STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI"

Transcript

1 STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 17/12/2014 1

2 Indice 1. Introduzione Quadro Normativo di Riferimento Gestioni di Quaestio Capital Management SGR S.p.A Principi generali e ambito di applicazione della strategia Scopo del documento Fattori di Best Execution e loro gerarchia 5 2. Trasmissione degli Ordini Selezione di Controparti 8 3. Esecuzione degli Ordini Strategia di esecuzione Esecuzione degli ordini in conformità alla strategia di Esecuzione Operatività in quote di OICR (esclusi ETF) Istruzioni del cliente Monitoraggio e riesame periodico della Strategia Monitoraggio Informativa alla Clientela Conclusioni 13 2

3 1. Introduzione 1.1 Quadro Normativo di Riferimento Nella cornice recata dalla direttiva 2004/39/CE (la Direttiva MIFID) viene posta rilevanza al dovere per l intermediario di adottare tutte le misure ragionevoli e mettere in atto meccanismi efficaci per ottenere, nell esecuzione degli ordini, il miglior risultato possibile per i Clienti avuto riguardo al prezzo, ai costi, alla rapidità e alla probabilità di esecuzione e di regolamento, alle dimensioni, alla natura dell ordine, alla liquidità e all importo sul mercato e a qualsiasi altro fattore pertinente ai fini dell esecuzione dell ordine.la regola della Best Execution comporta, pertanto, l adozione di metodi e strumenti che consentano agli intermediari di ottenere, in modo duraturo, il miglior risultato possibile per i loro Clienti, e di poter giustificare - ove richiesto - i risultati ottenuti, secondo un principio di ragionevolezza. Tale dovere, dunque, esige l approntamento di procedure, la cui idoneità è da valutare secondo un criterio ex ante. La disciplina della Best Execution si riferisce innanzitutto ai servizi di investimento, con riferimento ai quali è previsto l obbligo degli Intermediari di...adottare tutte le misure ragionevoli per ottenere... il miglior risultato possibile per i loro clienti... alla luce di una pluralità di parametri (ad esempio, prezzo, costi, rapidità e probabilità di esecuzione e di regolamento) e della rilevanza che detti parametri assumono in ragione anche della diversa natura del Cliente (al dettaglio o professionale). Al fine di poter assolvere tale obbligo, dunque, gli Intermediari devono predefinire la loro procedura di esecuzione degli ordini ( execution policy ) nella quale sono specificate, per ciascuna categoria di strumenti finanziari, le sedi di esecuzione che intendono utilizzare per l esecuzione degli ordini dei Clienti, dandone loro adeguata informativa.. In tale contesto, la Consob, al fine di garantire modalità operative omogenee tra gestione individuale e collettiva, ha esteso a quest ultima la disciplina sulla Best Execution dettata per i gestori individuali come definito nella Delibera del 29 ottobre 2007 (di seguito anche Regolamento Intermediari ) agli articoli 45, 46, 47 e 48, adeguandola naturalmente alle particolari caratteristiche del servizio (cfr. artt. 68, 69 e 70 della Delibera). La disciplina in materia è stata, inoltre, da ultimo modificata con Delibera della Consob n del 9 maggio Il presente documento, pertanto, ha finalità di adempiere agli obblighi posti alla Società dalle sopracitate norme, nell ambito della prestazione del servizio di gestione di portafogli e del servizio di gestione collettiva del risparmio. 1.2 Gestioni di Quaestio Capital Management SGR S.p.A. Quaestio Capital Management SGR S.p.A. Unipersonale (di seguito la SGR o la Società ) opera come intermediario sia per gestioni individuali proprie che per gestioni 3

4 collettive di OICR propri e di terzi ricevuti in delega da altre società di gestione. I mandati individuali assunti sono solamente quelli aventi caratteristiche tali da renderli assimilabili ad OICR per: livello di sofisticatezza del cliente; strategie di gestione implementate. Il servizio di gestione di portafogli è indirizzato esclusivamente alla gestione di patrimoni di pertinenza della clientela professionale. Alle gestioni patrimoniali saranno pertanto applicate la stessa cura e la medesima strategia di trasmissione ed esecuzione, nonché tutti i controlli previsti per le gestioni collettive. Quanto segue, perciò, fa riferimento principalmente a queste ultime, con la consapevolezza che i medesimi principi valgono anche per le gestioni di portafogli. Per quanto concerne la gestione degli OICR che Quaestio riceve in delega, e che a sua volta decide di sub-delegare a gestori terzi, la SGR si impegna a richiedere a questi ultimi la Policy di trasmissione ed esecuzione degli ordini adottata, al fine di analizzarla e di verificare che corrisponda alle linee guida della SGR stessa. Tale documento risulta essere parte integrante dei Sub-Investment Management Agreement sottoscritti con i gestori sub-delegati. 1.3 Principi generali e ambito di applicazione della strategia In conformità agli obblighi di cui ai sopracitati articoli, la SGR, con riferimento ai servizi da essa prestata, ha predisposto la propria strategia per la trasmissione e l esecuzione degli ordini su strumenti finanziari sulla base dei seguenti principi di carattere generale. La Società, in considerazione dell organizzazione interna adottata per le strutture dedicate all attività di gestione, generalmente ritiene più rispondente alle proprie strategie di gestione il mantenimento di uno schema operativo basato sul ricorso al c.d. accesso indiretto alle sedi di esecuzione identificate in funzione delle esigenze di gestione dei patrimoni gestiti. Per alcuni strumenti, come in seguito dettagliato, la Società ha peraltro scelto di operare con accesso diretto alle sedi di esecuzione in funzione della migliore funzionalità di tale soluzione. La Società si riserva in ogni caso di valutare la possibilità di ricercare le condizioni per l accesso diretto ai mercati regolamentati o ai sistemi multilaterali di negoziazione anche per altri strumenti oltre quelli specificati nella presente strategia ove, in relazione ad eventuali futuri sviluppi del business aziendale, la struttura organizzativa e l entità delle masse gestite assumano livelli dimensionali e di complessità tali da far ritenere più efficiente, per talune tipologie di strumenti e di mercati - e sempreché nell interesse dei patrimoni gestiti di rinunciare in parte ai servizi di intermediazione offerti dalle controparti ed intraprendere la soluzione della partecipazione diretta alle specifiche sedi di esecuzione. 4

5 Ciò premesso, la Società ha definito le misure per la trasmissione ed esecuzione degli ordini su strumenti finanziari alle condizioni più favorevoli per i patrimoni gestiti. Sulla base delle misure esposte nei paragrafi che seguono, la Società ha quindi individuato le controparti (approvate dal Consiglio di Amministrazione) a cui trasmettere gli ordini, in ragione delle strategie di esecuzione adottate dalle medesime e della loro compatibilità con i principi di cui al presente documento oltre alle sedi di esecuzione per l accesso diretto ai mercati. L elenco delle controparti selezionate è parte integrante della Procedura relativa al Processo di Investimento. La Società trasmette gli ordini alle sole controparti selezionate; tuttavia, in casi eccezionali ed al fine di ottenere il miglior risultato possibile per l esecuzione degli ordini, la Società si riserva di utilizzare una controparte non ancora approvata, nel rispetto delle deroghe previste dal Processo di Investimento. 1.4 Scopo del documento Il presente documento ha lo scopo di: definire i fattori ed i principi applicativi in materia di Best Execution ed il loro ordine di priorità nella selezione delle controparti; identificare una prassi operativa conforme alle disposizioni presenti nel Regolamento Intermediari; stabilire le modalità di revisione e monitoraggio della presente procedura. 1.5 Fattori di Best Execution e loro gerarchia L Area Investimenti della SGR, nella trasmissione ed esecuzione degli ordini su strumenti finanziari per conto degli OICR gestiti e dei portafogli dei clienti, adotta tutte le misure ragionevoli per ottenere il miglior risultato possibile, curando: il prezzo ed i costi connessi all esecuzione (commissione di esecuzione, di compensazione/regolamento, eventuali costi o spese direttamente legati al mercato di trattazione, etc.); la rapidità e probabilità di esecuzione; la rapidità e probabilità di regolamento; le dimensioni dell ordine; la natura dell ordine; qualsiasi altra considerazione pertinente ai fini dell esecuzione dell ordine (professionalità nella gestione delle varie tipologie di ordini, conoscenza diretta dell area geografica o del mercato sul quale si invia l ordine, capacità di eseguire l ordine in particolari momenti di mercato, etc.). 5

6 La Società ha individuato un unico ordine di priorità dei fattori di Best Execution sopra elencati per tutte le differenti tipologie di strumenti finanziari trattati. Tale ordine di priorità tiene conto: del particolare stile di gestione che contraddistingue l OICR, degli obiettivi, della politica di investimento e dei rischi specifici. Tali linee guida sono definite nel Prospetto nonché nel Regolamento di gestione di ciascun OICR ovvero, nell ambito della gestione di portafogli, nelle caratteristiche contrattuali definite con il cliente, compresa la classificazione allo stesso attribuita dalla SGR; delle caratteristiche dell ordine; delle caratteristiche degli strumenti finanziari oggetto dell ordine e della propria liquidità; delle caratteristiche delle controparti o delle sedi di esecuzione alle quali l ordine può essere diretto; di eventuali altri elementi che siano ritenuti rilevanti nell interesse degli OICR gestiti e dei portafogli dei clienti; Sulla base di quanto sopra espresso, nel processo di scelta delle controparti a cui trasmettere gli ordini e delle sedi di esecuzione dell ordine, la Società ordina i fattori di Best Execution nel modo seguente: elevato standing operativo; condizioni economiche; efficienza operativa, con particolare riferimento a: tempestività ed esattezza/correttezza da parte degli operatori nell esecuzione e nel regolamento degli ordini; abilità di trattare ordini anche di dimensioni limitate e con modalità telematiche; efficienza amministrativa dei Back Office. Tale gerarchia di fattori ha valenza generale. Ciò non toglie che in occasione di operazioni su particolari strumenti o con dimensioni non standard, tale ordine di priorità possa essere parzialmente modificato. In particolare, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, alcune controparti potrebbero essere scelte dando priorità alla probabilità di esecuzione e alla dimensione dell ordine nel caso in cui specializzate sullo strumento/mercato ovvero locali. In ogni caso la Società deve adottare tutte le misure ragionevoli per ottenere il miglior risultato possibile per i patrimoni gestiti tenendo conto dei fattori e dei criteri sopra precisati. Il servizio di ricerca in materia di investimenti, proposto dalla maggioranza delle controparti, non entra nel processo di 6

7 investimento della SGR e, quindi, non viene valutato come elemento per la determinazione del contributo della controparte alla Best Execution. La presente Strategia si applica ai seguenti strumenti finanziari: (a) azioni; (b) obbligazioni; (c) strumenti derivati quotati; (d) strumenti derivati non-quotati (OTC); (e) azioni/quote di OICR (esclusi ETF). In caso di trasmissione di ordini, come di seguito specificato, a intermediari che hanno classificato la SGR quale cliente professionale, la SGR è tenuta a verificare, richiedendo a campione le evidenze alle controparti, l effettiva applicazione del principio della Best Execution. Si precisa che, quando l Area Investimenti trasmette l ordine impartendo altresì delle istruzioni specifiche la cui esecuzione comporta la disapplicazione, anche parziale, da parte del broker della propria strategia di esecuzione dell ordine (ad esempio, obiettivi TWAP e VWAP), l onere della Best Execution ricade sulla SGR: il Risk Management di Quaestio SGR richiederà periodicamente ai broker appositi tabulati al fine di verificare l effettiva applicazione degli algoritmi alla base delle sopracitate istruzioni specifiche. Nel caso specifico in cui il broker, al fine di accelerare l operazione, propone al gestore della SGR un esplicito assenso all esecuzione a prezzi meno vantaggiosi rispetto a quelli di mercato, quest ultimo è tenuto a documentarsi e ad effettuare un analisi per accertare la convenienza della proposta ricevuta. Un report riepilogativo dell analisi condotta ed eventualmente della documentazione raccolta a supporto della medesima deve essere inviato, a cura del gestore medesimo, via a L accettazione della proposta comporta la disapplicazione del principio della Best Execution da parte della controparte che andrà a ricadere sulla SGR, la quale documenterà l approccio adottato con le analisi fatte dal gestore e salvate nella casella blindata. Se l Area Investimenti decide di eseguire l ordine direttamente (tipicamente in caso di bond), provvederà a richiedere a più controparti tra quelle autorizzate le condizioni per l esecuzione dei trades (c.d. Request for quote ) e sceglierà la miglior soluzione offerta. In tal caso la Best Execution chiaramente ricade sulla SGR e pertanto il team di gestione tiene traccia dello scambio di corrispondenza intercorso con le varie controparti in modo da essere in grado di ricostruire gli elementi alla base della scelta di una specifica controparte. Periodicamente, il Risk Management richiederà all Area Investimenti le evidenze relative ad un campione di operazioni al fine di verificare che il processo sia stato eseguito correttamente. In caso di derivati OTC, le controparti con le quali la SGR opera, tramite accordi ISDA, sono pre-selezionate tra un numero limitato di players globali presenti sul mercato. 7

8 Pertanto qualora l onere della Best Execution ricada sulla SGR come nei casi sopra citati, la stessa seguirà la procedura sopra indicata. Qualora invece l operazione venga richiesta alla controparte a prezzi di mercato, ovvero effettuata dalla controparte e poi ceduta (in modalità give-up) allo swap o derivato OTC, si presenta la fattispecie di operazione in cui l onere della Best Execution ricade chiaramente sulla controparte e la SGR si riserva di chiedere periodicamente alla stessa evidenza della sua corretta applicazione. Anche nel caso in cui la controparte sia selezionata attraverso piattaforme elettroniche (quali Marketaccess, Bondvision e Bloomberg), la SGR ha l obbligo di dimostrare di aver ottemperato al principio della Best Execution. La documentazione di supporto (cd blotter ) viene archiviata dall Area Investimenti in apposita directory condivisa, con possibilità di accesso da parte del Risk Management per le analisi periodiche 2. Trasmissione degli Ordini 2.1 Selezione di Controparti La SGR seleziona le controparti, cui trasmettere gli ordini, esclusivamente tra quelle che hanno una strategia di esecuzione compatibile con quella adottata dalla Società. Al fine di ottenere il miglior risultato possibile per gli OICR gestiti e le gestioni di portafogli, la SGR valuta che le controparti potenziali ed effettive: siano soggette alla disciplina sulla Best Execution del Regolamento Intermediari o comunque della Direttiva 2004/39/CE e acconsentano a trattare la Società come Cliente Professionale; siano disposte a garantire l adempimento della disciplina sulla Best Execution del Regolamento Intermediari; dimostrino di poter eseguire, con un elevata qualità di esecuzione, la tipologia di ordini per le quali sono state selezionate. La SGR non può concludere accordi per l esecuzione di ordini che non siano conformi alla propria strategia di trasmissione. Gli intermediari cui la SGR trasmette gli ordini sono individuati tra quelli dotati di strutture professionali e tecnologiche adeguate e caratterizzate dall accesso ad execution venues che garantiscano tali modalità di esecuzione; qualora sia possibile scegliere tra diversi intermediari, la preferenza andrà a quelli in grado di applicare le minori commissioni di negoziazione, a parità di qualità del servizio offerto. La scelta dell intermediario è fatta inoltre sulla base della capacità dello stesso di offrire con continuità: accesso al mercato primario; assistenza e informazioni nel corso dell esecuzione; 8

9 copertura su tutte le time zone di riferimento; elaborazione ed implementazione, insieme alla SGR, di una strategia di esecuzione dell ordine che massimizzi la qualità dell eseguito, minimizzando al contempo l impatto su mercati e volumi. La SGR considera rispettata la propria Strategia per tutte le operazioni effettuate per il tramite delle controparti autorizzate dal Consiglio di Amministrazione. A deroga di quanto sopra esposto, nel caso di deleghe di gestione, la SGR, ai fini della scelta delle controparti da utilizzare, si attiene alle eventuali indicazioni ricevute dal soggetto delegante. A parziale deroga di quanto sopra esposto, potrà essere utilizzata una controparte non ancora autorizzata dal Consiglio di Amministrazione sulla base della procedura di seguito illustrata. La SGR è in grado di dimostrare di aver trasmesso gli ordini per conto dei portafogli da essa gestiti in conformità alla propria strategia di trasmissione. Gli ordini trasmessi alle controparti potranno essere eseguiti da queste ultime su: mercati regolamentati (MR); sistemi multilaterali di negoziazione (MTF); market makers (il soggetto che si propone sui mercati regolamentati e sui sistemi multilaterali di negoziazione, su base continua, come disposto a negoziare in contropartita diretta acquistando e vendendo strumenti finanziari ai prezzi da esso definiti) o internalizzatori sistematici (il soggetto che in modo organizzato, frequente e sistematico negozia per conto proprio eseguendo gli ordini del cliente al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione) Utilizzo di una controparte non ancora autorizzata dal CdA La Società trasmette gli ordini alle sole controparti selezionate sulla base della presente Strategia. Tuttavia, in casi del tutto eccezionali e al solo fine di ottenere il miglior risultato possibile per l esecuzione degli ordini, la Società si riserva di utilizzare una controparte non approvata. Della decisione assunta sono altresì informati, nella stessa giornata in cui è disposta l operazione con la controparte selezionata, il Responsabile della funzione di Compliance, il Financial Risk Manager, nonché il Presidente del Comitato Investimenti mediante apposita relazione scritta (da inoltrarsi a mezzo all indirizzo contenente: i) i motivi della scelta operata; ii) gli estremi e le caratteristiche dell operazione disposta, con evidenza delle migliori condizioni ottenute. Il Presidente del Comitato Investimenti valuta, laddove ne ricorrano i presupposti, se sottoporre al Consiglio di Amministrazione la proposta di inserimento del soggetto 9

10 utilizzato nella singola operazione nell elenco delle controparti selezionate sulla base della presente procedura; in ogni caso, dell operatività in deroga alla presente Strategia è data informativa, sempre a cura del Presidente del Comitato Investimenti, al Consiglio di Amministrazione alla prima occasione utile. 3. Esecuzione degli Ordini 3.1 Strategia di esecuzione La Società differenzia la strategia di esecuzione in modo da conseguire il miglior risultato possibile per gli OICR gestiti e per i portafogli dei clienti. A tal fine considera: a) le diverse categorie di strumenti finanziari trattati, i volumi trattati e le condizioni di liquidabilità dei medesimi; b) nell ambito della gestione collettiva, gli obiettivi, la politica di investimento e i rischi specifici degli OICR gestiti, come indicato nel Prospetto o nel Regolamento di gestione; c) nell ambito della gestione di portafogli, le caratteristiche del cliente, compresa la sua classificazione come cliente professionale. La SGR ha pertanto deciso di operare con accesso diretto alle sedi di esecuzione limitatamente ai titoli obbligazionari governativi e corporate, per le seguenti ragioni: a) per ordini di dimensione ridotta, la trasmissione tramite broker, via telefono o fax risulta lenta e inefficiente; b) l accesso diretto alle sedi di negoziazione tramite i sistemi di interfaccia di Bondvision, Marketaxess e Bloomberg non ha restrizione di dimensione dell ordine e permette un esecuzione rapida ed efficiente; c) l accesso diretto alle sedi di negoziazione tramite i sistemi di interfaccia di Bondvision, Marketaxess e Bloomberg permette inoltre alla SGR di valutare la migliore esecuzione in termini di prezzi e di volumi disponibili e di ottenere il miglior risultato possibile per gli OICR gestiti o per i portafogli dei clienti in conformità con presente Strategia; d) sono state selezionate alcune controparti come market maker a cui viene dato accesso tramite Bondvision, Marketaxess e Bloomberg; e) è possibile tramite il sistema di Bondvision, Marketaxess e Bloomberg aggiungere altri market maker oltre a quelli attualmente selezionati qualora fosse ritenuto utile. Le sedi di esecuzione selezionate ed ogni loro successiva modifica sono autorizzate dal CdA della Società. 10

11 Nel caso in cui la SGR sia stata designata da una società di gestione per la gestione del proprio patrimonio, la Società deve ottenere preventivamente il consenso della medesima sulla presente strategia di esecuzione degli ordini. 3.2 Esecuzione degli ordini in conformità alla strategia di Esecuzione La SGR è in grado di dimostrare di aver eseguito gli ordini per conto dei portafogli da essa gestiti in conformità alla propria strategia di esecuzione. A tal fine qualora la strategia di esecuzione preveda più sedi di esecuzione, la SGR è in grado di dimostrare la ragione della scelta della specifica sede utilizzata. 3.3 Operatività in quote di OICR (esclusi ETF) Le operazioni di investimento/disinvestimento in quote di OICR (esclusi gli ETF) sono eseguite direttamente con la relativa società di gestione o con il relativo Transfer Agent per il tramite della rispettiva banca depositaria. L esecuzione degli ordini avviene sulla base delle previsioni definite nel Regolamento di gestione di ciascun OICR che stabiliscono, di norma, l applicazione del primo valore della quota ufficiale successivo disponibile. 4. Istruzioni del cliente Quando il cliente di una gestione di portafoglio impartisce istruzioni specifiche, la Società le esegue, disapplicando, ove non compatibili, le misure predisposte per ottenere il miglior risultato possibile. Qualora l istruzione non comprenda alcuni elementi dell ordine, la Società deve garantire la Best Execution in conformità alle proprie misure ed alla presente Strategia con riferimento alla sola parte dell ordine non ricompresa nelle indicazioni ricevute. 5. Monitoraggio e riesame periodico della Strategia 5.1 Monitoraggio Il Responsabile della funzione di Compliance verifica, con periodicità almeno annuale, se le strutture della Società hanno agito in conformità alla presente Strategia. La funzione di Financial Risk Management verifica, con cadenza almeno annuale: a campione, l operatività delle controparti sulle quali, come indicato nei paragrafi precedenti, ricade l obbligo della Best Execution; la qualità di esecuzione delle controparti utilizzate anche sulla base dei seguenti criteri quantitativi e qualitativi, ove disponibili: a. prezzo; 11

12 b. commissioni; c. tempestività delle informazioni; d. minimizzazione degli ineseguiti; e. precisione nell esecuzione degli ordini; f. efficienza dei sistemi di regolamento; g. capacità dell entità di accedere alle varie sedi di esecuzione. L attività di monitoraggio può anche includere il confronto tra transazioni simili: con la medesima controparte allo scopo di verificare se è corretta la valutazione sulle modalità di esecuzione degli ordini; oppure con differenti controparti, individuate tra quelle incluse nella Strategia, al fine di verificare se è stata scelta la controparte migliore per una specifica tipologia di transazione. Dell esito delle verifiche condotte, il Responsabile della funzione di Financial Risk Management informa il Responsabile della funzione di Compliance con cadenza, almeno, annuale. Entrambi i Responsabili, in occasione dell informativa periodica resa al Consiglio di Amministrazione, relazionano in merito all attività svolta. Il Consiglio di Amministrazione della Società riesamina la presente Strategia con cadenza almeno annuale e comunque al verificarsi di circostanze rilevanti, tali da influire sulla capacità di continuare a ottenere il migliore risultato possibile per la clientela e i patrimoni gestiti. 5.2 Informativa alla Clientela Come disposto dal Regolamento Intermediari, la Società fornisce appropriata informativa alla clientela in merito alle proprie strategie di trasmissione ed esecuzione di cui al presente documento. L informativa viene resa nell ambito del Documento di informativa pre-contrattuale predisposto dalla Società e consegnato alla Clientela prima della sottoscrizione delle quote dei OICR gestiti e commercializzati o della sottoscrizione dei mandati di gestione di portafoglio. Nell ambito delle gestioni di portafogli ottengono il consenso del cliente alla strategia di esecuzione e all esecuzione degli ordini al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. La SGR provvede a comunicare ogni modifica rilevante apportata alla Strategia, inviando una comunicazione scritta ai clienti. Non saranno, invece, oggetto di comunicazione specifica le semplici modifiche apportate all identità del soggetto negoziatore. trategia alla SGR. 12

13 5.3 Conclusioni La Strategia viene diffusa al personale tramite pubblicazione nell apposita area della intranet aziendale. Il rispetto della presente procedura coinvolge i Responsabili delle funzioni citate e i loro collaboratori. Pertanto, oltre alla ovvia constatazione dell obbligo del rispetto della procedura, chiunque è invitato, sulla base dell esperienza operativa, a segnalare tempestivamente all Area Commerciale e Operations ogni possibilità di miglioramento del processo procedurale. Sulla base delle segnalazioni ricevute o in caso di aggiornamenti futuri riguardanti la Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini, tale procedura sarà oggetto di revisione. 13

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB Visionato da: Dott. Martha Dichristin e Dott. Martin Selva Approvato dal CDA in data 21.10.2014 Sostituisce l edizione d.d. 08.05.2012 Indice 1.

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI Banca Akros ha predisposto una politica di esecuzione e di gestione degli ordini (di seguito: politica di esecuzione degli ordini)

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI PIAZZA BORROMEO 1-20123 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. TELEFAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it www.assosim.it ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi

La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi La funzione di Compliance: profili organizzativi e costi Survey Risultati INDICE Pagina 1 Prefazione... 4 2 Premessa... 6 3 Informazioni generali...7 3.1 3.2 3.3 3.4 4 7 8 11 12 Organizzazione della funzione

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it

GUIDA PRATICA. La trasmissione degli esposti alla COVIP. Cosa c'è in questa guida. www.covip.it GUIDA PRATICA La trasmissione degli esposti alla COVIP Cosa c'è in questa guida Le domande di base Cosa fare prima di inviare un esposto Come si prepara un esposto Come la COVIP esamina gli esposti Memo

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli