Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo"

Transcript

1 IL PROGETTO LA STRADA VERSO UN SOGNO. Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo spinoso problema della violenza nello sport, della maleducazione e della troppa distanza tra i valori che lo sport incarna e i comportamenti di alcuni tifosi, dirigenti e atleti che lo stanno distruggendo. Nello stile spiccio ma deciso di Don Gino e di Comunità Nuova, la domanda che ci si è posti è stata: Cosa possiamo fare noi? Serve un idea.. Nasce così la proposta di individuare una strategia diversa rispetto al solito bivio repressione o conciliazione. Ci serviva una terza via, un alternativa tutta incentrata sulla promozione di una cultura della sportività. Partiamo dai giovani, i ragazzi delle scuole primarie e secondarie, pensiamo ad un percorso, organizziamo una serie di azioni educative con obiettivo la prevenzione del tifo violento. Questa è la strada! Le parole chiave su cui lavorare sono educazione, rispetto, collaborazione, lealtà e partecipazione. La metodologia da utilizzare: attiva, coinvolgente e creativa. Il motto è tra il dire e il fare c'è di mezzo il nostro CERVELLO!. Invitiamo i bambini/ragazzi ad una riflessione che parte dalle proprie esperienze personali nello sport: Io rifletto, io penso, io scelgo se mettere in campo comportamenti positivi o negativi. I ragazzi giocano e tifano collaborando come squadra. Offriamo loro l'occasione di vivere delle esperienze emozionanti attraverso gli incontri con i testimonial del mondo sportivo e la partecipazione come tifosi attivi e appassionati ad eventi sportivi di spicco. Condividiamo l idea con alcuni amici, i nostri partners di progetto, che hanno una lunga esperienza sportiva: inizialmente l Inter e Candido Cannavò. In particolare, l incontro con Candido è stato illuminante. Grazie alla sua grande esperienza, alla sua capacità di sognare e alla voglia di fare, la spinta a crederci e a sviluppare le azioni del progetto è cresciuta e ci ha convinti di essere sulla strada giusta. In questi anni entrano come partner anche altre grandi società sportive che ci vedono lavorare e condividono la nostra idea e la nostra metodologia. Oggi, gli amici istituzionali e sportivi sono tantissimi. Siamo grati e orgogliosi dei molti atleti che ci danno una mano mettendosi a disposizione dei ragazzi, raccontandosi, emozionandoli e mettendosi in discussione con le domande vere e insidiose da loro formulate.

2 Siamo partiti in piccolo, proponendo il percorso IO Tifo Positivo ad una scuola di Rozzano. A distanza di sette anni ci siamo allargati e ad oggi abbiamo abbracciato 7 province lombarde e 30 comuni, per sbarcare lo scorso anno in Europa. Il nostro progetto è stato scelto come modello da esportare in ben sette paesi dell Unione. Ma il cuore di IO Tifo Positivo, non lo dobbiamo né vogliamo dimenticare, è costituito da tutti i bambini e i ragazzi coinvolti. Loro sono i veri protagonisti del percorso. I ragazzi hanno tanto da dire: hanno sogni, pensieri interessanti, voglia di emozioni, richieste e proposte creative. Ci stanno lanciando dei messaggi positivi. Tocca a noi ora ascoltarli, sognare con loro e seguire la lezione di vita che attraverso queste meravigliose storie di sport ci stanno regalando. Anche noi siamo sognatori e questa è la strada che abbiamo scelto di percorrere insieme a loro! Gli educatori del progetto in questi setti anni di lavoro hanno sempre più valorizzato i contenuti e i significati del progetto. Sicuramente possiamo affermare che IO Tifo Positivo rappresenta un progetto interdisciplinare anche se a noi piace di più parlare di CONTINUITA EDUCATIVA Pensiamo che progetti efficaci di continuità educativa debbano partire proprio dai bambini. Dal fatto cioè di considerarli soggetti protagonisti nella scuola. Il percorso scolastico li porterà, attraverso tappe successive ma continuative, ad acquisire competenze, abilità, a crescere e maturare dal punto di vista dell identità e dell autonomia. Crediamo che ogni progetto di continuità educativa debba non tanto e non solo aiutare il bambino a conoscere la realtà nuova in cui dovrà inserirsi, ma anche, partendo dalla didattica, proporre significative attività di apprendimento. Tali attività mirano a favorire, tra i diversi ordini di scuola coinvolti, una reciproca conoscenza in termini di metodologie, contenuti, linguaggi specifici, in modo tale che vi sia continuità tra i diversi livelli di esperienze che un bambino può vivere e realizzare prima alla Scuola primaria, poi secondaria e infine nella vita. IO Tifo Positivo vuole essere un opportunità per parlare di educazione attraverso il gioco e lo sport. La sfida è quella di formare nei bambini e nei ragazzi una mentalità sportiva positiva. Il progetto punta su alcuni valori fondamentali. L amicizia, il rispetto reciproco, la lealtà e la tolleranza, infatti, non sono solo valori importanti nello sport ma nella vita di tutti i giorni.

3 La metodologia utilizzata ha come base l interesse personale del bambino - ragazzo. Si privilegiano attività quali il gioco, la drammatizzazione, la rappresentazione grafica, la musica, le canzoni, la visione di immagini e non per ultima la discussione e il confronto. L'approccio utilizzato è essenzialmente basato sulla relazione che si instaura con i ragazzi attraverso le competenze educative degli operatori e le esperienze che il percorso offre. Lo sport, il tifo e il gioco verranno utilizzati nelle loro forme più varie (motorio, simbolico, di ruolo) e costituiranno il mezzo privilegiato per interessare, incuriosire e coinvolgere i bambini. Al fine di introdurre vocaboli, modi di dire ed espressioni vengono poi utilizzati diversi strumenti: cori, filastrocche e mimi che, oltre a divertire i bambini, facilitano l'apprendimento. Anche l approccio all utilizzo della macchina fotografica o computer sarà effettuato in modo ludico. I bambini/ragazzi, durante il percorso, passeranno dal lavoro individuale a quello in piccoli gruppi e collettivi, guidati dagli educatori e dai loro insegnanti. Target Con il progetto ci prefissiamo di raggiungere tre diverse fasce di target, ognuna con un livello di coinvolgimento diverso: I bambini e i ragazzi di età compresa tra i 9 e i 13 anni delle scuole primarie e secondarie, primi beneficiari e utenti finali di ogni azione educativa proposta; Il mondo dello sport, rappresentato dalle sue istituzioni, dalle società sportive, dagli atleti (attuali ed ex), dai giornali sportivi, dai tifosi e da tutti coloro che vi ruotano attorno. Le famiglie degli studenti coinvolti, chiamate a supportare l azione educativa del progetto e direttamente coinvolte in alcune attività proposte durante il percorso. La loro partecipazione è di primaria importanza ed essenziale affinché il progetto riesca ad esprimere tutte le sue potenzialità.

4 Il progetto IO Tifo Positivo vuole essere per le scuole: un percorso multidisciplinare volto al recupero dei valori e dei significati dello sport mediante un percorso a tappe, l utilizzo di strumenti diversi e di una metodologia attiva. Tale percorso nasce dall esigenza di proporre attraverso una chiave multidisciplinare i temi dello sport, del tifo, dell ambiente e di attualità sociale. Raccordi interdisciplinari: Italiano ( incontri e realizzazione pagina de La Gazzetta): Conversazioni, letture, verbalizzazioni, giornalino. Inglese ( video coro Liverpool): ricerche su cori, letture, canzoni. Scienze ( video sport e salute-ambiente): ricerche, ambiente, riciclo. Musica e arte (costruzione strumenti per tifare e realizzazione di una tela con slogan): sperimentare varie tecniche pittoriche, plastiche e artistiche ed esprimere attraverso forme e colori le proprie percezioni e il proprio mondo emozionale. Informatica ( costruzione di un piccolo tg sullo sport) Effetto moltiplicatore Mostra finale: esposizione degli oggetti e degli strumenti costruiti; documentazione fotografica del lavoro svolto e altro. Obiettivi: Favorire la formazione nei bambini e nei ragazzi di una mentalità sportiva positiva; Educare al rispetto reciproco e alla tolleranza; Proporre i valori dello sport come principi ispiratori delle relazioni umane; Ridimensionare il fenomeno tifo ai soli luoghi e tempi dello sport; Proporre un modello sostenibile di tifo; Far conoscere l importanza di trasformare i rifiuti in risorse e gioco; Far comprendere come l azione individuale concorre al benessere collettivo; Sviluppare il senso del rispetto, la consapevolezza della tutela e della valorizzazione ambientale; Sviluppare la creatività attraverso l individuazione di un uso non convenzionale degli oggetti; Sapersi adeguare alle regole dettate da attività ludiche o di gioco; Rispettare lo spazio dei vari ruoli, l ambiente di gioco e le attrezzature; Sviluppare e rafforzare la fiducia in se stessi, l autostima, la determinazione; Sviluppare atteggiamenti positivi: rispetto reciproco, collaborazione, sostegno. L equipe degli operatori di Comunità Nuova Le attività sono progettate e realizzate da una équipe costituita da due coordinatori e otto educatori esperti nelle tematiche sportive e nell uso di tecniche animativo-espressive.

5 I PARTNER Vogliamo riflettere insieme a loro e condividere valori, obiettivi e metodologie attive del tifo positivo. Vogliamo che le loro strutture siano un luogo d incontro per i ragazzi e le loro famiglie. Vogliamo promuovere nuovi strumenti per favorire la partecipazione agevolata ad eventi sportivi. Vogliamo valorizzare i partner locali, costruendo azioni mirate che rispondano ai bisogni del territorio. I TERRITORI E IL LORO COINVOLGIMENTO l progetto IO Tifo Positivo ha coinvolto dal suo inizio ad oggi, circa ragazzi e genitori. Abbiamo raggiunto i territori delle province di: Milano, Como, Bergamo, Lecco, Varese, Pavia, Monza e Brianza, Brescia e Catania, con circa 29 comuni coinvolti in tutto. ALCUNI DEI NOSTRI ESPERTI TESTIMONIAL Il progetto IO Tifo Positivo è anche di tutte le persone del mondo dello sport, che hanno condiviso con noi valori e significati, che hanno dedicato il loro tempo al progetto, che si sono fatti coinvolgere attivamente e concretamente. Tra questi, citiamo e ringraziamo: Carlo Verdelli (ex direttore Gazzetta dello Sport), Candido Cannavò (giornalista ex direttore della Gazzetta dello Sport), Daniele Redaelli (caporedattore della Gazzetta dello Sport), Marco Pastonesi (giornalista), Filippo Grassia (ex presidente del CONI prov. Milano), Pierfrancesco Barletta (responsabile sicurezza stadio di San Siro), Milly Moratti (F.C. Internazionale), Daniele Davanzo (presidente Rugby Monza), Francesco Mazzariol (nazionale Rugby), Andrea Zorzi (ex nazionale pallavolo), Bruno Pizzul (telecronista), Silvia Parente (medaglia d oro ski paraolimpiadi Torino 2006), Igor Cassina (medaglia d oro olimpiadi di Atene 2004), Dino Meneghin (ex nazionale Basket, ex presidente federazione), Claudio Gentile (ex commissario tecnico nazionale under 21 calcio campione del mondo di calcio Spagna 82), Adolf Insam (allenatore hockey ghiaccio), Franco Baresi (ex Giocatore Milan), Beppe Baresi (ex Giocatore Inter), Gianmarco Pozzecco (giocatore basket), Fabio Cassanelli (campione del mondo calcio balilla paralimpico), Martina Caironi (atletica medaglia d oro alle Paralimpiadi di Londra 2012), Alberto Busnari (ginnasta), Elisabetta Preziosa (ginnasta), Claudia Ferrè (allenatrice di ginnastica), Massimo Dighe (vela paralimpico), Dan Peterson (allenatore basket e commentatore TV), Filippo Galli (ex calciatore), Simone Buti (pallavolista), Dragan Travica (pallavolista), Pierluigi Santelli (atletica paralimpico) Giusy Versace ( atletica paralimpica), Ramiro Cordoba ( calciatore) CONTATTI: CELL SEDE OPERATIVA c/o palalido, p.zza Stuparich, Milano SEDE AMMINISTRATIVA c/o Comunità Nuova Onlus, via Gonin 8 Milano IO tifo

6 Allegato 1 SCHEDA SINTETICA DELLE AZIONI E STRUTTURA DELL INTERVENTO. Gli incontri verranno condotti da due educatori/formatori e l intervento sarà strutturato come segue: un incontro di spiegazione/coinvolgimento con gli assessori di riferimento, prima dell inizio dell intervento nelle classi (accordi vari) un incontro di spiegazione/coinvolgimento con gli insegnanti e genitori 1/ 2h (assembleare) prima dell inizio dell intervento nelle classi primo incontro di 2h (a classi singole): o presentazione associazione e progetto o gioco di conoscenza o attività di riflessione e discussione sullo sport e sul tifo o presentazione secondo incontro secondo incontro di 2h (a classi singole): o ripresa temi primo incontro o lavoro individuale o di gruppo (slogan, CDI, ) o visione e discussione di un video terzo incontro di 2h (a classi unificate) o incontro con esperto ( atleta, giornalista, dirigenti ) o incontro per approfondire i temi trattati L incontro con l esperto può essere realizzato con diverse modalità: 1) presso la scuola 2) in una struttura territoriale ( sala consigliare, palazzetto ) 3) presso la sede della Gazzetta dello sport, in questo caso sono esclusi dal preventivo i costi dei bus per raggiungere la sede del giornale ( l incontro prevede massimo 4 classi) quarto incontro di 4h (a classi unificate) o evento finale presso la palestra della scuola- palazzetto- piazza- GIOCHIAMO E TIFIAMO piccolo torneo tra le classi partecipanti al progetto. o Questa mattinata di gioco e tifo può subire dei cambiamenti in base alle classi partecipanti una partita allo stadio- palazzetto con uno dei nostri partners. (Inter o Milan o Armani Basket o Vero volley o Hockey Milano o..). un incontro di restituzione e verifica del percorso svolto con gli insegnanti 1/2h (assembleare)

7 FORMAT AZIONI ORE scolastiche Ore extra Genitori Incontri preliminari: Si assessori,dirigenti scolasticiinsegnanti, genitori. Primo incontro in classe singola 2 Secondo incontro in classe singola ( 2 aula video o supporto LIM) Terzo incontro con esperto: atleta, 2 (classi riunite) sì giornalista, dirigente, (*1) Evento gioco e tifo( *2) 4 si Evento sportivo finale: Basket o Calcio o Volley(*3) 0 5 si TOTALE 10 TOTALE 5 *1 per l incontro ci possono essere diverse modalità da decidere insieme (amministrazione e scuola) tenendo conto dei costi: a classi riunite max 4 l incontro con il testimonial viene fatto presso la struttura scolastica o altra sede territoriale l incontro con il testimonial può essere realizzato presso la Gazzetta dello sport ma i costi dei bus sono aggiuntivi *2 si cercherà di valorizzare le strutture sportive territoriali unendo i comuni che parteciperanno al progetto, quindi sono da prevedere gli spostamenti e i costi ( ogni comune ha dei contratti con aziende autolinee) *3 L evento delle partite verrà deciso con le insegnanti, i costi per arrivare a San Siro, Forum di Assago o sono a carico dei genitori. L entrata allo stadio Inter, Milan e al PalaIper Monza sono GRATUITE per i bambini e i genitori L entrata al forum di Assago per l Armani basket e Hockey Milano, costa complessivamente 3,00 euro bambino + genitore. In molti comuni i genitori si organizzano in bus mentre in altri il ritrovo è direttamente allo stadio. Nell incontro di presentazione ai genitori verrà richiesto un aiuto organizzativo: iscrizioni, dati, orari, ritrovo. Costi progetto Intervento IO Tifo Positivo in 1 classe 750,00 Per la buona riuscita del progetto si chiede la partecipazione minima di 2 classi. Le modalità di pagamento sono da concordare.

8 Allegato 2 educasport-arte Concorso di: Striscioni - prime pagine de La Gazzetta TG news sportivo Quei bambini sono venuti a darci una lezione che potrebbe avere diversi titoli: la bellezza dello sport, il divertimento dello sport, lo sport come rivalità e amicizia, il tifo è passione mai violenza. E mentre li ascoltavo, con tenera ammirazione, io guardavo al di là, al pericolo che grava su queste creature: che gli adulti li guastino. Candido Cannavò Gazzetta dello sport (16 gennaio 2009) Prendendo spunto dal testo scritto da Candido Cannavò e dal lavoro svolto in classe dagli educatori del progetto ad ogni classe sarà richiesto di realizzare: 1. un elaborato grafico-pittorico, con qualsiasi tecnica d esecuzione: tempera, matita, ecc..., su una tela formato 80 cm x 2,50 metri. 2. Creare una pagina ( fronte e retro) de La Gazzetta dello sport con tutti i suoi contenuti: articoli, interviste, ricerche, messaggi pubblicitari 3. Realizzare un piccolo TG sportivo, (registrato con telefonino) max 4 minuti La tela verrà fornita da noi ad ogni classe che aderirà al concorso, sul retro dovranno essere riportati chiaramente i seguenti dati: - nome della scuola e classe di appartenenza; - titolo dell elaborato; Le tele ultimate devono essere trattate con un impregnante incolore isolante (per la pioggia). La tela dovrà essere ultimata per l evento gioco-tifo. Sul nostro sito trovate il layout della pagina della Gazzetta dello sport da scaricare. Per il TG news sportivo i ragazzi e l insegnante si devono organizzare in autonomia, vi suggeriamo di guardare con attenzione un esempio ben fatto di video

9 Sarà cura degli operatori del Progetto IO Tifo Positivo ritirare i materiali prodotti, entro la data che verrà comunicata in classe. REGOLAMENTO Ogni classe può aderire a tutti e tre i laboratori ( tela, TG, pagina Gazzetta) o sceglierne solo uno o due. Le modalità vengono decise dall insegnante con gli studenti. Sarà cura degli operatori del Progetto IO Tifo Positivo ritirare i materiali prodotti, entro la data che verrà comunicata in classe. Non sono ammesse tele eseguite da persone esterne alla classe. La premiazione delle tre categorie avverrà a conclusione dell intervento IO Tifo Positivo 2013/2014. Sarà istituita una commissione di giudici esterna composta da 4 giurati: 1 referente della Fondazione Cannavò 1 referente IO Tifo Positivo 1 referente de La Gazzetta dello sport 1 rappresentante Assessorato all Educazione comune di Milano La giuria sceglierà tra tutti gli elaborati pervenuti i lavori migliori, più interessanti e significativi i quali, saranno segnalati nei siti dei nostri partners aderenti al progetto: Comune di Milano, Inter F.C., VeroVolley Monza, Gazzetta dello Sport, Rugby Monza, CIP,.. Tutte le tele saranno esposte durante un evento organizzato presso la sede del progetto IO Tifo Positivo. Il giudizio espresso dalla giuria sarà inappellabile ed insindacabile. Sul nostro sito verranno messi a disposizioni dei video per la realizzazione dei vari laboratori : pag. gazzetta, TG sportivo, tele, laboratorio per la costruzione di materiale coreografico, flash-mob.

10 ALLEGATO FOTOGRAFICO

11

Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo

Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo IL PROGETTO 2006 2013 LA STRADA VERSO UN SOGNO. Anno 2006: Don Gino e un piccolo gruppo di educatori si riuniscono per discutere e confrontarsi sullo spinoso problema della violenza nello sport, della

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

Milano, 8 aprile 2015

Milano, 8 aprile 2015 SABATO 27 GIUGNO 2015 - ARENA CIVICA DI MILANO GIOCHI SENZA BARRIERE, ENERGIA PER LA VITA UN GRANDE EVENTO FUORI EXPO NATO DALLA SPLENDIDA ESPERIENZA DI BEBE VIO OTTO SQUADRE SI SFIDANO NELLO SPIRITO PARALIMPICO

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

PROGETTO L J VOLLEY SCHOOL 2014/2015: PALLEGGIA CON NOI!

PROGETTO L J VOLLEY SCHOOL 2014/2015: PALLEGGIA CON NOI! PROGETTO L J VOLLEY SCHOOL 2014/2015: PALLEGGIA CON NOI! PRESENTAZIONE. Nell intento di favorire lo sviluppo della pratica sportiva, intesa come sana consuetudine di vita volta al miglioramento delle capacità

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

Spazio Tex SPAZIO TEX SI PREPARA AL NATALE. Cosa segnaliamo. Novembre-dicembre 2013 EDIZIONE N 2, 2013

Spazio Tex SPAZIO TEX SI PREPARA AL NATALE. Cosa segnaliamo. Novembre-dicembre 2013 EDIZIONE N 2, 2013 Notiziario Spunti Riflessioni Suggerimenti Annotazioni Segnalazione Eventi Collaborazioni Spazio Tex Novembre-dicembre 2013 EDIZIONE N 2, 2013 Cosa segnaliamo LIBRI IN GIRO, LETTORI CERCASI SPAZIO TEX

Dettagli

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa

Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa 1 Perché un Premio sul telegiornale o un inchiesta a scuola intitolato a Maria Rosaria Sessa I media sono il modo in cui vediamo la realtà, sono la nostra principale fonte di informazione; oltre a rilassarci

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133 PRESENTA Camp Fondazione Atm IL PROGETTO EDUCATIVO DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA Il soggiorno estivo rivolto ai bambini e ragazzi della Fondazione Atm è un percorso di azione formativa all interno del quale

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA.

COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA. 2014 www.scuolafilmfest.it COMUNICARE CON LE IMMAGINI: AL VIA IL CONCORSO PER LA CINEMATOGRAFIA SCOLASTICA. PREMESSA Il concorso, giunto alla IV edizione, è promosso dall Associazione Lab CINECITTA Sicilia

Dettagli

Area Comunicazione Ascoli Picchio F.C. 1898 S.p.A. 1

Area Comunicazione Ascoli Picchio F.C. 1898 S.p.A. 1 Area Comunicazione Ascoli Picchio F.C. 1898 S.p.A. 1 La nostra Storia è il titolo del progetto che l Ascoli Picchio F.C. 1898 S.P.A. ha ideato per la s.s. 2014-2015. Un popolo che ignora il proprio passato

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

LJ VOLLEY SCHOOL: INIZIA A PALLEGGIARE CON NOI

LJ VOLLEY SCHOOL: INIZIA A PALLEGGIARE CON NOI PROGETTO PER LE SCUOLE LJ VOLLEY SCHOOL: INIZIA A PALLEGGIARE CON NOI PRESENTAZIONE. Nell intento di favorire lo sviluppo della pratica sportiva, intesa come sana consuetudine di vita volta al miglioramento

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

A.S.D. Pallacanestro Piovese I O V E S E. Fai canestro con Noi!

A.S.D. Pallacanestro Piovese I O V E S E. Fai canestro con Noi! A.S.D. Pallacanestro Piovese A.S.D. PALLACANESTRO P I O V E S E Fai canestro con Noi! La nostra storia La pallacanestro a Piove di Sacco conta oramai quasi 80 anni di presenza, essendosi avventurati i

Dettagli

IO SONO FELICE SE TU SEI FELICE

IO SONO FELICE SE TU SEI FELICE Proposta Cattolica, città simbolo di felicità nel rapporto fra genitori e figli e luogo di inclusione della diversabilità!!! Il maestrale SPORTINMENTE S.C.S.D., VIVI LA CRESCITA A.P.S., CATTOLICA PER LA

Dettagli

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI?

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI? Secondo numerose ricerche psicolinguistiche e pedagogiche, imparare una seconda lingua in età infantile è un processo più semplice, efficace ed immediato rispetto all età adulta perché i bambini sperimentano

Dettagli

SSD UP CASTELFRETTESE SCUOLA CALCIO STAGIONE SPORTIVA

SSD UP CASTELFRETTESE SCUOLA CALCIO STAGIONE SPORTIVA SSD UP CASTELFRETTESE SCUOLA CALCIO STAGIONE SPORTIVA 2015 2016 La Scuola Calcio della SSD UP CASTELFRETTESE Una ScuolaCalcio che vada ad integrarsi alla Famiglia e alla Scuola per favorire la crescita

Dettagli

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Seconde NUMERO UDA UDA N.1 TITOLO In equilibrio tra arte, musica e movimento PERIODO ORIENTATIVO DI

Dettagli

PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda

PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda Promotore Azienda Sanitaria Locale di Oristano in collaborazione con l' Ufficio Scolastico

Dettagli

Programma delle. a Pinarella di Cervia (RA)

Programma delle. a Pinarella di Cervia (RA) Programma delle a Pinarella di Cervia (RA) MUSICOPOLI-BIMBART LE VACANZE ARTISTICHE ITALIANE! EMILIA-ROMAGNA/RIVIERA ADRIATICA - Pinarella di Cervia (RA) VACANZE ARTISTICHE di Musicopoli, un mare di fantasia!

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

CAMPAGNA SOCIALE SUL DIVERTIMENTO CONSAPEVOLE

CAMPAGNA SOCIALE SUL DIVERTIMENTO CONSAPEVOLE CAMPAGNA SOCIALE SUL DIVERTIMENTO CONSAPEVOLE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO DELLA PROVINCIA DI ANCONA E MACERATA III Edizione / Anno Scolastico 2014/2015 PARTNER DI PROGETTO: > Regione Marche

Dettagli

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica.

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica. CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia:

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Anno scolastico 2014/15. Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA Ampliamento dell offerta formativa SCUOLA PRIMARIA 1 Ampliamento dell offerta formativa... 1 SCUOLA PRIMARIA... 1 Attività e progetti... 3 1. Progetto Accoglienza... 3 2. Progetto Continuità... 3 3. Progetto

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

Concorso fotografico 1,2,3 click Racconta la tua scuola I edizione (scadenza 09/05/2014)

Concorso fotografico 1,2,3 click Racconta la tua scuola I edizione (scadenza 09/05/2014) Concorso fotografico 1,2,3 click Racconta la tua scuola I edizione (scadenza 09/05/2014) Hai mai osservato con attenzione gli spazi della tua scuola? Come sono fatti? Ce ne sono alcuni che ti divertono,

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

ANDREA DEVICENZI IL TRIATHLON

ANDREA DEVICENZI IL TRIATHLON ANDREA DEVICENZI ANDREA DEVICENZI: QUALCOSA PIÙ DI UN ATLETA All età di 17 anni per un incidente motociclistico il suo cuore si è fermato tre tentativi di rianimazione i primi due falliti al terzo tentativo

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA A.S.D. PRO CALCIO ITALIA Gioca a testa alta Stagione 2015-2016 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) PREMESSA L attività calcistica giovanile è regolata sulla base dei principi dalla Carta dei diritti dei

Dettagli

PASSWORD FOR OUR FUTURE Progetto per l apprendimento della lingua inglese

PASSWORD FOR OUR FUTURE Progetto per l apprendimento della lingua inglese ISTITUTO COMPRENSIVO SAVIGNANO S. P. Via Don Gherardi, 1-41056 Savignano s.p. (MO) Tel 059730804 Fax 059730124 E-Mail - MOIC81400E@istruzione.it E-Mail certificata - MOIC81400E@pec.istruzione.it C.F. 80013950367

Dettagli

programma Udinese Academy Stagione 2015-2016

programma Udinese Academy Stagione 2015-2016 programma Udinese Academy Stagione 2015-2016 una promessa... è una promessa Hs football ti regala un sogno, Quello di entrare nelle giovanili dell udinese calcio HS Football è lo sponsor tecnico che ti

Dettagli

Proposta formativa A.S. 2014 2015

Proposta formativa A.S. 2014 2015 Proposta formativa A.S. 2014 2015 Premio Consiglio Comunale di Portogruaro 12^ Edizione Laboratorio audiovisivo sul tema della promozione nuova Biblioteca comunale La Biblioteca con i tuoi occhi! Premesse

Dettagli

MUSIC UP Musica, Innovazione e Imprese

MUSIC UP Musica, Innovazione e Imprese MEDIMEX 2015 MUSIC UP Musica, Innovazione e Imprese Anche nel 2015 Medimex intende affrontare, con gli eventi di MUSIC UP, il rapporto fra Musica e Creazione d Impresa, attraverso un evento di tre gironi

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI

ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI Se dovesse capitarvi di vedere un corpo muoversi con grazia femminile alternando movimenti di danza ad altri di velocità e di potenza e se facilmente potreste comprendere

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

PROGETTO PALLAVOLO. Noi lo facciamo per passione, voi potete aiutarci con il vostro contributo.

PROGETTO PALLAVOLO. Noi lo facciamo per passione, voi potete aiutarci con il vostro contributo. PROGETTO PALLAVOLO Noi lo facciamo per passione, voi potete aiutarci con il vostro contributo. Chi siamo? TEAM VOLLEY è un progetto per la Pallavolo formato da due Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITA DIDATTICO-EDUCATIVE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Insegnante Damiani Elena L INSEGNAMENTO

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 I Centri Ricreativi Estivi SPORT ESTATE 2009 si svolgeranno presso le nuove scuole medie di Saonara e le scuole elementari di Villatora. DESTINATARI: Tutti

Dettagli

www.progetto-vita.eu

www.progetto-vita.eu www.progetto-vita.eu Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa. Vigor

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA MEDAGLIE D ORO CORGENO

SCUOLA PRIMARIA MEDAGLIE D ORO CORGENO SCUOLA PRIMARIA MEDAGLIE D ORO CORGENO PROGETTO RACCOLTA ALIMENTARE REFERENTE: Barzizza Cristina Il progetto viene svolto in collaborazione con il BANCO SOLIDALE di Vergiate FINALITA sensibilizzare gli

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA A.S. 2014/2015 IL SALE DELLA TERRA MANGIOCANDO Premessa NOI SIAMO PARTE DELLA TERRA ED ESSA È PARTE DI NOI INSEGNATE AI VOSTRI BAMBINI CHE LA TERRA È NOSTRA

Dettagli

CHI SEI TU? CHI SONO IO?

CHI SEI TU? CHI SONO IO? L associazione Don Lorenzo Milani e l ICS Lorenzo Bartolini Vaiano in partenariato con il Comune di Cantagallo e l ICS Sandro Pertini di Vernio Con il contributo dell Assessorato alle Politiche Sociali

Dettagli

INCONTRI COLORATI. meravigliare!!

INCONTRI COLORATI. meravigliare!! INCONTRI COLORATI E il titolo della bellissima festa organizzata dalle insegnanti della Scuola dell Infanzia di via C. Battisti di Grottammare come chiusura del progetto didattico annuale. Festa organizzata

Dettagli

Scuola dell Infanzia. Brezzo di Bedero

Scuola dell Infanzia. Brezzo di Bedero Scuola dell Infanzia Brezzo di Bedero PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s. 2014-2015 PREMESSA Un viaggio che ha come finalità il generale miglioramento dello stato di benessere degli individui attraverso corrette

Dettagli

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) C E F O L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) L animatore socio culturale è un professionista che, attraverso attività ludico-espressive, stimola la partecipazione attiva degli

Dettagli

LA NUOVA STAGIONE E' ALLE PORTE E L'ATTIVITA' DEL CP RICOMINCIA!

LA NUOVA STAGIONE E' ALLE PORTE E L'ATTIVITA' DEL CP RICOMINCIA! Il magazine ufficiale del Comitato Provinciale Monza Brianza LA NUOVA STAGIONE E' ALLE PORTE E L'ATTIVITA' DEL CP RICOMINCIA! Cari amici di Volleylando, spero che le vostre vacanze siano andate bene. Noi

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROJECT MANAGER BRESCIA CALCIO Giorgio Abeni e Lillo De Grazia. COORDINATORE PUNTI BRESCIA Valentino Cristofalo

PROJECT MANAGER BRESCIA CALCIO Giorgio Abeni e Lillo De Grazia. COORDINATORE PUNTI BRESCIA Valentino Cristofalo Il Progetto Punti Brescia Centro Sud Italia e Malta continua il suo percorso tecnico formativo e dopo tre stagioni sportive si afferma quale esempio di eccellenza nazionale e internazionale nell ambito

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA Via Notarbartolo 21/A Dopo aver festeggiato i vent anni, il progetto di adozione della città, partendo dalla consapevolezza di abbracciare, con la sua forza educativa,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

EUROPLAY - Giochi d'europa 2015

EUROPLAY - Giochi d'europa 2015 F.S.E. Fai Scuola con l Europa REGOLAMENTO E MODULO DI ISCRIZIONE TORNEO EUROPLAY - Giochi d'europa 2015 EUROPLAY - GIOCHI D'EUROPA 2015 - REGOLAMENTO E MODULO DI ISCRIZIONE 1 PREMESSA La Regione Autonoma

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

TI DIAMO UNA SPINTA PER REALIZZARE I TUOI SOGNI.

TI DIAMO UNA SPINTA PER REALIZZARE I TUOI SOGNI. TI DIAMO UNA SPINTA PER REALIZZARE I TUOI SOGNI. I COLORbandi Sei un sognatore nato? Per te c è il bando IL MIO SOGNO. Ti piacciono i mestieri legati alle tradizioni del nostro Paese? Scegli il bando PETER.

Dettagli

Prot. n. 2055/C27a Bergamo, 11 febbraio 2009

Prot. n. 2055/C27a Bergamo, 11 febbraio 2009 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo AREA D Supporto alla Scuola e alla Didattica Ufficio per le attività studentesche e la partecipazione

Dettagli

ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI

ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI Se dovesse capitarvi di vedere un corpo muoversi con grazia femminile alternando movimenti di danza ad altri di velocità e di potenza e se facilmente potreste comprendere

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

FATTI FURBO Progetto di prevenzione delle dipendenze nella società dei consumi

FATTI FURBO Progetto di prevenzione delle dipendenze nella società dei consumi COMUNI DI CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO PROVINCIA DI LECCE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE CASARANO ASL LECCE D.S.S. 9 CASARANO Tel.: 0833 502428-0833 514227 Fax: 0833 514227

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Anno Scolastico 2013-2014

BANDO DI CONCORSO. Anno Scolastico 2013-2014 BANDO DI CONCORSO VALORI IN MOVIEMENTO Anno Scolastico 2013-2014 Nell ambito delle attività formative riservate ai dirigenti scolastici e ai docenti, la Direzione Generale per il Personale Scolastico del

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

XXI Helios Festival Giornata Mondiale della Terra

XXI Helios Festival Giornata Mondiale della Terra XXI Helios Festival Giornata Mondiale della Terra 22 Aprile 2013, 9-19 c/o Auditorium San Benedetto del Tronto (Marche) Italia Per informazione: www.heliosnews.it heliosnews@libero.it Ai Dirigenti Scolastici

Dettagli

GSPORT MARKETING & SPONSORING

GSPORT MARKETING & SPONSORING GSPORT MARKETING & SPONSORING INFORMAZIONI IN CARTELLA STAMPA Profilo di Gsport Approccio e metodo di lavoro Sport e business, accoppiata vincente Prodotti e attività Principali concessioni Gsport in pillole

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI

I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI AGENZIE EDUCATIVE DIDATTICA CONCLUSIONI RINGRAZIAMENTI I DIRITTI DEI BAMBINI Il Table Soccer Club Black Rose 98 Roma regola l attività giovanile per quanto attiene il Subbuteo - Calcio

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA A.S. 2012/13 PROGETTO CONTINUITÀ - ACCOGLIENZA RITROVARSI INSIEME PER FARE E GIOCARE

Dettagli

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE Premessa Prima di parlare di un progetto concreto di scuola calcio, riteniamo opportuno analizzare alcuni comportamenti fondamentali che ci vengono propinati dalla società. I bambini d oggi non hanno a

Dettagli

IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco"

IL SUONO DEGLI ELEMENTI Aria - Acqua - Terra - Fuoco IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco" Laboratorio Musicale per le classi terze (sez. A e sez. C) della Scuola Primaria C.A. Dalla Chiesa (Anno Scolastico 2014 2015) Il laboratorio si propone

Dettagli

SCUOLE PARROCCHIALI SAN BIAGIO SCUOLA DELL INFANZIA MARIA BAMBINA

SCUOLE PARROCCHIALI SAN BIAGIO SCUOLA DELL INFANZIA MARIA BAMBINA SCUOLE PARROCCHIALI SAN BIAGIO SCUOLA DELL INFANZIA MARIA BAMBINA 1 COME INSEGNAMO La nostra scuola vive e opera come comunità educante, nella quale cooperano bambini insegnanti, genitori. Si dà molta

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

Comune di Cantalupa COMUNE EUROPEO DELLO SPORT 2014 CANTALUPA SCUOLA REGIONALE DELLO SPORT. ...il futuro dello sport abita qui...

Comune di Cantalupa COMUNE EUROPEO DELLO SPORT 2014 CANTALUPA SCUOLA REGIONALE DELLO SPORT. ...il futuro dello sport abita qui... Comune di Cantalupa COMUNE EUROPEO DELLO SPORT 2014 CANTALUPA SCUOLA REGIONALE DELLO SPORT...il futuro dello sport abita qui... 6 Il Comune di Cantalupa (Provincia di Torino) ha una superficie complessiva

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO LA CONOSCENZA

UN VIAGGIO VERSO LA CONOSCENZA IST. COMPRENSIVO BARLASSINA Scuola Secondaria G.Galilei ad INDIRIZZO MUSICALE Dirigente Scolastico Daniela Colombo UN VIAGGIO VERSO LA CONOSCENZA 19/01/2013 educare per istruire Presentazione POF Secondaria

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

GIO A. alla PARI. UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro

GIO A. alla PARI. UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro Progetto per la diffusione della cultura di parità e del principio di non discriminazione nel sistema educativo e nel mondo del lavoro. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro UNIONE EUROPEA Fondo Sociale

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli