2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI"

Transcript

1 Aerofotogrammetria 2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Dal negativo, impressionato in volo, si possono ottenere diversi prodotti tra cui: stampe a contatto, ingrandimenti, raddrizzamenti, ortofoto e restituzioni cartografiche. I prodotti elencati sono normalmente in uso. Le camere fotogrammetriche digitali e la numerizzazione delle immagini analogiche hanno semplificato le fasi operative, sostituendo le procedure ottico meccaniche con l elaborazione informatica dei dati Stampe a contatto. Sono realizzate con il bromografo. Una sorgente, lampadine (fig a) o tubo catodico (fig b), proietta la luce, attraverso il negativo, su un foglio di carta sensibile. Le zone più scure del negativo originale lasciano passare poca luce, determinando dei toni chiari sulla carta, quelle più chiare consentono alla luce di passare, provocando dei toni scuri. Dopo il trattamento chimico, idoneo al tipo di materiale impiegato, si ottengono copie in bianco e nero, colore o falso colore dello stesso formato del negativo originale. Se la stampa avviene su pellicola trasparente, si ottengono delle diapositive. L operazione non modifica le caratteristiche fisiche del fotogramma, in quanto la carta o la pellicola, su cui vengono stampate, hanno un potere risolutore molto elevato che non altera le caratteristiche geometriche dell immagine: eventuali variazioni di scala, dovute alla non perpendicolarità dell asse ottico della camera in fase di ripresa o alla morfologia del terreno fotografato, non vengono corrette. Le copie vengono utilizzate: dall esecutore del rilievo per il controllo della corretta copertura fotografica ( zone non riprese, presenza di nubi, eventuale funzionamento anomalo della camera), dai fotointerpreti che, con l impiego dello stereoscopio, possono disporre della visione ingrandita e tridimensionale dello stereogramma per analisi particolari del territorio o per l allestimento di carte dell uso del suolo in tutte le sue forme. Figura a e b Bromografi a) Sorgente a lampadina b) Sorgente a tubo catodico Ingrandimenti. Sono realizzati con l ingranditore (fig ). Il negativo, illuminato da una sorgente di luce, viene proiettato, da un complesso di lenti, su un piano, dove è posta la carta sensibile. La grandezza della nuova foto dipende dalla distanza tra il complesso ottico ed il piano. Variando la distanza si possono ottenere immagini ingrandite alla scala media desiderata. Anche in questo caso le deformazioni dovute all inclinazione dell asse ottico della camera e alla morfologia del terreno fotografato non vengono eliminate. 24

2 Capitolo 2.3 Gli ingrandimenti vengono utilizzati per: analisi quantitative del territorio (conteggio di elementi di una o più classi, come ulivi, filari di vigna ecc.), valutazione dell estensione di zone interessate da un determinato fenomeno (allagamenti, incendi, frane ecc), qualsiasi documentazione dove non sia richiesto il rigore metrico della rappresentazione Raddrizzamenti Sono realizzati dal raddrizzatore (fig ). Il negativo viene trattato come nell ingranditore con la differenza che il piano su cui viene proiettata l immagine può essere inclinato a piacimento. Individuati sull immagine tre punti di cui si conoscono le reciproche distanze, mediante le loro coordinate, si Figura Raddrizzatore inclina il piano su cui è proiettata l immagine fino al raggiungimento delle condizioni geometriche volute, ovviamente con un rapporto di scala scelto precedentemente. Questo tipo di operazione corregge le variazioni di scala dovute all inclinazione dell asse ottico della camera, ma non quelle dipendenti dalla morfologia del terreno fotografato, viene perciò praticata solo su immagini relative a terreni pressoché pianeggianti. Le immagini ottenute hanno lo stesso rigore metrico di una carta topografica di pari scala. Per meglio comprendere il funzionamento di un raddrizzatore, basta pensare al quadro formato Figura a) proiettore di diapositive sullo schermo, o su una parete bianca, dal proiettore di diapositive, usato in aula durante le lezioni. Se l asse ottico del proiettore non è perpendicolare al muro, il quadro proiettato diventa un trapezio. L immagine può essere migliorata modificando la posizione del proiettore oppure inclinando la parete. Il raddrizzatore in sostanza inclina la parete senza danneggiare lo stabile. I raddrizzamenti possono essere utilizzati: in sostituzione o integrazione di carte non aggiornate, per la determinazione di più classi di elementi ed Figura b) distorsione trapezoidale dell immagine 25

3 Aerofotogrammetria il loro corretto riporto su carte esistenti (carte con tematismi di vario genere), quando è richiesta la sovrapposizione di altri documenti informativi alla stessa scala, come mappe catastali, piani regolatori comunali, carte tematiche Ortoproiezioni (raddrizzamenti differenziali) Figura Ortoproiettore ottico meccanico Possono essere realizzati con un ortoproiettore ottico meccanico (fig ) o in in forma digitale In tutti e due i casi è indispensabile disporre di diversi punti sul terreno di coordinate note e di un DTM, ovvero di un modello altimetrico del terreno da rappresentare, ottenuto dalla restituzione o correlazione fotogrammetrica di immagini aeree o dalla creazione di una maglia di punti quotati derivata dall interpolazione dei valori delle curve di livello di una carta topografica o da rilievi con Laser Scanning o Radar Altimetrici. In pratica le deformazioni dovute all inclinazione dell asse ottico della camera e quelle determinate dall andamento altimetrico del terreno, vengono corrette mediante il raddrizzamento di aree così piccole da poter essere considerate pianeggianti. Nell ortoproiettore ottico meccanico le immagini, scomposte in piccole aree di pochi millimetri quadrati, vengono ingrandite da uno zoom pilotato dal DTM (la casetta sulla vetta della montagna risultava più grande della casona in fondo alla valle), fatte ruotare da un prisma ( la casetta sulla collina risultava spostata dalle deformazioni provocate dall orografia) e proiettate su materiale sensibile avvolto su un rullo. Nell ortofoto numerica le immagini fotografiche vengono numerizzate da uno scanner con elevate risoluzioni geometrica e radiometrica. I pixel ottenuti, normalmente di micron di grandezza, subiscono in via informatica pressoché lo stesso trattamento delle piccole aree selezionate dall ortoproiettore ottico meccanico. Se sulle ortofoto vengono stampate informazioni geotopografiche diverse, come le curve di livello o i toponimi, l immagine prende il nome di Ortofotocarta. Per comprendere il funzionamento dell ortoproiezione può essere utile ricorrere ad un esempio: durante un classico picnic si supponga di adagiare su un terreno, spesso accidentato per la presenza di sassi inamovibili, cespuglietti ed avallamenti, una tovaglia di forma quadrata; se si osserva la scena dall alto, si noterà che l ortogonalità del disegno della stoffa risulta alterata dagli elementi sottostanti, in sostanza dal DTM. Per fare tornare le cose a posto, è necessario operare in modo che ogni rombo, trapezio o losanga ritorni ad essere un quadrato. Il modo migliore è quello di annullare la causa delle deformazioni, ossia le asperità del terreno. Si tratta quindi di sollevare la tovaglia e tirarla dai quattro angoli, ristabilendo così le condizioni planimetriche corrette dei vertici dei singoli quadrati. Le ortofoto, caratterizzate da un rigore metrico pari a quello di una carta al tratto di pari scala, possono essere usate in tutte le operazioni di gestione del territorio, come pianificazione, classificazioni quantitative o qualitative degli elementi rappresentati, controlli..ecc. La mancanza del simbolismo, tipico della carta, è compensato dalla completezza delle informazioni che spesso vengono ridotte in fase di restituzione e di disegno. Alcuni esempi: con l ortofoto possiamo stabilire la quantità di automezzi circolanti sulla rete viaria alla data della foto, contare uno per uno tutti gli alberi presenti, anche se isolati, in una determinata area o sapere quale tipo di colture erano presenti nella stagione della ripresa. Le immagini prodotte dalle camere fotogrammetriche digitali possono essere elaborate direttamente 26

4 Capitolo Restituzioni La produzione cartografica, originata dai rilievi aerofotografici, è resa possibile dalla restituzione fotogrammetrica. Con particolari apparati, un tempo ottico - meccanici (analogici), poi elettro - ottico - meccanico - informatici (analitici) (fig a) ed ora solo informatici (digitali) (fig b), vengono ricostruiti, in modo geometricamente corretto e rappresentati sul piano, tutti gli elementi presenti sulle immagini fotografiche. Nel modello stereoscopico, ottenuto con l osservazione del terreno, ripreso da due punti diversi, viene in un certo senso percorso a ritroso il camino dei singoli raggi che hanno impressionato la pellicola. Il punto A dal terreno fotografato genera rispettivamente A ed A sulle due immagini seguendo due raggi divergenti definiti omologhi. Se da A ed A seguiamo il percorso inverso lungo i due raggi convergenti possiamo individuare A. Ovviamente le due foto debbono essere posizionate nello strumento nella stessa posizione in cui erano al momento dello scatto. Nei restitutore analitici la posizione delle foto è fissa, è il programma che introduce nei calcoli i tre valori relativi alla posizione della camera: rollio, beccheggio e deriva. L angolo di convergenza dei raggi omologhi indica la distanza del punto osservato dalla camera. In pratica anche nella visione umana valutiamo la distanza di un oggetto con l angolo di convergenza dei nostri due assi ottici che hanno un base di circa sei centimetri. Un oggetto vicino determina un angolo maggiore di quello posto più lontano. Se allontaniamo l oggetto, l angolo di convergenza diventa così piccolo che i coni della nostra retina non riescono ad evidenziare la differenza tra le due immagini: la visione da tridimensionale diventa bidimensionale. Nel modello stereoscopico, creato nel restitutore, possiamo percepire il rilievo anche se l oggetto fotografato è molto distante, in quanto la base di osservazione è ampia. E come se osservassimo il terreno dall alto con due occhi distanti tra loro centinaia di metri e a volte chilometri. La creazione corretta del modello stereoscopico avviene in tre fasi: Orientamento interno. La determinazione delle coordinate del centro dell immagine rispetto le marche fiduciali della camera da presa impressionate sui bordi della foto, della lunghezza focale della camera e delle distorsioni ottiche dell obbiettivo. Orientamento relativo. La determinazione della posizione della camera durante la ripresa di un fotogramma rispetto alla posizione della stessa camera durante la ripresa del fotogramma successivo. Orientamento assoluto. Il posizionamento ed il dimensionamento del modello nello spazio cartografico scelto. L operatore allo strumento dispone della marca fluttuante, un puntino sospeso nello spazio la cui altezza, nel modello stereoscopico osservato, è regolabile manualmente. I valori indicati nello spostamento della marca rappresentano le varie quote, la loro differenza, l altezza dell oggetto da disegnare. Se il modello viene spostato in modo che la marca, fissata ad una certa altezza, aderisca sempre al terreno, si ottiene una curva di livello. I movimenti della marca, lungo gli elementi topografici individuati, possono diventare segno grafico mediante un pantografo nella restituzione analogica, mediante un plotter in quelle analitica e digitale (fig c). a) Elettro - ottico - meccanico - informatico (analitico) 27

5 Aerofotogrammetria b) Informatico (digitale) c) Plotter 28

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di fotogrammetria Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Definizioni e scopi della

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

Costruzioni e Territorio

Costruzioni e Territorio UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI AGRARIA Costruzioni e Territorio C.L.: Tecnologie agrarie A.A. 2014-2015 Prof. Lorenzo Boccia lorenzo.boccia@unina.it AGR10 = Costruzioni Rurali

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Raddrizzamento fotografico Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati.

Dettagli

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 LE FOTOGRAFIE AEREE La Regione Lombardia ha realizzato nel corso degli anni una serie di riprese aeree del proprio territorio utilizzate per la produzione e l aggiornamento

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO Corsi di Laurea in: - Gestione tecnica del territorio agroforestale e Sviluppo rurale - Scienze forestali e ambientali - Costruzioni rurali e Topografia RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO 5. Fotogrammetria

Dettagli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento Dott. Andrea Piccin andrea_piccin@regione.lombardia.it Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria principi della fotografia metrica la fotogrammetria aerea

Dettagli

Topografia e cartografia digitale

Topografia e cartografia digitale Prof. Fausto Sacerdote Topografia e cartografia digitale Capitolo 1 Fotogrammetria dispense del corso Modulo Professionalizzante Corso per Tecnico in Cartografia Tematica per i Sistemi Informativi Territoriali

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora:

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: 9. Polveri e mosaici Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: Perché è così bianco? Anche l uomo pensò un poco, come se la domanda gli sembrasse difficile, e poi disse con voce profonda: Perché è titanio.

Dettagli

Dalla TOPOGRAFIA alla GEOMATICA

Dalla TOPOGRAFIA alla GEOMATICA SEMINARIO 2b Dalla TOPOGRAFIA alla GEOMATICA SCANSIONE LASER E RILIEVI PER IMMAGINI Paolo Aminti - Valentina Bonora - Andrea Lingua Fulvio Rinaudo - CS SIFET SOCIETA ITALIANA DI FOTOGRAMMETRIA E TOPOGRAFIA

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

IL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO CON DRONE

IL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO CON DRONE IL RILIEVO U.A.V. IL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO CON DRONE Eseguiamo rilievi attraverso prodotti di alto contenuto tecnologico che si avvalgono di U.A.V. (Unmanned Aerial Vehicles, ovvero piccoli aerei senza

Dettagli

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO PRINCIPI TEORICI La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di ottenere dati metrici di un qualsiasi oggetto (forma

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it L'impiego dei droni per lo svolgimento delle attività professionali. Qualità e affidabilità delle

Dettagli

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori

-Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A. Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori -Rilievo diretto Laboratori -Rilievo Aula 9 edificio A Alessio Tirapelle Mirko Mondini Daniel Colombelli Irene Gregori Operazioni di misura a diretto contatto con l oggetto da rilevare; è possibile il

Dettagli

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2

A.G.C. 06 RICERCA SCIENTIFICA, STATISTICA, SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICA. Azione 2 Azione 2 REALIZZAZIONE DI SERVIZI DI CONSULTAZIONE ON LINE DELLE COPERTURE AEROFOTOGRAMMETRICHE REGIONALI e VIDEOCONSULTAZIONE IN STEREOSCOPIA CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSE La Regione Campania nell ambito

Dettagli

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it

Vittorio Casella. Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Vittorio Casella Laboratorio di Geomatica - DICAR Università di Pavia email: vittorio.casella@unipv.it Come si pianifica un rilievo fotogrammetrico da drone Dronitaly, 25-26 settembre 2015 ATA Hotel EXPO

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

Valutazioni metriche di piattaforme UAV per rilievi e modellazioni 3D

Valutazioni metriche di piattaforme UAV per rilievi e modellazioni 3D Valutazioni metriche di piattaforme UAV per rilievi e modellazioni 3D M. Lo Brutto, A. Garraffa Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, Aerospaziale, dei Materiali (DICAM) Università di Palermo

Dettagli

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l.

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Aerofotogrammetria Dettagli costruttivi Aerofotogrammetria con SAPR Introduzione Al-To Drones Srl 2 Introduzione Lunghezza focale

Dettagli

Tecnica image-based mirata ad una ricostruzione 3D accurata e affidabile

Tecnica image-based mirata ad una ricostruzione 3D accurata e affidabile FOTOGRAMMETRIA GEOMATICS FOR CONSERVATION & COMMUNICATION OF CULTURAL HERITAGE LABORATORY Tecnica di rilevamento che consente di ottenere informazioni metriche (forma e posizione) di oggetti tridimensionali

Dettagli

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*) STUDIO RELATIVO AL RILEVAMENTO DI DETTAGLIO DI UNA PORZIONE DEL TRANSETTO NORD DELLA CHIESA DI SAN PAOLO A RIPA D ARNO AL FINE DI PROCEDERE AL CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE. Gabriella CAROTI (*), Andrea PIEMONTE(*)

Dettagli

10 - CURVE DI LIVELLO

10 - CURVE DI LIVELLO 10 - CURVE DI LIVELLO La rappresentazione del territorio mediante CURVE DI LIVELLO è stata da sempre la soluzione ideale adottata dai topografi al fine di visualizzare in maniera efficace l andamento orografico

Dettagli

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale FOTOAEREE Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale chiamata camera aerofotogrammetrica, fino a coprire con un mosaico di strisce di fotogrammi (strisciata), l area oggetto di

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana.

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Il monitoraggio geodetico di una frana Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Per determinare

Dettagli

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA

ELEMENTI DI TOPOGRAFIA Elaborati per il corso ELEMENTI DI TOPOGRAFIA Prof. Renzo Carlucci Elaborati svolti da TOSCANO SIMONE matricola: 281791 Anno Accademico 2006/2007 Sessione di esame Novembre 2006 Indice ESERCITAZIONE SU

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale

La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale L immagine fotografica è una proiezione centrale La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale Nei casi in cui l'oggetto del rilievo si possa considerare definito

Dettagli

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica RICOSTRUZIONE/Empler 26-07-2007 13:06 Pagina 47 PROGETTARE ARCHITETTURA Tommaso Empler* Rubrica Infografica Ricostruzione infografica di una situazione ambientale urbana Dopo aver illustrato le procedure

Dettagli

Procedendo con ordine si distinguono:

Procedendo con ordine si distinguono: L'OBIETTIVO L'obiettivo è, sicuramente, la parte più importante della macchina fotografica in quanto solo con una buona ottica si ottengono buoni risultati, per questo motivo l'argomento verra trattato

Dettagli

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio Workshop regionale SMARTINNO 23 Ottobre 2014 Edifici storici e Città Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio IL RILIEVO DELLA

Dettagli

Orietta Bay - Sestri Levante 2011

Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Fotografare è saper cogliere l essenza delle cose e degli avvenimenti e Scriverli con la luce La macchina fotografica Il cuore originario della

Dettagli

Orientamento e restituzione

Orientamento e restituzione UNITÀ T3 Orientamento e restituzione TEORI 1 Orientamento dei fotogrammi 2 Orientamento interno 3 Orientamento esterno 4 Orientamento relativo 5 Orientamento assoluto 6 Triangolazione aerea 7 Equazioni

Dettagli

IL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 1 Parte

IL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 1 Parte Soluzioni tecnologiche per l ambiente e il territorio 1 IL RILIEVO FOTORAMMETRICO 1 Parte ENERALITÀ La fotogrammetria è una tecnica di rilievo le cui origini sono antiche almeno quanto l'invenzione della

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO Il laser a scansione terrestre opera in modalità totalmente automatica ed è in grado di acquisire centinaia o migliaia di punti

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche La luce e le sue illusioni ottiche Cosa si intende per raggio luminoso? Immagina di osservare ad una distanza abbastanza elevata una sorgente di luce... il fronte d onda potrà esser approssimato ad un

Dettagli

LA VISIONE STEREOSCOPICA

LA VISIONE STEREOSCOPICA LA VISIONE STEREOSCOPICA ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Università degli Studi dell Insubria A.A. 2004/2005 Sinardi Matteo Zappino Massimo Indice Introduzione Cenni storici L'occhio umano La stereopsi Stereogrammi

Dettagli

Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione

Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione TUTORIAL CALIBRAZIONE FOTOCAMERA Sommario 1. Interfacciamento PC... 3 2. Collocamento fotocamera... 4 3. Distanza di ripresa... 5 4. Interfacciamento

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

REPORT FINALE. Revisione 00. Prot 102. Data 26 Novembre 2013. Autore Ing. Matteo Castelli. Certificazione di Qualita ISO 9001:2008 n 223713

REPORT FINALE. Revisione 00. Prot 102. Data 26 Novembre 2013. Autore Ing. Matteo Castelli. Certificazione di Qualita ISO 9001:2008 n 223713 PROGETTO DI RESTAURO DEL PONTE DI RIALTO IINCARIICO PER IINDAGIINII PRELIIMIINARII RIILIIEVO LASER SCANNER REPORT FINALE Revisione 00 Prot 102 Data 26 Novembre 2013 Autore Ing. Matteo Castelli Certificazione

Dettagli

Classificazione delle carte

Classificazione delle carte Classificazione delle carte In base alla scala -carte geografiche 1:1.000.000 e inferiore -carte corografiche 1:1.000.000 1:200.000 -carte topografiche 1:100.000 a piccola scala 1:50.000 a media scala

Dettagli

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo Abteilung 41 Grundbuch, Grund- und Gebäudekataster Amt 41.2 Inspektorat für den Kataster Ripartizione 41 Libro fondiario, catasto fondiario e urbano Ufficio 41.2 Ispettorato per il catasto La mappa catastale

Dettagli

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Le seguenti pagine forniranno una visione dettagliata dei possibili utilizzi di PhoToPlan Q1 Cosa significa Fotoraddrizzamento? Q2 Come si effettua un fotoraddrizzamento?

Dettagli

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre ad indagini geologico-strutturali di terreno M. Rinaldi (*), C.R. Perotti (*), F. Zucca (*) (*) Università degli Studi di Pavia - Dipartimento di Scienze

Dettagli

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

1 Introduzione 1. Ottica Geometrica

1 Introduzione 1. Ottica Geometrica 1 Introduzione 1 1 Introduzione Ottica Geometrica 1.1 Estratto Lo scopo di questa esperienza è quello di apprendere come la luce interagisce con elementi ottici quali le lenti, e come, in sequito alla

Dettagli

Interazione & Multimedia 1

Interazione & Multimedia 1 Il nostro viaggio nell image processing deve iniziare con lo studio di come l occhio umano percepisce una immagine e come la elabora. Ci interessa capire quali sono i limiti della visione umana al fine

Dettagli

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE!

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE! CORSO FOTOGRAFICO DI BASE La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione Corso Fotografico di Base - La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione" 1 CORSO FOTOGRAFICO DI BASE Premessa

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES pag. 16-17-18 Unità aggiornata: 7/2012 2 Se vogliamo

Dettagli

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF Informazioni generali: Esercitazione: Introduzione 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati Prerequisiti 2. Raddrizzamento analitico Obiettivi

Dettagli

Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico

Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico Versione 2.0 Dicembre 2007 1 PREMESSA Le presenti specifiche tecniche hanno lo scopo di

Dettagli

Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000

Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000 Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000 Versione 3.0 Dicembre 2007 1 ASPETTI GENERALI 1.1 PREMESSA Le presenti specifiche tecniche

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE Introduzione Il modello geometrico della luce, vale a dire il modello di raggio che si propaga in linea retta, permette di descrivere un ampia gamma

Dettagli

Il metodo fotogrammetrico

Il metodo fotogrammetrico Il metodo fotogrammetrico La fotografia costituisce un supporto fondamentale per tutte le operazioni di rilievo che si accompagna a tutte le fasi di acquisizione dei dati. In molti casi la fotografia costituisce

Dettagli

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO DUOMO DI MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO a cura della Veneranda Fabbrica del Duomo, della Soprintendenza e con la collaborazione scientifica di EniTecnologie Il Duomo di Milano, un opera d arte

Dettagli

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Un iniziativa: Fotosmart e Formazionefotografica Docenti: Angelo Moretti (prima parte e cultura dell'immagine artistica) Andrea Michelsanti

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

CARTOGRAFIA NUMERICA

CARTOGRAFIA NUMERICA CARTOGRAFIA NUMERICA Sommario contenuti: 1. CARTOGRAFIA TRADIZIONALE E CARTOGRAFIA NUMERICA 2. FORMATI DELLA CARTOGRAFIA NUMERICA 3. ESEMPI DI CARTE NUMERICHE 4. MODELLI DIGITALI DEL TERRENO 5. RILEVAMENTI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il satellite Il satellite ruota attorno alla terra a centinaia di chilometri di altezza ed è fornito di sofisticati strumenti di misura e di

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Una immagine (digitale) permette di percepire solo una rappresentazione 2D del mondo La visione 3D si pone lo scopo di percepire il mondo per come è in 3 dimensioni

Dettagli

Sensitometria in 1 0 capitoli

Sensitometria in 1 0 capitoli Sensitometria in 1 0 capitoli Capitolo 1 La sensitometria è quella branca della fisica che si propone di studiare il comportamento dei materiali fotosensibili, con particolare riferimento alle emulsioni

Dettagli

Processo di rendering

Processo di rendering Processo di rendering Trasformazioni di vista Trasformazioni di vista Il processo di visione in tre dimensioni Le trasformazioni di proiezione 2 Rendering nello spazio 2D Il processo di rendering (visualizzazione)

Dettagli

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 Attualmente sono disponibili tre diverse edizioni di C.T.R. 1:5000: AL TRATTO realizzata dal 1977 al 1982 in base alle norme contenute nella L.R. n. 40 del 29/11/1974.

Dettagli

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Progetto Lauree Scientifiche Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Antonio Maggio

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER fb.m. s.r.l. 1 Il continuo sviluppo della tecnica di rilievo e la ricerca continua del miglior risultato ore-lavoro, ha prodotto la strumentazione per il rilievo

Dettagli

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R.

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R. Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE Autore Prof. Renato Avato Faenza, ottobre 2000 1 DIGITALIZZAZIONE DELL IMMAGINE 1.1 Considerazioni tecniche sulla scansione Le nuove tecnologie in

Dettagli

Integrazione di sensori nei Mobile Mapping Systems. Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007

Integrazione di sensori nei Mobile Mapping Systems. Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007 Integrazione di sensori nei Mobile Mapping Systems Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007 IL veicolo vincitore nel 2005 del Stanford Racing Team era dotato di: - 5 laser scanners

Dettagli

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Progetto Lauree Scientifiche Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Antonio Maggio

Dettagli

Il rilievo le proiezioni utilizzate per generare immagini bidimensionali degli oggetti

Il rilievo le proiezioni utilizzate per generare immagini bidimensionali degli oggetti Il rilievo le proiezioni utilizzate per generare immagini bidimensionali degli oggetti Jacopo Russo - SISTEMI di ELABORAZIONE delle INFORMAZIONI Una fotografia ed una vista prospettica di un oggetto tridimensionale.

Dettagli

SCIENTIA MAGISTRA VITAE

SCIENTIA MAGISTRA VITAE 1 -Argomento Lenti fatte in casa Esperimenti usando lenti realizzate con materiali a costo nullo o basso o di riciclo. Cosa serve: acqua, bottiglie di plastica trasparente (es. quelle dell acqua minerale

Dettagli

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni CONVEGNO FACILITY MANAGEMENT: LA GESTIONE INTEGRATA DEI PATRIMONI PUBBLICI GENOVA FACOLTA DI ARCHITETTURA 06.07.2010 Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei

Dettagli

SERVIZI CON I DRONI Aerofotogrammetria - Ricostruzioni digitali 3D - Ispezioni aeree - Video e foto aeree

SERVIZI CON I DRONI Aerofotogrammetria - Ricostruzioni digitali 3D - Ispezioni aeree - Video e foto aeree SERVIZI CON I DRONI Aerofotogrammetria - Ricostruzioni digitali 3D - Ispezioni aeree - Video e foto aeree POLIEDRON SRL Poliedron nasce dalla passione e dallo spirito imprenditoriale di professionisti

Dettagli

Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D. Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it

Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D. Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it Giornata ANIPLA Introduzione alla visione industriale 3D Milano, 14 giugno 2012 www.vblab.it R. Sala - remo.sala@polimi.it La visione delle macchine: 35 anni di storia Il testo Digital image processing

Dettagli

LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA FASE: SMASSAMENTO CUMULI RILIEVO TOPOGRAFICO LST (LASER SCANNER TERRESTRE) COMUNE DI ADELFIA (BA)

LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA FASE: SMASSAMENTO CUMULI RILIEVO TOPOGRAFICO LST (LASER SCANNER TERRESTRE) COMUNE DI ADELFIA (BA) Via G. De Marinis, 13 70131 (ITALY) e mail: info@geotek rilievi.com web: www.geotek rilievi.com COMUNE DI ADELFIA (BA) LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA DELLO STABILIMENTO EX SAPA FASE: SMASSAMENTO

Dettagli

PON C1 L invisibile intorno a noi

PON C1 L invisibile intorno a noi Scuola Secondaria di I Grado MICHELANGELO - Bari PON C1 L invisibile intorno a noi Prof.ssa Anna Maria D Orazio Il MICROSCOPIO e uno strumento che consente di osservare oggetti di dimensioni tali da non

Dettagli

RESTITUZIONE ED ANALISI NUMERICA DI DATI FOTOGEOLOGICI 3D A PARTIRE DA FOTO AEREE E TOPOGRAFIA ANALOGICHE

RESTITUZIONE ED ANALISI NUMERICA DI DATI FOTOGEOLOGICI 3D A PARTIRE DA FOTO AEREE E TOPOGRAFIA ANALOGICHE RESTITUZIONE ED ANALISI NUMERICA DI DATI FOTOGEOLOGICI 3D A PARTIRE DA FOTO AEREE E TOPOGRAFIA ANALOGICHE Alberto ANTINORI (*) Luigi CARMIGNANI (**) (*) Sistemi Territoriali Srl (**) Dip.. Scienze della

Dettagli

la restituzione prospettica da singolo fotogramma

la restituzione prospettica da singolo fotogramma la restituzione prospettica da singolo fotogramma arch. francesco guerini francesco.guerini@gmail.com politecnico di Milano, Facoltà di Architettura e Società Laboratorio di Rappresentazione 1 Prof. Andrea

Dettagli

Modifiche ed integrazioni al disciplinare tecnico

Modifiche ed integrazioni al disciplinare tecnico REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

Lunghezza ocale. Donato Di Bello

Lunghezza ocale. Donato Di Bello F Lunghezza ocale Donato Di Bello Cinepresa, telecamera, macchina fotografica: tre strumenti tecnologici che utilizziamo per registrare la realtà intorno a noi o per trasformare in immagini la nostra fantasia.

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

LA REALTÀ È AUMENTATA

LA REALTÀ È AUMENTATA LA REALTÀ È AUMENTATA Dal reale al virtuale L A F I L I E R A D I G I TA L E D E I B E N I C U LT U R A L I 3DResearch è una società Spin-Off dell Università della Calabria che si occupa di ricostruzioni

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS 2011 1- Cosa è una carta 2- Elementi principali di una carta 3- Come si legge una carta 4- Cartografia tematica 5- Fotointerpretazione da

Dettagli

Lenti, Cannocchiali e Telescopi

Lenti, Cannocchiali e Telescopi tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Lenti, Cannocchiali e Telescopi prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE

Università Iuav di Venezia - CIRCE Università Iuav di Venezia - CIRCE Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani aerei con RDF Silvia Mander, Davide Miniutti Informazioni generali: Esercitazione: Introduzione 1 Avvio di RDF

Dettagli

3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI

3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI 3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI Il processo di formazione di una immagine da parte di un sistema ottico è facilmente descrivibile in termini di raggi. In figura la scatola rappresenta un generico

Dettagli

Collaudo aggiornamento del DB topografie o e del GIS del territorio del Comune di Varese

Collaudo aggiornamento del DB topografie o e del GIS del territorio del Comune di Varese Dipartimento di Scienza e Tecnologie dell'ambiente Costruito POLITECNICO DI MILANO Comunedi Varese ProtocolloGenerale n. 0023289 dei20/0b/2009 Classificazione:10/10105 COMUNE DI VARESE, 6 MAG.2009 1111

Dettagli