Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo"

Transcript

1 IL PROGETTO LA STRADA VERSO UN SOGNO. Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo spinoso problema della violenza nello sport, della maleducazione e della troppa distanza tra i valori che lo sport incarna e i comportamenti di alcuni tifosi, dirigenti e atleti che lo stanno distruggendo. Nello stile spiccio ma deciso di Don Gino e di Comunità Nuova, la domanda che ci si è posti è stata: Cosa possiamo fare noi? Serve un idea.. Nasce così la proposta di individuare una strategia diversa rispetto al solito bivio repressione o conciliazione. Ci serviva una terza via, un alternativa tutta incentrata sulla promozione di una cultura della sportività. Partiamo dai giovani, i ragazzi delle scuole primarie e secondarie, pensiamo ad un percorso, organizziamo una serie di azioni educative con obiettivo la prevenzione del tifo violento. Questa è la strada! Le parole chiave su cui lavorare sono educazione, rispetto, collaborazione, lealtà e partecipazione. La metodologia da utilizzare: attiva, coinvolgente e creativa. Il motto è tra il dire e il fare c'è di mezzo il nostro CERVELLO!. Invitiamo i bambini/ragazzi ad una riflessione che parte dalle proprie esperienze personali nello sport: Io rifletto, io penso, io scelgo se mettere in campo comportamenti positivi o negativi. I ragazzi giocano e tifano collaborando come squadra. Offriamo loro l'occasione di vivere delle esperienze emozionanti attraverso gli incontri con i testimonial del mondo sportivo e la partecipazione come tifosi attivi e appassionati ad eventi sportivi di spicco. Condividiamo l idea con alcuni amici, i nostri partners di progetto, che hanno una lunga esperienza sportiva: inizialmente l Inter e Candido Cannavò. In particolare, l incontro con Candido è stato illuminante. Grazie alla sua grande esperienza, alla sua capacità di sognare e alla voglia di fare, la spinta a crederci e a sviluppare le azioni del progetto è cresciuta e ci ha convinti di essere sulla strada giusta. In questi anni entrano come partner anche altre grandi società sportive che ci vedono lavorare e condividono la nostra idea e la nostra metodologia. Oggi, gli amici istituzionali e sportivi sono tantissimi. Siamo grati e orgogliosi dei molti atleti che ci danno una mano mettendosi a disposizione dei ragazzi, raccontandosi, emozionandoli e mettendosi in discussione con le domande vere e insidiose da loro formulate.

2 Siamo partiti in piccolo, proponendo il percorso IO Tifo Positivo ad una scuola di Rozzano. A distanza di sette anni ci siamo allargati e ad oggi abbiamo abbracciato 7 province lombarde e 30 comuni, per sbarcare lo scorso anno in Europa. Il nostro progetto è stato scelto come modello da esportare in ben sette paesi dell Unione. Ma il cuore di IO Tifo Positivo, non lo dobbiamo né vogliamo dimenticare, è costituito da tutti i bambini e i ragazzi coinvolti. Loro sono i veri protagonisti del percorso. I ragazzi hanno tanto da dire: hanno sogni, pensieri interessanti, voglia di emozioni, richieste e proposte creative. Ci stanno lanciando dei messaggi positivi. Tocca a noi ora ascoltarli, sognare con loro e seguire la lezione di vita che attraverso queste meravigliose storie di sport ci stanno regalando. Anche noi siamo sognatori e questa è la strada che abbiamo scelto di percorrere insieme a loro! Gli educatori del progetto in questi setti anni di lavoro hanno sempre più valorizzato i contenuti e i significati del progetto. Sicuramente possiamo affermare che IO Tifo Positivo rappresenta un progetto interdisciplinare anche se a noi piace di più parlare di CONTINUITA EDUCATIVA Pensiamo che progetti efficaci di continuità educativa debbano partire proprio dai bambini. Dal fatto cioè di considerarli soggetti protagonisti nella scuola. Il percorso scolastico li porterà, attraverso tappe successive ma continuative, ad acquisire competenze, abilità, a crescere e maturare dal punto di vista dell identità e dell autonomia. Crediamo che ogni progetto di continuità educativa debba non tanto e non solo aiutare il bambino a conoscere la realtà nuova in cui dovrà inserirsi, ma anche, partendo dalla didattica, proporre significative attività di apprendimento. Tali attività mirano a favorire, tra i diversi ordini di scuola coinvolti, una reciproca conoscenza in termini di metodologie, contenuti, linguaggi specifici, in modo tale che vi sia continuità tra i diversi livelli di esperienze che un bambino può vivere e realizzare prima alla Scuola primaria, poi secondaria e infine nella vita. IO Tifo Positivo vuole essere un opportunità per parlare di educazione attraverso il gioco e lo sport. La sfida è quella di formare nei bambini e nei ragazzi una mentalità sportiva positiva. Il progetto punta su alcuni valori fondamentali. L amicizia, il rispetto reciproco, la lealtà e la tolleranza, infatti, non sono solo valori importanti nello sport ma nella vita di tutti i giorni.

3 La metodologia utilizzata ha come base l interesse personale del bambino - ragazzo. Si privilegiano attività quali il gioco, la drammatizzazione, la rappresentazione grafica, la musica, le canzoni, la visione di immagini e non per ultima la discussione e il confronto. L'approccio utilizzato è essenzialmente basato sulla relazione che si instaura con i ragazzi attraverso le competenze educative degli operatori e le esperienze che il percorso offre. Lo sport, il tifo e il gioco verranno utilizzati nelle loro forme più varie (motorio, simbolico, di ruolo) e costituiranno il mezzo privilegiato per interessare, incuriosire e coinvolgere i bambini. Al fine di introdurre vocaboli, modi di dire ed espressioni vengono poi utilizzati diversi strumenti: cori, filastrocche e mimi che, oltre a divertire i bambini, facilitano l'apprendimento. Anche l approccio all utilizzo della macchina fotografica o computer sarà effettuato in modo ludico. I bambini/ragazzi, durante il percorso, passeranno dal lavoro individuale a quello in piccoli gruppi e collettivi, guidati dagli educatori e dai loro insegnanti. Target Con il progetto ci prefissiamo di raggiungere tre diverse fasce di target, ognuna con un livello di coinvolgimento diverso: I bambini e i ragazzi di età compresa tra i 9 e i 13 anni delle scuole primarie e secondarie, primi beneficiari e utenti finali di ogni azione educativa proposta; Il mondo dello sport, rappresentato dalle sue istituzioni, dalle società sportive, dagli atleti (attuali ed ex), dai giornali sportivi, dai tifosi e da tutti coloro che vi ruotano attorno. Le famiglie degli studenti coinvolti, chiamate a supportare l azione educativa del progetto e direttamente coinvolte in alcune attività proposte durante il percorso. La loro partecipazione è di primaria importanza ed essenziale affinché il progetto riesca ad esprimere tutte le sue potenzialità.

4 Il progetto IO Tifo Positivo vuole essere per le scuole: un percorso multidisciplinare volto al recupero dei valori e dei significati dello sport mediante un percorso a tappe, l utilizzo di strumenti diversi e di una metodologia attiva. Tale percorso nasce dall esigenza di proporre attraverso una chiave multidisciplinare i temi dello sport, del tifo, dell ambiente e di attualità sociale. Raccordi interdisciplinari: Italiano ( incontri e realizzazione pagina de La Gazzetta): Conversazioni, letture, verbalizzazioni, giornalino. Inglese ( video coro Liverpool): ricerche su cori, letture, canzoni. Scienze ( video sport e salute-ambiente): ricerche, ambiente, riciclo. Musica e arte (costruzione strumenti per tifare e realizzazione di una tela con slogan): sperimentare varie tecniche pittoriche, plastiche e artistiche ed esprimere attraverso forme e colori le proprie percezioni e il proprio mondo emozionale. Informatica ( costruzione di un piccolo tg sullo sport) Effetto moltiplicatore Mostra finale: esposizione degli oggetti e degli strumenti costruiti; documentazione fotografica del lavoro svolto e altro. Obiettivi: Favorire la formazione nei bambini e nei ragazzi di una mentalità sportiva positiva; Educare al rispetto reciproco e alla tolleranza; Proporre i valori dello sport come principi ispiratori delle relazioni umane; Ridimensionare il fenomeno tifo ai soli luoghi e tempi dello sport; Proporre un modello sostenibile di tifo; Far conoscere l importanza di trasformare i rifiuti in risorse e gioco; Far comprendere come l azione individuale concorre al benessere collettivo; Sviluppare il senso del rispetto, la consapevolezza della tutela e della valorizzazione ambientale; Sviluppare la creatività attraverso l individuazione di un uso non convenzionale degli oggetti; Sapersi adeguare alle regole dettate da attività ludiche o di gioco; Rispettare lo spazio dei vari ruoli, l ambiente di gioco e le attrezzature; Sviluppare e rafforzare la fiducia in se stessi, l autostima, la determinazione; Sviluppare atteggiamenti positivi: rispetto reciproco, collaborazione, sostegno. L equipe degli operatori di Comunità Nuova Le attività sono progettate e realizzate da una équipe costituita da due coordinatori e otto educatori esperti nelle tematiche sportive e nell uso di tecniche animativo-espressive.

5 I PARTNER Vogliamo riflettere insieme a loro e condividere valori, obiettivi e metodologie attive del tifo positivo. Vogliamo che le loro strutture siano un luogo d incontro per i ragazzi e le loro famiglie. Vogliamo promuovere nuovi strumenti per favorire la partecipazione agevolata ad eventi sportivi. Vogliamo valorizzare i partner locali, costruendo azioni mirate che rispondano ai bisogni del territorio. I TERRITORI E IL LORO COINVOLGIMENTO l progetto IO Tifo Positivo ha coinvolto dal suo inizio ad oggi, circa ragazzi e genitori. Abbiamo raggiunto i territori delle province di: Milano, Como, Bergamo, Lecco, Varese, Pavia, Monza e Brianza, Brescia e Catania, con circa 29 comuni coinvolti in tutto. ALCUNI DEI NOSTRI ESPERTI TESTIMONIAL Il progetto IO Tifo Positivo è anche di tutte le persone del mondo dello sport, che hanno condiviso con noi valori e significati, che hanno dedicato il loro tempo al progetto, che si sono fatti coinvolgere attivamente e concretamente. Tra questi, citiamo e ringraziamo: Carlo Verdelli (ex direttore Gazzetta dello Sport), Candido Cannavò (giornalista ex direttore della Gazzetta dello Sport), Daniele Redaelli (caporedattore della Gazzetta dello Sport), Marco Pastonesi (giornalista), Filippo Grassia (ex presidente del CONI prov. Milano), Pierfrancesco Barletta (responsabile sicurezza stadio di San Siro), Milly Moratti (F.C. Internazionale), Daniele Davanzo (presidente Rugby Monza), Francesco Mazzariol (nazionale Rugby), Andrea Zorzi (ex nazionale pallavolo), Bruno Pizzul (telecronista), Silvia Parente (medaglia d oro ski paraolimpiadi Torino 2006), Igor Cassina (medaglia d oro olimpiadi di Atene 2004), Dino Meneghin (ex nazionale Basket, ex presidente federazione), Claudio Gentile (ex commissario tecnico nazionale under 21 calcio campione del mondo di calcio Spagna 82), Adolf Insam (allenatore hockey ghiaccio), Franco Baresi (ex Giocatore Milan), Beppe Baresi (ex Giocatore Inter), Gianmarco Pozzecco (giocatore basket), Fabio Cassanelli (campione del mondo calcio balilla paralimpico), Martina Caironi (atletica medaglia d oro alle Paralimpiadi di Londra 2012), Alberto Busnari (ginnasta), Elisabetta Preziosa (ginnasta), Claudia Ferrè (allenatrice di ginnastica), Massimo Dighe (vela paralimpico), Dan Peterson (allenatore basket e commentatore TV), Filippo Galli (ex calciatore), Simone Buti (pallavolista), Dragan Travica (pallavolista), Pierluigi Santelli (atletica paralimpico) Giusy Versace ( atletica paralimpica), Ramiro Cordoba ( calciatore) CONTATTI: CELL SEDE OPERATIVA c/o palalido, p.zza Stuparich, Milano SEDE AMMINISTRATIVA c/o Comunità Nuova Onlus, via Gonin 8 Milano IO tifo

6 Allegato 1 SCHEDA SINTETICA DELLE AZIONI E STRUTTURA DELL INTERVENTO. Gli incontri verranno condotti da due educatori/formatori e l intervento sarà strutturato come segue: un incontro di spiegazione/coinvolgimento con gli assessori di riferimento, prima dell inizio dell intervento nelle classi (accordi vari) un incontro di spiegazione/coinvolgimento con gli insegnanti e genitori 1/ 2h (assembleare) prima dell inizio dell intervento nelle classi primo incontro di 2h (a classi singole): o presentazione associazione e progetto o gioco di conoscenza o attività di riflessione e discussione sullo sport e sul tifo o presentazione secondo incontro secondo incontro di 2h (a classi singole): o ripresa temi primo incontro o lavoro individuale o di gruppo (slogan, CDI, ) o visione e discussione di un video terzo incontro di 2h (a classi unificate) o incontro con esperto ( atleta, giornalista, dirigenti ) o incontro per approfondire i temi trattati L incontro con l esperto può essere realizzato con diverse modalità: 1) presso la scuola 2) in una struttura territoriale ( sala consigliare, palazzetto ) 3) presso la sede della Gazzetta dello sport, in questo caso sono esclusi dal preventivo i costi dei bus per raggiungere la sede del giornale ( l incontro prevede massimo 4 classi) quarto incontro di 4h (a classi unificate) o evento finale presso la palestra della scuola- palazzetto- piazza- GIOCHIAMO E TIFIAMO piccolo torneo tra le classi partecipanti al progetto. o Questa mattinata di gioco e tifo può subire dei cambiamenti in base alle classi partecipanti una partita allo stadio- palazzetto con uno dei nostri partners. (Inter o Milan o Armani Basket o Vero volley o Hockey Milano o..). un incontro di restituzione e verifica del percorso svolto con gli insegnanti 1/2h (assembleare)

7 FORMAT AZIONI ORE scolastiche Ore extra Genitori Incontri preliminari: Si assessori,dirigenti scolasticiinsegnanti, genitori. Primo incontro in classe singola 2 Secondo incontro in classe singola ( 2 aula video o supporto LIM) Terzo incontro con esperto: atleta, 2 (classi riunite) sì giornalista, dirigente, (*1) Evento gioco e tifo( *2) 4 si Evento sportivo finale: Basket o Calcio o Volley(*3) 0 5 si TOTALE 10 TOTALE 5 *1 per l incontro ci possono essere diverse modalità da decidere insieme (amministrazione e scuola) tenendo conto dei costi: a classi riunite max 4 l incontro con il testimonial viene fatto presso la struttura scolastica o altra sede territoriale l incontro con il testimonial può essere realizzato presso la Gazzetta dello sport ma i costi dei bus sono aggiuntivi *2 si cercherà di valorizzare le strutture sportive territoriali unendo i comuni che parteciperanno al progetto, quindi sono da prevedere gli spostamenti e i costi ( ogni comune ha dei contratti con aziende autolinee) *3 L evento delle partite verrà deciso con le insegnanti, i costi per arrivare a San Siro, Forum di Assago o sono a carico dei genitori. L entrata allo stadio Inter, Milan e al PalaIper Monza sono GRATUITE per i bambini e i genitori L entrata al forum di Assago per l Armani basket e Hockey Milano, costa complessivamente 3,00 euro bambino + genitore. In molti comuni i genitori si organizzano in bus mentre in altri il ritrovo è direttamente allo stadio. Nell incontro di presentazione ai genitori verrà richiesto un aiuto organizzativo: iscrizioni, dati, orari, ritrovo. Costi progetto Intervento IO Tifo Positivo in 1 classe 750,00 Per la buona riuscita del progetto si chiede la partecipazione minima di 2 classi. Le modalità di pagamento sono da concordare.

8 Allegato 2 educasport-arte Concorso di: Striscioni - prime pagine de La Gazzetta TG news sportivo Quei bambini sono venuti a darci una lezione che potrebbe avere diversi titoli: la bellezza dello sport, il divertimento dello sport, lo sport come rivalità e amicizia, il tifo è passione mai violenza. E mentre li ascoltavo, con tenera ammirazione, io guardavo al di là, al pericolo che grava su queste creature: che gli adulti li guastino. Candido Cannavò Gazzetta dello sport (16 gennaio 2009) Prendendo spunto dal testo scritto da Candido Cannavò e dal lavoro svolto in classe dagli educatori del progetto ad ogni classe sarà richiesto di realizzare: 1. un elaborato grafico-pittorico, con qualsiasi tecnica d esecuzione: tempera, matita, ecc..., su una tela formato 80 cm x 2,50 metri. 2. Creare una pagina ( fronte e retro) de La Gazzetta dello sport con tutti i suoi contenuti: articoli, interviste, ricerche, messaggi pubblicitari 3. Realizzare un piccolo TG sportivo, (registrato con telefonino) max 4 minuti La tela verrà fornita da noi ad ogni classe che aderirà al concorso, sul retro dovranno essere riportati chiaramente i seguenti dati: - nome della scuola e classe di appartenenza; - titolo dell elaborato; Le tele ultimate devono essere trattate con un impregnante incolore isolante (per la pioggia). La tela dovrà essere ultimata per l evento gioco-tifo. Sul nostro sito trovate il layout della pagina della Gazzetta dello sport da scaricare. Per il TG news sportivo i ragazzi e l insegnante si devono organizzare in autonomia, vi suggeriamo di guardare con attenzione un esempio ben fatto di video

9 Sarà cura degli operatori del Progetto IO Tifo Positivo ritirare i materiali prodotti, entro la data che verrà comunicata in classe. REGOLAMENTO Ogni classe può aderire a tutti e tre i laboratori ( tela, TG, pagina Gazzetta) o sceglierne solo uno o due. Le modalità vengono decise dall insegnante con gli studenti. Sarà cura degli operatori del Progetto IO Tifo Positivo ritirare i materiali prodotti, entro la data che verrà comunicata in classe. Non sono ammesse tele eseguite da persone esterne alla classe. La premiazione delle tre categorie avverrà a conclusione dell intervento IO Tifo Positivo 2013/2014. Sarà istituita una commissione di giudici esterna composta da 4 giurati: 1 referente della Fondazione Cannavò 1 referente IO Tifo Positivo 1 referente de La Gazzetta dello sport 1 rappresentante Assessorato all Educazione comune di Milano La giuria sceglierà tra tutti gli elaborati pervenuti i lavori migliori, più interessanti e significativi i quali, saranno segnalati nei siti dei nostri partners aderenti al progetto: Comune di Milano, Inter F.C., VeroVolley Monza, Gazzetta dello Sport, Rugby Monza, CIP,.. Tutte le tele saranno esposte durante un evento organizzato presso la sede del progetto IO Tifo Positivo. Il giudizio espresso dalla giuria sarà inappellabile ed insindacabile. Sul nostro sito verranno messi a disposizioni dei video per la realizzazione dei vari laboratori : pag. gazzetta, TG sportivo, tele, laboratorio per la costruzione di materiale coreografico, flash-mob.

10 ALLEGATO FOTOGRAFICO

11

Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo

Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo IL PROGETTO 2006 2013 LA STRADA VERSO UN SOGNO. Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo spinoso problema della violenza nello sport, della

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile. anno scolastico 2013 2014 Il programma Coca-Cola Cup propone alle prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado un articolata

Dettagli

PROGETTO L J VOLLEY SCHOOL 2014/2015: PALLEGGIA CON NOI!

PROGETTO L J VOLLEY SCHOOL 2014/2015: PALLEGGIA CON NOI! PROGETTO L J VOLLEY SCHOOL 2014/2015: PALLEGGIA CON NOI! PRESENTAZIONE. Nell intento di favorire lo sviluppo della pratica sportiva, intesa come sana consuetudine di vita volta al miglioramento delle capacità

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

UN FUTURO... ROSSOBLÙ: sport e formazione

UN FUTURO... ROSSOBLÙ: sport e formazione UN FUTURO... ROSSOBLÙ: sport e formazione Il Taranto FC 1927 e l'aps Fondazione Taras 706 a.c. (di seguito Fondazione Taras) organizzano una serie di iniziative con gli alunni delle scuole secondarie -

Dettagli

Milano, 8 aprile 2015

Milano, 8 aprile 2015 SABATO 27 GIUGNO 2015 - ARENA CIVICA DI MILANO GIOCHI SENZA BARRIERE, ENERGIA PER LA VITA UN GRANDE EVENTO FUORI EXPO NATO DALLA SPLENDIDA ESPERIENZA DI BEBE VIO OTTO SQUADRE SI SFIDANO NELLO SPIRITO PARALIMPICO

Dettagli

Brevi indicazioni operative per le famiglie

Brevi indicazioni operative per le famiglie Brevi indicazioni operative per le famiglie È consigliato un abbigliamento comodo, con scarpe da ginnastica, per permettere ai bambini di giocare senza difficoltà. I bambini che entrano al Centro dopo

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Spazio Tex SPAZIO TEX SI PREPARA AL NATALE. Cosa segnaliamo. Novembre-dicembre 2013 EDIZIONE N 2, 2013

Spazio Tex SPAZIO TEX SI PREPARA AL NATALE. Cosa segnaliamo. Novembre-dicembre 2013 EDIZIONE N 2, 2013 Notiziario Spunti Riflessioni Suggerimenti Annotazioni Segnalazione Eventi Collaborazioni Spazio Tex Novembre-dicembre 2013 EDIZIONE N 2, 2013 Cosa segnaliamo LIBRI IN GIRO, LETTORI CERCASI SPAZIO TEX

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

LJ VOLLEY SCHOOL: INIZIA A PALLEGGIARE CON NOI

LJ VOLLEY SCHOOL: INIZIA A PALLEGGIARE CON NOI PROGETTO PER LE SCUOLE LJ VOLLEY SCHOOL: INIZIA A PALLEGGIARE CON NOI PRESENTAZIONE. Nell intento di favorire lo sviluppo della pratica sportiva, intesa come sana consuetudine di vita volta al miglioramento

Dettagli

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa 1 Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa I media sono il modo in cui vediamo la realtà, sono la nostra principale fonte di informazione; oltre a rilassarci

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondariedi II grado Statali e non Statali Torino e Provincia Loro Sedi

Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondariedi II grado Statali e non Statali Torino e Provincia Loro Sedi Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio VIII Ambito territoriale per la provincia di Torino Ufficio Educazione Fisica e Sportiva di

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Area Comunicazione Ascoli Picchio F.C. 1898 S.p.A. 1

Area Comunicazione Ascoli Picchio F.C. 1898 S.p.A. 1 Area Comunicazione Ascoli Picchio F.C. 1898 S.p.A. 1 La nostra Storia è il titolo del progetto che l Ascoli Picchio F.C. 1898 S.P.A. ha ideato per la s.s. 2014-2015. Un popolo che ignora il proprio passato

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD TITOLO DELL ATTIVITA 1 4 UdA Arrivati a Giocalopoli! ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTI Tutti gli insegnanti della scuola dell infanzia di Arcè PERIODO DELL

Dettagli

IO GIOCO CON LEALTA UN PROGETTO DIDATTICO SPORTIVO

IO GIOCO CON LEALTA UN PROGETTO DIDATTICO SPORTIVO PRESENTANO IO GIOCO CON LEALTA UN PROGETTO DIDATTICO SPORTIVO Motivazioni Perché questo progetto Da una rapida analisi del rapporto tra società, dinamiche comportamentali e discipline sportive emerge chiaramente

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

VALORI IN RETE. I a EDIZIONE 2015/16 RISPETTO

VALORI IN RETE. I a EDIZIONE 2015/16 RISPETTO VALORI IN RETE I a EDIZIONE 2015/16 RISPETTO VALORI IN RETE INTRODUZIONE OBIETTIVI COMUNICARE il proprio impegno nell educazione dei più giovani attraverso il calcio PROMUOVERE l educazione e la sensibilizzazione

Dettagli

E QUI LA FESTA! SPORT, GIOVANI, SPETTACOLO E SOLIDARIETA 20 MAGGIO 2012 DALLE 14 CENTRO SPORTIVO TOTI

E QUI LA FESTA! SPORT, GIOVANI, SPETTACOLO E SOLIDARIETA 20 MAGGIO 2012 DALLE 14 CENTRO SPORTIVO TOTI IN CASO DI MALTEMPO, LA MANIFESTAZIONE VERRÁ POSTICIPATA A DOMENICA 27 MAGGIO (con possibili variazioni del programma) AD Cordani show-box Stampa: Arti Grafiche Grillo INFO: UFFICIO SPORT 02 91084630 WWW.COMUNE.PADERNO-DUGNANO.MI.IT

Dettagli

promuovono il Progetto SAL LI in collaborazione con

promuovono il Progetto SAL LI in collaborazione con promuovono il Progetto SAL LI in collaborazione con S A L LI Sport Ambiente Legalità = Libertà La premessa del progetto SALLI Era il fiore all occhiello di Castrese Paragliola, cognato del boss del potentissimo

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2015/16. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

PIANO OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2015/16. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO 1 Ampliamento dell offerta formativa...1 SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO...1 Attività e progetti...3 1. Progetto Continuità...3 2. Rassegna

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! Il tempo dell accoglienza Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente

Dettagli

SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante. PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16

SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante. PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16 SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16 Inserimento nel nuovo ambiente scolastico e riadattamento. Presentazione Scuola Infanzia Iniziativa

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133 PRESENTA Camp Fondazione Atm IL PROGETTO EDUCATIVO DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA Il soggiorno estivo rivolto ai bambini e ragazzi della Fondazione Atm è un percorso di azione formativa all interno del quale

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

REGOLAMENTO. Introduzione. Finalità

REGOLAMENTO. Introduzione. Finalità REGOLAMENTO Introduzione I Giochi della Gioventù (GdG) sono promossi dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e sono organizzati dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (Coni)

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI Anno scolastico 2014/2015 1 PROGETTO INTERISTITUZIONALE ( SCUOLA-ENTE LOCALE-ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO) PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI 1. Premessa La Scuola

Dettagli

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA

BASKET: UNA SCUOLA DI VITA BASKET: UNA SCUOLA DI VITA Un incontro speciale con il mondo della pallacanestro Lunedì 7 aprile 2014, le classi terze hanno incontrato il giocatore Jacopo Balanzoni della squadra della pallacanestro Cimberio

Dettagli

Il giro del mondo in 40 giorni

Il giro del mondo in 40 giorni Centro Ricreativo Estivo Qiqajon 2015 Dall 8 giugno al 17 luglio Il giro del mondo in 40 giorni Introduzione Il Progetto Qiqajon è una realtà dinamica, in continua crescita, che si occupa nello specifico

Dettagli

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel BAMBINI COINVOLTI : 19 del gruppo rosa (D) 17 del gruppo giallo (C) INSEGNANTI RESPONSABILI : Balbo Gabriella Anna Maria De Marchi

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia. Biella 18-25 Giugno 2012

PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia. Biella 18-25 Giugno 2012 PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia Biella 18-25 Giugno 2012 In occasione dei XXVIII Giochi Nazionali Estivi Special Olympics che si terranno a Biella dal 18 al 25 Giugno

Dettagli

CAMPAGNA SOCIALE SUL DIVERTIMENTO CONSAPEVOLE

CAMPAGNA SOCIALE SUL DIVERTIMENTO CONSAPEVOLE CAMPAGNA SOCIALE SUL DIVERTIMENTO CONSAPEVOLE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO DELLA PROVINCIA DI ANCONA E MACERATA III Edizione / Anno Scolastico 2014/2015 PARTNER DI PROGETTO: > Regione Marche

Dettagli

COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA.

COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA. 2014 www.scuolafilmfest.it COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA. PREMESSA Il concorso, giunto alla IV edizione, è promosso dall Associazione Lab CINECITTA Sicilia

Dettagli

Scuole aperte: dai giovani per i giovani"

Scuole aperte: dai giovani per i giovani ALL. N 4 Regione Umbria Scuole aperte: dai giovani per i giovani" Scheda progetto 1. Denominazione del progetto SCUOLE APERTE. GIOVANI AL CENTRO 2. Zona sociale/comune Il progetto rientra nella zona sociale

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA A.S. 2012/13 PROGETTO CONTINUITÀ - ACCOGLIENZA RITROVARSI INSIEME PER FARE E GIOCARE

Dettagli

Progetto COMUNE DI CASALMAGGIORE

Progetto COMUNE DI CASALMAGGIORE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Cremona PROVINCIA DI CREMONA COMUNE DI CASALMAGGIORE Progetto Normativa di riferimento: - Circolare M.P.I..

Dettagli

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea)

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea) Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena Assessorato Servizi Sociali Scolastici e Promozione della Salute Via Giardini, 16-41026 Pavullo nel Frignano (MO) Ufficio 0536/29912 - Fax 0536/29976

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA 1 Ampliamento dell offerta formativa... 1 SCUOLA PRIMARIA... 1 Attività e progetti... 3 1. Progetto Accoglienza... 3 2. Progetto Continuità... 3 3. Progetto

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S.

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. 2014/2015 La scuola bergamasca si prepara all Expo 2015 (esposizione universale) imparando a conoscere i prodotti a Chilometro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

A.S.D. Pallacanestro Piovese I O V E S E. Fai canestro con Noi!

A.S.D. Pallacanestro Piovese I O V E S E. Fai canestro con Noi! A.S.D. Pallacanestro Piovese A.S.D. PALLACANESTRO P I O V E S E Fai canestro con Noi! La nostra storia La pallacanestro a Piove di Sacco conta oramai quasi 80 anni di presenza, essendosi avventurati i

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di?

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? Scuola: secondaria di primo grado di Sappada e di Candide Classi: III OBIETTIVO: Individuare le attitudini degli alunni che sceglieranno la futura scuola superiore.

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

a Milano Vieni a divertirti con i nostri originali Campus!

a Milano Vieni a divertirti con i nostri originali Campus! Programma dei a Milano il video http://www.youtube.com/watch?v=p_u7upna9w8 Durante il periodo giugno-settembre le VACANZE ARTISTICHE si tengono a MILANO presso le nostre sedi di Via Boifava 17 (ang. Via

Dettagli

Torneo dei Colori 2012

Torneo dei Colori 2012 Dal sito del club Mondovì (clicca qui) Referenti del progetto: Prof. Mariangela Bochicchio Dott. Ezio Tino Premessa Torneo dei Colori 2012 Il Panathlon Club di Mondovì intende riproporre per giugno 2012

Dettagli

Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente.

Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente. Concorso di educazione e comunicazione ambientale sulla riduzione e sulla raccolta differenziata, un gesto che salva l ambiente. PREMESSA A seguito del progetto di educazione ambientale promosso da Aprica

Dettagli

IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco"

IL SUONO DEGLI ELEMENTI Aria - Acqua - Terra - Fuoco IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco" Laboratorio Musicale per le classi terze (sez. A e sez. C) della Scuola Primaria C.A. Dalla Chiesa (Anno Scolastico 2014 2015) Il laboratorio si propone

Dettagli

ATTIVITÀ PROGETTUALE D ISTITUTO PROGETTO ACCOGLIENZA

ATTIVITÀ PROGETTUALE D ISTITUTO PROGETTO ACCOGLIENZA ATTIVITÀ PROGETTUALE D ISTITUTO PROGETTO ACCOGLIENZA continuità del processo formativo continuità come attuazione organica di obiettivi,contenuti e metodi dei tre ordini di scuola-continuità ed interazione

Dettagli

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) C E F O L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) L animatore socio culturale è un professionista che, attraverso attività ludico-espressive, stimola la partecipazione attiva degli

Dettagli

TRACCEimpronte. PAROLEdelcuore. Attività Ricreative. Progetti per la Scuola. Attività di Gruppo

TRACCEimpronte. PAROLEdelcuore. Attività Ricreative. Progetti per la Scuola. Attività di Gruppo TRACCEimpronte Attività Ricreative PAROLEdelcuore Attività di Gruppo Progetti per la Scuola Insegnerai a Volare, ma non voleranno il Tuo Volo. Insegnerai a Sognare, ma non sogneranno il Tuo Sogno. Insegnerai

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

Insieme con trasporto :

Insieme con trasporto : Insieme con trasporto : Tre parole che ne includono una quarta; il nome stesso dell iniziativa creata e coordinata da ben 10 anni dall Istituto Comprensivo di Tavernola Bergamasca. Un Progetto Innovativo

Dettagli

La poesia e l immagine poetica educano il cuore e lo sguardo. Se impariamo ad ascoltare e a guardare con cura dentro di noi, impariamo anche a farlo

La poesia e l immagine poetica educano il cuore e lo sguardo. Se impariamo ad ascoltare e a guardare con cura dentro di noi, impariamo anche a farlo La poesia e l immagine poetica educano il cuore e lo sguardo. Se impariamo ad ascoltare e a guardare con cura dentro di noi, impariamo anche a farlo meglio con gli altri. E a trovare le parole per l incontro.

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni PRINCIPI EDUCATIVI E LINEE GUIDA Rispetto dell unità psico-fisica del bambino; centralità educativa del fare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

PROGETTAZIONE educativo-didattica

PROGETTAZIONE educativo-didattica PROGETTAZIONE educativo-didattica A.S. 2014/15 Premessa Motivazione del Percorso Formativo Il bambino nella scuola dell infanzia, sviluppa la propria identità personale e il senso di appartenenza alla

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27

Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Comune di Brescia Settore Pubblica Istruzione Servizio scuole dell infanzia Scuola dell Infanzia Leonessa Via Palazzina, 27 Piano Offerta Formativa anno scolastico 2012/2013 PROGETTO EDUCATIVO Profilo

Dettagli

PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda

PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda Promotore Azienda Sanitaria Locale di Oristano in collaborazione con l' Ufficio Scolastico

Dettagli

AREA 3: HANDICAP, DISAGIO, INTERCULTURA Funzione Strumentale: TUSCANO MARIA ROSA

AREA 3: HANDICAP, DISAGIO, INTERCULTURA Funzione Strumentale: TUSCANO MARIA ROSA AREA 3: HANDICAP, DISAGIO, INTERCULTURA Funzione Strumentale: TUSCANO MARIA ROSA 1. Le diversità: handicap Offrire agli alunni diversamente abili maggiori opportunità di potenziare le capacità. gli apprendimenti

Dettagli

carta del servizio a chi si rivolge finalità

carta del servizio a chi si rivolge finalità carta del servizio CAD il punto Strumento di base che regola i rapporti fra Servizio e utenti nonché dichiarazione d intenti con la quale la cooperativa Il Punto si fa garante delle prestazioni rese, la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S. CANEVARI Anno Scolastico 2013-2014. SCUOLA DELL'INFANZIA G. L. RADICE PILA A e PILA B SAN MARTINO PROGETTO CURRICOLARE

ISTITUTO COMPRENSIVO S. CANEVARI Anno Scolastico 2013-2014. SCUOLA DELL'INFANZIA G. L. RADICE PILA A e PILA B SAN MARTINO PROGETTO CURRICOLARE ISTITUTO COMPRENSIVO S. CANEVARI Anno Scolastico 2013-2014 SCUOLA DELL'INFANZIA G. L. RADICE PILA A e PILA B SAN MARTINO PROGETTO CURRICOLARE LA STORIA SIAMO NOI PREMESSA Nel continuo divenire del processo

Dettagli

Etica e Fair Play entrano in campo Trofeo Pino Corso

Etica e Fair Play entrano in campo Trofeo Pino Corso FAIR PLAY IS NOT FOR SALE! Etica e Fair Play entrano in campo Trofeo Pino Corso Premessa: Il Calcio, la Pallacanestro, la Pallavolo e il Rugby sono gli sport di squadra più conosciuti e più facili da praticare,

Dettagli

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI Il Table Soccer Club Black Rose 98 Roma regola l attività giovanile per quanto attiene il Subbuteo - Calcio

Dettagli

Concorso fotografico 1,2,3 click Racconta la tua scuola I edizione (scadenza 09/05/2014)

Concorso fotografico 1,2,3 click Racconta la tua scuola I edizione (scadenza 09/05/2014) Concorso fotografico 1,2,3 click Racconta la tua scuola I edizione (scadenza 09/05/2014) Hai mai osservato con attenzione gli spazi della tua scuola? Come sono fatti? Ce ne sono alcuni che ti divertono,

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata CORSO LIBERI DI SCEGLIERE Prima giornata Ore 16,45 manuali Benvenuto lezione frontale Foglio firme, biro, posizionare le sedie a cerchio. Breve presentazione del Gruppo di Lavoro e metodologia interattiva...

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO ANNUALE DI LAVORO INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive 1) PROFILO INIZIALE DELLA CLASSE a) comportamento

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Il viaggio di. Bianchina e Nerina

Il viaggio di. Bianchina e Nerina Il viaggio di Bianchina e Nerina Progetto realizzato da: Chiara Anichini, Giulia Palli. Scuole coinvolte: Istituto Comprensivo Marco Polo: Scuola Primaria C. Guasti, Scuola dell Infanzia Villa Charitas.

Dettagli

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Sandra Serafini e Monia Cavallini PREMESSA Questo progetto coinvolge tutti i bambini della nostra scuola con una serie di proposte che promuovono

Dettagli

Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena

Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Anno Scolastico 2014/2015 Finalità Il progetto Scuola-Sport, da molti anni in vigore in tutte le scuole primaria del Comune di Modena,

Dettagli

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1 Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016 Pag. 1 I CAMPI D ESPERIENZA APPLICATI ALLE FIABE Al fine di favorire il percorso educativo di ogni

Dettagli

Tecniche di animazione. Giacomo Prati

Tecniche di animazione. Giacomo Prati + Tecniche di animazione Giacomo Prati + Cosa vedremo, sentiremo e faremo TECNICHE DI ANIMAZIONE Competenze di base per l animazione Tecniche di base per l animazione Esempi concreti di animazione in oratorio

Dettagli

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO

BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO BANDO DI CONCORSO A PREMI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DELLA PROVINCIA DI TREVISO Anno scolastico 2010/2011 La Fondazione Zanetti ONLUS, ente non a scopo di lucro che ha come obiettivo

Dettagli