Comunicazione interculturale. Comunicazione interculturale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comunicazione interculturale. Comunicazione interculturale"

Transcript

1 Università degli Studi di Ferrara Psicologia di Comunità (modulo) a.a. 2011/2012 Comunicazione interculturale Comunicazione interculturale Prof. Marcella Ravenna

2 Cap. 4 Le relazioni tra i comunicanti La qualità e l esito della comunicazione non sono solo influenzati dai processi cognitivi, affettivi e motivazionali fin qui considerati ma lo sono anche da altri fattori quali in specifico: a) le caratteristiche del contesto b) il tipo di relazione che esiste o che si instaura tra le persone che comunicano (durata del contatto, status dei gruppi, grado di conflittualità) c) la distanza che c è fra i gruppi culturali a cui le persone appartengono d) la conoscenza che ciascuno ha della lingua con cui si comunica

3 Cap. 4 b) I contatti di lunga durata L incontro con persone di un altra cultura può avere diversa durata, può trattarsi di brevi contatti o costituire invece un esperienza durevole. Anche la durata del contatto può incidere sul tipo di relazione che si instaura fra i comunicanti e sui modi in cui essa si evolve. Il mutamento culturale e psicologico causato da un contatto che si protrae e perdura nel tempo fra persone che appartengono a gruppi culturali differenti è denominato ACCULTURAZIONE

4 Cap. 4 b) I contatti di lunga durata Nella maggiore parte dei casi l ACCULTURAZIONE riguarda il rapporto fra gruppi con status sociale differente: Un gruppo portatore della cultura prevalente e dominante, maggioritario Un gruppo non dominante, minoritario che può essere costituito da autoctoni o da immigrati Si tratta di un processo di mutua influenza, che comporta numerose conseguenze sia per il gruppo minoritario che per quello dominante in termini di percezione della propria identità sociale ed appartenenza

5 Cap. 4 b) I contatti di lunga durata MODELLO BIDIMENSIONALE DI ACCULTURAZIONE (Berry, et al. 1997) sostiene che nelle società pluraliste si osservano 2 intenti: a) Il mantenimento della propria cultura (e l identificazione con l ingroup) b) la partecipazione alla cultura dell outgroup (e l identificazione con l outgroup) Il tipo di interazione che si crea fra tali intenti dà luogo a 4 strategie di acculturazione

6 Cap. 4 b) Strategie di acculturazione (Berry et al. 1997) INTEGRAZIONE E caratterizzata dall identificazione con entrambi i gruppi. E preferita da chi ha interesse, sia a mantenere la propria cultura originaria, sia a sviluppare relazioni continuative con l outgroup ASSIMILAZIONE E caratterizzata dall identificazione e interazione continuativa con l outgroup e dall abbandono della cultura dell ingroup MARGINALIZZAZIONE E caratterizzata dall assenza di identificazione con entrambi i gruppi. Poco interesse a mantenere la propria cultura e poco interesse ad avere scambi con la cultura ospitante SEPARAZIONE E caratterizzata dall identificazione con l ingroup e dal mantenimento della cultura originaria, associati al desiderio di evitare l identificazione e l interazione con l ingroup

7 Cap. 4 b) Strategie di acculturazione (Berry et al. 1997) L orientamento verso l una o l altra strategia, influenza in modo considerevole i rapporti fra gruppo di maggioranza e di minoranza Non sempre però gli appartenenti ad una minoranza sono liberi di scegliere il tipo di relazione, poiché: - il contesto in cui avviene il contatto interculturale - l altro gruppo possono imporre determinate regole di relazione Esempio: la strategia dell integrazione può essere scelta e perseguita con successo solo se il gruppo di maggioranza è abbastanza aperto e orientato alla valorizzazione delle specificità culturali. Perché l integrazione abbia luogo occorre un mutuo accomodamento mutuo accomodamento. Occorre, cioè, che i gruppi di minoranza e di maggioranza concordino nel riconoscere a tutti il diritto di mantenere in una data società la propria specificità culturale, nei limiti della salvaguardia della comune convivenza.

8 Cap. 4 b) Status e conflitto Ritornando ai tipi di minaccia in grado di promuovere il pregiudizio: stereotipi negativi, minacce realistiche e simboliche, ansia intergruppi (vedi slide 68-69, Cap. 1,2,3) È indispensabile capire, quando, come ed in che misura entrano in gioco e si integrano. Secondo Stephan (1996) il peso relativo di ciascuna minaccia, dipende dalla specifica relazione fra i 2 gruppi Relazioni poco conflittuali È possibile che gli atteggiamenti del gruppo dominante verso quello minoritario si basino più su stereotipi negativi e ansia intergruppi mentre quelli del minoritario si basino su tutti e 4 i tipi di minacce Quando i contatti sono scarsi stereotipi e ansia pregiudizio Quando i contatti sono frequenti è la qualità dei contatti tipi di minacce che verranno percepite. Se il contatto è paritetico, volontario, personalizzato e positivo si riducono gli stereotipi e l ansia e le possibili cause di pregiudizio saranno le minacce realistiche e simboliche Relazioni di aperto conflitto Entrano in gioco tutte e 4 le minacce nel caso di entrambi i gruppi. In questo caso la possibilità di superare i pregiudizi reciproci e riuscire a comunicare diventa molto difficile

9 Cap. 4 b) Status e conflitto: In che modo è possibile ridurre l ostilità? Per ridurre l ostilità e promuovere la comprensione reciproca fra 2 parti in conflitto, Kelman (1997) ha sperimentato per oltre 20 anni in contesti di vita reale (conflitto fra turchi e greci ciprioti, fra palestinesi e israeliani) una Procedura di comunicazione controllata Essa prevede una serie di incontri fra piccoli gruppi (3-6 persone politicamente influenti, delle opposte fazioni), a cui partecipa una terza parte i facilitatori (fra 2 e 4 persone non coinvolte nel conflitto) Gli scambi comunicativi sono del tutto privati e riservati: non c è pubblico, non sono pubblicizzati, né registrati La regola, preliminarmente accettata dalle parti, è che niente sarà riportato all esterno Rendere possibile un tipo di comunicazione che il rapporto conflittuale generalmente non consente Ruolo del facilitatore: creare un atmosfera favorevole al dialogo, stabilire regole, intervenire solo in modo occasionale discussione libera e aperta in cui le parti parlino e si ascoltino per cercare di capire la prospettiva dell avversario

10 Cap. 4 b) Status e conflitto: Procedura di comunicazione controllata Si chiede ai partecipanti di: o o o analizzare il conflitto in modo analitico e non in modo polemico, ovvero senza biasimare l altra parte e giustificare se stessi riflettere sui modi in cui si rapportano reciprocamente riflettere sulle ragioni per cui tali dinamiche intensificano e prolungano il conflitto Questa comunicazione controllata: aiuta le parti a entrare nella prospettiva dell altro a comprenderne le motivazioni, i bisogni, le paure, le priorità e i limiti Cerca di ridurre la percezione di minaccia

11 Cap. 4 c) La distanza fra i gruppi Se la comunicazione influenza la distanza culturale e ne è a sua volta influenzata: Quali sono i criteri che definiscono la distanza fra 2 culture? Considereremo ora in specifico criteri di tipo: genetico, socioculturale, strutturale, valoriale

12 Cap. 4 c) La distanza fra i gruppi Distanza genetica Distanza socioculturale Hofstede, 1980 Condusse una ricerca su larga scala per individuare il peso delle differenze culturali nella gestione delle organizzazioni Lo studio principale fu realizzato su un campione di persone tramite un questionario tradotto in 18 lingue. I criteri individuati per misurare la distanza culturale sono ancora validi, anche se si limitano ad un contesto lavorativo Tale criterio non è applicabile per definire la distanza fra culture, in quanto la ricerca genetica ha dimostrato che il concetto di RAZZA non ha alcun fondamento biologico. All interno di una presunta razza la distanza media fra 2 individui è infatti all incirca identica se non superiore a quella tra individui di presunte razze differenti 1) Controllo dell incertezza Debole: culture in cui le persone si sentono in uno stato di relativa sicurezza, sono più tolleranti verso comportamenti e idee diverse, instaurano rapporti informali, prendono la vita come viene Forte: minore tolleranza per la diversità, maggiore bisogno di regole formalizzate, relazioni basate su rituali, alto grado di ansietà 2) Distanza gerarchica Culture con alta distanza gerarchica: le persone ammettono le differenze di status più che nelle Culture con bassa distanza gerarchica

13 Cap. 4 c) La distanza fra i gruppi I Maggiori sono le differenze fra 2 gruppi riguardo a 4 dimensioni, maggiore è la distanza culturale fra esse 3) Mascolinità/femminilit /femminilità Sono considerate società maschili: quelle in cui i ruoli sessuali sono molto differenziati e quindi le aspettative verso maschi e femmine sono distinte: l uomo deve imporsi e dimostrarsi più forte, la donna occuparsi della qualità della vita Sono considerate società femminili: quelle in cui le aspettative sono meno precise e i ruoli più intercambiabili: in questo caso uomini e donne si occupano della qualità della vita 4) Individualismo/collettivismo Distanza strutturale Distanza strutturale Triandis, 1995 La distanza culturale è una distanza strutturale che può essere misurata in base a criteri, quali: LINGUAGGIO: le persone apprendono più facilmente un linguaggio della stessa famiglia linguistica STRUTTURA SOCIO-ECONOMICA: struttura familiare (basata su un sistema monogamico o poligamico), religione, sistema politico, STANDARD DI VITA: livello di istruzione, criteri estetici, ecc.

14 Cap. 4 c) La distanza fra i gruppi Distanza valoriale Schwartz (1999,2004) Ha predisposto un modello che consente di confrontare le società in base a 3 dimensioni I valori sono obiettivi astratti (la libertà, la giustizia sociale) che le persone assumono come principi guida generali della propria esistenza Ha confrontato 67 culture nazionali chiedendo ai partecipanti (insegnanti e studenti) di collocare in ordine gerarchico i valori relativi alle 3 dimensioni da lui individuate 1) INQUADRAMENTO culture ove gli individui sono inseriti nella collettività, danno importanza all identificazione con essa, alla salvaguardia delle relazioni sociali e alla cura degli interessi collettivi (valori: obbedienza, ordine sociale, rispetto della tradizione) vs. AUTONOMIA società i cui membri sono individui autonomi che danno importanza all unicità (AUTONOMIA INTELLETTUALE: apertura mentale, creatività, curiosità; AUTONOMIA AFFETTIVA: piacere, vita mutevole, vita eccitante) 2) MODO DI GARANTIRE CONDOTTE SOCIALI RESPONSABILI: GERARCHIA società che concentrano il potere al vertice e si riferiscono a valori di potere, autorità, umiltà, ricchezza vs. EGALITARISMO considerare gli altri moralmente uguali, cooperare con chi ha gli stessi interessi, valori: eguaglianza, giustizia sociale, responsabilità, aiuto, onestà

15 Cap. 4 c) La distanza fra i gruppi 3) MODO DI GESTIRE LA RELAZIONE FRA UMANI E MONDO NATURALE/SOCIALE DOMINIO: società che stimolano i membri ad affermare se stessi in modo da modificare l ambiente naturale e sociale per perseguire scopi personali e collettivi (valori: ambizione, successo, audacia, competenza) vs. ARMONIA: società che stimolano i membri a capire ed apprezzare la natura e il mondo sociale, piuttosto che cercare di cambiarli e sfruttarli (valori: pace, unione con la natura, protezione dell ambiente) Paesi dell America latina: condividono livelli moderati di ciascuno dei 7 valori Paesi Europa occidentale: alto egalitarismo, autonomia intellettuale e armonia; moderatamente alto in autonomia affettiva; moderatamente basso in dominio; molto basso in inquadramento e gerarchia Paesi di lingua inglese: alto dominio Paesi sud est asiatico Paesi sud est asiatico: alto inquadramento e gerarchia, moderatamente alto dominio, moderatamente bassa autonomia affettiva e intellettuale, armonia, molto basso egalitarismo

16 Cap. 4 c) La distanza fra i gruppi Abbiamo fin qui considerato misure di DISTANZA EFFETTIVA (calcolata in base a parametri oggettivi), ma occorre tenere presente che essa non coincide necessariamente con la DISTANZA PERCEPITA dalle persone Quest ultima è abbastanza malleabile, può aumentare o diminuire a seconda che il contesto: renda saliente la vicinanza o la distanza favorisca l assimilazione o il contrasto La percezione di distanza è molto importante ai fini della nostra analisi perché: quanto più un interlocutore è percepito come lontano: tanto più aumenta la tendenza ad utilizzare rappresentazioni stereotipiche tanto più diminuisce l individuazione di attributi di similarità Quali fattori aumentano la distanza culturale percepita? I fattori strutturali individuati da Triandis (slide 11)

17 Cap. 5 Il comportamento di comunicazione interculturale: possibili barriere ed elementi che facilitano Che cosa ostacola e che cosa facilita la comunicazione interculturale? Le aspettative dei comunicanti: riguardano: sia ciò che ci attendiamo dal nostro interlocutore, sia quello che pensiamo l altro si attenda da noi Le differenze fra i comunicanti: riguardano le credenze (visione del mondo, valori, norme) aspetti affettivi (modi e grado di espressione delle emozioni) i comportamenti (linguaggio, abitudini, stili di comunicazione) Tali differenze costituiscono degli ostacoli potenziali che possono però diventare reali quando: la motivazione e la volontà di comprendere ed essere compresi vengono a mancare

18 Cap. 5 Il comportamento di comunicazione interculturale: differenti aspettative La presenza di ostacoli e di barriere dovute a differenti aspettative ative nei comunicanti può generare: Fraintendimenti: cioè delle discrepanze tra ciò che il parlante vuole esprimere e ciò che l ascoltatore recepisce Comprensione incompleta: i partecipanti sperimentano sentimenti di disagio perché percepiscono che qualcosa non ha funzionato nell interazione Questi problemi sono rintracciabili in qualunque tipo di comunicazione: una completa condivisione di significati non c è nemmeno all interno di una stessa cultura, tra individui che impiegano la stessa lingua, poiché essi sono portatori di differenti: credenze, atteggiamenti, valori, aspettative

19 Cap. 5 Il comportamento di comunicazione interculturale: eguali intenti Per comunicare con qualcuno occorre condividere lo stesso intento relazionale Se tale condivisione facilita il superamento di eventuali barriere che possono sorgere fra le persone che comunicano, sono però necessari anche altri elementi: Volontà di prestare attenzione Fiducia nella possibilità di instaurare un rapporto positivo Desiderio di impegnarsi Cercare di accettare le specificità dell altro

20 Cap. 5 Il comportamento di comunicazione interculturale: pregiudizi e stereotipi Molte sono le ragioni per cui stereotipi e pregiudizi rappresentano veri e propri ostacoli alla comunicazione per : a) predispongono le persone a percezioni e giudizi parziali b) interferiscono con la capacità di cogliere l individualità dell interlocutore c) rendono difficile stabilire un rapporto basato sulla fiducia d) incrementano la tendenza a recepire solo quelle informazioni che confermano il proprio punto di vista Poiché il pregiudizio allontana psicologicamente dalla/e persone che sono oggetto di ostilità, esso riduce o annulla il desiderio di comprendere davvero le persone verso le quali si hanno dei pregiudizi.

21 Cap. 5 Comportamenti non verbali: barriere nei confronti dell outgroup Va poi considerato che nel corso di un interazione interculturale gli atteggiamenti negativi non sono espressi solo a parole, ma possono essere anche manifestati, in modo inconsapevole, tramite una serie di segnali non verbali come ad esempio: a) la distanza a cui ci manteniamo b) l evitare di guardare il nostro interlocutore negli occhi c) l orientamento e l angolazione delle spalle, la postura del tronco (evitiamo ad esempio una posizione frontale, non ci tendiamo verso) Questi aspetti segnalano il grado di apertura e disponibilità psicologica come indici di amichevolezza Proprio perchè è abbastanza raro che le persone siano in grado di controllare il proprio comportamento non verbale essi tenderanno ad attribuire la maggiore o minore apertura dell altra persona, non a se stessi (al proprio comportamento non verbale), quanto piuttosto a qualche caratteristica dell interlocutore. Se il nostro comportamento non verbale è percepito come non amichevole, è evidente che susciterà nell altro reazioni di disagio

22 Cap. 5 Pregiudizi e stereotipi nei confronti dell outgroup L ipotesi del contatto è stata elaborata da Allport a metà degli anni 50 proprio con lo scopo di contrastare e ridurre i pregiudizi. Essa sostiene che il contatto fra gruppi sociali differenti per etnia, nazionalità, religione produce degli effetti positivi perché favorisce la conoscenza reciproca e la familiarità fra i gruppi coinvolti. Allport ha però anche sottolineato che il contatto può avere degli effetti positivi solo se sono soddisfatte alcune specifiche condizioni: 1) che i due gruppi abbiano uno status simile 2) che abbiano uno scopo comune, 3) che siano in un rapporto di interdipendenza positiva: contatto amichevole e informale (linguaggio comune, amicizia) 4) che siano presenti norme sociali che promuovono e sostengono l interazione. Questa ipotesi è rimasta fondamentalmente costante nel tempo anche se è stata notevolmente arricchita da altre considerazioni di tipo teorico ed applicativo che in questa sede non è possibile approfondire (Voci, 2003).

23 Cap. 5 Pregiudizi e stereotipi nei confronti dell outgroup Poiché la comunicazione costituisce una forma di contatto ci interessa capire in specifico come la si può depurare dagli effetti negativi di quei pregiudizi e stereotipi che gli interlocutori hanno rispetto all universo culturale del proprio interlocutore Proprio perché il pregiudizio allontana dalle persone che ne sono oggetto e riduce il desiderio di comprenderle, consideremo il pregiudizio come causa di possibili insuccessi comunicativi

24 Cap. 5 - Fattori che controbilanciano l espressione dei pregiudizi Gli studi sulla comunicazione interculturale hanno messo in luce che: - mentre l espressione verbale dei pregiudizi è notevolmente malleabile perché può essere influenzata da diversi fattori: le norme sociali la presenza di un pubblico - assai più problematico è invece ottenere una reale riduzione del pregiudizio

25 Cap. 5 - Fattori che controbilanciano l espressione dei pregiudizi: il contributo di Devine Gli stereotipi negativi non sono malleabili perché sono culturalmente appresi. Il fatto poi che si attivino automaticamente può ripercuotersi negativamente sulle relazioni con i membri di determinati gruppi. Secondo Devine, solo quando la persona è motivata dalle proprie credenze, può intraprendere uno sforzo correttivo per arginare gli effetti negativi degli stereotipi

26 Cap. 5 - Fattori che controbilanciano l espressione dei pregiudizi La semplice conoscenza dei processi cognitivi e affettivi che contribuiscono a strutturare il pregiudizio non è di per sé in grado di ridurre la diffidenza verso l altro e di migliorare le nostre valutazioni su un determinato outgroup Per liberarsi da credenze e stereotipi negativi è indispensabile non solo esserne consapevoli ma anche essere motivati a modificare la reazione nei confronti di un gruppo. Perché si vuole essere coerenti con i propri valori, perché ci si sente in colpa o per altre ragioni.

27 Cap. 5 - Fattori che controbilanciano l espressione dei pregiudizi: CHE INTERVENGONO A LIVELLO COGNITIVO Esistono diverse strategie che possono essere utili nel modificare atteggiamenti e stereotipi, verso un particolare outgroup. Fra le strategie che agiscono a livello cognitivo, vi sono ad esempio: rendere accessibile una categoria più inclusiva come ad esempio quella di Europei che include sia i Rumeni che gli Italiani riduce la salienza della categorizzazione che differenzia i due gruppi oppure rendere saliente una categorizzazione trasversale, come ad esempio la categoria giovani rispetto a quella rumeni e italiani Perché queste strategie siano efficaci è però indispensabile creare le condizioni favorevoli al contatto

28 Cap. 5 - Fattori che controbilanciano l espressione dei pregiudizi CHE INTERVENGONO A LIVELLO COGNITVO/AFFETTIVO EMPATIA agisce in senso contrario all atteggiamento di pregiudizio perché facilita l avvicinamento ed aumenta la probabilità di un interazione soddisfacente. Empatia cognitiva consiste nell assumere il ruolo e la prospettiva dell altro, vedendo il mondo dal suo punto di vista. Essa può ridurre il pregiudizio perché: le persone vedono l outgroup meno minaccioso e si percepiscono meno differenti dai suoi membri di quanto pensassero attiva l idea che in quanto esseri umani condividiamo lo stesso destino (o interdipendenza)

29 Cap. 5 - Fattori che controbilanciano l espressione dei pregiudizi CHE INTERVENGONO A LIVELLO COGNITVO/AFFETTIVO Empatia emozionale consiste: Nelle emozioni provate in risposta alla condizione dell altro es. partecipazione, dispiacere (empatia reattiva) Capacità di comprendere ma anche di sperimentare dentro di sé lo stato d animo e le emozioni dell altra persona (empatia parallela) Vedendo qualcuno trattato ingiustamente da altri si può provare simpatia e solidarietà (reattiva) o si può invece sperimentare risentimento verso chi l ha maltrattata (parallela). Questo tipo di empatia può ridurre il pregiudizio perché: induce a mettere in primo piano il benessere dell altro, sollecita sentimenti più positivi può però indurre disagio per le ingiustizie a cui l altro è sottoposto che si associa ad ansia ed a sentimenti negativi verso l ingroup che rendono più difficili i rapporti intergruppi

30 Cap. 5 - I tre passi che consentono all empatia di ridurre il pregiudizio (Batson et al., 1997) 1) Adottare la prospettiva di un individuo in difficoltà che appartiene ad un gruppo stigmatizzato conduce all incremento di sentimenti empatici nei confronti dell individuo stesso. 2) Questi sentimenti empatici aumentano l importanza percepita del benessere dell individuo. 3) Assumendo che l appartenenza di gruppo dell individuo sia una componente importante della sua sofferenza, vi sarà un processo di generalizzazione dei giudizi positivi all intero gruppo.

31 Anche quando cerchiamo di mostrarci persone senza pregiudizi, ciò può comportare problemi comunicativi Sebbene il favoritismo per l ingroup e il pregiudizio (+ o consapevole) siano fenomeni notevolmente diffusi nella vita sociale Le manifestazioni di sentimenti e atteggiamenti negativi verso persone di altri paesi e di altre culture è visto come in contrasto con le norme sociali di correttezza e ospitalità Culture asiatiche espressioni di adulazione possono sembrare eccessive ad interlocutori occidentali Culture occidentali tali norme possono indurci a mostrarci eccessivamente compiacenti, e ad accettare comportamenti che giudicheremmo molto severamente se fossero intrapresi da un membro dell ingroup.

32 Cap. 5 - Fattori contestuali che controbilanciano l espressione dei pregiudizi (Campbell, 1971; Stephan e Stephan, 1984; Schuman et al. 1985; EDUCAZIONE Capozza e Vlpato, 1999) All aumentare del livello di istruzione, diminuiscono le forme di espressione del pregiudizio. Ciò dipende però da quanto essa: promuove sensibilità a considerare posizioni contrapposte piuttosto che unilaterali su un dato argomento trasmette informazioni articolate sui gruppi sociali e sui rapporti che intercorrono tra essi favorisce l acquisizione di informazioni individualizzate motiva le persone a ricercare ed a ricevere informazioni nuove ed alternative circa gli outgroup Si associa ad un impegno sociale mirato a contrastare ed a eliminare gli stereotipi dai libri e dai programmi televisivi

33 Norme sociali Le norme sociali sono i modi di pensare, sentire e comportarsi su cui gli individui concordano ritenendoli giusti ed appropriati. (esse) riflettono la visione che un gruppo ha del mondo, di se stesso e degli altri gruppi ed esercitano un potente influsso su quasi tutti gli aspetti del nostro comportamento [Smith e [Smith e Mackie,, 1995, 339].

34 5) Fattori contestuali che controbilanciano l espressione dei pregiudizi Ravenna, 2004 SOCIALIZZAZIONE Sviluppo di persone autonome che: privilegiano una dimensione interpersonale sono consapevoli delle distorsioni implicate nella percezione sociale hanno acquisito quelle forme di pensiero critico che mettono al riparo da modalità di pensiero automatico o egocentriche meno sensibili al conformismo al fascino delle ideologie Forma di pensiero semplificato che opera in modo rapido, involontario, inconsapevole e che richiede poco sforzo Sviluppo di persone in grado di stabilire relazioni positive con gli altri e sentimenti di connessione sentimenti di fiducia, empatia

35 Acquisire competenze interculturali Per realizzare una comunicazione interculturale efficace occorre che l impegno dei singoli e delle istituzioni si rivolga a: a) cercare di contrastare gli effetti negativi di stereotipi e pregiudizi b) favorire e ad acquisire competenze comunicative specifiche. A tale fine è però indispensabile: 1) acquisire consapevolezza dei limiti culturali del proprio modo di pensare, sentire, agire (LA NOSTRA PROSPETTIVA NON E L UNICA POSSIBILE) 2) la motivazione a comunicare con persone di altra cultura

36 Acquisire competenze interculturali SENSIBILITA INTERCULTURALE: capacità di cogliere e capire le differenze culturali e di essere al tempo stesso disponibili a modificare in parte il proprio comportamento come forma di attenzione e di rispetto, sia verso le persone con cui interagiamo, sia verso i mondi cui esse appartengono ACQUISIRE CONOSCENZE SPECIFICHE: circa la comunicazione ed il linguaggio, ma anche circa le tradizioni e convenzioni culturali che influenzano i pensieri ed i comportamenti delle persone con cui si vuole entrare in contatto ABILITA COMUNICATIVA: capacità di impiegare sensibilità e conoscenze acquisite per agire in modo efficace nelle interazioni interculturali

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Differenze di genere e Assertività

Differenze di genere e Assertività Differenze di genere e Assertività 24 gennaio 2015, Portogruaro Maura Di Mauro Differenze di Genere e Assertività 2 Differenze di Genere e Assertività 3 Genere, o sesso? Differenze sessuali = differenze

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI

LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI LA PERCEZIONE DEL DISAGIO NEI CONTENITORI EDUCATIVI IL RUOLO DELLA SCUOLA Dr.sa Laura Pedrinelli Carrara Dalla percezione del disagio a scuola al modello di intervento Dott.sa Laura Pedrinelli Carrara

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Gabriella Geraci La comunicazione La comunicazione serve per trasmettere delle informazioni per mezzo di messaggi

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE

CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE 1 CONOSCERE, FORMARE per CAMBIARE Percorsi educativi per l affermazione di una cultura di genere Contro ogni forma di violenza e discriminazione Piena cittadinanza delle differenze A cura dell Associazione

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE ANALISI dei BISOGNI Compito istituzionale della Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori (LILT) è la PREVENZIONE, considerata nelle sue tre valenze: PRIMARIA,

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

Progetto educativo d Istituto

Progetto educativo d Istituto Istituto Privato d Istruzione Superiore Progetto educativo d Istituto A.S. 2014 / 2015 Progetto educativo del Nuovo Istituto Meucci PREMESSA Ai Genitori, quali titolari del Progetto Educativo, spetta la

Dettagli

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO LEGALITÀ riflessione critica sull importanza e la motivazione delle regole; scelta consapevole di rispettarle MEMORIA storia e storie riflessione critica e interazione tra

Dettagli

Bambine e Bambini costruttori di pace

Bambine e Bambini costruttori di pace Istituto Comprensivo V. Tortoreto SCUOLA PRIMARIA Delia e Filippo Costantini Passo San Ginesio Bambine e Bambini costruttori di pace anno scolastico 2004-05 DATI IDENTIFICATIVI DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari Cosa è il BULLISMO Il termine bullismo è utilizzato per designare un insieme di comportamenti in cui qualcuno

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco.

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il laboratorio teatrale è un occasione di scambio e confronto reciproco in

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE; DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI DISAGIO 0 PREMESSA La scuola ha il compito di creare le condizioni che favoriscano nell alunno la costruzione di un immagine positiva di sé poiché l esperienza scolastica riveste un ruolo importante per

Dettagli

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA

ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO, ALL OSSERVAZIONE PARTECIPATA La rivoluzione dell ICF: ogni persona, in qualunque momento della vita, può avere una condizione di salute che in un contesto sfavorevole diventa disabilità. M. Leonardi ICF DALLA CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO,

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati.

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Rubbettino Università, Soveria Mannelli 2009 Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati. Diversi sono tuttavia

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva

Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Il Volontariato Ospedaliero: un indagine conoscitiva Raffaele Crescenzo abstract Il Volontariato Ospedaliero ha raggiunto una maggiore consapevolezza della propria identità e delle proprie funzioni e una

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

L USO DELLA PNL IN AZIENDA: COME, QUANDO E PERCHE

L USO DELLA PNL IN AZIENDA: COME, QUANDO E PERCHE L USO DELLA PNL IN AZIENDA: COME, QUANDO E PERCHE LA SCIENZA Se si cerca programmazione neurolinguistica O PNL si hanno questi risultati ( tantissimi ) Definire la PNL, Programmazione Neuro Linguistica

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza.

E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. E possibile educare e imparare la prosocialità? una proposta curricolare per un educazione alla cittadinanza. Per definizione la Prosocialità è l insieme di quei comportamenti che, senza la ricerca di

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

Relatore: Paula Eleta

Relatore: Paula Eleta A scuola nessuno è straniero Firenze, 30 settembre 2011 Sessione: L integrazione comincia dai più piccoli Una scuola aperta che guarda al futuro Percorsi interculturali e di integrazione presso le Scuole

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri del Consiglio internazionale degli infermieri Il codice internazionale di deontologia per la professione infermieristica

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli