CremasCO. Troppe TAsse? ColpA AnChe dei sindaci. Cosa resterà dopo giorni? «Made in Italy from Crema»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CremasCO. Troppe TAsse? ColpA AnChe dei sindaci. Cosa resterà dopo 1.000 giorni? «Made in Italy from Crema»"

Transcript

1 Il PICCOLO giornale del CremasCO Direttore responsabile: Sergio Cuti Società editrice: Promedia Soc. Coop. via Del sale 19, Cremona Amministrazione e diffusione via S. Bernardo 37/a Cremona tel Direzione e redazione via Tensini Crema tel e fax Stampa: I.G.E.P. Srl - Industria Grafica Editoriale Pizzorni - Cremona Pubblicità: Immagina srl tel Aut. del Tribunale di Crema n 165 del 31/05/2012 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Cremona Numeri Arretrati: anno III numero 33 sabato 8 settembre ,02 Copia Omaggio Antonio Agazzi chiarisce situazioni e nomi rimasti sottotraccia, dimenticati o mai chiariti. Per esempio, nel Cda del Kennedy CreMA, Tre MisTeri svelati Il punto di vista Cosa resterà dopo giorni? di Federico Biondini Senza alcuna cognizione del tempo che passa e del livello di pericolo che corre questo paese, il premier Renzi ha lanciato il programma di interventi dei prossimi giorni. Sono 3 anni di tempo. E allora vediamo quante cose succedono in mille giorni: negli ultimi due anni hanno chiuso in media 54 aziende al giorno (dati del «Sole 24 ore»). Quindi nei prossimi mille giorni ne spariranno almeno altre 54mila. Al ritmo di 20 dipendenti per ogni azienda che chiude, in mille giorni fa la bellezza di 1 milione di posto di lavoro persi. Le partite Iva per lo Stato non esistono, se non quando devono pagare; le piccole imprese verranno annientate. Le start-up sopravvivono il primo anno perché non pagano per intero le tasse; poi, il secondo anno provano a pagare le rimanenti tasse del primo anno, tutte quelle del secondo e l anticipo del terzo... e quindi chiudono bottega. Oggi, in Italia, resistono solo le grandi e medie imprese, che si guardano intorno e vedono che in Austria e in Serbia si paga il 20% di tasse, mentre in Spagna poco di più. Risultato? C è il boom di delocalizzazioni. Per rilanciare l economia bastano tre giorni, non tre anni: nel primo si abbassano le tasse al 20%; nel secondo si eliminano le carognate: studi di settore e spesometro perché non si accettano lezioni dallo Stato (fallito numero 1) su come si investono i propri soldi; nel terzo giorno bisogna iniziare a farsi la fatidica domanda: «E nato prima il voto di scambio o il posto di lavoro pubblico?». Purtroppo alla fine dei mille giorni il programma di governo di Renzi si intitolerà: «Peter pan e la penisola che non c è più». Attori protagonisti: tutta la politica compresa una pseudo destra che lo appoggia e che ha lavorato mano nella mano con la sinistra negli ultimi 20 anni per creare questo disastro, e gli italiani che con il loro voto e le loro tasse permettono a questa magia di rivivere ogni volta. Finché dura. Troppe TAsse? ColpA AnChe dei sindaci Il punto di vista/3 Se vi lamentate di noi, fuori di qui Già abbiamo 100mila persone che vagano nelle stazioni, nei parchi, e ce ne sono altre migliaia in arrivo. Che fare? Sospendere «Mare Nostrum», introdurre il reato di immigrazione clandestina, dare cibo, acqua e medicine ai migranti in pericolo, ma riportarli subito da dove sono venuti. Non siamo più in grado di mantenere economicamente tutte queste persone. E per chi vive in Italia da extracomunitario, a quali regole deve obbedire? Alle stesse dettate dal governo australiano: «Prendere o lasciare. La nostra lingua è l INGLESE, non lo spagnolo, il libanese, l arabo, il cinese, il giapponese, o qualsiasi altra lingua. di Opimio Chironi A pagina 10 La maggior parte degli australiani crede in Dio. Uomini e donne hanno fondato questa nazione su principi cristiani e questo è ufficialmente insegnato. Ed è, quindi, appropriato che questo si veda sui muri delle nostre scuole. Se Dio vi offende, vi suggerisco allora di prendere in considerazione un altra parte del mondo come vostro paese di accoglienza. Se, infatti, non fate altro che lamentarvi, prendervela con la nostra bandiera, il nostro impegno, le nostre credenze cristiane e il nostro stile di vita, allora vi incoraggio fortemente ad approfittare di un altra grande libertà australiana: IL DIRITTO AD ANDARVENE». a pagina 10 il CreMA CAlCio si presenta AllA CiTTA Il punto di vista/2 «Made in Italy from Crema» di Renato Ancorotti M ade in Crema»? Iniziativa lodevole, ma dal sapore provinciale. Come lo sarebbe un «made in Ruvrit» dell ipotetica «Ustarea Juan» da Rovereto. I parmensi, per esempio, lo hanno capito: pur avendo un territorio che vanta un fatturato che noi cremaschi ci possiamo solo sognare (6 miliardi tra prosciutto, grana padano e Lambrusco) non hanno mai reclamizzato il «made in Parma». Sui mercati globali conta un solo marchio: il «made in Italy». L italianissima Ferrari, infatti, è universalmente nota per essere un eccellenza del «made in Italy» e non del «made in Maranello». Così come è inutile precisare che Crema, vista da Hong Kong o da New York, è una sconosciutissima cittadina della bassa pianura padana. Quindi, se vogliamo far conoscere nel mondo alcuni nostri prodotti, la giusta denominazione dovrebbe essere «Made in Italy from Crema» o «Made in Italy by Crema» perché nel mondo siamo conosciuti soprattutto per essere italiani, e non per essere cremaschi. Pensare il contrario è il tipico atteggiamento di chi sostiene che basta parlare cremasco per farsi capire da Londra a Rio de Janeiro. Certo, il «made in Italy» è un marchio da rinnovare. Con l aggiunta di alcune stelle per segnalare le aziende certificate eccellenti per quanto sanno offrire sui mercati, perché rispettano l ambiente e i dipendenti, hanno luoghi di lavoro sicuri, pagano le tasse e contribuiscono alla crescita della qualità della vita del proprio territorio. In sostanza, un prodotto cremasco eccellente, creato da un azienda che ha tutte le certificazioni in regola, può valere una stelletta in più da vantare all interno del «made in Italy»; in caso contrario Crema resterà una località da parole crociate, e contribuirà a ingenerare quella babele di troppi «made in» che all estero fanno fatica a riconoscere. Anche per questo ha vita facile la contraffazione dei prodotti italiani che vale 2mila milioni di euro. Ecco perché il «made in Italy» va meglio protetto evitando ogni sorta di campanilismo che crea solo confusione sui mercati. E speriamo che nell accordo con Nanning venga preso in considerazione un punto nel quale i cinesi si impegnano a contrastare la contraffazione e a promuovere i prodotti cremaschi.

2 CREMONA VIABILITA CITTADINA Lavori straordinari in via Dante fino all 8 settembre Lavori straordinari sui sottoservizi in via Dante dovuti ad un cedimento strutturale della fognatura avvenuto nei giorni scorsi. L'intervento durerà fino a lunedì 8 settembre e interesserà il tratto terminale di via Dante, verso piazza Risorgimento. Le corsie da tre saranno ridotte a una dal civico 38 (angolo con la stazione ferroviaria) al civico 2 (angolo con piazza Risorgimento). Dopo la scelta di diversi Stati degli Usa di legalizzare il mercato dei cannabinoidi, il dibattito si apre anche in Italia, dove ne farebbero uso quattro milioni e mezzo di persone Marijuana, i possibili vantaggi della regolamentazione di Laura Bosio Nei giorni scorsi, il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova ha riportando l'attenzione su un dibattito, quello sulla legalizzazione o meno di alcuni stupefacenti, che in Italia va avanti da anni. D altronde, la posizione espressa dal New York Times di domenica 27 luglio a favore della legalizzazione della marijuana ha sicuramente colpito l'attenzione, soprattutto se si considera la tradizione proibizionista degli Usa. Si tratta di una vera e propria svolta culturale. Il sottosegretario Della Vedova fa riferimento proprio alla situazione americana. A fine 2013 l Uruguay è diventato il primo Paese al mondo a legalizzare pienamente la cannabis, occupandosi della produzione, della distribuzione e della vendita; sono seguiti poco dopo, a gennaio di quest anno, gli Stati USA Colorado e Washington, che hanno autorizzato il consumo di cannabis ad uso ricreativo. I sondaggi confermerebbero che già da due anni i cittadini statunitensi favorevoli alla liberalizzazione hanno raggiunto la maggioranza (54 per cento), mentre nel 1970, ai tempi dell approvazione della legge proibizionista di Nixon, erano solo il 15 per cento. Sempre in Usa, gli Stati dell Oregon, Alaska e California hanno indetto per novembre prossimo dei referendum che, sempre stando ai sondaggi, dovrebbero andare nella direzione antiproibizionista. E in Italia? Il dibattito prosegue da molto tempo, ma non c è unicità d opinioni. Questo, nonostante che in medicina «le droghe siano alla base del lavoro dell'anestesista: senza esse non si potrebbero fare le anestesie, che come base vengono realizzate con la morfina» spiega Mario Riccio, medico anestesista cremonese, membro dell'associazione Luca Coscioni, legata al partito radicale, che da sempre lavora per la liberalizzazione. Insomma, le droghe sono fondamentali in medicina, anche per la preparazione di alcuni farmaci, tanto Mario Riccio Mario Riccio (anestesista dell associazione Luca Coscioni): «Tutto fa male, se assunto in grande quantità, anche il fritto misto. Alcol e fumo fanno anche peggio» che non se ne potrebbe più fare a meno. «Anche nella gestione delle terapie del dolore si usa la droga, soprattutto nel fine vita - continua il medico -. In Italia il problema è che si usano troppo poco. Ad esempio la morfina, che è una droga dal costo quasi nullo, viene utilizzata molto poco nel trattamento del dolore. Rispetto al resto del mondo siamo quelli che la usano di meno, al livello dei Paesi del Terzo Mondo». Accanto alla questione prettamente medica - peraltro in medicina si sta sperimentando molto anche l'uso dei cannabinoidi, con ottimi risultati - si parla della legalizzazione della cannabis. «Si parla più che altro di regolarizzazione del commercio e della diffusione di un prodotto che attualmente è gestito dalla malavita - spiega Riccio -. Con la regolarizzazione lo Stato trarrebbe notevoli vantaggi economici. A questo proposito sposo il pensiero di Veronesi». Del resto, secondo uno studio delle Nazioni Unite, l Italia è al secondo posto nella lista di Paesi con il più elevato consumo di cannabis al mondo. Da un sondaggio del 2012 risulta che più del 20 per cento della popolazione ha fatto uso di questa sostanza e questo dato raggiunge il 27% per i giovani tra i 17 e 18 anni (il 16-17% dei quali ammette di averne fatto uso nell ultimo mese). Quello economico è uno degli aspetti che più fa riflettere. Secondo alcuni esperti, la fine del proibizionismo darebbe una mazzata al giro d'affari della criminalità organizzata, permettendo contemporaneamente ai governi nazionali di incassare miliardi in tasse e risparmiare somme enormi oggi investite per la repressione del fenomeno. «Il commercio illegale, gestito dalla criminalità organizzata, verrebbe meno - spiega Riccio -. Senza contare che vi sarebbe un controllo sull'utilizzo che attualmente non c'è». Se i proibizionisti sottolineano la pericolosità dei cannabinoidi, gli antiproibizionisti contrappongono le statistiche sull'abuso di alcol e tabacco, "droghe" legali che provocano vere e proprie stragi: secondo una ricerca dell'organizzazione mondiale della sanità del 2013, il fumo uccide nel mondo circa sei milioni di persone ogni anno, mentre l'istituto superiore di Sanità ha stimato che solo in Italia, negli ultimi 12 mesi, sono morte a causa dell'alcol 30 mila persone, trenta volte il numero dei decessi causati nello stesso periodo da overdose da eroina e oppiacei. Nel decennio , sempre secondo l'oms, alcol e tabacco avranno causato nel mondo tumori mortali a quasi 30 milioni di persone, ma non si fa cenno a morti legate al consumo di canapa. «E' ridicolo dire che i derivati della cannabis fanno male - afferma Riccio -. Nessuno dice che facciano bene, chiaro. Fanno male esattamente come gli alcolici e il fumo. Anzi, quest'ultimi anche di più. Tutto fa male se assunto in grandi quantità, anche il fritto misto: l'obesità è un problema molto più grave Torna Lo Sbaracco in centro a Cremona: due giorni di shopping on the road in chiusura dei saldi Un fine settimana di shopping "on the road", quello del 6 e 7 settembre: torna infatti "Lo Sbaracco", ormai alla sua quarta edizione, per chiudere in bellezza la stagione dei saldi. Presentato nei giorni scorsi dall'assessore alla Città Vivibile e alla Rigenerazione Urbana Barbara Manfredini, dal presidente delle Botteghe del Centro Paolo Mantovani e dal segretario di Asvicom Antonio Pisacane di Asvicom. Nelle giornate di sabato 6 e domenica 7 settembre, sarà quindi possibile effettuare acquisti in numerosi negozi della città, che esporranno la merce anche fuori dai locali. La novità di questa edizione sono i buoni/assegni che i commercianti potranno dare alla clientela. Sono buoni che ogni commerciante potrà compilare con la cifra che crede, il cliente lo potrà poi spendere nel periodo successivo. L'assessore Barbara Manfredini, ha evidenziato la rilevanza che l'evento ricopre per i commercianti: «In questo periodo di crisi per il commercio, lo Sbaracco rappresenta un'iniziativa importante, volta a dare visibilità ai negozi e favorire i consumatori nei loro acquisti, anche attraverso la nuova forma di fidelizzazione prevista con la formula dei buoni sconti per gli ulteriori acquisti». La manifestazione, quest'anno si svolgerà nelle giornate di sabato 6 e domenica 7 per dare un maggior impulso ed offrire la possibilità di potersi recare a fare acquisti in un arco di tempo più lungo. «La domenica sera, all'interno della rassegna c'è un fiume in corso Garibaldi, - ha proseguito l'assessore - si terrà il concerto Notte Swing con The Swingers Big Band e per migliorare l'offerta di svago ed ulteriori possibilità ai cittadini ed ai commercianti, il Comune ha concesso la possibilità ai commercianti di rimanere aperti sino alla FARMACI CANNABINOIDI: VIA LIBERA DEI MINISTRI ALLA MARIJUANA DI STATO Arriva la marijuana di Stato. Dopo il via libera dei ministri della Difesa e della Salute, Roberta Pinotti (Pd) e Beatrice Lorenzin (Ncd) l esercito italiano inizierà a produrre farmaci derivati dalla cannabis, che saranno destinati a pazienti oncologici, affetti da Hiv o da altre patologie dolorose come la sclerosi multipla, il glaucoma o la sclerosi laterale amiotrofica. Ad avviare la produzione dei medicinali sarà lo stabilimento chimico militare di Firenze, in modo da sostituire quelli importati, decisamente costosi. Per esaminare le implicazioni legate alla salute è stato istituito un tavolo di lavoro dove la questione è stata esaminata insieme all istituto farmaceutico militare. Adesso sono in via di stesura i protocolli attuativi, ed è possibile che entro il 2015 i farmaci cannabinoidi siano disponibili nelle farmacie italiane. del consumo di cannabis, in Italia, tanto per fare un esempio. Invece il consumo della cannabis, se regolarizzato, può dare effetti positivi. Vogliamo parlare dei danni che provoca il consumo di alcol, che si sta diffondendo sempre più anche tra i giovanissimi? Abbiamo imparato negli anni che il proibizionismo non paga, anzi: la storia insegna che ha sempre portato solo problemi». C'è infine la questione delle carceri. «I dati ci dicono che moltissimi detenuti che occupano i penitenziari italiani sono imputati di reati legati allo spaccio di marijuana» evidenzia Riccio. In particolare, al 30 settembre 2013 su circa 64 mila detenuti, 25 mila erano dentro per la violazione della legge sulla droga. Difficile sapere quante tra questi siano in galera per spaccio di cannabis (reato che può essere punito da 6 a 20 anni), visto che le sostanze psicotrope davanti alla legge sono tutte uguali. Tuttavia si ipotizza che oltre un terzo uscirebbe se la marijuana fosse legalizzata. mezzanotte, inoltre li ha esentati dal pagamento del plateatico». Le modalità dell'iniziativa - ha sottolineato Mantovani - saranno le stesse delle precedenti edizioni: una formula semplice e interessante la cui particolarità rimane l'esposizione della merce all'esterno del negozio. La novità di quest'anno, invece, riguarda i buoni sconto sui futuri acquisti, che i commercianti potranno gestire autonomamente, sia nell'importo dello sconto, sia nella spesa minima. I commercianti che sin ora hanno aderito allo Sbaracco sono oltre quaranta, ma l'adesione è ancora aperta. La manifestazione ha ricevuto molto impulso anche grazie al lavoro sui social network, augurandosi che l'affluenza delle persone sia alta». Antonio Pisacane ha voluto sottolineare l'importanza che questa due giorni abbia coinvolto tutti gli attori del Duc e riscosso una grande partecipazione da parte dei commercianti. L'assessore ha auspicato che una formula così interessante si possa presto ripetere: «forse a Natale».

3 Cronaca 3 Sabato 6 Settembre 2014 L attacco di Agostino Alloni, consigliere regionale del Pd: «E necessario che venga indetto un bando di gare europeo per garantire nuovi treni» «In Trenord manca l organizzazione» Dario Balotta (Legambiente): «Sostituire convogli di 50 anni con altri di 40 anni non è una soluzione ai disservizi delle nostre tratte» di Laura Bosio Se i continui disservizi lungo le tratte ferroviarie in transito da Cremona (Mi-Cr-Mn, Cr-Bs, Cr- Treviglio-Mi, ecc) sono ormai cosa nota, meno note sono le cause della situazione: treni troppo vecchi che si guastano continuamente, materiale rotabile scadente, linee in pessimo stato, ma soprattutto una mancata organizzazione interna a Trenord. «E' necessario che venga indetto un bando di gara europeo, che preveda la gestione delle tratte ferroviarie ora in capo a Trenord per 22 anni, in cambio dell'acquisto di 200 nuovi treni (ossia il 60% del materiale rotabile complessivo) da inserire in tutte le tratte lombarde, in sostituzione di quelli vecchi e obsoleti - dichiara Agostino Alloni, consigliere regionale del Pd -. Questi si andrebbero ad aggiungere ai 62 nuovi treni già annunciati dalla Giunta e ai 70 già adeguati, per un investimento di 1 miliardo e 600 milioni di euro da recuperare con un piano di ammortamento in 22 anni. Dal 1 gennaio 2016 sarebbe quindi possibile prevedere il rinnovo di 330 treni. Con i soli 62 treni promessi dalla Regione non si risolve il problema. Purtroppo in Trenord manca totalmente un piano industriale». Il problema è proprio di tipo organizzativo: «In Trenord manca l'organizzazione interna» evidenzia ancora Alloni, che a novembre si recherà, insieme all'assessore comunale Alessia Manfredini, presso l'officina di Cremona, per un sopralluogo. Nell'officina di Cremona transitano, per la manutenzione, 190 treni, di cui una settantina sono diesel. E' necessario un rinnovo sostanziale del parco mezzi, che conta pezzi decisamente obsoleti e spesso guasti. Anche Dario Balotta, responsabile trasporti per Legambiente Lombardia, nei giorni scorsi ha attaccato Trenord per l'invio di 12 convogli diesel all'officina di Cremona, che «andranno a sostituire il materiale rotabile diesel attualmente in circolazione sulle linee Brescia-Cremona, Brescia-Parma e Cremona-Treviglio, di un modello antecedente più vecchio di IL PIANO PROPOSTO DAL PARTITO Democratico LA SITUAZIONE ATTUALE La rete ferroviaria regionale in Lombardia si estende per circa Km con 421 stazioni (di cui 301 di Rfi e 120 di Ferrovie Nord), 330 treni e corse. Negli ultimi 10 anni la domanda ferroviaria regionale è cresciuta in maniera esponenziale passando da 460 mila passeggeri al giorno nel 2003 a 700 mila nel LA PROPOSTA 1) Bando di gara europea Il Pd chiede di indire una gara europea, così come ha fatto l Emilia Romagna e si apprestano a fare Toscana e Veneto, sia per quanto riguarda gli investimenti per rimodernare il materiale rotabile sia per il servizio ferroviario. Nel bando di gara l Emilia ha previsto la sostituzione in 30 mesi dell 80% della flotta verificando la disponibilità economica di banche e aziende che hanno partecipato al pre bando. Cambiano 75 treni con un piano industriale che prevede il rientro dell investimento di 600 milioni di euro in 22 anni. Anche in Lombardia si dovrebbe seguire questa strada. Mettendo a gara il servizio noi proponiamo di predisporre un piano industriale con una previsione di rinnovo del 60% del parco rotabile (200 treni che si andrebbero ad aggiungere ai 62 nuovi treni annunciati dalla Giunta e ai 70 già adeguati) per un investimento di 1 miliardo e 600 milioni di euro da recuperare con un piano di ammortamento in 22 anni. Dal 1 gennaio 2016 sarebbe quindi possibile prevedere il rinnovo di 330 treni. 2) Interventi infrastrutturali Possibili utilizzando i fondi europei previsti (Fondo per lo sviluppo e la coesione) per i prossimi 7 anni (un totale di 54 miliardi di euro per l Italia). Si utilizzino per sostenere in ogni città la creazione di centri di interscambio ferro-gomma in prossimità delle stazioni ferroviarie rigenerando i vecchi scali ferroviari, vuoti e abbandonati, e le aree limitrofe. In questo modo si favorisce la mobilità sostenibile dando la possibilità all utente di utilizzare bici, auto elettriche o bus di linea interscambiabili con il mezzo ferroviario. Inoltre tra gli investimenti è fondamentale è necessario eliminare i passaggi a livello, ancora troppi in Lombardia e motivo di ritardi delle corse, e il raddoppio selettivo dei binari in alcune tratte a binario unico. 3) Titolo unico di viaggio Entro un anno, in previsione di Expo, si introduca un unica tessera con la quale si può viaggiare ovunque e con qualsiasi mezzo (treno, bike e car sharing e bus). Anche da questo punto di vista la regione Emilia Romagna è all avanguardia: hanno indetto un bando di gara ad hoc per avere una tessera unica di trasporto regionale ricaricabile dal 1 gennaio L obiettivo è aumentare la mobilità sostenibile puntando decisamente sulla cura del ferro e sull intermodalità ferro gomma ottenendo insieme la riduzione dell inquinamento atmosferico e gas serra, obiettivi prioritario che l Europa ha dato a tutti i paesi membri. circa dieci anni» ha specificato Trenord. «Si tratta di treni che hanno 40 anni, per sostituirne altri che ne hanno 50 - dichiara Balotta -: se pensano che sia questa la soluzione ai disservizi delle nostre tratte, non sanno di cosa stanno parlando. Il problema è proprio questo: in Trenord, da quando c'è stato il "matrimonio" con Rfi, nel 2012, la situazione è colata a picco. Non esiste un'organizzazione, un management aziendale, nè tantomeno un piano industriale. Il servizio ferroviario andrebbe messo a gara come avviene nel resto d Europa». Intanto, secondo il programma di Trenord, verranno spostati a Milano i quattro treni elettrici Ale 662 degli anni 80 per far fronte alle esigenze imminenti dell expo. Se è questa l attenzione chiesta a Trenord dall assessore Cavalli, no grazie - continua Balotta -. Senza contare che tenere dei treni diesel, che fanno al massimo i 110 km orari, non consente di garantire la puntualità dei convogli, in quanto in caso di ritardi è ben difficile riuscire a recuperare il tempo perso, cosa che invece sarebbe più semplice con i treni elettrici, che fanno i 150 km/h». La situazione di disagio dei pendolari sembra quindi destinata a restare immutata o addirittura a peggiorare, se non si interviene al più presto. «Lo Stato oggi si limita a pensare all'alta velocità, ignorando le tratte dei pendolari. Sarebbe necessario ad esempio raddoppiare la linea tra Cremona e Mantova, o almeno migliorare il sistema di segnalazione e di scambio, oltre all'utilizzare treni più veloci. Invece Trenord annuncia 62 nuovi vagoni entro il 2016, per i quali non sono certe né le tempistiche, né i sistemi di suddivisione... tutto viene lasciato al caso. Così ci troveremo con una lotta tra i comuni lombardi per aggiudicarsi i convogli, con il risultato che Cremona, avendo comunque numeri inferiori ad altre province, sarà come al solito la Cenerentola della situazione, e resterà a bocca asciutta». Anche in Consiglio comunale ci si sta muovendo: Roberto Poli, consigliere Pd, ricorda che anche in questi giorni «L Odissea dei pendolari cremonesi sui treni per Milano continua, nell indifferenza della Regione». A questo proposito, continua Poli, «chiediamo al presidente della Regione Lombardia Maroni e all assessore ai Trasporti Cavalli se il protocollo siglato a Luglio tra Regione, Trenord e Rfi è da considerarsi solo una boutade estiva, posto che ad oggi non risulta alcun cambiamento. Eppure i contenuti del protocollo erano chiari: le intenzioni, al momento rimaste tali, erano di procedere alla trasformazione dell attuale cadenzamento di un treno ogni due ore, in un cadenzamento orario, di procedere al raddoppio selettivo della linea fra Cremona e Cavatigozzi, di realizzare posti di blocco intermedi tra Cremona e Mantova per consentire la riduzione degli intervalli di invio dei treni sulla linea, di eliminare alcuni passaggi a livello dei 71 presenti. Chiediamo che dagli annunci si passi alle azioni, perché il cronoprogramma ad oggi non ha alcun obiettivo raggiunto».

4 4Sabato 6 Settembre 2014 Calcioscommesse, archiviato il fascicolo su Gattuso di Michele Scolari Cronaca Balotta (Legambiente): «Così si rischia il sottoutilizzo. Oltre al salasso anche la beffa?» Brebemi, quanto mi costi? I pedaggi della nuova autostrada, ancora sprovvista di servizi, sono doppi rispetto alla A4 Il gip di Cremona Guido Salvini ha disposto l archiviazione di tutti i reati contestati all ex centrocampista del Milan Gennaro Gattuso nell ambito dell inchiesta della procura di Cremona sul Calcioscommesse. La figura di Gennaro Gattuso, noto calciatore del Milan, è entrata nell'indagine cd calcio-scommesse a seguito della sua iscrizione, nel settembre 2013, da parte del Pubblico Ministero, nel registro degli indagati non solo per i reati di truffa aggravata e di frode in competizioni sportive, ma anche per l ipotesi di reato decisamente grave di associazione per delinquere, in concorso con i soggetti italiani e stranieri tratti in arresto a varie riprese nei due anni precedenti, finalizzata alla manipolazione di partite di calcio. «Non c è alcun elemento che sostenga le ipotesi di accusa indicate nell iscrizione nel registro delle notizie di reato, né relazione a un suo coinvolgimento nella manipolazione di alcune partite del Milan, né a una sua partecipazione all associazione per delinquere al centro delle indagini», scrive il gip nelle 19 pagine del decreto di archiviazione». All analisi mancano ancora il computer e lo smartphone sequestrati a Gattuso, ma, soggiunge il gip, «non sembra che tale accertamento possa modificare la valutazione ora espressa e non appare comunque corretto dilazionare l'adozione del presente provvedimento, tenuto conto dei gravi pregiudizi che la pendenza del procedimento può provocare all'attività professionale dell'indagato in termini di perdita o di incertezza di contratti e di occasioni di lavoro nel mondo sportivo». La Brebemi è pronta: il taglio del nastro è avvenuto il 31 luglio in presenza del presidente del Consiglio Matteo Renzi e del presidente della Regione Roberto Maroni. Ultimata indubbiamente con largo anticipo per Expo 2015, sulla struttura si pongono però molti punti interrogativi (quando non proprio aperte polemiche): servirà a snellire il traffico? Aiuterà davvero a raggiungere i grandi centri nel minor tempo possibile? E adeguatamente servita da punti di ristorazione e rifornimento? E, soprattutto, quanto costa? «La nuova tratta permetterà agli automobilisti di risparmiare carburante e 6,8 milioni di ore fermi nel traffico», aveva annunciato Francesco Bettoni, presidente di Brebemi. Ma c è chi si affretta a ridimensionare tanto ottimismo. La prova del tempo l ha fatta il Corsera, scoprendo con sorpresa che il tratto Brescia-Milano prende 1 ora e 17 minuti, contro i 58 della vecchia A4 (la Serenissima ). «Il rischio per gli automobilisti è di risparmiare tempo sulla nuova autostrada per poi trovarsi imbottigliati sulla Rivoltana o sulla Cassanese (dopo il casello di Liscate sull Arco Tem), dove le tre corsie della Brebemi sono ormai un ricordo», commenta Dario Balotta, responsabile dei Trasporti per Legambiente Lombardia. E, quanto ad autogrill e distributori, qualcuno ha già ironicamente consigliato di partire con stomaco e serbatoio pieno, nonché bisogni soddisfatti: perché sulla nuova autostrada non c è manco l ombra di un autogrill o di un distributore di benzina. Per non parlare degli strumenti atti a garantire la sicurezza (autovelox o dei safety tutor), totalmente assenti, anche se segnalati dai cartelli (pertanto, si potrà correre come matti?). Ma sono stati i costi a suscitare le reazioni più accese. «La struttura è costata 2,4 miliardi (compresi gli interessi sul debito): una cifra che ora si vorrebbe far pagare ad automobilisti e camionisti» «I veicoli in transito sulla A4 a Brescia provenienti da Venezia si trovano una enorme scritta (nella foto): da Brescia Ovest a Milano Est con la A4 in auto 77 km euro 6,30. Con la Brebemi, km 92 euro 12,40. In camion con l A4 12,30 euro mentre con la Brebemi 33,60 euro - accusa Balotta. - La Brebemi costerà per gli autoveicoli 15 centesimi a km, più del doppio della parallela A4, che costa 7 centesimi a km E peggio per i Tir che, contro i 17 cent a km della A4, pagheranno per transitare sulla Brebemi 36 cent a Km, più del doppio». Insomma, sembra che la nuova autostrada abbia i pedaggi più cari d Europa. Per contro, ha notato qualcuno, non ha i caselli Multi Lane Free Flow che invece già popolano le autostrade della Mitteleuropa. «Del resto prosegue Balotta la Brebemi è costata 2,4 mld (compresi gli interessi sul debito), cioè 38,7 milioni a km. Una cifra esorbitante che ora si vorrebbe far pagare ad automobilisti e camionisti. Nel pieno della crisi economica questi pedaggi salasso anziché incentivare lo sviluppo economico lo deprimeranno. Non è neppure realistico pensare che 62 km di autostrada su 7 mila km diventino il motore dello sviluppo. Su una capacità di 120mila veicoli, il traffico attuale si attesterebbe a 10mila. E le previsioni parlavano di 80mila veicoli. Quando nelle prossime settimane salirà un po il traffico, come sarà la viabilità all'uscita dall'autostrada, su cassanese e rivoltana? Gli autotrasportatori italiani, non potendo comprimere i costi di carburante e di assicurazione, in continua crescita, già da tempo hanno impostato i loro navigatori sui percorsi alternativi alle autostrade per restare sul mercato. A maggior ragione lo faranno quando si tratterà di transitare nel territorio che va da Brescia a Milano. Il rischio è che l autostrada resti sottoutilizzata, oltre alla ferita ambientale e agli alti costi la beffa». «La storica e leale amicizia con il presidente Franco Bettoni, che ho conosciuto nei giovani agricoltori dell'anga, non mi impedisce di raccogliere una provocazione popolare bresciana che recita: "la Brebemi non parte da Brescia, non passa da Bergamo e non arriva a Milano"» dichiara Giuseppe Torchio, sindaco di Bozzolo, che per lungo tempo ha seguito le vicende dell'autostrada. Un'opera che potrebbe essere positiva, secondo il sindaco, se non fosse incompleta. «Sono grato al presidente Bettoni per averci evitato lo scempio o lo squartamento di centinaia di aziende agricole, decidendo un tracciato alto che sfiora il cremasco senza colpirlo - evidenzia -. Ora però bisogna garantire il completamento delle opere indotte, necessarie per il migliore raccordo dei casello della bassa pianura bergamasca e milanese. Secondo me, infatti, la bassa affluenza autostradale é legata sicuramente alla tariffa, alla novità del percorso, alla mancanza di servizi, ma soprattutto all'ancora insufficient raccordo territoriale. Per quanto riguarda la defiscalizzazione richiesta dalla società, a quanto pare, per oltre 300 milioni, mi sembra di comprendere che se da un lato é misura necessaria per garantire l'equilibrio di bilancio rispetto agli effetti dell'attuale temperie economica, sicuramente imprevedibile quindici vent'anni fa, dall'altra non si può tacere che sarà spalmato sulla fiscalità generale dei contribuenti. Ma, come mi diceva un amico, non si può pensare che l'acciaio possa servire solo per le dentiera ed é evidente l'intervento anticlico che la realizzazione di Brebemi ha generato».

5 Cronaca Sabato 6 Settembre Dopo le polemiche dei giorni scorsi, la Lega Nord di Cremona chiede ufficialmente la chiusura del centro culturale islamico La Speranza, inaugurato da qualche mese in via San Bernardo. E lo fa con una mozione in consiglio comunale, a firma dei consigliere Alessandro Carpani e Alessandro Fanti, in cui chiede la chiusura di un centro che in realtà è una moschea abusiva. Nella mozione viene richiamata anche la visita a Cremona Interrogazione in Consiglio comunale dei consiglieri Carpani e Fanti Lega: «Chiudere il centro islamico» dell imam Bilal Bosnicm recentemente arrestato. "Il centro culturale islamico La Speranza è arrivato alla ribalta delle cronache nazionali per l'allarme terrorismo - si legge nel documento -. Questo centro culturale è fortemente Grande successo per il nuovo sito internet nato per raccogliere le problematiche della città. Già oltre mille "mi piace su Facebook MiglioraCremona, pioggia di segnalazioni di Giulia Sapelli Marciapiedi dissestati, buche nelle strade, tombini sporgenti, ma anche erba non tagliata, lavori iniziati e mai finiti, piste ciclabili promesse e non realizzate, illuminazione mancante, parcheggi mal pensati.. Arrivano a decine le segnalazioni alla pagina Facebook "Migliora Cremona", nato da poco più di una settimana e che in breve tempo ha già acquisito oltre mille "adesioni". Sono ormai quotidiani i contatti, sia sul sito internet sia sulla pagina Fb. Molto attivo anche il canale youtube, dove vengono pubblicati i video in cui si mostrano alcune situazioni che presentano problemi. Tra le ultime segnalazioni pervenute al sito, il parcheggio disseminato di buche in piazza San Paolo, la pista ciclabile con le corsie semi-cancellate in via dei Tribunali, l'assenza di un marciapiede in piazza Marconi, un tombino pericoloso in via Altobello Melone, un lampione rotto a Cavatigozzi. Ancora di più le segnalazioni su Facebook. Tra le ultime, buche in via Giuseppina. " I marciapiedi di Cremona sono ridotti ad un colabrodo" si legge sul social network. E ancora, viene pubblicato il video della strada che collega Cremona al Bosco ex Parmigiano, che in un tratto risulta priva di visibilità a causa di alberi che invadono la carreggiata. C'è invece chi si chiede che fine hanno fatto i lavori per la realizzazione della pista ciclabile di Cavatigozzi, e chi chiede di tagliare l'erba in varie zone della città, dove è cresciuta notevolmente per le abbondanti piogge. Alcune segnalazioni hanno talvolta un tono esagerato, ma indubbiamente molte altre sono fatte a ragion veduta. Ma chi c'è dietro questo sito, che ha ottenuto un simile successo in così poco tempo? "Siamo un gruppo di ragazzi che amano Cremona con la voglia di legato all'imam estremista Adhan Bilal Bosnic, uomo nel mirino dei servizi segreti internazionali perché considerato uno dei principali reclutatori dell'isis". Nel documento si ricorda anche che "proprio a Cremona migliorare la città - si legge nella presentazione che compare sul sito -. Molto spesso nella quotidianità la nostra città ci sembra non corrispondere alle nostre aspettative e, ci troviamo di fronte alla domanda "cosa posso fare per migliorare la mia città?". Oggi "Migliora Cremona" vuole che noi cittadini diventiamo protagonisti nella nostra città. Possiamo in ogni momento della giornata segnalare problemi urbani come buche nell asfalto, lampioni già nel 2002, fu scoperta la prima cellula terroristica islamica in Italia legata ad Al Qaeda con l'imam dell'epoca Mourad Trabelsi e furono accertati in preparazione atti di terrorismo al Duomo di Cremona e alla metropolitana di Milano". Secondo il Carroccio cremonese, "il centro culturale islamico è un vero e proprio luogo di culto e quindi una moschea, come dimostrato dalle dichiarazioni pubbliche dei suoi esponenti e di spenti, cestini portarifiuti distrutti, segnaletica inadeguata, ecc». Come funziona? «Dopo una veloce registrazione al portale la vostra segnalazione verrà girata agli appositi enti locali (Urp, Provincia o vigili) con una informativa - spiegano gli ideatori. Le segnalazioni verranno seguite in tutte le fasi fino alla risoluzione del problema. Essendo presente online e con la tracciabilià delle nostre comunicazioni, nessuno potrà più dire "non lo sapevo"». chi lo frequenta". Si tratterebbe dunque, sempre secondo i leghisti, di "una moschea abusiva", per cui "è in atto una palese violazione della Legge Regionale 12/2005" e "non sono rispettati i Regolamenti comunali sui luoghi di culto". Queste le motivazioni, si conclude nell'interrogazione, per cui si chiede al sindaco di "emettere una ordinanza per l'immediata chiusura del Centro Culturale Islamico La Speranza". acqua Restituzione somme indebitamente versate Padania Acque Gestione e l Ufficio d Ambito della Provincia di Cremona hanno avviato le procedure per la restituzione della quota di depurazione versata dagli utenti in tutte le situazioni in cui gli scarichi non hanno subito alcun trattamento. La vicenda trae origine da una Sentenza della Corte Costituzionale del 2008, che, stabilendo l illegittimità della norma allora vigente, che prevedeva il pagamento del servizio di depurazione anche in assenza di impianti di trattamento, ha avviato un percorso normativo e tecnico finalizzato a calcolare e restituire, mediante compensazione sulle future bollette, le quote versate, al netto dei costi sostenuti per realizzare i depuratori. Il processo non è automatico: si avvia su istanza dell utente, che, collegandosi al sito del Gestore o dell Ufficio d Ambito ed inserendo il proprio codice di utenza (reperibile sulla bolletta), può verificare di essere nell elenco degli aventi diritto, scaricare il modulo di istanza di restituzione e, dopo averlo compilato e firmato, presentarlo a Padania Acque Gestione. Padania Acque Gestione comunica di aver «posto particolare attenzione anche a quegli utenti che non dispongono di una connessione internet o delle conoscenze necessarie per accedere al sito. Per questo all 8 al 12 settembre saranno recapitate ai Comuni copie delle istanze di restituzione precompilate, con elenco degli aventi diritto e istruzioni, dati che verranno anche pubblicati sui siti istituzionali, indicativamente il giorno 12 settembre 2014».

6 6Sabato 6 Settembre 2014 Cronaca Voltini, Coldiretti: «Il consumatore ha un ruolo vitale: scegliendo di portare in tavola il vero made in Italy, può ridare forza a un comparto strategico» Maltempo, pesante bilancio anche in agricoltura Crisi anche per la vendemmia Vini un po annacquati e una produzione ridotta Un'annata tutt'altro che positiva per la vendemmia, iniziata in questi giorni in Franciacorta e nell'oltrepo Pavese, non senza qualche preoccupazione. Secondo le prime parziali previsioni spiega la Coldiretti Lombardia per effetto del meteo impazzito di inizio estate, quest anno la produzione potrebbe essere minore rispetto all anno scorso, che si è chiuso con un 88,9% di vini a Denominazione di qualità sul totale di quelli prodotti. Con l inizio della vendemmia in Lombardia continua la Coldiretti regionale si attiva un motore economico che guarda sempre più oltre confine, con l export che da solo vale 270 milioni di euro. Stati Uniti, Germania, Svizzera, Canada e Giappone i mercati principali. La vendemmia coinvolgerà tremila imprese, concentrate soprattutto nelle province di Pavia, Brescia, Mantova, Sondrio, Bergamo e Milano, per un totale di circa 20 mila ettari di superficie vitata. Aspettative al ribasso anche a livello nazionale. Secondo la Coldiretti, complice il clima anomalo, la produzione 2014 sarà molto probabilmente più contenuta rispetto allo scorso anno che con oltre 49 milioni di ettolitri è stato particolarmente ricco. Se non ci saranno sconvolgimenti precisa la Coldiretti la produzione Made in Italy sarà destinata per oltre il 40% a Doc e Dogc, per il 30% a Igt e per il restante 30% a vini da tavola. Con queste premesse, spiega la Coldiretti, è testa a testa per la conquista del primato produttivo con la Francia, dove le prime stime per il 2014 danno una produzione in media con gli ultimi cinque anni di 46,4 milioni di ettolitri. In Italia la vendemmia 2014 coinvolgerà 650 mila ettari di vigne, dei quali ben 480 mila Docg, Doc e Igt e oltre 200 mila aziende, dove quest anno con la crisi si prevede la presenza di un maggior numero di italiani, soprattutto giovani, rispetto agli extracomunitari. Complessivamente il settore dà occupazione a 1,25 milioni di persone con la sola vendita del vino che genera un fatturato di quasi 9,5 miliardi di fatturato. Un estate decisamente anomala Al Nord su 92 giorni estivi, 63 sono stati di pioggia Che sia stata un'estata atipica, nessun dubbio. Lo dicono anche i meteorologi, tirando le fila della stagione, ormai in fase di chiusura. Secondo gli esperti, dal 1 giugno al 31 agosto sono transitate sull Italia ben 25 perturbazioni, un numero molto elevato rispetto alla media stagionale (l anno scorso sono state 9 in tutta l'estate). Come se non bastasse, nella maggior parte dei casi si è trattato di episodi piuttosto violenti, che hanno scaricato un totale di circa fulmini sul txerritorio italiano. I numeri sono impietosi: su 92 giorni dei tre mesi estivi, nel nord Italia 63 sono stati di pioggia (il triplo rispetto alla media). 39 i giorni di pioggia in centro Italia, mentre a sud solo 21 (che sono comunque il doppio della media stagionale). Il mese peggiore in tutta Italia è stato luglio con quantitativi di precipitazione dal doppio al quadruplo rispetto alla norma. Il clima è stato fresco soprattutto fra luglio e agosto: in particolare nelle nostre zone le massime tra luglio e agosto sono state di 1,6 C più basse della norma (l ultima volta con entrambi i mesi così freschi risale al 1996). Al Centro è stato soprattutto luglio un mese particolarmente fresco con massime di quasi 2 C sotto la media (l ultima volta con un luglio così fresco risale al 1981). Davvero pochi e molto brevi i giorni il cui clima è stato davvero all'altezza della stagione estiva. Al Nord si sono avuti pochi giorni rispetto alla media con temperature oltre i 30 gradi (il 10% circa). Al Centrosud pochi giorni rispetto alla norma con temperature oltre i 35 gradi e, rispetto agli anni passati, praticamente mai oltre i 40 C. di Laura Bosio Il maltempo estivo non ha causato problemi solo al comparto turistico, ma ha influito anche sull'agricoltura: le forti piogge - in luglio sono state esattamente il doppio rispetto alla media stagionale - hanno fatto sì che, in molti casi, la frutta si rivelasse poco saporita: a partire dall anguria, per non parlare dell uva. Una situazione che nel nostro territorio e in quelli circostanti ha provocato preoccupazione tra gli agricoltori, specialmente chi coltiva angurie. Anche nel bresciano, dove le produzioni di uva sono molto estese. Ne parliamo con il presidente di Coldiretti Cremona, Paolo Voltini. Le forti piogge di questi mesi hanno creato non pochi problemi all'agricoltura. Quali sono state le difficoltà maggiori? «A livello nazionale il bilancio di questa estate così inconsueta è pesantissimo: Coldiretti ha stimato danni oltre il miliardo di euro, a causa di un maltempo che ha colpito duramente sia l agricoltura che le attività turistiche, arrivando a cambiare le abitudini stagionali degli italiani. I temporali, la pioggia, le bombe d acqua e la grandine hanno distrutto a macchia di leopardo le campagne e sconvolto i cicli naturali di piante e animali. Per quanto riguarda il nostro territorio, particolarmente colpite sono state alcune aree della zona casalasca. La grandine ho compromesso pesantemente la produzione della frutta, e le piogge hanno rallentato la stagione del pomodoro. Nelle zone di Cremona, Soresina e Crema, dove la coltura principale è il mais, si sono verificati ritardi, anche consistenti, nella maturazione delle piante». Paolo Voltini «Le continue piogge possono aver influito sul gusto di parte delle produzioni più delicate: di qui il costante impegno dei nostri produttori nel garantire la massima qualità di tutta la frutta messa in commercio» Da parte dei consumatori si sono sentite lamentele rispetto al sapore di certi frutti, che quest'anno risulta annacquato, come ad esempio le angurie. Quanto ha inciso la pioggia? Quali sono le colture più danneggiate? «Le continue piogge possono aver influito sul gusto di parte delle produzioni più delicate: di qui il costante impegno dei nostri produttori nel garantire la massima qualità di tutta la frutta messa in commercio. Ed è anche tenendo conto di questi aspetti che Coldiretti insiste nel consiglio di scegliere prodotti garantiti dagli agricoltori, che ci mettono la faccia. Nella stima dei danni, per angurie e meloni in Lombardia si registrano perdite che arrivano al 50% della produzione, concentrata in particolare nella zona di Mantova e Cremona. Ai danni diretti sulle coltivazioni, vanno sommati quelli indiretti provocati dal crollo di consumi, a causa delle condizioni climatiche che non hanno invogliato a portare in tavola la frutta di stagione. Il conto si è dimostrato particolarmente salato per le pesche. Abbiamo denunciato che il crollo dei consumi rischia di far scomparire un quinto dei pescheti italiani, con gravi effetti sull occupazione, sull ambiente e sulle imprese». A livello locale avete lanciato l iniziativa riportiamo il sole in campagna: compriamo made in Italy... «Sulla base dei dati Istat relativi all inflazione negativa ad agosto, è stata la frutta fresca a far segnare il maggior crollo dei prezzi, con un calo del 7,5% rispetto allo scorso anno che ha spinto alla deflazione il settore dell alimentare. Va aggiunto che il consumo di frutta estiva è sceso sotto il limite dei 400 grammi al giorno consigliato dall Organizzazione mondiale della sanità, e questo rappresenta un rischio per la stessa salute delle persone, prima che un danno economico per gli agricoltori. Coldiretti Cremona ha evidenziato il ruolo vitale dei consumatori: scegliendo di portare in tavola il vero made in Italy, possono ridare forza a un comparto strategico dell agroalimentare nazionale». In un'ottica futura, di fronte ad un quadro certamente difficile per l ortofrutta, in che modo gli agricoltori possono cercare di correre ai ripari? «Con un pressing tenace sulle istituzioni nazionali ed europee, Coldiretti ha ottenuto dall Unione Europea misure di sostegno eccezionali a carattere temporaneo per i produttori di pesche, messi letteralmente in ginocchio da una crisi di mercato dovuta all anomalo andamento stagionale, aggravata anche dal blocco delle importazioni da parte della Russia. L intervento dell Unione Europea è stato varato, ancorché certamente in ritardo e con un quadro finanziario limitato, e ciò rende ancora più vitale il fatto che sia gestito con attenzione nell interesse esclusivo degli agricoltori. Questo per l immediato. Per dare al settore migliori prospettive per il futuro, Coldiretti ha proposto al Governo una serie di interventi strutturali, tra cui la regolamentazione del sistema degli sconti e delle vendite sottocosto nella grande distribuzione organizzata, un meccanismo di formazione dei prezzi che parta dai costi di produzione, maggiori controlli sul rispetto delle norme di commercializzazione e sui prodotti di importazione, troppo frequentemente spacciati per italiani. E questo deve valere per tutti i prodotti della nostra agricoltura, dai lattiero-caseari ai prodotti della suinicoltura».

7 Cronaca Sabato 6 Settembre Indispensabile adottare misure concrete che consentano alle famiglie di risparmiare sulle spese scolastiche Oltre al caro-vita c è il caro-scuola di Laura Bosio Mancano ormai pochi giorni all inizio del nuovo anno scolastico e, per molte famiglie, è tempo di pensare all acquisto dei libri di testo e del corredo scolastico: ed è caro-scuola. Nonostante le strategie di risparmio anche su questa voce di spesa, i prezzi di tali articoli, seppure in maniera contenuta, continuano ad aumentare: come ha evidenziato l'onf (Osservatorio Nazionale Federconsumatori), il costo della scuola registra per quest'anno un incremento dell'1,4%. Aumenti che, di anno in anno, hanno portato la cifra complessiva a livelli insopportabili. «E' la solita stangata, che ogni anno si fa sempre più forte: seppure l'aumento percentuale non sia elevatissimo, per le famiglie già provate dalla crisi si tratta di una spesa davvero eccessiva» evidenzia Luca Curatti, presidente di Assoutenti Cremona. La spesa per il corredo scolastico (più i ricambi ) passerà da 499,50 euro dello scorso anno ai 506,50 Euro di quest anno: una cifra notevole. «Anche per i libri i costi sono sugli stessi livelli: uno studente di prima media spenderà mediamente per i libri di testo più due dizionari 484 euro (il +1,7% rispetto allo scorso anno). A tali spese vanno aggiunti 506,50 euro per il corredo scolastico ed i ricambi durante l intero anno, per un totale di 990,50 - prosegue Curatti. Per le scuole superiori va ancora peggio: un ragazzo in prima liceo spenderà per i libri di testo più quattro dizionari 799 euro (+1,5% rispetto allo scorso anno), a cui si aggiungono 506,50 euro per il corredo scolastico ed i ricambi, per un totale di 1.305,50». Ad aumentare in misura maggiore, secondo Federconsumatori, «sono soprattutto i prezzi degli astucci pieni e dei diari. Più contenuti, ma pur sempre in aumento, i costi degli zaini». Tutto ciò in una situazione in cui il potere di acquisto dei bilanci delle famiglie, è diminuito dal 2008 di oltre il 13,4%. Uno dei principali problemi, legato soprattutto al costo dei libri di testo, è quello dello sforamento dei tetti di spesa, stabiliti per decreto ministeriale. «Alle associazioni dei consumatori arrivano tantissime segnalazioni in merito a tetti di spesa non rispettati - evidenzia Curatti -. Spetterebbe ai presidi degli istituti procedere a tali controlli, ma spesso questo non viene fatto. Per questo il ministero dovrebbe avviare controlli più severi sullo sforamento dei tetti di spesa che, soprattutto nei licei, Curatti, Assoutenti: «Il ministero dovrebbe avviare controlli più severi sullo sforamento dei tetti di spesa sui libri di testo che, soprattutto nei licei, vengono puntualmente superati» Alcuni consigli per risparmiare CORREDO SCOLASTICO Confrontare con attenzione i prezzi applicati nei diversi punti vendita. Si può risparmiare anche il 20-30% approfittando delle promozioni che vengono messe in campo in questo periodo: dai kit scuola (zaino, astuccio e diario) a partire da 29,90 Euro, all opportunità di ottenere degli sconti rottamando lo zaino dell anno precedente. Per non andare a scuola con lo zaino dell'anno precedente, senza però comprarne uno nuovo, si può sempre decidere di scambiarlo con un amico o parente. vengono puntualmente superati. Inoltre ci sembra inaccettabile la "tolleranza" dello sforamento ingiustificato fino al limite del 10%: si tratta infatti di importi piuttosto elevati. Invitiamo le famiglie a segnalare ogni eventuale sforamento, perché sono situazioni che vanno controllate». E la questione dell'utilizzo del digitale, ossia l'acquisto di libri digitali, da leggere sull'ipad, LIBRI Approfittare delle bacheche (fisiche o online, specialmente sui social network) che consentono lo scambio o l'acquisto di libri usati; Ricercare le promozioni messe in campo da librerie, punti vendita ed ipermercati che, ad esempio, offrono buoni sconto anche del 20% o un dizionario in omaggio; Acquistare i testi presso i numerosi mercatini dell usato, che è possibile trovare anche su internet (facendo attenzione, però, alla questione delle edizioni aggiornate); Ove possibile, prendere libri e dizionari in prestito presso biblioteche, associazioni o conoscenti; Acquistare la versione elettronica dei libri di narrativa, risparmiando fortemente sul prezzo. Elementari: a Cremona il ritorno sui banchi più costoso della Lombardia Sarà la nostra città quella che, in Lombardia, dovrà pagare più caro il ritorno a scuola, per quanto riguarda i prezzi di alcuni beni o servizi, alle scuole elementari: 92 euro contro il 76 della media lombarda. Il dato emerge da una rilevazione effettuata dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza. Tra zaini, cartelle, astucci e altro materiale scolastico (scelto in cartolerie, supermercati e discount), mediamente in Lombardia la cartella scolastica peserà più di 76 euro, mentre per la spesa per i libri di testo lo studio prende come riferimento i 147 euro che il Ministero fissa come tetto di spesa massima per la scuola primaria (spesa non sostenuta direttamente dalle famiglie in quanto sono gli enti locali a farsene carico). L aumento è del 10,2% rispetto al 2013, mentre in termini assoluti il materiale scolastico costerà circa 7 euro in più rispetto allo scorso anno. normata dalla legge n. 781 del 27/9/2013? «Purtroppo la diffusione di questi dispositivi, che consentirebbe un risparmio fino al 30% per le famiglie, è avvenuta solo a macchia di leopardo» spiega Curatti. Intanto le famiglie faticano a sostenere le spese: il 5% deve addirittura ricorrere a un finanziamento per pagare le spese scolastiche: «Sembrano cifre di poco conto, ma in realtà si tratta di molte famiglie - spiega il presidente Assoutenti -. Ma soprattutto, preoccupa che questo valore sia cresciuto dall'1 al 5 per cento nel giro di un anno». Ma per studiare non bastano libri e quaderni: vi sono le spese per i trasporti, per eventuali mense o pranzi fuori ecc. «Tutti costi molto alti per le famiglie: basti pensare che il 40% delle famiglie italiane sono in difficoltà» conclude Curatti. In Italia sono le cartolerie attive, di cui in Campania (unica regione insieme alla Sicilia in cui le attività aumentano in un anno) e in Lombardia. La crisi tocca il settore e le imprese che vendono articoli di cartoleria per scuola e ufficio diminuiscono sia in Italia che in Lombardia. È quanto emerge da una elaborazione condotta dall Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese. E' quindi indispensabile, secondo le associazioni dei consumatori, adottare misure concrete che consentano alle famiglie di risparmiare: incentivando al massimo l editoria elettronica, rendendo disponibili in rete gli aggiornamenti per le nuove edizioni, senza obbligare l alunno ad acquistare necessariamente un testo nuovo, ampliando i prestiti dei testi da parte delle scuole. Anche se l'estate volge al termine ancora tanta è la voglia di viaggi, anche solo per passare un fine settimana fuori porta e fare le tanto sospirate vacanze. Il Cta Acli promuove una serie di gite e viaggi per tutti i gusti. Dal 12 al 14 Settembre - UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEL LAGO DI COSTANZA. Si visiteranno:bregenz, Lago di Costanza, Uberlingen e Fussen in Baviera. 21 Settembre - UNA GITA SUI LAGHI. Si visiteranno: Riva del Garda, la grotta della Cascata del Varone e la cittadina di Tenno con il suo lago ed il Borgo canale. 28 Settembre - UNA GITA A PISA E DINTOR- NI. Si visiteranno: La Piazza dei Miracoli con la Cattedrale, il Battistero e la Torre pendente, poi a Calci per il Complesso Monastico Certosino. Dal 30 Settembre al 05 Ottobre: Calabria Bizantina e Bronzi di Riace - Si visiteranno: Cosenza, Tropea, Bagnara Calabra, Scilla, Reggio Calabria, Locri, Gerace, Stilo San Bruno, Soverato, Crotone e Rossano Calabro. Dal 10 al 12 Ottobre - UN VIAGGIO NELLA PROVENZA MARITTIMA per visitare Marsiglia, Tolone, St. Tropez e Port Grimand. Dal 13 al 17 ottobre - Una gita pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo. Si visiteranno: Monte S. Angelo, Melfi, Rionero in Vulture, San Severo, Laghi di Monticchio e il Santuario di Stignano. Dal 24 al 26 Ottobre - UN VIAGGIO IN ISTRIA. Itinerario dell epoca veneziana. Si visiteranno: Parenzo, Pola, Isole Brioni e Rovigno. Le iscrizioni e tutte le informazioni relative agli eventi saranno fornite presso la sede di via Cardinale G. Massaia, 22 o contattando i numeri di tel , Le iniziative sono in le nostre iniziative sono in collaborazione con il CTA di Crema (Piazza Manziana 17. Crema tel ).

8 8Sabato 6 Settembre 2014 Chi se lo aspettava? Eppure la metà dei nostri Comuni sono nell elenco dei top. Nessun altra Provincia sfiora tale risultato Cremona la provincia più felice d Italia L indagine del Sole 24 Ore prende in esame i borghi con oltre 5000 abitanti: Castelleone, 42º, è il migliore di Vanni Raineri Calcolare l indice di felicità nei luoghi in cui si vive con la famiglia, si va a scuola e si lavora, si esce di sera, si va a fare la spesa eccetera non è impresa semplice. L ultimo tentativo è quello fatto dal Sole 24 Ore che ha fatto discutere nei giorni scorsi. Data l autorevolezza del soggetto in questione, la vicenda merita un approfondimento, se non altro perché vede protagonista in positivo la nostra provincia. Ad effettuare l indagine per il quotidiano economico milanese è stato il centro studi Sintesi, che ha stilato una classifica dei borghi più felici d Italia relativa all anno corrente prendendo in considerazione ben 48 indicatori socioeconomici. Indicatori che sono riconducibili al cosiddetto Bil (benessere interno lordo), una sorta di pil dello star bene. Ne è uscita una graduatoria di comuni nei quali la qualità della vita risulta essere ben più elevata rispetto alla media. Sono 176 i comuni che hanno meritato di essere inclusi nell elenco, ma prima di tutto vanno fatte alcune precisazioni, non presenti nei tanti articoli che hanno riportato in fretta i dati il giorno successivo alla pubblicazione della ricerca. Innanzitutto va tenuto presente che tale ricerca si limita ai borghi che abbiano almeno 5000 abitanti, quindi la grande maggioranza dei comuni italiani (solo nella nostra provincia 103 su 115) rimane esclusa dall indagine. I risultati non si limitano ad indicare la graduatoria complessiva (il cosiddetto indice generale), ma approfondiscono l analisi indicando altre 8 categorie, ciascuna delle quali è il risultato di una serie di parametri omogenei. E così ecco la classifica considerando solo le condizioni materiali di vita, istruzione e cultura, la partecipazione alla vita politica, i rapporti sociali, la sicurezza, l ambiente, la salute e le attività personali. Nella tabella in pagina abbiamo indicato la graduatoria, complessiva e per categoria, dei tre comuni più felici d Italia e dei 6 della nostra provincia presenti. Altro appunto importante: l indice generale è questo, ma gli ulteriori indici risultano dalla sola considerazione dei 176 comuni presenti in tabella. Per fare Festa all Acquario del Po Domenica una raccolta fondi per finanziare l attività SOLAROLO MONASTEROLO Acquario del Po in festa: domenica 7 settembre, a partire dalle ore 10 e sino alle 19, si terrà una giornata di raccolta fondi per sostenere le spese della struttura situata nel comune di Motta Baluffi, nella Cascina Ronchetto, in una suggestiva area golenale posta nella frazione situata tra il casalasco e il comune di San Daniele Po. Un appuntamento in riva al Grande Fiume per grandi e piccini, che servirà ad avvicinare il pubblico alla natura e al contempo a sostenere le spese di manutenzione dell acquario: «Una struttura comunale che sta dando un importante contributo alla promozione e alla valorizzazione del turismo fluviale, oltreché al rilancio turistico del territorio casalasco», fa sapere il vicesindaco di Motta Baluffi, Simone Agazzi, che continua a spendersi per far sì che «i costi di gestione dell acquario gravino il meno possibile sulle casse pubbliche». I fondi che verranno raccolti domenica serviranno a sostituire le luci delle vasche con dispositivi led in grado di contenere i consumi del 50% rispetto alle lampadine utilizzate attualmente. Non Cronaca borghi felici d italia: Il benessere dei comuni cremonesi comune Brunico Vipiteno Sirmione Castelleone Castelverde Pandino Rivolta d'adda spino d Adda Soncino indice generale condizioni di vita istruzione e cultura partecipazione alla vita politica rapporti sociali insicurezza ambiente attività personali salute A sinistra una veduta aerea di Castelleone, a destra Villa Schinchinelli a Castelverde. Più in alto la tabella con le posizioni dei 6 comuni cremonesi e dei tre migliori italiani solo: va sostituito un condizionatore, oltre alle varie opere di manutenzione ordinaria. Per farlo, sarà importante la risposta del pubblico di domenica. I partecipanti alla giornata potranno usufruire di un pacchetto completo a 15 euro a persona (10 per i bimbi fino a 12 anni) comprendente una visita guidata all Acquario del Po insieme al gestore Vitaliano Daolio, un laboratorio didattico con osservazioni al microscopio di piante ed insetti tenuto dai volontari del Wwf di Cremona, un pranzo a base di torta fritta e spalla cotta forniti dalla Pro Loco I Corvi, un escursione in barca con Legambiente e gli Aironi del Po e una camminata in golena con gli esperti della Lipu. Prevista anche la possibilità di partecipare ed acquistare le singole attività a 5 euro, 10 euro per chi volesse invece partecipare al solo pranzo. All interno dell Acquario del Po, sarà allestita anche una mostra naturalistica con scatti realizzati da Simone Ravara e disegni di Elisa Aporti. Alle ore 14 è previsto anche l arrivo di Rai2 Expo, che documenterà l iniziativa. Un bosco urbano di 2500 metri quadrati di proprietà dell Istituto Centrale delle Figlie di San Camillo, posto di fianco alla clinica, si trasforma in 7500 metri quadrati di piantumazioni in area golenale a Fossacaprara, frazione di Casalmaggiore. Un boschetto dunque che trasloca da Cremona ai margini della provincia. Il servizio Agricoltura della Provincia, dopo aver ricevuto il consenso della commissione provinciale del Paesaggio, ha avuto il via libera al taglio, anche perché la Sovrintendenza per i Beni Architettonici e Paesistici di Brescia non ha posto paletti. Le norme sulle compensazioni forestali prevedono che ad una demolizione boschiva corrisponda una ricostruzione, sia pure in luoghi e contesti differenti, ed è ciò che accade nella circostanza. Questo l estratto del testo dell autorizzazione provinciale, che disciplina la volontà del richiedente, di optare alla realizzazione diretta delle opere di compensazione forestale, come previsto dalla D.G.R. 675/ 05, sull area data in disponibilità dal Comune di Casalmaggiore e in gestione al Consorzio Forestale Padano, censita al fg. 69 mapp. 57, per un estensione di 7500 mq, superficie maggiore rispetto ai 5000 mq previsti dal rapporto di compensazione di 1 a 2 determinato dalla succitata D.g.r. e un esempio: Castelverde risulta 163 per le attività personali, ciò significa che precede solo 13 comuni, ma sicuramente molti dei comuni esclusi avevano un indicatore migliore, ma non fanno parte della lista dei migliori. Ad emergere è il solito Alto Adige, che primeggia con Brunico e Vipiteno, mentre al terzo posto c è la vicina Sirmione, assai penalizzata dalla voce istruzione e cultura. Laghi protagonisti anche col 5 posto di Bardolino e il 6 di Iseo. Al 12 posto la mantovana Curtatone. Ma concentriamoci sui cremonesi. Come detto sono 6: il migliore è Castelleone (42 ), seguito da Castelverde (56 ), Pandino (83 ), Rivolta d Adda (99 ), Spino d Adda (110 ) e Soncino (130 ). Se consideriamo che nella nostra provincia solo 12 comuni superano i 5000 abitanti (e quindi sono stati presi in esame) e che tre di questi sono città con oltre 15mila abitanti, risulta che di fatto sono escluse le sole Soresina, Pizzighettone e Offanengo. In pratica possiamo definire la provincia di Cremona provincia felice d Italia. Per dire, limitandoci alla Lombardia Milano è presente con 7 comuni (ma su 99 che superano i 5000 abitanti), Brescia con 5 (su 71), Mantova con 4 (su 28), Como con 3 (su 34), Bergamo con 2 (su 75), Lecco (su 16), Pavia (su 24) e Varese (su 50) con 1 e nessuno per Lodi (su 8), Monza (su 44) e Sondrio (su 6). Quanto alle altre province limitrofe, Parma ne ha 4 su 22, Piacenza 2 su 14, e via dicendo. La stessa trionfatrice Bolzano è presente sì in classifica con 6 comuni come noi, ma su ben 31 che hanno oltre 5000 abitanti. Ne consegue, semplicemente, che la provincia di Cremona (6 su 12: il 50%) è quella che in tutta Italia ha l indice di benessere più elevato. Beh, facciamoci i complimenti: siamo i più felici d Italia, per condizioni di vita, per tasso di criminalità, per istruzione e cultura, per ambiente e salute. Lo sapevamo? E soprattutto, ma come è messo davvero il resto d Italia? Figlie di San Camillo, 2500 mq di bosco traslocano vicino a Casalmaggiore dal PIF. Il taglio a Cremona e la ripiantumazione a Casalmaggiore dovranno aver luogo entro il 31 marzo 2015: per il primo si attende il perfezionamento degli aspetti finanziari dell operazione, in particolare la firma di una fidejussione di ,22 euro richiesta all istituto delle Figlie di San Camillo con scadenza a sette anni e sei mesi, a garanzia della realizzazione delle opere di compensazione forestale. Ad occuparsi di taglio e ripiantumazione sarà il Consorzio Forestale Padano, partecipato da enti pubblici (tra cui i due comuni interessati) e soggetti privati, che nell area golenale di Fossacaprara sta portando avanti da anni un progetto di riforestazione. A Cremona pare che non vi fossero superfici disponibili, come spiega il capo dell ufficio tecnico del Consorzio Francesco Sarzi: «Noi abbiamo terreni che ci interessava ripiantumare. Il nostro scopo è quello di rendere fruibili al pubblico le aree che andiamo a ripiantumare. Molto è già occupato dall agricoltura, ma vi sono alcune province in Lombardia che neppure hanno spazi disponibili, ad esempio nel caso dei tagli effettuati per lasciare spazio alla Brebemi». Ancora da chiarire se l area interessata alla compensazione sarà in rapporto di 1 a 2 o di 1 a 3 rispetto al taglio lungo via Bergamo, che in verità non è fruibile. Certo invece che le nuove essenze saranno tutte autoctone, sia ad alto fusto che arbustive. Tra i primi ci saranno aceri, olmi, querce, aceri campestri; tra i secondi: cornioli, biancospini, pallon di maggio, sanguinelli. Al posto del bosco che verrà tagliato a Cremona sorgeranno invece parcheggi e aree a servizio della clinica.

9 crema 9 Sabato 6 settembre 2014 Ospedale Crema: unito ai nosocomi di Lodi e Treviglio Interessante dibattito alla «Festa dell Unità» da titolo «La nuova legge sulla sanità e gli ospedali»: presenti il vice presidente regionale e assessore alla Sanità, Mario Mantovani (nella foto), e il consigliere regionale Pd, Carlo Borghetti. Due le notizie interessanti. Mantovani ha annunciato che l ospedale di Crema «avrà uno spazio indipendente più lontano da Cremona. In futuro potrebbe interagire con realtà più vicine al territorio ma questo lo stabilirà il consiglio regionale». Il che significa che il nostro nosocomio rimarrà autonomo e, con ogni probabilità, entrerà in sinergia con gli ospedali di Lodi o di Treviglio, o di entrambi. L altra notizia l ha fornita Borghetti: mantenendo come riferimento il ticket di 66 euro, gli studi confermano la possibilità di non far pagare il ticket sotto i 30 mila euro di reddito. di Gionata Agisti Ancora una volta, settembre si presenta con il suo carico di tasse e, al di là delle responsabilità a livello nazionale, l amministrazione di Crema non si è certo risparmiata su questo versante. Eppure le difficoltà a cui sono soggetti tanti, troppi privati cittadini, nonché le forze produttive, non accennano a ridursi, al contrario. Tanto che il chiedersi se la città rischi una paralisi, dal punto di vista della crescita, secondo il consigliere comunale di «Servire il cittadino» ed ex candidato sindaco, Antonio Agazzi, è un esercizio retorico: la paralisi è già una realtà e forse la gravità della situazione è sottovalutata. «Come si sarebbe dovuto capire, a partire da due anni e mezzo fa, in occasione delle ultime elezioni comunali, l alleanza tra il Pd dell attuale sindaco Stefania Bonaldi e le forze della sinistra più radicale aveva un solo significato: più tasse, senza tagli significativi alla spesa pubblica. Ci si fa molto vanto di un attenzione quasi esclusiva alle politiche sociali ma guardiamoci in giro: la manutenzione delle strade e degli edifici pubblici è pietosa e, in commissione Bilancio, il responsabile dell Ufficio tecnico non ha fatto mistero che le risorse a disposizione dell assessorato ai Lavori Pubblici rischiano di non essere più sufficienti per i prossimi autunno e inverno, soprattutto in caso di nevicate. Continuo ad aspettarmi che l assessore delegato, Fabio Bergamaschi, batta finalmente i pugni sul tavolo e invece è troppo timido. Forse, prevale in lui la gratitudine nei confronti del sindaco, per avergli assegnato un assessorato così importante ma un assessore dotato di più esperienza reagirebbe con un piglio ben diverso. Non tanto per una questione di bella figura ma per dare risposte alle esigenze dei cittadini». Può darsi che, nell attuale situazione di crisi, la cittadinanza apprezzi questa attenzione rivolta all assistenza di quanti non arrivano a fine mese. Qual è la sua percezione, riguardo al sentimento dei cremaschi? «Nel mio confrontarmi con i cittadini emerge un refrain continuo: la sensazione che Crema non sia mai stata così trascurata come sotto l amministrazione Bonaldi. Ho già parlato dell ordinaria amministrazione ma mi si «Bergamaschi, timido per battere i pugni sul tavolo» Troppe tasse per aziende e cittadini, poca trasparenza, cinica politica del consenso. Rischio moschea Agazzi: «Crema in condizioni pietose» Antonio Agazzi Stefania Bonaldi Fabio Bergamaschi Angela Maria Beretta dica quale progetto, annunciato in campagna elettorale, abbia visto finora una realizzazione. Il piano di riqualificazione dell area degli Stalloni è l unico episodio positivo, ma solo perché si è trovata una collaborazione con Regione Lombardia, notoriamente guidata dal centrodestra. Per il resto, tanto strepito per il sottopasso di via Indipendenza, voluto dalla precedente amministrazione Bruttomesso, ma non mi risulta ci sia ancora una qualche idea su come superare la barriera ferroviaria di Santa Maria, per esempio, o su come riqualificare l area dell ex Olivetti. Quest ultima, tra l altro, rappresenta un lascito ingombrante di un altra giunta di centrosinistra, quella Ceravolo, che acquistò l area, in seguito alla dismissione della Olivetti ma in cui, tuttora, l incuria regna sovrana. Eppure vi risiede la principale zona industriale della città. Per non parlare del velodromo: dopo due anni e mezzo di amministrazione, ancora nessuna soluzione in campo e anche questa struttura rischia di cadere nel dimenticatoio. Insomma, sui nodi di fondo l amministrazione Bonaldi non batte un colpo. Tenga presente, però, che quando si andrà al voto, potrà forse «Un welfare da furbacchioni che pagherà?» contare sul favore di quanti hanno beneficiato dell assistenza sociale, ma dovrà guadagnarsi anche il consenso di altre categorie sociali. Crema è ancora una città interclassista». Agazzi, in fatto di politica del consenso, riconosce la maestria del centrosinistra e del Pd in particolare: «Per la verità, la maggioranza sa benissimo che non può vincere solo con il voto dei ceti più umili e, quindi, ha scelto di garantire anche altre categorie di persone. Tutti sappiamo che chi fruisce di alcuni servizi a domanda individuale - è il caso della scuola Montessori - non è certo in sofferenza economica. Eppure, anche per quest anno l amministrazione Bonaldi ha scelto di non aumentare le relative tariffe, preferendo un incremento indiscriminato delle tasse locali che colpiscono tutti. In questo modo, anche chi non beneficia di questi servizi, rivolti solo a un numero limitato di persone, si trova a pagarne il costo. Evidentemente, chi governa la città è solo fintamente ingenuo. In realtà, abbiamo a che fare con dei furbacchioni a cui non c è nulla da insegnare, in fatto di politica del consenso. Sfortunatamente per lei, però, l amministrazione comunale si è trovata a dover fare i conti anche con una grossa sfortuna». In che senso? «Si tratta di una promessa fatta a chi di dovere in campagna elettorale e che rischia di sfaldare questo sapiente disegno di politica del consenso. Mi riferisco alla promessa fatta alla comunità islamica locale di un via libera alla realizzazione di un centro culturale. L amministrazione sta persistendo su una linea che i cremaschi hanno fatto capire di non condividere e questo potrebbe costarle caro. Perché si vuole ignorare un contesto internazionale che suggerirebbe di soprassedere, se non altro per solidarietà ai cristiani uccisi in Medio Oriente?». Secondo lei, chi sta subendo di più dalla politica fiscale della giunta Bonaldi? «Tutti coloro che hanno una proprietà immobiliare. La casa non è più un bene rifugio, anche per responsabilità del Governo nazionale, certo, ma, in questo ambito, l amministrazione comunale non si è risparmiata. Per esempio, scegliendo, come già detto, di non adeguare le tariffe dei servizi a domanda individuale e preferendo, invece, aumentare la tassazione. Poi, ci sono i commercianti e gli imprenditori. Nemmeno a loro si è andati incontro. Nei giorni scorsi, si è letto di proteste con tanto di cartello fuori dalla vetrina, da parte di un commerciante di piazza Marconi, per denunciare una situazione ormai insostenibile. Già i consumi sono calati, se poi l amministrazione ci mette del suo, il commercio come potrà reggere alla crisi? E, invece, si tratta di categorie, quella dei commercianti e degli imprenditori che, se messe nelle condizioni di lavorare, sono in grado di dare occupazione anche ad altri. È davvero miope questa visione, che consiste nello spremere eccessivamente chi crea benessere, per concentrarsi solo sulle politiche sociali. La conseguenza è che ci saranno sempre più persone bisognose di assistenza sociale». Veniamo al capitolo «trasparenza». I suoi colleghi di minoranza, Simone Beretta e Laura Zanibelli, hanno fatto ricorso alla Corte dei Conti per obbligare l amministrazione comunale a presentare un resoconto dettagliato delle spese occorse per la manifestazione culturale "I Manifesti" Qual è la sua posizione in merito? «Quella della trasparenza è una delle tante parole agitate al vento dall amministrazione Bonaldi, ma finora rimaste tali. In questi ultimi due anni e mezzo, ci sono stati vari esempi. Come dimenticare il caso della consigliere della Fondazione San Domenico, Elisa Marinoni, da noi messa sotto accusa per aver raccomandato un suo conoscente al ruolo di consulente artistico del teatro cittadino? In campagna elettorale, il sindaco Bonaldi disse che la raccomandazione è un crimine sociale e però, poi, la Marinoni è stata difesa a spada tratta dallo stesso sindaco e si trova tuttora al suo posto. Per non parlare della concessione per l intera estate allo Studio Riboli del Mercato Austroungarico. Un vero e proprio privilegio, tenuto conto che, in questa occasione, oltre a ospitare manifestazioni culturali, il Mercato è stato utilizzato anche a fini commerciali. Infine, le recenti nomine al vertice della Fondazione Benefattori Cremaschi. In quest ultimo caso, non c entra tanto la trasparenza, quanto piuttosto la mancanza di coerenza. Il sindaco non ha fatto altro che parlare dell esigenza di una discontinuità rispetto al passato e ai legami tra Cda della Fondazione e i partiti e invece? Invece, scopriamo che il nuovo presidente, Paolo Bertoluzzi, è titolare di una società di consulenza che ora dice di voler liquidare ma che, in passato, sembra aver lavorato molto per le coop rosse. Quanto alla neo consigliere Anna Acerbi, era capolista del Pd alle ultime elezioni comunali. È anche membro dell assemblea provinciale di questo partito e la si poteva vedere alla Festa dell Unità, in qualità di cassiera. E, ancora, Romano Demicheli: responsabile del seggio di Izano alle primarie del centrosinistra, nel Discontinuità? Ma di che stiamo parlando?». In conclusione, possibile che anche la vostra opposizione in Consiglio comunale non abbia qualcosa da rimproverarsi? «Io credo che finora il nostro sia stato un buon lavoro ma bisogna tenere conto di due aspetti: prima di tutto, le minoranze sono almeno tre e, poi, le armi dell opposizione sono limitate: se non c è una presa di coscienza, da parte di alcuni settori della maggioranza, dell improduttività di questa amministrazione, non possiamo farci nulla. È la città che deve affiancarci o comunque rafforzare la nostra posizione, organizzandosi in comitati di pressione. Penso, in particolare, al caso del centro culturale islamico. Lo ripeto spesso a quanti ci chiedono una posizione più incisiva: solo in questo modo, con una cittadinanza che si faccia sentire in prima persona, i rapporti di forza in Consiglio comunale potranno essere riequilibrati». Un ubriaco alla festa dell Unità assale i carabinieri Si ubriaca, picchia la convivente incinta, aggredisce i carabinieri. Protagonista un ecuadoregno di 21 anni che è stato arrestato e condannato a sei mesi di reclusione per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, pena sospesa perché l extracomunitario, non essendo pregiudicato, ha patteggiato la pena. I due carabinieri intervenuti per calmare gli animi troppo accesi sono rimasti feriti nella colluttazione e hanno riportato lesioni giudicate guaribili in 10 e 6 giorni. Teatro di questa rissa la festa dell Unità a Ombrianello. Ad allertare i carabinieri è stata la donna che, verso l una e mezzo di notte, ha dichiarato di essere incinta e appena picchiata dal convivente, insieme a un altro connazionale. Due militari si sono precipitati alla Festa dell Unità e qui hanno trovato l ecuadoregno, residente a Offanengo, disoccupato, con regolare permesso di soggiorno, in stato di ebbrezza. Alla vista dei carabinieri, l uomo ha cominciato a colpirli a calci e pugni, ma è stato immobilizzato e poi ammanettato a fatica. E' scattato l'arresto per resistenza e lesioni. impiegata addetta alla TeSorerie/Fi- NaNZa aziendale. RICHIESTA L ESPERIENZA PREGRESSA NELLA MANSIONE. SEDE DI LA- VORO: VICINANZE CREMA. operaie iscritte alle liste regionali di MoBiliTa 223/91, PER AZIENDA COSMETI- CA DEL LODIGIANO. RICHIESTA DISPONIBLITA A TURNI. Le ricerche sono rivolte a candidati dell uno e dell altro sesso (L:903/77 e L. 125/91) - Trattamento dati personali secondo D.Lgs. 196/2003 visionabile sul sito Aut. Min. Prot. N SG del 22/12/2004 Maxwork S.p.A. - Agenzia per il lavoro Sede Legale via Dell Esquilino, Roma Sede Amministrativa e Direzione Generale Largo Porta Nuova, Bergamo ricamatrice/addetta FiNiTUre a MaNo CON ESPERIENZA NELLA MANSIONE. operaie CoN esperienza Nella produ- ZioNe e CoNFeZioNaMNeTo CoSMeTiCo PER DIVERSE AZIENDE DEL CREMASCO. CUCiTriCe CoN esperienza NELL UTILIZZO MACCHINA LINEARE E TAGLIACUCI. SEDE DI LAVORO: VICINANZE CREMA. Maxwork S.p.a. - Filiale di CreMa Via Lago Gerundo, 18/ Crema (CR) Tel Fax mail:

10 10Sabato 6 Settembre 2014 E morto Francesco Edallo Giovedì scorso è morto Francesco Edallo. Ha lasciato la moglie e tre figli. Nato a Crema nel 1949, ha insegnato a lungo nelle medie del territorio. Nel 1981 ha fondato la Compagnia del Santuario di Crema. Nel 1988 ha fondato anche la Compagnia di S.Ròch di Montodine. Il funerale si svolgerà sabato mattina alle 11, presso la Cattedrale di Crema. La camera ardente si trova all'obitorio dell'ospedale. Imprenditore e vice presidente Libera «Vi dico che cosa penso di Renzi e dell articolo 18» Agostino Provana, è titolare della «Provana Srl» specializzata in pneumatici per l agricoltura e nota sui mercati globali. Così come questo imprenditore, vice presidente della Libera artigiani di Crema, è stimato perché le sue analisi, oltre ad essere puntuali e lucide, sono condivise dai nostri imprenditori. A lui abbiamo chiesto un parere sulle misure del governo da qui ai prossimi mille giorni. «Non possiamo aspettare tutto questo tempo. Bisogna fare subito qualcosa e Agostino Provana questo qualcosa è impedire da adesso alla burocrazia di nuocere. In caso contrario, quante aziende riusciranno a sopravvivere nei prossimi tre anni?». Gli 80 euro in busta paga non hanno smosso i consumi? «Farò arricciare il naso a qualcuno, ma gli 80 euro sono più necessari per chi non ha uno stipendio al contrario di chi, comunque, un mensile lo porta a casa». Le tasse, giudicate troppo alte per le imprese «Le tasse si dovrebbero pagare quando uno ha guadagnato, mentre in Italia te le chiedono in anticipo, al di là dei guadagni». Sta ancora vincendo l Italia dei burocrati «Purtroppo. Non parlo solo dei burocrati romani, ma anche di quelli insediati nei Comuni e in tanti enti. I quali, invece di fornire un servizio, esercitano pure loro un potere. Siamo ormai da anni ostaggio di una burocrazia soffocante che assorbe le energie vitali di imprese e cittadini. Eppure il lavoro lo creano le imprese. Lo hanno capito bene i nostri Paesi concorrenti che hanno messo al centro delle proprie politiche le aziende, semplificando e riducendo i costi a loro carico, eliminando oneri e adempimenti inutili». In tanti Paesi all estero, le fatture si pagano a 30 giorni; in Italia no. «Da noi si tutela chi non paga. Stato compreso». Il suo giudizio su Renzi? «Spero che abbia più coraggio e faccia scelte più radicali dei suoi predecessori». Scelte radicali anche sulla riforma del lavoro? «Continuo a ribadire, ma, come si dice, repetita juvant: «Oggi non assume più nessuno. Se vogliamo che finalmente succeda, è meglio fare come in Inghilterra o negli Usa dove non c è alcun vincolo tra imprenditore e lavoratore. E, guarda caso, tutti trovano un occupazione. Il mio timore è che il Jobs Act renziano vada ad aumentare solo la burocrazia e non i posti di lavoro». In attesa della spending review di Cottarelli e di una riforma fiscale tanto volte promessa e mai attuata, in questo autunno ci saranno solo tasse da pagare: Irpef, Iva, Irap, Tasi, Imu e ancora Tari. «E vero che lo Stato ha tagliato dei fondi ai Comuni, ma molte scelte sull entità delle aliquote da applicare le decidono i sindaci e le giunte comunali. I quali stanno ulteriormente vessando le imprese che operano nei loro territori perché sono bersagli più facili da colpire». Con il mercato locale che annaspa, anche gli artigiani dovrebbero fare più export. Ma questo è possibile per le aziende piccole? «Certo. Se collaboreranno di più fra di loro e se hanno alle spalle un associazione di categoria che le supporti a 360 gradi dal punto di vista legale, della conoscenza dei bandi e delle opportunità sui mercat. Le associazioni di categoria devono aiutare gli artigiani a 360 grandi». I cinesi di Naning arriveranno a Crema: vengono per portarci il lavoro o per copiarci? «Con i cinesi avremmo sempre a che fare perché non li possiamo fermare. Io non ho, come alcuni, paura della Cina che, anzi, potrebbe rappresentare un opportunità per tante nostre imprese. L importante è continuare ad essere proprietari di know how, tecnologia e brevetti, mentre, purtroppo, difendiamo ancora poco le nostre proprietà intellettuali». Provana, lei è un ottimista «Lo sono perché faccio l imprenditore. Ma lo sono anche perché, lavorando per tanti mercati, vedo che i nostri artigiani avrebbero spazi e opportunità enormi a livello globale. Certo, non bisogna piangersi addosso, ma capire dove va il mercato (facendosi aiutare anche da utili consigli), avere in mente una strategia, fare rete con chi può diventare un valido alleato, sposare la formazione continua. Ripeto: le opportunità ci sono e sono tante, anche in tempo di crisi». Carabinieri, c è il nuovo capitano Il 1 settembre scorso, il capitano Giancarlo Carraro, 48 anni, sposato con un insegnante, padre di due figli, ha assunto il comando dei carabinieri di Crema. L ufficiale proviene dai carabinieri di Vittorio Veneto (Tv) che ha comandato per sette anni. Sostituisce il maggiore Antonio Savino, in congedo da luglio di quest anno. Polizia urbana, nuovo comandante Si è insediato il nuovo comandante della Polizia locale di Crema, Giuliano Semeraro. Classe 1957, laureato in sociologia, ha svolto fino a pochi giorni fa l incarico di comandante nella polizia Locale di Peschiera Borromeo. «Le qualità curriculari e umane del dottor Semeraro» ha detto il sindaco di Crema - mi paiono importanti ed adeguate alle aspettative che la mia Amministrazione ripone sul servizio di polizia locale». Il capo dei vigili sarà alle dirette dipendenze del sindaco. Il corpo di Polizia locale di Crema conta attualmente circa 30 unità in servizio, tra agenti, ufficiali e personale amministrativo. Ne saranno assunti altri due di vigili il 1 ottobre. Ripetiamo: a noi servono più carabinieri e poliziotti. Gente abituata a contrastare la criminalità. Crema La società targata Zucchi. Entusiasmo, umiltà e ambizione. E la D in 3 anni Crema abbraccia il Crema Tino Arpini, per il gruppo «Solo cose buone per Crema» ha scritto questa interpellanza al Consiglio comunale. Il tema: escalation degli atti vandalici a Ombriano. Dove? Come?«Nella palestra di via Toffetti, dentro e fuori. Abbandono di rifiuti e spregio del decoro urbano e ambiente. Cartellonistica e pali di sostegno divelti e buttati nelle rogge circostanti. Ricorrenti bivaccamenti notturni con disturbo della quiete e del riposo dei residenti. Incendio doloso notturno della struttura di ritrovo e socializzazione dei pensionati presso la vicina santella della Madonnina dei tre ponti. Invasione sacrilega della Cristina Firetto, Massimiliano Gnatta (direttore generale), Corrado Verdelli, Filippo Giuliani (responsabile del settore giovanile), Angelo Colombo, Giulio Rossi, Stefano Antonucci e il presidente Enrico Zucchi. Sotto, le tre maglie del Crema. di Gionata Agisti Quella che è andata in scena la sera dello scorso 4 settembre, nella cornice di CremArena, è stata una cerimonia degna di una grande società di calcio. L AC Crema 1908, nuova gestione, non nasconde le sue ambizioni e la formazione della prima squadra, costruita con una serie di giovani talenti, ne è la riprova. Un pubblico davvero numeroso ha accolto l invito del presidente, Enrico Zucchi, che ha voluto organizzare questa serata per presentare alla città i giocatori delle varie categorie e il progetto della società, dai grandi obiettivi ma con i piedi ben piantati per terra. «Il nostro progetto è di medio periodo» ha spiegato il presidente. «Tre anni, in cui intendiamo sviluppare due progetti, rispettivamente per la prima squadra e per le categorie giovanili. Per quanto riguarda la prima squadra, l obiettivo è raggiungere la serie D in tre tappe: in questa stagione puntiamo a una salvezza più che tranquilla, dopo di che ai play-off e, il terzo anno, a essere competitivi per la D». Le giovanili sono state presentate come il fiore all occhiello della società: «Generosi sponsor, tra cui i tre principali - Prosperia Advertising, Galgano Formazione e Autoscuola S. Marco - hanno permesso la realizzazione di un sogno, che passa dalla "Crema Academy" a progetti più particolari, all interno di una struttura adeguata, il centro sportivo S. Luigi, nel cuore della città. Una struttura che ha solo bisogno di qualche ritocco, ma che è ll altezza della situazione. Quello giovanile è un settore delicato, non si possono pretendere risultati a breve, ma per noi riveste un importanza considerevole». Sul palco del CremArena, coordinati dalla madrina della serata, Cristina Firetto, si sono alternati autorità, tra cui il sindaco, Stefania Bonaldi e l ex consigliere regionale, Gianni Rossoni, e dirigenti della società nerobianca, ma anche un ospite come Sergio Porrini, già difensore della Juventus, senza dimenticare chi ha preceduto Zucchi alla guida della società: gli ex presidenti Walter Fornaroli e Luigi Tajé. I valori del nuovo Crema, targato Zucchi, sono: umiltà, impegno e rispetto, valori con cui forgiare i nuovi talenti, perché il Crema, nelle intenzioni della dirigenza, non deve perdere il legame con le radici. Per questo, il sogno del presidente è quello di riuscire a stessa santella, con danneggiamenti al prezioso dipinto e imbrattamento con estintori, poi gettatii in roggia. Aggressione e furto patiti da pensionato ultraottantenne nel proprio cortile di casa sulla vicina via Cazzulli». Ma non è finita: «In pieno giorno giovedi 28 agosto, si sono affrontate due bay gang, restando vittima - con volto tumefatto - un ragazzino quindicenne, salvato da peggior sorte grazie al passaggio occasionale di un adulto residente in zona, il quale ha allertato le forze dell ordine». E allora? Spiega il consigliere comunale: «Nel recente incontro di quartiere sul tema sicurezza inserire, ogni anno, nella prima squadra, due o tre giocatori dal settore giovanile. «Non possiamo che essere felici per una squadra di nuovo circondata dall entusiasmo della sua città» ha commentato il sindaco, accompagnata dal consigliere comunale, delegato allo Sport, Walter Della Frera. «Quello che colpisce maggiormente è la volontà di puntare su un iniziativa di valore socioculturale per i giovani, perché possano crescere tanto nella tecnica quanto nell educazione e nei valori». Quella con il Comune, è stata una collaborazione improntata alla disponibilità e alla collaborazione. Come omaggio, il presidente ha consegnato al sindaco una speciale maglia del Crema, contrassegnata dal numero 1. Si diceva che la serata è stata anche l occasione per presentare i dirigenti del nuovo Crema, che di nuovo ha pure il logo: al posto del pallone, al di sopra dello scudetto, è comparsa una stella d argento, concessa per meriti sportivi dal Coni, presente alla cerimonia tramite il suo responsabile provinciale, Fabiano Gerevini. Selezionati con grande cura dal presidente Zucchi, con particolare attenzione al carattere e ai valori professati, i responsabili della società si sono alternati sul palco: il direttore generale, Massimiliano Gnatta; il consulente tecnico esterno, Corrado Verdelli, in forza anche all Inter; il responsabile del settore giovanile, Filippo Giuliani; il responsabile dei progetti speciali, Angelo Colombo; il direttore sportivo, Giulio Rossi; il team manager, Adriano Cillo e l HR manager, Stefano Antonucci, responsabile delle risorse umane. Un ruolo, quest ultimo, tipico delle grandi squadre di serie A. Infine, le squadre: davanti al loro pubblico, hanno sfilato le varie categorie giovanili e la prima squadra, allenata da Aldo Nicolini. Un gruppo, quello della formazione maggiore, che il suo allenatore ha descritto come composto da ragazzi molto intelligenti, umili e grandi lavoratori. «Il lavoro del mister mi sta convincendo» ha sottolineato il presidente. «La squadra sembra avere carattere. Delle sette amichevoli giocate finora, non ne è stata persa nessuna. È un gruppo nuovo, in quanto molti ragazzi giocano insieme per la prima volta, ma siamo sulla buona strada». Questa la rosa del Crema , a lei il compito di trasformare in realtà i grandi obiettivi della società: Federico Cantoni capitano -, Daniele Campana, Marco Barbieri, Alessio Baresi, Simone Carminati, Andrea Chiappella, Luca Dorigo, Luca Oprandi, Nicola Zanazzi, Luca Bressanelli, Fabio Fiorentini, Kristian Palocaj, Diego Pedrocca, Fabio Gallarini, Antonio Buonaiuto, Michael Longari, Mattia Marchesetti, Niccolò Pagano, Diego Piacentini e Gianluca Sciangalepore. altro servizio a pag 23 Arpini: «Come combattere i gruppi violenti a Ombriano» promosso dall amministrazione, nonostante i ripetuti e incalzanti stimoli dei partecipanti, e le molte preoccupazioni espresse, sia questa amministrazione, sia i responsabili delle forze dell ordine che l affiancavano, sono parsi sottovalutare il fenomeno, che invece trova conferma nella recrudescenza dei fatti criminosi di questi giorni». I rimedi? «Maggior presenza di vigili e più telecamere». Il consiglio del nostro giornale? «L abbiamo già scritto più volte e lo ripetiamo: sì a più telecamere, e maggior presenza di carabinieri e polizia. Di loro ci fidiamo».

11 Crema Sabato 6 Settembre Confermate dal Comune le anticipazioni del nostro giornale. Che cosa ci offrono quelli di Nanning, che cosa vogliono Il comunicato dell aministrazione comunale, emesso lunedì scorso, ha confermato quanto scritto dal nostro giornale, la settimana scorsa, in merito al gemellaggio con la città cinese di Nanning e le possibili opportunità economiche. Il merito dell apertura al mercato cinese, scrivevamo, è di Raffaele Ardia, già export manager per la Ever Elettronica di Lodi, nonché responsabile estero delle vendite per conto della storica Mae. Avendo lavorato per molti anni con l estero e conoscendo in particolare la complessa realtà cinese, Ardia ha pensato di offrire un aiuto all amministrazione comunale, con cui era già in contatto durante la campagna elettorale, per provare ad aprire un canale di comunicazione commerciale tra il gigante asiatico e la realtà produttiva di Crema e del Cremasco: settore meccanico prima di tutto. A questo punto, si è rivelato fondamentale il contributo di un altra sua conoscenza, la dottoressa Lu Haiying, originaria proprio di Nanning, ma ormai cremasca da anni. Haiying, marketing director per l Italy International Culture Economy Exchange Service, si occupa di agevolare lo scambio culturale ed economico proprio tra il nostro Paese e la Cina e, per l occasione, ha subito proposto un contatto con la sua città natale. Alla nostra domanda: «Che cosa possono offrire Crema e il suo territorio alla città di Nanning?», questa è stata la risposta: «La Cina, in genere, è molto interessata a stabilire rapporti commerciali di qualità. In questo caso, Nanning è una città che ha il suo punto di forza nell high tech e quindi nello sviluppo tecnologico avanzato e, avendo saputo che, a Crema, esiste una facoltà universitaria di Informatica e, soprattutto, un consorzio come Crema Ricerche, attorno al quale orbitano alcune start-up che si occupano di ricerca e sviluppo, è naturale che sia interessata a prendere contatto con noi». Quello che interesserebbe soprattutto la delegazione di Nanning è infatti il nostro know-how in tema di meccanica di precisione. Il Cremasco, infatti, può vantare aziende dal primato assoluto in questo campo. Ma questa era la nostra obiezione, esposta a Lu Haiying: «Non c è il rischio che, come spesso è accaduto, la Cina sia più interessata a copiare i nostri prodotti, piuttosto che a costruire delle partnership con le nostre A loro interessa meccanica, cosmesi e agroalimentare Cinesi, ecco la loro strategia aziende, di cui il territorio tutto beneficerebbe? Ed ecco la sua risposta. «In effetti, è quello che ha sempre cercato di fare, da 30 anni a questa parte. E, tuttavia, ci sono alcuni prodotti di altissima specializzazione per copiare i quali occorre grande impegno, anche in termini di investimento e un periodo di tempo che non credo inferiore a 10 anni. Probabilmente, ci arriveranno ma, nel frattempo, avranno già acquistato da noi prodotti di marca e, fra una decina d anni, quando loro si saranno avvicinati alla nostra qualità, noi saremo già un passo oltre, purché la politica faccia la sua parte, non Cinesi di Nanning e cremaschi riuniti insieme nella sala degli Ostaggi del Comune di Crema. E' la prima volta che succede. solo a livello italiano ma anche europeo, supportando le nostre aziende, con investimenti nella ricerca tecnologica. Prendiamo il caso di un colosso come la Siemens, in Germania: per la città di Shanghai, ha costruito il famoso treno a levitazione magnetica ma si è limitata a consegnare il prodotto, non certo tutto il know-how. Hai voglia di riuscire a copiarlo. E, comunque, anche se ci si riuscisse, quel modello di treno è già sorpassato». Ma non è tutto. Come si è visto, la delegazione di Nanning ha incontrato anche esponenti del settore cosmetico ed è interessata alla nostra produzione caesaria. Il perché ce lo ha spiegato la dottoressa Haiying: «La città di Nanning non è solo il polo strategico per l hightech in tutto il sud est asiatico, ma è interessata anche ad altri settori. In particolare, può vantare una fiorente industria di coltivazione di fiori, di una particolarità molto profumata. La logica conseguenza è che vorrebbe aprire un ramo di profumeria e cosmetica, per il quale non può non essere interessata a una partnership con il Polo della Cosmesi cremasco, che è uno dei principali a livello mondiale. C è poi il settore caseario. Proprio a questo proposito, sto organizzando una prossima delegazione cinese, interessata a venire nel Cremasco per imparare a produrre formaggio». Ed ecco i passi più importanti del comunicato dell amministrazione comunale: «Sorta anni fa, Nanning conta oltre 3 milioni di abitanti ed è divenuta oggi il più importante snodo economico del sud est asiatico. Il suo polo fieristico è riferimento internazionale, vista anche la posizione strategica a quasi un ora di volo da Hong Kong. In questi anni la produzione industriale della regione ha supportato il settore alimentare e l industria farmaceutica, ottenendo risultati all avanguardia. La lavorazione del famoso tè al gelsomino costituisce il 50% della produzione mondiale». «Uno dei punti di forza che può legare il nostro territorio a questa città orientaleè il reciproco interesse economico su alcuni asset. Per Crema la possibilità di attivare un canale di esportazione per tre dei suoi settori principali: cosmesi, agroalimentare e meccanica. Un rapporto, dunque, sostenuto da un lato dal riconoscimento da parte di una nazione, la Cina, che cerca sviluppo commerciale con l Occidente e dall altro l'italia che ha assoluta necessità di un rilancio attraverso le proprie eccellenze». Invitati i cremaschi a partecipare alla fiera del sud-est asiatico «Una nostra delegazione di operatori commerciali è stata invitata a visitare Nanning per partecipare presso il loro polo fieristico ad una piattaforma di cooperazione con imprenditori locali finalizzata a individuare offerta e richiesta, secondo il principio di un antico proverbio cinese che recita: Vedere le cose una volta è meglio che sentirle raccontare cento volte. La delegazione cinese ha infatti espresso grande apprezzamento per le capacità imprenditoriali cremasche, invitando tutte le aziende locali all importante fiera, giunta alla 11 edizione, Asean Caexpo. La fiera, che vede l adesione di tutti i paesi dell area sud est asiatico, rappresenta un importante momento di business che raccoglie a Nanning oltre 2000 espositori e migliaia di visitatori La municipalità di Nanning ha quindi proposto all Istituto Pacioli un protocollo di scambio studenti per stage formativi e preparazione all inserimento nel mondo del lavoro». «Made in Crema» a Venezia. Izano sbarca al Conero Il «Made in Crema» a Venezia: infatti, il 3 settembre scorso, alcune aziende che fanno parte di questo marchio sono state protagoniste di un cocktail party di Fuji Film presso la Celebrity Lounge del 71 Festival del Cinema di Venezia. Mentre il Comune di Izano ha stretto, oramai da tre anni, un Patto d amicizia con il paese di Camerano, un piccolo borgo nell entroterra della Riviera del Conero. Grazie a questa amicizia il Comune di Izano ha la possibilità di partecipare con uno stand gastronomico di prodotti tipici alla Festa del Rosso Conero: tre giorni di ottimo cibo, degustazioni, spettacoli, bancarelle. La Festa si svolge nelle tre serate dal 5 al 7 di settembre, raggiungendo punte di visitatori che superano le presenze. Grazie al Comune di Izano le aziende del «Made in Crema» avranno l opportunità di essere presenti a questo evento folkloristico per promuovere i prodotti tipici cremaschi anche sulle coste del mare Adriatico e venderli ai numerosi visitatori. Bagnolo: il «City Camp Acle» con bravi tutor irlandesi, inglesi e canadesi Hanno imparato l inglese divertendosi Foto, sorrisi, abbracci, saluti, fatica a chiudersi l album ricordi della prima intensa settimana di «City Camp Acle» che si è tenuta a Bagnolo dal 25 al 29 agosto, che ha visto partecipare 31, tra bambini e ragazzi dagli 8 ai 14 anni. Nell aria ancora l eco delle battute e dei canti del «Final Show» che è stato realizzato venerdì pomeriggio nello spazioso atrio della scuola media e degli applausi del pubblico che, divertito, ha seguito con partecipazione e curiosità lo spettacolo. In pochi giorni e con la supervisione dei bravissimi tutor anglofoni Jonathan dall'irlanda, Anika dal Canada e Joshua dalla Gran Bretagna inviati dall Acle, i ragazzi, divisi in tre gruppi per fasce d età e livello, hanno messo in scena: «Frozen», il gruppo dei più piccoli, un viaggio fantasioso e improbabile in Giamaica, il gruppo di quarta, quinta e prima media e una spassosa versione bagnolese di X-Factor del gruppo dei più grandi, che ha anche cantato, suonato e ballato sulla melodia di famose canzoni del momento. Tutto si è poi concluso con un bel momento di festa insieme nel giardino della scuola. Due parole sull approccio «Acle» nell insegnamento della lingua inglese, la cui conoscenza è ormai così fondamentale nella società di oggi. Il fondamento teorico dell insegnamento si basa sull approccio umanistico affettivo «Real» (Rational, Emotional, Affective Learning) che stimola la globalità affettiva e sensoriale del discente. L approccio «Real» aiuta lo studente ad acquisire la lingua in modo naturale e ad usarla come strumento per comunicare in situazioni reali. Tra le varie attività della settimana tre in particolare che hanno coinvolto e divertito i ragazzi: la «Scavenger Hunt», sorta di caccia al tesoro a squadre di martedì, i «Water Games» di mercoledì e «Good, better and Bes»t, dove ogni squadra sceglieva un rappresentante per gareggiare in improbabili e buffe sfide. Cornice iniziale e finale della giornata il «Warm-up» e «Cool-down» circle, canzoni in gruppo cantate e mimate che hanno reso i ragazzi, svanita la timidezza dei primi giorni, protagonisti insieme ai loro tutor. Il «City Camp» di Bagnolo è stato diretto dalla docente di inglese della Scuola Secondaria di Bagnolo, Simonetta Galli, affiancata dalla collega di lingue Laura Bianchi. Durante tutto il periodo del camp sono stati presenti anche tre studenti della scuola Superiore in qualità di «helper», esperienza che dà loro la possibilità di ricevere dei crediti formativi. Ottima opportunità di scambio culturale anche la possibilità data a tre famiglie del posto di ospitare per il periodo del camp i tre tutor per vivere ancora più intensamente e a 360 il City Camp. M in n P L d d m c s m p s

12 12 CASALMAGGIORE Sabato 6 Settembre 2014 CULTURA Oggi la Discesa sul Po in memoria di Umberto A Casalmaggiore un evento che supera i confini nazionali. Ospiti illustri e un appello pro marò I Sikh e la Festa del Turbante La conferenza stampa presso gli Amici del Po La quarta edizione della discesa sul Po in memoria di Umberto Chiarini si caratterizza per due novità di rilievo. Per la prima volta la discesa dedicata al grande ambientalista di Fossacaprara unirà davvero, e non solo idealmente, le due sponde del Grande Fiume: gli undici comuni coinvolti, infatti, rappresentano sia la riva Casalasca e Cremonese che quella Parmense e Reggiana. Ad aderire sono stati Casalmaggiore, Martignana di Po, Gussola, Stagno Lombardo, San Daniele Po, Motta Baluffi, Torricella del Pizzo e, per i territori emiliani, Boretto, Mezzani, Colorno e Guastalla. Non solo. Damiano Chiarini, figlio di Umberto e anima di questo evento sin dalle sue origini assieme all Associazione Persona Ambiente, ha spiegato che, seguendo i dettami tracciati dalla carta del Po firmata l anno scorso, l impegno ad agire diventa un obbligo morale: da qui l idea di dare vita ad una goletta verde sul Po. Casalmaggiore, seguendo un percorso già proposto da Vitaliano Daolio, pescatore professionista e gestore dell Acquario del Po di Motta, potrebbe dunque farsi carico di questa iniziativa. L evento che si terrà oggi, sabato 6 settembre, è stato illustrato nella sede degli Amici del Po dai tanti ospiti, tra cui molti amministratori del territorio. Bici e barche partiranno da tre diversi punti: alle 9.30 da Sacca di Colorno, alle 10 da Casalmaggiore e Guastalla, sempre in zona Lido Po di ciascuna delle tre località. Alle 11 è previsto il primo approdo per l aperitivo presso il porto turistico di Mezzani Inferiore, alle dopo la ripartenza l arrivo definitivo a Viadana, con l attracco al ponte vecchio e il pranzo. Da lì partirà un pomeriggio di riflessioni inaugurato alle 14 dai canti popolari de I giorni cantati e Peto e Leo della Lega di Cultura di Piadena. Alle 15 un primo momento importante: verrà chiesto a tutti i sindaci dei comuni partecipanti cosa è stato fatto in questo anno passato dopo la firma della Carta del Po, in difesa del Grande Fiume. Progetti concreti dunque, oltre le parole. Alle ore 16 Guido Conti presenterà il suo libro Il Grande Fiume Po, edito da Mondadori, con intermezzi musicali e finale con i Corimè, finalisti per il concorso Voci per la libertà di Amnesty International. La festa, per chi vorrà, proseguirà a Tutti Matti per Colorno, con la festa del circo e del teatro da strada. Risparmio energetico Seminario martedì a Scandolara SCANDOLARA RAVARA Un energia fatta in casa a costo zero, da utilizzare per riscaldamento ed elettricità, da conservare per poi alimentare l auto elettrica. Uno scenario del futuro, ma di un futuro che secondo gli esperti si sta avvicinando a ritmo sostenuto. Per saperne di più sul tema, martedì nella Sala Polivalente di Scandolara Ravara si terrà dalle 20,30 alle 22,30 un seminario informativo gratuito sul risparmio energetico delle abitazioni, al fine di ridurre i costi e aumentare il comfort. Saranno presenti i consulenti energetici di Unicanetwork di Viareggio. La locandina dell evento è accattivante. Già le prime domande, lo sai che puoi risparmiare fino al 90% della bolletta elettrica?, che si può risparmiare fino al 100% del consumo di combustibile per il riscaldamento? sembrano concretizzare il sogno di tanti utenti oberati da bollette salasso. L evento è patrocinato dai Comuni di Scandolara Ravara, Cingia de Botti, Gussola, Motta Baluffi e Martignana Po, oltre che dal Rotary Club Casalmaggiore Oglio Po. Il tema verrà affrontato sotto vari punti di vista. Dagli obiettivi energetici europei, italiani e comunali all analisi dei costi delle abitudini abitative, dagli accorgimenti per risparmiare al comfort abitativo. L obiettivo è di effettuare un uso congiunto di più tecnologie per l efficienza energetica della casa. Secondo un recente Si celebra domani l evento europeo della comunità Sikh, cioé la Festa del turbante, che nell intera giornata di domenica mira a portare a Casalmaggiore, presso il parco Bodana Bastoni, ben 3mila indiani di etnia Sikh da tutta Europa. Dopo il segnale distensivo arrivato dalla comunità con l annuncio della raccolta firme a favore della liberazione dei marò italiani ancora bloccati in India tra pasticci diplomatici e una giustizia dai tempi biblici, i Sikh fanno un ulteriore passo verso la comunità casalese, e italiana in generale, spiegando che il ricavato della Festa del Turbante sarà devoluto alla Croce Rossa Italiana, che proprio a Casalmaggiore peraltro ha festeggiato le sue Olimpiadi salvavita regionali. Con il Comitato di Casalmaggiore della Croce Rossa già da tempo è stato intessuto un rapporto di stima e amicizia. Nel 2013, infatti, la Cri di Casalmaggiore ha effettuato presso la comunità indiana prevenzione medica e cardiologica, ma ha anche organizzato lezioni di sicurezza stradale, disotruzione pediatrica e primo soccorso. La comunità Sikh, molto numerosa nel Casalasco e in tutta la provincia Cremonese, ha invitato il Prefetto e il Questore di Cremona, i comandanti provinciali dei Carabinieri, la Guardia di Finanza, i Vigili del Fuoco, i direttori di ospedali di Cremona e Casalmaggiore, oltre al personale dell Asl, degli Istituti Scolastici di tutta la provincia, soprattutto quelli che ospitano, tra gli studenti, ragazzi indiani. Ma l invito è stato esteso anche ai sindaci casalaschi e delle zone, anche provinciali, limitrofe. Non solo: un invitato clou, che ha già garantito la sua presenza, sarà l ambasciatore indiano a Roma, oltre a tre importantissimi esponenti politici e religiosi Sikh in arrivo da New Delhi dalla Sikh Gurdwara Menagement Commitée (uno dei tre è esponente del Parlamento Indiano). Con loro un ex dirigente della Fiat di Torino, di origine indiana, e anche l amico personale di Sonia Gandhi, Avtar Singh Rana, che è stato anche vicesindaco della città di Orbassano, il console britannico e il console Usa di Milano (anche se questi ultimi due devono ancora confermare la presenza). L evento, come noto, sarà trasmesso in diretta europea su Sikh Channel, nelle varie sedi di Londra, Dublino, Toronto e nel Punjab indiano. All ambasciatore indiano che sarà presente a Casalmaggiore verrà consegnata la raccolta firme per chiedere la liberazione dei due fucilieri italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, perché, dicono i Sikh, il comportamento indiano nelle assurde lungaggini burocratiche sta violando tutti i diritti fondamentali di giustizia e umanità. Per questo a Casalmaggiore è anche stata invitata la comunità Sikh di Brescia, che nei mesi scorsi si è resa protagonista di una protesta clamorosa, con cortei e opere di volantinaggio a favore dei marò. To r n a n d o a l p r o g r a m m a dell evento, viene annunciata la presenza anche di Avis Casalmaggiore, per sensibilizzare giovani indiani sull importanza di donare sangue, così come non mancheranno interpreti che aiuteranno i partecipanti di lingua italiana a conoscere la cultura indiana, mentre sarà possibile, per i più piccoli, usufruire di uno spazio giochi con i gonfiabili. Chi vorrà potrà inoltre scattarsi una foto ricordo grazie al box istantaneo approntato da FotoRastelli. Ma l invito dei Sikh non si ferma, ed è rivolto pure ai commercianti del Casalasco. Per informazioni è possibile contattare i numeri oppure I Sikh di Casalmaggiore si augurano che la Festa del Turbante possa essere un punto di incontro e scambio interculturale e interreligioso di carattere europeo, ispirato ai valori della pace. servizio di Repubblica, il modello è quello della posa di pannelli fotovoltaici sul tetto, capaci di immagazzinare l energia prodotta in surplus in una batteria al litio che di notte va ad alimentare l auto elettrica in garage. I costi di acquisto di pannelli, batterie al litio e auto elettriche sono destinati a crollare, tanto che secondo gli esperti nel 2015 questa sarà una situazione normale, capace di fare risparmiare alle famiglie un migliaio di euro l anno. Villa Medici rocca delle meraviglie Presentate visite guidate e attività didattiche riservate alle scuole Da sinistra Alice Buoli, Pierguido Asinari ed Elisa Bozzetti SAN GIOVANNI IN CROCE Una nuova iniziativa coinvolge Villa Medici del Vascello, e stavolta è indirizzata alle scuole. Si chiama La rocca delle meraviglie, ed è stata presentata in una conferenza stampa mercoledì pomeriggio presso il Municipio di San Giovanni dal sindaco Pierguido Asinari e da Elisa Bozzetti (laureata in Conservazione dei Beni Culturali e guida turistica abilitata) e Alice Buoli (laureata in Arti Visive presso l Accademia di Brera a Milano), che assieme a Fausto Leandri (naturalista) si occuperanno del progetto. «Questa ha affermato il sindaco è una proposta didattica riservata alle scuole, che fa seguito alle tante richieste di conoscere Villa Medici e il suo parco, che offrono tanti motivi di interesse. Ringrazio Elisa Bozzetti che sarà la coordinatrice e operatrice, affiancata da Alice Buoli per la parte artistica e da Fausto Leandri per quella naturalistica. Sono tutti di San Giovanni, e sono orgoglioso che qui da noi ci siano tanti esperti qualificati. L iniziativa offrirà ai ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado visite guidate a 360 gradi. Gli studenti sceglieranno anche il nome del logo della rocca, ideato proprio da Alice Buoli». «Per me ha aggiunto Elisa Bozzetti è un sogno che si realizza. Siamo tutti consapevoli dell importanza di collaborare con le generazioni cui consegneremo questo tesoro. Noi abbiamo combattuto per questo, vogliamo che anche i bambini si sentano coinvolti, siano protagonisti di questa rinascita, per amare e salvaguardare la rocca. Quanto al progetto, le visite guidate saranno calibrate in base all età». Le attività didattiche, come ha aggiunto Alice Buoli, troveranno spazio proprio nella rocca, in uno spazio appositamente riservato. «Abbiamo contenuto i costi delle visite: si va dai 100 euro per classe per un ora e mezza che comprende visita e attività didattica sino a 250 per l intera giornata, compreso il materiale che sarà consegnato. Fausto Leandri presenterà un progetto ad hoc finalizzato alla conoscenza del parco. Voglio aggiungere però che gli insegnanti che chiameranno potranno costruire la visita della loro classe in base alle esigenze. Se poi fossero interessate anche alcune Superiori non ci sono problemi». Le attività didattiche proposte sono davvero molteplici. Si va da Il giardino dei segreti a Il volto, ritratto di... (Parole? Frutti? Animali?), e poi Erbario, Come Monet, Bestiario, Pittori nell anno 2000, Baci di Cecilia,... E vissero tutti felici e contenti, Il tesoro del castello e Amico albero. Le visite guidate classiche proposte, con accompagnamento di personaggi in costume, sono tre. La villa che comprende visita e un attività didattica, La villa e il parco, più lunga e approfondita, e San Giovanni al tempo di Cecilia, della durata di un intera giornata. La biodiversità del bosco della rocca sarà invece una visita guidata di carattere naturalistico, alla scoperta degli splendidi ambienti del parco. Per informazioni e prenotazioni è possibile rivolgersi presso la Biblioteca Comunale al numero 0375/310279, oppure inviando una mail all indirizzo Per finire, restando a Villa Medici del Vascello, comunichiamo che la scadenza per la consegna delle foto del concorso fotografico, che saranno esposte nel corso della Fiera Settembrina, le migliori delle quali verranno stampate su un calendario, è lunedì 15 settembre e non l 8 settembre, come precedentemente comunicato.

13 Casalmaggiore Sabato 6 Settembre Grave infortunio al braccio ad un giardiniere. Soccorsi tempestivi e tragedia evitata Cade dalla scala, si taglia con la motosega La scena di ieri mattina a Torricella del Pizzo Depositate tre interpellenze sull ex direttrice del museo Bellingeri, sull ex sindaco Magni e sul traffico Scandolara, minoranza critica di Vanni Raineri L' insidia è dove meno te la aspetti. Il Consiglio comunale di Scandolara, seguito dall assemblea di Municipia per l approvazione dei regolamenti su biblioteca e volontari, di mercoledì sera era temuto per i recenti dissapori emersi (proprio sul tema dei volontari) tra gli amministratori Scandolara e Motta Baluffi, invece gli spunti di polemica sono venuti tutti da Scandolara, per la precisione dai banchi della minoranza. La seduta del Consiglio comunale verteva unicamente sulla nuova convenzione per la gestione associata del servizio di segreteria (poi approvato nella stessa serata a Motta e lo sarà quest oggi a Cingia de Botti), che è temporanea in attesa del coinvolgimento di altri comuni, Gussola in primis. Al termine della TORRICELLA DEL PIZZO Infortunio sul lavoro a Torricella del Pizzo ieri mattina poco prima delle ore 9. Coinvolto un giardiniere residente a Cremona e impegnato in un abitazione di via Guido Rossa. L uomo stava usando una motosega ed era su una scaletta per tagliare delle piante. Ad un certo punto, per cause da accertare, la scala è caduta e l uomo perdendo l equilibrio non è più riuscito a mantenere il controllo I componenti della giunta dell'unione Municipia della motosega, procurandosi una profonda lacerazione ad un braccio. Sul posto sono accorsi l ambulanza della Padana Soccorso e l automedica dell ospedale Oglio Po di Vicomoscano, partite entrambe in codice rosso data la gravità dell infortunio. Arrivati anche i Carabinieri di Casalmaggiore per accertamenti. Il giardiniere se l è vista molto brutta perché si è tagliato sia vene che arteria, esponendosi al forte seduta però i consiglieri di minoranza Francesco Borghesi, Gianluca Veronesi ed Emanuele Scaravonati hanno depositato tre interpellanze al sindaco. La prima riguarda la figura dell ex conservatore del museo dei Cordai Lia Bellingeri, che ha reclamato un comportamento non rispettoso degli accordi da parte degli amministratori. Questi recentemente, pur riconoscendo la sua competenza, hanno deciso di affidare la gestione ad una commissione, e direzione e presidenza all assessore alla cultura Gianluigi Zedde (fino al 31 luglio era Velleda Rivaroli, oggi sindaco). Incarichi questi ultimi che non comportano spese per il Comune, il che sembra il vero motivo della scelta fatta. La seconda interpellanza investe la figura dell ex sindaco Gianmario rischio di un rapido dissanguamento. Il giardiniere deve ringraziare il tempestivo intervento della padrona di casa che ha praticato subito uno stretto nodo alla parte alta del braccio, evitando gravi emorragie. Molto vicino alla zona dell infortunio abita il medico Eros Adami, che avvertito dai residenti è intervenuto prestando i primissimi soccorsi. L uomo è stato trasportato in codice giallo all ospedale di Vicomoscano. Magni. Considerata la presenza di dati sensibili negli uffici comunali, recita il testo, come mai Magni continua a frequentare i locali del comune e partecipa a riunioni e incontri vari? Con quale titolo, non avendo accettato l incarico di assessore esterno? L ultima interpellanza è sul traffico: in alcune vie del paese non viene rispettato spesso il limite di velocità, e si chiedono quali misure si intendano prendere al proposito. Il sindaco Rivaroli risponderà alle tre interpellanze per iscritto nel prossimo consiglio comunale. Tutto più liscio del previsto invece sull approvazione dei due regolamenti nell assemblea di Municipia. Rimangono le biblioteche sia a Scandolara che a Cingia, e presto prenderanno il via iniziative di promozione della lettura nelle scuole. Ok all unanimità sul regolamento che disciplina l attività dei volontari. Scatta la Fiera a Solarolo Rainerio e Piadena Le due Pro Loco all opera. A Solarolo domani il clou col Palio, a Piadena due settimane di eventi SOLAROLO RAINERIO Ha preso il via ieri la Fiera Settembrina di Solarolo, che si concluderà lunedì 8. Ad organizzarla, la locale Pro Loco con la collaborazione dell Oratorio e il patrocinio del Comune. Ieri si è avuta nei giardini pubblici l inaugurazione della mostra d arte curata da Daniele Azzoni e Tillio da Milano, e in serata spazio allo sport con una dimostrazione di karate e la presentazione dei gruppi sportivi dell Unione Palvareta Nova, e alla serata brasiliana. Oggi alle ore 16 intrattenimento per i bambini, alle 17 le premiazioni del 20 concorso di prosa e poesia e 11 concorso di arti grafiche, e alle 18 sarà inaugurata presso le ex scuole elementari la mostra fotografica Viaggiare con le immagini in ricordo di Renato Dugoni, recentemente scomparso. Alle 19,30 la cena in oratorio e alle 21,30 intrattenimento musicale con l orchestra di Rebecca Bonoldi. Domani si inizia alle 7,30 con la gara di pesca presso il canale acque alte; alle 8 mostra di moto da cross e d epoca degli anni 70. Nella mattinata Rioni in festa. Alle 15,30 la sfilata storica del Palio delle Contrade con giochi tra i rioni al campo sportivo dell oratorio. Alle 18 sfilata di moda Portici 46, e dalle 19,30 aperitivo in piazza a cura del ristorante La Clochette. A seguire la cena in oratorio e alle 21 serata con musica e balli latino-americani. Molto interessante l appuntamento di chiusura, lunedì 8 settembre alle 21 in piazza, dal titolo Con il canto, con le parole: che musicaaa!!!. Si tratta di un progetto scenico di e con Jim Graziano Maglia che si avvarrà della partecipazione di Pierpaolo Vigolini al pianoforte e di Musincanto (Sara Stacchezzini canto e Giampiero Gallo tastiere), ma non mancheranno altre incursioni. Si tratta di un genuino recital di musiche, canzoni e di parole... senza fine e con sorprese come promette la locandina. Tra gli ospiti ci saranno certamente la poetessa Idia Brighenti, originaria di San Lorenzo Aroldo, e l attore e regista teatrale Mauro Adorni di Torricella del Pizzo. Tutte le sere la cena è con menu a base di stracotto d asino ed altre specialità preparate appositamente per il Palio. Ogni sera sarà presente un gruppo di artisti madonnari con le loro opere. Aperta nelle ex scuole la mostra della civiltà contadina. PIADENA Da domenica 7 a domenica 21 settembre, la Fiera di Piadena nei suoi 15 giorni sarà ricca di iniziative, presentate in una conferenza stampa. L attesa è tanta, perché l evento vede all opera la nuova Pro Loco presieduta dalla giovane Marta Di Fonzo, e l amministrazione del neosindaco Ivana Cavazzini, oltre che il neonato Comitato Fiera. A presentare l'evento, anche l'assessore a Sport e Manifestazioni Maurizio Bastoni, il vicepresidente della Pro Loco Maurizio Ziglioli, il consigliere comunale Andrea Volpi e l assessore alla Cultura Marica Dall Asta. Ecco il programma della fiera fino a venerdì 12, i successivi appuntamenti saranno riportati sui prossimi numeri. Domenica 7 settembre. Ore 9: Via Marconi, X edizione Biciclettata Avis. Ore 11: XII Rievocazione Storica 200 Miglia di Cremona, Auto storiche in piazza Garibaldi e via Cavallotti. Ore 18: Chiostro Palazzo Comunale, Presentazione Coscritti Ore 21: piazza Garibaldi, Grande Tombola della Fiera. Martedì 9 settembre. Ore 21.15: sagrato Chiesa di Vho, Apertura ufficiale della fiera con la banda cittadina di Castel Goffredo. Mercoledì 10 settembre. Ore 20: Giardini Pubblici, Musica Aperitivo con dj Led. Ore 20.45: Un Mercoledì da Campioni, Presentazione delle società sportive piadenesi. Giovedì 11 settembre. Ore 19.30: Giardini Pubblici, Serata Giovani con dj Led, dj Lancio, dj Fefo. Ore 19.30: Chiostro Palazzo Comunale, Aspettando Expo Venerdì 12 settembre. Ore 21: Chiostro Palazzo Comunale, Apertura ufficiale mostre. Ore 21: Giardini Pubblici, Serata di danza con la scuola di Leila Troletti e Marian Serbanescu. IN BREVE Quattrocase, zucche ok QUATTROCASE Nonostante il meteo non certo estivo, è riuscita la seconda edizione di Quattrocase e le sue zucche. Tanta gente nelle tre serate dedicate al menu a base di zucca, con protagonisti principali i tortelli, ma anche la domenica sera, quando dalla cucina sono usciti gnocco e gnocca fritti e affettati, grazie anche alla presenza dell artista locale Alessandro Zaffanella, che incurante della pioggia ha proposto uno spettacolo come sempre avvincente. Un inghippo nella stessa serata di domenica, con l umidità che non ha consentito l ottimale lievitazione dell impasto per il gnocco fritto con la conseguenza che non è stato possibile accontentare tutti i presenti. Chiesa è Mister Gamba T O R R I C E L L A DEL PIZZO E Riccardo Chiesa di Casalmaggiore, militante nel Volley Viadana, Mister Gamba Il volley strappa così lo scettro al basket, che primeggiò lo scorso anno. Basket che ha eguagliato grazie a Michael Bosiako Antiwi ex aequo al 2 posto il calcio, rappresentato da Michele Rivieri da Villanova, militante nella squadra amatori di Rivarolo del Re. La 5ª edizione del concorso che mischia bellezza maschile e tanta ironia ha registrato un notevole numero di partecipanti, ben 24, che hanno sfilato sul palco allestito presso l agriturismo Torretta davanti ad un buon numero di persone che hanno avuto l opportunità di gustare l offerta gastronomica, la musica anni Sessanta/ Settanta proposta da Giuliano Quarantotto e la ben nota verve comica di Mauro Adorni, che ha presentato alla sua maniera il concorso e strappato tante risate al pubblico con le sue barzellette. La domenica è toccato all Est Summer Party con la presenza del Boot Camp Challenge che ha impegnato i ragazzi più atletici. Asini in festa a Gussola GUSSOLA Nuovo appuntamento con gli asini grazie all associazione Natura Amica onlus. Domani in località Valloni a Gussola si terrà Un Po di asini in festa. Il programma inizia alle 10,30 con un percorso con la conduzione a gruppi dell amico asino. Quindi la staffetta dell amicizia, e alle 12,30 il pranzo asinaro con spiedo o grigliata di carne, a cura del Gruppo Alpini di Castel Goffredo e dell associazione Oltrefossa di Fossacaprara. Seguiranno premiazioni, intrattenimento musicale, baby animazione nel nuovo parco giochi attrezzato, con i madonnari Rodomonte Gonzaga di Rivarolo Mantovano e il museo scientifico Explorazione di Treviglio. Patrocinano Regione Lombardia e Cassa Padana. Fiera anche a Martignana MARTIGNANA PO Tempo di Fiera anche a Martignana, che da giovedì 11 settembre torna Repubblica degli Artisti con la Fiera di San Serafino. Il primo appuntamento di giovedì, alle 21 nella sala Papa Giovanni Paolo II, sarà la commedia dialettale Sal e pevar proposta dalla Compagnia Avis Teatro di Casalmaggiore. Venerdì alle 21,30 in oratorio Strada facendo in concerto, con apertura del servizio bar cucina. Il resto del programma verrà pubblicato sul numero di sabato prossimo. Tombola al Centro Culturale GUSSOLA Il Coordinamento Popolare di Gussola invita i propri soci stasera, sabato 6 settembre, alle ore 21 presso il Centro Culturale, dove si terrà la prima tombola della nuova stagione.

14 14Sabato 6 Settembre 2014 Speciale Edilizia Si potranno eseguire i lavori in casa senza chiedere l autorizzazione; basterà la segnalazione al Comune Sono tredici gli articoli inseriti nello Sblocca Italia, presentato dal premier Renzi venerdì 29 agosto, in merito all'edilizia domestica. Si tratta di misure finalizzate a incoraggiare i lavori di ristrutturazioni, attraverso sgravi fiscali, bonus e semplificazione delle procedure. Per il momento sono solo proposte, su cui ora stanno lavorando i tecnici di Palazzo Chigi, allo scopo di individuare le coperture necessarie, che potrebbero essere un problema. Ecco i punti salienti del pacchetto. STOP AD AUTORIZZAZIONI Il cittadino potrà fare lavori in casa senza alcuna autorizzazione. Basterà una semplice comunicazione al proprio Comune, la Scia (cioè la Segnalazione certificata di inizio attività). Ammessi frazionamento e accorpamento di unità abitative (sì ad abbattimento di tramezzi e divisione di immobili), escluse le opere che comportano aumento di volumi (no a creazione di vani ex novo). Scompare il contributo ai Comuni che però, compenseranno con Imu, Tasi, Tari. REGOLAMENTO EDILIZIO UNICO In arrivo un regolamento edilizio uguale per tutti gli 8mila Comuni italiani. Sblocca Italia, 13 i punti per l edilizia ACQUISTARE PER AFFITTARE A CANONE CONCORDATO Se un privato, una coop edilizia o una onlus comprano un immobile nuovo o completamente ristrutturato in classe enrgetica A o B e lo affittano a canone concordato (a tutti fuorché parenti di primo grado), ricevono uno sconto Irpef notevole: deduzione del 20 per cento del prezzo di acquisto, al massimo 300mila euro, spalmato in otto anni. Un risparmio insomma, di euro all'anno, 60mila euro in totale. BONUS PER ADEGUAMENTO SISMICO Dal primo gennaio 2015 chi La norma più importante per le famiglie è la cessazione dell'obblico di chiedere autorizzazione per gli interventi di ristrutturazione. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Maurizio Lupi, ricordando che tale norma si applicherà ad interventi che non modificano la volumetria dell immobile. Il cittadino - spiega meglio un comunicato del Ministero - diventa padrone in casa propria e può fare liberamente lavori (abbattere realizza un adeguamento sismico può detrarre tra il 50 e il 65 per cento della spesa fino a 60mila euro. BONUS PER RISPARMIO ENERGETICO Il bonus per chi installa impianti che usano fonti energetiche rinnovabili dovrebbe coprire il 50 per cento con un tetto di detrazione massima di 96mila euro. La possibilità di cumulare bonus energetico e bonus antisismico però, è ancora in attesa di definizione. Serve un Decreto ministeriale attuativo da definire tra Ministero dell'economia, quello dell'interno e Protezione civile. tramezzi, creare nuove stanze...) che non cambino la volumetria, basta una semplice comunicazione al Comune. Ad oggi, secondo il Testo Unico dell Edilizia (Dpr 380/2001), gli interventi di manutenzione straordinaria sono le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e BONUS PER LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE Il bonus del 50 per cento sui lavori in ristrutturazione edilizia viene abbandonato alla sua naturale scadenza a fine 2014, con il passaggio automatico dello sgravido dal 50 al 40 per cento. CITTADINI SPAZZINI Possono essere esonerati dal pagamento del "corrispondente tributo" (la Tari) quelle "comunità di cittadini, associazioni no proft e rappresentanze economiche" che presentano un progetto di riqualificazione che consiste nella "pulizia della stessa area, nella manutenzione e nell'abbellimento di aree verdi, piazze e strade anche mediante la collocazione di arredo urbano o la realizzazione di eventi". ROTTAMAZIONE E PERMUTA Chi rottama una casa a bassa prestazione energetica riceve uno sconto sulle imposte immobiliari (imposta ipotecaria, di registro, catastale) dovute in misura fissa anziché percentuale (circa 600 euro). Stop all obbligo di autorizzazione, una delle norme più importanti per le famiglie italiane le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso. Con le modifiche volute dal Ministro Lupi, a questi lavori si aggiungerebbero "gli interventi consistenti nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione delle opere anche se comportano la variazione del carico urbanistico purché si mantenga l originaria destinazione d uso".

15 Speciale Edilizia Sabato 6 Settembre L Agenzia delle entrate ricorda che fino al 31 dicembre l aliquota sarà al 50%, dal 2015 calerà al 40% Continuano le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni, pari al 50%. E' bene ricordare, in particolare, che essa è riconosciuta anche se l immobile, accatastato come ufficio, dopo i lavori viene trasformato in una o più abitazioni. Nel provvedimento amministrativo che autorizza i lavori deve però essere indicato in modo chiaro che gli interventi comporteranno il cambio della destinazione d uso e in che modo essa verrà concretizzata. Il Fisco ha spiegato anche che è detraibile la spesa per la ristrutturazione sostenuta dal familiare convivente che non risulta intestatario dei bonifici e della fattura a condizione che nella fattura sia annotata la percentuale di spesa sostenuta dal familiare convivente non intestatario. L'Agenzia delle entrate ricorda che fino al 31 dicembre 2014 il bonus ristrutturazioni avrà l aliquota al 50% con un tetto di spesa pari a 96 mila euro. Nel 2015 la detrazione fiscale calerà al 40%, ma il tetto di spesa continuerà ad essere 96 mila euro. A partire dal 2016, il bonus tornerà all aliquota ordinaria del 36% e il tetto di spesa scenderà a 48 mila euro. Tra gli interventi che danno diritto alla detrazione del 65% per il miglioramento dell efficienza energetica degli edifici l Agenzia delle Entrate include anche la sostituzione del portone di ingresso. Come evidenzia l'agenzia delle entrate, "che deve trattarsi di serramenti che delimitano la parte riscaldata dell'edificio rispetto a quella esterna o ad altri locali non riscaldati e che vanno rispettati gli indici di trasmittanza termica richiesti per la sostituzione delle finestre, contenuti nelle tabelle 4.a e 4.b, al punto 4 dell allegato C al D.lgs 192/2005". La detrazione per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici sarà pari al 65% fino alla fine del 2014, mentre decrescerà al 50% nel 2015 e tornerà al 36% nel Nei condomini le spese sostenute fino al 30 giugno 2015 saranno detraibili al Ristrutturazioni, continuano le detrazioni 65%, mentre quelle effettuate fino al 30 giugno 2016 usufruiranno del bonus al 50%. L Agenzia delle Entrate è intervenuta anche in merito alla cedolare secca. Si tratta dell imposta del 21% o 15%, ridotta al 10% per il quadriennio dal Piano Casa, che si applica ai contratti di affitto e che sostituisce l Irpef e le relative addizionali, l imposta di registro e l imposta di bollo. Chi la sceglie, ha ribadito il Fisco, non può chiedere l aggiornamento del canone di locazione e non deve rinnovare l opzione ogni anno, perché questa è valida per tutta la durata del contratto. Incentivi per l arredamento sempre più vantaggiosi Gli incentivi per la ristrutturazione edilizia o per l arredamento sono molto vantaggiosi. Gli sconti furono introdotti inizialmente a favore della ristrutturazione edilizia e dell arredamento, settori più in crisi, agevolando così le ristrutturazioni di interni e i miglioramenti dell efficienza energetica, senza tuttavia superare una spesa di 10mila euro. Grazie alle nuove normative, si possono innanzitutto intervenire anche su lavori più ampi e gravosi, gli interventi cioè di manutenzione straordinaria sull immobile ma, soprattutto, si è liberi dal tetto massimo di spesa fissato dai 10mila euro. In pratica, rientrano nelle nuove disposizioni degli sconti previsti dal Bonus Mobili 2014: ristrutturazioni o miglioramenti dell efficienza energetica, acquisti di mobili ed elettrodomestici che non superino il costo di 10mila euro, cifra che, escludendo i lavori della ristrutturazione, non sarà inclusa nella dichiarazione dei redditi dell anno passato. Lo sconto riguarda principalmente l acquisto di elettrodomestici come: forni, forni a microonde, frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici, asciugatrici, apparecchi per il condizionamento o per il riscaldamento che appartengano ad una classe energetica non inferiore alla A e siano provvisti di etichetta. Lo sconto sarà rateizzato in dieci quote annuali, per le spese sostenute nel periodo che va dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre E' possibile beneficiare del Bonus Mobili 2014 per l arredamento e allo stesso tempo per le ristrutturazioni edilizie, se le spese per l acquisto di mobili ed elettrodomestici sono state sostenute prima di quelle per la ristrutturazione, ed i lavori sono già avviati. E' sufficiente dimostrare che la data di inizio dei lavori sia anteriore alla spesa dell acquisto degli elettrodomestici, grazie alle ricevute dei pagamenti conservate che comproveranno il diritto alle agevolazioni. Purtroppo, non beneficeranno dei Bonus Mobili 2014 le spese effettuate in contanti o assegni: per pagamenti si intendono quelli effettuati con carte di credito o bonifico.

16 16 Sabato 6 Settembre 2014 Speciale Lavoro Cambia il modo di gestire le pratiche: tutto si potrà fare online. Si tratta di una piattaforma flessibile e personalizzabile Sportello unico per favorire i professionisti dell edilizia Cambia il modo di gestire le pratiche edilizie: più efficienza, meno burocrazia, più comodità. E' nato infatti, per i professionisti, lo sportello unico CPortal, adottato finora in più di cento Comuni italiani. Il progetto è stato sviluppato da una società specializzata in software e soluzioni per l automazione degli uffici tecnici della Pubblica amministrazione, per rispondere all esigenza di trasferire in modo più agile le informazioni da ufficio a ufficio, da professionisti (ingegneri, architetti, geometri) a uffici e da Comune a cittadino. Ad oggi sono circa 10mila le pratiche presentate. Moltissimi, i vantaggi per i professionisti del settore: dal recupero via Internet delle informazioni relative alle modalità di presentazione delle pratiche e della modulistica autocomponibile secondo quanto richiesto dall ufficio tecnico, alla conservazione in un archivio personale, di ogni professionista, che contiene i documenti prodotti per la presentazione della pratica. Il sistema permette l utilizzo di tabelle, predisposte e aggiornate dall ufficio comunale, inerenti vie, zone del Prg, tipi di interventi, oneri di urbanizzazione. Con lo sportello diventa praticamente impossibile commettere errori nella presentazione di una pratica edilizia perché il sistema accompagna passo dopo passo il professionista nella compilazione della documentazione, segnalando eventuali errori e omissioni. CPortal si basa su una piattaforma tecnologica di content management system che è web based e open source, perciò altamente flessibile e personalizzabile. Si tratta di un sistema modulare che consente di attivare o disattivare singoli moduli legati a differenti funzionalità in tempi diversi. L attivazione di uno di essi non comporta alcuna modifica al sistema, né l installazione di componenti ag- Cinque moduli per ogni tipo di necessità giuntive. Una sezione di amministrazione di CPortal permette di intervenire sulla configurazione e sulla gestione dello sportello in funzione delle proprie necessità. I moduli sono cinque: ArchiPro per la presentazione delle pratiche edilizie, ArchiNet per la consultazione delle pratiche, VoloNet è la parte dedicata alla cartografia online. Inoltre, il modulo Catasto è dedicato alla consultazione dei dati catastali, mentre per l accesso alla modulistica e ai regolamenti comunali, è disponibile NormaChiara. Il modulo ArchiPro permette al professionista di inoltrare al Comune, tramite Internet, la domanda di una pratica edilizia completa di tutti i dati e gli allegati necessari che il funzionario pubblico può automaticamente Il presidente dell Ance Buzzetti lancia l allarme: In Italia troppa burocrazia» In edilizia burocrazia eccessiva. A dirlo, con parole forti, è stato nelle scorse settimane il presidente dell'ance Paolo Buzzetti che, nel corso dell'assemblea annuale tenutasi ieri a Palazzo dei Congressi a Roma, ha avanzato l'ipotesi di chiudere tutte le imprese. «La situazione è così drammatica - ha affermato Buzzetti - per il settore delle costruzioni che viene spontaneo chiedersi se non sia il caso di chiudere le nostre imprese con il minor danno possibile per i nostri dipendenti". Il comunicato di fine assemblea ha evidenziato come l'italia è un paese malato di burocrazia inefficiente in cui ottenere un permesso di costruire è un'impresa: nel 2013 l'indagine Doing business, facendo un confronto tra 185 Paesi in merito alle pratiche relative all'ottenimento del permesso di costruire ha collocato l'italia al 103 posto». E nel 2014? Secondo Buzzetti «siamo scesi al 112! Mentre la Germania è al 12 e Francia e Spagna sono rispettivamente al 52 e 38 posto. Da una consultazione pubblica avviata dal Governo nel 2013 sul tema dell'efficienza della pubblica amministrazione, risulta che gli adempimenti in materia edilizia sono risultati al 2 posto tra le 100 procedure più complicate da semplificare». Per il presidente Ance: «Anche se si respira un nuovo clima di fiducia grazie agli importanti annunci del Governo, ora servono misure concrete, perché i continui 'stop and go' non stanno facendo ripartire il motore dell'economia. E' indispensabile un patto tra Governo e la filiera delle costruzioni, primo vero motore economico del mercato interno italiano e unico in grado di far ripartire in modo stabile occupazione e crescita». Si pone l'accento anche sul tema della corruzione e gli avvenimenti di stretta attualità legati ad Expo e Mose. Occorre che un'economia di mercato aperta e in libera concorrenza «garantisca alle imprese operanti nel mercato unico europeo, identiche condizioni di azione, contrastando ogni normativa nazionale che determini un ingiustificato svantaggio per alcune di esse». E' necessario agire, secondo Buzzetti, «per stimolare la concorrenza, proponendo misure atte ad allargare il mercato interno dei lavori pubblici, consentendo la realizzazione di opere con tempi e costi adeguati e contrastando quelle norme, che, agendo in chiave contraria, creano mercati chiusi, disparità di trattamento tra gli operatori economici, provenienti dai diversi Stati Membri, o anche consolidano ingiustificate posizioni dominanti. Basta alle deroghe che alterano il mercato importare nel software di gestione Archi 7. Per ogni tipo di pratica, CPortal fornisce informazioni relative al procedimento. Prima che la pratica sia inviata al Comune, il sistema fa un controllo formale di correttezza e completezza dei dati inseriti e, solo quando la pratica è completa e corretta, permette di inoltrarla tramite Pec all ufficio competente. Per ricercare e consultare le pratiche edilizie in modo da visualizzarne l iter cronologico o i dati della cartografia, si utilizza il modulo integrato nel portale ArchiNet. Tramite VoloNet, invece, il professionista può anche accedere alle mappe disponibili (mappe catastali, strumento urbanistico, database topografico) grazie a un avanzato strumento di web Gis. Con il modulo Catasto si possono consultare le informazioni catastali in base alle politiche d accesso definite dal Comune. e favoriscono la corruzione, e basta con le strutture speciali, come le procedure d'urgenza per eventi che spesso sono stati programmati da tempo e che consentono di derogare alle leggi ordinarie e di evitare le gare. Una denuncia - ricorda il presidente dell'ance - che abbiamo fatto da tempo».

17 Speciale Edilizia 17 Sabato 6 Settembre 2014 I costi sono diminuiti e questo consente alle energie alternative di essere concorrenziali rispetto alle fonti convenzionali, anche senza incentivi Rinnovabili più forti, ma frena l incertezza normativa Le energie rinnovabili stanno prendendo sempre più piede, arrivando a conquistarsi un ruolo primario nello scenario mondiale. Lo prevede la Iea (International Energy Agency) in un rapporto diffuso nelle scorse settimane. I costi sono molto diminuiti, consentendo a questo tipo di energia di battere le fonti convenzionali anche senza incentivi in un numero sempre maggiore di contesti. Ma in diversi mercati chiave le fonti pulite devono fare i conti con l'incertezza delle politiche, un ostacolo tanto ingombrante da essere in grado nei prossimi 5 anni di far rallentare significativamente lo sviluppo dell'energia verde. A fine 2013 la quota di produzione elettrica da rinnovabili sul mix mondiale è arrivata al 22%, portandosi alla pari con quella da gas. La crescita delle fonti pulite continuerà: da qui al 2020 si prevede un aumento della produzione del 45%, che porterà l'elettricità verde al 26% del mix mondiale. Ma lo sviluppo del settore, secondo la Iea, rallenterà e si stabilizzerà dopo il 2014, mettendo a rischio la transizione energetica necessaria per affrontare la sfida del cambiamento climatico. Dunque crescita sì, concentrata peraltro soprattutto nei paesi in via di sviluppo, ma non sufficiente al ribaltamento del sistema energetico che servirebbe. I paesi non-ocse, spinti dalla volontà di diversificare i loro mix ma anche dalle preoccupazioni per clima e inquinamento (si veda il caso Cina), peseranno per il 70% della crescita delle rinnovabili da qui al 2020, spiega il report (si veda grafico sotto). Le fonti pulite in quei mercati in espansione cresceranno molto di più delle convenzionali, contando per ben l'80% della nuova produzione. Ma tra sei anni - secondo la previsione Iea l'elettricità pulita comunque non andrà oltre il 35% della domanda elettrica di questi paesi e le fossili continueranno ad avere la parte più grossa della torta. In questo scenario è stato recepito in modo decisamente negativo lo spalmaincentivi contro il fotovoltaico: un provvedimento retroattivo che straccia unilateralmente contratti stipulati tra investitori e Stato e che dunque crea un contesto esattamente opposto a quello auspicato dalla International Energy Agency. "L'incertezza normativa, unita (e chiaramente correlata) alle difficoltà nell'accesso ai finanziamenti e alla carenza di politiche per integrare le rinnovabili nel sistema, a partire dalla rete elettrica - denuncia il report - è una sorta di freno a mano tirato per l'energia pulita, che dal punto di vista strettamente economico ha invece le carte in regola per accelerare ulteriormente: si vedano i grafici sotto che raffigurano i costi di investimento registrati e previsti per le varie tecnologie". Nel documento stilato da Iea vi sono anche delle previsioni fondamentali: si stima che gli investimenti in rinnovabili da qui al 2020 si attestino su una media annuale di 230 miliardi di dollari, dunque sotto ai 250 miliardi registrati nel 2013 (e ai 280 miliardi del 2011). A far calare gli investimenti, si sottolinea, non sarà solo il rallentamento della crescita previsto, ma anche il calo dei costi delle tecnologie, che aprirà nuovi mercati. Per quel che riguarda i dati statistici registrati dal report, nel 2013 la produzione elettrica da rinnovabili è arrivata al 22% del mix mondiale, crescendo del 5% dal 2012 e raggiungendo i 5070 TWh, 240 in più dell'anno precedente. La produzione di biocarburanti per i trasporti dal 2012 al 2013 è invece cresciuta del 7%, arrivando a oltre 115 miliardi di litri l'anno, ma in questo settore le aspettative, legate alle politiche di supporto, sono ancora più incerte che per la produzione elettrica. "Ampiamente trascurato - denuncia la Iea - resta il potenziale delle fonti pulite per quel che riguarda la produzione di calore e raffreddamento, che pesa per più della metà del fabbisogno energetico mondiale. Qui le rinnovabili nel 2013 hanno contribuito solo per l'8% della domanda e il loro apporto è previsto sostanzialmente stabile, al 9% al Nota parzialmente positiva: la crescita quasi nulla prevista è dovuta a un calo nell'uso delle spesso inquinanti biomasse tradizionali nei paesi in via di sviluppo, compensata da una crescita del 3% annuo delle rinnovabili termiche 'moderne', più pulite ed efficienti". Tornando all'elettrico, da qui al 2020 si prevede che la produzione da rinnovabili cresca in media del 5,4% all'anno. Da qui al 2020 crescerà del 45% rispetto al 2013, arrivando a TWh. A contribuire di più alla crescita saranno nell'ordine idroelettrico ed eolico. La potenza installata invece nello stesso periodo salirà del 50%, dai GW del 2013 a GW. A mettere in rete nuovi impianti a rinnovabili sarà soprattutto la Cina, che peserà per ben il 40% della nuova potenza. Da sottolineare inoltre che per le fonti pulite le cose potrebbero andare meglio rispetto alle previsioni di cui sopra, cioè rispetto a questo scenario relativamente conservativo che il report chiama Baseline. Nello scenario più ottimistico, l'enhanced Case, la potenza da rinnovabili al 2020 potrebbe essere fino a 205 GW più alta che nel Baseline. In questo caso a pesare nella differenza sarebbero soprattutto eolico e fotovoltaico. Il solare, che nello scenario più prudente arriverebbe a 400 GW al 2020, nell'enhanced potrebbe arrivare fino a 515 GW (a fine 2013 si era a poco meno di 136,7 GW). L'eolico invece potrebbe salire al 2020 fino a 655 GW anziché fermarsi ai 600 previsti nello scenario Baseline (eravamo a poco più di 318 GW a fine 2013).

18 18Sabato 6 Settembre 2014 Speciale Scuole Cinque suggerimenti facili e veloci, che si possono attuare in qualsiasi momento; altre cinque più complesse, che richiedono interventi di ristrutturazione Più luce: dieci idee per moltiplicarla Cinque suggerimenti facili e veloci da realizzare per moltiplicare i punti luce del vostro appartamento: si tratta di lavori interni o di sostituzioni, talvolta limitati a singoli ambienti, che si possono attuare anche se non si sta rinnovando l intera casa. E altre cinque idee che richiedono interventi più complessi, da prendere in considerazione nelle ristrutturazioni. Alcuni sono mirati per abitazioni su due livelli, spesso con problemi di scarsa luminosità. 1 - Un inserto in vetro nel tramezzo Se L ingresso prende luce dal soggiorno: una porzione della muratura che divide i due ambienti puo' essere sostituita interamente da una lastra DI VE- TRO. Rimane la separazione e si aggiunge comfort visivo all abitazione, che così migliora già dall entrata. 2 - Porte in vetro Il corridoio si illumina grazie alle porte con battente in vetro che lasciano filtrare la luce dalle stanze allo spazio di passaggio. E con una finitura laccata si preserva ugualmente la privacy degli ambienti. In più, grazie agli stipiti slim l effetto è accentuato. 3 - La pittura che illumina Per fare apparire più luminosi gli ambienti ci vogliono finiture chiare alle pareti e sul soffitto. Ma tale effetto può essere incrementato con prodotti specifici. Esistono, infatti, pitture per interni formulate proprio per produrre riflessi luminescenti. La scelta è tra diversi tipi, anche rasanti e impermeabilizzanti e finiture all acqua. 4 - Incrementare la superficie dell apertura senza intervenire sul vano Si può fare con il serramento alzante scorrevole che permette di far scomparire il profilo dell anta. In pratica, una volta che il telaio dell infisso viene nascosto all interno della battuta del muro, si ottiene la massima superficie vetrata possibile e nella stanza entra una maggiore quantità di luce. 5 - Il muro trasparente Se il bagno è privo di finestra, può usufruire anch'esso della luce naturale se la parte superiore dei muri è formata da lastre in vetro trasparente. Una buona soluzione anche quando si divide in due un bagno lungo. 6 - apertura nel soffitto Intervenire su parti strutturali è più semplice nelle abitazioni singole. In ogni caso presuppone la verifica di fattibilità e la progettazione da parte di un tecnico. Occorre poi una pratica edilizia. Il soggiorno guadagna una fonte di luce diretta dall alto, con un lucernario apribile elettrificato. Per realizzare l interventobisogna praticare un foro nel solaio, È uno di quei casi in cui è necessario progettare e dimensionare l apertura, in modo che non sia compromessa la statica della struttura. 7 - La scala diventa a vista La parte di progettazione può richiedere l intervento di figure professionali differenti. Se devono essere demoliti elementi con funzione portante, servono anche opportuni calcoli. Aperta e integrata nel living, la rampa risulta in luce: più sicura e gradevole da salire. Ma è soprattutto l ambiente giorno nel suo complesso a migliorare l illuminazione e anche l estetica. Senza più la parete che oscura e crea zone d ombra, ha ora una maggiore luminosità e sembra anche più ampio. 8 - Il soggiorno? Meglio a Sud Nella situazione di poter progettare gli interni della propria casa, lo schema distributivo va studiato in modo da orientare le stanze secondo l esposizione ai raggi solari, favorendo l illuminazione bilaterale. A Sud conviene fare affacciare i locali vissuti durante le ore diurne, realizzando aperture ampie quanto più possibile. Con serramenti dai vetri basso-emissivi si ovvia poi al problema delle dispersioni energetiche e con sistemi oscuranti si scherma l eccessivo irraggiamento. La luce naturale proveniente da Nord ha il pregio di essere gradevole e costante, più adatta alla zona studio e agli angoli di relax o lettura. Ristrutturando, ricordate che va rispettato il rapporto tra superficie delle finestre e quella delle stanze (stabilito dalla locale normativa). 9 - Un tunnel per i raggi solari La soluzione per illuminare i locali sottotetto, ma anche quelli distanti 10 metri dalla copertura, sono i tunnel solari. Si tratta di condotti diffusori telescopici che si innestano nel tetto, attraverso un foro di diametro contenuto (circa 27/35 cm), e permettono il passaggio della luce grazie a un captatore esterno in vetro. Possono aggiungere luce a un locale cieco, ma non sono apribili e quindi non permettono l aerazione naturale, né la sostituiscono LUCE ARTIFICIALE L'ultima frontiera per avere locali illuminati e allo stesso tempo avere un risparmio energetico e' sostituire i corpi illuminanti esistenti con lampade a led. Rivolgersi a negozi di illuminazione puo' aiutarvi a farvi proporzionare e fare un piano dei costi/risparmi e vedrete che il risparmio sara' dall'80% al 90%. Oggi tante lampade anche decorative sono state trasformate con sorgente led per soddisfare l'estetica ma anche il portafolio. Nessuna manutenzione sara' dovuta nn esiste la lampadina i led si esauriranno con l'utilizzo La durata media di un led di buona qualita' e' tra le e le ore.

19

20 20Sabato 6 Settembre 2014 PRESIDIO OSPEDALIERO GLI ORARI DI CREMONA CUP Centro Unificato di Prenotazione Dove: padiglione n. 12, a fianco del Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori Orari di apertura al pubblico: lunedì - venerdì dalle 7.30 alle18.00 orario continuato, il sabato dalle 8.00 alle 12.00; Prenotazioni telefoniche: è possibile telefonare al numero verde , da lunedì a sabato dalle alle PRENOTAZIONI CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP Attraverso il CUP si prenotano tutte le prestazioni ad eccezione delle seguenti, che devono essere prenotate direttamente presso le singole unità operative o servizi come indicato di seguito: ANATOMIA PATOLOGICA secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati) Dove: Poliambulatori, piano Terra. Orario: giovedì dalle 15 alle 16. Per prenotare contattare la segreteria dell Anatomia Patologica dal lunedì al venerdì, dalle alle Telefono: , dalle 9.30 alle Consegna campioni istologici e citologici La consegna dei campioni citologici urinari è prevista, presso il padiglione 5, da lunedì a venerdì, dalle alle 09.30; per gli altri esami da lunedì a venerdì dalle alle (accesso diretto). RADIOLOGIA d Dove: piano 1, corpo H (ala destra). TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti e richiesta di prestazioni con bollino verde Le prenotazioni vanno effettuate di persona o via fax. Orario: da lunedì a venerdì dalle alle 13.00, sabato dalle alle Tel: Angiografia Le prenotazioni vanno effettuate di persona. Orario: da lunedì a venerdì dalle alle Telefono: SENOLOGIA: Screening mammografico preventivo biennale Asl Cremona (45-69 anni) Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoledì dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata al CUP dell'asl Prestazioni con carattere di urgenza, risonanze alla mammella, agoaspirati, ecografie Dove: piano 1, corpo M. Ora: da lunedì a venerdì dalle alle Telefono: Per ulteriori informazioni è stata inoltre attivata una nuova linea telefonica dotata di risponditore automatico in funzione 24 ore su 24: RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o ascensore a sinistra vicino l'ufficio Informazioni nell'atrio di ingresso) corpo M, monoblocco ospedaliero. Orario: da lunedì a venerdì dalle alle Telefono: MEDICINA DEL LAVORO: Visite specialistiche di medicina del lavoro Tel: da lunedì a venerdì, dalle alle 15.30; oppure, personalmente presso l Ambulatorio Specialistico di Medicina del Lavoro negli stessi orari. CENTRO DIABETOLOGICO Dove: piano 6, corpo H (lato destro), monoblocco ospedaliero. Orari: da lunedì a venerdì dalle alle (prima visita per inquadramento diagnostico-terapeutico e visita di controllo per monitoraggio metabolico e screening delle complicanze croniche). Per le prime visite è preferibile che la prenotazione avvenga di persona comunque possibile prenotare telefonicamente da lunedì a venerdì, dalle alle Telefono: CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI accesso diretto da parte dei cittadini, con la richiesta del Medico di famiglia o dello specialista. Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale. Orario: da lunedì a venerdì dalle ore alle Telefono: CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI Monitoraggio delle terapie anticoagulanti. previsto accesso con prenotazione al numero Dove: Presso la palazzina del Cup Orario: dalle alle da lunedì a venerdì. CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA Test di tolleranza al lattosio e patch test Accesso con impegnativa del medico curante Le prenotazioni si effettuano telefonicamente al numero 0372/ da lunedì a venerdì, dalle alle 12; oppure di persona presso l Ambulatorio di Allergologia (Padiglione 10) da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE: Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia marziale endovenosa, preparazione di nuovi emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale: Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico. Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero. Tel: dalle alle da lunedì a venerdì GENETICA Dove: piano 2 lato destro del monoblocco ospedaliero. Prenotazioni telefoniche: da lunedì a venerdì dalle alle MEDICINA LEGALE Prenotazioni presso Direzione Medica di Presidio piano Rialzato monoblocco ospedaliero. Tel: PSICOLOGIA Dove: settimo piano a sinistra. Prenotazioni da lunedì a venerdì dalle ore alle ore presso il servizio di Psicologia, oppure anche telefonicamente agli stessi orari al numero ONCOLOGIA MEDICA Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione i n reparto da lunedì a venerdì dalle ore 8.00 alle ore Tel: TERAPIA DEL DOLORE Dove: palazzina n. 9 La prenotazione può essere effettuata telefonicamente al numero dalle alle 15.00, da lunedì a venerdì. Negli altri orari è possibile chiamare lo stesso numero lasciando un messaggio in segreteria telefonica con il nome e numero di telefono: al più presto sarete richiamati. Salute Ambulatori aperti, la sperimentazione continua fino al 31 dicembre Con deliberazione di Giunta Regionale n. X/2313 del Regione Lombardia ha prorogato la sperimentazione dell iniziativa Ambulatori Aperti su tutto il territorio regionale fino al 31/12/2014. Il progetto è finalizzato ad ampliare l offerta di visite specialistiche e di prestazioni di radiodiagnostica, in orari e giornate più favorevoli ai cittadini. In virtù del nuovo provvedimento che rafforza l impegno regionale ad attivare azioni per la riduzione delle liste d attesa e migliorare i tempi per l erogazione delle prestazioni sanitarie sul territorio lombardo le 14 Aziende Ospedaliere già interessate dal primo periodo di sperimentazione proseguono con continuità l erogazione delle prestazioni, secondo le modalità già in vigore dallo scorso giugno. A partire dal 1 settembre 2014 alle strutture già operative si sono aggiunte ulteriori 200 strutture, che includono sia soggetti pubblici Quando si ritorna dalle vacanze è fondamentale ricominciare a praticare attività sportiva Diabete, quali attenzioni quando si viaggia di Laura Bosio Come ogni patologia cronica, il diabete necessita di un costante monitoraggio. E' necessaria quindi una particolare attenzione, soprattutto quando si cambiano anche momentaneamente i ritmi di vita, ad esempio durante i viaggi, di lavoro o di piacere. «Si tratta di una malattia molto diffusa, cronica, che porta con sé complicanze vascolari croniche - spiega la dottoressa Patrizia Ruggeri, responsabile del Centro diabetologico dell'ospedale di Cremona -. Per questo in determinate situazioni è necessario essere preparati. Chi viaggia, ad esempio, deve essere consapevole che il diabete viaggerà con lui. Questo però non è un limite: chi soffre di questa patologia può affrontare qualunque tipo di viaggio, purché si attrezzi adeguatamente». Quali sono le indicazioni per chi affronta un viaggio? «Innanzitutto è bene far sapere a qualcuno dei propri compagni di viaggio che si è affetti da diabete. In secondo luogo è indispensabile portare con sè sempre i farmaci in quantitativo superiore a quanto sarebbe necessario, per affrontare ogni eventuale imprevisto. Da non dimenticare neppure i presidi per l'automisurazione della glicemia. E' importante anche ricordare che l'insulina va conservata a una temperatura non superiore ai 25 gradi e non va mai esposta al sole. Quella di scorta va invece conservata al fresco (tra i 2 e gli 8 gradi) e deve quindi essere chiusa in una borsa termica. Chi viaggia in aereo, inoltre, dovrà farsi preparare dal diabetologo un documento - tradotto anche in lingua inglese - in cui sia specificato che la persona ha necessità di fare terapia insulinica e di portare con sè il materiale per la misurazione della glicemia: questo consentirà di superare senza problemi i controlli in aeroporto. Tutto quello che riguarda la cura e il controllo va tenuto nel bagaglio a mano, così come degli zuccheri semplici, necessari in caso di crisi ipoglicemica. Centro Kinesis di Cremona: al via il 33º anno di attività che enti erogatori di diritto privato del Sistema Sanitario Regionale. L'offerta aggiuntiva varia da azienda ad azienda, in quanto ciascuna delle realtà interessate, in base alle specifiche aziendali e alle esigenze di snellimento delle liste di attesa, ha individuato le specialità cliniche da potenziare e Attenzione anche al fuso orario, soprattutto se ci si sposta di molto: prima di partire meglio consultarsi con il proprio diabetologo. Attenzione anche per chi si sposta in auto per lunghe tratte, per motivi di vacanza o lavoro: per chi soffre di diabete il rischio di avere un'ipoglicemia è sempre vivo e per questo si deve prestare particolare attenzione, soprattutto se si è alla guida di un mezzo. Il controllo della glicemia va fatto ogni due ore e bisogna aver sempre cura di portare con sè degli zuccheri. Se si viaggia in Paesi lontani, bisogna anche fare attenzione alle diverse usanze alimentari: anche in questi casi meglio parlarne con il proprio medico curante prima di partire». E per chi rientra da un viaggio? «Se chi è stato in viaggio ha subito un aumento di peso perchè durante le vacanze non è stato attentoa regolarsi, è assolutamente importante riprendere un regime alimentare corretto e rigoroso, oltre all'attività fisica». le prestazioni integrative erogabili. Sono escluse dalle fasce orarie serali le prestazioni che per ragioni tecniche e di preparazione richiedono di essere effettuate nelle prime ore diurne (es. esami del sangue e urine, ecc..). Una volta in possesso della prescrizione del medico curante (ricetta rossa), sarà possibile prenotare visite ed esami in orario prolungato con varie modalità: Chiamando il Centro Unico di Prenotazione regionale al numero (per le strutture sanitarie pubbliche); Contattando i singoli Centri Unici di Prenotazione e gli Uffici Relazioni con il Pubblico delle strutture ospedaliere (per gli enti erogatori privati, ma se lo si ritiene anche per i soggetti pubblici); Attraverso la Carta dei Servizi CRS/CNS, sia presso le farmacie, che direttamente online. Quanto conta quest'ultima nella gestione del diabete? «Moltissimo. Un'adeguata attività aerobica, come la camminata, la bicicletta, ecc, deve essere fatta con regolarità. Questi vae per i diabetici di tipo 2 ma anche per quelli di tipo 1. Affinché l'esercizio fisico sia efficace, va fatto 3-4 volte a settimana per circa 30 minuti ogni volta. Chi non è allenato può partire con 10 minuti al giorno e aumentare progressivamente. Chi pratica attività sportive, come tennis, calcio, basket e altri sport di squadra, deve fare attenzione ad allenarsi in modo progressivo ed a controllare la glicemia prima, dopo e a volte anche durante l'alenamento. La terapia insulinica andrà ovviamente adeguata al tipo di attività che si fa, parlandone con il diabetologo. Chi fa sport non deve mai uscire senza una bustina di zucchero, per gestire eventuali ipoglicemie. Attenzione: quest'ultime possono anche presentarsi tardivamente qualora si compia uno sforzo prolungato, anche nella serata o notte successiva». di Ermanna Allevi Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA) Gentilissima Naturopata, so che lei è bravissima con i cristalli, potrebbe parlarmi dell'ametista? grazie Lory Il Centro Kinesis di Cremona, da sempre impegnato nella diffusione della cultura della salute per una migliore qualità della vita e del benessere, si appresta ad iniziare il 33mo anno di attività. Oltre al consolidamento delle discipline di base, saranno introdotte alcune aree di rilevante valenza scientifica e sociale tra cui il metodo PosturalFreeDom (marchio registrato). Ed è per presentare ai cittadini cremonesi questa importante e variegata offerta di attività che è stato previsto un incontro per martedì 9 settembre alle ore presso la sede di Via Ferrante Aporti, 10, a Cremona. L'Ametista appartiene alla famiglia di Quarzi Cristallini, deve il suo colore a impurità di ferro e titanio. Il suo nome proviene dal greco Amethystos, che significa: colui che non si ubriaca. Pietra nota sin dall'antichità per la sua capacità di favorire la lucidità mentale. La leggenda mitologica racconta che Ametista era una una ninfa dei boschi, Bacco, dio del vino, se ne invaghì e per sfuggire alla sua presa, la ninfa chiese a Diana di aiutarla e la dea la trasformò in un cristallo. Adirato, Bacco, vi rovesciò la sua coppa di vino, conferendogli quel colore violetto/viola, insieme al potere di proteggere dagli inebrianti effetti della bevanda a lui tanto cara e nelle sue feste veniva utilizzata per mantenere sobrio chi la portava. Ai tempi dei Greci e dei Romani, anelli di bronzo e Ametista erano considerati antidoti contro il male. Durante il Medio Evo, l'ametista era più costosa del diamante ed era utilizzata dall'alto clero e dalla nobiltà. Non mancava questo cristallo negli anelli dei cardinali, dei re, dei duchi, perché era il simbolo di potere assoluto, poiché chi conosceva lo spirito, poteva dominare la materia. Sempre nel Medio Evo, Konrad von Megenberg, affermava che l'ametista era un minerale in grado di rendere desti e vigili, scacciando i pensieri negativi ed astrusi, conferendo equilibrio e buon senso. continua nel prossimo numero Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a: Oppure a: Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel Riceve a Crema telefonando al

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 621 681 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Aspettando il Piano carceri Ci sono voluti quattro anni dall ultimo provvedimento

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 02/07/2015 Il Resto del Carlino Pagina 24 PEREGO ACHILLE Gli italiani tornano formichine Consumi, oggi parte il test dei saldi

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Quotidiani. Marijuana a Montecitorio, Modavi: sconcerto Radicali

Quotidiani. Marijuana a Montecitorio, Modavi: sconcerto Radicali Quotidiani Marijuana a Montecitorio, Modavi: sconcerto Radicali 9 NOVEMBRE 2012 15:58 Roma LA manifestazione odierna dei Radicali italiani è sconcertante questo il grido d allarme lanciato dal Movimento

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO TAVOLA ROTONDA IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO Palazzo Altieri - Sede di rappresentanza del Banco Popolare Traccia dell introduzione di Gian Primo Quagliano, Presidente Centro Studi Promotor

Dettagli

D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un

D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un intergruppo formato da oltre 200 parlamentari di tutti i partiti, una proposta di legalizzazione della cannabis e dei suoi derivati. Una proposta

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PORETTI e PERDUCA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Disposizioni riguardanti l acquisto, il possesso,

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini Partecipa alla ricerca on line sull'alcolismo, potrai usare i dati immediatamente.seleziona l'immagine per entrare. CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol

Dettagli

Al via i saldi invernali 2015 in tutte le città italiane

Al via i saldi invernali 2015 in tutte le città italiane Al via i saldi invernali 2015 in tutte le città italiane Inviato da Massimiliano Volpe il Ven, 02/01/2015-09:24 Per gli amanti dello shopping è fissato per sabato 3 gennaio l'appuntamento con i saldi invernali,

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

benzina Cara il silenzio costa Inchiesta

benzina Cara il silenzio costa Inchiesta Cara benzina il silenzio costa Sapere dove il pieno fa spendere meno aiuterebbe molto: ma la metà dei benzinai non mette i prezzi sui cartelloni. 10 Altroconsumo 266 Gennaio 2013 www.altroconsumo.it S

Dettagli

Treno Verde 2015. A.A.A. #tipicongusto cercasi

Treno Verde 2015. A.A.A. #tipicongusto cercasi Treno Verde 2015 Un edizione tutta speciale quella del Treno Verde 2015: dal 18 febbraio all 11 aprile, 15 tappe dalla Sicilia alla Lombardia per raccogliere e portare a Expo Milano, l esposizione universale

Dettagli

CATEGORIA DATA ARTICOLO TITOLO PAGINA

CATEGORIA DATA ARTICOLO TITOLO PAGINA INDICE CATEGORIA DATA ARTICOLO TITOLO PAGINA Il Messaggero Terni Il Messaggero Terni 08/01/2015 Il dicembre nero del commercio «Mai così male» Il Messaggero Terni 29/12/2014 Acqua e rifiuti Confesercenti

Dettagli

NEWSLETTER N 13 GENNAIO 2014 ************

NEWSLETTER N 13 GENNAIO 2014 ************ ************ Innanzitutto Buon Anno a tutti. In questi giorni sono ripresi i lavori Consiglio regionale e quindi Vi aggiorno su alcuni provvedimenti di interesse, anche per il nostro territorio. In primo

Dettagli

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà

MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta della Lega Nord ora è realtà Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) MARONI TOGLIE IL BOLLO AI MOTORINI La proposta

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Le opinioni dei cittadini e dei sindaci lombardi. Febbraio 2014

Le opinioni dei cittadini e dei sindaci lombardi. Febbraio 2014 Le opinioni dei cittadini e dei sindaci lombardi Febbraio 2014 Metodologia utilizzata (Cittadini) Universo di riferimento: Campione: Metodologia: Nr. Interviste eseguite: individui residenti nella regione

Dettagli

L infrastruttura a supporto del cicloturismo

L infrastruttura a supporto del cicloturismo L infrastruttura a supporto del cicloturismo fare sistema tra rete ferroviaria e piste ciclabili La crisi del turismo in Italia 1 Il cicloturismo Cicloturisti e altri 2 Le strutture Le strutture La rete

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro L AGROALIMENTARE ITALIANO: PROSPETTIVE DI SVILUPPO E CRITICITÀ. Forum Internazionale dell Agricoltura e dell Alimentazione. Coldiretti Antonio MARZANO Presidente

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Assemblea Nazionale di Antigone Bologna 17 maggio 2014 DROGHE. OLTRE IL PROIBIZIONISMO

Assemblea Nazionale di Antigone Bologna 17 maggio 2014 DROGHE. OLTRE IL PROIBIZIONISMO Assemblea Nazionale di Antigone Bologna 17 maggio 2014 DROGHE. OLTRE IL PROIBIZIONISMO Le politiche in controtendenza: Uruguay l Uruguay è il primo Paese al mondo a legalizzare la cannabis per scopi medici,

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Quadrante EST Incontro 19 maggio 2014

Quadrante EST Incontro 19 maggio 2014 A seguire i brevi verbali di riunioni del 19 e 20 maggio 2014 alle quali il CPB ha partecipato, la consueta riunione di Quadrante in occasione del cambio orario e una riunione straordinaria indetta da

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 -

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 - OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 - La stagione invernale 2012-2013 si è conclusa negativamente Le settimane bianche registrano una preoccupante discesa nonostante

Dettagli

Cari concittadini, cari abbonati a Bormio Terme, ho deciso di scrivere questa lettera, anche a nome del Consiglio di Amministrazione di Bormio Terme,

Cari concittadini, cari abbonati a Bormio Terme, ho deciso di scrivere questa lettera, anche a nome del Consiglio di Amministrazione di Bormio Terme, Cari concittadini, cari abbonati a Bormio Terme, ho deciso di scrivere questa lettera, anche a nome del Consiglio di Amministrazione di Bormio Terme, perché mi sono reso conto che, nonostante gli sforzi,

Dettagli

I 5 errori più frequenti

I 5 errori più frequenti I 5 errori più frequenti degli ottici su di Mauro Gamberini In questo report scoprirai: i 5 errori più frequenti commessi dagli Ottici su FB Qual è l errore principale e perché non commetterlo i 5 motivi

Dettagli

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI

LA CRISI ECONOMICA E L AUMENTO DEL COSTO DELLA BENZINA L HANNO PORTATA A PENSARE DI M In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini in questa fase di congiuntura economica non favorevole

Dettagli

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 Sabrina Spaghi Università

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale

città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale città metropolitane: Mobilità, crisi e cambio modale In questa fermata Audimob, l analisi dei dati riguarda un approfondimento su scelte e possibili cambiamenti per la domanda di mobilità dei cittadini

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO

RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e siti web Regione Lombardia) RAI EXPO DEVE RESTARE A MILANO Maroni:

Dettagli

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013

MOBILITA. Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo. n. 279 Anno 2013 n. 279 Anno 2013 MOBILITA Più di ottanta le presenze, purtroppo nessun dialogo Si è svolto Venerdì 13 Maggio l incontro sulla mobilità. Il Sindaco ha aperto i lavori seguito dagli interventi: di Franco

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2028 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, MELLANO, CAPEZZONE, D ELIA, TURCO, GRILLINI Disposizioni concernenti

Dettagli

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché?

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? 1 L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? La crisi che ormai da alcuni anni sta sconvolgendo la nostra economia ed il nostro lavoro ha colpito più di altri, alcuni comparti, caratterizzati dalla presenza

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO Sommario In questo capitolo scoprirà alcune cose su come - gestire il suo denaro - identificare alcune questioni economiche collegate al gioco - cominciare ad operare dei

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

VERBALE DI ASSEMBLEA DI CONSULTA DI ABBIATE CENTRO/OVEST. in data 1 luglio 2015 - Villa Centenari

VERBALE DI ASSEMBLEA DI CONSULTA DI ABBIATE CENTRO/OVEST. in data 1 luglio 2015 - Villa Centenari VERBALE DI ASSEMBLEA DI CONSULTA DI ABBIATE CENTRO/OVEST in data 1 luglio 2015 - Villa Centenari ODG: proposte di viabilità in seguito alla chiusura del passaggio a livello di via Vittorio Veneto In data

Dettagli

I. Turismo e vacanze in Italia

I. Turismo e vacanze in Italia I. Turismo e vacanze in Italia Ogni anno tantissimi turisti passano le loro vacanze in Italia. Che cosa attira questi turisti? Il clima temperato, le bellezze naturali, la ricchezza del patrimonio storico,

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

Emergenza credito anche per le libere professioni

Emergenza credito anche per le libere professioni Lunedì 18 marzo 2013 Emergenza credito anche per le libere professioni È allarmante il quadro economico delle professioni che è emerso nel corso del consiglio di amministrazione di Fidiprof Nord e di Fidiprof

Dettagli

In Italia il record delle Ztl

In Italia il record delle Ztl del 20 settembre 2013 In Italia il record delle Ztl 19 Settembre 2013 Un inaspettato primato per il nostro paese: quello delle zone a traffico limitato. In Italia, se ne contano più di 100. IN QUESTO,

Dettagli

rassegnastampa quotidiani 5 settembre 2013 indice

rassegnastampa quotidiani 5 settembre 2013 indice Coldiretti TORINO rassegnastampa quotidiani 5 settembre 2013 indice coldiretti coldiretti news Dl fare 2, Coldiretti, bond taglia-bollette dopo rincari dell 11,2%; Consumi, Coldiretti, torna pesce fresco

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato

In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato In viaggio da Brescia a Milano sulla Brebemi Il tracciato Il Collegamento Autostradale Brescia - Bergamo - Milano (in breve Brebemi) consentirà viaggi veloci e sicuri su un sistema viabile integrato nel

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi

Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese. L Italia negli anni della crisi Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 L Italia negli anni della crisi

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

Pioggia battente ma con la crisi Taxi fermi ai posteggi

Pioggia battente ma con la crisi Taxi fermi ai posteggi Pioggia battente ma con la crisi Taxi fermi ai posteggi La crisi corre anche in taxi. «Pensi che in queste mattinate di maltempo, con la città allagata e la pioggia battente, abbiamo avuto anche 47 macchine

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Domenica, 14.09.2014. Il Secolo XIX - Ed. Levante. La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni

RASSEGNA STAMPA. Domenica, 14.09.2014. Il Secolo XIX - Ed. Levante. La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni RASSEGNA STAMPA Domenica, 14.09.2014 Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Regioni, il piano: l esenzione ticket scatterà a 67 anni La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

alla scoperta del binario 9¾

alla scoperta del binario 9¾ campania onlus 2013 Metropolitana di Salerno alla scoperta del binario 9¾ al binario invisibile il viaggio della metro pronta, inaugurata, ma mai entrata in funzione marzo 2013 Il viaggio immaginifico

Dettagli

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI

IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI per IL MERCATO DELLE OPERE PUBBLICHE NELLE PROVINCE DI: MILANO, MONZA E BRIANZA E LODI ELEMENTI DI SINTESI INVESTIMENTI IN OPERE PUBBLICHE: 3,9 miliardi il valore degli investimenti in opere pubbliche

Dettagli

Siegfried Stohr Christian Sbocchi. della GUIDA SICURA

Siegfried Stohr Christian Sbocchi. della GUIDA SICURA Siegfried Stohr Christian Sbocchi della GUIDA SICURA Informazione ai lavoratori per la sicurezza nella guida dei veicoli aziendali ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e del Nuovo Codice della Strada della GUIDA

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT Automotive con approfondimenti e confronti ISTAT Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine marzo 2013 Dati rilevati nel mese di febbraio 2013 Pubblicazione mensile A cura della

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE Domande di analisi e ripasso 1. Distinguete quali materiali possono essere a domanda dipendente e a domanda indipendente in un ristorante McDonald s, in un produttore

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO

OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO CIRCOLO ARCOBALENO LEGAMBIENTE 20/04/2015 OSSERVAZIONI AL PUMS DELLA CITTA DI MILANO Il Circolo Arcobaleno di Legambiente, con sede a Melegnano

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

COOPSETTE. Rassegna Stampa del 07/12/2011

COOPSETTE. Rassegna Stampa del 07/12/2011 COOPSETTE Rassegna Stampa del 07/12/2011 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto

Dettagli

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006)

Comuni: 115 Superficie: 1770,57 Kmq Popolazione residente (1.1.2006): 348.367. Fonte: Comuni (dati aggiornati all 1.1.2006) Territorio La provincia di Cremona si estende a sud della Lombardia al confine con l Emilia Romagna. E completamente pianeggiante, appena digradante verso il Po, con un altitudine che oscilla mediamente

Dettagli

Andamento vendite per l inizio della Scuola CONGIUNTURA FLASH

Andamento vendite per l inizio della Scuola CONGIUNTURA FLASH Andamento vendite per l inizio della Scuola CNGIUNTURA FLASH Panel e note metodologiche abbigliamento (abbigliamento, calzature) 54% cartolibreria (cartoleria, giocattoli, informatica, libri). 46% Gli

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica 1 Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione. Dieci anni dopo,

Dettagli

10 Convegno nazionale sulle Garanzie e Tutele Sociali. SPENDERE MENO, SPENDERE MEGLIO proposte per una spesa pubblica di qualità

10 Convegno nazionale sulle Garanzie e Tutele Sociali. SPENDERE MENO, SPENDERE MEGLIO proposte per una spesa pubblica di qualità 10 Convegno nazionale sulle Garanzie e Tutele Sociali SPENDERE MENO, SPENDERE MEGLIO proposte per una spesa pubblica di qualità Università Bocconi Milano, 12 novembre 2013 Sintesi dell intervento di Paolo

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2

Dati aggiornati a ottobre 2008. 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Dati aggiornati a ottobre 2008 23/11/2007 A. Cappelli - Università IUAV di Venezia 2 Quante auto in circolazione? Il parco veicoli In Europa circolano 210 milioni di autovetture, corrispondenti ad un terzo

Dettagli

La Mobilità Sostenibile in campo:

La Mobilità Sostenibile in campo: La Mobilità Sostenibile in campo: LE INIZIATIVE DEL MOBILITY MANAGER DI AREA DEL COMUNE DI CATANIA La figura professionale del Mobility Manager di area è stata introdotta dal Decreto del 27/03/1998 "Mobilità

Dettagli

Padova, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti giornalieri

Padova, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti giornalieri , 3 aprile 2008 comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di e Ferrovie dello Stato, fumata nera PM10 oltre la norma 3 giorni su 3 e dal 1 gennaio già 54 superamenti

Dettagli

Viabilità, mobilità ed opere pubbliche

Viabilità, mobilità ed opere pubbliche P a g e 1 Viabilità, mobilità ed opere pubbliche Lunedì 02 Febbraio 2016 Quartiere Libertà Centro Civico Libertà Ore 21:00 Relatore: Paolo Giuseppe Confalonieri Assessore mobilità e sicurezza INTRODUZIONE

Dettagli

14 Barometro Vacanze Ipsos - Europ Assistance

14 Barometro Vacanze Ipsos - Europ Assistance Comunicato Stampa 14 Barometro Vacanze Ipsos - Europ Assistance La vacanza rimane sacra per gli Italiani: degli 80 euro del Governo 37 potrebbero essere investiti in viaggi. Il Belpaese meta europea preferita

Dettagli