APPUNTI DI DERMATOLOGIA, VENEEROLOGIA E CHIRURGIA PLASTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI DI DERMATOLOGIA, VENEEROLOGIA E CHIRURGIA PLASTICA"

Transcript

1 APPUNTI DI DERMATOLOGIA, VENEEROLOGIA E CHIRURGIA PLASTICA

2 Giordano Perin; dermatologia 1: le lesioni elementari LE LESIONI ELEMENTARI: analogamente a quanto avviene per le altre discipline mediche, anche la dermatologia basa la sua analisi e diagnostica su elementi fondamentali quali: anamnesi. Esame obiettivo, in particolare PALPAZIONE E ISPEZIONE. Indagini complementari che possono essere fondamentali. Le lesioni elementari sono la RISPOSTA CUTANEA A DIVERSE MALATTIE O AGGRESSIONI ESTERNE, sono SEMPLICI E BEN DISTINGUIBILI TRA LORO. LA STRUTTURA DELLA CUTE: la cute è una struttura complessa composta di numerosi e diversi strati suddivisi tra loro. Nel complesso possiamo distinguiere: EPIDERMIDE strato superficiale composto di componenti cellulari e componenti cornee, si tratta del tipico epitelio pluristratificato cheratinizzato. Gli strati che compongono l'epidermide sono: basale, composto di precursori staminali adulti di cellule del tessuto specifico. Spinoso, composto di cellule in fase di differenziazione, ricche di desmosomi. Granuloso composto di cellule sempre più differenziate, cominciano a comparire granuli cheratinoialina, composto necessario alla cheratinizzazione della cellula. Lucido, non sempre presente, rappresenta uno strato di transizione in zone dove la cute è particolarmente spessa. Corneo: strato superficiale composto di cellule prive di nucleo, completamente cheratinizzate. Si divide in: corneo disgiunto, superficiale e in fase di distacco. Corneo compatto, profondo e adeso alle strutture sottostanti. DERMA si tratta di una struttura connettivale elastica costituita di fibre intrecciate e distensibili con abbondante matrice amorfa; risulta ovviamente altamente vascolarizzata ed innervata. La struttura del derma è suddivisibile in due strati principalmente: papillare che ospita le papille dermiche, zone di giunzione tra derma ed epidermide dotate di un grosso microcircolo e di corpuscoli nervosi in grande quantità. Reticolare caratterizzato dalla presenza di retinacula che penetrano il derma per congiungerlo all'ipoderma. 1

3 Giordano Perin; dermatologia 1: le lesioni elementari IPODERMA: composto fondamentalmente di tessuto adiposo, è suddivisibile in due grandi aree per la disposizione dei lobuli adiposi stessi. CARATTERISTICHE DELLE LESIONI: una lesione della cute può essere definita come: localizzata. metamerica come avviene nel caso dell'herpes zoster o spesso di nevi epidermici e altri casi. Regionale: la patologia colpisce una regione per esempio un intero arto. Generalizzata: la patologia presenta in questo caso quindi carattere sistemico. Universale. Esistono specifici pattern di distribuzione delle lesioni cutanee, nello specifico ricordiamo: FOTODISTRIBUZIONE dove sono le zone esposte al sole sono le più colpite. Esistono anche dei casi di fotodermatiti opposti: in questo caso sono le regioni abitualmente colpite dal sole e non più soggette alla sua radiazione ad esserne interessate. SEDI ESPOSTE. DISTRIBVUZIONE FOLLICOLARE: come l'acne e molte lesioni. SEDI SEBORROICHE: la dermatite seborrica è una dermatite che compare in sedi che presentano una elevata attività seborroica come CUOIO CAPELLUTO, ZONA NASO GENIEENA, ZONA SOPRASCAPOLARE, ZONA SOPRACILIARE. SEDI APOCRINE dove la causa della patologia è una ipersecrezione apocrina, soprattutto ASCELLE E INGUINE quindi. DISTRIBUZIONE ENDOGENA. DISPOSIZIONE DELLE LESIONI: Le lesioni possono risultare quindi: ISOLATE come avviene per esempio nella malattia di Giannotti Crosti, si tratta di una dermatite caratterizzata dalla formazione di papule nelle regioni del gomito che possono presentarsi: isolate. raggruppate. DISCOIDI come nel lupus, si formano fondamentalmente dei dischi. NUVULARE: più elementi localizzati a forma di moneta. A COCARDA tipica dell'eritema multiforme, spesso con bolla centrale. CERCINATA: forma cioè diversi cerchi; esistono poi diverse categorie di cercine. POLICICLICHE come le manifestazioni herpetiche. LINEARI: forme che si sviluppano a riga lungo un intero braccio per esempio. A BOUQUET. RETICOLARI caratteristiche di affezioni vasali. SINTOMI FUNZIONALI: esistono dei sintomi particolarmente rilevanti dal punto di vista dermatologico, tra questi ricordiamo: PRURITO: con il termine lesione pruginosa si indica una lesione che genera un prurito di una certa intensità e soprattutto costante. TENSIONE: la sensazione di tensione è tipica per esempio delle affezioni virali come l'herpes. 2

4 Giordano Perin; dermatologia 1: le lesioni elementari DOLORE. ODORE: molto importante per esempio nel pemfigo. IPERIDROSI: sono molte le malattie che si accompagnano a sudorazioni importanti. ANIDROSI: perdita di sudorazione. LE LESIONI ELEMENTARI: nel momento in cui si individui una qualsiasi lesione, è fondamentale definire: 1. SE RISULTA PALPABILE, come una vasculite, O NON PALPABILE, come una porpora. 2. ALTERAIZONI DELLA SUPERFICIE CUTANEA. 3. TEMPERATURA DELLE LESIONI. 4. SENSIBILITÀ DELLA CUTE LESA. I PUNTI FONDAMENTALI DA DEFINIRE SONO SETTE: identificazione della lesione elementare. Disposizione della lesione. Dimensioni. Colore. Anomalie di superficie. Consistenza. Profondità. Limiti che possono ben definiti o meno. LE LESIONI ELEMENTARI PRIMARIE: le lesioni primarie sono lesioni che compaiono primariamente, non conseguono ad altri quadri dermatologici. Ricordiamo: MACULE : lesioni non palpabili di diametro non superiore ai 5mm generalmente. Possono essere: epidermiche, causate da un incremento del numero delle cellule di Langherans che vanno a sostituire i melanociti formando macchie bianche. Dermiche come le petecchie. Dermico epidermiche che sono lesioni post infiammatorie, tipicamente successive ad una psoriasi per esempio. LE MACULE POSSONO ESSERE DEFINITE SULLA BASE DEL LORO COLORE per esempio in: ipopigmentate come la vitiligine iperpigmentate. grigio bluastre. giallastre per effetto, soprattutto, dell'accumulo di caroteni. Le macule eritematose possono essere inoltre: transitorie e scompaiono alla pressione. porpore non transitorie che non scompaiono alla pressione. Possono presentare consistenza: solida. Liquida. POMFI : sono il risultato di una vasodilatazione capillare cui consegue un edema del derma corrispondente e prossimo. I pomfi generalmente scompaiono dopo 2-3 ore, ma possono esistere dei quadri di orticaria-vasculite della durata di48 ore, fortemente 3

5 Giordano Perin; dermatologia 1: le lesioni elementari preditivi per quadri di vasculite. PAPULE : sono infiltrati infiammatori rilevati. Possono interessare: epidermide: le papule epidermiche, definite come papule che non superano la membrana basale, più comuni sono le verruche. La crioterapia è in questo caso particolarmente indicata proprio in quanto la lesione non è profonda. derma ed epidermide: tipico caso è il lichen ruber planus, si tratta di lesioni a carattere immunologico composte di papule rossiccie di colore caratteristico. Unicamente il derma superficiale e medio: lesione di questo tipo è la papula della sifilide. Lesioni più profonde sono dette NODULI. NODULI : i noduli sono degli infiltrati infiammatori che hanno invaso il derma profondo. Tali lesioni sono: circoscritte. Di consistenza duro elastica. Interessano il derma profondo, ma NON L'IPODERMA, in caso contrario si parla di DERMO IPODERMITE. Possono confluire a formare delle placche. Evolvono generalmente da lesioni più superficiali come le papule. PANNUCULITI: sono lesioni importanti che interessano anche L'IPODERMA. Si tratta di lesioni: ampie. A consistenza duro lignea. L'eritema nodoso o contusiforme è sicuramente la condizione più comune: si tratta di una malattia molto importante che si manifesta in prossimità di una regione vasale con la colorazione caratteristica della contusione. L'eritema nodoso si manifesta soprattutto in caso di: lebbra. Tubercolosi. Assunzione di dati farmaci. Malattia di Adamantyases-Bechet. VESCICOLE : lesioni a contenuto liquido di dimensioni piccole o medie. Possono essere di tipo: reticolare: vescicola che si forma per spongiosi. Con il termine spongiosi si intende un quadro di questo tipo: un eczema produce liquido epidermico che forza fisicamente i cheratinociti alla dilatazione. Si forma un edema o spongiosi. Vengono attivamente rotti i desmosomi e si formano queste vescicole. Parenchimatoso: in questo caso la patologia cellulare del cheratinocita è primitiva, alcuni cheratinociti infatti si gonfiano e lasciano una superficie vuota che viene riempita da una vescicola. Questo quadro è tipico dell'herpes simplex e zoster. Le vescicole prodotte da un herpes zoster o simplex, possono assumere dimensioni estremamente rilevanti e divenire di fatto grandi come bolle se non più, in ogni caso il meccanismo eziologico di formazione è differente come vedremo. BOLLE : lesioni a contenuto liquido di grandi dimensioni. Possono essere definite sulla 4

6 Giordano Perin; dermatologia 1: le lesioni elementari base della loro localizzazione: intraepidermiche, caratteristiche del PEMFIGO, patologia che diviene mortale in 6-12 mesi. Sovrabasali: CARATTERIZZA IL PEMFIGOIDE BOLLOSO, in questo caso si rompono emidesmosomi e desmosomi dando alla struttura della bolla stessa una cedevolezza considerevole. Sottobasali: tipiche delle ustioni o di altri tipi di patologie. Le bolle possono formarsi per questioni IMMUNOLOGICHE O NON IMMUNOLOGICHE, ma LA CAUSA È IN OGNI CASO LA DEBOLEZZA DEI PONTI DESMOSOMICI ED EMIDESMOSOMICI. Rispetto alle vescicole di grandi dimensioni, le bolle presentano in ogni caso un FORTE CEDEVOLEZZA DI PARETE, è sufficiente esercitare una pressione superficiale per allargarne la cavità (fenomeno di Nichols). LESIONI ELEMENTARI SECONDARIE: sono lesioni elementari che derivano da altre lesioni elementari o da altri quadri dermatologici, possono essere: CROSTE: queste lesioni DERIVANO DA QUALSIASI TIPO DI LESIONE, sono infatti conglomerati di sangue, residui cellulari e siero. ABRASIONI ED EROSIONI : perdite di sostanza che INTERESSANO SOLO L'EPIDERMIDE, sono limitate al di sopra della membrana basale quindi. Queste lesioni SI RIPARNO CON RESTITUTIO AD INTEGRUM, al contrario quando viene interrotta la membrana basale, la cicatrice permane in ogni caso. ULCERA : l'ulcera è una lesione che si porta più in profondità e non tende a guarire, queste lesioni possono essere molto molto diverse tra loro. Tali lesioni presentano eziologia: infettiva. Vascolare. Neoplastica: un caso molto particolare è quello della epidermolisi bollosa distrofica dove si formano delle bolle a seguito di piccoli traumi, queste bolle vanno incontro repentinamente a formazione di carcinomi a rapidissima evoluzione. PIAGA simile all'ulcera, ma essendo determinata generalmente da causa traumatica, tende alla guarigione seppur con lentezza e difficoltà. RAGADI : perdita di sostanza stretta e profonda, molto dolorosa. CICATRICI : processi riparativi di perdita di sostanza con neoproliferazione tissutale. Sulla base delle condizioni del singolo paziente si possono poi verificare: CICATRICI IPERTROFICHE. CHELOIDI. Cicatrici di questo tipo non vanno mai retratte, si riformerebbe infatti una quantità ancora maggiore di tessuto. LESIONI ELEMENTARI PRIMITIVO SECONDARIE: sono lesioni che possono emergere come tali o derivare da altro, tra queste ricordiamo: PUSTOLA che può essere, come accennato: primitiva. Secondaria. Dal punto di vista eziologico si dividono in: 5

7 Giordano Perin; dermatologia 1: le lesioni elementari microbiche. Amicrobiche. sono cavità piene di liquido ricche di neutrofili, materiale fondamentalmente purulento, ma non sempre a base infettiva. SQUAME sono aggregati di lamelle cornee, suddivisibili in: PITIRIASICHE piccole. FURFURACEE di dimensioni medie: si ritrovano nella maggior parte delle dermatiti. LAMELLARI grandi: la causa principale di questo quadro dermatologico è la scarlattina nel bambino 1. SCLEROSI indurimento circoscritto di derma e ipoderma caratterizzato da: deposito di collagene. Perdita di follicoli pilo-sebacei. Riduzione consistente della dimensione delle ghiandole sudoripare. Esempio tipico è l'alopecia, questa patologia può presentarsi in due forme: CICATRIZIALE: si caratterizza per la formazione di un quadro di sclerosi dove il deposito di una cicatrice rende IMPOSSIBILE LA CRESCITA DI NUOVI CAPELLI. NON CICATRIZIALE dove invece non si depositano fibre collagene e la crescita dei capelli è ancora possibile. ATROFIE cioè quadri di riduzione dello spessore della cute. Si verificano: appiattimento delle papille dermiche. Sclerosi. Si parla spesso di ATROFOSCLERODERMIE cioè patologie caratterizzate da ATROFIE ACCOMPAGNATE DA SCLEROSI. La atrofia non è sempre facile da diagnosticare istologicamente: lo spessore della cute nelle diverse regioni si presenta molto diversa nelle diverse sedi e diversi pazienti possono presentare variazioni considerevoli di questo parametro. Due aspetti sono fondamentalmente valutati: l'appiattimento delle papille dermiche. La perdita di spessore della cute. 1 La colorazione lampone della lingua lampone e la desquamazione delle dita non sono quadri caratteristici della scarlattina ma di tutte le infezioni pyogeniche di tipo tossino-mediato. In alcuni casi è possibile che un quadro di questo tipo si verifichi nella arteriolite di kawasaky. 6

8 Giordano Perin; dermatologia 1: le lesioni elementari CLASSIFICAZIONE DELLE LESIONI PRIMITIVE TIPO DI LESIONE DEFINIZIONE TIPOLOGIE LESIONI PRIMITIVE MACULA POMFO PAPULA NODULO PANNICULITE VESCICOLA BOLLA LESIONI SECONDARIE CROSTA ABRASIONE ED EROSIONE ULCERA PIAGA RAGADE CICATRICE LESIONI PRIMITIVO SECONDARIE PUSTOLA SQUAMA SCLEROSI ATROFIA lesione non palpabile di dimensioni non superiori ai 5mm edema dermico di piccole dimensioni e breve durata generalmente infiltrati infiammatori rilevati e palpabili infiltrati infiammatori del derma profondo, non interessano l'ipoderma infiltrato infiammatorio che interessa l'ipoderma lesioni a contenuto liquido di piccole o medie dimensioni, sotto i 5mm lesioni a contenuto liquido di grandi dimensioni conglomerati di sangue, cellule e siero; derivano da qualsiasi lesione perdite di sostanza che interessano solo l'epidermide perdita di sostanza che si porta in profondità, non tende alla guarigione perdita di sostanza che si porta in profondità, tende a guarire con difficoltà perdita di sostanza stretta e profonda, non tende alla guarigione processo riparativo con deposito di collagene e sostanza amorfa cavità ricca di liquido e neutrofili, materiale purulento aggregato di lamelle cornee indurimento circoscritto di derma ed ipoderma, con deposito di collagene riduzione dello spessore della cute con appiattimento delle papille dermiche e sclerosi epidermiche, dermiche, dermoipodermiche epidermici, dermoipodermici, del derma superficiale e medio intraepidermiche, sovrabasali, sottobasali cicatrice, cicatrice ipertrofica, cheloide microbiche, amicrobiche pitiriasiche, furfuracee, lamellari 7

9 Giordano Perin; dermatologia 2: le dermatozoonosi da aracnidi LE DERMATOZOONOSI DA ARACNIDI le dermatozoonosi da aracnidi sono delle patologie cutanee trasmesse da una particolare classe di artropodi, quella degli aracnidi appunto, che si divide in: MIRIAPODI cui appartengono i millepiedi. CROSTACEI. ARACNIDI che sono di fatto: RAGNI. ZECCHE. ACARI. SCORPIONI. INSETTI in linea generale sono degli animali a simmetria bilaterale con corpo costituito di due segmenti dotati di numerose propagini e rivestiti di uno scheletro esterno. I RAGNI: non si tratta di animali aggressivi, mordono solo per difesa: il morso si estrinseca tramite CHELICERI, che si trovano anteriormente alla bocca: generalmente questi cheliceri per la loro lunghezza non arrivano al derma. L'effetto del morso dipende dalla quantità di veleno inoculata. In italia poche sono le specie pericolose per l'uomo. Molto spesso il pomfo cutaneo, essendo diluito e a rilascio nel tempo molto lento, può perdurare per mesi. LA MALMIGNATTA: si tratta di un ragno che vive nell'italia centro meridionale tra sassi e sterpi nei mesi caldi (giugno-ottobre), il suo morso non è doloroso. Dal punto di vista sintomatologico abbiamo: SINTOMI NEUROLOGICI soprattutto dolore che: comincia a livello dell'arto colpito. Si porta poi ad addome e torace. Genera degli spasmi muscolari addominali e facciali. POMFO CUTANEO che provoca di fatto: due forellini dei cheliceri. Edema. Necrosi. I casi letali sono POCHISSIMI. RAGNO BRUNO O VIOLINO: ragno che vive nel bacino mediterraneo e favorisce i climi caldi, nelle zone temperate si trova anche in casa. Morde nelle prime ore del mattino, è una specie notturna. Dal punto di vista sintomatologico: a volte da ERITEMA, GONFIORE E PRURITO. In altri casi da: 1

10 Giordano Perin; dermatologia 2: le dermatozoonosi da aracnidi LOXOSCELISMO CUTANEO con la formazione di una vescica circondata da ecchimosi che si ulcera e cicatrizza molto lentamente, anche in settimane o mesi, e provoca necrosi nelle regioni vicine. FORMA VISCERO CUTANEA: da febbre, nausea, vomito, dolori muscolari e articolari. Talvola può provocare coagulopatie, emolisi emoglobinuria e addirittura esiti letali. Questo ragno produce delle sostanze estremamente irritanti e per questo motivo l'effetto cutaneo è tanto forte. TARANTOLA O RAGNO LUPO: si tratta di un ragno di dimensioni notevoli che vive tra sassi e sterpi e foglie d'erba, si muove di notte cacciando insetti. L'effetto del morso di questo animale è relativamente importante, da infatti: forte dolore locale. Edema. Raramente da fenomeni di necrosi. VEDOVA NERA: ragno estremamente diffuso in tutto il mondo eccetto nord america, centro europa e estremo oriente; vive in capanne, cataste di legna, fienili e capannoni. Il ragno è di piccole dimensioni e il morso viene spesso non notato, nel complesso si hanno in qualche minuto: dolori forti. Rigidità muscolare. Crampi. Nausea e vomito. Difficoltà respiratorie fino all'arresto respiratorio. L'intervento deve essere immediato: APPLICARE GHIACCIO SULLA FERITA al fine di vasocostringere localmente e rendere il passaggio del veleno più lento. SUCCHIARE LA FERITA. APPLICARE UNA BENDA STRETTA. È disponibile un antiveleno basato su siero di cavallo. Ad un primo sguardo può sembrare simile ad una eresipela, ma si distingue da essa in quanto SI SVILUPPA MOLTO RAPIDAMENTE e soprattutto NON SI ACCOMPAGNA A FEBBRE. ZECCHE: le zecche possono essere classificate in: ZECCHE DURE presentano uno scudo sul dorso e sono più grandi spesso, necessitano di un tempo prolungato per nutrirsi e separarsi dall'ospite. Mediamente ci vogliono 3-4 giorni perché l'animale si stacchi. ZECCHE MOLLI che non presentano uno scudo e si nutrono molto rapidamente, si attaccano alla cute e si staccano in qualche minuto, senza che il paziente se ne accorga. 2

11 Giordano Perin; dermatologia 2: le dermatozoonosi da aracnidi Le zecche possono essere un veicolo di patogeni compatibili con l'uomo, è importante ricordare però che una zecca portatrice di batteri non è una zecca vitale e di conseguenza non si riproduce generalmente. Il pericolo scaturisce per il fatto che un mammifero può rappresentare rispetto a patologie veicolate da zecche: UN VETTORE in quanto porta la zecca e la malattia nell'ambiente. UN RESERVOIRE cioè una riserva di patogeni potenzialmente pericolosi per l'uomo. Per potersi infettare una zecca deve entrare infatti in contatto con un animale che presenti una carica batterica sufficientemente alta, cosa rarissima nell'uomo, ma frequente nell'animale selvatico: un tipico esempio è il topo che spesso è setticemico. LE ZECCHE DURE o IXODIDI: si parla soprattutto di IXODES RICINUS per quanto riguarda l'uomo, nel complesso questa zecca: vive nel sottobosco, in luoghi ombrosi e umidi soprattutto in aree pedemontane tra 600 e 1200 metri. È un parassita dotato di: BASSA SPECIFICITÀ in quanto aggredisce numerosi mammiferi diversi, più di 200. ALTA PLASTICITÀ si adatta infatti facilmente a condizioni climatiche avverse. Ixodes ricinus immagine tratta da wikipedia Questo è particolarmente rilevante in relazione all'aumento della temperatura media che porta questi animali ad altitudini sempre più basse. La puntura è INDOLORE e può veicolare una ENORME QUANTITÀ DI PATOGENI: borrelia burgdorferi, babesia micoti, babesia divergens, coxiella burnetii, anaplasma phagocitophilum e virus TBE. IXODIASI: la ixodiasi è una patologia determinata dalla puntura di questo tipo di zecca, nel complesso si manifesta con: eruzione papulosa pruginosa. Lesioni eritemato maculari. Orticaria. Granuloma. Il trattamento si esegue con ANTISTAMINICI, GLUCOCORTICOIDI TOPICI E BENZOATO DI BENZILE AL 25%. LO SVILUPPO DELLE ZECCHE IXODES: le zecche ixodes sono zecche che possono presentarsi in tre forme: LARVA che presenta tre paia di zampe. NINFA che presenta quattro paia di zampe. ADULTO che presenta quattro paia di zampe. LE ZECCHE MOLLI: tra le zecche molli ricordiamo: ARGAS REFLEXUS: si tratta di una zecca che colpisce i piccioni, molto diffusa come ectoparassita di uccelli e piccioni, veicola borrelie non pericolose per l'uomo come la borrelia anserina. DERMCENTUR MARGINATUS: zecca del bestiame che vive in arbusti, boschi e pascoli di 3

12 Giordano Perin; dermatologia 2: le dermatozoonosi da aracnidi media montagna. RINOCEFALUS SANGUINEUS: zecca del cane, vive abitualmente in città. Le punture sono generalmente INDOLORI e spesso non danno nessun effetto particolare, non vengono notate in quanto la zecca è molle e si stacca subito dall'ospite. Complicanze possibili sono: ANGIOEDEMA E SHOCK. VETTORI DI RICKETSIAE possono provocare anche una FEBBRE Q. VETTORI DEL VIRUS CCHF che può provocare febbre emorragica e paralisi. VETTORI DEL MORBO DI LYME veicolato dalla BORRELIA BURGDORFERI. REAZIONI AGLI ANTIBIOTICI: una importante conseguenza del trattamento delle borreliosi è la reattività alla somministrazione dell'antibiotico, nello specifico distinguiamo due tipologie di reazione: REAZIONE DI JARISH-HERXHEIMER: si tratta di una reazione determinata dalla liberazione di una enorme quantità di elementi batterici provenienti dalla lisi dei batteri stessi determinata dalla azione antibiotica; si tratta di una reazione immediata e rapida, che una volta superata, non si verifica più. Non richiede la sospensione del trattamento. REAZIONE DI MILIAM o ERITEMA DEL NONO GIORNO: si tratta di una rara modalità di reazione legata alla sensibilità all'antibiotico utilizzato, si innesta in 8-9 giorni e richiede la sospensione del trattamento antibiotico. ACARI: gli acari possono provocare fondamentalmente SCABBOSI o DERMODECIDOSI. Si tratta di piccoli aracnidi che possono provocare infestazioni importanti senza mordere. SARCOPTES: gli acari del genere SARCOPTES sono gli acari responsabili della SCABBIA: si tratta di una parassitosi piuttosto fastidiosa ma curabile in modo abbastanza facile. La patologia è causata: sarcoptes hominis nella stragrande maggioranza dei casi. Da altri tipi di sarcoptes, molto più di rado: minus, maior e molti altri. EPIDEMIOLOGIA: la scabbia è una malattia che si presenta generalmente AD ONDATE ad eccezione naturalmente dei paesi dove questa patologia è endemica. L'andamento ad ondate della malattia è dovuto al fatto che la guarigione dalla infestazione ANCHE SE NON RENDE IMMUNI, CONFERISCE AI PAZIENTI UNA Argas reflexus. immagine trtta da wikipedia Sarcoptes scabiei immagine tratta da wikipedia CERTA RESISTENZA e di conseguenza è necessario un certo periodo di tempo prima che la infezione si ripresenti. In Italia la frequenza è aumentata molto nel 1963 e sta aumentando di nuovo probabilmente a causa di immigrazione e globalizzazione LA STRUTTURA DEL SARCOPTES SCABIEI O HOMINIS: 4

13 Giordano Perin; dermatologia 2: le dermatozoonosi da aracnidi si tratta di organismo ovoidale dotato di 4 zampe di cui le due anteriori dotate di ventose, le due posteriori dotate di setole. Si distinguono: MASCHIO: vive in superficie sullo strato corneo e muore dopo l'accoppiamento. FEMMINA che invece: scava un CUNICOLO. Depone delle uova, in numero di 2-3 al giorno. Le uova si schiudono in 3-4 giorni. Una volta schiuso l'uovo l'organismo si sviluppa in tre stadi: larva. Ninfa. Acaro maturo. A GIORNI DALLA NASCITA SI RIPRODUCONO, dopo alcune settimane comincia quindi la sintomatologia vera e propria. SVILUPPO DELLA MALATTIA: analogamente ad altre malattie ricordiamo: INCUBAZIONE dura da alcuni giorni ad alcune settimane. TRASMISSIONE: normalmente la trasmissione avviene per contatto DIRETTO PROLUNGATO E INTIMO TRA MALATO E SANO, si tratta di una malattia PARAVENEREA. Questo è dovuto al fatto che gli acari normalmente presenti sul corpo del paziente sono pochi, circa 30-40, e di conseguenza il passaggio non avviene facilmente. È importante ricordare che: nell'ambiente l'acaro non vive a lungo, poche ore, e se sottoposto a stress come il lavaggio non sopravvive o viene lavato via. Nell'ambiente generalmente l'acaro non si trova, non è nemmeno necessaria una vera e propria profilassi ambientale dopo un caso di scabbia. Favorisce moltissimo la sopravvivenza e la propagazione della patologia L'USO DI GUANTI IN LATTICE. Raramente la trasmissione avviene attraverso le lenzuola. La malattia si sviluppa quindi in questo modo: dopo alcuni giorni dal contagio comincia il prurito che è determinato da: secrezione di sostanze cheratolitiche da parte del sarcoptes che: consentono al sarcoptes di arrivare in profondità. Inducono una reazione flogistica che genera il prurito. Reazioni allergo immunologiche immediate o ritardate, dipende dal paziente, dirette contro: il corpo del parassita. Sostanze da lui secrete. Deiezioni. Il trattamento elimina gli acari. Il prurito continua nonostante la malattia sia debellata: sarà necessario somministrare degli antistaminici o dei cortisonici per bloccare il sintomo. LE LESIONI DELLA SCABBIA: la scabbia provoca delle lesioni cutanee caratteristiche, nello specifico abbiamo: LESIONI PRODOTTE DAL SARCOPTES: CUNICOLI: gallerie reticolari ad arco di 3-5 mm, molto diverse da lesioni da 5

14 Giordano Perin; dermatologia 2: le dermatozoonosi da aracnidi grattamento che sono invece lineari. VESCICOLE PERLACEE: si tratta di lesioni a forma di virgola rosa translucide del diametro di qualche millimetro che ospitano le uova deposte dalla femmina. LESIONI DI ALTRA NATURA: eruzione eritemato papulosa. Noduli che possono persistere anche dopo la malattia. LESIONI DA GRATTAMENTO. Lesione dovute alla scabbia. immagine tratta da wikipedia L'intenso prurito aumenta durante la notte quando l'acaro, per il topore, si muove di più. LOCALIZZAZIONE DELLE LESIONI: le lesioni si presentano tipicamente: zona interdigitale. Faccia volare sul lato ulnare dei polsi. Gomiti. Pilastri anteriori delle ascelle, non le ascelle. Ombelico. A cintura. Piega inferiore delle natiche. Talloni. Prepuzio. Areaola mammaria. Il quadro infantile è lievemente differente: in termini di localizzazione, le lesioni si possono presentare: intorno agli 8-10 anni a livello del cuoio capelluto soprattutto. Nei primi mesi di vita al di sotto del piede dove la cute, non stressata, è meno spessa. In termini di manifestazione: LE LESIONI NODULARI SONO MOLTO PIÙ COMUNI NEL BAMBINO e spesso si localizzano sotto l'ascella e permangono anche dopo la guarigione. Gli stessi noduli si possono ritrovare a livello genitale e dei gomiti. Spesso si presenta con lesioni papulari vescicolopustolose e nodulari. LA SCABBIA NORVEGESE: la scabbia norvegese è un particolare tipo di scabbia caratterizzato da: vaste superfici ipercheratosiche colpite da numerosi acari. Scarso prurito. Su pazienti immunuodepressi generalmente. È estremamente contagiosa a causa dell'enorme numero di acari presenti. 6

15 Giordano Perin; dermatologia 2: le dermatozoonosi da aracnidi Mani e cuoio capelluto sono tipicamente interessati. Si tratta di una vera e propria piaga nelle case di riposo. La manifestazione macroscopica sono dei PUNTINI BIANCASTRI SULLA SUPERFICIE CUTANEA DEL PAZIENTE CHE DESQUAMANO, non deve in nessun modo essere confusa con lebbra, in caso contrario l'infezione si propagherebbe rapidamente a tutto il reparto. La mancanza di prurito è dovuta probabilmente: allo stato immunocompromesso del paziente. Scabbia norvegese in un malato di AIDS. immagine tratta da wikipedia COMPLICANZE E MORTALITÀ: molto difficilmente una malattia del genere può portare alla morte del paziente, tuttavia è importante ricordare che: se l'infezione perdura per lungo tempo può portare a problematiche renali importanti. Se l'infezione non viene curata può portare a morte. FORME PARTICOLARI: sicuramente da ricordare sono: SCABBIA INCOGNITA dove la presenza di corticoidi può mascherare sintomi sistemici e locali della scabbia. SCABBIA DA HIV: si verifica circa nel 2-4% dei casi e deve essere sospettata in caso di rash pruginoso o non pruginoso (scabbia norvegese); può essere una delle prime infezioni opportunistiche che si verificano. SCABBIA DEL CUOIO CAPELLUTO: comune negli anziani e nei bambini, può essere scambiata o sovrapporsi ad una dermatite seborroica. DIAGNOSI, TRATTAMENTO E PREVENZIONE: dal punto di vista preventivo la terapia va fatta seguire anche a familiari e a coloro che siano entrati in contatto intimo con il paziente, ma la biancheria e gli indumenti vengono semplicemente lavati in acqua calda e sapone così come non vengono eseguire misure di profilassi ambientale. In caso di eventi che si verifichino in comunità importanti vanno controllati sempre ASILI, SCUOLE, CASERME E CASE DI RIPOSO. DIAGNOSI: la diagnosi viene fatta in termini clinici riconoscendo le lesioni tipiche della malattia, i cunicoli, e a livello microscopico andando ad osservare al microscopio l'acaro posto su un vetrino e colorato con colattofenolo. 7

16 Giordano Perin; dermatologia 2: le dermatozoonosi da aracnidi La biopsia generalmente non si esegue, può essere utile nella scabbia nodulare. I CRITERI DIAGNOSTICI SONO I SEGUENTI: provenienza da aree endemiche. Altri casi in familiari o nel partner di prurito. Prurito intenso localizzato o diffuso. Prurito non responsivo agli steroidi e presente da mesi: il prurito viene eliminato dagli steroidi ma unicamente dopo che l'acaro è stato debellato. Distribuzione della dermatite nelle sedi tipiche. Riconoscimenti di cunicoli e vescicole perlacee. Riscontro della presenza di acari e uova nell'esame a fresco. Il prurito è in ogni caso una manifestazione estremamente comune e che va sempre indagata in maniera maggiormente approfondita prima di far partire una terapia. TERAPIA: la terapia si divide in due grandi cateogorie: TOPICA che prevede l'uso di: benzoato di benzile al 10-15%. esaclorocicloesano all'1%. Permetrina 10-20%. Preparati a base di zolfo, oggi poco usati. Bisolfuro di dimetil fenilene. Crotonil-N-etil toluidina. SISTEMICA come la ivermectina. DEMODECIE: il DEMODEX FOLLICULORUM vive nel follicolo piliero nutrendosi di elementi cellulari degradati e batteri, può essere facilmente debellato lindano o pasta di zinco. Il demodex normalmente vive in profondità nella cute, non in superficie, e non da problemi: QUANDO EMERGE, a seguito per esempio di quadri infiammatori, DA LESIONI ANCHE MOLTO IMPORTANTI, si parla di: DEMODECIDOSI ERITEMATO SQUAMOSA. DEMODECIDOSI PAPULOSA. DEMODECIDOSI PUSTOLOSA O ROSACEIFORME. LESIONI DISCROMICHE. BLEFARITE DA DEMODEX. La distribuzione della dermatite interessa soprattutto VOLTO E DECOLTÈ. Demodex folliculorum. immagine tratta da wikipedia Il demodex si individua molto bene al microscopio per la sua forma caratteristica, esistono due tipi di demodex: BREVE fisicamente corto. LUNGO fisicamente lungo. LA SCABBIA ANIMALE: si tratta di una forma di scabbia causata da acari provenienti da fonti animali, nel caso specifico: SARCOPTES SCABIEI CANI. NOTOEDRES CATI. 8

17 Giordano Perin; dermatologia 2: le dermatozoonosi da aracnidi SARCOPTERS EQUI. ALTRI TIPI DI ACARI: anche altri tipi di acari possono dare QUADRI DERMATITICI o QUADRI ASMATIFORMI se entrano in contatto con l'uomo, tra questi ricordiamo: ACARUS SIRO del grano e della farina. LEPYDOGLIPHUS DESTRUCTOR acaro comune delle derrate. GLYCYPHAGUS DOMESTICUS acaro domestico. CHEYLETIELLA PARASITIVORAX: si tratta di un ecotoparassita di diversi animali, conigli lepri e roditori soprattutto, ma anche cane e gatto. Nel complesso questo acaro aderisce alla cute umana ma può mordere provvisoriamente l'uomo provocando: macule eritematose, pustole e simili. Prurito variabile a braccia e addome. IL DERMATOPHAGOIDES: l'acaro dermatophagoides è l'acaro della polvere responsabile della dermatiti atopiche allergiche, la reazione immunitaria è mediata in questi casi contro: ANTIGENI DELL'ACARO. ANTIGENI DELLE FECI DELL'ACARO. GLI SCORPIONI: si tratta di animali diffusi soprattutto nelle regioni più calde, tropicali o subtropicali, ma anche in Italia in piccola misura. Vivono in posti oscuri e bui, pungono solo se disturbati. Nonostante la puntura sia molto rara questi animali: sono capaci di pungere più di una volta. Danno punture molto dolorose. Possono provocare fenomeni neurotossici o cardiotossici letali. EUSCORPIUS ITALICUS E FLAVICAUDIS: sono scorpioni di piccole dimensioni, si muovono nelle ore notturne da nascondigli posti sotto sassi o vecchi muri. La puntura è simile a quella di una vespa. Escorpius italicus immagine tratta da wikipedia 9

18 Giordano Perin; dermatologia 3: la borreliosi di Lyme LA BORRELIOSI DI LYME la malattia di Lyme è una infezione multisistemica trasmessa da zecche dure del genere ixodes e dovuta alla proliferazione di una spirocheta, la BORRELIA BURGDORFERI: la malattia di Lyme è spesso definita GRANDE SIMULATRICE, tende infatti a presentarsi sotto numerose diverse forme molto spesso confuse con altre patologie. Organi e sistemi principalmente colpiti sono: cute. Articolazioni. Sistema nervoso. Cuore. Occhi. ECOLOGIA: come accennato questa patologia è trasmessa da zecche del genere ixodes che sono zecche dure; i tipi di ixodes che possono trasmettere la borreliosi di Lime sono molto numerosi: RICINUS sicuramente il più comune nelle nostre regioni e nel centro Europa dove la malattia è molto diffusa. GIBBOSUS presente sopratutto in abruzzo e sardegna. SCAPULARIS che è principalmente presente nelle regioni nordorientali degli Stati Uniti. PACIFICUS che è presente invece nelle regioni più occidentali degli Stati Uniti. LOVATUS che veicola la borrelia laconica, non patogena per l'uomo. PERSULCATUS tipicamente presente in Russia e nelle regioni del nord della Cina e Giappone, veicola borrelie patogene. A sinistra la mappa di distribuzione della zecca ixodes ricinus, a destra una immagine della zecca. immagine tratta da wikipedia immagine tratta da wikipedia RESERVOIRES: come accennato a proposito delle malattie trasmesse da aracnidi, ricordiamo che esistono per le patologie da zecche due tipi di vettori: VETTORI che sono le ZECCHE. VETTORI RESERVOIRE: sono animali che presentano una setticemia, spesso ben tollerata, da borrelie e che INFETTANO LE ZECCHE STESSE nel momento in cui queste si cibano. Tipici animali RESERVOIRE, essenziali per il mantenimento del pool batterico nell'ambiente, sono: TOPI DI PICCOLE DIMENSIONI. VOLATILI, sopratutto marini. Un tipico esempio è quello dei topi dalle zampe bianche: questi animali sono spesso un reservoire 1

19 Giordano Perin; dermatologia 3: la borreliosi di Lyme importante di borrelie. Le zecche del genere ixodes si sviluppano attraverso tre stadi: LARVA. NINFA. STADIO ADULTO. Per il passaggio da uno stadio all'altro, è richiesto almeno un pasto ematico e molto spesso il tipo di ospite è lo stesso nei diversi stadi: normalmente quindi la ninfa veicola il batterio a livello del sangue del topo che si infetta e trasmette la malattia ad altre zecche che ad esso si attaccano. MICROBIOLOGIA: la borrelia burgdorferi è una spirocheta, si tratta di un batterio particolare dal punto di vista microbiologico: piccole ma visibili al microscopio, sono grandi circa 0,2-0,5µm. Microaerofile. Necessitano tutte, non solo la borrelia burgdorferi ma anche la borrelia ricorrentis, di un vettore per poter infettare l'uomo. Hanno necessità nutrizionali particolari: crescono in un terreno ricco di N-acetil glucosamina, indispensabile a formare il peptoglicano; si utilizza quindi un terreno detto di BARBOUR STONNER KELLY MODIFICATO ottimizzato per questo tipo di microorganismi. Può presentare dei flagelli in numero variabile da 7 a 11. presenta una membrana esterna di superficie composta di tre strati che avvolgono uno spazio periplasmico contenente il cilindro protoplasmatico. Nel complesso la membrana è povera di LPS ma ricca di altre LIPOPROTEINE MOLTO IMPORTANTI dette OSPS: queste proteine sono codificate da plasmidi presenti nel citoplasma. Ricordiamo che esistono diversi tipi di OSPS: Osps maggiori come Osp A-B-C. Osps minori come Osp D-E-F-G. La borrelia possiede un cromosoma lineare di 950kB e può contenere un numero variabile di plasmidi fino ad un massimo di 21, di questi: 9 sono lineari. 12 sono circolari. Alcuni di questi plasmidi possono essere estremamente importanti per la virulenza della borrelia. ADATTAMENTO GENICO: è importante ricordare il fatto che le borrelie devono sopravvivere in due ambiente completamente differenti tra loro, quello della zecca, dove la temperatura è bassa e ci sono date condizioni fisiologiche, e quello dell'uomo o del mammifero dove la temperatura è decisamente superiore ed è presente un sistema immunitario complesso. Complessivamente possiamo dire che le proteine: OSP A, B e D sono espresse principalmente nella infezione della zecca, sopratutto la proteina D, di cui ancora non è completamente nota la funzione, sembra giochi un ruolo molto importante. 2

20 Giordano Perin; dermatologia 3: la borreliosi di Lyme OSP C, E e F sembra siano espresse preferenzialmente a livello della fase mammifera dell'infezione, quando la zecca appunto muta l'ambiente in cui si trova. ALTRE PROTEINE DI INTERESSE MICROBIOLOGICO: la borrelia esprime una discreta quantità di proteine notevoli: HSP60 e HSP70: proteine altamente conservate, sono hit shock proteins, cross reattive con altri patogeni. P41 FLAGELLINA proteina tipica del genere delle spirochete e comune con il treponema, è responsabile di reazioni sierologiche crociate. BORRELIE NOTE: sono 13 le borrelie note in quanto capaci di veicolare il MORBO DI LYME, nello specifico: borrelia afzelii. borrelia bissentti. borrelia burgdorferi species. borrelia garini. borrelia lusitaniae ritrovata in Portogallo, Marocco e Tunisia. borrelia sinica. borrelia spielmani, ritrovata in Baviera. borrelia valanisiana, ritrovata in Turchia, Svezia e Grecia. borrelia lonestari, agente patogeno del Lyme like disease in Missouri. borrelia andersoni. borrelia japonica. borrelia tanukii. borrelia turdii. SINTOMATOLOGIA CRONICA E DIVERSI TIPI DI BORRELIE: diversi tipi di borrelie sono in grado di dare vita a manifestazioni cliniche differenti in termini cronici sopratuttto, ricordiamo che nell'uomo principali manifestazioni sono: ARTRITE tipica delle borrelie delle specie burgdorferi. MENINGORADICULITE tipica della borrelia garinii, ACRODERMATITIS CRONICA ATHROPICANS o ACA tipica della afzeli e della valaisiana. EPIDEMIOLOGIA: la presenza delle borrelie e la trasmissione della malattia sono strettamente correlate alle condizioni climatiche della zona, è indispensabile infatti che il clima consenta la sopravvivenza della zecca e allo stesso tempo consenta la sopravvivenza dei reservoire che alimentano la malattia. USA: Secondo il CDC di Atlanta, negli ultimi anni il trend registrato riguarda NUOVI CASI PER ANNO: 7,1 casi ogni abitanti. Tra i più comuni patogeni americani come accennato abbiamo: IXODES PACIFICUS. IXODES SCAPULARIS. EUROPA: soprattutto in centro Europa sono presenti: borrelia AFZELII molto importante nell'europa continentale. Borrelia GARINII molto importante in Italia. 3

SCABBIA. www.fisiokinesiterapia.biz

SCABBIA. www.fisiokinesiterapia.biz Epidemie frequenti in comunità a stretto contatto: ospedali, carceri, case di riposo, caserme Riaccensioni cicliche ventennali www.fisiokinesiterapia.biz SARCOPTES SCABIEI VAR. HOMINIS -Specie specifico

Dettagli

Lesioni patognomonica della scabbia èil cunicolo, rilevato, bruno chiaro che si può osservare ai polsi, ai bordi delle dita e delle mani, e ai

Lesioni patognomonica della scabbia èil cunicolo, rilevato, bruno chiaro che si può osservare ai polsi, ai bordi delle dita e delle mani, e ai SCABBIA Causata dall acaro Sarcoptes Scabiei var. hominis Contagio interumano (contatti fisici, via indiretta mediante lenzuola o vestiti è più rara) Prurito peggiora di notte, risparmia volto e cuoio

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

LA SCABBIA NELLA STORIA

LA SCABBIA NELLA STORIA LA SCABBIA LA SCABBIA NELLA STORIA Il termine scabbia deriva dal latino scabere = grattare. La scabbia è già menzionata nelle Sacre Scritture ed è ampiamente trattata nel De Ornatum Mulierum della dott.

Dettagli

Sommario. La zecca 05. La borreliosi 06. La meningoencefalite da zecche 07

Sommario. La zecca 05. La borreliosi 06. La meningoencefalite da zecche 07 Attenzione, zecche! Sommario La zecca 05 La borreliosi 06 La meningoencefalite da zecche 07 Misure profilattiche 08/09 Prevenire le punture di zecche Evitare la trasmissione degli agenti patogeni Vaccinazione

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E CURA DELLA SCABBIA 1. SCOPO Il presente protocollo vuole essere uno strumento per la gestione degli interventi da attuare negli operatori sanitari in caso di esposizione

Dettagli

HERPES SIMPLEX Herpes zoster Mollusco contagioso Verruche giovanili Verruche volgari Verruche plantari Condilomi acuminati. Dermatosi da virus

HERPES SIMPLEX Herpes zoster Mollusco contagioso Verruche giovanili Verruche volgari Verruche plantari Condilomi acuminati. Dermatosi da virus HERPES SIMPLEX Un virus, per indurre uno stato di malattia, deve entrare in una cellula ed ivi moltiplicarsi. Questo avviene nell epidermide, strato più esterno della cute, dove la componente cellulare

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

INCONTRO CON LA CITTADINANZA

INCONTRO CON LA CITTADINANZA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Via Borgo Ruga, 30 32032 Feltre 0439-883835 / 883872 FAX: 0439-883832 INCONTRO CON LA CITTADINANZA Diffusione delle ZECCHE nel nostro territorio.

Dettagli

Gli acari delle rogne

Gli acari delle rogne Gli acari delle rogne Le rogne sono malattie parassitarie causate da ACARI Gli ACARI (parassiti permanenti) vivono e si nutrono Scavando gallerie (Sarcoptes) o nidi epidermici (Notoedres) Sulla superficie

Dettagli

Acari. Dr. Claudio De Liberato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Acari. Dr. Claudio De Liberato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Acari sistematica, biologia, importanza sanitaria Dr. Claudio De Liberato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Opilioni Arachnida Scorpioni Ragni Acari Acari: sistematica

Dettagli

ATTENZIONE ALLE ZECCHE

ATTENZIONE ALLE ZECCHE ATTENZIONE ALLE ZECCHE Prevenzione della Malattia di Lyme In collaborazione con: Centro di riferimento regionale per la Borreliosi di Lyme Azienda Usl di Ravenna GISML - Gruppo italiano studio Malattia

Dettagli

IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO.

IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO. V I A G G I A I N O R A R I O, F A I L A D I A G N O S I I N T E M P O IL TUMORE DELLA PELLE SI VEDE. SCOPRILO IN TEMPO E POTRAI CURARLO. LOCAL SPONSORS EUROPEAN SPONSORS: CAMPAIGN PARTNER: WITH SUPPORT

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

I TUMORI DELLA CUTE. www.fisiokinesiterapia.biz

I TUMORI DELLA CUTE. www.fisiokinesiterapia.biz I TUMORI DELLA CUTE www.fisiokinesiterapia.biz Ghiandole sebacee Ghiandole sudoripare Annessi cutanei I TUMORI DELLA CUTE 1) DERIVATI DALLE STRUTTURE EPITELIALI 1) BENIGNI (CHERATOSI SEBORROICA) 2) EPITELIOMA

Dettagli

Malattie da morso di zecca

Malattie da morso di zecca Malattie da morso di zecca Paolo Doretto Dipartimento di Medicina di Laboratorio AOSMA Pordenone Commissione Interregionale Medica Veneto-Friulana-Giuliana 2 Convegno Interregionale Montagna per tutti.

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Carcinoma spinocellulare

Carcinoma spinocellulare Carcinoma spinocellulare Carcinoma spinocellulare Meno frequente ma più maligno del basalioma. Insorge spesso su una precancerosi (cheratosi attinica, leucoplachia, radiodermite, ulcere croniche ecc.).

Dettagli

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti

a cura di M. Gilardi, M. Accorinti a cura di M. Gilardi, M. Accorinti La Bartonella henselae è un bacillo aerobio gram negativo e costituisce l agente patogeno della malattia da graffio di gatto. L infezione è ubiquitaria e può interessare

Dettagli

REGISTRO REGIONALE DI GRAVI EVENTI AVVERSI DERMATOLOGICI ATTRIBUIBILI A FARMACI. R E A C T - Lombardia. Case Record Form - Questionario

REGISTRO REGIONALE DI GRAVI EVENTI AVVERSI DERMATOLOGICI ATTRIBUIBILI A FARMACI. R E A C T - Lombardia. Case Record Form - Questionario REGISTRO REGIONALE DI GRAVI EVENTI AVVERSI DERMATOLOGICI ATTRIBUIBILI A FARMACI R E A C T - Lombardia Case Record Form - Questionario ospedale numero screening numero SJS/TEN AGEP HSS/DRESS ALTRO Questo

Dettagli

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

FAQ DOMANDE SULLA WND

FAQ DOMANDE SULLA WND FAQ DOMANDE SULLA WND MALATTIA 1. Che cos è la West Nile Disease (WND)? La WND è una zoonosi ad eziologia virale, trasmessa da zanzare, che causa forme di meningo-encefalite negli uccelli, sia selvatici

Dettagli

Eczema atopico o costituzionale

Eczema atopico o costituzionale Eczema Dermatosi allergiche Affezione dell epidermide, è una dermatosi infiammatoria pruriginosa. Avviene la dilatazione degli spazi intercellulari dello strato spinoso per edema provocato dalla fuoriuscita

Dettagli

LE MEMBRANE DEL CORPO. Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi

LE MEMBRANE DEL CORPO. Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi LE MEMBRANE DEL CORPO Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi LE MEMBRANE DEL CORPO Membrane epiteliali: sono membrane di rivestimento Membrane

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 80 LE PARASSITOSI CUTANEE IN AMBITO SCOLASTICO

Bollettino Epidemiologico n. 80 LE PARASSITOSI CUTANEE IN AMBITO SCOLASTICO Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 80 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - Tel. 0824-308 284-5-6-9 - Fax 0824-308302 - e-mail sep@aslbenevento.it LE PARASSITOSI

Dettagli

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia

I tumori della cute. prevenzione diagnosi terapia I tumori della cute prevenzione diagnosi terapia I tumori della pelle si possono suddividere in due grandi gruppi: melanoma e non-melanoma. Per entrambi la prima causa di insorgenza è un esposizione eccessiva

Dettagli

Effetti degli steroidi topici. Corticosteroidi topici. Attività antinfiammatoria non specifica. Attività antimitotica 14.1.2009

Effetti degli steroidi topici. Corticosteroidi topici. Attività antinfiammatoria non specifica. Attività antimitotica 14.1.2009 Corticosteroidi topici 14.1.2009 Effetti degli steroidi topici! Si tratta dei farmaci più frequentemente prescritti e usati in ambito dermatologico.! Attività antinfiammatoria! Attività antimitotica! Attività

Dettagli

Pediculosi del capo (i pidocchi)

Pediculosi del capo (i pidocchi) Pediculosi del capo (i pidocchi) Scarsi sintomi, molta preoccupazione La pediculosi del capillizio è una malattia infettiva dovuta al pidocchio del capo. Si tratta del Pediculus humanus varietà capitis,

Dettagli

MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI

MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI MORSI DI ANIMALI Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI MORSI DI ANIMALI OBIETTIVI SAPERE: - i pericoli legati ai morsi di animali - principali animali con cui abbiamo a che fare SAPER FARE: - riconoscere

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Riepilogo Il nostro organismo

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

LE ZECCHE. Di cosa si tratta

LE ZECCHE. Di cosa si tratta LE ZECCHE Di cosa si tratta La zecca è un artropode chelicerato appartenente, insieme a ragni, acari e scorpioni, alla classe degli aracnidi, che si attacca ostinatamente alla pelle, da cui succhia il

Dettagli

Primarie: La malattia viene senza una causa Secondarie: La malattia viene come conseguenza a qualcosa (es. altra malattia)

Primarie: La malattia viene senza una causa Secondarie: La malattia viene come conseguenza a qualcosa (es. altra malattia) Intro. Ectoderma Epitelio: Mesoderma 3 strati (foglietti) Endoderma Ossa primarie: o di sostituzione. Sono quelle che si formano dalla cartilagine. Ossa secondarie: o di rivestimento. Si formano direttamente

Dettagli

Gatto comune europeo, femmina sterilizzata, 5.5 anni Kikka è arrivata in Italia da 3 mesi, prima viveva in Svezia Ha un problema di prurito facciale

Gatto comune europeo, femmina sterilizzata, 5.5 anni Kikka è arrivata in Italia da 3 mesi, prima viveva in Svezia Ha un problema di prurito facciale KIKKA Segnalamento ed anamnesi Gatto comune europeo, femmina sterilizzata, 5.5 anni Kikka è arrivata in Italia da 3 mesi, prima viveva in Svezia Ha un problema di prurito facciale da circa 9 mesi È stato

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

Borrelia Malattia di Lyme o Borreliosi

Borrelia Malattia di Lyme o Borreliosi Borrelia Malattia di Lyme o Borreliosi Dott.ssa Pistocchini Elena DVM PhD La malattia di Lyme è una malattia infettiva multisistemica causata da una spirocheta (Borrelia burgdorferi) trasmessa dal morso

Dettagli

pagina: 117 alfabetico Capitolo 6: Infezioni batteriche ricerca contenuti stampa ultimo schermo visto indietro prossimo

pagina: 117 alfabetico Capitolo 6: Infezioni batteriche ricerca contenuti stampa ultimo schermo visto indietro prossimo Capitolo 6: Infezioni batteriche pagina: 117 Infezioni batteriche Impetigine pagina: 118 6.1 Impetigine Impetigine bollosa Le bolle dal contenuto opaco sono sovente circondate da un alone eritematoso.

Dettagli

INQUADRAMENTO CLINICO DELLE MANIFESTAZIONI CUTANEE. Pietro Quaglino Clinica Dermatologica Università di Torino

INQUADRAMENTO CLINICO DELLE MANIFESTAZIONI CUTANEE. Pietro Quaglino Clinica Dermatologica Università di Torino INQUADRAMENTO CLINICO DELLE MANIFESTAZIONI CUTANEE Pietro Quaglino Clinica Dermatologica Università di Torino CUTE Indoeuropeo (s)keu = COPRIRE Fisiologia della cute FUNZIONI SENSORIALI FUNZIONI PROTETTIVE

Dettagli

COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA?

COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA? COSA SIGNIFICA: MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? MALATTIA REUMATICA INFIAMMATORIA CRONICA? 1 COSA SIGNIFICA MALATTIA AUTOIMMUNE SISTEMICA? Le patologie autoimmuni sistemiche rappresentano condizioni poco

Dettagli

Lezione di scienze LE MALATTIE DELLA PELLE

Lezione di scienze LE MALATTIE DELLA PELLE Lezione di scienze L'apparato tegumentario (prof. Daniele Baldissin) LE MALATTIE DELLA PELLE La pelle è l'organo con la superficie più estesa. Ha funzione protettiva, sensoriale, secretoria, termoregolatrice,

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Rhabdovirus Rhabdoviridae: Virus della rabbia a) Vesiculovirus - virus della stomatite

Dettagli

Tick Borne Encephalitis

Tick Borne Encephalitis Tick Borne Encephalitis Il materiale che segue è stato presentato ai dipendenti regionali in alcuni incontri formativi (Tolmezzo 28.4.04, Pordenone 29.4.04, Udine 21.5.04, Gorizia 3.6.04 ) organizzati

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Le alopecie nelle connettivopatie autoimmuni. Le connettivopatie, come è noto, appartengono ad un gruppo di patologie

Le alopecie nelle connettivopatie autoimmuni. Le connettivopatie, come è noto, appartengono ad un gruppo di patologie Le alopecie nelle connettivopatie autoimmuni Le connettivopatie, come è noto, appartengono ad un gruppo di patologie caratterizzate da una patogenesi autoimmunitaria,in particolare con interessamento del

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS)

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) COSA SONO? Sono malattie provocate da virus, batteri, parassiti o funghi; l infezione viene trasmessa attraverso i rapporti sessuali con persone malate o portatrici

Dettagli

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Eziologia CaHV1 Genoma DNA, lineare, doppia elica, simmetria icosaedrica 162 capsomeri Dimensioni 120-200 nm Colture cellule omologhe, testicolari, macrofagi replica

Dettagli

Artrite Idiopatica Giovanile

Artrite Idiopatica Giovanile www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Artrite Idiopatica Giovanile Versione 2016 2. DIVERSI TIPI DI AIG 2.1 Esistono diversi tipi di questa malattia? Esistono diverse forme di AIG. Si distinguono

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

11 settembre 2001. Niente sarà più come prima

11 settembre 2001. Niente sarà più come prima 11 settembre 2001 Niente sarà più come prima Alle 8,45 un Boeing 767 dell American Airlines si schianta contro la torre Nord del World Trade Center, nel cuore del quartiere finanziario di New York. Alle

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA

PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE E LA CURA DELLA SCABBIA GENERALITA La scabbia è una delle affezioni dermatologiche di più frequente riscontro, soprattutto nelle comunità in genere. Tale affezione è causata

Dettagli

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE Ogni anno, con l avvento della bella stagione, arrivano anche i problemi legati alle infestazioni da parte di pulci e zecche. Per qualunque possessore di cani o gatti,

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz PSORIASI

www.fisiokinesiterapia.biz PSORIASI www.fisiokinesiterapia.biz PSORIASI DEFINIZIONE Psora = squama Dermatosi eritemato-squamosa ad evoluzione cronica recidivante EPIDEMIOLOGIA 5-10% di tutte le malattie cutanee Frequenza: 1,4 4,82% della

Dettagli

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it VIRUS -ZOSTER (VZV, HHV-3) = infezione primaria Febbre ed esantema vescicolare generalizzato Dopo l infezione primaria, l HHV-3 risale dalle lesioni cutanee lungo le fibre nervose sensitive GANGLI RADICI

Dettagli

Quadri Clinici. I mille volti della malattia psoriasica. Stefania Sorbara. SC Dermatologia-Ospedale di Sestri Levante

Quadri Clinici. I mille volti della malattia psoriasica. Stefania Sorbara. SC Dermatologia-Ospedale di Sestri Levante Quadri Clinici I mille volti della malattia psoriasica Stefania Sorbara SC Dermatologia-Ospedale di Sestri Levante Lesione primaria Chiazza arrotondata a bordi netti caratterzzata da: Eritema Ipercheratosi

Dettagli

Parassiti esterni del cane: CONOSCERLI, ELIMINARLI E PREVENIRE IL RISCHIO DI MALATTIE

Parassiti esterni del cane: CONOSCERLI, ELIMINARLI E PREVENIRE IL RISCHIO DI MALATTIE Parassiti esterni del cane: CONOSCERLI, ELIMINARLI E PREVENIRE IL RISCHIO DI MALATTIE 2 I parassiti esterni, o ectoparassiti, sono tra i peggiori nemici del tuo cane. E non pensare solo alle pulci! Soprattutto

Dettagli

Mononucleosi infettiva

Mononucleosi infettiva Mononucleosi infettiva Dr. Gianluca Russo, Mingha Africa Onlus La mononucleosi infettiva è una malattia acuta ad andamento quasi sempre spontaneamente benigno che interessa il sistema reticolo-istiocitario,

Dettagli

Pediculosi del capo. Che cos'è

Pediculosi del capo. Che cos'è Pediculosi del capo Che cos'è La pediculosi è una infestazione da parte di pidocchi, piccoli insetti che vivono succhiando il sangue dell'ospite. Esistono 3 tipi di pidocchi: il pidocchio della testa,

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

FILARIOSI E LEISHMANIOSI

FILARIOSI E LEISHMANIOSI FILARIOSI E LEISHMANIOSI A cura di: Dr.ssa Emanuela Valena Medico veterinario specializzato in clinica e patologia degli animali da affezione Se ne sente parlare spesso ma molti proprietari di cani ancora

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI

OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI OPUSCOLO INFORMATIVO SUL TRATTAMENTO DELLA PEDICULOSI A cura del Servizio Igiene e Sanità Pubblica DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE 1 IL PIDOCCHIO DEL CAPO Il pidocchio del capo è un parassita specifico dell

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA

IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA IDROSADENITE SUPPURATIVA / ACNE INVERSA Informazioni generali e indicazioni sulla malattia www.idrosadenitesuppurativa.ch Per ulteriori informazioni sull idrosadenite suppurativa. Con il sostegno di Indice

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE TRASMESSE DA ZECCHE ELEMENTI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE

MALATTIE INFETTIVE TRASMESSE DA ZECCHE ELEMENTI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITÀ PUBBLICA MALATTIE INFETTIVE TRASMESSE DA ZECCHE ELEMENTI DI EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE Malattia di Lyme La malattia di Lyme o eritema cronico è causata

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 Direttore dott A. Scialdone INFORMAZIONE SUL TRATTAMENTO DI CROSS- LINKING CORNEALE ( TERAPIA FOTODINAMICA CORNEALE) PER IL CHERATOCONO E PATOLOGIE ECTASICHE

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO

LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Il lupus eritematoso sistemico Malattia infiammatoria, sistemica, cronica ad eziologia multifattoriale e patogenesi autoimmune. Prototipo delle malattie da immunocomplessi.

Dettagli

LESIONI ELEMENTARI PRIMITIVE E SECONDARIE. NOZIONI DI SEMEIOTICA

LESIONI ELEMENTARI PRIMITIVE E SECONDARIE. NOZIONI DI SEMEIOTICA 14 marzo 2003-03-16 Prof. Cainelli h. 14.00-16.00 Elena Pirola Viscardi Luigina LESIONI ELEMENTARI PRIMITIVE E SECONDARIE. NOZIONI DI SEMEIOTICA Il corso sarà costituito di 24 ore nelle quali verrà trattato

Dettagli

Malattie autoimmuni e della cute

Malattie autoimmuni e della cute Corso di aggiornamento IMMAGINI DI PATOLOGIA DEL CAVO ORALE Malattie autoimmuni e della cute Laura Grenzi Struttura Complessa di Dermatologia Arcispedale S. Maria Nuova di Reggio Emilia : Malattie delle

Dettagli

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario Lezione 07 Traumi dell Apparato Tegumentario La Cute Ferite Cosa è? Interruzione della continuità della cute Classificazione Taglio Punta Lacero Contusa Avulsione cutanea Complicanze: Gravità: Lesioni

Dettagli

forniture parafarmaceutiche

forniture parafarmaceutiche Manuale d'uso forniture parafarmaceutiche CONTENUTO forniture parafarmaceutiche Le Dermatiti dello Scalpo La Dermatite Seborroica Le Terapie Atopshield Lozione Meccanismo d'azione di Atopshield Lozione

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Un materasso può contenerne circa 2 milioni e in un grammo di polvere se ne possono trovare fino a 2.000.

Un materasso può contenerne circa 2 milioni e in un grammo di polvere se ne possono trovare fino a 2.000. Mi informo... Conosco l allergia Definizione Gli acari sono aracnidi (ragni) microscopici (da 200 a 600 μm) e possiedono 4 paia di zampe articolate. La femmina è più grossa del maschio ed esistono più

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE TRASMISSIBILI NELL'ATTIVITA' DI ESTETICA DELLA PERSONA Seconda parte

MALATTIE INFETTIVE TRASMISSIBILI NELL'ATTIVITA' DI ESTETICA DELLA PERSONA Seconda parte MALATTIE INFETTIVE TRASMISSIBILI NELL'ATTIVITA' DI ESTETICA DELLA PERSONA Seconda parte Dr.ssa Giovanna Mattei Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene Pubblica Distretto di Reggio Centro 02/08/2005

Dettagli

Alterazioni Disembriogenetiche della mucosa orale e Glossiti

Alterazioni Disembriogenetiche della mucosa orale e Glossiti Alterazioni Disembriogenetiche della mucosa orale e Glossiti Dott. Roberto Broccoletti LEUCOEDEMA Affezione cronica BENIGNA asintomatica che conferisce alle mucose un atteggiamento opaco grigio biancastro.

Dettagli

Sommario. La zecca 05. La borreliosi 06. La meningoencefalite da zecche 07

Sommario. La zecca 05. La borreliosi 06. La meningoencefalite da zecche 07 Attenzione, zecche! Sommario La zecca 05 La borreliosi 06 La meningoencefalite da zecche 07 Misure profilattiche 08/09 Prevenire le punture di zecche Evitare la trasmissione degli agenti patogeni Vaccinazione

Dettagli

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013 Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Prof. Massimo Triggiani Presidente Società Italiana di Allergologia

Dettagli

Le linfoadenopatie. nello studio del medico di famiglia. Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG

Le linfoadenopatie. nello studio del medico di famiglia. Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG Le linfoadenopatie nello studio del medico di famiglia Giovanni PAGANA MMG - Catania Animatore di Formazione FIMMG METIS SIMG motivi diversi per linfoadenopatia Medico decide se Riscontro di linfoadenopatia

Dettagli

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare.

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. L APPARATO SCHELETRICO MUSCOLARE Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. Le ossa Le funzioni principali

Dettagli

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV)

Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) FSME (Frühsommermeningoenzephalitis) Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) 95 West Nile Virus Foto: CNN Febbre del Nilo occidentale (West Nile Virus - WNV) DEFINIZIONE La febbre del Nilo

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ FEBBRE REUMATICA Febbre reumatica Malattia infiammatoria acuta sistemica che si manifesta 2-4 settimane dopo un'infezione faringea da streptococco b-emolitico del gruppo A E'

Dettagli

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Premessa La pediculosi è un infestazione del cuoio capelluto, causata da piccoli parassiti (lunghi 1-4 mm) che depongono uova chiamate lendini.

Dettagli

Concetti base sulle comuni Parassitosi

Concetti base sulle comuni Parassitosi Concetti base sulle comuni Parassitosi 1 Parassitosi nei nostri bambini Sono molte: Amebiasi, Scabbia, Giardiasi, Teniasi, Toxoplasmosi, etc Interessano per lo più l intestino Le due più comuni forme di

Dettagli

ARTRITE PSORIASICA E L ARTRITE PIU DIFFUSA NELLA POPOLAZIONE GENERALE E UNA ARTRITE CHE FA PARTE DEL GRUPPO DELLE

ARTRITE PSORIASICA E L ARTRITE PIU DIFFUSA NELLA POPOLAZIONE GENERALE E UNA ARTRITE CHE FA PARTE DEL GRUPPO DELLE ARTRITE PSORIASICA E L ARTRITE PIU DIFFUSA NELLA POPOLAZIONE GENERALE E UNA ARTRITE CHE FA PARTE DEL GRUPPO DELLE SPONDILOENTESOARTRITI. E UNA ARTRITE AUTOIMMUNE, DOVUTA AL FATTO CHE UNA PARTE DEL NOSTRO

Dettagli

CAI - Sezione di Tivoli

CAI - Sezione di Tivoli In questo periodo i monti del nostro comune sono infestati dai parassiti. Riportiamo alcune informazioni che potranno essere utili agli escursionisti che attraversano la nostra zona. Gli acari Gli Acarina

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

La filariosi e altre malattie causate da parassiti

La filariosi e altre malattie causate da parassiti Centro veterinario alla Ressiga La filariosi e altre malattie causate da parassiti Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Filariosi cardiopolmonare (Dirofilaria immitis) La filariosi cardiopolmonare è

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

Foglio di approfondimento Allergeni di origine animale

Foglio di approfondimento Allergeni di origine animale Foglio di approfondimento Allergeni di origine animale Premessa Le diverse specie animali possono rappresentare una fonte di allergeni per gli individui suscettibili. In particolare gli animali, sia quelli

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

ZECCHE Comportamenti e Prevenzione

ZECCHE Comportamenti e Prevenzione Regione Friuli Venezia Giulia AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI n. 4 MEDIO FRIULI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Nucleo Operativo Profilassi Malattie Infettive Via Chiusaforte 2,33100 UDINE tel. 0432 553211-553262

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

Le linfoadenopatie dal medico di famiglia all ematologo

Le linfoadenopatie dal medico di famiglia all ematologo Le linfoadenopatie dal medico di famiglia all ematologo Dott. Amalia De Renzo Ematologia, Università Federico II,Napoli 25 giugno 2011 Linfoadenopatia definizione: linfonodi di dimensioni anormali (>

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli