Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo"

Transcript

1 IL PROGETTO LA STRADA VERSO UN SOGNO. Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo spinoso problema della violenza nello sport, della maleducazione e della troppa distanza tra i valori che lo sport incarna e i comportamenti di alcuni tifosi, dirigenti e atleti che lo stanno distruggendo. Nello stile spiccio ma deciso di Don Gino e di Comunità Nuova, la domanda che ci si è posti è stata: Cosa possiamo fare noi? Serve un idea.. Nasce così la proposta di individuare una strategia diversa rispetto al solito bivio repressione o conciliazione. Ci serviva una terza via, un alternativa tutta incentrata sulla promozione di una cultura della sportività. Partiamo dai giovani, i ragazzi delle scuole primarie e secondarie, pensiamo ad un percorso, organizziamo una serie di azioni educative con obiettivo la prevenzione del tifo violento. Questa è la strada! Le parole chiave su cui lavorare sono educazione, rispetto, collaborazione, lealtà e partecipazione. La metodologia da utilizzare: attiva, coinvolgente e creativa. Il motto è tra il dire e il fare c'è di mezzo il nostro CERVELLO!. Invitiamo i bambini/ragazzi ad una riflessione che parte dalle proprie esperienze personali nello sport: Io rifletto, io penso, io scelgo se mettere in campo comportamenti positivi o negativi. I ragazzi giocano e tifano collaborando come squadra. Offriamo loro l'occasione di vivere delle esperienze emozionanti attraverso gli incontri con i testimonial del mondo sportivo e la partecipazione come tifosi attivi e appassionati ad eventi sportivi di spicco. Condividiamo l idea con alcuni amici, i nostri partners di progetto, che hanno una lunga esperienza sportiva: inizialmente l Inter e Candido Cannavò. In particolare, l incontro con Candido è stato illuminante. Grazie alla sua grande esperienza, alla sua capacità di sognare e alla voglia di fare, la spinta a crederci e a sviluppare le azioni del progetto è cresciuta e ci ha convinti di essere sulla strada giusta. In questi anni entrano come partner anche altre grandi società sportive che ci vedono lavorare e condividono la nostra idea e la nostra metodologia. Oggi, gli amici istituzionali e sportivi sono tantissimi. Siamo grati e orgogliosi dei molti atleti che ci danno una mano mettendosi a disposizione dei ragazzi, raccontandosi, emozionandoli e mettendosi in discussione con le domande vere e insidiose da loro formulate.

2 Siamo partiti in piccolo, proponendo il percorso IO Tifo Positivo ad una scuola di Rozzano. A distanza di sette anni ci siamo allargati e ad oggi abbiamo abbracciato 7 province lombarde e 30 comuni, per sbarcare lo scorso anno in Europa. Il nostro progetto è stato scelto come modello da esportare in ben sette paesi dell Unione. Ma il cuore di IO Tifo Positivo, non lo dobbiamo né vogliamo dimenticare, è costituito da tutti i bambini e i ragazzi coinvolti. Loro sono i veri protagonisti del percorso. I ragazzi hanno tanto da dire: hanno sogni, pensieri interessanti, voglia di emozioni, richieste e proposte creative. Ci stanno lanciando dei messaggi positivi. Tocca a noi ora ascoltarli, sognare con loro e seguire la lezione di vita che attraverso queste meravigliose storie di sport ci stanno regalando. Anche noi siamo sognatori e questa è la strada che abbiamo scelto di percorrere insieme a loro! Gli educatori del progetto in questi setti anni di lavoro hanno sempre più valorizzato i contenuti e i significati del progetto. Sicuramente possiamo affermare che IO Tifo Positivo rappresenta un progetto interdisciplinare anche se a noi piace di più parlare di CONTINUITA EDUCATIVA Pensiamo che progetti efficaci di continuità educativa debbano partire proprio dai bambini. Dal fatto cioè di considerarli soggetti protagonisti nella scuola. Il percorso scolastico li porterà, attraverso tappe successive ma continuative, ad acquisire competenze, abilità, a crescere e maturare dal punto di vista dell identità e dell autonomia. Crediamo che ogni progetto di continuità educativa debba non tanto e non solo aiutare il bambino a conoscere la realtà nuova in cui dovrà inserirsi, ma anche, partendo dalla didattica, proporre significative attività di apprendimento. Tali attività mirano a favorire, tra i diversi ordini di scuola coinvolti, una reciproca conoscenza in termini di metodologie, contenuti, linguaggi specifici, in modo tale che vi sia continuità tra i diversi livelli di esperienze che un bambino può vivere e realizzare prima alla Scuola primaria, poi secondaria e infine nella vita. IO Tifo Positivo vuole essere un opportunità per parlare di educazione attraverso il gioco e lo sport. La sfida è quella di formare nei bambini e nei ragazzi una mentalità sportiva positiva. Il progetto punta su alcuni valori fondamentali. L amicizia, il rispetto reciproco, la lealtà e la tolleranza, infatti, non sono solo valori importanti nello sport ma nella vita di tutti i giorni.

3 La metodologia utilizzata ha come base l interesse personale del bambino - ragazzo. Si privilegiano attività quali il gioco, la drammatizzazione, la rappresentazione grafica, la musica, le canzoni, la visione di immagini e non per ultima la discussione e il confronto. L'approccio utilizzato è essenzialmente basato sulla relazione che si instaura con i ragazzi attraverso le competenze educative degli operatori e le esperienze che il percorso offre. Lo sport, il tifo e il gioco verranno utilizzati nelle loro forme più varie (motorio, simbolico, di ruolo) e costituiranno il mezzo privilegiato per interessare, incuriosire e coinvolgere i bambini. Al fine di introdurre vocaboli, modi di dire ed espressioni vengono poi utilizzati diversi strumenti: cori, filastrocche e mimi che, oltre a divertire i bambini, facilitano l'apprendimento. Anche l approccio all utilizzo della macchina fotografica o computer sarà effettuato in modo ludico. I bambini/ragazzi, durante il percorso, passeranno dal lavoro individuale a quello in piccoli gruppi e collettivi, guidati dagli educatori e dai loro insegnanti. Target Con il progetto ci prefissiamo di raggiungere tre diverse fasce di target, ognuna con un livello di coinvolgimento diverso: I bambini e i ragazzi di età compresa tra i 9 e i 13 anni delle scuole primarie e secondarie, primi beneficiari e utenti finali di ogni azione educativa proposta; Il mondo dello sport, rappresentato dalle sue istituzioni, dalle società sportive, dagli atleti (attuali ed ex), dai giornali sportivi, dai tifosi e da tutti coloro che vi ruotano attorno. Le famiglie degli studenti coinvolti, chiamate a supportare l azione educativa del progetto e direttamente coinvolte in alcune attività proposte durante il percorso. La loro partecipazione è di primaria importanza ed essenziale affinché il progetto riesca ad esprimere tutte le sue potenzialità.

4 Il progetto IO Tifo Positivo vuole essere per le scuole: un percorso multidisciplinare volto al recupero dei valori e dei significati dello sport mediante un percorso a tappe, l utilizzo di strumenti diversi e di una metodologia attiva. Tale percorso nasce dall esigenza di proporre attraverso una chiave multidisciplinare i temi dello sport, del tifo, dell ambiente e di attualità sociale. Raccordi interdisciplinari: Italiano ( incontri e realizzazione pagina de La Gazzetta): Conversazioni, letture, verbalizzazioni, giornalino. Inglese ( video coro Liverpool): ricerche su cori, letture, canzoni. Scienze ( video sport e salute-ambiente): ricerche, ambiente, riciclo. Musica e arte (costruzione strumenti per tifare e realizzazione di una tela con slogan): sperimentare varie tecniche pittoriche, plastiche e artistiche ed esprimere attraverso forme e colori le proprie percezioni e il proprio mondo emozionale. Informatica ( costruzione di un piccolo tg sullo sport) Effetto moltiplicatore Mostra finale: esposizione degli oggetti e degli strumenti costruiti; documentazione fotografica del lavoro svolto e altro. Obiettivi: Favorire la formazione nei bambini e nei ragazzi di una mentalità sportiva positiva; Educare al rispetto reciproco e alla tolleranza; Proporre i valori dello sport come principi ispiratori delle relazioni umane; Ridimensionare il fenomeno tifo ai soli luoghi e tempi dello sport; Proporre un modello sostenibile di tifo; Far conoscere l importanza di trasformare i rifiuti in risorse e gioco; Far comprendere come l azione individuale concorre al benessere collettivo; Sviluppare il senso del rispetto, la consapevolezza della tutela e della valorizzazione ambientale; Sviluppare la creatività attraverso l individuazione di un uso non convenzionale degli oggetti; Sapersi adeguare alle regole dettate da attività ludiche o di gioco; Rispettare lo spazio dei vari ruoli, l ambiente di gioco e le attrezzature; Sviluppare e rafforzare la fiducia in se stessi, l autostima, la determinazione; Sviluppare atteggiamenti positivi: rispetto reciproco, collaborazione, sostegno. L equipe degli operatori di Comunità Nuova Le attività sono progettate e realizzate da una équipe costituita da due coordinatori e otto educatori esperti nelle tematiche sportive e nell uso di tecniche animativo-espressive.

5 I PARTNER Vogliamo riflettere insieme a loro e condividere valori, obiettivi e metodologie attive del tifo positivo. Vogliamo che le loro strutture siano un luogo d incontro per i ragazzi e le loro famiglie. Vogliamo promuovere nuovi strumenti per favorire la partecipazione agevolata ad eventi sportivi. Vogliamo valorizzare i partner locali, costruendo azioni mirate che rispondano ai bisogni del territorio. I TERRITORI E IL LORO COINVOLGIMENTO l progetto IO Tifo Positivo ha coinvolto dal suo inizio ad oggi, circa ragazzi e genitori. Abbiamo raggiunto i territori delle province di: Milano, Como, Bergamo, Lecco, Varese, Pavia, Monza e Brianza, Brescia e Catania, con circa 29 comuni coinvolti in tutto. ALCUNI DEI NOSTRI ESPERTI TESTIMONIAL Il progetto IO Tifo Positivo è anche di tutte le persone del mondo dello sport, che hanno condiviso con noi valori e significati, che hanno dedicato il loro tempo al progetto, che si sono fatti coinvolgere attivamente e concretamente. Tra questi, citiamo e ringraziamo: Carlo Verdelli (ex direttore Gazzetta dello Sport), Candido Cannavò (giornalista ex direttore della Gazzetta dello Sport), Daniele Redaelli (caporedattore della Gazzetta dello Sport), Marco Pastonesi (giornalista), Filippo Grassia (ex presidente del CONI prov. Milano), Pierfrancesco Barletta (responsabile sicurezza stadio di San Siro), Milly Moratti (F.C. Internazionale), Daniele Davanzo (presidente Rugby Monza), Francesco Mazzariol (nazionale Rugby), Andrea Zorzi (ex nazionale pallavolo), Bruno Pizzul (telecronista), Silvia Parente (medaglia d oro ski paraolimpiadi Torino 2006), Igor Cassina (medaglia d oro olimpiadi di Atene 2004), Dino Meneghin (ex nazionale Basket, ex presidente federazione), Claudio Gentile (ex commissario tecnico nazionale under 21 calcio campione del mondo di calcio Spagna 82), Adolf Insam (allenatore hockey ghiaccio), Franco Baresi (ex Giocatore Milan), Beppe Baresi (ex Giocatore Inter), Gianmarco Pozzecco (giocatore basket), Fabio Cassanelli (campione del mondo calcio balilla paralimpico), Martina Caironi (atletica medaglia d oro alle Paralimpiadi di Londra 2012), Alberto Busnari (ginnasta), Elisabetta Preziosa (ginnasta), Claudia Ferrè (allenatrice di ginnastica), Massimo Dighe (vela paralimpico), Dan Peterson (allenatore basket e commentatore TV), Filippo Galli (ex calciatore), Simone Buti (pallavolista), Dragan Travica (pallavolista), Pierluigi Santelli (atletica paralimpico) Giusy Versace ( atletica paralimpica), Ramiro Cordoba ( calciatore) CONTATTI: CELL SEDE OPERATIVA c/o palalido, p.zza Stuparich, Milano SEDE AMMINISTRATIVA c/o Comunità Nuova Onlus, via Gonin 8 Milano IO tifo

6 Allegato 1 SCHEDA SINTETICA DELLE AZIONI E STRUTTURA DELL INTERVENTO. Gli incontri verranno condotti da due educatori/formatori e l intervento sarà strutturato come segue: un incontro di spiegazione/coinvolgimento con gli assessori di riferimento, prima dell inizio dell intervento nelle classi (accordi vari) un incontro di spiegazione/coinvolgimento con gli insegnanti e genitori 1/ 2h (assembleare) prima dell inizio dell intervento nelle classi primo incontro di 2h (a classi singole): o presentazione associazione e progetto o gioco di conoscenza o attività di riflessione e discussione sullo sport e sul tifo o presentazione secondo incontro secondo incontro di 2h (a classi singole): o ripresa temi primo incontro o lavoro individuale o di gruppo (slogan, CDI, ) o visione e discussione di un video terzo incontro di 2h (a classi unificate) o incontro con esperto ( atleta, giornalista, dirigenti ) o incontro per approfondire i temi trattati L incontro con l esperto può essere realizzato con diverse modalità: 1) presso la scuola 2) in una struttura territoriale ( sala consigliare, palazzetto ) 3) presso la sede della Gazzetta dello sport, in questo caso sono esclusi dal preventivo i costi dei bus per raggiungere la sede del giornale ( l incontro prevede massimo 4 classi) quarto incontro di 4h (a classi unificate) o evento finale presso la palestra della scuola- palazzetto- piazza- GIOCHIAMO E TIFIAMO piccolo torneo tra le classi partecipanti al progetto. o Questa mattinata di gioco e tifo può subire dei cambiamenti in base alle classi partecipanti una partita allo stadio- palazzetto con uno dei nostri partners. (Inter o Milan o Armani Basket o Vero volley o Hockey Milano o..). un incontro di restituzione e verifica del percorso svolto con gli insegnanti 1/2h (assembleare)

7 FORMAT AZIONI ORE scolastiche Ore extra Genitori Incontri preliminari: Si assessori,dirigenti scolasticiinsegnanti, genitori. Primo incontro in classe singola 2 Secondo incontro in classe singola ( 2 aula video o supporto LIM) Terzo incontro con esperto: atleta, 2 (classi riunite) sì giornalista, dirigente, (*1) Evento gioco e tifo( *2) 4 si Evento sportivo finale: Basket o Calcio o Volley(*3) 0 5 si TOTALE 10 TOTALE 5 *1 per l incontro ci possono essere diverse modalità da decidere insieme (amministrazione e scuola) tenendo conto dei costi: a classi riunite max 4 l incontro con il testimonial viene fatto presso la struttura scolastica o altra sede territoriale l incontro con il testimonial può essere realizzato presso la Gazzetta dello sport ma i costi dei bus sono aggiuntivi *2 si cercherà di valorizzare le strutture sportive territoriali unendo i comuni che parteciperanno al progetto, quindi sono da prevedere gli spostamenti e i costi ( ogni comune ha dei contratti con aziende autolinee) *3 L evento delle partite verrà deciso con le insegnanti, i costi per arrivare a San Siro, Forum di Assago o sono a carico dei genitori. L entrata allo stadio Inter, Milan e al PalaIper Monza sono GRATUITE per i bambini e i genitori L entrata al forum di Assago per l Armani basket e Hockey Milano, costa complessivamente 3,00 euro bambino + genitore. In molti comuni i genitori si organizzano in bus mentre in altri il ritrovo è direttamente allo stadio. Nell incontro di presentazione ai genitori verrà richiesto un aiuto organizzativo: iscrizioni, dati, orari, ritrovo. Costi progetto Intervento IO Tifo Positivo in 1 classe 750,00 Per la buona riuscita del progetto si chiede la partecipazione minima di 2 classi. Le modalità di pagamento sono da concordare.

8 Allegato 2 educasport-arte Concorso di: Striscioni - prime pagine de La Gazzetta TG news sportivo Quei bambini sono venuti a darci una lezione che potrebbe avere diversi titoli: la bellezza dello sport, il divertimento dello sport, lo sport come rivalità e amicizia, il tifo è passione mai violenza. E mentre li ascoltavo, con tenera ammirazione, io guardavo al di là, al pericolo che grava su queste creature: che gli adulti li guastino. Candido Cannavò Gazzetta dello sport (16 gennaio 2009) Prendendo spunto dal testo scritto da Candido Cannavò e dal lavoro svolto in classe dagli educatori del progetto ad ogni classe sarà richiesto di realizzare: 1. un elaborato grafico-pittorico, con qualsiasi tecnica d esecuzione: tempera, matita, ecc..., su una tela formato 80 cm x 2,50 metri. 2. Creare una pagina ( fronte e retro) de La Gazzetta dello sport con tutti i suoi contenuti: articoli, interviste, ricerche, messaggi pubblicitari 3. Realizzare un piccolo TG sportivo, (registrato con telefonino) max 4 minuti La tela verrà fornita da noi ad ogni classe che aderirà al concorso, sul retro dovranno essere riportati chiaramente i seguenti dati: - nome della scuola e classe di appartenenza; - titolo dell elaborato; Le tele ultimate devono essere trattate con un impregnante incolore isolante (per la pioggia). La tela dovrà essere ultimata per l evento gioco-tifo. Sul nostro sito trovate il layout della pagina della Gazzetta dello sport da scaricare. Per il TG news sportivo i ragazzi e l insegnante si devono organizzare in autonomia, vi suggeriamo di guardare con attenzione un esempio ben fatto di video

9 Sarà cura degli operatori del Progetto IO Tifo Positivo ritirare i materiali prodotti, entro la data che verrà comunicata in classe. REGOLAMENTO Ogni classe può aderire a tutti e tre i laboratori ( tela, TG, pagina Gazzetta) o sceglierne solo uno o due. Le modalità vengono decise dall insegnante con gli studenti. Sarà cura degli operatori del Progetto IO Tifo Positivo ritirare i materiali prodotti, entro la data che verrà comunicata in classe. Non sono ammesse tele eseguite da persone esterne alla classe. La premiazione delle tre categorie avverrà a conclusione dell intervento IO Tifo Positivo 2013/2014. Sarà istituita una commissione di giudici esterna composta da 4 giurati: 1 referente della Fondazione Cannavò 1 referente IO Tifo Positivo 1 referente de La Gazzetta dello sport 1 rappresentante Assessorato all Educazione comune di Milano La giuria sceglierà tra tutti gli elaborati pervenuti i lavori migliori, più interessanti e significativi i quali, saranno segnalati nei siti dei nostri partners aderenti al progetto: Comune di Milano, Inter F.C., VeroVolley Monza, Gazzetta dello Sport, Rugby Monza, CIP,.. Tutte le tele saranno esposte durante un evento organizzato presso la sede del progetto IO Tifo Positivo. Il giudizio espresso dalla giuria sarà inappellabile ed insindacabile. Sul nostro sito verranno messi a disposizioni dei video per la realizzazione dei vari laboratori : pag. gazzetta, TG sportivo, tele, laboratorio per la costruzione di materiale coreografico, flash-mob.

10 ALLEGATO FOTOGRAFICO

11

Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo

Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo IL PROGETTO 2006 2013 LA STRADA VERSO UN SOGNO. Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo spinoso problema della violenza nello sport, della

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile. anno scolastico 2013 2014 Il programma Coca-Cola Cup propone alle prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado un articolata

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO)

PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) PRIMI IN SICUREZZA Premio Emilio Rossini XI EDIZIONE L'ITALIA E' UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO (SICURO) Campagna di informazione rivolta al mondo scolastico sul tema della sicurezza nei

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI DISAGIO 0 PREMESSA La scuola ha il compito di creare le condizioni che favoriscano nell alunno la costruzione di un immagine positiva di sé poiché l esperienza scolastica riveste un ruolo importante per

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 1 INDICE 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI 3. INCONTRO FORMATIVO PER GLI INSEGNANTI 4. ATTIVITA SUDDIVISE per CLASSI 5. EVENTI ORGANIZZATI: GIORNATE ECOLOGICHE 6.

Dettagli

REGOLAMENTO. Introduzione. Finalità

REGOLAMENTO. Introduzione. Finalità REGOLAMENTO Introduzione I Giochi della Gioventù (GdG) sono promossi dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e sono organizzati dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (Coni)

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

promuovono il Progetto SAL LI in collaborazione con

promuovono il Progetto SAL LI in collaborazione con promuovono il Progetto SAL LI in collaborazione con S A L LI Sport Ambiente Legalità = Libertà La premessa del progetto SALLI Era il fiore all occhiello di Castrese Paragliola, cognato del boss del potentissimo

Dettagli

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica

PREMESSA Continuità curricolare Continuità metodologica PREMESSA Il progetto continuità, nasce dall esigenza di garantire al bambinoalunno un percorso formativo organico e completo, che miri a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto,

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

LIBROLANDIA Favole, storie, racconti...

LIBROLANDIA Favole, storie, racconti... Scuola Statale dell'infanzia di "Lammari" Progetti educ.-did. anno scolastico 2010/2011 ********************************************************** AREA P.O.F. Linguaggi espressivo_creativi AREA P.O.F.

Dettagli

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità

PROGETTO BIBLIOTECA sulle Pari Opportunità Scuola secondaria di primo grado: "A. BROFFERIO" C.M. ATMM003004 C.so XXV Aprile, 2 ASTI Tel. e Fax 0141 21 26 66 Con sez. associata Martiri della Libertà Via G. Invrea, 4 - ASTI - Tel. e Fax 0141 21 12

Dettagli

Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondariedi II grado Statali e non Statali Torino e Provincia Loro Sedi

Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondariedi II grado Statali e non Statali Torino e Provincia Loro Sedi Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio VIII Ambito territoriale per la provincia di Torino Ufficio Educazione Fisica e Sportiva di

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia. Biella 18-25 Giugno 2012

PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia. Biella 18-25 Giugno 2012 PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia Biella 18-25 Giugno 2012 In occasione dei XXVIII Giochi Nazionali Estivi Special Olympics che si terranno a Biella dal 18 al 25 Giugno

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016

PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO PROGETTO D ISTITUTO: IN CONTINUITA SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 MOTIVAZIONE La continuità didattica è parte determinante del processo

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

Scuola dell Infanzia «Madre Marta» Monopoli (BA) Progetti a.s. 2015/16

Scuola dell Infanzia «Madre Marta» Monopoli (BA) Progetti a.s. 2015/16 Congregazione Suore «Pie Operaie di San Giuseppe» Istituto Religioso di diritto pontificio approvato il 31/01/1962 Riconosciuto come persona giuridica agli effetti civili dello stato italiano con D.P.R.

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

Alla ricerca dei diritti perduti

Alla ricerca dei diritti perduti AI SIGG. DOCENTI ALLEGATO 1 Concorso Alla ricerca dei diritti perduti REGOLAMENTO Art. 1. Finalità In occasione della celebrazione della Giornata dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza, 20 Novembre

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni PRINCIPI EDUCATIVI E LINEE GUIDA Rispetto dell unità psico-fisica del bambino; centralità educativa del fare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Segui sempre le 3 R : Rispetto per te stesso. Rispetto per gli altri. Responsabilità per le tue azioni. (Dalai Lama) Impara le regole,

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto (Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013 Presentazione del progetto LA CURA DELL INCONTRARSI: lo stare insieme di bambini e famiglie a Moglia e a Pegognaga per superare l ombra della calamità

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Relatore: Paula Eleta

Relatore: Paula Eleta A scuola nessuno è straniero Firenze, 30 settembre 2011 Sessione: L integrazione comincia dai più piccoli Una scuola aperta che guarda al futuro Percorsi interculturali e di integrazione presso le Scuole

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

TI DIAMO UNA SPINTA PER REALIZZARE I TUOI SOGNI.

TI DIAMO UNA SPINTA PER REALIZZARE I TUOI SOGNI. TI DIAMO UNA SPINTA PER REALIZZARE I TUOI SOGNI. I COLORbandi Sei un sognatore nato? Per te c è il bando IL MIO SOGNO. Ti piacciono i mestieri legati alle tradizioni del nostro Paese? Scegli il bando PETER.

Dettagli

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI P R O G E T T O D I C I R C O L O NOI A SCUOLA DI RACCONTERIA PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI PREMESSA Com è possibile riuscire a far sì che

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! Il tempo dell accoglienza Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1

Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016. Pag. 1 Progetto Sperimentale Educativo Didattico della sezione E Scuola dell Infanzia Alento - a.s. 2015 / 2016 Pag. 1 I CAMPI D ESPERIENZA APPLICATI ALLE FIABE Al fine di favorire il percorso educativo di ogni

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA A.S. 2012/13 PROGETTO CONTINUITÀ - ACCOGLIENZA RITROVARSI INSIEME PER FARE E GIOCARE

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN!

UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! Scuola dell Infanzia Ad Onore degli Eroi UNITÀ DI APPRENDIMENTO: HELLO CHILDREN! LABORATORIO DI APPROCCIO ALLA LINGUA INGLESE PER I BAMBINI DI CINQUE ANNI Anno Scolastico 2013-2014 Anno Scolastico 2013-2014

Dettagli

CHI SIAMO. Bisogna che ognuno si senta l unico responsabile di tutto

CHI SIAMO. Bisogna che ognuno si senta l unico responsabile di tutto CHI SIAMO Bisogna che ognuno si senta l unico responsabile di tutto LiberaMusica nasce dalla volontà di un gruppo di persone, per lo più donne e per lo più mamme, che vogliono cercare nel loro piccolo

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado triennio 2012/2013 2013/2014 2014/2015 PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce,

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA 1 Ampliamento dell offerta formativa... 1 SCUOLA PRIMARIA... 1 Attività e progetti... 3 1. Progetto Accoglienza... 3 2. Progetto Continuità... 3 3. Progetto

Dettagli

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa

Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Avvicinare i giovani allo Sport fa bene all Impresa Un progetto socialmente responsabile in collaborazione tra Assolombarda Coni Lombardia Fondazione Sodalitas Impresa & Sport è un progetto che nasce da

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell. Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell. Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. SABATINI - F. MENNA LICEO ARTISTICO Indirizzi : Arti figurative - Architettura e Ambiente - Audiovisivo e

Dettagli

FUORICLASSE CUP 2007/2008 SINTESI DEL PROGRAMMA

FUORICLASSE CUP 2007/2008 SINTESI DEL PROGRAMMA FUORICLASSE CUP 2007/2008 SINTESI DEL PROGRAMMA FIGC Settore Giovanile e Scolastico e Coca-Cola presentano la 6^ edizione di FUORICLASSE CUP Fuoriclasse Cup è il programma didattico-sportivo promosso ed

Dettagli

Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena

Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Anno Scolastico 2014/2015 Finalità Il progetto Scuola-Sport, da molti anni in vigore in tutte le scuole primaria del Comune di Modena,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

BANDO DI CONCORSO PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE All. A CITTÀ DI ALBANO LAZIALE Provincia di Roma Assessorato alla Pubblica Istruzione BANDO DI CONCORSO PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Camminiamo InSieme IV EDIZIONE Riservato agli studenti della scuola

Dettagli

SECONDARIA "L. VERGA"

SECONDARIA L. VERGA SECONDARIA "L. VERGA" SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LUIGI VERGA Via Trino 32, Tel. 0161-215814, E-mail vergadocenti@tiscali.it CLASSI ALUNNI INSEGNANTI 16 334 38 10 DI SOSTEGNO 1 DI RELIGIONE COLLABORATRICI

Dettagli

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA Premessa Il Progetto Giochi Sportivi Studenteschi si propone di rimarcare l importanza della: Corporeità e della motricità, intese come elementi portanti

Dettagli

SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante. PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16

SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante. PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16 SCUOLA INFANZIA STATALE MUSILE DI PIAVE Il Bosco Parlante PROGETTO ACCOGLIENZA Anno Scolastico 2015/16 Inserimento nel nuovo ambiente scolastico e riadattamento. Presentazione Scuola Infanzia Iniziativa

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce, da sempre a sostegno della pratica motoria

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA PROGETTAZIONE EXTRACURRICOLARE Accanto alle attività curricolari, si offre a tutti gli alunni la possibilità di partecipare ad attività a carattere opzionale, finalizzate

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE

LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA 93010 DELIA (CL) Via G. Dolce, 8 - Tel Presidenza 0922-826570 - Tel Segreteria e Fax 0922-820290 - Tel. Sc. Elementare 0922-820289-Tel. Sc Materna

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

La poesia e l immagine poetica educano il cuore e lo sguardo. Se impariamo ad ascoltare e a guardare con cura dentro di noi, impariamo anche a farlo

La poesia e l immagine poetica educano il cuore e lo sguardo. Se impariamo ad ascoltare e a guardare con cura dentro di noi, impariamo anche a farlo La poesia e l immagine poetica educano il cuore e lo sguardo. Se impariamo ad ascoltare e a guardare con cura dentro di noi, impariamo anche a farlo meglio con gli altri. E a trovare le parole per l incontro.

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

ANIMA MUNDI PER HERA RIMINI TOCCA A NOI!

ANIMA MUNDI PER HERA RIMINI TOCCA A NOI! Tocca a Noi! è il programma di educazione ambientale che Hera Rimini propone alle Scuole Infanzia e Primarie della Provincia di Rimini per l anno scolastico 2005/2006. Tocca a Noi! nasce in continuità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Castel del Monte. Appunti di viaggio tra storia, architettura, tradizioni e paesaggio

Castel del Monte. Appunti di viaggio tra storia, architettura, tradizioni e paesaggio Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Bari, Barletta-Andria-Trani e Foggia In collaborazione con PROVINCIA BARLETTA ANDRIA TRANI Castel del Monte. Appunti di viaggio

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di?

UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? UNITÀ DIDATTICA: Il viandante sul mare di? Scuola: secondaria di primo grado di Sappada e di Candide Classi: III OBIETTIVO: Individuare le attitudini degli alunni che sceglieranno la futura scuola superiore.

Dettagli

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA sez. B FARFALLE Anno scolastico 2012-2013 Insegnante: Bordignon Claudia PERCORSO DIDATTICO (ATTIVITÀ) per bambini di 3,4 e 5 anni PREMESSA La scuola dell infanzia rivolge

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

Tecniche di animazione. Giacomo Prati

Tecniche di animazione. Giacomo Prati + Tecniche di animazione Giacomo Prati + Cosa vedremo, sentiremo e faremo TECNICHE DI ANIMAZIONE Competenze di base per l animazione Tecniche di base per l animazione Esempi concreti di animazione in oratorio

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli