ADEMPIMENTI PER LA BOLLATURA DI LIBRI E REGISTRI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ADEMPIMENTI PER LA BOLLATURA DI LIBRI E REGISTRI"

Transcript

1 UFFICIO REGISTRO DELLE IMPRESE ADEMPIMENTI PER LA BOLLATURA DI LIBRI E REGISTRI Versione 6 marzo 2014 (inserite precisazioni sulla tassa di concessione governativa) 1

2 Indice generale 1. DISPOSIZIONI GENERALI Oggetto della bollatura L'Ufficio del Registro delle imprese non procederà alla bollatura: Altri libri e scritture contabili previsti dalla riforma I libri sociali obbligatori per i consorzi di garanzia collettiva Fidi LA PREPARAZIONE E PRESENTAZIONE DEL LIBRO Predisposizione del libro/registro oggetto della bollatura La numerazione dei libri La modulistica da compilare I diritti di segreteria La tassa di concessione governativa L imposta di bollo Il ritiro dei libri bollati Raccomandazioni ALLEGATI ALLE DISPOSIZIONI TABELLA RIASSUNTIVA DEGLI ADEMPIMENTI LIBRI E REGISTRI BOLLATI DAL REGISTRO IMPRESE LIBRI E REGISTRI DA BOLLARE PRESSO ALTRI ENTI

3 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. Oggetto della bollatura La legge n. 383 all articolo 8 determina la soppressione dell obbligo di bollatura di alcuni libri contabili obbligatori, tramite la modifica delle seguenti disposizioni: a) sostituzione dell articolo 2215 del c.c., il quale ora prevede la bollatura dei libri contabili solo quando essa sia espressamente prevista da norme e che l operazione deve essere eseguita dal Registro delle imprese o dal notaio. Il libro giornale e il libro inventari devono invece essere soltanto numerati progressivamente e non sono soggetti a bollatura; b) sostituzione del primo comma dell articolo 39 del D.P.R.633/1972, (disciplina dell IVA) che ora prevede la sola numerazione dei registri soggetti al decreto stesso e non più la bollatura, sempre in esenzione dall imposta di bollo e la loro tenuta ai sensi dell articolo 2219 del c.c.; c) sostituzione del primo comma dell articolo 22 del D.P.R. 600/1973 (disposizioni in materia di accertamento delle imposte sui redditi) che ora prevede la sola numerazione dei registri soggetti al decreto stesso e non più la bollatura, sempre in esenzione dall imposta di bollo e la loro tenuta ai sensi dell articolo 2219 del c.c.; d) variazioni all articolo 16 della Tariffa, parte prima, annessa al D.P.R. 642/1972 concernente la disciplina dell imposta di bollo (così come sostituita dal decreto del Ministro delle Finanze 20 agosto 1992); Da tali modifiche si ricava rispettivamente che: (a) il libro giornale ed il libro inventari non sono più soggetti a bollatura; (b) i registri previsti dalla normativa fiscale non sono più soggetti a bollatura; (c) le scritture contabili previste dalla normativa tributaria non sono più soggette a bollatura; (d) l imposta di bollo per i libri giornale ed inventari e per le altre scritture contabili previsti dall articolo 2214 del c.c., passa 1 da 16 a 32 euro per ogni cento pagine, solo per i soggetti diversi dalle società di capitali; quest ultime, infatti, continuano ad applicare il bollo nella misura di 16 euro per ogni cento pagine e continuano ad assolvere in modo forfettario la tassa di concessione governativa per la bollatura e numerazione di libri sociali previsti dal c.c. (articolo 23 della Tariffa allegata al D.P.R. 641/1972) Le modifiche non riguardano invece i libri e registri tenuti ai sensi di normative speciali diverse dalle suddette, che continuano ad essere bollati con le solite modalità presso i soliti Enti; i libri sociali previsti dall art c.c. (riguardanti S.p.A. e cooperative per il richiamo fatto dall'art c.c.) per i quali rimane l obbligo della bollatura: il libro dei soci; il libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee; il libro delle adunanze e delle deliberazioni del Consiglio di amministrazione o del consiglio di gestione; il libro delle adunanze e delle deliberazioni del Comitato esecutivo; il libro delle adunanze e delle deliberazioni del Collegio sindacale ovvero del consiglio di sorveglianza o del comitato per il controllo sulla gestione; il libro delle obbligazioni; il libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee degli obbligazionisti; il libro degli strumenti finanziari emessi ai sensi dell'articolo 2447 sexies; 1 Legge 24 giugno 2013 n. 71, di conversione del Decreto Legge n. 43/2013 art. 7 2 In grassetto sottolineato le integrazioni apportate all'articolo 2421 dal decreto legislativo 6/2003 in vigore dal 1 gennaio

4 i libri sociali previsti dall art del c.c. per le S.r.l., per i quali rimane l obbligo della bollatura: il libro dei soci; il libro delle decisioni dei soci, nel quale sono trascritti senza indugio sia i verbali delle assemblee, anche se redatti per atto pubblico, sia le decisioni prese ai sensi del primo periodo del terzo comma dell'articolo ; il libro delle decisioni degli amministratori; il libro delle decisioni del Collegio sindacale o del revisore nominati ai sensi dell'articolo 2477; 1.2. L'Ufficio del Registro delle imprese non procederà alla bollatura: a) di libri, registri e scritture contabili di imprese od altri soggetti aventi la sede legale in altra Provincia; b) di libri, registri la cui bollatura e a carico, per espressa previsione normativa, di specifici Enti, quali l Ufficio del Registro, l INPS, l INAIL, la Questura, l'ufficio Tecnico di Finanza, ecc Altri libri e scritture contabili previsti dalla riforma Il dettato del nuovo articolo 2447-sexies c.c. individua due casi particolari per i quali occorre tenere i libri e le scritture contabile previsti dagli artt e segg. C.c.: a) costituzione di un patrimonio destinato in via esclusiva ad uno specifico affare; b) emissione di strumenti finanziari diversi dalle obbligazioni; per ciò che concerne l'ipotesi a) si tratta del libro giornale e del libro inventari e di altre eventuali scritture contabili richieste dallo specifico affare (difatti ogni affare necessita di una specifica contabilità); per la bollatura si applicano le norme generali dell'art c.c., nel senso che il giornale e gli inventari non vi sono soggetti e per eventuali altri libri l'articolo 2447-sexies non la prevede. Per l'ipotesi b) si è già visto che esso è compreso tra quelli per i quali l'art prevede la bollatura I libri sociali obbligatori per i consorzi di garanzia collettiva Fidi Secondo quanto stabilito dall art. 13, comma 36 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, con la legge 24 novembre 2003, n. 326, i consorzi di garanzia collettiva Fidi, con attività esterna, oltre i libri e le altre scritture contabili prescritti tra quelli la cui tenuta è obbligatoria, devono tenere: 1) il libro dei consorziati, nel quale devono essere indicati la ragione o denominazione sociale ovvero il cognome e il nome dei consorziati e le variazioni nelle persone di questi; 2) il libro delle adunanze e delle deliberazioni dell'assemblea, in cui devono essere trascritti anche i verbali eventualmente redatti per atto pubblico; 3) il libro delle adunanze e delle deliberazioni dell'organo amministrativo collegiale, se questo esiste; 4) il libro delle adunanze e delle deliberazioni del collegio sindacale, se questo esiste. I primi tre libri devono essere tenuti a cura degli amministratori e il quarto a cura dei sindaci. Ai consorziati spetta il diritto di esaminare i libri indicati nel presente comma e, per quelli indicati nei numeri 1) e 2), di ottenerne estratti a proprie spese. Il libro indicato nel numero 1) può altresì essere esaminato dai creditori che intendano far valere la responsabilità verso i terzi dei singoli consorziati ai sensi dell'articolo 2615, secondo comma, e deve essere, prima che sia messo in uso, numerato progressivamente in ogni pagina e bollato in ogni foglio dall'ufficio del Registro delle imprese o da un notaio. 3 L'articolo 2478 sostituisce il vecchio articolo 2490 c.c., ai sensi del decreto legislativo 6/2003 in vigore dal 1 gennaio Il primo periodo del terzo comma del nuovo articolo 2479 recita: "L'atto costitutivo può prevedere che le decisioni dei soci siano adottate mediante consultazione scritta o sulla base del consenso espresso per iscritto." 4

5 2. LA PREPARAZIONE E PRESENTAZIONE DEL LIBRO 3.1. Predisposizione del libro/registro oggetto della bollatura Su ciascun foglio di libro o registro dovrà essere riportata la numerazione progressiva; se si tratta di fogli singoli su ciascuno di essi dovranno essere riportati anche la denominazione o ragione sociale dell'impresa e il tipo di libro (es. F.lli Rossi S.r.l. verbale delle assemblee pag.1 ). Sull ultimo foglio numerato dovranno essere riportati i seguenti dati, relativi al libro e all impresa:: Tipo di libro/registro denominazione o ragione sociale - sede sociale - codice fiscale Numero totale delle pagine che compongono il libro Numero della pagina iniziale e numero della pagina finale Esempio della dicitura da apporre: VERBALE DELLE ASSEMBLEE DELLA F.LLI ROSSI s.r.l. CON SEDE IN ANCONA, CODICE FISCALE , COMPOSTO DA 500 PAGINE NUMERATE DALLA PAGINA N.1 ALLA PAGINA N La numerazione dei libri a) i libri, prima di essere messi in uso, devono essere numerati progressivamente; b) il libro giornale e il libro degli inventari dovranno essere numerati progressivamente con l indicazione delle quattro cifre dell anno di bollatura La modulistica da compilare Dovrà essere compilato l apposito modello L2 di richiesta, indicando i dati dell impresa per la quale si richiede la bollatura, compresi il numero di posizione REA e/o il codice fiscale. Con un unico modello può essere richiesta la bollatura di più libri o registri riferiti alla medesima impresa o soggetto obbligato. Il modello L2 può essere sottoscritto, oltre che dal titolare o legale rappresentante dell'impresa, anche dalla persona dello Studio o dell Agenzia che procede direttamente alla richiesta. All interno del modello: a) la prova dell avvenuto pagamento della T.C.G., che potrà essere per le società di capitali: -l ultima ricevuta rilasciata in seguito al pagamento telematico con il mod. F24 della tassa forfetaria annuale, da cui risulta l effettivo prelevamento del tributo; -l attestazione originale del versamento effettuato sul CCP n in sede di apertura della Partita Iva; se il bollettino di c/c postale non comprende le due parti ricevuta e attestazione se ne potrà depositare una copia previa esibizione dell originale; per i soggetti diversi dalle società di capitali vale quanto detto in merito sopra relativamente al versamento con c/c postale. b) l attestazione dell avvenuto pagamento dei diritti di segreteria, se effettuato tramite versamento sul CCP n , anziché direttamente allo sportello camerale. 5

6 3.4. I diritti di segreteria Per ogni libro o registro da bollare presso l Ufficio del Registro delle imprese, previsto dalla normativa o tenuto volontariamente, e dovuto un diritto di segreteria di euro indipendentemente dal numero delle pagine che lo costituiscono. Vedi anche la tabella allegata Tale diritto potrà essere pagato, direttamente allo sportello del Registro delle imprese, o a mezzo del CC Postale n , intestato alla Camera di Commercio di Ancona. Può essere effettuato un versamento cumulativo per la contestuale richiesta di bollatura di più libri o registri, purché riferiti ad una medesima impresa. Nel caso in cui il versamento dei diritti di segreteria venga effettuato tramite Conto Corrente Postale, all interno del modello L2 dovrà essere applicata l attestazione comprovante l avvenuto versamento La tassa di concessione governativa Il pagamento della tassa di concessione governativa e dovuto per la bollatura obbligatoria dei libri sociali previsti dalla normativa civilistica e per la bollatura volontaria di altri libri e registri. La tassa è dovuta nella misura di euro 67,00 per ogni libro per gli imprenditori commerciali individuali, le società di persone, le società cooperative (comprese le banche popolari e le banche di credito cooperativo, escluse le cooperative sociali e le edilizie e di abilitazioni per le quali si rinvia più sotto); le mutue assicuratrici; i consorzi ; E' dovuta in modo forfetario per le società per azioni; le società in accomandita per azioni; le società a responsabilità limitata; le società consortili a responsabilità limitata. La tassa forfetaria di euro 309,87 (o di euro 516,46 se il capitale sociale od il fondo di dotazione al 1 gennaio sia pari o superiore a euro ,90), va effettuata entro il termine di versamento dell imposta sul valore aggiunto dovuta per l anno precedente, facendo uso del modello telematico F24, con codice versamento 7085, la cui ultima ricevuta attestante l effettivo pagamento va consegnata con la richiesta di bollatura, come detto al punto 2.4. Le operazioni di bollatura richieste dal 1 gennaio alla suddetta data di scadenza, verranno effettuate dietro presentazione dell originale del modello F24 relativo all'anno precedente o di una sua copia se durante l anno sono stati bollati altri libri o registri. Per le società di nuova costituzione, il primo versamento dovrà essere effettuato unicamente con il C/C Postale n ECCEZIONI: - Le società cooperative sociali, regolarmente iscritte nell albo presso il Ministero delle Attività produttive, le ONLUS, le società e le associazioni sportive dilettantistiche 6 che hanno adeguato i loro statuti aggiungendo alla denominazioni gli acronimi A.S.D. (ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA) o S.S.D. (SOCIETA SPORTIVA DILETTANTISTICA) sono COMPLETAMENTE escluse dal pagamento della tassa di concessione; per le sole società cooperative edilizie e di abitazione, regolarmente iscritte nell albo presso il Ministero delle Attività produttive, e previsto il pagamento di una tassa di concessione governativa dell importo di euro 16,75 (25% del totale) per ogni 500 pagine o frazione di 500 pagine da effettuarsi con apposite marche di tassa concessione governativa. La semplificazione introdotta dalla legge richiamata in Oggetto della bollatura esonera dall obbligo di bollatura il libro giornale ed il libro inventari. 5 6 D.M. in vigore dal 1 luglio 2008: riduzione da Art. 13-bis legge 641/1972 6

7 Nel caso in cui questi libri siano portati volontariamente a bollare, sarà dovuta la tassa di concessione secondo le modalità sopra indicate a seconda dalla forma giuridica dell'imprenditore L imposta di bollo Il pagamento dell imposta di bollo e dovuto per la tenuta dei libri e delle scritture contabili previsti dalla normativa civilistica (libro giornale, libro degli inventari, libro soci, libro dei verbali di assemblea, ecc.). e dei libri e registri previsti da leggi speciali o tenuti volontariamente. Sono pertanto esclusi dal pagamento dell imposta in questione solo i libri, registri e scritture contabili previsti da normativa fiscale e tributaria.. Vedi anche la tabella allegata Novità si riscontrano anche in materia di imposta di bollo. Con il comma 4, dell articolo 8 in esame viene, infatti, modificato l articolo 16 della Tariffa, Parte Prima, allegato al D.P.R. 26 ottobre 1972, n A seguito di queste modifiche, vengono introdotte le seguenti novità: 1. per i libri soggetti alla numerazione e alla bollatura, l imposta di bollo è di 16 1 euro per ogni 100 pagine; 2. per il libro giornale e il libro degli inventari, tenuti dai soggetti diversi da quelli che assolvono in modo forfetario la tassa di concessione governativa per la bollatura e la numerazione di libri e registri a norma dell articolo 23 della Tariffa allegata al D.P.R. n. 641/1972, sarà dovuta una imposta doppia di bollo pari ad euro 32 per ogni 100 pagine. Dunque: Sul libro giornale e sul libro degli inventari tenuti da: gli imprenditori commerciali individuali, le società di persone, le società cooperative (comprese le banche popolari e le banche di credito cooperativo); le mutue assicuratrici; i consorzi. dovrà essere applicata una marca da bollo da 32 euro ogni 100 pagine o frazione di 100 pagine, indipendentemente dal fatto che il libro sia o non sia sottoposto a bollatura; Sul libro giornale e sul libro degli inventari tenuti da: le società per azioni, le società in accomandita per azioni, le società a responsabilità limitata, le società consortili a responsabilità limitata continuerà ad essere applicata una marca da bollo da 16 euro per ogni 100 pagine o frazione di 100 pagine. Su tutti gli altri libri soggetti a numerazione e bollatura, continuerà ad applicarsi una marca da bollo da 16 euro per ogni 100 pagine e frazione di 100 pagine. L incremento dell imposta di bollo non riguarderà, infatti, i libri sociali non rientranti nell articolo 2214 del Codice civile. Novità ci sono anche sulle modalità di pagamento dell imposta di bollo: tale tributo potrà, infatti, essere assolto sia mediante l applicazione di speciali marche sulla prima pagina numerata, sia effettuando il versamento con il modello F23. In quest ultimo caso, gli estremi della relativa ricevuta di pagamento dovranno essere riportati sulla prima pagina di ciascun libro o registro. Con la Risoluzione n. 174/E del 31 ottobre 2001, l Agenzia delle entrate ha reso noto il codice tributo da utilizzare per il pagamento dell imposta di bollo su libri e registri. I codici da usare sono i seguenti: codice tributo: 458T Imposta di bollo su libri e registri codice ufficio: R9A più l anno Come precisato nella Circolare dell Agenzia delle entrate n. 92/E, L imposta di bollo, dovuta per la formalità di numerazione, va assolta prima che il registro sia posta in uso, ossia prima di effettuare le annotazioni sulla prima pagina. In materia di modalità di assolvimento dell imposta con PROVVEDIMENTO 5 maggio 2005 del Direttore dell Agenzia generale delle Entrate sono state approvate le caratteristiche e le modalità d'uso del contrassegno sostitutivo delle marche da bollo, ai sensi dell'articolo 3, comma 1, numero 3-bis, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e le caratteristiche tecniche del sistema informatico idoneo a 1 Legge 24 giugno 2013 n. 71, di conversione del Decreto Legge n. 43/2013 art. 7 7

8 consentire il collegamento telematico tra gli intermediari e l'agenzia delle entrate. (pubblicato nella G.U 118 del Sono escluse dal pagamento 7 di tale imposta le sole COOPERATIVE SOCIALI (regolarmente iscritte nell albo presso il Ministero dello Sviluppo economico), che la legge considera ONLUS di diritto Il ritiro dei libri bollati Si comunica che, al fine di evitare inconvenienti di vario genere ed a tutela delle imprese e degli altri soggetti richiedenti la bollatura, il ritiro dei libri bollati può essere effettuato soltanto dietro esibizione della ricevuta di protocollo rilasciata dall'ufficio all'atto della consegna dei libri stessi Raccomandazioni Se la bollatura riguarda complessivamente più di 10 libri e/o registri, SOPRATTUTTO NEL CASO SIANO DI IMPRESE DIVERSE, è opportuna una telefonata ( /244 sede di Ancona 0731/ sede di Jesi- 0732/23846 sede di Fabriano) per accordarsi circa il giorno e l ora di presentazione più conveniente, sia per l ufficio che per il richiedente. 3. ALLEGATI ALLE DISPOSIZIONI Sono allegati a queste disposizioni: 1. una tabella dei diritti, imposte e tasse da corrispondere a seconda della natura giuridica del soggetto che bolla e del tipo di libro da bollare; 2. un riepilogo, a solo titolo esemplificativo, dei libri e registri previsti dalle diverse normative e di quelli che non possono essere bollati dal Registro delle imprese. 3.1 TABELLA RIASSUNTIVA DEGLI ADEMPIMENTI Tipo di libro Libro giornale, Libro inventari di imprese individuali, Snc, Sas, Coop., Consorzi Libro giornale, Libro inventari di Spa, Sapa, Srl e Soc. cons. a r.l. Numerazione Bollatura SI SI NO NO Imposta di bollo 32 Euro ogni 100 pagine o frazione escluse Onlus e cooperative sociali 16 Euro ogni 100 pagine o frazione di 100 pagine T.C.G. NO (se presentati per la bollatura EURO 67,00 ogni 500 pag., escluse le Onlus; le coop. edilizie versano euro ) SI - FORFETTARIA Euro 309,87 (o euro 516,46 se il capitale è pari o superiore ad euro ,90 ) Diritti di segreteria o speciali NO (Se presentati per la bollatura 25.00) NO (Se presentati per la bollatura 25.00) Libro soci SI SI SI SI Adunanze assemblea SI SI SI SI c.s 7 fino al 10 aprile 2007 ne erano esentate anche le società cooperative edilizie e di abitazione; successivamente, in relazione ai pareri espressi.dalle agenzie regionali delle Entrate dell Emilia Romagna e della Lombardia, (in risposta rispettivamente ad interpelli della Camera di commercio di Ferrara e di quella di Milano), l esenzione è applicata solamente agli atti ed adempimenti tassativamente elencati nell art. 66 comma 6 bis del D.L. 331/1993 8

9 Libro decisioni dei soci SI SI SI SI c.s. Libro adunanze/decisioni organo amministrativo SI SI SI SI c.s. Libro adunanze/decisioni dell' organo di controllo SI SI SI SI c.s. Libro adunanze Comitato esecutivo SI SI SI SI c.s. Libro delle obbligazioni SI SI SI SI c.s. Assemblee obbligaz.isti " speciali SI SI SI SI c.s. Libro strumenti SI SI SI SI c.s. finanziari Registri IVA SI NO NO NO NO/ se bollati Libri IRPEF SI NO NO NO NO/ se bollati Scritture ausiliare NO NO NO NO NO/ se bollati Scritture ausiliare di magazzino NO NO NO NO NO Registro carico/scarico SI SI NO NO rifiuti 8 Formulari identificazione SI SI NO NO NO rifiuti 9 Registro raccolta 10 SI SI NO NO eliminazione oli usati Registro cronotachigrafi SI SI SI NO Registri/libri portati a bollare volontariamente 11 SI SI ogni 100 pag. SI LIBRI E REGISTRI BOLLATI DAL REGISTRO IMPRESE PREVISTI DALLE NORME CIVILISTICA BOLLATURA OBBLIGATORIA i libri sociali previsti dall art del c.c., per i quali rimane l obbligo della bollatura: il libro dei soci; il libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee; il libro delle adunanze e delle deliberazioni del Consiglio di amministrazione o del consiglio di gestione; il libro delle adunanze e delle deliberazioni del Comitato esecutivo; il libro delle adunanze e delle deliberazioni del Collegio sindacale ovvero del consiglio di sorveglianza o del comitato per il controllo sulla gestione; il libro delle obbligazioni; il libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee degli obbligazionisti; il libro degli strumenti finanziari emessi ai sensi dell'articolo 2447 sexies; i libri sociali previsti dall art del c.c., per i quali rimane l obbligo della bollatura: il libro dei soci; 8 152/ D.Lgs. 16/01/2008 n. 4 G.U. 24 del 29/01/2008 art. 2 comma 24 bis che aggiunge il comma 6-bis all art. 190 del D.Lgs. Tenuti ai sensi dell articolo 15 del D.Lgs. n. 22/1997 e del D.M. 1^ aprile 1998, n Va bollato senza pagare alcun diritto. E' possibile effettuarne la bollatura anche per imprese con sede fuori provincia. 10 Si ricorda che tali registri, ai sensi dell art. 2 del D.M. 22 febbraio 1984, possono essere bollati anche dal Consorzio obbligatorio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali e animali esausti. 11 Vedi elenco nelle pagine seguenti, redatto a fini indicativi, senza pretesa di completezza 12 imposta che raddoppia a 32 euro per i libri giornale ed inventari di imprese individuali, Snc, Sas, Coop., Consorzi sono naturalmente esenti dall imposta i libri/registri tenuti in base alla normativa fiscale o tributaria 13 Ne sono escluse le società e associazioni sportive dilettantistiche (vedi paragrafo TCG) ed i libri/registri tenuti in base alla normativa fiscale o tributaria 9

10 il libro delle decisioni dei soci, nel quale sono trascritti senza indugio sia i verbali delle assemblee, anche se redatti per atto pubblico, sia le decisioni prese ai sensi del primo periodo del terzo comma dell'articolo 2479 ; il libro delle decisioni degli amministratori; il libro delle decisioni del Collegio sindacale o del revisore nominati ai sensi dell'articolo 2477; PREVISTI DALLA NORMATIVA FISCALE e TRIBUTARIA (BOLLATURA NON OBBLIGATORIA) esenti da imposta di bollo e T.C.G. anche se sottoposti a bollatura REGISTRO IVA ACQUISTI REGISTRO IVA VENDITE REGISTRO DEI CORRISPETTIVI REGISTRO DEI BENI AMMORTIZZABILI REGISTRO PRIMA NOTA REGISTRO UNICO IRPEF REGISTRO UNICO IVA REGISTRO RIEPILOGATIVO IVA REGISTRO CORRISPETTIVI MANCATO/IRREGOLARE FUNZ. REGISTR. CASSA REGISTRO FATTURE IN SOSPESO REGISTRO DI CARICO STAMPATI FISCALI REGISTRO MERCI CONTO DEPOSITO REGISTRO MERCI CONTO LAVORAZIONE REGISTRO MERCI IN VISIONE REGISTRO MERCI IN PROVA REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO REGISTRO PROTOCOLLO DICHIARAZIONI ESPORTATORI REGISTRI MULTIAZIENDALI PER CED REGISTRI DI CARICO E SCARICO PER CED REGISTRI DELLE SOMME RICEVUTE IN DEPOSITO REGISTRO EDITORI REGISTRO DI CARICO REGISTRATORI FISCALI CONTI DI MASTRO - CONTI DI MAGAZZINO REGISTRO ELABORAZIONI MECCANOGRAFICHE REGISTRO DEI CAMPIONI GRATUITI REGISTRO DELLE MOVIMENTAZIONI FINANZIARIE PROSPETTO PER CONTRIBUENTI MINIMI E MINORI REGISTRO IVA VENDITE / ACQUISTI CEE REGISTRI PER OPERAZIONI SOGGETTI INTRA COMUNITARI REGISTRI CONTABILI TENUTI DA PROFESSIONISTI (BOLLATURA NON OBBLIGATORIA) (i registri tenuti ai sensi della normativa fiscale e tributaria sono esenti da bollo e T.C.G.) REGISTRO IVA ACQUISTI (Spese) REGISTRO IVA FATTURE EMESSE (Parcelle) REGISTRO IRPEF PAGAMENTI E INCASSI REGISTRO IVA ACQUISTI con Sezione IRPEF Pagamenti REGISTRO IVA FATTURE EMESSE con Sezione IRPEF Incassi REGISTRO CRONOLOGICO componenti di Reddito e relativi Movimenti Finanziarie REGISTRO DEGLI ONORARI 1

11 LIBRI REGISTRI E SCRITTURE CONTABILI PREVISTI DA NORMATIVE SPECIALI BOLLATURA OBBLIGATORIA REGISTRO CARICO E SCARICO RIFIUTI (obbligatoria dal ,esente da bollo etcg) 14 REGISTRO CARICO E SCARICO OLI USATI FORMULARI DI IDENTIFICAZIONE RIFIUTI TRASPORTATI (completamente gratuiti) REGISTRO DEI PALINSESTI REGISTRO GIORNALE DEGLI INCARICHI DEGLI STUDI DI CONSULENZA AUTOMOBILISTICA REGISTRO DI CONTABILITA PER L ESECUZIONE DI LAVORI PUBBLICI 15 REGISTRO OPERAZIONI DI CAMBIO (esente da bollo art. 5 tab. alleg. B DPR 6442/72) e da TCG - nota 1 art. 23 tariffa DPR641/72) REGISTRO DEI PREMI (ASSICURAZIONI) (esente da bollo art. 5 tab. alleg. B DPR 6442/72) e da TCG - nota 1 art. 23 tariffa DPR641/72) LIBRO DEI FIDUCIANTI REGISTRO TENUTO DAL COMMISSARIO LIQUIDATORE DI COOPERATIVE 16 REGISTRO AMIDI E ZUCCHERI; (Camera di commercio - Regolazione del Mercato) 14 art. 190 comma 6 D.L.gs. 152/2006 I registri sono numerati, vidimati e gestiti con le procedure e le modalità fissate dalla normativa sui registri IVA L obbligo della bollatura dal è stato introdotto dal D.Lgs n tenuto ai sensi del D.P.R. 554/1999 art. 183 comma 4 che dispone: Il registro di contabilità è numerato e bollato dagli uffici del registro ai sensi dell art c.c. (oggi ufficio competente alla bollatura è il registro delle imprese (legge 383/2001 art. 8 comma 1) 16 Dal 15 agosto 2009, il registro tenuto, ai sensi dell art. 1 L. 400/1975, dal commissario liquidatore delle società cooperative, enti o consorzi cooperativi (nel quale vengono annotate le operazioni relative alla sua amministrazione), deve essere vidimato dalla Camera di Commercio competente per territorio (articolo 10 comma 7 della Legge 23/07/2009 n G.U. n. 176 del 31/07/2009). Per la vidimazione di ogni registro deve essere corrisposto il solo diritto di segreteria di Euro 10,00 (indipendentemente dal numero di pagine), come previsto dal Decreto MiSE 21 dicembre

12 3.3 LIBRI E REGISTRI DA BOLLARE PRESSO ALTRI ENTI Libro matricola 17 Libro paga 18 LIBRI DEI LAVORATORI DIPENDENTI Registro degli infortuni Registro dei committenti Registro delle presenze (INPS INAIL - ASL) REGISTRI PREVISTI DALLA NORMATIVA DI PUBBLICA SICUREZZA (Questura) 17 tra cui Giornale degli affari Registro di carico e scarico di autoveicoli Registro degli autoveicoli affidati a terzi Registro operazioni giornaliere antiquariato e collezionismo Registro operazioni giornaliere materiali esplodenti REGISTRI PREVISTI DALLE LEGGI SULL'IMPOSTA DI FABBRICAZIONE (UFFICIO TECNICO DI FINANZA) tra cui: Registro di carico e scarico per i titolari di depositi di oli minerali e di distribuzione di carburanti in genere Registro di carico e scarico per fabbricanti ed importatori di margarina Registro di carico e scarico per fabbricanti di oli di semi Registro di carico e scarico per fabbricanti di glucosio, marmellate, liquori e fermentati alcoolici REGISTRO O SCHEDARIO TENUTO DAI DETENTORI DI PRESIDI SANITARI (ASL) REGISTRO DEL COMMERCIO DI COSE USATE (COMUNE) REGISTRO PER LE AZIENDE CHE DETENGONO ANIMALI (SERVIZIO VETERINARIO) BOLLE DI ACCOMPAGNAMENTO DELLE SOSTANZE ZUCCHERINE (ISTITUTI DI VIGILANZA MINISTERO POLITICHE AGRICOLE) 17 L art. 39 del D.L. 25 giugno 2008, n. 112 riduce ogni scritturazione contabile alla tenuta di un Libro unico del lavoro.escono di scena: il libro matricola, il libro paga, il libro delle presenze. Con il decreto del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali del 9 luglio 2008 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 192 del 18 agosto 2008) sono state stabilite le modalità e i tempi di tenuta e conservazione del libro unico del lavoro e disciplinato il relativo regime transitorio. 18 In seguito al trasferimento delle competenze dalla Questura ai comuni questi ultimi sono anche tenuti alla vidimazione dei libri/registri necessari all attività subordinata all autorizzazione. 1 1

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 A cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2013 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese

IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese di Claudio Venturi Sommario: - 1. Soggetti obbligati. 1.1. Consorzi. 1.2. Consorzi di garanzia

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

l agenzia 5 in f orma

l agenzia 5 in f orma l agenzia 5 in f orma 2004 GLI ADEMPIMENTI FISCALI PER L AVVIO DI UN ATTIVITÀ AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. INTRODUZIONE 2 II. DITTA INDIVIDUALE O SOCIETÀ DI PERSONE? 3 Ditta

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE (Modulistica Fedra e programmi compatibili) Versione 1.3 rilasciata in data 20.4.2009 Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica,

1 In luogo di Ministro/Ministero del tesoro e di Ministro/Ministero del bilancio e della programmazione economica, L 04/01/1968 Num. 15 Legge 4 gennaio 1968, n. 15 (in Gazz. Uff., 27 gennaio 1968, n. 23). -- Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione e autenticazione di firme 12 3 Preambolo (Omissis).

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Cos è una cooperativa e come si costituisce

Cos è una cooperativa e come si costituisce Cos è una cooperativa e come si costituisce SOMMARIO 1. Introduzione al mondo della cooperazione 2. La società cooperativa 3. Costituzione di una cooperativa 4. Libri e adempimenti formali della cooperativa

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI SALERNO 84100 Salerno Via Roma, 29 (Sede di Rappresentanza) - Via S. Allende, 19/21 (Sede Operativa) - Telefono 089.30.68.111 - Telefax 089.33.48.65

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti CAMERE DI COMMERCIO DI ALESSANDRIA, ASTI, BIELLA, NOVARA,VERCELLI UFFICIO DEL REGISTRO DELLE IMPRESE GUIDA ALLA COMUNICAZIONE UNICA Marzo 2010

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

ALLEGATO A - TARIFFA (Parte I) Atti, documenti e registri soggetti all'imposta fin dall'origine

ALLEGATO A - TARIFFA (Parte I) Atti, documenti e registri soggetti all'imposta fin dall'origine ALLEGATO A - TARIFFA (Parte I) Atti, documenti e registri soggetti all'imposta fin dall'origine Articolo della Tariffa INDICAZIONE DEGLI ATTI SOGGETTI AD IMPOSTA IMPOSTE DOVUTE (Euro) Fisse Proporzionali

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER TRASPORTI TERRESTRI DOMANDA PER OPERAZIONI RELATIVE AI CICLOMOTORI

MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER TRASPORTI TERRESTRI DOMANDA PER OPERAZIONI RELATIVE AI CICLOMOTORI Mod. TT 2118 MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER TRASPORTI TERRESTRI DOMANDA PER OPERAZIONI RELATIVE AI CICLOMOTORI 1/8 TABELLA RIASSUNTIVA DELLE OPERAZIONI A), B) 01 - Immatricolazione ciclomotore

Dettagli