2012 Enrica Aragona Tutti i diritti riservati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2012 Enrica Aragona Tutti i diritti riservati"

Transcript

1 Corto Circuito 1

2 2012 Enrica Aragona Tutti i diritti riservati Edizioni La Gru via S. Caboto, Padova tel P.IVA: Edizioni La Gru Prima edizione: giugno 2012 ISBN: xx-x Illustrazione in copertina: Nayan 2012 Daniela Barisone 3

3 ENRICA ARAGONA SONO QUELLO CHE VUOI 4

4 PREFAZIONE Solo una donna forte può mettere in scena, con tanta nitidezza, una donna altrettanto forte. Enrica Aragona è così: granitica e volitiva. Ha atteso di pubblicare il proprio romanzo d'esordio fino a quando non ha trovato per esso una sistemazione opportuna, una collana che lo accogliesse inquadrandolo e valorizzandolo come merita. Sono quello che vuoi è un romanzo coinvolgente, intenso, duro. Le vicende della protagonista ci fanno vibrare con lei e per lei, parteggiando per la sua fragilità fino a commuoverci. Attraverso la storia di ossessione comprendiamo, provandolo di riflesso, come forza e debolezza siano facce della stessa medaglia, come il venire a patti con le proprie paure sia parte integrante del cammino di crescita di un individuo. E come a volte, per riscoprire se stessi, sia necessario scendere più in basso di quanto si possa credere. Il romanzo che state sfogliando è frutto di un percorso impegnativo, di evoluzione stilistica e personale. Il risultato finale è l aroma di questa carta: quando arriverete all'ultima pagina, saprete riconoscerlo. È il profumo della vittoria e del talento. Greta Cerretti Cristina Lattaro 6

5 Non illuderti: la passione non ottiene mai perdono. Non ti perdono neanch io, che vivo di passione. (Pier Paolo Pasolini) 7

6 PROLOGO Oggi, 16 settembre 2009, dopo più di un anno e mezzo di silenzio sei tornato a farti sentire. Non hai scelto un giorno qualsiasi, tu non fai mai nulla per caso. La telefonata è stata breve, ma hai trovato comunque il tempo di dettare le tue regole; d altronde sei il mio padrone, e obbedirti è l unica cosa che so fare. Mi vuoi in un abito di seta nera sopra a un paio di autoreggenti da venti denari, con i guanti di raso fino ai gomiti e le scarpe con il tacco a spillo. Naturalmente senza slip, ma questo non hai avuto bisogno di dirlo. Ho imparato. «Come una diva d altri tempi» hai sussurrato con la tua voce bugiarda. O come una puttana, ho pensato, massaggiandomi le mani con quello che restava della tua crema all assenzio. Ho obbedito ancora una volta, come sempre, perché ormai so che farti sentire onnipotente è l unico modo per sconfiggerti. L ho imparato a mie spese, in questi anni, ogni volta in cui ho dovuto rimboccarmi le maniche per ricostruire la vita che ti divertivi a distruggere. Hai detto che dovevi parlarmi, che dovevi dirmi qualcosa d importante; ho esitato a lungo prima di accettare quest appuntamento; so che per te non esiste nulla di veramente importante. 9

7 Forse mi dirai che sei tornato per restare, ma la verità è che tu non te ne sei mai andato veramente. Tu hai sempre vissuto accanto a me. Così ho deciso che affrontarti fosse la cosa più giusta da fare, mi sentivo pronta. C è stata la tua assenza a farmi compagnia, in tutto questo tempo. Ma se mi guardo ora, riflessa nella vetrata del solito ristorante, non vedo più la stessa Laura di tempo fa; l involucro è identico, ma dentro qualcosa è cambiato. Ora davanti a me c è tutta la nostra storia, una pellicola sgranata e ingiallita che scorre in un vecchio cinematografo rumoroso. C è tutto di noi, in questo film: le tue bugie e le mie illusioni, i tuoi sbagli e le mie domande. I tuoi sorrisi a metà e le mie lacrime spezzate in gola. Ci sono anche tutti gli spettatori, che hanno assistito impotenti alla nostra distruzione: gente che si commuove, che ride, che crede, che spera. Vorrei poter dimenticare tutto, rivederti con la mente libera da ogni condizionamento, ma mi sento una minuscola goccia d acqua di fronte a un gigante di sale: non riuscirò mai a sciogliere i nodi che mi legano a te. Ho paura di rimanere di nuovo impigliata nella tua rete, di agonizzare lentamente in attesa che tu decida di liberarmi. Perché tu sei quello che voglio. E nonostante i miei buoni propositi, le mie promesse, i miei giuramenti, sono di nuovo qui, nel parcheggio del Morso della Strega ad aspirare boccate di veleno chiedendomi quale dei tanti Alex mi troverò davanti questa sera. L Alex romantico di Sutri, quello della stanza d albergo che si affacciava nel bosco, con il caminetto acceso e le dita al sapore di cioccolato al latte. Oppure l Alex dominatore, lo stesso di quella bottiglia di spumante da due soldi e le manette che mi aspettavano sul pavimento. O magari l Alex perverso, quello che si divertiva a spalancarmi le gambe 10

8 sulla scrivania dopo avermi strappato gli slip con un tagliacarte. Che si divertiva a violentarmi, che poteva permettersi di fare tutto ciò che voleva, consapevole che io avrei detto sempre e solo sì. Sono quello che vuoi, mi dirai. So che me lo dirai. Io non so cosa voglio, ma so quello che non voglio più. Non voglio più essere il termine di paragone che esalta la tua grandezza, il palcoscenico su cui si muove un egocentrico attore che mette in scena la propria farsa, costruendo e demolendo a suo piacimento desideri e perversioni. Non voglio più essere una comparsa che attraversa veloce la scena e poi, silenziosa com è arrivata, sparisce senza lasciare traccia del suo passaggio. Voglio diventare protagonista, per la prima volta, di questo film che hai scritto per me. Sei sempre stato capace di plasmare la mia mente alle tue necessità, tanto da farmi credere di essere davvero io, tra noi due, quella sbagliata. E ora stai tornando a riprenderti la mia vita per l ennesima volta. E sei convinto che io te lo permetterò. Di nuovo. Ma chissà che stavolta non sia tu a sbagliare, Alex. 11

9 1. La mia seconda vita iniziò nel luglio del A Roma l estate era scoppiata in tutta la sua invadenza, e sembrava molto diversa dalle precedenti: il vento di cambiamento che mi stava attraversando iniziava a mostrare i primi effetti. Avevo trovato il coraggio di dare le dimissioni da un azienda che per sette anni aveva assorbito tutte le mie energie, fisiche e mentali, restituendomi solo un fascio di nervi sul punto di strapparsi. Ero stata assunta appena dopo il diploma; avevo bisogno di mettere qualche soldo da parte per andare a vivere per conto mio. Dopo la morte di mia madre, le cose con mio padre e mio fratello non andavano proprio alla grande. Avevo resistito quasi sette anni in quell ufficio del cazzo, subendo umiliazioni e soprusi di ogni genere in cambio di quei pochi spiccioli sicuri a fine mese, finché non ce la feci più. E, fregandomene per la prima volta della rata del mutuo, mandai a quel paese il Direttore Generale, un ingrigito cinquantenne in sovrappeso con un debole per le more, sbattendogli in faccia la mia lettera di dimissioni e tutto il rancore accumulato in quegli anni. Quel maiale non batté ciglio, limitandosi a ricordarmi che quella defezione mi sarebbe costata cara: più o meno sette stipendi. Mi apprestavo a vivere quell estate nel mio bilocale al piano terra, in compagnia del mio computer portatile e di tante speranze. Senza soldi, ma finalmente libera. 12

10 Non potevo rimanere troppo a lungo senza lavorare; la liquidazione, ridotta a causa del mancato preavviso, era bastata a malapena per pagare le ultime rate dell automobile, proprio come aveva detto il mio caro Direttore. Ma per il mio ventisettesimo compleanno intendevo regalarmi una Laura nuova, decisa a non permettere più a nessuno di calpestarla, umiliarla e farla sentire inutile. Dovevo prendere in mano le redini della mia vita, e iniziai nella maniera più classica possibile: tagliai i capelli cortissimi e li tinsi di viola. Sognavo di farlo da anni, senza averne il coraggio; quel viscido del mio capo non me l avrebbe perdonato. Mi concessi anche un altro vezzo, una piccola lucertola tatuata sulla nuca. Il mio compagno era partito per una vacanza di una settimana in Olanda con i suoi amici; io non lo seguii, preferendo rimanere in città per iniziare a consultare gli annunci di lavoro. Così, mentre Stefano visitava a rotazione tutti i coffee shops di Amsterdam, io mi abbronzavo nel nostro minuscolo giardino nascosto dal rampicante, gironzolando su internet con un portatile wireless alla ricerca di un nuovo lavoro. Una mattina come le altre, mentre chattavo con la mia amica Nadia che provava a spiegarmi l etimologia dei nomi, iniziai a navigare su un sito di annunci di lavoro e notai tre righe che sembravano scritte apposta per me: Azienda leader nel settore della ristorazione cerca segretaria referenziata, contratto semestrale, orario flessibile. Chiamare 349 solo se interessati ed esperti, astenersi perditempo. Composi il numero senza pensarci nemmeno un attimo. Mi rispose una persona dal leggero accento straniero, probabilmente dell est; una voce talmente lieve che per tutta la durata della conversazione pensai fosse una donna. Solo quando mi disse il 13

11 suo nome capii che era un uomo. L uomo che sarebbe diventato il mio padrone. «Alle quindici e trenta, io sono Aleksandar. Mi mandi il curriculum per .» Fu il primo dei suoi ordini e io, ancora inconsapevole, obbedii. Terminata la telefonata, richiamai la finestra in cui stavo chattando con Nadia e le chiesi quale fosse il significato del nome Alessandro. - Colui che protegge. Ma perché me lo chiedi? - Non te lo dico :-) La salutai, spegnendo la sua curiosità insieme al mio computer. Dopo la doccia e un pranzo veloce indossai un completo di lino color sabbia e due gocce di profumo all assenzio, prima di recarmi all appuntamento con colui che protegge; l immagine abbronzata restituita dallo specchietto retrovisore sembrava davvero appartenere a una Laura che non conoscevo ancora, abituata com ero a vedermi sempre pallida per colpa della maledetta anemia che mi trascinavo dietro sin da bambina. Mentre ero ferma a un semaforo, un tizio con un auto sportiva si affiancò alla mia e mi strizzò l occhio, allargandosi in un sorriso piuttosto esplicito. Mi sentii gratificata, e prima di ingranare la marcia e premere sull acceleratore ricambiai con un pizzico di malizia. Mi mancava quell emozione che provavo infilandomi tra i desideri altrui. La convivenza con Stefano si avviava verso il secondo anno, ed ero io a soffrirne maggiormente, proprio non mi riusciva di inquadrarmi nel ruolo della mogliettina premurosa. Ma ero stata io a scegliere quella vita, e cercavo in tutti i modi di farmela andar bene, perché sapevo che era l unico modo per allontanare i fantasmi che troppo spesso tornavano a spaventarmi. 14

12 La mia Fiesta nera mangiava velocemente i chilometri delle strade di Roma, già svuotate dal primo esodo estivo, mentre Jim Morrison cantava che la gente è strana quando sei uno straniero. Adoravo quella canzone, sottofondo ideale per una città orfana dell abituale caos, in cui anche una romana come me poteva sentirsi una turista e osservare con altri occhi i viali deserti, i platani che ondeggiavano indolenti per specchiarsi nel Tevere, l acqua torbida che scorreva placida senza che rombi di motore o clacson impazziti la sovrastassero. Il silenzio mi metteva ancora un po paura, perché mi spingeva a riflettere, a scavare in quella me stessa che non mi piaceva. E come facevo sempre quando rischiavo di legarmi con i miei nodi irrisolti, chiamai Stefano: sentire la sua voce mi tranquillizzava. Lo avvisai che se tutto fosse andato per il verso giusto non sarei rimasta disoccupata ancora a lungo. Ero in anticipo, così decisi di fermarmi a bere un caffè prima di salire alla Biagini & Co., dove mi aspettavano per il colloquio. Il ragazzo dietro al bancone mi servì sfoggiando un largo sorriso e un marcato accento siciliano, riempiendomi di complimenti; mentre affondava lo sguardo nella mia scollatura cercò di scucirmi il numero di telefono. Per tutta risposta, gli mostrai la mano sinistra, facendo roteare la fedina che portavo all anulare, una specie di scudo dietro cui mi nascondevo quando sentivo che le mie difese erano a rischio. «Se dovessi ripensarci, questo è il mio numero» esclamò sorridente, porgendomi un foglietto macchiato di caffè scritto con grafia elementare. «Anto, ma tu il vizio di importunare le clienti non te lo leverai mai, eh?» la voce della donna dietro la cassa, una grassona dai capelli platinati nascosta da un pesante strato di trucco, lo distolse 15

13 dai propositi di caccia grossa. Antonio, dopo avermi rivolto uno sguardo ammiccante, se ne tornò ai suoi cappuccini come se niente fosse. Uscii dal bar e gettai il foglietto nel cestino prima di entrare nel palazzo di fronte, una costruzione che sembrava aver visto tempi migliori, con un vecchio ascensore che funzionava a monete. Salii al terzo piano e suonai alla porta; venne ad aprirmi un tipo che sembrava avere più o meno la mia età. «Lei deve essere Laura» mi disse porgendomi la mano «io sono Aleksandar, entri pure.» Avevo sempre detestato le persone che, presentandosi, abbandonavano la mano molle e lasciva. Eppure fu esattamente ciò che feci io in quel momento: lasciai che Aleksandar mi salutasse senza riuscire in alcun modo a ricambiare la sua stretta. Ero scivolata nei suoi occhi bui, lucidi e taglienti come la lama di un coltello puntata dritta contro di me. Me ne stavo lì incantata, con le labbra che si sforzavano di articolare qualche parola senza riuscire a interpretare gli stimoli del cervello. Guidata da un istinto che non avevo mai provato lasciai cadere lo sguardo tra le sue gambe, prima di scuotermi tra veloci battiti di ciglia e riportare l attenzione sul suo volto ruvido e sfuggente. Temevo di poter dire qualcosa di sbagliato e restai in attesa finché m indicò una poltroncina all interno di una specie di segreteria. «Finisco una telefonata e sono subito da lei» disse prima di dileguarsi. Gli fui grata per quegli istanti di solitudine, ne avevo bisogno per tornare in me. Vidi allontanarsi le sue gambe snelle, coperte da un paio di jeans tenuti su da una catenella di metallo e la t-shirt nera che spariva lentamente, fino a mimetizzarsi con il corridoio buio. 16

14 Mentre aspettavo Aleksandar, mi guardai un po intorno, in quello che a breve sarebbe diventato il mio ufficio. Sulla grande scrivania a due sedute c era un telefono pieno di pulsanti; solo a guardarlo mi faceva venire il mal di testa. Accanto al telefono un notebook dalla scocca argentata e una stampante collegata a un vecchio computer dalla tastiera bianca. Dietro il tavolo si stagliava una distesa di raccoglitori allineati con disciplina sulle mensole: ordini, fatture, bolle di accompagnamento... tutte cose che mi erano piuttosto famigliari. Qualche minuto dopo Aleksandar tornò, trascinando un piccolo climatizzatore portatile. «Mi scusi, non ho pensato che si muore di caldo. Di solito dell accoglienza se ne occupa Beatrice, la ragazza che lavora qui la mattina. Vuole andare in bagno a rinfrescarsi un attimo, prima di iniziare?» I suoi capelli erano talmente corvini da sembrare tinti e, sotto una barba appena accennata s intravedevano due labbra sottili, cornice perfetta per il quadro seducente che la sua voce dipingeva. I lineamenti di Aleksandar raccontavano storie lontane, gli occhi brillavano di una luce misteriosa, occhi da zingaro che si muovevano con rapidità su di me, quasi volessero leggermi dentro. Mi metteva a disagio quello sguardo. «Non si preoccupi, sto benissimo» risposi cercando di nascondere l imbarazzo. Avrei voluto dargli del tu, ma preferii attendere che fosse lui a rompere il ghiaccio. «Vedo che ha lavorato per diversi anni in un azienda d informatica» esclamò senza alzare gli occhi dal mio curriculum. Per quanto s impegnasse, era evidente che fare colloqui non era certo il suo mestiere. 17

15 «In teoria ero stata assunta come segretaria, ma mi sono sempre occupata un po di tutto: centralino, ordini d acquisto, magazzino e ho fatto qualcosa anche nel settore vendite. So fare i documenti di trasporto, la fatturazione e mi arrangio con la prima nota, cose così, ecco. So usare tutti gli applicativi di Office: Excel, posta elettronica, Word, Power Point, oltre a diversi sistemi gestionali per le bolle e le fatture. Sono diplomata in lingue e ho lavorato con fornitori americani, quindi mi arrangio piuttosto bene con l inglese. Insomma, in queste piccole realtà bisogna saper fare un po di tutto, giusto?» Mi resi conto di aver sputato fuori quel monologo tutto d un fiato, mentre Aleksandar teneva lo sguardo fisso sulla mia mano sinistra e sulla fedina che giravo e rigiravo nervosamente. Probabilmente stava pensando di trovarsi di fronte una povera isterica. «Guarda, Laura... Posso darti del tu, vero?» esclamò strofinandosi gli occhi, come chi sta per dire qualcosa di scomodo. «Certo, a patto che io possa chiamarti Alex.» Notai che portava un anello al pollice destro, una fascetta di metallo nero. «Mi chiamano tutti così, Aleksandar è troppo lungo e troppo complicato, specialmente per chi va sempre di corsa, come voi» sorrise, mostrando un incisivo dalla punta scheggiata «in tutta onestà, Laura, credo tu sia fin troppo qualificata per questo lavoro.» Quelle parole mi ghiacciarono: in un istante fui assalita dal terrore di non rivederlo più. Alex mi si era già infilato sottopelle: non c eravamo ancora separati e già mi mancava. Per ragioni che non riuscivo ancora a capire, sentivo che quell uomo in qualche modo mi apparteneva, che quell incontro, avvenuto proprio mentre Stefano era lontano, non poteva essere una coincidenza. 18

16 C era qualcosa nello sguardo torbido di Alex, nel suo volto spigoloso, capace di ridare voce a quella parte di me che credevo di aver messo a tacere per sempre. Per la prima volta da quando avevo incontrato Stefano, sentivo che avrei potuto veramente mettere a repentaglio la vita nuova che mi stavo costruendo, che potevo buttare al vento tutto per essere risucchiata dal mio passato sbagliato, dilaniato tra sudditanza emotiva e voglia di riscatto. Era una sensazione che mi spaventava e mi eccitava allo stesso tempo: tornare a essere schiava delle mie pulsioni da una parte m intrigava, dall altra mi terrorizzava. Il mio continuo bisogno di conferme, che da anni provavo a combattere, era tornato ad affacciarsi prepotente; quelle che Stefano riusciva a darmi con la sua tranquillità, la sua stabilità, il suo essere sempre l uomo giusto al momento giusto, forse non mi bastavano più. «Capisco» risposi «posso almeno sapere di che lavoro si tratta?» «Non mi fraintendere; per noi avere una persona esperta sarebbe l ideale, ma se ti aspetti un lavoro di concetto, temo che rimarrai delusa. Si tratta principalmente di rispondere al telefono, tenere aggiornata l agenda dei venditori e dare una mano a Beatrice con i fornitori.» «Beh, credo di potercela fare» sorrisi. «Fino a oggi si è occupata lei di tutto, ma come puoi ben vedere» si voltò per indicare la parete tappezzata di raccoglitori «Bea ha il suo bel da fare, e lavora solo mezza giornata. Insomma, noi saremmo felici di avere una persona qualificata come te, se per te va bene, ovviamente.» Era anche peggio di quello che pensavo. Nel mio precedente impiego le scartoffie le gestivo io, alla Biagini & Co. mi sarei dovuta accontentare di fare la segretaria a quattro manager rampanti in completo grigio e sopracciglia depilate, magari più 19

17 giovani di me. E se l intuito non m ingannava, probabilmente avrei dovuto fare da segretaria anche a questa Bea, cosa che mi andava ancora meno giù. Ma ottenere quel posto era l unico modo per rivedere Alex. «Non vorrei sembrarti venale, ma per quanto riguarda lo stipendio?» azzardai. «Questo te lo dirà Beatrice, io non sono molto bravo in queste cose. Dovrebbe essere intorno ai mille mensili.» «Sei un commerciale? Lavori qui?» «No.» «Dovevo immaginarlo» gli dissi «non sembri proprio il tipo, in effetti.» Tutti i venditori che avevo conosciuto erano accondiscendenti e gentili al limite dell ipocrisia; Aleksandar invece, nonostante l aspetto informale e il tono di voce calmo, non sembrava a suo agio con le pubbliche relazioni. Di certo non era tipo da sbrodolare complimenti. «La verità» esclamò puntandomi gli occhi addosso «è che l azienda è di mio fratello Mirko. Mi ha chiesto di occuparmi dei colloqui perché è fuori per lavoro. Beatrice non ce la fa a gestire tutto da sola, e hanno bisogno di qualcuno che sappia dove mettere le mani e che possa iniziare subito.» «Potevi dirmelo prima che non eri tu il capo, qui! Avevo un ansia addosso» Pensai di aver scalfito un po il suo guscio di ghiaccio: lo vidi sorridere e decisi di spingermi oltre. «Se posso chiedertelo non sei italiano, vero?» «Sono nato a Podgorica, ma sono in Italia praticamente da sempre. Mio padre era italiano.» «Perdona la mia ignoranza, ma Podgorica dove sarebbe?» 20

18 Alex sorrise, credo fosse abituato a quella domanda. «In Montenegro.» Rimasi in silenzio, rendendomi conto di non sapere assolutamente nulla di quella terra e della sua gente. Chi era dunque, Aleksandar? Uno zingaro, un rom, uno slavo, o peggio ancora, un delinquente? «Vedi, Laura» esclamò, intuendo forse il mio imbarazzo «pochi sanno che oggi nell ex Jugoslavia ci sono degli stati indipendenti. La maggior parte di voi italiani pensa che noi dell est siamo un po tutti della stessa razza. Zingari, giusto? Be, non è proprio così. In Serbia ci sono i serbi, in Slovenia gli sloveni e in Montenegro i montenegrini, come me. Bel colore i tuoi capelli, sai? Molto particolare.» «Grazie» risposi abbassando la testa, sentendo che stavo per avvampare. Quel lavoro mi serviva, ma più di tutto mi serviva rivedere Alex, così provai a giocare tutte le carte a mia disposizione. «Ascolta, visto che ci diamo del tu io ho davvero bisogno di lavorare. Posso dare disponibilità immediata e cominciare anche subito, e siccome ho un po di esperienza, potrei anche aiutare Beatrice con i fornitori. Se tu se voi siete d accordo, naturalmente.» «Devo vedere un altra ragazza alle cinque, ma ho dato un occhiata al curriculum e non mi ha convinto. Ci risentiremo presto, non temere.» Un brivido mi percorse la schiena nell ascoltare quelle ultime parole, che alle mie orecchie suonarono come un monito, quasi una minaccia. Se avessi saputo interpretarle, forse le cose sarebbero andate in modo diverso. O forse no. Forse ero già tornata a essere schiava dei miei fantasmi. 21

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA C è una giovane speranza dell Università di Catania, Lucia Gionfriddo. C era, anzi. Perché un male incurabile l ha trascinata via in una manciata di giorni. Pensa. Era un

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

- 1 reference coded [1,60% Coverage]

<Documents\bo_min_13_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,60% Coverage] - 1 reference coded [1,60% Coverage] Reference 1-1,60% Coverage Certamente. Che musica ascolti? eh, io, ascolto più musica di qualche anno fa, sul rock anni 70, o sono

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto.

L AZIENDUCCIA. Personaggi: Cav. Persichetti, Agente 008, Cav. Berluscotti, Assunto. L AZIENDUCCIA Analisi: Sketch con molte battute dove per una buona riuscita devono essere ben caratterizzati i personaggi. Il Cavalier Persichetti e il cavalier Berluscotti devono essere 2 industriali

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Io sono libero - scena 1.1 Geronimo

Io sono libero - scena 1.1 Geronimo Io sono libero - scena 1.1 Geronimo Sdraiato sul lettino, inizia a fremere, non apre bocca da almeno cinque minuti. Se fosse seduto, il suo piede ballerebbe. In testa continua a sentire, inarrestabile,

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

CARMEN TOTARO Le piene di grazia

CARMEN TOTARO Le piene di grazia CARMEN TOTARO Le piene di grazia Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07491-9 Prima edizione: marzo 2015 Impaginazione: studio pym / Milano Le piene di grazia

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Esempi di Conversazioni Coach-Cliente

Esempi di Conversazioni Coach-Cliente Esempi di Conversazioni Coach-Cliente Semplici Modelli di Coaching con tecniche descritte durante il corso. Esempio di Conversazione Coaching n. 1 Coach: Buongiorno, Sandra. Come stai oggi? Come vanno

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli