Nuovo studio sulla sicurezza dei pazienti: lacune nella sicurezza della chirurgia svizzera?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovo studio sulla sicurezza dei pazienti: lacune nella sicurezza della chirurgia svizzera?"

Transcript

1 Comunicato stampa Programma pilota progress! Chirurgia sicura Nuovo studio sulla sicurezza dei pazienti: lacune nella sicurezza della chirurgia svizzera? Zurigo, 13 marzo 2013 Gli errori chirurgici, come scambi di lato o d intervento, infezioni oppure corpi estranei dimenticati nel sito chirurgico sono un tabù; tuttavia si verificano anche in Svizzera. Con l utilizzo sistematico della checklist chirurgica, è possibile evitare numerosi incidenti o arginarli tempestivamente. Malgrado ciò, questa misura di sicurezza elementare non viene attuata a tappeto in Svizzera, come emerge da un nuovo studio della Fondazione per la Sicurezza dei Pazienti che ha coinvolto professionisti tra chirurghi, anestesisti e personale di sala operatoria. Per colmare questa lacuna e fare radicare l utilizzo corretto della checklist quale standard vincolante in tutta la Svizzera, ha inizio un progetto pilota per la migliore gestione della sicurezza in chirurgia. Nonostante in numerose sale operatorie svizzere si lavori con checklist, lo stato delle conoscenze e dell attuazione della stessa è ancora molto eterogeneo. Come dimostrano diversi studi, si verificano ancora troppi errori evitabili: il 65 % di tutti gli eventi indesiderati è riconducibile al settore della chirurgia e circa il 40 % di essi viene giudicato evitabile (studio ollandese) 1. In Svizzera 2 pazienti su 100 muoiono in seguito a un intervento chirurgico. La Svizzera, con questo risultato, è nella media europea 2. In 14 interventi chirurgici su condotti in Svizzera vengono dimenticati corpi estranei nell organismo del paziente 3. Errare humanum est anche in sala operatoria Il Prof. Dr. med. Pietro Giovanoli, direttore della clinica di chirurgia plastica e chirurgia della mano dell ospedale universitario di Zurigo, afferma ciò che un medico fatica ad ammettere apertamente: Nella mia carriera mi sono accorto di errori che con l osservanza rigorosa di controlli di sicurezza avrebbero potuto essere evitati. Naturalmente gli errori si verificano ovunque lavorino degli esseri umani e la sala operatoria non fa certo eccezione. Tuttavia, una causa di questa situazione è l applicazione non costante della checklist chirurgica. La ristrettezza dei tempi, la routine clinica o una sopravvalutazione di sé possono indurre a concludere velocemente, accorciare alcuni passaggi o addirittura ometterne. È qui che si inserisce il programma pilota triennale progress! Chirurgia sicura della Fondazione per la Sicurezza dei Pazienti. L obiettivo è l utilizzo costante e corretto della checklist per ridurre così il numero di incidenti nella medicina invasiva. Lo slogan del programma Operazione Chirurgia sicura ai professionisti la verifica riassume questo concetto in maniera significativa. La responsabile del programma Paula Bezzola, vice amministratore delegato della Fondazione per la Sicurezza dei Pazienti, sottolinea: È come volare: nessun pilota alzerebbe in volo il proprio aereo senza aver controllato sistematicamente la checklist. Questo dovrebbe diventare altrettanto ovvio in sala operatoria come nella cabina di pilotaggio. Comunicato stampa del Pagina 1

2 Osservanza degli standard qualitativi, miglioramento della comunicazione Gli studi basati sull evidenza dimostrano che la checklist chirurgica aumenta la sicurezza dei pazienti 4,5, incentivando e unificando l osservanza costante degli standard (ad es. identificazione del sito da operare, profilassi antibiotica tempestiva, tra le altre), e che migliora la comunicazione spesso inibita dalla struttura gerarchica dell équipe. Il fatto che tutti i membri di un équipe siano consapevoli della propria importanza e della propria responsabilità per la sicurezza è un elemento decisivo, sottolinea il Dr. med. Claude Oppikofer, chirurgo plastico di Montreux. Pertanto, incoraggiamo attivamente tutti gli individui coinvolti in un intervento chirurgico a segnalare qualsiasi problema riscontrato. L anticipazione di potenziali rischi non aumenta soltanto la sicurezza, ma anche l efficacia e l efficienza e si traduce inoltre in un risparmio di tempo e costi. Lo studio dimostra che la checklist non è ancora uno standard a livello universale Il punto di partenza del programma progress! Chirurgia sicura a dicembre del 2012 è stato il sondaggio iniziale Sicurezza dei pazienti in chirurgia. Per la prima volta, quasi persone tra medici con attività chirurgica ed invasiva e personale di sala operatoria e anestesisti con mansioni direttive sono stati intervistati in merito a utilizzo, conoscenze e atteggiamento nei confronti delle checklist. Le circa risposte hanno reso chiara la necessità di ottimizzazione: per il 17 % degli intervistati, l uso della checklist non rientra ancora nella quotidianità lavorativa (Fig. 1). > Questa cifra sorprende e non dovrebbe essere tale. L applicazione della checklist deve divenire un rituale, un must per tutti i professionisti, senza eccezioni per qualsiasi intervento afferma il Prof. Dr. med. Ralph Schmid, presidente della Società Svizzera di Chirurgia SGC e direttore della clinica di chirurgia toracica presso l Inselspital di Berna. Almeno una persona ogni 10 che lavora con la checklist dell OMS ritiene addirittura che questa la ostacoli nelle proprie mansioni (Fig. 2). > Questo lascia supporre che lo strumento non venga utilizzato correttamente. Se implementata correttamente, la checklist sgrava il lavoro dell équipe e non richiede risorse supplementari dichiara la direttrice del programma Paula Bezzola. Il cambio di prospettive aiuta: quando gli specialisti diventano pazienti. La maggioranza preponderante (87 %) degli specialisti desidererebbe che la checklist dell OMS venisse utilizzata qualora dovessero essere essi stessi sottoposti a un intervento (Fig. 3). > Se ci si mette nei panni dei pazienti, risulta chiaro che sono necessari standard qualitativi vincolanti per tutti i pazienti, a prescindere dall'ospedale svizzero nel quale vengono operati" continua Paula Bezzola. Solo uno specialista su tre utilizza tutte le tre parti della checklist dell OMS. I controlli prima e dopo l intervento vengono trascurati. In Svizzera si utilizzano diverse checklist. Solo appena il 32 % degli intervistati utilizza l'intera checklist dell'oms con le tre parti "Sign in" per la preparazione dell'intervento, Team time out prima dell incisione e Sign out dopo l intervento. La maggior parte degli operatori (il 60 % dei chirurghi e l 80 % del personale di sala e degli anestesisti) utilizza solo la parte centrale. > Il Prof. Dr. med. François Clergue, direttore del dipartimento di anestesia, farmacologia e medicina intensiva degli ospedali universitari di Ginevra, spiega: Il controllo deve iniziare già prima: ad esempio, è necessario che il paziente confermi la propria identità e il tipo d intervento prima dell anestesia. Inoltre, i controlli devono essere eseguiti fino all ultima fase, vale a dire fino al conferimento delle informazioni per l ulteriore trattamento. > La necessità di recupero a questo proposito è urgente, in quanto solo la totalità delle misure conduce all obiettivo di garanzia della qualità prosegue Paula Bezzola. Responsabilità poco chiare. Solo uno specialista su quattro è stato in grado di rispondere correttamente all 80 % delle domande tecniche sulla checklist dell'oms (Fig. 4), sebbene il 90 % degli specialisti reputi la checklist uno strumento importante per incentivare la sicurezza dei pazienti (Fig. 5). Inoltre, 6 persone su 10 hanno la sensazione di non avere alcuna influenza sulla decisione in merito all applicazione della checklist (Fig. 6). > Il senso della checklist deve essere inculcato meglio: tutti devono avere sempre ben presente che serve per la sicurezza dei pazienti spiega la direttrice del programma Paula Bezzola. Inoltre, il Prof. Dr. med. Pietro Giovanoli aggiunge: Il controllo costante non deve avvenire a piacimento personale. Tuttavia, questo può accadere solo quando tutti i gruppi professionali interessati comprendono lo scopo di questi briefing." Comunicato stampa del Pagina 2

3 La sicurezza è una questione di équipe e di coordinamento I risultati dello studio indicano chiaramente che affinché la checklist venga utilizzata in maniera efficace, la funzione di riferimento/modello dei coordinatori è decisiva. Sono tuttavia necessari anche l attecchimento a livello aziendale globale e l impegno di ogni singolo, dal chirurgo operante al personale di sala addetto fino alla direzione della clinica. Gli errori possono essere evitati solo se è possibile una comunicazione aperta e se tutti contribuiscono a creare una rete di sicurezza comune. Per lo sviluppo e il radicamento di questa cultura della sicurezza sono necessarie le condizioni di base giuste: l adeguamento della checklist alle situazioni locali, la formazione di tutti i collaboratori e, infine ma non meno importante, un cambiamento di mentalità. La checklist deve consolidarsi come misura di sicurezza elementare, fino a quando diventa una cosa ovvia" riassume Paula Bezzola. Novità: progetto di approfondimento per una migliore gestione della sicurezza Per supportare le aziende svizzere che espletano un attività chirurgica invasiva nel settore della gestione della sicurezza, la Fondazione per la Sicurezza dei Pazienti lancia un progetto di approfondimento. È rivolto a gruppi di progetto interprofessionali (chirurgia, anestesia, infermieri di sala operatoria, gestione della qualità e direzione ospedaliera) e offre un programma allettante: know-how professionale di gestione della sicurezza corso consolidato e orientato verso la pratica. Esperti di sicurezza competenti dei settori sanitario, dell aviazionee di altre professioni ad alto rischio mettono a disposizione le proprie conoscenze specialistiche in quattro interessanti workshop (della durata di 1 giornata). Contesto interprofessionale una rete forte. Il know-how e il supporto di tutta l équipe contano. Valutazioni e conferimento di conoscenze radicamento sistematico nella propria azienda. Gli istituti partecipanti contribuiscono a rilevamenti di valutazione unitari, alle attività per il conferimento delle conoscenze e definiscono insieme gli obiettivi di miglioramento. Le aziende interessate possono iscriversi entro il 3 giugno 2013: Referenti per richieste stampa Paula Bezzola, MPH, responsabile programma progress! e vice amministratore delegato della Fondazione per la Sicurezza dei Pazienti, tel , Prof. Dr. med. Pietro Giovanoli, direttore della clinica di chirurgia plastica e di chirurgia della mano dell Ospedale universitario di Zurigo, tel , Prof. Dr. med. Ralph Schmid, presidente della Società Svizzera di Chirurgia SSC e direttore della clinica di chirurgia toracica presso l Inselspital di Berna. Contatto stampa /SSC, Grazia Siliberti, santémedia, , Dr. med. Claude Oppikofer, specialista in chirurgia plastica ed estetica FMH, Montreux, tel , Prof. Dr. med. François Clergue, direttore del dipartimento di anestesia, farmacologia e medicina intensiva degli Ospedali universitari di Ginevra, , Potete scaricare ulteriori informazioni, grafici e immagini relativi al programma pilota progress! Chirurgia sicura dall indirizzo: La-S-curit--en-chirurgie/Mat-riel-d-information-et-de-soutien.html Il resoconto dei risultati dello studio, come pure i recapiti per un esempio di pazienti anonimo sono disponibili su richiesta al numero di telefono oppure all indirizzo Comunicato stampa del Pagina 3

4 Il Programma pilota progress! Chirurgia sicura ( ) Il programma pilota è stato messo a punto dalla Fondazione per la Sicurezza dei Pazienti e verrà implementato dalla stessa. Le basi sono state elaborate in stretta collaborazione con numerosi esperti della sanità svizzera e il programma sarà supportato dalle organizzazioni seguenti. Associazioni specialistiche: (Le associazioni specialistiche sono elencate in francese, poiché non sono disponibili tutti i nomi in italiano.) Société Suisse d Anesthésiologie et de Réanimation SSAR/SGAR Société Suisse de Chirurgie SSC/SGC Société Suisse de Dermatologie et Vénéréologie SSDV/SGDV Société Suisse de Gynécologie et d Obstétrique SSGO/SGGG Société Suisse de Chirurgie de la Main SSCM/SGH Société Suisse de Médecine Intensive SSMI/SGI Société Suisse de Chirurgie Pédiatrique SSCP/SGKC Société Suisse de Neurochirurgie SSNC/SGNC Société Suisse d Orthopédie et de Traumatologie SSOT/SGOT Société Suisse d Oto-Rhino-Laryngologie et de Chirurgie cervico-faciale SSORL/SGORL Société Suisse de Chirurgie Plastique, Reconstructive et Esthétique SSCPRE/SGPARC Société Suisse de Chirurgie du Rachis SSCR/SGS Société Suisse de Chirurgie Cardiaque et Vasculaire Thoracique SSCC/SGHC Société Suisse d urologie SSU/SGU Société Suisse d Ophtalmologie SSO/SOG Société Suisse de Chirurgie maxillo-faciale SSCOMF/SGMKG et leur organe faîtier fmch - Foederation Medicorum Chirurgicorum Helvetica Associazioni professionali del personale di sala operatoria e degli infermieri anestesisti: Association Suisse des Techniciens de salle d'opération diplômes (ES) APS TSO/SBV TOA Vereinigung für leitendes OP-Personal LOPS Fédération suisse des infirmières et infirmiers anesthésistes FSIA/SIGA Soins infirmiers domaine opératoire Suisse SIDOPS/SIGOP Il programma è parte integrante della strategia federale per la qualità nel settore sanitario svizzero e viene finanziato in maniera determinante dall Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Fondazione per la Sicurezza dei Pazienti La Fondazione per la Sicurezza dei Pazienti è una piattaforma nazionale per lo sviluppo e la promozione della sicurezza dei pazienti in Svizzera. Si avvale di reti e collaborazioni, che hanno lo scopo di favorire l apprendimento dagli errori e di incoraggiare la cultura della sicurezza presso gli istituti sanitari. Per questo motivo, la Fondazione coopera in via partecipativa e collaborativa con i fautori del sistema sanitario. La sicurezza dei pazienti è sempre l obiettivo principale. All indirizzo troverete le indicazioni di base sulla sicurezza dei pazienti, cifre e dettagli, come pure informazioni approfondite su progetti, formazione e corsi. Nello shop online sono a disposizione pubblicazioni come materiale informativo, libri, quick-alert e articoli del mese da scaricare oppure ordinare. Cifre e fatti sulla sicurezza dei pazienti Comunicato stampa del Pagina 4

5 Immagini da scaricare Opuscolo programma pilota progress! Chirurgia sicura Checklist Chirurgia sicura Risultati dello studio Sicurezza dei pazienti in chirurgia del dicembre 2012 (estratto) Fig. 1: frequenza dell applicazione di una checklist (non solo la checklist dell OMS, ma anche altre checklist) Fig. 2: percezione degli intervistati del fatto che la checklist dell OMS li ostacoli nelle proprie mansioni Comunicato stampa del Pagina 5

6 Fig. 3: desiderio degli intervistati che la checklist dell OMS venga utilizzata qualora dovessero essere essi stessi dei pazienti Fig. 4: risposte corrette alle domande tecniche sulla checklist dell OMS Fig. 5: opinione degli intervistati sull uso della checklist dell OMS: incentivo sull attenzione per la sicurezza dei pazienti Fig. 6: competenza decisionale percepita dagli intervistati in merito all uso della checklist dell OMS Bibliografia 1 Zegers M, de Bruijne MC, de KB, Merten H, Groenewegen PP, Van der Wal G, et al. The incidence, rootcauses, and outcomes of adverse events in surgical units: implication for potential prevention strategies. Patient Saf Surg 2011;5:13. 2 Pearse RM, Moreno RP, Bauer P, Pelosi P, Metnitz P, Spies C, et al. Mortality after surgery in Europe: a 7 day cohort study. The Lancet 380[9847], last accessed OECD. Health at a Glance 2011: OECD Indicators. OECD Publishing; en. last accessed Borchard A, Schwappach DLB, Barbir A, Bezzola P. A Systematic Review of the Effectiveness, Compliance, and Critical Factors for Implementation of Safety Checklists in Surgery. Ann Surg 2012;256(6). 5 van Klei WA, Hoff RG, van Aarnhem EE, Simmermacher RK, Regli LP, Kappen TH, et al. Effects of the introduction of the WHO Surgical Safety Checklist on in-hospital mortality: a cohort study. Ann Surg 2012 Jan;255(1):44-9. Comunicato stampa del Pagina 6

La checklist chirurgica diventa standard in 10 ospedali pilota

La checklist chirurgica diventa standard in 10 ospedali pilota Programma pilota progress! Chirurgia sicura La checklist chirurgica diventa standard in 10 ospedali pilota Zurigo, 13 maggio 2014 Il programma progress! Chirurgia sicura che sicurezza dei pazienti svizzera

Dettagli

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8 INDICE 1. Scopo 2. Campo applicazione 3. Modalità applicative e Responsabilità 4. Bibliografia e Webgrafia 6. Distribuzione ALLEGATO A rev. Data Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

Operazione Chirurgia sicura

Operazione Chirurgia sicura pubblicazione sicurezza dei pazienti svizzera N o 5 Operazione Chirurgia sicura La checklist chirurgica e la sua attuazione: cultura équipe strumenti Stiftung für Patientensicherheit Logo Variante 1B patientensicherheit

Dettagli

Sicurezza dei pazienti Svizzera

Sicurezza dei pazienti Svizzera Organizzata dalla Fondazione Sicurezza dei pazienti Svizzera Settimana d azione Sicurezza dei pazienti dialogo con i pazienti Informazioni di base Di che cosa si tratta? 3 Chi e che cosa desideriamo raggiungere?

Dettagli

sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria

sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria Pagina 1 di 6 sicurezza paziente chirurgico checklist di sala operatoria Rev. Data Causale della modifica Condivisa/Valutata 0.0 Coord. Sanitario Distretto Ospedaliero AG 1 Coord. Sanitario Distretto Ospedaliero

Dettagli

La check list di sala operatoria

La check list di sala operatoria SICUREZZA DEL PAZIENTE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO: LE RACCOMANDAZIONI DEL MINISTERO DELLA SALUTE La check list di sala operatoria Dott. G. Mancini PREMESSA L introduzione delle check list in sala operatoria

Dettagli

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede anno 18.05. Pag. 1 di 7 Sommario.1 PREMESSA... 2.2 INTRODUZIONE... 2.3 OBIETTIVO GENERALE... 3.4 OBIETTIVI SPECIFICI... 3.5 DESTINATARI... 3.6 AZIONI E RESPONSABILITÀ... 4.7 TEMPI... 5.8 VALUTAZIONI...

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali CHECKLIST PER LA SICUREZZA IN CHIRURGIA DESCRIZIONE DELLA BUONA PRATICA E INFORMAZIONI UTILI ALL IMPLEMENTAZIONE Obiettivo della buona pratica Migliorare la sicurezza dell assistenza chirurgica attraverso

Dettagli

L uso della Checklist in Sala Operatoria

L uso della Checklist in Sala Operatoria PROGETTO SALE OPERATORIE SICURE (SOS. NET) Regione Emilia Romagna L uso della Checklist in Sala Operatoria 1 Congresso per Infermieri di Camera Operatoria San Marino 24 settembre 2011 ? Scatola vuota?

Dettagli

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari I forfait per caso negli ospedali svizzeri Informazioni di base per gli operatori sanitari Che cos è SwissDRG? SwissDRG (Swiss Diagnosis Related Groups) è il nuovo sistema tariffario per la remunerazione

Dettagli

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI

A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI 15 A CURA DI MARCO ZUCCONI INFERMIERE COORDINATORE PRESSO CHIRURGIA TORACICA AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA PREVENIRE GLI ERRORI, IMPARARE DAGLI ERRORI MANUALE DI SICUREZZA IN SALA OPERATORIA RACCOMANDAZIONI

Dettagli

Regolamento per l'aggiornamento continuo

Regolamento per l'aggiornamento continuo SIWF ISFM Regolamento per l'aggiornamento continuo (RAC) 5 aprile 00 (ultima revisione: 6 novembre 04) SIWF Schweizerisches Institut für ärztliche Weiter- und Fortbildung ISFM Institut suisse pour la formation

Dettagli

Interpretariato interculturale negli studi medici. Gesundheitsamt Graubünden Uffizi da sanadad dal Grischun Ufficio dell'igiene pubblica dei Grigioni

Interpretariato interculturale negli studi medici. Gesundheitsamt Graubünden Uffizi da sanadad dal Grischun Ufficio dell'igiene pubblica dei Grigioni Gesundheitsamt Graubünden Uffizi da sanadad dal Grischun Ufficio dell'igiene pubblica dei Grigioni Raccomandazioni relative al ricorso all'interpretariato interculturale nel settore sanitario nel Cantone

Dettagli

Linee di indirizzo sulla Identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica

Linee di indirizzo sulla Identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica Linee di indirizzo sulla Identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica Premessa Gli interventi in paziente sbagliato o in parte del corpo sbagliata costituiscono eventi

Dettagli

Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore del trattamento di pazienti con traumi gravi

Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore del trattamento di pazienti con traumi gravi Decisione relativa alla pianificazione della medicina altamente specializzata (MAS) nel settore del trattamento di pazienti con traumi gravi Dopo aver preso visione della proposta dell Organo scientifico

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Sapere cosa piace al cliente. Cosa dicono alcuni dei più recenti studi sull effetto della comunicazione fisica.

Sapere cosa piace al cliente. Cosa dicono alcuni dei più recenti studi sull effetto della comunicazione fisica. Sapere cosa piace al cliente. Cosa dicono alcuni dei più recenti studi sull effetto della comunicazione fisica. 1 2 L effetto fa la differenza. Naturalmente l e-mail si è guadagnata un posto di diritto

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA

LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI NELLA PRESA IN CARICO DELLE FRAGILITA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI SCIENZE SOCIALI CONVEGNO PER UN WELFARE SOSTENIBILE LEA E LIVEAS: MODELLI REGIONALI A CONFRONTO TAVOLA ROTONDA LEA E LIVEAS NELLA PRESA IN CARICO

Dettagli

SICUREZZA IN SALA OPERATORIA

SICUREZZA IN SALA OPERATORIA 1 di 8 A cura di: Dott.ssa Elisa Cammarata Dott. Antonio Iacono Dott.ssa Piera Lo Cascio Dott.ssa Caterina Lo Presti Dott. Tommaso Mannone Infermiere complesso operatorio Polichirurgico, P.O. Villa Sofia

Dettagli

Procedura. Corretta Identificazione dei Pazienti e del Sito Chirurgico E Sicurezza in Sala Operatoria

Procedura. Corretta Identificazione dei Pazienti e del Sito Chirurgico E Sicurezza in Sala Operatoria Direzione Generale d. 0 Rev. 01 originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del RQ bozza La presente procedura è la revisione della procedura PGS-RC-07-4 ed. 0 rev

Dettagli

ESSERE OPERATI DI CATARATTA

ESSERE OPERATI DI CATARATTA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI CATARATTA OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo ha lo

Dettagli

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario.

Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. Presentazione Le buone pratiche sono divenute un tema molto attuale, oggetto di grande dibattito anche nel contesto sanitario. L Agenas, nell ambito della attività di gestione del rischio clinico, ha da

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001 IL GOVERNO CLINICO DEI PROCESSI ASSISTENZIALI: DALLA TEORIA ALLA PRATICA IPASVI Brescia, 08 ottobre 2011 L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

Dettagli

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev)

Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute. (Legge sulla prevenzione, LPrev) Legge federale sulla prevenzione e la promozione della salute (Legge sulla prevenzione, LPrev) del L'Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 117 capoverso 1 e 118 capoverso

Dettagli

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione?

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? RILEVAZIONI Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? I risultati da un indagine condotta in Puglia su un campione di medici di base Francesca Di Serio * I dati raccolti negli

Dettagli

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche Competenze finali per le professioni sanitarie SUP Versione III 9 maggio 2011 Documenti tradotti dal testo ufficiale in lingua tedesca e francese pubblicato sul sito della Conferenza dei Rettori delle

Dettagli

Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri

Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Management Summary Riassunto dello studio Gestione del rischio clinico negli ospedali svizzeri Questo Management Summary contiene una sintesi dei risultati della prima inchiesta sulla gestione del rischio

Dettagli

IL MANAGER PARTECIPATIVO

IL MANAGER PARTECIPATIVO IL MANAGER PARTECIPATIVO Prof. Mario Mazzoleni www.mariomazzoleni.com www.labser.it Forlì, 4 maggio 2007 Il manager IL MANAGEMENT La persona o il gruppo o l organo destinati a guidare e gestire l impresa

Dettagli

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2

I N D I C E. - G l o s s a r i o F S C p a g. 2. - A U D I T p a g. 2. - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 I N D I C E - G l o s s a r i o F S C p a g. 2 - A U D I T p a g. 2 - C i r c o l i d i l e t t u r a p a g. 2 - I n t e r v e n t i d i m i g l i o r a m e n t o p a g. 3 - L i n e e G u i d a p a g.

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

Il Sistema Qualità nei servizi di salute mentale. Il caso P.A.M.A.P.I.

Il Sistema Qualità nei servizi di salute mentale. Il caso P.A.M.A.P.I. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE Il Sistema Qualità nei servizi di salute mentale.

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

PROCEDURA CHECKLIST PER LA SICUREZZA IN SALA OPERATORIA (ver.1.0 Marzo 2012)

PROCEDURA CHECKLIST PER LA SICUREZZA IN SALA OPERATORIA (ver.1.0 Marzo 2012) PROCEDURA CHECKLIST PER LA SICUREZZA IN SALA OPERATORIA (ver.1.0 Marzo 2012) Pagine 10 Bracciale Luigi Corea Gerardo B. A. Passafaro Salvatore Valeri Patrizio Camicioli Ivo Russo Ornella D Elia Gianluca

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Regolamento per l'aggiornamento continuo (RAC)

Regolamento per l'aggiornamento continuo (RAC) Regolamento per l'aggiornamento continuo (RAC) 25 aprile 2002 (ultima revisione: 6 dicembre 2007) Elfenstrasse 18, Postfach 170, CH-3000 Bern 15 Telefon +41 31 359 11 11, Fax +41 31 359 11 12 awf@fmh.ch,

Dettagli

Entusiasmo? «Helvetia un posto dove lavorare, che lascia spazio per vivere.»

Entusiasmo? «Helvetia un posto dove lavorare, che lascia spazio per vivere.» Entusiasmo? «Helvetia un posto dove lavorare, che lascia spazio per vivere.» Apprendistato commerciale. Un ingresso efficace nel mondo del lavoro. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco.

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

«Documentazione dell'apprendimento»

«Documentazione dell'apprendimento» Pagina: 1 di 9 Indice «Documentazione dell'apprendimento» Apprendista:... NPA / Località:... Azienda:... NPA / Località:... Parte 1 Scheda informativa Introduzione alla documentazione dell'apprendimento

Dettagli

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Intesa Stato Regioni - 20 marzo 2008

Dettagli

- dal dicembre 2005 sono stata infermiera presso i reparti di Rianimazione e Anestesia Pediatrica;

- dal dicembre 2005 sono stata infermiera presso i reparti di Rianimazione e Anestesia Pediatrica; F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome VISANI SARA E-mail sara.visani71@gmail.com Nazionalità italiana Data di nascita 11/10/1971 Luogo di nascita Brescia) Codice Fiscale

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

Imparare una lingua nazionale per integrarsi

Imparare una lingua nazionale per integrarsi Français en Suisse apprendre, enseigner, évaluer Italiano in Svizzera imparare, insegnare, valutare Deutsch in der Schweiz lernen, lehren, beurteilen it Una visione politica Parlare la lingua locale è

Dettagli

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata

Relazione presentata al convegno Modelli sistemici e contesti che cambiano Milano, 15-17 Ottobre 1998, parzialmente modificata Lo psicologo e il Distretto Sociale 1 Atti del convegno AUPI su Il lavoro dello psicologo nell U.S.L.: specificità ed integrazione con altre figure professionali. Ritengo utile fare alcune premesse al

Dettagli

Bellinzona, mercoledì 28 novembre 2012. Comunicato stampa. I pagamenti si effettuano con una fotografia

Bellinzona, mercoledì 28 novembre 2012. Comunicato stampa. I pagamenti si effettuano con una fotografia Bellinzona, mercoledì 28 novembre 2012 Comunicato stampa I pagamenti si effettuano con una fotografia I pagamenti si fanno con smartphone e tablet Effettuare i propri pagamenti dallo smartphone o tablet,

Dettagli

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003

Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Accordo del 22 maggio 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 22 MAGGIO 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV)

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) 4.3.3.1.5. Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) del 10 giugno 1999 1. Statuto Le scuole universitarie d arti visive 1 e d arti applicate (SUAAV) rientrano nella

Dettagli

Ospedale S.Giuseppe, Via S.Vittore,12-20123 Milano Multimedica I.R.C.C.S., Via Milanese, 300 20099 Sesto S.Giovanni (Milano)

Ospedale S.Giuseppe, Via S.Vittore,12-20123 Milano Multimedica I.R.C.C.S., Via Milanese, 300 20099 Sesto S.Giovanni (Milano) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Indirizzo lavorativo Giorgio Eugenio Pajardi Domicilio: Via Gian Battista Vico,11-20123 MILANO Ospedale S.Giuseppe, Via S.Vittore,12-20123 Milano Multimedica I.R.C.C.S.,

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009.

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie  presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009. C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E Giorgi Federica nata a Velletri il 05.05.1950. Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

Documenti di riferimento Biblioteche delle Scuole Universitarie Professionali

Documenti di riferimento Biblioteche delle Scuole Universitarie Professionali Best Practice KFH Documenti di riferimento Biblioteche delle Scuole Universitarie Professionali ad uso interno delle SUPSI La KFH ne ha preso conoscienza lo 25 settembre 2009 Sommario 1. Contesto generale,

Dettagli

ALLEGATO _K_ Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO _K_ Dgr n. del pag. 1/5 ALLEGATO _K_ Dgr n. del pag. 1/5 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 84/CSR del 20 aprile 2011 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario

Dettagli

Check list per la sicurezza in sala operatoria

Check list per la sicurezza in sala operatoria Check list per la sicurezza in sala operatoria Il punto di vista dell Infermiere L. Ferri - E. Zoni AUSL di BOLOGNA La gestione del rischio in SO Ampia sensibilizzazione della DG sulla gestione del rischio

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro

Salute e sicurezza sul lavoro Salute e sicurezza sul lavoro Migros promuove una gestione sistematica della salute in azienda e, proprio per questo, ha ricevuto il marchio Friendly Work Space. Questo garantisce l impegno e gli ottimi

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna.

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Parenti Mita mparenti@regione.emilia-romagna.it Pagina 1 - Curriculum vitae di Parenti Mita ESPERIENZA

Dettagli

Primary Nursing: Viaggio all interno del Cambiamento. Claudia Gatta Responsabile Infermieristico Dipartimento di Medicina ASL Bi- Biella

Primary Nursing: Viaggio all interno del Cambiamento. Claudia Gatta Responsabile Infermieristico Dipartimento di Medicina ASL Bi- Biella Primary Nursing: Viaggio all interno del Cambiamento Claudia Gatta Responsabile Infermieristico Dipartimento di Medicina ASL Bi- Biella Dal Progetto Florence Al Progetto Primary Nursing ..alcune cose nella

Dettagli

Reporting and Learnig System R.L.S

Reporting and Learnig System R.L.S Pag. 1 di 5 N. Revisione Data Motivo della revisione Redatto Verificato Approvato Rev 0 12.10.2 012 Integrazione contenuti nel campo di approvazione responsabilità Sez. Clinical Auditing AF. Progr. Valut

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

PA.GRC.11. Indice delle revisioni Codice Documento Revisione Data emissione. Firme Redatto Verificato Approvato

PA.GRC.11. Indice delle revisioni Codice Documento Revisione Data emissione. Firme Redatto Verificato Approvato Pag.: 1 di 5 PA.GRC.11 PROCEDURA AZIENDALE PER IL RECEPIMENTO E LA GESTIONE DELLA RACCOMANDAZIONE PER PREVENIRE LA RITENZIONE DI GARZE, STRUMENTI O ALTRO MATERIALE ALL INTERNO DEL SITO CHIRURGICO Indice

Dettagli

Qualità dell ambiente di lavoro per la promozione della salute Alberto Marcacci Ufficio federale della sanità pubblica UFSP, Svizzera

Qualità dell ambiente di lavoro per la promozione della salute Alberto Marcacci Ufficio federale della sanità pubblica UFSP, Svizzera Qualità dell ambiente di lavoro per la promozione della salute Alberto Marcacci Ufficio federale della sanità pubblica UFSP, Svizzera Il lavoro occupa un ruolo centrale nella vita quotidiana e le condizioni

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella Allegato 1 Linea di indirizzo 1/2010 Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella 1. Scopo Lo scopo di questa procedura è definire le responsabilità e le modalità di gestione

Dettagli

L'ESPERIENZA DEL TIROCINIO CLINICO NELLA FORMAZIONE DELLO STUDENTE INFERMIERE. L'UNIVERSITA' E LE UNITA' OPERATIVE

L'ESPERIENZA DEL TIROCINIO CLINICO NELLA FORMAZIONE DELLO STUDENTE INFERMIERE. L'UNIVERSITA' E LE UNITA' OPERATIVE CONVEGNO 31 MAGGIO 2013 L'ESPERIENZA DEL TIROCINIO CLINICO NELLA FORMAZIONE DELLO STUDENTE INFERMIERE. L'UNIVERSITA' E LE UNITA' OPERATIVE Stud.ssa Giulia Mataloni REGOLAMENTO INTERNAZIONALE Nel dicembre

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PAOLO LEPORELLI Indirizzo VIA G. TREVIS 55 00147 - ROMA Telefono 065130004-3291214361 Fax 0651002853 E-mail Leporelli.paolo@aslrmc.it Nazionalità

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna Sistema di Valutazione della Performance della Sanità Toscana Indagine di clima Interno Ausl 6 Livorno Questionario Dipendenti Anno 2012 A cura del Laboratorio Management e Sanità Responsabile scientifico

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica. Art. 1 Responsabilità per danni da attività medica

DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica. Art. 1 Responsabilità per danni da attività medica S.I.S.Di.C - Commissione Responsabilità civile Disegno di legge d iniziativa del Coordinatore Prof. M. Zana DISEGNO DI LEGGE Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica Art. 1 Responsabilità

Dettagli

La Sicurezza in Sala Operatoria: l utilizzo delle check list

La Sicurezza in Sala Operatoria: l utilizzo delle check list La Sicurezza in Sala Operatoria: l utilizzo delle check list Dott.ssa Maria Maddalena Sanna ACO San Filippo Neri Responsabile Infermieristico Area Ricerca e Qualità Servizio Assistenza Infermieristica

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

UN PROFESSIONISTA TIRA L ALTRO

UN PROFESSIONISTA TIRA L ALTRO FORMAZIONE E FORMAZIONE CONTINUA: UN PROFESSIONISTA TIRA L ALTRO Un iniziativa della Confederazione, dei Cantoni e delle organizzazioni del mondo del lavoro FORMAZIONE E FORMAZIONE CONTINUA: FORMAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO a cura di Giuseppe Montante VALUTAZIONE DEL MODELLO VIGENTE DI CARRIERA MOTIVAZIONI Da circa 16 anni è stato introdotto per la

Dettagli

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job

PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO. Regolamento Pool2job PROGETTO PILOTA: ADOZIONE DEL CAR POOLING COME MISURA DI MOBILITÀ AZIENDALE PER IL TRAFFICO FRONTALIERO Regolamento Pool2job REGOLAMENTO Pool2job Progetto pilota Pool2job per il traffico frontaliero nella

Dettagli

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG Avete un progetto d installazione, acquisto,

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

Segreteria organizzativa Referente: Nicoletta Suter Telefono: 0434 659830 Fax: 0434 659864 E-mail: nsuter@cro.it

Segreteria organizzativa Referente: Nicoletta Suter Telefono: 0434 659830 Fax: 0434 659864 E-mail: nsuter@cro.it (IRCCRO_00889) La Relazione medico-paziente in oncologia Crediti assegnati: 24 Durata: 16 ore Tipo attività formativa: Formazione Residenziale Tipologia: Corso di formazione Organizzato da: I.R.C.C.S.

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

BORDONI PIERPAOLO. Pierpaolo.bordoni@gmail.com

BORDONI PIERPAOLO. Pierpaolo.bordoni@gmail.com F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BORDONI PIERPAOLO Indirizzo Via MARINAI D'ITALIA 9 SONDRIO 23100 Telefono 0342214467 Fax E-mail Pierpaolo.bordoni@gmail.com

Dettagli

Il vostro sito internet.

Il vostro sito internet. Il vostro sito internet. Chi desidera creare un proprio sito in internet necessita di tre cose indispensabili, affinché la propria presenza possa comparire ed essere rintracciata nell immensa rete mondiale.

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino.

Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino. Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino. Incontri informativi per far conoscere la guida Invecchiare in Svizzera. Guida alla

Dettagli

Profilo delle qualifiche per Impiegata in logistica AFC / Impiegato in logistica AFC

Profilo delle qualifiche per Impiegata in logistica AFC / Impiegato in logistica AFC Profilo delle qualifiche per Impiegata in logistica AFC / Impiegato in logistica AFC Numero della professione 95504 Ordinanza sulla formazione professionale / Piano di formazione del 18 ottobre 2006 sulla

Dettagli

CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CORSO DI INFORMATICA CORSO SULLA SICUREZZA DEI PAZIENTI E GESTIONE DEL RISCHIO

CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CORSO DI INFORMATICA CORSO SULLA SICUREZZA DEI PAZIENTI E GESTIONE DEL RISCHIO CORSI CORSO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO CORSO DI INFORMATICA CORSO SULLA SICUREZZA DEI PAZIENTI E GESTIONE DEL RISCHIO OTTIMIZZAZIONE & QUALITÀ DEI PROCESSI E SERVIZI IN AZIENDA CORSO SULLE TECNICHE

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL

IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL AUTORI Baratta S, Batistini R, Forni S, Francone C,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/09/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero di telefono e fax dell ufficio

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

LA GESTIONE DELLE SCORTE: Ruoli e Responsabilità

LA GESTIONE DELLE SCORTE: Ruoli e Responsabilità LA GESTIONE DELLE SCORTE: Ruoli e Responsabilità Il punto di vista dell Infermiere di Camera Operatoria Dott. R. Povoli PREMESSA La sala operatoria è il fulcro delle complesse vicende che si legano ad

Dettagli