Prima pagina 13/04/12. Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario. Non riproducibile.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prima pagina 13/04/12. Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario. Non riproducibile. www.heidicomunicazione.com"

Transcript

1 Prima pagina 1

2 Gazzetta di Modena 2

3 Gazzetta di Modena 3

4 Il Resto del Carlino 4

5 Il Resto del Carlino 5

6 Modena Qui Tra Lapam e Csi servizi in rete Gli artigiani rafforzano il legame con lo sport: i due enti metteranno in comune la sede di Pavullo Due basi associative che affondano la loro mission nella volontà di creare un valore aggiunto per il territorio modenese. Nel segno di valori che si rifanno allo sport e all impegno sociale. E in questo quadro che nasce la collaborazione tra Lapam e Csi (Centro Sportivo Italiano) presentata ieri ai media. E non si tratterà di un unione soltanto per una singola iniziativa ma per un discorso ad ampio raggio e proiettato al futuro. Nel concreto Lapam offre a Csi un supporto per la parte di sua competenza (ovvero i servizi fiscali e assicurativi che anche le società sportive sono tenute a rispettare oltre a consulenza nella medicina sportiva, nella formazione e in altri ambiti, come energia ad esempio), il Csi attraverso l impegno anche finanziario di Lapam porterà avanti piani di carattere sociale sul territorio della provincia. Per fare un esempio pratico, una società sportiva che avrà bisogno di suggerimenti per la gestione dei propri progetti (la costruzione di nuovi locali o di un impianto a risparmio energetico)o capire la fattibilità di un investimento potrà rivolgersi alla Lapam per una consulenza, come fanno gli imprenditori associati. Si tratterà, quindi, di un matrimonio in piena regola, da cui sia Lapam che Csi otterranno benefici non solo per le associazioni, ma anche, se non soprattutto, per le imprese da una parte e per le società sportive affiliate dall altra. Una collaborazione che si realizzerà anche in termini di infrastrutture. E in fase di progettazione, infatti, l apertura di una sede del Csi all interno dei locali Lapam di Pavullo. «Siamo davvero orgogliosi di presentare questo accordo - spiega il presidente generale Lapam, Erio Luigi Munari - perchè si tratta di mettere insieme due associazioni che vengono dalla medesima radice culturale. Come Lapam - continua - mettiamo a disposizione delle società sportive Csi il nostro know how e i nostri servizi. Al tempo stesso siamo felici di poter sostenere progetti sociali che il Csi sta portando avanti da tempo». Entusiasta anche il presidente provinciale del Csi, Stefano Gobbi: «Unire il nostro nome a quello di Lapam è prima di tutto, per noi, motivo d orgoglio. Ma non si tratta di un operazione di semplice marketing. E piuttosto la dimostrazione di come possano nascere collaborazioni virtuose tra diversi soggetti che hanno alla base valori comuni e l obiettivo crescere insieme e far crescere il territorio». Parla dei diversi progetti in partnership al vaglio, invece, il segretario Lapam, Carlo Alberto Rossi: «Penso ad esempio a un progetto sull Appennino, che stiamo formulando, ma anche a workshop e incontri tra mondo imprenditoriale e mondo sportivo. Lo sport racchiude in sè valori molto forti e non un caso se, tra gli oltre 600 dipendenti Lapam, molti hanno alle spalle percorsi di tipo sportivo». 6

7 Modena Qui Modena sud-castelfranco: l idea è una strada con pedaggio Per ora in Provincia c è solo uno studio di fattibilità Un progetto a lungo annunciato e a lungo fatto solo di parole. Due anni fa nell area di Castelfranco Emilia arrivò l ok della Regione alla costruzione del casello autostradale di Crespellano sull Autostrada A14 Bologna-Bari-Taranto. Ma per l altra opera strategica per il territorio, che porterebbe benefici al traffico sulla via Emilia verso Modena, soltanto altre promesse. Ma finalmente, per l annunciata e agognata strada di collegamento tra la tangenziale di Castelfranco Emilia e il casello di Modena sud, sembra muoversi qualcosa. Anche se in una direzione del tutto inedita. «E in atto uno studio di fattibilità per finalmente realizzare concretamente questo tratto», ha spiegato ieri Egidio Pagani, assessore provinciale alle Infrastrutture. L occasione è stata la presentazione in Provincia degli 80 milioni di investimenti in inteventi stradali, sulle scuole e sugli edifici di proprietà che viale Martiri della Libertà metterà in campo nel corso del Investimenti in cui non compare ancora il collegamento Castelfranco-casello Modena sud ma che, ugualmente, ha permesso di riaggiornare i presenti sulla situazione dell opera. Perchè se ora non sembrano esserci risorse per la sua realizzazione, prende sempre più quota l ipotesi di un project financing. «Sul collegamento c è già da tempo l intesa tra Provincia e comuni di Modena e Castelfranco e adesso, tra le soluzioni al vaglio, c è anche quella di una strada a pedaggio». E noto come l opera in questione libererebbe la via Emilia dal traffico pesante e consentirebbe a tutti di raggiungere Modena in tempi brevi, soprattutto in orari di punta. Allo stesso tempo il territorio castelfranchese potrebbe svincolarsi dal ruolo di paese dormitorio e diventare un centro abitato a più diretto contatto con la Ghirlandina. L idea di una strada a pedaggio, però, potrebbe lasciare perplessi in molti. Soprattutto perchè la bretella Castelfranco-Modena sud è da tempo annunciata e da tempo erano attese novità in fatto di risorse e, perlomeno, previsioni in fatto di tempistiche. Che la Provincia abbia in corso uno studio di fattibilità dimostra che l opera vuole essere fatta, anche se la sua realizzazione potrebbe passare attraverso un finanziamento per tasca degli automobilisti. Giungere al casello autostradale in tempi brevissimi potrebbe essere, senza ombra di dubbio, un incentivo non da poco per camionisti e guidatori che non intendono rimanere bloccati sulla tortuosa via Emilia. Ma sarà una scelta davvero percorribile? «Se ci sarà davvero un pedaggio - sottolineava ieri l assessore provinciale, Pagani - sicuramente bisognerà valutare tecnologie adatte come il Telepass per permettere uno scorrimento rapido sull arteria. E inimmaginabile mettere una barriera per il pagamento in un tratto così». Anche perchè, diciamo noi, l ingorgo sarebbe garantito. Così come è destinato ad aumetare il traffico nel tratto della Cavazzona dove i veicoli prederanno la direzione del futuro casello autostradale di Crevalcore (in località La Muffa). Fare il tratto Castelfranco-Modena sud a pagamento o attendere tempi migliori e risorse certe? Questo il dilemma a cui i Comuni in causa e, perchè no, chi percorre quotidianamente la via Emilia, dovranno rispondere. nvincenzo Malara 7

8 Modena Qui Unicredit: il nuovo n. 1 è Vita, il siciliano di Germania Alla fine le Fondazioni accettano l uomo dell Allianz p g p E Giuseppe Vita, il siciliano di Germania, il candidato alla presidenza di Unicredit dei principali soci dell istituto. La scelta di Vita, presidente di Allianz Italia e Banca Leonardo, è il risultato degli incontri che si sono susseguiti ieri mattina a partire dalle Prima si sono incontrate le Fondazioni bancarie, i cui princiali esponenti, come gli emiliani Marco Cammelli e Andrea Landi, hanno garantito che una soluzione sarebbe stata trovata in giornata. Il termine per la presentazione delle liste, in vista dell assemblea dell 11 maggio, scade infatti lunedì prossimo. E così, in una giornata proseguita con la riunione del Comitato nomine, si è arrivati alla scelta del 77enne di Favara come quasi sicuro successore di Dieter Rampl. Ovviamente, Federico Ghizzoni resta nel ruolo di amministratore delegato. Tra i principali azionisti, la scelta di Vita è avvenuta «all unanimità», hanno detto ai giornalisti sia il presidente della Fondazione Banco di Sicilia, Giovanni Puglisi, sia quello di CariTrieste, Massimo Paniccia. In verità, Paniccia e Puglisi sono entrati in gioco, ieri, solo in un secondo momento, in quanto l iniziale riunione era riservata alle Fondazioni sopra il 2%: CariTorino, CariVerona e Carimonte Holding. Nella terza fase, sono stati coinvolti i maggiori azionisti privati. Quindi è stato il turno del Comitato nomine e risorse umane. Il quale ha stabilito che, «al termine del processo di selezione per l individuazione del candidato alla presidenza, ha ritenuto che, tra le persone selezionate, tutte di alta professionalità, che hanno dato la loro disponibilità, quella che meglio risponde al profilo e ai requisiti della carica sia Giuseppe Vita». Gli incontri si sono conclusi intorno alle 16.30, e sono quindi durati circa sette ore in tutto. Vita ha sconfitto sul filo di lana nomi come Massimo Tononi, certo vicino a Goldman Sachs; Gian Maria Gros-Pietro, l uomo delle Fondazioni del Nord; e Angelo Tantazzi, possibili alfiere delle Fondazioni emiliane. In effetti, il 77enne manager sembra una buona applicazione del manuale Cencelli che regna in Piazza Cordusio. Banca dal cuore italiano, ma dove finora il presidente è stato un tedesco. Il prossimo sarà un siciliano che tuttavia ha fatto fortuna come emigrante di lusso in Germania, salendo addirittura, lui medico radiologo per formazione, ai vertici della Bayer. In Unicredit rappresenterà dunque al meglio gli interessi del socio forte Allianz, della cui filiale italiana è diventato presidente dopo l approdo di Enrico Tomaso Cucchiani a consigliere delegato della concorrente Intesa San Paolo. 8

9 Il Sole 24 Ore Bce, allarme occupazione In peggioramento il mercato del lavoro - Credito sempre difficile POCHI FINANZIAMENTI L'espansione della liquidità non ha portato per ora un forte aumento dei prestiti Miglioramenti si avranno con un ritorno della fiducia Alessandro Merli FRANCOFORTE. Dal nostro corrispondente La Banca centrale europea avverte che nei prossimi mesi sia la situazione della disoccupazione, sia la stretta creditizia nell'eurozona sono destinate a peggiorare. Sul fronte del credito, il bollettino mensile della Bce, pubblicato ieri, riconosce che le due operazioni triennali di rifinanziamento del sistema bancario (Ltro) realizzate a dicembre e febbraio (e che hanno fornito liquidità netta al sistema per oltre 500 miliardi di euro) richiederanno tempo per dispiegare del tutto i propri effetti, anche se è già evidente, dai dati di gennaio e febbraio, che hanno alleggerito le pressioni al deleveraging sulle banche. Intanto, una combinazione di fattori contribuisce a un mercato del credito stagnante. I prestiti alle imprese sono cresciuti su base annua solo dello 0,6% a febbraio, quelli alle famiglie dell'1,8. La Bce vede nella debolezza della domanda di credito la causa principale della modesta crescita dei volumi di prestito. Le prospettive, secondo la Bce, sono che la domanda di prestiti da parte delle imprese e delle famiglie, almeno per la prima metà del 2012, resti debole in linea con l'attività economica. Anche l'offerta tuttavia trova un freno, afferma la Bce, sia nelle pressioni sulla capacità di raccolta delle banche derivanti dal l'incertezza economica e finanziaria, sia nei cambiamenti sui requisiti di capitale imposti dalle nuove regole di Basilea 3. L'obiettivo, ha detto ieri il capo economista della Bce, Peter Praet, è di ottenere un deleveraging "ordinato" del sistema bancario, ma i modi per raggiungerlo sono oggetto di discussione. L'espansione della liquidità da parte delle banche centrali dell'eurozona non ha portato a una forte crescita del credito (che indicherebbe che si stanno materializzando rischi d'inflazione) e lo farà solo, sostiene il bollettino, con «un ritorno sostenuto della fiducia e un rafforzamento dell'attività economica, insieme a un sistema bancario che possa e voglia fornire credito all'economia reale». Quanto alle condizioni del mercato del lavoro nell'area dell'euro, osserva il bollettino mensile della Bce, continuano a deteriorarsi. La crescita dell'occupazione è rimasta negativa e il tasso di disoccupazione ha continuato a salire. I sondaggi fra gli operatori economici indicano un ulteriore peggioramento nel breve termine. La disoccupazione sta salendo dall'aprile dell'anno scorso e ha raggiunto il 10,8%, lo 0,6% in più, ricorda il bollettino, del massimo precedente toccato a maggio Il presidente della Bce, Mario Draghi, ha affermato la settimana scorsa che si tratta dei livelli più alti dalla nascita della moneta unica. L'editoriale del bollettino mensile riprende la sollecitazione fatta da Draghi ai Governi per la riforma del mercato del lavoro, come uno dei tasselli da sistemare, insieme ai conti pubblici e a mercati dei prodotti più flessibili, per assicurare il funzionamento dell'economia del l'area euro. La Banca centrale europea rileva anche il rallentamento nella crescita della produttività nell'eurozona nel quarto trimestre del 2011, dovuta soprattutto al peggioramento nell'industria. Le prime indicazioni dei sondaggi sono di un'ulteriore moderazione della crescita della produttività nel primo trimestre di quest'anno. Un riferimento, infine, all'aumento degli spread di Italia e Spagna delle ultime settimane. L'incremento, scrive la Bce, «si è verificato sullo sfondo di una riconsiderazione delle prospettive per la crescita nel l'area dell'euro». Nel complesso, sottolinea il bollettino, «la fiducia dei mercati obbligazionari non ha recuperato completamente». La Bce dedica poi uno studio alla sostenibilità del debito pubblico. Fra i rischi di breve periodo, sottolinea il fatto che otto Paesi (fra cui l'italia) hanno necessità di rifinanziamento pari o superiori al 20% del Prodotto interno lordo nel

10 Il Sole 24 Ore Nuove Pmi tassate al 5% per 5 anni Per i minimi niente Iva né scritture contabili Alessandro Sacrestano Amedeo Sacrestano Da quest'anno cambia veste il regime fiscale dei cosiddetti "minimi", garantendo condizioni operative e, soprattutto, agevolazioni ancora più coerenti con l'obiettivo di favorire l'avvio di start up. Sono, comunque, confermati alcuni requisiti di base per l'accesso al regime: in primis, l'impresa o il lavoratore autonomo dovranno dichiarare ricavi non superiori ai 30mila euro annui, risultato di attività svolte in Italia. I contribuenti "minimi", inoltre, non dovranno sostenere spese per dipendenti (neppure se impiegati per il tramite di agenzie interinali) o collaboratori parasubordinati. Esiste tuttavia un'eccezione per i collaborazioni occasionali. Limitato, poi, il ricorso all'impiego di beni strumentali (computer, attrezzature, eccetera): la spesa massima ammissibile è di 15mila euro in un triennio. Per l'accesso al regime fiscale, l'iniziativa intrapresa deve possedere il requisito della novità. In pratica, il contribuente non deve essere stato titolare di una partita Iva nei tre anni precedenti neppure come socio di società o come eventuale collaboratore di impresa familiare. L'attività, poi, non deve rappresentare una mera continuazione di un'analoga prestazione precedente svolta come dipendente o autonomo. In linea di principio, se l'adesione al regime avviene in fase di avvio dell'attività, la permanenza nello stesso è garantita per 5 periodi di imposta. Nel caso in cui al termine dei 5 anni non si sia raggiunto il 35imo anno di età, la permanenza continua fino a quando non sarà raggiunto il limite anagrafico dei 35 anni. A fronte di questi vincoli, sono numerosi i benefici fiscali assicurati a chi aderisce al regime, a partire dall'aliquota d'imposta applicata, che è pari al 5 per cento. Il soggetto "minimo" pagherà solo il 5% sulla differenza fra i ricavi (o compensi) incassati e le spese (compresi i contributi previdenziali) effettivamente sostenute. L'importo in questione è comprensivo di ogni onere fiscale e, quindi, anche delle addizionali regionali e comunali, nonché dell'imposta regionale sulle attività produttive (Irap). Per i professionisti e gli agenti, l'assoggettamento all'imposta sostitutiva esonera il sostituto d'imposta dall'applicazione della ritenuta d'acconto, previa acquisizione di apposita dichiarazione da parte del sostituito. Oltre a ciò, un contribuente "minimo" non ha l'obbligo di liquidazione e versamento dell'iva. In pratica, su parcelle e fatture emesse da chi opera nel regime dei minimi non dovrà essere esposta l'iva, con evidenti vantaggi concorrenziali. L'Iva assolta sugli acquisti, invece, andrà a cumularsi col costo sostenuto. È previsto, inoltre, l'esonero dai residui obblighi di registrazione e tenuta delle scritture contabili. Particolarmente interessante, poi, è l'esonero per i contribuenti minimi dall'applicazione dei cosiddetti "studi di settore". 10

11 Il Sole 24 Ore Per le gare anagrafe delle imprese Banca dati sui requisiti finanziari e organizzativi Guglielmo Saporito Dal primo gennaio 2013 controlli più semplici dei requisiti nelle gare d'appalto, utilizzando la Banca dati nazionale dei contratti pubblici. Lo prevede l'articolo 20 del Dl 5/2012 (legge 4 aprile 2012 n. 35), che innalza il ruolo dell'autorità per la vigilanza sui contratti pubblici. L'idea di un contenitore dove far confluire la documentazione delle imprese comprovante il possesso dei requisiti generali, tecnico-organizzativi ed economico-finanziari richiesti per la partecipazione a gare d'appalto, c'era già nella legge 106/2011 e nel dlgs 82/2005 (Codice amministrazione digitale). Ora si è trovato un custode qualificato di tali dati, nell'autorità di vigilanza. Gli articoli 42 e 48 del codice dei contratti, modificati dalla legge 106/2011, prevedono che le stazioni appaltanti inseriscano in una banca dati la certificazione attestante le prestazioni effettuate da imprese in appalti, servizi e forniture nell'ultimo triennio; certificazioni indispensabili per partecipare a gare successive, dimostrando capacità tecnica e professionale, e sostituendo il previgente onere di produrre documenti. Si riducono così costi e oneri amministrativi per le stazioni appaltanti e per le imprese, si tagliano i costi amministrativi legati alla partecipazione e gestione delle procedure di gara, utilizzando un'unica certificazione invece di tante quanti sono gli appalti eseguiti. Si ridurrà il rischio di errori nell'assemblaggio e spedizione di plichi (a volte monumentali), si uniformerà la modulistica e infine le verifiche dei requisiti di ordine generale, tecnico ed economico potranno esser effettuate on line. Le ricadute saranno molteplici: i requisiti tecnico organizzativi ed economico finanziari per partecipare alle gare diventano (articolo 20 comma 1 lettera a) di due tipi: quelli corrispondenti alle categorie della banca dati e quelli che se ne discostano. Per i primi basterà la certificazione della banca dati, mentre per gli altri, richiesti con motivata discrezionalità dalla stazione appaltante, provvederà la stazione stessa. Finiranno inoltre le dispute sul cosiddetto "falso innocuo", cioè sulle dichiarazioni delle imprese che non corrispondono alla realtà (e quindi dovrebbero generare un'esclusione dalla gara), ma che non compromettono il corretto svolgimento della gara (Consiglio di Stato 1471 del 16 marzo 2012). Soprattutto non saranno più possibili disparità di trattamento quando un'impresa partecipava a più gare contemporanee ed era ritenuta idonea solo da alcune amministrazioni. Un certificato unico garantisce omogeneità di giudizio e pone anche le basi per ulteriori criteri reputazionali. 11

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone N. 185820 /2011 Modalità di applicazione del regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità - disposizioni di attuazione dell'articolo 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving 26-06-2012, Camera di Commercio di Pisa Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving relatore: Dott. MASSIMO ANTONINI Dottore commercialista - Revisore contabile Membro

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Strumenti per l autoimpiego

Strumenti per l autoimpiego Strumenti per l autoimpiego A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale. Per presentare la domanda

Dettagli

libri e dei registri sociali obbligatori, per i quali sussiste l'obbligo della bollatura presso il Registro delle imprese

libri e dei registri sociali obbligatori, per i quali sussiste l'obbligo della bollatura presso il Registro delle imprese Napoli, 16 marzo 2016 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 3/2016 TASSA ANNUALE PER LA NUMERAZIONE DEI LIBRI E DEI REGISTRI SOCIALI OBBLIGATORI Il prossimo 16 marzo scade il termine per

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

Studio Aldrovandi. Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2013 AL 15 MARZO 2013

Studio Aldrovandi. Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2013 AL 15 MARZO 2013 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2013 AL 15 MARZO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 marzo 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala

Dettagli

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus Notiziario Luglio 2013 Università Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus La Repubblica Promossa in chimica, rimandata in economia ecco la prima pagella della ricerca italiana Il

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

Rag. VITO MAURIZIO CULICCHIA - Commercialista - Revisore dei Conti

Rag. VITO MAURIZIO CULICCHIA - Commercialista - Revisore dei Conti Occhio alle scadenze Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2014 AL 15 MARZO 2014 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2014 al 15 2014, con il commento

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

The Hub Trentino Alto Adige

The Hub Trentino Alto Adige L AVVIO DI UN ATTIVITÀ DI IMPRESA O PROFESSIONALE Aspetti civilistici, fiscali e previdenziali Trento, lì 19 novembre 2014 1 FORME SOCIETARIE: SOCIETÀ PER AZIONI (S.P.A.) SOCIETÀ IN ACCOMANDITA PER AZIONI

Dettagli

REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI LIBERI PROFESSIONISTI

REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI LIBERI PROFESSIONISTI REGIME FISCALE DEI CONTRIBUENTI MINIMI LIBERI PROFESSIONISTI 1 In che cosa consiste il regime dei minimi Tassazione del reddito con aliquota del 5% quale IMPOSTA SOSTITUTIVA dell'imposta sui redditi (IRPEF)

Dettagli

RASSEGNA STAMPA SUGLI INCENTIVI ALLE IMPRESE UN BONUS A CHI ASSUME GIOVANI. Vigevano, 10 ottobre 2014

RASSEGNA STAMPA SUGLI INCENTIVI ALLE IMPRESE UN BONUS A CHI ASSUME GIOVANI. Vigevano, 10 ottobre 2014 Vigevano, 10 ottobre 2014 RASSEGNA STAMPA SUGLI INCENTIVI ALLE IMPRESE UN BONUS A CHI ASSUME GIOVANI Via libera al bonus sulle assunzioni di giovani iscritti al piano Garanzia Giovani. A partire da oggi

Dettagli

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME

REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME 2 REQUISITI PER L ACCESSO E DURATA DEL REGIME Il REGIME DI VANTAGGIO o nuovo regime dei minimi si rende applicabile: per il periodo d imposta in cui è iniziata l attività e per i 4 successivi; anche oltre

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi -----------------------

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi ----------------------- Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 14/04/2015 Ai Signori

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2015 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2015

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari) L.R. 01 Settembre 1999, n. 19 Istituzione del prestito d'onore (1) Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina la concessione di finanziamenti a favore di soggetti inoccupati e disoccupati per la

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania CONTRIBUTI EPPI

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania CONTRIBUTI EPPI Cosa significa qualificarsi all EPPI CONTRIBUTI EPPI Ogni perito industriale iscritto all Albo ha l obbligo di qualificarsi con l Ente. Qualificarsi significa comunicare all Eppi la propria posizione nei

Dettagli

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Torna il regime dei minimi per tutto il 2015 (Art. 10 comma 12 undecies DL n. 192 del 31.12.2014, convertito con legge n. 11 del 27.02.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

OGGETTO: ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SOSTITUTIVI INPS, INAIL E CASSE EDILI REGIONE EMILIA ROMAGNA E COMMISSARIO DELEGATO DL N.

OGGETTO: ISTRUZIONI OPERATIVE PER GLI INTERVENTI SOSTITUTIVI INPS, INAIL E CASSE EDILI REGIONE EMILIA ROMAGNA E COMMISSARIO DELEGATO DL N. DIREZIONE GENERALE CENTRALE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIO SERVIZIO GESTIONE DELLA SPESA REGIONALE IL RESPONSABILE MARCELLO BONACCURSO TIPO ANNO NUMERO REG. PG / 2014 / 377035 DEL 15 / 10 / 2014 Alle

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero 43/2013 Pagina 1 di 10 Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero : 43/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164, COMMA 1, LETT. B),

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823 La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa

Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa APPROVATO IL BILANCIO Carige prepara l'aumento In campo investitori esteri Il titolo è salito in Borsa Banca Carige prepara l'aumento di capitale da 800 milioni e se l'obiettivo è fare in modo che resti

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

CREDITO REGIME DE MINIMIS. SCHEDA n 1 SOMMARIO. Regime de minimis Per Basilea 2 un avvio soft Le migliori opportunità di credito.

CREDITO REGIME DE MINIMIS. SCHEDA n 1 SOMMARIO. Regime de minimis Per Basilea 2 un avvio soft Le migliori opportunità di credito. SOMMARIO Regime de minimis Per Basilea 2 un avvio soft Le migliori opportunità di credito SCHEDA n 1 17 gennaio 2007 REGIME DE MINIMIS La Commissione europea, in data 12 dicembre 2006, ha varato il nuovo

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 3 dell 11 gennaio 2012 Regime dei nuovi contribuenti minimi - Agevolazioni per i soggetti esclusi dal nuovo regime INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime dei nuovi

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO (IVA) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

SCADENZE NOVEMBRE 2014

SCADENZE NOVEMBRE 2014 SCADENZE NOVEMBRE 2014 LUNEDì 17 NOVEMBRE RAVVEDIMENTO OPEROSO BREVE Scade il termine per regolarizzare gli adempimenti (omessi, tardivi o insufficienti versamenti di imposte o ritenute) non effettuati

Dettagli

QUESITI: Un HUB può fare domanda?

QUESITI: Un HUB può fare domanda? QUESITI: 1. Un HUB può fare domanda? In linea generale, sì. Si è voluto escludere gli HUB coinvolti nel progetto nuova imprenditorialità, ritenendo di non dover fare nessuna specifica nei criteri, in quanto

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

OPPORTUNITA' PER I PROFESSIONISTI

OPPORTUNITA' PER I PROFESSIONISTI OPPORTUNITA' PER I PROFESSIONISTI REGIME DEI MINIMI Il vecchio regime dei minimi previsto dall articolo 1 commi da 96 a 117 della Legge n.244/2007 è stato completamente stravolto e modificato dall attuazione

Dettagli

Il quadro RW 2015: le novità del modello

Il quadro RW 2015: le novità del modello Il quadro RW 2015: le novità del modello di Ennio Vial e Vita Pozzi Introduzione Lo scopo del presente intervento è quello di fare il punto sul quadro RW segnalandone soprattutto gli elementi di novità

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Luglio 2012 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 43 Settembre 2012 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi.

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi. IL REGIME DEI MINIMI CAMBIA VOLTO (DAL 2012) La c.d. Manovra correttiva ha modificato il regime dei minimi che dal 2012 risulterà applicabile, al sussistere di specifiche condizioni, esclusivamente dalle

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI

CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI Bando per la concessione di agevolazioni finanziarie a start-up innovative nell ambito del programma di supporto SpinAREA CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI COSTI L'attività di supporto alla creazione di imprese

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Credito di imposta 2015-2019

Credito di imposta 2015-2019 Mario Porcaro Claudio Zollo Michele Grosso Andrea Porcaro Francesco Porcaro Laura Paglia Fabio Cassero Claudia Castaldo Francesca Chiappa Anacleto Babuscio Nadia Oliva Fabrizia De Nigris avvocato patrocinante

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 2 09 GENNAIO 2016 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2016

Dettagli

Finanziamenti per la microimpresa

Finanziamenti per la microimpresa Finanziamenti per la microimpresa A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. Sono pertanto

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE - ONERI E OBBLIGHI

SCADENZIARIO FISCALE - ONERI E OBBLIGHI (aggiornato al 16.02.2015) Irpef Ires Irap IMU/ TASI IVA Ritenute/ Cert. Unica Mod. 770 INPS Tassa Libri Sociali Diritto Camerale Enasarco Black List Imposta di Registro d Intento Gennaio 16 16 16 25 Febbraio

Dettagli

agevolazioni-fiscali.txt SICUREZZA: AGEVOLAZIONI PER AZIENDE E PRIVATI

agevolazioni-fiscali.txt SICUREZZA: AGEVOLAZIONI PER AZIENDE E PRIVATI SICUREZZA: AGEVOLAZIONI PER AZIENDE E PRIVATI Agevolazioni fiscali a favore delle piccole e medie imprese (DETRAZIONE D IMPOSTA DI 3000 EURO) La legge finanziaria 2008 n.244 all articolo 1 (commi dal 228

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Aggiornato al Febbraio 2006 La pensione di anzianità si può ottenere prima di aver compiuto l'età

Dettagli

A CHI SI RIVOLGE. Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

A CHI SI RIVOLGE. Per presentare la domanda i proponenti devono essere in possesso dei seguenti requisiti: La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

FAQ relative all Avviso Pubblico Innovazione: sostantivo femminile - Seconda parte

FAQ relative all Avviso Pubblico Innovazione: sostantivo femminile - Seconda parte FAQ relative all Avviso Pubblico Innovazione: sostantivo femminile - Seconda parte N. Quesito Risposta Riferim. Avviso 1 Un impresa individuale attiva nel settore dell agricoltura (società agricola semplice)

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI NEWSLETTER N. 2/2014 NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITA FISCALI GESTIONE SEPARATA INPS: ALIQUOTE VE 2014 CIRCOLARE INPS N. 18 DEL FEBRRAIO 2014 DIFFERIMENTO AUTOLIQUIDAZIONE

Dettagli

NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013

NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013 NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013 IN QUESTA NEWSLETTER: Contributo ai Comuni per il minor gettito IMU Certificazione patto di stabilità: il test firma digitale sospensione dell IMU: il decreto sospensione

Dettagli

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 Le regole di compensazione del credito IVA relativo all anno 2013 Il visto

Dettagli

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi

BASILEA 3. L Imprenditore, la Media Impresa e la Finanza oggi. Costantino Di Carlo Alberto Camporesi Costantino Di Carlo Alberto Camporesi PREMESSA Fino alla metà degli Anni 90 prevaleva nel dialogo Banca Impresa l attenzione su fatti patrimoniali (prevalentemente immobiliari) e relazioni interpersonali

Dettagli

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993.

Dossier riforma TFR I nuovi e i vecchi assunti. Lavoratori assunti prima del 29 aprile 1993. Dossier riforma TFR Inizia il conto alla rovescia per la nuova disciplina sul TFR, che dovrebbe contribuire ad alimentare la previdenza complimentare. Con lo schema di decreto legislativo previsto dalla

Dettagli

Eccone pregi e difetti.

Eccone pregi e difetti. Fortunatamente (?) vengono pubblicate anche le istruzioni per la compilazione del modello di comunicazione annuale dati IVA, approvato con provvedimento del 17 gennaio 2011 e meglio denominato IVA/2013

Dettagli

Decreto Legge n 76/2013: novità in materia di lavoro

Decreto Legge n 76/2013: novità in materia di lavoro FEDERAZIONE CONFSAL-UNSA COORDINAMENTO NAZIONALE BENI CULTURALI c/o Ministero per i Beni e le Attività Culturali Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma Tel. 06.67232889 - Tel./Fax 0667232348 Fax Tiscali

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY

STUDIO COMMERCIALE ROBERTO MY AGEVOLAZIONI PER LA MICROIMPRESA A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. 1 Sono

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO

LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO LAVORO: IRES-CGIL, IN 5 ANNI SALARI HANNO PERSO 1.900 EURO (ANSA) - ROMA, 19 NOV - Le retribuzioni di fatto reali hanno perso tra il 2002 e il 2007, 1.210 euro, ma se a questo aggiungiamo la perdita derivante

Dettagli

Premessa. Descrizione del Bilancio

Premessa. Descrizione del Bilancio Premessa Il Bilancio Preventivo 2011 è stato elaborato prendendo come riferimento i dati dell esercizio appena concluso e assumendo come obbiettivo la volontà di garantire la stessa impegnativa e intensa

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE La politica di riduzione delle risorse per il welfare e per i servizi sociali locali si sta realizzando attraverso la combinazione

Dettagli

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Con il decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 (art. 9, co. 3-bis) sono state introdotte

Dettagli

Novità contenute nella presente circolare

Novità contenute nella presente circolare ALLE IMPRESE INDUSTRIALI Roma, 25 gennaio 2005 Circolare n. 26/IMPRESE Novità contenute nella presente circolare 1. Contribuzione dal 1 gennaio 2005 1.1 Incremento delle quote di TFR: a. per dirigenti

Dettagli