la vostra salute... il nostro impegno! ...un privato credibile! dal anni di storia 2009: interventi di ortopedia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la vostra salute... il nostro impegno! ...un privato credibile! dal 1955... 50 anni di storia 2009: 2.800 interventi di ortopedia"

Transcript

1

2 dal anni di storia...un privato credibile! 2009: interventi di ortopedia la vostra salute... il nostro impegno! Casa di Cura via Leuca, Lecce Tel Poliambulatorio SS 476 per Galatina km. 2,75 Tel Centro medico dello Ionio Gallipoli, via Gandhi, sn Tel oltre trattamenti riabilitativi

3 di Maurizio Muratore editoriale Il concetto di salute come prodotto commerciale L a sanità sarà la Waterloo di Barack Obama. E invece per il presidente è cominciata davvero la primavera grazie ad una legge denominata Protezione del paziente e sanità accessibile, un sistema che permetterà ai giovani fino a 26 anni di avere la mutua dei genitori e agli anziani di pagare le medicine senza interruzioni. Ma la questione di fondo, della battaglia di Obama, è che l affermazione di un principio come quello della sanità per tutti, in un paese così importante del pianeta, implica l estensione della logica e della possibilità che si possa perseguire una sanità mondiale ; la cura diritto per tutti, e impegno di chi ha i mezzi nei confronti dei più poveri. Salute come diritto comune, condiviso, un uguaglianza di fronte alle malattie. Ma il fatto che la Politica (con la p maiuscola) faccia vedere che sa esprimere ideali, e li sa pure concretizzare, questa è una cosa che fa sperare per i destini dell umanità. Superare il concetto di salute come prodotto commerciale, affermando invece che la tutela della salute è un diritto civile della persona dandola anche a chi non può pagarsela, questa non è cosa da poco. Mentre il presidente degli Stati Uniti d America ha messo in gioco la sua credibilità, il suo onore e la sua possibile rielezione per un grande ideale, noi assistiamo allo sfacelo della sanità dove il concetto di salute nella nostra Puglia è divenuto solo un prodotto commerciale, dove la speculazione anche elettorale, i complotti, gli scambi sono oramai una malsana abitudine. Spesso tutto questo è favorito dall immobilismo dei nostri dirigenti che inducono noi sanitari, dopo anni e anni di richieste, atte a migliorare le nostre attività sanitarie e mai evase, a trovare soluzioni alternative e, sono certo, raramente, per un personale tornaconto, ma solo nella speranza di apportare miglioramento e qualità alla nostra professione e ridurre al minimo i rischi per i nostri pazienti. Chi sa se mai ascolteremo dichiarazioni dai nostri politici o dirigenti come quella fatta da Obama: Questa sera abbiamo risposto all appello della storia come tanti americani hanno fatto prima di noi. Non siamo sfuggiti alle nostre responsabilità, le abbiamo affrontate. Non abbiamo avuto timore del nostro futuro. Quando supereremo il peso della politica? Non possiamo arrenderci al cinismo, alla sfiducia, alla paura. Dobbiamo dimostrare che siamo un popolo capace di grandi cose. Dobbiamo avere il coraggio di ribellarci. Il cambiamento probabilmente non scenderà dall alto ma deve salire dal basso. 3

4

5

6

7 editoriale Il concetto di salute come prodotto commerciale 3 di Maurizio Muratore focus Cannabinoidi contro il dolore 8 di Maria Luisa Mastrogiovanni la parola ai colleghi 34 La ricerca-azione e la gestione dell apprendimento organizzativo nella scuola / I parte di Luigi Cosentino 40 Infortuni nel comparto sanità della provincia di Lecce di A. De Giorgi, B. Tamborino, G. De Filippis* la parola ai colleghi Nuove violenze in Guardia Medica 18 e l assuefazione dell opinione pubblica di Gino Peccarisi La tossina botulinica in Riabilitazione 16 di R. Pellegrino, S. Turco, F. Farì a norma di legge 49 Salute e sicurezza dei lavoratori negli studi medici 51 Quando la "truffa" è "fisiologica" Viaggio al centro dello spermatozoo 20 di Lamberto Coppola La Pet-Tc nella gestione del paziente 26 oncologico di Elisa Rizza, Milena Pizzoferro 54 comunichiamo che RIVISTA UFFICIALE DELL ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI ED ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Direzione e Redazione c/o Ordine dei Medici - via Nazario Sauro, 31 Lecce - - Marzo-Aprile 2010 anno XXXIII Direttore Responsabile Maurizio Muratore Direttore Editoriale Luigi Peccarisi Editing e coordinamento redazionale Maria Luisa Mastrogiovanni Comitato di Redazione e Comitato Scientifico Tutti i componenti il Consiglio Direttivo, la Commissione per gli iscritti all albo degli Odontoiatri e il Collegio dei Revisori dei Conti Concessionaria di pubblicità Nerò comunicazione - Casarano Per informazioni Dr. Mario Maffei L immagine di copertina è di Roy Lichtenstein Stampa: Stab. grafico della CARRA EDITRICE - Casarano (Le) - Aut. Trib. Lecce N Il termine di consegna degli articoli per il prossimo numero è il 20 maggio

8 di Maria Luisa Mastrogiovanni Cannabinoidi contro il dolore CON DELIBERA DI GIUNTA DELLO SCORSO MARZO LA PUGLIA HA APERTO AI DERIVATI DELLA CANNABIS PER USO TERAPEUTICO. LA NOSTRA È LA SECONDA REGIONE IN ITALIA, DOPO LA TOSCANA Con la delibera di Giunta 308/10, firmata da Tommaso Fiore, assessore alla Sanità, la Puglia ha dato ufficialmente il via libera all utilizzo per i malati terminali dei farmaci a base di cannabis, che da oggi sono a totale carico del servizio sanitario regionale. I farmaci dovranno essere somministrati a pazienti in regime di ricovero, in day hospital o in regime di assistenza domiciliare integrata e dovranno essere importati dall estero. Ciò significa che la lunga trafila burocratica per l approvvigionamento dei farmaci resta, ma saranno le Asl ad occuparsene e a farsi carico della spesa: circa 600 euro per ogni confezione di medicinale, sufficiente per un mese. La Puglia è la seconda in Italia, dopo la Toscana, ad aprire ai derivati delle cannabis per uso terapeutico. Potranno beneficiare del rimborso sanitario i malati terminali di cancro o i pazienti affetti da sclerosi multipla, in quanto l utilizzo dei cannabinoidi è previsto come trattamento nella terapia del dolore. Si tratta di un palliativo, ma è una conquista fondamentale per le oltre 58mila persone ammalate di sclerosi multipla in Puglia e per i quasi 9mila malati terminali di cancro. Usiamoli in combinazione con gli oppiacei Intervista a Luigi Gaballo, fondatore del Centro di terapia antalgica del Vito Fazzi di Lecce Luigi Gaballo ha 72 anni. E stato primario di Anestesia, Rianimazione e, al termine della sua carriera, di Terapia del dolore presso il Vito Fazzi di Lecce. E stato lui ad introdurre la terapia del dolore nel Salento. Fino a metà degli anni Ottanta, infatti, non se ne era mai nemmeno parlato. Facendo ricorso alla sua appassionata attività, La terapia del dolore nel Salento è nata con una certa difficoltà e noi medici non siamo stati visti di buon occhio non solo dall opinione pubblica ma nemmeno dai nostri colleghi e mettendosi molte volte in diretto contrasto con l opinione pubblica e contro i suoi stessi colleghi, è riuscito a fondare, nel 1986, il Centro di terapia antalgica all interno dell ospedale leccese, realtà oggi imprescindibile per il territorio provinciale e non solo, ma che non è stata impresa facile. Il concetto di evitare la sofferenza ai malati collideva con i retaggi culturali di tipo religioso che imponevano l accettazione e la sopportazione del dolore. La struttura ha dato sollievo a tanti malati terminali. Di cancro, ma non solo, perché col tempo vi si sono rivolti anche pazienti affetti da altre patologie degenerative. Gaballo accoglie pertanto di buon grado l introduzione da parte della Regione Puglia dei cannabinoidi nella cura del 8

9 dolore ai malati di cancro e di Sla e si augura che presto essi possano essere adottati anche per altre malattie. I farmaci derivati dalla cannabis sono importanti per la terapia del dolore in quanto possono essere impiegati in più patologie Dottor Gaballo, lei ha introdotto nel Salento la terapia del dolore fondando il Centro di terapia antalgica presso il Vito Fazzi. Quali difficoltà ha incontrato? Ho incontrato difficoltà soprattutto in un primo momento. Non era usuale in quegli anni parlare di terapia del dolore. Col tempo l opinione pubblica ha capito che gli ammalati terminali avevano bisogno di un assistenza continua per morire bene. Erano gli anni in cui si registravano dei picchi preoccupanti nel numero di malati di tumore nel Salento. E così. Si cominciava ad avvertire un impennata nei casi di tumore anche nel territorio salentino. Per tale ragione la nascita di centri per lenire la sofferenza nei malati non poteva più essere rimandata. La terapia del dolore è nata, tuttavia, con una certa difficoltà e noi medici non siamo stati visti di buon occhio nemmeno dai colleghi che credevano che volessimo apparire dei maghi della medicina. Non era così naturalmente; peraltro abbiamo sempre chiesto nella nostra attività la collaborazione del medico di famiglia al fine di creare un equipe che potesse prendere in carico a 360 gradi la malattia del paziente per affrontarla al meglio. Ma gli ostacoli alla nostra attività non sono venuti solo da parte dei colleghi, bensì anche da parte degli amministratori. Solo una volta che il reparto di Terapia antalgica era stato aperto, hanno capito di che cosa si trattava. Col tempo l intera opinione pubblica ha avuto modo di sensibilizzarsi a queste tematiche considerate sempre troppo estranee. Già nel 97, infatti, il Parlamento ha cominciato a parlare di malattia senza dolore e la terapia del dolore diventava realtà in tutti gli ospedali. Il Centro di terapia del dolore presso l ospedale di Lecce è nato per l assistenza ai malati di cancro, ma poi si è trasformato. Come? La trasformazione è stata un processo naturale. Dal momento che ci interessavamo di dolore benigno e di dolore maligno, abbiamo iniziato a trattare anche patologie benigne ma con carattere cronico, come l erpes zoster, la neuropatia erpetica, la neuropatia diabetica, l arto fantasma, la sclerosi multipla, le insufficienze vascolari periferiche, il glaucoma, l epilessia, le cefalee allargando, e di molto, il nostro raggio d azione. Dal marzo del 2010, c è la determina di Giunta regionale pugliese che consente l utilizzo dei cannobinoidi nella terapia del dolore. Che cosa pensa di questi farmaci? I nostri amministratori hanno finalmente preso in considerazione l utilizzo dei derivati dalla cannabis quali farmaci per la cura della sofferenza. Un merito speciale va riconosciuto a Tommaso Fiore, l assessore alla Sanità, che è anch egli un medico ed un anestesista ed è molto sensibile alla tematica delle cure palliative. Personalmente non ho mai usato i cannabinoidi finora ma da ciò che ho studiato e che vedo, si tratta di farmaci che possono rendere al meglio se affiancati ad altri oppiacei che costantemente utilizziamo. L introduzione dei cannabinoidi comporterebbe una riduzione della spesa sanitaria? Non ne farei una questione di costi, anche perché la morfina, ad esempio, non costa niente. I derivati dalla cannabis finora hanno avuto costi elevati perché in Italia non se ne trovavano ed i malati di cancro o sclerosi multipla erano costretti a procurarsi il farmaco 9

10 focus I vantaggi dei cannabinoidi si avvertono se questi vengono associati, e non sostituiti, ad altri farmaci come gli oppiacei, perché in tal modo si riduce la quantità di questi ultimi che, a lungo termine, possono raggiungere dosaggi notevoli dall estero. Ad esempio dal Canada, che produce un prodotto particolare che si chiama Satirex ed è uno spray. Per cui i pazienti pagavano di tasca propria e poi dovevano intraprendere lunghe pratiche per essere rimborsati. Inoltre potevano rifornirsi di farmaco soltanto per un mese. E, considerando le spese aggiuntive cui andavano incontro, tra le quali ad esempio le spese di spedizione, un mese di terapia costava loro 600 o 700 euro. In che cosa risiede l importanza dell utilizzo dei cannabinoidi? I farmaci derivati dalla cannabis sono importanti per la terapia del dolore in quanto possono essere impiegati in più patologie; una di queste è il dolore da cancro. In questo caso l uso di cannabinoidi si può associare a quello degli oppiacei permettendo in tal modo di ridurre le dosi di questi ultimi. Gli oppiacei hanno più controindicazioni o effetti collaterali dei cannabinoidi? Tutti gli oppiacei se usati nel modo giusto, non portano alcuna controindicazione né effetto collaterale se non uno, che ho notato nei lunghi anni di esperienza, che è la stipsi. Il discorso vale indifferentemente per gli ammalati di cancro o di dolore cronico benigno. Nei primi giorni di trattamento possono manifestarsi vomito, nausea, ma si tratta di effetti che scompaiono totalmente nel giro di una settimana. Direi che, nelle dosi e nei tempi giusti, non hanno effetti collaterali eclatanti. Qual è dunque il vantaggio dell introduzione dei farmaci derivati da cannabis? I vantaggi si avvertono se i cannabinoidi vengono associati, e non sostituiti, ad altri farmaci. Il meccanismo di azione è simile a quello degli oppiacei e vanno usati in combinazione con questi, perché in tal modo si riduce la quantità degli oppiacei che, a lungo termine, possono raggiungere dosaggi davvero notevoli. Del resto la combinaizone di cui parlo è già stata sperimentata, ad esempio nel caso della codeina associata al paracetamolo, o dell idrocodone associato con l aspirina. I cannabinoidi comportano lo stesso grado di dipendenza degli oppiacei? Anche i cannabinoidi possono dare dipendenza a lungo termine, ma nel caso dei malati terminali ciò fa poca differenza. Il primo obiettivo è quello di lenire la sofferenza. Quindi i veri beneficiari dell introduzione dei cannabinoidi sono i malati di sclerosi multipla, che sono un numero davvero consistente, 58mila in Puglia. Non solo loro. Non è giusto ridurre il campo di applicazione dei cannabinoidi alla sola sclerosi multipla. Sono utili per la nevralgia post-erpetica, per la neuropatia diabetica, per l arto fantasma. Ma la Regione Puglia al momento ne restringe il campo di utilizzo. Io credo che sia giusto, tuttavia bisogna anche pensare a possibili differenti utilizzi di questi farmaci per raggiungere il massimo grado di giovamento possibile. Adesso che cosa accadrà nel mondo sanitario? Ci sono medici che hanno esperienza diretta dell utilizzo dei cannabinoidi? Al momento nessuno ce l ha. Si dovrà fare informazione. Tutti stiamo studiando le modalità di utilizzo dei cannabinoidi non solo nella sclerosi multipla e cercando di associarli agli altri oppiacei per il dolore da cancro, fino ad espanderne l uso per altre patologie, come l epilessia, il dolore neuropatico, il glaucoma. Ho letto di recente che addirittura il glaucoma può essere curato con i cannabinoidi perché riducono il tono oculare. Pare che vadano bene anche per i tumori cerebrali. Siamo in attesa 10

11 di indicazioni per il loro utilizzo e nello stesso tempo stiamo cercando di informarci in prima persona sul migliore modo per impiegarli. Perché non sono stati usati fino ad adesso? Non ce n è mai stata la possibilità. Il Parlamento ne ha approvato l uso solo nel 2009, nonostante se ne parlasse già da tempo. Ma noi medici non potevamo usarli neppure in via sperimentale al fine di conoscerne bene tutte le possibili applicazioni. Adesso si aprirà dunque un mercato nuovo? Certamente sì. Ed anche in Italia potranno essere prodotti questo tipo di farmaci esattamente come avviene per la codeina o con l idrocodone. L inizio dell utilizzo di ogni nuovo farmaco è un periodo complicato perché è necessario che tutti i medici lo sperimentino, che si consultino tra loro, che comparino i risultati e che infine pervengano alla determinazione del suo migliore utilizzo. Gli usi terapeutici dei derivati della cannabis Come si evince dalle pubblicazioni dell Oms (Organizzazione mondiale della Sanità) gli usi terapeutici dei cannabinoidi potrebbero essere numerosi. Questi farmaci potrebbero infatti essere impiegati nel trattamento della nausea e del vomito in pazienti affetti da neoplasie ed Aids sottoposti alle cure con farmaci antiblastici e antivirali. Attualmente sono in fase di sperimentazione ulteriori utilizzi nella terapia dell asma e del glaucoma ed è in fase di valutazione la loro attività antidepressiva, anticonvulsivante, antispasmodica e stimolante dell appetito. I cannabinoidi potrebbero essere adoperati in combinazione con gli oppiacei consentendo in tal modo di ridurre le dosi di questi ultimi, necessari a lenire il dolore nei malati oncologici e portatori inevitabilmente di fenomeni di assuefazione o, se assunti in quantità, di effetti indesiderati anche gravi come il blocco intestinale. Inoltre i cannabinodi si dimostrano efficaci nel migliorare la qualità della vita dei malati affetti da sclerosi multipla. I CANNABINOIDI IN ITALIA La possibilità di utilizzare i farmaci cannabinoidi esiste in Italia sin dal 2007 (decreto ministeriale del 18 aprile 2007). Allora compaiono nella Tabella II, sezione B delle sostanze stupefacenti e psicotrope, due farmaci derivati dalla cannabis, il Delta-9-tetraidrocannabinolo ed il Trans-delta-9-tetraidrocannabinolo (Dronabinol). Inoltre, nella stessa tabella, è stato inserito un farmaco cannabinoide di sintesi, il Nabilone. L introduzione dei cannabinoidi nella Tabella II, sezione B delle sostanze stupefacenti e psicotrope rende possibile utilizzarli nella terapia farmacologica e crea le basi normative per autorizzarli all immissione in commercio nel mercato italiano. Da allora, tuttavia, non sono ancora presenti nel mercato nazionale. I medici che ritengono di dover sottoporre i propri pazienti a terapia con derivati della cannabis devono richiederne l importazione dall estero all Ufficio Centrale Stupefacenti del Ministero della Salute. 11

12 Direttore Sanitario Prof. Lamberto Coppola Specialista in Andrologia, Perfezionato in Sessuologia Clinica, Specialista in Ginecologia ed Ostetricia ricerca, tecnologia, professionalità, esperienza al servizio della coppia e dei professionisti della medicina della riproduzione NARDO' (Lecce) via XX Settembre 14/16/18 (p.zza Osanna) tel fax ROMA - Casa di Cura FABIA MATER via Olevano Romano 25 (Prenestina - Villa Gordiani) tel fax

13 di Gino Peccarisi Nuove violenze in Guardia Medica e l assuefazione dell opinione pubblica TROPPI EPISODI IN POCHI GIORNI. L AMAREZZA DI ESSERE COSTANTEMENTE ESPOSTI A RISCHI Q uando le cronache di questi giorni hanno evidenziato l ennesimo attentato ai danni di un operatore della guardia medica del Salento, per un aggressione consumata nella notte fra il 16 e il 17 di marzo, si è pensato al solito episodio che oramai non desta più la dovuta attenzione. L opinione pubblica si è assuefatta a queste violenze che si ripetono con regolarità. Solo alcuni soprusi vengono alla ribalta perché superano i limiti della tollerabilità. Questa volta lo scenario è Matino, la sede locata nel centro del paese, in piazza. L attempato medico di Guardia fino a quel momento non avrebbe mai immaginato che fra i rischi di una professione svolta in trincea, potesse celarsi anche la rapina. Minacciato da un malvivente armato di coltello, è stato costretto a consegnare il denaro posseduto in quel momento e, finalmente, consumata la ruberia, ha potuto ripensare allo scampato pericolo che avrebbe potuto avere un diverso epilogo. Rimane l amarezza per essere così esposti a rischi svolgendo un servizio sociale che vede il medico di guardia Medica fra gli unici paladini, sul territorio, soprattutto nei centri distanti dalle strutture ospedaliere, a tutelare la salute dell intera comunità. Episodi di una tale gravità riportano alla memoria fatti di un passato prossimo troppo repentinamente rimossi. Non è immaginabile che debba verificarsi un altra vittima per ripensare a misure di sicurezza Ogni diniego scatena reazioni incontrollate difficili da prevenire. Quando serve denaro per acquisti illeciti una possibilità è fornita da quel medico solo e indifeso a presidiare una sede poco sicura, con ingressi talora fatiscenti efficaci per contrastare eventi criminosi. E fuori dubbio che, lavorando da soli, nell isolamento delle ore notturne, si è troppo esposti ai rischi di una malavita che non conosce regole. E, tuttavia, videocitofoni funzionanti, telecamere con registrazione puntate sulle entrate, controlli da parte delle forze dell ordine, possibilità di lavorare in coppia, possono rappresentare un deterrente. C è chi ha subìto recentemente minacce di percosse da parte di tossicodipendenti e chi, durante un turno di Guardia, ha trovato la propria vettura sporca di escrementi umani dopo essere stato allertato da un portinaio che, osservando quanto accadeva, senza intervenire subito, ha ritenuto giusto solo telefonare al medico di turno a fatto compiuto. A che cosa sarebbe servito denunciare l accaduto se il 13

14 la parola ai colleghi Si ripresenta la problematica della vigilanza nei Pronto soccorso, nelle Guardie mediche, nei Sert e in tutte quelle strutture sanitarie, che soprattutto nelle ore notturne, sono a rischio per mancanza di una adeguata attenzione da parte delle Istituzioni responsabile di tali azioni non fa che collezionare denunce, non avendo nulla da perdere? Non è sempre possibile prescrivere antibiotici per via iniettiva nella consapevolezza che all utente di turno serva solo la soluzione fisiologica per diluire altre sostanze o fornire psicofarmaci da utilizzare per placare ansia o irrequietezza da stupefacenti. Ogni diniego scatena reazioni incontrollate che talora è difficile prevenire. Quando poi è necessario trovare denaro per acquisti illeciti una possibilità è fornita da quel medico solo e indifeso a presidiare una sede poco sicura, con ingressi talora fatiscenti. Il dirigente del distretto rappresenta il primo interlocutore per gli sfoghi mattutini dopo una notte di lavoro; eppure le richieste di quel popolo in camice bianco rimangono disattese nella maggior parte dei casi. Una categoria indifesa, bistrattata a ogni rinnovo contrattuale, la cui difesa è talora evocata da improvvisati tutori auto referenziati, celebrati a torto dalla stampa, improvvisati paladini della categoria, dimentichi che a tale scopo sono preposti gli Ordini professionali e i sindacati. La mancanza di unità e solidarietà non giova all intera categoria che non ha bisogno di protagonismi sterili ma di rivendicazioni giuste da porre come obiettivi da perseguire. Già si affievoliva l eco di quanto accaduto a Matino che le cronache nazionali ponevano l attenzione su un analogo episodio accaduto a una dottoressa che a Scicli, in Sicilia, era picchiata, derubata e violentata, di notte, durante l espletamento della sua attività sempre in Guardia Medica. Dottoressa 53enne, dopo aver prestato soccorso a tre extracomunitari, apre nuovamente la porta a uno di loro che si ripresenta subito dopo. Il nordafricano, forse tunisino, entra in maniera decisa, tira fuori dalla tasca un coltello a scatto. Una colluttazione, in seguito alla quale la donna si frattura la tibia destra, calci, pugni; abusa di lei, la picchia, e infine la deruba anche di 200 euro che la donna teneva in portafoglio. Trasportata in ospedale con contusioni in tutto il corpo, residua una prognosi di 40 giorni e indelebili ferite nella mente, impossibili da curare. Quest articolo era già chiuso quando, sabato 20 marzo poco prima delle 14, le cronache rilevano l ennesima violenza in così breve tempo. La dottoressa di turno nella Guardia medica di un centro del basso molisano, allertata per un intervento domiciliare dalla 14

15 centrale operativa del 118, raggiunta l abitazione, in corso di una lite domestica, è stata vittima di un aggressione. Una paziente le ha sferrato due pugni, uno all addome, l altro al sopracciglio destro. Trasportata al Pronto Soccorso, dopo gli accertamenti del caso è stata dimessa con una prognosi di dieci giorni. E ancora, sabato 27 marzo intorno alle 16, a Roma nella postazione di via delle Pispole, a Tor Bella Monaca una dottoressa di turno si è dovuta barricare in una stanza della struttura sanitaria. La negazione di una visita domiciliare al solo fine di prescrivere un antibiotico ha scatenato l ira di un aggressore che, recatosi presso l ambulatorio ha aggredito la dottoressa che è stata costretta a richiedere l intervento dei carabinieri. La collega, non nuova a questo tipo di esperienza, lavorando in una delle zone più disagiate della capitale, è stata trasportata in ospedale in stato di shock.. Perché è a rischio la propria incolumità fisica per fare il proprio lavoro che dovrebbe essere svolto con tranquillità? Credo che i deprecabili episodi di violenza, che con una cadenza preoccupante accadono in Italia, impongano a tutti gli organi preposti una soluzione celere. Si ripresenta la problematica della vigilanza nei Pronto soccorso, nelle Guardie mediche, nei Sert e in tutte quelle strutture sanitarie, che soprattutto nelle ore notturne, sono notevolmente a rischio perché non è garantita la sicurezza pubblica per mancanza di una adeguata attenzione da parte delle Istituzioni. di essere ingranaggio indispensabile di una struttura a difesa della salute collettiva, bene primario di ogni individuo. A conclusione di questo articolo è doveroso ricordare che il 25 Aprile ricorre l anniversario della morte della collega Maria Monteduro, assassinata nell espletamento della sua attività di medico di Guardia Medica a Gagliano del Capo. Il suo sacrificio rimarrà sempre nelle menti di coloro che auspicano un miglioramento delle condizioni lavorative dei medici di frontiera. L immagine del suo volto è scolpita in forma indelebile nelle nostre menti mentre il pensiero è spesso rivolto al suo bambino che ha imparato a conoscere la mamma solo dagli attestati di stima e riconoscenza che le vengono tributati. L Ordine dei Medici in occasione del decennale le intitolò la sala multimediale. Oggi la Ausl dedica a lei il Poliambulatorio del suo paese natale per fare in modo che il ricordo, periodicamente rinnovato, la faccia vivere in eterno. *responsabile Commissione della Continuità Assistenziale Ordine dei medici di Lecce Intensificare i sistemi di sorveglianza, aumentare il personale, restituire decoro e dignità al servizio, garantire la sicurezza ai tanti medici che svolgono questo lavoro, sono le richieste impellenti, che da decenni vengono formulate. In attesa di una nuova occasione per una svolta che preveda i miglioramenti strutturali auspicati, si continua con l impegno di sempre, consci dei pericoli e dei rischi del proprio lavoro, e, soprattutto, sicuri 15

16 La tossina botulinica in Riabilitazione LE APPLICAZIONE CLINICHE E L ESPERIENZA DEL GALATEO DI SAN CESARIO di Raffaello Pellegrino*, Silvano Turco**, Francesco Farì la parola ai colleghi L a spasticità, come noto, è un disordine neurologico sensorimotorio causato da una lesione del motoneurone superiore e caratterizzato da un incremento del tono muscolare, dalla risposta muscolare allo stiramento velocità-dipendente, da un esaltazione dei riflessi osteo-tendinei. La spasticità può instaurarsi in patologie congenite o acquisite, diffuse o focali, a carico dell encefalo e del midollo spinale quali gli esiti di ictus cerebrale, lesioni cerebrali o midollari traumatiche, le paralisi cerebrali infantili, la sclerosi multipla, patologie neurodegenerative. Il perdurare nel tempo della spasticità determina la comparsa di contratture muscolari strutturate, fibrosi ed atrofia muscolare (3). L utilizzo di ortesi inappropriate, la presenza di dolore e di ulcere cutanee da pressione rappresentano spesso elementi aggravanti la spasticità. In riabilitazione il trattamento della spasticità offre molteplici benefici che vanno dal recupero di funzioni passive quali l aumento del Rom articolare, al miglioramento e alla facilitazione delle attività di cura personale (igiene, vestizione), al recupero funzionale attivo (ad es. deambulazione più veloce e sicura, attività di presamanipolazione di oggetti), alla facilitazione nell uso di splint di posizionamento (1), con conseguente miglioramento globale della qualità di vita del paziente. La gestione della spasticità in riabilitazione è considerevolmente cambiata con l introduzione della La gestione della spasticità in riabilitazione è cambiata con l introduzione della tossina botulinica al punto tale da rendere oggi questo trattamento la terapia farmacologica di prima linea nel management dei problemi focali in pazienti con ictus tossina botulinica al punto tale da rendere oggi questo trattamento la terapia farmacologica di prima linea nel management dei problemi focali in pazienti con ictus (4). Tale approccio farmacologico locale deve comunque essere completato con le usuali procedure riabilitative per il controllo della postura, lo stretching, l elettrostimolazione dei muscoli infiltrati, e l esercizio terapeutico. Ulteriori opzioni di trattamento associabili includono agenti fisici, farmaci antispastici per via orale, blocco neuromuscolare tramite iniezioni locali di fenolo, alcool e baclofen intratecale (1). Sotto il profilo immunologico è possibile distinguere sette sierotipi di tossina (A, B, C, D, E, F e G) tra loro simili dal punto di vista strutturale (1) ma l utilizzo clinico 16

17 finora è riservato al tipo A, con disponibilità del sierotipo B quale alternativa per quei pazienti che sviluppano una risposta antigenica verso BTX-A (2). La tossina botulinica (BTX) agisce nei muscoli infiltrati a livello della giunzione neuro-muscolare inducendo un blocco selettivo, dose-dipendente e reversibile, del rilascio presinaptico di acetilcolina. Tale effetto sul muscolo determina una denervazione selettiva locale temporanea. La maneggevolezza del farmaco, la scarsa rilevanza di effetti collaterali significativi, l efficacia del trattamento e la possibilità di proseguire i trattamenti a lungo termine hanno contribuito al progressivo incremento dell utilizzo di BTX nelle diverse condizioni cliniche. Il giusto dosaggio di tossina botulinica da inoculare viene stabilito, di volta in volta, in base all età ed al peso corporeo del paziente, al tipo di tossina utilizzata, al numero dei muscoli da infiltrare, alla gravità della spasticità ed alla risposta ad un pregresso trattamento con BTX (1). Il medico fisiatra che si appresta ad utilizzare in E possibile distinguere sette sierotipi di tossina (A, B, C, D, E, F e G) tra loro simili dal punto di vista strutturale ma l utilizzo clinico finora è riservato al tipo A, con disponibilità del sierotipo B quale alternativa per quei pazienti che sviluppano una risposta antigenica verso BTX-A sicurezza la tossina botulinica in riabilitazione è fondamentale che abbia effettuato un adeguato training formativo presso centri ospedalieri specializzati, al fine di gestire in maniera ottimale le procedure di selezione dei pazienti, gli obiettivi del trattamento e la programmazione globale dell intervento terapeutico. E necessario da parte dell operatore un adeguato know-how dell anatomia funzionale dei muscoli somatici, della farmacologia della tossina e del dosaggio più opportuno per ogni singolo muscolo. L individuazione dei muscoli candidati all infiltrazione può avvenire tramite la valutazione clinica e/o con l ausilio di tecniche neurofisiologiche (elettromiografia ed elettrostimolazione) e di imaging (ecografia), in particolare per gruppi muscolari di dimensioni ridotte o localizzati in profondità (2,4). Nei muscoli lunghi e voluminosi le iniezioni vengono distribuite in più sedi. Dopo inoculazione l effetto terapeutico inizia ad essere rilevabile dopo due o tre giorni, raggiunge l apice intorno alla terza settimana, si protrae fino a tre-quattro mesi (4) finchè la denervazione chimica (chemodenervazione) viene compensata da una reinnervazione dovuta a gemmazione assonale (5). Per il mantenimento dei benefici e per scongiurare i seppur rari eventi avversi, è indispensabile pertanto che il trattamento avvenga a dosaggi via via crescenti e ripetuto nel tempo ad intervalli regolari (1). Le principali controindicazioni al trattamento inclu- 17

18 La tossina botulinica (BTX) agisce nei muscoli infiltrati a livello della giunzione neuro-muscolare inducendo un blocco selettivo, dose-dipendente e reversibile, del rilascio presinaptico di acetilcolina. Tale effetto sul muscolo determina una denervazione selettiva locale dono la gravidanza, l allattamento, la miastenia, la sindrome di Lambert-Eaton e la sclerosi laterale amiotrofica. Gli effetti della BTX sono potenziati dagli aminoglicosidi e dalle ciclosporine e diminuiti dalle aminochinoline (6,7). Materiali e metodi Presso l Unità Operativa di Medicina Fisica e Riabilitazione dell Ospedale Galateo di San Cesario di Lecce è stato istituito, da circa sei mesi, un ambulatorio dedicato al trattamento focale della spasticità con Tossina Botulinica. In tale periodo sono stati selezionati al trattamento 60 pazienti affetti prevalentemente da sclerosi multipla ed esiti di ictus cerebrale ed in età compresa tra anni. Per tutti i pazienti selezionati è stata effettuata, su apposita cartella clinica, una valutazione funzionale globale completata da somministrazione di specifiche scale di misurazione della disabilità, della deambulazione e del grado di spasticità. Nei pazienti con spasticità conseguente ad ictus veniva rilevato prevalentemente un aumento del tono nei muscoli anti-gravitari rappresentati dai muscoli flessori agli arti superiori e dai muscoli estensori agli arti inferiori manifestando pattern motori stereotipati la parola ai colleghitemporanea caratterizzati da prevalente atteggiamento in flessione per l arto superiore ed estensione per l arto inferiore con equinismo del piede. L iperattività muscolare non controllata degli arti superiori e/o inferiori determinava forte impedimento e limitazione alle attività della vita quotidiana, igiene personale, deambulazione e in linea generale riduceva globalmente le possibilità di recupero funzionale. Si stima infatti che nei pazienti colpiti da ictus cerebri, la spasticità sia tra le più frequenti complicanze: ad un anno di distanza dall evento ictale il 39% dei pazienti presenta una spasticità di rilevanza clinica. Nel nostro ambulatorio si è scelto di utilizzare tossina botulinica tipo A 900Kda. Ogni singola seduta prevedeva l infiltrazione di più muscoli per l arto superiore ed inferiore senza mai superare le 600 U totali per seduta. Inoltre nei trenta giorni successivi all infiltrazione dell arto superiore, veniva consigliato l utilizzo di ortesi palmare di posizionamento per polso-mano-dita ed un programma di elettrostimolazione dei muscoli 18

19 trattati, al fine di migliorare l effetto della tossina. Prima di intraprendere il trattamento a tutti i pazienti veniva fatto sottoscrivere un consenso informato previa approfondita descrizione degli effetti del farmaco. Non sono stati rilevati sin ora effetti collaterali tali da imporre la sospensione del trattamento. Il trattamento infiltrativo con tossina botulinica veniva inserito nel contesto di un progetto riabilitativo individualizzato che nella maggior parte veniva svolto quotidianamente presso la stessa Unità Operativa. Per tutti era inoltre previsto un controllo clinico a quindici giorni e ad un mese dal trattamento con conseguente verifica ed adeguamento del piano riabilitativo, l infiltrazione non veniva comunque mai ripetuta prima di 90 giorni dalla data della precedente. Conclusioni La selezione dei pazienti, l accuratezza di identificazione delle sedi di inoculazione, un appropriata programmazione dei dosaggi, delle procedure combinate di trattamento, un regolare follow-up del paziente e la ripetizione periodica del trattamento sono fondamentali ai fini di un corretto utilizzo. E dunque la competenza e l esperienza dei clinici, unitamente ad un organizzazione appropriata del processo sanitario, a rendere più efficace l azione della tossina botulinica nel determinare le sostanziali positive modificazioni del controllo del movimento e della qualità di vita del paziente. Vantaggi clinici che si estendono altresì al nucleo sociale di riferimento del paziente stesso per la significativa riduzione delle necessità di assistenza. Da una procedura locale, focale, selettiva si possono così ottenere benefici globali, estesi e persistenti nel tempo. Bibliografia 1. S. Ozcakir, K. Sivrioglu - Botulinum Toxin in Poststroke Spasticity. Clinical Medicine & Research 2007; Volume 5,2: Il giusto dosaggio di tossina botulinica da inoculare viene stabilito in base all età ed al peso corporeo del paziente, al tipo di tossina utilizzata, al numero dei muscoli da infiltrare, alla gravità della spasticità ed alla risposta ad un pregresso trattamento con BTX 2. W.H.Jost - Botulinum toxin in multiple sclerosis. J Neurol 2006, 253 (Suppl 1) : I/16-I/20 3. M. S. Pathak, H.T. Nguyen, H.K. Graham, A. P. Moore - Management of spasticity in adults: practical application of botulinum toxin. European Journal of Neurology 2006; 13 (Suppl. 1) : A. B. Ward - Spasticity treatment with botulinum toxins. J Neural Transm 2008; 115: J.O. Dolly, K. Aoki - The structure and mode of action of botulinum toxins. Eurl neurol 2006 /Suppl 13) 4: M. Ramachandran, D.M. Eastwood - Botulinum toxin and its orthopaedic applications. J. Bone Joint Surg (Br) 2006,88-B: G. Monnier, L. Tatu, F. Michel - New indications for botulinum toxin in rheumatology. Joint Bone Spine 2006; 73: A.B. Ward, G. Molenaers, C. Colosimo, A. Berardelli - Clinical value of botulinum toxin in neurological indications. European Journal of Neurology 2006; 13 (Suppl. 4): C.C. Turkel, B. Bowen, J. Liu, M. F. Brin - Pooled analysis of the safety of botulinum toxin type A in the treatment of poststroke Spasticity. Arch Phys Med Rehabil 2006; 87: *dirigente medico U.O.C. Medicina Fisica e Riabilitazione stab. ospedaliero San Cesario di Lecce **direttore U.O.C. Medicina Fisica e Riabilitazione stab. ospedaliero San Cesario di Lecce direttore Servizio Sovradistrettuale di Riabilitazione Asl di Lecce 19

20 di Lamberto Coppola* Viaggio al centro dello spermatozoo INFERTILITÀ DI COPPIA. OLTRE LO SPERMIOGRAMMA la parola ai colleghi L o spermatozoo ha un anima biologica che rappresenta il motivo della sua stessa esistenza. Si tratta del Dna, la parte più nascosta della cellula e soprattutto la più sensibile all attacco dei Ros. L azione ossidante dei radicali, infatti, pur lasciando integro l aspetto morfologico della cellula riproduttiva, può attaccare direttamente le eliche del Dna rendendola instabile e generando, al suo interno, rotture e mutazioni. I radicali liberi sono molecole estremamente aggressive per gli spermatozoi, ma se presenti in piccole quantità svolgono un ruolo importante per la loro maturazione finale e per la fecondazione. L azione perossidativa dei radicali sulla membrana dello spermatozoo, infatti, è fondamentale affinché questo si attivi e si fonda con l ovocita. A livello seminale, invece, la loro reattività è sfruttata dal sistema immunitario per difendere le cellule germinali da agenti patogeni di varia natura. Recentemente, inoltre, è stata dimostrata la loro importanza nella trascrizione genica indotta dagli ormoni sessuali. La quantità di radicali è regolata dalla Barriera antiossidante costituita da un insieme di molecole capaci di inattivarne la produzione, di impedirne la formazione in eccesso e di contrastarne gli effetti in modo tale che non prendano il sopravvento. Le ghiandole genitali producono una grande quantità di molecole antiossidanti che si riversano nel plasma seminale in una concentrazione pressoché doppia rispetto a quella riscontrabile nel sangue. Ciò dimostra la peculiare I radicali liberi sono molecole estremamente aggressive per gli spermatozoi, ma se presenti in piccole quantità svolgono un ruolo importante per la loro maturazione finale e per la fecondazione protezione che l organismo cerca di riservare alle cellule germinali. Una protezione che, in condizioni normali, viene assicurata anche dopo l eiaculazione visto che il corteo di molecole antiossidanti accompagna lo spermatozoo nelle vie genitali femminili scortandolo fino alla meta finale, l ovulo. L idea che i radicali liberi potessero essere implicati nei processi di invecchiamento cellulare è stata ipotizzata per la prima volta nel 1956 da Denham Harman, il quale formulò la Teoria radicalica dell invecchiamento. La teoria suggerisce che i radicali liberi, prodotti durante il normale metabolismo della cellula, col tempo danneggino il Dna ed altre macromolecole, portando a malattie degenerative, lesioni tumorali ed infine a danno irreversibile di cellule e tessuti. Alla teoria di Harmann si ricollega quella più recente di Miquel (1986), detta Teoria mitocondriale dell invecchiamento secondo cui i mitocondri controllerebbero la velocità d invecchiamento cellulare rappresentando non solo gli elementi chiave nella 20

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nell ambito del servizio sanitario regionale Iniziativa del Consigliere

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA NUMERI E CAUSE La fertilità della specie umana è bassa. Infatti, ad ogni ciclo mestruale, una

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE Procreazione medico assistita L assistenza di un medico e di un biologo si dimostrano talvolta indispensabili per riuscire a diventare genitori. Quando una metodica di laboratorio, più o meno complessa,

Dettagli

La spasticità: nuove possibilità di trattamento

La spasticità: nuove possibilità di trattamento La spasticità: nuove possibilità di trattamento La spasticità: Cos è? Si definisce spasticità un alterazione dei movimenti data da un aumento del tono muscolare involontario, con contratture muscolari

Dettagli

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Introduzione Questo esercizio è idoneo al lavoro di gruppo. Ogni gruppo sceglie un testo di lavoro, e presenta

Dettagli

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC.

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. Per necessità l esposizione è schematica. Si rimanda alla consultazione del genetista il

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Ref. 123 / 2009 Reparto di Medicina della Riproduzione Servicio de Medicina de la Reproducción Gran Vía Carlos III 71-75 08028 Barcelona Tel.

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Che cos è la fibrosi cistica

Che cos è la fibrosi cistica La scoperta del gene responsabile della fibrosi cistica ha permesso la messa a punto di un test genetico per identificare il portatore sano del gene della malattia. Si è aperto quindi un importante dibattito

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

11-OTT-2015 da pag. 43 foglio 1

11-OTT-2015 da pag. 43 foglio 1 Tiratura 07/2015: 412.069 Diffusione 07/2015: 298.071 Lettori Ed. II 2015: 2.477.000 Dir. Resp.: Luciano Fontana da pag. 43 foglio 1 Tiratura 07/2015: 412.069 Diffusione 07/2015: 298.071 Lettori Ed. II

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

"Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni"

Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni "Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni" Mario Melazzini Direttore Scientifico Centro Clinico NeMo, Fondazione Serena, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca Granda, Milano Il punto di partenza

Dettagli

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia

Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Contributo non condizionato: Diabete Tipo 1 e Tipo 2: il ruolo della farmacia Giovedì 5 marzo 2015 presso HOTEL EUROPA Best Western Lungomare Zara, 57, 64021 Giulianova TE L incontro inizierà alle 20.30.

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

L Inseminazione Intrauterina

L Inseminazione Intrauterina L Inseminazione Intrauterina Informazioni per la coppia UNITÀ OPERATIVA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA FONDAZIONE IRCCS IRCCS CA' GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO PAD. REGINA ELENA VIA M. FANTI,

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

SALUTE. Stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistente solo in un assenza di malattia o di infermità (OMS 1946 e D.Lgs.

SALUTE. Stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistente solo in un assenza di malattia o di infermità (OMS 1946 e D.Lgs. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Formazione generale degli insegnanti M2 FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011 CONCETTI GENERALI

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

IL TUMORE DELLA PROSTATA

IL TUMORE DELLA PROSTATA IL TUMORE DELLA PROSTATA Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cos è il cancro della prostata? Cancro significa crescita incontrollata di cellule

Dettagli

SCUOLA IN-FORMA GENERAZIONE FUTURA. Progetto Futura 2. Per la prevenzione dei difetti congeniti e delle malattie genetiche

SCUOLA IN-FORMA GENERAZIONE FUTURA. Progetto Futura 2. Per la prevenzione dei difetti congeniti e delle malattie genetiche Provincia Regionale di Caltanissetta Assessorato Solidarietà Sociale Associazione Casa Famiglia Rosetta Centro di Genetica Medica M.Averna Azienda Unità Sanitaria Locale N.2 Unità Operativa per l Educazione

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con Chi si difende da chi? E perché? I dati della prima ricerca nazionale sulla Medicina Difensiva Roma, 23 novembre 2010 Senato della Repubblica, Sala Capitolare in collaborazione con Chi si difende da chi?

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA

DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA DOLORE CRONICO E PERCORSI ASSISTENZIALI QUESTIONARIO RIVOLTO AI PAZIENTI CON PATOLOGIA CRONICA Gentilissimo/a, Cittadinanzattiva, e in particolare il Tribunale per i diritti del malato e il Coordinamento

Dettagli

Fattori di rischio ed epidemiologia

Fattori di rischio ed epidemiologia Fattori di rischio ed epidemiologia Aldo E. Calogero Andrologia ed Endocrinologia Di.M.I.P.S. Università di Catania Roma, 19 marzo 2012 Policlinico G. Rodolico Università di Catania Principali patologie

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo!

Somministrazione Insulina - Dossier INFAD. Diabete: Conoscerlo per gestirlo! Somministrazione Insulina - Dossier INFAD Diabete: Conoscerlo per gestirlo! GENERALITA Secondo l ISS il diabete è una malattia cronica caratterizzata dalla presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue

Dettagli

Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT con il sostegno di Non siamo nati per soffrire. Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT Non siamo nati per soffrire.

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Roma 10 Aprile 2015 La salute nella Persona con Lesione Midollare stabilizzata: la rete dei servizi territoriali nella centralità del progetto individuale:

Dettagli

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità

igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità igiene Scienza della salute che si propone il compito di promuovere, conservare e potenziare lo stato di salute di una comunità salute Art. 32 della Costituzione Italiana: la Repubblica tutela la salute

Dettagli

Radon e Tumori: cosa li accomuna?

Radon e Tumori: cosa li accomuna? Conferenza con la dottoressa Silvia Villa Radon e Tumori: cosa li accomuna? I.I.S.S. Greppi, Progetto Scuola e casa a misura di radon L oncologa Silvia Villa Tra le varie attività programmate nel progetto

Dettagli

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Riflessioni etiche e professionali Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Progressi nella scienza e ricerca miglior cura delle malattie allungamento della vita miglioramento qualità

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012: 10.694 Lettori Ed. II 2014: 61.000 Quotidiano - Ed. Roma Dir. Resp.: Gian Marco Chiocci da pag. 16 foglio 1 Tiratura 09/2015: 68.268 Diffusione 09/2015: 48.891 Lettori

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

SCLEROSI MULTIPLA: il volto quotidiano della malattia. Monza, 9 aprile 2014

SCLEROSI MULTIPLA: il volto quotidiano della malattia. Monza, 9 aprile 2014 SCLEROSI MULTIPLA: il volto quotidiano della malattia Monza, 9 aprile 2014 Diritti dei lavoratori affetti da SM Agevolazioni Legge. n. 104/92 [Permessi retribuiti, scelta, ove possibile, della sede di

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE AFASICO Gentile Utente, o questa guida intende fornirle alcune informazioni e consigli sull AFASIA, un disturbo che limita il linguaggio. Nel nostro Ospedale

Dettagli

FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI

FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI il punto di vista di AMICI Onlus cosa sono i farmaci biosimilari Alla luce delle scadenze brevettuali sono già in commercio, e presto ne arriveranno altri, farmaci biologici

Dettagli

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT

ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT ASSISTENZA HOSPICE: UNA NUOVA REALTA NELL ASL BT G. Lella (1), F. V. Rizzi (2), C. Crapolicchio (1), L. N. Visaggio (1), D. Ancona (2) 1. Servizio di Farmacovigilanza; 2. Area Gestione Servizio Farmaceutico

Dettagli

LA DISFUNZIONE ERETTILE

LA DISFUNZIONE ERETTILE LA DISFUNZIONE ERETTILE Dott. CARMINE DI PALMA Andrologia, Urologia, Chirurgia Andrologica e Urologica, Ecografia Che cosa significa disfunzione Per disfunzione erettile (DE) si intende l incapacità a

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande

Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Vaccinazione per prevenire il cancro del collo dell'utero: risposte alle principali domande Nel novembre 2006 è stato omologato in Svizzera un nuovo vaccino che può proteggere le donne dal cancro del collo

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO Cittadinanzattiva/ Active Citizenship Network ha realizzato la Carta Europea dei Diritti del Malato Questa guida vuole essere uno strumento per portare

Dettagli

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013 Le Cure Palliative Dr.ssa M.Grazia Rusconi UniTre 2013 DEFINIZIONE L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce le Cure Palliative come la cura totale prestata alla persona affetta da una malattia

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto Nella Regione Abruzzo sono

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO

VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO Dott. Rino Donghi Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati Dott. Terenzio Cassina Pasol titolo Il

Dettagli

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.)

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) Donazione di midollo osseo o di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico? Un tempo esisteva soltanto la donazione

Dettagli

DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA. Ospedale Evangelico Internazionale 27 NOVEMBRE 2015 DOTTORESSA COSMELLI ARIANNA

DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA. Ospedale Evangelico Internazionale 27 NOVEMBRE 2015 DOTTORESSA COSMELLI ARIANNA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA 27 NOVEMBRE 2015 Ospedale Evangelico Internazionale DOTTORESSA COSMELLI ARIANNA VIOLENZA CONTRO LE DONNE Con l espressione violenza nei

Dettagli

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10.

Marco Trabucchi Editoriale. Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013. Il Mulino - Rivisteweb. (doi: 10. Il Mulino - Rivisteweb Marco Trabucchi Editoriale (doi: 10.1450/75605) Tendenze nuove (ISSN 2239-2378) Fascicolo 6, novembre-dicembre 2013 Copyright c by Società editrice il Mulino, Bologna. Tutti i diritti

Dettagli

FERTILITÀ A 360 Spunti e nuove riflessioni nella PMA

FERTILITÀ A 360 Spunti e nuove riflessioni nella PMA FERTILITÀ A 360 Spunti e nuove riflessioni nella PMA RESPONSABILI SCIENTIFICI Dr. Alessio Paffoni Specialista in Genetica Medica, Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico, U.O. Sterilità

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

EDUCAZIONE SANITARIA...

EDUCAZIONE SANITARIA... EDUCAZIONE SANITARIA... Satta Hai Anna Siamo negli anni 20, l inizio dell era insulinica: prende forma l idea che il diabetico debba essere adeguatamente istruito e motivato (cioè educato). Questa nuova

Dettagli

Fumo e benessere riproduttivo

Fumo e benessere riproduttivo Fumo e benessere riproduttivo Cosa c è in una sigaretta? Più di 4000 sostanze tossiche sono contenute nel fumo di tabacco. - Nicotina: crea dipendenza - Monossido di carbonio: ostacola l'azione dei muscoli

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Ragazzi siamo facoltativi!?

Ragazzi siamo facoltativi!? Siena Ragazzi siamo facoltativi!? Corso di sopravvivenza nel mare della procreazione assistita e dintorni A cura di Carlo Bellieni Clicca qui per iniziare!!! Il DNA di una persona esiste prima della sua

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa 4 Attualità Martedì 5 febbraio 2013 CAMPOBASSO. Gli italiani hanno acquistato, nei primi nove mesi del 2012, un totale di 1 miliardo e 368 milioni di confezioni di medicinali, per una media - ha calcolato

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA Definizione e obiettivi Negli anni '80, nel corso di una riunione della Comunità Economica Europea, la sorveglianza sanitaria è stata definita come "la valutazione

Dettagli

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore

Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nella terapia del dolore *** Consiglio Regionale della Toscana *** - IX legislatura - Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 58 Prot. n. 2114/2.6 del 08.02.2011 Proposta di Legge Regionale: Disposizioni in materia

Dettagli

Documenti cartella stampa. a cura della Società Italiana di Mesoterapia. Comunicato Premio Michele Pistor 2011 pag 2. Cosa è la Mesoterapia pag 3

Documenti cartella stampa. a cura della Società Italiana di Mesoterapia. Comunicato Premio Michele Pistor 2011 pag 2. Cosa è la Mesoterapia pag 3 Documenti cartella stampa a cura della Società Italiana di Mesoterapia Comunicato Premio Michele Pistor 2011 pag 2 Cosa è la Mesoterapia pag 3 Obiettivi della Società Italiana di Mesoterapia (SIM) pag

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE PROF. GIOVANNI NERI Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del S. Cuore, Roma DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE La diagnosi prenatale di malattie genetiche rare è pratica

Dettagli

La medicina della riproduzione: alcuni spunti etici e politici Alberto Bondolfi Université de Genève Un ricordo del 1987 Mi ricordo il primo intervento su queste tematiche, tenuto quando il centro locarnese

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi

VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi VOCABOLARIO DELLA SICUREZZA (SAFETY) DEFINIZIONI: Pericolo Rischio Prevenzione Protezione Formazione Informazione Addestramento Buone prassi federico.ricci@unimore.it Psicologo del Lavoro e delle Organizzazioni

Dettagli

ASL TO3 : 84.500 CITTADINI VENGONO INVITATI ALLO SCREENING DEL COLON RETTO

ASL TO3 : 84.500 CITTADINI VENGONO INVITATI ALLO SCREENING DEL COLON RETTO COMUNICATO STAMPA LA PREVENZIONE PUO SALVARE LA VITA : APPELLO DELL ASL A PRESENTARSI ALL INVITO. RISULTANO POSITIVI CIRCA IL 6% DI ESAMI (162 SU 2.840), SUBITO INVIATI ALLA COLONSCOPIA DI APPROFONDIMENTO

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA 1/6 La seduta inizia alle 18.29. PRESIDENTE. Siamo in audizione durante la seconda missione in Puglia come Commissione parlamentare

Dettagli

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS

INFORMATIVA ALLA ECOGRAFIA CON MEZZO DI CONTRASTO_CEUS Pag. 1/4 Cognome Nome Nato/a il N.B. Il presente modulo informativo deve essere firmato per presa visione e riconsegnato al sanitario che propone/esegue la procedura di seguito descritta. Questo modulo

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Il tumore della mammella è il più frequente nella popolazione femminile. E asintomatico per un lungo periodo di tempo; la tempestività della diagnosi e della terapia

Dettagli

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze.

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. Le malattie autoimmuni e gli ormoni femminili. La maggior parte delle malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, sclerodermia,

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE COME AGISCE IL CRO SYSTEM? Ottimizza la performance muscolare potenziando marcatamente la sensibilità propriocettiva, ovvero la raccolta di informazioni da muscoli, articolazioni ed ossa, su cui si basa

Dettagli