RASSEGNA STAMPA. Comunicato stampa Dolore da cancro: solo 1 medico di famiglia su 4 lo misura con regolarità. Ancora diffusa l oppiofobia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA. Comunicato stampa Dolore da cancro: solo 1 medico di famiglia su 4 lo misura con regolarità. Ancora diffusa l oppiofobia"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA Comunicato stampa Dolore da cancro: solo 1 medico di famiglia su 4 lo misura con regolarità. Ancora diffusa l oppiofobia Milano, 4 Ottobre 2012 Aggiornamento 12 Dicembre 2012

2 AGENZIE Sommario TESTATA DATA LETTORI AGI (3 LANCI) 04/10/2012 Staff editoriale ASCA 04/10/2012 Staff editoriale AIS-SANITA 04/10/2012 Staff editoriale TM NEWS (3 LANCI) 04/10/2012 Staff editoriale QUOTIDIANI LA SICILIA 08/10/ LA REPUBBLICA SALUTE 09/10/ GIORNALE DI BRESCIA 09/10/ LA STAMPA - TUTTOSCIENZE 10/10/ IL DENARO 16/10/2012 n.d. PERIODICI IO DONNA 03/11/ ALGOS FLOGOS 01/10/ RADIO/TV MEDICINA SALUTE BENESSERE RADIO IES 5/10/2012 n.d. WEB ILMONDO.IT 04/10/2012 n.d. NOTIZIE.YAHOO.COM 04/10/ PANORAMASANITA.IT 04/10/ LIQUIDAREA.COM 04/10/2012 n.d. GOSALUTE.IT 04/10/2012 n.d. HEALTHDESK.IT 04/10/2012 n.d. CHIETISCALO.IT 04/10/2012 n.d. PHARMASTAR.IT 04/10/ NOTIZIE.VIRGILIO.IT 04/10/ SASSILAND.COM 04/10/2012 n.d. SCIENZA.PANORAMA.IT 05/10/2012 n.d.

3 Sommario MEDICINALIVE.COM 06/10/2012 n.d. CRONACADIRETTA.IT 06/10/2012 n.d. MARKETPRESS.INFO 08/10/2012 n.d. ITALIA-NEWS.IT 08/10/2012 n.d. TOTALE Fonti dati: Audipress, Anes, Auditel, Audiradio, Audiweb

4 Agenzie

5 AGI (1 LANCIO) Lettori: per staff editoriale SALUTE: DOLORE CRONICO, SOLO 1 MEDICO DI FAMIGLIA SU 4 LO CONOSCE (AGI) - Roma, 4 ott. - Oltre 6 medici di famiglia su 10 ritengono fondamentale un trattamento appropriato del dolore, per garantire al paziente una qualita' di vita dignitosa, e dichiarano di aver cambiato il proprio atteggiamento, dopo il varo della Legge 38. Pero' solo 1 su 4 conosce bene la normativa. Sul fronte dei farmaci, il ricorso agli antinfiammatori non steroidei (Fans) e' tuttora frequente, mentre gli oppioidi restano in molti casi un tabu'. E' quanto emerge da un'indagine dell'istituto Demoskopea per conto del Centro Studi Mundipharma, su un campione di 200 medici di famiglia di tutta Italia (al 79% uomini, di eta' media pari a 54 anni). (AGI) Eli (Segue)

6 AGI (2 LANCIO) Lettori: per staff editoriale SALUTE: DOLORE CRONICO, SOLO 1 MEDICO DI FAMIGLIA SU 4 LO CONOSCE (2) (AGI) - Roma, 4 ott. - Nonostante l'aumento della sensibilita' nei confronti del tema, il dolore cronico e' ancora sottovalutato dal medico di medicina generale o non adeguatamente monitorato. Secondo i clinici intervistati, 1 paziente su 3 presenta una condizione di sofferenza cronica, legata soprattutto ad artrosi (93%), mal di schiena o cervicale (93%), ernie (72%) e cefalee (67%); nel 41% dei casi, il dolore e' di grado moderato, ma diventa severo per 1 malato su 5. Malgrado il 77% dei medici affermi di misurarne l'intensita', soltanto il 26% la monitora sempre; un 23% rivela di non prendere in considerazione questo aspetto. Ma con quali farmaci i medici di famiglia gestiscono il problema? Conoscendo bene i loro assistiti, tendono a rivendicare la propria autonomia e intervengono sui dosaggi - aumentandoli - o sui principi attivi, personalizzando le terapie, anche in presenza di prescrizioni dello specialista. Per il controllo del dolore cronico di grado moderato, il 61% degli intervistati impiega esclusivamente Fans e paracetamolo; solo un 3% ricorre agli oppioidi (deboli e forti) in monoterapia, mentre il 24% li somministra in associazione agli antinfiammatori non steroidei. (AGI) Eli (Segue)

7 AGI (3 LANCIO) Lettori: per staff editoriale SALUTE: DOLORE CRONICO, SOLO 1 MEDICO DI FAMIGLIA SU 4 LO CONOSCE (3) (AGI) - Roma, 4 ott. - Per trattare un dolore severo, si fa uso di Fans e paracetamolo nel 47% dei casi (da soli 11% o in associazione a oppiacei 36%); sale l'impiego di oppioidi (in monoterapia 26% o in associazione 39%) ma 4 volte su 10 si tratta di prodotti transdermici. Consapevole degli effetti collaterali che gli analgesici possono generare e che influiscono sull'aderenza dei pazienti alle terapie, il 58% del campione desidererebbe disporre di farmaci meglio tollerati. Tra i disturbi che i generalisti vorrebbero eliminare: danni gastrici, nausea, stipsi e costipazione; in particolare, il timore di una comparsa di quest'ultima scoraggia talvolta la prescrizione di oppioidi. Nonostante le nuove armi terapeutiche oggi disponibili, l'88% dei clinici dichiara che gli oppioidi sono ancora sottoutilizzati e riscontra resistenze da parte dei colleghi a prescriverli nell'84% dei casi, con punte del 91% nel Centro Italia. All'origine del problema, retaggi culturali e carenze informative della classe medica. Solo il 6% dei generalisti, infatti, ammette di conoscere bene questa classe di farmaci: i meno informati risiedono nel Nord- Ovest, dove quasi 1 medico su 5 confessa di saperne poco o nulla. Nel complesso, traspare la diffusa esigenza di una maggiore formazione in proposito, avvertita dall'82% degli intervistati. A farsene carico, dovrebbero essere soprattutto strutture pubbliche, quali Asl (18%) e ministero della Salute (8%), o case farmaceutiche (18%). E per quanto concerne la Legge 38? Anche in questo caso, la situazione non muta. Solo il 25% dei medici di famiglia dichiara di conoscerla bene; il 39% la conosce soltanto in parte e il 36% ne ha semplicemente sentito parlare. Nello specifico, la maglia nera va al Nord-Est, dove i meno informati raggiungono quota 46%; piu' preparati i clinici del Sud, che sostengono di padroneggiarne i contenuti nel 35% dei casi. Paradossalmente, tra i principali vantaggi apportati dalla normativa, il 42% dei generalisti indica proprio la maggiore facilita' di prescrizione dei medicinali a base oppiacea. (AGI) Eli

8 ASCA Lettori: per staff editoriale SALUTE: DOLORE CRONICO, SOLO 1 MEDICO BASE SU 4 LO MISURA REGOLARMENTE (ASCA) - Roma, 4 ott - Oltre 6 medici di famiglia su 10 ritengono fondamentale un trattamento appropriato del dolore, per garantire al paziente una qualita' di vita dignitosa, e dichiarano di aver cambiato il proprio atteggiamento, dopo il varo della Legge 38. Alla prova dei fatti, pero', solo 1 su 4 conosce bene la normativa che ha sancito per tutti gli italiani il diritto a non soffrire. Sul fronte dei farmaci, il ricorso agli antinfiammatori non steroidei (Fans) e' tuttora frequente, mentre gli oppioidi restano in molti casi un tabu'. Nonostante l'aumento della sensibilita' nei confronti del tema, il dolore cronico e' ancora sottovalutato dal medico di medicina generale o non adeguatamente curato e monitorato. Sono alcuni dei risultati che emergono da una recente indagine svolta dall'istituto di ricerca Demoskopea per conto del Centro Studi Mundipharma, su un campione di 200 medici di famiglia di tutta Italia(al 79% uomini, di eta' media pari a 54 anni). Obiettivo della survey: fotografare l'approccio diagnostico-terapeutico al dolore, ma anche il livello di conoscenza della Legge 38 e gli eventuali bisogni formativi delle figure professionali deputate ad acquisire un ruolo sempre piu' centrale nella rete assistenziale auspicata dalla normativa. Secondo quanto dichiarato dai clinici intervistati, 1 paziente su 3 presenta una condizione di sofferenza cronica, legata soprattutto ad artrosi (93%), mal di schiena o cervicale (93%), ernie (72%) e cefalee (67%); nel 41% dei casi, il dolore e' di grado moderato, ma diventa severo per 1 malato su 5. Malgrado il 77% dei medici affermi di misurarne l'intensita' durante le visite, soltanto il 26% la monitora sempre; un 23% rivela di non prendere in considerazione questo aspetto, contravvenendo cosi' a quanto stabilisce l'art.7 della Legge, che invita a registrare regolarmente l'intensita' del dolore e a verificare con costanza l'efficacia e l'adeguatezza posologica degli eventuali trattamenti antalgici in corso.

9 AIS-SANITA 1/3 Lettori: per staff editoriale DOLORE CRONICO, RICERCA: 1 MEDICO SU 4 LO MISURA REGOLARMENTE (AIS) Milano, 4 ott Oltre 6 medici di famiglia su 10 ritengono fondamentale un trattamento appropriato del dolore, per garantire al paziente una qualità di vita dignitosa, e dichiarano di aver cambiato il proprio atteggiamento, dopo il varo della Legge 38. Alla prova dei fatti, però, solo 1 su 4 conosce bene la normativa che ha sancito per tutti gli italiani il diritto a non soffrire. Sul fronte dei farmaci, il ricorso agli antinfiammatori non steroidei (FANS) è tuttora frequente, mentre gli oppioidi restano in molti casi un tabù. Nonostante l aumento della sensibilità nei confronti del tema, il dolore cronico è ancora sottovalutato dal medico di medicina generale o non adeguatamente curato e monitorato. Sono alcuni dei risultati che emergono da una recente indagine svolta dall Istituto di ricerca Demoskopea per conto del Centro Studi Mundipharma, su un campione di 200 medici di famiglia di tutta Italia(al 79% uomini, di età media pari a 54 anni). Obiettivo della survey: fotografare l approccio diagnostico-terapeutico al dolore, ma anche il livello di conoscenza della Legge 38 e gli eventuali bisogni formativi delle figure professionali deputate ad acquisire un ruolo sempre più centrale nella rete assistenziale auspicata dalla normativa. Secondo quanto dichiarato dai clinici intervistati, 1 paziente su 3 presenta una condizione di sofferenza cronica, legata soprattutto ad artrosi (93%), mal di schiena o cervicale (93%), ernie (72%) e cefalee (67%); nel 41% dei casi, il dolore è di grado moderato, ma diventa severo per 1 malato su 5. Malgrado il 77% dei medici affermi di misurarne l intensità durante le visite, soltanto il 26% la monitora sempre; un 23% rivela di non prendere in considerazione questo aspetto, contravvenendo così a quanto stabilisce l art.7 della Legge, che invita a registrare regolarmente l intensità del dolore e a verificare con costanza l efficacia e l adeguatezza posologica degli eventuali trattamenti antalgici in corso. Ma con quali farmaci i medici di famiglia gestiscono il problema?conoscendo bene i loro assistiti, tendono a rivendicare la propria autonomia e intervengono sui dosaggi - aumentandoli - o sui principi attivi, personalizzando le terapie, anche in presenza di prescrizioni dello specialista. Per il controllo del dolore cronico di grado moderato, il 61% degli intervistati impiega esclusivamente FANS e paracetamolo; solo un 3% ricorre agli oppioidi (deboli e forti) in monoterapia, mentre il 24% li somministra in associazione agli antinfiammatori non steroidei. Per trattare un dolore severo, si fa uso di FANS e paracetamolo nel 47% dei casi (da soli 11% o in associazione a oppiacei 36%), mediamente per periodi superiori a due mesi, con il conseguente rischio di danni gastrici e cardiovascolari; sale l impiego di oppioidi (in monoterapia 26% o in associazione 39%) ma 4 volte su 10 si tratta di prodotti transdermici, al contrario di quanto raccomandato dalle Linee Guida, che indicano come prima scelta le formulazioni orali.

10 AIS-SANITA 2/3 Lettori: per staff editoriale Consapevole degli effetti collaterali che gli analgesici possono generare e che influiscono sull aderenza dei pazienti alle terapie, il 58% del campione desidererebbe disporre di farmaci meglio tollerati. Tra i disturbi che i generalisti vorrebbero eliminare: danni gastrici, nausea, stipsi e costipazione; in particolare, il timore di una comparsa di quest ultima scoraggia talvolta la prescrizione di oppioidi, benché oggi innovative associazioni farmacologiche consentano di risolvere il problema. Le evidenze scientifiche e la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità - spiega Francesco Amato, Presidente Nazionale di FederDolore -riconoscono nei farmaci oppiacei il gold standard per la cura del dolore cronico moderato-severo; spesso, invece, questo viene trattato inappropriatamente con FANS, che andrebbero assunti non oltre i 15 giorni e invece sono impiegati per anni. Benché gli oppioidi siano molto efficaci, il loro uso protratto può essere correlato al rischio di sviluppare disfunzioni intestinali; una nuova associazione di ossicodone e naloxone a rilascio prolungato si è però dimostrata in grado di coniugare efficacia e tollerabilità, garantendo sollievo dal dolore e, contestualmente, prevenendo l insorgenza della costipazione oppioide indotta. Lo confermano i risultati emersi dalle esperienze cliniche condotte su migliaia di pazienti in tutta Europa. Nonostante le nuove armi terapeutiche oggi disponibili, l 88% dei clinici dichiara che gli oppioidi sono ancora sottoutilizzati e riscontra resistenze da parte dei colleghi a prescriverli nell 84% dei casi, con punte del 91% nel Centro Italia. All origine del problema, retaggi culturali e carenze informative della classe medica. Solo il 6% dei generalisti, infatti, ammette di conoscere bene questa classe di farmaci: i meno informati risiedono nel Nord-Ovest, dove quasi 1 medico su 5 confessa di saperne poco o nulla. Nel complesso, traspare la diffusa esigenza di una maggiore formazione in proposito, avvertita dall 82% degli intervistati. A farsene carico, dovrebbero essere soprattutto strutture pubbliche, quali ASL (18%) e Ministero della Salute (8%), o case farmaceutiche (18%). E per quanto concerne la Legge 38? Anche in questo caso, la situazione non muta. Solo il 25% dei medici di famiglia dichiara di conoscerla bene; il 39% la conosce soltanto in parte e il 36% ne ha semplicemente sentito parlare. Nello specifico, la maglia nera va al Nord-Est, dove i meno informati raggiungono quota 46%; più preparati i clinici del Sud, che sostengono di padroneggiarne i contenuti nel 35% dei casi. Paradossalmente, tra i principali vantaggi apportati dalla normativa, il 42% dei generalisti indica proprio la maggiore facilità di prescrizione dei medicinali a base oppiacea. Una Legge, per quanto rivoluzionaria, da sola non basta a creare la cultura del corretto approccio al dolore,commenta Claudio Cricelli, Presidente della Società Italiana di Medicina Generale. Per educare medici di famiglia, dovremmo prevedere alcuni milioni di ore/uomo di formazione. Oggi un quarto dei generalisti dichiara di conoscere la Legge 38: lo ritengo un risultato miracoloso, considerando le risorse esigue che abbiamo a disposizione per informarli sui contenuti della normativa e sulle modalità di trattamento del dolore cronico, in uno scenario di spending review e di sostanziale staticità delle Regioni.

11 AIS-SANITA 3/3 Lettori: per staff editoriale Quanto abbiamo ottenuto finora, in pochissimo tempo, va nella giusta direzione ed è frutto del lavoro della Commissione Ministeriale e dell impegno volontaristico di Società Scientifiche, Associazioni di cittadini e aziende farmaceutiche. Per proseguire nel processo di cambiamento intrapreso servono, però, ulteriori sforzi da parte di tutti: del Governo e del Ministero, affinché riservino all obiettivo di piano maggiori risorse economiche, ma soprattutto delle Regioni, che sono le principali destinatarie e responsabili dell attuazione della Legge e devono adoperarsi per farla realmente conoscere agli operatori sanitari. red

12 TM NEWS (1 LANCIO) Lettori: per staff editoriale SALUTE/ DOLORE CRONICO, SOLO 1 MEDICO FAMIGLIA SU 4 LO MISURA Con regolarità. Ancora diffusa oppiofobia, poco nota la Legge 38 Roma, 4 ott. (TMNews) - Oltre 6 medici di famiglia su 10 ritengono fondamentale un trattamento appropriato del dolore, per garantire al paziente una qualità di vita dignitosa, e dichiarano di aver cambiato il proprio atteggiamento, dopo il varo della Legge 38. Alla prova dei fatti, però, solo 1 su 4 conosce bene la normativa che ha sancito per tutti gli italiani il diritto a non soffrire. Sul fronte dei farmaci, il ricorso agli antinfiammatori non steroidei (Fans) è tuttora frequente, mentre gli oppioidi restano in molti casi un tabù. Nonostante l'aumento della sensibilità nei confronti del tema, il dolore cronico è ancora sottovalutato dal medico di medicina generale o non adeguatamente curato e monitorato. Sono alcuni dei risultati che emergono da una recente indagine svolta dall'istituto di ricerca Demoskopea per conto del Centro Studi Mundipharma, su un campione di 200 medici di famiglia di tutta Italia(al 79% uomini, di età media pari a 54 anni). Obiettivo della survey: fotografare l'approccio diagnostico-terapeutico al dolore, ma anche il livello di conoscenza della Legge 38 e gli eventuali bisogni formativi delle figure professionali deputate ad acquisire un ruolo sempre più centrale nella rete assistenziale auspicata dalla normativa.(segue)

13 TM NEWS (2 LANCIO) Lettori: per staff editoriale SALUTE/ DOLORE CRONICO, SOLO 1 MEDICO FAMIGLIA SU 4 LO MISURA - 2- Roma, 4 ott. (TMNews) - Secondo quanto dichiarato dai clinici intervistati, 1 paziente su 3 presenta una condizione di sofferenza cronica, legata soprattutto ad artrosi (93%), mal di schiena o cervicale (93%), ernie (72%) e cefalee (67%); nel 41% dei casi, il dolore è di grado moderato, ma diventa severo per 1 malato su 5. Malgrado il 77% dei medici affermi di misurarne l'intensità durante le visite, soltanto il 26% la monitora sempre; un 23% rivela di non prendere in considerazione questo aspetto, contravvenendo così a quanto stabilisce l'art.7 della Legge, che invita a registrare regolarmente l'intensità del dolore e a verificare con costanza l'efficacia e l'adeguatezza posologica degli eventuali trattamenti antalgici in corso. Ma con quali farmaci i medici di famiglia gestiscono il problema? Conoscendo bene i loro assistiti, tendono a rivendicare la propria autonomia e intervengono sui dosaggi - aumentandoli - o sui principi attivi, personalizzando le terapie, anche in presenza di prescrizioni dello specialista. Per il controllo del dolore cronico di grado moderato, il 61% degli intervistati impiega esclusivamente Fans e paracetamolo; solo un 3% ricorre agli oppioidi (deboli e forti) in monoterapia, mentre il 24% li somministra in associazione agli antinfiammatori non steroidei. Per trattare un dolore severo, si fa uso di Fans e paracetamolo nel 47% dei casi (da soli 11% o in associazione a oppiacei 36%), mediamente per periodi superiori a due mesi, con il conseguente rischio di danni gastrici e cardiovascolari; sale l'impiego di oppioidi (in monoterapia 26% o in associazione 39%) ma 4 volte su 10 si tratta di prodotti transdermici, al contra rio di quanto raccomandato dalle Linee Guida, che indicano come prima scelta le formulazioni orali.(segue)

14 TM NEWS (3 LANCIO) Lettori: per staff editoriale SALUTE/ DOLORE CRONICO, SOLO 1 MEDICO FAMIGLIA SU 4 LO MISURA - 3- Roma, 4 ott. (TMNews) - Consapevole degli effetti collaterali che gli analgesici possono generare e che influiscono sull'aderenza dei pazienti alle terapie, il 58% del campione desidererebbe disporre di farmaci meglio tollerati. Tra i disturbi che i generalisti vorrebbero eliminare: danni gastrici, nausea, stipsi e costipazione; in particolare, il timore di una comparsa di quest'ultima scoraggia talvolta la prescrizione di oppioidi, benché oggi innovative associazioni farmacologiche consentano di risolvere il problema. Nonostante le nuove armi terapeutiche oggi disponibili, l'88% dei clinici dichiara che gli oppioidi sono ancora sottoutilizzati e riscontra resistenze da parte dei colleghi a prescriverli nell'84% dei casi, con punte del 91% nel Centro Italia. All'origine del problema, retaggi culturali e carenze informative della classe medica. Solo il 6% dei generalisti, infatti, ammette di conoscere bene questa classe di farmaci: i meno informati risiedono nel Nord-Ovest, dove quasi 1 medico su 5 confessa di saperne poco o nulla. Nel complesso, traspare la diffusa esigenza di una maggiore formazione in proposito, avvertita dall'82% degli intervistati. A farsene carico, dovrebbero essere soprattutto strutture pubbliche, quali ASL (18%) e Ministero della Salute (8%), o case farmaceutiche (18%). E per quanto concerne la Legge 38? Anche in questo caso, la situazione non muta. Solo il 25% dei medici di famiglia dichiara di conoscerla bene; il 39% la conosce soltanto in parte e il 36% ne ha semplicemente sentito parlare. Nello specifico, la maglia nera va al Nord-Est, dove i meno informati raggiungono quota 46%; più preparati i clinici del Sud, che sostengono di padroneggiarne i contenuti nel 35% dei casi. Paradossalmente, tra i principali vantaggi apportati dalla normativa, il 42% dei generalisti indica proprio la maggiore facilità di prescrizione dei medicinali a base oppiacea.

15 Quotidiani

16 LA SICILIA Data: 8/10/2012 Lettori:

17 LA REPUBBLICA SALUTE Data: 9/10/2012 Lettori:

18 GIORNALE DI BRESCIA Data: 9/10/2012 Lettori:

19 LA STAMPA - TUTTOSCIENZE Data: 10/10/2012 Lettori:

20 IL DENARO Data: 16/10/2012 Lettori: N.D.

21 Periodici

22 IO DONNA Data: 03/11/2012 Periodicità: settimanale Lettori:

23 ALGOS FLOGOS 1/2 Data: 01/10/2012 Periodicità: trimestrale Lettori:

24 ALGOS FLOGOS 2/2 Data: 01/10/2012 Periodicità: trimestrale Lettori:

25 Radio/Tv

26 MEDICINA SALUTE BENESSERE RADIO IES Data: 05/10/2012 Orario: Audience: N.D. Soggetto: Dolore cronico Intervista: dottor Francesco Amato, Presidente Nazionale di FederDolore Durata: 10 53

27 Web

28 ILMONDO.IT Utenti unici: N.D. SALUTE/ DOLORE CRONICO, SOLO 1 MEDICO FAMIGLIA SU 4 LO MISURA CON REGOLARITÀ. ANCORA DIFFUSA OPPIOFOBIA, POCO NOTA LA LEGGE 38 Roma, 4 ott. Oltre 6 medici di famiglia su 10 ritengono fondamentale un trattamento appropriato del dolore, per garantire al paziente una qualità di vita dignitosa, e dichiarano di aver cambiato il proprio atteggiamento, dopo il varo della Legge 38. Alla prova dei fatti, però, solo 1 su 4 conosce bene la normativa che ha sancito per tutti gli italiani il diritto a non soffrire. Sul fronte dei farmaci, il ricorso agli antinfiammatori non steroidei (Fans) è tuttora frequente, mentre gli oppioidi restano in molti casi un tabù. Nonostante l'aumento della sensibilità nei confronti del tema, il dolore cronico è ancora sottovalutato dal medico di medicina generale o non adeguatamente curato e monitorato. Sono alcuni dei risultati che emergono da una recente indagine svolta dall'istituto di ricerca Demoskopea per conto del Centro Studi Mundipharma, su un campione di 200 medici di famiglia di tutta Italia(al 79% uomini, di età media pari a 54 anni). Obiettivo della survey: fotografare l'approccio diagnostico-terapeutico al dolore, ma anche il livello di conoscenza della Legge 38 e gli eventuali bisogni formativi delle figure professionali deputate ad acquisire un ruolo sempre più centrale nella rete assistenziale auspicata dalla normativa.

29 NOTIZIE.YAHOO.COM Utenti unici: SALUTE: DOLORE CRONICO, SOLO 1 MEDICO BASE SU 4 LO MISURA REGOLARMENTE (ASCA) - Roma, 4 ott - Oltre 6 medici di famiglia su 10 ritengono fondamentale un trattamento appropriato del dolore, per garantire al paziente una qualita' di vita dignitosa, e dichiarano di aver cambiato il proprio atteggiamento, dopo il varo della Legge 38. Alla prova dei fatti, pero', solo 1 su 4 conosce bene la normativa che ha sancito per tutti gli italiani il diritto a non soffrire. Sul fronte dei farmaci, il ricorso agli antinfiammatori non steroidei (Fans) e' tuttora frequente, mentre gli oppioidi restano in molti casi un tabu'. Nonostante l'aumento della sensibilita' nei confronti del tema, il dolore cronico e' ancora sottovalutato dal medico di medicina generale o non adeguatamente curato e monitorato. Sono alcuni dei risultati che emergono da una recente indagine svolta dall'istituto di ricerca Demoskopea per conto del Centro Studi Mundipharma, su un campione di 200 medici di famiglia di tutta Italia(al 79% uomini, di eta' media pari a 54 anni). Obiettivo della survey: fotografare l'approccio diagnostico-terapeutico al dolore, ma anche il livello di conoscenza della Legge 38 e gli eventuali bisogni formativi delle figure professionali deputate ad acquisire un ruolo sempre piu' centrale nella rete assistenziale auspicata dalla normativa. Secondo quanto dichiarato dai clinici intervistati, 1 paziente su 3 presenta una condizione di sofferenza cronica, legata soprattutto ad artrosi (93%), mal di schiena o cervicale (93%), ernie (72%) e cefalee (67%); nel 41% dei casi, il dolore e' di grado moderato, ma diventa severo per 1 malato su 5. Malgrado il 77% dei medici affermi di misurarne l'intensita' durante le visite, soltanto il 26% la monitora sempre; un 23% rivela di non prendere in considerazione questo aspetto, contravvenendo cosi' a quanto stabilisce l'art.7 della Legge, che invita a registrare regolarmente l'intensita' del dolore e a verificare con costanza l'efficacia e l'adeguatezza posologica degli eventuali trattamenti antalgici in corso.

30 PANORAMASANITA.IT Utenti unici: DOLORE CRONICO: SOLO 1 MEDICO DI FAMIGLIA SU 4 LO MISURA CON REGOLARITÀ Oltre 6 medici di famiglia su 10 ritengono fondamentale un trattamento appropriato del dolore, per garantire al paziente una qualità di vita dignitosa, e dichiarano di aver cambiato il proprio atteggiamento, dopo il varo della Legge 38. Alla prova dei fatti, però, solo 1 su 4 conosce bene la normativa che ha sancito per tutti gli italiani il diritto a non soffrire. Sul fronte dei farmaci, il ricorso agli antinfiammatori non steroidei (Fans) è tuttora frequente, mentre gli oppioidi restano in molti casi un tabù. Nonostante l aumento della sensibilità nei confronti del tema, il dolore cronico è ancora sottovalutato dal medico di medicina generale o non adeguatamente curato e monitorato. Sono alcuni dei risultati che emergono da una recente indagine svolta dall Istituto di ricerca Demoskopea per conto del Centro Studi Mundipharma, su un campione di 200 medici di famiglia di tutta Italia(al 79% uomini, di età media pari a 54 anni). Obiettivo della survey: fotografare l approccio diagnostico-terapeutico al dolore, ma anche il livello di conoscenza della Legge 38 e gli eventuali bisogni formativi delle figure professionali deputate ad acquisire un ruolo sempre più centrale nella rete assistenziale auspicata dalla normativa. Per quanto riguarda la Legge 38, solo il 25% dei medici di famiglia dichiara di conoscerla bene; il 39% la conosce soltanto in parte e il 36% ne ha semplicemente sentito parlare. Nello specifico, la maglia nera va al Nord-Est, dove i meno informati raggiungono quota 46%; più preparati i clinici del Sud, che sostengono di padroneggiarne i contenuti nel 35% dei casi. Paradossalmente, tra i principali vantaggi apportati dalla normativa, il 42% dei generalisti indica proprio la maggiore facilità di prescrizione dei medicinali a base oppiacea. «Una Legge, per quanto rivoluzionaria, da sola non basta a creare la cultura del corretto approccio al dolore»,commenta Claudio Cricelli, Presidente della Società Italiana di Medicina Generale. «Per educare medici di famiglia, dovremmo prevedere alcuni milioni di ore/uomo di formazione. Oggi un quarto dei generalisti dichiara di conoscere la Legge 38: lo ritengo un risultato miracoloso, considerando le risorse esigue che abbiamo a disposizione per informarli sui contenuti della normativa e sulle modalità di trattamento del dolore cronico, in uno scenario di spending review e di sostanziale staticità delle Regioni. Quanto abbiamo ottenuto finora, in pochissimo tempo, va nella giusta direzione ed è frutto del lavoro della Commissione Ministeriale e dell impegno volontaristico di Società Scientifiche, Associazioni di cittadini e aziende farmaceutiche. Per proseguire nel processo di cambiamento intrapreso servono, però, ulteriori sforzi da parte di tutti: del Governo e del Ministero, affinché riservino all obiettivo di piano maggiori risorse economiche, ma soprattutto delle Regioni, che sono le principali destinatarie e responsabili dell attuazione della Legge e devono adoperarsi per farla realmente conoscere agli operatori sanitari».

31 LIQUIDAREA.COM 1/3 Utenti unici: N.D DOLORE CRONICO: SOLO 1 MEDICO DI FAMIGLIA SU 4 LO MISURA CON REGOLARITÀ. ANCORA DIFFUSA L OPPIOFOBIA Un indagine commissionata dal Centro Studi Mundipharma a Demoskopea e condotta su 200 medici di medicina generale evidenzia l attuale atteggiamento diagnostico-terapeutico di chi rappresenta, sul territorio, la prima figura di riferimento per il paziente che soffre. Legge 38 semisconosciuta a quasi la metà dei generalisti nel Nord-Est, più informati al Sud; oppioidi poco noti a 1 clinico su 5 nel Nord-Ovest ma i più restii a prescriverli vivono nel Centro Italia. Avvertita dall 82% l esigenza di una maggiore formazione. Milano, 4 Ottobre 2012 Oltre 6 medici di famiglia su 10 ritengono fondamentale un trattamento appropriato del dolore, per garantire al paziente una qualità di vita dignitosa, e dichiarano di aver cambiato il proprio atteggiamento, dopo il varo della Legge 38. Alla prova dei fatti, però, solo 1 su 4 conosce bene la normativa che ha sancito per tutti gli italiani il diritto a non soffrire. Sul fronte dei farmaci, il ricorso agli antinfiammatori non steroidei (FANS) è tuttora frequente, mentre gli oppioidi restano in molti casi un tabù. Nonostante l aumento della sensibilità nei confronti del tema, il dolore cronico è ancora sottovalutato dal medico di medicina generale o non adeguatamente curato e monitorato. Sono alcuni dei risultati che emergono da una recente indagine svolta dall Istituto di ricerca Demoskopea per conto del Centro Studi Mundipharma, su un campione di 200 medici di famiglia di tutta Italia (al 79% uomini, di età media pari a 54 anni). Obiettivo della survey: fotografare l approccio diagnostico-terapeutico al dolore, ma anche il livello di conoscenza della Legge 38 e gli eventuali bisogni formativi delle figure professionali deputate ad acquisire un ruolo sempre più centrale nella rete assistenziale auspicata dalla normativa. Secondo quanto dichiarato dai clinici intervistati, 1 paziente su 3 presenta una condizione di sofferenza cronica, legata soprattutto ad artrosi (93%), mal di schiena o cervicale (93%), ernie (72%) e cefalee (67%); nel 41% dei casi, il dolore è di grado moderato, ma diventa severo per 1 malato su 5. Malgrado il 77% dei medici affermi di misurarne l intensità durante le visite, soltanto il 26% la monitora sempre; un 23% rivela di non prendere in considerazione questo aspetto, contravvenendo così a quanto stabilisce l art.7 della Legge, che invita a registrare regolarmente l intensità del dolore e a verificare con costanza l efficacia e l adeguatezza posologica degli eventuali trattamenti antalgici in corso. Ma con quali farmaci i medici di famiglia gestiscono il problema? Conoscendo bene i loro assistiti, tendono a rivendicare la propria autonomia e intervengono sui dosaggi aumentandoli o sui principi attivi, personalizzando le

RASSEGNA STAMPA. Il dolore nei reparti di medicina interna: l'indagine Fadoi

RASSEGNA STAMPA. Il dolore nei reparti di medicina interna: l'indagine Fadoi RASSEGNA STAMPA Conferenza stampa Il dolore nei reparti di medicina interna: l'indagine Fadoi Milano, 3 Maggio 2012 Aggiornamento 4 Maggio 2012 Sommario Agenzie TESTATA DATA LETTORI ADNKRONOS SALUTE (4

Dettagli

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA legge 38/2010 AOU San Luigi Gonzaga - Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Medicina del Dolore e Terapia Antalgica Tel.

Dettagli

Caratteristiche dell indagine

Caratteristiche dell indagine L indagine condotta dall Associazione Vivere senza dolore Negli ultimi mesi si è parlato spesso di dolore in vari contesti, dove è stato possibile ascoltare la voce di esperti, medici, politici, aziende

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nell ambito del servizio sanitario regionale Iniziativa del Consigliere

Dettagli

IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE

IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE APPROCCIO AL DOLORE CRONICO BENIGNO IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE Luciano Bertolusso MMG - ASL CN2 Alba - Bra CHE COS E IL DOLORE (IASP) una sgradevole esperienza sensoriale ed emotiva associata

Dettagli

Quando il dolore è ancora un problema. XVII CIPOMO Congresso Nazionale Roma, 20-22 giugno 2013

Quando il dolore è ancora un problema. XVII CIPOMO Congresso Nazionale Roma, 20-22 giugno 2013 Quando il dolore è ancora un problema XVII CIPOMO Congresso Nazionale Roma, 20-22 giugno 2013 Marta Gentili vivere senza dolore onlus In Italia, nel 2012, si stimano circa 364 mila nuove diagnosi per tumore

Dettagli

Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT con il sostegno di Non siamo nati per soffrire. Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT Non siamo nati per soffrire.

Dettagli

SANITÀ. SIFO: I MIGRANTI NON PESANO SULLA SPESA FARMACEUTICA

SANITÀ. SIFO: I MIGRANTI NON PESANO SULLA SPESA FARMACEUTICA Newsletter Sanità http://www.direnews.it/newsletter_sanita/anno/2011/ottobre/20/?news=04 Pagina 1 di 2 20/10/2011 SANITÀ. SIFO: I MIGRANTI NON PESANO SULLA SPESA FARMACEUTICA "IL 50% DEGLI STRANIERI CONSUMA

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO A CURA DEL Centro studi SIC Sanità in Cifre Anno 2013 Nota metodologica Metodologia: Questionario strutturato, somministrato a diverse

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Sede legale e amministrativa: Via Salvatore Maugeri 4, 27100 Pavia Italy Tel. 0382 592504 Fax 0382 592576 www.fsm.it C.F. e P. IVA 00305700189 Registro Persone Giuridiche Private della Regione Lombardia

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

SOMMARIO TESTATA DATA LETTORI. Agenzie. Quotidiani. Web TOTALE 13 4.995.500. ANSA 10/10/2011 per staff editoriale

SOMMARIO TESTATA DATA LETTORI. Agenzie. Quotidiani. Web TOTALE 13 4.995.500. ANSA 10/10/2011 per staff editoriale Agenzie SOMMARIO TESTATA DATA LETTORI ANSA 10/10/2011 per staff editoriale ADNKRONOS SALUTE 10/10/2011 per staff editoriale ASCA 10/10/2011 per staff editoriale IL VELINO 10/10/2011 per staff editoriale

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Comunicato Stampa. Palermo, 13 aprile 2015

RASSEGNA STAMPA. Comunicato Stampa. Palermo, 13 aprile 2015 RASSEGNA STAMPA Assessore Borsellino: La Sicilia ha saputo rispettare i Livelli Essenziali di Assistenza anche sotto piano di rientro. Ancora prioritaria riorganizzazione efficiente ospedale-territorio

Dettagli

Puglia: dolore oncologico, tappa a Bari per progetto Behta. Progetto Behta_Terapia del dolore_corso per medici. 1.309.

Puglia: dolore oncologico, tappa a Bari per progetto Behta. Progetto Behta_Terapia del dolore_corso per medici. 1.309. RASSEGNA STAMPA aggiornata al 27 Aprile 2012 Rassegna stampa PROGETTO BEHTA, SPECIALISTI DEL DOLORE RIUNITI OGGI A BARI PER FORMARSI ED INFORMARE SUL BREAKTHROUGH CANCER PAIN " Bari, 26 Aprile 2012 Testata

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. Rubrica Sicob Vogliadisalute.it 07/06/2015 OBESIT: UN PERICOLO SOTTOVALUTATO 2 Rubrica Alimentazione e salute 115 Sette (Corriere della Sera) 05/06/2015

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DOLORE FederAnziani

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Aspetti legali, assicurativi e privacy nelle sperimentazioni cliniche Francesco Mazza Direttore Legale, Fiscale e Rapporti con le Associazioni,

Dettagli

Psicofarmaci a 20mila bimbi italiani,un manuale per buon uso Dall'Istituto Mario Negri una guida 09 giugno, 16:32

Psicofarmaci a 20mila bimbi italiani,un manuale per buon uso Dall'Istituto Mario Negri una guida 09 giugno, 16:32 Psicofarmaci a 20mila bimbi italiani,un manuale per buon uso Dall'Istituto Mario Negri una guida 09 giugno, 16:32 null In Italia sono circa 400mila i bambini e adolescenti che soffrono di disturbi mentali

Dettagli

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO II CONGRESSO NAZIONALE AIIAO L infermiere in Oncologia tra management e pratica clinica: quale futuro? Napoli 24-25 maggio 2013 VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO N. Galtarossa D. Grosso L.

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

10ª Assemblea Scientifica Nazionale AIMEF

10ª Assemblea Scientifica Nazionale AIMEF 10ª Assemblea Scientifica Nazionale AIMEF Carla Marzo Torino 18-20 febbraio 2011 Carla Marzo Torino 18-20 febbraio 2011 Diffusione del dolore cronico Dolore oncologico=7% del dolore cronico Europa il 19%

Dettagli

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI GfK Group e gli orientamenti degli italiani e dei giovani LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI Roma, Isabella Cecchini Direttore

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Rassegna Stampa. Conferenza stampa. Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Rassegna Stampa Conferenza stampa LA SIMG: SIAMO LE SENTINELLE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE PARTE VÌOLA, IL PROGETTO PER ABBATTERE IL MURO DEL SILENZIO Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1485 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI,

Dettagli

P R O G E T TO O S P E D A L E S E N Z A D O L O R E a cura del Comitato Ospedale senza Dolore

P R O G E T TO O S P E D A L E S E N Z A D O L O R E a cura del Comitato Ospedale senza Dolore P R O G E T TO O S P E D A L E S E N Z A D O L O R E a cura del Comitato Ospedale senza Dolore La diffusione di una cultura della terapia del dolore e delle cure palliative può consentire un risultato

Dettagli

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli Fabrizio Cavalloro CHE COSA E IL DOLORE E CHE FUNZIONE HA? IL DOLORE Il dolore è una esperienza spiacevole, sensoriale ed emozionale,

Dettagli

CHI E ALICe? Associazione per la Lotta all Ictus Cerebrale. QUANDO E DOVE E STATA FONDATA? 1997 ad Aosta da G. D Alessandro

CHI E ALICe? Associazione per la Lotta all Ictus Cerebrale. QUANDO E DOVE E STATA FONDATA? 1997 ad Aosta da G. D Alessandro CHI E ALICe? Associazione per la Lotta all Ictus Cerebrale QUANDO E DOVE E STATA FONDATA? 1997 ad Aosta da G. D Alessandro COME E STRUTTURATA? Federazione di Associazioni regionali CHI E IL PRESIDENTE?

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Il dolore nell anziano BERGAMO, 5.10.2013 Il paziente con dolore e il Medico di Medicina Generale

Il dolore nell anziano BERGAMO, 5.10.2013 Il paziente con dolore e il Medico di Medicina Generale Il dolore nell anziano BERGAMO, 5.10.2013 Il paziente con dolore e il Medico di Medicina Generale Carla Laffranchi Claudio Bulla Medici di Assistenza Primaria - Asl Bergamo Il paziente con dolore e il

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Atrial Fibrillation Study - Italy Study conducted by Opinion Health

Atrial Fibrillation Study - Italy Study conducted by Opinion Health Atrial Fibrillation Study - Italy Study conducted by Opinion Health Obiettivi Valutare il livello di awareness della FA e dei sintomi Comprendere l impatto della FA e del trattamento sulla qualità di vita

Dettagli

IMPACT PROACTIVE 2014 "choosing wisely"

IMPACT PROACTIVE 2014 choosing wisely IMPACT PROACTIVE 2014 "choosing wisely" Istituzioni e Associazioni dei pazienti: doveri delle istituzioni e diritti del Cittadino, in linea con la Legge 38/2010 Rossana Monciino S.C. Farmaceutica Territoriale

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

Le cure palliative domiciliari

Le cure palliative domiciliari Le cure palliative domiciliari Associazione per l Assistenza Domiciliare Oncologica - ONLUS VERONA Medicina palliativa...il meglio possibile, quando tutto ormai sembra impossibile... CHE COSA SONO LE CURE

Dettagli

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 29 ottobre 2013 A cura di Metodologia e campione di ricerca Campione: Sono state intervistate 1.000

Dettagli

Indagine conoscitiva DONNE ITALIANE E DOLORE FISICO. Seasonique. Consumer portrait & Price Sensitivity Test

Indagine conoscitiva DONNE ITALIANE E DOLORE FISICO. Seasonique. Consumer portrait & Price Sensitivity Test Indagine conoscitiva Progetto N. 14-041 Seasonique DONNE ITALIANE E DOLORE FISICO Consumer portrait & Price Sensitivity Test Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 13 novembre 2014

Dettagli

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004)

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) Ministero della Salute Commissione oncologica nazionale (D.M. 26.5.2004) MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) PER UN PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE Roma, ottobre 2006

Dettagli

CITISINA PER SMETTERE DI FUMARE

CITISINA PER SMETTERE DI FUMARE INTERVISTA i CITISINA PER SMETTERE DI FUMARE Intervista a Giovanni Braccioli, responsabile della Divisione Farmacia di ACEF di Alessandro Fornaro, giornalista e farmacista Chi lo scorso aprile ha visitato

Dettagli

www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci

www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci I consigli degli esperti per prevenire problemi di lombalgia: dalla scelta degli scarponi agli esercizi fisici preparatori, all attenzione

Dettagli

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI

FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI FARMACISTI, DONNE E FARMACI EQUIVALENTI L atteggiamento delle donne verso il generico visto attraverso gli occhi del farmacista Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 16 ottobre

Dettagli

IL DOLORE. Come riconoscerlo, come combatterlo. 17 ottobre 2015 Hotel The Queen Pastorano (CE)

IL DOLORE. Come riconoscerlo, come combatterlo. 17 ottobre 2015 Hotel The Queen Pastorano (CE) IL DOLORE Come riconoscerlo, come combatterlo 17 ottobre 2015 Hotel The Queen Pastorano (CE) Ble Consulting srl id. 363 numero ecm 136405, edizione 1 Responsabile scientifico Prof. Andrea Di Lauro Destinatari

Dettagli

spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna.

spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna. spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna. CAMERA DEI DEPUTATI XVII LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE N 1485 d iniziativa del deputato VARGIU Presentata il

Dettagli

fenomeno nuovo e potenzialmente distinto da esse?

fenomeno nuovo e potenzialmente distinto da esse? { Il dolore cronico in Medicina Generale -Approccio al sintomo/malattia dolore : osservatorio privilegiato del MG, basso impatto tecnologico, alta componente relazionale. L episodio algico si inquadra

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

Conoscerla per viverla in salute

Conoscerla per viverla in salute PAGANOTTI, Claudio MENOPAUSA Conoscerla per viverla in salute La Compagnia della Stampa Massetti Rodella Editori Roccafranca - Brescia 136 p.; 21 cm ISBN: 978-88-8486-245-7 Claudio Paganotti MENOPAUSA

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

ALIMENTAZIONE E STILI DI VITA

ALIMENTAZIONE E STILI DI VITA ALIMENTAZIONE E STILI DI VITA (degli adulti, dei giovani di 12-17 anni e dei bambini di 6-11 anni) Presentazione dei risultati Parma, 6 maggio 2004 S. 04029-30 Premessa Nelle pagine seguenti vengono presentati

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

"Scaccomatto al Dolore", Formazione e informazione in 33 tappe in tutta Italia Bologna, 19 Aprile 2013

Scaccomatto al Dolore, Formazione e informazione in 33 tappe in tutta Italia Bologna, 19 Aprile 2013 RASSEGNA STAMPA aggiornata al 28 Aprile 2013 Rassegna stampa "Scaccomatto al Dolore", Formazione e informazione in 33 tappe in tutta Italia Bologna, 19 Aprile 2013 Testata Agenzie stampa Lettori Ascoltatori

Dettagli

La Terapia del dolore

La Terapia del dolore La Terapia del dolore Corso di Introduzione alle Cure Palliative-1 St. Christophe, 10 giugno 2006 Dott. Lorenzo Pasquariello Resp. SSD Terapia del Dolore Azienda USL Valle d Aosta Dolore oncologico Dolore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1599 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MURER Norme in materia di medicina di genere Presentata il 18 settembre 2013 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

ARGOMENTO COMPLESSO PERCHE' COMPLESSO E' L'UOMO ED IL RAPPORTO CON LA MALATTIA: 1)LA SALUTE E' UN DIRITTO DA TUTELARE, MA ENTRO QUALI LIMITI?

ARGOMENTO COMPLESSO PERCHE' COMPLESSO E' L'UOMO ED IL RAPPORTO CON LA MALATTIA: 1)LA SALUTE E' UN DIRITTO DA TUTELARE, MA ENTRO QUALI LIMITI? FARMACI, USALI BENE ARGOMENTO COMPLESSO PERCHE' COMPLESSO E' L'UOMO ED IL RAPPORTO CON LA MALATTIA: 1)LA SALUTE E' UN DIRITTO DA TUTELARE, MA ENTRO QUALI LIMITI? 2)BISOGNA NON SOFFRIRE, BISOGNA PROLUNGARE

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: IL DOLORE INUTILE Relatore: dott.ssa Roberta Perin inf. Rita Moretta Servizio Cure Palliative Ulss 2 Feltre Data : 21 maggio 2014 Sede: Aula Piccolotto

Dettagli

Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi. Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo.

Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi. Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo. Studio di ricerca clinica sul dolore da endometriosi Il dolore che Lei sente è reale... anche se gli altri non possono vederlo. A822523 Lo studio SOLSTICE verrà condotto in circa 200 centri di ricerca

Dettagli

Il tumore al seno fa meno paura: decisiva la diagnosi precoce

Il tumore al seno fa meno paura: decisiva la diagnosi precoce 25-07-2014 www.tmnews.it Il tumore al seno fa meno paura: decisiva la diagnosi precoce Nel 2014 si stima che saranno 48.000 i casi in Italia Roma, 25 ott. (TMNews) - Oggi il tumore al seno fa sempre meno

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Milano, 07 febbraio 2014

RASSEGNA STAMPA. Milano, 07 febbraio 2014 RASSEGNA STAMPA Comunicato Stampa Emergenza umanitaria in Repubblica Centrafricana: Mediolanum Farmaceutici sostiene l impegno di Amici per il CentrAfrica Onlus Milano, 07 febbraio 2014 Aggiornamento 13

Dettagli

Rassegna stampa PROGETTO BEHTA: ONCOLOGI OGGI A FIRENZE PER FORMARSI ED INFORMARE SUL DOLORE EPISODICO INTENSO Firenze, 04 Maggio 2012

Rassegna stampa PROGETTO BEHTA: ONCOLOGI OGGI A FIRENZE PER FORMARSI ED INFORMARE SUL DOLORE EPISODICO INTENSO Firenze, 04 Maggio 2012 RASSEGNA STAMPA aggiornata al 7 Maggio 2012 Rassegna stampa PROGETTO BEHTA: ONCOLOGI OGGI A FIRENZE PER FORMARSI ED INFORMARE SUL DOLORE EPISODICO INTENSO Firenze, 04 Maggio 2012 Agenzie Testata Lettori

Dettagli

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino La Regione Toscana contro il dolore Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino Indice Insieme per curare il dolore inutile Misurare il dolore Controllare il dolore La morfina non è una

Dettagli

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012

Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione. Ricerca quantitativa settembre 2012 Le donne e il tumore al seno: informazione e programmi di prevenzione Ricerca quantitativa settembre 2012 Questa ricerca COMMISSIONATA AD ASTRARICERCHE DA LILT NEL SETTEMBRE 2012 REALIZZATA TRA L'11 E

Dettagli

LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE

LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE LA PERCEZIONE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Dott.Antonio Verginelli MMG DOVRESTI GUARDARE IL CANCRO COME L INIZIO DI UNA NUOVA VITA: DAL MOMENTO DELLA SUA SCOPERTA NULLA SARA,

Dettagli

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6 2f5hy Per problemi di visualizzazione clicchi qui 2f5hx L eiaculazione precoce (EP) e' una condizione medica frequente, in particolare e' la disfunzione sessuale piu' comune e in Italia ne soffre un uomo

Dettagli

OGGETTO: Morfina nel trattamento del dolore dei terminali.

OGGETTO: Morfina nel trattamento del dolore dei terminali. MINISTERO DELLA SANITA' DIPARTIMENTO VALUTAZIONE MEDICINALI E FARMACOVIGILANZA UFFICIO CENTRALE STUPEFACENTI N. 800.UCS/AG1/2255 MORFINA NEL TRATTAMENTO DEL DOLORE DEI PAZIENTI TERMINALI ZZZZ Roma, 20-4-2000

Dettagli

REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE. Roma, 27/03/2007 2006 117RS.

REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE. Roma, 27/03/2007 2006 117RS. REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE Roma, 27/03/2007 2006 117RS Presentazione 02 PRESENTAZIONE DELLA RICERCA Autore: Format Srl - ricerche di mercato

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

PFA. N 20-2029 edizione 2 - PROGETTO COMPASS LA TERAPIA DEL DOLORE IN MEDICINA GENERALE

PFA. N 20-2029 edizione 2 - PROGETTO COMPASS LA TERAPIA DEL DOLORE IN MEDICINA GENERALE Apertura iscrizioni PFA. N 20-2029 edizione 2 - PROGETTO COMPASS LA TERAPIA DEL DOLORE IN MEDICINA GENERALE Foggia - 07/11/2015 Sala Sindacale Ordine dei Medici - Via Acquaviva, 48 La Commissione mista

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite Federazione Cure Palliative Onlus Cure Palliative - Definizione Le Cure Palliative sono la cura

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Comunicato Stampa:

RASSEGNA STAMPA. Comunicato Stampa: RASSEGNA STAMPA Comunicato Stampa: Mese dell Ortopedia e della Traumatologia pediatrica, dieci consigli e una e-mail dedicata per rassicurare le mamme (e i papà) 2 settembre 2015 Aggiornamento 29 settembre

Dettagli

Terapia del dolore in oncologia La rilevazione del dolore

Terapia del dolore in oncologia La rilevazione del dolore Terapia del dolore in oncologia La rilevazione del dolore B. Micheloni UOC Oncologia Medica Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Negrar 4 Dicembre 2014 Definizione di dolore Spiacevole esperienza sensoriale

Dettagli

ALLEGATO I. Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio

ALLEGATO I. Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio ALLEGATO I Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Conclusioni scientifiche - Sindrome da astinenza: Con Effentora/Actiq si

Dettagli

Conclusioni scientifiche

Conclusioni scientifiche Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della revoca o variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio e spiegazione dettagliata delle differenze rispetto alla raccomandazione

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Nota illustrativa dell articolo

Nota illustrativa dell articolo Art.2 1. Con regolamento adottato dal Ministro della salute ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400 sono stabilite, nel rispetto della normativa dell Unione europea, disposizioni

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Dr. Curti Matteo. Medico di Medicina Generale Commissione Ministeriale Terapia del Dolore 2004-2007

Dr. Curti Matteo. Medico di Medicina Generale Commissione Ministeriale Terapia del Dolore 2004-2007 9 novembre 2012 Dr. Curti Matteo Medico di Medicina Generale Commissione Ministeriale Terapia del Dolore 2004-2007 2007 Utilizzo medio di morfina in Europa (dati OMS e INCB) Danimarca Francia DDD* 6431

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 205 273 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L empowerment degli operatori fa la buona sanità Nella tensione alla razionalizzazione

Dettagli

Regione Umbria. LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7. Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi.

Regione Umbria. LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7. Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi. Regione Umbria LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7 Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi. Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 20 del 23/04/2014 L'Assemblea

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

Nuove frontiere di intervento con il cemento antibiotato per combattere le infezioni alle protesi

Nuove frontiere di intervento con il cemento antibiotato per combattere le infezioni alle protesi RASSEGNA STAMPA Comunicato Stampa: Nuove frontiere di intervento con il cemento antibiotato per combattere le infezioni alle protesi 18 marzo 2015 Aggiornamento 1 aprile 2015 Sommario TESTATE DATA LETTORI

Dettagli

Trasmessa via e-mai! Direzioni Generali Aziende Sanitarie e Ospedaliere del SSR. Ep.c.

Trasmessa via e-mai! Direzioni Generali Aziende Sanitarie e Ospedaliere del SSR. Ep.c. REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Settore n. 3 '51reaLEA" Servizio n. 8 ((Politica del Farmaco" Catanzaro Prot. n. 21 /'.1.0 / ~c>-1h 3> ~..-10 ~S _ Trasmessa via

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CÈ

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CÈ Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7398 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CÈ Disposizioni per la semplificazione della normativa relativa all impiego di medicinali

Dettagli

Medscape Ethics Report 2014, Parte 1: Vita, morte e dolore pubblicato il 16 dicembre 2014 traduzione e sintesi a cura di Matteo Mainardi

Medscape Ethics Report 2014, Parte 1: Vita, morte e dolore pubblicato il 16 dicembre 2014 traduzione e sintesi a cura di Matteo Mainardi Medscape Ethics Report 2014, Parte 1: Vita, morte e dolore pubblicato il 16 dicembre 2014 traduzione e sintesi a cura di Matteo Mainardi I medici, nel corso della propria carriera, si trovano di fronte

Dettagli

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di

Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di Informati ed insoddisfatti: verso una sanità minimale? Monitor Biomedico 2014 Con il contributo di 1. Il monitoraggio del rapporto degli italiani con la salute ed i servizi sanitari I risultati del Monitor

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Martedì Salute GAM 3 dicembre 2013 Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Dott. Antonio Bruno Chirurgia i Vertebrale Clinica Cellini, Torino Resp. Dott J. Demangos OSTEOPOROSI Disordine scheletrico

Dettagli

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002.

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Le tabelle sui suicidi indotti dall uso di psicofarmaci. Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Il metodo IMR - Patient Flow Model è stato ora utilizzato per analizzare

Dettagli