CSV FC ASSIPROV Domenica, 05 luglio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CSV FC ASSIPROV Domenica, 05 luglio 2015"

Transcript

1 CSV FC ASSIPROV Domenica, 05 luglio 2015

2 CSV FC ASSIPROV Domenica, 05 luglio 2015 Prime Pagine 05/07/2015 Prima Pagina Il Resto del Carlino (ed. Forli) 1 04/07/2015 Cesena Today Redazione Frana di Montevecchio: al via i lavori di consolidamento con i fondi della /07/2015 Cesena Today Redazione Pericolo di incendi, scattano le ordinanze del Comune: ecco cosa rischia /07/2015 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Pagina 3 Villa Selva, tutti i premi del campo solare 7 05/07/2015 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Pagina 12 Montevecchio: via ai lavori sulla frana 8 05/07/2015 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Pagina 30 Con il secco torna il pericolo incendi 10 05/07/2015 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Pagina 32 Mese di luglio a tutto sport con inizio sotto rete 12 04/07/2015 Forli Today Redazione Campo solare, taglio del nastro ufficiale: dal calore l' energia per le /07/2015 Il Resto del Carlino (ed. Cesena) Pagina 11 Lo sport al comando per tutto il mese di luglio 15 05/07/2015 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Pagina 27 Frana di Montevecchio: al via i lavori di consolidamento 16 05/07/2015 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Pagina 27 Pericolo incendi: due ordinanze per prevenire danni sul territorio 17 csv e scenario locale 05/07/2015 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Pagina 38 Con la Zebra Gegè si riconoscono i pericoli 18 05/07/2015 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Pagina 25 In bici fino all' Expo per un sogno 19 05/07/2015 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Pagina 31 L' ordine pubblico vince sui disordini 20 salute e assistenza 05/07/2015 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Pagina 32 Alfero si accende solo a fine luglio 21 volontariato 05/07/2015 Corriere della Sera Pagina 43 Ruggiero Corcella Gli studenti impareranno le manovre salva vita 22 05/07/2015 Corriere della Sera Pagina 43 R.Co. Il progetto 24 05/07/2015 Corriere della Sera Pagina 9 Marta Ghezzi Quei giovanissimi in corsia «Una sfida che fa crescere» 25

3 Il Resto del Carlino (ed. Forli) Prima Pagina 1

4 4 luglio 2015 Cesena Today Frana di Montevecchio: al via i lavori di consolidamento con i fondi della Regione Nel frattempo, è in corso la perimetrazione dell' area franosa di Montevecchio nel Piano Stralcio per il Rischio Idrogeologico dell' Autorità dei Bacini Regionali Romagnoli. Una buona notizia per la frana di Montevecchio: il Servizio Tecnico di Bacino Romagna è in procinto di avviare gli interventi strutturali di consolidamento del versante della frana. Lo hanno comunicato gli stessi funzionari regionali del Servizio Tecnico di Bacino Romagna incontrando nei giorni scorsi i tecnici del Comune di Cesena per fare il punto della situazione sull' evoluzione del dissesto, anche alla luce del monitoraggio e degli studi in corso da parte del Dipartimento di Scienze Geologiche dell' Università di Bologna. Attivo dalla primavera del 2013, il movimento franoso di Montevecchio interessa una piccola valle calanchiva costituita da terreni argillosi, e si estende per una lunghezza di 700 metri su un fronte di 50 metri, con una profondità media di circa 10 metri, coinvolgendo un volume di terreno stimabile in più di metri cubi. In particolare, gli studi del Dipartimento di Scienze Geologiche hanno confermato che l' intero corpo di frana si riattiva immediatamente, anche a seguito di "piogge normali" e si comporta alla stregua di un "fluido magmatico". Proprio queste caratteristiche hanno determinato una situazione di emergenza prolungata, e gli interventi realizzati finora sono stati condotti soprattutto per la salvaguardia delle abitazioni, delle strade provinciali e delle linee elettriche minacciate dal dissesto. Con l' arrivo della stagione estiva e condizioni di terreno più praticabili si potrà finalmente eseguire quelle opere di consolidamento necessarie per mettere al riparo da nuovi pericoli. Entrando nel dettaglio, è prevista la realizzazione di un sistema di rilevati in terra compattata drenati (cioè briglie di contenimento) e di opere di drenaggio delle acque sotterranee e superficiali. L' intervento, a cura del Servizio Tecnico di Bacino Romagna, sarà finanziato con le risorse messe a disposizione dalla Regione Emilia Romagna (dietro coordinamento dell' Assessore alla difesa del suolo Paola Gazzolo) e con gli ulteriori finanziamenti erogati nell' ambito dell' Ordinanza di Protezione Civile del 30 marzo scorso relativa ai primi interventi urgenti per far fronte alle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito l' Emilia Romagna dal 4 al 7 febbraio Redazione Continua > 2

5 4 luglio 2015 < Segue Cesena Today 3

6 4 luglio 2015 Cesena Today Pericolo di incendi, scattano le ordinanze del Comune: ecco cosa rischia chi sgarra La prima ordinanza stabilisce che per tutto il periodo compreso fra il 2 luglio ed il 30 settembre debba essere garantita ai mezzi antincendio (autobotti, ma anche mezzi aerei) l' immediata possibilità, in caso di bisogno, di attingere acqua in tutti i punti di approvvigionamento idrico pubblici e privati. Con l' arrivo del grande caldo si accentua il pericolo di incendi. Per prevenirlo il Comune di Cesena ha emanato nei giorni scorsi due ordinanze, recependo così le indicazioni dell' Agenzia regionale di Protezione Civile, che dal prio luglio ha attivato la fase di "attenzione", destinata a concludersi il 30 settembre. La prima ordinanza stabilisce che per tutto il periodo compreso fra il 2 luglio ed il 30 settembre debba essere garantita ai mezzi antincendio (autobotti, ma anche mezzi aerei) l' immediata possibilità, in caso di bisogno, di attingere acqua in tutti i punti di approvvigionamento idrico pubblici e privati presenti sul territorio comunale: bacini, laghetti, vasche di bonifica e altro. La seconda ordinanza mira a tutelare la pubblica incolumità, prevenendo comportamenti che possano favorire lo sviluppo di un incendio, non solo nelle zone boschive ma anche nelle aree urbane incolte. In particolare si segnala il divieto di accendere fuochi, utilizzare apparecchi elettrici o a fiamma libera, ma anche gettare mozziconi di sigaretta o fiammiferi ancora accesi a meno di 100 metri di distanza (200 in caso di dichiarazione dello stato di grave pericolosità) da boschi, terreni agrari, zone cespugliate e lungo le strade comunali e provinciali dell' intero territorio comunale. Vietato anche bruciare i residui vegetali agricoli. La stessa ordinanza prescrive, inoltre, ai proprietari e conduttori di aree agricole o urbane non coltivate e di edifici con verde privato e, ancora, ai responsabili di cantieri edili e stradali, e di strutture turistiche, artigianali e commerciali con annesse aree pertinenziali, di eseguire tutti gli interventi di pulizia necessari per rimuovere ogni elemento di pericolo (ad es., estirpare sterpaglie e cespugli, tagliare siepi vive, vegetazione e rami che si protendono sui cigli delle strade, rimuovere rifiuti e tutto ciò che può essere veicolo di incendio e altro). Infine, chiunque debba accendere un fuoco per la pulizia dei fondi, oltre a dover rispettare le norme che regolano la materia, dovrà predisporre adeguati mezzi di spegnimento e sorvegliare il fuoco fino a che ogni rischio sia scongiurato, seguendo le prescrizioni dell' autorità competenti se necessario. Anche questa ordinanza sarà in vigore fino al 30 settembre. Gli Continua > 4

7 4 luglio 2015 < Segue Cesena Today inadempienti rischiano una sanzione pecuniaria dai 25 ai 500 euro oltre che una denuncia penale. Informazioni utili Per rischio incendi boschivi si intende il pericolo derivante dalla propagazione del fuoco nei territori maggiormente soggetti (boschi, pascoli e aree incolte), pressoché totalmente imputabile all' azione dell' uomo. Le aree più esposte al rischio incendio sono valutate in base al tipo di vegetazione, esposizione di versante, altitudine, dati meteo climatici, e vengono individuate su scala provinciale e comunale ed evidenziate in base ad indici di propensione all' incendio secondo la seguente classificazione: zone a suscettività scarsa, moderata, marcata. Per quanto riguarda Cesena, tali aree sono disseminate sul territorio comunale in maniera molto frammentata; le zone più a rischio sono quelle collinari, mentre la pianura, densamente urbanizzata e ricca di coltivazioni, dovrebbe essere meno esposta. Non è però da sottovalutare il rischio di innesco di incendi "di interfaccia", cioè incendi che si sviluppano nei punti dove il sistema urbano e quello rurale si incontrano e dove, quindi, abitazioni ed attività possono venire rapidamente in contatto con le fiamme. Per evitare gli incendi boschivi vengono svolte attività di ricognizione, sorveglianza, avvistamento, allarme e spegnimento, effettuate da strutture operative a livello regionale quali Protezione Civile, Corpo Forestale dello Stato, Vigili del Fuoco, Provincia, Comune e volontariato, ciascuno con proprie competenze e compiti specifici. Soprattutto d' estate, però, è di fondamentale importanza che anche i cittadini mettano in atto semplici accorgimenti che permettono di prevenire questo tipo di rischio non gettare mozziconi di sigaretta o fiammiferi ancora accesi (da ricordare che nei periodi a rischio di incendio è sempre vietato fumare nei boschi); non abbandonare rifiuti sul terreno ma riporli negli appositi contenitori; non bruciare stoppie, paglia o residui vegetali in maniera incontrollata (da ricordare che nei periodi a rischio di incendio è sempre vietato bruciare residui in prossimità dei boschi); non accendere fuochi in zone boscate ma servirsi delle aree appositamente attrezzate; e non parcheggiare l' auto su terreni con erba secca in quanto il calore della marmitta può innescare un incendio. Forse non tutti sanno che le sanzioni per chi, con il proprio scorretto comportamento, rischia di innescare un incendio sono molto elevate, fino a 10mila euro. Chi invece provoca un incendio, oltre al pagamento dei danni causati e delle spese sostenute per lo spegnimento, viene punito penalmente: reclusione da 4 a 10 anni se l' incendio è volontario e doloso, reclusione da 1 a 5 anni nel caso l' incendio sia stato causato in modo involontario per negligenza, imprudenza o imperizia. I comportamenti corretti in caso di incendio boschivo Questi i consigli dell' Ufficio Protezione Civile del Comune di Cesena se ci si imbatte in un incendio boschivo: se si tratta di un principio di incendio, si può provare a spegnerlo battendo con una frasca o un ramo verde, con l' avvertenza di tenere il vento alle spalle ed una via di fuga libera. Nel caso in cui il fuoco stia avvicinandosi, allontanarsi tentando di passare se possibile dall' altra parte dell' incendio o sui lati, nella zona già bruciata e quindi sicura, per aspettare i soccorsi. Se ci si trova in luoghi sovrastanti un incendio, non fermarsi a guardare perché il fuoco, alimentato dal vento, potrebbe raggiungere la nostra posizione. Se il fuoco circonda la casa o il riparo in cui ci si trova, verificare immediatamente l' esistenza di una via di fuga sicura, altrimenti sigillare porte e finestre, meglio se con stracci bagnati, e cercare di segnalare la propria posizione. Quando si è per la strada (a piedi o in auto) vicino ad un incendio, non fermarsi a guardare perché si potrebbe ostacolare l' accesso ai soccorsi; inoltre, non attraversare mai una strada invasa dal fuoco o dal fumo e, in caso di traffico bloccato, tornare indietro. Se si è esperti della zona, segnalare alle squadre di intervento strade e sentieri che conducono all' incendio. In ogni caso mai prendere iniziative estemporanee, ma segnalare subito la presenza dell' incendio telefonando ad uno dei seguenti numeri gratuiti: 1515 (numero nazionale di pronto intervento del Corpo Forestale dello Stato), 115 (numero nazionale di pronto intervento del Dipartimento dei Vigili del Fuoco), (numero verde regionale del Corpo Forestale dello Stato) e (numero verde dell' Agenzia regionale di Protezione Civile). E' importante mantenere la calma e parlare con chiarezza, comunicare le proprie generalità e numero telefonico, indicare con precisione la località e il Comune dell' area che sta bruciando, specificare le dimensioni dell' incendio e informare sulla eventuale presenza di persone sul luogo. Infine, l' Ufficio Protezione Civile fornisce qualche consiglio di primo soccorso nel caso di contatto col fuoco. Per gli abiti in fiamme cercare con ogni mezzo di soffocare le Continua > 5

8 4 luglio 2015 < Segue Cesena Today fiamme (con una coperta, gettando liquido non infiammabile, rotolandosi a terra, ecc), non correre in quanto l' aria alimenta le fiamme, non togliere dalla pelle i vestiti bruciati ma portarsi immediatamente al pronto soccorso. Per quanto concerne il fumo, allontanarsi dalla zona tenendosi sopravento e coprendo naso e bocca con un fazzoletto possibilmente bagnato. Per le pccole scottature mettere la parte bruciata sotto l' acqua fredda e coprirla con un panno pulito che non lasci peli, non usare cerotti, alcool, olio o grassi sulla scottatura e, se risulta più grave del previsto, recarsi al pronto soccorso. Per le pccole ferite lavare la ferita con acqua corrente e pulirla intorno con acqua e sapone; se la ferita è grave disinfettare, bendare con garza e recarsi al pronto soccorso. In caso di problemi più gravi, è opportuno chiamare il 118 per chiedere consigli o interventi. Redazione 6

9 Pagina 3 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Villa Selva, tutti i premi del campo solare FORLI'. Ancor prima di essere inaugurato, il campo solare di Villa Selva aveva già alle spalle la conquista di due premi. Il primo gli è stato assegnato alla Fiera di Bolzano a marzo, il "Klimaenergy Award 2015", riconoscimento ai Comuni e alle Province italiane più virtuose nell' applicazione di soluzioni energetiche efficienti in ambito pubblico. Nell' ambito della 10ª edizione di "Comuni rinnovabili", il rapporto annuale di Legambiente che monitora lo sviluppo delle fonti rinnovabili nei territori del Paese, l' amministrazione forlivese ha poi ricevuto un ulteriore premio, denominato "Buona pratica", per l' innovazione in campo energetico. (e.p. ) 7

10 Pagina 12 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Smottamento attivo dal Il Servizio tecnico di bacino sta per aprire il cantiere: «La zona è argillosa ed a rischio anche con piogge di normale entità» Montevecchio: via ai lavori sulla frana Briglie di contenimento ed opere di drenaggio delle acque superficiali e sotterranee. CESENA. Con il cuore dell' estate sembrano destinati a partire i lavori di consolidamento della frana di Montevecchio. A Comunicarlo è il Comune che spiega come il cantiere sia in fase di apertura. Per ora restano alte le preoccupazioni dei residenti. I primi fondi stanziati ed a disposizione del Serizio tecnico di bacino, infatti, risalgono allo scorso inizio autunno. Ed una fetta consistente la frana se li è mangiati sia quest' inverno che questa primavera, per arginare temporaneamente lo smottamento spinto dalle piogge, che proseguiva nel suo cammino distruttivo. «Una buona notizia per la frana di Montevecchio dicono sindaco e assessore Paolo e Francesca Lucchi il Servizio Tecnico di Bacino Romagna è in procinto di avviare gli interventi strutturali di consolidamento del versante della frana. Lo hanno comunicato gli stessi funzionari regionali dell' Stb incontrando nei giorni scorsi i tecnici del Comune per fare il punto della situazione sull' evoluzione del dissesto, anche alla luce del monitoraggio e degli studi in corso da parte del Dipartimento di Scienze Geologiche dell' Università di Bologna». Attivo dalla primavera del 2013, il movimento franoso di Montevecchio interessa una piccola valle calanchiva costituita da terreni argillosi, e si estende per una lunghezza di 700 metri su un fronte di 50 metri, con una profondità media di circa 10 metri, coinvolgendo un volume di terreno stimabile in più di metri cubi. «In particolare, gli studi del Dipartimento di Scienze Geologiche hanno confermato che l' intero corpo di frana si riattiva subito, anche a seguito di "piogge normali" e si comporta alla stregua di un "fluido magmatico". Proprio queste caratteristiche hanno determinato una situazione di emergenza prolungata. Con l' arrivo del caldo e di condizioni di terreno più praticabili si potrà eseguire quelle opere di consolidamento necessarie per mettere al riparo da nuovi pericoli». Entrando nel dettaglio, è prevista la realizzazione di un sistema di rilevati in terra compattata drenati (cioè briglie di contenimento) e di opere di dre naggio delle acque sotterranee e superficiali. L' intervento, a cura del Servizio Tecnico di Bacino Romagna, sarà finanziato con le risorse messe a disposizione dalla Regione (dietro coordinamento dell' assessore alla difesa del suolo Paola Gazzolo) e con gli ulteriori finanziamenti erogati nell' ambito dell' Ordinanza di Protezione Civile del 30 marzo Continua > 8

11 Pagina 12 < Segue Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) scorso relativa ai primi interventi urgenti per far fronte alle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito l' Emilia Romagna dal 4 al 7 febbraio Nel frattempo, è in corso la perimetrazione dell' area franosa di Montevecchio nel Piano Stralcio per il Rischio Idrogeologico dell' Autorità dei Bacini Regionali Romagnoli. Inoltre, Stb e Comune stanno cercando insieme una soluzione per i grossi quantitativi di argilla attualmente ammassati in prossimità delle abitazioni e della strada provinciale, attraverso accordi con le aziende che utilizzano materiali di questo tipo per le loro attività. 9

12 Pagina 30 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Con il secco torna il pericolo incendi Varata l' ordinanza specifica: le temperature ancora lontane dai record storici. CESENA. Le temperature ieri sono di nuovo salite. Ma restano ancora lontane dai record storici di calci di questa decade di luglio per Cesena. La massima alle ore 17 si è assestata a quota 32 mentre la notte precedente (alle 6) la minima era stata di 20,6. Con il secco prolungato, però, si accentua il pericolo d' incendi. Il Comune così ha varato due distinte ordinanze per prevenire i roghi. La prima ordinanza stabilisce che per tutto il periodo fino al 30 settembre debba essere garantita ai mezzi antincendio (autobotti, ma anche mezzi aerei) l' immediata possibilità, in caso di bisogno, di attingere acqua in tutti i punti di approvvigionamento idrico pubblici e privati presenti sul territorio comunale: bacini, laghetti, vasche di bonifica. La seconda ordinanza mira a tutelare la pubblica incolumità, prevenendo comportamenti che possano favorire lo sviluppo di un incendio, non solo nelle zone boschive ma anche nelle aree urbane incolte. C' è il divieto di accendere fuochi, utilizzare apparecchi elettrici o a fiamma libera, ma anche gettare mozziconi di sigaretta o fiammiferi ancora accesi a meno di 100 metri di distanza (200 in caso di dichiarazione dello stato di grave pericolosità) da boschi, terreni agrari, zone cespugliate e lungo le strade comunali e provinciali dell' intero territorio comunale. Vietato anche bruciare i residui vegetali agricoli. La stessa ordinanza prescrive, inoltre, ai proprietari e conduttori di aree agricole o urbane non coltivate e di edifici con verde privato e, ancora, ai responsabili di cantieri edili e stradali, e di strutture turistiche, artigianali e commerciali con annesse aree pertinenziali, di eseguire tutti gli inter venti di pulizia necessari per rimuovere ogni elemento di pericolo (ad es., estirpare sterpaglie e cespugli, tagliare siepi vive, vegetazione e rami che si protendono sui cigli delle strade, rimuovere rifiuti e tutto ciò che può essere veicolo di incendio, ecc.). Infine, chiunque debba accendere un fuoco per la pulizia dei fondi, oltre a dover rispettare le norme che regolano la materia, dovrà predisporre adeguati mezzi di spegnimento e sorvegliare il fuoco fino a che ogni rischio sia scongiurato, seguendo le prescrizioni dell' autorità competenti se necessario. Anche questa ordinanza sarà in vigore fino al 30 settembre. Da ricordare che gli inadempienti rischiano una sanzione pecuniaria dai 25 ai 500 euro oltre che una denuncia penale. Le aree più esposte al rischio incendio sono valutate in base al tipo di vegetazione, esposizione di versante, altitudine, dati meteo climatici, ecc..., e vengono individuate su scala provinciale e comunale Continua > 10

13 Pagina 30 < Segue Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) ed evidenziate in base ad indici di propensione all' incendio secondo la seguente classificazione: zone a suscettività scarsa, moderata, marcata. Per quanto riguarda Cesena, tali aree sono disseminate sul territorio comunale in maniera molto frammenta ta; le zone più a rischio sono quelle collinari, mentre la pianura, densamente urbanizzata e ricca di coltivazioni, dovrebbe essere meno esposta. Non è però da sottovalutare il rischio di innesco di incendi "di interfaccia", cioè incendi che si sviluppano nei punti dove il sistema urbano e quello rurale si incontrano e dove, quindi, abitazioni ed attività possono venire rapidamente in contatto con le fiamme. Per evitare gli incendi boschivi vengono svolte attività di ricognizione, sorveglianza, avvistamento, allarme e spegnimento, effettuate da strutture operative a livello regionale quali Protezione Civile, Corpo Forestale dello Stato, Vigili del Fuoco, Provincia, Comune e volontariato, ciascuno con proprie competenze e compiti specifici. Soprattutto d' estate, però, è di fondamentale importanza che anche i cittadini mettano in atto semplici accorgimenti che permettono di prevenire questo tipo di rischio: non gettare mozziconi di sigaretta o fiammiferi ancora accesi (da ricordare che nei periodi a rischio di incendio è sempre vietato fumare nei boschi) non abbandonare rifiuti sul terreno ma riporli negli appositi contenitori, non bruciare stoppie, paglia o residui vegetali in maniera incontrollata (da ricordare che nei periodi a rischio di incendio è sempre vietato bruciare residui in prossimità dei boschi), non accendere fuochi in zone boscate ma servirsi delle aree appositamente attrezzate, non parcheggiare l' auto su terreni con erba secca in quanto il calore della marmitta può innescare un incendio. Forse non tutti sanno che le sanzioni per chi, con il proprio scorretto comportamento, rischia di innescare un incendio sono molto elevate, fino a euro. Meglio evitare. 11

14 Pagina 32 Corriere di Romagna (ed. Forlì Cesena) Bagno di Romagna. Da domani via ad una sfilza di tornei. Mese di luglio a tutto sport con inizio sotto rete Volley, calcio, tennis, basket, moto, trekking. BAGNO DI ROMAGNA. Per il Comune di Bagno di Romagna luglio è il "mese dello sport" e l' amministrazione ha diffuso il volantino col programma degli eventi, che a breve dovrebbe essere pubblicato anche sul sito delle Informazioni turistiche. L' obiettivo è promuovere la pratica sportiva ed il movimento fisico. E anche se nel volantino non sono ricordate, forse per mancanza di spazio, con la stessa finalità si stanno svolgendo già da qualche tempo due escursioni settimanali promosse dal Centro Visita del Parco e le camminate del mercoledì sera dalla piazza di San Piero, curate da "Body Art" in collaborazione con "Wellness Foundation". Le iniziative del "mese dello sport" cominceranno domani, con l' avvio del "Beach Volley Tournament", torneo di volley 2x2 in piazza Ricasoli, a Bagno di Romagna, con serata finale in programma sabato 11. Dal 9 luglio al 1 agosto, il Cesena Calcio sarà in ritiro ad Acquapartita e il 15 ed il 22 luglio si giocheranno due partite amichevoli, contro una rappresentati va locale e contro la squadra Primavera. Venerdì 10 luglio, a Bagno di Romagna, al Palazzo del Capitano, con la partecipazione del presidente del Cai di Cesena, si terrà la conferenza "A piedi per sentieri: l' escursionismo". Domenica 12 si svolgerà invece, nei giardini di piazza Martiri a San Piero, l' incontro sul mondo dei motori "Sampierani a tutto gas!", con Nicola Mosconi, ingegnere della Scuderia Ferrari, e Lorenzo Lanzi, pilota Ducati. Sempre il 12, escursione di mattina al "Sentiero del lupo", organizzata dal Cai Cesena. Dal 13 al 24 luglio, ad Acquapartita, scuola di calcio con Michele Salafrica. Dal 13 al 21, a San Piero, torneo di calcio a 5 "Memorial Nicola e Andrea". Dal 15 luglio, torneo al Centro Tennis comunale in via Lungosavio, a Bagno di Romagna, dove do menica 19, in piazza Rica soli, ci sarà anche il ciclo raduno Alto Savio, organizzato da Comero Bike. Venerdì 24, torneo di minibasket al campetto del Pincio, a San Piero, che sabato 25 ospiterà anche un torneo di basket 3x3. Alberto Merendi. 12

15 4 luglio 2015 Forli Today Campo solare, taglio del nastro ufficiale: dal calore l' energia per le imprese Per il campo solare il Comune di Forlì ha ricevuto due importanti riconoscimenti. È stato premiato a Bolzano con il "Klimaenergy Award 2015", premio di rilievo internazionale con l' obiettivo di valorizzare i progetti ambientali e energetici, per la categoria Comuni dai 20mila ai 150mila abitanti. Taglio del nastro ufficiale per l' impianto solare termico di Villa Selva alla presenza tra gli altri del sindaco Davide Drei, del vice Veronica Zanetti, dell' assessore Alberto Bellini, del presidente della Regione Stefano Bonaccini e del deputato Marco Di Maio. La struttura, realizzata da Forlì Città Solare, si estende su un' area di circa 20mila metri quadrati, dove sono posti i "collettori solari parabolici a inseguimento", che concentrano l' energia solare su un tubo dove scorre olio diatermico. Il calore prodotto viene distribuito attraverso la rete di teleriscaldamento alle imprese insediate nell' area di Villa Selva. Il campo dispone anche di un impianto fotovoltaico di 11 kw di potenza a copertura delle richieste di energia elettrica del campo stesso. L' impianto rappresenta una concreta dimostrazione della transizione energetica da combustibili fossili a energie rinnovabili ed è un importante strumento di competitività territoriale. La Regione Emilia Romagna ha partecipato alla realizzazione del nuovo impianto con un contributo (risorse Por Fesr 2007/2013) pari a un milione e 342 mila euro, a fronte di un investimento complessivo pari a 3 milioni di euro. "L' Emilia Romagna ha sottolineato il presidente punta a raggiungere e superare nel 2020 gli obiettivi della strategia europea, assicurando piena partecipazione a cittadini ed imprese nella costruzione di una economia in grado di risparmiare energia. La nuova stagione delle politiche energetiche per lo sviluppo della low carbon economy attraverso un percorso attivo e partecipato della società regionale, verrà definita nel nuovo piano energetico regionale costruito insieme ai sindaci impegnati a realizzare le azioni previste dall' Iniziativa comunitaria 'Patto dei Sindaci', alle parti sociali impegnate anche a livello nazionale negli Stati generali della Green economy, alle Università e Centri di ricerca della rete alta tecnologia". Taglio del nastro per il campo solare di Villa Selva Per il campo solare il Comune di Forlì ha ricevuto due importanti riconoscimenti. È stato premiato a Bolzano con il "Klimaenergy Award 2015", premio di rilievo internazionale con l' obiettivo di valorizzare i progetti ambientali e energetici, per la categoria Comuni dai 20mila ai 150mila abitanti. Inoltre, nell' ambito della Continua > 13

16 4 luglio 2015 < Segue Forli Today decima edizione di "Comuni Rinnovabili" di Legambiente, Forlì si è aggiudicata il Premio Buona Pratica per l' innovazione energetica. Redazione 14

17 Pagina 11 Il Resto del Carlino (ed. Cesena) A BAGNO, SAN PIERO E ACQUAPARTITA. Lo sport al comando per tutto il mese di luglio LO SPORT in senso lato (volley, calcio e calcetto, tennis, ciclismo, basket, escursionismo) sarà con decisione protagonista nel corso di questo mese di luglio sia a Bagno di Romagna che a San Piero e ad Acquapartita. Il programma dei vari eventi del 'Mese dello Sport', patrocinato dal Comune termale, inizierà domani sera in piazza Ricasoli a Bagno quando prenderà il via il torneo 2X2 Open maschile,organizzato da Alveare Volley e Alby & Raschia Beach Volley Tournament. Poi da giovedì prossimo al 1 agosto gli appassionati di calcio potranno seguire gli allenamenti del Cesena Calcio che anche quest' anno sarà in ritiro ad Acquapartita. Durante il soggiorno dei bianconeri in Alto Savio, il 15 luglio è prevista l' amichevole Cesena rappresentativa della montagna e il 22 luglio quella tra il Cesena e la squadra Primavera. Venerdì 10 luglio, alle 21, al palazzo del Capitano di Bagno conferenza di Andrea Magnani presidente Cai di Cesena sul tema «A piedi per sentieri. L' escursionismo». DOMENICA 12, ore 20,30, nei Giardini di Piazza Martiri a S.Piero conferenza sul mondo dei motori con l' intervento di Nicola Mosconi, ingegnere motore Scuderia Ferrari, e Lorenzo Lanzi pilota Ducati Superbike DM. Sempre domenica 12 alle 8,30 a Bagno è prevista 'Sul Sentiero del Lupo' escursione a piedi organizzata e guidata dal Cai di Cesena. Dal 13 al 24 luglio, ad Acquapartita, Football Summer Camp scuola calcio di formazione tecnica individuale con Michele Salafrica. Dal 13 al 21 luglio, in Largo Moutiers a S.Piero, torneo di calcio a 5 «Memorial Nicola e Andrea». Poi dal calcio al tennis. A Bagno, presso il Centro Comunale 'I Tigli', per due settimane, dal 15 luglio, si svolgerà un torneo di tennis. Domenica 19 luglio, dalle 6,30 a Bagno, ci sarà il 32 Cicloraduno Alto Savio. Venerdì 24 luglio, dalle 14 campetto Pincio a S. Piero, si terrà un Mini Torneo di Basket; sabato 25 luglio, dalle 14 alle 23, altro torneo per il 'Pincio Basket Challenge'. Inoltre domenica 2 agosto, ore 8 a S.Piero, prenderà il via la 6 gara cittadina ciclisticaper Giovanissimi sul circuito cittadino. gi. mo. 15

18 Pagina 27 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Frana di Montevecchio: al via i lavori di consolidamento DISSESTO Le opere verranno eseguite dal Servizio tecnico di Bacino con i fondi stanziati dalla Regione per risolvere l' emergenza prolungata nella valle calanchiva. Una buona notizia per la frana di Montevecchio: il Servizio Tecnico di Bacino Romagna è in procinto di avviare gli interventi strutturali di consolidamento del versante della frana. Attivo dalla primavera del 2013, il movimento franoso di Montevecchio interessa una piccola valle calanchiva costituita da terreni argillosi, e si estende per una lunghezza di 700 metri su un fronte di 50 metri, con una profondità media di circa 10 metri, coinvolgendo un volume di terreno stimabile in più di 300mila metri cubi. E' prevista la realizzazione di un sistema di rilevati in terra compattata drenati (cioè briglie di contenimento) e di opere di drenaggio delle acque sotterranee e superficiali. L' intervento, a cura del Servizio Tecnico di Bacino Romagna, sarà finanziato con le risorse messe a disposizione dalla Regione Emilia Romagna (coordinamento dell' assessore Gazzolo) e con gli ulteriori finanziamenti erogati nell' ambito dell' Ordinanza di Protezione Civile del 30 marzo scorso relativa ai primi interventi urgenti per far fronte alle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito l' Emilia Romagna dal 4 al 7 febbraio Nel frattempo, è in corso la perimetrazione dell' area franosa di Montevecchio nel Piano Stralcio per il Rischio Idrogeologico dell' Autorità dei. 16

19 Pagina 27 La Voce di Romagna (ed. Forlì) Bacini Regionali Romagnoli. Pericolo incendi: due ordinanze per prevenire danni sul territorio Il Comune ha emanato i provvedimenti in linea con l' Agenzia regionale di Protezione civile. Con l' arrivo del grande caldo si accentua il pericolo di incendi. Per prevenirlo il Comune di Cesena ha emanato nei giorni scorsi due ordinanze, recependo così le indicazioni dell' Agenzia regionale di Protezione Civile, che dal 1 luglio ha attivato la fase di "attenzione", destinata a concludersi il 30 settembre. La prima ordinanza stabilisce che per tutto il periodo compreso fra il 2 luglio ed il 30 settembre debba essere garantita ai mezzi antincendio (autobotti, ma anche mezzi aerei) l' immediata possibilità, in caso di bisogno, di attingere acqua in tutti i punti di approvvigionamento idrico pubblici e privati presenti sul territorio comunale: bacini, laghetti, vasche di bonifica, ecc. La seconda ordinanza mira a tutelare la pubblica incolumità, prevenendo comportamenti che possano favorire lo sviluppo di un incendio, non solo nelle zone boschive ma anche nelle aree urbane incolte. In particolare si segnala il divieto di accendere fuochi, utilizzare apparecchi elettrici o a fiamma libera, ma anche gettare mozziconi di sigaretta o fiammiferi ancora accesi a meno di 100 metri di distanza da boschi, terreni agrari. Vietato anche bruciare i residui vegetali. 17

20 Pagina 38 La Voce di Romagna (ed. Forlì) csv e scenario locale Con la Zebra Gegè si riconoscono i pericoli EDUCAZIONE STRADALE Le associazioni FaenzaPerTe e Cosmohelp hanno coinvolto 60o bambini delle scuole materne ed elementari nel progetto "Verde sulle strisce" L' associazione Faenzaperte e assieme a Cosmohelp la Onlus nota per l' organizzazione dei "viaggi della speranza" dei bambini gravemente malati dai Paesi balcanici in Emilia Romagna allo scopo di curarli, hanno concluso, per quest' anno, gli incontri con gli alunni delle scuole materne e primarie. Il progetto "andarperstrada quando i piccoli diventano grandi", che ha visto coinvolte diverse realtà scolastiche faentine è stato realizzato in collaborazione con la polizia municipale. "Quest' anno abbiamo coinvolto circa 600 bambini spiega Giancarlo Olivelli, presidente di Faenzaperte : i nostri volontari hanno incontrato i più piccoli proponendo la lettura di 'Verde sulle strisce dalla Zebra Gegè si va!' e li hanno coinvolti in piccole simulazioni di primo soccorso, giochi e laboratori didattici". Oltre al libro, le novità sono state il percorso a ostacoli (ambientato nella strada, con l' attraversamento pedonale e il semaforo luminoso) e il laboratorio creativo: i bambini hanno realizzato un piccolo libretto ritagliando e colorando le ultime pagine appositamente rimpic ciolite; le hanno poi reincollate nella giusta sequenza. "Hanno così costruito un 'piccolo manuale' su come ci si comporta in caso di incidente stradale e di come si allertano i soccorsi precisa Olivelli. Siamo convinti che la vera educazione alla sicurezza stradale debba iniziare proprio nell' infanzia, perché i più piccoli sono troppo spesso vittime di incidenti". 18

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Forestale dello Stato Comando Regionale dell Emilia-Romagna Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco Direzione Regionale dell Emilia-Romagna Cos

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

Comune di Capraia e Limite

Comune di Capraia e Limite Comune di Capraia e Limite Protezione Civile Misure di auto protezione e norme elementari di comportamento in caso di calamità naturali Numeri telefonici utili PROT. CIVILE COMUNALE 0571 97811/34/39/42

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

a scuola di Protezione Civile

a scuola di Protezione Civile Servizio Protezione Civile e Rischi Industriali Città di Venezia Il Servizio Nazionale di Protezione Civile in Italia Vigili del Fuoco La Croce Rossa a scuola di Protezione Civile Forze Armate e di Polizia

Dettagli

Proposta Orientamento Formativo Principi di Primo Soccorso nella Scuola Primaria e Secondaria

Proposta Orientamento Formativo Principi di Primo Soccorso nella Scuola Primaria e Secondaria Bologna, 28 Giugno 2015 Pagina 1 di 10 Proposta Orientamento Formativo Principi di Primo Soccorso nella Scuola Primaria e Secondaria ddl n. 1934 - Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

CSV FC ASSIPROV Mercoledì, 05 agosto 2015

CSV FC ASSIPROV Mercoledì, 05 agosto 2015 CSV FC ASSIPROV Mercoledì, 05 agosto 2015 CSV FC ASSIPROV Mercoledì, 05 agosto 2015 Prime Pagine 05/08/2015 Prima Pagina Il Resto del Carlino (ed. Forli) 1 05/08/2015 Prima Pagina La Voce di Romagna (ed.

Dettagli

ORDINANZA n. 138 del 04-08-2010

ORDINANZA n. 138 del 04-08-2010 Comune di Capaccio (Provincia di Salerno) IL SINDACO Corso Vittorio Emanuele, 1-84047 Capaccio (SA) Tel 0828.812203 0828 812308 fax 0828.812239 sito internet: www.comune.capaccio.sa.it ORDINANZA n. 138

Dettagli

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013

Circolare interna n. 103 Villa Raverio 30.10.2013 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014

Circolare interna n. 21 Villa Raverio 30.09.2014 M.K. GANDHI Via Ugo Foscolo 1, 20842 Villa Raverio di Besana in Brianza (MB) Telefono: 0362 942223 Fax: 0362 942297 e-mail: mkgandhi@mkgandhi.gov.it Posta certificata: miis00600e@pec.istruzione.it Sito:

Dettagli

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE Comune di Loano Prov. di Savona PROTEZIONE CIVILE NORME DI AUTOPROTEZIONE REDAZIONE: S.T.A. Progetti S.R.L Società di IngegneriaTerritorio Ambiente Corso Monte Grappa, 19/2 16137 Genova Tel. 010 25 18

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Piano

Dettagli

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015]

[BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015] 2015 ROBBIO NEL CUORE Via Mortara 5 Robbio [BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015] Il presente documento è stato approvato dal consiglio direttivo di Robbio Nel Cuore riunitosi il 03/04/2015.

Dettagli

Da marzo a settembre... eventi e sagre per tutti i gusti!

Da marzo a settembre... eventi e sagre per tutti i gusti! Da marzo a settembre... eventi e sagre per tutti i gusti! In primavera Dal 19 al 23 marzo tradizionale appuntamento Sagra della Seppia 3 giorni / 2 notti in camera 4**** a partire da 119,00 a persona 2

Dettagli

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i versanti boscati di molte parti del mondo nell emisfero

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

Per un. viaggio avventura in Sardegna dalla Provincia di Modena alla Provincia di Carbonia Iglesias

Per un. viaggio avventura in Sardegna dalla Provincia di Modena alla Provincia di Carbonia Iglesias Per un. viaggio avventura in Sardegna dalla Provincia di Modena alla Provincia di Carbonia Iglesias La Provincia di Carbonia Iglesias ha offerto il proprio contributo per aiutare le popolazioni colpite

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI. PER STUDENTI IN VISITA a PER STUDIARE L INGLESE

INFORMAZIONI UTILI. PER STUDENTI IN VISITA a PER STUDIARE L INGLESE INFORMAZIONI UTILI PER STUDENTI IN VISITA a malta e gozo PER STUDIARE L INGLESE introduzione Benvenuti. Questo opuscolo vi fornirà consigli pratici e informazioni utili per il vostro studio e soggiorno

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 02 luglio 2015 02/07/2015 Il Resto del Carlino Pagina 24 PEREGO ACHILLE Gli italiani tornano formichine Consumi, oggi parte il test dei saldi

Dettagli

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014

Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 I.I.S A.F. Formiggini Servizio Prevenzione e Protezione Schede sicurezza Lasciare affisse in aula e prelevare in caso di evacuazione A.S. 2013-2014 SCHEDA 1 PIANO EVACUAZIONE ORIZZONTALE SE DOVETE ABBANDONARE

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa

Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa PIANO DI EMERGENZA INCENDIO Gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro MINISTERO DELL INTERNO - DECRETO 10 MARZO 1998 Collegio Enrico Fermi - S.N.S. Pisa CONSULENTE TECNICO Nome del tecnico Ordine provinciale

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

6. Che cosa indica questo pannello? a) un eventuale pericolo b) una via di evacuazione c) del materiale antincendio d) la direzione dei bagni

6. Che cosa indica questo pannello? a) un eventuale pericolo b) una via di evacuazione c) del materiale antincendio d) la direzione dei bagni 1. Il permesso di lavoro è un documento: a) che deve favorire la consultazione tra tutte le parti che hanno a che fare con il lavoro b) in cui sono stipolate le condizioni del lavoro c) che dà il permesso

Dettagli

Il mondo intorno a noi

Il mondo intorno a noi Il mondo intorno a noi SCUOLA INFANZIA CASOLA - BERZANTINA ANNO SCOLASTICO 2014/15 Le insegnanti, Germana Liani Giovanna d Isanti 1 Loredana Camiscia Angela Tomasi SCUOLA DELL INFANZIA DI CASOLABERZANTINA

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Sede Amministrativa Viale Gramsci,

Dettagli

Oliver va a Londra! Sezione 1. L Accademia e la Scuola di Oliver

Oliver va a Londra! Sezione 1. L Accademia e la Scuola di Oliver Febbraio 2013 Anno 2 Sezione 1 L Accademia e la Scuola di Oliver Sezione 1 L Accademia e la Scuola di Oliver Oliver va a Londra! L evento Un cuore per te Le Botteghe di Oliver Twist: secondo incontro a

Dettagli

n. eventi 2007 308 Gennaio 2009 76 Febbraio 2009 34 Marzo 2009 24 I trimestre 2009 134

n. eventi 2007 308 Gennaio 2009 76 Febbraio 2009 34 Marzo 2009 24 I trimestre 2009 134 ANALISI DEI CASI VERIFICATISI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BRESCIA E STATISTICA DELLE CAUSE Ing. Pier Nicola Dadone Comando provinciale Vigili del Fuoco di Brescia Statistica 2007-9 degli incendi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 E..STATE A CANTALUPA - Bilancio favorevole per la «Tre Denti Bike» del 15 Luglio - Ferragosto cantalupese - 2 Settembre: «Di nuovo in volo per la vita»:festa del Freidour,

Dettagli

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali

LINEE GUIDA per la gestione dell emergenza nelle aree pubbliche comunali COMUNE DI FERRARA Settore Opere Pubbliche e Mobilità - Ufficio Sicurezza sul Lavoro Settore Pianificazione Territoriale - Servizio Commercio Attività Produttive e Sviluppo Economico Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA COMMISSIONE EDUCAZIONE AMBIENTALE E RISPARMIO ENERGETICO GRUPPO DI LAVORO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA COMMISSIONE EDUCAZIONE AMBIENTALE E RISPARMIO ENERGETICO GRUPPO DI LAVORO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Report Azioni per la Mobilità Sostenibile - 2013 Compiti e ruolo del Mobility Manger La figura del Mobility Manager è stata istituita dall articolo 3 del Decreto 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

NUOVA VITA PER LA PLASTICA

NUOVA VITA PER LA PLASTICA NUOVA VITA PER LA PLASTICA Le mille vite degli oggetti LIVELLO Scuola primaria di primo grado (secondo ciclo) Scuola secondaria di primo grado AREA DISCIPLINARE Scienze, Educazione tecnologica DURATA Preparazione:

Dettagli

LE SOSTANZE PERICOLOSE

LE SOSTANZE PERICOLOSE SICUREZZA NELLA CASE Incontro informativo a cura dei vigili del fuoco L INCENDIO LE SOSTANZE PERICOLOSE IL RISCHIO ELETTRICO IL GAS COMBUSTIBILE ALTRI RISCHI DOMESTICI COSA FARE IN CASO DI LE SOSTANZE

Dettagli

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza n u m e r i u t i l i Comune Santo Stefano di Magra Centralino 0187 697111 Polizia Municipale 0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369. Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 54100 AULLA (MS) Tel. 0187/420037 Fax 0187/421369 Piano di emergenza ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SEDE DI BARBARASCO Scuola dell Infanzia PIANO DI EVACUAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo LA TELEFONATA E L INTERVENTO, QUALUNQUE ESSO SIA, SONO COMPLETAMENTE GRATUITI È molto importante

Dettagli

DI CORSA FINO AL MIDOLLO. 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015

DI CORSA FINO AL MIDOLLO. 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015 DI CORSA FINO AL MIDOLLO 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015 Di corsa fino al Midollo è una corsa non competitiva organizzata da ADMO Peperoncino Running in collaborazione con ADMO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

del Liceo G. Zanella

del Liceo G. Zanella del Liceo G. Zanella Ti è mai capitato di parlare dei comportamenti da adottare in caso di incendio nella tua scuola? Cosa faresti e come ti comporteresti se nella tua scuola scoppiasse un incendio? Prima

Dettagli

COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza

COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza Ordinanza n. 0330 Bobbio lì, 20.09.2007 IL SINDACO VISTA la necessità di intervenire a tutela della salute e dell igiene pubblica per prevenire e controllare malattie

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008)

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) 3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI Via A.Labriola -80016 MARANO DI NAPOLI PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) Il Dirigente Scolastico : Dott.ssa Silvana

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. PIRANDELLO - COMISO PROGETTO CITTADINANZA, COSTITUZIONE E SICUREZZA FINALITA DEL PROGETTO Creare e mantenere opportune condizioni di sicurezza all interno

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009

CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 CENTRI RICREATIVI ESTIVI DAL 1 AL 31 LUGLIO 2009 I Centri Ricreativi Estivi SPORT ESTATE 2009 si svolgeranno presso le nuove scuole medie di Saonara e le scuole elementari di Villatora. DESTINATARI: Tutti

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Audizione

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Audizione Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Commissione Camera VIII, 12.11.2015, ore 8.30 Audizione (Eventi alluvionali che hanno colpito il territorio Calabrese ed emergenza idrica

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONTROLLO, IL CONTENIMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE EMISSIONI E DELL INQUINAMENTO ACUSTICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONTROLLO, IL CONTENIMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE EMISSIONI E DELL INQUINAMENTO ACUSTICO Comune di Prazzo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONTROLLO, IL CONTENIMENTO E L ABBATTIMENTO DELLE EMISSIONI E DELL INQUINAMENTO ACUSTICO (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 30/09/2005)

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto siamo quello che mangiamo STAGIONALE E LOCALE: LA DIETA GIUSTA La tua salute dipende in gran parte dalla tua alimentazione. Mangia un po di tutto con moderazione,

Dettagli

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO

MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO. Area ex MICHELIN Trento TRENTO MUSEO DELLE SCIENZE TRENTO Area ex MICHELIN Trento TRENTO PIANO DI EMERGENZA INTERNO Stato delle Emissioni/Revisioni Emiss./Rev. Data Commenti Autore Controllato ed emesso da Approvato da 01/00 08/07 Richiesta

Dettagli

RICHIESTA DI PRENOTAZIONE VISITA

RICHIESTA DI PRENOTAZIONE VISITA RICHIESTA DI PRENOTAZIONE VISITA (da inviare via fax a: 0423 871047) Al responsabile delle attività didattiche della Fattoria Didattica Nino il contadino Sig. Osellame Marco Nome della Scuola/Istituzione

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione.

Oggetto : informazione sul piano di evacuazione. Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale "G.Parini" Via Roma - 21055 Gorla Minore (VA) Tel. e fax : 0331 601650 e-mail uffici: comprensivogorla@libero.it

Dettagli

PERCHE DOBBIAMO SALVAGUARDARE I BOSCHI

PERCHE DOBBIAMO SALVAGUARDARE I BOSCHI PERCHE DOBBIAMO SALVAGUARDARE I BOSCHI In Abruzzo, i boschi rappresentano una caratteristica costante e molto diffusa; si estendono per 322.000 ettari, pari a circa il 30% della superficie territoriale.

Dettagli

SCHEDE DI ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLA SCUOLA PRIMARIA

SCHEDE DI ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLA SCUOLA PRIMARIA SCHEDE DI ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Introduzione Marco Passigato e Lidia Merlin Gruppo scuola Amici della Bicicletta di Verona per una Città Possibile

Dettagli

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? L emergenza Cos è? Una emergenza è una situazione imprevista di potenziale pericolo che si genera quando le persone, i beni, le strutture, l ambiente sono esposti (o possono essere esposti) agli effetti

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Stabilimento di Levate (BG) via Caravaggi. Azienda a rischio di incidente rilevante ai sensi del D.Lgs. 334/99 e s.m.i. NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Versione in italiano. 1. ACCESSO ALLO STABILIMENTO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013

Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013 Circolare interna n. 59 Cavarzere, 12 novembre 2013 Al Prof. Funzione Strumentale Ballarin Marco AI DOCENTI DI SOSTEGNO ED OPERATORI SOCIO SANITARI E p.c personale ATA Oggetto: Piano di emergenza Prova

Dettagli

Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO

Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO Bianca Francesca Berardi Classe 1^ Liceo Esposizione di Geostoria a.s. 2012-2013 AL CENTRO DEL MEDITERRANEO LA POSIZIONE E IL MARE La POSIZIONE al centro del Mediterraneo e la forma peninsulare rendono

Dettagli

Arizona Sustainable Beach

Arizona Sustainable Beach Arizona Sustainable Beach. Bagno Arizona S.r.l. Responsabili di Progetto: Paolo Maggiorelli Giacomo Maggiorelli Intro Due fratelli, Paolo e Giacomo, hanno pensato e creato L Arizona Sustanible Beach grazie

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

siamo tutti pedoni pedoni muoiono ogni anno IL TEMA campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada

siamo tutti pedoni pedoni muoiono ogni anno IL TEMA campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada campagna nazionale per la sicurezza degli utenti deboli della strada siamo tutti pedoni 2013 PREMESSSA La campagna Siamo tutti pedoni è parte di Piedi per terra, un progetto più ampio che ha l'obiettivo

Dettagli

ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART.100 D.Lgs. 81/2008 e s.m. ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI ESERCITAZIONE SOMMARIO: 3. RELAZIONE IN MERITO ALL ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI.... 3 3.1. SCELTE PROGETTUALI

Dettagli

REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E PROTEZIONE CIVILE IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO

REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E PROTEZIONE CIVILE IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO REGIONE LIGURIA ASSESSORATO AGRICOLTURA E PROTEZIONE CIVILE IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO REGIONE LIGURIA Gli incendi boschivi rappresentano una delle più importanti cause di distruzione e

Dettagli

Vuoi bene alla tua scuola? Allora pedala! in via Frigia dal martedì 18 alla domenica 23 novembre info su www.energiadi.org

Vuoi bene alla tua scuola? Allora pedala! in via Frigia dal martedì 18 alla domenica 23 novembre info su www.energiadi.org in via Frigia dal martedì 18 alla domenica 23 novembre info su www.energiadi.org Una gara per produrre corrente elettrica pulita pedalando su apposite biciclette. Sono in gara 9 scuole, quella che produrrà

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

I consigli dei Vigili del Fuoco per un estate senza problemi. MINISTERO dell INTERNO I DEL FU E O N A ZIO

I consigli dei Vigili del Fuoco per un estate senza problemi. MINISTERO dell INTERNO I DEL FU E O N A ZIO CO R PO AL CO MINISTERO dell INTERNO I DEL FU E IL O VIG I consigli dei Vigili del Fuoco per un estate senza problemi N A ZIO N DEL FUOCO VIGILI C O R P O N A Z I O N A L E Ministero dell Interno Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO COMPLESSO DI NORME DA SEGUIRE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO INDICAZIONI GENERALI per l anno scolastico 2012-2013 Nel corridoio di ogni piano sono affisse planimetrie in cui sono evidenziate

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IL CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PREVISIONE Attività diretta allo studio ed alla determinazione dei fenomeni calamitosi, alla identificazione dei rischi, ed alla individuazione delle zone

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

Relazione principali attività anno 2013.

Relazione principali attività anno 2013. Profilo ASSIA O.N.L.U.S. è un associazione di volontariato che dal 1974 opera in San Donato Milanese nell area della disabilità psichica, motoria e intellettiva, attraverso la fornitura di servizi e progetti

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

dal 21 novembre al 3 dicembre

dal 21 novembre al 3 dicembre 10 edizione. Dal 2004 TriathlonTravel porta gli italiani a Phuket dal 21 novembre al 3 dicembre Laguna Phuket Triathlon e Challenge Phuket Con questa proposta avrai l opportunità di partecipare a due tra

Dettagli