STRISCIA LA SCUOLA GIORNALISMO A SCUOLA. In questo numero:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRISCIA LA SCUOLA GIORNALISMO A SCUOLA. In questo numero:"

Transcript

1 STRISCIA LA SCUOLA Anno scolastico 2006/2007 Numero Unico Scuola Primaria Milite Ignoto, Via De Amicis,21011 Casorate Sempione (Varese) Indirizzo di posta elettronica: GIORNALISMO A SCUOLA Casorate Sempione Siamo gli alunni di classe quinta della scuola primaria Milite Ignoto di Casorate Sempione. Durante l anno scolastico in corso abbiamo partecipato al laboratorio Cronisti per caso. Nel primo quadrimestre l insegnante Paola Scanelli ci ha accompagnati nel mondo del giornalismo e ci ha aiutato a capire ed a scrivere articoli di cronaca. Nel secondo quadrimestre ha collaborato con noi la docente Barbara Mastelli che ci ha introdotti nel mondo della rotativa, cioè della stampa al computer dei nostri articoli. Durante le lezioni noi bambini abbiamo appreso le nozioni relative ad un testo giornalistico. Ora siamo in grado di identificare: la testata,l occhiello, il sottotitolo, Sappiamo che un quotidiano riporta nelle prime pagine le notizie più importanti della giornata, e che all interno vi sono poi articoli di cronaca, articoli economici, sportivi, informazioni culturali, Siamo diventati piccoli giornalisti in grado di elaborare, scrivere e impaginare un articolo di cronaca. Ci siamo divertiti ad intervistare persone per raccogliere informazioni, opinioni per poi scrivere articoli sull ambiente, sui problemi dell inquinamento, su fatti accaduti a scuola, sulle esperienze vissute sia a scuola sia nella vita del nostro paese. Abbiamo imparato a leggere e a conoscere il mezzo di comunicazione di massa più antico. Abbiamo capito che il giornale fornisce notizie approfondite, che gli articoli si possono leggere e rileggere, che la stampa è un mezzo di comunicazione che fa cultura. Per la maggioranza di noi bambini è stata un esperienza molto interessante e molti di noi, a questo punto, da grandi vorrebbero diventare giornalisti! e molti di noi, a questo punto, da grandi vorrebbero diventare giornalisti! Gli alunni della classe quinta SINDACI & SINDACI Casorate Sempione Da un mese la scuola primaria e secondaria di primo grado lavorano su un nuovo progetto Il Consiglio Comunale dei ragazzi. (segue pagina 2) NOI E L UNICEF Tra i banchi di scuola nonni e bambini a creare giocattoli da vendere per costruire una scuola in Kirghizistan ( segue pagina 5) In questo numero: La prima pagina 1 Cronache scolastiche da 2 a 10 Pagine sportive da 11 a 14 Cronache dall Italia 15 Cronache casoratesi da 16 a 17 Ecologia, ambiente, animali da 18

2 Pagina 2 Progetto Consiglio Comunale dei ragazzi : verranno proposte 4 liste SINDACI & SINDACI La lista più votata salirà al potere accanto al Consiglio Comunale dei grandi Da un mese la Scuola Primaria e Secondaria di primo grado lavorano su un nuovo progetto Il Consiglio Comunale dei ragazzi.il progetto consiste nell elezione di un Sindaco e di 7 consiglieri eletti dai ragazzi. Si sono formate 4 liste miste, costituite in ugual numero di alunni delle due scuole interessate. Ogni lista si occuperà di una problematica, in particolare della scuola, dell ecologia, delle tradizioni e della vita di Casorate e della solidarietà. Ogni lista avrà il compito di preparare il proprio programma, un motto, un logo che in seguito dovranno essere letti e mostrati agli elettori, agli assessori e al sindaco di Casorate. Il primo appuntamento sarà martedì 3 aprile con la presentazione in palestra dei candidati Sindaci e delle loro rispettive liste e programmi. Le elezioni avverranno il 18 aprile La lista più votata rimarrà in carica per due anni. F. Aprioli,V.Ciano,Felli E.,M.Sinatra La foto, scattata il 3 aprile 2007, giorno della presentazione ufficiale delle liste agli elettori della scuola primaria e della scuola secondaria, mostra i quattro candidati sindaci con il Sindaco del Comune, signora Pinuccia Quadrio. ULTIME DALLA REDAZIONE L elezione del Sindaco dei ragazzi si è appena conclusa. Il Primo Sindaco dei ragazzi è SCHIZZAROTTO MARCO della lista blu. Il Primo Consiglio dei Ragazzi, con la ratifica ufficiale delle cariche, è stato convocato per il 14 maggio. La Redazione augura Buon Lavoro a tutto il Consiglio. La Redazione

3 Pagina 3 La scuola e noi UNA SCUOLA MIGLIORE: UN SOGNO?! I bambini protestano:vorrebbero avere una scuola migliore. Casorate Sempione La nostra scuola ha della aule impresentabili affermano alcuni bambini della scuola primaria di Casorate Sempione. Ci sono banchi senza viti, maniglie delle porte che si staccano, porte che non si aprono ecc Dopo brevi interviste abbiamo capito che i bambini vogliono una scuola migliore dotata di aule con porte banchi e sedie nuovi possibilmente studiati in modo da consentire una corretta postura. Ogni aula dovrebbe essere dotata di armadi per custodire il materiale scolastico, perché è molto spesso carente (pennarelli per la lavagna, risme di carta ecc ). Ogni bambino dovrebbe avere un proprio armadietto dove riporre libri, quaderni, ed oggetti personali e per questo si potrebbero attrezzare i corridoi. Le aule relative ai laboratori dovrebbero essere dotate del materiale didattico necessario allo svolgimento delle lezioni: il laboratorio linguistico ad esempio dotato di un numero sufficiente di cuffie per l ascolto ( circa 20/24 ). Secondo i bambini dovrebbe esserci anche il laboratorio scientifico debitamente attrezzato così la scienza diventerebbe davvero emozionante. La biblioteca scolastica dovrebbe avere più libri oltre a dizionari ed atlanti. Una considerazione a parte merita la mensa,infatti,essendo tanti i bambini che usufruiscono di tale servizio,questi chiedono che ci sia un locale più adeguato e possibilmente più ampio. Viene chiesta anche la possibilità di mangiare su piatti di ceramica e con posate di acciaio. Il cibo dovrebbe incontrare maggiormente i gusti dei bambini senza tralasciare i valori nutrizionali. I bambini sperano che le loro proposte siano da qualcuno ascoltate. F. Bonato,M. Cangialosi,B. Masiero, K. Van Der Vyver Una ricchezza a portata di mano I BAMBINI DEL MONDO TRA NOI Nella classe 5^ A è arrivata una nuova compagna con una cartella traboccante di nuove conoscenze per noi Nella nostra scuola ci sono molti bambini stranieri che vengono dai più svariati paesi del Mondo. Queste persone sono davvero una grande ricchezza: ci trasmettono molte notizie, conoscenze, usanze del loro paese di origine, ci aiutano a conoscere la storia e la geografia del nostro pianeta. Nella nostra classe,l attuale VA abbiamo ricevuto sin dalla prima molti bambini provenienti da nazioni e continenti diversi: Angela dall Ecuador, Michelle dalla Costa D Avorio, Mircea dalla Romania, Javier da Santo Domingo, Karlien dal Sud Africa, Elio dall Albania, Paula dall Argentina. Attualmente nella nostra sezione ve ne sono cinque,perché Angela e Michelle si sono trasferite con la loro famiglia nei paesi limitrofi. Oggi 21 marzo è stata inserita una nuova compagna, Paula, proveniente dall Argentina. Paula ha 11 anni. Ha frequentato e terminato la scuola primaria con buoni risultati nel suo paese d origine ora è in vacanza perché la sua terra si trova nell Emisfero Australe, quindi là è estate e quindi le scuole sono chiuse. Grazie all arrivo dei bambini stranieri la nostra insegnante ci ha impegnato in lavori di ricerca sulle popolazioni, sulla geografia, e personaggi importanti della storia, del paese d origine dei nostri compagni come ad esempio Marco Polo, Cristoforo Colombo e le loro scoperte.abbiamo trattato i problemi della schiavitù, delle lingue che si parlano nei continenti e delle motivazioni per le quali in certe terre lontane vi sono lingue con parole,che derivano dal latino. Paula, come già accennato, è argentina, così noi ci siamo documentati su questa terra, sulla sua storia sulle sue caratteristiche geografiche e di conseguenza sulla sua economia. E proprio una grande GIOIA conoscere queste persone anche se alcuni dicono che gli stranieri sono maleducati Spesso vengono trattati con sufficienza e disprezzo. chi non ha CUORE non capisce di quale emozione, dolore si possa provare e vivere da straniero in una terra che non è la propria e quale dolore si può provare ad essere immersi in una società, in un paese che non ti è amico, che ti tratta con distacco, che ti allontana perché non sei nato in quel luogo? Gargano G., Morrone C., Pastore C.

4 Pagina 4 Bambini soddisfatti FINALMENTE UN CIBO GRADEVOLE Il primo pasto appetitoso dell anno scolastico. Speriamo non sia stato uno scherzo di Carnevale. Giovedì 22 gennaio,ultimo giorno di lezione prima della pausa di Carnevale, i bambini che si sono fermati a pranzo a scuola hanno fatto festa. A mensa si è mangiato veramente bene:il primo piatto non è stato servito, perché il secondo consisteva in polenta e salsiccia. Come dolce sono state servite le chiacchiere:ne venivano date due per persona ma i bambini più fortunati ne hanno ricevute anche di più. Il bidone dell umido era finalmente rimasto vuoto! I bambini sperano che quello non sia stato l unico pasto appetitoso dell attuale anno scolastico. Mazzuccato Federico LA MENSA A MODO NOSTRO: RICETTE APPETITOSE Pezzoni D., Taiano G. PRODOTTO: Gnocchi con zucca e pomodoro RICETTA: Lessare zucca passarla al passa verdure aggiungere farina bianca e bianco d uovo ottenere pasta morbida fare salsicciotti tagliarli in piccoli pezzetti fare lessare gli gnocchi in acqua bollente salata condire con pomodoro. PRODOTTO:Risotto con asparagi verdure, radicchio RICETTA:Riso con aggiunta di verdura, asparagi, o radicchio cuocere in pentola il riso e la verdura scelta. PRODOTTO: Tortino di zucchine RICETTA :Cuocere zucchine con poco olio e sale accendere forno a 200 C. prendere pasta sfoglia metterla in una teglia, mettere zucchine uovo e prosciutto cotto a dadini, formaggio grana o mozzarella. mettere in forno per 30 minuti finché la pasta sfoglia non è dorata PRODOTTO:Pizza con le verdure RICETTA:Pizza classica con aggiunta di verdure

5 Pagina 5 Per non dimenticare SHOAH Un giorno per ricordare l eccidio degli Ebrei Tante culture a confronto Bambini stranieri a scuola Nuovi arrivi La shoah è un giorno dedicato al ricordo degli Ebrei che morirono per le leggi razziali emanate da Hitler. Durante la guerra morirono circa 50 milioni di persone. Molte di queste furono portate nei campi di concentramento e qui vivevano una vita di stenti, per questo morivano. Molte persone cercavano di scappare e di rifugiarsi in piccoli nascondigli,come la famiglia di Anne Frank. Noi bambini della classe quinta abbiamo ricordato quei martiri sabato 27 gennaio nella sala consiliare,in modo particolare: leggendo alcune parti del diario di Anne Frank di Primo Levi. Buona è stata la partecipazione sia degli alunni delle scuole di Casorate che dei Casoratesi. Tutte le persone presenti applaudivano per i discorsi fatti. Siamo andati al Centro Anziani per piantare un salice a ricordo di quelle vite spezzate. Maria Costantino Qual è il colmo per un insegnante di geometria? -Avere una moglie rotondetta, una figlia retta e un figlio molto quadrato. K. Falcone In classe nostra abbiamo accolto diversi bambini provenienti da terre lontane. Mendoza Angela Peralta, che proveniva dall Equador. In classe quarta, dopo le vacanze di Natale Angela non è rientrata nella nostra scuola, perché è andata ad abitare in un altro paese. In seconda abbiamo accolto Karlien Van Der Vyver, bambina di origini sud africane. Michelle, bambina proveniente dalla Costa d avorio, è entrata a far parte della nostra classe in terza.karlien e Michelle hanno instaurato subito un legame di amicizia e fratellanza con tutti noi e le insegnanti. In quarta abbiamo accolto Javier Rosario Famiglia proveniente dalla Repubblica Dominicana(Santo Domingo). Il 21 febbraio è arrivata una nuova compagna che si chiama Paula Lorena Dotti. Paula per le nostre docenti è una bambina molto coscienziosa ; per noi è una ragazzina diligente e gentile. Tutti questi bambini extracomunitari hanno impresso in noi un forte senso di rispetto nei confronti di altre culture e di altri popoli. Abbiamo capito che non si deve temere ciò che non si conosce ma va studiato. Per merito di questi compagni ci siamo avvicinati a culture diverse dalle nostre, abbiamo allargato le nostre conoscenze geografiche e storiche. Abbiamo imparato inoltre una grande lezione di civiltà, che tutti gli uomini sono una grande ricchezza,gli uni e gli altri. M. Cangialosi, M. Garzonio, B. Masiero, M. Ponea.

6 Pagina 6 I nostri nonni e noi, insieme per i bambini meno fortunati. NOI E L UNICEF Tra i banchi di scuola nonni e bambini a creare giocattoli da vendere per costruire una scuola in Kirghizistan. QUALCHE INFORMAZIONE IN PIU SUL KYRGYZSTAN Noi bambini della scuola primaria di Casorate Sempione, insieme ad alcuni nonni abbiamo costruito giocattoli per una mostra mercato. Ogni classe ha scelto cosa realizzare e quali giocattoli costruire. Tutti i balocchi realizzati sono stati venduti domenica 18 dicembre durante il mercatino aperto nei locali della nostra scuola. Il denaro ricavato da questo piccolo mercatino di giochi, è stato donato all Unicef : un associazione,che aiuta le persone e i bambini che soffrono nel mondo,sia per le situazioni economiche,che politiche ed ambientali. Costantino Maria Il Kirghizistan è una repubblica sovietica. L economia è basata quasi esclusivamente su agricoltura e pastorizia. Gran parte del territorio è montuoso,con le catene del Tian Shan e del Pamir Alay. Il kirghizistan è il secondo paese più povero della regione nonostante una crescita economica dopo l indipendenza raggiunta nel Il debito estero e la mancanza di risorse naturali provocano migrazioni,che aggravano i problemi sociali legati al collasso dei servizi sociali e sanitari. Il 50% dei bambini sotto i tre anni soffre di anemia. La povertà delle famiglie costringe molti bambini a varie forme di lavoro minorile. Mostra mercato dei giocattoli realizzati da alunni, nonni, genitori ed insegnanti

7 Pagina 7 RESOCONTO DI UN ESPERIENZA Nella mattinata di Venerdì 16/03/2007, noi ragazze e ragazzi delle classi terze della scuola primaria di Casorate Sempione, abbiamo partecipato ad un incontro con il presidente dell UNICEF: Maurizio Turcato. Il sig. Turcato ci ha raccontato tanti fatti riguardanti i bambini che vivono nei paesi più poveri del mondo e i loro diritti negati. Noi lo seguivamo attenti, interessati, rispondendo alle sue domande. Al termine del suo discorso ha chiamato un bambino per ogni classe e ci ha regalato una bandierina dell UNICEF come ricordo di questo momento. Ci siamo quindi divisi in due gruppi: 3A e 3B, per svolgere delle attività finalizzate ad approfondire la conoscenza dei diritti dell infanzia ed in particolare del diritto di tutti i bambini del mondo a frequentare la scuola e a giocare, Un altra attività che abbiamo effettuato è stata quella di leggere tante storie di bambini di ogni parte del mondo e di sceglierne una. Alunni delle classi terze Noi di 3^A siamo stati colpiti dalla scuola di Isa, un bambino della Sierra Leone. Durante la guerra civile nel suo paese Isa è stato rapito dai soldati nonostante avesse solo 7 anni. Dopo due anni èstato liberato insieme ad altri bambini ed è tornato a casa. A causa della guerra non ha frequentato la scuola. Ora ha 10 anni e ha ripreso a studiare. La sua materia preferita è l inglese. Alunni di 3^ A Noi di 3B abbiamo scelto la storia di Nadin, una ragazzina palestinese Nadin vive in un campo profughi per i rifugiati palestinesi, gestito dall Agenzia delle Nazioni Unite, in Cisgiordania. La sua famiglia è fuggita dalla cittadina di Malha, situata nella Palestina storica, dopo la guerra arabo-israeliana del 1948, quando la nonna era una bambina di soli 6 anni. Questa storia ci ha colpito perché il desiderio più grande di Nadin insieme a quello di vedere finalmente in pace Israeliani e Palestinesi, è quello di ritornare a Malha, città natale dei suoi, che lei non ha mai visto! Alunni di 3^B

8 Pagina 8 Un giorno speciale per nonni speciali DUE OTTOBRE : FESTA DEI NONNI Il 2 ottobre i nonni ritornano tra i banchi di scuola per passare un pomeriggio speciale con i loro nipoti. Carnevale tra i banchi e le vie di Casorate IL CARNEVALE DEL GIOVEDI GRASSO : UN GIORNO DI SCUOLA? Il giorno del giovedi grasso per le vie di Casorate sono usciti in maschera molti bambini della scuola primaria Casorate Sempione 2 ottobre In occasione della Festa Nazionale dei nonni, noi ragazzi della scuola primaria abbiamo invitato i nonni per ricordare la loro festa. Diverse sono state le proposte da vivere insieme, nonni e nipoti. Nella VA:sono stati organizzati giochi, dei tempi dei nonni; II a-b: canti insieme, abiti per le bambole, fiori e cerchietti per capelli, inoltre scoobydoo; III a-b : realizzazione di fiori per San Tito; I a-b: realizzazione di fiori, racconti di esperienze del passato IV a-b: fiori Noi ragazzi della V b abbiamo realizzato con le nonne fiori ( come margherite, fiori di campo, gladioli, papaveri, girasoli,gerani, ) e, coi nonni vasi in terracotta. Dopo le attività ci siamo recati al Centro Anziani per la merenda e alcuni bambini hanno mostrato le attività svolte insieme ai nonni. Dopo aver trascorso una bella giornata con i nonni siamo tornati a casa felici. Scuola Primaria Milite Ignoto Il giovedì grasso alcuni bambini delle scuole primarie di Casorate si sono recati per le vie del paese in maschera. Durante il pomeriggio i bambini interessati hanno indossato maschere. Alcuni di loro sono andati anche nelle classi per ammirare gli altri bambini in maschera. Poco dopo i bidelli hanno aperto la porta e tutti in fila siamo usciti per le vie. Tutti avevano sacchetti con coriandoli e stelle filanti da lanciare. Ogni tanto si faceva sosta nelle piazzette, nelle quali si giocava per qualche tempo a lanciare coriandoli e stelle filanti. Le vie ben presto sono state ricoperte da un tappeto variopinto. Tutti erano felici di poter trascorrere un intero pomeriggio in maschera!!!! M.Autera,C.Fantinato,Pastore L., J. Signorelli Autera M., Fantinato C., Signorelli J. Ci sono due tizi che vanno sulla bicicletta a due posti.quello davanti dice a quello dietro: Ufff... che fatica che faccio a pedalare E quello dietro esclama: E ci credo! E dall inizio che continuo a frenare per non venirti addosso Lotoro Matteo

9 Pagina 9 Attività di animazione alla lettura nelle classi EROI GRECI A SCUOLA Eroi storici e moderni a confronto Quest anno un libro in particolare ha stimolato la nostra curiosità; si intitola Storia della storia del mondo e noi alunni della quinta B l abbiamo divorato con il nostro solito grande entusiasmo. Questo libro parla di storie della mitologia greca e della guerra di Troia, parla di eroi e di leggende. Si narra che all inizio della guerra di Troia, Elena viene portata via da Paride, che era un ospite del re Menelao. Questo rapimento sarà la causa della guerra di Troia. In questi giorni stiamo leggendo il capitolo Patroclo l amico di Achille,nel quale si narra che Achille, offeso da Agamennone, si rifugia nella sua tenda con l amico Patroclo, che poi decide di andare a combattere e rimane ucciso.le storie lette ci hanno offerto lo spunto per riflettere insieme su temi come il coraggio, l amicizia, l avventura I protagonisti di questo libro sono gli eroi, coloro che hanno compiuto grandi imprese sul campo di battaglia. Ci siamo, quindi, chiesti: chi è un eroe? Cosa intendiamo noi oggi per eroe? E chi sono i nostri eroi? Io ho condotto una simpatica indagine sugli eroi che piacciono ai miei compagni,l ho chiamata Gli eroi. Queste sono alcune risposte: A 3 bambini piacciono gli eroi dei cartoni animati. 3 bambini considerano loro eroi alcuni cantanti e 5 bambini alcuni calciatori. A 1bambino piace un attore, in particolare. 1 bambino non adora nessuno. Disconzi Yuri Arrivano i controlli SI INTRAVEDONO I SEGNI DELLA VECCHIAIA DELLA SCUOLA Intervengono i tecnici del comune Martedì 20 marzo al ritorno dalla visita all ambulanza parcheggiata nel cortile della scuola, i bambini di 5 B hanno trovato dello stucco davanti alla porta della loro aula. Il personale della scuola ha prontamente chiamato i tecnici del comune i quali hanno tempestivamente messo in atto i dovuti controlli. Mentre i tecnici controllavano ho raccolto qualche opinione a proposito dell accaduto. Giorgio pensa che calcinacci a terra siano dovuti semplicemente ad uno scrostamento superficiale del soffitto. Daniele, Davide, Maria e Valerio pensano che il problema sia legato all età dell edificio scolastico Umberto pensa che la scuola abbia bisogno di continui interventi di manutenzione e controllo. Restiamo in attesa della soluzione del problema che sicuramente sarà causa di disagio per tutta la scuola Mazzuccato F.

10 Pagina 10 chi chiamare se si è in pericolo IL118 TRA I BANCHI DI SCUOLA I bambini imparano come agire in momenti di emergenza. Martedì 20 marzo 2007 alla scuola primaria di Casorate Sempione le classi quinte hanno seguito per tre incontri un corso che insegna come comportarsi in casi di emergenza. Le lezioni sono state tenute da due dipendenti del 118 che hanno spiegato cosa succede alla chiamata di un numero di emergenza(118). Alla richiesta di aiuto Quando si chiama al telefono risponde la Centrale di Varese che pone delle domande di rito :dove sei? Cosa è successo? La persona è cosciente? Respira?. A seconda della gravità e specificità dell accaduto il 118 manda l ambulanza con codici diversi che sono codice rosso ( il paziente non è cosciente e non respira) codice giallo ( il paziente non è cosciente ma respira ) codice verde ( il paziente è cosciente e respira)codice bianco (serve per trasportare le persone non autosufficienti all ospedale per eventuali controlli). Da un indagine conoscitiva della valutazione del corso è risultato essere stato gradito e considerato molto utile sia per il presente che per il futuro. Bongiovanni A,Quadrio U. Una rovinosa caduta dalla bicicletta UNA SFORTUNATA IMPENNATA Giochi pericolosi tra bambini finiti al pronto soccorso Un bambino della scuola primaria si diverte ad impennare con la sua bicicletta, quando un altro bimbo lo vede e gli chiede di provare a compiere le stesse prodezze con la sua bicicletta. L impresa riesce perfettamente ed il padrone della bicicletta, forse colto da invidia, afferra violentemente il manubrio e fa sbalzare a terra il malcapitato. Conseguenze dirette di tale inspiegabile gesto sono un gomito fratturato, lo spavento, il dolore fisico e morale provati dal bambino che ha subito l atto di violenza, la corsa in ospedale e l ingessatura da portare a lungo. Come potremmo giudicare il gesto del bambino che ha provocato l incidente? Sicuramente un atto di prepotenza inspiegabile. Bongiovanni A., Quadrio U.

11 Pagina febbraio: sport a scuola FESTA DELLO SPORT Presso la palestra comunale, esibizione dei piccoli atleti della scuola primaria alla presenza dei loro genitori Un andata da urlo e un ritorno strabiliante IL BASKET A CASORATE Casorate S. gioca a basket Casorate S.- La squadra degli esordienti della squadra di Casorate S. i giocatori sono praticamente tutti aquilotti cioè dell età di anni.questi giocando con impegno riescono a vincere alcune partite del campionato. Migliorano di settimana in settimana e i risultati si vedono:la ROBUR VARESE ritorna;sotto di 40 all andata e solo -29 al ritorno. Non si vedono più occhi sorridenti ma ginocchia distrutte. Ai play off passano le prime 4 squadre Casorate è 5. Deve battere la HAYES ROK di Gallarate (all andata hanno perso) per passare e continuare il suo cammino. Bordoni S., Pinato E. Casorate Sempione - Venerdì 16 febbraio, presso la palestra comunale, si è svolta la festa dello sport come conclusione dell attività sportiva, che gli alunni hanno eseguito con gli esperti. Sono stati proposti esercizi di basket, karatè e psicomotricità. Per prime si sono esibite le classi terze con una dimostrazione di basket,sotto l occhio vigile dell istruttore Matteo,poi le quarte guidate dall istruttrice Federica. A seguire gli alunni delle classi prime che si sono cimentate in esercizi di psicomotricità con Michele,le seconde con una dimostrazione di karatè, guidate da Alessandro. Infine le quinte, dopo un breve riscaldamento, hanno eseguito una dimostrazione di basket. Al termine della serata, sono stati consegnati zaini e borse agli istruttori e tutti i bambini hanno acclamato la nuova istruttrice Federica. Così la festa dello sport di Casorate Sempione si è conclusa in tarda serata. Bordoni S., Pinato E. COME SI CHIAMA Il più famoso motociclista giapponese Usopoko lamoto Il più famoso programma guardato dai pugili Te le do

12 Pagina 12 CATANIA, IL GRANDE DELIRIO Poliziotto morto a Catania; inutili le leggi speciali attuate nella precedente legislatura dal ministro dell interno Pisano. Palermo ancora nel caos IL CALCIO VITTIMA DEL CAOS DEGLI STADI Durante la partita, cori indignati da parte dei palermitani Venerdì 2 febbraio all uscita dallo stadio del Catania dopo il derby contro il Palermo è stato ucciso un poliziotto. Si crede sia stato colpito da un sasso, dagli ultras catanesi frustrati dalla loro sconfitta della loro squadra del cuore. La FGIC ha preso la decisione di sospendere tutti i campionati per un turno, dalla serie a agli allievi. Dopo lunghe discussioni si è inoltre deciso di far svolgere le partite a porte chiuse in tutti gli stadi non a norma ma questo ha portato a proteste da parte delle società. E stata invece, appoggiata la scelta di impedire trasferimenti organizzati da parte degli ultras. Durante la partita Chievo Palermo giocata domenica 18 febbraio, i tifosi del Palermo hanno lanciato cori come per esempio: Vogliamo un'altra Catania a seguito degli avvenimenti del derby. Ma questi canti sono stati immediatamente coperti dai fischi dei tifosi avversari. La partita è finita 1-1 senza risse fuori dallo stadio che era a norma con la legge,munito di tornelli, quindi aperto ai tifosi. Pezzoni D., Taiano G. Pezzoni D., Taiano G. E sport questo? Lo scandalo di Catania ha mostrato il volto del calcio inaccettabile. Gli altri sport sono parsi al suo confronto più sicuri all insegna del fairplay. Ormai lo sport calcio è diventato spazzatura per le tifoserie non sportive. I veri tifosi che vorrebbero questo sport diventasse vero sport e non una questione economica Pierino torna a casa e dice al papà : -Sai che ho ingoiato una puntina del giradischi? E non mi è successo nulla, e non mi è successo nulla, e non mi è successo nulla, e non mi è successo nulla, Pezzoni D. Taiano G.

13 Pagina 13 TEST: QUANTO SEI SPORTIVO? ABBREVIAZIONE DI ASSOCIAZIONE CALCISTICA 2 COGNOME DI CHI HA VINTO IL PALLONE D ORO 3 SQUADRA RIVALE DELLA ROMA NEL DERBY 4 RUOLO DI GENNARO GATTUSO 5 SQUADRA PRIMA NEL CAMPIONATO ITALIANO 6 RUOLO DI BUFFON E SIMILE AL CALCIO MA SI PRATICA IN ACQUA 2 SI PRATICA SUL GHIACCIO 3 IL CALCIO CON LE MANI 4 SI PRATICA IN UNA PALESTRA SIA DA SOLISTI SIA IN GRUPPO 5 FINO AL SECOLO SCORSO ERANO DI LEGNO 6 NELL ATLETICA SI PRATICA CON L ASTA

14 Pagina 14 CRUCIVERBA SPORTIVO ORIZZONTALI 1 Capitano della Roma 4 Associazione sportiva 6 Corsa di cavalli 7 Insiemi di voci che si leva dagli spalti 9 Se vi entra la palla è goal VERTICALI 1 Colpo di classe 2 Iniziali di Sivori 3 Soprannome del Torino 5 Saluto di karate 6 Squadra formata da tre giocatori 8 Prime due lettere di atleta CERCHIAMO LE PAROLE E POI TIRIAMO UNA SBARRA A QUELLE GIUSTE!! LE PAROLE DA CERCARE SONO: AMORE HOTEL CIAO MOSTRO LIBRO FINE AMBIENTE LUNA SOLLIEVO ERBA TAGLIO. H I S O L L I E V O I L M N O C C A S I O N E A S S O L T A G L I O C I A O I S S A E R B A L U N A S A M T T M L I B R O V S M O C I R R O E N I F T M C L S I E O O R A M B I E N T E C A S R L E Prova a inventare delle frasi con le parole che hai trovato. Masiero B.

15 Pagina 15 Grandi campioni a confronto LA SPORTIVITÀ COMPIE 40 ANNI Roberto Baggio fa onore al calcio: mentre Zidane perde la testa. Basta pensare ai mondiali di Berlino, un chiarissimo caso di non sportività: la testata di Zidane contro il petto di Materazzi. Da un altro punto di vista la colpa è di Marco, certo Zizoue è uno col grilletto facile, ma non vorrebbe mai beccarsi il rosso proprio nel mondiale Italia-Francia. Marco deve aver provocato. Il 19 febbraio 2007 il giocatore, secondo alcuni, il più sportivo: Roberto Baggio. Mi ricordo che ai suoi tempi nella partita Juventus-Milan grande Derby fece un fallo bruttissimo a Maldini(difensore Milan) ed in quel momento accadde l incredibile:lo aiutò ad alzarsi. Infatti ora Baggio è stretto amico di Maldini. Sempre il 19 febbraio le Iene(programma di Italia 1) ha fatto visita a Baggio portando una grossissima torta. Baggio se stai leggendo auguri. Ponea Mircea Come vorrei fosse lo sport. Vorrei che lo sport fosse:divertimento,imparare a stare con gli altri, migliorare o cercare di migliorare giorno dopo giorno i propri limiti. In poche parole lo sport è vita. L esempio che ci arriva dal mondo del calcio in questo periodo non ha niente a che fare con lo sport. Intervista Ora intervisterò mio padre. 1Cosa vorresti che ci fosse nello sport? Vorrei che nello sport,specialmente nel calcio,girassero meno soldi e ci fosse molta più passione da parte dei dirigenti. 2Preferisci lo sport dilettantistico o professionistico? Ora come ora quello dilettantistico. Andrea Bongiovanni - QUALE E IL COLMO PER UN BATTITORE DI BASE-BALL? - BATTERE LA FIACCA Pastore C., Rappa F. - QUALE E IL PIU FAMOSO PUGILE RUMENO? - GANCIU DESTRU. Pastore C., Rappa F. - SIAMO UNA SQUADRA MOLTO UNITA : ABBIAMO TUTTI LA STESSA RAGAZZA! Pastore C., Rappa F.

16 Pagina 16 5 punti sulla lingua UN GIOCO FATALE A SCUOLA Se avesse parlato ancora avrebbe avuto la lingua amputata dalla maestra ANCORA UN ASSASSINIO INSPIEGABILE ASSASSINATA UNA DONNA DA UN VICINO DI CASA Tra vicini di casa Che cosa ne pensate del fatto di tagliare la lingua ai bambini che parlano troppo? Sono sicuro che giudicherete questo fatto folle. Una maestra, minacciando con le forbici un alunno che parlava troppo, ha messo in pratica questa folle azione. Risultato : 5 punti di sutura sulla lingua. La maestra probabilmente sarà licenziata e dovrà risarcire i danni sia fisici sia morali. Io penso che sia una cosa terribile, e voi? Davide Dalla Costa Una settimana fa una donna è stata assassinata in un giardino da un vicino di casa. Dopo averla uccisa, l assassino, ha dovuto pensare ad un piano per liberarsi del corpo; decide di metterlo in una valigia. Dopo aver percorso un viottolo del giardino, è arrivato sulla scalinata di casa l assassino ha visto il marito della vittima uscire dalla villa e l ha salutato, senza che il marito si accorse di niente. Marco Garzonio

17 Pagina 17 CHI ERA S. TITO? Tito era uomo Pagano nato in Grecia, non si sa per precisione quando, e morto il 16 agosto 426 A.C Roma, ucciso,(trucidato e martirizzato) pubblicamente da un ufficiale barbaro mentre distribuiva l elemosina ai poveri. Esso è giunto in Italia tramite una nave. Si è convertito da Pagano a Cristiano diventando Diacono a Roma dove è anche vissuto nel 400 dopo Cristo. San Tito viene festeggiato a Casorate ogni 10 anni. Tutti insieme al lavoro SAN TITO LA FESTA CHE UNISCE Ritorna dopo 10 anni la festa decennale di Torna dopo 10 anni la festa decennale di San Tito, tanto attesa dai casoratesi. Giunta ormai alla nona edizione è motivo di unione e di gioia per stare insieme per costruire in gran segreto gli addobbi della propria via. Tutti sono impegnati nel realizzare milioni di fiori con materiali diversi per renderli resistenti alla pioggia. In origine vista la scarsa disponibilità economica i fiori venivano esclusivamente realizzati con la carta crespa. All interno di questi 10 giorni vengono svolte le più svariate manifestazioni di carattere sportivo, culturale, economico e anche religioso. L aspetto religioso sarà rappresentato dalle processioni che percorreranno le vie del paese durante le quali verrà mostrata l urna di San Tito, trasportata su un carro preceduto da cavalieri romani e spagnoli che ricordano l arrivo del santo a Casorate. E una bella cosa vedere anche le associazioni dare il loro contributo alla realizzazione della festa. Anche la scuola in questi 10 giorni darà il suo contributo, infatti i bambini della scuola primaria addobberanno la via della scuola primaria con i fiori realizzati, mentre gli alunni della scuola secondaria faranno da ciceroni nel raccontare la storia della festa e dalla propria chiesa ai visitatori. La festa di San Tito è riconosciuta come una delle più belle del varesotto. Straordinaria la partecipazione della gente IL PAESE È ORMAI SPOGLIO La festa di san Tito volge al termine Con l esplosione di magnifici fuochi d artificio, si è conclusa la festa di san Tito. Straordinaria è stata la partecipazione della gente. Milioni di persone hanno percorso le strade ammirando fiori addobbi e partecipando alle numerose iniziative che hanno allietato la settimana. Un particolare riconoscimento lo si deve ai Castratesi che con grande impegno hanno lavorato instancabilmente anche per tutta la durata della festa. Il paese ormai spoglio. Rimangono ancora addobbi qua e la. Alcuni sono stati tolti, altri sono stati rubati. Aspettiamo con fiducia il prossimo decennale nella speranza che sia come questo o anche meglio. Quadrio Umberto

18 Pagina 18 INTERVISTA A. Sig.ra Daverio Carla COSA NE PENSI DELLA FESTA? Secondo me non è stata una festa religiosa, ma una festa commerciale... C ERA UNA VOLTA UN SAN TITO RELIGIOSO...Quando io ero piccola nel 1946 si facevano i fiori di carta, si lavorava, ci si aiutava, ma ogni festa che passa diventa sempre più festa. TU HAI AIUTATO PER I PREPARATIVI? Io ho aiutato molto per i preparativi, ho fatto tutte le sandaline nella via Roma, ben 330. Avevo chiesto se serviva il mio aiuto, ma all improvviso me le sono trovate tutte io da fare, comunque non mi è pesato, l ho fatto perché me lo hanno chiesto,ma perché mi piace rendermi utile. Sig. ra Pinuccia Zocchi COSA NE PENSI DELLA FESTA? E una festa che va mantenuta per tradizione, però che ridiventi religiosa, e non commerciale come quella di questo anno. Dovrebbe essere una festa più religiosa; tempo fa, infatti, il paese una volta era addobbato di fiori di diversi materiali poveri: calze, carta crespa. Un giorno piovve tanto e tutti i fiori si sciuparono così fu necessario cambiare tipo di materiale. TU HAI AIUTATO PER I PREPARATIVI? Ho dato un aiuto nel fare le composizioni di fiori di via Roma. Ho ritagliato le corolle e i petali dei girasoli.

19 Pagina 19 FELICE Un giorno il signor Felice cadde in una pozzanghera e iniziò ad urlare - Aiuto, Aiuto! Un uomo gli si avvicinò e gli chiese - Chi sei? - Sono Felice, caduto in una pozzanghera - Allora stai zitto e stai lì COMPLIMENTI -Sai, oggi, un signore seduto al bar della stazione mi ha detto: Sei stupenda! - Ah, io lo conosco, è il cieco seduto là a chiedere l elemosina ai passanti IL GALLO - Nonno, è vero che il gallo canta ogni volta che da qualche parte qualcuno dice una bugia? - E vero Luca - E allora perché canta alle due di notte, quando tutti dormono? - Perché a quell ora si stampano i giornali

20 Pagina 20 Babbo Natale Cosa ci fa Babbo Natale in un campo da calcio? DONADONI PALLADINO Un bambino chiede ad un babbeo:- In che squadra gioca Palladino? Nella giustizia!!!!!!! ZIDAN Cosa ci fa Zidan in un giornale sportivo? Cerca la testata!!! I CONTRARI Scrivere a fianco di ciascun termine una parola di significato opposto. Le iniziali daranno il nome di una città asiatica. AMARO.. BASSO GRASSO SPENTO NUVOLOSO APERTO. AMATO. Un libro famoso Dalle parole sottoelencate, cancella tutte le note musicali. Le lettere restanti formeranno il titolo di un libro di Umberto Eco. Lai falla nodo fame ladre elmi- falsi aromi - sala Soluzione:... ( D. Lazzarini, M. Malvestito, F. Turano)

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce.

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce. HA - A Ricorda: HA verbo indica possedere, agire o sentire A preposizione risponde alle domande A chi? A fare cosa? Dove? Come? Quando? Completa le frasi con HA oppure con A Domani andrò pranzo dalla zia,

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Mauro. Simone. Mamy Jara

Mauro. Simone. Mamy Jara Trebisonda è un programma per ragazzi su RAI 3, dove si fanno dei giochi educativi a cui partecipano ragazzi di una scuola. Stavolta è toccato alla mia classe, la 2^A, e a una di Coldirodi. Noleggiato

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Prima Edizione Edizioni il Molo, 2014 Via Bertacca, 207-55054 Massarosa (LU) Tel e Fax 0584.93107

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com BASIC QUESTIONS 200 Opportunities to Discover ITALIAN Basic Questions Italian INDICE 1. SEI CAPACE DI?...3 2. TI PIACE?...4 3. COME?...5 4. QUANDO?...6 5. CHE?...7 6. COSA?...8 7. QUALE?...9 8. QUANTO?...10

Dettagli

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea Giovedì pomeriggio ci siamo recati in biblioteca per fare una ricerca sull'illuminismo. Cercavamo un libro abbastanza antico, non trovandolo la bibliotecaria ci ha portati nell'archivio e ci ha dato un

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

La storia di Manuela

La storia di Manuela La storia di Manuela «A 23 anni, a causa di una rettocolite ulcerosa, Ho dovuto affrontare un intervento per il confezionamento di una ileostomia, che doveva essere temporanea ma che, a causa di alcune

Dettagli

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India Gr uppo ASS EFA Torino & ASS EFA INDIA Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali fra ASSEFA Torino & ASSEFA India a cura di Maria Ferrando insegnante di scuola primaria

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

TEST di italiano. Completa con le preposizioni semplici mancanti: Completa il brano con i seguenti pronomi possessivi:

TEST di italiano. Completa con le preposizioni semplici mancanti: Completa il brano con i seguenti pronomi possessivi: TEST di italiano Verifica il tuo livello! Copia e incolla il test, completa le frasi e invialo a info@linguaincorso.com (Non ti preoccupare se non riesci a completare tutti gli esercizi!!!!) Completa con

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA CON ELMER E GLI ALTRI ANIMALI A.S. 2009/2010

PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA CON ELMER E GLI ALTRI ANIMALI A.S. 2009/2010 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO G.B. PUERARI Via IV Novembre,34-26048 SOSPIRO (CR) - c.f. 93037640195 Tel. 0372 623476 telefax 0372 623372 E-mail: cree025005@istruzione.it

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 IN GIRO PER ACQUISTI Signora Rossi: Voglio vedere una camicia per mio figlio. Commessa : Di che colore? Signora Rossi: Non so.. Commessa : Le consiglio il colore rosa. Se Suo figlio segue la moda, gli

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ.

ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012. 11:00π.μ. 14:15π.μ. Μάθημα: ΙΣΑΛΙΚΑ ΤΠΟΤΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΔΙΕΤΘΤΝΗ ΑΝΩΣΕΡΗ ΚΑΙ ΑΝΩΣΑΣΗ ΕΚΠΑΙΔΕΤΗ ΤΠΗΡΕΙΑ ΕΞΕΣΑΕΩΝ ΠΑΓΚΤΠΡΙΕ ΕΞΕΣΑΕΙ 2012 Ημεπομηνία και ώπα εξέτασηρ : Δεςτέπα, 21 Μαϊος 2012 11:00π.μ. 14:15π.μ. ΣΟ

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA Anno scolastico 2012-2013 Presentazione Si riparte! L inizio di un nuovo anno scolastico è un momento impegnativo per i bambini e per i genitori che iniziano

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

"UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis

UN NATALE MAGICO Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis "UN NATALE MAGICO" Farsa in Musica per Bambini di Oreste De Santis *** Attenzione è possibile acquistare il cd musicale ( 20 ) con le canzoni con voce e le basi musicali direttamente dall autore scrivi

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele Un giorno, finita la scuola siamo passati dal bar per comprare le cicche. Eravamo a piedi, desiderosi di fare due passi all'aria aperta e di goderci la bella giornata. Quando siamo usciti dal bar è arrivato

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 17 Stampato in proprio dicembre 2008 Una lettera catechesi del cardinale Tettamanzi per gustare la gioia del Natale e raccontare la straordinaria

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1 ANNO ACCADEMICO 2013-2014 COGNOME NOME MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO TEMPO MASSIMO PER LA CONSEGNA DELLA PROVA: 90 MINUTI 1.Inserisci gli articoli determinativi corretti.

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo bambini

Livello CILS A1 Modulo bambini Livello CILS A1 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

La foto della mia squadra

La foto della mia squadra La foto della mia squadra Questo libro appartiene a: La mia squadra del cuore: Il mio calciatore preferito: Il mio allenatore preferito: Pubblicato da: Associazione Svizzera di Calcio Casella postale 3000

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Programmazione didattica annuale

Programmazione didattica annuale A.S. 2014-2015 Programmazione didattica annuale *Scuola dell Infanzia Carlo Pizzala 22030 ORSENIGO Via Baragiola, 1 C.F./P.I. 00648820132 Revisione 06.10.2014 EXPLORANDO L il PIANETA a.s. 2014/2015 Progetto

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE Ciao Mario come stai? Abbastanza bene, grazie. Ti presento il mio amico John. Da dove viene John? John è Canadese ed è in Italia

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli