RAPPORTO SUL SISTEMA DISTRIBUTIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO SUL SISTEMA DISTRIBUTIVO"

Transcript

1 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per la l impresa e l internalizzazione Divisione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica Ufficio VII SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RAPPORTO SUL SISTEMA DISTRIBUTIVO Analisi economico-strutturale del commercio italiano Anno 2008

2 Realizzazione editoriale

3 SOMMARIO Presentazione pag. 5 INDICATORI ECONOMICI TERRITORIALI Introduzione 9 Le vendite al dettaglio analisi regionale 10 I principali aggregati economici dell attività commerciale stime provinciali 24 Tavole statistiche 35 IL COMMERCIO AL DETTAGLIO AL 31 DICEMBRE 2008 ESERCIZI IN SEDE FISSA Quadro evolutivo 45 Attività primaria di dettaglio fisso 50 Tavole statistiche attività primaria regionali e provinciali 69 Attività secondaria di dettaglio fisso 101 Tavole statistiche attività secondaria regionali 109 Nati - mortalità 131 AMBULANTI E FORME SPECIALI DI VENDITA Consistenza del settore 141 Tavole statistiche di consistenza regionali e provinciali 145 COMMERCIO ALL INGROSSO INTERMEDIARI SETTORE AUTO AL 31 DICEMBRE 2008 Consistenza del settore 170 Tavole statistiche di consistenza regionali e provinciali 181 GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA AL 31 DICEMBRE 2008 Analisi generale 190 Supermercati 193 Ipermercati 203 Minimercati 207 Grandi Magazzini 213 Grandi Superfici Specializzate 223 3

4 APPENDICE METODOLOGICA ANALISI ECONOMICA Stime regionali delle vendite al dettaglio 237 Stime provinciali dei principali aggregati dell attività commerciale 240 Glossario dei termini statistici utilizzati 244 ANALISI STRUTTURALE Sistema statistico informativo per il monitoraggio della rete distributiva 246 Definizioni statistiche e amministrative 249 4

5 PRESENTAZIONE Il Rapporto annuale sul sistema distributivo analizza l evoluzione del settore utilizzando gli strumenti di approfondimento individuati per monitorare l entità e l efficienza della rete distributiva, così come previsto dalla norma istitutiva dell Osservatorio Nazionale del Commercio. Le fonti che alimentano la produzione informativa sono sostanzialmente tre: il sistema statistico per il monitoraggio della rete di vendita, basato sull anagrafe economica del Registro delle Imprese, che traccia il panorama strutturale dell intero comparto commerciale; le indagini periodiche sulla grande distribuzione organizzata, per l approfondimento conoscitivo di un particolare segmento della rete in sede fissa, finalizzato all analisi evolutiva dei moderni canali distributivi; e infine le stime, realizzate con la collaborazione dell Istituto G. Tagliacarne, su alcune variabili economiche di settore (fatturato, occupazione, consumi, valore aggiunto) che forniscono indicatori territoriali per una valutazione più puntuale dell efficienza della rete distributiva. Si precisa, con riguardo a questi ultimi, che i relativi aggregati vengono ogni anno rivisti e aggiornati sulla base degli ultimi dati disponibili. Pertanto i valori pubblicati nel presente rapporto vanno considerati come provvisori, essendo soggetti a possibili revisioni sulla base degli aggiornamenti periodicamente pubblicati dall Istituto Nazionale di Statistica dei dati di contabilità nazionale e territoriale. Nel 2008 lo stato del settore appare contrassegnato dal repentino deteriorarsi delle condizioni del mercato internazionale che, proprio a fine periodo, hanno indotto anche in Italia un peggioramento del quadro congiunturale e una flessione del prodotto interno lordo, con conseguente modifica delle prospettive di consumo delle famiglie. Il calo dei consumi ha avuto effetti sulla distribuzione commerciale, facendo segnare una variazione negativa di quasi mezzo punto percentuale nelle vendite al dettaglio, che si è riflessa anche sul numero complessivo dei punti vendita attivi. Per la prima volta, infatti, dopo quasi un decennio di aumento ininterrotto e a ritmo elevato, si è registrata un inversione di tendenza nel trend di accrescimento del numero degli esercizi, ed è comparso nuovamente il segno meno, la cui entità, ancora contenuta a fine 2008, potrebbe rafforzarsi nell anno successivo. In questo quadro, soltanto i moderni canali distributivi mantengono un andamento positivo, sia nel fatturato che nella crescita del numero dei punti vendita, anche se più contenuto rispetto agli anni precedenti, mentre il dettaglio tradizionale registra un consistente arretramento. Occorre sottolineare, peraltro, che l aumento di fatturato della distribuzione organizzata è interamente ascrivibile al settore alimentare: si rileva cioè uno spostamento sempre più ampio degli acquisti dai piccoli esercizi ai moderni canali di vendita, dovuto - oltre a fattori socio-culturali in crescente espansione (crescita delle periferie, modifica nella composizione e nelle abitudini dei nuclei familiari, ecc..) - all azione di contenimento della dinamica dei prezzi messa in atto dalle grandi catene, che, soprattutto in un periodo di contrazione dei consumi, spinge nuovamente le famiglie ad una maggiore ricerca della convenienza. Nel settore non alimentare, invece, anche la grande distribuzione registra una diminuzione di fatturato, seppure molto contenuta, mentre il numero di punti vendita continua ad aumentare: tenendo dunque conto delle nuove aperture, si rileva, a parità di rete, un anda- 5

6 mento delle vendite strutturalmente negativo. E però soprattutto sugli esercizi tradizionali che la diminuzione del fatturato nel settore non food esercita il proprio impatto negativo, provocando la chiusura di un rilevante numero di esercizi. Sembra dunque che lo spazio del dettaglio tradizionale sia tornato a ridursi, dopo anni di consistente accrescimento, nel corso dei quali all interno del comparto si sono andate via via definendo due componenti diverse e contrapposte: la prima riferita ad un segmento residuale di attività commerciale, caratterizzata da scarsa capacità innovativa e produttività, indotta principalmente dalla scarsità di altri sbocchi occupazionali e quindi largamente diffusa nelle aree meno sviluppate. La seconda dotata invece di caratteristiche di alta qualità sia per le scelte urbanistiche e ambientali adottate, sia sotto il profilo del servizio e della specializzazione offerti, che potrebbe essere definita come piccola distribuzione moderna, in grado cioè di garantire il processo di crescita puntando su nuove priorità quali l individuazione di insediamenti commerciali mirati, spesso multifunzionali, o l intreccio sempre più stretto fra prodotto e servizio. Si può ragionevolmente ritenere che la diminuzione del numero degli esercizi, iniziata quest anno e destinata probabilmente a rafforzarsi in futuro, vada ad incidere proprio sulla prima componente, quella residuale, la cui sopravvivenza non può più essere garantita in una fase di contrazione dei consumi, ed arrechi dunque un beneficio all intero sistema distributivo, eliminando le sacche di marginalità ancora esistenti e favorendo l affermarsi della componente moderna del commercio tradizionale, slegata dal gigantismo dimensionale, ma in grado di indurre elementi innovativi sul piano della qualità e del servizio. D altronde quegli indicatori che abbiamo più volte considerato come elementi favorevoli al processo di ammodernamento - quali la crescita di aperture in localizzazioni separate, l aumento delle forme costitutive societarie, il saldo positivo delle attività secondarie di vendita, sintomo di percorsi distributivi corti - sono rimasti tutti positivi anche nell anno in corso. Si precisa infine che, per motivi di tempestività, molti dei dati contenuti nel presente Rapporto hanno già avuto diffusione via internet nello spazio riservato all Osservatorio Nazionale del sito del Ministero dello Sviluppo Economico (www.sviluppoeconomico.gov.it) che, a cadenza periodica, li pubblica con finalità divulgative. La Direzione Generale per il Mercato, la Concorrenza, il Consumatore, la Vigilanza e la Normativa Tecnica ringrazia tutti quegli enti che hanno consentito l acquisizione di dati ed elementi utili ai fini della presente pubblicazione, ed in modo particolare le Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura per la consueta preziosa collaborazione. Ringrazia altresì la Confcommercio (Confederazione Generale Italiana del Commercio, del Turismo, dei Servizi, delle Professioni e delle PMI) per l attività di realizzazione editoriale che da anni garantisce la pubblicazione del rapporto. 6

7 INDICATORI ECONOMICI TERRITORIALI Indicatori economici e territoriali 7

8 8 Indicatori economici e territoriali

9 INTRODUZIONE Dopo un biennio nel corso del quale, a compensazione della sostanziale stazionarietà verificatasi in precedenza, l economia italiana aveva registrato incrementi reali del PIL rispettivamente pari al 2,0% (nel 2006) e all 1,6% (nel 2007), il 2008 si è chiuso con una flessione dell 1,0% e in una fase di netto peggioramento del quadro congiunturale. Diverse sono le cause alle quali si possono far risalire il rovesciamento della tendenza e l ulteriore crollo dell attività produttiva che, a seguito della crisi, dovrà verificarsi nel Da una parte, anche a seguito della crisi finanziaria innescata dalla vicenda dei subprime, è venuto a mancare o ad attenuarsi in misura considerevole il tiraggio offerto dalla domanda estera. Basti considerare che, espresse a prezzi costanti, le esportazioni di beni e servizi (al netto delle spese di consumo effettuate in Italia dai non residenti) hanno subito nel 2008 una contrazione del 3,8%, appena inferiore a quella che si è contemporaneamente verificata dal lato delle importazioni (-4,8%). Al ridimensionamento dell interscambio di beni e servizi con il resto del mondo si è inoltre accompagnato un calo della domanda interna, che ha interessato sia i consumi delle famiglie (-1,0%) sia, e soprattutto, gli investimenti fissi nel complesso dei settori (-3,0%). Tuttavia, nonostante l accentuata debolezza della domanda interna, ai primi sintomi di rallentamento della dinamica dei prezzi al consumo (nel 2007 accresciutisi soltanto dell 1,9%) non ha fatto seguito, nel 2008, una corrispondente decelerazione, tenuto conto che l indice generale relativo all intera collettività si è mediamente attestato su un tasso del 3,3% e che solo verso la fine dell anno la tendenza è andata sempre più ridimensionandosi. Se poi si scende all anali delle principali componenti della domanda interna, dalle corrispondenti elaborazioni eseguite dall ISTAT si rileva che le riduzioni quantitative più marcate hanno interessato i beni durevoli, i cui acquisti sono diminuiti del 7,3% per effetto soprattutto dei mezzi di trasporto (-15,1%) e degli elettrodomestici (-7,1%), soltanto in parte controbilanciati dagli incrementi degli altri beni. Relativamente contenuta è stata invece la flessione registrata dai beni non durevoli, all interno dei quali si è evidenziata una contrazione del 2,3% nel comparto dei generi alimentari e delle bevande; mentre, per quanto riguarda i servizi è continuata, ad un ritmo sensibilmente più lento del passato, (+0,4%), la tendenza alla crescita che ha contrassegnato l intero decennio al quale si fa riferimento. Se, anziché in termini globali, il calcolo viene effettuato con riferimento ai valori pro capite, dalle elaborazioni a prezzi costanti emerge inoltre che le spese di consumo sono scese nel 2008 sullo stesso livello toccato all inizio del decennio in corso. Si è cioè verificata una stagnazione (trasformatasi, dalla seconda parte del 2008, in una vera e propria recessione) che trova riscontro anzitutto nel diminuito potere d acquisto delle categorie a reddito fisso e che, in particolare nell anno anzidetto, non ha potuto giovarsi di un soddisfacente incremento del reddito disponibile delle famiglie. Quest ultimo, infatti, accresciutosi in termini monetari soltanto del 2,7%, ha risentito gli effetti negativi dell aumentata pressione fiscale e della forte contrazione subita dai redditi da capitale. Il 2008 si è caratterizzato infine per l ulteriore avanzamento degli esercizi della grande distribuzione, che anche in conseguenza di un lieve incremento numerico hanno visto il valore delle vendite accrescersi ad un tasso medio del 1,6%; e tutto ciò a scapito degli esercizi tradizionali, che hanno invece evidenziato un calo dell 1,8%. L aumento delle vendite, da parte degli esercizi della grande distribuzione, è peraltro interamente ascrivibile al comparto alimentare, che assorbe il 68,7% del fatturato complessivo, contro una quota di assorbimento che per i non alimentari si aggira attualmente attorno al 31%. Lo spostamento sempre più ampio degli acquisti dai piccoli esercizi a quelli della distribuzione organizzata, oltre che a fattori socio-culturali in crescente espansione, è riconducibile in parte all azione di contenimento della dinamica dei prezzi che gli esercizi in questione hanno in qualche misura realizzato. Indicatori economici e territoriali 9

10 LE VENDITE AL DETTAGLIO ANALISI REGIONALE Il quadro generale Alla luce del mutamento del quadro macroeconomico, a seguito della crisi finanziaria internazionale non va trascurato che i volumi delle vendite non hanno sinora mostrato evidenti segnali di cedimento. Sinteticamente possiamo anticipare che nel corso del 2007 si è verificata un espansione, sia pur di lieve entità, del fatturato rispetto all anno precedente mentre nel corso del 2008 si assiste ad una congiuntura negativa. Nel 2008 le vendite complessive ammontano a milioni di euro (tab. a) contro i del 2007 con una diminuzione tendenziale pari allo 0,4% mentre nel corso del 2007 il fatturato totale cresce rispetto al 2006 di mezzo punto percentuale. Osservando l andamento delle vendite per le due principali tipologie merceologiche, si può notare come nell ultimo anno siano aumentate in modo particolare le vendite di generi alimentari (+1%) rispetto ad una diminuzione del comparto non alimentare di un punto e mezzo percentuale. Nel corso del 2007 le vendite alimentari avevano registrato sempre un +1% ma, contemporaneamente, nel non alimentare si leggeva ancora il segno più, anche se con un valore assai contenuto (+0,2%). Tabella a) - Vendite complessive e variazioni % per categoria merceologica e forma distributiva - Anni Continua nel 2008 la moderata espansione della grande distribuzione, il cui fatturato nell ultimo anno, si è accresciuto, in termini monetari, dell 1,6%, contro un aumento meno sostanzioso nel corso del 2007 pari a +1,3%. Viceversa, le vendite relative ai piccoli esercizi, dopo una stabilità registrata nel 2007, segnano una battuta d arresto con un decremento dell 1,8%. Il favorevole andamento della grande distribuzione lo si può osservare anche attraverso il grafico 1 in cui sono riportate le variazioni percentuali del triennio Mentre nel periodo considerato le vendite complessive si sono rivelate sostanzialmente stabili, quelle 10 Indicatori economici e territoriali

11 degli esercizi della grande distribuzione si sono contemporaneamente accresciute del 3,0%, a fronte di una variazione negativa dell 1,8% degli altri esercizi. Anche il comparto alimentare evidenzia nel citato intervallo una discreta performance (+2%) contro un -1,4% registrato dal comparto non alimentare. Grafico 1 - Variazioni % nel triennio delle vendite complessive per categoria merceologica e forma distributiva La quota di mercato degli esercizi della grande distribuzione tra il 2006 ed il 2008 (graf. 2) è costantemente cresciuta fino ad attestarsi nell ultimo anno sul 41,2% (con una crescita rispetto al 2006 di oltre un punto percentuale). Per contro, la quota di pertinenza degli esercizi tradizionali è passata dal 59,9% del 2006 al 58,8% del Grafico 2 Composizione % delle vendite per forma distributiva - (Anni ) Indicatori economici e territoriali 11

12 A spingere verso l alto la quota delle vendite transitate per i canali della grande distribuzione è stato comunque il comparto alimentare, che nel 2008 assorbiva il 68,7% delle vendite complessive del settore (graf. 3), a fronte di una aliquota molto più bassa evidenziata dalla piccola distribuzione (28,6%), che ha finora potuto difendere la sua posizione soprattutto nel comparto dei non alimentari. Grafico 3 Composizione % delle vendite per gruppo merceologico Anno 2008 E ragionevole supporre che, anche a prescindere dalle modifiche intervenute nelle abitudini dei consumatori, lo spostamento degli acquisti verso le grandi superfici di vendita sia stato stimolato dall azione calmieratrice svolta dagli operatori del settore durante tutto il periodo esaminato, e più in particolare a ridosso del «change-over», quando, a causa di alcuni ingiustificati aumenti dei prezzi, il potere d acquisto di importanti fasce della popolazione subì un apprezzabile contrazione. Per quanto riguarda la composizione delle vendite per categorie merceologiche (graf. 4), nel 2008 il 45,1% del loro totale riguarda il comparto alimentare, quota in lento ma costante aumento nel corso del periodo Grafico 4 Composizione % delle vendite nel triennio per categoria merceologica 12 Indicatori economici e territoriali

13 Per quanto riguarda il comparto non alimentare, oltre i? delle vendite si concentra nella piccola distribuzione (76,5%) mentre per l alimentare le quote della grande e della piccola distribuzione si attestano rispettivamente al 62,7% e 37,3% (graf. 5). Grafico 5 Composizione % delle vendite per tipologia distributiva Anno 2008 La dimensione territoriale dei risultati Osservando la tabella b), nella quale sono riportati i dati relativi alle grandi ripartizioni territoriali, si può anzitutto trarre una conferma del dualismo esistente fra le regioni più favorite del Centro-Nord e quelle più svantaggiate del Mezzogiorno. Un dualismo che è il frutto di una serie di aspetti da considerare congiuntamente. Da un lato questa divisione emerge nettamente dai dati dell intera rete commerciale che, come si rileva dalla tabella, forniscono per il 2008, con riferimento alla ripartizione del Sud-Isole, una quota delle vendite nazionali (28%) solo di poco inferiore alla corrispondente incidenza della popolazione residente (circa il 35%). Un altro fattore da considerare è la maggiore diminuzione delle vendite che il Mezzogiorno ha fatto registrare tanto nel 2008, quando il suo decremento è risultato pari allo 0,7% contro lo 0,3% del Centro-Nord, quanto nel 2007 quando invece i territori meridionali hanno messo a segno un incremento pari allo 0,2% contro lo 0,7% delle regioni del Centro-Nord. Tabella b) -Vendite complessive e variazioni % per ripartizioni geografiche - Anni Indicatori economici e territoriali 13

14 Il sensibile divario tra le due aree, negli ultimi anni solo marginalmente attenuato, deriva anche dalla diversa distribuzione dei canali di vendita anche se nell ultimo periodo emerge un aspetto molto interessante: una lenta ma costante aumento della quota appannaggio della grande distribuzione organizzata che nel triennio considerato è cresciuta di un punto e mezzo percentuale. Interessanti appaiono al riguardo i dati riportati nella tabella c), che forniscono la distribuzione regionale delle vendite per comparto merceologico (alimentare e non alimentare) e, all interno di ciascuno di essi, anche per tipo di esercizio. Sono due gli aspetti che dalla tabella emergono con particolare evidenza: da una parte, la concentrazione delle vendite complessive nelle regioni che, demograficamente ed economicamente parlando, si collocano al vertice della graduatoria; dall altra, l importanza che, a parità di vendite complessive, assumono i dati della grande distribuzione. Riguardo al primo aspetto, meritevole di segnalazione è il fatto che, con un valore totale di milioni di euro, la Lombardia assorbe il 18,5% delle vendite dell intero Paese. Ad essa fanno seguito il Lazio con milioni di euro (9,7%), il Veneto (9,3%), l Emilia Romagna (8,7%) ed infine il Piemonte (8%) tutte e tre con valori compresi tra i e i milioni di euro. Tabella c) - Vendite complessive per categoria merceologica, forma distributiva e regione (milioni di euro) - Anno 2008 All estremo opposto si collocano le tre regioni più piccole della Penisola (Basilicata, Molise e Valle d Aosta), che nel loro insieme raccolgono appena l 1,6% delle vendite dell intero Paese. 14 Indicatori economici e territoriali

15 E interessante notare inoltre come la graduatoria delle vendite complessive, rapportate alla dimensione demografica delle singole regioni (graf. 6), restituisca la Valle d Aosta al primo posto, seguita da Emilia Romagna, Veneto, Umbria e Lombardia, mentre nelle ultime posizioni ritroviamo Sardegna, Calabria e Sicilia. Grafico 6 - Graduatoria regionale delle vendite totali in rapporto alla popolazione Anno 2008 Per quanto riguarda il secondo aspetto (la quota delle vendite complessive che transitano per i canali della grande distribuzione), sempre dalla tabella c), e più specificamente dal grafico 7, possono trarsi utili indicazioni. Quello che spicca è anzitutto il caso della Lombardia, che con un aliquota del 53% supera di gran lunga le percentuali di tutte le altre regioni, confermandosi come l area più dinamica e innovativa del Paese. Ma anche altre regioni, con un livello di sviluppo manifestamente inferiore, fra le quali il Friuli-Venezia-Giulia (52,3%), l Abruzzo (50,8%) ed il Veneto (50,6%), presentano quote di partecipazione alquanto elevate. Indicatori economici e territoriali 15

16 Grafico 7 Distribuzione per regione della quota di vendite della grande distribuzione e degli altri esercizi Anno 2008 Al contrario, le regioni del Mezzogiorno mostrano percentuali piuttosto basse, collocandosi in fondo della graduatoria. In particolare ciò accade per la Basilicata (23,9%), la Puglia (23,8%), e soprattutto la Campania la cui quota, 22,8%, è pari a meno della metà della quota della Lombardia. E appena il caso di rilevare, inoltre, che, a conferma della validità della «legge di Engel», la percentuale delle vendite di generi non alimentari sul totale cresce generalmente al crescere del reddito pro capite. Infatti, mentre la quota nazionale destinata ai generi alimentari si attesta al 45,1%, si può osservare (graf. 8) come per le regioni meridionali la stessa quota raggiunga il 47,8%. In particolare, l aliquota più elevata la si rileva in Abruzzo (51,7%), seguito da Sardegna (50%), Calabria (48,8%) e Sicilia (48,7%). 16 Indicatori economici e territoriali

17 In posizione diametralmente opposta si collocano invece la Valle d Aosta (40,3%) ed il Trentino Alto Adige con una quota di consumi alimentari pari al 40,5%. Grafico 8 Distribuzione regionale della quota % di vendite del comparto alimentare Anno Differenziali ancora più significativi si evidenzierebbero se, anziché limitarci a considerare le vendite di beni non alimentari, a queste venissero aggiunte anche le prestazioni di servizi, la maggior parte dei quali ritenuti non di prima necessità. L andamento tendenziale delle vendite al dettaglio Premettendo che, in base alle linee metodologiche adottate, ogni anno vengono aggiornati e ricalcolati gli aggregati avvalendosi degli ultimi dati disponibili e che quindi le stime fornite possono risultare ogni anno riviste e aggiornate, passiamo ad analizzare l andamento delle vendite complessive. Per esaminarne le variazioni tendenziali, nelle tabelle seguenti, oltre ai dati 2008 (già pubblicati nel paragrafo precedente), si riportano anche i dati regionali delle vendite al dettaglio per gli anni 2006 e 2007, quali risultano dagli aggiornamenti delle stime. Indicatori economici e territoriali 17

18 Tabella d) - Commercio fisso al dettaglio (alimentare e non alimentare) Valori delle vendite complessive nell anno 2006 Tabella e) - Commercio fisso al dettaglio (alimentare e non alimentare) Valori delle vendite complessive nell anno Indicatori economici e territoriali

19 Tabella f) - Commercio fisso al dettaglio (alimentare e non alimentare) Valori delle vendite complessive nell anno 2008 Come già rilevato, si ritiene opportuno sottolineare che, nonostante il mutamento del quadro macroeconomico, a seguito della crisi finanziaria internazionale, i volumi delle vendite non hanno, almeno per il momento, mostrato evidenti segnali di cedimento. In particolare, nel triennio (tabella g), il livello complessivo delle vendite su scala nazionale è rimasto sostanzialmente stabile (+0,1% sempre in termini monetari) risultato di un aumento per il Nord Italia (rispettivamente +0,7% per il Nord Ovest e +0,6% per il Nord Est) e di un calo delle vendite delle imprese operanti su Centro e Mezzogiorno di circa mezzo punto percentuale. Indicatori economici e territoriali 19

20 Tabella g) - Commercio fisso al dettaglio (alimentare e non alimentare) Variazioni delle vendite nell anno 2008 rispetto al 2006 Dalla distribuzione dicotomica appare poi come la grande distribuzione faccia registrare una crescita delle vendite rispetto a quella degli esercizi tradizionali (+3,0 contro -1,8%). Il differenziale tra le due tipologie distributive si accentua decisamente nelle aree del Nord Est, dove ad un forte incremento della grande distribuzione (pari al 5,2%) si contrappone una diminuzione per gli altri esercizi pari al 3,5%. Un forte differenziale si osserva anche nel Mezzogiorno in cui si registra un aumento per le vendite delle grande distribuzione del 5% a fronte di una diminuzione per gli esercizi tradizionali pari a -2,4%. Il raffronto tra i due grandi comparti merceologici fa svettare nettamente il settore alimentare, il cui tasso di crescita complessivo nel periodo, pari al 2%, si contrappone alla diminuzione di quasi un punto e mezzo percentuale del non alimentare. Il settore alimentare cresce in particolare nelle regioni settentrionali (Nord Est +3,3% e Nord Ovest +2,8%) mentre il comparto non alimentare decresce soprattutto al Centro (-2%) e al Mezzogiorno (-1,6%). All interno del comparto food si può poi notare come risulti decisamente elevata la crescita delle vendite della grande distribuzione nelle aree del Nord Est (+6,4%), in contrapposizione ad una forte perdita di competitività degli altri esercizi (-7,7%). Nel grafico 9, in particolare, si riporta una classifica delle regioni che nel periodo di riferimento presentano le variazioni tendenziali più elevate, sia in aumento che in regresso. 20 Indicatori economici e territoriali

21 Grafico 9 Prime e ultime 5 regioni per variazioni delle vendite nel periodo (numeri indici 2006=100) Passando alle variazioni registrate nel 2008 rispetto al 2007, si può rilevare dalla tabella h) un tasso negativo nazionale pari allo 0,4% delle vendite complessive, come già indicato nel paragrafo precedente. A livello di macro aree geografiche, la contrazione maggiore si rileva nel Mezzogiorno (- 0,7%) seguito dalle regioni del Centro Italia (-0,5%). Nel Nord l andamento tra il 2008 ed il 2007 delle vendite al dettaglio risulta essere sostanzialmente stabile (Nord-Ovest -0,1% e Nord-Est -0,3%). Analizzando in dettaglio le tipologie distributive, si rileva un andamento dicotomico che vede il fatturato della grande distribuzione crescere nel corso del 2008 a livello nazionale dell 1,6%, e diminuire quello degli esercizi tradizionali dell 1,8% con un differenziale che si accentua nelle aree del Centro e del Mezzogiorno. La grande distribuzione infatti è cresciuta nelle regioni centro-meridionali di circa il 2% contro un +1,4% per il Nord. Il fatturato della piccola distribuzione per contro diminuisce in particolare nel Centro (-2,1%) e nel Nord-Est (-2%). Indicatori economici e territoriali 21

22 Tabella h) - Commercio fisso al dettaglio (alimentare e non alimentare) variazioni tendenziali delle vendite nell anno 2008 rispetto al 2007 Il raffronto tra i due grandi comparti merceologici evidenzia una crescita per l alimentare, +1%, a fronte di una diminuzione, -1,5%, per il non alimentare. In particolare, l aumento delle vendite alimentari passa soprattutto per il canale distributivo delle grandi superfici che crescono di oltre 2 punti e mezzo percentuali contro il -1,6% per le piccole superfici. Al Centro è maggiore la divaricazione tra le due diverse divisioni merceologiche: ad un aumento dell 1,4% per le vendite alimentari corrisponde infatti una perdita di due punti percentuali dei reparti non alimentari. Si riporta infine nel grafico 10 la rappresentazione visiva delle variazioni tendenziali regionali individuate dalla tabella h), in ordine decrescente. 22 Indicatori economici e territoriali

23 Grafico 10 Graduatoria regionale per variazioni tendenziali delle vendite nel 2008 (numeri indici 2007=100) Indicatori economici e territoriali 23

24 I PRINCIPALI AGGREGATI ECONOMICI DELL ATTIVITA COMMERCIALE Stime provinciali Premessa In base alle linee metodologiche adottate, ogni anno vengono ricalcolati gli aggregati avvalendosi degli ultimi dati disponibili; conseguentemente le stime fornite risultano ogni anno riviste e aggiornate. Quest anno, per quanto riguarda il calcolo delle serie provinciali per gli anni , oltre al calcolo del nuovo anno 2007, si è proceduto anche ad una revisione della serie storica tenendo conto della diffusione da parte dell Istituto Nazionale di Statistica di una nuova serie di stime nazionali per quegli anni. Principali risultati Sulla base delle serie relative all anno 2007, si possono rilevare le seguenti caratteristiche strutturali. 1) Occupazione totale Nel 2007 il numero totale degli occupati nel settore delle attività commerciali in senso lato (comprendente le divisioni o comparti 50, 51 e 52 della classificazione Ateco 2002) è stimato in poco meno di 3 milioni 700 mila unità con una variazione positiva rispetto al 2001 pari al 4,7% e con una variazione tendenziale dello 0,5% (v. graf. 1 e tav. 2). Dalla corrispondente distribuzione territoriale emerge come nel Nord si concentri oltre la metà degli occupati complessivi a fronte di una quota pari a circa il 27% per il Mezzogiorno e del 21% per le zone centrali (tabella a). Le regioni che occupano le prime posizioni della graduatoria sono, nell ordine, la Lombardia, con il 18,9% degli occupati dell intero Paese, a cui fanno seguito il Lazio (9,3%) ed il Veneto (9,2%). Seguono, a breve distanza Emilia-Romagna e Piemonte, che superano l 8%. Con una quota di circa il 7% si collocano invece la Toscana e la Campania, due regioni che in termini demografici pesano rispettivamente il 6,2% ed il 9,7% sul totale nazionale. Data la loro ridotta dimensione territoriale e demografica, in fondo alla graduatoria si collocano Basilicata (0,8%), Molise (0,4%) e Valle d Aosta (0,2%), che però differiscono tra loro sia per il corrispondente livello di reddito pro capite che per la diversa incidenza del movimento turistico. 24 Indicatori economici e territoriali

Analisi economico-strutturale del commercio italiano

Analisi economico-strutturale del commercio italiano Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico

CONGIUNTURA. Approfondimenti. Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico CONGIUNTURA Centro Studi Approfondimenti Il commercio al dettaglio di articoli di cartoleria, cancelleria e materiali per l ufficio: un profilo statistico Premessa Il commercio al dettaglio di articoli

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

RAPPORTO SUL SISTEMA DISTRIBUTIVO Analisi economico-strutturale del commercio italiano

RAPPORTO SUL SISTEMA DISTRIBUTIVO Analisi economico-strutturale del commercio italiano Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione

Dettagli

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE*

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE* 108 Quaderni di ricerca sull artigianato 109 muovono in ambito internazionale, per come affrontano criticità o opportunità offerte del nuovo contesto. Da una parte l evoluzione dei sistemi di comunicazione,

Dettagli

RAPPORTO SUL SISTEMA DISTRIBUTIVO Analisi economico-strutturale del commercio italiano

RAPPORTO SUL SISTEMA DISTRIBUTIVO Analisi economico-strutturale del commercio italiano Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica - Divisione

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane Indicatori di indebitamento, Dicembre 2010 n. 3 Ufficio Analisi Economiche Lista degli indicatori 2 Sommario e conclusioni Indicatori di indebitamento A.1 - Incidenza del debito A.2 - Dinamica dei mutui

Dettagli

Il commercio al dettaglio e all ingrosso nelle Marche. Sondaggio: I marchigiani e il credito al consumo

Il commercio al dettaglio e all ingrosso nelle Marche. Sondaggio: I marchigiani e il credito al consumo Il commercio al dettaglio e all ingrosso nelle Marche Sondaggio: I marchigiani e il credito al consumo 1 INDICE Il commercio nella grande distribuzione e negli esercizi tradizionali... 3 Il commercio all

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 22 dicembre #economia Rassegna stampa TG3 RAI FVG 20dic2015 Messaggero Veneto 20dic2015 Il Piccolo 20dic2015 Gazzettino 20dic2015 La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 Nell ultimo decennio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 5 Settori Pubblica amministrazione - Sanità e previdenza Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2001 Informazioni n. 27-2005

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 Immobili a destinazione terziaria, commerciale e produttiva. con la collaborazione di

RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 Immobili a destinazione terziaria, commerciale e produttiva. con la collaborazione di RAPPORTO IMMOBILIARE 2015 con la collaborazione di data di pubblicazione: 28 maggio 2015 periodo di riferimento: anno 2014 a cura dell Ufficio Statistiche e Studi della Direzione Centrale Osservatorio

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

I CONSUMI NELLA GRANDE CRISI: LE TENDENZE REGIONALI RECENTI Elisa Cinti 1, Sonia Neri 2

I CONSUMI NELLA GRANDE CRISI: LE TENDENZE REGIONALI RECENTI Elisa Cinti 1, Sonia Neri 2 XXXIII CONFERENZA ITALIANA DI SCIENZE REGIONALI I CONSUMI NELLA GRANDE CRISI: LE TENDENZE REGIONALI RECENTI Elisa Cinti 1, Sonia Neri 2 1 Prometeia spa, via Marconi, 43 40122 Bologna, e-mail: elisa.cinti@prometeia.it

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

RAPPORTO MET 2008. estratto da BOZZA: Le politiche per le imprese nelle regioni italiane

RAPPORTO MET 2008. estratto da BOZZA: Le politiche per le imprese nelle regioni italiane MET RAPPORTO MET 2008 estratto da BOZZA: Le politiche per le imprese nelle regioni italiane Lavoro coordinato da R. Brancati: Il gruppo di lavoro: G. Aquilina, P. Ascani, C. A. Bollino, C. Borzaga, R.

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 17 marzo 2004 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2003 Nel 2003 il valore delle esportazioni italiane ha registrato una flessione del 4 per cento rispetto al 2002. Dal punto di vista territoriale,

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

CAPITOLO 1 I NUMERI DELL APPRENDISTATO: L EVOLUZIONE DELL OCCUPAZIONE E LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE

CAPITOLO 1 I NUMERI DELL APPRENDISTATO: L EVOLUZIONE DELL OCCUPAZIONE E LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE CAPITOLO 1 I NUMERI DELL APPRENDISTATO: L EVOLUZIONE DELL OCCUPAZIONE E LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE Abstract Per la prima volta nel 2007 il numero di occupati con contratto di apprendistato in Italia

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Il presente Osservatorio nasce da una collaborazione CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA Alla sua elaborazione

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

FIDUCIA DEI CONSUMATORI

FIDUCIA DEI CONSUMATORI 23 Dicembre 213 Dicembre 213 FIDUCIA DEI CONSUMATORI A dicembre l indice del clima di fiducia dei consumatori in base 25= diminuisce a 96,2 da 98,2 del mese di novembre. Migliorano i giudizi sulla componente

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

Prestiti bancari alle imprese (1) (variazioni percentuali sui 12 mesi e punti percentuali) -10 2007

Prestiti bancari alle imprese (1) (variazioni percentuali sui 12 mesi e punti percentuali) -10 2007 . IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE..1 I prestiti alle imprese Nei dodici mesi terminanti a giugno 14, i prestiti bancari alle imprese si sono contratti del, per cento al Centro Nord e del,4 per cento nelle

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PUBBLICA PER L APPRENDISTATO NEL BIENNIO 2006-2007

CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PUBBLICA PER L APPRENDISTATO NEL BIENNIO 2006-2007 CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PUBBLICA PER L APPRENDISTATO NEL BIENNIO 2006-2007 Abstract Gli interventi formativi per gli apprendisti organizzati dalle Regioni hanno permesso di coinvolgere 96.144 giovani

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo CONVEGNO FARMACIA E FISCO LO STUDIO DI SETTORE PER LE FARMACIE: - EVOLUZIONE E MODALITÀ APPLICATIVE - PRIME ANALISI STATISTICHE SU ANNO DI IMPOSTA 2009 - VALUTAZIONI DI TREND ECONOMICO DI SETTORE Milano,

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2002 NUMERO TREDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2002 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

Il dato risulta sostanzialmente in linea con quello rilevato presso l intero tessuto imprenditoriale italiano (27,8%).

Il dato risulta sostanzialmente in linea con quello rilevato presso l intero tessuto imprenditoriale italiano (27,8%). L Osservatorio Andamento delle imprese Le imprese che nel 2012 hanno sofferto più delle altre gli effetti della crisi sono quelle di più piccole dimensioni, ubicate nel centro e nel mezzogiorno. Nella

Dettagli

NOTA TRIMESTRALE Andamento del mercato immobiliare nel II trimestre 2015

NOTA TRIMESTRALE Andamento del mercato immobiliare nel II trimestre 2015 Andamento del mercato immobiliare nel data di pubblicazione: 24 settembre 2015 periodo di riferimento: secondo trimestre 2015 a cura dell Ufficio Statistiche e Studi della Direzione Centrale Osservatorio

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

Tassi sulle nuove erogazioni a famiglie e imprese 2,5 2,6

Tassi sulle nuove erogazioni a famiglie e imprese 2,5 2,6 Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca., Tassi

Dettagli

STRUTTURA E DIMENSIONE DELLE UNITÀ LOCALI DELLE IMPRESE

STRUTTURA E DIMENSIONE DELLE UNITÀ LOCALI DELLE IMPRESE 21 ottobre 2011 Anno 2009 STRUTTURA E DIMENSIONE DELLE UNITÀ LOCALI DELLE IMPRESE Nel 2009 le imprese attive nei macro settori industriale e terziario sono poco meno di 4,5 milioni, da esse dipendono circa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Secondo trimestre 2014 e previsioni per il terzo trimestre 2014

Secondo trimestre 2014 e previsioni per il terzo trimestre 2014 Secondo trimestre 2014 e previsioni per il terzo trimestre 2014 I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, di riproduzione e adattamento, totale o parziale con qualsiasi mezzo, sono riservati

Dettagli

RAPPORTO 2003 SULL ECONOMIA DEL LAZIO

RAPPORTO 2003 SULL ECONOMIA DEL LAZIO RAPPORTO 2003 SULL ECONOMIA DEL LAZIO Sviluppo Lazio Indice6 Parte prima: la formazione e l impiego delle risorse 5 1. Il contesto nazionale 6 1.1 L evoluzione dell economia italiana nel periodo 1995-2002

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia.

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia. Fondazione Impresa Via Torre Belfredo 81/e 30174 Mestre Venezia + 39 340 2388841 info@fondazioneimpresa.it www.fondazioneimpresa.it CAMPANIA, SARDEGNA E BASILICATA: I MIGLIORI MIX DI ENERGIA RINNOVABILE

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli