pag. 3 IL VASO DI PANDORA: Gli animali più fragili del pianeta pag. 5 OTIUM ET NEGOTIUM: Pregiudizi dell utopia proibizionista

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "pag. 3 IL VASO DI PANDORA: Gli animali più fragili del pianeta pag. 5 OTIUM ET NEGOTIUM: Pregiudizi dell utopia proibizionista"

Transcript

1 Bartolomeo N 1 Ottobre INDICE - pag. 2 EDITORIALE: Presentazioni pag. 3 IL VASO DI PANDORA: Gli animali più fragili del pianeta pag. 5 OTIUM ET NEGOTIUM: Pregiudizi dell utopia proibizionista pag. 8 IL TAFANO: Sveglia! pag. 9 CARA MUSA PARLAMI DELL OGGI: Medea straniera. Una realtà di ieri e di oggi pag. 11 INTERVISTE CON LA STORIA: Martina Sassoli. I giovani in Comune pag. 15 CARO BARTOLO: Cultura Moderna pag. 17 PIANETA ZUCCHI: Quei quindici minuti pag. 19 NEWS ZUCCHI: Speciale Consulta. Intervista alle liste pag. 21 GIRO DI DO: La musica a 360 gradi pag. 23 ROXY BAR: Impressioni di settembre pag. 25 ON STAGE pag. 27 MURI E MARE: Confronti pag. 29 L ANGOLO DI PONZO pag. 30 L OROSCOPO pag. 33 QUORI INFRANTI 1

2 Ciao a tutti! Ho l immenso piacere di presentarmi come la nuova direttrice del Bartolomeo! Mi sembrava d obbligo dedicare il primo editoriale alla presentazione di questo numero che, come potrete da subito notare, è ricco di novità. Prima fra tutte, la grafica. La scelta di incolonnare gli articoli è parsa ideale per ragioni di spazio e scorrevolezza nella lettura, invece per alcune rubriche è stata lasciata la vecchia grafica su pagina intera. Il titolo Bartolomeo in copertina farà da logo per tutto l anno e, nel caso riscotesse particolare successo, sarà possibile lasciarlo in eredità anche alle redazioni future. Altra novità sono le rubriche, che rimarranno fisse in ogni numero affinchè il giornalino abbia una propria organicità e voi lettori possiate appassionarvi alle nostre firme seguendole passo passo. Per chi invece occasionalmente vorrebbe veder pubblicata una sua opinione o riflessione, può indirizzare il suo articolo alla rubrica Caro Bartolo, inviandolo all del giornalino o consegnandolo a me in formato elettronico. Quest anno la redazione vi proprone rubriche nuovissime e di recente invenzione, senza tuttavia togliere spazio a rubriche già note come Il Vaso di Pandora (di cui però è cambiata la firma), Quori Infranti, Caro Bartolo - Editoriale - PRESENTAZIONI 2 e Il Tafano. Il nostro giornalino si presenta quindi come un connubio di passato e futuro, di ripresa e originalità. Sempre presenti saranno anche le rubriche dell oroscopo e dei giochi con qualche nuovo arricchimento. Potrete soffermarvi a riflettere sulle problematiche poste da Il Vaso di Pandora, scervellarvi sugli articoli di Otium et Negotium, formulare ipotesi filosofiche sui temi de Il Tafano, arricchire il vostro bagaglio mitologico con Cara Musa parlami dell oggi, lasciarvi affascinare dai personaggi di Interviste con la Storia, crearvi un ampia cultura musicale grazie al Giro di Do e a Roxy Bar, divertirvi con le cronache zucchine di Pianeta Zucchi, farvi travolgere dai versi di Muri e Mare, distrarvi durante le lezioni con L angolo di Ponzo, sperare nel favore degli astri con L oroscopo e infine spettegolare su Quori Infranti. Tutta la redazione ha lavorato con cura e impegno affinchè questo giornalino diventi un valido strumento di informazione scolastica e non solo. Ringrazio tutti i redattori, il mio vice e tutti coloro che hanno contribuito a questa prima (e temuta!) uscita. Per concludere: bentornati a tutti! Veronica Braglia II H Bartolomeo N 1 Ottobre 2007

3 Bartolomeo N 1 Ottobre Il Vaso di Pandora - GLI ANIMALI PIÙ FRAGILI DEL PIANETA Essendo nuova qui al liceo classico B. Zucchi, ed essendo questo il mio primo incarico in un giornale vero e proprio, ho trovato complicata la scelta di un tema per questo articolo. Le paure erano e sono tante: Piacerà? Sarà banale il mio articolo? Lo troveranno noioso gli altri ragazzi che leggono il Bartolomeo già da qualche tempo? Se penserete questo dopo aver letto il mio articolo, sappiate che non era nelle mie intenzioni. Quindi ho deciso che avrei parlato di qualcosa che mi interessa veramente e che per iniziare mi sarei informata su cos è il Vaso di Pandora di cui prima avevo solo sentito parlare. Questo vaso, contenente i mali della terra, era stato donato da Zeus a Pandora con tanto di raccomandazioni che non venisse mai aperto. Ma la curiosità dell uomo non potè essere fermata. Così i mali all interno del vaso si riversarono nel nostro mondo. Dall antica Grecia i mali non sono terminati nonostante il tempo trascorso, anzi credo siano persino aumentati. Uno dei tanti è il rischio che corrono ogni giorno gli animali in estinzione. Si potrebbe risolvere il problema pensando al fatto che già molti animali del passato si sono estinti (come i dinosauri), ma un tempo le cause erano del tutto naturali. Adesso è proprio l uomo a causare la scomparsa di diverse specie di animali (la lista del WWF contiene più di mille nomi di razze in estinzione). Quale bambino non ha mai sognato di volare libero come un aquila reale? Fra poco i piccoli delle nuove generazioni non lo potranno più immaginare, perché delle aquile vedranno solo le fotografie! In Europa ormai rimangono non più di 3000 esemplari, e le uova distrutte prima della schiusa a causa degli elementi c h i m i c i d i s p e r s i nell aria, sono sempre in aumento. Inoltre le aquile sono volatili che hanno bisogno di spazi molto estesi dove vivere lontano dall uomo, senza interferenze estranee alla loro vita. Ma di questi tempi la nostra razza controlla ogni angolo del pianeta, perciò questi esemplari non hanno più un posto adatto in cui vivere. 3 ATTUALITAʼ

4 ATTUALITAʼ Feroce come una tigre : useremo ancora questa frase quando di tigri non ne avremo più? In tutto il mondo ci sono al massimo 7000 tigri, di cui più del 60% vive in cattività. Essa è infatti l unico modo per mantenere in vita questi a n i m a l i. Nonostante l e t i g r i appartengano ad una razza p r o t e t t a, i bracconieri non smettono mai di cacciarle, utilizzando le loro pelli per capi di vestiario o tappezzeria. Il problema potrebbe continuare a non interessare l uomo, ma con la scomparsa di diversi animali, sorgerebbero rischi molto seri anche per l economia. Le cavallette per esempio, se in grandi quantità, sono dannose per la coltivazione di qualsiasi ortaggio o frutto. Fortunatamente ci sono animali che si cibano di cavallette, che quindi non sono più portatrici di guai. E se questi animali rischiassero l estinzione? Bé, la cosa sta già avvenendo, e le cavallette continuano ad aumentare, soprattutto nello stato australiano. L uomo sta iniziando a risentire dei suoi stessi sbagli (adesso Pandora non centra più!), ma forse se ne è accorto in ritardo. A causare tutte queste morti Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 all interno di una specie, sono (come tutti noi sappiamo) l inquinamento (non solo dell aria, ma anche quello sonoro e luminoso portano molti danni), la crescita della popolazione umana e dei centri urbani, l aumento dei rifiuti e di sostanze chimiche tossiche che si disperdono nell ambiente, i cambiamenti nello sfruttamento delle terre, e i mutamenti climatici. È vero che in natura esistono (fra animali e vegetali) ben 15 milioni di specie, delle quali solo 1,5 hanno un nome e sono conosciuti dai biologi, ma perché rischiare di perdere il 25% degli esemplari conosciuti? Per gli animali in estinzione esistono diversi allevamenti, così se un giorno una specie dovesse estinguersi in natura, si potrebbe cercare di reinserire gli esemplari cresciuti in cattività. Però questi allevamenti non hanno mai abbastanza denaro per andare avanti e alcuni di essi non sono dotati nemmeno di un computer! Invito, quindi, se la causa sta a cuore a qualcuno di voi, almeno ad interessarsi per conoscere meglio il problema. Elisa Galimberti IV D 4

5 Bartolomeo N 1 Ottobre Otium et Negotium - PREGIUDIZI DELL UTOPIA PROIBIZIONISTA Sono di pochi giorni fa le dichiarazioni del sindaco di Milano Letizia Moratti in merito al problema delle droghe e nell ambito dell Ecad (convegno delle città europee contro la droga): Basta con chi fa differenze tra droghe pesanti e leggere ; Ci vuole non ideologia ma molta serietà per politiche basate sui risultati scientifici, e i dati sui disastri delle droghe leggere sono sotto gli occhi di tutti. Anche l intervento all Ecad di Muccioli, responsabile della comunità di San Patrignano, condivide la stessa impostazione: tutte le droghe fanno male, la disinformazione regna sovrana. È indiscutibile verità che la disinformazione regni sovrana, ma purtroppo per i motivi opposti a quelli indicati da Moratti e Cuccioli. La legge Fini-Giovanardi, varata dal governo di centrodestra, ha sostanzialmente equiparato la marijuana alla droghe pesanti, spostandola dalla tabella II alla tabella I, dove vengono trattate le sostanze più pericolose. Nel 2003, il governo britannico l ha invece spostata dalla classe B alla classe C, quella delle droghe meno pericolose. Verrebbe da chiedersi se i due governi consultino letterature scientifiche differenti, o uno dei due sia (ovvero abbia voluto essere) ignorante in materia. Di seguito verranno demoliti i principali luoghi comuni e pregiudizi 5 POLITICA proibizionisti riguardo alla droga, e alla cannabis in particolare (premessa ovvia quanto necessaria: le seguenti considerazioni non sottintendono nel modo più assoluto un invito all uso delle droghe, bensì disaminano il comportamento che il legislatore dovrebbe tenere in questione di stupefacenti). La marijuana fa male. In medicina l indice di pericolosità di una sostanza stupefacente è dato dall LD50, che misura la quantità necessaria per uccidere una persona, paragonandola con la dose che viene normalmente assunta (ED 50): è stato verificato che la marijuana è centinaia di volte meno dannosa dell alcool, del tabacco e persino della caffeina. Per comprendere quanto sia assurda la sua illegalità a fronte della legalità di alcool e tabacco, basti pensare che questi ultimi, solo in Italia, provocano ogni anno la morte di più di centomila persone, mentre la cannabis zero! Non solo: in un lasso di tempo di quasi 5000 anni (il primo documento storico che testimonia l uso di marijuana risale alla Cina del 2700 a.c.), non una morte è stata imputata a questa droga. Inoltre: non è vero che il Delta-9-THC, principio attivo della marijuana, mantiene il suo potenziale per mesi, perché scompare quasi del tutto dall organismo

6 POLITICA Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 poche ore dopo aver fumato; nessuno studio scientifico serio è mai riuscito a dimostrare che la marijuana possa danneggiare la percezione della memoria e la capacità di giudizio o addirittura distruggere le cellule cerebrali; non è vero che la marijuana abbassa il livello spermatico e di testosterone nei ragazzi, né che danneggia la produzione di ormoni, il ciclo mestruale e la fertilità nelle ragazze (si tratta di propaganda proibizionista, non c è nulla di provato). Con tutto ciò non si intende che fumare marijuana sia salutare, nondimeno in essa sono presenti più di 60 sostanze chimiche che hanno avuto fin dai tempi più remoti, e hanno tuttora, usi medici (in particolare per malattie quali sclerosi multipla, trattamento del cancro, AIDS, glaucoma, depressione, epilessia, emicrania e mal di testa, asma, pruriti, scleroma, forte dolore e distonia). La marijuana crea dipendenza fisica. Falso. Nicotina, alcool e caffeina, assieme a tutte le droghe pesanti, provocano dipendenza fisica, la marijuana no: non provoca crisi di astinenza. I proibizionisti obietteranno che crea tuttavia una dipendenza direi piuttosto abitudine psichica: è un argomento inefficace, perché qualunque gesto può provocare un abitudine psichica; non è forse tale il consumo continuo di cibo per alcuni obesi? La marijuana è l anticamera della droga pesante. Falso, per diversi motivi. Si dice che tutti i consumatori di droghe pesanti 6 abbiano cominciato con la marijuana; vero, ma sarebbe errore grossolano confondere la successione temporale con la consequenzialità logica: è altrettanto vero infatti che la maggioranza dei consumatori di marijuana non passa ad usare droghe pesanti. Inoltre è comprensibile che soggetti che presentino disturbi o problemi psicologici, alla ricerca di una spesso illusoria libertà, destinati magari ad entrare nel tunnel dell eroina o della cocaina, passino attraverso l uso di marijuana; questo accade anche perché proprio il sostrato culturale della nostra società ci inculca questo pregiudizio, tanto che alcuni, prima consumatori di sola cannabis, se ne convincono e inconsciamente mettono in atto il perverso meccanismo. La droga genera criminalità. Falso e mistificatorio. È il proibizionismo sulla droga a generare criminalità. Da quando la campagna di moralizzazione sulle droghe, iniziata negli Stati Uniti dopo il totale fallimento del proibizionismo dell alcool negli anni 20, ha indotto gran parte dei paesi sviluppati a vietare la vendita ed il consumo di droga, le mafie hanno monopolizzato questo mercato, ingrandendolo a dismisura, e provocando l ingenerarsi di un numero di crimini e violenze (furti, rapine, intimidazioni, ricatti, ma anche omicidi, e quindi vittime del proibizionismo ), di gran lunga superiore rispetto a quello delle vittime della droga. Le narcomafie

7 Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 fondano oggi la gran parte dei loro traffici illeciti proprio sulle droghe, ed è quindi nei loro interessi non legalizzarle; le droghe vendute illegalmente, peraltro, sono tagliate con sostanze meno costose ma più nocive delle droghe stesse, tutto a danno del consumatore. Nel caso della marijuana, poi, è moralmente indegno che lo Stato perseguiti cittadini ritenuti criminali in quanto, senza danneggiare nessuno, assumono una sostanza che non danneggia neanche se stessi, e risulta palesemente antieconomico lo spreco di tante energie e risorse (forze di polizia, costi di detenzione forzata), che potrebbero essere altrimenti e molto più ragionevolmente sfruttate per ricercare i veri criminali ed aumentare la sicurezza nel paese. Legalizzare la droga la rende moralmente lecita e quindi ne fa aumentare la diffusione. Falso. Da decenni il governo olandese ha liberalizzato - anche se le limitazioni sono molto rigorose - la circolazione della droga, e i dati, parzialmente diversi nelle varie statistiche (per questo non ne prenderò in considerazione nessuna specifica), affermano tuttavia che il numero di tossicodipendenti e di decessi legati all uso di droghe è minore in Olanda che nel resto dell Europa e soprattutto negli Stati Uniti, dove la politica di lotta alla droga è più agguerrita. La legalizzazione della marijuana, ma anche parzialmente delle droghe pesanti (le somministrazioni controllate di eroina, nella civilissima 7 Svizzera, ad esempio, stanno sortendo buoni risultati) eliminerebbero una componente attrattiva fondamentale delle droghe: il fatto che sono proibite, e quindi scatenano la naturale curiositas umana ed il fascino della trasgressione; questo aspetto viene chiamato fattore frutto proibito. Benché qualsiasi lettura possa risultare riduttiva ed incompleta, si potrebbe interpretare culturalmente la proibizione all uso di droghe come un tentativo di sopprimere la componente edonistica di temporanea separazione psichica, che certe sostanze chimiche determinano, dal mondo reale; tentativo inevitabilmente proprio di una società bacchettona e prevaricatoria della libertà di autoaffermazione dell individuo. È tempo di risvegliarsi dal sonno dogmatico (come Kant chiamava il ristagnare della tradizione nel tempo), deve finire l epoca della morale di Stato, di una mamma-stato che ci impone dall alto la condotta da seguire, privandoci della responsabilità individuale. Elia Bisi III C POLITICA

8 ETICA - Il Tafano - Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 Anche se può sembrare un pò ridicolo a dirsi così, il dio mi ha applicato alla città come a un grosso cavallo, un pò pigro e bisognoso di essere punzecchiato con qualche sprone. (Platone, Apologia di Socrate, XVIII) Cari miei lettori, un anno è passato da quando vi tengo compagnia con le mie brevi letture etiche e filosofiche. Ciò che mi sta più a cuore è che ognuno di voi aspiri a raggiungere qualcosa che sia Verità per voi, un ideale per cui vivere e grazie al quale saper trarre dalla molteplicità delle cose che ci circondano, il loro senso ultimo. Basta semplicemente muovere una corda della nostra anima e mettersi dolcemente in ascolto di quello che ci dirà... Ultimamente spesso sento risuonare in me una frase del filosofo danese Soren Kierkegaard ( ): Tutta l¹europa è sulla strada della bancarotta. Kierkegaard fu sempre critico nei confronti della cultura e della civiltà del suo tempo. Cercava una Verità per cui la sua esistenza avesse un senso e gli pareva di vivere in un¹epoca, il secol morto leopardiano, priva di Valori e Ideali. Chiediamoci dunque quali siano i valori in cui la società di oggi crede: sono forse i valori propugnati da libri e film (o pseudo-tali) come Tre metri sopra il cielo, che ci presenta il profondo e nobile sentimento dell¹amore come mero e vuoto divertimento? Crediamo davvero in un Europa che calpesta la proprie radici cristiane e ignora la sua cultura? Confidiamo veramente in una SVEGLIA! società che pensa che fare uso di sostanze stupefacenti, certo in modo leggero e in una giusta quantità, sia possibile e legittimo? Crediamo in una lobby che spaccia l aborto come un diritto, che vuole distruggere la Famiglia, base della società, con degli inutili patti di convivenza e che ci propugna l idea che sia giusto uccidere un uomo, perchè tanto è ormai solo un vegetale? Aveva ragione Eraclito! La maggior parte degli uomini non fa altro che dormire, cullandosi in falsi sogni e ideali. Sveglia!!! Cara Europa, non sei cambiata! Sei rimasta sorda alle critiche del grande precursore dell esistenzialismo moderno e le mie sono solo parole vane, scritte nel vento, soffiate via... Ma quanto vorrei sbagliarmi! Quanto vorrei che la mia penna tagliente stavolta s ingannasse e che tu avessi un anima! Un anima! Quanto lo vorrei... Eppure, nell estremo dolore della miseria, quando tutto sembra perduto e la via dei nostri ideali sbarrata, sentiremo, se stiamo attenti, una voce che ci dirà: coraggio, figli miei! Andate avanti, perchè chi ha il coraggio di perdere tutto, vince tutto. (Soren Aabye Kierkegaard) Jacob Panzeri I A 8

9 Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 CRITICA LETTERARIA - Cara Musa parlami dell oggi... - MEDEA STRANIERA. UNA REALTA DI IERI E DI OGGI Questa rubrica nasce con l idea di leggere nel mito classico la realtà di oggi. Infatti il mito non è qualcosa di sepolto e neppure una semplice favola, ma è specchio della realtà umana edelle sue problematiche. Rivisitare e riscoprire la cultura classica oggi è un modo per riflettere su tematiche che riguardano l uomo in quanto tale e che, nonostante i secoli trascorsi, non sono mutate, non sono divenute estranee. Questo perché il mito è universale: senza tempo e senza spazio. A seconda delle varie interpretazioni che diversi autori classici hanno elaborato, Medea è o ingenua principessa della Colchide, giovane e passionale, innamorata del greco Giasone (Apollonio Rodio, le Argonautiche) oppure madre matrigna colpevole dell uccisione dei suoi stessi figli e ancora, maga straniera, malefica e ambigua (Euripide, tragedia Medea). Il personaggio di Medea si presenta come assolutamente attuale, come figura complessa e ricca di sfaccettature. Tuttavia il tratto distintivo che accompagna Medea nei secoli è la sua provenienza barbara che fa di lei una donna straniera e diversa, il cui prototipo non s identifica nell idea di civiltà tipica del mondo greco. Nelle Argonautiche lei è donna che si avvale di riti e pratiche magiche (la tradizione la considera parente di Circe), è amante che osa tradire la patria per seguire il proprio amore ed è sorella ingrata che uccide il fratello Apsirto con le sue stesse mani. L atto estremo però viene presentato da Euripide che macchia il suo personaggio di infanticidio. Ad una prima lettura, forse un po superficiale, risulta più facile attribuire la causa di questo gesto ad un impulso irrazionale dell animo di Medea che, amante tradita, si vendica sui figli. Ma in realtà questo atto nasconde dietro di sé spettri che gli fanno assumere un significato differente. Lei, straniera esclusa e perseguitata, costretta a vivere in una condizione di abbandono, di rifiuto e di sospetto, vittima soltanto di non essere stata accettata e compresa, raggiunge il limite della tolleranza e in lei prendono forma pensieri crudeli. Non accettata, inizia lei stessa a a non accettarsi. Additata da un mondo che la vede diversa per razza, educazione e costumi, avendo vissuto l abbandono e l esclusione, forse vuole salvare da questo destino anche i suoi figli e in uno slancio disperato di amore materno (interpretazione del critico Corrado Alvaro), li uccide ( A che serve vivere? Non ho più patria, non ho più casa e alle sventure non c è rimedio, Euripide). Medea diventa quindi il simbolo di una realtà attuale dove lo straniero risente della difficoltà di integrarsi. Infatti sembra sempre più difficile e impossibile comprendersi tra civiltà diverse che, anche se non hanno punti di convergenza, possono tuttavia imparare l una dall altra. Se da un lato risulta difficile per la società integrare queste persone culturalmente diverse ( certo è necessario che uno straniero si adatti alla città che lo accoglie, Euripide), altrettanto problematico è per lo straniero cessare di esserlo e farsi accettare, senza 9

10 CRITICA LETTERARIA Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 riserve, da essa ( Se poi vieni a trovarti tra nuove usanze e costumi, diverse da quelle di casa tua, dovresti essere un indovina per sapere come comportarti con il tuo compagno, Euripide). La difficoltà di integrazione colpisce in particolar modo il mondo femminile e non a caso l esempio da noi riportato è quello di una donna. L indole femminile è più sensibile, alla ricerca di continui e stabili punti di riferimento che se la società fa mancare vengono ricercati nella dimensione privata e degli affetti. Non sempre però queste donne possono far riferimento ad una famiglia che le appoggi. Infatti, tralasciando l aspetto dell infanticidio, la condizione di Medea richiama quella di molte donne islamiche che, per costumi e per tradizioni, conducono una vita priva di libertà, priva di amore. Sono donne schiave dei loro uomini, schiave della loro religione. Sono sole, emarginate, non hanno diritti né libertà di alcun tipo; sono donne oggetto, sottomesse nel loro mondo, non accettate nel nostro ( tu vivi nella tua città, nella tua patria, hai una vita serena, l affetto dei tuoi cari, io sono sola, senza patria e l uomo che da terra straniera mi ha rapida come una preda, ora mi oltraggia; non ho una madre, un fratello, dei parenti da cui trovar rifugio in questa mia sciagura, Euripide). Medea infatti non solo non viene accettata dalla società greca, ma viene anche abbandonata da Giasone che decide di sposare Creusa, la figlia di Creonte ( Me, anima in pena. Chi più ama più ferisce. Io vengo colpita e colpita ancora. Io consumata, sfruttata e usata, Euripide). Quindi Medea, come spesso accade per le donne islamiche, non essendo valorizzata né nella dimensione sociale né in quella privata, si annulla. Il suo animo si tormenta, 10 si sconvolge, degenera ( Ahimè infelice, io soffro, soffro pene strazianti. Maledetti figli di una madre odiosa, possiate morire insieme a vostro padre e che questa casa precipiti in rovina, Euripide). E donna che diventa mostro. Dicono che il passato non sia fine a se stesso, ma che la maggior parte delle volte serva per non ricadere in sbagli già commessi. Anche se Medea non è storia documentata, tuttavia è portavoce di difficoltà che sono state realmente presenti. E triste constatare che, nella realtà di oggi, il problema integrazione non sia stato superato ma debba ancora percorrere diverse tappe. Signorile Jessica, Chrico Francesca e Mapelli Francesca II B in collaborazione con la prof. Scrocco

11 Bartolomeo N 1 Ottobre Interviste con la Storia - Martina Sassoli. I giovani in Comune Finalmente ecco il primo nuovo numero del Bartolomeo 2007/2008! Quest anno anche per me si sono prospettate due grandi novità: innanzitutto, ho accettato la carica di Vice-Direttore offertami dalla Direttrice e spero di poter assolvere nel migliore dei modi ai compiti che mi saranno affidati; in secondo luogo, dopo due anni passati nello spaziare da un argomento all altro con il Vaso di Pandora, seguendo la mia grande passione verso il genere dell intervista, ho pensato di intervistare mensilmente per voi persone che tutti ammiriamo o il cui lavoro ha una grande influenza sulla vita di noi studenti. Chiamando questa rubrica Interviste con la Storia, ho voluto inoltre rendere per la seconda volta dalle pagine di questo giornalino un omaggio alla grande giornalista italiana Oriana Fallaci, scomparsa ormai da un anno, le cui interviste sono certamente memorabili. Buona lettura! Forse non tutti sanno che dal Maggio 2007 a Monza c è un nuovo sceriffo in città. Donna, giovane, bionda e con un curriculum da far paura a chi è in politica da molti (troppi?) anni: l astro nascente dell amministrazione cittadina è Martina Sassoli, a cui il neo- Sindaco Marco Mariani ha affidato il nuovissimo superassessorato di Eventi giovanili, Sistema bibliotecario e Pari opportunità. Pochissimi giorni dopo il primo contatto via mail, l Assessore mi dà appuntamento direttamente presso il suo ufficio in Comune ed è qui che ci incontriamo. Partiamo subito dalle Pari opportunità: Assessore o Assessora? Martina! No, c o m u n q u e Assessore. Raccontaci la tipica giornata dell Assessore ai Giovani. Il primo appuntamento è verso le 9, ma poi non ho un agenda fissa e lascio anche dei giorni liberi per incontrare quante più associazioni e persone possibili. La sera dipende Mentirei se dicessi che alla fine della giornata non sono stanca, ma comunque sono molto soddisfatta. Immagino che chiaramente, per arrivare dove sei ora, abbia avuto grande importanza anche la tua preparazione scolastica e universitaria. Che liceo hai frequentato? Ho frequentato il Bianconi, liceo 11 INTERVISTE

12 INTERVISTE Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 linguistico moderno, dal 1996 al E una scuola a cui sono rimasta molto legata e ho mantenuto anche un grande rapporto personale con il collegio docenti. E proprio lì che ho iniziato ad appassionarmi al mondo politico perché anche a scuola c era una fortissima attenzione, più che per l attualità, verso i passaggi storici attinenti alla politica. Mi ricordo che nell ora di storia c erano delle discussioni accesissime, con la professoressa, una suora tra l altro, a fare da moderatrice! Comunque anche questa esperienza ha aiutato a formare il mio interesse. Allo Zucchi sta per arrivare il periodo delle elezioni per le cariche di rappresentanza degli studenti. Hai mai provato a candidarti? In realtà sì, mi sono anche candidata al Consiglio d Istituto, ma in una scuola privata questo organismo ha una funzione diversa, nel senso che è molto facile il dialogo con i professori e il rapporto è meno istituzionalizzato. Piuttosto quando nel 2000 a 17 anni sono diventata attivista di Forza Italia, ho cercato di rendermi utile nel collegamento tra la scuola e il mondo politico. Come mai hai scelto Forza Italia? All età di anni credo sia difficile per un ragazzo interessato alla politica mantenere una posizione moderata, mentre io, spinta comunque da un forte interesse, mi sono lasciata coinvolgere da delle conoscenze personali che erano in Forza Italia, anche se non conoscevo ancora bene la struttura 12 partitica. Qualche coinvolgimento politico anche in famiglia? No, i miei fratelli sono meno interessati al mondo della politica, mentre i miei genitori, che adesso sono di Forza Italia, vengono da esperienze diverse. Quasi subito hai avuto una prima esperienza come Consigliere della Circoscrizione 5. Mi sono candidata nel 2002 e sono stata eletta vice-presidente, avendo anche la grandissima fortuna di presiedere la Commissione Sport, Cultura e tempo libero. All interno delle Circoscrizioni si impara a fare politica, mentre nelle Commissioni si capisce come gestire un budjet pubblico e come mediare tra pubblica amministrazione e le associazioni sul territorio, che sono molto importanti. Inoltre, essendo laureata in Economia della Pubblica Amministrazione in Bocconi, avrai avuto anche l opportunità di mettere in pratica i tuoi studi. Ho avuto la fortuna di studiare la teoria e contemporaneamente vederla messa in pratica. Saltando qualche lezione in Bocconi Ti aspettavi di essere subito chiamata a candidarti in Consiglio Comunale? Credo sia molto difficile arrivare al punto dove sei ora a un età così giovane. Per un politico questa è un po un evoluzione naturale. Al tempo stesso bisogna saper distinguere la passione politica partitica e la vita pubblica di un istituzione. Diventare

13 Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 Assessore era sempre stato un mio grandissimo sogno e sono contentissima che sia stato esaudito. E stata una scelta forte sia per quanto riguarda la mia età, in quanto sono il più giovane Assessore che questo Comune abbia mai avuto, sia per il tipo di deleghe che mi sono state date, in particolare per quanto riguarda le politiche giovanili e delle pari opportunità che per la prima volta sono state attribuite a un solo Assessorato. Nel 2007 Monza è tra le prime amministrazioni a prendere coscienza del fatto che questi temi sono estranei al disagio generale dei Servizi Sociali. Quindi ti trovi ad ereditare qualcosa dalla precedente amministrazione e al tempo stesso a dover costruire un Assessorato completamente nuovo. Spaventata? Sono molto incuriosita, ma comunque un po inquieta di fronte alla burocrazia comunale che conoscevo solo in teoria. Devo essere sincera: all inizio è stato un piccolo trauma, mentre adesso comincio a capire come muovermi e sto cercando di costruire una struttura flessibile, con pochissimi collaboratori ma aperta a degli stage con dei ragazzi monzesi che abbiano a cuore le politiche giovanili. Secondo me uno dei pericoli più grandi è investire in azioni non significative per i giovani. Durante la campagna elettorale sei stata una dei candidati più presenti sul territorio e spesso ti si vedeva per le vie del centro. Avere un 13 INTERVISTE contatto diretto con la gente ti ha avvantaggiata? Sicuramente. Inoltre con il mio team abbiamo capito l importanza di saper cogliere quelle esigenze che tu puoi mettere in secondo piano, ma per altre persone sono fondamentali. Hai già dato inizio a dei primi progetti? I progetti che stanno totalmente monopolizzando la mia attenzione sono i due maxi-progetti su Monza: innanzitutto la nuova biblioteca, di cui sono tra le maggiori promotrici e fautrici, che occuperà l ex-caserma S. Paolo e sono molto emozionata nel lavorare per dare ai ragazzi una biblioteca altamente innovativa e polifunzionale, in quanto multimediale e anche punto di ritrovo culturale; l altro progetto è l introduzione di nuove aree di aggregazione giovanile dove i ragazzi possano esprimersi da un punto di vista artistico, musicale e anche sportivo. Credo sia opportuno cambiare la fisionomia della città anche in base alle necessità dei ragazzi; al tempo stesso è sbagliato concedere ai giovani spazi ricreativi fuori mano e obbligarli ad andare là, ma bisogna valorizzare e strutturare quelle aree che i ragazzi scelgono naturalmente da sé per incontrarsi. Inoltre ti posso anche dare un esclusiva: stiamo progettando un grande piano che vada incontro alle esigenze di mobilità per i ragazzi non patentati. Contemporaneamente sto gia lavorando per creare anche una Provincia giovane! Per quanto riguarda l attività

14 INTERVISTE Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 partitica, sei ancora molto legata all attivismo? Per cinque anni sono stata impegnata sul fronte giovanile, diventando Commissario provinciale di Forza Italia Giovani e impegnandomi sempre molto anche a livello nazionale. Inoltre sono ancora in contatto con gli altri giovani attivisti, tra cui Giacomo Sala (exrappresentante di Istituto dello Zucchi, ndr) che conosco molto bene. Un ultima domanda di rito per tutti gli Zucchini, ossia tutti gli studenti maschi dello Zucchi E le femmine le Zucchine?! Ragazze ribellatevi! Degli ortaggi proprio no Comunque, vedendo la tua foto, tutti si chiederanno: fidanzata? Sì, sì. Alla fine non poteva mancare il Trivial Pursuit, quattro domandine di cultura generale. Pronta? Oh no! Dovevo studiare C è matematica?! Partiamo con qualcosa di facile: Rivoluzione francese No! La suora mi prende a schiaffi! Ma in quell anno deve essere successo qualcosa Cerchiamo su Google (Si scoprirà che in quell anno è nata in India la dinastia Palan, ndr) Un opera di Shakespeare. Amleto. L amata di Dante. Beatrice. La compagna di Diabolik. 14 Eva. Promossa comunque. Su tutto il fronte. NdR: Purtroppo l intervista a Martina Sassoli viene pubblicata in versione ridotta per ragioni di spazio e di scorrevolezza. Chi eventualmente fosse interessato a leggerla in forma integrale (con qualche domanda in più riguardo alla politica cittadina), può contattarmi presso l indirizzo del giornalino o in IA. Ricordo inoltre che è possibile scrivere all Assessore mandando una mail a: assessore.giova Michele Casadei I A

15 Bartolomeo N 1 Ottobre Caro Bartolo... - EPISTULAE Eh l Italia, l Italia! Sembra proprio che del Belpaese raccontato su libri di storia e descritto da filosofi e scrittori di un passato nemmeno troppo lontano, sia rimasto soltanto un tenue ricordo, un nostalgico sospiro trasportato dal vento. Del nostro amatissimo Stivale, infatti, sono sempre state citate l arte, la tradizione culinaria, la musica, le belle città, la natura, la straordinaria Storia, la poesia, la letteratura e un interesse serio per l istruzione. Non che le scuole italiane siano mai risultate così migliori rispetto a quelle estere, ma certamente da esse la nostra terra ha selezionato molti dei grandi nomi che oggi decorano in stampatello grassetto le pagine dei manuali scolastici. I molti Italiani che hanno reso immortale il loro nome per meriti scientifici, artistici o letterari, provenivano tutti da un certo tipo d istruzione, che evidentemente solo l Italia ha saputo e dovrebbe saper ancora dare. Questa istruzione, che è anche educazione e formazione, oggi non è più un nostro vanto, anzi, è proprioil sistema scolastico che fa del nostro Paese uno dei fanalini di coda del grande carro CULTURA MODERNA Europa. Perché? Non può esserci un chiaro motivo, al contrario, le cause di questa involuzione sono così tante da sommarsi o annullarsi vicendevolmente. Possiamo però convenire che la soluzione dei problemi in una democrazia risiede nelle mani del popolo sovrano, e in questo senso ognuno di noi è responsabile per le deficienze del nostro Paese. Siamo tutti colpevoli nella misura in cui non reagiamo di fronte al decadimento, alla scadenza, al disdoro progressivo dei nostri Licei. Un tempo nelle scuole d Italia era impensabile che uno studente per farsi comprendere dagli addetti di segreteria dovesse esprimersi a gesti, oggi accade in ogni scuola, sebbene io abbia enfatizzato; un tempo in un Istituto non dovevano e non potevano coesistere professori qualificati e competenti e professori incredibilmente incapaci e inadatti, oggi sembra che la seconda tipologia di docente abbia fatto capolino in ogni sorta di Liceo. Partendo proprio dal nostro piccolo, il contributo maggiore che possiamo offrire è imparare a riconosceree denunciare tutti 15

16 EPISTULAE Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 i casi di mala istruzione, che spesso sono palesemente noti, ma a cui nessuno pone mai una soluzione nonostante sia un diritto di tutti, per poter costruire un futuro migliore, godere di una sana e vera educazione. La nostra scuola sicuramente non è immune da questa degenerazione, tuttavia io non voglio addentrarmi nelle singole faccende da me conosciute e non voglio indagare in quelle raccontatemi da altri; il mio desiderio invece è di risvegliare in tutti noi Zucchini la consapevolezza di poter esigere di più, e soprattutto la volontà di cambiare quelle cose che non funzionano come dovrebbero. Moltissimi sono gli studenti e i professori validi ed esemplari, e per questo bisogna impegnarsi insieme per migliorare il nostro Liceo, perché possa tornare a brillare di quello splendore che solo pochi anni fa faceva del nome Zucchi un sinonimo inequivocabile di serietà e qualità. Ave atque vale, Marco Nebuloni IIB (Rubrica curata da Stefania Antonelli II H) 16

17 Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 Parte da questo numero una rubrica fissa (se non mi tagliano cammin facendo) e dedicata a noi zucchini che ho voluto titolare PIANETA ZUCCHI, quasi a identificare questo luogo austero e affascinante come un mondo in cui abitano individui dalle precise caratteristiche. Se vi identificherete con alcuni dei personaggi che vi descriverò di volta in volta, sappiate che il fatto non è casuale, perché i riferimenti a fatti e persone sono rigorosamente voluti. Qual è la parte della lunga ed estenuante mattinata che piace di più agli zucchini? Beh, la risposta mi sembra ovvia: non l ora di matematica, non l ora di filosofia, non quella di educazione fisica, ma ovviamente l intervallo! Quante cose sono capaci di fare gli studenti in quei miseri quindici minuti concessi: se ne vedono di tutti i colori! Ci sono quelli che passano l intero intervallo davanti alle macchinette con l idea di affogare tutti i loro dispiaceri nel cibo; ma, inevitabilmente, una volta arrivati alla meta, o la macchinetta è rotta (la maggior parte delle volte) - Pianeta Zucchi - QUEI QIUNDICI MINUTI... oppure la merenda preferita e tanto desiderata è finita! Ci sono poi quelli che sfruttano l intervallo in classe a leggere, ripassare, studiare per l interrogazione dell ora successiva! Ma ragazzi approfittate di questi quindici minuti per socializzare! Comunque la maggioranza degli zucchini trascorre l intervallo con un unico, importantissimo scopo: quello di avanzare tentativi di corteggiamento nei confronti del ragazzo/a che fa battere il cuore. Eh sì, quanti amori iniziati, conclusi e consumati tra le mura dello Zucchi! Puoi vedere il ragazzo preso da una ragazza che però, ahimè, vuole solo restare sua amica, mentre lui dispiaciuto, per non dire inca.volato, a causa del rifiuto decide di non parlarle più o di dimostrarsi distaccato (a proposito è proprio lui che va ad affogare i dispiaceri nel cibo!). Ma una volta arrivato alla macchinetta scopre, ovviamente dopo avere inserito i soldi, che 17 ZUCCHI

18 ZUCCHI questa non funziona. E inutili sono i pugni o i colpi tirati per aprire lo sportellino. Ci si può solo rassegnare! Poi c è il classico gruppo di amici all interno del quale vi sono due ragazzi che si piacciono a vicenda. Ad ogni intervallo lui va da lei (o lei da lui!) ma proprio non riescono a concludere niente (causa timidezza?). Ovviamente le cose non vengono semplificate dagli amici, incapaci di capire che all intervallo devono cambiare aria e non disturbare; e non servono proprio a niente le frasi di circostanza come dai, andiamo a farci un giro o mi accompagni in segreteria?. Infine ci sono le coppiette con la C maiuscola che vedi girare per i corridoi e che ti sembra di conoscere da tanto tempo, anche se in realtà non sai neanche di che classe sono. Lui, lei, mano nella mano, occhi che brillano per la felicità, sorriso sulle labbra, come se tutto il mondo attorno non esistesse; è così che quei quindici minuti diventano magici! E tu, che li vedi, arrabbiato/ a perché non ti va bene niente (a causa della famosa macchinetta o del fin troppo famoso compito in classe!) sorridi e sospiri pensando come sono carini! Stanno così bene insieme! o anche succederà mai anche a me? ; perché l amore è bello però molto spesso fa anche soffrire. Per questo nel Pianeta Zucchi non mancano i cosìddetti single incalliti che girano sempre per cercare di trovare la loro anima gemella (non che la cosa sia semplice!!!). Si guardano intorno, cercano, scrutano, adocchiano, si appostano nei luoghi più strategici ma alla fine la domanda è sempre la stessa: ma lui/lei si sarà accorta/o di me?. Alla fine dopo essersi dati la risposta che non vorrebbero mai sentirsi dire (cioè no ), eccoli di nuovo in giro alla ricerca! Eh sì, è dura la vita! Ma, ragazzi, credetemi prima o poi qualcuno si accorgerà di voi, e allora anche voi diventerete la metà di una coppietta con la C maiuscola! È solo questione di tempo DON T WORRY, BE HAPPY!! Sara Montagnino I A Bartolomeo N 1 Ottobre

19 Bartolomeo N 1 Ottobre News Zucchi - ZUCCHI SPECIALE CONSULTA: INTERVISTA ALLE LISTE In previsione delle elezioni per la Consulta che si svolgeranno il 12 ottobre, la redazione del Bartolomeo ha ritenuto oppurtuno intervistare i candidati delle liste affinchè possiate conoscere meglio chi rappresenterà la nostra scuola a livello provinciale. Qual è il nome della vostra lista? Perché l avete scelto? Talk up!: Abbiamo voluto chiamarci TALK UP! perché vogliamo cercare di togliere tutta la nebbia che circonda la Consulta e farci sentire! Protagonisti Sempre: Il nome della nostra lista è PROTAGONISTI SEMPRE; lo abbiamo scelto perché vogliamo essere protagonisti, cioè presenti in prima persona dentro la scuola. Vogliamo che anche lo Zucchi come scuola possa dire la sua in Consulta. Da chi è composta la lista? T: Siamo Michele-Maichi-Mik Casadei di IA e Viola-Violetta-Violet-Purple-Viò-Vi-Ugo Maccabruni di IIF. P: Federica Crippa II E & Lucia Pessina I C. Due parole per spiegare a tutti 19 quali sono i compiti della Consulta provinciale degli studenti. T: La consulta provinciale degli studenti CPS è un organismo di rappresentanza studentesca su base provinciale, composta da due studenti per ogni istituto che si incontrano regolarmente per assicurare il più ampio confronto fra gli studenti di tutte le scuole superiori. Le CPS dispongono di fondi propri che possono essere spesi per formulare proposte che superino la dimensione del singolo istituto, stipulare accordi con gli enti locali, la regione e le associazioni, le organizzazioni del mondo del lavoro e progettare, organizzare e realizzare attività anche a carattere transnazionale. (alla faccia di due parole! ndr) P: La Consulta provinciale degli studenti ha il compito di favorire un confronto fra gli studenti di tutte le scuole secondarie superiori della Provincia e formulare proposte di intervento che coinvolgano i vari istituti. Perché vi siete candidati e perché dovremmo votarvi? T: TALK UP! Pensiamo sia giusto mettersi in gioco in prima

20 ZUCCHI persona e fare nuove proposte senza aver paura di farsi sentire! Perché noi sì che parliamo chiaro. P: Ci siamo candidate perché vorremmo migliorare e rendere più vivibile l ambiente scolastico, proponendo iniziative e agevolazioni a favore degli studenti. Votateci perché siamo le migliori!! Come intendete procedere? T: Abbiamo un buon programma e faremo tutto il possibile per rispettarlo. Ma abbiamo bisogno anche dei vostri consigli! P: La proposta di cui andate più fieri. T: Sul modello di un progetto del 2003, proponiamo di organizzare un concorso a eliminazione per le rock band delle scuole di tutta la Provincia; i vincitori, oltre a un album, potranno esibirsi nello Show Case di Cascina Monlué! P: Un motto o un pronostico? T: Motto: Più Ughi per tutti! ; pronostico: Poppy Maiers Presidente degli U.S.A. P: Ci verrebbe proprio da dire: O protagonisti o niente!! Un appello finale alla popolazione zucchina. T: Fatevi sentireeeee! P: Vi facciamo un offerta che non Bartolomeo N 1 Ottobre 2007 potrete rifiutare Votateci!! Bè a questo punto facciamo un in bocca al lupo ai nostri candidati e... vincano i migliori! A cura di Michele Casadei I A e Veronica Braglia II H 20

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI

31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI 31 GIORNI PER IMPARARE AD AMARTI Ciao e benvenuto, sono sicura che troverai questo piccolo ebook molto speciale e sai perché? Perché è dedicato alla persona più importante su questo pianeta.. quella persona

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

LE PAROLE CHE AIUTANO A RITROVARSI

LE PAROLE CHE AIUTANO A RITROVARSI LE PAROLE CHE AIUTANO A RITROVARSI Fare un giornale di strada a cura di Giorgio Bombieri LADRI DI BICICLETTE Ladri di Biciclette (LdB) nasce a Venezia come newsletter per persone tossicodipendenti, nel

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas Carolina Caspary è l assistente sociale argentina responsabile del Centro di accoglienza per

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR.

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. (Confucio) Numero 3 SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Nell ultima seduta del Consiglio sono state graditissime ospiti

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

- 1 reference coded [1,06% Coverage]

<Documents\bo_min_1_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [1,06% Coverage] - 1 reference coded [1,06% Coverage] Reference 1-1,06% Coverage Ti lega il computer? Sì. Io l ho sempre detto. Io ho una visione personale. Anche quelli che vanno a cercare

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione del Corso : Lavoro Dei Sogni Indice: INTRODUZIONE I 3Segreti Per Creare Un Business Online Di Successo Definisci Il Tuo Business Obiettivo

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Avete spirito scientifico?

Avete spirito scientifico? GIOCO n. 1 a Avete spirito scientifico? Fare ricerca richiede anche di sapere e comprendere quali sono gli atteggiamenti verso la conoscenza di chi partecipa all impresa scientifica. Per capire se possiedi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola Unità Per cominciare... Osservate le seguenti attività e iniziative. Di solito, quali di queste è possibile svolgere a scuola? fare lezioni di guida cantare in un concorso organizzare una mostra proteggere

Dettagli

REPORT DEI QUESTIONARI

REPORT DEI QUESTIONARI IN-FORM-AZIONE Mostra interattiva organizzata dall AO San Gerardo di Monza - Dipartimento di Salute Mentale 20-24 febbraio 2006 Liceo Casiraghi Parco Nord Cinisello B. REPORT DEI QUESTIONARI Durante lo

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni?

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Qualunque sia la tua risposta, Voglio una vita straordinaria è la strada giusta per trovare nuove energie e urlare: Voglio essere io il regista

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Adolescenti. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE Padre Livio: Vediamo ora tre incontri di Ivan con tre gruppi di pellegrini. Sono in gran parte dei giovani. E possiamo ben dire che gli incontri con

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono?

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono? io sono l alternativa non alternativa L'Aura Abela è l'artista forse più conosciuta presente nel nuovo cd di Enrico Ruggeri dal titolo "Le canzoni ai testimoni" uscito il 24 gennaio. L'Aura è colei che

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

IL DISTURBO AUTISTICO

IL DISTURBO AUTISTICO LEZIONE: DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli