*** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "*** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Proposta di Legge Regionale:"

Transcript

1 *** Consiglio Regionale della Toscana *** Consiglio regionale della Toscana TESTO SOSTITUTIVO Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 9611/2.6 del IX legislatura - Proposta di Legge Regionale: Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore ENZO BROGI VITTORIO BUGLI NICOLA DANTI IVAN FERRUCCI DANIELA LASTRI LUCIA MATERGI ROSANNA PUGNALINI MARCO SPINELLI PIERPAOLO TOGNOCCHI VINCENZO CECCARELLI TESTO SOSTITUTIVO di iniziativa dei consiglieri regionali: GIOVANNI ARDELIO PELLEGRINOTTI GIANFRANCO VENTURI

2 ANDREA MANCIULLI EUGENIO GIANI MARCO RUGGERI MATTEO TORTOLINI FABRIZIO MATTEI CATERINA BINI MARCO MANNESCHI MARTA GAZZARRI PAOLO BAMBAGIONI 2

3 Proposta di legge Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore Sommario Preambolo Art. 1 - Oggetto e finalità Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Disposizioni generali Art. 5 - Attuazione Art. 6 - Clausola valutativa Art. 7 - Norma finanziaria Preambolo Il Consiglio regionale Visto l articolo 117, terzo comma, della Costituzione; Visto l articolo 4, comma 1, lettera c), dello Statuto; Vista la legge 15 marzo 2010, n. 38 (Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore); Visto il decreto del Ministro della salute 18 aprile 2007 (Aggiornamento e completamento delle tabelle contenenti l'indicazione delle sostanze stupefacenti e psicotrope e relative composizioni medicinali, di cui al D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309, e successive modificazioni ed integrazioni, recante il testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope e di prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza); Visto il provvedimento 24 maggio 2001 (Accordo tra il Ministro della sanità, le regioni e le province autonome sul documento di linee-guida inerente il progetto "Ospedale senza dolore"); Considerato quanto segue: 1. Nella letteratura scientifica si trova una vasta produzione rispetto all uso anche terapeutico della cannabis e, con il tempo, il progresso scientifico ha permesso di arrivare alla produzione di derivati di sintesi, consentendo una compiuta valutazione dell impiego clinico dei cannabinoidi nella cura del glaucoma, nella prevenzione dell emesi, nel controllo di alcune spasticità croniche e come adiuvante nel controllo del dolore cronico neuropatico associato a sclerosi multipla; 3

4 2. Tra le principali sostanze psicoattive naturali derivate dalla Cannabis sativa, vi sono il delta-9 tetraidrocannabinolo (THC), il Cannabidiolo (CBD), i quali in associazione sono commercializzati per il trattamento del dolore nei pazienti affetti da cancro e da sclerosi multipla, ed il Cannabinolo; 3. Con il già citato decreto del Ministro della salute 18 aprile 2007 sono stati inseriti nella Tabella II, sezione B delle sostanze stupefacenti e psicotrope due farmaci derivati dalla cannabis, il Delta-9- tetraidrocannabinolo ed il Trans-delta-9-tetraidrocannabinolo (Dronabinol) ed un farmaco cannabinoide di sintesi, il Nabilone; 4. L inserimento dei cannabinoidi nella Tabella II, sezione B delle sostanze stupefacenti e psicotrope rende possibile utilizzarli nella terapia farmacologica (terapia del dolore, sclerosi multipla) e crea le basi normative per autorizzarne l immissione in commercio nel mercato italiano ancorché, allo stato attuale, non siano ancora reperibili nelle farmacie aperte al pubblico; 5. Nel nostro ordinamento comunque tali farmaci possono essere importati solo in casi di carenza di valida alternativa farmaceutica, secondo le modalità fissate nel decreto del Ministro della salute 11 febbraio 1997 (Modalità di importazione di specialità medicinali registrate all estero) ed alle modalità di cui alla circolare del Ministero della salute N.D.G.F.D.M./VIII/C.1.b.a/33499 del 3 ottobre 2006; 6. La Giunta regionale, con deliberazione n del 30 settembre 2002, aveva stabilito che le aziende unità sanitarie locali della Toscana, in caso di richiesta per la messa in atto delle procedure di cui al citato decreto del Ministro della salute 11 febbraio 1997, al fine di consentire l erogazione di medicinali non registrati in Italia, dovessero provvedere all erogazione di tali farmaci facendosi direttamente carico, nei limiti di importo indicati nella predetta delibera, delle spese per l acquisto di detti medicinali e di tutti gli oneri connessi; 7. Al fine di dare organicità alla materia, a seguito delle disposizioni summenzionate, appare necessario un provvedimento di rango legislativo che promuova l accesso ad una categoria di farmaci, quali quelli cannabinoidi, che possono costituire ausilii complementari a quelli ordinariamente usati nella cosiddetta terapia del dolore; Approva la presente legge Art. 1 Oggetto e finalità 1. La Regione Toscana, ai sensi dell articolo 117, terzo comma, della Costituzione e nel rispetto dei limiti derivanti dalla legislazione statale, promuove l utilizzo di farmaci cannabinoidi nell ambito della terapia del dolore e delle cure palliative da parte degli operatori e delle strutture del servizio sanitario regionale. 2. La presente legge definisce modalità procedurali e organizzative funzionali all utilizzo di farmaci cannabinoidi per i fini di cui al comma 1 nell osservanza della legge 15 marzo 2010, n. 38 (Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore), fatta salva l autonomia e la responsabilità del medico curante nella scelta terapeutica. 4

5 Art. 2 Definizioni 1. Ai fini della presente legge si applicano le seguenti definizioni contenute nella legislazione statale: a) cure palliative : l insieme degli interventi terapeutici, diagnostici e assistenziali, rivolti sia alla persona malata sia al suo nucleo familiare, finalizzati alla cura attiva e totale dei pazienti la cui malattia di base, caratterizzata da un inarrestabile evoluzione e da una prognosi infausta, non risponde più a trattamenti specifici, secondo quanto previsto dall articolo 2, comma 1, lettera a), della l. 38/2010. b) terapia del dolore : l insieme di interventi diagnostici e terapeutici volti a individuare e applicare alle forme morbose croniche idonee e appropriate terapie farmacologiche, chirurgiche, strumentali, psicologiche e riabilitative, tra loro variamente integrate, allo scopo di elaborare idonei percorsi diagnostico-terapeutici per la soppressione e il controllo del dolore, secondo quanto previsto dall articolo 2, comma 1, lettera b), della l.r. 38/2010; c) farmaci cannabinoidi, i farmaci derivati dalla Cannabis inclusi nella sezione B della tabella II del decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309 (Testo unico in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza). Art. 3 Ambito di applicazione 1. La presente legge si applica alle aziende unità sanitarie locali e alle aziende ospedaliero-universitarie di cui agli articoli 32 e 33 della legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del Servizio sanitario regionale) nonché alle strutture private convenzionate di cui all articolo 76 della stessa l.r. 40/2005. Art. 4 Disposizioni generali 1. La somministrazione dei farmaci cannabinoidi nelle cure palliative e nella terapia del dolore è consentita solo quando altri farmaci disponibili si siano dimostrati inefficaci o inadeguati al bisogno terapeutico del paziente, così come previsto dall articolo 2 del decreto del Ministro della salute 11 febbraio 1997 (Modalità di importazione di specialità medicinali registrate all estero). 2. L acquisto dei farmaci cannabinoidi per i fini di cui al comma 1 è posto a carico del Servizio sanitario regionale quando ricorrono tutte le seguenti condizioni: a) la fase di inizio del trattamento si svolge in ambito ospedaliero o in strutture ad esso assimilabili, ivi compresi i centri residenziali di cure palliative, denominati hospice, di cui all art. 2, comma 1, lettera e), della l. 38/2010; b) l eventuale prosecuzione del trattamento in via domiciliare per il paziente è condizionata all esigenza di una continuità terapeutica con il ricorso ai farmaci cannabinoidi già utilizzati negli ambiti e nelle strutture di cui alla lettera a); in tal caso i farmaci cannabinoidi sono acquisiti tramite la farmacia ospedaliera. Art. 5 5

6 Attuazione 1. Le implicazioni finanziarie e procedimentali derivanti dall assunzione a carico del Servizio sanitario regionale degli oneri di cui all articolo 4, comma 2, sono regolate attraverso gli atti di programmazione, di indirizzo e di gestione previsti dalla l.r. 40/ Il Consiglio sanitario regionale può elaborare proposte e pareri sull utilizzo appropriato dei farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore e nelle cure palliative, ai fini della compiuta applicazione in ambito regionale delle linee guida di cui all articolo 3, comma 2, della l. 38/ Art. 6 Clausola valutativa 1. La Giunta regionale trasmette al Consiglio regionale, entro il trentuno marzo 2013, una relazione argomentata sull attuazione della presente legge, nella quale sono contenute in particolare le seguenti informazioni: a) emanazione dei provvedimenti attuativi, ivi compresi i pareri e le proposte eventualmente emanate ai sensi dell articolo 5, comma 2; b) numero di pazienti trattati con farmaci cannabinoidi, con riferimento al numero potenziale dei soggetti beneficiari determinato secondo le indicazioni vigenti, distinto per patologia e per tipologia di assistenza; c) andamento dei costi relativi a farmaci per terapia del dolore, distinti tra cannabinoidi e farmaci tradizionali; d) andamento del numero e della durata dei ricoveri, distinto secondo le diverse tipologie, dei pazienti sottoposti a tale terapia; e) elementi quali-quantitativi relativi agli aspetti medico-sanitari dei trattamenti con farmaci cannabinoidi effettuati; f) eventuali criticità emerse nell applicazione della legge e degli atti previsti da essa, con riferimento anche alle eventuali differenze riscontrate sul territorio regionale. 2. Successivamente, le informazioni di cui al comma 1 sono riportate in una specifica sezione della relazione sanitaria regionale di cui all articolo 20, comma 3, della l.r. 40/2005. Art. 7 Norma finanziaria 1. Agli oneri derivanti dall'applicazione della presente legge si fa fronte per l'anno 2011 con le risorse di cui all'upb Assistenza territoriale - spese correnti e all UPB 253-Assistenza ospedaliera spese correnti. 2. Alla copertura degli oneri derivanti dall'applicazione della presente legge per le annualità successive si provvede con legge di bilancio. 6

7 RELAZIONE ILLUSTRATIVA La presente proposta di legge è finalizzata a garantire ai cittadini residenti in Toscana l accesso ai farmaci cannabinoidi quale ausilio terapeutico nella c.d. terapia del dolore e nelle cure palliative. Essa si fonda su acquisizioni scientifiche, sperimentazioni e pratiche cliniche sempre più diffuse a livello mondiale e vuole portare a compimento al livello più alto e solenne, ovvero la legge, percorsi intrapresi e decisioni adottate con altri tipo di provvedimento non solo dalla Regione Toscana ma anche da altre Regioni. Risultanze scientifiche Rispetto alla categoria di farmaci individuati dalla proposta di legge dalle pubblicazioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) risulta che i medicinali cannabinoidi trovano indicazione nel trattamento farmacologico della nausea e del vomito in pazienti affetti da neoplasie ed AIDS sottoposti alle cure con farmaci antiblastici e antivirali. Altri usi terapeutici si stanno studiando in sperimentazioni cliniche sull uomo e riguardano il trattamento dell asma e del glaucoma; inoltre si sta valutando la loro attività antidepressiva, anticonvulsivante, antispasmodica e come stimolanti dell appetito. Da alcune evidenze scientifiche risulterebbero proprietà che hanno i cannabinoidi di ridurre i dosaggi degli analgesici oppiacei, quali la morfina e i suoi analoghi, necessari a lenire il dolore nei malati oncologici sottoposti a trattamenti cronici, che, quindi, vanno incontro a fenomeni di assuefazione, caratteristici degli oppiacei. La necessità di aumentare sistematicamente i dosaggi degli analgesici oppiacei, infatti, può portare alla comparsa di effetti indesiderati, talvolta di grave entità, come il blocco intestinale. La contemporanea somministrazione degli oppiacei con i derivati della cannabis riduce la probabilità dell instaurarsi di tali effetti indesiderati. 1 Quadro normativo Dal punto di vista più prettamente normativo, alcuni farmaci cannabinoidi registrati e commercializzati all estero sono stati inseriti, con decreto del Ministero Della Salute del 18 aprile 2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale N. 98 del 28 Aprile 2007, nella Tabella II, sezione B delle sostanze stupefacenti e psicotrope. Nello specifico il Ministero della Salute ha inserito nell elenco due farmaci derivati dalla cannabis, il Delta-9-tetraidrocannabinolo ed il Trans-delta-9-tetraidrocannabinolo (Dronabinol). Inoltre, nella stessa tabella, è stato inserito un farmaco cannabinoide di sintesi, il Nabilone. L introduzione dei cannabinoidi nella Tabella II, sezione B delle sostanze stupefacenti e psicotrope rende possibile utilizzarli nella terapia farmacologica e consentirebbe anche di iniziare la procedura per l immissione in commercio nel mercato italiano, che è competenza dell AIFA. Si ricorda, a tal proposito, che allo stato attuale non ancora sono presenti nel mercato nazionale medicinali a base di Delta-9-tetraidrocannabinolo, di Trans-delta-9-tetraidrocannabinolo 1 Da 7

8 (Dronabinol) e di Nabilone autorizzati all immissione in commercio e cioè essi non sono reperibili nelle farmacie aperte al pubblico. I medici che ritengono di dover sottoporre propri pazienti a terapia farmacologica con derivati della cannabis devono richiederne l importazione dall estero all Ufficio Centrale Stupefacenti del Ministero della salute. 2 Allo stato attuale, pertanto, si applicano le disposizioni del D.M. 11 febbraio 1997 e successive modificazioni ed integrazioni, riguardante appunto le modalità di importazione di specialità medicinali registrate all'estero. Pertanto, secondo la normativa vigente, rispetto alla procedura per la somministrazione, l Ufficio centrale stupefacenti rilascia, su richiesta del medico curante (medico di medicina generale o specialista) o del medico ospedaliero, effettuata per il tramite delle aziende sanitarie locali o delle farmacie ospedaliere, l autorizzazioni per l importazione di medicinali stupefacenti registrati nel paese di provenienza. Rispetto ad uno dei punti focali per l effettività dell accesso a tali tipologie di farmaci, ovvero l onere per l acquisto di tali farmaci, l'art. 5 del citato D.M restringe tale possibilità ad una fattispecie definita, quella dell acquisto richiesto da una struttura ospedaliera in ambito ospedaliero. L art. 5 afferma infatti che "l'onere della spesa per l'acquisto dei medicinali di cui all'art.1 non deve essere imputato ai fondi attribuiti dallo Stato alle regioni e provincie autonome per l'assistenza farmaceutica, tranne il caso in cui l'acquisto medesimo venga richiesto da una struttura ospedaliera per l'impiego in ambito ospedaliero. In quest'ultimo caso, fatti salvi i vincoli di bilancio e quelli eventualmente posti dalla normativa regionale,l'azienda ospedaliera potrà far gravare la relativa spesa nel proprio bilancio al pari dei farmaci in commercio in Italia e degli altri beni necessari per lo svolgimento delle prestazioni di assistenza sanitaria". Pertanto l onere per l acquisto di tali farmaci è a carico delle finanze regionali solo nel caso in cui l acquisto stesso venga richiesto da una struttura ospedaliera. Gli interventi delle Regioni in materia In questo quadro la Regione Toscana è stata la prima in Italia, con la deliberazione della Giunta regionale n. 1052/2002, a impartire specifiche direttive alle Aziende USL della Toscana, stabilendo che, in caso di richiesta, da parte di assistiti residenti nella Regione Toscana che si rivolgono alle predette aziende U.S.L. per la messa in atto delle procedure di cui al decreto 11 febbraio 1997 ( ) di erogazione di medicinali non registrati in Italia esse devono provvedere all erogazione stessa facendosi direttamente carico, nei limiti di importo indicati nella predetta delibera, delle spese per l acquisto di detti medicinali e di tutti gli oneri connessi. La delibera citata riguarda tutti i medicinali non registrati in Italia e quindi anche quelli oggetto del presente provvedimento legislativo. Sulla scorta della Regione Toscana, la Regione Puglia con la Delib.G.R. 9 febbraio 2010, n. 308 ha disciplinato le modalità di accesso alla somministrazione dei farmaci cannabinoidi, ponendo il loro acquisto a carico delle aziende USL. Successivamente analogo provvedimento è stato adottato anche dalla Regione Marche, con Delib.G.R n L articolato 2 Ibidem 8

9 Da questa breve elencazione si nota che le Regioni abbiano utilizzato un provvedimento amministrativo al fine di garantire l accesso ai farmaci cannabinoidi mentre la presente proposta di legge, visto il significato simbolico e giuridico del provvedimento legislativo nelle fonti del diritto, vuole innanzitutto sancire che la Regione Toscana promuove l utilizzo dei farmaci cannabinoidi nell ambito della terapia del dolore e delle cure palliative (art.1). Tale attività avviene appunto secondo le modalità organizzative e procedurali sancite dalla presente proposta di legge e secondo la normativa nazionale vigente in materia di utilizzo di stupefacenti e di riparto di competenze in materia sanitaria tra Stato e Regione. Il presente provvedimento si muove quindi in coerenza con il quadro normativo delineato dal legislatore nazionale con la legge n. 38 (Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore), che nel suo art. 1 tutela il diritto del cittadino ad accedere alle cure palliative e alla terapia del dolore. Viene infatti compiuto esplicito riferimento al fatto che l utilizzo dei farmaci cannabinoidi avviene nell ambito della terapia del dolore e delle cure palliative, quindi secondo l uso attualmente previsto dalla letteratura scientifica per tali farmaci. In coerenza con la giurisprudenza costituzionale (sent. n. 282/2002 e n. 338/2003) la proposta di legge fa comunque salva (art. 1 c.2) l imprescindibile autonomia e la responsabilità del medico nella scelta terapeutica 3. A conferma del rispetto del quadro normativo nazionale esistente in materia, l art. 2 fornisce definizioni di cure palliative, terapia del dolore e di farmaci cannabinoidi chiaramente coerenti con il dettato del legislatore statale. L art. 3 chiarisce l ambito di applicazione della proposta di legge: le strutture del servizio sanitario regionale e le aziende ospedaliere universitarie ex artt della l.r. 40/2005, oltre alle strutture private convenzionate di cui all art. 76 della l.r. 40/2005. L art. 4 fissa le disposizioni generali per la somministrazione dei farmaci cannabinoidi, in coerenza con quanto stabilito dal D.M. 11 febbraio 1997 che stabilisce appunto le modalità di importazione dei farmaci registrati all estero e non commercializzati in Italia, categoria nella quale rientrano i farmaci oggetto del presente provvedimento. In linea con quanto affermato dal D.M. 11 febbraio 1997, l art. 4 afferma che la somministrazione dei farmaci cannabinoidi avviene solo quando altri farmaci disponibili si siano dimostrati inefficaci o inadeguati al bisogno terapeutico del paziente. Per quanto riguarda la presa in carico, da parte del servizio sanitario regionale, dell acquisto dei farmaci cannabinoidi, essa viene garantita purché si verifichino alcune condizioni che sono poste al riguardo dal richiamato D.M. 11 febbraio 1997, quindi che: - la fase di inizio del trattamento si svolga in ambito ospedaliero o in strutture ad esso assimilabili, ivi compresi i centri residenziali di cure palliative, denominati hospice ; - l eventuale prosecuzione del trattamento in via domiciliare per il paziente sia condizionata all esigenza di una continuità terapeutica con il ricorso ai farmaci cannabinoidi già utilizzati negli 3 Afferma infatti la Corte Costituzionale nella sentenza n. 282/2002: Poiché la pratica dell'arte medica si fonda sulle acquisizioni scientifiche e sperimentali, che sono in continua evoluzione, la regola di fondo in questa materia è costituita dalla autonomia e dalla responsabilità del medico che, sempre con il consenso del paziente, opera le scelte professionali basandosi sullo stato delle conoscenze a disposizione. Autonomia del medico nelle sue scelte professionali e obbligo di tener conto dello stato delle evidenze scientifiche e sperimentali, sotto la propria responsabilità, configurano dunque un altro punto di incrocio dei principi di questa materia. 9

10 ambiti e nelle strutture di cui all art. 3 e, in questo specifico caso, la proposta di legge stabilisce che i farmaci cannabinoidi sono comunque acquisiti tramite la farmacia ospedaliera, in coerenza con le statuizioni del predetto decreto ministeriale. L attuazione delle disposizioni generali di cui all art. 4 è contenuta nell art. 5 della proposta di legge, che rinvia la disciplina delle implicazioni procedimentali e finanziarie necessarie per l assunzione dei costi di acquisto al servizio sanitario regionale agli atti di programmazione, di indirizzo e di gestione previsti dall attuale normativa regionale di cui alla l.r. 40/2005. Per quanto riguarda l aspetto più strettamente medico-scientifico rispetto all utilizzo dei farmaci cannabinoidi, l art. 5 c.2 conferisce al Consiglio Sanitario Regionale la facoltà di elaborare proposte e pareri per la somministrazione appropriata dei farmaci oggetto della presente legge. L art. 6 introduce una clausola valutativa attraverso la quale il Consiglio Regionale viene periodicamente informato dalla Giunta Regionale rispetto agli effetti derivanti dalla vigenza del provvedimento, con particolare attenzione ad una serie di elementi conoscitivi espressamente richiamati nell articolato. L art. 7 reca le disposizioni di ordine finanziario e fa riferimento, per l anno 2011, ai capitoli del bilancio regionale afferenti all assistenza sanitaria territoriale ed ospedaliera, mentre per gli anni seguenti si rinvia alla relativa legge di bilancio. 10

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore *** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 2114/2.6 del 08.02.2011 Proposta di Legge Regionale: Disposizioni in materia

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nell ambito del servizio sanitario regionale Iniziativa del Consigliere

Dettagli

Regione Umbria. LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7. Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi.

Regione Umbria. LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7. Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi. Regione Umbria LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7 Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi. Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 20 del 23/04/2014 L'Assemblea

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre CURE PALLIATIVE Troverete copia di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Proposta di Legge regionale: Interventi per la parità di accesso dei cittadini non udenti alla pubblica amministrazione regionale.

Proposta di Legge regionale: Interventi per la parità di accesso dei cittadini non udenti alla pubblica amministrazione regionale. Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 112 Prot. n. 17038/2.6 del 19.10.2011 Proposta di Legge regionale: Interventi per la parità di accesso dei cittadini non udenti alla pubblica amministrazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi

DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del Senatore Manconi Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, concernenti l uso terapeutico della cannabis sativa

Dettagli

134 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1162

134 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1162 134 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1162 Indirizzi procedurali ed organizzativi per l attuazione della Legge Regionale 8 maggio 2012 n 18,

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 119

PROPOSTA DI LEGGE N. 119 PROPOSTA DI LEGGE N. 119 presentata dai consiglieri Ussai, Bianchi, Dal Zovo, Frattolin, Sergo il 23 ottobre 2015

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1361 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore POLLEDRI, STIFFONI, LEONI, CALDEROLI, FRANCO Paolo, DIVINA, ALBERTI CASELLATI, BURANI PROCACCINI, BIONDI, REBUZZI,

Dettagli

VIA LIBERA AL DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DALLA CAMERA DEI DEPUTATI CHE ORA PASSA ALL'ESAME DEL SENATO

VIA LIBERA AL DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DALLA CAMERA DEI DEPUTATI CHE ORA PASSA ALL'ESAME DEL SENATO VIA LIBERA AL DISEGNO DI LEGGE APPROVATO DALLA CAMERA DEI DEPUTATI CHE ORA PASSA ALL'ESAME DEL SENATO GLI ANESTESISTI RIANIMATORI INDIVIDUATI COME FIGURE PROFESSIONALI CON SPECIFICHE COMPETENZE ED ESPERIENZE

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica

Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica Approvato dal Comitato Etico nella seduta del 20 luglio 2010 Redatto da: -

Dettagli

(28 gennaio 2009) PROPOSTA DI TESTO UNIFICATO ELABORATA DAL COMITATO RISTRETTO (C. 624 e abbinate)

(28 gennaio 2009) PROPOSTA DI TESTO UNIFICATO ELABORATA DAL COMITATO RISTRETTO (C. 624 e abbinate) (28 gennaio 2009) PROPOSTA DI TESTO UNIFICATO ELABORATA DAL COMITATO RISTRETTO (C. 624 e abbinate) Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative e alle terapie del dolore. Art. 1. (Finalità).

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento reca misure urgenti per far fronte alle criticità derivanti, sotto il profilo della tutela della salute, dall emanazione della sentenza n. 32/2014 della

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

La Legge 38/2010 e le cure palliative italiane

La Legge 38/2010 e le cure palliative italiane una bella scatola semivuota: saranno proprio i decreti a riempirla di contenuti convincenti e solidi o vaghi e poco consistenti. Siamo da un lato fiduciosi nell impegno e nella competenza delle Istituzioni

Dettagli

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore *** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 2114/2.6 del 08.02.2011 Proposta di Legge Regionale: Disposizioni in materia

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012

DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 DELIBERAZIONE N IX / 4139 Seduta del 10/10/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1807/2015 ADOTTATA IN DATA 26/11/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1807/2015 ADOTTATA IN DATA 26/11/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1807/2015 ADOTTATA IN DATA 26/11/2015 OGGETTO: Rinnovo della convenzione con l Università degli studi di Milano - Bicocca per l utilizzo di strutture extrauniversitarie a favore della

Dettagli

XII Commissione - Mercoledì 25 febbraio 2009

XII Commissione - Mercoledì 25 febbraio 2009 XII Commissione - Mercoledì 25 febbraio 2009 Pag. 107 ALLEGATO Disposizioni per garantire l'accesso alle terapie del dolore e alle cure palliative. C. 624 Binetti, C. 635 Polledri e Rivolta, C. 1141 Livia

Dettagli

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.04.2003 (Gazzetta Ufficiale 28 maggio 2003, n. 122)

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.04.2003 (Gazzetta Ufficiale 28 maggio 2003, n. 122) Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.04.2003 (Gazzetta Ufficiale 28 maggio 2003, n. 122) Modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro della sanità del 24 maggio 2001, concernente "Approvazione

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

Nota illustrativa dell articolo

Nota illustrativa dell articolo Art.2 1. Con regolamento adottato dal Ministro della salute ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400 sono stabilite, nel rispetto della normativa dell Unione europea, disposizioni

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1984/2014 ADOTTATA IN DATA 18/12/2014 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1984/2014 ADOTTATA IN DATA 18/12/2014 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1984/2014 ADOTTATA IN DATA 18/12/2014 OGGETTO: Rinnovo della convenzione con l Università degli studi di Milano - Bicocca per l utilizzo di strutture extrauniversitarie a favore della

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013 Oggetto: Finanziamento a favore delle Aziende Sanitarie Locali per gli interventi finalizzati allo sviluppo del sistema dell Assistenza Domiciliare Integrata. Ripartizione fondo regionale 2013. L Assessore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CÈ

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CÈ Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7398 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CÈ Disposizioni per la semplificazione della normativa relativa all impiego di medicinali

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1815/2014 ADOTTATA IN DATA 13/11/2014 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1815/2014 ADOTTATA IN DATA 13/11/2014 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1815/2014 ADOTTATA IN DATA 13/11/2014 OGGETTO: Rinnovo della convenzione con l Università degli studi di Milano - Bicocca per l utilizzo di strutture extrauniversitarie a favore della

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA

AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA DI MODENA COPIA DAL REGISTRO DEGLI ATTI DEL DIRETTORE GENERALE N.11/0000197/DG Del 11 Novembre 2011 DELIBERA N. 11/0000197/DG OGGETTO: Regolamento sperimentazioni non

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consigliere Pettenò MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI FARMACI E DELLE PREPARAZIONI GALENICHE A BASE DI CANNABINOIDI

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga REGIONE PIEMONTE BU24 18/06/2015 Legge regionale 15 giugno 2015, n. 11. Uso terapeutico della canapa. Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi per finalità terapeutiche e promozione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3512 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1638/2014 ADOTTATA IN DATA 23/10/2014 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1638/2014 ADOTTATA IN DATA 23/10/2014 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1638/2014 ADOTTATA IN DATA 23/10/2014 OGGETTO: Rinnovo della convenzione con l Università degli studi di Milano - Bicocca per l utilizzo di strutture extrauniversitarie a favore della

Dettagli

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA. PROPOSTE DI LEGGE N. 117-127 <>

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA. PROPOSTE DI LEGGE N. 117-127 <<Interventi per garantire l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore>> RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA sulle PROPOSTE DI LEGGE N. 117-127 Legge approvata nella seduta pomeridiana n. 207

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 25-08-2014 (punto N 10 ) Delibera N 723 del 25-08-2014 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Alessandro Benzi Matteo Rossi Giacomo Conti

Alessandro Benzi Matteo Rossi Giacomo Conti Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA *********************************************************************************************** IX LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 20 maggio 2013

Trasmesso dal Presidente della Camera dei deputati alla Presidenza il 20 maggio 2013 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 298-B DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (MONTI) e dal Ministro della salute (BALDUZZI) di concerto con il Ministro della

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PORETTI e PERDUCA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Disposizioni riguardanti l acquisto, il possesso,

Dettagli

VIII. Delibera 7915 del 6 agosto 2008 ROBERTO FORMIGONI

VIII. Delibera 7915 del 6 agosto 2008 ROBERTO FORMIGONI Delibera 7915 del 6 agosto 2008 VIII ROBERTO FORMIGONI DAVIDE BONI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI MASSIMO BUSCEMI RAFFAELE CATTANEO ROMANO COLOZZI LUCA DANIEL FERRAZZI ROMANO LA RUSSA FRANCO NICOLI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

ATTO N. 178. dei Consiglieri SOLINAS, CHIACCHIERONI e ROMETTI

ATTO N. 178. dei Consiglieri SOLINAS, CHIACCHIERONI e ROMETTI Assemblea legislativa http://www.consiglio.regione.umbria.it e-mail: atti@crumbria.it ATTO N. 178 INTERROGAZIONE dei Consiglieri SOLINAS, CHIACCHIERONI e ROMETTI L.R. 17/04/2014, N. 7 (DISPOSIZIONI PER

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1485 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI,

Dettagli

La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O.

La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O. La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O.Ospedali Galliera Mercato degli Oppioidi: confronto con altri Paesi Europei ( % sul totale

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente disegno di legge contiene una serie di misure finalizzate a garantire l efficienza del Servizio Sanitario Nazionale, riducendo in modo significativo e concreto le procedure

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287. Disposizioni per la realizzazione della rete di cure palliative

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287. Disposizioni per la realizzazione della rete di cure palliative Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BAIO, ADRAGNA e PAPANIA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per la realizzazione della rete

Dettagli

Art. 2. SCHEMA N. 1. SCHEMA N. 1 Art. 1 - (Obblighi delle parti)

Art. 2. SCHEMA N. 1. SCHEMA N. 1 Art. 1 - (Obblighi delle parti) D.M. 18-11-1998 Schemi di convenzione per prestazioni assistenziali, da parte di aziende sanitarie, ai casi di AIDS nei confronti di detenuti (G.U. 05-03-1999, n. 53, Serie Generale) Preambolo Art. 1.

Dettagli

IX LEGISLATURA PROCESSO VERBALE

IX LEGISLATURA PROCESSO VERBALE IX LEGISLATURA Seduta pubblica n. 230 Mercoledì 11 marzo 2015 Antimeridiana PROCESSO VERBALE Presidenza del Presidente Alberto Monaci del Vicepresidente Roberto Giuseppe Benedetti e del Vicepresidente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1599 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MURER Norme in materia di medicina di genere Presentata il 18 settembre 2013 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

Disposizioni organizzative relative all utilizzo di talune tipologie di farmaci nell ambito del servizio sanitario regionale

Disposizioni organizzative relative all utilizzo di talune tipologie di farmaci nell ambito del servizio sanitario regionale Testo unificato pdl 58 e 72 Proposta di legge Disposizioni organizzative relative all utilizzo di talune tipologie di farmaci nell ambito del servizio sanitario regionale Sommario Preambolo Art. 1 Oggetto

Dettagli

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE LEGISLAZIONE Riguardante la terapia del Dolore LEGGE N. 38 del 15 Marzo 2010 NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE LA NORMATIVA NAZIONALE DEI MEDICINALI PER LA TERAPIA DEL DOLORE LA RICETTAZIONE LEGGE N.

Dettagli

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 24 Gennaio 2015 L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Dr.

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 26-08-2013 (punto N 6 ) Delibera N 715 del 26-08-2013 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

a cura della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome Settore Sanità e Politiche sociali OPG

a cura della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome Settore Sanità e Politiche sociali OPG Legge 23 maggio 2013, n. 57 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 marzo 2013, n. 24, recante disposizioni urgenti in materia sanitaria. Pubblicata nella G.U. 25 maggio 2013, n.

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna.

spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna. spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna. CAMERA DEI DEPUTATI XVII LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE N 1485 d iniziativa del deputato VARGIU Presentata il

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ASL BA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ASL BA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ASL BA BARI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: Istituzione del Coordinamento Aziendale della "Rete di Cure Palliatlve" sul territorio della ASL di BARI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BINETTI, BOSSA, CALGARO, COLANINNO, FARINONE, GRASSI, MOSELLA, SARUBBI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BINETTI, BOSSA, CALGARO, COLANINNO, FARINONE, GRASSI, MOSELLA, SARUBBI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 624 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BINETTI, BOSSA, CALGARO, COLANINNO, FARINONE, GRASSI, MOSELLA, SARUBBI Disposizioni per la

Dettagli

IMPACT PROACTIVE 2014 "choosing wisely"

IMPACT PROACTIVE 2014 choosing wisely IMPACT PROACTIVE 2014 "choosing wisely" Istituzioni e Associazioni dei pazienti: doveri delle istituzioni e diritti del Cittadino, in linea con la Legge 38/2010 Rossana Monciino S.C. Farmaceutica Territoriale

Dettagli

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014

Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 Centro di riferimento per la Fitoterapia Cannabis terapeutica: l'esperienza della Regione Toscana. Fabio Firenzuoli 9 dicembre 2014 www.cerfit.org www.cerfit.org www.cerfit.org Immortality pills Tang Dynasty

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 24-02-2014 (punto N 20 ) Delibera N 144 del 24-02-2014 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1727

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1727 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 1727 Introduzione della figura dell'infermiere di famiglia e disposizioni in materia di assistenza infermieristica domiciliare 18/08/2015-02:49 Indice 1. DDL

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE e IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE e IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Decreto Ministero del lavoro e della politiche sociali 7 maggio 2014 Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo per le non autosufficienze, per l'anno 2014. (1) (Pubblicato nella Gazz. Uff.

Dettagli

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione :

Il CONSIGLIO COMUNALE. Sentita la relazione del Sindaco, illustrativa della seguente proposta di deliberazione : OGGETTO :Articolo 50, comma 7,Decreto legislativo n.267 del 2000. Indirizzi per la disciplina degli orari per l esercizio delle attività di gioco lecito sul territorio comunale Il CONSIGLIO COMUNALE Sentita

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie (in GU 6 giugno 2001, n. 129) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si...

http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.jsp?aggiornamenti=&attocompleto=si... Page 1 of 5 Atto suddiviso in articoli Stampa Indietro Conferenza Unificata ACCORDO 25 maggio 2011 Accordo, ai sensi dell'articolo 9 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le regioni,

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 G. Paoli Settore counicazione, ricerca sistema informativo e progetti in sanità delibera 277 del 16 Marzo 07 l obiettivo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 867 del 14/12/2010

Delibera della Giunta Regionale n. 867 del 14/12/2010 Delibera della Giunta Regionale n. 867 del 14/12/2010 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 2 Veterinario Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL POLO INTEGRATO

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i. Lucia. La rete di Terapia. le cefalee: prospettive

UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i. Lucia. La rete di Terapia. le cefalee: prospettive UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i Lucia i La rete di Terapia del Dolore e le cefalee: stato attuale e prospettive Epidemiologia del dolore cronico In occidente: 39%

Dettagli

Le Cure Palliative e la Terapia del Dolore in IEO

Le Cure Palliative e la Terapia del Dolore in IEO Le Cure Palliative e la Terapia del Dolore in IEO Dott. Vittorio A. Guardamagna Direttore Unità Cure Palliative e Terapia del Dolore IRCCS IEO Milano Consigliere Nazionale FCP Le Cure Palliative e la Terapia

Dettagli

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE DATA: 16.01.2008 REV. N 00 PAG. 1/10 OGGETTO REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI TERAPIE FARMACOLOGICHE AL DI FUORI DELLE CONDIZIONI DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue:

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue: LA GIUNTA REGIONALE - visto l articolo 3-septies del decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992, così come modificato ed integrato dal decreto legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, che prevede le

Dettagli

lettera aperta 28 giugno 2015 Al Presidente della Giunta Regione Marche prof. Luca Ceriscioli via Gentile da Fabriano, 9 60125 ANCONA

lettera aperta 28 giugno 2015 Al Presidente della Giunta Regione Marche prof. Luca Ceriscioli via Gentile da Fabriano, 9 60125 ANCONA lettera aperta 28 giugno 2015 Al Presidente della Giunta Regione Marche prof. Luca Ceriscioli via Gentile da Fabriano, 9 60125 ANCONA Egregio prof. Ceriscioli, intanto ci congratuliamo con lei per la sua

Dettagli

Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT

Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT All A. Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT Le presenti Linee di indirizzo intendono semplificare la presa in carico delle persone con

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SANITARIO REGIONALE SETTORE PROGRAMMAZIONE E ORGANIZZAZIONE DELLE CURE Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. Dott. Nicola Delli Quadri

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO. Dott. Nicola Delli Quadri AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 1 TRIESTINA TRIESTE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Decreto n 10 del 16/01/2015 OGGETTO Presa d'atto dell'accordo per l'anno 2014 tra l'allora Azienda per i

Dettagli