L anno duemilasei (2006) in questo giorno del mese di in Firenze,, per il presente atto a cui intervengono:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L anno duemilasei (2006) in questo giorno del mese di in Firenze,, per il presente atto a cui intervengono:"

Transcript

1 SCHEMA DI CONVENZIONE TRA COMUNE DI FIRENZE, AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE E A.MI.G. ONLUS INERENTE LA REALIZZAZIONE IN FORMA INTEGRATA DI GRUPPI APPARTAMENTO PER N.10 PERSONE CON DISAGIO PSICHICO E SOCIALE L anno duemilasei (2006) in questo giorno del mese di in Firenze,, per il presente atto a cui intervengono: - COMUNE DI FIRENZE, con sede e domicilio fiscale in Firenze piazza Signoria n.1, nella persona del suo legale rappresentante Dr., in qualità di ; - AZIENDA SANITARIA FIRENZE, con sede e domicilio fiscale in Firenze piazza S. Maria Nuova n.1 nella persona del suo legale rappresentante Dr., in qualità di ; - A.MI.G. Associazione Minorati Gravi, ONLUS, con sede e domicilio fiscale in Firenze, via del Poggiolino n.12 nella persona del suo Legale Rappresentante Dr., in qualità di ; PREMESSO CHE: nella malattia mentale non è sempre possibile definire una netta linea di confine fra il percorso sanitario ed il percorso sociale e di conseguenza è auspicabile integrare gli ambiti di competenza dell azienda sanitaria con quelli dei servizi sociali; il protocollo operativo sulla salute mentale, sottoscritto il 26 aprile 2001 dal Direttore della Sicurezza Sociale del Comune di Firenze e dal Responsabile ASL Zona Firenze, individua come prioritarie le azioni di progettualità per ampliare la gamma degli interventi socio riabilitativi relativi alle aree alloggio e residenzialità, occupazione e lavoro, socializzazione e tempo libero; Ie indicazioni del P.I.S. approvato con deliberazioni del C.C. di Firenze n.110 del e del Direttore Generale dell Azienda sanitaria di Firenze n.863 del , confermano e rafforzano i criteri direttivi per l integrazione tra interventi dei servizi sociali e quelli sanitari, secondo i principi dell unitarietà d intervento, della valutazione multiprofessionale del bisogno, del progetto personalizzato e ripropongono quali obiettivi primari il sostegno alle soluzioni residenziali abitative dirette a sostenere percorsi di autonomia e di reinserimento sociale degli utenti ed in particolare la stipula di una nuova convenzione con l Associazione Minorati Gravi, più semplicemente A.MI.G.. le attività oggetto della presente convenzione rientrano nei fini statutari dell Ass.ne che da anni opera nel settore dell assistenza e dell intervento riabilitativo di persone con problematiche psichiatriche. SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

2 ART. 1 OGGETTO E FINALITA La presente convenzione regola i rapporti che si instaurano fra il Comune di Firenze, l Azienda Sanitaria Firenze e l A.MI.G. per la gestione dei gruppi appartamento siti in Firenze, via Carducci n.2, via Campani n.18 e P.le di Porta Romana n.21, a bassa soglia di protezione assistenziale, destinati a persone che, portatori di disagio psichico e provenienti nello stesso tempo da contesti socio-abitativi marginali, necessitano di un supporto abitativo adeguato presidiato da funzioni educative con caratteristiche di durata di media accoglienza, sulla base del progetto, allegato quale parte integrante del presente atto (allegato A). La finalità principale è permettere l acquisizione di progressivi livelli di autonomia anche attraverso il sostegno delle reti formali ed informali del territorio. Art. 2 DESTINATARI E COMMISSIONE TECNICA Nei gruppi appartamento saranno inseriti fino ad un massimo di 10 adulti di ambo i sessi, con problemi di disagio mentale e in carico ai servizi socio-sanitari, con un buon livello di autonomia e in grado di assumere eventuali terapie, inserite in programmi che prevedono l impegno in attività quotidiane esterne. L utenza segnalata dalla U.F.M.A. Zona Firenze in accordo con i S.I.A.S.T. (Servizio Integrato Assistenza Sociale Territoriale) competenti per territorio, sarà inserita e dimessa sulla base di valutazione di una commissione tecnica appositamente costituita composta da personale preposto dell Amministrazione Comunale, della A.S.L. (Azienda Sanitaria Locale) e dell A.MI.G. (Associazione Minorati Gravi). Le ammissioni-dimissioni degli ospiti saranno disposte dalla Commissione Tecnica su richiesta dei Servizi Socio-Sanitari che hanno in carico l ospite. Art.3 PRESTAZIONI L A.MI.G. svolgerà la funzione di coordinamento gestionale dei gruppi appartamento, sia dal punto di vista tecnico che amministrativo, gestendo i contatti con gli operatori della ASL per lo sviluppo dei percorsi individuali e garantendo l organizzazione delle attività previste. Nello specifico, dovranno essere assicurati dall A.MI.G. i seguenti servizi: 1. Coordinamento gestionale del gruppo appartamento e sostegno socio-educativo con copertura diurna, esclusi i giorni festivi, per un monte di ore complessivo, come definito dal successivo Art.5, anche con funzioni di assistenza domiciliare finalizzata allo sviluppo dell autonomia domestica, della capacità di coabitazione, e della organizzazione del tempo libero e gestione della vita di relazione. 2. Manutenzione ordinaria, comprensiva degli impianti idraulici, elettrici, riscaldamento. 3. Attività amministrativa, predisposizione bilancio economico e segreteria amministrativa.

3 L Azienda Sanitaria di Firenze garantisce la funzione di progettazione riabilitativa individuale, da condividere con il personale che gestisce l appartamento. In particolare, l Azienda Sanitaria di Firenze provvederà a: svolgere la funzione di proposta di accesso all ospitalità per persone in possesso di un discreto livello di autonomia personale, in situazione di estrema precarietà alloggiativa e in carico al SIAST competente, formulando Il progetto educativo personalizzato per ogni singolo utente, con l indicazione degli obbiettivi a medio termine e gli interventi mirati al sostegno e potenziamento dell autonomia personale e socio riabilitativi, in collaborazione con i servizi sociali territoriali di riferimento; rimane di competenza dei servizi territoriali componenti dell U.F.M.A. (Unità Funzionale Multiprofessionale Adulti) l attivazione delle risorse messe a disposizione sia dalla ASL che dal territorio per gli interventi socio-terapeutici previsti nel progetto individualizzato degli ospiti (inserimenti lavorativi, centri diurni ecc.). stabilire ed erogare attraverso propri operatori tutte le prestazioni sanitarie necessarie ed effettuare gli interventi sanitari di emergenza che dovessero essere richiesti per arginare problemi di convivenza con gli utenti. effettuare verifiche periodiche dei progetti individuali riabilitativi dei singoli utenti. Il Comune di Firenze Direzione Sicurezza Sociale svolgerà la funzione di supervisione dell intero progetto dei Gruppi Appartamento, assicurando le seguenti funzioni: partecipare ai lavori della Commissione di cui all art.2 promuovere funzioni di verifica periodica sull andamento del progetto svolgere funzioni di segreteria e di coordinamento dei lavori della Commissione di cui all art.2. Art. 4. PERSONALE Per lo svolgimento delle attività e prestazioni di cui sopra l Associazione garantisce la disponibilità di n.4 dipendenti e/o liberi professionisti qualificati (2 educatori e 2 psicologi) come indicato al successivo Art.7, assicurando che il rapporto con detti è regolato dal contratto di lavoro in vigore CCNL Sanità Privata e Cooperative sociali, nonché dalle normative previdenziali e fiscali in materia. Garantisce altresì agli enti contraenti la tempestiva comunicazione di eventuali variazioni concernenti: numero, modalità e tempi di impiego degli operatori adibiti all erogazione delle prestazioni in oggetto compreso lo psicologo. Art.5 REFERENTI I referenti del progetto per ciascun ente interessato, saranno i seguenti: Per il Comune di Firenze, il Responsabile della P.O. Dipendenza e salute mentale della Direzione Sicurezza Sociale; Per l Azienda Sanitaria di Firenze, il Responsabile della U.F.M.A. Zona Firenze; Per l A.MI.G. lo psicologo preposto alla gestione specifica dell attività oggetto del presente atto, il cui nominativo sarà comunicato entro l inizio dell attività stessa. Art. 6

4 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL GRUPPO APPARTAMENTO L organizzazione dell appartamento verrà regolata secondo le norme generali contenute da un apposito disciplinare che verrà all uopo redatto dall A.MI.G. in accordo con l UFMA della ASL. Art. 7 COSTI E MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE FINANZIARIA Il Comune di Firenze e l Azienda Sanitaria di Firenze provvederanno al pagamento dei corrispettivi economici, presuntivamente calcolati ed elencati di seguito, nella misura del 50% ciascuno, così come descritto nella tabella seguente: COSTO PER 12 MESI - 1 SPESE PERSONALE Psicologo: ore 676/anno ad 28,20/ora (13 ore ogni settimana suddivise fra i 10 utenti secondo necessità) ,20 Educatore: ore 3/giorno (15 ogni settimana) per ciascun appartamento ad 17,00/ora ,00 Amministrativo: ore 624/anno ad 25,52/ora 2 SPESE CONDUZIONE APPARTAMENTI , ,68 Affitti, spese condominali, utenze, pulizie, assicurazioni, imposte e tasse, manutenzione ordinaria ,32 TOTALE GENERALE ,00 Per il rimborso delle spese suindicate, si conviene una retta giornaliera pro-capite di 40,00, da corrispondere all A.MI.G. anche per eventuali posti vuoti previa presentazione di fatturato mensile da presentare con le modalità che saranno indicate al momento del conferimento dell attività per il periodo di riferimento. Eventuali contribuzioni da parte degli utenti e disposte dai S.I.AS.T., verranno comunicate all A.MI.G. dai S.I.A.S.T. stessi, ed incassate direttamente dall A.MI.G. che emetterà al Comune di Firenze o all Azienda Sanitaria di Firenze documento di addebito solo per la differenza.

5 Art. 8 IMMOBILI L A.MI.G. mette a disposizione n.3 appartamenti posti a Firenze in: via Carducci n.2, 2 piano, composto da tre camere singole, uno spazio comune, una cucina, un bagno ed un W.C.; via Campani n.18, 4 piano con ascensore, composto da quattro camere singole, una cucina con funzione di spazio comune e due bagni; P.le di Porta Romana n.21, 2 piano composto da tre camere singole, una cucina con funzione di spazio comune e due bagni. In caso di eventuali variazioni di ubicazione degli appartamenti, l Associazione garantisce un alternativa abitativa avente le medesime caratteristiche dandone preventiva comunicazione al Comune e all ASL. I rapporti di locazione ed ogni altro contratto con i vari Enti erogatori per le utenze, sono rapporti esclusivamente tra l Associazione e i terzi interessati, rimanendo il Comune di Firenze e l A.S.L. esclusi da ogni responsabilità in merito ad essi. Art. 9 VERIFICHE E CONTROLLI L Azienda Sanitaria di Firenze procederà a verificare, attraverso il proprio personale, sia le attività in svolgimento, anche attraverso l accesso ai locali, sia l intero progetto dei Gruppi Appartamento. In aggiunta, saranno organizzate riunioni di verifica tra Comune di Firenze, l Azienda Sanitaria di Firenze e l A.MI.G.; tali incontri saranno fissati in accordo fra le parti e comunque non meno di 2 volte nel corso dei 12 mesi di riferimento. ART. 10 OBBLIGHI DELL ASSOCIAZIONE L A.MI.G. si impegna a: a. garantire l adempimento di tutte le clausole riportate nella presente convenzione; b. rispettare le norme contrattuali, regolamentari, previdenziali, assicurative e di sicurezza dei luoghi di lavoro previste dalla vigente normativa per tutto il personale impiegato; c. garantire il rispetto delle misure di sicurezza sul posto di lavoro secondo quanto previsto dal D.Lgs.626/94, successive integrazioni e modifiche; d. a ritenere comunque sollevate e indenni l Amministrazione Comunale e l Azienda Sanitaria di Firenze da ogni e qualsiasi responsabilità che dovesse derivare a persone o cose a causa dell attività gestionale svolta presso gli appartamenti in questione; e. emanare disposizioni atte a garantire il rispetto da parte del personale impegnato della normativa regionale vigente per gli operatori dei servizi pubblici in materia di tutela dei diritti all utenza ed il rispetto di tutte le norme nazionali e regionali; f. a comunicare i nomitativi degli operatori preposti all attività in argomento (Educatori e Psicologi) ed eventuali loro sostituzioni. ART. 11

6 PRIVACY Il legale rappresentante dell Ass.ne AMIG si impegna fin d ora ad adempiere agli obblighi imposti dal D.Lgs. 196/03, nonché, ove richiesto dal Titolare Trattamento dati personali Comune di Firenze, ad assumere la qualifica di Responsabile Trattamento dati personali (o a comunicare altro nominativo), ai sensi e per gli effetti dell art. 29 del D.Lgs 196/03, e a rispettare le prescrizioni di cui al disciplinare predisposto dal Comune di Firenze di cui dichiara di aver preso visione. Art. 12 DURATA La presente convenzione ha la durata di mesi 12, a far data dal 1 Marzo 2006 fino a 28 Febbraio 2007, e potrà essere eventualmente rinnovata con successivi provvedimenti amministrativi per ulteriori 24 mesi, anche parzialmente, previo accordo fra le parti. Art. 13 DISPOSIZIONI FINALI Il giudizio sulle eventuali controversie in merito all applicazione della presente convenzione è di competenza del Tribunale di Firenze. La presente convenzione sarà registrata solo in caso di uso e le eventuali spese di bollo e di registro saranno a carico del richiedente. Comune di Firenze Azienda Sanitaria di Firenze Associazione Minorati Gravi (A.MI.G.) Per accettazione Il Legale Rappresentante dell A.MI.G.

PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE:

PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: SCHEMA CONVENZIONE TRA COMUNE DI FIRENZE E ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SOLIDARIETA CARITAS - ONLUS PER LA SOMMINISTRAZIONE DI PASTI E DOCCE, COMPRESO SERVIZIO DI BAGAGLIAIO, A PERSONE ITALIANE E STRANIERE

Dettagli

prorogando ulteriormente con DD. 04/12113 del 29.12.04, ed infine con DD. 04/6138 del 29.06.04 per il periodo di scadenza 1.04.05 30.06.

prorogando ulteriormente con DD. 04/12113 del 29.12.04, ed infine con DD. 04/6138 del 29.06.04 per il periodo di scadenza 1.04.05 30.06. CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI FIRENZE E IL CENTRO DIURNO LINAR PER ATTIVITA FINALIZZATE ALLA SOCIALIZZAZIONE E OCCUPAZIONE DI SOGGETTI DISABILI IN ETA ADULTA TRA Il Comune di Firenze, Direzione 18 Sicurezza

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI FIRENZE E Azienda ASL 10 DI FIRENZE PREMESSA - Il Comune è l Ente titolare delle funzioni in materia di servizi sociali ai sensi dell art. 9 L.142/90 - Il Comune gestisce

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA SEMIRESIDENZIALE PER MINORI

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA SEMIRESIDENZIALE PER MINORI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA SEMIRESIDENZIALE PER MINORI per l erogazione di prestazioni socio assistenziali ed educative a carattere semiresidenziale a favore di minori assistiti

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

Nell anno duemilacinque del mese di nel giorno, nella sede della Direzione Sicurezza Sociale del Comune di Firenze sono presenti i Signori:

Nell anno duemilacinque del mese di nel giorno, nella sede della Direzione Sicurezza Sociale del Comune di Firenze sono presenti i Signori: ATTO DI ACCORDO TRA IL COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE SICUREZZA SOCIALE E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Nell anno duemilacinque del mese di nel giorno,

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E L ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE SIPARIO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E L ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE SIPARIO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE Allegato.A CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E L ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE SIPARIO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE di ACCOGLIENZA RESIDENZIALE LA MIA CASA DA GRANDE TRA Il dott.

Dettagli

C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE

C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 10 marzo 2011

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

FAC SIMILE ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA)

FAC SIMILE ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) FAC SIMILE ATTIVITA FISICA ADATTATA (AFA) ACCORDO FRA LA SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE E L ASSOCIAZIONE.. La Società della Salute di Firenze (codice fiscale 94117300486), in seguito denominata anche

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI

DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI DISCIPLINARE PER L'ACCREDITAMENTO PROVVISORIO A VALENZA SPERIMENTALE DI ALLOGGI PROTETTI PER GIOVANI Art.1 - Oggetto e finalità Gli Alloggi protetti offrono ai giovani accolti un sostegno educativo individuale

Dettagli

A) QUADRO DELLE RISORSE UMANE

A) QUADRO DELLE RISORSE UMANE DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DIURNO POLIVALENTE DENOMINATO LA FENICE INSERITO NELL AMBITO DEL COMPLESSO RESIDENZIALE DELL ALBERGO POPOLARE FIORETTA MAZZEI E DEI MINIALLOGGI IVI ANNESSI, INTEGRATIVA

Dettagli

***************************************

*************************************** CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA E L ISTITUTO FIGLIE DEL SACRO CUORE DI GESU DI CREMONA PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO SACRO CUORE DI VIA G. DA CREMONA N. 19 IN CREMONA PER L ANNO SCOLASTICO 2014/2015.

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI Il gruppo di lavoro sull assistenza domiciliare educativa per disabili necessita, per poter meglio svolgere il proprio

Dettagli

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale...

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale... COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore Servizi Sociali 30031, Via Cairoli n.39 041.5121911 Fax 041.410665 www.provincia.venezia.it/comune.dolo e-mail comune.dolo@provincia.venezia.it P.IVA 00655760270

Dettagli

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Comune dii Godega dii Sant Urbano (Proviinciia dii Treviiso) Regolamento comunale per l accesso al servizio di trasporto per l utenza svantaggiata. Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Modificato

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI

COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI Via Roma 103-02019 POSTA (RI) - Tel 0746/ 951402-Fax 0746/ 951403-C.F. 80018100570-Web: www.velino.it - info@velino.it info@pec.velino.it A V V I

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA)

COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA) COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SETTORE IV CULTURA E POLITICHE SOCIALI N. 1182 del 09/06/2010 Oggetto: ASSISTENZA AI MINORI. INSERIMENTO DI MINORI IN CONDIZIONI DI DISAGIO

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

la Fondazione Alzaia, con sede Legale in Gaeta (LT) in Via Annunziata n. 21, codice fiscale 90051360593 rappresentata dal Presidente Marco Anaclerio.

la Fondazione Alzaia, con sede Legale in Gaeta (LT) in Via Annunziata n. 21, codice fiscale 90051360593 rappresentata dal Presidente Marco Anaclerio. Fondazione ALZAIA Cooperativa arl LA PERGOLA CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI UNA CASA DI ACCOGLIENZA PRESSO LA STRUTTURA DI VIA AMALFI GAETA (LT) L anno 2014, il 02 del mese di settembre, nella sede della

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI 1 Art. 1 - Finalità La finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Allegato "A" alla delibera di Giunta Comunale n. 315 del 30/12/2005

Allegato A alla delibera di Giunta Comunale n. 315 del 30/12/2005 Allegato "A" alla delibera di Giunta Comunale n. 315 del 30/12/2005 COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) OGGETTO: CONTRATTO DI CONVENZIONE PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI E SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Scheda relativa al servizio "Appartamenti protetti per anziani e disabili" oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII.

Scheda relativa al servizio Appartamenti protetti per anziani e disabili oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII. Scheda relativa al servizio "Appartamenti protetti per anziani e disabili" oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII. 1 OBIETTIVI, DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E UTENZA POSTI DISPONIBILI UBICAZIONE/LUOGO

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PIANI INDIVIDUALIZZATI DISABILI GRAVI Art.1 Oggetto del Capitolato La disgregazione e frammentazione territoriale,

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA DI TRASPORTO SOCIALE IN FAVORE DI CITTADINI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI IMPRUNETA

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA DI TRASPORTO SOCIALE IN FAVORE DI CITTADINI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI IMPRUNETA All. A DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA DI TRASPORTO SOCIALE IN FAVORE DI CITTADINI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI IMPRUNETA Art.1 CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente disciplinare regola

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU29S2 23/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 20 luglio 2015, n. 27-1784 Definizione delle tariffe e ridefinizione del fabbisogno dei Centri Diurni Socio Riabilitativi sperimentali

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI (Approvato con deliberazione consiliare n 36 nella seduta del 27 settembre

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI DOMANDA DI ADEONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MIRI Per aderire a Isperantzia Onlus Federazione Sarda Comunità per Minori è necessario seguire le indicazioni di seguito riportate: completare

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue:

private autorizzate e accreditate del Dipartimento di Salute Mentale dell Azienda U.S.L. Valle d Aosta, secondo la normativa vigente, come segue: LA GIUNTA REGIONALE - visto l articolo 3-septies del decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992, così come modificato ed integrato dal decreto legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, che prevede le

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA RESIDENZIALE

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA RESIDENZIALE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E LA STRUTTURA RESIDENZIALE per l erogazione di prestazioni di accoglienza a favore di detenuti, persone in esecuzione penale esterna, exdetenuti in condizioni di disagio

Dettagli

PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI

PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO CASA NOSOTRAS CASA DELLE DONNE CARTA DEI SERVIZI 1 NOSOTRAS si configura come Associazione di Promozione Sociale ONLUS. Costituita nel 1998, con sede a Firenze, è attiva nell ascolto, sostegno

Dettagli

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE ANTICIPAZIONI DI CUI ALL ART. 27 DELLO STATUTO DEL FOPEN 1. BENEFICIARI Come previsto dal D.Lgs 124/93 e successive modifiche hanno titolo a richiedere l anticipazione

Dettagli

CONVENZIONE PER IL TRASPORTO SOCIALE DI SOGGETTI HANDICAPPATI OSPITI DEI CENTRI DIURNI

CONVENZIONE PER IL TRASPORTO SOCIALE DI SOGGETTI HANDICAPPATI OSPITI DEI CENTRI DIURNI CONVENZIONE PER IL TRASPORTO SOCIALE DI SOGGETTI HANDICAPPATI OSPITI DEI CENTRI DIURNI Premesso che l Istituzione per i Servizi alla Persona del Comune di Livorno interviene per garantire il trasporto

Dettagli

REG. DET. DIR. N. 4463 / 2013 IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

REG. DET. DIR. N. 4463 / 2013 IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 5 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA PROMOZIONE E PROTEZIONE SOCIALE SERVIZIO DOMICILIARITA' REG. DET. DIR. N. 4463 / 2013

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ SERVIZI ALLA FORMAZIONE Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ FORMATORE Area di attività Analisi dei fabbisogni formativi; Progettazione interventi formativi; Erogazione azioni formative; Valutazione esiti apprendimento;

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI DI ASSISTENZA ECONOMICA A FAVORE DI SINGOLE PERSONE E FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO- ECONOMICO

REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI DI ASSISTENZA ECONOMICA A FAVORE DI SINGOLE PERSONE E FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO- ECONOMICO REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI DI ASSISTENZA ECONOMICA A FAVORE DI SINGOLE PERSONE E FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO- ECONOMICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 28 febbraio

Dettagli

Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico. via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it

Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico. via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it Casa di Enrica Casa alloggio per adulti con disagio psichico via Gozzano n. 9 Monza lecase@novomillennio.it Chi siamo Casa di Enrica è una casa alloggio per adulti con disagio psichico. Si configura come

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI Comune di Calusco d Adda REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI (approvato con deliberazione del C.C. n.20 del 11.05.2007 e modificato con deliberazioni del C.C. n.22 del 26.04.2010 e n.14 del

Dettagli

COMUNE DI CERTALDO. (Provincia di Firenze) CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI UN CENTRO DA DESTINARSI ALL ACCOGLIENZA TEMPORANEA PER ***********

COMUNE DI CERTALDO. (Provincia di Firenze) CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI UN CENTRO DA DESTINARSI ALL ACCOGLIENZA TEMPORANEA PER *********** COMUNE DI CERTALDO (Provincia di Firenze) CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI UN CENTRO DA DESTINARSI ALL ACCOGLIENZA TEMPORANEA PER SITUAZIONI DI EMERGENZA ABITATIVA *********** L anno 2013, il giorno ( )

Dettagli

Comune di Firenze Direzione Servizi Sociali

Comune di Firenze Direzione Servizi Sociali Comune di Firenze Direzione Servizi Sociali Avviso pubblico esplorativo per la ricerca e la selezione di proposte progettuali, ai sensi dell art. 60 del Regolamento generale per l attività contrattuale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI,

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI, REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI, IN SITUAZIONI DI DIFFICOLTA Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

PIANO DI UTILIZZO DEI FINANZIAMENTI IN FAVORE DEI PICCOLI COMUNI ANNO 2011

PIANO DI UTILIZZO DEI FINANZIAMENTI IN FAVORE DEI PICCOLI COMUNI ANNO 2011 PIANO DI UTILIZZO DEI FINANZIAMENTI IN FAVORE DEI PICCOLI COMUNI ANNO 2011 Distretto: RMG2 Comune capofila: Guidonia Montecelio Comuni: Guidonia Montecelio, Marcellina, Monteflavio,Montelibretti, Montorio

Dettagli

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

COMUNE DI MIRA. Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 66 DEL 15/06/2011 SOMMARIO: ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA

MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA MODALITA DI ACCESSO E APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI DELL AREA DELLA NON AUTOSUFFICIENZA Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159 Nuove modalità di calcolo dell

Dettagli

REGOLAMENTO NAMASTE (ex L. 23/99)

REGOLAMENTO NAMASTE (ex L. 23/99) Seconda Luna Onlus, con l ausilio e la collaborazione di tutti i soggetti partecipanti al Tavolo di Regia Autismo adulto ed al traguardo raggiunto con l approvazione del Protocollo Sperimentale territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE IN COMUNITA ALLOGGIO E GRUPPI APPARTAMENTO Approvato dalla Conferenza

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Comuni di Azzano S.Paolo, Boltiere, Ciserano, Comun Nuovo, Curno, Dalmine, Lallio,

Dettagli

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO

INDICE ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI SOCIALIZZANTI ART. 4 - CARATTERISTICHE DELL INSERIMENTO LAVORATIVO Allegato alla determinazione direttoriale n. 682/000/DIG/14/0025 del 06.06.2014 INDICE PREMESSA ART. 1 - CAMPO DI INTERVENTO ART. 2 - DESTINATARI DELL INTERVENTO LAVORATIVO ART. 3 - DESTINATARI DEGLI INTERVENTI

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia

C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia C O M U N E D I D O L O Provincia di Venezia Regolamento per l accesso e la gestione del Progetto Sociale Gruppo Appartamento Approvato con delibera C.C. n. 66 del 30.11.2010 - esecutivo INDICE Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO. C O M U N E d i C A D E L B O S C O d i S O P R A REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO. Approvato con Deliberazione C.C. n. 43 del 30/09/1999 CONTROLLATO nella

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Prot. N. del DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 1654/A del 07/12/2010 Dirigente: Istruttore: Settore: Paolo Grifagni Silvana Cipriani Affari Generali, Amministrativi e Finanziari OGGETTO EMERGENZA ABITATIVA-

Dettagli

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4

PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio allegato n. 4 Annualità: II ann. X Progetto di durata triennale AMBITO COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA 1.1

Dettagli

SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO

SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO SOSTEGNO ALL ABITARE PER PERSONE CON DISAGIO PSICHICO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Esclusione Sociale Disabilità Psichica

Dettagli

Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013

Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013 Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013 PROTOCOLLO D INTESA TRA LA DIOCESI DI SAN MARINO-MONTEFELTRO, LA FONDAZIONE DI RELIGIONE SAN PAOLO DI PENNABILLI, LE AMMINISTRAZIONI COMUNALI DI CASTELDELCI,

Dettagli

VISTI. gli articoli 1, 2, 4, 5, 8, 9 della Legge 381/91 e l articolo 11 della Legge Regionale 21/2003 PREMESSO

VISTI. gli articoli 1, 2, 4, 5, 8, 9 della Legge 381/91 e l articolo 11 della Legge Regionale 21/2003 PREMESSO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA E LA SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE L ARCA AI SENSI DELL ART. 5, COMMA 1, DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 1991, N. 381 (ESENTE DA BOLLO AI SENSI D.L. 4.12.1997 N. 460

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

CONVENZIONE DI CONCESSIONE D USO DI LOCALI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE. L anno 2012, TRA

CONVENZIONE DI CONCESSIONE D USO DI LOCALI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE. L anno 2012, TRA Allegato alla D.G. N. 55 DEL 30/03/2012 CONVENZIONE DI CONCESSIONE D USO DI LOCALI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE L anno 2012, TRA Il COMUNE DI CASTEL MAGGIORE, (codice fiscale 00819880378)

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 REGOLAMENTO CONSORTILE PER L INSERIMENTO DI MINORI NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 1 S O M M A R I O ART. 1 - OGGETTO...3 ART. 2 - FINALITÀ...3 ART.

Dettagli

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 Protocollo d intesa Costituzione di un Centro regio nale per la promozione e lo sviluppo dell auto

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

T R A PREMESSO CHE. Integra con sede presso La Corte Berica in Via Carbonarolla, n. 30-36040 Grancona

T R A PREMESSO CHE. Integra con sede presso La Corte Berica in Via Carbonarolla, n. 30-36040 Grancona ACCORDO CONTRATTUALE PER LA DEFINIZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE ECONOMICA DEL DSM NEL CASO DI INSERIMENTO DI PAZIENTI CON DOPPIA DIAGNOSI SERT E DSM PRESSO STRUTTURE GESTITE DALLA FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

presente atto a cui intervengono:

presente atto a cui intervengono: SCHEMA DI CONVENZIONE FRA COMUNE DI FIRENZE ED ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO NICCOLO STENONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA A FAVORE DELLA POPOLAZIONE EXTRACOMUNITARIA E NON

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E IL CENTRO SERVIZI EDUCATIVI GOULD

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E IL CENTRO SERVIZI EDUCATIVI GOULD CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI FIRENZE E IL CENTRO SERVIZI EDUCATIVI GOULD per la realizzazione del Progetto di Incontri protetti genitori/figli nell ambito delle prestazioni socio assistenziali ed educative

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE STRUTTURA RESIDENZIALE PER MINORI CONVENZIONE

COMUNE DI FIRENZE STRUTTURA RESIDENZIALE PER MINORI CONVENZIONE COMUNE DI FIRENZE STRUTTURA RESIDENZIALE PER MINORI CONVENZIONE per l erogazione di prestazioni socio assistenziali ed educative a carattere residenziale a favore di minori assistiti dal Comune di Firenze.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Oggetto: approvazione schema di Accordo di Collaborazione e schema di Protocollo Operativo con l Amministrazione Comunale di Ussana (Cagliari) per l attivazione e gestione di un Centro Crisi per persone

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE BI

AZIENDA SANITARIA LOCALE BI Via Marconi n. 23 BIELLA IL COMMISSARIO Dr.ssa Carla Peona (nominata con D.G.R. n. 52-1359 del 29 Dicembre 2010) L anno duemilaundici, il giorno 30 del mese di Marzo in Biella, presso la sede legale dell

Dettagli

con sede a.. via.n.. C.f.. rappresentato da... nato a.. il.. abilitato alla sottoscrizione del presente atto con... n... del.

con sede a.. via.n.. C.f.. rappresentato da... nato a.. il.. abilitato alla sottoscrizione del presente atto con... n... del. Schema di convenzione tipo tra Ente Pubblico e Cooperativa Sociale ai sensi dell'art. 5 legge 381/91 dellart. 7 paragrafo b) L.R. 16/93 dell'art.5 comma 5 L.R. 14/97 L Ente. al fine di creare opportunità

Dettagli

Stellapolare Centro diurno psichiatrico. Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it

Stellapolare Centro diurno psichiatrico. Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it Stellapolare Centro diurno psichiatrico Via Montecassino, 8-20900 Monza stellapolare@novomillennio.it www.novomillennio.it Chi siamo Il centro diurno Stellapolare si configura come una struttura semiresidenziale,

Dettagli