a rassegna stam dell'asp di Trapa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "27.03.2014 a rassegna stam dell'asp di Trapa"

Transcript

1 a rassegna stam dell'asp di Trapa AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE a c u r a d i U f f i c i o S t a m p a T e l F a x cellulare E - m a i l : u f f i c i o. s t a m p a ( S ) a s l t r a D a n i. i t ; S i t o w e b : w w w. a s p t r a p a n i. i t

2 GioRNAu D i s i a m i CASraUMMARE Un uomo di Castellammare del Golfo di 78 anni è salvo grazie all'intera vento dei medici e inferinieri del 118 di Alcamo. U loro intervento è stato provvidenziale per evitare che l'uomo morire soffocato. L'equipaggio composto dal medico rianimatore Antonello Basone,, l'infermiere Vincenzo Cammarata e l'autista soccorritore Lina Fazio, ha ragpunto im paziente che aveva subito un intervento di tracheostomia. H pensionato mentre stava facendo i consueti lavaggi ha fatto scivolare per errore dentro la trachea una siringa inplastica. Stava soffocando. "Arrivati ed domicilio del paziente ci rendiamo conto - afferma il medico Antonello Basone - della estrema gravità della condizione in ctd versa il paziente. L'uomo cercando di estrarla insieme ai parenti l'aveva fatto scivolare bloccando il passaggio dell'ossigeno. L'uomo stava morendo soffocato". Sono stati momenti di paura. Pochi secondi e l'uoifto poteva morire. "Ho esplorato la'trachea con una sonda - aggiunge il medico - e sento la presenza del corpo estraneo. Aiutato dal mio equipaggio con una pinza di KlMnmer riesco ad afferrare la siringa e lo estraggo, con grande sollievo del paziente che riprende a respirare e grande felicità di essere riuscito a liberargli le vie aeree in condizioni critiche". Davvero un piccolo grande miracolo visto che se non riusciva l'intervento l'unica possibilità era il trasferimento a Trapani dove solo Ile' è un reparto di chirvirgia toracica o otorinolaringoiatrica.il direttore generale della Seus, Angelo Aliquò dice: «Un Intervento tempestivo e qualificato che conferma la professionalità degli operatori delllb». (

3 A l q a m a H Anziano di Castellammare rischia di morire con una siringa nella trachea

4 Marsalaviva.it Gii finisce una siringa nella trachea: salvo per miracolo

5 TrapaniOk.it Sanità, approvato piano di zona del distretto Alcamo-Castellammare- Calatafimi

6 GIORNALE M «QUA SANITÀ. Il via libera permetterà le cure soprattutto ai malati di sclerosi multipla in strutture pubbliche e private PAURMO Anche negli ospedali sicilian i si potrà sonuninistrare la cannabis a scopo terapeuticoi La giunta, su proposta dell'assessore alla Salute, Lucia Borsellino, ha approvato ieri i m a delibera per assicurare l'uso terapeutico dei càimabinoidi nelle struttine sanitarie accreditate, pubbliche e private. Il presidente Rosario Crocetta ha spiegato che «il provvedimento nasce sulla base delle m o difiche legislative italiane i n meri* to all'usq della cannabi» che dà piti simte4zé chéhaimo r ^ conoscium i n a i t i, iit partìèoiai< ai ^ a l o ^ a fettl sclerosi tttulàplì^ lat (apertura té;- rapeutica con tale sostanza». I n attesa di una norma che regoli il settore, la decisione della giunta ha già aperto u n caso con i Cinr que Stelle, che avevano discusso il tema i n commissione Sanità all' Ars assieme ai rappresentanti dell'associazione Cannabis Cura Sicilia. «Strano che il governo nonci abbia comunicato quanto meno che stava lavorando a questo provvedimento - ha detto il depu* tato Giancarlo Cancelleri -. Vogliamo prima leggere la norm» d d governo. Se va nella direzione;! giustaritireremo la nostrapropo-^ tfrdi legge, altrimendcontinuer ' remo labattag^a^i '. ' '? ' Per il presidente' Crocetta st^ tratta comunque di u n provvedimento «di particolare valore civile e sociale che mette la Regione Siciliana all'avanguardia come altre regioni europee». E Giorgio Trizzino, direttore sanitario dell'ospedale Civico e del D i Cristìna, ha spiegato che «la cannabis può essere somministrata pervia orale per lenire gli effetti soprattutto di gravi patologie neurologiche come la Sia o la Sclerosi multipla grazie all'effetto rilassante che produce sulla muscolatura, cosa che i farmaci tradizionali n o n riescwto a garantire^ M a rie* sce ad à;vere ottimi rlsutiatì a n ( ^ nella chemioterapia per contrastare lanausefi e il vomito. Si tratta di una cura àmpiamente sperimentata - ha aggiunto Trizzino - che prevede una produzione, a basso costo e in maniera del tutto legale». Per impedire l'abuso dei consumi di cannabinoidi, la prescrizione deu'ùso dovrà essere effettuata da medici specialistici all' intemo di strutture sanitarie e il percorso terapeutico potrà essere eseguito anche al domicilio del paziente. Soddisfatta per la decisione della giunta anche la Samot Onlus, che da anni si occupa di assistere al domicilio i malati affetti da patologjie cronicp-degeneratìve, CRivE*) _ ' HCCMBMWSanMl'

7 L» S I C I L I A LA SVOLTA. 11 gqvematore Crocetta e l'assessore Borsellino illustrano il provvedimento Così la Regione ha autorizz l'uso terapeutico della marij A N T O N I O F I A S C O N A R O O n è iridale. Cosi com^ anticipato nell'edizione di ieri, andìé in Sicilia arrivai it vm libera aua cannabis per usd eeràp<utìco. Ad annucciaré passagli "epótale" - già altre setttìri^lioni bainiodato il viaubera ai fàntiki a base <H cannabinoidi (Tosca- rta* UgittH Friult Marche. Veneto, Pu- ^aeabruzzo)- è stato to stesso presidènte Crocetta, «Il provvedimento - ha detto it govenutore - nasce sulta base delle mck difiche legislative italiane in merito all'uso della cannabis ma anche da più sentenze che hanno rìconpsciuto a diversi malati, in particolare a quelli affetti da sclerosi multipla, la copertura terapeutica tale sostanza». Per Crocetta, «quello appena approvato é un provvedimento di particolare valóre civile e sociale che mette la Regione siciliana all'avanguardia*. Pw impedire l'abuso dei consumi di cannawnoicb, la (wescrizìone dell'uso dovrà essere effettuata da medici speci^istìei a i r i n t e f n o d i s t i u t t u r e s a n i t a r i e e i l p e r c o r s o t e r a p e u t i c o potrà e s sere eseguito anche al domicilio del paziente. L'assessOTe Borsellino ha annunciato che «si prevede, in particolare, che qualora l'inizio del trattamento avvenga nelle strutture ospedaliere o in quelle alle stesse assimilabili, i medicinali cannabinoidi sono acquistati dalla farmacia della medesima struttura, e posti a carico della stessa. Il paziente può proseguire il trattamento in ambito domiciliare, sulla base della prescrizione del miedico, della stmttura ospedaliera o assimilabile, che lo ha in cura; in tal caso, la fornitura del medicinale è assicurata dalla predetta stmttura. sul cui bilanciò graverà la relativa spesa». Ed ancora: «Al fine di favorire la diffusione della conoscenza delle evidenze scientìfiche più ajgjomate sulfeir- cacia e sicurezza dei trattamenti con medicinali cannabinoidi, l'assessorato alta salute adotterà iniziative volte aila informazione dei medici e dei farmacisti. Si batta - ha aggiunto l'assessore alla Salute - di un provvedimento volto a dare una adeguata risposta dt cure, in mancanza di valida alternativa terapeutica, ad un'ampia casistica di patologie, che includono il trattamen-. to del dolore e della spasticità musco lare causata da sclerosi multipla, ma anche la terapia sintomatica di alcune patologie e disturbi, quali ad esempio la nausea ed il vomito in seguito a chemioterapia, la sindrome da deperimento nell'aids, il dolore neuropatico, l'epilessia, il glaucoma, il dolore oncologico e reumatico». Sull'argomento è intervenuto Giorgio Trizzino, coordinatore della rete regionale della 'Terapia del dolore": «Gli specialisti che ptranno prescrivere farmaci a base di cannabinoidi sono quelli che si occupano di cure palliative, gli oncologi, i neurologi, ma potrebbero essere anche gli stessi medici di medicina generale. D'altronde già da tempo i meàci di base prescrivono sotto indicazione degli specialisti farmaci a base di oppiacei, l farmaci cannabinoidi vanno somministrati attraverso aerosol, o sub-linguali con spray ed ancora con specifiche compresse».

8 L A S I C I M * M A R I O BARRE» CATANIA, Sia chiara una cosa: «Con quest'atto Come avverrà la sperimentazione? della Regione non èche da doma «In materia di cannabinoidi ci sono ni mattina si può andare dal medico di orientamenti scientifici contrapposti famiglia a ^rsi prescrìvere una canna». Il L'applicazione più diffusa è quella della che, al netto del (minimo) dosaggio di autoironia professicmale, significa: «La Regione aprirà uno spazio di sperimen tazione in luoghi e con modalità ben precise, nia anche con controlli molto precisi sulle procedure». Paolo Castorìna, responsabile del sertdi Catania, è uno di terapia del dolore, soprattutto su due target: reazioni di nausea e vomito alle terapie chemioterapiche e malati di sclerosi multipla. Anche su questo tipo di patologie sul mercato esistono comunque dei prodotti che si sono dimostrati più efficaci, anche se c'è una certa percentuale quelli che se fossimo in una americana di casi in cui i cannabinoidi riduco sarebbe un medico in prima linea. no effetti collaterali e migliorano i risultati. Da anni impegnato nella trincea della Ma il dibattito è aperto. Anche su un lotta alle dipendenze, può tracciare lo aititi aspetto». scenario da più punti di osservazione. E Quale? 10 fa senza prendisi. Né scientifici, né ideologid. «11 principio attivo della cannabis che è molto variabile a seconda di numerosi Cosa significa la sperhnentaziòhe della fattori, a partire da quello più naturale: la cannabis per uso terapeutkotcosa succederà resa del tipo di pianta dal quale viene bipnrtkapermedldcpìaicntf? preso. A parità (6 prodotto essiccato, il «Per trovare un'analogia penso a quello che succede con la morfina Ci sarà una sperimentazione, che nella fase iniziale ritengo sia limitata ad alcune strutture, per la somministrazione di farmaci con 11 principio di cannabinoidi; Naturalmen principio attivo può essere fino a dnque volte maggiore. Anche in caso di uso terapeutico bisogna tenere conto di questo elemento». Ma lei, da cittadino e da metfico, è d'ac* cordo con questa scelta dalla Regione? te ci saranno una serie di patologhe ammesse alla sperimentazione e delle precise restrizioni da rispettare. Ritengo che all'inizio la distribuzione ai pazienti ammessi al protocollo avverrà nelle farmacie dell'asp delle aziende ospedaliere e solo in un secondo momento nelle farmacie del settore privato con il coinvolgimento del medico curante. Ma è chiaro che aspettiamo i dettagli esatti del provvedimento». «Dal punto di vista professionale non è niente di più che la sperimentazione un farmaco. 11 punto è l'investimento ideologico sull'atto in sé: un percorso in cui il messaggio è che si apre all'uso terapeutico per poi passare alla depenalizzazione del consumo tout court. E bisogna stare attenti nel maneggiare questo tipo di messaggi». Qua! è il il punto di vista dal Sert? Si può essere dipendenti dalle canne? «Alcuni casi ci sono: gente disperata che ha bisogno di fumarne anche 20 spinelli al giorno. Il tasso di casi di dipendenza, rispetto a eroina e cocaina, è ovviamente inferiore. Ma innanzitutto c'è da fare un appunto sul prìndpio attivo, che ha effetti collaterali dannosi, anche momentanei, al di là della dipendenza E poi la nostra esperienza degli ultimi 5-6 anni al Sert d racconta di un'escalation statistica di consumatori di cannabis, che arrivano manifestando stati psicotid, degenerativi e deliranti. Evidentemente qualcosa è cambiato anche nella lavorazione del prodotto che arriva sul mercato illegale, di certo di qualità più scadente». Nella "carriera" diun tossicodipendente quanto pesa il frequente rito iniziatico dello spinelio? «Allora, didamo cosi: quasi la totalità di chi diventa dipendente da sostanze pesanti ha cominciando facendo uso di marijuana o hashish, ma solo podii di quelli che fumano le canne finiscono con l'eroina o la cocaina La canna non è l'inizio di un percorso di dipendenza, ma più che altro un primo "battesimo", che però evidenzia già fa predisposizio ne del soggetto alla sperimentazione di stupefacenti. Ed è per questo che bisogna comunque tenere un profilo di controllo alto, anche nella gestione e nei controlli della sperimentazione per uso terapeutico».

9 L A S I C I L I A U n a d o n n a c a t a n e s e. O M B R E T T A C R A S S O QTANIA. Combatte dal 1997 contro la sclerosi multipla una grave malattia invalidante e senza cura che giorno dopo giorno rende sempre piiì difficili I suoi movimenti, rallenta i suoi gesti, le toglie le forze. Un mostro per ora invincibile che attacca il sistema nervoso e rende sempre più difficile la vita Lei resiste, non si arrende, sperimenta. Si chiama L 1, ha 48 anni, vive in provincia di Catania e ha provato la cannabis a scopo terapeutica «Ho scoperto su internet che un'infinità di malati di sclerosi la usava con ottimi risultati - racconta - alcuni spiegavano che attutiva la spastìcità, al tri che aiutava nei disturbi della vescica, molti che smorzava i dolori neuroparid Non sapevo niente di niente e sono artdata su facebook per capire come poterla reperire. All'inizio mi ero scoraggiata: era complicato, bisognava ordinaria all'estero, c'erano molti passaggi e difficoltà a trovare neurologi che la prescrivessero. Ma da qualche tempo il farmaco è in fascia B e può essere prescritto dal medico curante o da uno specialista e ho pensato di provare». Grazie a facebook L T. scopre che mol- ti altri malati di sclerosi- in Sicilia sono più di , Hiv 0 sottoposti a chemioterapia in Italia e all'estero, sperimentano gli effetti della cannabis. Malati che proprio come nel film vincitore di due Oscar. "Dallas Buyers Club" - che affronta il tema scottante delle cure alternative, delle sperimentazioni e dell'autorizzazioni dei farmaci - uniscono le forze per trovare informazioni, avere più attenzione sui loro problemi, ottenere risposte più rapidamente. Come l'associazionè Cannabis Cura Sicilia o il cannabis social club italiano "Lapiantìamo" creato da tre malati di Lecce per riuscire a coltivare canapa a scopo terapeutico. «Ho trovato una farmacia galenica in provincia di Reggio Emilia che importa la cannabis terapeutica dall'olanda - prosegue L T. - e che mi ha dato molte indicazioni su come assumeria».

10 l A S i C H I A In una settimana le è arrivato a casa il Bedrocan, il farmaco più diffuso, in una confezione da 5 grammi per 185 euro più spese di spedizione. «Ben 36 euro al grammo, un costo non indifferente» commenta ama ramente. I risultati? Gli effetti positivi? L T. è fiduciosa ma cauta, precisa che la dose è molto soggettiva, «va verificata da ciascuno. Ho iniziato con una quantità minima da 30 milligrammi in iràjisione nel latte d'avena caldo due volte al giorno. Ho pian piano aumentato nell'arco di due mesi la dose passando a 60,90,120 milligrammi aumentando di conseguenze le quantità di latte. Ho capito che do vevo ancora aumentare le dosi per avere maggiori benefici, ma seguo un'alimentazione priva di grassi e adesso proverò ad assumeria in maniera differente attraverso un vaporizzatore che costa 520 euro». Per la terapia del dolore esistono molti farmaci «ma bisogna valutare anche anche gli effetti collaterali che per chi ha patologie gravi come la mìa sono molto temuti». Importante è anche la quantità di principi attivi - The (delta- 9-tetraidrocannabinolo) e Cbd (cannabidiolo) - contenuti nel farmaco e a Catania l'anno scorso si era già parlato della sperimentazione del Satìvex, dalla Canapa satìva. «Il più usato è il Bedrocan con il di The e meno dell'i %, gli alni sono Bedrobinol e BedioI». L T cerca di documentarsi, di capire cosa l'aiuta a stare meglio. E il suo racconto è certo lontanissimo dall'idea delle canne "da sballo" che sembra preoccupare chi è contro la cannabis terapeutica. Per chi fa ogni passo con fatica enorme, usa le stampelle o la carrozzina, ha dolori muscolari, ha l'aids subisce gli effetti della chemioterapia la cannabis terapeutica è una grande speranza. Sostenuta anche nelle nuove linee guida dell'american Academy of Neurology che segnalano come sia in grado di attenuare i sintomi della sclerosi multipla. La delibera approvata ieri è un grande passo avanti per aiutare i malati. «Spero di cnoscere presto i dettagli, sono cure costose. Sarebbe molto diverso poter usare i farmaci più rapidamente e gratuitamente». L T dal 1997 segue la dietì Kousmine, che elimina grassi, zuccheri e cibi industriali, puntando su vitamine e cereali. «Ho provato di tutto - racconta - dal metodo Zamboni all'aloe, ma sempre con cautela. Ogni tanto mi chiedo se sto facendo le scelte giuste e quanto sta avanzando la malattia e anche io procedo con qualche incertezza. Cè stato un momento in cui ho avuto paura e per alcuni mesi ho preso l'interferone, la terapia ufficiale, ma poi ho deciso di continuare a proteggere il mio sistema immunitario. Non c'è cura per questa patologia, ma si possono contrastare i sintomi, cercare di avere una buona qualità di vita. E non arrendersi».

11 L A S I C I L I A SI

12 L A S I C I L I A 5

13 la RepubblicaI Cannabis terapeutica via libera dalla Regione ma i medici si dividono in Sicilia la cannabis potrà essere utilizzata per uso terapeutico e per alleviareil dolore di malati terminali o affetti da gravi patologie degenerative come la sclerosi multipla, n via libera della giunta all'assessore alla Sanità Lucia Borsellino per «predisporre gu atti necessari» è arrivato ieri. Stando alle dichiarazioni del governatore Rosario Crocetta si tratterà di un >< atto amministrativo». L'utilizzo dei cannabinoidi sarà consentito in tutte le strutture accreditate pubbliche e private. «Una O R A S E R V E U N A L E G G E decisione di grande valore ci vile e sodale chemettela Regione Siciliana all'avanguardia come altre regioni europee», dicono Crocetta e Borsellino. Esprime «apprezzamento» per la decisione del governo il deputato del Pd, Fabrizio Fenrandelli che già qualche settimana fa aveva depositato in Commissione Sanità all'ars un disegno di legge per regolamentare la materia. E che aggiunge: «È un atto di indirizzo. Ora si approvi una legge in parlamento». Di fatto, la scelta del governo siciliano riapre il dibattito su un tema caldo. A poche settimane dal via libera dato dall'esecutivo Renzi all'uso della canapa a scopo terapeutico con un'inversione di rotta rispetto ai precedenti governi nazionali A marzo, infatti, il Consiglio dei Ministri ha deciso di non impugnare davanti alla Corte costituzionale la legge varata dalla regione Abruzzo e che disciplina proprio i modi in cui i farmaci a base di cannabinoidi possono essere distribuiti con finalità terapeutiche. Una norma considerata oggi la più liberale tra quelle varate finora dalle Regioni in linea con quanto previsto nel 2007da un decreto dell'ex ministro Livia Turco. Ma a pesare sulla decisione del governo Crocetta ci sono, si legge nella nota diramata dalla presidenza, anche «varie sentenze che hanno riconosciuto a diversi pazienti, in particolare ai malati affetti da sclerosi multipla, la copertura terapeutica con tale sostanza». Appena qualche mese fa, anche Umberto Veronesi, lo stesso che nel 2000, da ministro alla sanità, aveva chiesto che si aprisse ufficialmente la sperimentazione del The ( principio attivo della cannabis) per alleviare il dolóre, aveva rilanciato l'urgenza di cambiare passo, con un appello pubblicato su Repubblica Con la decisione di ieri, la Sicilia va ad aggiungersi ad altre otto regioni italiane che hanno già legiferato sulla materia. La prima a promulgare una legge è stata la Toscana nel Poi la Liguria che vide impugnato il provvedimento dal governo Monti, cosi come, poco dopo, la Regione Veneto. Nel 201 sono andati nella stessa direzione le Marche, il Friuli Venezia Giulia e la Puglia. Mentre pochi giorni fa la Commissione Sanità della regione Umbria ha approvato un suo disegno di legge. In Sicilia i particolari si conosceranno nei prossimi giorni. La linea decisa ieri dall'esecutivo Crocetta è che «la prescrizione dovrà essere effettuata solo da medici specialistici all'interno di strutture sanitarie mentre il percorso terapeutico potrà essere eseguito anche al domicilio del paziente. Così da evitare qualsiasi abuso».

14 la Repubblica27M2014 Cannabis terapeutica via libera dalla Regione m a i medici si dividono Unmesefaunuomocon u n tumore èstato assolto perchésecondo il magistrato l'uso non costituiva reato

15 Cannabisterapeutica vialiberadallaregione maimedicisidividono P^oneinStmauiepubbliche n LaSiciliaèrultìmar^one perrutilizzodegli oppioidi come palliativi dellasofferenza nei pazienti affetti da cancro

16 Marsalaviva.it Sicilia, ok a uso cannabis terapeutico. Crocetta: "Provvedimento nasce da modifiche legislazione italiana" La giunta regionale siciliana ha approvato una delibera con la quale Lo rende noto il governatore. Rosario Crocetta. "Il provvedimento nasce

17 LIVESICILIA La giunta: "Sì alla cannabis per uso terapeutico" PALERMO-

18 VillaSofia,ilcasoèpolitico Lacommissionedell'Ais "ViaSampierieTutìno" 1 L'assessore allasanità Lucia Boisellino convocata in procura come parte lesa j

19 LIVESICILIA Villa Sofia, l'indagine nasce dall'esposto di un medico PALERMO- "Tutti'interventi di Tutino,

20 LIVESICILIA L'inchiesta sull'ospedale Villa Sofia. Si indaga sugli interventi di Tutino

21 LIVESICILIA Villa Sofia, blitz dei Nas. Indagati Sampieri e Tutino PALERMO Alla fine, dunque, la polveriera Villa Sofia è esplosa. La documentazione riguarda,

22 Giudizio che si legge Nel giudizio sul colloquio la Commissione aggiungeva: A proposito del Policlinico. A completare il quadro da polveriera

23 LIVESICILIA li caso Villa Sofìa all'ars. Sarà ascoltata la Borsellino PALERMO - La commissione Sanità dell'assemblea siciliana vuole vederci chiaro sull'inchiesta che coinvolge alcuni sanitari dell'ospedale Villa Sofia,

24 LIVESICILIA "Una legge per dare ai disabili assistenza tutto l'anno" Carissimo presidente Il Concetto di base Ed è p r o p r i o p e r q u e s t o c h e in d u e r i g h e proverò a chiarirle q u a n t o a c c a d e. Negli anni queste figure si sono specializzate,

25 M i v o r r e i c o n v i n c e r e c h e t u t t o ciò accadrà s o l o perchè n e s s u n o lo h a m a i d e n u n c i a t o Ma lasciando stare quello che dì migliorabile c'è in questo settore io le porgo una richiesta. Angelo Barranca

26 I nega come funziona il nostro Dna

27 2014 come»iega funziona cheaiuterà2fe VOTsioni

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nell ambito del servizio sanitario regionale Iniziativa del Consigliere

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore *** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 2114/2.6 del 08.02.2011 Proposta di Legge Regionale: Disposizioni in materia

Dettagli

*** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale:

*** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale: *** Consiglio Regionale della Toscana *** Consiglio regionale della Toscana TESTO SOSTITUTIVO Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 9611/2.6 del 08.06.2011 - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale: Disposizioni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, concernenti l uso terapeutico della cannabis sativa

Dettagli

Alessandro Benzi Matteo Rossi Giacomo Conti

Alessandro Benzi Matteo Rossi Giacomo Conti Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA *********************************************************************************************** IX LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2028 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI Disposizioni concernenti

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PORETTI e PERDUCA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Disposizioni riguardanti l acquisto, il possesso,

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI Questo strumento è stato creato per facilitare gli operatori sanitari nella valutazione e nell educazione dei pazienti trattati

Dettagli

Livello B1 Assistenza Familiare. Unità 2. Servizi Sanitari e Farmaci. In questa unità imparerai:

Livello B1 Assistenza Familiare. Unità 2. Servizi Sanitari e Farmaci. In questa unità imparerai: Livello B1 Assistenza Familiare Unità 2 Servizi Sanitari e Farmaci In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla ricetta medica del servizio sanitario nazionale. parole relative

Dettagli

Estratto rassegna 18 Aprile 2014. Disagio mentale.non più <>, a Palermo Psichiatria arriva al. Policlinico.

Estratto rassegna 18 Aprile 2014. Disagio mentale.non più <<Isola>>, a Palermo Psichiatria arriva al. Policlinico. Estratto rassegna 18 Aprile 2014 GdS Disagio mentale.non più , a Palermo Psichiatria arriva al Policlinico. I OSteri Chiesa dello Spasimo e mercati storici *o. Oggi alle 17, alla Sala Magna dello

Dettagli

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa National Community Education Initiative Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa Asking Questions Can Help: An aid for people seeing the palliative care team Italian

Dettagli

DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA

DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA Gentilissimo/a, Cittadinanzattiva, e in particolare il Tribunale per i diritti del malato e il Coordinamento

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. Il Consiglio regionale ha approvato. Il Presidente della Giunta regionale.

PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. Il Consiglio regionale ha approvato. Il Presidente della Giunta regionale. 8 PARTE PRIMA LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 28 settembre 2012, n. 38 Disposizioni relative alla erogazione dei medicinali e dei preparati galenici magistrali a base di cannabinoidi per

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Venerdì 06 marzo 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Venerdì 06 marzo 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Venerdì 06 marzo 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 6 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 10 Prime Pagine Rassegna associativa

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11

ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA ESPERIENZA USL 11 Etica delle cure palliative in oncologia S Miniato 19/10/13 La morte affronto clinico? Per l uomo l delle culture passate, la morte aveva la forma di

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con in collaborazione con Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

La marijuana è un medicinale?

La marijuana è un medicinale? La marijuana è un medicinale? Da oltre 20 anni negli Stati Uniti la marijuana viene somministrata per alleviare una vasta gamma di disturbi. Si ritiene che la marijuana aiuti in presenza di stati dolorosi

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Salute: Sla, progetto idroterapia da Borsa Italiana e Ass. "Aldo Perini"

Salute: Sla, progetto idroterapia da Borsa Italiana e Ass. Aldo Perini http://salute24.ilsole24ore.com/articles/11968-salute-sla-progetto-idroterapia-da-borsa-italiana-e-ass-aldo-perini Salute: Sla, progetto idroterapia da Borsa Italiana e Ass. "Aldo Perini" Fisioterapia

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO IX LEGISLATURA 128ª Seduta pubblica Martedì 18 settembre 2012 Deliberazione legislativa n. 34 OGGETTO: PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE PETTENÒ RELATIVA A DISPOSIZIONI

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

RASSEGNA STAMPA: NUTRIZIONE E BENESSERE A cura di www.integratorinutrizionali.it - infoline: 347 3712411

RASSEGNA STAMPA: NUTRIZIONE E BENESSERE A cura di www.integratorinutrizionali.it - infoline: 347 3712411 NUTRIZIONE CELLULARE: QUELLO CHE IL TUO MEDICO DEVE SAPERE Parla il Dr. David B. Katzin, M.D., Ph.D. specialista in Scienza della Nutrizione, Fisiologia, Cardiovascolare e Medicina interna (...) Io sono

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Realizzato da: Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano Istituto Superiore di Sanità Che cos è un tumore?

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO AOO Consiglio Regionale del Veneto - Ufficio archivio e protocollo - 03/01/2011-0000046 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO 3 Consiglia regionale dei Veneto Interno dei ÓI/ÓlMoiI Num. 0000048 CRV CRV Venezia,

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2526 del 23 dicembre 2014 pag. 1/10

ALLEGATOA alla Dgr n. 2526 del 23 dicembre 2014 pag. 1/10 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2526 del 23 dicembre 2014 pag. 1/10 LINEE DI INDIRIZZO PER L UTILIZZO DEI MEDICINALI A BASE DI CANNABINOIDI NELLA REGIONE VENETO - LEGGE REGIONALE

Dettagli

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it

La Rassegna Stampa è consultabile nel sito: www.ancesicilia.it Collegio Regionale dei Costruttori Edili Siciliani 90133 Palermo, Via A. Volta, 44 Tel.: 091/333114/324724 Fax: 091/6193528 C.F. 80029280825 - info@ancesicilia.it www.ancesicilia.it La Rassegna Stampa

Dettagli

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli

SCLEROSI MULTIPLA: il volto quotidiano della malattia. Monza, 9 aprile 2014

SCLEROSI MULTIPLA: il volto quotidiano della malattia. Monza, 9 aprile 2014 SCLEROSI MULTIPLA: il volto quotidiano della malattia Monza, 9 aprile 2014 Diritti dei lavoratori affetti da SM Agevolazioni Legge. n. 104/92 [Permessi retribuiti, scelta, ove possibile, della sede di

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Cos è la cefalea cronica quotidiana?

Cos è la cefalea cronica quotidiana? Lifting The Burden Campagna mondiale di informazione per la lotta contro la cefalea Cos è la cefalea cronica quotidiana? Cos'è la cefalea cronica quotidiana? "Ho iniziato ad avere mal di testa che comparivano

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai:

Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai: a comprendere testi orali e scritti sulla sanità a parlare della tua salute parole relative alla corpo umano e alla salute a usare il passato prossimo

Dettagli

Rassegna Stampa. Comunicato stampa LA SIFO: AFFIDARE AL FARMACISTA I CONTROLLI DELLE TERAPIE COSI' SI POSSONO RIDURRE GLI ERRORI IN REPARTO

Rassegna Stampa. Comunicato stampa LA SIFO: AFFIDARE AL FARMACISTA I CONTROLLI DELLE TERAPIE COSI' SI POSSONO RIDURRE GLI ERRORI IN REPARTO Rassegna Stampa Comunicato stampa LA SIFO: AFFIDARE AL FARMACISTA I CONTROLLI DELLE TERAPIE COSI' SI POSSONO RIDURRE GLI ERRORI IN REPARTO Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B

Dettagli

01-07-10 MANOVRA: MALATI AIDS E MALATI CANCRO CHIEDONO CERTEZZE SU FARMACI

01-07-10 MANOVRA: MALATI AIDS E MALATI CANCRO CHIEDONO CERTEZZE SU FARMACI ASCA 01-07-10 MANOVRA: MALATI AIDS E MALATI CANCRO CHIEDONO CERTEZZE SU FARMACI (ASCA) - Roma, 1 lug - Le associazioni dei pazienti di Aids e oncologici ''richiamano Governo e AIFA a vigilare affinche'

Dettagli

Livello A2 Unità 9 Sanità

Livello A2 Unità 9 Sanità Livello A2 Unità 9 Sanità Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Vero Falso 1. Sergey va dal dottore per un influenza. X 2. Sergey ha sofferto di dolori alla schiena in

Dettagli

CHE CHI DICE NO: PAOLO ZAMBONI di Bernardo Iovene

CHE CHI DICE NO: PAOLO ZAMBONI di Bernardo Iovene CHE CHI DICE NO: PAOLO ZAMBONI di Bernardo Iovene Abbiamo chiesto di poter fare uno studio pilota, cioè iniziale per capire se trattare queste ostruzioni con un intervento mini invasivo che consiste nel

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

A.N.I.Ma.S.S. ONLUS. Associazione Nazionale Italiana Malati di Sindrome di Sjögren CHI SIAMO

A.N.I.Ma.S.S. ONLUS. Associazione Nazionale Italiana Malati di Sindrome di Sjögren CHI SIAMO A.N.I.Ma.S.S. ONLUS Associazione Nazionale Italiana Malati di Sindrome di Sjögren CHI SIAMO >> CHI SIAMO L Associazione A.N.I.Ma.S.S. ONLUS Associazione Nazionale Italiana Malati Sindrome di Sjögren, è

Dettagli

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete 1 - I bisogni e lo sviluppo della rete In Italia muoiono ogni anno oltre 159.000 persone a causa di una malattia neoplastica (ISTAT, 1998) e la maggior parte di esse, il 90% (143.100), necessita di un

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

I bisogni del paziente oncologico

I bisogni del paziente oncologico I bisogni del paziente oncologico F Manzin, G Fabbroni, P Silli, MG Todisco, V de Pangher Manzini Unità Operativa di Oncologia Ospedali di Gorizia e di Monfalcone ASS n. 2 Isontina Lavoro condotto con

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA

MODELLO ORGANIZZATIVO DELL UNITA CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE DELL A.O. SAN GERARDO DI MONZA TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE NEL PAZIENTE AFFETTO DA NEOPLASIA POLMONARE Guia Castagnini Raffaella Speranza U. CURE PALLIATIVE E TERAPIA DEL DOLORE A.O. SAN GERARDO MONZA - FINALITA ED OBIETTIVI

Dettagli

Dolore oncologico:adozione di uno strumento per la rilevazione e monitoraggio del dolore

Dolore oncologico:adozione di uno strumento per la rilevazione e monitoraggio del dolore Dolore oncologico:adozione di uno strumento per la rilevazione e monitoraggio del dolore A.O. San Camillo-Forlanini U.O.S.D. Formazione Permanente e Aggiornamento Continuo Roma Marzo-Aprile-Maggio 2011

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI BASE

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI BASE CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI BASE IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Il medico di medicina generale è il tutore della salute dei suoi assistiti. Egli opera all interno del Sistema Sanitario Nazionale

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare

Rassegna Stampa. Co n stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata. Preliminare Rassegna Stampa Preliminare Co n stampa Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B 25124 Brescia Tel. 030 22 61 05 Fax 030 24 20 472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it www.intermedianews.tv

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

http://www.report.rai.it/r2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255e90040,00.html NON SEMPRE IL FUMO FA MALE Paolo Barnard

http://www.report.rai.it/r2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255e90040,00.html NON SEMPRE IL FUMO FA MALE Paolo Barnard http://www.report.rai.it/r2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255e90040,00.html NON SEMPRE IL FUMO FA MALE Paolo Barnard In onda domenica 18 febbraio 2001 D - " Stefano, da quanto tempo è che convivi con

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE: L ESPERIENZA DELL ASL RM A

ASSISTENZA DOMICILIARE: L ESPERIENZA DELL ASL RM A DOTT.SSA TERESA CALAMIA Dir. Area del Farmaco ASL RM A ASSISTENZA DOMICILIARE: L ESPERIENZA DELL ASL RM A L area del Farmaco della ASL RMA assiste i pazienti affetti da malattie rare attraverso l allestimento,

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

In sintesi il trattamento di cui stiamo parlando è continuativo (6-12 mesi), salvavita e non facile da gestire lavorando.

In sintesi il trattamento di cui stiamo parlando è continuativo (6-12 mesi), salvavita e non facile da gestire lavorando. Anomalie e criticità nella concessione dei diritti per una migliore qualità di vita e compliance terapeutica nel malato di epatite, cirrosi e trapiantato di fegato Premessa L Associazione EPAC onlus intende

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Adherence Counselling

Adherence Counselling Adherence Counselling Tratto dal Progetto di riduzione dell'abbandono terapeutico e incremento dell'aderenza alla HAART negli ospedali del distretto Nord della Thailandiapresentato al XVI Congresso Internazionale

Dettagli

PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO

PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO PROGETTO LA SALUTE NEL RESPIRO Il respiro e la mente sono collegati così come il corpo e la mente. Il respiro riequilibra corpo e mente. Questo è il segreto della vita che abbiamo dimenticato Sri Sri Ravi

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 482 DEL 12/09/2011 O G G E T T O Adozione documento "Piano di contenimento

Dettagli

GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA

GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA 13 gennaio 2015 Hotel Cà Sagredo Venezia LIONS CLUB VENEZIA HOST GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA PANI ALESSANDRO Dir. Dipartimento Dipendenze Ulss 12 Veneziana DIPARTIMENTO

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Nazionale per le Politiche Antidroga REVISIONE DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 9 OTTOBRE 1990, N. 309 Modifiche ed integrazioni al testo unico

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Comunicato n. 332 12 dicembre 2007 Ministero della Salute UFFICIO STAMPA Senato approva Ddl proposto dal Ministro Turco sulla semplificazione degli adempimenti amministrativi connessi alla tutela della

Dettagli

Sezione Provinciale di Trapani

Sezione Provinciale di Trapani prot. p/13/se del 14/09/2013 Al dr. Vittoriano De Simone Direttore del distretto 4 - ASP 9 Trapani Al dr. Andrea farina Direttore del distretto 5 Trapani Alla dott. Lucia Borsellino assessore Regionale

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

Associazione Angela Serra per la Ricerca sul Cancro Onlus

Associazione Angela Serra per la Ricerca sul Cancro Onlus Associazione Angela Serra per la Ricerca sul Cancro Onlus È sempre la parabola del granello di senape che alla fine dimostra la sua validità. Un messaggio che non cade nel vuoto ma suscita prima interesse,

Dettagli

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella manovra Finanziaria 2008 La sanità nella manovra Finanziaria 2008/1 Più risorse per i livelli essenziali di assistenza e cresce il Fondo per i non autosufficienti Potenziato il piano pluriennale

Dettagli

Progetto Cure Palliative

Progetto Cure Palliative Progetto Cure Palliative Cure Palliative e Lotta al Dolore Progetto FIDAPA - Sezione di Torino, Italia: fax (+39) 011.096.52.918 info @ fidapatorinoprogetti.org (senza spazi) - www.fidapatorinoprogetti.org

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza

Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia: verso quali orizzonti di cura ed assistenza Le cure primarie in Italia oggi: i risultati dell Osservatorio Tematiche esplorate Cittadini No Profilo campionatura del rispondente

Dettagli

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia

Quando un figlio è malato: diritti e servizi sociali per la famiglia diritti e servizi sociali per la famiglia Cari Genitori, Questa brochure si propone di offrirvi sinteticamente informazioni utili e consigli pratici per orientarvi nel sistema dei servizi sociali e scolastici,

Dettagli

Come persone. Come professionisti

Come persone. Come professionisti Come persone Come professionisti PER PROMUOVERE LA QUALITA DELLA VITA PER FRONTEGGIARE SITUAZIONI DI DIFFICOLTA E DISAGIO -AUTODETERMINAZIONE DELLA PERSONA IL SERVIZIO SOCIALE, LA BIOETICA E LA RELAZIONE

Dettagli

AGENDA DIGITALE: DECRETO DEL FARE

AGENDA DIGITALE: DECRETO DEL FARE AGENDA DIGITALE: DECRETO DEL FARE di Emanuele Bellano CONFERENZA STAMPA PALAZZO CHIGI 15/06/2013 ENRICO LETTA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Buonasera, questo decreto rilancia l'agenda Digitale. È un intervento

Dettagli

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14 Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228 Dir. Resp.: Roberto Napoletano 25-OTT-2014 da pag. 14 Stabilità. Boschi: "Il taglio al fondo per i malati di Sla può essere rivisto in Parlamento" http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=24002

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Le competenze del medico di medicina generale. Perché il medico di famiglia può essere una risorsa nelle cure a casa?

Le competenze del medico di medicina generale. Perché il medico di famiglia può essere una risorsa nelle cure a casa? Le competenze del medico di medicina generale Perché il medico di famiglia può essere una risorsa nelle cure a casa? Federico Sciarra Roma, 10 giugno 2009 Sala Tevere, Regione Lazio GIA LO E In quelle

Dettagli

CONFIMI. Rassegna Stampa del 24/09/2015

CONFIMI. Rassegna Stampa del 24/09/2015 CONFIMI Rassegna Stampa del 24/09/2015 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Che cos è un tumore? Il nostro corpo è costituito da cellule che, pur diverse tra loro per aspetto e funzioni, si riproducono, si riparano e muoiono secondo gli stessi processi

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Casi pratici di comunicazione per il farmacista

Casi pratici di comunicazione per il farmacista Casi pratici di comunicazione per il farmacista 1 Premessa e Punti di vista Un futuro farmacista viene addestrato, ma vuol dire la sua opinione La storia Farmacia lunedì mattina ore 8.15 Buon giorno. Si

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli