Farmacia amica dello sportivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Farmacia amica dello sportivo"

Transcript

1 Imp. Cop. Farmacia amica sport :10 Pagina 1 Valentino Conti Stefano Rufini Con il patrocinio del Ministero della Salute, della Regione Umbria in collaborazione con l Università degli Studi di Perugia e il contributo di Federfarma Umbria Partners STAMPA: UMBRIAGRAF - TERNI / GRAFIACA: UMBERTO MARIANI Farmacia amica dello sportivo Informazioni sui farmaci dopanti Qualche chiarimento sull uso di farmaci particolari da parte di sportivi ludici, amatoriali, dilettanti e professionisti.

2 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 1 Valentino Conti Stefano Rufini Farmacia amica dello sportivo Informazioni sui farmaci dopanti Qualche chiarimento sull uso di farmaci particolari da parte di sportivi ludici, amatoriali, dilettanti e professionisti.

3 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 2

4 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 3 Indice Prefazione... 5 Introduzione... 7 Definizione di doping nello sport Quali farmaci sono vietati dalla legge contro il doping Lista delle sostanze e dei metodi proibiti. Anno Rischi connessi con l uso improprio dei farmaci appartenenti all elenco di quelli vietati per doping Metodiche di indagine utilizzate nei laboratori antidoping In sintesi Allegati Allegato Allegato Norme e Regolamenti per il controllo antidoping... 68

5 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 4

6 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 5 Prefazione Quando, in seguito alle normali vicende della vita mi sono ritrovato, farmacista, a presiedere il CONI della mia Regione, ho a lungo meditato su come utilizzare al meglio le mie competenze nel settore farmaceutico ed in quello dello sport. Due mestieri apparentemente troppo diversi per trovare punti in comune. Ma solo apparentemente perché il doping, quel fenomeno che rappresenta la faccia sporca dello sport, è soprattutto un problema di farmaci impiegati in modo scorretto da persone troppo spesso male informate sui rischi e le conseguenze di un abuso perpetrato a fini illeciti. La chiave di volta è stato il lavoro svolto dal mio predecessore prof. Ruggero Rossi, da anni impegnato in prima linea contro l uso di farmaci dopanti, e il mio incontro con il professor Stefano Rufini, altro farmacista anomalo. Intorno allo stesso tavolo, in pochi minuti è nata una collaborazione sincera che darà validi risultati. Questo testo è stato creato per i colleghi che dal banco delle farmacie dispensano informazioni e consigli sul corretto uso di qualsiasi specialità medicinale, rappresentando con questo servizio la più efficace barriera contro l abuso o solo l ignoranza. Qui dentro troveranno informazioni sul doping; l entità del fenomeno, le disposizioni di legge sui farmaci ritenuti dopanti, gli elenchi dei principi attivi vietati agli sportivi, i rischi connessi con gli effetti collaterali e quant altro possa correttamente informare gli utenti. Rappresenta, insieme ad altre analoghe iniziative, il contributo del CONI Umbria alla diffusione capillare dell informazione sul doping, nel quadro di una Campagna che intendo estendere a livello nazionale perché credo fermamente che una voce amica possa fare più di mille leggi e non esista deterrente migliore della conoscenza. Dott. Valentino Conti Presidente del CONI Umbria 5

7 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 6

8 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 7 Introduzione: due cose da sapere sul doping, le medicine ed i rischi che si corrono. Da qualche tempo in farmacia sono comparsi alcune specialità contrassegnate da un bollino rosso che riproduce un segnale di divieto e la scritta Doping (vedi Allegato n.1 sul decreto legge istitutivo). Molti si sono incuriositi, atri si sono spaventati, pochi hanno capito chiaramente il messaggio che doveva essere trasmesso dal simbolo che caratterizza farmaci da molto tempo in vendita e non certo associati con l idea di proibito o dannoso. A chi è rivolto il messaggio Deve essere chiaro che il divieto riguarda solo l uso improprio del farmaco a scopo di doping, ossia per migliorare dolosamente in positivo la prestazione fisica in vista di una competizione sportiva. La restrizione è ovviamente limitata a poche persone, che svolgono una attività fisica di alto livello, che sono tutt altro che malate e che assumono farmaci dietro presentazione di ricette mediche false o rilasciate da medici compiacenti o direttamente complici. Deve essere altresì chiaro che in questo modo contravvengono a disposizioni di legge ben precise che comportano sanzioni civili e penali che coinvolgono tutti i soggetti che si rendono complici dell atto anche se spesso l approccio con questa pratica vietata avviene ingenuamente seguendo informazioni incomplete date da persone non qualificate. Le strutture preposte al controllo antidoping hanno inteso, con questa soluzione (bollino rosso), avvertire che la assunzione della medicina al di fuori delle prescrizioni cliniche per cui sono commercializzate, specie da parte di 7

9 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 8 atleti comporta una violazione sanzionabile in seguito a positività all eventuale controllo antidoping, con tutte le conseguenze legali che ne conseguono sulla base della legislazione vigente. Dal canto loro i farmacisti e gli altri organi deputati alla salvaguardia della salute, intendono ribadire i rischi connessi con la pratica illegale di assumere principi attivi per finalità diverse da quelle per cui sono stati studiati, commercializzati e per cui vengono prescritti. Il farmacista è in prima linea in questa battaglia contro il doping. Per questo è a disposizione di tutti per informare, chiarire e consigliare personalmente o attraverso la diffusione di questo libretto che contiene molte delle risposte ai dubbi ed alle curiosità di tutti i cittadini. Questa è una delle numerose campagne che vengono svolte nel nostro Paese per contrastare il fenomeno del doping, una piaga che avvilisce lo sport negando tutti i valori che sono insiti nel concetto stesso di sano agonismo e fair play o correttezza nella competizione. In particolare questa campagna nasce dalla collaborazione tra il CONI Regionale dell Umbria e la Federfarma Umbria che hanno inteso, in questo modo, affiancare la Commissione nazionale antidoping che promuove campagne di informazione per la tutela della salute nelle attività sportive e di prevenzione del doping, in modo particolare presso tutte le scuole statali di ogni ordine e grado, in collaborazione con le amministrazione pubbliche, il Comitato olimpico internazionale italiano (CONI), le federazioni sportive nazionali, le società affiliate, gli enti di promozione sportiva pubblici e privati, anche avvalendosi dell attività dei medici specialistici di medicina dello sport. 8

10 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 9 In totale risultano coinvolti in questa battaglia i seguenti organi: Sanità: medici dello sport, pediatri, medici di medicina generale, farmacisti; Scuola: alunni, insegnanti, genitori Sport: atleti, allenatori, dirigenti sportivi Giustizia: ufficiali/agenti/funzionari di Polizia Giudiziaria Media: giornalisti medici. 9

11 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 10

12 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 11 Definizione del doping nello sport Con il termine doping si deve intendere: a) la somministrazione, l assunzione e l uso di farmaci e l impiego di metodi proibiti da parte di atleti e di soggetti dell ordinamento sportivo; b) il ricorso a sostanze o metodologie potenzialmente pericolose per la salute dell atleta, o in grado di alterarne artificiosamente le prestazioni agonistiche; c) la presenza nell organismo dell atleta di sostanze proibite o l accertamento del ricorso a metodologie non consentite facendo riferimento all elenco emanato dal CIO ed ai successivi aggiornamenti. Da questa definizione ne discendono alcuni ovvii concetti di etica: Il doping è contrario ai principi di lealtà e correttezza nelle competizioni sportive, ai valori culturali dello sport, alla sua funzione di valorizzazione delle naturali potenzialità fisiche e delle qualità morali degli atleti. Per questa serie di motivi è vietato raccomandare, proporre, autorizzare, permettere oppure tollerare l uso di qualsiasi sostanza o metodo che rientri nella definizione di doping allo stesso modo del traffico di tale sostanza. Sanzioni: L accertamento di un fatto di doping, l acquisizione di una notizia relativa ad un fatto di doping o alla violazione della legge 14 dicembre 2000, n. 376 comporta l attivazione di un procedimento disciplinare e l applicazione delle sanzioni stabilite dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano Legge 14 dicembre 2000, n. 376 La Legge 14 dicembre 2000, n. 376 (nota come legge Melandri) disciplina in Italia la tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping. 11

13 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 12 Con l emanazione di questa legge il doping è diventato un reato penale, punito fino a tre anni di reclusione (che possono diventare di più se insorgono danni effettivi per la salute, se ad essere indotto ad assumere sostanze vietate per doping è un minorenne o se, a distribuire le sostanze, è un dipendente del CONI). Eccezioni: solo in presenza di condizioni patologiche dell atleta documentate e certificate da un medico e verificata l assenza di pericoli per la salute, è consentito un trattamento specifico con sostanze vietate per doping e la possibilità di partecipare ugualmente alle competizione sportiva. Ma anche in questo caso il trattamento deve rispondere a specifiche esigenze terapeutiche e la documentazione deve essere conservata e tenuta sempre a disposizione dall atleta. Il controllo anti-doping vero e proprio sulle competizioni e sulle attività sportive spetta ad alcuni laboratori accreditati dal Comitato Internazionale Olimpico (CIO). La lista delle sostanze biologicamente e farmacologicamente attive che circolano negli spogliatoi e nelle palestre è molto lunga. Si possono raggruppare in tre categorie principali: i farmaci appartenenti alle classi vietate dalla legge contro il doping i farmaci non vietati per doping, ma utilizzati per scopi diversi da quelli autorizzati, i prodotti salutistici, erboristici, dietetici od omeopatici utilizzati con modalità, concentrazioni, vie di somministrazione, associazioni diverse da quelle per cui sono prodotti. Per quanto riguarda l impiego di farmaci al di fuori delle indicazioni per le quali sono stati sintetizzati, è opportuno ricordare che la loro somministrazione a persone non malate è sempre pericolosa in quanto priva di finalità terapeutica, scopo fondamentale di un medicamento. 12 I metodi proibiti si può dopare un individuo senza ricorrere alla somministrazione di un prin-

14 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 13 cipio attivo ma semplicemente trasfondendo sangue dello stesso individuo, che, prelevato ed adeguatamente conservato, non appena i globuli rossi sono tornati a livello normale, gli viene trasfuso nuovamente, ottenendo così un incremento del numero dei globuli rossi. Nei metodi proibiti rientrano anche le manipolazioni chimiche e fisiche dei campioni di urina effettuate allo scopo di alterare l integrità del campione stesso apportandone modifiche che consentano di sfuggire agli accertamenti di laboratorio svolti per l identificazione dei metaboliti vietati. Le manipolazioni accertate nel corso dei controlli antidoping vanno dallo scambio dei campioni d urina alla diluizione con altri liquidi, fino all inserimento nella vescica, tramite catetere, dell urina altrui. Possono inoltre essere usati i diuretici chiamati mascheranti, perché in grado di eliminare più velocemente, favorendo la diuresi, le sostanze proibite rintracciabili ai test antidoping. Inoltre, la prima cosa che si esamina nei campioni di urina è il ph, in quanto è possibile facilitare l eliminazione di farmaci vietati alcalinizzando o acidificando l urina; la seconda è la densità: un urina con basso peso specifico, può indicare una manipolazione finalizzata ad abbassare la concentrazione di un farmaco al di sotto della soglia di rilevazione. La storia del doping in numeri Il doping è anche una malattia. Con i suoi sintomi, le sue patologie ed ovviamente i suoi morti. Quanti? Nel 2004 sette ciclisti dilettanti e professionisti, tra i 21 ed i 31 anni sono morti a seguito di trombosi da abuso di eritropoietina, oltre dieci calciatori sono stati diagnosticati affetti da sclerosi laterale amiotrofica. Queste vittime più o meno illustri rappresentano la punta di un iceberg che cela la parte sommersa sotto certificati di morte aggiustati da medici compiacenti o tanto ingenui da credere che a vent anni non si possa morire di trombosi (quando basterebbe chiedere il mestiere del defunto e fare due più due). Sono morti pulite, meno drammatiche di quelle da Creuzfeld-Jacobs contratta per consumo di ipofisi di cadavere alla ricerca dell ormone della crescita o per tumore epatico da abuso da steroidi anabolizzanti di origine veterinaria. 13

15 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 14 sicuramente il doping, come tutte le frodi, è nato con l uomo, spinto a primeggiare a tutti i costi specie se insieme alla vittoria viene assegnata una ricompensa proporzionale allo sforzo profuso. La storia del doping, ovvero il tentativo di modificare le prestazioni atletiche con mezzi non fisiologici o comunque illeciti nel corso di competizioni sportive, inizia molto tempo fa, quando non esisteva la chimica e venivano impiegate sostanze di origine naturale per migliorare la propria condizione fisica. Abbiamo, infatti, notizie di episodi di doping fin dalle prime edizioni delle Olimpiadi greche, allorquando gli atleti ingerivano sostanze stimolanti mescolate agli alimenti carnei e alle bevande. D altra parte l assunzione di sostanze che aiutassero a sopportare la fatica e gli sforzi era, ed in qualche caso lo è ancora oggi, consuetudine presso le popolazioni vichinghe, cinesi e andine. Tracce storiche, risalenti al terzo secolo a.c., testimoniano l utilizzo di alcuni infusi di funghi applicati localmente come impacchi, a scopo più stimolante che curativo o lenitivo. Per lunghi secoli non si trova menzione storica della pratica del doping, probabilmente anche in relazione al fatto che le competizioni olimpiche, al pari di altre attività agonistiche, vennero interrotte o persero d importanza, dopo la caduta dell Impero Romano, finché non vennero reintrodotte le moderne olimpiadi nel 1896 per merito del barone De Coubertin. Stricnina, alcol, morfina, allucinogeni vegetali e di sintesi, estratti di piante officinali, l elenco diventa immediatamente più lungo di quello degli sport praticati. Niente di scientifico, ovviamente siamo lontani dai perfluorocarburi, dai beta bloccanti per migliorare il rendimento dei tiratori o dagli IGF per stimolare la sintesi endogena di GH. Ma solo perché la farmacopea era avara, non perché la moralità fosse più rigorosa di quella di oggi. Il novecento si apre con storie romantiche di atleti che crollano davanti al traguardo e di regine (d Inghilterra) che premiano l eroe sfortunato (in realtà il protagonista della storia, Dorando Pietri, era un povero cristo ubriaco di cognac e stricnina che rimase in coma 12 ore e se la cavò solo perché riuscì a vomitare il micidiale cocktail autosomministrato) Ma il doping scientifico dei nostri giorni spesso ha portato a considerare campioni indimenticabili soggetti che sono ricorsi al sistematico aiuto di far- 14

16 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 15 maci potentissimi, falsando talmente i propri risultati da sconvolgere il concetto stesso di campione. Pantani, vittima di questo sistema, quante vittorie avrebbe conseguito se avesse utilizzato solo le proprie forze, se cioè non fosse mai risultato positivo ai controlli ematici volti ad identificare l abuso di eritropoietina? Come è possibile accettare nel 2006 che il vincitore del Giro non può andare al Tour per una storia di doping e il vincitore del Tour non può partecipare alla Vuelta per una storia di doping e il vincitore della Vuelta incappa anche lui nelle maglie dell antidoping? E ancora siamo impotenti davanti al doping perpetrato con l hgh che scompare in pochi minuti senza lasciare traccia nel sangue o nelle urine mentre gonfia muscoli e capacità anaerobiche: i positivi non si possono scoprire se non dopo qualche anno, quando oltre alla mandibola sproporzionata cresce il piede di sei o sette centimetri e inizia il diabete, unico effetto definitivo di un trattamento che regala la forza del leone per qualche settimana. 15

17 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 16

18 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 17 Quali farmaci sono vietati dalla legge contro il doping Curarsi è un diritto inalienabile di ognuno di noi quindi a nessuno può venir vietato il supporto farmacologico più idoneo in caso di malattia. Ma nel nostro mondo c è una eccezione rilevante: lo sportivo professionista ha un accesso limitato ai farmaci in commercio in quanto alcuni potrebbero modificare la sua prestazione interferendo col concetto di fair-play (giocare pulito) Scorrendo l elenco dei farmaci di cui è limitato l uso per rischio di doping, si scoprono medicinali di tutte le specie, da quelli inotropi positivi a quelli inotropi negativi, dagli eccitanti ai depressori del SNC, dai diuretici ai sostituti ormonali per i malati di insufficienza renale cronica. È vietata qualsiasi terapia con: - anabolizzanti - stimolanti del sistema nervoso - ormoni proteici - anestetici - diuretici e tanti altri che periodicamente entrano ed escono dalla lista redatta dalla WADA. Ma forse è meglio procedere con rigore sistematico e scorrere l elenco ufficiale. Elenco dei farmaci vietati agli sportivi (per categorie) Lista delle sostanze vietate redatta da WADA e COMITATO INTER- NAZIONALE OLIMPICO (2006) La classificazione delle sostanze è quella riportata nella lista redatta dalla WADA (World Anti-Doping Agency), annualmente aggiornata e punto di riferimento per tutte le federazioni sportive. SOSTANZE VIETATE IN COMPETIZIONE E FUORI COMPETIZIONE La lista è suddivisa in sostanze (S) raggruppate per categorie farmacologi- 17

19 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 18 che (nove gruppi) e Metodi (M) riuniti in tre classi. S1 - Agenti anabolizzanti: 1. Steroidi androgeni anabolizzanti (SAA) 2. Altri agenti anabolizzanti (Clembuterolo, etc.) S2 - Ormoni, sostanze correlate e relativi fattori di rilascio S3 - Beta-2 agonisti S4 - Agenti ad attività anti-estrogenica 1. Inibitori dell aromatasi 2. Modulatori selettivi dei recettori per gli estrogeni (SERMs) 3. Altri agenti ad azione anti-estrogenica S5 - Diuretici ed altri agenti mascheranti METODI VIETATI M1 - Aumento di trasporto di ossigeno M2 - Manipolazioni chimiche e fisiche M3 - Doping genetico SOSTANZE VIETATE IN COMPETIZIONE S6 - Stimolanti S7 - Narcotici S8 - Cannabinoidi S9 - Glucocorticosteroidi Oltre alla descrizione delle sostanze e dei prodotti riportati nel regolamento del Codice del Movimento Olimpico, questa sezione del sito contiene un elenco dei principali integratori e dei prodotti cosiddetti naturali, corredato da schede esplicative circa la composizione e gli effetti delle sostanze in essi presenti. L elenco degli integratori e la lista dei principi attivi e dei prodotti appartenenti alle varie classi identificate dal CIO saranno costantemente aggiornati da uno staff di medici farmacologi e nu- 18

20 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 19 trizionisti. L aggiornamento avverrà sia in base alla verifica dell immissione in commercio di nuovi prodotti commerciali contenenti gli stessi principi attivi o principi affini a quelli già elencati. Per esempio qui di seguito vengono riportati gli aggiornamenti più recenti (relativi all anno 2006). Bandiere dei Paesi che parteciparono alle Olimpiadi di Berlino. 19

21 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 20

22 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 21 Lista delle sostanze e metodi proibiti Anno 2006* In vigore dal 1 gennaio 2006 L uso di qualsiasi farmaco dovrebbe essere limitato alle indicazioni mediche Sostanze e metodi sempre vietati (in e fuori competizione) SOSTANZE VIETATE S1. AGENTI ANABOLIZZANTI Gli agenti anabolizzanti sono proibiti. 1. Steroidi anabolizzanti androgeni (SAA) a. Gli SAA esogeni *, includono: 1-androstenediolo (5α-androst-1-ene-3β,17β-diolo); 1-androstendione (5α-androsten-1-ene-3,17-dione); bolandiolo (19-norandrostenediolo); bolasterone; boldenone; boldione (androsta-1,4-diene-3, 17dione); calusterone; clostebol; danazolo (17α-etinil-17β-idrossiandrost-4- eno[2,3-d]isossazolo); deidroclorometil-testosterone (4-cloro-17β-idrossi-17α-metilandrosta-1,4-dien-3-one); desossimetiltestosterone (17α-metil-5α-androst-2-ene-17β-olo); drostanolone; etilestrenolo (19-nor-17α-pregn-4-ene-17-olo); * esogena si riferisce ad una sostanza che non può essere prodotta naturalmente dall organismo. 21

23 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 22 fluossimesterone; formebolone; furazabolo (17β-idrossi-17αmetil-5α-androstan[2,3-c]-furazan); gestrinone; 4-idrossitestosterone (4,17β-diidrossiandrost-4-ene3- one); mestanolone; mesterolone; metandienone (17β-idrossi-17αmetilandrosta-1,4-diene-3-one); metenolone; metandriolo; metasterone (2α,17α-dimetil-5α-androstan-3-one-17β-olo); metildienolone (17β-idrossi-17α-metilestra-4,9-diene-3-one); metil-1-testosterone (17β idrossi-17α-metil-5α-androst-1-ene-3- one); metilnortestosterone (17β-idrossi-17α-metilestr-4-ene-3-one), metiltrienolone (17β-idrossi-17α-metilestra-4,9,11-triene-3-one); metiltestosterone; mibolerone; nandrolone; 19-norandrostenedione (estr-4-ene-3,17-dione); norboletone; norclostebolo; noretandrolone; ossabolone; ossandrolone; ossimesterone; ossimetolone; prostanozol ([3,2-c]pirazolo-5α-etioallocolano- 17β-tetraidropiranolo); quinbolone; stanozololo; stenbolone; 1-testosterone (17βidrossi-5α-androst-1-ene-3-one); tetraidrogestrinone (18α-homo-pregna-4,9,11-triene-17β-olo-3-one); trenbolone e altre sostanze con una struttura chimica simile o un effetto(i) biologico(i) simile(i). b. Gli SAA endogeni ** : androstenediolo (androst-5-ene-3β,17β-diolo); androstenedione (androst-4-ene-3,17-dione); diidrotestosterone (17β-idrossi-5αandrostan-3-one); prasterone (deidroepiandrosterone, DHEA), testosterone e i seguenti metaboliti e isomeri: 5α-androstane-3α,17α-diolo; 5α-androstane-3α,17β-diolo; 5αandrostane-3β,17α-diolo; 5α-androstane-3β,17β-diolo; androst-4-ene-3α,17α-diolo; androst-4-ene-3α,17β-diolo; androst-4-ene-3β,17α-diolo; androst-5-ene-3α,17α-diolo; an- 22 ** endogena si riferisce ad una sostanza che può essere prodotta naturalmente dall organismo.

24 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 23 drost-5-ene-3α,17β-diolo; androst-5-ene-3β,17α-diolo; 4- androstenediolo (androst-4-ene-3β,17β-diolo); 5-androstenedione (androst-5-ene-3,17-dione); epi-diidrotestosterone; 3αidrossi-5α-androstan-17-one; 3β-idrossi-5α-androstan-17- one; 19-norandrosterone; 19-noretiocolanolone. Se uno steroide androgeno anabolizzante può essere prodotto naturalmente dall organismo, un campione biologico sarà considerato contenente tale sostanza proibita quando la concentrazione della sostanza proibita o dei suoi metaboliti o marker e/o qualora la presenza di un rapporto di concentrazione nel campione dell atleta, pertinente la sostanza, differisce in misura così elevata dai valori normalmente riscontrati nell uomo, che è improbabile poterla considerare compatibile con una normale produzione endogena. Un campione biologico non deve essere considerato come contenente una sostanza proibita ogni qual volta l atleta fornisce prova che la concentrazione della sostanza proibita o dei suoi metaboliti o marker e/o che il rapporto di concentrazione rilevato nel campione dell atleta è attribuibile ad una condizione fisiologica o patologica. In ogni caso, e per qualsiasi concentrazione, il campione biologico dell atleta sarà considerato contenente una sostanza proibita e il laboratorio fornirà un riscontro analitico di positività se, sulla base di una metodica analitica affidabile (es. IRMS), il laboratorio può dimostrare che la sostanza proibita è di origine esogena. In questo caso, non sono necessarie ulteriori indagini. La Lista identifica alcune sostanze o loro metaboliti (cannabinoidi, catina, efedrina, metilefedrina, epitestosterone, 19-norandrosterone, morfina, salbutamolo, rapporto testosterone/epitestosterone) per le quali i laboratori, prima di riferire un riscontro analitico di positività, accertino che una determinata soglia sia stata raggiunta. Se la concentrazione riscontrata è compresa nei limiti della variabilità umana fisiologica e la metodica analitica affidabile (es. IRMS) non ha accertato che la sostanza è di origine esogena, ma se sussistono indicazioni di un certo rilievo, come un confronto dei profili steroidei di riferimento, del possibile uso di una sostanza proibita, l Organizzazione Antidoping competente 23

25 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 24 dovrà condurre ulteriori indagini che prevedono il riesame di ogni test precedente o l esecuzione di altri tests, allo scopo di accertare se il risultato sia da ricondurre ad una condizione fisiologica o patologica, oppure sia da attribuire ad una sostanza proibita di natura esogena. Quando un laboratorio ha riscontrato un valore del rapporto T/E superiore a quattro (4) a uno (1), e tutte le metodiche analitiche affidabili utilizzate (ad esempio l IRMS) non hanno accertato la natura esogena della sostanza, è necessario condurre ulteriori indagini attraverso il riesame dei tests precedenti o con l esecuzione di altri tests, allo scopo di accertare se il risultato sia da ricondurre ad una condizione fisiologica o patologica, oppure sia da attribuire ad una sostanza proibita di natura esogena. Se un laboratorio riscontra, usando una ulteriore ed affidabile metodica analitica (es. IRMS), che la sostanza proibita è di natura esogena, non sono necessarie altre indagini e il campione sarà considerato contenere una sostanza proibita. Se non è stata utilizzata una ulteriore e affidabile metodica analitica (es. IRMS) e non sono disponibili almeno gli ultimi tre precedenti tests, l Organizzazione Antidoping competente sottoporrà l atleta ad indagine senza preavviso almeno tre volte entro un periodo di tre mesi. Se il profilo longitudinale dell atleta, che è sottoposto ai successivi controlli, non è compreso nei normali limiti fisiologici, il risultato sarà un riscontro analitico di positività. In casi estremamente rari, possono essere riscontrabili nelle urine concentrazioni molto piccole di boldenone di origine endogena, a livello di nanogrammmi per millilitro (ng/ml). Quando un laboratorio riscontra una tale bassa concentrazione di boldenone e nessuna metodica analitica affidabile (es. IRMS) è riuscita ad accertare la natura esogena della sostanza, devono essere eseguite ulteriori indagini che prevedono il riesame di tests precedenti o l esecuzione di ulteriori tests. Se non è stata utilizzata una ulteriore e affidabile metodica analitica (es. IRMS), l Organizzazione Antidoping competente sottoporrà l atleta ad indagine senza preavviso almeno tre volte entro un periodo di tre mesi. Se il profilo longitudinale dell atleta, sottoposto a tali ulteriori controlli, non è compreso nei normali limiti fisiologici, il risultato sarà un riscontro analitico di positività. Nel caso del 19-Norandrosterone, il dato analitico di positività riscontrato 24

26 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 25 da un laboratorio è considerato una prova scientificamente valida della natura esogena della sostanza proibita. In questo caso, non sono necessarie ulteriori indagini. In caso di mancata collaborazione dell atleta allo svolgimento delle indagini, il campione biologico dell atleta sarà considerato come contenente una sostanza proibita. 2. Altri agenti anabolizzanti, inclusi ma non limitati a: Clenbuterolo, tibolone, zeranolo, zilpaterolo. S2. ORMONI E SOSTANZE CORRELATE Le seguenti sostanze, incluse altre sostanze con una struttura chimica simile o un effetto(i) biologico(i) simile(i) e i loro fattori di rilascio, sono proibite: 1. Eritropoietina (EPO); 2. Ormone della crescita (hgh), Fattore di crescita insulino-simile (IGF-1), Mechano Growth Factors (MGFs); 3. Gonadotropine (LH, hcg), proibite solo negli uomini. 4. Insulina; 5. Corticotropine. Un campione sarà considerato come contenente una sostanza proibita (come quelle sopra elencate) quando la concentrazione della sostanza proibita o dei suoi metaboliti e/o qualora la presenza di un rapporto di concentrazione nel campione dell atleta, pertinente la sostanza, differisce in misura così elevata dai valori normalmente riscontrati nell uomo, che è improbabile poterla considerare compatibile con una normale produzione endogena, a meno che l atleta non possa dimostrare che la concentrazione sia dovuta ad una condizione fisiologica o patologica. Se un laboratorio, avendo utilizzato una metodica analitica affidabile, riscontra che la sostanza proibita è di natura esogena, il campione sarà considerato contenere una sostanza proibita e sarà riportato come un riscontro analitico di positività. La presenza di altre sostanze con una struttura chimica simile o un effetto(i) 25

27 Imp. Farmacia amica sport :06 Pagina 26 biologico(i) simile(i), di marker diagnostico(i) o di fattori di rilascio di un ormone tra quelli sopra elencati o di ogni altro(i) riscontro(i) che indichi(no) che la sostanza rilevata sia di origine esogena, verrà considerata indicativa dell uso di una sostanza proibita e sarà riportata come un riscontro analitico di positività. S3. BETA-2 AGONISTI Tutti i Beta-2 agonisti, inclusi i loro isomeri D- e L- sono proibiti. Fanno eccezione il formoterolo, il salbutamolo, il salmeterolo e la terbutalina, che richiedono un esenzione a fini terapeutici abbreviata, quando somministrati per inalazione. Nonostante sia stata concessa un qualsiasi tipo di esenzione a fini terapeutici, una concentrazione di salbutamolo (in forma libera e glucuronata) superiore a 1000 ng/ml, verrà considerata un riscontro analitico di positività, a meno che l atleta non dimostri che tale risultato anomalo sia dovuto ad un uso terapeutico del salbutamolo, assunto per via inalatoria. S4. AGENTI CON ATTIVITÀ ANTI-ESTROGENICA Le seguenti classi di sostanze anti-estrogeniche sono proibite: 1. Gli Inibitori dell aromatasi compresi, ma non limitati a: anastrozolo, letrozolo, aminoglutetimide, exemestane, formestane, testolattone. 2. I Modulatori selettivi dei recettori estrogenici (SERM) compresi, ma non limitati a: raloxifene, tamoxifene, toremifene. 3. Le altre sostanze anti-estrogeniche comprese, ma non limitate a: clomifene, ciclofenil, fulvestrant. S5. DIURETICI ED ALTRI AGENTI MASCHERANTI Gli agenti mascheranti includono, senza limitarsi a: 26

Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti

Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti Ordinanza del DDPS sui prodotti e sui metodi dopanti (Ordinanza sui prodotti dopanti) Modifica del 18 novembre 2003 Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport,

Dettagli

Il Ministro della Salute

Il Ministro della Salute Ministero della Salute DECRETO 24 gennaio 2007 - Revisione della lista dei farmaci, delle sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e delle pratiche mediche, il cui impiego è considerato doping,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Revisione della lista dei farmaci, delle sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e delle pratiche mediche, il cui impiego è considerato doping, ai sensi della

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DECRETO 24 gennaio 2007 Revisione della lista dei farmaci, delle sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e delle pratiche mediche, il cui impiego è considerato doping,

Dettagli

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram

Indice generale. 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram Indice generale 1 Introduzione ai farmaci e al loro uso nello sport 1 David R. Mottram 1.1 Definizione di farmaco 1 1.2 Classificazione e nomenclatura dei farmaci 1 1.3 Sviluppo di nuovi farmaci 3 1.4

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto 4 aprile 2008 Revisione della lista dei farmaci, delle sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e delle pratiche mediche, il cui impiego è considerato doping,

Dettagli

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI,

IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, Nuove tematiche IL DOPING DEFINIZIONE, ASPETTI NORMATIVI, CLASSI DI SOSTANZE VIETATE MARIA GRAZIA RUBENNI Specialista in Medicina dello Sport, FIGC, Firenze Il termine doping sta ad indicare nel sapere

Dettagli

DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi

DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi r o v i n c i a d i P a d o v a DOPING. Legislazione e regolamenti sportivi tt. Claudio Terranova ità Operativa Complessa di Tossicologia Forense ed Antidoping ienda Ospedaliera - Università di Padova

Dettagli

Manuale Anti-Doping. Edizione 2012 v1

Manuale Anti-Doping. Edizione 2012 v1 Manuale Anti-Doping Edizione 2012 v1 INTRODUZIONE Il controllo Anti Doping gioca un ruolo essenziale per proteggere e conservare il Rugby libero dal Doping. L IRB opera secondo una linea di condotta a

Dettagli

Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002

Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002 Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002 Decreto Ministero della Salute 15 ottobre 2002, modificato con D.M. 10 luglio 2003 (Suppl. G.U. n. 222 del 24.09.2003) Farmaci il cui impiego è considerato

Dettagli

INTRODUZIONE. F. Furlanello *, L. Vitali Serdoz **, S. Bentivegna *, P. Manetti, C. Stefenelli^, L. De Ambroggi^, R. Cappato ** Abstract

INTRODUZIONE. F. Furlanello *, L. Vitali Serdoz **, S. Bentivegna *, P. Manetti, C. Stefenelli^, L. De Ambroggi^, R. Cappato ** Abstract ARTICOLI ORIGINALI Effetto aritmogeno delle sostanze illecite nell atleta: sviluppo Arrhythmogenic effect of illicit drugs in the athlete: update 2006 F. Furlanello *, L. Vitali Serdoz **, S. Bentivegna

Dettagli

CAMPAGNA INFORMATIVA PROMOSSA DAL CIP CON IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE ROMA TERZO SETTORE

CAMPAGNA INFORMATIVA PROMOSSA DAL CIP CON IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE ROMA TERZO SETTORE CAMPAGNA INFORMATIVA PROMOSSA DAL CIP CON IL CONTRIBUTO DELLA FONDAZIONE ROMA TERZO SETTORE Prefazione La storia del doping è storia di illusioni e di miserie. Prima umane che sportive. E storia di fallimenti

Dettagli

IL DOPING. Definizione: LISTA DELLE SOSTANZE BANDITE (USA 2002)

IL DOPING. Definizione: LISTA DELLE SOSTANZE BANDITE (USA 2002) IL DOPING Definizione: La somministrazione effettuata dal medico o dall allenatore o altri, o l uso diretto da parte di un atleta, di qualsiasi sostanza estranea all organismo, oppure di una sostanza fisiologica

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AREA SALUTE E AMBIENTE Certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AREA SALUTE E AMBIENTE Certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AREA SALUTE E AMBIENTE Certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000 SERVIZIO MEDICINA DELLO SPORT E LOTTA AL DOPING Responsabile Dott. Antonio Mazzeo 035/2270.380 24125

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA SANITARIA E BIOMEDICA E DELLA VIGILANZA SUGLI ENTI Relazione al Parlamento Anno 2012 Sullo

Dettagli

4. Il decreto di cui al comma 1 è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Art. 3.

4. Il decreto di cui al comma 1 è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. Art. 3. anche nel rispetto delle disposizioni della Convenzione di Strasburgo, ratificata ai sensi della citata legge 29 novembre 1995, n. 522, e delle indicazioni del Comitato internazionale olimpico (CIO) e

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Revisione della lista dei farmaci, delle sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e delle pratiche mediche, il cui impiego è considerato doping, ai sensi della legge 14

Dettagli

Crisi convulsive Sostanze psicoattive

Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA Crisi convulsive Sostanze psicoattive CROCE ROSSA ITALIANA - a cura del Capo Monitore V.d.S. Iannozzi Emanuela CRISI CONVULSIVE Susseguirsi di movimenti

Dettagli

Quando i sintomi vengono interpretati

Quando i sintomi vengono interpretati Quando i sintomi vengono interpretati Ricordo quando il mio Professore di Semeiotica Medica parlandoci delle cause che determinano la fibrillazione atriale disse: rammentate che la fibrillazione atriale

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ESENZIONE A FINI TERAPEUTICI.

DISCIPLINARE PER L ESENZIONE A FINI TERAPEUTICI. CONI DISCIPLINARE PER L ESENZIONE A FINI TERAPEUTICI. Art.1 Attribuzioni del CONI 1. Il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) è l organizzazione antidoping nazionale che ha adottato il Codice Mondiale

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

GENNAIO 2013. Guida alla Lista WADA delle Sostanze Vietate ed Esenzioni a Fini Terapeutici

GENNAIO 2013. Guida alla Lista WADA delle Sostanze Vietate ed Esenzioni a Fini Terapeutici GENNAIO 2013 Guida alla Lista WADA delle Sostanze Vietate ed Esenzioni a Fini Terapeutici Indice Lista WADA delle Sostanze Vietate 3 Esenzioni a Fini Terapeutici 5 Requisiti per una EFT per l asma 9 2

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona. Lezione 18-19: Droghe e tossicodipendenza

Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona. Lezione 18-19: Droghe e tossicodipendenza Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di Verona Corso di Farmacologia Lezione 18-19: Droghe e tossicodipendenza La via del piacere Gli stimolanti (es. cocaina, oppioidi, amfetamine,cannabinoidi)

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

Uso non terapeutico degli steroidi androgeni anabolizzanti (SAA) oggi: quali conseguenze?

Uso non terapeutico degli steroidi androgeni anabolizzanti (SAA) oggi: quali conseguenze? AGGIORNAMENTO MEDICO, 37, 1-2, 2013 Uso non terapeutico degli steroidi androgeni anabolizzanti (SAA) oggi: quali conseguenze? Paolo Sgrò, Luigi Di Luigi Unità di Endocrinologia, Dipartimento di Scienze

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Per cittadini, medici e farmacisti. Tutti i farmaci on line sul sito Aifa http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=17922 Page 1 of 1 07/11/2013 quotidianosanità.it Giovedì 06 NOVEMBRE

Dettagli

Scheda informativa sulle aritmie cardiache

Scheda informativa sulle aritmie cardiache Scheda informativa sulle aritmie cardiache Cosa sono le aritmie? Quali sono le cause? Quali sono i sintomi? Quali sono i trattamenti? Qual è la prognosi? Cosa sta facendo l AFaR? Cosa sono le aritmie?

Dettagli

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl.

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

ISTITUTO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE MARIO NEGRI Laboratori Negri Bergamo Via Mauro Gavazzeni, 11-24125 Bergamo - Italy tel +39.035.319.888 - fax +39.035.319.331 - bergamo@marionegri.it www.marionegri.it

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

Prof. Dario D Ottavio

Prof. Dario D Ottavio Prof. Dario D Ottavio già Direttore laboratorio Chimica Clinica e Tossicologia A.O. S. Camillo - Forlanini Roma Biochimico Clinico Commissione Antidoping Ministero della Salute Consulente Tecnico Procure

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

REPORTING SYSTEM DOPING ANTIDOPING. Ministero della Salute. Dipartimento del Farmaco

REPORTING SYSTEM DOPING ANTIDOPING. Ministero della Salute. Dipartimento del Farmaco Ministero della Salute Commissione per la vigilanza ed il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive Dipartimento del Farmaco REPORTING SYSTEM DOPING ANTIDOPING 2011 REPORTING

Dettagli

DOPING: quali i rischi?

DOPING: quali i rischi? UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA Facoltà di Medicina e Chirurgia DOPING: quali i rischi? Dott. Tommaso CASSANO Definizione di doping Legge n. 376 del 18/12/2000: Disciplina della tutela sanitaria delle

Dettagli

Primi passi nella prevenzione del doping

Primi passi nella prevenzione del doping Primi passi nella prevenzione del doping Livello BASE Che cos è il doping? Potenziamento delle prestazioni mediante l uso di sostanze o metodi proibiti Atto sleale che comporta anche dei rischi per la

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

STEROIDI ANABOLIZZANTI. Derivati sintetici del testosterone che sono stati modificati per aumentare l azione anabolica rispetto a quella androgenica

STEROIDI ANABOLIZZANTI. Derivati sintetici del testosterone che sono stati modificati per aumentare l azione anabolica rispetto a quella androgenica STEROIDI ANABOLIZZANTI l Derivati sintetici del testosterone che sono stati modificati per aumentare l azione anabolica rispetto a quella androgenica Biosintesi degli Steroidi Androgeni Anabolizzanti CYP17

Dettagli

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello

Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello PARTE 1 Parte 1 978-88-08-19583-8 1 Introduzione alla psicofarmacologia: come interagiscono i farmaci con il corpo e con il cervello La farmacologia è la scienza che studia come i farmaci influenzano il

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo

Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo Asse ipotalamo-ipofisi-testicolo Ipotalamo GnRH Ipofisi FSH, LH Testicolo LH cellule di Leydig Testosterone FSH cellule di Sertoli Inibina, MIF Androgeni Testosterone DHEA, Androstenedione Testicolo Cellule

Dettagli

PIU TESTOSTERONE, PIU CAPELLI, MENO PROBLEMI ALLA PROSTATA

PIU TESTOSTERONE, PIU CAPELLI, MENO PROBLEMI ALLA PROSTATA PIU TESTOSTERONE, PIU CAPELLI, MENO PROBLEMI ALLA PROSTATA Innalzare il testosterone con metodi naturali e contemporaneamente salvaguardare la salute della prostata, limitando la caduta dei capelli L uomo

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Introduzione. Introduzione 7

Introduzione. Introduzione 7 Introduzione In Italia angina e infarto uccidono più uomini di qualsiasi altra malattia e le donne ne sono colpite sei volte più del tumore al seno. Alla base di queste patologie c è una malattia delle

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

DOPING. Rapporti con la tossicodipendenza. Modalità di accertamento

DOPING. Rapporti con la tossicodipendenza. Modalità di accertamento r o v i n c i a d i P a d o v a DOPING. Rapporti con la tossicodipendenza. Modalità di accertamento tt. ssa Rossella Snenghi ità Operativa Complessa di Tossicologia Forense ed Antidoping ienda Ospedaliera

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Concetto di doping effetti collaterali,

Concetto di doping effetti collaterali, Concetto di doping Si considera doping l assunzione, da parte di un atleta, di sostanze proibite dai regolamenti, non a scopo curativo ma con l intento di migliorare la prestazione di là dagli effetti

Dettagli

STIMOLANTI NARCOTICI CANNABINOIDI GLUCOCORTICOSTEROIDI

STIMOLANTI NARCOTICI CANNABINOIDI GLUCOCORTICOSTEROIDI Per combattere il doping è necessario conoscere gli effetti ed i danni delle sostanze vietate Classi di sostanze vietate solo in competizione STIMOLANTI NARCOTICI CANNABINOIDI GLUCOCORTICOSTEROIDI Classi

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it

FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA. www.slidetube.it FISIOPATOLOGIA, FARMACI, E FARMACOLOGIA CLINICA DELL ASMA Incidenza superiore al 5% nei pazienti industrializzati Marcato restringimento vie aree (colpi di tosse, respiro superficiale, senso di costrizione

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 3 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/7 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti risolvono gli esercizi. Materiale Foglio di esercizio Forma sociale Lavoro individuale

Dettagli

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità

Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità Vivere serenamente e responsabilmente la propria sessualità La mini guida di Onda sulla contraccezione Testi a cura della Dott.ssa Nicoletta Orthmann Coordinatore Scientifico di Onda Qual è il ruolo della

Dettagli

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Dott. Giuseppe Giubbarelli Medico del lavoro UO Medicina del lavoro Ospedale di Sassuolo Cosa sono le droghe Sostanze : Psicoattive :(agiscono

Dettagli

Introduzione. Generalità

Introduzione. Generalità DIPENDENZE Introduzione In questo capitolo si illustrano le situazioni di urgenza che si possono verificare in pazienti che abusano di sostanze farmacologiche di natura diversa. Senza entrare in questa

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI:

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: Dott. Riccardo Cappato Presidente ANA-Aritmie Prof. Francesco Furlanello Coordinatore Nazionale Attività Formativa ANA-Aritmie Silvia Siminelli Segretario Generale ANA-Aritmie

Dettagli

In caso di non esenzione il medico prescrittore procede a biffare la casella della ricetta contrassegnata dalla lettera N Non esente.

In caso di non esenzione il medico prescrittore procede a biffare la casella della ricetta contrassegnata dalla lettera N Non esente. ASSISTENZA FARMACEUTICA TERRITORIALE L erogazione dei farmaci a carico del Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è possibile, su prescrizione medica, attraverso la rete delle farmacie convenzionate con

Dettagli

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ Sig.ra... maggiorenne, Documento d'identità/passaporto num..., stato civile..., e Sr/ Sig.ra...

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

più piccolo del mondo

più piccolo del mondo a cura di Pompeo Pindozzi il defibrillatore Le patologie che causano morte improvvisa nei giovani Vi sono quattro patologie alla base della maggior parte dei casi di morte improvvisa nei bambini e nei

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione Test di autovalutazione Ciascuna delle seguenti domande o affermazioni incomplete è seguita da risposte o completamenti dell affermazione. Individuare la SOLA risposta o completamento dell affermazione

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Dott. Marco Rossi farmacista

Dott. Marco Rossi farmacista Le informazioni contenute nel sito possono generare situazioni di pericolo e danni. I dati presenti hanno un fine illustrativo e in nessun caso esortano né spingono ad atti avversi alla salute psicofisica

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Ritardo costituzionale di crescita e pubertà. Serie N.10

Ritardo costituzionale di crescita e pubertà. Serie N.10 Ritardo costituzionale di crescita e pubertà Serie N.10 Guida per il paziente Livello: medio Ritardo costituzionale di crescita e pubertà - Serie 10 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 53480 CCV: 1ad Data: 07/11/2012

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie renali PREMESSA: In tutti i casi di malattia a carico dell emuntorio renale deve essere richiesta la visita specialistica nefrologica con allegati esami ematochimici

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA DIPENDENZA DA FUMO Il tabagismo è l'abitudine o dipendenza dal fumo di tabacco a cui consegue un'intossicazione di tipo cronico DEFINIZIONE DI DIPENDENZA Per dipendenza si intende una alterazione del comportamento

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTARI IMPIEGATI NELLA PRATICA SPORTIVA. Paolo Giliberti

INTEGRATORI ALIMENTARI IMPIEGATI NELLA PRATICA SPORTIVA. Paolo Giliberti INTEGRATORI ALIMENTARI IMPIEGATI NELLA PRATICA SPORTIVA Paolo Giliberti Das Wundermittel Il 98 % di aspiranti ai giochi olimpici si dichiara disposto ad utilizzare sostanze anche proibite, a condizione

Dettagli