Periodico a cura di Mano Tesa Ogliastra. I tumori dello stomaco. Intolleranza al lattosio. Intervista a Dottor Tumbarello

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Periodico a cura di Mano Tesa Ogliastra. I tumori dello stomaco. Intolleranza al lattosio. Intervista a Dottor Tumbarello"

Transcript

1 Periodico a cura di Mano Tesa Ogliastra 1 Anno 5 - numero 14 - marzo 2011 Editoriale A cura di Natalino Meloni Saremo tutti nuoresi? Esistono le regole e come tali vanno rispettate, esiste però il buon senso al quale non si può non dare il giusto peso. Le regole, d altra parte, se sono delle buone regole in determinate situazioni, possono non esserlo in circostanze diverse. La regola impone che i centri ostetrici in cui non nascono almeno 500 bambini nel corso di un anno vanno chiusi. Nel reparto di ostetricia dell ospedale di Lanusei nel 2010 sono nati 412 bambini, però la regola dei 500 se ha ragion d essere per un ospedale inserito in una città di abitanti con allegato un ampio interland, diventa una cattiva regola se riferita ad un ospedale che opera in un territorio di oltre 1800 Km 2 come l Ogliastra, da cui il centro ostetrico più vicino, Nuoro, dista un ora un ora e mezza di tempo. L evento del parto, già di per sé carico di ansia e nel contempo momento di gioia, rischia di comportare per le partorienti ogliastrine un accresciuta tensione sia perchè avviene in un luogo troppo distante dal proprio ambiente di vita e dagli specialisti da cui sono state seguite, sia per la pericolosità che in determinate complicanze del parto possono rappresentare quei sessanta minuti di ritardo nell adozione degli opportuni provvedimenti. Verrebbe anche a mancare quella piacevole partecipazione di amici e parenti che di solito si affolla intorno al letto della puerpera, solo pochi intimi affronterebbero il viaggio fino a Nuoro o Cagliari. Il reparto di ostetricia e ginecologia di Lanusei è stato sempre apprezzato, la mancanza di un affollamento selvaggio ha consentito uno svolgimento sereno delle attività, i tempi di attesa sono minimi, i risultati tra i buoni delle medie nazionali. Alla luce di tali considerazioni la regola dei 500 non è una buona regola perché crea disagi, non è adeguata al territorio in cui la gente vive, risponde a puri criteri economici di risparmio e crea una frattura sempre più profonda tra la persone e le istituzioni. Dare il giusto peso ad alcuni sintomi, effettuare opportuni accertamenti se si è nelle categorie a rischio, adottare alcune regole di vita, seguire una corretta alimentazione, sono tutte strategie per riconoscere e prevenire i temibili tumori dello stomaco. Anche il carcinoma dello stomaco, la neoplasia gastrica maligna più frequente, se riconosciuto precocemente, è completamente guaribile. (a pag. 3) L Unità Operativa di cardiologia dell Ospedale di Lanusei partecipa ad una futuristica iniziativa basata su una infrastruttura realizzata dal CRS4, un prestigioso centro di sviluppo, che ha sede a Pula, in cui lavorano tanti giovani ricercatori isolani. Il progetto mette in rete alcuni ospedali sardi e, attraverso la telemedicina, si estende l attività cardiologia pediatrica del Brotzu. Tutti i neonati verranno sottoposti ad ecocardiogramma che potrà essere letto ed interpretato in tempo reale dagli specialisti di Cagliari. Si vuole evitare l invio a Cagliari di neonati che non hanno patologie e il mancato invio di un piccolo paziente che ne ha bisogno. (a pag. 19) Dottor Antonio Toxiri I tumori dello stomaco Intolleranza al lattosio Sempre più spesso si sente parlare di intolleranza al lattosio. Ne è affetto chi presenta una deficienza dell enzima lattasi che, per certi versi, è normale nelle persone adulte. L enzima, infatti, quasi sempre presente nei bambini fino allo svezzamento, per predisposizione genetica tende a scomparire con l andare del tempo. Oggi si tende a considerare normali gli individui che non digeriscono il latte, mentre quegli adulti che mantengono un attività enzimatica tale da permettere loro di digerire il latte sono chiamati lattasi-persistenti. (a pag. 8) Intervista a Dottor Tumbarello E stato per decenni l Oculista degli ogliastrini ai quali ha sempre offerto la massima disponibilità anche quando, per lavoro, si è trasferito altrove. Fino agli ultimi giorni di vita non ha abbandonato la pratica professionale e a chiunque andasse a chiedere una consulenza non si è mai rifiutato di prestare le proprie cure e, come tutti possiamo testimoniare, assieme alle terapie era sempre compreso il suo bonario e rassicurante sorriso. (a pag. 20) Sommario Intervista alla dott.ssa Licia Pau... 1 Il carcinoma gastrico... 3 I segreti del latte... 6 Intolleranza al lattosio e allergie al latte... 8 Il fitness metabolico Accompagnamento del malato Nuove regole per assistere i disabili Associazione Volontariato Strisaili Una nuova minaccia per i nostri ovini Intervista a dott. Tumbarello Dottor Antonio Toxiri La cannabis terapeutica Associazione di Volontariato Mano tesa ogliastra IntervIsta al dottor sandro rubiu direttore del distretto socio-sanitario di tortolì A cura di Giusy Ferreli Sandro Rubiu è nato a Villagrande, ha 54 anni ed ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università di Chieti nel 1985 con una tesi in medicina del lavoro. Inizio dell attività professionale con il botto nella Guardia Medica di Orune, dove nell arco di un mese, capitarono in quel paese una serie di eventi delittuosi che resero le ore di lavoro alquanto movimentate. Fu molto importante il successivo lavoro di tirocinante nella Medicina di Famiglia presso lo studio di Dr. Pasquale Bentivegna a Ilbono: imparò il giusto approccio con il paziente e a navigare nel mare burocratico che quel tipo di attività impone. Dopo di che, nel 1986, acquisì la titolarità di medico di Continuità Assistenziale a tempo indeterminato a Talana. Nel 1991 vinse il concorso (segue a pagina 2) Via Temo sn Tortolì - Tel Fax

2 2 Periodico a cura di Mano Tesa Ogliastra per ricoprire l incarico di medico di igiene e sanità pubblica. In questo ruolo ha esercitato nei diversi ambiti territoriali dell azienza: Jerzu, Lanusei e dal 1998 Tortolì. In questa sede, dal 1999, si è occupato della creazione delle cure domiciliari appena istituite. Dallo scorso aprile è stato nominato Direttore di distretto. Cosa si intende per distretto? E tutto l insieme dei servizi sanitari e socio-sanitari aziendali che non afferiscono all area dell assistenza ospedaliera e della prevenzione. Nello specifico rivestono particolare rilievo le cure primarie: Medicina di Famiglia e Specialistica ambulatoriale. Non minore importanza è riservata alle cure domiciliari che si occupano di fornire assistenza qualificata presso il domicilio del paziente avvalendosi delle prestazioni di diverse figure professionali: medico di Medicina Generale, infermiere professionale, fisioterapista, specialisti delle diverse branche. All occorrenza integrano l intervento le figure professionale dei servizi sociali dei comuni di residenza. Ci sono altre strutture aziendali che afferiscono al Distretto? Certamente. Sono l emergenza territoriale, a cui si accede con il 118, la Riabilitazione e il servizio Materno-infantile che comprende il Consultorio e la Neuropsichiatria infantile. La complessità del distretto da cosa è data? Il Distretto comprende 5 Unità operative, ciascuna delle quali ha un ambito di Farmacia Villagrande di Nieddu - Corda Fitoterapia Cosmesi Articoli sanitari Galenica Partner FarmaCheck-Carta più Intervista al dottor sandro rubiu Alimenti speciali Omeopatia Analisi Veterinaria Via Roma Tel competenze abbastanza vasto. Poiché in ognuna di queste vanno curati non solo gli aspetti strettamente assistenziali, ma anche tutte le problematiche inerenti l aspetto organizzativo e amministrativo, la complessità dell impegno richiesto è notevole. Quale è il rapporto tra il Distretto e i Medici di famiglia? Il Medico di famiglia è il professionista più vicino al paziente e funge da tramite tra questi e i servizi aziendali, ne deriva l importanza di un rapporto che deve essere, e per fortuna lo è, improntato ad un favorevole e sereno confronto. Ci sono degli obbiettivi da condividere in base alla programmazione nazionale e regionale. Le strategie aziendali finalizzate al raggiungimento di tali obbiettivi, trovano collocazione in un tavolo di trattativa aziendale che vede come attori il Distretto, i vertici aziendali e i rappresentanti dei medici di Medicina Generale. Per scendere nei particolari, ci può descrivere alcuni di questi obbiettivi? Attualmente la nostra attenzione è rivolta in particolare a tre progetti che sono: la Gestione integrata del paziente diabetico, che prevede la presa in carico da parte del medico di famiglia, in collaborazione con il centro antidiabetico, dei diabetici senza complicanze. la Valutazione del rischio cardiovascolare che prevede per i pazienti da 39 a 69 anni la valutazione del rischio di avere un evento cardiovascolare nei dieci anni successivi. la Valutazione del rischio renale che prevede, per tutti gli ultracinquantenni, il controllo di alcuni parametri indicativi della presenza di una diminuita funzionalità renale. Qual è la situazione dell assistenza domiciliare? DIco con orgoglio che la nostra è una delle aziende con la più alta attività di cure domiciliari. Questo deriva non solo da una esigenza assistenziale, ma da una concreta risposta alle direttive dell Unione europea, che individuano un obbiettivo del 3,5 per cento di ultrasessantacinquenni assistiti a domicilio. Siamo al 2,9 ma puntiamo al pieno raggiungimento del target entro il Quindi si tratta di un servizio efficiente. Ci sono margini di miglioramento? Si. E nostro intendimento attivare, a breve, il Servizio di cure palliative e terapia del dolore, che sarà rivolto in particolare ai pazienti oncologici. Questa opzione terapeutica domiciliare, darà ulteriore qualità al servizio stesso. Come si accede alle cure domiciliari? Attraverso i Punti Unici di Accesso, presso i quali ha inizio il processo di attivazione della rete socio-sanitaria territoriale. Gli operatori professionali che si occupano del PUA sono il medico del distretto, l assistente sociale e l infermiere. Chi ha bisogno dell assistenza, come deve agire? Deve fra pervenire tramite il medico di famiglia, i servizi sociali del territorio o con approccio diretto, la segnalazione del bisogno al PUA. Sono ammissibili diverse modalità: telefono, fax, o direttamente sul posto. A questo punto il personale del PUA analizza i bisogni e, sulla base di quest analisi, decide il percorso più appropriato cui indirizzare il paziente. Nel caso che i bisogni si rivelino complessi, viene attivata l Unità di Valutazione Territoriale che effettua una presa in carico multidisciplinare dell utente. La nostra associazione si occupa di seguire pazienti oncologici, per noi quindi si tratta di un argomento particolarmente sentito. C è in questo campo qualche iniziativa all orizzonte? Posso anticipare che abbiamo mandato in pubblicazione ulteriori 6 ore settimanali di oncologia destinate a coprire un area territoriale sinora scoperta, che è quella che gravita sul poliambulatorio di Jerzu. Inoltre i nostri servizi tecnici stanno valutando delle migliorie logistiche nei locali adibiti alla chemioterapia, ospitati presso il presidio ospedaliero di Lanusei. Lei è impegnato da tempo anche in campo politico, dove è responsabile provinciale di un partito. Come concilia questo impegno con quello professionale medico? Premesso che quella dei medici è la categoria maggiormente rappresentata in tutte le amministrazioni e istituzioni politiche, il doppio impegno fa sì che quelle che sono le doti umane e professionali che caratterizzano il medico nella sua professione, bene si integrano con la capacità di ascolto e di sollecitudine ai bisogni espressi dal cittadino, che dovrebbe essere una prerogativa essenziale di tutti coloro che si propongono per amministrare il bene pubblico.

3 La Pagina della PrevenziOne a cura di Natalino Meloni 3 UN ALTRO TUMORE MALIGNO CHE CON LA DIAGNOSI PRECOCE PUÒ GUARIRE IL CARCINOMA GASTRICO Come riconoscerlo e prevenirlo lo stomaco Lo stomaco è quell organo a forma di otre che tramite una valvola chiamata cardias è posizionato dopo l esofago e che attraverso un altra valvola chiamata piloro è collegato al duodeno. Quando solo pensiamo di mangiare, ovvero quando ci viene l acquolina e viene stimolata la salivazione, anche nello stomaco si ha la produzione del succo gastrico che contiene un insieme di sostanze utili per digerire gli alimenti. Lo stomaco possiede anche una spessa muscolatura grazie alla quale si hanno quei movimenti di rimescolamento che sono indispensabili per un buon assorbimento delle sostanze e per la preparazione del cibo alle successive fasi digestive che avvengono negli altri tratti dell intestino. I tumori dello stomaco In base all esame istologico che viene effettuato su un pezzetto di tessuto gastrico prelevato con apposita pinza dal chirurgo o dall endoscopista, i tumori dello stomaco potranno risultare benigni, con aspetti intermedi di degenerazione maligna o francamente maligni. Tra i tumori benigni dello stomaco i più comuni sono i lipomi e i fibromi, tra i maligni il carcinoma. Il carcinoma gastrico Età di insorgenza Il cancro dello stomaco colpisce le persone a partire mediamente dai 45 anni di età. Il rapporto fra maschi e femmine è di 16:10. L incidenza è maggiore tra le classi sociali più basse ed è in rapida diminuzione. In Italia negli ultimi decenni si è verificato un importante decremento sia dell incidenza sia della mortalità in entrambi i sessi. Nonostante questo calo, rappresenta ancora la seconda causa più comune di morte per tumore nel mondo ed il 30% delle morti oncologiche. È piuttosto raro che il tumore allo stomaco colpisca soggetti con meno di 40 anni e la frequenza della malattia aumenta nelle età successive, raggiungendo l incidenza più alta intorno ai 70 anni. le cause Non è conosciuta una causa precisa, ma sono stati individuati dei fattori predisponenti: Fattori genetici: - l incidenza della malattia nei familiari dei soggetti che ne sono affetti è più alta di 23 volte rispetto alla popolazione generale; - nell ambito di una stessa nazione ad essere più frequentemente colpiti di altri sono, spesso, particolari gruppi etnici (neri americani, popolazione di origine celtica, ecc.); - nei soggetti con gruppo sanguigno A è maggiore del 10-20% che nella restante popolazione. Fattori geografici: il cancro gastrico è più frequente in alcune nazioni; gli emigrati che passano da paesi ad elevata incidenza verso altri ad incidenza minore presentano una diminuzione della frequenza della malattia. Fattori alimentari: ci sono chiare correlazioni tra alcuni cibi consumati nei paesi ad alto rischio e l incidenza del tumore allo stomaco; giocano un ruolo importante nello sviluppo del cancro gastrico alcune sostanze chimiche chiamate nitrosamine che derivano dalla trasformazione, all interno dello stomaco, dei nitrati in nitriti. Ciò avverrebbe ad opera di batteri che spesso colonizzano lo stomaco già affetto da altre malattie, come la gastrite astrofica. I nitrati si trovano principalmente nei cibi conservati e in quelli affumicati. Il fumo: anche il fumo di sigaretta è un importante fattore capace di aumentare il rischio di tumore dello stomaco. Gastrite atrofica: è una malattia dello stomaco caratterizzata dalla progressiva scomparsa delle ghiandole dello stomaco e dalla frequente presenza di ghiandole che normalmente si trovano in altri tratti dell intestino e quindi atipiche per la regione gastrica. È molto frequente ed è stata associata al 90% dei casi di tumore allo stomaco. Polipi gastrici: questi tumori benigni vanno considerati come vere e proprie lesioni precancerose. L 1,5% circa di tutti i pazienti affetti da disturbi gastrici sono affetti da polipi, che costituiscono il 10% di tutti i tumori dello stomaco. La probabilità di degenerazione maligna aumenta con l aumento delle dimensioni del polipo (in particolare se il diametro supera i 2 cm). DIETOLOGIA Dr. Marilena Lara Specialista in Dietologia Specialista in Geriatria Dottoressa Emilia Serra Via Lungomare, Arbatax Tel Riceve per appuntamento Via Mons. Virgilio, 72 Tortolì Tel

4 4 La Pagina della PrevenziOne a cura di Natalino Meloni Ulcera gastrica: la frequenza della degenerazione tumorale di questa malattia è assai variabile e va detto che la degenerazione maligna di un ulcera benigna è un evento estremamente raro. Helicobacter pylori: esiste un associazione tra infezione dovuta a questo microrganismo e tumore allo stomaco (il rischio è più alto di 36 volte). Tale associazione non sembra essere correlata allo sviluppo dell ulcera, che spesso si verifica in questi soggetti, ma si pensa che sia da mettere in relazione all insorgenza di gastrite cronica atrofica indotta dal microrganismo. Helicobacter pylori I sintomi Il tumore allo stomaco può decorrere per lungo tempo asintomatico o con sintomatologia lieve, purtroppo ciò ostacola spesso la possibilità di una diagnosi precoce. Sintomi più comuni: Disturbi digestivi: sono i più frequenti: senso di ripienezza, bruciore di stomaco che non si risolve con gli antiacidi, rigurgiti di cibo e di materiale acido, eruttazioni, digestione prolungata, nausea e vomito. Sintomi a carattere generale: si presentano spesso in assenza di sintomi a carico dell apparato digerente: facile affaticamento, febbre, perdita di peso, mancanza di appetito generica o più specifica per un determinato alimento (soprattutto la carne, sintomo chiamato sarcofobia), perdita di desiderio del fumo. Emorragia: è meno frequente, ma a volte succede che l esordio sia rappresentato da un emorragia con sangue emesso con il vomito o presente nelle feci. Anemia da carenza di ferro: talvolta precede anche di molti mesi qualsiasi altro sintomo diagnosi Un importante campanello d allarme è rappresentato dal riscontro, anche occasionale, di anemia da carenza di ferro, presente in circa il 50% dei pazienti, evidenziata con esami del sangue e che è dovuta al sanguinamento gastrico. Nei casi in cui viene accertata anemia sideropenica è sempre opportuno far seguire la ricerca del sangue occulto nelle feci, che pure è positiva in circa il 50% dei casi. La ricerca dei markers tumorali, che sono particolari proteine prodotte in elevate quantità dalle cellule tumorali e solo in minima parte da quelle sane, nel caso di tumore dello stomaco, è poco utile per la diagnosi precoce. Il dosaggio di alcuni markers, invece, specialmente del CEA e del CA 19.9, è utile per monitorare un eventuale ricomparsa del tumore dopo la sua asportazione chirurgica. Tra gli esami strumentali, la radiologia costituisce ancora oggi una tecnica abbastanza efficace nello studio delle lesioni dello stomaco. La gastroscopia è, comunque, la tecnica fondamentale per la diagnosi delle neoplasie gastriche. Consiste nell inserire nello stomaco, dalle cavità nasali o dalla bocca, un tubo flessibile dotato di telecamera per osservare direttamente il tumore. Consente anche di effettuare un piccolo prelievo del tumore (biopsia), che verrà poi osservato al microscopio (esame istologico). La TAC dell addome o la TAC total body (di tutto il corpo) sono indispensabili per mettere in evidenza l estensione del tumore e la eventuale presenza di metastasi a carico di linfonodi e di altri organi. la terapia Chirurgica: è la terapia di elezione quando il tumore non è in stadio avanzato. Può essere eseguita la gastrectomia totale, con rimozione di tutto lo stomaco, o la gastrectomia parziale, con rimozione della sola area interessata dal tumore. Esiste anche la gastrectomia allargata che consiste nell asportare parti di quegli organi, (esofago, pancreas, colon, linfonodi, ecc) che risultano invasi dalla neoplasia. Chemioterapica: la sua efficacia è ancora alquanto incerta perché c è una scarsa risposta da parte dei tumori dello stomaco a questa metodica. Radioterapica: può essere effettuata prima dell intervento chirurgico per ridurre la massa tumorale o durante un intervento chirurgico, direttamente sullo stomaco, per eliminare eventuali residui tumorali. A volte si utilizza per prolungare la vita del paziente con tumore avanzato, come palliativo. In genere, però, i tumori dello stomaco sono resistenti a questo tipo di trattamento. Prevenzione E sempre l argomento che noi riteniamo più importante. Anche il cancro dello stomaco, infatti, se preso in tempo, è curabile e guaribile e, come già descritto, il suo sviluppo è sensibile a molti fattori che sono evitabili e prevenibili. Quindi porgere attenzione a particolari sintomi e correggere certe abitudini di vita, può portare a riconoscere precocemente e a non ammalarsi di questo tumore che purtroppo ha una prognosi difficile. Per quanto riguarda l alimentazione sono da limitare i cibi contenenti un eccesso di sale, come i cibi in salamoia, gli affettati e i cibi affumicati; vanno evitati i conservanti, che contengono elevate quantità di nitriti e nitrati e i cibi non adeguatamente refrigerati. Occorre prediligere un alimentazione ricca di frutta fresca e vegetali, che contengono elevate quantità di vitamina A e C, che antagonizzano la formazione delle nitrosamine. Non bisogna sottovalutare i sintomi. Se si avverte la sensazione di cattiva digestione o disturbi addominali che persistono da qualche settimana, oppure se si osservano feci scure, che possono indicare emorragie gastriche o del tratto intestinale, è necessario che ci si rivolga al medico di famiglia che valuterà se è il caso di inviare il paziente al gastroenterologo per capire se i disturbi sono dovuti a un ulcera o a un cancro dello stomaco oppure a qualche altra causa. Anche l abbandono della sigaretta può aiutare; come già accennato, è dimostrata la relazione tra fumo e formazione del cancro allo stomaco. Abbiamo già descritto la relazione presente tra l infezione da Helicobacter pylori e il tumore dello stomaco, quindi è utile, in caso di sintomi e di accertata presenza del batterio, assumere per una settimana un adeguata terapia antibiotica che è in grado di eliminarlo. Non esistono programmi di screening sulla popolazione. In Giappone dove la malattia è endemica i programmi di screening effettuati hanno portato ad ottimi risultati. In Italia la frequenza di questa patologia non giustifica il costo di uno screening con esami radiologici ed endoscopici di massa. E però doveroso avviare programmi di sorveglianza nei soggetti a rischio specialmente: nei gastroresecati, nei pazienti affetti da gastrite atrofica, nei portatori di polipi gastrici, nei pazienti con familiarità per carcinoma gastrico.

5 La Pagina della PrevenziOne a cura di Natalino Meloni 5 Importante dato pubblicato sul lancet una delle riviste mediche più prestigiose l aspirina riduce Il rischio di MorIre di tumore Giunge da Oxford, in Inghilterra, un importante conferma del ruolo protettivo dell aspirina contro alcuni comuni tipi di cancro. L indagine, firmata da Peter Rothwell del Department of Clinical Neurology, università di Oxford e da un gruppo di collaboratori, ha analizzato i dati di alcune importanti indagini, disponibili in letteratura, che hanno posto a confronto il rischio di morire di cancro di persone con somministrazione quotidiana di aspirina, con una durata media del trattamento di almeno 4 anni, nei confronti di altre che non assumevano aspirina. I risultati hanno evidenziato una riduzione del 20 per cento del rischio di morte associata al cancro e un consistente beneficio apparente già dopo 5 anni di controlli. L effetto benefico sulla mortalità per cancro dopo 5 anni è stato osservato per i tumori dell esofago, pancreas, cervello e polmone: il beneficio è invece minore per i tumori di stomaco, colon-retto e prostata. La cautela è d obbligo L azione protettiva, inoltre, non ha mostrato correlazioni con la dose di aspirina, il sesso, o il fumo ma tendeva ad aumentare con l età. La domanda è d obbligo: dobbiamo ritenere lo studio di Oxford la svolta tanto attesa nelle strategie di prevenzione anti-cancro? Non ci sono, purtroppo, ancora elementi sufficienti per raccomandare l aspirina a tutti, certamente i pazienti che devono assumerla possono ottenere un ulteriore beneficio sul versante oncologico. Nel caso della popolazione generale bisogna considerare infatti che l impiego del farmaco non è privo di rischi, legati per esempio ad una maggiore frequenza di sanguinamenti. Lo studio del Lancet comunque, è un punto di partenza per ulteriori approfondimenti. Meccanismo d azione L ipotesi più gettonata è che il beneficio si debba ascrivere all azione antinfiammatoria propria dell aspirina. Silvio Garattini, direttore dell Istituto Mario Negri di Milano afferma che si tratta di una conferma importante. Ma non credo che valga la pena proporre aspirina indiscriminatamente a tutti: sull altro piatto della bilancia ci sono le controindicazioni. Comunque - conclude il farmacologo - per i pazienti con familiarità o con fattori di rischio per alcuni tipi di cancro l aspirina può rappresentare un opzione concreta: i dati a sostegno del suo impiego in ambito oncologico sono solidi». Le cautele espresse dai commentatori italiani sono peraltro condivise dallo stesso Rothwell, primo autore dell indagine: «Questi risultati ribadisce non significano assolutamente che tutti gli adulti dovrebbero iniziare ad assumere aspirina». la posta dei lettori Certificati di malattia on-line Ho constatato che ci sono novità per quanto riguarda il rilascio dei certificati di malattia. Ho però constatato anche molta confusione. Vorrei chiedervi, ad esempio, se esiste l obbligo per il lavoratore di consegnare la copia del certificato al proprio datore di lavoro. Claudio - Tortolì E vero. Ci sono nuove norme che regolano il rilascio delle certificazioni di malattia che deve avvenire esclusivamente per via telematica. Restano esclusi da tale obbligo solo gli appartenenti ad alcune categorie, come le forze dell ordine, per i quali continuerà ad essere valido il solo certificato cartaceo. Siamo in una fase di transizione e non tutte le aziende si sono dotate del PIN per accedere al sito dell INPS per controllarvi i certificati. Fino a quando si andrà a regime, pertanto, il lavoratore è tenuto a consegnare al proprio datore di lavoro la copia del certificato che gli è stata rilasciata dal medico certificatore. Allorché il datore di lavoro sarà dotato del PIN d accesso all INPS, potrà esonerare il proprio dipendente dal consegnargli la copia cartacea del certificato. Contagio da Helicobacter Pylori La mia ragazza ha fatto l Urea Breath Test per verificare la presenza dell Helycobacter Pilori. Il test è risultato positivo. Poiché tale batterio si trasmette per via orale ( quindi con il bacio o bevendo dallo stesso bicchiere) sono praticamente certo di aver contratto il batterio. Vorrei sapere se devo fare la terapia antibiotica senza fare prima il test oppure se è opportuno eseguire prima l esame per verificarne la presenza? Giuliano - Lanusei Diversamente da quanto da lei ritenuto, le probabilità che lei abbia contratto l infezione sono modeste. In caso di positività è più probabile che lei avesse già l infezione (contratta in età infantile). Comunque può essere opportuno effettuare il test. FARMACIA DR.SSA DINA PIRAS OMEOPATIA ERBORISTERIA DIETETICA PRODOTTI PER CELIACI PRODOTTI PRIMA INFANZIA VETERINARIA COSMESI Via Pompei, 27/b - Elini Tel Farmacia MAMELI di Dr. Gian Paolo Mameli Parafarmaceutica - Sanitari Dietetica - Omeopatia Dermocosmesi - Veterinaria Via Roma, Loceri - Tel

6 6 La Pagina dell alimentazione a cura di Marilena Lara I SEGRETI DEL LATTE IL LATTE ALIMENTO COMPLETO (ED ESSENZIALE) Latte e infanzia. È un collegamento istintivo in tutte le culture e in ogni tradizione, soprattutto se si parla di latte umano. Umano, e non necessariamente materno. Dal Medioevo, ma fino al primo quarto del Novecento, era una balia la vera nutrice di un neonato, specialmente se di origine aristocratica. Così si caratterizzava il rapporto madre-figlio : escludendo quel tono di intimità affettiva che sembra oggi così normale. Certo i medici hanno da sempre ribadito la superiorità del latte materno, ma per motivi biologici e nutrizionali più che morali e affettivi. La profonda connessione culturale,oltre che fisiologica, tra il latte e l infanzia costituisce anche un limite per il ruolo e per l immagine di questo prodotto come alimento per l età adulta. Secondo i medici antichi, il latte animale non è alimento appropriato per l uomo. Nel Medioevo come nell Antichità, il latte animale per eccellenza era di pecora mentre fino ai secoli dell età moderna l allevamento vaccino ebbe un ruolo piuttosto marginale nel sistema alimentare: i bovini servivano a tirare carri e aratri, non certo a produrre latte. Tuttavia il latte ebbe subito un ruolo preponderante nell alimentazione sotto forma di formaggio, nutriente quanto il primo ma molto più sicuro e conservabile. Anche nei confronti del formaggio la cultura antica e medioevale sembrava nutrire perplessità ed il suo successo alimentare e gastronomico comincia solo nel Medioevo. In età rinascimentale e posteriore diminuirà la tradizionale supremazia del latte e dei latticini di pecora e di capra e i formaggi vaccini avranno uno spazio rilevante. L uso di mescolare latte ovino e latte vaccino, attestato come pratica recente, è il segno del movimento di una cultura alimentare che dedica sempre maggiori attenzioni al capitolo dei latticini. Nella composizione del latte e dei suoi derivati un insieme di elementi al servizio del benessere: Le proteine e gli amminoacidi Il latte è un alimento ricco di proteine, indispensabili sia per una corretta crescita del bambino che per molti processi di importanza fondamentale nell organismo adulto: sintesi dei tessuti muscolari, coagulazione del sangue, ecc. Il latte contiene piccole quantità di circa sessanta enzimi diversi, tra cui la lattasi, che permette la digestione del lattosio. Le differenze di composizione proteica nelle diverse specie di mammiferi sono responsabili di un differente potenziale allergenico del latte: ad esempio, i bambini allergici al latte vaccino a volte tollerano quello di capra. Le proteine del latte contengono tutti gli amminoacidi essenziali, ovvero quelli che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare e di cui la dieta costituisce l unica fonte. La dieta abituale degli italiani oggi non presenta problemi di carenza proteica, anzi, mediamente, l apporto di proteine supera abbondantemente i fabbisogni. Le fasce di popolazione che possono essere a rischio sono rappresentate da vegetariani che rifiutano anche le uova, il latte e i derivati. In questi casi particolari è importante prestare la massima attenzione nel miscelare opportunamente gli alimenti al fine di assicurare contemporaneamente all organismo tutti gli amminoacidi necessari. I grassi La frazione grassa degli alimenti rappresenta una simbolica linea di confine tra i costituenti positivi e i costituenti negativi della nostra dieta. I lipidi sono infatti una classe di componenti importanti nella razione alimentare: nell organismo umano esplicano funzioni indispensabili per la vita, forniscono energia in quantità elevata, apportano acidi grassi essenziali, veicolano alcune vitamine. Tuttavia le moderne linee guida per una sana alimentazione raccomandano di ridurre il consumo dei grassi, particolarmente dei grassi saturi e del colesterolo. Il ruolo dei prodotti lattiero-caseari nella determinazione dell apporto dietetico di colesterolo consiste, in Italia, nel contributo del 10% del livello consigliato come valore massimo (300 mg/die). I carboidrati Con le proteine e i lipidi, i carboidrati sono i componenti più abbondanti nel latte delle diverse specie animali. Molto studiato, come molecola chimicamente reattiva, come nutriente e come componente della dieta, è il lattosio, che rappresenta circa il 90% degli zuccheri. E contenuto nel latte in quantità variabile con la specie animale (bufala, pecora, capra, vacca, ecc.) mentre nei latti fermentati e nei formaggi freschi in quantità variabile col tempo di maturazione. Nell intestino, grazie alla presenza dell enzima specifico lattasi, il lattosio è idrolizzato (diviso) in glucosio e galattosio per poter essere assorbito e utilizzato dall organismo (una ridotta sintesi della lattasi, può limitare l idrolisi del lattosio). Gli zuccheri sono inoltre coinvolti in molti processi cellulari e posseggono numerose attività biologiche: immunostimolante, antiinfiammatoria, anti virale, immunologica. I minerali La componente minerale del latte è importante soprattutto per la presenza del calcio, un nutriente essenziale che deve essere assunto giornalmente con gli alimenti. Esso contrasta l insorgenza di malattie ossee (osteoporosi) favorisce lo sviluppo dei denti, regola e consente la conduzione degli impulsi nervosi, la contrazione dei muscoli, la coagulazione del sangue. Proviene dal latte la maggior parte dell apporto alimentare del calcio, che è facilmente assorbibile, diversamente da quello presente nei prodotti vegetali, in particolare nei cereali, perché alcune sostanze in essi contenute (come l acido fitico e l acido ossalico, la fibra alimentare), lo rendono non utilizzabile dal nostro organismo. Anche il fosforo vi ha rilevante concentrazione ed il suo rapporto col calcio risulta ottimale per una corretta regolazione dei processi di riparazione e formazione ossea. La conservazione di questo rapporto è particolarmente importante nell età evolutiva, mentre in età adulta

7 La Pagina dell alimentazione a cura di Marilena Lara 7 può variare. In generale, per gli adulti i livelli raccomandati di assunzione di fosforo sono corrispondenti a quelli del calcio, mentre per quanto riguarda i lattanti si raccomanda un ingestione più elevata di calcio. Questi livelli di assunzione raccomandati sono facilmente raggiungibili con il consumo di una normale dieta equilibrata e di fatto raggiunti dalla dieta media italiana. Componenti funzionali Il latte e i suoi derivati contengono diverse sostanze in grado di migliorare il benessere del consumatore : sono le cosiddette molecole funzionali, ovvero molecole in grado di svolgere funzioni favorevoli per l uomo. A seguito della digestione, si liberano, dalla caseina e dalle sieroproteine, delle sostanze ad azione rilassante ipotensiva, immunostimolante, antitrombotica e di trasporto di minerali Le vitamine Nel latte, le vitamine presenti in maggiore quantità sono le A, E, K e C, l acido folico e la riboflavina. La loro fonte principale non è lattierocasearia, ma, considerato il grande consumo di prodotti di tale categoria, il loro apporto diventa significativo. Il contenuto delle vitamine A ed E è influenzato da fattori come alimentazione, periodo di lattazione, condizioni climatiche e di allevamento del bestiame. Latte materno / Latte vaccino Nei primi tre giorni dopo il parto, le ghiandole mammarie secernono il colostro (una sostanza giallastra per la presenza di carotene), ricco di proteine (tra cui anticorpi), sali, vitamine A, C, E, ma povero di grassi e carboidrati (il suo apporto calorico è inferiori a quelle del latte). Esso contiene insulina ed una certa quota di ormoni, responsabili della proliferazione e maturazione delle cellule intestinali del neonato che si conclude al 3-4 mese. L immaturità, strutturale e funzionale, della mucosa intestinale, prima del 3 4 mese, potrebbe favorire fenomeni di allergia o intolleranza mentre la maturazione della mucosa permette tolleranza, senza danni al sistema immunitario, di cibi diversi dal latte materno. Una comparazione dei due tipi di latte dà i seguenti risultati : Proteine: la quantità totale è di gr/l nel latte di donna, di 35 gr/l nel latte vaccino. Il loro contenuto di anticorpi, che svolgono azione protettiva contro intolleranze alimentari e infezioni (respiratorie, urinarie, otiti, meningiti, gastrointestinali ed eczema atopico), è doppio nel latte materno rispetto a quello del latte vaccino. Sali minerali: il rapporto dei rispettivi contenuti è pari ad 1/3, ma, oltre che della quota che di essi può essere assorbibile nei processi metabolici, va tenuto conto della biodisponibilità dei diversi minerali, che, nel latte materno è superiore. Ferro: la sua quantità è uguale nei due tipi, ma la sua biodisponibilità è superiore nel latte materno (perciò, un bambino allattato con il latte della madre ha minori probabilità di andare incontro ad anemia). Calcio / Fosforo: sono, nel latte materno, in concentrazioni più basse, ma il fattore importante ai fini dell assorbimento è il rapporto Calcio/Fosforo (2:1 nel latte di donna, 1:1 nel vaccino); questo rapporto è ottimale per l assorbimento del calcio che, sul piano clinico, si traduce in un azione protettiva del latte materno nei confronti dell ipocalcemia neonatale e di prevenzione del rachitismo nei mesi successivi. Vitamine: il latte materno ne contiene a sufficienza per il fabbisogno del neonato. STUDIO SPECIALISTICO RADIOLOGIA ECOGRAFIA Dottor Renato Pilia sas Radiologia generale Radiologia dentale Mammografia Ecografia mammaria Ecografia generale Ecografia muscolo-scheletrica Risonanza magnetica articolare (eccetto spalla ed anca) LANUSEI: dal Lunedì al Venerdì 8-12 TORTOLÌ: dal Lunedì al Venerdì 8-18 (Orario continuato) LANUSEI - Via Marconi, 82 - Tel TORTOLÌ - Via Coghinas - Tel Centro di Fisiokinesiterapia Accreditato con il SSN Direttore Sanitario: Dott.ssa Paola Gillone dal Lunedì al Venerdì dalle 8 alle 15,30 Visite specialistiche fisiatriche Medicina Fisica e Riabilitativa dal Lunedì al Venerdì dalle 8 alle 13 e dalle 14 alle 17 Radiografie di tutti i distretti corporei, anche in digitale, compresa la radiografia odontoiatrica (panoramica dentale) Via Tirso, Tortolì - Tel Fax RADIOLAB RX srl Servizio di Radiologia Accreditato con il SSN Direttore Sanitario: Dr. Walter Tony Palmas

8 8 La Pagina dell alimentazione a cura di Marilena Lara Intolleranza al lattosio e allergia al latte Il latte fa parte della nostra alimentazione fin dalla nascita e fa bene. Eppure molte persone hanno difficoltà a tollerarlo (con gli altri latticini: panna, formaggio, etc.) a causa di intolleranza al lattosio o allergia alle proteine del latte. E un problema che riguarda, almeno per una fase dell esistenza, i due terzi della popolazione mondiale. Per molti è sufficiente un cucchiaino di latte nel caffè a scatenare reazioni come flatulenza, disturbi intestinali o diarrea. La vera e propria causa rimane spesso sconosciuta e tante persone convivono a lungo con inspiegabili disturbi intestinali che compromettono la qualità della vita. L intolleranza al latte è una causa di stress costante che si ripercuote sia sull organismo sia sulla psiche. E sicuramente la più frequente e conosciuta allergia alimentare; la sua elevata prevalenza deriva dal fatto che i neonati che non possono essere allattati al seno vengono alimentati con formule a base di latte vaccino. L immaturità funzionale dei sistemi gastrointestinale ed immunitario nei primi anni di vita fa si che l allergia al latte vaccino compaia in percentuali tra il 2 e il 7 % dei bambini. COSA SI INTENDE PER INTOLLERANZA AL LATTE La mucosa intestinale, dalla nascita in poi e per un determinato periodo di tempo produce la lattasi. La diminuzione della produzione di questo enzima è associata all intolleranza al lattosio e quindi ad una ridotta capacità di assorbimento e digestione del lattosio da parte dell intestino. La produzione di lattasi, fattore importante per la scissione del lattosio, presenta una caratteristica evoluzione nei vari periodi della vita. Nella maggioranza delle popolazioni mondiali è legata all età e la sua riduzione di produzione colpisce diverse zone, retaggio dei differenti stili di vita delle antiche popolazioni. Recenti studi, hanno evidenziato una riduzione di produzione del 15% nella popolazione con età superiore ai quarant anni e fino al 50% in quella di età tra i 60 e i 79 anni. Si può, dunque, ritenere che la capacità di assorbimento del lattosio si riduca dopo il quarantesimo anno di età e divenga importante dopo il settantesimo. In Italia la prevalenza di soggetti con deficit di lattasi è elevata, com è stato dimostrato in numerosi studi, e si modifica in modo sensibile nelle varie regioni. In particolare, nel nord della nostra penisola, il 52% della popolazione studiata è deficitaria nella produzione dell enzima. Il deficit di lattasi non è solo correlato alla sintomatologia intestinale, ma anche alla riduzione di introduzione di calcio (in particolare nell età avanzata) conseguente al ridotto consumo di latte. In effetti, i gruppi di popolazione adulta con intolleranza al lattosio introducono significativamente meno calcio del gruppo di popolazione coetanea con assenza di questo problema. INTOLLERANZA PRIMARIA E SECONDARIA L intolleranza può essere classificata in primaria e secondaria. La primaria, a sua volta, si distingue in congenita (rara) ed acquisita (riguardante il 70% della popolazione mondiale). L intolleranza secondaria è conseguente a patologie che determinano lesioni all intestino con inevitabile danno enzimatico. Sono causa di ipolattasia numerose condizioni patologiche quali gastroenteriti, morbo di Crohn, gastrectomia, celiachia, colite ulcerosa, sindrome del colon irritabile, radiazioni, deficit immunologici. COME SI MANIFESTA L ALLERGIA AL LATTE L allergia al latte è cosa completamente diversa dall intolleranza al lattosio e le sue cause risiedono nelle proteine del latte quali la caseina e la lattoalbumina. L allergia è causata da almeno tre importanti fattori: 1 ) l estraneità all organismo di quella miscela di proteine che è contenuta nel latte vaccino, alimento fondamentale per i bambini; 2 ) l immaturità, in questa fase della vita, dell intestino; 3 ) la predisposizione familiare. I bambini intolleranti al latte vaccino sono colpiti da vomito, diarrea, coliche addominali e sanguinamento occulto nelle feci. L ultimo, essendo di piccola entità, può restare a lungo latente e manifestarsi con l evidenziarsi di un anemia da carenza di ferro. Altre manifestazioni cliniche dell allergia possono essere dermatologiche o aversi a carico dell apparato respiratorio,

9 La Pagina dell alimentazione a cura di Marilena Lara 9 come la rinite cronica, la tosse e, raramente, anche l asma bronchiale. SONO INTOLLERANTE AL LATTOSIO? TEST DI AUTODIAGNOSI Sebbene il latte e gli alimenti a base di latte siano l unica fonte naturale di lattosio, quest ultimo si trova spesso aggiunto ai cibi preparati commercialmente e in alcuni vegetali. Le persone con bassissima tolleranza al lattosio dovrebbero conoscere i numerosi prodotti alimentari commerciali che possono contenere anche piccole quantità di lattosio. Imparare a leggere con attenzione le etichette degli alimenti alla ricerca di latte, lattosio, siero di latte, diventa una necessità. Il lattosio è contenuto in molti alimenti che spesso non destano i nostri sospetti: pane e altri prodotti da forno - condimenti e salse- cereali per la prima colazione -cibi pronti- pasticceria e torte prodotti con carne macinata - zuppe pronte - pizza- budini gelati dolciumi wurstel - cereali per la prima colazione purea di patate istantanea margarina carni insalata -caramelle e altri spuntini - miscele per frittelle, biscotti e torte surgelati. Esso si trova anche in molti farmaci come eccipiente: in circa l otto per cento di tutti i medicinali da banco (disponibili anche in alcuni supermercati e negozi di prodotti naturali) e in circa il venti per cento di quelli che necessitano di prescrizione medica. Tra questi, gli analgesici e gli antiinfiammatori, la pillola anticoncezionale, gli antimicotici, diversi antibiotici etc. COME SI DIAGNOSTICA? TEST PER L INTOLLERANZA AL LATTOSIO Anche se molto spesso l esperienza quotidiana è sufficiente ad individuare un intolleranza al lattosio, è disponibile un test che permette di verificarlo con ottima accuratezza: il Breath test all idrogeno. E un test non invasivo e piuttosto specifico che si basa sull evidenza che se uno zucchero non viene assorbito a livello dell intestino viene fermentato dalla flora intestinale con la formazione di grosse quantità di idrogeno, che in parte viene assorbito nel colon e in parte viene eliminato con la respirazione. Se si somministra lattosio ad un soggetto intollerante e si esegue il breath test sarà possibile rinvenire una quota di idrogeno nel respiro esalato, superiore rispetto a quella riscontrata prima della somministrazione. Il test richiede di norma 2-3 ore di tempo per essere portato a termine. Altre alternative diagnostiche sono rappresentate dalla biopsia intestinale e da uno specifico esame del sangue chiamato Rast test. TERAPIA L unica cura possibile consiste nell eliminazione del lattosio dalla dieta. Essa non sempre deve essere completa, perché in ogni individuo esiste un valore soglia al di sopra del quale compare tutto il fastidioso corteo sintomatologico; è quindi importante imparare, provando e sbagliando, fino ad individuare la quantità tollerata. Peraltro, l eliminazione completa non è semplicissima perché il lattosio non è solo il principale zucchero del latte, ma è anche presente, in quantità diverse, nei suoi derivati ed è, inoltre, un additivo contenuto in diversi insaccati, nei farmaci e negli integratori alimentari. In caso di soggetti particolarmente sensibili è, quindi, necessario accertarsi dell assoluta assenza di lattosio da ogni cibo da consumare. Se si eliminano latte e latticini dalla dieta si ha un peggioramento nell assorbimento del calcio ed una cattiva mineralizzazione ossea; per questo motivo, in caso di accertata intolleranza, è buona norma includere nella dieta formaggi a basso contenuto di lattosio (parmigiano reggiano stagionato più di 36 mesi). Una volta accertata la diagnosi, si consiglia, per i primi trenta giorni, una dieta priva di latte, derivati e cibi contenenti lattosio. Dopo i primi trenta giorni si possono introdurre gradatamente il latte e i formaggi assumendo l enzima lattasi in compresse o in gocce (Lacdigest 1 compressa ogni 100 ml di latte o 100 gr di formaggio, oppure Silact 2 gocce ogni 200 ml di latte o 100 gr di formaggio). Anche il loro uso però, non impedisce spesso la manifestazione dei sintomi. Relativamente all allergia alle proteine del latte, entra, invece, in gioco il sistema immunitario che le combatte scatenando allergie vere e proprie con un decorso difficile. Il più grande rischio è rappresentato dallo shock anafilattico (abbassamento improvviso della pressione e arresto respiratorio). Pertanto se si è allergici alle proteine del latte è indispensabile che l alimentazione ne sia completamente privata. Un ridotto apporto di calcio può alterare il processo di acquisizione della massa ossea (OSTE- OPOROSI) esponendo l individuo a un aumentato rischio di fratture. La triade ereditarietà- attività fisica-alimentazione domina il destino delle nostre ossa. Pur se i fattori genetici hanno importante influenza, soprattutto nel periodo giovanile di formazione del picco osseo, tuttora l attività fisica e l apporto alimentare o l integrazione farmacologica di calcio sono i soli aspetti controllabili da e sui quali possiamo fondare una strategia preventiva dell osteoporosi. Tutti gli studi condotti su pazienti di oltre 65 anni hanno confermato che il calcio (alimentare o da integratori) frena la perdita di massa ossea età-correlata. CONCLUSIONI GLI ULTIMI STUDI ALIMENTANO SPERANZA Sempre più persone soffrono di allergia al latte e questo fenomeno provoca il conseguente aumento della ricerca e degli studi nel settore. Nell ottobre 2005 in Giappone gli esperti del laboratorio per le scienze alimentari e biologiche e i ricercatori del dipartimento di scienza dell alimentazione e i citologi dell Università di New York, hanno scoperto che le allergie, e quindi anche quella al latte si manifestano in rapporto all ecosistema dell intestino, dunque è importante creare e mantenere un ambiente sano nella flora intestinale. Pertanto per poter guarire completamente dall allergia al latte, è necessario stabilire un sano equilibrio alimentare che rispetti e faccia riacquistare la salute alla mucosa intestinale. OTTICA MELONI CONV. A.U.S.L. - LENTI A CONTATTO Occhiali da sole e da vista delle migliori marche e firme più esclusive. Controllo della vista - Lenti a contatto selezionate per un adattamento senza problemi anche per astigmatici Lenti progressive adattamento garantito. Villagrande Via Azuni Tel Cell SEDE PRINCIPALE Via Mons. Virgilio, 39 Tortolì Tel Cell PUNTI VENDITA Bolotana, P.zza del Popolo Tel Cell Villaggio Calamoresca Arbatax Cell Hai certezza della tua posizione contributiva e dell importo della tua pensione? Per una verifica rivolgiti al Patronato EPACA Da oltre 50 anni al servizio dei lavoratori e dei pensionati per dare gratuitamente la più completa assistenza nel settore previdenziale e socio assistenziale per: Domande di Pensioni di anzianità,vecchiaia, invalidità, superstiti Denuncia e richiesta di indennizzo per Infortuni e Malattie Professionali agricoli e industriali Domande per invalidità civile,ciechi civili, indennità di accompagnamento, esenzione ticket, ecc. Iscrizioni e variazioni aziendali INPS Domande per la ricostituzione contributiva e ricalcolo della pensione Consulenza per la trasmissione all INPS dei modelli RED Rilascio e verifica estratti contributivi INPS INPDAP Domande per assegni familiari, disoccupazioni, maternità, cure termali, maggiorazioni della pensione Consulenza per il rilascio delle attestazioni per le prestazioni sociali agevolate ISE, ISEE per Enti Pubblici e Privati, Scuole, Università,altri NUORO Via De Gasperi,18/ /21 il Patronato Coldiretti per i Servizi alle Persone Siamo a disposizione nei recapiti comunali e nei nostri Uffici di: JERZU Via Umberto, LANUSEI Via Umberto,

10 10 Periodico a cura di Mano Tesa Ogliastra Il fitness metabolico Aiuta i soggetti con disturbi del metabolismo ad introdurre nella propria vita l attività fisica e motoria L evoluzione dell uomo ha portato ad un benessere di tipo economico al quale non è seguito un benessere psicofisico globale. La situazione odierna comporta un fenomeno di sedentarietà e di cattiva educazione alimentare che mette a rischio la salute. L Organizzazione Mondiale della Sanità ha inquadrato in maniera concreta la sindrome da ipocinesia (scarsa attività fisica). Al giorno d oggi, le attività motorie e sportive non possono essere considerate solo il mezzo per curare il proprio aspetto fisico. La cura estetica del corpo è sicuramente importante ma non può essere fine a se stessa. Al contrario, deve rappresentare uno strumento per trovare l equilibrio psico-fisico e addirittura curare in modo naturale molti dei disturbi figli della vita moderna. Ipertensione, diabete, sovrappeso, ipercolesterolemia sono sintomatologie diverse che spesso hanno origini comuni. Il Fitness Metabolico è una possibile risposta a queste problematiche. Una visione diversa del fitness può aiutare a convivere con molte malattie, soprattutto quelle di origine metabolica. Ogni individuo è unico ed insostituibile, non solo sotto il profilo umano ma anche dal punto di vista biologico e conseguentemente anche sportivo. Questa particolarità non permette che ci siano dei protocolli standard validi indiscriminatamente. Attraverso l antropometria è possibile individuare delle tipologie morfologiche e classificare gli individui in maniera abbastanza precisa. La più semplice e allo stesso tempo accurata è sicuramente quella di Sheldon e Martiny. In base agli studi condotti sull essere umano, questi due studiosi americani sono stati in grado di classificare i vari soggetti in tre grandi categorie: Ectomorfo Endomorfo Mesomorfo Il soggetto ectomorfo è un longilineo magro. È caratterizzato da arti lunghi, tronco corto, spalle e torace stretti. Ha una struttura muscolo-scheletrica non molto sviluppata ed un metabolismo molto veloce; tende a bruciare tutte le energie prodotte dall assimilazione degli alimenti in maniera velocissima. I soggetti endomorfi sono dotati di una struttura massiccia e brevilinea che gli conferisce un ottima forza fisica, tutto l opposto dell ectomorfo. Gli arti sono brevi e muscolosi e le anche sono ampie rispetto alle spalle con una prevalenza di tessuto adiposo sul giro vita (brevitipo). Hanno una forte predisposizione ad ingrassare a causa del metabolismo lento. Il mesomorfo può essere definito come una miscela positiva delle caratteristiche dei primi due biotipi, in sintesi si tratta di un soggetto atletico con una struttura fisica molto armonica (longitipo). Il metabolismo ottimale gli consente di mangiare di tutto in buone quantità senza l assillo di ingrassare. Ogni individuo rientra in una di queste categorie anche se spesso è più logico parlare di mescolanza dei diversi tipi con una caratteristica più spiccata rispetto alle altre. Nella maggior parte dei casi, i soggetti sofferenti di una delle patologie metaboliche hanno parecchi tratti vicini al tipo endomorfo. Le donne hanno un tipo di obesità a pera (ginoide), con il tessuto adiposo più concentrato su fianchi e cosce. Gli uomini invece hanno una quantità di grasso corporeo equamente distribuita su tutto il corpo con una maggiore concentrazione sul giro-vita. Queste caratteristiche risultano più preoccupanti sotto il punto di vista cardio-circolatorio. L obesità in questo caso è a mela. Un parametro di misurazione importante è la circonferenza della vita. Per le donne non bisognerebbe mai superare gli 80 cm mentre per gli uomini il consiglio è di rimanere al di sotto dei 94 cm. Altri fattori importanti per quanto concerne i disturbi di origine metabolica sono: Livello dei trigliceridi, se il test supera i 150 mg/dl aumenta il rischio cardiovascolare; Livello della glicemia, valori di sicurezza al di sotto di 110; Livello del colesterolo buono HDL, che protegge le arterie; di solito nei soggetti a rischio questo valore è molto basso. Il metabolismo è l insieme delle reazioni chimiche che avvengono negli organismi viventi e permettono loro l accrescimento e il mantenimento in vita. E costituito da due fasi: - Anabolismo insieme delle reazioni di sintesi ; - Catabolismo insieme delle reazioni di distruzione. I due processi devono convivere in maniera bilanciata al fine di garantire il perfetto espletamento di tutte le reazioni chimiche all interno del corpo. I disturbi di origine metabolica hanno tutti come causa principale il cattivo funzionamento dei processi endogeni che regolano il metabolismo. Tra i principali organi deputati all espletamento di questi meccanismi ci sono il fegato destinato alla sintesi e all accumulo del glucosio, il pancreas adibito alla produzione di insulina e glucagone, la tiroide. Se uno di questi organi funziona male iniziano a scatenarsi una serie di disturbi che in principio sono lievi ma, se non curati correttamente, possono influenzare pesantemente la vita di un individuo. Le cause, oltre che in una predisposizione genetica, sono da ricercarsi in uno stile di vita sbagliato. Fumo, alcol, eccesso di cibo, scarsa o nulla attività fisica sono tutti sintomi di una vita disordinata. In questi casi, una corretta terapia farmacologia può essere affiancata o addirittura sostituita da una buona attività fisica. Fare sport, mangiare sano, riposare a dovere ed affrontare la vita in maniera più calma sono sicuramente tra le migliori cure possibili. Alcuni consigli: Vita sana; Seguire un regime alimentare corretto; Fare sport; Evitare tutte le situazioni altamente stressanti; Adottare uno stile di vita più dinamico. L esercizio fisico è indispensabile per modificare questo quadro di inefficienze metaboliche. Le Scienze Motorie oggi hanno chiarito la correlazione tra i diversi livelli di esercizio fisico e l incidenza sul quadro dismetabolico. Un valido protocollo di Fitness Metabolico deve quindi essere studiato e personalizzato in maniera scientifica per essere sicuri di centrare l obbiettivo. In buona sostanza si è ormai superata la fase in cui si poteva consigliare la classica camminata per risolvere il problema. Mariano Rubiu Specialista in Scienze Motorie

11 Periodico a cura di Mano Tesa Ogliastra 11 Accompagnamento del malato Richiede grande impegno stare vicino ai malati nell ultima fase della vita Nella vita dell uomo vivere e morire vanno di pari passo, sebbene la cultura massificata tenti di emarginare la morte. Si muore oggi in ospedale e spesso da soli, privi, talora, del sostegno dei familiari e anche senza un conforto spirituale. Posto che niente nella vita di una persona è più importante del nascere e del morire, per aiutare i malati, particolarmente nell ultima fase della vita, occorre da parte dei familiari, del sacerdote o degli assistenti laici, degli infermieri e dei medici, offrire un assistenza che diventi accompagnamento, espressione di amore, solidarietà e carità. Cecily Sanders è la fondatrice degli hospice, strutture ricettive per malati con poca aspettativa di vita. La parola hospice non va tradotta con la parola ospizio : è un luogo di accoglienza in un ambiente semplice ma ben curato, con personale specializzato. La Sanders riassume così la filosofia fondativa degli hospice: Ci importa di voi, perché siete voi. Voi contate fino all ultimo estremo della vostra vita. E noi faremo tutto quello che ci è possibile non solo per aiutarvi a morire, ma per aiutarvi a vivere una vita piena, fino alla fine. Le cure palliative Un modo di accompagnare il malato è tramite le cure palliative. L origine del termine è anglosassone, quando in Inghilterra si è cercato di lenire i sintomi dolorosi della malattia e restituire al malato una qualità accettabile di vita. Le cure palliative hanno come obiettivo la qualità della vita, piuttosto che la sopravvivenza. Alleviano i sintomi con trattamenti il cui principale e ultimo scopo è il massimo comfort possibile per il paziente. Le cure palliative elaborano una risposta pragmatica al dolore. Si basano su una filosofia umanistica e attuano un principio di solidarietà umana. L etica considera accettabili le cure palliative; qualcuno le ha proposte come la terza via percorribile tra lo Scilla dell eutanasia e il Cariddi dell accanimento terapeutico (M. Martè). Il malato più che paziente è considerato come persona cercando di potenziare le sue risorse psicologiche e spirituali. Lo slogan provocatorio della Lega Italiana contro i Tumori recita: Quando non c è più nulla da fare, c è molto da fare Le cure palliative mirano ad un rapporto onesto con il malato, a prendersi cura più che a curare. Le cure palliative diventano un vero accompagnamento del malato nella sua ultima fase di vita, dove lo stare vicino con il cuore, la mente, le parole, la mano diventano una manifestazione di solidarietà umana, che cura: è l umanizzazione della morte. Un modo di morire Un modo di morire è il titolo di un libro in cui gli autori i coniugi Rosemary e Victor Zorza descrivono cosa succede alla loro figlia Jane quando viene trasferita in fondo alla corsia, nell angolo dove le infermiere passano di rado avevano ordini stretti di darle le pillole ogni due o tre ore. Le infermiere che un tempo scherzavano con lei, ora non sostavano neanche più a fianco al letto. Erano troppo indaffarate con gli altri malati per i quali potevano fare ancora qualcosa. C era stato un giovane specialista che aveva preso l abitudine di farle visita sul finire del giorno, prima di rincasare ma ora nemmeno lui veniva più. Quando le riusciva di parlare con un medico cercava di farsi dire quale fosse realmente il suo stato, ma raramente otteneva una risposta. Sebbene nessuno le dicesse nulla, cominciava a captare il silenzioso messaggio; i cui segnali indicavano che si approssimava la fine del cammino. Non era certamente questo che i medici intendevano comunicarle, ma lei lo percepiva dai modi in cui parlavano, dalla loro aria di rinuncia. L assistenza spirituale L accompagnamento deve pure dare attenzione all assistenza spirituale del malato, che è parte dell impegno del sacerdote e degli assistenti spirituali laici. L assistenza spirituale è più ecumenica di quella religiosa (con l amministrazione dei sacramenti) e abbraccia la dimensione spirituale del senso della vita, dei valori ed il significato della morte. L accompagnamento spirituale a livello umano può anche essere dato a chi non crede, nel rispetto del modo di pensare della persona. Molte volte il paziente confessa la sua mancata fede o credenza, ma desidera una persona che possa portare a livello umano o personalistico un comfort di serenità. Morire, secondo l antropologia, in tutte le culture, significa dare un valore spirituale e un valore sociale alla vita: la morte è realizzazione e testimonianza di ciò in mezzo agli uomini di quella cultura. Conclusioni Personalmente ho vissuto questa esperienza dell accompagnamento; sicuramente,

12 12 Periodico a cura di Mano Tesa Ogliastra a ben pensarci, l hanno vissuta tutti coloro che hanno avuto rapporti di vicinanza con persone, familiari e amici a cui sono stati vicini in momenti di sofferenza e di dolore per una grave malattia. Quante volte ci siamo trovati accanto al letto di una persona morente. Dolore, sofferenza e morte sembrano un mistero, che spesso ci sconcertano e disturbano. Perché il male? Perché a me o alla mia famiglia? Perchè a questo bambino? Sono domande che hanno attraversato le nostre menti e a cui spesso non abbiamo saputo o potuto dare risposta. Voglio finire questa riflessione riportando un altro passo del libro citato e descrivendo come affrontò la morte la giovane Jane: Sue portò a Jane una rosa fresca del suo giardino, di un rosso intenso, e la posò accanto a Jane sul cuscino. Ho sempre desiderato portare una rosa in testa mormorò Jane ma non ne ho mai avuto il coraggio. Sue si accertò che non ci fossero spine nello stelo, poi lo spinse delicatamente tra i capelli, dietro l orecchio. Da quel momento Jane ebbe sempre una rosa tra i capelli. Quando quel primo bocciolo appassì, fu sostituito. Se le infermiere dovevano voltare Jane, per mantenere la circolazione o per una iniezione, scostavano innanzitutto la rosa e poi la rimettevano a posto; la rosa di Jane e il pezzetto di velluto erano trattati con delicatezza come cose preziosissime. L ultima rosa della vita di Jane fu raccolta nel giardino dell hospice di là dalla sua finestra. Era una rosa bianca e si stava appena schiudendo dal bocciolo compatto. Rosemary, sua amica, tagliò lo stelo con un paio di forbici chirurgiche. Nel cavo dei petali c era una goccia di rugiada. Era una rosa immacolata, perfetta. Troppo perfetta, avrebbe detto Jane, troppo bella per essere vera. Tonino Loi MEDISAN ORTOPEDIA SANITARIA di Mario Pintor ARTICOLI SANITARI COSMESI ARTICOLI SPORTIVI ARTICOLI PRIMA INFANZIA Via Monsignor Virgilio, Tortolì Tel Mob

13 LA PAGINA DEL LEGALE a cura di Severina Mascia 13 E in vigore il permesso di 3 giorni al mese a disposizione dei lavoratori Nuove regole per assistere i disabili Il Collegato al lavoro, legge n. 183/2010, entrata in vigore lo scorso 24 novembre, detta disposizioni sui permessi di cui i lavoratori dipendenti possono fruire per l assistenza a parenti, affini e congiunti che versano in condizioni di disabilità gravi. Tali disposizioni sono state dettate con lo scopo di rendere più razionale la disciplina e di eliminare o, quanto meno ridurre, gli abusi nella utilizzazione di questi benefici. Le novità più rilevanti: a. il diritto a tre giorni mensili di permesso dal lavoro, che spetta al lavoratore dipendente sia pubblico sia privato, parente o affine entro il secondo grado, in precedenza sino al terzo, del disabile che necessita di assistenza; b. è prevista l individuazione di un referente unico per l assistenza alla stessa persona in situazione di handicap grave. Intendendo come tale il soggetto che assume «il ruolo e la connessa responsabilità di porsi quale punto di riferimento della gestione generale dell intervento, assicurandone il coordinamento e curando la costante verifica della rispondenza ai bisogni dell assistito». I genitori che assistono un figlio in situazione di handicap grave possono usufruire di tre giorni mensili di permesso e i permessi giornalieri possono essere utilizzati sia dal lavoratore padre che dalla lavoratrice madre per l assistenza allo stesso figlio. c. Il diritto ai tre giorni mensili di permesso dal la voro spetta al dipendente, parente o affine entro il ter zo grado qualora si tratti di genitori o del coniuge del disabile che abbiano com piuto il 65esimo anno di età o siano affetti da pato logia invalidante o siano deceduti o mancanti; d. Ai fini dei permessi non è più necessaria la condizione di convivenza; e. La scelta della sede del la voro da parte del lavorato re che assiste un disabile è vincolata al domicilio della persona da assistere e non più a quello del lavoratore. Infatti per quanto riguarda la sede di servizio la circolare specifica che il «trasferimento e la tutela della sede di lavoro rappresentano uno strumento per la più agevole assistenza del disabile. E opportuno segnalare - si legge nella circolare - che la norma, rispondendo all esigenza di tutela del disabile, accorda al lavoratore un diritto, che può essere mitigato solo in presenza di circostanze oggettive impeditive, come ad esempio la mancanza di posto corrispondente nella dotazione organica di sede, mentre non può essere subordinato a valutazioni discrezionali o di opportunità dell amministrazione». f. Il dipendente interessato alle agevolazioni deve: Presentare il verbale della commissione medica dal quale risulta l accertamento della situazione di handicap grave e, se è il caso, il certificato medico dal quale risulta la patologia invalidante. certificare, «attraverso idonea documentazione ovvero attraverso apposite dichiarazioni sostitutive» la sussistenza delle condizioni che legittimano le agevolazioni. presentare una dichiarazione sottoscritta di responsabilità e consapevolezza. g. L ammnistrazione che riceve l «istanza di fruizione delle agevolazioni da parte del dipendente interessato», deve verificare l adeguatezza e correttezza della documentazione presentata, chiedendone semmai l integrazione. I provvedimenti di accoglimento dovranno essere monitorati periodicamente per ottenere l aggiornamento della documentazione e verificare l attualità delle dichiarazioni sostitutive. La circolare «richiama in particolare l attenzione sulla necessità di chiedere il nuovo verbale medico nel caso di accertamento di handicap grave rivedibile». La decadenza in caso di accertamento «dell insussistenza o del venir meno delle condizioni richieste per la legittima fruizione dei diritti» scatta in caso di assenza dei presupposti legali. L accertamento dell insussistenza dei requisiti spetta al datore di lavoro, privato o pubblica amministrazione, e all Inps per il settore del lavoro privato. Infine, è costituita una «banca dati» presso la presidenza del Consiglio dei ministri Una tabella per esemplificare i rapporti di parentela: - Dipartimento della funzione pubblica - finalizzata al monitoraggio e al controllo sulla «legittima fruizione» dei permessi accordati ai pubblici dipendenti «che ne fruiscono in quanto persone disabili o per assistere altra persona in situazione di handicap grave». In conclusione alcuni chiarimenti in tema di parentela e affinità. Il codice civile, agli artt. 74 e ss., definisce e disciplina i rapporti di parentela e affinità nonché le modalità di calcolo degli stessi. La parentela, che può essere in linea retta o collaterale, è il rapporto che lega persone che discendono da uno stesso stipite. Si ha parentela in linea retta qualora le persone discendano l una dall altra (nonno-padre-figlio); parentela in linea collaterale quando, pur discendendo da uno stipite comune, le persone non discendono l una dall altra (fratelli, cugini, ecc.). Il grado di parentela si calcola sempre escludendo lo stipite. L affinità è, invece, il rapporto che lega il coniuge ai parenti dell altro coniuge. Il grado dell affinità segue il grado della parentela, nel senso che, nella linea e nel grado in cui taluno è parente d uno dei coniugi, egli è affine dell altro coniuge. La legge (salvo che per alcuni effetti determinati) non riconosce il vincolo di parentela oltre il sesto grado. Grado Ascendenti Discendenti Collaterali I Genitori Figli --- II Nonni Nipoti (figli di figli) Fratelli Sorelle III Bisnonni Pronipoti Zio Nipoti (figli di fratelli e/o sorelle) IV Trisavi Figli di pronipoti Prozii Pronipoti Primi cugini V Figli di prozii Secondi nipoti Secondi cugini VI Altri cugini

14 14 Periodico a cura di Mano Tesa Ogliastra sanità in pillole DALL INGHILTERRA UN FARMACO POLIVALENTE PER CURARE LE PATOLOGIE CARDIOVASCOLARI In futuro si potrà preservare e curare il cuore, grazie ad un singolo farmaco, che conterrà tutti i principi attivi necessari per la terapia. La nuova linea di ricerca è partita nel Regno Unito sulla base dell idea avuta, nel 2003, da due studiosi inglesi. Lo studio fu pubblicato sulla rivista British Medical Journal, sottolineando i benefici di tale farmaco che, se assunto dalle persone, con età superiore ai 55 anni, può prevenire le malattie cardiovascolari e allungare la vita di circa 10 anni. Questa polipillola contiene tutti i principi attivi necessari a contrastare ictus, infarti, ipertensione, e quindi ridurre i livelli di colesterolo alto. La ricerca verrà condotta su 100 pazienti volontari, con età superiore ai 55 anni, ai quali verrà somministrata la polipillola per 12 settimane, dopo di che lo studio continuerà somministrando loro, per altre 12 settimane, un placebo; poi per 2 anni successivi verrà somministrato nuovamente il nuovo farmaco per evidenziare gli effetti a lungo termine. La polipillola conterrà dei generici: una dose di simvastatina per il controllo del colesterolo, mezza dose di losartan e amlodipina per l ipertensione, e idroclorotiazide come diuretico. IL RIPOSO POMERIDIANO TIENE SOTTO CONTROLLO LA PRESSIONE Tre quarti d ora di siesta al giorno fanno bene al cuore aiutando a tenere bassa la pressione sanguigna. Lo hanno scoperto i ricercatori Ryan Brindle e Sarah Conklin dell Allegheny College in Pennsylvania con uno studio pubblicato dall International Journal of Behavioural Medicine. I ricercatori hanno diviso 85 studenti in buona salute in due gruppi, ad uno dei quali era consentita una siesta pomeridiana fino a un ora, mentre l altro non dormiva al pomeriggio. Dopo il pisolino agli studenti di entrambi i gruppi e stato chiesto di effettuare un test mentale che aumenta la pressione sanguigna: l aumento e risultato minore negli elementi che avevano dormito. I nostri risultati suggeriscono che il pisolino pomeridiano puo dare benefici accelerando il recupero cardiovascolare dopo una situazione di stress - scrivono gli autori - saranno necessarie ulteriori ricerche per capire il meccanismo di questo fenomeno, ma comunque quella di dormire al pomeriggio sembra essere una pratica protettiva soprattutto per gli individui con rischio cardiaco o con una cattiva qualita del sonno notturno LE SCELTE ALIMENTARI E L IMPATTO SULLA DURATA DELLA VITA Una dieta a base di grassi fa aumentare del 40% il rischio di morte Il concetto che mangiar bene fa vivere più a lungo è già noto, ma uno studio dell università americana del Maryland è riuscito a calcolare anche quanto. La ricerca, pubblicata dal Journal of the American Dietetic Association, ha trovato che una dieta troppo grassa aumenta il rischio di morte del 40% rispetto a una più sana. I ricercatori hanno analizzato le abitudini alimentari di persone tra i 70 e i 79 anni per dieci anni, trovando che la prevalenza di alcuni cibi permetteva di vivere più a lungo. I soggetti sono stati divisi in sei categorie a seconda del cibo predominante nella dieta, che andava da cibi sani, a latticini, a cereali. Lo studio ha rilevato che i soggetti della categoria cibi sani avevano il 40% in meno di probabilità di morire nel periodo analizzato rispetto ai consumatori di latticini, e il 37% in meno rispetto alla categoria dolci e cibi zuccherati, mentre non c erano differenze con chi consumava cereali. Una grande percentuale dei soggetti studiati aveva una dieta bilanciata - hanno scritto i ricercatori - questo implica che avere un alimentazione corretta è un obiettivo realistico. Tumori, in 20 anni raddoppiata la sopravvivenza Sono gli italiani che vivono con una diagnosi di tumore (il 4% dell intera popolazione), ma oggi questa malattia fa meno paura perché in molti casi può essere sconfitta definitivamente. Quasi persone (l 1,5% della popolazione) sono, infatti, vive dopo oltre 10 anni dalla diagnosi di tumore e, rispetto al 1992, il numero di persone viventi con tumore è quasi raddoppiato. I dati sono contenuti nel rapporto dell Associazione italiana registri tumori. Il Rapporto fotografa al 1 gennaio 2006 la prevalenza della patologia tumorale in Italia basandosi sui dati raccolti da 24 Registri tumori Italiani attivi da almeno 5 anni. Il Rapporto rivela che la maggior parte dei malati di tumore sono donne ( ) e persone anziane. Ci sono inoltre differenze geografiche rilevanti nella percentuale di persone viventi con tumore, visto che si passa da oltre il 5% in alcune aree del Nord, fino a valori tra il 2 e il 3% al Sud. Ma c é un dato che fa ben sperare: quasi italiani (2,2% della popolazione) sono lungosopravviventi, hanno cioè avuto una diagnosi di tumore da più di 5 anni e sono soggetti spesso liberi da malattia e da trattamenti antitumorali. TORTOLI - Via del Mercatino, 1 Tel. e Fax CAGLIARI - Via Einaudi, 12 Tel. e Fax Cell /

15 La Pagina del volontariato 15 Associazione Volontariato Strisaili Era l estate del 1988 a Villagrande due amici, don Giovanni Delussu ed Emilio Careddu, discorrevano sui problemi legati al ricovero dei pazienti in caso di urgenza e all inconveniente rappresentato dalla distanza del paese dall ospedale. Ad un tratto uno disse: E se comprassimo un ambulanza?. Fu la scintilla che diede avvio alla successiva costituzione della nostra associazione di volontariato. Ovviamente sorsero subito parecchie difficoltà e imprevisti, ma i due amici non si diedero per vinti. L idea cominciò a concretizzarsi nel 1994 Nasce l associazione Il nacque l Associazione, con atto notarile sottoscritto da 15 soci fondatori e con sede provvisoria nei locali della parrocchia. Attualmente la sede è nei locali messi a disposizione dall Amministrazione Comunale in via Roma 7. A tre mesi dall atto costitutivo, durante un assemblea, si decise di aprire una sottoscrizione popolare per la raccolta dei fondi necessari all acquisto dell ambulanza. La popolazione rispose con quell entusiasmo e quella generosità che l hanno sempre contraddistinta: furono raccolte ben lire e a queste si aggiunse zione lavorò a pieno ritmo, effettuando un consistente numero di interventi, poi, purtoppo, vi furono dei momenti di crisi, sfociati nel settembre del 2001 nella chiusura temporanea dell Associazione in quanto un numero elevato di soci non garantiva più la copertura dei turni. Di fronte all eventualità di una chiusura prolungata i soci hanno, comunque, rinnovato il loro impegno e invogliato altre persone ad iscriversi. Oltre al servizio di trasporto degli ammalati l A.V.S. ha realizzato altre attività di volontariato. si proponeva, tra le altre finalità, di dare alle nostre comunità un occasione di crescita umana e culturale impegnandosi in Il gruppo del Progetto Molise un azione di grande spessore sociale. Tale progetto prevedeva infatti l organizzazione di momenti di accoglienza e di gioco tra un gruppo di bambini del Molise, che avevano vissuto la situazione di grave disagio legata al terremoto, ed un gruppo di bambini di Villagrande e Villanova. Grazie alla collaborazione delle famiglie ospitanti e alla partecipazione di numerosi volontari, i bambini sono stati coinvolti in varie attività: giochi al mare, al bosco e al lago, attività di laboratorio per la costruzione di aquiloni, presentazione della giornata tipica del pastore, conoscenza delle tradizioni religiose e folcloristiche in occasione della festa di S. Barbara. Murale realizzato da Luca Careddu nella sede dell A.V.S. quando i due invitarono la popolazione di Villagrande e di Villanova a partecipare ad un assemblea nel salone parrocchiale ed in quella occasione venne proposta la costituzione di un associazione di volontariato finalizzata al soccorso con l ambulanza e ad attività di carattere sociale. La partecipazione andò oltre le aspettative: furono presenti circa 180 persone, 45 delle quali si resero subito disponibili a lavorare per la realizzazione del progetto. Il gruppo lavorò intensamente per alcuni mesi: fu scelto il simbolo e si decise che la denominazione sarebbe stata Associazione Volontariato Strisaili (A.V.S.). Con il termine Strisaili si volle rafforzare, attraverso un serio impegno sociale, i vincoli tra le due comunità di Villagrande e Villanova. il contributo del Comune di 25 milioni di lire. Il 6 Agosto del 97 fu comprata la prima ambulanza per un costo di lire e furono affrontate le spese necessarie all avvio dell attività di volontariato. Nel febbraio del 1997 l Associazione Volontariato Strisaili, con decreto del Presidente della Regione Sardegna, venne iscritta al Registro Regionale del Volontariato. Per promuovere la preparazione dei soci fu istituito un corso formativo tenuto con grande impegno da 12 medici villagrandesi i quali, tra l altro, prepararono anche una dettagliata dispensa. Finalmente, a coronamento di un impegno assiduo e continuativo nella preparazione tecnica, nel Gennaio del 1999, l Associazione diventò operativa con 153 soci effettivi. Nei primi due anni di attività l Associa- Interscambio con Civitella Roveto Nell Agosto del 2002 è stato promosso un interscambio con la Croce Verde di Civitella Roveto (AQ). Cinque soci di tale associazione sono stati ospitati dalle famiglie villagrandesi e, per una settimana, hanno coperto i turni nella nostra sede insieme ai nostri volontari. Successivamente cinque nostri soci si sono recati a Civitella e hanno collaborato con i volontari della locale Croce Verde. Progetto Molise Particolarmente significativo è stato il Progetto Molise: PARIS PO JIOGAE NSIEMBR P PAZZIA realizzato nel Luglio 2003 in collaborazione con le parrocchie di Villagrande e Villanova. Tale iniziativa L alluvione di Villagrande e Capoterra Tristemente famoso è invece il quando le comunità di Villagrande e Villanova sono state colpite da una terribile alluvione che ha causato la morte della signora Assunta Bidotti e di Francesca Longoni, la nipotina di soli 3 anni. In tale circostanza i volontari della nostra Associazione, in collaborazione con i militari, i Vigili del fuoco, la Protezione civile e tanti volontari arrivati da tutta la Sardegna, si sono prodigati nella distribuzione di viveri Volontari dell A.V.S. a Capoterra

16 16 La Pagina del volontariato e acqua e si sono attivati nella rimozione di fango e detriti, aiutando la popolazione ad affrontare i disagi e le difficoltà dei primi giorni. Quando, poi, nell Ottobre 2008 una terribile alluvione ha colpito Capoterra, un gruppo di nostri volontari si è recato sul posto e ha prestato soccorso alla popolazione della frazione di S. Gerolamo. l allestimento di uno studio medico in uno dei paesi colpiti dal sisma. Il 31 maggio 2009 tutti i volontari hanno vissuto una giornata di grande emozione e allegria in occasione della festa per il decennale di inizio dell attività a cui hanno partecipato 21 associazioni provenienti da varie parti della Sardegna. Terremoto dell Abruzzo Anche in occasione del terremoto che il 6 Aprile 2009 ha colpito l Abruzzo l A.V.S. ha voluto esprimere la sua solidarietà partecipando, insieme ad altre associazioni ogliastrine, al progetto Volontari dell Ogliastra per l Abruzzo che prevedeva I tre ragazzi del servizio civile Servizio civile Nello stesso anno la nostra Associazione è stata inserita per la prima volta nel progetto Servizio Civile Hajò 7 : mediante colloqui attitudinali sono stati selezionati tre ragazzi di Villagrande che per un anno hanno espletato il loro prezioso servizio presso la nostra sede partecipando, tra l altro, insieme ad altri volontari del paese, a vari corsi di formazione. Purtroppo, in seguito ai tagli effettuati dal Governo, il Servizio Civile non è stato riconfermato e ciò ci ha creato numerose difficoltà a causa della cronica carenza di personale per ricoprire i turni. Il calendario Ogni anno l A.V.S. prepara e distribuisce a Villagrande e Villanova un calendario in cui viene presentato un tema riguardante la storia, la cultura e le tradizioni delle nostre due comunità. Grazie alla preziosa testimonianza degli anziani, dei ragazzi delle scuole e di tante altre persone, sono stati trattati, nel corso degli anni, vari argomenti: gli antichi medicamenti, i piatti tipici, l alluvione, la malaria, le filastrocche e le preghiere in sardo, i mestieri del passato. La distribuzione capillare del calendario, risultato negli anni gradito e atteso dalla popolazione, ci permette di reperire i fondi necessari al servizio e, nello stesso tempo, ci dà la possibilità di sensibilizzare i lettori nella speranza di ottenere nuove adesioni con cui garantire il buon funzionamento dell Associazione. Come volontari dell A.V.S. cerchiamo e cercheremo, pur tra tante difficoltà, di fare del nostro meglio perchè siamo convinti come dice Madre Teresa che Non possiamo fare grandi cose su questa terra, ma solo piccole cose con grande amore. LABORATORIO ANALISI CLINICHE srl Direttore Sanitario: Dott. Piero Ugo Mulas - Biologo Convenzionato S.S.N. ORARIO PRELIEVI dal Lunedì al Sabato dalle 7,30 alle 10,30 ORARIO RITIRO REFERTI dal Lunedì al Venerdì dalle 8 alle 13 e dalle 15,30 alle 17 Sabato aperto dalle ore 8 alle 13 Via Sicilia, Tortolì (OG) Tel Fax STUDIO MEDICO POLISPECIALISTICO Via Alghero 1 - Tortolì Angiologia - dr Massimo Garau Esame doppler tronchi sovraortici Esame doppler venoso e arterioso degli arti superiori e inferiori Esame doppler dei vasi del pene per disturbi della sfera sessuale Cardiologia - dr Franco dessalvi Visita cardiologica - Elettrocardiogramma - Ecocardiogramma Dermatologia - dr.ssa Marzia Mou Cell: Visita dermatologica - Dermatologia estetica - Esami microscopici Oculistica - dr luciano Pisu Visita oculistica - Campo visivo - Tonometria Topografia corneale - Ortottica Otorinolaringoiatria - dr.ssa rosalba Melis Cell: Visita ORL - Esame audiometrico - Esame impedenzometrico Prove vestibolari Psichiatria - dr Massimo diana Visita psichiatrica - Psicoterapia - Trattamento dipendenze Relazioni peritali Tutti i medici ricevono per appuntamento. Telefonare al 0782/

17 La Pagina della veterinaria 17 Una nuova minaccia per i nostri ovini Segnalati in Sardegna due focolai di Encefalopatia spongiforme Recenti notizie riportate dalla stampa quotidiana ci informano dell insorgere, in due comuni della Sardegna, di due focolai di encefalopatia spongiforme, o scrapie, in allevamenti ovini. Questi episodi ci stimolano a conoscere meglio questa patologia non solo per semplice curiosità, quanto per tutelare adeguatamente il nostro patrimonio ovi-caprino. La prima descrizione di una sintomatologia riconducibile alla encefalopatia spongiforme in una pecora risale al 1730, anche se altre testimonianze fanno risalire la comparsa di questa affezione in Europa a periodi precedenti. Per la prima volta sembrerebbe comparsa in Inghilterra mentre, attualmente, è diffusa in quasi tutto il mondo con probabile esclusione dell Australia e Nuova Zelanda. Viene chiamata anche scrapie dalla parola inglese scrape (grattare) in quanto uno dei sintomi più frequenti è il prurito per cui l animale malato tende a strofinare la testa ed il resto del corpo contro ostacoli fissi fino a provocarsi delle ferite anche profonde. Altri sintomi nell animale malato possono essere ipereccitabilità, aggressività, paura e disturbi della deambulazione con incoordinazione motoria e difficoltà a tenere la stazione quadrupedale per giungere a morte in condizione di estremo deperimento organico. E una malattia neurodegenerativa appartenente al gruppo delle encefalopatie spongiformi, così definite in quanto rendono il sistema nervoso centrale simile ad una spugna, è trasmissibile ed è causata da un agente definito prione che colpisce ovini e caprini. L ipotesi che la cosiddetta sindrome della mucca pazza o BSE, trasmissibile all uomo ed appartenente al gruppo delle encefalopatia spongiformi, potesse contagiare anche gli ovini ed i caprini, con il conseguente maggior pericolo per le persone, ed altre considerazioni di carattere sanitario, hanno fatto annoverare la scrapie fra le malattie alla cui insorgenza è prevista l adozione di particolari misure di polizia veterinaria, sia nella limitazione degli spostamenti dei greggi malati, sia nella restrizione dell utilizzo degli alimenti dagli stessi prodotti. Per il momento questa ipotesi, dopo l esecuzione di milioni di test, non è stata confermata per cui, come sostenuto anche dalla Agenzia Europea per la sicurezza alimentare, non esiste ancora alcuna evidenza di rischio per l uomo. La scrapie si comporta come una malattia infettiva e contagiosa e la trasmissione avviene da animale malato ad animale sano anche attraverso la contaminazione Il Prione Viene così definito un agente infettivo non convenzionale di natura proteica che è privo di acidi nucleici e quindi di un codice genetico. È considerato omologo ad un virus patogeno grazie alla correlazione che li lega sebbene le sue proprietà biochimiche si discostino dalla classica definizione di virus. dell ambiente che si realizza con l eliminazione, nei pascoli, della placenta degli animali malati. Studi recenti indicherebbero anche i liquidi biologici quali latte, saliva e urina quali possibili veicoli di infettività. Il periodo di incubazione della malattia, FARMACIA Dott. Antonio Masia OMEOPATIA - ERBORISTERIA, ARTICOLI ORTOPEDICI, MISURAZIONE PRESSIONE, COLESTEROLO, GLICEMIA AEROSOL IN AFFITTO STUDIO ODONTOIATRICO ASSOCIATO Dr. Ennio Arba Dr. ssa Bruna Giaccu In questo studio si effettuano consulenze e trattamenti in: CHIRURGIA PARODONTALE Dr. Antonello Raimondi CHIRURGIA IMPLANTARE Dr. Gabriele Caruso ORTOGNATODONZIA Dr. Carlo Aru SINDROME ALGICO-DISFUNZIONALE DELL A.T.M. (ARTICOLAZIONE TEMPORO MANDIBOLARE) Dal Lunedì al Venerdì 9,00-13,00 / 16,30 19,30 Sabato 09,00 13,00 Via Roma, LOTZORAI (NU) Tel Fax Tortolì - Via Temo, 23 - Tel Villagrande Strisaili - Via Satta, 1 - Tel

18 18 La Pagina della veterinaria cioè il tempo che intercorre fra la penetrazione nell organismo dell agente eziologico e la comparsa dei primi sintomi, è molto variabile e va da 2 a 6 anni. Questa variabilità, oltre che all esistenza di diversi ceppi di prione, anche se la natura di questi agenti non è esattamente definita, è condizionata anche dal diverso corredo genetico caratteristico del singolo animale che lo rende più o meno suscettibile a contrarre l infezione. Avvenuta la segnalazione di un caso clinico sospetto, non è possibile, data la poca specificità dei sintomi presenti e non esistendo esami di laboratorio per la diagnosi di encefalopatia spongiforme sull animale vivo, formulare una diagnosi attendibile; questa viene confermata solo dopo la morte dell animale con il prelievo da parte del veterinario ufficiale di una parte dell encefalo che sarà inviato al laboratorio di competenza per gli esami previsti. La conferma della diagnosi implica l adozione, da parte del Sindaco interessato a seguito di proposta del Veterinario ufficiale, di apposita ordinanza nella quale, vengono indicati gli opportuni comportamenti atti ad evitare il diffondersi del contagio. Negli ultimi anni gli studi sulla genetica, cioè sulla trasmissione dei caratteri, hanno evidenziato che la stessa ha un ruolo rilevante nella eziopatogenesi e sviluppo della scrapie. Si sono riscontrate, infatti, delle varianti del gene interessato (segmento, parte, di una particolare struttura piccolissima, DNA, che costituisce l unità portatrice di un carattere ereditario ed è localizzato sempre in una precisa ed identica posizione) che predispongono gli animali alla malattia, ma anche un particolare assetto delle stesse varianti che determinano una resistenza estremamente elevata dell animale a contrarre la malattia. Partendo da questo presupposto, prima l Unione Europea, di seguito il nostro Ministero della Sanità, poi, prima in Italia, la Regione Sardegna, hanno impostato i programmi di lotta alla scrapie avviando un ambizioso programma di selezione genetica del complessivo patrimonio ovino mirato ad ottenere popolazioni geneticamente resistenti alla malattia. Tenendo presente questo presupposto si può procedere all esclusivo abbattimento, tra gli animali presenti in un allevamento infetto, di quelli che alla tipizzazione genetica, ricerca dei caratteri ereditari, si riveleranno suscettibili a contrarre la malattia. Questo piano, se correttamente applicato, porterebbe, nel periodo di una diecina di anni, al possesso di un patrimonio ovino libero da encefalopatia spongiforme con i conseguenti vantaggi di ordine economico che è facile immaginare; questo progetto ambizioso è tanto più facile realizzarlo in Ogliastra dove non si sono avuti, fino a questo momento, focolai di questa malattia e dove, inoltre, come precedentemente ricordato in altra occasione, si è completata la genotipizzazione (ricerca dei caratteri ereditari trasmissibili) dei riproduttori maschi con la eliminazione di quelli, pochi, nei cui caratteri ereditari era presente la possibilità di trasmettere ai discendenti la suscettibilità di contrarre la malattia. Questo facilita il percorso per arrivare alla meta prefissata, non dimenticando che i protagonisti di questa complessiva azione di prevenzione, ma non solo di questa, sono gli allevatori che devono agevolarla con la loro necessaria e completa collaborazione, anche quando ciò potrebbe sembrare contro il loro immediato interesse. E auspicabile che i successivi studi sulla genetica portino, nei prossimi anni, specie in campo veterinario, dove per ovvii motivi il compito è agevolato, a combattere alcune malattie infettive applicando le leggi della trasmissione dei caratteri ereditari; diventerebbero un ricordo del passato sia le aleatorie e dispendiose campagne vaccinali di massa, sia l abbattimento del complessivo allevamento, compresi gli animali sani, per arginare il diffondersi della malattia in atto. Salvatore Brau Invitiamo chiunque volesse far presente un disservizio o volesse ringraziare per aver ricevuto un assistenza particolarmente valida ed umana, o che volesse proporre dei suggerimenti, a scriverci, chiamarci, o inviarci una . Saremo ben lieti di pubblicare tali comunicazioni. tel Fax

19 Le figure storiche della Sanità in Ogliastra 19 La telemedicina a Lanusei è realtà Intervista a Dottor Tumbarello Dott. Roberto Tumbarello è nato a Firenze il 23/4/1957, è specialista in pediatria, cardiologia, radiologia e cardiologia pediatrica, quest ultima conseguita presso l Università di Toronto in Canada. Come cardiologo pediatra è persona di riferimento per l intera Sardegna. E anche responsabile scientifico del progetto di ricerca: Organizzazione virtuale a scala regionale per la cardiologia pediatrica: REMOTE - Risorse E MOdelli Organizzativi in TElecardiologia. Proprio all interno di questo progetto è iniziata la collaborazione con il reparto di cardiologia di Lanusei. della Mercede di Lanusei, il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell Ospedale Santissima Trinità di Cagliari, il reparto di Terapia Intensiva Neonatale, Nido e Puericultura della Clinica Macciotta e il Dipartimento di Scienze Cardiovascolari inutilmente un neonato non cardiopatico. Il fine è quello di rilevare le cardiopatie congenite. Qual è la loro rilevanza e in particolare in Sardegna? Le cardiopatie congenite sono responsabili per i pazienti e gli operatori sanitari: teleconsulto, tele monitoraggio, teleassistenza, teledidattica. A livello nazionale e internazionale la telemedicina è riconosciuta ed incoraggiata come strumento di fondamentale importanza. In cosa consiste esattamente il progetto? L iniziativa prevede, attraverso un infrastruttura realizzata dal CRS4 (Centro di Ricerca, Sviluppo e Studi Superiori in Sardegna), la connessione dei presidi ospedalieri sparsi nel territorio della Sardegna con il centro specializzato della struttura complessa di Cardiologia Pediatrica del Brotzu, realizzando in questo modo un avanzato sistema di telemedicina. Lo scopo è porre le basi per la creazione di un sistema che renda possibile effettuare diagnosi cardiologiche a distanza su tutto il territorio sardo, in tempo reale e sfruttando strumenti a basso costo. L ecografia cardiaca eseguita dal cardiologo a Lanusei sarà osservata e analizzata in contemporanea dallo specialista cardiologo pediatrico a Cagliari. Quali strutture saranno coinvolte? La prima sperimentazione coinvolgerà inizialmente quattro ospedali: il reparto di Cardiologia dell Ospedale Nostra Signora Ecocardiografo Presentazione del progetto all Ospedale di Lanusei e Neurologiche del Policlinico di Cagliari. Perché viene coinvolta la Cardiologia Pediatrica? Perché le cardiopatie congenite neonatali rappresentano spesso un emergenza, perché in Sardegna spesso i neonati cardiopatici nascono in centri senza cardiologo pediatra e perché gli specialisti sono molto pochi. Vorremmo evitare un doppio rischio: che non venga trasferito un neonato cardiopatico e che venga trasferito di circa la metà delle morti per malformazioni letali in età pediatrica e sono quattro volte più frequenti delle malformazioni del tubo neurale e sei volte più frequenti delle più gravi malformazioni genetiche. In Sardegna l incidenza è oltre il doppio rispetto alla media internazionale, probabilmente per motivi legati all insularità che funge da moltiplicatore genetico. Quali sono le esigenze riferite a tali patologie? Ottenere un teleconsulto in tempo reale da parte di uno specialista non fisicamente presente, con la possibilità di effettuare correttamente l esame e quindi di avere una corretta diagnosi e di ottenere una second opinion. In pratica si tratta di trasformare la Sardegna in un unico centro di cardiologia pediatrica virtuale. Perché la telemedicina? Offre potenzialità e soluzioni al servizio della pratica clinica con enormi benefici In quali altri campi, oltre la cardiologia pediatrica, può essere utile il teleconsulto? In tutte quelle branche specialistiche avanzate in cui con l invio di un immagine o di un referto si possa ottenere un parere qualificato. Ad esempio, potrebbe essere utile nell elettroencefalografia, dove è relativamente facile acquistare l apparecchiatura, ma non è facile avere in tutti gli ospedali personale medico capace di effettuare una lettura interpretativa dei tracciati. Quando avrà realmente inizio la telemedicina tra Lanusei e il Brotzu? Siamo già pienamente operativi e tutti i pazienti che dovevano raggiungere Cagliari per sottoporsi a visita o controlli, nonostante i vantaggi offerti dal nuovo tracciato della 125, possono certamente risparmiarsi i disagi del viaggio. Natalino Meloni

20 20 Le figure StOriche della Sanità in OgLiaStra Dottor Antonio Toxiri L Oculista d Ogliastra Non è facile parlare di nostro padre: troppo breve il tempo trascorso da quel 20 dicembre dello scorso anno quando inaspettatamente ci ha lasciato. Per noi adesso si rincorrono i ricordi degli ultimi giorni e quelli di tutta la vita. Ripercorrere la sua vita una Antonio Toxiri con la divisa dei Salesiani vita lunga, felice e dolorosa insieme. Nato a Tortolì il 25 aprile del 1923 ha frequentato le scuole a Lanusei presso i Salesiani fino al Ginnasio continuando Antonio Tosciri allievo di Don Perino nell anno scolastico il Liceo a Civitavecchia presso i parenti Di Bella. A Cagliari frequenta Medicina, ma i bombardamenti del 1943 lo costringono a rientrare a Tortolì fino al termine della guerra. Qui lo legano ancora famiglia e salde amicizie. E, nel 44, è testimone richiesto della costituzione della Cooperativa Pescatori Tortolì. Riprende gli studi a guerra terminata. L interesse per l occhio nasce quasi subito: infatti, frequenta fin dal quarto anno il reparto di Oculistica sotto la guida del Prof. Francesco Orzalesi con il quale si laurea nel 1949 discutendo la tesi Forme cliniche di tracoma e quadro isto-cellulare del tessuto di granulazione in sede extraoculare. E assistente del prof. Orzalesi per alcuni anni e nel 1952 si specializza. Di quegli anni soleva ricordare la grande coesione del gruppo: si iniziava in ospedale alle sei del mattino e si finiva la sera, la domenica tutti insieme a caccia con gli amici o in corsia. Il gruppo di specializzandi del prof. Orzalesi Degli anni trascorsi a Cagliari, oltre al terribile febbraio del 1943, ricordava spessissimo il sodalizio con i cugini Pirastu con i quali praticava costantemente gli sport più vari, dal calcio, alla boxe, alla pallacanestro (era il quinto Pirastu) e, con loro, condivideva la passione politica. L impegno sportivo si concretizza nella fondazione dell Unione Sportiva Tortolì della quale è nel maggio del 1953 primo presidente. Dopo la specializzazione, allestisce un ambulatorio e mette su casa e famiglia sposando nel 1955 Claretta Maciocco. Diventa primario incaricato presso l ospedale San Francesco a Nuoro, dove si trasferisce e dove siamo nati e cresciuti noi figli, ma continua a lavorare, la domenica, a Tortolì. Nel 1958, lasciato l ospedale, continua a collaborare con i diversi Enti mutualistici a Nuoro e, per periodi diversi, anche a Bosa e a Macomer. Soltanto nel 1966 chiude l ambulatorio di Tortolì. A Tortolì continuiamo però a trascorrere le vacanze, fino al Da lui, nuotatore provetto, impariamo a nuotare; ci insegna a pescare e ad andare in barca. Il periodo nuorese, intenso per le cure familiari, gli impegni lavorativi e le amicizie, si chiude definitivamente dopo il sequestro. Il 25 maggio del 1984, a 61 anni, nella casa di campagna di Siniscola, appena prima di recarsi al lavoro presso l ambulatorio locale, viene rapito da un gruppo di banditi che lo tiene per tre lunghissimi mesi all addiaccio, incatenato ad un lentisco, bendato, guardato a vista, con poca acqua e poco cibo. Il futuro però, segnato da difficoltà e nuove speranze, dal 1985 è ancora a Tortolì. La continuità è rappresentata dal giardino e dalla casa paterna, dove vivrà circondato dall affetto della moglie, dei figli e dei nipoti e naturalmente con la totale dedizione al lavoro, sempre, a qualsiasi ora. Riprende a lavorare presso i poliambulatori di Lanusei e di Tortolì finché gli acciacchi, causati dall immobilità cui fu costretto durante il sequestro, gli consentono di

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli