comincia a sentirti più tua

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "comincia a sentirti più tua"

Transcript

1 vincenzo del gaudio comincia a sentirti più tua piccolo manuale di bellezza per ragazze e ragazzi di ogni età

2

3 vincenzo del gaudio comincia a sentirti più tua piccolo manuale di bellezza per ragazze e ragazzi di ogni età DEL GAUDIO & PARTNERS CHIRURGIA ESTETICA, PLASTICA E RICOSTRUTTIVA viale gramsci 56 - firenze - tel

4

5 A chi legge Questo libro non sarebbe stato possibile senza le mie pazienti e i miei pazienti. Devo a loro un grazie per molte delle cose che spero leggerete con curiosità e piacere. Il loro desiderio di bellezza continua ad essere il motore della mia professionalità, che come ogni professionalità che si rispetti è composta da due parti entrambe fondamentali: scienza e umanità. Padroneggiando solo la scienza e la tecnica la nostra sarebbe una professione quasi inutile. Non è indispensabile a salvare la vita (anche se può migliorarla di parecchio) né a guarire dalle malattie. Si rivolge nella maggior parte dei casi a persone sane che decidono a un certo punto della loro vita di prendere in mano le redini della propria esistenza 5

6 6 anche attraverso trattamenti estetici e di chirurgia plastica. Decidono cioè di cambiare quello che di sé non piace e che ostacola la loro serenità e felicità, e per farlo si affidano al chirurgo professionista. E questa fiducia a stimolare e gratificare continuamente la nostra missione scientifica. Il rapporto umano che si crea, il feeling che si stabilisce prima e dopo l intervento o il trattamento, la soddisfazione e il successo che seguono, sono uno stimolo continuo a far meglio, all aggiornarsi continuamente sulle tecniche meno invasive e più innovative che nascono quasi ogni giorno, a ricercare soluzioni sempre più calibrate e personalizzate per ognuno. Perché ogni persona è diversa. Ognuna ha la sua personale ricetta di bellezza. E quel che è certo è che la bellezza sognata, idealizzata e realizzata è un po come la serenità. Ama essere ricercata e conquistata, spesso con fatica o qualche sacrificio, ma non si nega a nessuno. Anzi, per quanto ho scoperto in tanti anni di professione, spesso sono le persone stesse che se la negano credendo, erroneamente, nel migliore dei casi di non averne bisogno e nel peggiore addirittura di non meritarlo. I capitoli che seguono non sono un saggio sullo stato dell arte della professione di chirurgo, così come non sono il manuale che vi spiega una ad una le molteplici attività di intervento di cui possiate aver bisogno. Per quello c è il nostro sito internet e, ancora meglio, un

7 incontro personale in studio. Ho pensato invece che potesse esservi più utile una riflessione su alcuni aspetti di costume che riguardano la ricerca della bellezza, il carattere delle persone e i loro atteggiamenti nei confronti dei loro inestesismi. Una riflessione fatta con onestà e leggerezza, ma anche con determinazione verso quell alone di injelitance (incompetence and jealousy) che nonostante i successi e i progressi dell ultimo secolo ancora circonda la nostra missione medica. Da qui il titolo comincia a sentirti più tua un esortazione apparentemente al femminile solo perché la versione unisex della frase non esiste. Ma è il concetto di persona che conta. Del resto i tempi sono cambiati. L uomo che non deve chiedere mai si è arreso all evidenza dei fatti, e la donna perfetta... be, se esiste siamo qui per parlarne. 7

8

9 Esiste una sola bellezza? Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace. E se non piace? Iniziano i problemi, perché se è vero che la bellezza assoluta non esiste (o è molto rara) tutti sanno anche che la bellezza è uno straordinario lasciapassare. Non fa miracoli ma facilita tutto. La natura ne è molto avara: ognuno ha i suoi difetti. Dunque la bellezza è più un fatto culturale che l impossibile e teorica simmetria perfetta del corpo. Altrimenti non esisterebbero le donne Padaung che per essere belle si allungano progressivamente il collo con degli anelli di metallo, né quelle che a diverse latitudini indossano la propria esagerata obesità con inequivocabile sex appeal. Anche per i nostri canoni di bellezza occidentali c è una profonda discussione e non sono pochi gli 9

10 10 interrogativi sull abuso dell anoressia nel mondo della moda o l esagerato e irresponsabile ricorso alla computer graphic e a photoshop nella pubblicità, che grazie alla potenza e alla ripetitività delle immagini rischiano sempre più di disorientarci su cosa siano veramente salute e bellezza. Dunque il problema vero non è piacere, ma piacersi. Troveremo sempre qualcuno che apprezzerà la nostra bellezza fisica per quello che è, e in materia di seduzione sappiamo bene quanto la necessità aguzzi l ingegno, ma difficilmente troveremo una sola persona che onestamente possa dire di non avere almeno un piccolo difetto fisico che desidererebbe correggere. E le cose peggiorano quando qualcosa nella nostra vita ci pone di fronte a un interrogativo importante, a una svolta improvvisa, o quando i segni dell età fisica corrono troppo rispetto agli anni che sentiamo di avere anche a dispetto del nostro certificato di nascita. Nonostante la sua straordinaria componente sociale, piacersi è soprattutto un fatto intimo. Ci sono difetti di noi stessi addirittura impercettibili agli altri e che vediamo solo noi. Anzi sentiamo solo noi, a prescindere da una vita sociale e di relazione soddisfacente e dall affetto di chi ci sta intorno. Dal sentire la nostra bellezza dipendono le cose più importanti che abbiamo: sicurezza, autostima, pace, forza. Ognuna di queste parole ha un significato che va oltre

11 il vocabolario, perché in positivo o in negativo, entra intimamente a far parte dei nostri comportamenti e influenza la nostra vita di ogni giorno. Il nostro corpo è la più potente e determinante tra le componenti che ne stabiliscono e rinforzano il valore. Per noi stessi, innanzitutto, ma conseguentemente per tutte le persone con cui entriamo in contatto. Il nostro passato, il nostro presente e il nostro futuro si atterrà sempre a questa percezione. E per quanto consapevolmente abbiamo imparato a ragionare con il cervello, è sempre il nostro corpo che l accompagna e lo sostiene nell avventura della vita. 11

12

13 Che cosa ci siamo persi? C è una vecchia leggenda indiana che non smette di affascinarmi. Ripercorre la storia, notissima a tutti, del brutto anatroccolo, ma come usa nella loro raffinata saggezza non ha un lietofine, si limita solo alla realtà che può aprire una riflessione. Un giovane che camminava in un bosco trovò un giorno un uovo d aquila caduto chissà come dal suo nido. Scambiandolo per quello di una gallina selvatica si affrettò a riporlo nella prima covata che incontrò lungo il cammino e non ci pensò più. L uovo si dischiuse tra le galline, e la giovane aquila imparò da loro tutto quello che poteva sapere e immaginare della vita. Finché un bel giorno vide volteggiare nel cielo sopra di lei un aquila bellissima e provò un incredibile invidia. Non riuscirò mai a volare così elegantemente come lei 13

14 14 pensò anzi è risaputo che le galline della mia specie non volano affatto. E così la giovane aquila raggiunse rassegnata il gruppo di galline selvatiche con cui stava razzolando. L immagine della maestosa aquila ben presto sparì dal suo orizzonte e dai suoi desideri come una cosa per lei inopportuna e irraggiungibile, e per tutta la vita si accontentò di beccare tra i cespugli come tutte le altre. Mi chiedo quante persone sono simili a quella giovane aquila. Quante di loro per i vari condizionamenti della vita hanno imparato a rinunciare alla loro reale natura, nel timore di non esserne all altezza. Non si tratta solo di persone insicure o cresciute in ambienti incapaci di esprimere e stimolare altri modelli di vita. Tutt altro. Parliamo di persone del tutto normali, spesso di ottimo livello sociale e di cultura superiore alla media, che tuttavia per una qualche ragione si sono proibite di piacersi per come vorrebbero essere e, accontentandosi di come sono, hanno forgiato la loro personalità inanellando una rinuncia dietro l altra. Magari con delle ottime e inossidabili scuse: la rinuncia responsabile, il lavoro, l amore, la famiglia, i figli. Comunque mai per se stessi. Come la giovane aquila della fiaba col tempo hanno imparato a non pensarci o a dimenticare, ma se ognuno potesse mettere sui due piatti della bilancia quello che ha avuto e quel che si è perso non ci sarebbe una sola

15 bilancia in equilibrio su tutto il pianeta. Vi sembrano sciocchezze? Non lo sono. Potrei raccontarvi di centinaia di casi in cui un naso poco armonioso o due orecchie a sventola sono costate un posto di lavoro molto ambito, seni poco floridi o una cellulite anche leggera la personale rinuncia a un amore importante, addominali troppo morbidi o un seno maschile floscio e poco virile una posizione di comando che sarebbe stata del tutto meritata. Immagino cosa state pensando. Vorreste dimostrarmi che Napoleone è diventato imperatore nonostante la statura e il fisico pingue, che il mito e il genio di Paganini si sono alimentati anche della sua bruttezza, che la sublime pittrice Artemisia Gentileschi non era certo una miss. Davvero? Lasciatevi allora provocare con una domanda: su sei miliardi di persone al mondo, quante Artemisie e quanti Napoleone e Paganini avete conosciuto voi? 15

16

17 Non esistono persone brutte. Esistono persone pigre. La grande Helena Rubinstein mito intramontabile di bellezza ed eleganza lo diceva sempre, e l esperienza professionale mi ha insegnato che è profondamente vero. C è naturalmente una pigrizia positiva, tipica della nostra natura di persone che pensano, ma può esserci un sovrappiù pericoloso. Si raggiunge il livello di guardia quando la pigrizia ci impedisce di esercitare a pieno la nostra principale e unica caratteristica di persone intelligenti: la capacità di fare delle scelte. La libertà e la possibilità di una scelta ragionata è uno degli aspetti più importanti della nostra personalità. Quello che ci rende unici e che ci differenzia da tutti gli altri esseri meno evoluti. 17

18 18 La nostra vita quotidiana è una serie continua di scelte. Piccole o grandi che siano. Scegliamo come vestirci e cosa mangiare, scegliamo i nostri amici, scegliamo le persone speciali della nostra vita, scegliamo il meglio per i nostri cari e i nostri figli. Insomma, scegliamo sempre. Possono naturalmente esserci tanti condizionamenti. La cultura, la religione, la società, la famiglia sono certamente influenti per le nostre decisioni, ma la scelta è sempre nostra e nessuno ci vieterà mai, il giorno che lo vorremo veramente, di scegliere qualcosa soltanto per noi. Possiamo prenderci il diritto alla felicità. Millenni di filosofia ci hanno insegnato in tutte le salse che non solo è giusto, ma è in fin dei conti anche un dovere. Perché dalla nostra felicità dipende anche quella delle persone che ci stanno attorno, a cui vogliamo bene e che ci sono vicine. Detta così sembra facile, vero? E in effetti lo sarebbe se quel sovrappiù di pigrizia non allontanasse e influenzasse le scelte che ci portano alla felicità con il senso di colpa e qualche milione di stratagemmi e inganni del pensiero. Trattandosi di bellezza, poi, le cose diventano ancora più difficili. Mentre non abbiamo problemi nel sostituire un divano logoro oppure semplicemente passato di moda, nel cambiare o rifare il motore a un automobile

19 che ha fatto troppi chilometri, riguardo alla nostra bellezza personale abbiamo qualche remora in più. Pigrizia e in qualche caso anche paura non ci spingono mai verso la soluzione più ovvia o definitiva, ma ci trattengono continuamente. In qualche caso anche in attesa di un miracolo che, sappiamo bene, non potrà mai avvenire. L industria del marketing, che lo sa bene, è particolarmente attiva attorno al concetto di bellezza. Si pensi solo agli enormi fatturati delle diete dimagranti e della cosmetica, per non parlare del fashion. 19

20

21 Il nostro ideale di bellezza è nella nostra mente Quando si pensa alla bellezza classica, la prima immagine a cui pensiamo sono le dive e i divi, certe copertine dei rotocalchi, la vita dell alta società. Criticabili quanto si vuole, questi modelli positivi o negativi che siano sono nella nostra mente e generano una quantità di dubbi. La bellezza di certe modelle o modelli, spesso molto aiutata da photoshop, può generare l ansia dell inaccessibilità. Allo stesso tempo certi esempi di chirurgia plastica, abbastanza frequenti nello star system, fanno venire una paura tremenda. Io non mi concerò mai così! E questa la reazione mentale quando vediamo un volto o un corpo stravolto dall eccesso di chirurgia e da un vera e propria deviazione professionale e psicologica 21

22 22 di chi vi si sottopone. Ma noi non siamo qui a parlare di qualche centinaio di persone che avrebbero fatto meglio a rivolgersi a un costruttore di protesi cinematografiche o a un bravo psicologo invece che a un professionista della chirurgia. Vogliamo occuparci invece dei milioni di persone nel mondo che hanno raggiunto e continuano a raggiungere con successo e piena soddisfazione il loro particolare ideale di bellezza, con l aiuto delle chirurgia e della medicina estetica più avanzata. Quella cioè fatta dai migliori professionisti e non dai tanti ciarlatani, o al massimo inesperti e inesperte di buona volontà e sicura cattiva fede, che promettono miracoli ad ogni angolo e a prezzi di realizzo. Parliamo di persone normali, che capiscono e apprezzano la loro unicità e dunque non vogliono somigliare a nessuno, e che sentono che il loro ideale di bellezza ha solo bisogno di ricercare una semplice armonia delle linee del corpo per adattarsi perfettamente alla loro personalità. Di persone che scelgono di non uniformarsi e omologarsi per somigliare a tutti gli altri, che non vogliono nascondersi (anzi imprigionarsi, è più adatto) dentro abiti che correggano i loro difetti, ma che non vogliono rinunciare a raggiungere l eleganza che sentono dentro sé e che le aiuterà a migliorare la propria autostima, le relazioni con gli altri, a sentirsi sempre a posto correggendo qualche caratteristica

23 fisica o ritardando, fin dove lo rende possibile la scienza, i segni dell età. Con i progressi della medicina e della chirurgia estetica di oggi, nella cultura di oggi, c è ancora chi ha il coraggio di condannare il loro desiderio di cambiamento descrivendolo come una finzione. Ma per favore. Finge di più chi vive una vita di rinunce o chi affronta a viso aperto e con intelligenza il problema? Una delle soddisfazioni più incredibili della mia professione è vedere la gioia e il senso di sollievo delle persone che si sentono finalmente liberate, pronte a ricominciare con più forza la vita di sempre o a viverne una nuova. Quella a cui avevano rinunciato per tanto tempo. 23

24

25 Come si conquista la bellezza? Non lo diremo mai abbastanza. La bellezza è una qualità rara in natura, ma per fortuna conquistarla è sempre più facile. Come per l eleganza, lo stile, il buongusto e la personalità, anche la chirurgia plastica e la medicina estetica si possono conquistare, anche con poco o poco alla volta. L importante è capire (e ormai credo proprio che lo abbiate capito) che correggere un proprio difetto fisico e restituire l armonia del corpo con un intervento o un trattamento estetico non è diverso dall andare dal dentista o tingersi i capelli o sottoporsi a una dieta dimagrante. Anzi, e torneremo su questo tema più avanti, spesso è persino più facile, meno impegnativo e frustrante, e più economico. Il primo passo è riuscire a osservarvi allo specchio con 25

26 26 assoluta onestà. Scoprite in voi il bello, il brutto e anche il peggio. La conquista della bellezza inizia con la sincerità. Quando si ammette la propria imperfezione si è già alla metà dell opera. Spesso sono proprio le imperfezioni a farci distinguere, e se il chirurgo è bravo e cosciente non le cambierà mai fino al punto di non rendervi più riconoscibili o stravolgendo la vostra natura e la personalità che ne deriva. Il secondo passo è fare la vostra lista. Dopo esservi osservate con occhio critico meditate sui punti che più meritano la vostra attenzione: viso, collo, braccia, seni, addome, glutei, fianchi, gambe. Pensate a cosa desiderate davvero e cominciate a immaginarvi il cambiamento. Pensate a come vi sentireste, non solo in rapporto al vostro corpo, ma nella vostra vita in generale. Nel vostro modo di camminare per la strada o di vestire, di entrare in relazione con gli amici vecchi e nuovi e sul lavoro. Pensate a quante astuzie e quanta fatica fate ogni giorno per nascondere questi vostri difetti o semplicemente per continuare a conviverci. Pensate al vostro sogno di vita, ai vostri obiettivi personali e immaginate quanto cambiare quel qualcosa che vi ha sempre frenato li avvicinerà alla vostra portata e alle vostre reali potenzialità. Il terzo punto è provate. Provate a parlarne con il chirurgo di fiducia. E con chi se no? A meno che non siate abituati a far le analisi del sangue dalla

27 parrucchiera o dall estetista e ad acquistare qualcosa per far passare il mal di testa in profumeria, avete bisogno di rivolgervi alla persona più competente in materia. Il vostro problema è talmente piccolo che basta una dieta, un po di palestra o qualche massaggio? Siete comunque andati da un professionista che (per studi ed esperienza scientifica) sa tutto del vostro corpo. Il peggio che può succedervi è che uscirete dall ambulatorio soddisfatti e sollevati per non averne bisogno. 27

28

29 Gli otto elementi chiave più uno della vostra bellezza Quanto ogni persona sia diversa, unica e irripetibile lo abbiamo già detto. Ma quali sono gli elementi del nostro corpo che gli altri guardano di più? E cosa possiamo fare per migliorarli? 29

30

31 Cominciamo dal più uno: la posizione eretta! Quanti anni ci abbiamo messo a conquistarla (secondo l evoluzionismo camminavamo tutti a quattro zampe) nessuno può dirlo con precisione assoluta. Milioni di anni, forse. Eppure gli unici momenti in cui le persone si sforzano davvero di mantenere la posizione eretta è durante lo shopping, nei camerini delle boutique, quando provano qualche bel vestito. L atteggiamento viene naturale, perché riconosciamo istintivamente che è la posizione più elegante che abbiamo. Schiena dritta e mento ben in alto. Una volta alle persone di buona famiglia veniva insegnato. Abbondano i romanzi dell Ottocento e i film che ne ripercorrono gli antichi fasti, dove damigelle e principi venivano obbligati a lunghe passeggiate in salotto 31

32 32 tenendo in equilibrio sulla testa libri o addirittura preziose caraffe d acqua. Negli anni Sessanta e Settanta non c era scuola blasonata per mannequin che non insegnasse, con una maniacalità al limite della tortura, la stessa andatura perfetta. Ma oggi queste eccezionali tradizioni si sono perse. Tanto che è sempre più raro trovare una persona che osservi questo semplicissimo espediente nella vita di tutti i giorni. Semmai è il contrario. Bellissime ragazze e affascinanti signore trovano nello stare curve e scomposte una sorta d immagine (solo mentale) di persone culturalmente impegnate, rilassate e quindi necessariamente un po trasandate. Gli uomini, anche i più attenti allo sport e al fitness, quando non impegnati con pesi e bilancieri, appaiono stanchi anche al mattino presto, appena svegli. Per non parlare di quelle posture rilassate, ormai acquisite per abitudine negli anni per nascondere fin dall adolescenza un seno troppo pronunciato o un carattere non propriamente combattivo e estroverso. Cominciamo da qui, dunque. Dall unico intervento di chirurgia estetica che non ha bisogno di un bravo chirurgo, economicamente ininfluente per le nostre tasche e che si può fare anche in casa, magari nella solitudine noiosa e malinconica di certe giornate autunnali. Impariamo a stare dritti. Questo migliorerà tutto nella percezione che gli altri hanno di noi. Cambierà inoltre il punto di vista, l angolo critico del nostro stesso

33 sguardo quando ci guardiamo allo specchio. Ciò non significa che dobbiamo all improvviso irrigidirci o trasformarci in goffi manichini ambulanti. Cinque minuti al giorno ci insegneranno spontaneamente quella naturalezza propria delle persone che ci pensano e hanno acquisito il giusto grado di confidenza con il proprio corpo, e questo sarà sufficiente. Sarà il primo successo e un utile allenamento mentale facile per iniziare a riconoscere, anche sotto la patina della pigrizia in cui ci siamo giocoforza costretti a guardarci e gli inestesismi dell età che quasi mai sentiamo come si presenta davvero, quello che potenzialmente siamo sempre stati e che possiamo riconquistare. E un atto di volontà non meno importante della decisione di cancellare per sempre un nostro difetto, e capace persino di cambiare i nostri pensieri di sempre e il nostro punto di vista sulle cose della vita. 33

34

35 Giù la maschera! La mitica Anna Magnani è rimasta famosa, oltre che per i suoi intramontabili film, anche per una frase detta una volta al suo truccatore: non togliermi neppure una ruga, le ho pagate tutte care. Su questa frase le opinioni si dividono. Da una parte ci sono quelli che l attribuiscono al vezzo di una star dal carattere impossibile e affezionata ai segni di una vita di conquiste. Dall altra c è chi la ritiene l amara confessione di un attrice ormai al tramonto, che deve la sua fama più al passato che al presente. Come per quasi tutte le dispute intellettuali è probabile che la verità stia nel mezzo. Primo perché le rughe facevano indubbiamente parte del suo personaggio e, non lo dimentichiamo, di una certa cultura di sessant anni 35

36 36 fa. Secondo perché, non ci stancheremo mai di dirlo, rughe e difetti si pagano oggettivamente cari ancora oggi. E non ci dimentichiamo che stiamo parlando di star, di gente che ha avuto le capacità e la fortuna di vivere una vita altra rispetto alla maggior parte delle persone. Lontani dai miti e dai riflettori, sappiamo bene che i prezzi possono essere ancora più alti. Ciò non toglie che la faccia parla del nostro carattere più di qualsiasi altra parte del corpo. Le librerie sono piene di manuali di interpretazione della cosiddetta comunicazione non verbale. L esempio più semplice sono quelle sottili rughe attorno agli occhi e alla bocca che diventano la fotografia della predisposizione all allegria e alla risata di ogni individuo. Espressioni popolari come guardiamoci bene in faccia, a viso aperto o anche faccia di bronzo ci dicono come questa nostra caratteristica sia ancora essenziale nell intraprendere positivi rapporti umani, nel farci decodificare dagli altri, nel gestire le simpatie improvvise e istintive tra sconosciuti. Non a caso la stragrande maggioranza dei prodotti cosmetici, anche di quelli a bassissimo prezzo che riempiono i supermercati, è dedicata a lei. Non a caso, poi, tante paure istintive o indotte dalla sottile e invidiosa arte del pettegolezzo verso la chirurgia plastica ed estetica, sono riconducibili a cambiamenti così radicali del viso e dell espressione da non

37 riconoscersi più. Sono naturalmente paure infondate che dimostrano solo quanto l argomento sia delicato e sensibile per ognuno. C è un altra cosa della frase di Anna Magnani che però non ho mai sentito prendere in considerazione. Un azione troppo decisa o grossolana del truccatore avrebbe mascherato in qualche modo il valore della sua identità. E infatti questo il concetto chiave. Ed è su questo concetto che la chirurgia più moderna convince ogni giorno centinaia di persone. Un intervento ben fatto per correggere un problema, così come un trattamento non chirurgico per rinvigorire e rinnovare la pelle, è diametralmente opposto al nascondere il proprio difetto con una maschera. E anzi un modo, per chi sente di aver pagato care le rughe e di dover anche sopportare il sovrapprezzo in termini di socialità ed equilibrio interiore, di sentirsi e continuare ad essere davvero se stessi. 37

38

39 Obtorto collo Il detto latino che significa l essere costretti a fare le cose per forza, senza alternativa, è l indicazione più antica che abbiamo sull importanza di questa parte del corpo. Ma anche in tempi moderni è memorabile e già entrata nell olimpo della storia, la celebre frase del film il mio grosso grasso matrimonio greco che recita: l uomo è il capo, ma la donna è il collo! C è poi un altra citazione cinematografica che lo arricchisce di poesia e mistero. E la frase di Al Pacino che impersona il demone in l avvocato del diavolo e che dice: il collo ha tutto il mistero di una città di confine, di una terra di nessuno, è il conflitto tra la mente e il corpo. Non stiamo quindi solo parlando, come direbbe 39

40 40 qualcuno appena uscito da un corso serale di marketing e comunicazione, di una zona da valorizzare. Per quello potrebbero bastare una bella collana, oro e pietre preziose o bigiotteria che siano, così come un elegante maglioncino dolcevita e tutto si risolverebbe come per magia in un istante. Diciamolo invece brutalmente, il collo ha evidentemente a che vedere con la nostra personalità e con la nostra volontà. Decisamente di più delle sole proporzioni estetiche, degli omaggi che gli sono stati fatti nella straordinaria storia della pittura basti solo pensare alla Madonna dal collo lungo del Parmigianino o alle Mademoiselles di Modigliani di quel suo venire dopo il viso non perché vi sta sotto, ma per importanza. Il collo è la nostra parte difficile. Prima di tutto perché non può mentire. Non è nemmeno capace di dissimulare. La sua particolare conformazione e la delicatezza dei tessuti non accettano maschere. Forse proprio per questo è un elemento essenziale della seduzione femminile, così come della virilità maschile. Là ci si mostra ancor prima di spogliarsi: è il territorio di confine con la nostra nudità. Non c è inoltre cosmesi o ginnastiche che tengano. Il collo tende a invecchiare prima di tutto il resto. La pelle si disidrata più in fretta. I tessuti tendono a rilassarsi anche prima dei fatidici Quaranta. Macchie e inestetismi appaiono dalla sera alla mattina e tendono

41 a rimanere permanenti. A differenza del viso non si tratta di semplici rughe, ma di vere e proprie pieghe che tendono a presentarsi circolarmente e che, per essere gentili, in medicina estetica sono stati chiamati anelli di venere. Per risolvere, la chirurgia estetica è una strada senza alternative. Questo anche grazie ai notevoli progressi e alla varietà di tecniche sempre meno invasive e più naturali oggi alla portata di qualsiasi persona, tanto che statisticamente più di un quarto degli interventi effettuati ogni giorno in tutto il mondo interessa il decolté. 41

42

43 Abbracciamoci forte Non tutto quello che riguarda la sfera della bellezza è attribuibile a quelle funzioni primitive, praticamente quasi del tutto riproduttive, della specie umana. E per quanto non siano da trascurare per altre zone del corpo dove il richiamo sessuale è alla base della nostra stessa conformazione, si sta facendo strada una nuova sensibilità. E quasi una rivoluzione, uno scalino in più verso l alto percorso dalla nostra scala evolutiva. Gli studi più moderni cominciano ad evidenziarlo. Secondo un università di Sidney che ha studiato per anni il comportamento istintivo rispetto alla bellezza, braccia lunghe e ben affusolate si equivalgono nel desiderio di contatto con l altra persona a un seno florido e ben proporzionato, 43

44 44 a fianchi sensuali, a minigonne vertiginose e tacchi dodici. Con le dovute proporzioni la stessa cosa riguarda anche le braccia maschili. Viene da pensare allora che il mondo, soprattutto alle nostre latitudini così complesse per cultura e solitudine indotta da modelli di vita sempre più performanti, abbia semplicemente bisogno di abbracci. Un abbraccio in effetti può riconciliarci col mondo e con la vita, può spalancare le porte della confidenza, accresce la nostra autostima, ci fa sentire protetti, amati e coccolati. Le braccia diventano così il centro di una nuova percezione, elemento di nuova seduzione, tra noi e gli altri. Fortuna vuole che per mantenerle in forma è praticamente sufficiente usarle. Un po di palestra all età giusta o più semplicemente i lavori di casa effettuati con un certo vigore sportivo possono fare quasi tutto. Il problema si pone quando avremmo dovuto pensarci prima. Prima di prendere peso con leggerezza e perderlo altrettanto velocemente, prima che il normale rilassamento di muscoli e tessuti abbia avuto il tempo di mettere radici difficili da estirpare con solo un po di ginnastica. In quel momento le braccia, che per la loro funzione parlano di noi con quel linguaggio ancora tutto da codificare del non detto e del non parlato, hanno bisogno di un aiuto concreto che solo la medicina estetica o le tecniche chirurgiche più evolute possono

45 dare. Grazie al cielo non ci sono limiti. Dal naturale snellimento al rimodellamento più personalizzato possibile, in ambulatorio le risposte sono semplici e molteplici. Si tratti del desiderio di indossare senza imbarazzi un impegnativo vestito da sera o della necessità di metterle in sintonia con se stessi prima che con le persone che ci stanno a cuore. Si tratti persino della loro derivazione più importante: le mani. Argomento sul quale i chirurghi non hanno mai smesso di trovare soluzioni estetiche di eccezionale efficacia. Forse perché proprio noi chirurghi abbiamo intuito per primi che un abbraccio è sicuramente importante, ma mettersi in buone mani è addirittura fondamentale. 45

46

47 Tra mille traguardi non c è la coppa H Quanto è difficile e delicato parlare di seni. Specialmente dopo le tristemente famose protesi Pip, che hanno obbligato nessun chirurgo escluso a ripetere interventi ottimamente riusciti, a rinfrancare le clienti in lista d attesa colpite da improvvise paure, a vedere definitivamente azzerati gli interventi già programmati. Una ferita ancora fresca nella reputazione di ottimi chirurghi che non c entravano nulla e che di colpo si son trovati ad affrontare non una critica seria e fondata, ma quell insieme di scandalismo, invidia e ignoranza che da sempre riempiono il vuoto della mancanza di argomenti. Meno male che nella prospettiva storica tutto sarà ricordato come un momento, certamente necessario, 47

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli