Dipartimento di Chirurgia Specialistica/Ortopedia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Chirurgia Specialistica/Ortopedia"

Transcript

1 Dipartimento di Chirurgia Specialistica/Ortopedia

2 Dipartimento di Chirurgia Specialistica/Ortopedia Direttore dr. Carlo Fioruzzi P. O. PIACENZA Direttore: dr. C. Fioruzzi Equipe medica dr. R. Alessandrini dr. M. Delfanti dr. G. Ghidoni dr. S. Giordani Equipe di fisioterapia M. Ghinelli S. Visconti Capo sala U.O. e Day Hospital G. Balogh Segreteria P. Chiappa L. Gazzola P. O. FIORENZUOLA D ARDA Direttore: dr. C. Fioruzzi Equipe medica dr. S. Cervi dr. P. Isola dr.r.bisaschi dr. S.Ruggeri Equipe di fisioterapia C. Bianchini N. Cremona F. Crevani M. Garatti G. Rebecchi Capo sala U.O. e Day Hospital P. Castellana P. O. CASTEL S. GIOVANNI Direttore: dr. G. Leddi Equipe medica dr. G.Barnabei dr. C.Gheduzzi dr.ssa S. Grecchi Capo sala U.O. Francesca Rocca

3 Il mio nuovo ginocchio Il mio nuovo ginocchio vi accompagnerà passo dopo passo fino all intervento di protesizzazione del ginocchio ed al vostro ritorno a casa. Le informazioni che ricevete vogliono essere un aiuto per aumentare la conoscenza sulla autonomia del ginocchio, apprendere le patologie che possono colpirlo e sapere cosa comporta un intervento di questo tipo. Vi saranno dati suggerimenti su come predisporvi all intervento, come organizzare al meglio la degenza ed il successivo rientro a casa; vi saranno chiarite le possibili complicanze legate all operazione; vi verranno dati consigli sui movimenti corretti che si possono eseguire una volta protesizzati tenendo però presente che le indicazioni del medico hanno sempre la precedenza e sono riferite al vostro caso specifico. Una maggiore consapevolezza sul vostro intervento contribuirà al buon esito dell operazione chirurgica.

4 L articolazione del ginocchio L anatomia del ginocchio sano Il ginocchio malato. La sostituzione del Ginocchio Il tuo ginocchio e da sostituire? Cos e una protesi I materiali delle protesi La nuova articolazione I rischi e le complicazioni Cosa da fare prima dell intervento Preparate la casa per il rientro. Preparate voi stessi Preparate la vostra degenza L intervento Preparazione all intervento La procedura chirurgica Dopo l intervento La degenza La convalescenza: alzarsi e muoversi Il ritorno a casa Riprende le attività quotidiane

5 Il ginocchio sano Per comprendere qual e il motivo per cui sentire dolore al ginocchio è utile familiarizzare con la sua anatomia. Un articolazione è il punto dove si uniscono due o più ossa. 1. Il femore: l osso lungo che si trova nella coscia 2. La tibia: il robusto osso che collega il ginocchio alla caviglia; 3. La rotula o patella: un osso piatto relativamente piccolo che si trova nella parte frontale del ginocchio. però, un ginocchio sano consente anche alla tibia di ruotare intorno al proprio asse di rispetto al femore (rotazione interna ed esterna) e di piegarsi, soprattutto a ginocchio esteso, in dentro od in fuori (movimenti di varo e valgo). Il ginocchio è quindi un articolazione che deve sopportare l intero peso del 4 L articolazione del ginocchio Rotula Menisco Tibia Femore I condili femorali ed il piatto tibiale sono ricoperte dalla cartilagine Condilo femorale Piatto tibiale Il femore si appoggia sulla tibia attraverso due strutture rotondeggianti, parallele una all altra, dette condilli. Sono entrambi rivestiti di cartilagine, e si appoggiano sullo stesso materiale che riveste la parte più alta (prossimale) della tibia, avente forma a capitello e chiamato patto tibiale. Le ginocchia consentono alle vostre gambe (sarebbe più corretto dire arti inferiori ) di piegarsi a metà in modo da rendere possibile camminare ma anche di sedersi e, in generale, muoversi con agilità Il movimento principale e consentito dall articolazione del ginocchio è la flessione, la cui escursione è molto grande. In realtà

6 del corpo e tutte le fatiche della vita quotidiana, e deve riuscire a farlo consentendo, come abbiamo visto,molti movimenti diversi, di cui uno, la flessione, in misura estremamente significativa. Inoltre, a differenza dell anca, il ginocchio è un articolazione molto aperta, proprio per consentire questa gran varietà di movimenti: le due ossa principali che vi fanno capo, la tibia ed il femore, sarebbero completamente libere tra loro se non fosse per la presenza di ben 4 legamenti, che sono tessuti flessibili ma molto robusti e che agiscono come delle corde per tenere insieme i capi articolati. Spesso, purtroppo, i legamenti sono rotti gravemente danneggiati, e quindi la loro funzione deve essere svolta da protesi speciali. Inoltre un ginocchio compie una grandissima quantità di cicli: ogni anno, in media, un ginocchio compie circa un milione e mezzo di passi, oltre a numerosi altri movimenti con un carico minore. Come è possibile quindi che un ginocchio duri così tanti anni nelle persone sane? Il segreto sta nelle proprietà della cartilagine articolare, che ha l effetto di un cuscinetto lubrificato. La cartilagine, imbevuta da un liquido vischioso che si chiama liquido sinoviale, tiene separate le due ossa dell articolazione, consentendo un movimento fluido, scorrevole e privo di usura. Il ginocchio malato Il ginocchio può essere interessato da diverse malattie che rendono il movimento del femore sulla tibia doloroso e limitato, soprattutto quando l articolazione sta portando il peso del corpo. La malattia più comune è l artrosi del ginocchio o gonartrosi, la cui causa non è stata ancora identificata (idopatica).la cartilagine si usura od in certi punti scompare, così le ossa strisciano direttamente una sull altra senza essere lubrificate, arrivando ben presto a consumarsi e Ginocchio artrosico

7 deformasi. Questo provoca dolore e limitazione del movimento, sintomi che possono togliere alla persona il piacere nello svolgere le normali attività quotidiane. La gonartrosi può interessare uno od entrambi i comparti del ginocchio, cioè la parte esterna (laterale) o quella interna (mediale). E una malattia irreversibile ed i vari trattamenti non chirurgici possono solo ritardare lo sviluppo, ma non riescono ad arrestarla né a far guarire le parti già colpite. Esistono poi diversi tipi di deformità congenite, che possono portare ad un precoce deterioramento delle superfici articolari. Le più comuni sono il ginocchio varo (gambe ad O ) ed il ginocchio valgo (gambe ad x), od i vizi di torsione per qui la tibia ha una rotazione rispetto al femore (piedi che guardano in dentro o guardano in fuori ). Spesso, poi, il ginocchio risente dei difetti dell anca, che costringono a lavorare male con conseguenza precoce deterioramento. Tra le degenerazioni che intervengono durante la vita del paziente è importante ricordare l artrite reumatoide, una malattia autoimmune tipicamente femminile che colpisce tutte le articolazioni. Ginocchio Valgo Ginocchio Varo

8 La sostituzione del ginocchio Il tuo ginocchio è da sostituire? Quando vi presenterete al chirurgo per risolvere i disagi ed alleviare il dolore che ha colpito il vostro ginocchio egli esaminerà e valuterà l articolazione: misurerà la forza e l ampiezza del movimento articolare, vi osserverà camminare, vi domande per sapere dove sentite male e quali movimenti peggiorano la sensazione dolorosa, vi chiederà quali problemi o danni ha avuto in passato la vostra articolazione. In un primo tempo, per sollevarsi dalla sofferenza, il medico vi suggerirà tutti i metodi di trattamento non invasivo possibili: fisioterapia, impacchi, infiltrazioni, farmaci analgesici ed antinfiammatori; potrà anche consigliarvi l uso di mezzi ausiliari come il bastone e le stampelle che vi aiuteranno a camminare. Quando il dolore limiterà a tal punto lo svolgimento delle normali attività quotidiane da non avere più alcun sollievo nemmeno quando riposate, ed i movimenti della vostra articolazione saranno fortemente ridotti, l impatto di un articolazione artificiale sarà per voi l unica soluzione possibile per ritornare ad nuova vita. L intervento chirurgico può offrire la migliore risposta al vostro problema, in basa all età ed all entità del danno subito del ginocchio. Componente femorale Inserto Piatto tibiale Componente tibiale Cos è una protesi Una protesi è un dispositivo artificiale che svolge le funzioni di una o più parti anatomiche. Nel vostro caso, la protesi di ginocchio dovrà sostituire quelle parti dell articolazione danneggiate della malattia: i condili femorali ed il piatto tibiale, descritti in precedenza. La protesi di ginocchio è, concettualmente, una protesi di rivestimento, cioè va a

9 rivestire le superfici danneggiate, che vengono precedentemente preparate per dare loro la forma che la protesi ha il suo interno, in modo da ottenere una fissazione stabile. La protesi è quindi composta almeno da due elementi principali :la componente femorale e la componente tibiale. Entrambi questi pezzi artificiali hanno una forma molto simile a quella delle estremità ossee che vanno a sostituire. Tuttavia la loro forma e la meccanica della protesi varia sensibilmente a seconda della possibilità di conservare i legamenti crociati: il legamento crociato anteriore viene generalmente rimosso, salvo casi molto particolari, mentre il crociato posteriore, se in buono stato, può essere conservato. A volte, anche i legamenti collaterali sono danneggiati, ed in questo caso è necessario utilizzare protesi più complesse e che offrono una minore articolarità, le cosiddette protesi a cerniera o vincolate. In molti casi,poi, la rotula viene conservata, e fatta quindi strisciare sullo scudo anteriore della protesi femorale. Sono però disponibili anche protesi di rotula: in questo caso, la protesi viene fissata alla rotula del paziente a cui è stata tagliata la fetta. Le protesi di ginocchio sono nate dopo quelle di anca, essenzialmente per due ragioni: la prima è che si tratta di un articolazione dal movimento più complesso e che si affida significativamente alla funzione dei legamenti residui; la seconda è che con il ginocchio bloccato in posizione estesa (artrodesi) si può condurre una vita dalla qualità perlomeno tollerabile, cosa invece impossibile in caso di artrodesi diventate dell anca, per questa ragione, le protesi di ginocchio sono diventate ragionevolmente popolari solo negli anni 70, diffondendosi poi rapidamente fino a raggiungere, in alcuni paesi, numeri addirittura più elevati di quelle di anca.

10 Oggi le protesi di ginocchio, in presenza di legamenti efficienti,consentono una qualità di vita di ottimo livello e promettono durate davvero significative, vicine a quelle delle protesi d anca. Nessuno è in grado di affermare con certezza quale può essere la durata di una protesi di ginocchio attuale. Le complicanze possono sempre verificarsi, soprattutto perché l organismo ospite è vivo e quindi mutevole, possono insorgere malattie comunicanti dall effetto negativo e le continue evoluzioni del corpo e delle ossa possono essere sfavorevoli (pensate per esempio all eventuale insorgere di malattie osteoporotiche, alla menopausa, a sollecitazioni e traumi di ogni genere). Certo che, con la continua evoluzione dei materiali, delle conoscenze biomeccaniche e delle tecniche chirurgiche, oggi a parità di condizioni del paziente da trattare, le protesi offrono prestazioni fino a pochi decenni or sono inimmaginabili. Se appena 20 anni or sono alla protesi di ginocchio si chiedeva di consentire al massimo la ripresa delle deambulazioni, oggi i protesizzati vogliono tornare ad una vita pienamente attiva, cosa resa possibile dalle protesi più moderne se la patologia è ancora ad uno stadio iniziale, se non vi sono deformità significative e se le strutture comunicanti sono efficienti. I materiali delle protesi Anche se può apparire incredibile, fino a non molti anni fa la frattura di una protesi per un carico eccessivo non era fatto eccezionale. Sembra davvero strano che si possono costituire ponti, dighe, razzi apparentemente indistruttibili e non si riesca a fare un pezzo di metallo che deve sopportare di una persona! Le difficoltà che si incontrano sono di due tipi: le dimensioni, che non possono superare quelle dell osso a cui la protesi Lega Co-Cr Acciaio Polietilene

11 dovrà fissarsi, ed i materiali, che devono essere compatibili con il corpo umano. Il materiale deve essere molto robusto e capace di sopportare i carichi, ma anche facilmente lavorabile. I materiali metallici offrono la migliore risposta a queste esigenze. In particolare, si utilizzano tre famiglie di metalli: 1. Gli acciai inossidabili, adatti per costruire protesi che vengono fissate all osso con una speciale resina acrilica, comunemente chiamata cemento osseo 2. Le leghe di cobalto cromo, usate soprattutto per le parti che strisciano, come la componente femorale. 3. Il titanio e le sue leghe, che sono capaci di legarsi all osso senza bisogno del cemento e hanno ottime doti di resistenza,ma non sono adatti a costruire superfici di scorrimento. Un altro materiale fondamentale nella fabbricazione di una protesi è il polietilene. Si utilizzano nelle protesi di ginocchio per rivestire il patto tibiale metallico e la rotula protesica nelle parti che sono destinate a strisciare nella componente femorale, che è sempre metallica, per lo più in lega cobaltocromo, in alcuni casi, il patto tibiale e la rotula possono anche essere interamente realizzati in polietilene, che viene allora cemento all osso. La nuova articolazione Protesi non cementata o biologica Un chirurgo che si appresta a sostituire l articolazione del ginocchio di un suo paziente con una protesi deve essere prima eseguire un vero e proprio piano. Il mercato offre numerosi modelli di protesi, ciascuna disponibile in varie taglie e particolarmente indicata per una certa patologia ed un certo livello funzionale:un paziente molto giovane e Protesi cementata sportivo, per esempio vorrà avere una

12 protesi che gli consenta grande libertà di movimento e carichi elevati per lunghissimo tempo, anche se questo dovesse significare una rieducazione più lunga e pesante. Il chirurgo dovrà quindi scegliere una protesi adatta alla patologia, alle condizioni generali e all età del paziente; verificare che sia disponibile una taglia che si adatti alla sua anatomia, cercare dei punti di riferimento per far si che l arto protesizzato abbia la giusta torsione(per esempio non aver il piede che guarda fuori o dentro), garantire il corretto allineamento tra la parte femorale e la parte tibiale, cosa estremamente importante per la sopravvivenza della protesi a lungo termine. Per realizzare tutto questo il chirurgo ha disposizione alcun i pezzi modulari con cui realizzare un montaggio appropriato, vari strumenti chirurgici e di misurazione e soprattutto le sue mani e la sua arte. Come abbiamo visto, realizzare un impianto di protesi di ginocchio ottimale richiede un grande lavoro di preparazione; ma perché l operazione abbia veramente successo,non basta che sia eseguita in modo impeccabile con i migliori materiali disponibili: occorre che duri nel tempo. Il primo aspetto da curare perché ciò avvenga è un corretto ancoraggio all osso ospite. Oggi sono sostanzialmente disponibili due tipi di protesi: quelle che richiedono l utilizzo di una speciale resina acrilica (polimetilmetacrilato, PMMA, comunemente noto come cemento osseo ) e quelle che si affidano alla crescita diretta dell osso sull impianto protesico, fino ad inglobarlo e reggerlo saldamente (osteointegrazione, protesi non cementate). La corretta valutazione del tipo di fissazione ottimale per il singolo paziente è, naturalmente, compito del chirurgo operatore.

13 I rischi e le complicanze Anche se vengono prese tutte le precauzioni del caso, negli interventi chirurgici si può incorrere in alcuni rischi e complicanze di cui dovete essere ben consapevoli. Siete invitati a parlarne con il vostro medico curante. Eccome alcuni tra i più comuni: 1. Anestesia: il medico anestesista vi spiegherà quali sono i rischi associati all anestesia e le precauzioni che vengono prese; 2. Infezioni (superficiali o profonde): l infezione e un rischio associato alla procedura chirurgica. Lo staff infermieristico vi terrà sotto stretto controllo e vi somministrerà un adeguata profilassi antibiotica. Dovrete interpellare il chirurgo immediatamente qualora vi fosse l insorgenza di febbre una volta dimessi dall ospedale. 3. Emboli: vi è il rischio di emboli durante o appena dopo l intervento. Comunque, possono essere gestiti con anticoagulanti-medicinali per fluidificare il sangue. Se dovesse insorgere un dolore al polpaccio o del gonfiore, mettervi immediatamente in contatto con il chirurgo. 4. Ematomi: per ridurne il rischio vengono generalmente posizionati dei drenaggi in profondità che vengono rimossi dopo 48 ore. 5. Lussazione delle componenti proteiche: movimenti errati dell arto od insufficienti resistenza capsulo-articolare possono portare la lussazione, che nella maggior parte dei casi può essere trattata in modo incruento,ovvero con la manipolazione dall esterno del corpo. 6. Ossificazioni.

14 Cosa fare prima dell intervento Preparate la casa per il rientro Preparate la casa per rendere la vostra vita più facile durante la convalescenza. Questi piccolo ma importanti suggerimenti potranno tornarvi molto utili: 1. Fate la scorta di cibo congelato ed in scatola e/o preparate cibo in anticipo da conversare in piccoli contenitori e da riscaldare successivamente; 2. Sistemare tutto ciò che usate più frequentemente ad un altezza compresa tra il livello della cintola e della spalle.nelle prime settimane non sarà infatti possibile chinarsi. 3. Per non scivolare, eliminate o fissate al pavimento qualsiasi tappeto; 4. Se dormite al piano superiore, preparate una stanza a piano terra; 5. Se l altezza del vostro letto non è all incirca di 65/70cm potrebbe essere necessario aggiungere un piccolo materasso. Attrezzature per rendere la vostra convalescenza più sicura. 1. Sedile rialzato per il water per limitare la flessione del ginocchio. 2. Tappeto antiscivolo per la doccia. 3. Corrimano in bagno per aiutarvi ad essere più sicuri quando entrate ed uscite dalla vasca o dalla doccia. 4. Pinze con lunghi manici per raccogliere oggetti dal pavimento e per calzare calze Sedile rialzato e scarpe. Preparate voi stessi Prelievo di sangue Per evitare di utilizzare il sangue di un donatore vi potrebbero essere proposto di prelevare in anticipo il vostro sangue

15 Esercizi (sotto consiglio del medico) E importante essere nelle migliori condizioni fisiche per favorire una migliore riuscita dell intervento: aumentare la forza della parte superiore del corpo vi aiuterà dopo l intervento ad usare con meno fatica le stampelle od il deambulare. Aumentare la forza della gamba può essere utile per ridurre il tempo di recupero. Check- up medico Dovreste fare un check-up dal medico di famiglia per valutare lo stato di salute ed identificare tutto quello che potrebbe nuocere all intervento od al processo di guarigione. Esame dentistico. Anche se le infezioni dopo una sostituzione dell articolazione sono rare, possono verificarsi se i batteri penetrano nel sangue. Per questo motivo, le cure dentistiche dovrebbero essere terminate prima dell intervento. Sospendere eventuali medicinali Il chirurgo ortopedico potrà indicare quali medicinali, anche prescritti non dovranno più essere assunti prima dell intervento chirurgico. Smettere di fumare Un eccellente idea sempre, ma in particolar modo prima dell intervento chirurgico, per evitare qualsiasi problema polmonare post-operatorio e favorire la guarigione. Perdere peso Per i pazienti obesi, una perdita di peso aiuterà a ridurre lo stress sulla nuova articolazione. Visita pre-operatoria Se possibile, sarebbe utile incontrare lo staff dell ospedale in cui si effettuerà l intervento per discutere con loro il piano della degenza, ivi compresi l anestesia, la

16 prevenzione di eventuali complicazioni, la gestione del dolore e la dieta. Esami di routine Esami del sangue, dell urina, un elettrocardiogramma una radiografia al torace potranno essere prescritti per confermare l idoneità necessaria all operazione. Allergie Eventuali allergie di qualunque genere (medicinali, materiali metallici, ecc) devono essere comunicate al chirurgo ortopedico il quale potrà optare per un approfondimento degli esami pre operatori e conseguentemente un diverso trattamento farmacologico nonché un differente tipo di protesi. Preparate la vostra degenza La degenza ospedaliera è consigliabile portare quanto segue: 1. Calzature antiscivolo chiuse, senza lacci; 2. Indumenti confortevoli e comodi; 3. Tutti i medicinali che prendete regolarmente; 4. Lastre (se disponibili); 5. Carta d identità, tessera sanitaria; 6. Questa brochure; 7. Libri da leggere; 8. Non portate oggetti di valore, ma solo una piccola quantità di soldi; 9. E consigliabile portare gli ausigli usati in precedenza per la deambulazione (questi attrezzi serviranno durante la fisioterapia).

17 L intervento Preparazione all intervento Il vostro medico vi darà indicazioni specifiche sul digiuno prima dell intervento. Generalmente i pazienti non devono assumere cibo o bere dopo la mezzanotte del giorno precedente l intervento. Se seguite delle cure medicinali, dovreste aver ricevuto le istruzioni su quali medicine potete assumere durante la mattina del giorno dell operazione. Qualsiasi informazione al riguardo potrà essere chiesta all infermiera od al vostro medico. Vi verrà controllata la temperatura, la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e la respirazione. Potrebbero inserirvi una flebo endovenosa per introdurre fluidi e farmaci. La procedure chirurgica Raggiungete la sala operatoria e verrete preparati con abiti adatti, poi sottoposti ad anestesia. A volte le protesi di ginocchio sono impiantate in anestesia totale, quindi sarete completamente addormentati e non vi renderete conto del tempo che passa e di quel che succede. Più spesso si opera in anestesia spinale, ovvero sarete svegli ma non sentirete alcun dolore sotto il livello del bacino. Potrete ascoltare i rumori, capire cosa dicono le persone, guardarvi intorno; non vedrete la sede dell operazione perché dei teli operatori che delimitano il campo impediranno la visuale. La vostra posizione sul letto operatorio sarà supina (sdraiati sulla schiena). Quando l operazione vera e propria avrà inizio, il primo passo che il chirurgo compirà sarà l incisione, un taglio eseguito col bisturi sulla cute, nella parte frontale del vostro ginocchio. La lunghezza dell incisione sarà molto variabile a seconda di numerosi fattori: dipendente dalla patologia che si sta trattando, dalle dimensione del paziente, dalle dimensioni dell impianto che si è scelto di utilizzare e così via. Per esempio un paziente grasso necessiterà in generale di un incisione più

18 lunga di un paziente magro, ma se ci si trova in presenza di una deformità importante anche in un paziente magrissimo sarà necessario avere un accesso ampio che consenta la massima visibilità e facilità di manovra. In generale, è bene fidarsi del proprio Incisione chirurgo e non giudicarlo mai in base alla lunghezza dell incisione. L unico reale beneficio di un taglio corto è di tipo estetico. Quello che realmente conta è scegliere gli impianti più adatti per il caso specifico, posizionarli correttamente, danneggiare il meno possibile i tessuti circostanti, cercando di preservare la muscolatura per consentire una rapida ripresa postoperatoria, allineare correttamente le componenti e soprattutto dare ai legamenti residui la giusta tensione, sia in flessione che in estensione. Una volta eseguita l incisione, si arriverà all articolazione, dopo avere spostato la rotula. Il ginocchio è poi contenuto in una specie di borsa fibrosa, molto robusta chiamata capsula articolare. Il chirurgo la inciderà ed arriverà all osso. A questo punto l articolazione è aperta e completamente visibile. Se il legamento crociato anteriore è ancora presente, può venire resecato in questa fase. Si procede quindi al primo taglio: alcune protesi prevedono l esecuzione dei tagli tibiali prima di quelli femorali, altre il contrario. E importante, in questa fase, valutare la tensione dei legamenti collaterali, sia a ginocchio esteso che flesso. Generalmente, il patto tibiale è dotato di uno stelo centrale la cui sede deve essere preparata nel canale tibiale. Fatto questo, un piatto di prova verrà

19 inserito nella tibia e su di esso si monterà un inserto di plastica di prova, così da avere un impianto finto in sede. La stessa operazione viene effettuata sul femore, dove si mette solo un impianto di prova metallico. Ora è necessario valutare assicuratamene la tensione dei legamenti collaterali, sia a ginocchio esteso che flesso. Il chirurgo può ritenere opportuno rilasciare leggermente uno od entrambi i legamenti per dare all articolazione la giusta tensione ed ottenere una buona stabilità senza sacrificarne la capacità di muoversi. Quando le componenti di prova sono correttamente allineate ed i legamenti ben bilanciati, si può procedere all impianto delle protesi definitive. Quando si ricorre all uso del cemento acrilico per fissare gli impianti all osso lo strumentista inizierà l operazione di miscelazione del cemento e si potrà avvertire un pungente odore di resina. 2. Fissazione componente femorale 1. Taglio femorale 3. Taglio tibiale Altrimenti, le protesi sono semplicemente impattate con forza nell osso ospite, e ci si affida alla ricrescita dello stesso per vincolarle saldamente. Se si e deciso di protesizzare anche la rotula, si esegue questa operazione dopo l impianto delle altre componenti. La componente rotulea viene generalmente cementata alla patella fisiologica, dopo che quest ultima è stata opportunamente tagliata e preparata. A questo punto il nuovo ginocchio sarà pronto: si provano vari movimenti per verificare la sua stabilità e la capacità di articolazione.

20 Inizierà quindi l opera di sutura, procedendo in ordine inverso rispetto all accesso, fino a quando anche la ferita sulla pelle verrà chiusa e si potrà lasciare la sala operatoria. 4. Fissazione componente tibiale ed accoppiamento dell inserto 5. Il nuovo ginocchio è pronto Radiografia pre-operatoria Radiografia post-operatoria

21 Dopo l intervento La degenza Se siete stati operati in anestesia totale verrete portati nella sala risveglio subito dopo l intervento. Probabilmente vi verrà posta una maschera ad ossigeno per aiutarvi a respirare. La permanenza nella sala di risveglio va da 60 a 90 minuti, a seconda del tempo di cui avrete bisogno per svegliarvi dall anestesia. Una volta che la pressione sanguigna, il polso, la respirazione e la temperatura saranno rientrati nella norma vorrete trasferiti nel reparto di ortopedia dove il personale infermieristico si prenderà cura di voi. Una volta in camera verrete controllati spesso. Vi aiuteranno a trovare la posizione più confortevole ed in caso di necessità, potrete chiamare l assistenza per mezzo di un pulsante posto vicino a voi. Antidolorifici Dopo l intervento è molto probabile che sentiate dei dolori. Il vostro medico vi farà assumere degli antidolorifici che vi permettono di riposare bene e vi aiuteranno a riprendervi fisicamente con maggior efficacia. Flebo Avrete una flebo inserita nel braccio attraverso la quale potranno essere somministrati liquidi, antibiotici ed altri medicinali. Cura della ferita Al risveglio dall anestesia avrete una fasciatura consistente sull arto che, più avanti, sarà sostituita da una più leggera. Calze elastiche (TED) Dopo l intervento dovrete indossare delle calze elastiche per evitare la formazione di emboli negli arti. Le calze si potranno togliere giornalmente per fare una doccia ma andranno indossate nuovamente subito dopo. Andranno portate anche a casa fino a quando il medico lo riterrà opportuno.

22 La convalescenza: alzarsi e muoversi Talvolta i pazienti possono scendere dal letto lo stesso giorno dell intervento. Più spesso ciò accade da uno a tre giorni dopo l operazione.il programma di esercizi post-operatori verrà stabilito dal medico a seconda delle vostre necessità. Ciascun medico può scegliere di scegliere di seguire un protocollo di riabilitazione diverso ma in ogni caso, quasi sempre il giorno dopo l intervento, sarete in posizione eretta e potrete camminare. La terapia fisica è molto importante per il recupero della vostra articolazione: vi aiuterà infatti a riprendere le attività di tutti i giorni. Inizialmente dovrete usare delle stampelle per mantenere la stabilità e per camminare.

23 Il ritorno a casa Riprendere le attività quotidiane Per proteggere il nuovo ginocchio il vostro fisioterapista, durante la convalescenza in ospedale, vi avrà dato regole e consigli per evitare complicanze e vi avrà insegnato ad affrontare le incombenze giornaliere in sicurezza. Ricordatevi di seguirli anche quando sarete a casa: Cosa da non fare 1. E preferibile non fare il bagno se non assistiti. 2. Non guidate fino ad autorizzazione del medico. 3. Non sedetevi su piani troppo bassi e morbidi. 4. Non accavallate le gambe. 5. Non svolgete lavori pesanti. 6. Non restate troppo in piedi per non affaticare l articolazione. NO! Cose da fare 1. Per ridurre od evitare il gonfiore, sollevate la gamba appoggiandola, per esempio, ad uno sgabello. 2. Portate solo pesi leggeri e distribuiteli in modo uniforme. 3. Muoversi a piccoli passi. 4. Portare le calze elastiche. 5. Assumere i farmaci prescritti. 6. Seguite il programma riabilitativo. 7. Ritornare ai controlli con il vostro medico. 8. Dormite supini

24 Attenzione Interpellate il medico nei seguenti casi: 1. Gonfiore persistente od arrossamento. 2. Aumento di sanguinamento, spurgo o ferita maleodorante. 3. Aumento di dolore o gonfiore all anca o nell arto. Scendere le scale 4. Camminare 1. Passeggiare per tratti brevi più volte al giorno con le stampelle. 2. Evitare le superfici irregolari, indossate le scarpe senza lacci e le calze elastiche 3. Caricate sull anca operata lo stesso peso di quando eravate in ospedale. 4. Quando non camminate tenete le stampelle lateralmente, avanzate rispetto la punta dei piedi 5. Quando sollevate il piede appoggiatevi alle apposite maniglie delle stampelle. 6. Caricate il peso sulle mani e non sulle ascelle Salire le scale 1. Salite i gradini portando avanti per primo l arto sano. 2. Mantenete le stampelle sul gradino inferiore. 3. Spostare l arto operato sullo stesso gradino e spostare anche le stampelle. 1. Appoggiate le stampelle sul primo gradino; scendete con la gamba operata sullo stesso gradino. 2. Spostate anche la gamba sana sullo stesso gradino.

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Le artroprotesi d anca: informazione e consenso

Le artroprotesi d anca: informazione e consenso U.O. DI ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA OSPEDALE CIVILE MAGGIORE BORGO TRENTO AZIENDA OSPEDALIERA DI VERONA Direttore: Dott. Massimo Marcer Le artroprotesi d anca: informazione e consenso Andrea Scalvi QUANDO

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

La prevenzione delle cadute nell anziano

La prevenzione delle cadute nell anziano Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari La prevenzione delle cadute nell anziano Consigli utili Indice II problema delle

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere?

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere? Policlinico S.Orsola-Malpighi S.Orsola-Malpighi Policlinico Guida al Trapianto di Polmone Orientarsi Supplemento d informazione a Diario di Bordo - Reg. Tribunale di Bologna n. 6759 del 31/12/97 n. 70

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore.

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Tecnica chirurgica Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Sommario Principi AO ASIF 4 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI)

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI) Il PRIMO PRONTO SOCCORSO Chi pratica attività sportiva molte volte si trova nelle condizioni di dover prestare interventi urgenti di assistenza ad altri. Verranno fornite in maniera sintetica alcune nozioni

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Davvero basta solo un po di COLLA?

Davvero basta solo un po di COLLA? Davvero basta solo un po di COLLA? Come montare un tubolare di Richard Cunningham Forse uno degli aspetti tecnici meno evidenziati in merito alle soluzioni adottate dai più forti bikers di Coppa del Mondo

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG

ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG ALLEGATO I MODALITA DI APPLICAZIONE Ginocchio a comando elettronico C-LEG PRESENTAZIONE AZIENDA La Ns. Azienda Ortopedia Meridionale di Zungri S. & C. S.a.S., presente sul mercato dal 1981, opera nel settore

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli