2012 Enrica Aragona Tutti i diritti riservati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2012 Enrica Aragona Tutti i diritti riservati"

Transcript

1 Corto Circuito 1

2 2012 Enrica Aragona Tutti i diritti riservati Edizioni La Gru via S. Caboto, Padova tel P.IVA: Edizioni La Gru Prima edizione: giugno 2012 ISBN: xx-x Illustrazione in copertina: Nayan 2012 Daniela Barisone 3

3 ENRICA ARAGONA SONO QUELLO CHE VUOI 4

4 PREFAZIONE Solo una donna forte può mettere in scena, con tanta nitidezza, una donna altrettanto forte. Enrica Aragona è così: granitica e volitiva. Ha atteso di pubblicare il proprio romanzo d'esordio fino a quando non ha trovato per esso una sistemazione opportuna, una collana che lo accogliesse inquadrandolo e valorizzandolo come merita. Sono quello che vuoi è un romanzo coinvolgente, intenso, duro. Le vicende della protagonista ci fanno vibrare con lei e per lei, parteggiando per la sua fragilità fino a commuoverci. Attraverso la storia di ossessione comprendiamo, provandolo di riflesso, come forza e debolezza siano facce della stessa medaglia, come il venire a patti con le proprie paure sia parte integrante del cammino di crescita di un individuo. E come a volte, per riscoprire se stessi, sia necessario scendere più in basso di quanto si possa credere. Il romanzo che state sfogliando è frutto di un percorso impegnativo, di evoluzione stilistica e personale. Il risultato finale è l aroma di questa carta: quando arriverete all'ultima pagina, saprete riconoscerlo. È il profumo della vittoria e del talento. Greta Cerretti Cristina Lattaro 6

5 Non illuderti: la passione non ottiene mai perdono. Non ti perdono neanch io, che vivo di passione. (Pier Paolo Pasolini) 7

6 PROLOGO Oggi, 16 settembre 2009, dopo più di un anno e mezzo di silenzio sei tornato a farti sentire. Non hai scelto un giorno qualsiasi, tu non fai mai nulla per caso. La telefonata è stata breve, ma hai trovato comunque il tempo di dettare le tue regole; d altronde sei il mio padrone, e obbedirti è l unica cosa che so fare. Mi vuoi in un abito di seta nera sopra a un paio di autoreggenti da venti denari, con i guanti di raso fino ai gomiti e le scarpe con il tacco a spillo. Naturalmente senza slip, ma questo non hai avuto bisogno di dirlo. Ho imparato. «Come una diva d altri tempi» hai sussurrato con la tua voce bugiarda. O come una puttana, ho pensato, massaggiandomi le mani con quello che restava della tua crema all assenzio. Ho obbedito ancora una volta, come sempre, perché ormai so che farti sentire onnipotente è l unico modo per sconfiggerti. L ho imparato a mie spese, in questi anni, ogni volta in cui ho dovuto rimboccarmi le maniche per ricostruire la vita che ti divertivi a distruggere. Hai detto che dovevi parlarmi, che dovevi dirmi qualcosa d importante; ho esitato a lungo prima di accettare quest appuntamento; so che per te non esiste nulla di veramente importante. 9

7 Forse mi dirai che sei tornato per restare, ma la verità è che tu non te ne sei mai andato veramente. Tu hai sempre vissuto accanto a me. Così ho deciso che affrontarti fosse la cosa più giusta da fare, mi sentivo pronta. C è stata la tua assenza a farmi compagnia, in tutto questo tempo. Ma se mi guardo ora, riflessa nella vetrata del solito ristorante, non vedo più la stessa Laura di tempo fa; l involucro è identico, ma dentro qualcosa è cambiato. Ora davanti a me c è tutta la nostra storia, una pellicola sgranata e ingiallita che scorre in un vecchio cinematografo rumoroso. C è tutto di noi, in questo film: le tue bugie e le mie illusioni, i tuoi sbagli e le mie domande. I tuoi sorrisi a metà e le mie lacrime spezzate in gola. Ci sono anche tutti gli spettatori, che hanno assistito impotenti alla nostra distruzione: gente che si commuove, che ride, che crede, che spera. Vorrei poter dimenticare tutto, rivederti con la mente libera da ogni condizionamento, ma mi sento una minuscola goccia d acqua di fronte a un gigante di sale: non riuscirò mai a sciogliere i nodi che mi legano a te. Ho paura di rimanere di nuovo impigliata nella tua rete, di agonizzare lentamente in attesa che tu decida di liberarmi. Perché tu sei quello che voglio. E nonostante i miei buoni propositi, le mie promesse, i miei giuramenti, sono di nuovo qui, nel parcheggio del Morso della Strega ad aspirare boccate di veleno chiedendomi quale dei tanti Alex mi troverò davanti questa sera. L Alex romantico di Sutri, quello della stanza d albergo che si affacciava nel bosco, con il caminetto acceso e le dita al sapore di cioccolato al latte. Oppure l Alex dominatore, lo stesso di quella bottiglia di spumante da due soldi e le manette che mi aspettavano sul pavimento. O magari l Alex perverso, quello che si divertiva a spalancarmi le gambe 10

8 sulla scrivania dopo avermi strappato gli slip con un tagliacarte. Che si divertiva a violentarmi, che poteva permettersi di fare tutto ciò che voleva, consapevole che io avrei detto sempre e solo sì. Sono quello che vuoi, mi dirai. So che me lo dirai. Io non so cosa voglio, ma so quello che non voglio più. Non voglio più essere il termine di paragone che esalta la tua grandezza, il palcoscenico su cui si muove un egocentrico attore che mette in scena la propria farsa, costruendo e demolendo a suo piacimento desideri e perversioni. Non voglio più essere una comparsa che attraversa veloce la scena e poi, silenziosa com è arrivata, sparisce senza lasciare traccia del suo passaggio. Voglio diventare protagonista, per la prima volta, di questo film che hai scritto per me. Sei sempre stato capace di plasmare la mia mente alle tue necessità, tanto da farmi credere di essere davvero io, tra noi due, quella sbagliata. E ora stai tornando a riprenderti la mia vita per l ennesima volta. E sei convinto che io te lo permetterò. Di nuovo. Ma chissà che stavolta non sia tu a sbagliare, Alex. 11

9 1. La mia seconda vita iniziò nel luglio del A Roma l estate era scoppiata in tutta la sua invadenza, e sembrava molto diversa dalle precedenti: il vento di cambiamento che mi stava attraversando iniziava a mostrare i primi effetti. Avevo trovato il coraggio di dare le dimissioni da un azienda che per sette anni aveva assorbito tutte le mie energie, fisiche e mentali, restituendomi solo un fascio di nervi sul punto di strapparsi. Ero stata assunta appena dopo il diploma; avevo bisogno di mettere qualche soldo da parte per andare a vivere per conto mio. Dopo la morte di mia madre, le cose con mio padre e mio fratello non andavano proprio alla grande. Avevo resistito quasi sette anni in quell ufficio del cazzo, subendo umiliazioni e soprusi di ogni genere in cambio di quei pochi spiccioli sicuri a fine mese, finché non ce la feci più. E, fregandomene per la prima volta della rata del mutuo, mandai a quel paese il Direttore Generale, un ingrigito cinquantenne in sovrappeso con un debole per le more, sbattendogli in faccia la mia lettera di dimissioni e tutto il rancore accumulato in quegli anni. Quel maiale non batté ciglio, limitandosi a ricordarmi che quella defezione mi sarebbe costata cara: più o meno sette stipendi. Mi apprestavo a vivere quell estate nel mio bilocale al piano terra, in compagnia del mio computer portatile e di tante speranze. Senza soldi, ma finalmente libera. 12

10 Non potevo rimanere troppo a lungo senza lavorare; la liquidazione, ridotta a causa del mancato preavviso, era bastata a malapena per pagare le ultime rate dell automobile, proprio come aveva detto il mio caro Direttore. Ma per il mio ventisettesimo compleanno intendevo regalarmi una Laura nuova, decisa a non permettere più a nessuno di calpestarla, umiliarla e farla sentire inutile. Dovevo prendere in mano le redini della mia vita, e iniziai nella maniera più classica possibile: tagliai i capelli cortissimi e li tinsi di viola. Sognavo di farlo da anni, senza averne il coraggio; quel viscido del mio capo non me l avrebbe perdonato. Mi concessi anche un altro vezzo, una piccola lucertola tatuata sulla nuca. Il mio compagno era partito per una vacanza di una settimana in Olanda con i suoi amici; io non lo seguii, preferendo rimanere in città per iniziare a consultare gli annunci di lavoro. Così, mentre Stefano visitava a rotazione tutti i coffee shops di Amsterdam, io mi abbronzavo nel nostro minuscolo giardino nascosto dal rampicante, gironzolando su internet con un portatile wireless alla ricerca di un nuovo lavoro. Una mattina come le altre, mentre chattavo con la mia amica Nadia che provava a spiegarmi l etimologia dei nomi, iniziai a navigare su un sito di annunci di lavoro e notai tre righe che sembravano scritte apposta per me: Azienda leader nel settore della ristorazione cerca segretaria referenziata, contratto semestrale, orario flessibile. Chiamare 349 solo se interessati ed esperti, astenersi perditempo. Composi il numero senza pensarci nemmeno un attimo. Mi rispose una persona dal leggero accento straniero, probabilmente dell est; una voce talmente lieve che per tutta la durata della conversazione pensai fosse una donna. Solo quando mi disse il 13

11 suo nome capii che era un uomo. L uomo che sarebbe diventato il mio padrone. «Alle quindici e trenta, io sono Aleksandar. Mi mandi il curriculum per .» Fu il primo dei suoi ordini e io, ancora inconsapevole, obbedii. Terminata la telefonata, richiamai la finestra in cui stavo chattando con Nadia e le chiesi quale fosse il significato del nome Alessandro. - Colui che protegge. Ma perché me lo chiedi? - Non te lo dico :-) La salutai, spegnendo la sua curiosità insieme al mio computer. Dopo la doccia e un pranzo veloce indossai un completo di lino color sabbia e due gocce di profumo all assenzio, prima di recarmi all appuntamento con colui che protegge; l immagine abbronzata restituita dallo specchietto retrovisore sembrava davvero appartenere a una Laura che non conoscevo ancora, abituata com ero a vedermi sempre pallida per colpa della maledetta anemia che mi trascinavo dietro sin da bambina. Mentre ero ferma a un semaforo, un tizio con un auto sportiva si affiancò alla mia e mi strizzò l occhio, allargandosi in un sorriso piuttosto esplicito. Mi sentii gratificata, e prima di ingranare la marcia e premere sull acceleratore ricambiai con un pizzico di malizia. Mi mancava quell emozione che provavo infilandomi tra i desideri altrui. La convivenza con Stefano si avviava verso il secondo anno, ed ero io a soffrirne maggiormente, proprio non mi riusciva di inquadrarmi nel ruolo della mogliettina premurosa. Ma ero stata io a scegliere quella vita, e cercavo in tutti i modi di farmela andar bene, perché sapevo che era l unico modo per allontanare i fantasmi che troppo spesso tornavano a spaventarmi. 14

12 La mia Fiesta nera mangiava velocemente i chilometri delle strade di Roma, già svuotate dal primo esodo estivo, mentre Jim Morrison cantava che la gente è strana quando sei uno straniero. Adoravo quella canzone, sottofondo ideale per una città orfana dell abituale caos, in cui anche una romana come me poteva sentirsi una turista e osservare con altri occhi i viali deserti, i platani che ondeggiavano indolenti per specchiarsi nel Tevere, l acqua torbida che scorreva placida senza che rombi di motore o clacson impazziti la sovrastassero. Il silenzio mi metteva ancora un po paura, perché mi spingeva a riflettere, a scavare in quella me stessa che non mi piaceva. E come facevo sempre quando rischiavo di legarmi con i miei nodi irrisolti, chiamai Stefano: sentire la sua voce mi tranquillizzava. Lo avvisai che se tutto fosse andato per il verso giusto non sarei rimasta disoccupata ancora a lungo. Ero in anticipo, così decisi di fermarmi a bere un caffè prima di salire alla Biagini & Co., dove mi aspettavano per il colloquio. Il ragazzo dietro al bancone mi servì sfoggiando un largo sorriso e un marcato accento siciliano, riempiendomi di complimenti; mentre affondava lo sguardo nella mia scollatura cercò di scucirmi il numero di telefono. Per tutta risposta, gli mostrai la mano sinistra, facendo roteare la fedina che portavo all anulare, una specie di scudo dietro cui mi nascondevo quando sentivo che le mie difese erano a rischio. «Se dovessi ripensarci, questo è il mio numero» esclamò sorridente, porgendomi un foglietto macchiato di caffè scritto con grafia elementare. «Anto, ma tu il vizio di importunare le clienti non te lo leverai mai, eh?» la voce della donna dietro la cassa, una grassona dai capelli platinati nascosta da un pesante strato di trucco, lo distolse 15

13 dai propositi di caccia grossa. Antonio, dopo avermi rivolto uno sguardo ammiccante, se ne tornò ai suoi cappuccini come se niente fosse. Uscii dal bar e gettai il foglietto nel cestino prima di entrare nel palazzo di fronte, una costruzione che sembrava aver visto tempi migliori, con un vecchio ascensore che funzionava a monete. Salii al terzo piano e suonai alla porta; venne ad aprirmi un tipo che sembrava avere più o meno la mia età. «Lei deve essere Laura» mi disse porgendomi la mano «io sono Aleksandar, entri pure.» Avevo sempre detestato le persone che, presentandosi, abbandonavano la mano molle e lasciva. Eppure fu esattamente ciò che feci io in quel momento: lasciai che Aleksandar mi salutasse senza riuscire in alcun modo a ricambiare la sua stretta. Ero scivolata nei suoi occhi bui, lucidi e taglienti come la lama di un coltello puntata dritta contro di me. Me ne stavo lì incantata, con le labbra che si sforzavano di articolare qualche parola senza riuscire a interpretare gli stimoli del cervello. Guidata da un istinto che non avevo mai provato lasciai cadere lo sguardo tra le sue gambe, prima di scuotermi tra veloci battiti di ciglia e riportare l attenzione sul suo volto ruvido e sfuggente. Temevo di poter dire qualcosa di sbagliato e restai in attesa finché m indicò una poltroncina all interno di una specie di segreteria. «Finisco una telefonata e sono subito da lei» disse prima di dileguarsi. Gli fui grata per quegli istanti di solitudine, ne avevo bisogno per tornare in me. Vidi allontanarsi le sue gambe snelle, coperte da un paio di jeans tenuti su da una catenella di metallo e la t-shirt nera che spariva lentamente, fino a mimetizzarsi con il corridoio buio. 16

14 Mentre aspettavo Aleksandar, mi guardai un po intorno, in quello che a breve sarebbe diventato il mio ufficio. Sulla grande scrivania a due sedute c era un telefono pieno di pulsanti; solo a guardarlo mi faceva venire il mal di testa. Accanto al telefono un notebook dalla scocca argentata e una stampante collegata a un vecchio computer dalla tastiera bianca. Dietro il tavolo si stagliava una distesa di raccoglitori allineati con disciplina sulle mensole: ordini, fatture, bolle di accompagnamento... tutte cose che mi erano piuttosto famigliari. Qualche minuto dopo Aleksandar tornò, trascinando un piccolo climatizzatore portatile. «Mi scusi, non ho pensato che si muore di caldo. Di solito dell accoglienza se ne occupa Beatrice, la ragazza che lavora qui la mattina. Vuole andare in bagno a rinfrescarsi un attimo, prima di iniziare?» I suoi capelli erano talmente corvini da sembrare tinti e, sotto una barba appena accennata s intravedevano due labbra sottili, cornice perfetta per il quadro seducente che la sua voce dipingeva. I lineamenti di Aleksandar raccontavano storie lontane, gli occhi brillavano di una luce misteriosa, occhi da zingaro che si muovevano con rapidità su di me, quasi volessero leggermi dentro. Mi metteva a disagio quello sguardo. «Non si preoccupi, sto benissimo» risposi cercando di nascondere l imbarazzo. Avrei voluto dargli del tu, ma preferii attendere che fosse lui a rompere il ghiaccio. «Vedo che ha lavorato per diversi anni in un azienda d informatica» esclamò senza alzare gli occhi dal mio curriculum. Per quanto s impegnasse, era evidente che fare colloqui non era certo il suo mestiere. 17

15 «In teoria ero stata assunta come segretaria, ma mi sono sempre occupata un po di tutto: centralino, ordini d acquisto, magazzino e ho fatto qualcosa anche nel settore vendite. So fare i documenti di trasporto, la fatturazione e mi arrangio con la prima nota, cose così, ecco. So usare tutti gli applicativi di Office: Excel, posta elettronica, Word, Power Point, oltre a diversi sistemi gestionali per le bolle e le fatture. Sono diplomata in lingue e ho lavorato con fornitori americani, quindi mi arrangio piuttosto bene con l inglese. Insomma, in queste piccole realtà bisogna saper fare un po di tutto, giusto?» Mi resi conto di aver sputato fuori quel monologo tutto d un fiato, mentre Aleksandar teneva lo sguardo fisso sulla mia mano sinistra e sulla fedina che giravo e rigiravo nervosamente. Probabilmente stava pensando di trovarsi di fronte una povera isterica. «Guarda, Laura... Posso darti del tu, vero?» esclamò strofinandosi gli occhi, come chi sta per dire qualcosa di scomodo. «Certo, a patto che io possa chiamarti Alex.» Notai che portava un anello al pollice destro, una fascetta di metallo nero. «Mi chiamano tutti così, Aleksandar è troppo lungo e troppo complicato, specialmente per chi va sempre di corsa, come voi» sorrise, mostrando un incisivo dalla punta scheggiata «in tutta onestà, Laura, credo tu sia fin troppo qualificata per questo lavoro.» Quelle parole mi ghiacciarono: in un istante fui assalita dal terrore di non rivederlo più. Alex mi si era già infilato sottopelle: non c eravamo ancora separati e già mi mancava. Per ragioni che non riuscivo ancora a capire, sentivo che quell uomo in qualche modo mi apparteneva, che quell incontro, avvenuto proprio mentre Stefano era lontano, non poteva essere una coincidenza. 18

16 C era qualcosa nello sguardo torbido di Alex, nel suo volto spigoloso, capace di ridare voce a quella parte di me che credevo di aver messo a tacere per sempre. Per la prima volta da quando avevo incontrato Stefano, sentivo che avrei potuto veramente mettere a repentaglio la vita nuova che mi stavo costruendo, che potevo buttare al vento tutto per essere risucchiata dal mio passato sbagliato, dilaniato tra sudditanza emotiva e voglia di riscatto. Era una sensazione che mi spaventava e mi eccitava allo stesso tempo: tornare a essere schiava delle mie pulsioni da una parte m intrigava, dall altra mi terrorizzava. Il mio continuo bisogno di conferme, che da anni provavo a combattere, era tornato ad affacciarsi prepotente; quelle che Stefano riusciva a darmi con la sua tranquillità, la sua stabilità, il suo essere sempre l uomo giusto al momento giusto, forse non mi bastavano più. «Capisco» risposi «posso almeno sapere di che lavoro si tratta?» «Non mi fraintendere; per noi avere una persona esperta sarebbe l ideale, ma se ti aspetti un lavoro di concetto, temo che rimarrai delusa. Si tratta principalmente di rispondere al telefono, tenere aggiornata l agenda dei venditori e dare una mano a Beatrice con i fornitori.» «Beh, credo di potercela fare» sorrisi. «Fino a oggi si è occupata lei di tutto, ma come puoi ben vedere» si voltò per indicare la parete tappezzata di raccoglitori «Bea ha il suo bel da fare, e lavora solo mezza giornata. Insomma, noi saremmo felici di avere una persona qualificata come te, se per te va bene, ovviamente.» Era anche peggio di quello che pensavo. Nel mio precedente impiego le scartoffie le gestivo io, alla Biagini & Co. mi sarei dovuta accontentare di fare la segretaria a quattro manager rampanti in completo grigio e sopracciglia depilate, magari più 19

17 giovani di me. E se l intuito non m ingannava, probabilmente avrei dovuto fare da segretaria anche a questa Bea, cosa che mi andava ancora meno giù. Ma ottenere quel posto era l unico modo per rivedere Alex. «Non vorrei sembrarti venale, ma per quanto riguarda lo stipendio?» azzardai. «Questo te lo dirà Beatrice, io non sono molto bravo in queste cose. Dovrebbe essere intorno ai mille mensili.» «Sei un commerciale? Lavori qui?» «No.» «Dovevo immaginarlo» gli dissi «non sembri proprio il tipo, in effetti.» Tutti i venditori che avevo conosciuto erano accondiscendenti e gentili al limite dell ipocrisia; Aleksandar invece, nonostante l aspetto informale e il tono di voce calmo, non sembrava a suo agio con le pubbliche relazioni. Di certo non era tipo da sbrodolare complimenti. «La verità» esclamò puntandomi gli occhi addosso «è che l azienda è di mio fratello Mirko. Mi ha chiesto di occuparmi dei colloqui perché è fuori per lavoro. Beatrice non ce la fa a gestire tutto da sola, e hanno bisogno di qualcuno che sappia dove mettere le mani e che possa iniziare subito.» «Potevi dirmelo prima che non eri tu il capo, qui! Avevo un ansia addosso» Pensai di aver scalfito un po il suo guscio di ghiaccio: lo vidi sorridere e decisi di spingermi oltre. «Se posso chiedertelo non sei italiano, vero?» «Sono nato a Podgorica, ma sono in Italia praticamente da sempre. Mio padre era italiano.» «Perdona la mia ignoranza, ma Podgorica dove sarebbe?» 20

18 Alex sorrise, credo fosse abituato a quella domanda. «In Montenegro.» Rimasi in silenzio, rendendomi conto di non sapere assolutamente nulla di quella terra e della sua gente. Chi era dunque, Aleksandar? Uno zingaro, un rom, uno slavo, o peggio ancora, un delinquente? «Vedi, Laura» esclamò, intuendo forse il mio imbarazzo «pochi sanno che oggi nell ex Jugoslavia ci sono degli stati indipendenti. La maggior parte di voi italiani pensa che noi dell est siamo un po tutti della stessa razza. Zingari, giusto? Be, non è proprio così. In Serbia ci sono i serbi, in Slovenia gli sloveni e in Montenegro i montenegrini, come me. Bel colore i tuoi capelli, sai? Molto particolare.» «Grazie» risposi abbassando la testa, sentendo che stavo per avvampare. Quel lavoro mi serviva, ma più di tutto mi serviva rivedere Alex, così provai a giocare tutte le carte a mia disposizione. «Ascolta, visto che ci diamo del tu io ho davvero bisogno di lavorare. Posso dare disponibilità immediata e cominciare anche subito, e siccome ho un po di esperienza, potrei anche aiutare Beatrice con i fornitori. Se tu se voi siete d accordo, naturalmente.» «Devo vedere un altra ragazza alle cinque, ma ho dato un occhiata al curriculum e non mi ha convinto. Ci risentiremo presto, non temere.» Un brivido mi percorse la schiena nell ascoltare quelle ultime parole, che alle mie orecchie suonarono come un monito, quasi una minaccia. Se avessi saputo interpretarle, forse le cose sarebbero andate in modo diverso. O forse no. Forse ero già tornata a essere schiava dei miei fantasmi. 21

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

minimum fax tutti i diritti riservati

minimum fax tutti i diritti riservati Tolstoj. Questo sì che è un grande romanziere. I piedi ben piantati nella pianura russa. La barba lunghissima. Il fiato grosso di chi ha scritto Guerra e pace. Alcune stravaganze dovute alla vecchiaia

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio!

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio! Piermario Lucchini L importante è che sia... sveglio! Libri Este 2009 Edizioni E.S.T.E. S.r.l Via A. Vassallo, 31 20125 Milano www.este.it info@este.it Prima edizione: novembre 2009 Copertina di Laura

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Opuscolo per i bambini

Opuscolo per i bambini I bambini hanno dei diritti. E tu, conosci i tuoi diritti? Opuscolo per i bambini Ref. N. Just/2010/DAP3/AG/1059-30-CE-0396518/00-42. Con approvazione e supporto finanziario del Programma della Unione

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli