GRUPPO BANCA CR FIRENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRUPPO BANCA CR FIRENZE"

Transcript

1 BILANCIO SOCIALE 2006 GRUPPO BANCA CR FIRENZE

2 Indice Bilancio Sociale 2006 Indice Bilancio Sociale Presentazione del Presidente 7 Nota Metodologica L Identità 9 Il percorso di sviluppo 9 Le società del Gruppo 11 La storia delle banche del Gruppo 16 Le strategie 21 La Capogruppo 32 Le aree di integrazione 32 Le strutture distributive 35 Le fabbriche di Prodotto La Relazione Economica 37 Principali indicatori del gruppo 39 Determinazione e distribuzione del valore aggiunto La Relazione Sociale LE RISORSE UMANE 45 Consistenza e profilo del personale 49 I sistemi di gestione 50 Reclutamento e selezione del personale 51 La formazione 56 La comunicazione interna 58 La remunerazione e i percorsi di carriera 63 Salute e sicurezza 66 Le relazioni sindacali 67 Il contezioso GLI AZIONISTI 69 La composizione dell azionariato 72 La remunerazione del capitale investito 72 Il rating 73 Relazioni con gli investitori I CLIENTI 75 Dati Generali 79 I servizi e i prodotti per le aziende 87 I servizi per le istituzioni pubbliche 88 I servizi e i prodotti per i privati 96 Relazione Banca-Cliente 100 Reclami e contenzioso I FORNITORI 105 Analisi dei Fornitori 107 Criteri di selezione e condizioni negoziali LA COLLETTIVITÀ 109 Il quadro di insieme degli interventi 112 Gli interventi principali 116 Il rapporto con le fondazioni di origine bancaria 117 La comunicazione L AMBIENTE 121 Impatti ambientali diretti 3

3 Presentazione del Presidente Bilancio Sociale 2006 Presentazione Bilancio Sociale 2006 Dopo l esperienza pluriennale del rendiconto sociale di alcune delle Banche del Gruppo, viene pubblicato, per la prima volta quest anno, il bilancio sociale dell intero Gruppo Banca CR Firenze. Si è ritenuto che i tempi fossero maturi per realizzare un bilancio sociale consolidato, in quanto negli ultimi anni il Gruppo non solo si è esteso e rafforzato, ma ha anche realizzato un significativo processo di integrazione, pur nel rispetto delle tradizioni e delle peculiarità di ciascuna delle Banche controllate. Il bilancio sociale, ad integrazione del bilancio d esercizio, si propone di render conto dell attività svolta e dei risultati ottenuti sia verso la pluralità dei soggetti portatori di interessi (i cosiddetti stakeholders), sia verso tutte le dimensioni coinvolte: quella economica, quella sociale e quella ambientale. La scelta di redigere tale documento risponde ad un fondamentale dovere di responsabilità, maturato nella consapevolezza che verso l odierna società civile, l impresa costituisce sempre più un punto di raccordo di un complesso sistema di relazioni che interessa l intero contesto sociale. Coerentemente con tale impostazione, pertanto, l impresa deve trarre la sua legittimazione ad operare non solo dalla propensione al profitto, ma anche dalla capacità di creare valore per l insieme di soggetti che portano interessi rispetto al suo operato. Il bilancio sociale rappresenta una delle iniziative messe in atto dal Gruppo per instaurare un dialogo costante e costruttivo con i propri interlocutori. Esso si integra con il Codice Etico, approvato nel 2005 da tutte le Società del Gruppo, che impegna, tra l altro, al mantenimento di elevati standard qualitativi dei servizi ed alla diffusione di un informativa sempre adeguata e trasparente. Questo documento viene pubblicato dopo la conclusione dell accordo in virtù del quale il Gruppo Banca CR Firenze confluirà nel Gruppo Intesa Sanpaolo, diventandone la sub-holding delle Casse di Risparmio dell Italia Centrale. Tale operazione consente di beneficiare delle opportunità di sviluppo e di efficienze operative derivanti dall inserimento in uno dei maggiori gruppi bancari europei, mantenendo il tradizionale radicamento nella realtà sociale ed economica locale. In tal modo il Gruppo Banca CR Firenze si troverà nelle condizioni di affrontare autorevolmente le difficili sfide proposte dagli imponenti processi di trasformazione in atto e rafforzare il suo impegno per soddisfare le esigenze sempre più complesse e differenziate della nostra società civile. IL PRESIDENTE Aureliano Benedetti 5

4 Nota Metodologica Bilancio Sociale 2006 Nota Metodologica Bilancio Sociale 2006 Il bilancio sociale del Gruppo Banca CR Firenze, alla sua prima edizione 1, si propone di rendere conto dell operato svolto e dei risultati ottenuti rispetto agli aspetti connessi alla responsabilità sociale di impresa. L attività di analisi e di redazione è stata effettuata facendo riferimento principalmente al Rendiconto agli stakeholder Una guida per le banche (2006), proposto dall Associazione Bancaria Italiana (ABI), e a Principi di redazione del bilancio sociale (2001), elaborato dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (GBS). Si sono inoltre tenute in particolare considerazione le Sustainability Reporting Guidelines G3, definite dal Global Reporting Iniziative. Il processo di rendicontazione è stato gestito da un gruppo operativo interno, facente riferimento alla Segreteria Generale della Capogruppo, con il supporto di una società di consulenza specializzata (SENECA S.r.l.). I portatori di interessi (i cosiddetti stakeholder 2 ) considerati ai fini della rendicontazione sono: le risorse umane, gli azionisti, i clienti, la collettività, le istituzioni pubbliche 3, i fornitori e l ambiente naturale. Il perimetro di rendicontazione si riferisce, in linea generale, alle 5 banche italiane consolidate integralmente del Gruppo; esso non comprende, quindi, Banca CR Firenze Romania (acquisita nel corso del 2006) e Findomestic Banca (consolidata a patrimonio netto), nonché le altre società del Gruppo. In quanto prima esperienza nella rappresentazione a livello consolidato delle attività e dei risultati in chiave sociale ed ambientale, non è stato possibile offrire un quadro completo ed integrato relativamente a tutti i diversi aspetti oggetto della rendicontazione. Il documento viene reso disponibile sul sito internet della capogruppo (www.bancacrfirenze.it sezione Società e territorio ) e, per i dipendenti, sulla intranet aziendale. PERIMETRO DI RENDICONTAZIONE Aspetto / Stakeholder Identità Relazione economica Risorse umane Azionisti Clienti Istituzioni pubbliche Collettività Fornitori Ambiente Perimetro di rendicontazione Tutto il Gruppo, relativamente ad una descrizione generale. Banche italiane del Gruppo, relativamente a: storia e strutture distributive. Capogruppo, relativamente a: assetto proprietario, corporate governance e struttura organizzativa. Tutto il Gruppo. Tutto il Gruppo, relativamente alla consistenza. Banche italiane del Gruppo, relativamente a tutti gli altri aspetti, ad eccezione di: Salute; Contenzioso (solo Capogruppo). Capogruppo. Banche italiane del Gruppo, relativamente a tutti gli aspetti, ad eccezione di: Iniziative e servizi rivolti a soggetti socialmente rilevanti (solo capogruppo). Banche italiane del Gruppo, relativamente ai servizi e prodotti loro forniti. Tutto il Gruppo, relativamente a imposte e tasse. Banche italiane del Gruppo. Banche italiane del Gruppo. Capogruppo. 1.Nei quattro esercizi precedenti è stato realizzato il bilancio sociale della capogruppo Banca CR Firenze. 2. Per stakeholder ci si riferisce a quei soggetti (intesi nel senso di individui, gruppi, organizzazioni) che hanno con l azienda relazioni significative ed i cui interessi sono a vario titolo coinvolti nell attività dell azienda per le relazioni di scambio che intrattengono con essa o perché ne sono significativamente influenzati ( Principi di redazione del bilancio sociale Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale). 3. A questo specifico stakeholder non è stato dedicato un capitolo specifico; relative informazioni sono contenute nel capitoli dedicato ai Clienti (per i servizi e prodotti loro rivolti) e alla Relazione economica (per le imposte e tasse). 7

5 Identità Identità Identità Identità Identità Identità Identità Identità

6 L identità L identità L identità aziendale IL PERCORSO DI SVILUPPO Il Gruppo Banca CR Firenze nasce nel 1998 per iniziativa di Banca CR Firenze con l obiettivo di creare un polo bancario di riferimento formato dalle principali Casse di Risparmio appartenenti all area geografica del centro-nord Italia. All interno del Gruppo, Banca CR Firenze svolge il ruolo sia di banca operativa che di capogruppo, con compiti di direzione e coordinamento. Dal 1998 ad oggi il Gruppo si è ampliato fino a comprendere, oltre alla Capogruppo, le Casse di Risparmio di Civitavecchia, Mirandola (dal 2006 incorporata in Banca CR Firenze), Orvieto, Pistoia e Pescia e della Spezia, ciascuna delle quali è profondamente radicata nel proprio territorio di riferimento. Il Gruppo può inoltre contare su un articolato insieme di società specializzate partecipate e su significative sinergie con altre istituzioni finanziarie che permettono di offrire alla clientela un ampia gamma di soluzioni personalizzate di natura bancaria, finanziaria, assicurativa e di credito al consumo. Il Gruppo Banca CR Firenze è dotato di un network territoriale di oltre 550 filiali compresa CR Romania (per un portafoglio di circa 1 milione di clienti), a cui si sono affiancati negli ultimi anni nuovi canali operativi che consentono al cliente l accesso alle attività finanziarie nei tempi e nei modi a lui più congeniali: i Centri Private Banking, i Centri Imprese ed una Rete di promotori finanziari che nei primi mesi del 2007 ha esteso la sua presenza in tutta Italia. Nel 2006, con l acquisizione da parte di Banca CR Firenze della maggioranza della banca rumena Daewoo Bank (oggi Banca CR Firenze Romania), è stato avviato un processo di internazionalizzazione dell attività bancaria e di supporto alle aziende italiane operanti nell Europa dell Est. Il Gruppo Banca CR Firenze è posizionato al 19 posto tra i Gruppi bancari italiani 1. LE SOCIETÀ DEL GRUPPO Il Gruppo è articolato in: banche società per azioni, che costituiscono la rete distributiva; società finanziarie e di prodotto, che rendono disponibile per il Gruppo un ampia gamma di prodotti e servizi diretti alla clientela in settori specifici come leasing, factoring e assicurazioni; società che offrono servizi di supporto alle altre entità del Gruppo garantendo economie di scala, integrazione di prodotti e di servizi con le altre società del Gruppo e operando in alcuni casi anche sul mercato; società che svolgono altre tipologie di servizi. L assetto del Gruppo al 31 dicembre 2006 è rappresentato di seguito. 1. Dato aggiornato al 31 dicembre 2006 e facente riferimento al Totale dell Attivo (fonte Prometeia). 9

7 GRUPPO BANCA CR FIRENZE Bilancio Sociale 2006 CR Orvieto 73,6% SOCIETÀ DEL GRUPPO BANCARIO CR FIRENZE CR Pistoia e Pescia 60% Banca CR Firenze Capogruppo CR della Spezia 79,9% CR Civitavecchia 51% Banca CR Firenze Romania 56,3% CR Firenze Gestion Internationale 80% Perseo Finance 100% Infogroup 100% Centro Factoring* 63,6% Immobiliare Nuova Sede 100% Citylife 100% Tebe Tours 100% Ge.FI.L. (Gestione Fiscalità Locale) 100% Centro Leasing Banca* 87,1% Centro Leasing Rete* 100% (Centro Leasing Banca) * In attesa di formale aggiornamento dell Albo dei Gruppi Bancari SOCIETÀ CONTROLLATE Centrovita Assicurazioni 51% Centro Leasing Gmbh 100% SOCIETÀ PARTECIPATE Soprarno SGR 47,5% Findomestic Banca 50% Sviluppo Industriale 29,2% Spezia Risorse 20% Equitalia Spezia 25% Immobiliare Novoli 25% Ce. Spe. Vi. 20% ET Group 42,7% Aci Leasing 25% Euroasset Italia 49% Safi 20% Distribuzione Produzione Servizi Aggiornata al 12 luglio

8 LA STORIA DELLE BANCHE DEL GRUPPO Banca CR Firenze S.p.A. La Cassa di Risparmio di Firenze nasce nel 1829 su iniziativa di alcuni fra i più illustri personaggi dell economia e della società civile fiorentina, che si propongono di fondare una banca che contribuisca alla promozione del valore del risparmio. Da quel momento la Cassa ricopre un ruolo importante nello sviluppo del territorio fiorentino e toscano sostenendolo finanziariamente anche attraverso la realizzazione di grandi opere pubbliche. Durante il secondo dopoguerra la Banca partecipa attivamente alla ricostruzione del Paese e si dedica al sostegno dell economia e del tessuto sociale, in particolare finanziando le piccole e medie imprese che costituiscono, ancora oggi, l asse portante dell attività dei territori di riferimento. Nel 1992 l azienda bancaria viene conferita in una S.p.A. e nel 1998 viene costituito il Gruppo Banca CR Firenze. Nel luglio 2000 le azioni della Capogruppo vengono quotate alla Borsa di Milano. Nel 2003 viene adottato il nome Banca CR Firenze S.p.A., già presente nello statuto fin dal 2000 come denominazione abbreviata. L identità L identità aziendale La sede di Banca CR Firenze. 11

9 GRUPPO BANCA CR FIRENZE Bilancio Sociale 2006 Cassa di Risparmio di Civitavecchia S.p.A. L istituzione della Cassa di Risparmio di Civitavecchia, fondata nel 1847, è inquadrabile nel processo di modernizzazione dello Stato Pontificio avviato grazie al nuovo clima economico-politico che si era determinato dopo la parentesi napoleonica. L attività principale è da subito orientata nella sovvenzione del settore agricolo, di quello artigianale e della pesca. Dopo quella di Roma (1836), Civitavecchia è la seconda Cassa di Risparmio aperta nel Lazio. Nel 1912 aderisce all ACRI e nel 1921 all ICCRI. Nel 1992, in ottemperanza alla legge Amato, l azienda bancaria viene conferita in una S.p.A., della quale la Banca di Roma sottoscrive il 28,57% delle azioni non detenute dalla Fondazione CR Civitavecchia. Nel 1997 a Banca di Roma subentra Cassa di Risparmio di Firenze S.p.A., che progressivamente porta la sua partecipazione fino all attuale 51%. La sua area di operatività si estende nelle province di Roma (con 28 sportelli) e di Viterbo (con 4 sportelli). La possibilità di usufruire del know-how, dell organizzazione e dei prodotti del Gruppo permette alla Cassa di consolidare la sua presenza nel territorio storico e di conquistare nuovi importanti spazi nella capitale. Cassa di Risparmio di Mirandola S.p.A. Divisione Banca CR Firenze Fondata su iniziativa dell Amministrazione Comunale di Mirandola, la Cassa di Risparmio nasce nel 1863 con lo scopo di promuovere lo sviluppo economico e sociale nell area più settentrionale della Provincia di Modena. Oltrepassando ben presto i confini comunali, incorpora alcune Casse di Risparmio dei territori limitrofi. Nel 1942 eredita le insegne del santo Monte di Pietà, lo storico istituto di credito su pegno fondato il 4 ottobre Successivamente è la volta di un altro storico banco dei pegni: il Monte di Credito di S. Felice sul Panaro, sorto nel 1585, che la Cassa incorpora nel

10 Nel dicembre 1991 la Cassa trasforma la propria struttura di banca pubblica dando vita alla Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola, ente morale avente lo scopo di perseguire l originario fine istituzionale, e ad una Società per Azioni, la Cassa di Risparmio di Mirandola S.p.A., alla quale viene conferita l intera attività bancaria. Nel corso del 2000, a seguito della cessione da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola di quote del capitale, prende avvio il rapporto strategico con la Cassa di Risparmio di Firenze S.p.A. Nel gennaio 2006 il Consiglio di Amministrazione della Cassa di Risparmio di Mirandola S.p.A. approva il progetto di integrazione con Banca CR Firenze S.p.A., in base al quale essa assume lo status di Divisione della Capogruppo, mantenendo una Direzione locale con adeguati poteri gestionali. Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A. Su iniziativa di quaranta privati cittadini orvietani, la Cassa di Risparmio di Orvieto (Ente pubblico economico) nasce il 17 novembre 1852, come da Rescritto Pontificio, emanato dal Papa Pio IX; il suo scopo è quello di raccogliere il risparmio, al quale viene attribuita una rendita sicura, e quello di impiegarlo convenientemente presso operatori economici locali. Nel 1912 la Cassa apre la sua prima filiale nel comune di Bolsena, proseguendo con l apertura di numerose filiali nei comuni del comprensorio Orvietano. Agli inizi del 1990 la Cassa di Risparmio di Roma (oggi Banca di Roma) entra nella compagine sociale della Cassa di Risparmio di Orvieto con una partecipazione pari al 40% del Fondo Istituzionale della Cassa. Alla fine del 1991 l azienda bancaria viene conferita in una S.p.A., il cui pacchetto azio- L identità L identità aziendale La sede di Cassa di Risparmio di Orvieto. Nella pagina a fianco, in alto la sede di Cassa di Risparmio di Civitavecchia; in basso, la sede di Cassa di Risparmio di Mirandola. 13

11 nario è detenuto per il 71,43% dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto e per il 28,57% dalla Banca di Roma, che la cede alla Cassa di Risparmio di Firenze S.p.A. nel Tra il 2000 e il 2001 la Cassa di Risparmio di Firenze S.p.A. acquisisce dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto la quota di maggioranza azionaria della Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A., che entra così a far parte del Gruppo Banca CR Firenze. Attualmente dispone di 41 sportelli. Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia S.p.A. La Cassa viene fondata nel 1831 allo scopo di incoraggiare il risparmio tra le classi meno abbienti e favorire la promozione sociale del proprio territorio. Affiliata alla Cassa Centrale di Firenze, inizia la propria attività il 1 gennaio 1832 con un modesto capitale. Nel 1883 avviene il distacco dalla Cassa di Firenze. Nel 1936, dopo la fusione con la Cassa di Risparmio di Pescia, assume la nuova denominazione di Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia. Le vicende della seconda guerra mondiale interrompono per qualche tempo l attività della Cassa, ma dopo il conflitto lo sviluppo dell Istituto riprende con nuovo slancio. Nel giugno 1992 l azienda bancaria viene conferita in una S.p.A., mentre la Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia diventa Fondazione. Nel 1999, a seguito della cessione da parte della Fondazione del pacchetto di maggioranza delle azioni ordinarie, la Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia S.p.A. entra nel Gruppo Banca CR Firenze. Oggi la Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia S.p.A. opera attraverso 78 filiali, distribuite su 5 province in 2 diverse regioni. La sede di Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia. Nella pagina a fianco, a sinistra la sede di Cassa di Risparmio della Spezia; a destra, veduta di Bucarest, Romania. Cassa di Risparmio della Spezia S.p.A. L atto formale di costituzione della Cassa di Risparmio della Spezia risale al 1842, data che la titola come una delle più antiche fra quelle tuttora esistenti istituite nel regno di Sardegna, essendo stata preceduta solamente dalle 14

12 L identità L identità aziendale Casse di Risparmio di Torino (1827), Alessandria (1840) e Savona (1840). Per essere stata fondata in unione al preesistente Monte di Pietà, le sue radici devono ricercarsi nella storia di questo pio istituto, attivo nella città di Spezia sul finire del XVI secolo, e precisamente dai primi di maggio del Con la crescita della città (il cui volano è stato rappresentato dalla costruzione del nuovo Arsenale MM, 1861) la Cassa, dapprima in modo modesto e poi in modo sempre più significativo, comincia a interessarsi al tessuto economico locale anche dal lato della possibilità di erogazione del credito. Nel corso degli anni la Cassa di Risparmio della Spezia ha adeguato la propria dimensione operativa, pur mantenendo la vocazione di banca locale profondamente radicata nel proprio territorio di riferimento. Nel 1992 l azienda bancaria viene conferita in una S.p.A. Ferma restando questa sua caratteristica nel 2004 la Fondazione ha ceduto la quota di maggioranza azionaria a Banca CR Firenze S.p.A. Il modello di sviluppo così definito ha portato la banca ad ampliare la propria dimensione, anche territoriale, avvicinando nuovi mercati (Lucca, Pistoia, Parma, Reggio Emilia): ad oggi la Cassa di Risparmio della Spezia S.p.A. è attiva in 3 regioni (Liguria, Toscana ed Emilia Romagna) ed in 5 province, attraverso una rete di 67 sportelli. Banca CR Firenze Romania S.A. Banca CR Firenze Romania nasce nel 2006 a seguito dell acquisto del pacchetto azionario di maggioranza della allora Daewoo Bank da parte di Banca CR Firenze S.p.A. La banca rumena entra così a far parte del Gruppo Banca CR Firenze, che avvia così un processo di internazionalizzazione che vede a fine 2006 la presenza sul territorio romeno con 11 filiali. Il programma di sviluppo a livello territoriale prevede l aumento della rete a 30 succursali entro la fine del

13 GRUPPO BANCA CR FIRENZE Bilancio Sociale 2006 LE STRATEGIE Visione strategica Il Gruppo Banca CR Firenze si propone di stabilire con i propri interlocutori (stakeholder) una relazione valorizzante in grado di produrre la soddisfazione reciproca dei rispettivi interessi legittimi. Particolare rilievo assume il forte rapporto delle banche del Gruppo con il territorio all interno del quale esse operano, che ha caratterizzato tutta la loro lunga storia; il radicamento territoriale viene interpretato in senso dinamico, come capacità di comprendere e rispondere adeguatamente alle peculiari necessità del tessuto economico e sociale, sostenendone in tal modo lo sviluppo e, nel contempo, generando valore per se stesse. Su queste premesse, l orientamento del Gruppo è di sviluppare una progressiva integrazione di attività e processi in modo da combinare i vantaggi di un profondo radicamento territoriale e di una rete commerciale capillarmente diffusa a quelli di una rete bancaria che garantisca approccio dinamico ed internazionalità di offerta e servizi. Vengono di conseguenza innescati e rafforzati i processi di crescita, volutamente organica e concentrata su processi innovativi, in parallelo alla politica di forte orientamento al cliente. Sulla base di tale visione generale, il Gruppo si è fatto promotore di un percorso strategico che combina tradizione ed innovazione, in una prospettiva di crescita dimensionale sostenuta dal continuo miglioramento dell efficienza. Le linee strategiche fondamentali di tale evoluzione sono le seguenti: alleanza federativa: all interno del Gruppo ciascuna banca mantiene una propria autonomia d azione e decisionale, soprattutto nel campo delle attività commerciali attinenti al proprio territorio di riferimento; al tempo stesso condivide le linee di indirizzo a livello di Gruppo, mirando a rafforzare sempre più la presenza e la penetrazione del Gruppo nel- 16

14 le regioni in cui opera. La centralizzazione di molti servizi e processi garantisce inoltre efficienza e contenimento dei costi; espansione territoriale: l aggregazione delle banche all interno del Gruppo avviene principalmente secondo una logica di vicinanza territoriale, in grado di saldare le rispettive reti commerciali e relazionali presenti sul territorio. Con l apertura del Gruppo alla Romania, tale espansione aggiunge un ulteriore elemento che punta al rafforzamento del Gruppo nelle aree strategiche per la propria clientela e, di riflesso, per il Gruppo stesso, in termini di competitività nel sistema bancario e di sviluppo attraverso processi di internazionalizzazione; completezza funzionale: il Gruppo Banca CR Firenze annovera al proprio interno importanti società di prodotto e strumentali, che rivolgono la propria offerta di servizi sia verso la clientela esterna, sia verso le altre aziende del Gruppo. In questo modo vengono garantite economie di scala e capacità di sviluppo e ricerca dell innovazione; identità di Gruppo: ogni banca del Gruppo ha partecipato al lungo processo di revisione della corporate identity, finalizzato al rafforzamento di un marchio comune e di un immagine di gruppo distintiva. Tale impegno comune assume riflessi su tutte le attività del Gruppo, dalla comunicazione alle relazioni istituzionali, ed ha portato il Gruppo verso il progressivo rafforzamento della riconoscibilità e del senso di appartenenza; differenziazione dell offerta: grazie alla presenza di società specializzate e di importanti alleanze con partner di livello internazionale, il Gruppo è in grado di fornire risposte adeguate alle richieste di prodotti e servizi, favorendo un approccio fortemente personalizzato verso il cliente; segmentazione e differenziazione dei modelli di servizio: la capacità di fornire risposte adeguate alle esigenze dei clienti richiede un approccio fortemente personalizzato. A partire dalla Capogruppo è stato avviato un processo di analisi e revisione dei criteri di segmentazione della clientela ed una conseguente elaborazione di politiche differenziate, in termini di prodotti e servizi, canali distributivi, competenze del personale dedicato; miglioramento dell efficienza operativa: l aumento dell efficienza si fonda principalmente sullo sviluppo di processi di integrazione di alcune funzioni delle banche del Gruppo e sull esternalizzazione delle attività non facenti parte del core business; valorizzazione delle risorse umane: il potenziamento dei livelli di professionalità, lo sviluppo del senso di appartenenza, una maggiore responsabilizzazione su obiettivi e risultati da parte delle risorse umane sono considerati prioritari obiettivi strategici. Di conseguenza viene dedicato un forte impe- Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, interno. Nella pagina a fianco, la sede di Banca CR Firenze a Roma. L identità L identità aziendale 17

15 GRUPPO BANCA CR FIRENZE Bilancio Sociale 2006 gno al censimento delle competenze, alla formazione e all aggiornamento professionale, alla comunicazione interna, alla realizzazione di un sistema premiante; valorizzazione della relazione con il cliente: le banche del Gruppo Banca CR Firenze privilegiano, per tradizione storica, il rapporto fiduciario tra cliente ed azienda, cercando in modo sempre più efficiente di trovare risposte adeguate che mantengano nel tempo il legame di fiducia, rafforzando nel contempo le proprie posizioni sul mercato. Il Piano Triennale di Gruppo Il Piano Triennale di Gruppo si articola in quattro macro aree di attività che, nel loro insieme, contribuiscono sinergicamente alla creazione di valore: ampliamento della rete distributiva; miglioramento del servizio e della comunicazione alla clientela; controllo dei costi e valorizzazione degli asset per la ricerca di maggiore efficienza; sviluppo di una infrastruttura multicanale. Ampliamento della rete distributiva Si prevede un ulteriore ampliamento della rete distributiva sia sul territorio storico, per presidiare maggiormente alcune aree, sia sulle province di recente inserimento, per consolidare l attuale posizionamento. Verrà inoltre estesa l operatività del Gruppo sul territorio rumeno attraverso Banca CR Firenze Romania S.A., portando il numero di sportelli da 11 (fine 2006) a 30 (fine 2008). Tale espansione permetterà al Gruppo di supportare le imprese locali che intendono allargare la propria attività nel mercato rumeno e di fornire un maggior appoggio alle imprese italo-rumene già operative. Miglioramento del servizio e della comunicazione alla clientela L obiettivo di rafforzare ulteriormente l orientamento al cliente ha portato il Gruppo a dedicare una particolare attenzione alle indagini di Customer Satisfaction, che aiutano a comprendere sempre meglio le esigenze della clientela ed a riprogettare, di conseguenza, sia le politiche di prezzo dei servizi e dei prodotti sia il sistema di erogazione degli stessi. Civitavecchia, bastioni e porto. 18

16 Il Piano Triennale prevede quindi l implementazione nel corso del triennio di un osservatorio permanente di Customer Satisfaction, differenziato per mercato di appartenenza della clientela, che miri a produrre effetti positivi anche sulla redditività delle banche, facilitando l aumento della fidelizzazione della clientela ed il tasso di retention. In quest ottica un altro progetto del Piano Triennale riguarda il miglioramento della comunicazione alla clientela, con la revisione di tutte le comunicazioni, con la definizione di una matrice documenti/canali/tempi e la personalizzazione per segmento/profilo cliente. Ciò consentirà anche di ridurre in maniera consistente gli invii cartacei alla clientela, con benefici effetti in termini sia di costi sia di impatto ambientale. Un approccio orientato alla soddisfazione della clientela richiede non solo un adattamento del sistema organizzativo aziendale, ma anche una revisione delle modalità di definizione del prezzo dei servizi. A tale proposito il Piano Triennale di Gruppo prevede un programma di potenziamento dell attuale CRM (Customer Managed Relationship) volto a migliorare la quantità e la qualità di informazioni, permettendo alle filiali di gestire al meglio la relazione con il cliente. L identità L identità aziendale Controllo dei costi e valorizzazione degli asset per la ricerca di maggiore efficienza Il Piano prevede una serie di azioni volte al recupero di efficienza ed al miglioramento dei processi interni e di servizio verso la clientela. L evoluzione del sistema informativo di Gruppo si propone l obiettivo di portare a compimento il Modello Federale Evoluto di Gruppo, consentendo a ciascuna banca di focalizzarsi prioritariamente sul presidio del mercato e migliorando l efficienza complessiva della gestione attraverso un maggior sviluppo delle sinergie all interno del Gruppo. Coerentemente con un approccio da sempre all avanguardia sull innovazione e la multicanalità (Banca CR Firenze è stato il primo istitu- Orvieto, particolare della facciata del Duomo. 19

17 GRUPPO BANCA CR FIRENZE Bilancio Sociale 2006 to bancario in internet e sul digitale terrestre), il Piano Triennale prevede l avvio di un progetto di evoluzione del modello di business. Prima tappa di questo progetto sarà la realizzazione di una nuova piattaforma territoriale, che consentirà di rendere più flessibili i processi operativi legati alla relazione più diretta con la clientela, di abilitare l introduzione di strumenti commerciali ed operativi d avanguardia e di ridurre i costi di gestione. Tutto questo in un contesto di messa a regime del nuovo assetto ICT del Gruppo con l obiettivo di presidiare correttamente i processi organizzativi di supporto alla funzione ICT, anche attraverso la mappatura e la semplificazione di alcuni processi aziendali per accrescerne la sicurezza della gestione. Pistoia, Cattedrale e Palazzo dei Vescovi. Sviluppo di una infrastruttura multicanale Nel Piano Triennale viene assunto l impegno a sviluppare un sistema di coesistenza di diversi canali distributivi bancari, caratterizzati da stretta collaborazione e sinergia tra il canale fisico di sportelli, il canale web e tutti gli altri. Ciò consente di perseguire finalità di diversa natura: tecnica: contribuire alla razionalizzazione dei costi di gestione e sviluppo del Sistema Informativo, evitando duplicazioni di funzioni; organizzativa: concentrare gli investimenti sui canali/segmenti/funzioni d uso in cui è possibile massimizzare il trasferimento di operatività a basso valore aggiunto sui canali virtuali, con conseguente aumento di efficienza di processo e di organico; commerciale: creare un vantaggio competitivo determinato da un aumento dei contatti e del livello di servizio e dalla differenziazione di costo, fornendo al cliente la possibilità di effettuare le operazioni sul canale a lui più comodo; tutela della sicurezza delle operazioni: aumentare la capacità di tutelare la sicurezza delle operazioni effettuate tramite canali virtuali. 20

18 LA CAPOGRUPPO L assetto proprietario Dal 1999 al 2005 il controllo di Banca CR Firenze S.p.A. è stato esercitato da Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Sanpaolo IMI S.p.A. e BNP Paribas S.A. sulla base di un accordo parasociale, più volte prorogato, che prevedeva un equilibrio - azionario e di composizione dei suoi organi di funzionamento - tra Ente CR Firenze da un lato e le banche dall altro 2. Nel mese di maggio 2005 tale accordo è cessato nei suoi effetti senza essere rinnovato. In seguito a tale circostanza, Sanpaolo IMI S.p.A. ha rivendicato nei confronti dell Ente il diritto all acquisto di una quota azionaria di circa il 10,78%. Dal momento che l Ente non ha ritenuto che esistessero validi presupposti per l esistenza di tale diritto e non ha ceduto la quota azionaria reclamata da Sanpaolo IMI S.p.A., è stato avviato un contenzioso arbitrale che si è concluso nel mese di maggio 2007 a favore dell Ente. Nell aprile 2006, Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia e Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia hanno stipulato un nuovo patto parasociale 3, della durata iniziale di 3 anni, cui sono state conferite un numero di azioni di Banca CR Firenze S.p.A. pari al 37,6% del capitale sociale. La quota del 30% conferita dall Ente corrisponde alla misura massima nella quale, in base alle disposizioni vigenti al momento della stipula (e successivamente abolite), l Ente stesso poteva esercitare il diritto di voto in assemblea. L assetto proprietario si è avviato ad una svolta nel maggio 2007, quando l Ente Cassa di Risparmio di Firenze ha avviato una trattativa con il Gruppo Intesa Sanpaolo in merito ad un progetto di integrazione della Banca all interno dello stesso Gruppo, con la prospettiva di accordo fra le principali fondazioni azioniste. La trattativa si è positivamente conclusa nel mese di luglio, con l approvazione da parte degli organi deliberanti dell Ente Cassa di Risparmio di Firenze, della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, della Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia e di So.Fi.Ba.r. S.p.A. di un operazione che contempla la permuta di una quota azionaria di Banca CR Firenze che consentirà a Intesa Sanpaolo l acquisizione del controllo della Banca ed il contestuale ingresso delle Fondazioni e di So.Fi.Ba.r. S.p.A. nel capitale della stessa Intesa Sanpaolo. Intesa Sanpaolo per effetto della quota già detenuta del 18,6% e della permuta - verrà a detenere il 58,9% del capitale di Banca CR Firenze e lancerà un OPA obbligatoria sul capitale di Banca CR Firenze non detenuto e a cui l Ente Cassa di Risparmio di Firenze non aderirà, mantenendo così una quota del 10,3% nella Banca. L Ente Cassa di Risparmio di Firenze, fino al mantenimento del possesso di quantitativi prestabiliti di azioni della Cassa, godrà di particolari tutele statutarie e parasociali che consentiranno all Ente stesso di esprimere parere vincolante su tematiche di varia natura tra cui il mantenimento dell autonomia giuridica della Banca, della denominazione, dell oggetto e della sede sociale e operativa, nonché la nomina di L identità L identità aziendale LE AZIONI CONFERITE AL NUOVO PATTO PARASOCIALE dati al 31 maggio 2007 % del capitale sociale % sul totale delle azioni sindacate Ente CR Firenze 30,000% 79,804% Fondazione CR Spezia 3,911% 10,403% Fondazione CR Pistoia 3,682% 9,793% 2. Si veda il capitolo Gli azionisti per le informazioni sulle quote di capitale sociale da essi posseduti. 3. L estratto del Patto parasociale è consultabile sul sito internet della Consob nella sezione dedicata alla società. 21

19 GRUPPO BANCA CR FIRENZE Bilancio Sociale 2006 propri rappresentanti nel CdA, tra i quali il Presidente, ed il godimento di diritti di prelazione e recesso in circostanze prestabilite. Nell ambito delle politiche generali del Gruppo Intesa Sanpaolo, il Gruppo Carifirenze manterrà i propri marchi e autonomie commerciali e creditizie allineate al modello del Gruppo; inoltre Banca CR Firenze avrà la direzione ed il coordinamento - per conto della Capogruppo - delle banche commerciali presenti nel territorio di riferimento. Banca CR Firenze, interno. La Corporate Governance 4 Quadro generale La Banca ha mantenuto, anche dopo l entrata in vigore della riforma societaria, il modello di governance tradizionale delle società per azioni italiane quotate, in base al quale, in estrema sintesi, l assemblea degli azionisti nomina sia un organo incaricato della gestione dell impresa - il Consiglio d Amministrazione -, sia un organo incaricato del controllo sul rispetto della legge e dello statuto - il Collegio Sindacale - sia un organo incaricato del controllo contabile - la società di revisione. L assetto dei poteri decisionali della società è incentrato innanzitutto sul Consiglio di Amministrazione, il quale mantiene la competenza deliberativa sulle materie ad esso riservate dalla legge e dallo statuto sociale. I regolamenti interni della società, approvati dal Consiglio di Amministrazione, che disciplinano i diversi comparti dell attività aziendale, quali ad esempio l erogazione del credito, l assunzione di rischi finanziari, la spesa esterna ed i provvedimenti sul personale, integrano il dettato statutario introducendo un sistema di deleghe gestionali articolato in relazione alla natura delle operazioni ed alla loro entità, riportando alla competenza del Consiglio, o del Comitato Esecutivo, le operazioni di particolare rilievo. Per quanto non espressamente regolato, il Consiglio ha attribuito in via generale i poteri di gestione al Comitato Esecutivo, organo collegiale le cui regole di funzionamento sono le stesse del Consiglio d Amministrazione. Il Direttore Generale, nominato dal Consiglio di Amministrazione, è a capo della struttura aziendale ed ha il compito di dare esecuzione a quanto deliberato dagli organi collegiali 5. Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione riveste il ruolo fondamentale per la gestione di Banca CR Firenze, attraverso lo svolgimento di funzioni di indirizzo strategico e di coordinamento organizzativo sia per la Banca stessa sia per il Gruppo. La configurazione organizzativa del Gruppo, caratterizzata da un rilevante accentramento di funzioni nella Capogruppo, nonché la disciplina che la Capogruppo ha emanato nell esercizio dell attività di direzione e coordinamento, concorrono a far sì che l Organo Amministrativo di Banca CR Firenze svolga le funzioni previste dall art.1 del Codice di Autodisciplina delle Per maggiori dettagli si rimanda all Informativa sul governo societario e sull adesione al Codice di Autodisciplina delle società quotate, disponibile sul sito nella sezione Investor Relations. 5.. Si veda in proposito lo Statuto.

20 società quotate con riferimento al Gruppo nel suo complesso ed alle sue componenti fondamentali. Il Consiglio di Amministrazione è composto da 14 membri. In particolare: tutti gli amministratori sono da considerare non esecutivi, poiché a nessuno di loro sono attribuite deleghe operative; 6 amministratori sono da considerare come indipendenti, poiché essi non intrattengono con i soci principali, la Banca e le società controllate, relazioni economiche di entità tale da poterne condizionare l autonomia di giudizio, né sono titolari direttamente o indirettamente di partecipazioni azionarie nelle società tali da potere in qualsiasi modo incidere sul controllo della medesima. L attuale Consiglio d Amministrazione è stato nominato, per un nuovo mandato triennale, nel corso dell Assemblea di approvazione del bilancio dell esercizio 2005 secondo il sistema di votazione per liste. In Assemblea è risultata prima per numero di voti espressi la lista presentata congiuntamente dalle tre Fondazioni firmatarie del patto parasociale e dalla Sofibar S.p.A., seconda la lista presentata da Sanpaolo IMI S.p.A. e terza quella di BNP Paribas S.A. Dalle liste di minoranza presentate da San Paolo IMI S.p.A. e BNP Paribas S.A. sono stati tratti rispettivamente 3 e 2 Consiglieri. L identità L identità aziendale COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE Componente Carica Designante Indipendenza Aureliano Benedetti Presidente Ente Cassa di Risparmio di Firenze No Componente del Comitato Esecutivo Piero Antinori Vice Presidente Ente Cassa di Risparmio di Firenze Si Componente del Comitato Esecutivo Pio Bussolotto Consigliere Sanpaolo IMI S.p.A. No Componente del Comitato Esecutivo Sergio Ceccuzzi Consigliere Sofibar S.p.A. Si Componente del Comitato Remunerazione Jean Clamon Consigliere BNP Paribas S.A. No Alessio Colomeiciuc Consigliere Fondazione CR Pistoia e Pescia Si Pier Giovanni Marzili 6 Consigliere Ente Cassa di Risparmio di Firenze No Componente del Comitato Remunerazione Massimo Mattera Consigliere Sanpaolo IMI S.p.A. No Componente del Comitato Esecutivo Matteo Melley Consigliere Fondazione CR della Spezia No Giuseppe Morbidelli Consigliere Ente Cassa di Risparmio di Firenze No Componente del Comitato Esecutivo Antonio Patuelli Consigliere Sofibar S.p.A. Si Giuseppe Spadafora Consigliere BNP Paribas S.A. No Componente del Comitato Esecutivo Francesco Taranto Consigliere Sanpaolo IMI S.p.A. Si Componente del Comitato Rischi 7 e del Comitato Remunerazione Riccardo Varaldo Consigliere Ente Cassa di Risparmio di Firenze Si 6. In seguito alla scomparsa nel mese di settembre del prof. Marzili, il 2 ottobre 2006 il Consiglio d Amministrazione ha deliberato, con l approvazione del Collegio Sindacale, la sua sostituzione con il Dott. Federico Vecchioni, che è subentrato anche nel Comitato di Remunerazione. 7. In sostituzione del prof. Marzili. 23

Banca CR Firenze il modello distributivo integrato

Banca CR Firenze il modello distributivo integrato il modello distributivo integrato Cassa di Risparmio di Firenze - Banca CR Firenze, società per azioni quotata al listino ufficiale della Borsa Italiana dal luglio 2000, è la capogruppo del Gruppo Bancario

Dettagli

fino a 6,73 euro, da cui è disceso il rapporto di 1,194 azioni ordinarie Intesa Sanpaolo per ciascuna azione Carifirenze.

fino a 6,73 euro, da cui è disceso il rapporto di 1,194 azioni ordinarie Intesa Sanpaolo per ciascuna azione Carifirenze. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: I CONSIGLI APPROVANO L ACCORDO CON ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE PER L ACQUISIZIONE DEL CONTROLLO DI CARIFIRENZE - Intesa Sanpaolo acquisirà il 40,3% del capitale

Dettagli

Bilancio 2000. Gruppo Cassa di Risparmio di Firenze Iscritto all Albo dei Gruppi Bancari n. 6160.6

Bilancio 2000. Gruppo Cassa di Risparmio di Firenze Iscritto all Albo dei Gruppi Bancari n. 6160.6 Bilancio 2000 Società per Azioni Sede Sociale e Direzione Generale in Firenze Capitale Sociale L. 1.065.367.273.000 int. vers. Riserve L. 311.195.392.684 Registro delle Imprese n. 61452 Cod. fisc. e Part.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULL ADESIONE AL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE 13 Come già ampiamente illustrato in occasione dell assemblea di approvazione del bilancio 2000,

Dettagli

GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO

GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO GAS PLUS S.P.A. RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO Pagina 1 GAS PLUS S.p.A. (nel seguito GAS PLUS o Società ) aderisce al nuovo Codice di Autodisciplina (di seguito il Codice ) elaborato dal Comitato per

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A.

CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. CODICE DI AUTODISCIPLINA DELL ENI S.p.A. (la Società) IN ADESIONE AL CODICE PROMOSSO DA BORSA ITALIANA S.p.A. 1. Ruolo del consiglio di amministrazione 2. Composizione del consiglio di amministrazione

Dettagli

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo

BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing e Controlli di Gruppo Business International La Compliance nelle Banche Italiane: compiti e responsabilità della funzione compliance alla luce delle Istruzioni della Banca d Italia BANCA CR FIRENZE Tina Cassano Direzione Auditing

Dettagli

CALTAGIRONE EDITORE S.p.A. RELAZIONE ANNUALE IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE ANNO 2006

CALTAGIRONE EDITORE S.p.A. RELAZIONE ANNUALE IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE ANNO 2006 CALTAGIRONE EDITORE S.p.A. RELAZIONE ANNUALE IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE ANNO 2006 In aderenza alle raccomandazioni di Borsa Italiana, di seguito si forniscono alcune informazioni circa il modello

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Art. 1 Il Consiglio di Amministrazione La Società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da un numero di membri non inferiore a sette e

Dettagli

Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 4 Aprile 2012

Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 4 Aprile 2012 Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 4 Aprile 2012 Ordine del giorno 1. Relazioni del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale e della Società di Revisione, presentazione del bilancio al

Dettagli

- Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana

- Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana Parte Prima - Le linee guida dell Associazione Bancaria Italiana L art 6 comma 3 d.lg. 231 stabilisce che i Modelli di organizzazione, gestione e controllo possono essere adottati sulla base di Codici

Dettagli

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A.

sette componenti almeno tre composizione qualitativa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. PUNTO 2. ALL ORDINE DEL GIORNO (parte ordinaria): Elezione dei Consiglieri di Amministrazione, previa determinazione del loro numero, tra cui il Presidente e il Vice Presidente, che resteranno in carica

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE EVOLUZIONE NEL CORSO DELL ESERCIZIO

CORPORATE GOVERNANCE EVOLUZIONE NEL CORSO DELL ESERCIZIO CORPORATE GOVERNANCE EVOLUZIONE NEL CORSO DELL ESERCIZIO Il Sistema di Corporate Governance Brembo, la cui completa realizzazione è avvenuta durante gli esercizi 2000 e 2001, è stato oggetto di un ampio

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. I Consigli di Amministrazione di Banco di Desio e della Brianza e di Banca Popolare di Spoleto hanno approvato

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE MONCLER S.P.A. ARTICOLO 1 Ambito di applicazione 1.1 La presente Procedura (la Procedura ) è adottata da Moncler S.p.A. ( Moncler o la Società

Dettagli

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A.

PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. PROCEDURA PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE OVS S.P.A. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015. ARTICOLO 1 Ambito

Dettagli

Relazione Annuale sulla Corporate Governance

Relazione Annuale sulla Corporate Governance Relazione Annuale sulla Corporate Governance Sede operativa: Via Borgonuovo, 24 Sede legale: Via Valeggio, 41 20121 Milano 10129 Torino capitale sociale 100.800.000 Codice fiscale e Registro Imprese di

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE

CORPORATE GOVERNANCE 49 CORPORATE GOVERNANCE Un buon sistema di corporate governance pone al centro dell impresa il Consiglio di Amministrazione in quanto massimo organo deputato alla gestione della Società nell interesse

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO Le ipotesi di miglioramento individuate lo scorso anno nel nostro primo Bilancio Sociale tracciano le linee di un percorso che abbiamo intrapreso nel 2002 e che intendiamo proseguire

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013. Nomina Collegio Sindacale

Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013. Nomina Collegio Sindacale Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013 Nomina Collegio Sindacale Collegio Sindacale nomina dei componenti effettivi e supplenti; nomina del Presidente; determinazione dei compensi dei componenti. Signori

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI APRILE 2012 Punto 5) Politiche di remunerazione e di incentivazione. All art. 18 4 comma, lo Statuto prevede che l Assemblea Ordinaria approvi, secondo i criteri previsti dalle

Dettagli

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA Sentiamo la responsabilità di essere un player globale in un settore caratterizzato da elementi strategici di grande delicatezza. L attenzione alle regole e la

Dettagli

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005)

Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA. Principi. Fonti (aggiornate al 31 dicembre 2005) Corporate Governance PRINCIPI, FONTI E MACROSTRUTTURA SOCIETARIA Principi Il Sistema di Corporate Governance Brembo ha assicurato, anche nel corso dell esercizio 2005, l integrale adesione alle disposizioni

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi delle Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle Banche di Banca d Italia, nonché

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

Procedura per le Operazioni con Parti Correlate

Procedura per le Operazioni con Parti Correlate Procedura per le Operazioni con Parti Correlate Indice 1. Premessa... 3 2. Definizioni... 3 3. Individuazione delle operazioni di maggiore rilevanza... 5 4. Operazioni esenti... 5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso

L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo. Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso L attuazione del D. Lgs. 231/01 in un gruppo bancario L esperienza Intesa Sanpaolo Gabriella Cazzola Direzione Legale e Contenzioso Paradigma - 24 maggio 2013 L esperienza di Intesa Sanpaolo Problemi applicativi

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015

Regolamento degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi. Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 degli Organi Aziendali, delle Funzioni di Controllo e Dei Flussi Informativi Data approvazione CDA 23 gennaio 2015 SOMMARIO ART. 1 - DISPOSIZIONI PRELIMINARI... 4 ART. 2 - DEFINIZIONI... 5 ART. 3 PREMESSA...

Dettagli

IL GRUPPO BANCO POPOLARE

IL GRUPPO BANCO POPOLARE IL GRUPPO BANCO POPOLARE Foto di Lucio Cerofolini Verona - Ponte di Castelvecchio IL GRUPPO BANCO POPOLARE PROFILO DEL GRUPPO BANCO POPOLARE Il Gruppo Banco Popolare è nato il 1 luglio 2007 dalla fusione

Dettagli

BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo di Banca Carim Spa

BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo di Banca Carim Spa BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Composizione quali-quantitativa ottimale dell Organo amministrativo di Banca Carim Spa INDICE 1. Premessa 2. La Composizione ottimale del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN MATERIA DI CORPORATE GOVERNANCE La presente relazione, redatta ai sensi delle disposizioni regolamentari di cui al Titolo IA.2, Sezione IA.2.12 delle Istruzioni al Regolamento

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C.

RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AI SENSI DELL ARTICOLO 153 D. LGS. N. 58/1998 E DELL ARTICOLO 2429 C.C. All Assemblea degli Azionisti di Mittel SpA. Nel corso dell esercizio chiuso al 30 settembre 2012

Dettagli

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa. In Amministrazione Straordinaria

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa. In Amministrazione Straordinaria BANCA ETRURIA Cartella Stampa 1 In Amministrazione Straordinaria Banca Popolare dell Etruria e del Lazio Società Cooperativa in amministrazione straordinaria Il Ministero dell Economia e delle Finanze,

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO

CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE DI GRUPPO REVISIONE DICEMBRE 2011 INDICE PREMESSA..... pag. 4 A) REGOLE DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI GESTORI DI UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO S.p.A...... pag. 6 A.1 CONSIGLIO

Dettagli

Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013

Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013 Unipol Gruppo Finanziario Relazioni degli Amministratori sulle proposte di deliberazione all Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 30 aprile 2013 Mezzo secolo di Unipol. Una storia scritta guardando

Dettagli

CAPO I Denominazione Sede Durata - Oggetto

CAPO I Denominazione Sede Durata - Oggetto STATUTO APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL 8 NOVEMBRE 2011 VERBALE REDATTO PER ATTO PUBBLICO AL N. 5244/1379 A REPERTORIO NOTAIO DOTT.SSA CLAUDIA GANGITANO, NOTAIO IN MILANO CAPO

Dettagli

STATUTO Art. 1 Art. 2 Art. 3

STATUTO Art. 1 Art. 2 Art. 3 STATUTO Art. 1 La società per azioni denominata Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale S.p.A. (in forma abbreviata BdM - MCC S.p.A. ) è regolata dal presente Statuto. La Società può utilizzare anche

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015

SOMMARIO. Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 PRIINCIIPII DII AUTODIISCIIPLIINA DII IINFRASTRUTTURE WIIRELESS IITALIIANE Adottati con delibera del Consiglio di Amministrazione del 27 febbraio 2015 SOMMARIO Articolo 1 Principi generali pag. 2 Articolo

Dettagli

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE Partner di: Private Equity LAB Associato a: Shadow Banking e AIFMD G20 Pittsburgh 2009 Rivedere l intero

Dettagli

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA

CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI STRUTTURA ORGANIZZATIVA IL NOSTRO LAVORO SI BASA SULLA FIDUCIA DEI CLIENTI. PER QUESTO FONDAMENTALE È IL RISPETTO DELLE NORME E LA TOTALE TRASPARENZA NELLO SVOLGIMENTO DELLA NOSTRA ATTIVITÀ. CHI SIAMO MISSION GOVERNANCE SERVIZI

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF

RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF RELAZIONI SULLE MATERIE ALL'ORDINE DEL GIORNO AI SENSI DELL'ART. 125-TER TUF Consiglio di Amministrazione del 10/03/2015 - punto 10) Relazioni sulle materie all'ordine del giorno dell'assemblea degli Azionisti

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting.

www.consulting.it CONSULTING SPA - Società per le banche Via Pergole, 2-23100 Sondrio Tel. 0342.219670 - Fax. 0342.219534 info@consulting. www.consulting.it SOCIETA CERTIFICATA UNI ENI ISO 9001:2008 certificato n. 12849 - settore EA 37 Accr.minlavoro 5877 del 26/02/2007 Cod.Min.Borsa Lavoro 074DI829C00 CONSULTING SPA - Società per le banche

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO * * * La Società adotta il sistema di amministrazione e controllo tradizionale. Il sistema di Corporate

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO * * * La Società adotta il sistema di amministrazione e controllo tradizionale. Il sistema di Corporate RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO La Società adotta il sistema di amministrazione e controllo tradizionale. Il sistema di Corporate Governance di Pirelli si fonda su: (i) centralità del Consiglio

Dettagli

Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Aggiornamento approvato dal consiglio di amministrazione dell 8 marzo 2011 INDICE 1. Premessa... 3 2. Definizioni...

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL TERZO, QUARTO E

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL TERZO, QUARTO E RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO SULLA PROPOSTA DI CUI AL TERZO, QUARTO E QUINTO PUNTO DELL ORDINE DEL GIORNO DELLA PARTE ORDINARIA DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI PRYSMIAN S.P.A. DEL

Dettagli

Gli Amministratori di società quotate

Gli Amministratori di società quotate CORSO DI CORPORATE GOVERNANCE Gli Amministratori di società quotate Prof. Alberto Nobolo 1 Le fonti: - Codice civile 1942 modificato dal D. Lgs. n. 6/2003 Art. 2364, co. 1, nn. 2 e 3: nomina/revoca/attribuzione

Dettagli

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi.

Il Regolamento si compone di 41 articoli, suddivisi in nove capi. RELAZIONE REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, AI

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Sede Sociale: via IV Novembre n.45, 56027 San Miniato (PI) Iscritta all Albo delle banche al n. 5181 e Capogruppo del Gruppo Bancario Cassa di Risparmio di San Miniato iscritto all Albo dei Gruppi Bancari.

Dettagli

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE di BANCA NAZIONALE DEL LAVORO SPA Il presente documento costituisce un Supplemento al Documento di Registrazione depositato presso la CONSOB in data 28/05/2012

Dettagli

V E R B A L E D I A C C O R D O

V E R B A L E D I A C C O R D O V E R B A L E D I A C C O R D O Fusione per incorporazione di Banca Antonveneta Spa in Banca Monte dei Paschi di Siena Spa e contestuale conferimento di ramo d azienda nella Nuova Banca Antonveneta SpA.

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO

RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO 61 RELAZIONE SEMESTRALE SUL GOVERNO SOCIETARIO Pirelli & C. aderisce al Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana 1 sin dalla sua prima emanazione e successivamente, nel marzo 2007, ha formalizzato la

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento recante disposizioni in materia di operazioni con parti correlate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti

KPS - ATTI CONSIGLIO - 08/2015 POLICY. Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti POLICY Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti [ Pagina Bianca ] Esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti 1 INDICE Indice... 2 PREMESSA...

Dettagli

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola

COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi. Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola COMPLIANCE E ANTIRICICLAGGIO: Integrazione tra le funzioni e aspetti organizzativi Milano, 8 marzo 2012 Claudio Cola 1 AGENDA: 1. Premessa 2. La funzione compliance 3. La funzione antiriciclaggio 4. Integrazione

Dettagli

L informativa obbligatoria

L informativa obbligatoria Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB L informativa obbligatoria Anno Accademico 2009-2010 1 INFORMATIVA OBBLIGATORIA Il sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 23 aprile 2015 Unica Convocazione

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 23 aprile 2015 Unica Convocazione ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 23 aprile 2015 Unica Convocazione Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione in merito ai punti 4 e 5 all Ordine del Giorno (redatta ai sensi dell art.

Dettagli

CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A.

CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A. CAPE LISTED INVESTMENT VEHICLE IN EQUITY S.P.A. www.capelive.it RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI

Dettagli

SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I

SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I CODICE ETICO CODICE ETICO SOMMARIO CAPO PRIMO Valori Aziendali Principi Etici CAPO SECONDO REGOLE DI COMPORTAMENTO NELLE RELAZIONI ESTERNE SEZIONE I - Rapporti con i clienti SEZIONE II - Rapporti con i

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n.

VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10. Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. VIANINI LAVORI S.p.A. Sede legale in Roma - Via Montello n. 10 Registro Imprese di Roma e codice fiscale n. 03873930584, R.E.A. n. 461019 Capitale Sociale di Euro 43.797.505 i.v. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 4, punto 10, dello statuto della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, di seguito indicata come

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nell attività di trasporto del gas naturale Per il Personale Coinvolto nelle INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 La separazione funzionale nel trasporto del gas

Dettagli

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi L importanza della comunicazione Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi FAbio ACCARDi se nella ricerca

Dettagli

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2013 PREMESSA Mediolanum Vita S.p.A. (di seguito anche "l impresa o la compagnia

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Indice Premessa e contesto normativo... 3 Valutazione della composizione qualitativa... 4 Profili generali... 4 Richiami normativi...

Dettagli

Approvato il piano di semplificazione della struttura del Gruppo mediante la fusione per incorporazione di Ciments Français in Italcementi

Approvato il piano di semplificazione della struttura del Gruppo mediante la fusione per incorporazione di Ciments Français in Italcementi Riunito oggi a Bergamo il Consiglio di Amministrazione di Italcementi Approvato il piano di semplificazione della struttura del Gruppo mediante la fusione per incorporazione di Ciments Français in Italcementi

Dettagli

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione 4 modulo Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione Riferimento bibliografico: appendice del libro; Slide con la collaborazione di Stefano Castriglianò Ellegi consulenza Fondi pensione negoziali:

Dettagli