Indice. Che cosa sono le droghe? Consumo di droghe nei Castelli Romani. Centri di recupero nella Provincia di Roma. Interviste

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Che cosa sono le droghe? Consumo di droghe nei Castelli Romani. Centri di recupero nella Provincia di Roma. Interviste"

Transcript

1

2 Indice Che cosa sono le droghe? Consumo di droghe nei Castelli Romani Centri di recupero nella Provincia di Roma Interviste Che tipo di droga si consuma maggiormente tra i giovani d'oggi? Uso delle droghe per scopi medicinali

3

4 Cosa sono le droghe?

5 Molte persone credono di sapere cosa siano realmente le droghe. Se provassimo a chiedere semplicemente, "Cosa sono le droghe?", ai nostri conoscenti molti risponderebbero che sono sostanze che creano dipendenza oppure sostanze che fanno male alla salute e via dicendo. Queste risposte non sono del tutto sbagliate, ma sono lontane dalla vera definizione di droga. Intanto per droghe intendiamo sia le droghe legali (psicofarmaci, alcool, metadone, subutex) che quelle illegali (cocaina, eroina, marijuana, etc...). Per capire realmente cosa sono le droghe bisogna sapere la verità su di esse e su ciò che causano a livello fisico e mentale. Nel linguaggio scientifico, qualsiasi sostanza che può modificare una o più funzioni del corpo, quando ingerita, si chiama farmaco. La parola deriva dal greco Pharmakon (da cui la parola "farmacia", ecc.) e significa sia medicina, sia droga, sia veleno. Droga non è un termine scientifico, bensì un'espressione colloquiale per indicare tutti quei farmaci, di solito illegali, che inducono illusorie sensazioni piacevoli mentre danneggiano la salute. Tossico deriva dal greco toxicon (un veleno anticamente usato sulla punta delle frecce). La parola sballo e sbronza, usate nel linguaggio comune, significano intossicazione. Le sostanze stupefacenti sono conosciute ed usate dall'uomo fin dall'antichità, quando erano considerate magiche ed erano impiegate nei riti religiosi. Oggi vengono assunte per migliorare l'attenzione e la concentrazione, così come possono essere utilizzate per scopi curativi. Solo da qualche decennio il loro abuso ha trasformato il fenomeno in un grave problema sociale. Il termine droga deriva dalla parola di origine olandese droog, cioè "secco". L'uso comune relega il termine nell'ambito delle sostanze illegali, ma in realtà sono droghe anche molte sostanze usate nelle terapie mediche (in inglese, il termine drug sta ad indicare genericamente un farmaco) o consumate liberamente, come la nicotina (contenuta nel tabacco), l'alcool e la caffeina (contenuta nel caffè o nel tè). Possiamo definire come droghe o sostanze stupefacenti quelle sostanze psicoattive (naturali o sintetiche) che, per le loro proprietà centrale ed alterano l'equilibrio psicofisico dell'organismo, e che, allo stesso tempo, possono essere oggetto di abuso, generando una forte dipendenza, sia fisica che psichica. Per abuso s'intende l'assunzione di queste sostanze per scopi voluttuari e senza prescrizione medica. Esse, infatti, producono tolleranza, in quanto per ottenere lo stesso effetto provato la prima volta occorre assumere dosi sempre più abbondanti, fino a raggiungere e superare una soglia oltre la quale i soggetti non sono più in grado di vivere senza ricorrere alla sostanza (dipendenza). La dipendenza può essere fisica quando l'organismo è incapace di funzionare senza la sostanza esterna alla quale si è adattato modificandosi; se questa gli viene a mancare si scatena la cosiddetta crisi di astinenza, che si manifesta in genere con effetti opposti a quelli prodotti dalla droga. Può essere anche psichica, ossia il desiderio spasmodico della droga, accompagnato dalla convinzione di non potere più andare avanti senza assumere quella determinata sostanza. Cosa provocano le droghe? Uno dei primi effetti tossici e distruttivi che le droghe provocano è ridurre notevolmente e rapidamente le scorte alimentari nell'organismo della persona che le assume. Vitamine, minerali e aminoacidi sono elementi essenziali del carburante di cui il corpo ha bisogno per funzionare bene e per guarire, quando serve. L'uso di droghe consuma molto velocemente queste scorte alimentari. Queste carenze alimentari possono creare una condizione per cui l'organismo del tossicodipendente non riesce a conservare a lungo un sistema immunitario efficiente, per difendersi da infezioni o malattie. Il tossicodipendente perde la salute e non si sente bene. I soli momenti in cui si sente bene (o almeno non si sente male a causa della carenza alimentare dovuta all'uso di droghe) è quando ASSUME droghe ed è sotto l'influenza dei loro effetti. Una persona che assume una droga o dell'alcol si sente bene e finché si sente tale pensa che anche il suo corpo stia bene. A nessuno piace il dolore o lo sconforto emotivo ed ognuno di noi cerca di evitarli, ma più si continua ad assumere droghe, più si desidera assumerne, mentre la condizione fisica comincia a decadere ed a peggiorare sempre più. Con il passare del tempo ed il continuo uso di droghe, l'organismo comincia ad abituarsi alla

6 alla presenza di queste tossine chimiche. Il corpo, nella società di oggi, si è abituato a molte tossine chimiche. L'abitudine a queste sostanze, si chiama tolleranza. La tolleranza ai farmaci (ai medicinali, all'alcol e alle droghe), ne fa aumentare l'uso. Via via che si forma la tolleranza, gli effetti euforici di chi ha iniziato ad assumere droghe diminuiscono sempre più. Più la persona usa una droga, maggiore deve essere la quantità da assumere, perché gli effetti di questa diminuiscono con il protrarsi dell'uso. Il tossicodipendente cerca di ricreare lo stesso effetto delle prime volte e per questo assume sempre maggiori quantità. E' un circolo vizioso. All'inizio, sperimenta un'intensa sensazione di benessere o di "grandezza", ma poiché un corpo intossicato incrementa la sua tolleranza alle sostanze chimiche, le sensazioni iniziano a diminuire d'intensità, sia mentalmente e sia fisicamente. Quando queste sensazioni piacevoli finiscono, iniziano sensazioni di "depressione". Queste "depressioni" sono innescate dalla carenza alimentare risultante dal declino dello stato di salute e dal continuo stato di malessere, fisico e mentale, che il tossicodipendente prova ogni volta che gli effetti tossici delle droghe scompaiono. La condizione fisica peggiora con il passare del tempo e il tossicodipendente assume allora una sempre maggiore quantità di droga, per tamponare il dolore e lo sconforto in cui si trova. A questo stadio di dipendenza, si è a rischio di overdose. La tolleranza del corpo alla sostanza maschera gli effetti velenosi delle quantità maggiori e più letali della droga di cui il tossicodipendente ha bisogno per soffocare il dolore fisico o il disagio di quando non è sotto il suo effetto. Aumentando la quantità di droghe assunte, aumenta il danno nell'organismo del tossicodipendente e qui si riscontrano centinaia di danni, alcuni appena visibili. La lista è lunga: problemi al fegato ed ai reni, danni al cuore, al cervello ed anche il diabete sono molto comuni e ben documentati come conseguenze dell'uso di droghe. Ogni volta che il tossicodipendente decide di smettere, pensa al danno che ha creato a se stesso ed al suo corpo. Allora gli si presentano altri problemi di natura fisica. Di solito si sente male, è privo di energia e soffre di dolori che però svaniscono quando è sotto l'influenza della droga. Purtroppo, il ricordo delle droghe che lo "fanno stare bene" porta alla "soluzione" di usarne ancora. Ad esempio, se si smette di usare cocaina e metanfetamine, si può avere mal di testa o altri dolori causati da carenza di vitamine. Ci si sente stanchi e si pensa di dover assumere ancora droghe per avere nuova energia e far sparire i dolori e le sensazioni di malessere che si provano. L'astinenza crea questi effetti. Il presente diventa un problema. Il tossicodipendente spera di poter vivere una vita normale, pur usando droghe. Quando cerca di smettere non ha energie e quando si astiene dall'assumere la droga, si sente male. Ovviamente, vuole stare bene e non sentirsi male, ma poiché non sa che la causa del suo malessere è una carenza alimentare e non conosce un metodo alternativo, ricade nella trappola di tornare sui propri passi e ricomincia ad assumere droghe perché, altrimenti, soffre terribilmente. Sopperire adeguatamente alle carenze alimentari è essenziale ad una riabilitazione efficace e completa. A cura di Renato Gatta.

7 Informazioni generali sui diversi tipi di droghe L'Alcol L'alcolismo è la più antica e diffusa dipendenza nel mondo occidentale. In Italia il problema é stimato come presente in un 4% della popolazione generale. I rischi dell'abuso di alcol sono gastriti, ulcere, epatiti, tumori, cirrosi; si stima che l'alcol in Italia causi almeno decessi l'anno tra cirrosi, tumori, incidenti stradali e suicidi. L'alcol è una droga ed un veleno per il corpo. Proprio come qualsiasi altra droga, l'alcol annienta le vitamine presenti nel corpo e così una persona si sente stanca dopo aver bevuto. Questo è ciò che causano i postumi di una sbornia. Il corpo ha bisogno di vitamine per vivere. Ogni volta che si assumono droghe, queste "bruciano" le vitamine presenti nel corpo e provocano malesseri. Se si persiste nell'assumere droghe per sentirsi meglio, il problema peggiora sempre più. Hashish e Marijuana. La canapa indiana (cannabis indica) è una pianta dell'asia Centrale, delle zone tropicali e temperate, ormai coltivata in tutto il pianeta. Dalla canapa indiana si estraggono la marijuana e l'hashish che hanno una blanda azione euforizzante ed allucinogena seguita da stati di profondo malessere fisico e psicologico. La marijuana è una miscela di foglie, fiori e steli della canapa indiana, mentre l'hashish è ottenuto dall'impasto della resina della cannabis, estratta dal polline dei suoi fiori, con grasso animale o miele. Le parti utilizzate con maggior principio attivo, sono le infiorescenze e le foglie. Proprio per questo l'hashish ha effetti stupefacenti molto più forti rispetto alla marijuana. Il più importante principio attivo della cannabis è il tetraidrocannabinolo (THC) il quale, oltre a bruciare le vitamine e i minerali presenti nell'organismo intorpidisce il sistema nervoso intaccando cervello e nervi. Simpamina venivano utilizzate dagli studenti negli anni 60 per aumentare la capacità di studio diminuendo la fatica; sono state usate e sono contenute tuttora in alcuni farmaci contro l'obesità perché riducono la sensazione di fame. Vengono spacciate sotto forma di pasticche, raramente in polvere. I forti consumatori sono identificabili da loquacità, presenza di tremore alle mani, cute sudata, midriasi, ipermotilità, anche con gesti ripetitivi. La via di somministrazione preferita è quella endovenosa, anche se le anfetamine possono essere assunte per via orale, inalazione o fumo. L uso continuo o di dosi elevate amplifica gli effetti collaterali, senza aumentare quelli piacevoli. La persona che fa uso di anfetamina perde l appetito e si trova a non toccare cibo per più giorni; non avverte più il sonno e può rimanere sveglia per giorni interi, sino a crollare in uno stato di prostrazione e stati d ansia. La persona che abusa di anfetamina può arrivare ad avere atteggiamenti paranoici e sentire voci che non esistono. Fattori di rischio aggiuntivi sono gli effetti devastanti che, a breve o a lungo termine, questa droga può provocare sul cervello. Esiste un intossicazione acuta da anfetaminici, una cosiddetta overdose, caratterizzata clinicamente da un quadro di insufficienza cardiocircolatoria acuta ed irreversibile, che porta ad un rapido decesso. Cocaina L'arbusto della coca (Erythroxylon coca), da cui si estrae il potente principio attivo chiamato cocaina, cresce spontaneamente nei climi caldo umidi tropicali delle Ande nell'america meridionale (Ecuador, Colombia, Bolivia, Perù, Cile e Brasile). Dopo la raffinazione chimica si presenta, nella maggior parte dei casi, in polvere cristallina, bianca e inodore. Si assume per via nasale, fumandola, o iniettandola. Ha effetti collaterali devastanti : la persona che ne abusa può perdere la ragione, avere il cervello rovinato, avere manie ed idee fisse che la portano a vivere una dimensione irreale, con sintomi paranoici. La persona che usa cocaina, assume questa droga molte volte durante la giornata; il suo effetto dura poco, per cui deve assumerne in continuazione. Anfetamina Irritabilità e depressione subentrano quando l effetto Le anfetamine sono sostanze stimolanti utilizzate in di questa droga diminuisce sulla persona; la paranoia guerra per aumentare la capacità di concentrazione solitamente segue queste fasi. e la rapidità di riflesso dei soldati. Sotto il nome di

8

9 Ecstasy Poppers Questa droga ha raggiunto il massimo della popolarità negli anni 80. L ecstasy era diventata una sostanza molto usata tra quelli che cercavano e cercano l esasperazione del divertimento nelle discoteche, nelle feste private e nei locali notturni, perché conferisce euforia e possiede una potente azione eccitante. Le manifestazioni collaterali sono tanto acute quanto momentanee. In una persona labile, si possono scatenare fenomeni di grave dissociazione e turbamenti psichici. Uno dei rischi prodotti da questa droga sull individuo che ne abusa è un delirio di onnipotenza, per molti aspetti simile a quello determinato dalla cocaina. Gli allucinogeni rimescolano immagini mentali in modo caotico. Ci si può trovare in una situazione paurosa oppure triste o drammatica, sperimentata in passato, e restarci dentro senza nemmeno accorgersene. Ne possono seguire sensazioni permanenti di paura, tristezza ed altre ancora che non hanno niente a che vedere con l'ambiente e le persone del presente. Nome in gergo del nitrito di amile, prodotto medicinale venduto in fiale che vengono inalate e provocano abbassamento della pressione e dilatazione dei vasi sanguigni; usato in passato per lenire i dolori dell' angina pectoris. Qualcuno lo usa come droga per i suoi effetti di stimolazione sessuale, prolungamento dell orgasmo, e anche distorsione delle percezioni. Gli effetti sono immediati e durano 2 3 minuti; provoca effetti negativi ( nausea, vomito, mal di testa, gonfiore al naso). Particolarmente pericoloso se inghiottito ( può uccidere) o fumato ( è infiammabile). Eroina Morfina Principio attivo degli oppiacei, la morfina, estratta dalla pianta viene prodotta legalmente come farmaco analgesico. Ha proprietà simili a quelle dell eroina, anche riguardo a dipendenza, tolleranza e tossicità. Metadone Il metadone è un oppiaceo sintetico, una droga Fu sintetizzata per la prima volta, nel 1874, da un quindi come la morfina e l eroina. Come queste, il ricercatore inglese e prodotta industrialmente dalla metadone porta la persona a una dipendenza pesante e a seri danni fisici, a un aumento di depressione e a casa farmaceutica tedesca Bayer, nel 1898, come farmaco per cura della dipendenza da morfina. La un freno psichico nello sviluppo delle capacità di trappola, per la persona che comincia a farne uso è lavoro e di esperienza. Un consumo prolungato la convinzione che io non finirò mai come gli altri provoca danni al fegato, ai reni e così via. Un overdose o una combinazione con altre droghe, oppure se questa è l eroina io smetto quando voglio. La persona che fa uso di questa droga, deve provoca la morte. Inventato per curare gli eroinomani, è in realtà molto peggio e di nessuna continuamente aumentare la dose giornaliera per utilità curativa. poterne sentire gli effetti; mentre gli effetti collaterali che questa droga crea sul corpo della LSD persona sono devastanti e possono culminare con l overdose e la morte. Un tossicodipendente da eroina perde ogni tipo di valore etico, morale e di L LSD determina un alterazione delle percezioni: rispetto sia nei propri confronti e sia nei confronti immagini distorte, colori più vivaci, fantasie, talvolta allucinazioni. Gli effetti si manifestano dopo delle persone che lo circondano. minuti dall assunzione, raggiungono il picco in 2 o 3 ore e si estinguono dopo 6-10 ore. Una dose anche Cobret normale di LSD può provocare disturbi psichici transitori; i disturbi possono avere anche E un derivato dell eroina con una quantità di principio attivo piuttosto bassa, nato di recente sul conseguenze più gravi e prolungate in alcuni casi. mercato illegale per una certa fascia di consumatori. L effetto negativo più frequente è l ansia: il soggetto Dopo una notte in ecstasy, il cobret calma e rilassa; è spaventato dalla sensazione di non poter controllare i propri pensieri. è una polvere di colore marrone che si fuma o si inala. I pericoli però sono esattamente quelli A cura di Renato Gatta, Flaminia Coppola, Marco dell eroina. Consiglio, Leonardo Lotti e Adele Fondi.

10

11 Consumo di droghe nei Castelli Romani. Facendo alcune ricerche approfondite su internet e su giornali locali riguardanti il consumo delle droghe nei Castelli Romani, abbiamo riscontrato che l'uso di sostanze stupefacenti è molto difffuso in tutto il territorio, ma in modo particolare nei paesi di Frascati, Albano, Castel Gandolfo e nella periferia di Roma. Nonostante l'intervento delle forze dell'ordine e i numerosi e ripetuti controlli nei locali e nei principali punti d'incontro di consumo e spaccio, il fenomeno continua a diffondersi in modo dilagante in tutti gli ambienti e a tutte l'età.

12 Giro di droga ai Castelli romani, 11 arresti in manette operatore centro di recupero Albano: arrestato sulla Nettunense uno spacciatore di cocaina (6/11/2011) Unidici arresti e 62 indagati per spaccio. In manette E' stato fermato sulla Nettunense verso Ariccia: al anche un operatore di un centro per controllo dei carabinieri che lo seguivano è risultato tossicodipendenti che trovava clienti e arruolava in possesso di dodici dosi di cocaina spacciatori tra gli utenti della struttura L'uomo, un 35enne di Albano,è stato fermato dai Scacco matto dei carabinieri ad una holding carabinieri sulla Nettunense, dopo un pedinamento criminale dedita al narcotraffico smantellata alle ed è stato trovato in possesso di dodici dosi di prime luci dell'alba. Vasta operazione antidroga dei cocaina e del denaro proveniente dall'attività di carabinieri della compagnia di Castelgandolfo, vendita della droga. L'uomo è stato messo a contro un'un organizzazione criminale dedita allo disposizione dell'autorità giudiziaria e il risultato spaccio di cocaina nella zona dei castelli romani, la della perquisizione sequestrato. zona di Ardea e Cecchina e la provincia sud della capitale. Frascati, movida sicura ai Castelli Romani. Crontrolli dei carabinieri con cani antidroga ed Undici le persone finite in manette durante il blitz e etilometro. sessantadue persone indagate. Indagati i componenti di un'intera famiglia, coinvolti Carabinieri della Compagnia di Frascati hanno nell'attività criminale. Tra gli arrestati, promotori eseguito posti di blocco e controlli presso la stazione del giro di droga, figura anche un operatore ferroviaria e sulle principali arterie stradali, impegnato in un'importante struttura per il recupero impiegando anche cani antidroga, traendo in arresto di tossicodipendenti nella capitale che sfruttava il per spaccio un 40enne pregiudicato, denunciando suo ruolo per procacciarsi clienti e collaboratori diverse persone per guida in stato di ebbrezza nello spaccio. Gli approvvigionamenti di alcolica e segnalandone altre alla Prefettura di Roma stupefacente giungevano dalla provincia di Latina e poiché trovate in possesso di stupefacente per uso dalla Campania. personale. Spacciatore marinese arrestato a Cinecittà (febbraio 2012) Durante i controlli e le perquisizioni un italiano 40enne pregiudicato, è stato tratto in arresto poiché trovato in possesso di oltre 50 dosi di hashish e 20 di Si era incontrato con un "collega" lungo via marijuana già confezionate e pronte per la vendita ad Tuscolana nel quartiere romano di Cinecittà per acquirenti spesso giovanissimi; altre 7 persone sono scambiarsi e dividersi droga e soldi. Uno state segnalate alla Prefettura di Roma quali spacciatore marinese di Santa Maria delle Mole assuntori di stupefacenti, poiché trovate in possesso classe 1980 è stato così arrestato insieme a un altro di droga, con sequestri di cocaina, hashish e spacciatore originario della Calabria, ma residente marijuana. Nell ambito degli stessi controlli sono da anni a Roma, dai Carabinieri del Nucleo state denunciate tre persone per guida in stato di Operativo della Compagnia di Castel Gandolfo. ebbrezza alcolica ed elevate sanzioni amministrative I due arrestati sono entrambi incensurati e sono stati per infrazioni al codice della strada per oltre sorpresi all'interno di una Smart in possesso di 6 gr. euro. di cocaina e di euro in contanti. Gli spacciatori si erano incontrati in un'area di Quest ultimi controlli rientrano in una più ampia parcheggio per scambiarsi la droga che il operazione dei carabinieri definita Movida sicura ai "marinese" avrebbe dovuto rivendere ai suoi clienti. Castelli romani che hanno portato alla chiusura di un noto pub nel centro di Frascati, ritrovo di L'arresto rientra in una serie di controlli per pregiudicati e persone dedite allo spaccio e uso di ricostruire il traffico di droga nei Castelli Romani. I stupefacenti. due arrestati saranno giudicati con un processo per direttissima.

13 Spaccio ai Castelli Romani, 15 arresti Rifornivano di stupefacenti i luoghi della movida vicino Roma. Sequestrate centinaia di dosi di cocaina e hashish romani. L'operazione - ribattezzata "Aspirapolvere" prendendo spunto dal nome utilizzato per camuffare le ordinazioni di droga - viene eseguita dalle Fiamme Spacciavano alle porte della Capitale, rifornendo di Gialle del Gruppo di Frascati, al termine di indagini droga la 'movida' dei Castelli Romani. Si tratta di avviate dal 2010 sotto la direzione e il coordinamento 15 persone arrestate dai carabinieri di Velletri della Procura della Repubblica di Velletri. Sono durante un'operazione antidroga in corso da questa impegnati oltre 150 militari, tra cui le unità mattina all'alba. specializzate del Gruppo Pronto Impiego e le unità Le indagini, condotte durante tutto il 2010, hanno cinofile antidroga, oltre a un elicottero della sezione permesso di accertare che gli arrestati - tutti aerea di Pratica di Mare. cittadini italiani - hanno gestito un consistente smercio di cocaina e hashish, rifornendo i Due spacciatori arrestati dai carabinieri di Castel frequentatori di pub e discoteche della zone Gandolfo limitrofe a sud della Capitale. Nel corso del blitz sono centinaia le dosi di sostanze stupefacenti che I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia sono state sequestrate. Numerose le perquisizioni di Castel Gandolfo hanno arrestato in via Tuscolana, ancora in corso. zona Cinecittà, due spacciatori che si stavano Due diverse bande composte da persone dai 20 ai dividendo droga e soldi. Si tratta di due italiani, un 40 anni, che spacciavano cocaina e hashish, calabrese dell 81 stabilmente residente a Roma ed un scegliendo come luoghi preferiti per le consegne marinese dell 80 di Santa Maria delle Mole, entrambi alcune birrerie di Frascati e Genzano e vendendo incensurati, che i Carabinieri hanno sorpreso droga anche a ragazzi giovanissimi. Il traffico di all interno di una Smart in possesso di 6 grammi di stupefacenti era attivo nei territori di Genzano e cocaina e di 2mila euro in contanti. Lanuvio, arrivando fino a Frascati, Montecompatri I carabinieri stanno attuando una serie di attività di e Roma. I pusher erano organizzati in turni, in controllo del territorio per ricostruire i canali di modo da soddisfare le richieste durante tutto l'arco approvvigionamento della droga nei Castelli Romani. della giornata. A volte il commercio era così fitto Secondo quanto hanno potuto ricostruire che un gruppo si rivolgeva all'altro per rifornirsi e nell'immediatezza, i due si erano incontrati in un area colmare le mancanze di stupefacenti. di parcheggio per scambiarsi la droga che il Sono stati sequestrati in totale circa 200 grammi di marinese avrebbe dovuto rivendere ai suoi clienti. cocaina e 100 di hashish, oltre a ingenti quantitativi Bloccati e perquisiti i due sono stati portati in di materiale utilizzato per il taglio e il caserma dove hanno trascorso una notte in carcere in confezionamento delle sostanze. attesa di essere presentati al Giudice per l udienza. Droga, operazione "aspirapolvere" sgominata una banda di trafficanti. In azione oltre 150 militari della guardia di finanza, gruppo di Frascati. Perquisizioni e arresti nell'area dell'hinterland romano e dei Castelli Dalle prime ore di questa mattina militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma stanno eseguendo numerosi arresti e perquisizioni nei confronti degli appartenenti ad una pericolosa organizzazione criminale dedita al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti nell'hinterland di Roma e nella zona dei Castelli A cura di Francesca Fabiani, Federica Ruocco, Gabriele Tocca e Federica Dionisi.

14 Centri di recupero nella Provincia di Roma. Si è deciso di recarsi ad un centro di recupero dei Castelli Romani, che vuole rimanere anonimo, per intervistare persone che hanno problemi di dipendenza con vari tipi di droghe(cocaina, eroina e alcol). Il centro viene gestito da un parroco che si mette a disposizione per chiunque, cercando una via d uscita dalla dipendenza e offrendo supporto psicologico e spirituale. La struttura dà la possibilità di usufruire del proprio servizio non solo ai tossicodipendenti ma anche alle persone che hanno problemi familiari o di altro genere o si rendono disponibili anche per divenire un semplice punto di sfogo. Sono state intervistate tre persone: la prima è una donna che lavora attualmente all interno della comunità e che ha avuto problemi in passato con la droga riuscendo a superare la sua dipendenza, la seconda è un uomo che ancora vive all interno della comunità e ha superato la sua dipendenza da ben 18 anni, la terza è la responsabile dell'area psicologica del SERT di Ciampino.

15 Vorrei dire loro che da questo giro si può uscire, ma ci vuole forza di volontà e l aiuto di persone. Vorrei dire ai genitori di non trascurare i propri figli, di amarli e di controllarli, perché molti Quando hai iniziato a fare uso di droghe? Ho iniziato a fare uso di droghe a 21 anni. Già a 16 cadono nella dipendenza proprio per l assenza di una famiglia e di un educazione. Ai ragazzi vorrei anni manifestavo una certa insoddisfazione nei confronti della vita, mi sentivo complessata, esclusa e dire di non iniziare mai, neanche per gioco, perché fidatevi, è un gioco infernale. non avevo un ragazzo. Per farmi accettare iniziai a fare uso di alcol, poi per gioco ho iniziato a far uso di eroina e cocaina. Stavo bene con gli amici nuovi che mi ero fatta, mi sentivo libera e mi sentivo me Intervista ad un ex tossicodipendente di un centro stessa. di riabilitazione di Roma Intervista ad una donna che lavora in un centro di recupero di Roma e che è una ex tossicodipendente Cosa è cambiato in te dopo l uso di droghe? Dopo poche settimane dalla mia prima esperienza con le droghe mi sentii in trappola. Più passavano i giorni e più la dose aumentava, sono stata sopraffatta dalla necessità di utilizzarle per non stare male. Iniziai a mentire ai miei genitori e ai parenti per acquistare la roba, iniziai a fare torti ai miei amici più cari, il mio carattere mutò e divenni una persona orribile. Quando hai iniziato a fare uso di droghe? Avevo 15 anni quando iniziai a frequentare un gruppetto di ragazzini del mio quartiere. Facevamo molte bravate,erano i miei migliori amici, la famiglia che non avevo mai avuto. Qualche anno dopo iniziai a bere e a divertirmi con un altro gruppo di amici che mi invitarono ad usare eroina. Avevamo già provato la cannabis ma mai oltre. Un mio amico, per farsi vedere, decise di prendere quella dose e il resto del gruppo, Chi ti ha aiutato ad uscirne? Avevo perso tutto, compreso il rispetto di me stessa compreso me, acconsentì. perché ero obbligata a fare cose contro la mia volontà ma che la droga mi imponeva di fare. I miei genitori Cosa hai provato? si accorsero che non stavo bene e quando vennero a L eroina e in seguito la cocaina mi distrussero. sapere cosa facevo rimasero malissimo, avevo perso Non facevo altro che farmi del male, dose dopo dose. Iniziai ad ingannare tutti, amici, la loro fiducia e questo mi fece stare male. familiare e rimasi solo. Uno del mio gruppo venne Nonostante tutto mi aiutarono insieme ad una mia amica e mi portarono in questo centro di recupero. arrestato per spaccio e gli altri non li vidi più. Rimasi davvero solo, senza nessuno, la droga a questo punto mi serviva a stare meglio con me Come ti sei trovata qui? All inizio è stato molto difficile, sono entrata qui e stesso. Ciò che era iniziato per una bravata era ho svolto un programma di disintossicazione che mi diventato un vicolo cieco. ha aiutato, mi ha fatto scoprire valori importanti come la fiducia in me stessa. Ho conosciuto delle persone meravigliose che si sono prese cura di me, che mi hanno supportata durante le mie ricadute e durante la notte mentre deliravo. Grazie a loro ho scoperto l abilità di risolvere i problemi senza l uso di droghe ma semplicemente con la forza di volontà. Sono passati 7 anni da quando sono entrata qui e oggi aiuto le persone anch io nello stesso centro. Il mio scopo è aiutare chi come me ha vissuto queste brutte esperienze. Chi ti ha aiutato ad uscirne? Andai in chiesa a confessarmi, dissi tutto al sacerdote della mia parrocchia. Lui mi ha aiutato e mi ha portato in un centro. Ho soggiornato in tantissime comunità ma scappavo da tutte, non riuscivo a farne a meno, stavo male, la notte avevo gli affanni. Devo essere sincero e dire che ho tentato il suicidio, i momenti di lucidità erano insopportabili. Sono anche stato in coma per overdose. Il prete di cui parlavamo prima mi avvicinò alla fede e quindi alla preghiera e mi Che messaggio vorresti dare alle persone che oggi si indirizzò verso un nuovo cammino. Entrai così in trovano nella stessa situazione in cui ti sei trovata te? una comunità della mia chiesa che aiutava le persone tossicodipendenti.

16 E ora ne sei completamente uscito? Si, sono 18 anni che non faccio più uso di sostanze stupefacenti, ho trovato delle persone stupende che mi hanno aiutato a ritrovare la pace e la serenità. Avevo perso la speranza di ricominciare a vivere una nuova vita, ma loro mi hanno fatto vedere la luce in quel vicolo buio. Mi sono rifatto una vita e di questo ringrazio il mio parroco, i medici e la fede che mi ha dato un motivo in più per vivere. Che messaggio vorresti mandare alle persone che oggi si trovano nella stessa situazione in cui ti sei trovato te? Di credere in qualcosa, perché credere ti aiuta a superare i momenti più brutti e ti dà un motivo in più per vivere la vita; direi loro di non abbattersi mai e di non farsi mai sottomettere dalla droga, noi dobbiamo decidere per lei e non lei per noi, non diventiamo una marionetta di quella roba. Ragazzi non iniziate mai, può essere bello all inizio ma basta qualcosa in più ed è troppo tardi. E ormai noto l elevato consumo di alcol e droghe da parte dei giovani, la vostra struttura ha riscontrato questo fenomeno? Quali sono le sostanze più usate? Sì, c è un deciso aumento di consumo da parte dei ragazzi, anche se non costituiscono la maggioranza delle persone che si rivolgono al SER.T.: molti di loro non si ritengono tossicodipendenti e credono di poter gestire il consumo delle sostanze che assumono. E importante poi sottolineare in questo caso la differenza tra uso, abuso e tossicodipendenza: il salto è in alcuni casi molto breve. Tutti i tossicodipendenti che si rivolgono a noi raccontano di aver iniziato con marijuana o hashish, per poi passare a droghe più pesanti. Oltre al consumo allarmante di cocaina, è in aumento quello delle così dette nuove droghe: si tratta di droghe chimiche (non sempre è noto il loro contenuto) pericolosissime spesso mixate a superalcolici. A cura di Ylenia Bacchini VB In base ai racconti delle loro esperienze, quali sono i motivi che spingono queste persone ad avvicinarsi Intervista alla responsabile dell area psicologica del alla droga e all alcol? SER.T. di Ciampino, la dott.ssa Marina Del Monte. Ci sono spesso situazioni familiari difficili in atto, ma non sempre è così. Molto spesso i ragazzi Quali servizi offre il SER.T. di Ciampino? Quante fanno uso di hashish o marijuana per attenuare persone ospita mediamente in un anno? problemi individuali, come depressione o Il SER.T. offre assistenza nel territorio di insicurezza. L uso nelle scuole è frequentissimo: Ciampino, ma anche nella zona di Marino e dei per questo la prevenzione e l informazione sono Castelli Romani. Ogni anno ospitiamo circa 170 tanto importanti. Sono ormai noti i danni alla persone. Ci occupiamo di disintossicazione da memoria a breve termine dei cannabinoidi e, droghe, alcol, ma anche da gioco, di reinserimento fumando prima delle lezioni o durante, sociale e di prevenzione nelle scuole. Il SER.T. l apprendimento diventa difficile, tanto da far collabora con molte comunità del territorio che lasciare la scuola a molti. Sono pochissimi i ragazzi risultano spesso un alternativa alla pena detentiva da che accogliamo che si sono diplomati, ancor più utenti detenuti o segnalati dall autorità giudiziaria. rari i laureati. Gli insegnanti hanno un ruolo All utente che si rivolge al SER.T viene offerto aiuto fondamentale in questo, molto spesso però non si medico e, a seconda della sostanza di cui fa uso, accorgono di nulla, e non soltanto del consumo in vengono svolte terapie anticraving, sostitutive o sé e per sé, ma soprattutto del malessere interiore sintomatiche, con particolare attenzione alla ricadute. del ragazzo. Le famiglie d altra parte chiedono I casi più frequenti della nostra struttura sono da aiuto solo quando le situazioni degenerano in tossicodipendenza da eroina: alcuni dei nostri psicosi o in comportamenti antisociali, pazienti ricevono da noi metadone anche da oltre autolesionistici o, nei casi più estremi, quando il vent anni. Il paziente è supportato anche consumo viene segnalato dalle autorità. Il terrore psicologicamente attraverso terapie individuali, di psicologico è controproducente. Bisogna formare e coppia, di gruppo o familiare, effettuate solo se il informare tutti, non solo ii giovani, ad un consumo paziente lo ritiene necessario. consapevole e ai rischi ad esso correlati. A cura di Desire Giuntoli

17 Interviste Domande rivolte ad una persona che fa uso di droghe. una diminuzione del senso di fatica e della fame. Sentivo il battito accelerato, ho avuto paura e da quella volta non ne ho fatto più uso. 1) Come hai iniziato a fare uso di droghe? Ho iniziato all età di 15 anni circa, quando uscendo con gli amici vedevo i grandi che fumavano l erba. Incuriosito chiesi loro cos era e qual era la differenza con il tabacco, loro mi seppero solamente dire che con l erba riuscivi a provare delle belle sensazioni, allora iniziai a farne uso e mi piacque. 7) Riusciresti mai a smettere? Sicuramente sì, ma so che mi sentirò più triste e meno capace di divertirmi con gli amici. So che è sbagliato, ma l erba mi ha dato un motivo in più per dimenticare i miei problemi e pensare solamente a divertirmi. Domande rivolte ad una persona che non fa uso di droghe. 2) Come ti sei sentito la prima volta che ne hai fatto uso? Mi sono sentito fin da subito rilassato provando 1) Cosa ne pensi di chi fa uso di droghe? una sensazione di piacere che mi portava a ridere e Penso che nella maggior parte dei casi si tratti di a scherzare piacevolmente con gli amici. Le prime persone con dei problemi personali che si trovano a volte avvertivo anche un senso di vertigine ma con crescere in situazioni difficili, come ad esempio l'uso frequente mi è passata. famiglie che hanno già dei precedenti penali o che trattano male i figli. Ci sono casi in cui le persone 3) Perché lo fai? fanno uso di droghe perché frequentano amicizie Semplicemente perché da quando ho cominciato sbagliate. La dipendenza è una malattia psicologica a provarla mi è piaciuta, non mi sento dipendente che deve essere curata. ma ne faccio uso spesso perché riesce a darmi delle sensazioni che normalmente non provo. Credo che 2) Come fanno le persone a diventare tossico uno dei motivi per cui ho iniziato sia anche mio dipendenti padre, perché fa uso della cannabis regolarmente In alcuni casi le persone si sentono insoddisfatte anche in casa. della loro vita e vogliono provare emozioni forti. Il problema è che se si provano questo tipo di 4) Non credi che sia sbagliato fare uso di erba? emozioni abitualmente, quando si smette ci si sente Personalmente credo sia meglio delle droghe vuoti, non si prova più nessuna emozione, quindi si pesanti perché non porta gli stessi danni e da un cade in depressione e si diventa dipendenti. certo punto di vista questa spiegazione mi ha spinto a farne uso tranquillamente. Perché è 3)Se le droghe sono dannose perchè vengono scientificamente provato che il THC provochi vendute? E da chi? sicuramente assuefazione ma non danni gravi come Coloro i quali vendono droghe sono chiamati quelli della cocaina, dell eroina ecc spacciatori. Essi contribuiscono a molti decessi e alla rovina della salute di molti con il solo scopo di lucro. 5) Sei mai andato oltre l erba? In tutto questo c è a volte una macabra ironia: molto Una sola volta. Mi è capitato di tirare una striscia spesso lo spacciatore è amico dell acquirente, si può di cocaina ma non ho mai avuto il coraggio di quindi dire che ci si distrugge tra amici. andare oltre anche perché non mi è piaciuto. 4) Come ci si accorge se una persona ha iniziato ad 6) Cosa hai provato? usare droghe? " Sono diventato improvvisamente euforico, ho Spesso facendo uso di droghe, conseguentemente

18 sbagliato, si cerca di mantenere il più possibile il segreto, quindi ci si chiude sempre più in se stessi. Ci si comincia a circondare di bugie e si abbandonano i propri amici di sempre. Si perde interesse per le attività abituali e si è sempre meno presenti nell ambito familiare. Per giustificare tali comportamenti vengono adottate le scuse più disparate. Intervista a Maurizio Buglia (un uomo di 35 anni direttore della banda di monte porzio catone) che ha dato la sua disponibilità al progetto. 1) Hai mai fatto uso di sostanze stupefacenti? No mai, o almeno non in modo assiduo. Ho provato come tutti, per curiosità, ma solo quelle più leggere. 5)Se ti dovessi trovare in un brutto giro come ti 2) Cosa pensi dei giovani che fanno uso di droghe? comporteresti? Personalmente cercherei di allontanarmi il prima sicuramente sono vittime di un disagio sociale. Sono ragazzi che si trovano ad un estremo disagio possibile. E importante che queste persone sociale o ad una estrema possibilità sociale. Le tossicodipendenti non diano fastidio a chi persone che si trovano nel mezzo raramente entrano fortunatamente non è caduto in questa trappola. a far parte del mondo delle sostanze stupefacenti. 6) E se uno dei tuoi più cari amici iniziasse a fare 3) Qual è secondo te la droga che viene uso di droghe? Cercherei innanzitutto di capire il motivo per cui maggiormente usata dai giovani? Io farei più riferimento alla televisione che alle ha cominciato e, a quel punto, cercherei di aiutarlo sostanze stupefacenti vere e proprie. a risolvere il problema di fondo. Lo inciterei a smettere cercando di fargli capire il valore della salute e soprattutto della vita. 4) Perché? Perché la televisione è il mezzo che ha la capacità, più delle sostanza, di deviare sia i pensieri 7) Hai mai notato qui nei castelli persone che che le scelte dei giovani. potrebbero fare uso di droghe? Purtroppo sì. Basta uscire con gli amici per capire che ovunque ci sono dei brutti giri. Inoltre ho 5) pensi che i ragazzi che fanno uso di sostanze notato che l uso della cannabis tra i giovani è stupefacenti siano in grado di uscirne da soli? sempre maggiore ed è sempre più considerato una No, perché da ogni difficoltà non si esce mai da cosa normale. E invece più difficile incontrare soli! Si deve cercar comunque un aiuto esterno, a qualcuno che fa uso di droghe pesanti. volte ci si affida anche alla fede se nessuna persona concreta può aiutarci. 6) Se una persona a te cara iniziasse a fare uso di droghe come ti comporteresti? Adotterei qualsiasi sistema affinché smetta, anche estremo. Se mio figlio iniziasse a drogarsi farei in modo che non potesse più andare dallo spacciatore con le proprie gambe. 7) Ritieni le sigarette una droga? Sì, perché creano dipendenza. L unica differenza dalle altre droghe è che le sigarette sono legali.

19 8) Perché la nicotina è legalizzata mentre la arrecare soddisfazione o malessere marijuana no? Sinceramente non te lo so dire con precisione. Ritengo che lo stato guadagni di più con le sigarette 16) E delle persone alcoliste? che con la marijuana." Secondo me sono persone vittima dello stesso disagio delle persone che fanno uso di droghe. 9) Pensi di provare sostanze stupefacenti pesanti come la cocaina o l eroina? No, non ne ho bisogno. 17) Che consiglio daresti ai ragazzi per evitare di cadere nel mondo della droga? Di imparare uno strumento musicale. 10) Secondo te facebook può esser considerato una droga? 18) Perché? No, secondo me il problema è che i genitori non Perché viaggi il doppio, crei il triplo (hai una sono molto presenti nella vita dei ragazzi e che i mentalità aperta) e ottieni il risultato solo dopo il ragazzi di oggi non sanno affrontare le difficoltà e sacrificio, cosa che te lo fa apprezzare dieci volte di preferiscono aggrapparsi a un mondo virtuale. più. 11) I videogiochi invece? 19) Cosa può essere considerato una droga? Usando videogiochi da quasi trent anni posso Tutto quello che condiziona al consumo. affermare che essi possono essere una passione, un passatempo, a patto che si riesca a distinguere ciò A cura di Cristina Petriglia, Ylenia Bacchini e che è reale e ciò che non lo è. Più che una droga, Desiree Giuntoli. essi possono essere considerati come il contentino principale che il genitore non presente concede alla propria prole, di tutte le età. (Ci sono ad esempio bambini sciocchi che preferiscono continuare a guardare lo schermo di un video game anche mentre passa una banda musicale!) 12) Secondo te sono più i ragazzi o le ragazze che fanno uso di droghe? Non lo so dire. Ipotizzo, per via della natura più debole, gli uomini. 13) Permetteresti a tuo figlio di provare sostanze stupefacenti? Permetterei a mio figlio di PROVARE, forse perché l ho fatto anche io, solo le sostanze più leggere. 14) Perché quelle pesanti no? Perché mi spaventano. 15) Che ne pensi dell alcol? Penso che appunto nelle dosi consigliate possa

20 Che tipo di droga si consuma maggiormente tra i giovani d'oggi? Questo sondaggio è stato condotto su un campione di cento ragazzi tra i quindici e i vent anni nel territorio dei castelli romani nel mese di aprile Le persone intervistate sono ovviamente rimaste anonime. Da queste interviste è emerso che:. L' 85% dei ragazzi fa uso abituale di droghe.. Il 5% Non ne ha mai fatto uso.. Il 10% ha smesso.. Il 75% dei ragazzi usa marijuana.. Il 15% dei ragazzi fa uso di MD.. Il 10% dei ragazzi fa uso di cocaina.

21 PERFAVORE, RISPONDI SINCERAMENTE: QUESTO QUESTIONARIO RIMARRA ANONIMO E NON VERRA DIVULGATO. NE ABBIAMO SOLO BISOGNO PER UN PROGETTO SCOLASTICO. GRAZIE! 1) Sesso Maschio femmina 2) Età 3) Fai uso di droghe? Sì No 4) Se sì quali?. 5) Se no, ne hai mai fatto uso?. A cura di Noemi Barberi, Andrea Letizia Fanelli, Niccolò Battisti e Samanta Nardi.

22 Intervista alla Preside dell'istituto d'arte Paolo Mercuri. La preside, essendo una biologa, ci dà la sua opinione sul seguente problema: su 100 ragazzi l'85% fa uso di droghe. 1- Da una statistica realizzata su 100 persone esterne alla scuola è emerso che l'85% fa uso di sostanze stupefacenti. Cosa ne pensa? " Penso sia una situazione grave anche perché spesso i ragazzi sono poco informati. Le informazioni di tali sostanze e anche dell'alcol dovrebbero essere impegno di tutta la società, docenti e scuola. Spesso i ragazzi superficialmente non si rendono conto dei danni che provocano al proprio organismo, solo per emulare ragazzi più grandi, modelli televisivi." 2 - Un consiglio che darebbe ai giovani che fanno uso di queste sostanze? " Avere più fiducia in se stessi, pensare che ognuno di noi, ricorrendo solo alle proprie forze, può raggiungere i propri obbiettivi senza bisogno di diventare uno dei tanti. I punti fondamentali da ripetere sono: informazione, conoscenza e stima in se stessi." A cura di Renato Gatta e Ylenia Bacchini.

23 Uso delle droghe per scopi medicinali. In seguito a molteplici discussioni sull'argomento droghe ci siamo domandati se l'unico effetto procurato da queste sostanze era quello di "sballare" le menti e l'animo, oltre alle ovvie conseguenze negative per la salute. Navigando su internet abbiamo riscontrato che le droghe possono anche essere utilizzate per scopo benefico, infatti sono in grado di funzionare come degli antidolorifici; possono placare i dolori causati dalla sclerosi multipla, dai tumori e dagli spasmi muscolari. Abbiamo raccolto alcune testimonianze ritrovate sul web di persone che hanno fatto uso di sostanze stupefacenti per esclusivo scopo curativo. Testimonianza di Stefano Balbo Desidero rendervi partecipi della mia gioia per avere aperto una nuova opportunità di cura che credo possa portare ottimi benefici a molti di Voi. L esperienza fin qui maturata m induce, stante un mondo d incerta informazione, ad un doveroso aggiornamento nel tentativo di portare un contributo di chiarezza in questo strano Paese dove talune terapie vengono ancora lette come una deviazione di personali egoismi, mentre -nella realtà- si sta facendo luce sull effettiva portata terapeutica della Marijuana. Già immagino le potenziali espressioni di scherno che possono derivare dal solo fare cenno a detto "Prodotto". Sono arrivato alla convinzione invece che non debbano esistere criteri o giudizi preconfezionati: la Marijuana, conosciuta da millenni dalla Medicina di tutto il Mondo, ha offerto importanti aiuti per alleviare e curare Malattie e Dolori. Nel mio Mondo di Dolore hanno fatto la loro apparizione, in senso cronologico: Diabete, Sclerosi Multipla, Tumori, alterazioni nel sangue, spasmi muscolari con coinvolgimento della motilità gastrica, problemi alle articolazioni e alla schiena, nausea e depressione infinita. A tale calvario non hanno trovato soluzione adeguata l applicazione dei protocolli previsti dalla Medicina Ufficiale, costringendomi ad interminabili sequenze di sofferenza fisica e purtroppo anche psichica. L insieme di tale dolorosa odissea ha visto con l assunzione del nuovo farmaco Sativex (unico farmaco registrato al mondo per la cura dei danni causati dalla Sclerosi Multipla) un progressivo miglioramento delle mie condizioni generali di benessere fisico. Dopo due mesi e mezzo d uso del "farmaco" ho potuto eliminare tutti gli antidolorifici (Morfina) e antidepressivi; ho riguadagnato appetito il ché mi ha consentito di recuperare qualche chilo di peso; sono ritornato ad assaporare qualche ora di meritato riposo notturno con conseguente beneficio generale. Testimonianza di Federico Fantoni Io medico, mi curo con la Cannabis Ho 58 anni. Sono un medico, tetraplegico da 8 anni. Come conseguenza della mia lesione (C4/C5) ho una completa immobilizzazione degli arti ma purtroppo sono afflitto da continui dolori alle braccia conseguenza di contrazioni della muscolatura. Nonostante abbia vissuto il sessantotto in maniera attiva in quanto studente universitario, non avevo mai fatto uso di marijuana.

24 Dopo essermi abbondantemente documentato sull'uso della cannabis dal punto di vista terapeutico ho provato a fumarla. I risultati sono stati sorprendenti nel senso che per 5 ore non ho più avuto il dolori, con cui mi ero abituato a convivere, e trascorso questo tempo i dolori sono ricomparsi ma in maniera molto più attenuata e quindi decisamente sopportabili per un periodo di almeno altre 3 ore. Devo inoltre segnalare che mi è stata sufficiente una quantità minima di erba per ottenere i risultati sopra descritti. Posso quindi dedurne che, se fumando ho ottenuto questi effetti, utilizzando farmaci contenenti cannabinoidi di sintesi o di estrazione in concentrazione decisamente superiore potrebbero esserne sufficienti quantità minime. non della cannabis. Si parlava di epilessia, di barbiturici, di alcol, molte cose mi furono chiare, ma volli approfondire sia con la lettura di altri testi sia con medici e/o altri malati. Altri libri ne trovai, ma persone con cui confrontarmi nessuna: i tempi non erano maturi. Il mio primo anno di università si concluse con 7 esami sostenuti ed un netto miglioramento delle mie condizioni psicofisiche. I disturbi dovuti all'assunzione di Gardenale si manifestavano sia a livello fisico (cefalee fulminanti ogni due giorni, disturbi intestinali, compromissione del ritmo sonnoveglia, anemia, osteomalacia, attività del fegato e dei reni, etc...) sia a livello psicologico (la malattia era tenuta nascosta come una vergogna) e comportamentale (attacchi di ira e aggressività nei miei e negli altrui confronti, tolleranza estrema al Testimonianza Alessandra V. dolore, assoluta inavvertenza dei pericoli per il mio corpo nonché profondi stati di apatia e depressione). Ho quasi 30 anni, sono laureata in psicologia e Già dalla prima volta che lessi il foglietto illustrativo vorrei poter fare la coltivatrice. Di che cosa? Di del Gardenale (1985) espressi la volontà di cereali, verdure, legumi e cannabis. Le prime tre sospenderne l'assunzione, anzi lo feci di nascosto come nutrimento e l'ultima come medicina: mi ha contro il parere medico. Ebbi una crisi, ma non mi permesso di risolvere un serio problema di salute. rassegnai: abbassai la dose a 100 mg e feci i miei Circa nove anni fa ho scoperto questa meravigliosa esperimenti. Mi resi conto che le crisi insorgevano pianta e il suo potere curativo. L'incontro con essa esclusivamente durante il sonno e in coincidenza con (peraltro del tutto casuale) lo devo ad un compagno il ciclo mestruale. Sperimentai quindi l'assunzione di di università che con altri amici mi offrì di fumare Gardenale solo pochi giorni al mese con eccellenti dell'erba raccolta nell'orto Botanico di Torino. risultati (la media delle crisi non cambiò), fino alla Proprio qualche settimana prima avevo preso la decisione di smettere definitivamente. decisione di sospendere definitivamente l'assunzione di Gardenale (un barbiturico) che, In questi ultimi nove anni non sono mai tornata ahimè, accompagnava la mia esistenza da 12 anni indietro, ma soprattutto non ho mai più avuto crisi, per un problema di epilessia. Avevo deciso di pochissime cefalee, il mio livello di aggressività è rischiare di avere delle crisi, piuttosto che subire gli decisamente calato, e la mia parte creativa ha potuto effetti collaterali che il farmaco mi causava. Circa emergere. Prima di un esame, di una partita a un mese dopo l'episodio ebbi l'ultima crisi. pallone (sono un discreto portiere) o di un qualsiasi Passarono poco più di 20 giorni ed ecco che mi si evento importante riesco a ridurre l'ansia da ripresenta l'occasione di fumare: nel paese di prestazione e a dare il meglio se fumo. Riesco a villeggiatura dove mi ero ritirata per studiare scoprii dormire e a svegliarmi senza problemi (prima facevo che quasi tutti i giovani fumavano hashish. Quella fatica ad addormentarmi e soprattutto a svegliarmi sostanza sconosciuta non mi creò nessun problema, autonomamente), ho imparato a prendermi cura di anzi mi faceva stare bene, senza distorgliermi dai me stessa e a gestire il tono dell'umore. miei impegni. Non ne acquistai neanche un grammo, ma fumai tutti i giorni. Una volta tornata a Forse l'unico problema che mi si è posto in questi Torino mi resi conto, con sorpresa, che anche anni è il reperimento della sostanza. Ho avuto la nell'ambiente universitario era una pratica diffusa e fortuna di frequentare sempre o quasi persone che ciò mi permise di continuare a fumare pressoché fumavano ludicamente e che mi hanno permesso di quotidianamente. Qualche mese dopo eccomi non dover investire dei capitali per accedere alla mia apparire davanti agli occhi un libricino di Giancarlo "terapia". I prezzi al mercato nero sono proibitivi per Arnao (Cannabis: uso e abuso, ed. Stampa uno studente e la qualità è tutta da verificare. alternativa) che mi illuminò sugli usi terapeutici e L'autocoltivazione è punita penalmente come lo

25 spaccio e quindi altrettanto rischiosa, ma la ritengo il modo più coraggioso ed educativo per riappropriarsi di una pianta che qualcuno ha deciso che doveva sparire dalla faccia della terra, e che adesso potrebbe essere rivalutata per un proficuo business e fatta diventare oggetto di brevetti e monopoli come molte altre piante e spezie con poteri curativi, senza dimenticarne il potenziale industriale e alimentare. Cercando notizie su internet riguardo al consumo di droga per puro scopo medicinale ci siamo imbattuti nel seguente articolo, sembra che la regione Toscana stia cercando di facilitare l'uso dei farmaci a base di cannabis per i malati di sclerosi multipla o di glaucoma. Crediamo che l'utilizzo delle droghe leggere, per diminuire gli effetti di malattie di cui ancora non si conosce la cura, non sia sbagliato e siamo favorelovi, non possiamo soffermarci solo su Ci sono moltissime altre persone che già beneficiano una faccia della medaglia, non dimetichiamoci che della cannabis e ancora di più che potrebbero trovare le facce sono sempre due. miglioramento utilizzandola terapeuticamente. Tutti coloro che quest'anno pianteranno anche un solo E la Toscana legalizza l'uso della cannabis seme (per poi consegnarlo il 5 maggio) contribuiranno alla liberazione di questa pianta. La Svolta storica nel percorso di depenalizzazione della mia speranza è che si arrivi al più presto ad una Marijuana nel nostro paese soluzione e sono disposta a rischiare ancora perché non posso che essere grata a questa pianta e alle sue "L'efficacia farmacologica dei cannabinoidi si fonda proprietà. su acquisizioni scientifiche, sperimentazioni e pratiche cliniche sempre più diffuse a livello Negli ultimi mesi ho scoperto di non essere sola, di mondiale". Motivando con queste parole, presenti poter raccontare la mia storia senza sconvolgere nella relazione che accompagna la proposta di nessuno, ma ricevendo solidarietà e comprensione legge, il Consiglio regionale toscano ha approvato da persone sconosciute o a cui avevo sempre la prima legge in Italia per facilitare l uso di farmaci nascosto che fumavo e dando ad altri "malati" la con cannabinoidi nella cura di specifiche malattie, speranza di potersi curare con una sostanza del tutto come la sclerosi multipla, la depressione o il naturale e priva dei molteplici effetti collaterali glaucoma. distruttivi che la maggior parte dei farmaci moderni possiede. Questi sono alcuni dei motivi per cui mi "Attualmente sono un centinaio i pazienti, in tutta sono autodenunciata, ringrazio tutti coloro che Italia, che fanno uso legalizzato di cannabis, come sosterranno questa campagna e tutti i coltivatori previsto da due decreti del 1997, mentre esistono consapevoli sparsi per il mondo. Un grazie migliaia di malati che devono ricorrere al mercato particolare ai miei genitori che solo da un paio di nero oppure all autoproduzione, generando mesi sono venuti a conoscenza della realtà, hanno problemi di sicurezza del farmaco e di accettato la mia "medicina" e non mi hanno in commercializzazione. Gli studi mostrano come nel nessun modo osteggiato, anzi si stanno interessando caso di malattie legate ai muscoli, come ad esempio ad una pianta che sicuramente i loro genitori la distrofia l uso di medicine a base di cannabinoidi conoscevano molto bene. è in grado di ridurre anche del 50 per cento l uso di morfina" ha spiegato il consigliere del Pd toscano Enzo Brogi, primo firmatario della proposta di legge di iniziativa consiliare. Si tratta di una svolta storica all'interno del percorso di depenalizzazione della Marijuana e dei suoi derivati, in Italia. Certo, il modello olandese è ancora distante. Ma una breccia verso la piena legalizzazione delle droghe leggere è stata aperta. A cura di Fabio Gugliemi, Simone Iacoacci, Jessica Fabiani e Nicolò Puggioni.

26 I 10 maggiori della marijuna

27 benefici sulla salute.

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche.

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche. Droga: ogni sostanza dotata di azione farmacologica psicoattiva, la cui assunzione provoca alterazioni dell umore e dell attività mentale. Una classificazione sociologica: Legali Illegali Strumentali o

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli