IL RUOLO DEGLI OPPIOIDI NELLA TERAPIA FARMACOLOGICA DEL DOLORE NEUROPATICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL RUOLO DEGLI OPPIOIDI NELLA TERAPIA FARMACOLOGICA DEL DOLORE NEUROPATICO"

Transcript

1 IL RUOLO DEGLI OPPIOIDI NELLA TERAPIA FARMACOLOGICA DEL DOLORE NEUROPATICO Stefano Tamburin Università di Verona, Dipartimento di Scienze Neurologiche e della Visione, Sezione di Neurologia Riabilitativa U.O. Neurologia, Clinica Pederzoli, Peschiera del Garda (VR)

2

3 Terapia del Dolore Neuropatico: possibili siti d azione dei farmaci Inibizione canali Na + Inibizione canali Ca ++ Riduzione trasmissione glutamatergica Potenziamento trasmissione GABAergica Potenziamento sistemi inibitori discendenti

4 Modulatori della sensibilizzazione periferica SNP Modulatori della sensibilità periferica Na + CBZ OXC PHT TPM LTG Lidocaina Mexiletina TCAs Midollo Spinale J Pain Symp Manag 2003; 25 (Suppl5 ): S18-S30

5 Modulatori della sensibilizzazione centrale Sensibilizzazione centrale Midollo Spinale Ca ++ GBP/PGB, LVT, OXC, LTG NMDA GABA Ketamina Destrometorfano Memantina Oppioidi CBZ/OXC GBP/PGB LTG TGB VPA J Pain Symp Manag 2003; 25 (Suppl5 ): S18-S30

6 Modulatori delle vie inibitorie discendenti Vie discendenti inibitorie Noradrenalina Serotonina Oppioidi endogeni Cervello TCAs SSRIs SNRIs Tramadolo Oppioidi Midollo Spinale J Pain Symp Manag 2003; 25 (Suppl5 ): S18-S30

7 Tecniche antalgiche e livelli d azione Talamo TECNICHE E FARMACI AD AZIONE SINAPTICA (oppioidi) NEURONE DI SECONDO ORDINE NEURONE DI TERZO ORDINE TECNICHE E FARMACI AD AZIONE SULLA CONDUZIONE Anestetici, Anticonvulsivanti, Elettrostimolazione (SCS) ENCEFALO TECNICHE E FARMACI AD AZIONE CENTRALE Analgesici azione centrale (oppioidi) Antidepressivi, Neurolettici Anticonvulsivanti Elettrostimolazione (D.B.S.) FARMACI E TECNICHE AD AZIONE LOCALE Anestetici topici Antiinfiammatori non steroidei Elettrostimolazione (T.E.N.S.) MIDOLLO NEURONE DI PRIMO ORDINE RECETTORE

8 Antidepressivi: meccanismo d azione Effetto sui sistemi discendenti (5HT, NA) Riduzione di ansia e depressione Proprietà anestetiche locali (TCA)

9 Antidepressivi più recenti SNaRI Inibitori del reuptake di serotonina e noradrenalina Venlafaxina Duloxetina NaSSA Antidepressivi noradrenergici e serotoninergici specifici Mirtazapina NaRI Inibitori del reuptake di noradrenalina Reboxetina

10 Antiepilettici: meccanismo d azione Canali Na + Canali Ca ++ Recettori GABA Metabolismo GABA Recettori glutammato (NMDA) Fenitoina Carbamazepina Lamotrigina Valproato Etosuccimide Gabapentin Pregabalin Barbiturici Benzodiazepine Gabapentin Pregabalin Vigabatrin Valproato Felbamato Topiramato Carbamazepina

11 Oppioidi: meccanismo d azione Azione su recettori mu, delta, kappa spinali con riduzione Ca++ pres ed aumento K posts (vie inibitorie discendenti) Azione sovraspinale sul dolore (tronco e sistema limbico) TRAMADOLO Oppioide Inibizione reuptake NA-5HT

12 Dinorfine RECETTORI OPPIOIDI Encefaline µ1 µ2 κ δ σ Analgesia Sopraspinale Euforia Bradicardia Depressione respiratoria Analgesia Spinale Sedazione Miosi Analgesia spinale Disforia Allucinazioni β-endorfine

13 15603 ASA + clopidogrel vs ASA cabergoline 419 vs levodopa ximelagatran 7329 vs warfarine duloxetine 237 vs placebo 1252 perindopril vs placebo 66 cannabis vs placebo Necessità di meta-analisi

14 Gabapentin - Pregabalina Wiffen et al., 2006 In particolare: Neuropatia diabetica Nevralgia posterpetica

15 Carbamazepina ed Oxcarbazepina Authors' conclusions Wiffen et al., 2006 There is evidence to show that CBZ is effective but trials are small

16 Antidepressivi Antidepressants (TCA, SNRI) are effective for the treatment of NP The best evidence for amitriptyline Only limited data for the effectiveness of SSRIs

17 Opioid agonists Intermediate-term studies -> significant efficacy of opioids Eisenberger et al., 2005 Adverse events of opioids common but not life-threatening Further RCTs to establish long-term efficacy, safety and effects on QoL

18 Tramadol for neuropathic pain Hollingshead et al., 2006

19 Positive trials of oxycodone in diabetic PN and PHN (Gimbel et al., 2003; Watson et al., 1998, 2003) Positive trial of methadone in mixed types of NP (Morley et al., 2003) Positive trial of morphine in PHN (Raja et al., 2002)

20 Short and intermediate-term studies: opioids can reduce dynamic mechanical allodynia and perhaps cold allodynia in peripheral NP These findings are clinically relevant Finnerup et al., 2006

21 Raccomandazioni EBM Linee guida una recente revisione sistematica Finnerup NB, Otto M, McQuay HJ, Jensen TS, Sindrup SH, Pain 2005 le conclusioni di una task force EFNS Attal N, Cruccu G, Haanpaa M, Hansson P, Jensen TS, McQuay H, Nurmikko T, Sampaio C, Sindrup S, Wiffen P un libro Cochrane su EBN Cruccu G, Attal N, Taylor R

22 NNT Number Needed to Treat Responders = VAS reduction at least 50% Max 30-40% Finnerup et al. 2005

23 NNH Number Needed to Harm Finnerup et al. 2005

24

25 Canadian Pain Society guidelines 1st TCA Gabapentin or Pregabalin 3rd 2nd SNRI Topical Lidocaine* Tramadol or CR Opioid Analgesic Add additional agents sequentially if partial but inadequate pain relief Fourth Line Agents * 5% gel or cream - useful for focal neuropathy such as postherpetic neuralgia. Lidocaine patch not available in Canada. e.g. Cannabinoids, methadone, lamotrigine, topiramate, valproic acid. Do not add SNRI to TCA SNRI: serotonin/noradrenaline reuptake inhibitor; TCA: tricyclic antidepressant; CR: controlled-release J. Pain Res. Manage. 12:13-21, 2007

26 Linee Guida EFNS sul trattamento farmacologico del dolore neuropatico Affidabilità dell Evidenza Radice del campione x Qualità (Jadad s 2-5) Guadagno Effettivo guadagno netto con il preparato attivo (% responders meno % dropouts) meno guadagno netto con il placebo (% responders meno % dropouts) Cruccu et al., 2006

27 Affidabilità dell evidenza nel dolore neuropatico Pregabalin/GBP opioids SNRI TCA lamotrigine lidocaine valproate AED-SCB topiramate capsaicin mexiletine NMDA-ant NS NS NS NS

28 Diagrammi di Affidabilità/Efficacia Low Reliability High efficacy BEST Effective Gain WORST High Reliability Low efficacy Reliability

29 Peripheral Neuropathic Pain Effective Gain Preg/GBP SNRI TCA Opioids Valproate AED-SCB Lamotrigine Capsaicin Mexiletine NMDA Topiramate Reliability

30

31 Central Pain Effective Gain Pregabalin Amitriptyline Cannabis Valproate CBZ Lamotrigine Reliability 100

32 Condizioni meno studiate, più resistenti Post-surgical pain 2 positive / 2 negative Phantom limb 2 positive / 4 negative HIV-neuropathy 1 positive / 8 negative Brachial plexus-avulsion 1 negative Post-stroke 2 positive / 2 negative Spinal Cord Injury 2 positive / 3 negative Number and outcome of RCTs: positive / negative

33 Condizioni meno studiate, più resistenti 30 Effective Gain Preg/GBP SNRI TCA Opioids Valproate AED-SCB Lamotrigine Capsaicin Mexiletine NMDA Topiramate Reliability

34 or better

35 Qualità di Vita, Umore, Sonno GBP/Pregabalin 8 duloxetine 1 cannabis 2 opioids lidocaine Positive Negative

36 Controindicazioni-Sicurezza CBZ Rash cutaneo ed anemia aplastica. Enzimi epatici ed emocromo devono essere controllati almeno 3 volte all anno. LTG Reazioni allergiche potenzialmente gravi fino al 10% dei pazienti. Per minimizzarli occorre titolazione lentissima (25 mg ogni 2 settimane), che comporta settimane per raggiungere i dosaggi analgesici ( mg/die). TCA Le tipiche controindicazioni sono glaucoma ed ipertrofia prostatica. La possibile associazione tra triciclici e morte cardiaca improvvisa è stata documentata solo con dosaggi elevati fino a 300 mg/die (Ray et al. 2004). Si raccomanda cautela nei pazienti anziani con fattori di rischio CV

37 Farmaci ad alta evidenza Pregabalina/GBP Periferico e Centrale TCA Periferico e Centrale Oppioidi Periferico Cannabinoidi Centrale SNRI Periferico AED-SCB Nevralgia trigemino Farmaci inefficaci o con insufficiente evidenza Fentanyl cerotto Nessun trial ufficiale Topiramato Inefficace nel Periferico SSRI Inefficaci nel Periferico Antagonisti NMDA Inefficaci nel Periferico Mexiletina Inefficace in tutto Capsaicina Insufficiente evidenza

38 Politerapia Epilessia: 30% Ipertensione: 40% Malattia di Parkinson: 80-90% Dolore:??? Farmacocinetica vs Farmacodinamica

39

40

41 Possibili associazioni nel dolore neuropatico Antiepilettici (CBZ, GBP, PGB, LTG) Antidepressivi (TCA, SNRI) Oppioidi e tramadolo Anestetici e terapie locali Altre terapie da Romanò, 2006; modificato

42 Dolore Misto NOCICETTIVO NEUROPATICO MISTO Radiculopatie Sindromi compressive di nervi Dolore oncologico Neuropatie ischemiche Complex Regional Pain Syndrome

43 da Romanò, 2006; modificato Possibili associazioni nel dolore misto Antiepilettici (CBZ, GBP, PGB, LTG) Antidepressivi (TCA, SNRI) Oppioidi e tramadolo Anestetici Altre terapie e terapie locali FANS, COX-2 Cortisonici Miorilassanti

44 Dinorfine RECETTORI OPPIOIDI Encefaline µ1 µ2 κ δ σ Analgesia Sopraspinale Euforia Bradicardia Depressione respiratoria Analgesia Spinale Sedazione Miosi Analgesia spinale Disforia Allucinazioni β-endorfine

45 Activity of Opioid Agonists, Agonist-Antagonists, and Antagonists at Opioid Receptors Agent Receptor Type Mu Kappa Sigma Morphine Oxycodone Methadone Buprenorphine Fentanyl/sulfentanyl Idromorphone Pentazocine Naloxone Ag Ag Ag pag Ag Ag Ant Ant Ag Ag Ag Unknown - - Ag Ant Ag Ant Ag = Agonist, Ant = Antagonist, pag = Partial Agonist

46 Short-acting Agents Codeine Hydromorphone Morphine Oxycodone Tramadol Long-acting Agents Methadone Morphine CR Oxycodone CR Fentanyl transdermal Moderate opioids Codeine Tramadol Strong opioids Hydromorphone Morphine Oxycodone Methadone Fentanyl

47 Problems with chronic use of opioids Tolerance Physical dependence Pseudoaddiction Addiction

48 Tolerance A physiologic state resulting from regular use of a drug in which an increased dosage is needed to produce the same effect or a reduced effect is observed with a constant dose Occurs to both analgesic and adverse effects Hyperalgesia: diminished drug effect over time due to ongoing drug exposure, i.e.: takes higher dose to get relief Does NOT imply or cause addiction

49 Production of anti-opioids (CCK) Mu receptor desensitization NMDA receptor activation

50 Physical Dependence Physiologic changes expected to occur with ongoing exposure to opioids (similar changes occur with other medications, e.g.: beta blockers, anti-depressants, etc.) Signs/symptoms of opioid withdrawal: tachycardia, nausea, vomiting, diarrhea, rhinorrhea, lacrimation, yawning, anxiety Avoid withdrawal syndrome by tapering dose by 50% every 2-3 days Does NOT imply or cause addiction

51 Pseudoaddiction Describes aberrant behaviors occurring as a result of under-treated pain: clock-watching aggressive complaining requesting specific drugs unsanctioned dose escalation Behaviors resolve when effectively treated May inappropriately stigmatize patients

52 Addiction Psychological dependence on a drug Fundamental features include: Loss of control over use Preoccupation with obtaining opioids despite adequate pain control (craving) Continued use despite adverse consequences Behaviors more likely to be related to addiction: Prescription forgery Stealing or borrowing drugs Multiple episodes of prescription loss Concurrent abuse of related illicit drugs Selling prescription drugs

53 The neurobiology of opiate addiction Coinvolge sistema DA-ergico mesolimbico, nucleo accumbens ed altre aree limbiche Fenomeno complesso meno studiato rispetto alla dipendenza da psicostimolanti, plurifattoriale Predisposizione genetica Fattori socio-ambientali Profilo psicologico e patologie psichiatriche Periodo della vita in cui viene somministrato il farmaco (soprattutto adolescenza)

54 Abuso/dipendenza solo in una piccola percentuale di pazienti La percentuale può essere ulteriormente ridotta con un attenta anamnesi volta ad identificare precedenti o intercorrenti problemi di alcolismo o abuso/dipendenza da farmaci.

55 Effetti collaterali degli oppioidi Stipsi: mediato da recettori mu a livello enterico Ritenzione urinaria Nausea e vomito: mediato da recettori tronco Prurito, flushing: mediato da recettori tronco con rilascio istamina Depressione respiratoria, aritmia: mediato da recettori tronco (mu) Sedazione: effetto sovraspinale (kappa) Confusione, allucinazioni: effetti sovraspinali (sigma) Ipogonadismo e calo libido: effetto ipotalamico Effetti di tipo neuropsicologico: segnalati in pazienti oncologici Effetto immunosoppressivo: descritto, soprattutto per morfina e fentanly ma anche dolore non trattato agisce da immunosoppressore

56 Strategie per ridurre gli effetti collaterali La tolleranza agli effetti collaterali è più precoce che per l effetto analgesico Il profilo degli effetti collaterali è variabile per i singoli farmaci Aumentare con piccoli incrementi il dosaggio Ruotare gli oppioidi Valutare l eventuale sospensione del farmaco (drug holiday)

57 Scala equianalgesica degli oppioidi mcg/ora mcg/ora specialtycenters/hop.cfm?facilityid=27

58 TRAMADOLO Emivita: 5-6 ore Metabolismo epatico, eliminazione renale Effetto tetto per dosi giornaliere di mg Interagisce con CBZ che ne aumenta il metabolismo CODEINA Buona disponibilità per os Metabolismo epatico: 10% demetilata a morfina Dosi abituali: mg per os ogni 4-6 ore Effetto tetto per dosi giornaliere di 360 mg In vendita in formulazioni combinate con altri analgesici

59 MORFINA Metabolismo epatico, conversione a morfina-6-glicuronide Eliminazione renale Molecola idrofila: supera lentamente BEE Dose iniziale: 5-10 mg ogni 4 ore; dose nel DN: mg/die Non presenta effetto tetto Interazione con BDZ, TCA e ranitidina METADONE Agonista mu, kappa ed antagonista NMDA Buona disponibilità per os, lunga emivita plasmatica Metabolismo epatico, eliminazione renale e biliare Molecola lipofila: supera facilmente BEE Dose iniziale: 5 mg per os ogni 8 ore, dose nel DN: mg/die Non presenta effetto tetto

60 OSSICODONE Agonista mu, kappa Metabolismo epatico, eliminazione renale Buona disponibilità per os con emivita di 2-3 ore Esiste in formulazione a rilascio prolungato Effetto analgesico dura 5-6 ore Dose iniziale: 10 mg ogni 12 ore; dose nel DN: mg/die Non presenta effetto tetto IDROMORFONE Buona disponibilità per os Metabolismo epatico Esiste in formulazione a rilascio prolungato

61 FENTANYL Agonista mu, metabolismo epatico Elevata rapidità d azione (30 ev) ma breve durata (30-60 ) Alta lipofilia: supera velocemente BEE Formulazione transmucosale (lollipop) e cerotto transdermico Monitorare la fase di induzione (possibile sottodosaggio nelle prime 24 ore o sovradosaggio nelle ore successive) Dose iniziale: cerotto 25 mcg/ora; dose nel DN: mg/ora BUPRENORFINA Agonista parziale mu, kappa Metabolismo ed escrezione epatica Formulazione transmucosale (lollipop) e cerotto transdermico con problematiche analoghe al fentanyl Effetto tetto per dosi > 4 mg/die

62 Recommendations for using opioids in chronic non- cancer pain La terapia con oppioidi va presa in considerazione nel DN se altre terapie sono inadeguate dopo un ragionevole periodo di tempo Utilizzare oppioidi in politerapia nel DN, soprattutto se oppioidi forti Scopo della terapia è la riduzione del dolore ed il miglioramento della qualità della vita e dello stato funzionale Valutare dolore (VAS), QoL, stato funzionale prima e dopo la terapia (eventuale diario tenuto dal paziente) Bilanciare miglioramento di queste variabili ed eventuali effetti collaterali Kalso, European Journal of Pain, 2003

63 Recommendations for using opioids in chronic non- cancer pain Chi prescrive il farmaco deve essere informato sullo status psicosociale del paziente e sul rischio di dipendenza Kalso, European Journal of Pain, 2003

64 Recommendations for using opioids in chronic non- cancer pain L utilizzo di formulazioni a rilascio prolungato ad orari regolari è preferibile Evitare farmaci a breve durata d azione (indicati per trattare breakthrough pain ) Evitare cerotti transdermici perchè l assorbimento può essere irregolare con rischio di sotto- o sovra-dosaggio Kalso, European Journal of Pain, 2003

65 Recommendations for using opioids in chronic non- cancer pain Monitorare il trattamento Efficacia su dolore, QoL, stato funzionale (diario autocompilato dal paziente) Effetti collaterali Utilizzo di altri farmaci Individualizzare obiettivi del trattamento Il trattamento con oppioidi non va considerato una terapia da continuare per tutta la vita Kalso, European Journal of Pain, 2003

66 Recommendations for using opioids in chronic non- cancer pain Chiarire al paziente obiettivi ed effetti collaterali della terapia Alcuni Autori consigliano un contratto per sottolineare l importanza del coinvolgimento del paziente Kalso, European Journal of Pain, 2003

67

68

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

Classificazione del dolore

Classificazione del dolore Dolore neuropatico Classificazione del dolore NOCICETTIVO NEUROPATICO (dovuto a danno/disfunzione del sistema somatosensoriale) MISTO quando i sintomi del dolore nocicettivo si sommano a quelli del dolore

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Este, sala Fumanelli, sabato 14 settembre 2013 PRINCIPI DI TERAPIA PSICHIATRICA NELL ANZIANO Dott. Lino Pasqui

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Analgesici narcotici ANALGESICI NARCOTICI Totale: 67 ANALGESICI NARCOTICI 65 105 135 158 191 208 236 247 259 288 347 376

Dettagli

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Farmacologia Speciale ß-Endorfina. Gangli della base. Ipofisi. Corteccia. N. arcuato ipotalamo. Amigdala. midollo allungato Encefaline Dinorfine ampia distribuzione

Dettagli

[Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore

[Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore [Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore Titolo originale: "Buprenorphine. New Tricks With an Old Molecule for Pain Management"

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10)

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Clordiazepossido / LIBRIUM 50 mg p.os ogni 6 ore il 1 giorno, poi 25 mg ogni 6 ore il 2 e 3 giorno Diazepam / VALIUM 10 mg p.os o i.v. ogni 6 ore

Dettagli

La Terapia Antalgica Invasiva. Il 4 Gradino4. DR. S. Di Santo

La Terapia Antalgica Invasiva. Il 4 Gradino4. DR. S. Di Santo La Terapia Antalgica Invasiva Il 4 Gradino4 DR. S. Di Santo Chronic Pain Treatment Continuum Dolore cronico: Scala dei Trattamenti Terapia medica (NSAIDs, oppioidi, antidepressivi, anticonvulsivanti, cortisonici,

Dettagli

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 REGIONE VENETO Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 TITOLO DEL PROGETTO Monitoraggio del dolore e dell efficacia della terapia antalgica nel paziente oncologico seguito in DH o ambulatorio CONCORSO

Dettagli

Dolore persistente non oncologico

Dolore persistente non oncologico Reggio Emilia 5 Giugno 2013 Dolore persistente non oncologico Emilio MAESTRI Dolore cronico persistente: di che cosa parliamo Definizione. Il dolore viene definito cronico o persistente quando: è di lunga

Dettagli

Farmacologia Antidolorifici_1

Farmacologia Antidolorifici_1 Farmacologia Antidolorifici_1 Dolore L informazione nocicettiva nasce in periferia in seguito a diversi stimoli ed è convogliata al midollo spinale (corno posteriore) da fibre afferenti amieliniche di

Dettagli

Proprietà delle fibre dolorifiche

Proprietà delle fibre dolorifiche IL DOLORE 1 Proprietà delle fibre dolorifiche La percezione del dolore è generata da terminazioni nervose libere che costituiscono la parte sensitiva dei nocicettori (recettori del dolore) Gli assoni che

Dettagli

LINEE GUIDA AZIENDALI PER LA CURA DELLA PERSONA CON DOLORE

LINEE GUIDA AZIENDALI PER LA CURA DELLA PERSONA CON DOLORE Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto (I.R.C.C.S.) COMITATO AZIENDALE CONTRO IL DOLORE LINEE GUIDA AZIENDALI PER LA CURA DELLA PERSONA CON DOLORE INDICE 1. INTRODUZIONE 2 2. SCOPO DEL DOCUMENTO

Dettagli

Il dolore cronico nel diabete

Il dolore cronico nel diabete Il dolore cronico nel diabete Ezio Faglia UO di Diabetologia Centro per la cura del piede diabetico IRCCS Multimedica Il diabete: dabete èu un problema pobe? 300 1995 2000 2025 250 milioni ation (m millions)

Dettagli

I principali tipi di droghe

I principali tipi di droghe I principali tipi di droghe Droghe e basi neuronali della gratificazione Tutte le sostanze che danno dipendenza aumentano il tono dopaminergico del sistema mesolimbico, in particolare dell accumbens (shell)

Dettagli

MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ

MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ MODALITÀ D USO DEI FARMACI ANALGESICI SECONDO L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ l protocollo terapeutico prevede l utilizzo di una scala farmacologica sequenziale a tre gradini costituita da quattro

Dettagli

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171)

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Modifica degli stampati di specialità medicinali contenenti buprenorfina cloridrato indicata nella terapia

Dettagli

IL DOLORE NELL ANZIANO

IL DOLORE NELL ANZIANO IL DOLORE NELL ANZIANO Caratteristiche, diagnosi e trattamento Manuel Ventura SC di Geriatria SS di Lungodegenza PRESUPPOSTI Stephen W. Arkins FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE La modulazione del dolore è a doppio

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In

La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In L. Notari DVM, MSc La Medicina basata sulle evidenze è l uso coscienzioso delle evidenze attualmente disponibili sulle terapie impiegate per curare ogni paziente In Medicina Umana l approccio evidence-based

Dettagli

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche

Dettagli

Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico. G. Pinato. Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova

Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico. G. Pinato. Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova Dolore neuropatico Trattamento non farmacologico G. Pinato Istituto Oncologico Veneto (I.O.V.) Padova Algoritmo terapeutico Attività fisica FANS FKT Antidepressivi Terapia occupazionale Oppiodi minori

Dettagli

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari?

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Stefano Maria Zuccaro 12 GIUGNO 2015 18 marzo 2014 Cascata dell acido arachidonico CASCATA DELL ACIDO ARACHDONICO Il mismatch

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Dolore Cronico e Terapie antalgiche invasive

Dolore Cronico e Terapie antalgiche invasive Dolore Cronico e Terapie antalgiche invasive Dott. A. Orlando UO Anestesia e Rianimazione Ambulatorio di Medicina del Dolore Ospedale S.Annunziata,Cento Lagosanto, 22 Ottobre 2009 6th Congress of the European

Dettagli

Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi

Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi DOLORE e FARMACI Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi Direttore UF Aziendale Cure Palliative e Hospice La Limonaia Corso di Formazione MMG 09 Febbraio Pistoia Modalità di approccio al DOLORE

Dettagli

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche Ridotte funzionalità

Dettagli

SINDROME D ASTINENZA

SINDROME D ASTINENZA SINDROME D ASTINENZA Dipende dalla quantità di sostanza assunta e dalla velocità di eliminazione dall organismo. Nel caso del metadone i sintomi sono gli stessi, ma l insorgenza della sindrome è più lenta,

Dettagli

Psicofarmacologia -1 TIZIANA SCIARMA

Psicofarmacologia -1 TIZIANA SCIARMA Psicofarmacologia -1 TIZIANA SCIARMA CATEGORIE di FARMACI PSICOATTIVI Antidepressivi Ansiolitici e Ipnotici-sedativi Antipsicotici Stabilizzatori dell Umore Storia 1845 Moreau propone un modello per la

Dettagli

Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni

Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni Gli androgeni hanno un ruolo importante nella progressione del carcinoma prostatico. Si è infatti constatato come la castrazione

Dettagli

Quali farmaci per il trattamento del

Quali farmaci per il trattamento del Quali farmaci per il trattamento del BreakThrough h Cancer Pi Pain 1 BreakThrough Cancer Pain Non può essere trattato modificando la terapia di base Non è legato alla mancata risposta agli oppioidi Non

Dettagli

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi

Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Dr. Giovanni Luca Galimberti NOA Seregno ASL Prov.MILANO3 Dr. Giovanni Luca Galimberti 1 Trattamento farmacologico nei setting riabilitativi Il trattamento

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

GRÜNENTHAL Name der Präsentation Datum

GRÜNENTHAL Name der Präsentation Datum GRÜNENTHAL Name der Präsentation Datum Page 1 Cenni di Neurofisiologia del Dolore Neuropatico Localizzato e Linee Guida di Trattamento Roberto Casale, MD, PhD Montescano EFIC School, Director Foundation

Dettagli

La Terapia del mal di schiena: L approccio specialistico

La Terapia del mal di schiena: L approccio specialistico La Terapia del mal di schiena: L approccio specialistico Prof. Enrico Polati Anestesia e Rianimazione, Centro di Terapia Antalgica Policlinico di Verona Direttore Prof. Enrico POLATI Inquadramento diagnostico

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali

Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Affrontare il Dolore cronico in ambito clinico. Licia Serra Centro Sociale Oncologico ASS1 4 marzo 2010 Definizione di DOLORE Un esperienza

Dettagli

Il dolore neuropatico centrale

Il dolore neuropatico centrale Il dolore neuropatico centrale Dolore nella Sclerosi Multipla Gianluigi Mancardi Dipartimento di Neuroscienze, Oftalmologia e Genetica, Università di Genova Peschiera del Garda, 28 Febbraio 2009 I linfociti

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

I FARMACI ADIUVANTI. Permettono di ridurre la quantità di analgesici. Trattano gli effetti collaterali degli analgesici

I FARMACI ADIUVANTI. Permettono di ridurre la quantità di analgesici. Trattano gli effetti collaterali degli analgesici I FARMACI ADIUVANTI Secondo la scala dell OMS, adiuvanti sono quei farmaci che non sono specificamente analgesici ma che possono contribuire all ottenimento di una riduzione del dolore potenziando l effetto

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Droga In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana

Droga In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana Droga In In In vivo Studi Note vitro vivo (uomo) clinici Genziana Può aumentare l effetto ipoglicemico può aggravare gli effetti gastrolesivi dei FANS Zenzero può determinare emorragie con salicilati Piantaggine

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

Dolore persistente nei bambini

Dolore persistente nei bambini INFORMAZIONI IMPORTANTI PER MEDICI ED INFERMIERI E PER TUTTI I PROFESSIONISTI SANITARI CHE TRATTANO O SI PRENDONO CURA DI BAMBINI CON DOLORE Dolore persistente nei bambini Estratto per medici e personale

Dettagli

TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER. Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco

TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER. Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco APPROCCIO TERAPEUTICO AL PAZIENTE CON M.DI ALZHEIMER Terapia mirata alla cura dei sintomi cognitivi

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola

Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola Sicurezza e Appropriatezza d uso dei farmaci nelle strutture tt residenziali i per anziani * Silvia Calabria Assistenza Farmaceutica AUSL Imola XXII Seminario Nazionale La valutazione dell uso e della

Dettagli

Dolore persistente nei bambini

Dolore persistente nei bambini INFORMAZIONI IMPORTANTI PER I FARMACISTI Dolore persistente nei bambini Opuscolo per farmacisti estratto dalle linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con

Dettagli

2 Documento Congiunto LICE SIMG

2 Documento Congiunto LICE SIMG 2 Documento Congiunto LICE SIMG LICE: Roberto Michelucci, Angela La Neve, Oriano Mecarelli, Ettore Beghi SIMG: Claudio Cricelli, Francesco Mazzoleni, Saffi Ettore Giustini Comorbidità, politerapia e interazioni

Dettagli

SCHEDA FARMACO Capsaicina 8% (QUTENZA - 1CER 179 MG + 1GEL DET)

SCHEDA FARMACO Capsaicina 8% (QUTENZA - 1CER 179 MG + 1GEL DET) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO Capsaicina 8% (QUTENZA - 1CER 179 MG + 1GEL DET) Forma farmaceutica:

Dettagli

DIPARTIMENTO ASSISTENZA FARMACEUTICA. Dott.ssa Alessandra Ferretti Dott.ssa Bettina Marconi Dott.ssa Paola Denti

DIPARTIMENTO ASSISTENZA FARMACEUTICA. Dott.ssa Alessandra Ferretti Dott.ssa Bettina Marconi Dott.ssa Paola Denti SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia DIPARTIMENTO ASSISTENZA FARMACEUTICA Dott.ssa Alessandra Ferretti Dott.ssa Bettina Marconi Dott.ssa Paola Denti

Dettagli

Vecchi e nuovi farmaci: Gli antidepressivi

Vecchi e nuovi farmaci: Gli antidepressivi Vecchi e nuovi farmaci: la difficile scelta tra l esperienza consolidata e l innovazione terapeutica. Gli antidepressivi Antonio De Benedictis E importante curare un episodio depressivo? POSSIBILI CONSEGUENZE

Dettagli

IL DOLORE: MALATTIA DA CURARE (FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE)

IL DOLORE: MALATTIA DA CURARE (FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE) L OSPEDALE E LA RSA SENZA DOLORE UN OBIETTIVO POSSIBILE IL DOLORE: MALATTIA DA CURARE (FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE) SIMONE FRANZONI TRENTO 22-5-2010 Il dolore è una esperienza spiacevole, sensoriale ed emozionale,

Dettagli

ibromialgica La sindrome fibromialgica

ibromialgica La sindrome fibromialgica ibromialgica La sindrome fibromialgica La sindrome fibromialgica è una forma comune di dolore muscolo scheletrico diffuso e di affaticamento (astenia)1 che colpisce approssimativamente 1.5 2 milioni di

Dettagli

DOTT.SSA MARIA PAOLA BRUGNOLI TERAPIA DEL DOLORE IL SOLLIEVO DALLA SOFFERENZA

DOTT.SSA MARIA PAOLA BRUGNOLI TERAPIA DEL DOLORE IL SOLLIEVO DALLA SOFFERENZA DOTT.SSA MARIA PAOLA BRUGNOLI TERAPIA DEL DOLORE IL SOLLIEVO DALLA SOFFERENZA 1 LA TERAPIA DEL DOLORE 1) NEUROFISIOLOGIA 2) FARMACOLOGIA 3) IL DOLORE TOTALE 4) IL DOLORE NELL EMERGENZA 5) IL DOLORE E LE

Dettagli

ZICONOTIDE (30-10-2007)

ZICONOTIDE (30-10-2007) ZICONOTIDE (30-10-2007) Specialità: Prialt (Eisai Srl) Forma farmaceutica: soluzione per infusione intratecale 1fl 1ml 100mcg/ml 556.10 1fl 5ml 100mcg/ml 2.780.52 Prezzo al pubblico da banca dati Farmadati

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

Rassegna. Dolore neuropatico post-chirurgico

Rassegna. Dolore neuropatico post-chirurgico Rassegna Vol. 100, N. 7-8, Luglio-Agosto 2009 Pagg. 371-379 Dolore neuropatico post-chirurgico Ali Muftah Shaladi, Maria Rita Saltari, Francesco Crestani, Bruno Piva Riassunto. Le lesioni traumatiche durante

Dettagli

La sensibilità tattile

La sensibilità tattile La sensibilità tattile Sensazione di : contatto, pressione, vibrazione, solletico Meccanocettori Sensazione Ruolo dei diversi recettori a rapido e lento adattamento nella sensazione 5 4 Stimolo RA SA

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA TERAPIA SOSTITUTIVA CON METADONE NELLA DIPENDENZA CRONICA DA EROINA

LINEE GUIDA PER LA TERAPIA SOSTITUTIVA CON METADONE NELLA DIPENDENZA CRONICA DA EROINA 1 2 3 LINEE GUIDA PER LA TERAPIA SOSTITUTIVA CON METADONE NELLA DIPENDENZA CRONICA DA EROINA Giovanni Serpelloni (1), Maurizio Gomma (1), Oliviero Bosco (1), Gianni Dianin (2) (1) Sezione di Screening

Dettagli

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0 Reportistica per la medicina generale Rel. 2.0 NEWS integrazione del report di spesa e consumi con indicatori di cura: A) politerapie concomitanti; B) terapia del dolore C) interazioni tra coppie di farmaci

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Disegni Sperimentali

Disegni Sperimentali Master Universitario di II Livello Ricerca e Sviluppo Pre-Clinico e Clinico del Farmaco Modulo 4 Sviluppo Clinico dei Farmaci Disegni Sperimentali Docente: Prof. Antonio MARZO e-mail: antoniop.marzo@libero.it

Dettagli

[Numero 85. Giugno 2014] Fibromialgia

[Numero 85. Giugno 2014] Fibromialgia progettoasco.it http://www.progettoasco.it/numero-85-giugno-2014-fibromialgia/ [Numero 85. Giugno 2014] Fibromialgia Metodi di ricerca Revisione sistematica, la letteratura medica sulla fibromialgia è

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser. T. A.S.P. di Vibo Valentia

Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser. T. A.S.P. di Vibo Valentia 1 - La dipendenza da Nicotina 2 - Trattamenti farmacologici (Vareniclina, Bupropione, Nicotina) e interazioni con i principali farmaci delle altre dipendenze Dott. Emilio De Pasquale Responsabile Ser.

Dettagli

PSICOFARMACI E SINDROME DISMETABOLICA

PSICOFARMACI E SINDROME DISMETABOLICA PSICOFARMACI E SINDROME DISMETABOLICA Dott.ssa Nadia DELSEDIME, M.D., Ph.D PSICHIATRIA SCDU CPR DCA AOU Città della Salute e della Scienza di Torino Università degli Studi di Torino LA SINDROME METABOLICA

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

Tossicodipendenze: COCAINA

Tossicodipendenze: COCAINA Tossicodipendenze: COCAINA COCAINA Origine naturale: alcaloide delle foglie di Erythroxylon coca (isolato nel 1855) La cocaina e' un estere che appartiene alla famiglia dei tropani degli alcaloidi naturali.

Dettagli

Aggiornamenti in PSICHIATRIA

Aggiornamenti in PSICHIATRIA Aggiornamenti in PSICHIATRIA supplemento a Heroin Addiction and Related Clinical Problems Direttori Scientifici GIULIO PERUGI - Pisa ICRO MAREMMANI - Pisa Comitato di Redazione MATTEO PACINI- Carrara SONIA

Dettagli

HOME INSONNIA E ANSIA. Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA

HOME INSONNIA E ANSIA. Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA HOME INSONNIA E ANSIA Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA 1 L'insonnia si riferisce alla difficoltà di prendere sonno o di mantenerlo o alla perdita di benessere derivato dal sonno. L'insonnia si riferisce

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO

IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO IL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO EFFETTI DELLA STIMOLAZIONE DEL SIMPATICO Organo effettore Simpatico Parasimpatico Occhio: m. radiale dell iride m. sfintere dell iride contrazione,midriasi Manca innervazione

Dettagli

Il trattamento farmacologico dei. paziente con demenza. Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo

Il trattamento farmacologico dei. paziente con demenza. Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo Il trattamento farmacologico dei disturbi psico-comportamentali comportamentali nel paziente con demenza Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo BPSD Behavioral

Dettagli

IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO NELLE DIPENDENZE COMPORTAMENTALI IN COMORBILITÁ CON L ABUSO DI SOSTANZE

IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO NELLE DIPENDENZE COMPORTAMENTALI IN COMORBILITÁ CON L ABUSO DI SOSTANZE IL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO NELLE DIPENDENZE COMPORTAMENTALI IN COMORBILITÁ CON L ABUSO DI SOSTANZE Giuseppe ZANDA (Lucca) www.psichiatragiuseppezanda.com Viterbo, 16-17 novembre 2012 Premessa 2 In questa

Dettagli

Anatomia e fisiologia del sistema nervoso centrale e psicofarmaci

Anatomia e fisiologia del sistema nervoso centrale e psicofarmaci Anatomia e fisiologia del sistema nervoso centrale e psicofarmaci cerebrali nello spazio sovratentoriale e la fossa cranica posteriore al di sotto del tentorio), fornendo pure un supporto ai vasi sanguigni

Dettagli

Eventuali dipendenze da terapie con oppioidi forti

Eventuali dipendenze da terapie con oppioidi forti LA SALUTE DEL CITTADINO AL CENTRO DELLA GOVERNANCE LE RETI INTEGRATE Roma 12 13 giugno 2015 Eventuali dipendenze da terapie con oppioidi forti Pietro Casella ASL RM E Il dolore cronico il dolore cronico

Dettagli

ANALGESICI NARCOTICI

ANALGESICI NARCOTICI Capitolo 12: ANALGESICI Slides 1-45 Gli analgesici sono farmaci utilizzati nel controllo del dolore ed appartengono a diverse classi: -FANS (Farmaci antiinfiammatori non steroidei) -Analgesici narcotici

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE

LA GESTIONE DEL DOLORE PERCORSO FORMATIVO INFERMIERE ON-LINE 2012 Newsletter per l aggiornamento e la formazione professionale continua degli infermieri ANNO SECONDO, NUMERO 11, MARZO 2012 LA GESTIONE DEL DOLORE RESPONSABILE

Dettagli

Farmaci e situazioni adiuvanti nel trattamento del dolore

Farmaci e situazioni adiuvanti nel trattamento del dolore Villasimius, 5 ottobre 2004 Trattare il paziente con dolore: nel trattamento del dolore Definizione Adiuvare: : aiutare, giovare a, soccorrere, contribuire a. Adiuvante: : tutto ciò che aiuta, contribuisce

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

EFFETTI COLLATERALI. bla bla bla bla

EFFETTI COLLATERALI. bla bla bla bla EFFETTI COLLATERALI bla bla bla bla E TERAPIA DI SUPPORTO Patrizia Tosi (Rimini) Bortezomib - effetti collaterali Astenia Piastrinopenia Neuropatia periferica Ipotensione Diarrea/nausea Riattivazione Herpes

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

La neuropatia diabetica: aspetti clinici ed attualità nella terapia farmacologica. Dr. Gaiti Dario

La neuropatia diabetica: aspetti clinici ed attualità nella terapia farmacologica. Dr. Gaiti Dario La neuropatia diabetica: aspetti clinici ed attualità nella terapia farmacologica Dr. Gaiti Dario Neuropatie periferiche Ipostenia o deficit sensitivo o entrambi, dovute alla sofferenza nervosa Generalmente

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

U.O.A. DI NEUROLOGIA - ASL 10 - ASTI. IL DOLORE: FISIOLOGIA E FISIOPATOLOGIA W. Troni HASTA

U.O.A. DI NEUROLOGIA - ASL 10 - ASTI. IL DOLORE: FISIOLOGIA E FISIOPATOLOGIA W. Troni HASTA U.O.A. DI NEUROLOGIA - ASL 10 - ASTI IL DOLORE: FISIOLOGIA E FISIOPATOLOGIA W. Troni HASTA Aδ : 5 30 m/s : nocicettori termici e meccanici C : 1 m/s : nocicettori polimodali Sistema laterale Sistema mediale

Dettagli

I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia

I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia SIGG LIGURIA 16 ottobre 2010 Camilla Prete Unità Valutativa Alzheimer Geriatria E.O. Ospedali Galliera RAPPORTO MONDIALE 2010 costi economici

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PUBBLICA _04! 04_2012

DOCUMENTAZIONE PUBBLICA _04! 04_2012 Tabacco, Tabagismo e Sindromi d Astinenza SMETTERE. INFORMAZIONI PRELIMINARI INDICE PAG 1 INTRODUZIONE Danni e rischi relativi del fumo PAG 1-2 Caratteristiche generali e farmacologia PAG 3 La nicotina

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

Droghe sintetiche: situazione in Svizzera ed effetti psichiatrici

Droghe sintetiche: situazione in Svizzera ed effetti psichiatrici Droghe sintetiche: situazione in Svizzera ed effetti psichiatrici Matteo Preve Organizzazione Sociopsichiatrica Cantonale, Clinica Psichiatrica, Responsabile Centro per le Dipendenze Patologiche Bellinzona,

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

Intossicazione acuta da alcol e altre sostanze Dr Francesco Gambassi. Centro Antiveleni 055.7947819

Intossicazione acuta da alcol e altre sostanze Dr Francesco Gambassi. Centro Antiveleni 055.7947819 Intossicazione acuta da alcol e altre sostanze Dr Francesco Gambassi Centro Antiveleni 055.7947819 QUALCHE ACCENNO SU: EPIDEMIOLOGIA FISIOPATOLOGIA CLINICA MORTALITA RICOVERI PER INTOSSICAZIONE ACUTA

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

Cannabinoids and CB 1 Receptors in Spinal Nociceptive Processing

Cannabinoids and CB 1 Receptors in Spinal Nociceptive Processing Diss. ETH No. 9465 Cannabinoids and CB Receptors in Spinal Nociceptive Processing A Dissertation Submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ETH ZURICH for the Degree of Doctor of Sciences Presented

Dettagli

Tossicodipendenze: CANNABINOIDI

Tossicodipendenze: CANNABINOIDI Tossicodipendenze: CANNABINOIDI CANNABINOIDI (categoria di composti sintetizzati dalla pianta) Origine naturale: Cannabis sativa (varianti C. Indica e C. Americana) E impiegata da più di 4000 anni per

Dettagli

Disturbo bipolare e stabilizzanti del tono dell umore Filippo Caraci

Disturbo bipolare e stabilizzanti del tono dell umore Filippo Caraci Università degli Studi di Catania Modulo di Psicofarmacologia Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Disturbo bipolare e stabilizzanti del tono dell umore Filippo Caraci Disturbo Bipolare Descrizione

Dettagli

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari Gabriella Serio Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP SONO UNO STANDARD IN BASE AL QUALE GLI STUDI CLINICI SONO

Dettagli

IL DOLORE GLOBALE E LE SUE FONTI

IL DOLORE GLOBALE E LE SUE FONTI 1 Premessa L ambito di applicazione delle Cure Palliative riguarda di norma il controllo del dolore e degli altri sintomi nella fase terminale di patologie evolutive e irreversibili,definibile secondo

Dettagli