testo.indd 1 28/02/13 09.28 Aspettati di farcela Ci sono cose che vi posso insegnare, altre che potete imparare dai libri. Ma ci sono cose che,

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà COpertina Esempio:Layout 1 30-04-2009 13:04 Pagina 1 La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà Bastioni di Porta Volta, 7 20121 Milano Tel.: 02/29003018 Fax: 02/29003396 Viale Pasteur, 10 00144 Roma Tel.: 06/5919131

Dettagli

SEGUIRE GESU' Questo giovane ; Riconosce in Gesù Colui davanti al quale ci si può inginocchiare ed anche qui s impone una facile considerazione:

SEGUIRE GESU' Questo giovane ; Riconosce in Gesù Colui davanti al quale ci si può inginocchiare ed anche qui s impone una facile considerazione: SEGUIRE GESU' Uno dei capi lo interrogò, dicendo: "Maestro buono, che devo fare per ereditare la vita eterna?".e Gesù gli disse: "Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, cioè Dio.Tu conosci

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24

SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24 SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24 L INSEGNAMENTO DELL ITALIANO COME L2 Esperienza di intervento in una classe 5^ (ins. Adele Bongioanni e Pinuccia Stroppiana). Analisi della situazione iniziale e interventi

Dettagli

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE Padre Livio: Vediamo ora tre incontri di Ivan con tre gruppi di pellegrini. Sono in gran parte dei giovani. E possiamo ben dire che gli incontri con

Dettagli

Cos è il Marketing del consiglio?

Cos è il Marketing del consiglio? Cos è il Marketing del consiglio? Il Marketing del consiglio è uno dei metodi di commercializzazione dei prodotti con la crescita più rapida e peggio compresi al giorno d oggi. Marketing significa semplicemente

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli