C&A Consulenti Associati SpA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C&A Consulenti Associati SpA"

Transcript

1 C&A Consulenti Associati SpA Holding di partecipazione a capo del gruppo di SIM C&A Consulenti Associati INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

2 Indice: Introduzione Tavola 1 - Tavola 2 - Tavola 3 - Tavola 4 - Tavola 5 - Tavola 6 - Tavola 7 - Tavola 8 - Tavola 9 - Tavola 10 - Requisito informativo generale Ambito di applicazione Composizione del patrimonio di vigilanza Adeguatezza Patrimoniale Rischio di credito: informazioni generali Tecniche di attenuazione del rischio Rischio di controparte Rischio di mercato: informazioni per gli intermediari che utilizzano il metodo dei modelli interni per il rischio posizione, per il rischio di cambio e per il rischio di posizioni in merci (IMA) Rischio operativo Politiche di Remunerazione

3 INTRODUZIONE La regolamentazione internazionale in materia di adeguatezza patrimoniale degli intermediari pone l attenzione su specifici obblighi attinenti la trasparenza informativa nei confronti del pubblico. Il presente documento fa seguito alle disposizioni della disciplina basata sui cosiddetti tre Pilastri. Il Primo Pilastro disciplina il calcolo dei requisiti patrimoniali necessari per fronteggiare i rischi tipici dell attività dell intermediario; il Secondo Pilastro consta del processo di autovalutazione interna dell adeguatezza patrimoniale (ICAAP) alla cui definizione sono invitati gli intermediari al fine di porre in essere uno specifico processo di controllo in termini di adeguatezza sia con riferimento all esercizio considerato sia prospettica.il Terzo Pilastro tratta infine gli obblighi di informativa al pubblico, per il cui adempimento gli intermediari devono fornire e rendere fruibili al pubblico informazioni qualitative e quantitative con riferimento alla propria adeguatezza patrimoniale. Il presente documento è redatto in ottemperanza a tali obblighi e illustra le informazioni concernenti l adeguatezza patrimoniale del Gruppo di SIM C&A Consulenti Associati. C&A Consulenti Associati S.p.A. (di seguito C&A o Capogruppo) è costituita come Holding di partecipazione a capo del gruppo di SIM C&A Consulenti Associati, iscritta all Albo dei gruppi di SIM con provvedimento della Banca d Italia N /10 del 3 giugno 2010 al numero Il gruppo di SIM risulta essere così composto: - CAPOGRUPPO: C&A Consulenti Associati S.p.A., società finanziaria con sede in Genova; - SOCIETA CONTROLLATA: Unicasim SIM S.p.A., società di intermediazione mobiliare con sede in Genova. C&A Consulenti Associati S.p.A. è una Holding di partecipazione pura e pertanto non svolge alcuna attività operativa. Per quanto attiene alle attività connesse a la Direzione ed il coordinamento che C&A esercita nei confronti delle società collegate e/o controllate, la stessa ha deliberato nel C.d.A. del 31 marzo 2010 di adottare il documento denominato Determinazione dell attività di Direzione e Coordinamento del Gruppo C&A ed il relativo Schema di regolamento sulla direzione e coordinamento del gruppo C&A Consulenti Associati S.p.A.. Il regolamento definisce e circoscrive l oggetto e le modalità di esercizio dell attività di

4 direzione del Gruppo, determinando le aree nelle quali essa si svolge. Con riferimento al sistema di valutazione aziendale dell adeguatezza patrimoniale (ICAAP)la scrivente,essendo una Holding di partecipazione e quindi non operativa, ha fatto proprio nella seduta consiliare del 30 aprile 2014 il documento ICAAP della controllata Unicasim (di seguito la SIM ). La Holding, nella stessa seduta consiliare, ha aggiornato la matrice Mappatura dei rischi, nella quale vengono indicati il capitale interno complessivo previsionale del Gruppo C&A Consulenti Associati ed il capitale complessivo del Gruppo, per far fronte ai rischi individuati. Il calcolo dei requisiti patrimoniali di ciascuna delle entità rientranti nel perimetro di consolidamento è stato effettuato applicando le regole previste per il calcolo dei requisiti individuali e tenendo conto dei propri dati caratteristici (bilancio 31 dicembre 2013). Quanto ai dati previsionali, la Holding ha rilevato esclusivamente i piani prospettici della SIM, non avendo redatto in proprio piani prospettici per la suddetta mancanza di operatività propria. C&A Consulenti Associati S.p.A. intende con il presente documento adempiere agli obblighi di pubblicazione di informazioni riguardanti l'adeguatezza patrimoniale, l'esposizione ai rischi e le caratteristiche generali dei sistemi preposti all'identificazione, alla misurazione e alla gestione di tali rischi che trovano disciplina attuativa nel Regolamento della Banca d'italia del 24 ottobre 2007, Titolo III, Capitolo 1 nonché nelle disposizioni comunitarie CRR e CRD IV e successive modificazioni e integrazioni. E' responsabilità della Capogruppo assicurare la completezza, la correttezza e la veridicità delle informazioni pubblicate. Le informazioni, la cui pubblicazione è oggetto della suddetta disciplina, hanno carattere quantitativo e qualitativo e sono classificate in quadri sinottici ("tavole") elencate negli Allegati al regolamento al Capitolo 1, modificate e integrate dal Provvedimento 18 febbraio 2011 e dal Provvedimento 28 dicembre Le informazioni di carattere qualitativo sono riferite alla controllata Unicasim SIM SpA, la quale è l unica società operativa del gruppo, mentre le informazioni quantitative si riferiscono al Gruppo di SIM. C&A ha deliberato nel C.d.A. del 30 aprile 2014 la pubblicazione dell'informativa al Pubblico sul sito internet di Unicasim, Tavola 1- Requisito informativo generale

5 INFORMATIVA QUALITATIVA Premessa UNICASIM S.p.A. (di seguito, "UNICASIM" o la "SIM"o anche la "Società") è iscritta all Albo di cui all art. 20 del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 (di seguito, il "Testo Unico della Finanza" o il "TUF") ed autorizzata allo svolgimento dei servizi di negoziazione per conto proprio (delibera CONSOB n del 8 agosto 2000), esecuzione di ordini per conto dei clienti (delibera CONSOB n del 8 agosto 2000), ricezione e trasmissione di ordini (delibera CONSOB n del 8 agosto 2000), collocamento senza assunzione a fermo né assunzione di garanzia nei confronti dell'emittente (delibera CONSOB n del 13 giugno 2006) e consulenza in materia di investimenti (delibera CONSOB 13 novembre 2007, n in attuazione del D.Lgs. n.164 del 17 settembre 2007). A far data dal dicembre 2013 la Sim è iscritta alla sezione speciale del Registro dei Gestori di portali ai sensi dell art. 50-quinquies del D. Lgs 58/98. Unicasim SIM S.p.A. fa parte del gruppo di SIM C&A Consulenti Associati iscritta all Albo dei gruppi di SIM con provvedimento della Banca d Italia N /10 del 3 giugno 2010 al numero La SIM è sottoposta all attività di Direzione e Coordinamento esercitata da C&A Consulenti Associati S.p.A. La gestione dei rischi coinvolge con diversi ruoli la direzione, gli organi amministrativi e di controllo, tutte le strutture e il personale della SIM. Nella stesura del presente documento la fonte normativa di riferimento in ambito di vigilanza prudenziale è rappresentata dal Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre Tali disposizioni saranno sostituite e in alcuni punti integrate da due fonti comunitarie a partire dal futuro esercizio 2014: i) Regolamento (UE) n 575/ 2013 (di seguito anche CRR, per brevità), ii) Direttiva 2013/36/UE (CRD IV).

6 Con riferimento all obbligo di informativa al pubblico in materia di adeguatezza patrimoniale, così come disciplinata dal Regolamento n 575/2013 del parlamento europeo e del consiglio del 26 giugno 2013 di recente emanazione si comunica che la SIM in qualità di soggetto appartenente a Gruppo di SIM non pubblica una autonoma informativa al pubblico. La Capogruppo predispone il documento di valutazione aziendale dell adeguatezza patrimoniale di gruppo con riferimento al 31 dicembre 2013 e l informativa al pubblico di gruppo (il presente documento) pubblicandolo a mezzo sito internet della SIM. Si precisa che il presente documento è stato redatto secondo le disposizioni previste dal Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre Le disposizioni in parola disciplinano le metodologie di gestione dei rischi da parte degli intermediari, gli indirizzi ed i criteri dell'attività di supervisione che la Banca d'italia svolge, quale Organo di Vigilanza creditizia e finanziaria, per assicurare la stabilità del sistema finanziario.in particolare: a) prevedono un requisito patrimoniale per fronteggiare i rischi tipici dell'attività finanziaria (di credito,di concentrazione/controparte, di mercato e operativi), prevedendo metodologie alternative per il calcolo degli stessi, caratterizzate da differenti livelli di complessità nella misurazione dei rischi e nei requisiti organizzativi e di controllo (cosiddetto "primo pilastro"); b) introducono un sistema di autovalutazione denominato Processo ICAAP (cosiddetto "secondo pilastro"), che richiede alle SIM di dotarsi di processi e strumenti per determinare il livello di capitale interno adeguato a fronteggiare ogni tipologia di rischio, anche diversi da quelli presidiati dal requisito patrimoniale complessivo ("primo pilastro"), nell'ambito di una valutazione dell'esposizione, attuale e prospettica, che tenga conto delle strategie e dell'evoluzione del contesto di riferimento.su detti processil'autorità di Vigilanza ha il compito di valutare, tramite lo SREP, l'adeguatezza del processo disegnato, di verificare l'affidabilità ela coerenza dei relativi risultati, nonché di adottare le eventuali misure correttive; c) introducono l'obbligo di informare il pubblico, con apposite tabelle informative, in merito alla propria adeguatezza patrimoniale, all'esposizione ai rischi ed allecaratteristiche generali dei sistemi di gestione, controllo e monitoraggio dei rischi stessi (cosiddetto "terzo pilastro"). Disciplinano il processo di autovalutazione ICAAP, oltre alle disposizioni di vigilanza prudenziale emanate da Banca d Italia,l intero manuale delle procedure, in particolare per la parte relativa alla pubblicazione, le disposizioni interne che identificano ruoli e responsabilità di tale processo ed il

7 Regolamento ICAAP deliberato dal Consiglio di Amministrazione nel corso del La Capogruppo e la SIM hanno provveduto all identificazione di tutti i rischi effettivi e potenziali cui sono sottoposte, con riferimentoper quanto concerne la SIMalla propria operatività ed ai mercati di riferimento.successivamentesono stati evidenziati e quantificati i rischi ritenuti rilevanti, ovvero quelli cherichiedono capitale a copertura. É stata in tal modo definita la Mappa dei Rischi del gruppo C&A, tenendo conto dei rischi contenuti nell'elenco di cui all'allegato A al Capitolo 2 del Titolo 2 del Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM del 24 ottobre 2007 e successive modifiche ed integrazioni,oltre che di eventuali ulteriori fattori di rischio connessi con la propria operatività. Sono stati considerati rilevanti il rischio di credito, di concentrazione/controparte, di mercato e operativo. Tali rischi sono misurati dalle società del gruppo secondo la metodologia standard. In particolare,i rischi operativi, gravanti principalmente sulla SIM,sono stati scomposti nelle classi sotto riportate. Viene allocato, ove ritenuto opportuno e sulla base di criteri specifici, il capitale interno da confrontare con l aggregato calcolato tramite la metodologia base, al fine di trarne le opportune valutazioni. Le classi principalmente interessate sono le seguenti: - Compliance dei processi e rispetto delle procedure; - Rischio di infedeltà degli operatori/frodi; - Rischi legali; - Rischi legati al rapporto conil personale dipendente e collaboratori; - Rischi tecnologici; - Rischi derivanti dall operatività con controparti di negoziazione in conto proprio. La SIM effettua un ulteriore valutazione volta ad identificare eventuali aree di vulnerabilità, in linea con il principio di proporzionalità; predispone inoltre un sistema di raccolta e conservazione dei dati interni relativi ad eventi significativi. La misurazione degli Altri rischi,quali rischio strategico, di reputazione, di insoddisfazione del cliente, di concentrazione dei ricavi, è scaturita dalla determinazione di criteri specificatamente costruiti. Per quanto riguarda i rischi di cartolarizzazione la SIM ha ritenuto gli stessi non applicabili in relazione alle attività esercitate. Il rischio di tasso di interesse, nel caso della SIM derivante da attività diverse dalla negoziazione, è ritenuto immateriale. Il rischio residuoè ritenuto non rilevante, per l attuale struttura di business, i presidi ele procedure

8 interne. In merito al rischio di liquidità l andamento della gestione ordinaria non presenta, per la stessa struttura dei servizi di investimento, disequilibri finanziari rivenienti dal ciclo clienti-fornitori. La SIM monitora costantemente la liquidità sia con riferimento all attività di gestione ordinaria che con riferimento all attività legata alla prestazione dei servizi di investimento. Ha inoltre predisposto per il 2014 una reportistica con cadenza almeno trimestrale volta a verificare potenziali disallineamenti tra crediti e debiti suddivisi per fasce di scadenza. Con riferimento alla Holding, in tema di rischio di liquidità giova ricordare che la medesima è una Holding di partecipazione e pertanto priva di attività caratteristica. I propri costi sono legati al mantenimento dell ordinaria attività, il rendiconto finanziario si presenta in sostanziale equilibrio e la dotazione del capitale (superiore al minimo richiesto dalla normativa) garantisce l equilibrio economicopatrimoniale. Il capitale interno necessario per far fronte ai rischi aziendali è determinato mediante l'applicazione delle metodologie regolamentari; tuttavia, nel caso di applicazione di metodologie di calcolo differenti, si prevede con riferimento alla SIM l'utilizzo di stress test che consentano di raggiungere un livello qualitativo di gestione dei rischi maggiore rispetto alle misure quantitative determinate dalla mera applicazione della normativa di vigilanza. In tema di governance, la responsabilità primaria del processo è collocata in capo agli Organi societari (Consiglio di Amministrazione, Alta Direzione, Collegio Sindacale, Funzione di Gestione del Rischio, Funzione di Revisione Interna e Funzione di Conformità) i quali predispongono idonei dispositivi di governo societario e adeguati meccanismi di gestione e controllo, al fine di fronteggiare i rischi a cui la SIM può essere esposta. Gli organi sociali e le funzioni aziendali che maggiormente sono coinvolte nello svolgimento del "Processo" sono i seguenti: - il Consiglio di Amministrazione e la Funzione di Gestione del Rischio che assumono la responsabilità ultima della definizione dell'icaap, dei risultati rivenienti dallo stesso e dell autovalutazione dell'adeguatezza patrimoniale; - la Funzione di Revisione Interna che vigila sull'adeguatezza e sulla rispondenza del sistema di gestione e controllo dei rischi e del processo ICAAP e conduce una revisione sia sul "Processo" nella sua configurazione globale sia sulle sue singole parti; - la Funzione di Conformità che ha il compito di verificare che le procedure aziendali (sistema di gestione e controllo, processo ICAAP) siano coerenti con l'obiettivo di prevenire la violazione di norme esterne,

9 Leggi e Regolamenti, oltre che di codici interni di condotta/comportamento applicabili alla SIM. Inoltre, tutte le singole Unità Operative sono interessate alla gestione dei rischi, quindi: - monitorano i singoli rischi, ciascuno per quanto di propria competenza; - forniscono la reportistica concordata per consentire alla Funzione di Gestione del Rischio e alla Funzione di Revisione Interna di valutare la funzionalità e l adeguatezza delle metodologie e dei sistemi di gestione dei singoli rischi. Nell'ambito dell'icaap è rilevante il ruolo assegnato e svolto dalla Funzione di Gestione del Rischio quale sostanziale catalizzatore dell'intero Processo. Essa infatti provvede all'attivazione di tutte le fasi dell'icaap, alla raccolta ed elaborazione dei dati, alla rappresentazione dei risultati conseguiti agli esponenti aziendali ed alla trasmissione della rendicontazione predisposta ed approvata dalla SIM agli Organi di Vigilanza. Evoluzione del Sistema dei Controlli Interni (S.C.I.) II Consiglio di Amministrazione e la Direzione Generale della SIM prestano costante attenzione al Sistema dei controlli interni (in breve SCI), recependo tutte le richieste di adeguamento rivenienti dai regulators in tema di gestione e controllo dei rischi. Ai fini di rendere i processi aziendali efficaci ed efficienti, la SIM ha sviluppato le procedure in essere sugli applicativi forniti da soggetti terzi e si è dotata (e aggiorna costantemente) di uno strumento informatico sviluppato internamente utile alla gestione delle attività ordinarie di front, middle e back office e di controllo di I livello. Tale strumento è inoltre in dotazione alla Funzione di Gestione del Rischio per lo svolgimento di una parte dei controlli di II livello. Il Sistema dei controlli interni è strutturato e sviluppato non solo sulla base dell evoluzione dell operatività (e degli strumenti di supporto) della SIM, ma anche a seguito di un costante confronto con gli organismi di controllo, quali la Funzione di Revisione Interna e la Compliance. L'efficacia del sistema dei controlli interni è monitorata in via continuativa dal Collegio Sindacale attraverso l attività di revisione periodica e pianificata.

10 A. Rischio di credito, concentrazione / controparte A.1. Rischio di credito Il rischio di credito è il rischio di perdite per inadempimento dei debitori relativo alle attività di rischio, in bilancio e fuori bilancio, escluse quelle che attengono al portafoglio non immobilizzato nonché le attività dedotte dal patrimonio di vigilanza. Tra le attività di rischio soggette alla copertura patrimoniale del rischio di credito rientrano: - le posizioni in strumenti finanziari che fanno parte del portafoglio immobilizzato; - le esposizioni derivanti da diritti, commissioni, interessi, dividendi e depositi di garanzia inerenti contratti futures o a premio trattati su mercati ufficiali connesse con voci del portafoglio immobilizzato; - le esposizioni derivanti dalle operazioni di pronti contro termine attive e di prestito titoli concluse al di fuori dell attività di negoziazione per conto proprio; - ogni altra attività non dedotta dal patrimonio di vigilanza (i.e. valori in cassa, finanziamenti erogati, diritti non riscossi, commissioni da ricevere, ratei attivi, etc.); - altre voci diverse da quelle comprese nel portafoglio immobilizzato. Per far fronte a tale categoria di rischio che si estrinseca sostanzialmente nell erogazione di finanziamenti sotto forma di riporti finanziari alla clientela privata, in giacenze di liquidità di proprietà e terzi presso istituti Bancari e crediti di durata inferiore ai 90 giorni,la SIM ha elaborato ed approvato idonee misure atte ad arginare l'esposizione al rischio di credito,predisponendo a tal fine un sistema di selezionee valutazione dei prodotti, delle controparti e del relativo grado di affidamento. Le procedure interne sono atte a garantire un appropriato livello di monitoraggio del rischio di credito. La misurazione delle coperture patrimoniali avviene secondo la metodologia standard.

11 A.2. Rischio di controparte Il rischio di controparte è definito come il rischio di incorrere in perdite a causa dell insolvibilità della controparte e dell incapacità della stessa di onorare gli impegni prima del regolamento definitivo degli stessi. Per valutare il rischio di pre settlement Unicasim considera: a) esposizione attuale: determinata dal rischio nominale (insolvenza della controparte rispetto al valore nominale del contratto) e dal rischio di sostituzione (dettato dalla necessità di dover sostituire l operazione originaria con una analoga effettuata alle condizioni di mercato); b) esposizione futura: da calcolare con riferimento a posizioni su strumenti derivati, data dalla possibilità che in futuro il valore della posizione aumenti o diventi positivo. Il grado di esposizione a tale tipologia di rischio in relazione all attività di esecuzione ordini per conto terzi e negoziazione in conto proprio su azionario è minimale.la SIM, infatti, opera quasi esclusivamente su strumenti finanziari negoziati in mercati regolamentati domestici che prevedono la presenza di un sistema di indennizzo e/o un sistema di controparte centrale. Quanto all operatività di negoziazione in conto proprio su obbligazioni non quotate la SIM procede a valutare il grado di affidamento della controparte mediante l apertura di un apposita istruttoria nella quale, in particolare, si fa riferimento alla possibilità di operare con controparti qualificate e clienti professionali.l istruttoria prevede il rilascio da parte di un primario Istituto di Credito di un apposita Clearing firm come agente regolatore. La misurazione delle coperture patrimoniali avviene secondo la metodologia standard. A.3. Rischio di concentrazione Il rischio di concentrazione è definito come il rischio di instabilità connesso all inadempimento di un cliente singolo o di un gruppo di clienti connessi, verso cui una SIM è esposta in misura rilevante rispetto al patrimonio di vigilanza. I rischi di concentrazione sono stabiliti sia con riferimento all entità dei rischi nei confronti della singola controparte sia all ammontare complessivo delle esposizioni verso soggetti che presentino

12 eventuali connessioni economiche. La normativa stabilisce che le SIM valutino tali eventuali connessioni in relazione alle esposizioni di ammontare superiore al 2% del patrimonio di vigilanza. Ciascuna posizione di rischio di concentrazione è contenuta entro il limite individuale del 25% del patrimonio di vigilanza. In caso di esposizione nei confronti di una banca, di un impresa di investimento o di un gruppo di clienti connessi di cui sia parte una banca o un impresa di investimento, la posizione di rischio può superare il limite del 25%, a condizione che l ammontare dell esposizione non sia superiore a 150 milioni, la somma delle posizioni di rischio nei confronti di eventuali clienti connessi alla banca o all impresa di investimento (e che non rientrino in alcuna di queste due categorie) non sia superiore al 25% del patrimonio di vigilanza e che l assunzione del rischio sia coerente con la dotazione patrimoniale della SIM e non superi il 100% del suo patrimonio di vigilanza. La misurazione delle coperture patrimoniali avviene secondo la metodologia standard. Atteso che le rilevazioni secondo la metodologia standard per il rischio di concentrazione e di controparte non generano copertura patrimoniale previsionale, il capitale interno previsionale e l attività di stress test sono determinate per la sola componente rischio di credito come di seguito indicato. Il capitale interno allocato per il previsione 2013 è determinato sulla base del valore massimo rilevato nell esercizio 2012, mentre l attività di stress test viene effettuata considerando la massima base di calcolo rilevata nel periodo e ipotizzando per la stessa un incremento doppio del tasso di crescita medio del periodo. Al valore così ricavato viene applicato il coefficiente dell 8% previsto dalla normativa vigente. B. Rischi di mercato Il rischio di mercato è riferito alle variazioni di valore di uno strumento o di un portafoglio di strumenti finanziari correlate a movimenti inattesidei mercati. Innanzitutto, si sottolinea che l attività di negoziazione in conto proprio si articola essenzialmente in un attività di trading su titoli alimentata mediante l utilizzo del cd. portafoglio

13 di negoziazione di vigilanza, che comprende strumenti finanziari non destinati a stabile investimento aziendale. L attività di negoziazione in conto proprio non alimenta il portafoglio di negoziazione di correlazione, ovvero il sotto portafoglio del portafoglio di negoziazione ai fini di vigilanza composto da posizioni verso cartolarizzazioni ed i derivati nth-to-default. Nello svolgimento di tale operatività la SIM si è dotata di un sistema di controlli interno composto da: Consiglio di Amministrazione, Responsabile del servizio di Negoziazione inconto Proprio, Responsabile della Funzione di Compliance, Responsabile della Funzione di Risk Management, Responsabile della Funzione di Internal Audit. Le funzioni assegnate ai diversi organi sono le seguenti: a) Consiglio di Amministrazione: - definisce le strategie di investimento del portafoglio della SIM; - individua i mercati, gli strumenti finanziari oggetto di investimento; - definisce il profilo di rischio per il servizio di negoziazione per conto proprio; - definisce i limiti operativi di primo livello per i negoziatori e di secondo livello per il responsabile del servizio; - definisce le azioni correttive da porre in essere in caso di sconfinamento dei limiti di secondo livello; - assicura che i compiti e le responsabilità aziendali siano attribuite in modo chiaro ed appropriato; - attribuisce i compiti di controllo alla funzione di Compliance. b) Risk Management: - svolge un attività consultiva nei confronti del Consiglio di Amministrazione per il monitoraggio dei rischi di mercato; - verifica gli sconfinamenti svolgendo un attività di monitoraggio dell operatività; - definisce le metodologie per la misurazione del rischio attenendosi comunque ai livelli minimi richiesti dalle Autorità di Vigilanza. c) Responsabile del servizio di Negoziazione per Conto Proprio: - propone al Consiglio di Amministrazione le strategie di investimento; - attua le strategie definite dal Consiglio di Amministrazione; - coordina lo svolgimento dell attività di negoziazione per conto proprio;

14 - definisce le azioni correttive nel caso di superamento dei limiti di primo livello. d) Responsabile della Funzione di Compliance: - verifica il rispetto delle regole prudenziali e dei requisiti patrimoniali; - effettua la valutazione dei rischi di mercato e controlla la conformità del processo di gestione del rischio; - comunica gli esiti delle verifiche al Consiglio di Amministrazione ed al Collegio Sindacale; - verifica l idoneità delle procedure organizzative interne. e) Responsabile della Funzione di InternalAudit: - adotta, applica e mantiene un piano di audit per l esame e la valutazione dell adeguatezza e dell efficacia dei sistemi, dei processi, delle procedure e dei meccanismi di controllo della SIM (e, pertanto, anche del controllo del processo ICAAP); - effettua un controllo di attendibilità sul sistema informativo, anche al fine di verificare l efficacia dei sistemi di controllo dei rischi; - verifica il rispetto delle regole prudenziali; - vigila sull'attività svolta dalla Funzione di Compliance e dalla Funzione di Risk Management. Nello svolgimento dell attività di negoziazione in conto proprio il Consiglio di Amministrazione ha introdotto un sistema di limiti operativi, la cui ultima rivisitazione è stata fatta su proposta del Responsabile della negoziazione in conto proprio nel corso del 2012, al fine di limitare la massima esposizione intradayassumibile dagli operatori e la percentuale massima di perdita su singolo titolo (stop loss). Nell'ambito dell'identificazione del rischio di mercato, la SIM ha preso in considerazione tre sottocategorie: il rischio di posizione, il rischio di regolamento, il rischio di cambio. La SIM calcola i rischi di mercato secondo il metodo standard. B.1.Rischio di posizione su titoli di debito e di capitale Il rischio di posizione può derivare: dall attività di investimento delle risorse disponibili in strumenti finanziari che permangono nell attivo della SIM per effetto dell attività di tesoreria e che possono subire variazioni avverse (rischio generico e rischio specifico, quest ultimo suddiviso in rischio idiosincratico, di migrazione e di default);

15 dall attività di investimento delle risorse disponibili in strumenti finanziari che permangono in posizione per effetto dello svolgimento del servizio di negoziazione per conto proprio e che possono subire variazioni avverse (rischio generico e rischio specifico, quest ultimo suddiviso in rischio idiosincratico, di migrazione e di default); l'attività di negoziazione in conto proprio prevede un'attività di investimento che alimenta il cd "portafoglio di negoziazione di vigilanza". L esposizione al rischio di posizione su titoli di debito e di capitale è di fatto limitata, in quanto l operatività si articola in attività intraday. La misurazione delle coperture patrimoniali avviene secondo la metodologia standard. Il rischio di posizione e la conseguente copertura patrimoniale previsionali per l esercizio 2013 vengono stimati in seguito all analisi dell attività giornaliera di negoziazione in conto proprio; sulla base di tale analisi vengono individuati un indice di svalutazione istantanea e un indice di volume, cui viene applicatoil primo. Ai fini dell attività di stress test viene individuato il valore massimo di variazione intraday (sulla serie storica ) di un benchmark costruito al fine di replicare le tipologie di strumenti finanziari scambiati in ambito di negoziazione nell esercizio Tale valore viene quindi moltiplicato all indice di volume precedentemente indicato. B.2.Rischio di regolamento (delivery versus payment) Il rischio di regolamento, per tutte le operazioni ed indipendentemente dal portafoglio di appartenenza, si determina quando alla scadenza la controparte non adempie alle obbligazioni di consegna degli importi di denaro dovuti, degli strumenti finanziari, di pagamento degli interessi o di rimborso del capitale prestato. Il grado di esposizione a tale tipologia di rischio in relazione all attività di esecuzione ordini conto terzi è minimale; la SIM infatti opera quasi esclusivamente su strumenti finanziari negoziati in mercati regolamentati domestici che prevedono la presenza di un sistema di indennizzo e/o un sistema di controparte centrale. Quanto all operatività di negoziazione per conto proprio su mercati OTC e MTF, la SIM procede a valutare il grado di affidamento della controparte mediante l apertura di un apposita istruttoria; nel corso del tempo viene monitorato anche il rispetto dei tempi di regolamento delle operazioni da

16 parte delle controparti medesime. Per quanto riguarda invece l attività su mercati regolamentati il rischio è mitigato dalla presenza di un sistema di indennizzo e/o un sistema di controparte centrale. La misurazione delle coperture patrimoniali avviene secondo la metodologia standard. Il capitale interno allocato per il previsionale 2014 è stato determinato con riferimento alla massima copertura per rischio di regolamento rilevata nel 2013, calcolata sulla base dei valori nominali dei titoli in fail e del tempo effettivamente osservato per il loro regolamento,individuando un differenziale negativo per la SIM. Tale valore equivale alla stima della variazione media dei prezzi calcolata in valore assoluto su un campione di operazioni in stato fail riscontrate in alcune giornate operative del 2013, al termine di ciascun mese dell anno e in sede di segnalazioni di vigilanza. L attività di stress test viene effettuata sul campione suddetto sommando la massima copertura rilevata per operazioni in fails nel 2013 per ognuna delle controparti coinvolte. B.3.Rischio di cambio Si definisce rischio di cambio la perdita o profitto sul valore di posizioni espresse in valuta o in oro derivante da variazioni dei cross rates tra valute. Gli impatti derivanti dal rischio di cambio sono limitati. La principale fonte di rischio di cambio è la negoziazione in strumenti finanziari obbligazionari quotati e non quotati su mercati domestici e S.S.O. Per queste operazioni i tassi di cambio sono determinati contrattualmente dalla SIM al cambio BCE fix del daytrade e non generano alcun rischio in quanto le disposizioni sui limiti operativi della SIM non permettono l alimentazione di un portafoglio di negoziazione. Il rischio di cambio è talvolta correlato a quello di regolamento; infatti, in sede di ritardi di regolamento di operazioni che determinano l esistenza di fails con durata tale da comportare un effettivo rischio di mancato adempimento della controparte ai propri obblighi, l eventuale denominazione dei titoli oggetto di regolamento in valute diverse dall Euro implica la possibilità che il trend del tasso di cambio possa rivelarsi sfavorevole per la SIM. Conseguentemente, in tal caso risulta più elevata la copertura patrimoniale riscontrata sui titoli in fail e dunque la possibile

17 perdita derivante dal mancato regolamento delle operazioni in oggetto. Anche in questo caso, tuttavia, il rischio di cambio risulta limitato. Nel corso dell anno 2013 non sono mai state rilevate coperture significative con riferimento al rischio di cambio. Per quanto riguarda il capitale interno previsionale 2014, per il rischio di cambio non è stata prevista allocazione. C.Rischi operativi Il rischio operativo viene definito come il rischio di perdite inattese. Le principali cause sono da ricercare in: - inefficienza delle procedure; - efficienza ed efficacia organizzativa; - efficienza ed efficacia dei servizi offerti; - servizi e funzioni in outsourcing; - controlli inadeguati; - rischi di infedeltà degli operatori/frodi; - rischi di violazione della legge; - rischi derivanti da attività non autorizzate; - rischi legali; - rischi legati al rapporto con il personale dipendente e collaboratori; - rischi tecnologici:integrità, disponibilità, riservatezza, capacità elaborativa, affidabilità, aggiornamento, interoperabilità con il sistema. Le perdite collegate all inefficienza delle procedure si riferiscono alla fase di rilevazione, controllo, contabilizzazione delle transazioni, oltre ad eventuali aree di manualità non supportate da adeguati controlli e monitoraggi e al processo decisionale.

18 I rischi operativi di front e middle office (rischi di infedeltà degli operatori/frodi) si configurano nelle perdite derivanti da errori e/o frodi nella fase di instaurazione di nuovi rapporti contrattuali o gestione di quelli preesistenti e nel processo decisionale. La SIM determina fondamentalmente le coperture patrimoniali su tali rischi con metodologia base. Ai fini dell autovalutazione dell adeguatezza patrimoniale si è scomposto il rischio operativo nelle sottoclassi sopra riportate allocando, ove ritenuto opportuno, il capitale interno. Risulta comunque che la quantificazione della copertura con il metodo standard è superiore alla scomposizione effettuata. La SIM prudenzialmente applica la copertura standard. Di conseguenza, il capitale interno allocato per il 2013 e per il previsionale 2014 è determinato con il metodo base. L attività di stress test viene effettuata utilizzando come base di calcolo il margine di intermediazione più alto rilevato nel periodo ,mantenendo invariata l aliquota del 15% individuata dalla normativa. C.1.Compliance dei processi e rispetto delle procedure Le procedure interne sono finalizzate a disciplinare le attività di cui si compone ogni processo aziendale. Unicasim dispone di procedure codificate in appositi manuali, divisi per materia trattata, che rappresentano il driver cui ispirare le attività dell organo strategico, dell organo operativo, della dirigenza, dei dipendenti, dei collaboratori e dei promotori finanziari che operano presso di essa. Le procedure evolvono di tempo in tempo, sono oggetto di periodica revisione, integrazione, aggiornamento, implementazione. In particolare, tra i compiti primari della funzione di Compliance rientra la verifica costante del livello di conformità dell operatività posta in essere dai singoli addetti alle aree produttive e nelle disposizioni contenute nel manuale delle procedure interne. Nello specifico, la realizzazione di tale tipologia di controlli presuppone:

19 - analisi della complessiva struttura organizzativa adottata, tenendo conto della normativa di riferimento e dell operatività posta in essere, evidenziando eventuali criticità e suggerendo interventi correttivi; - analisi dei processi operativi interni con evidenza, per singolo processo, delle singole attività svolte e delle relative responsabilità; - periodica verifica del manuale delle procedure e dei mansionari per renderli più aderenti all evolversi delle esigenze operative aziendali. Al fine di operare secondo quanto previsto dalla normativa di riferimento, la funzione di Compliance compie un'analisi delle attività per processo ed individua, per ciascuna di esse, l attore responsabile. In particolare, utilizza un approccio modulare all analisi dei processi consistente: a) nel rilevamento dell attività as is : la rilevazione dell attività as is fa sì che si ottenga una mappatura dell operatività aziendale secondo (i) una dimensione organizzativa ed (ii) una dimensione operativa. Ogni singola attività pertanto è classificata in base alle due dimensioni: - dimensione organizzativa: uffici che compongono la struttura organizzativa aziendale; - dimensione operativa: processi in cui è stata idealmente scomposta l operatività aziendale. b) nell'individuazione delle criticità: l individuazione delle criticità consiste nell evidenziare lo scostamento esistente rispetto al modello di riferimento costruito in base alla normativa vigente ed alle best practice di settore; in particolare si procede alla: - definizione del modello di riferimento; - rilevazione della situazione attuale; - analisi dello scostamento; - definizione del piano degli interventi. c) nella definizione dell'attività to be : la definizione dell attività to be consiste nella strutturazione di un piano di lavoro che procede, attraverso un ordine predefinito di priorità, all adeguamento dell operatività con il modello di riferimento. d) nella formalizzazione/aggiornamento delle procedure:

20 Il processo si conclude con l aggiornamento/formalizzazione delle procedure aziendali a fronte della preventiva consultazione della Funzione. A seguito dell attività di presidio descritta e allo sviluppo dei sistemi informativi utilizzati a supporto delle attività di controllo, si ritiene non sussistano motivi di stimare capitale interno. C.2. Rischio di infedeltà degli operatori/frodi Tale rischio è suddiviso in: a) rischio che gli operatori eseguano operazioni connesse allo svolgimento del servizio accessorio di concessione di finanziamenti a proprio favore o per conto di soggetti terzi, inclusi i clienti della società stessa, violando le apposite disposizioni previste nel manuale delle procedure interne; b) rischio che i negoziatori della sala operativa dedicata al c.d. conto terzi eseguano operazioni per conto della clientela in assenza dei relativi ordini di negoziazione; c) rischio che gli operatori occultino operazioni o inseriscano nel sistema informativo contabile operazioni fittizie o alterate, allo scopo di fornire una falsa rappresentazione dei risultati. Al fine di mantenere tale tipologia di rischi a livelli contenuti la SIM si è dotata di apposite procedure interne.inoltre: - il responsabile del servizio di esecuzione di ordini per conto della clientela procede costantemente alla verifica dell operato dei propri addetti, ponendo così in essere i controlli di I primo livello; - l Ufficio Titoli ed i negoziatori del "conto terzi" devono monitorare attentamente l attività di inoltro e spedizione ordini effettuata dai Promotori Finanziari per conto dei clienti assicurandosi che per ogni ordine siano state acquisite le note di attestazione firmate dal cliente. I responsabili delle unità organizzative controllano costantemente che gli addetti non occultino operazioni o inseriscano nel sistema informativo contabile operazioni fittizie o alterate, allo scopo di fornire una falsa rappresentazione dei risultati. Di tali risultanze la Funzione di Compliance riferisce al Consiglio di Amministrazione ed al Collegio Sindacale nell ambito dell abituale attività di reporting.con riferimento al potenziamento della attività di collocamento anche con offerta fuori sede con Promotori Finanziari la SIM è dotata di specifiche procedure interne sia in fase di

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2013 Sintesi del documento pubblicato ai sensi del Titolo IV della Circolare 263/06 della Banca d Italia L Informativa al pubblico adempie all obbligo

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

Tavola 1 Requisito informativo generale

Tavola 1 Requisito informativo generale Tavola 1 Requisito informativo generale (a) Il Consiglio di Amministrazione di Finlabo SIM. (di seguito anche la SIM o la Società ), ha definito le politiche di gestione dei rischi all interno delle quali

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI

Allegato A. Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI 66 Allegato A Ruolo degli organi aziendali, sistemi informativi e sistema dei controlli interni. 1. RUOLO DEGLI ORGANI AZIENDALI Gli organi aziendali assumono un ruolo fondamentale per la definizione di

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

UNICASIM Società di Intermediazione Mobiliare S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

UNICASIM Società di Intermediazione Mobiliare S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO UNICASIM Società di Intermediazione Mobiliare S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31 DICEMBRE 2009 Indice: Introduzione Tavola 1 - Requisito informativo generale Tavola 2 Ambito di applicazione

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014. Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2014 Sintesi del documento pubblicato ai sensi della normativa di vigilanza prudenziale La nuova normativa di vigilanza prudenziale si basa, in linea con

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI VERCELLI Approvato dall Organo di indirizzo in data 17 dicembre 2015 2 SOMMARIO TITOLO I - PREMESSE Art. 1 (Ambito di applicazione)

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2011 La disciplina prudenziale per gli intermediari finanziari iscritti nell elenco speciale di cui all art. 107 TUB (Intermediari ex

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com

Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio. www.iusletter.com LaScala studio legale e tributario in association with Field Fisher Waterhouse Focus on Il nuovo provvedimento di Banca d Italia in tema di antiriciclaggio Giugno 2011 www.iusletter.com Milano Roma Torino

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013

ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III 31/12/2013 ING Lease (Italia) S.p.A. Informativa al pubblico Pillar III INTRODUZIONE La disciplina di Basilea II è una iniziativa internazionale in base alla quale gli istituti finanziari dei Paesi aderenti vengono

Dettagli

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia

Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia sfef7_volait@0091-0096#3b_layout 1 13/03/12 09.04 Pagina 91 91 Fiduciarie italiane: cosa cambia con la vigilanza della Banca d Italia di FABRIZIO VEDANA Il provvedimento con il quale la Banca d Italia,

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A.

LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. LINEE DI INDIRIZZO DEL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E DI GESTIONE DEI RISCHI DEL GRUPPO TOD S S.P.A. (APPROVATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETÀ NELLA RIUNIONE DEL 10 MAGGIO 2012) TOD S S.P.A.

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015

FLASH REPORT. Il nuovo Intermediario Finanziario Unico. Giugno 2015 FLASH REPORT Il nuovo Intermediario Finanziario Unico Giugno 2015 Il 4 settembre 2010 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 141 del 13 agosto 2010, attuativo della Direttiva comunitaria n.

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c.

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. Metodologia di pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO EMITTENTI

REGOLAMENTO EMITTENTI REGOLAMENTO EMITTENTI ATTESTAZIONE DEL DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI E DEGLI ORGANI AMMINISTRATIVI DELEGATI SUL BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO E SULLA RELAZIONE

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO APPROVATO DAL CONSIGLIO GENERALE NELL ADUNANZA DEL 28/06/2013 Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione

La Funzione di Compliancein Banca. Nino Balistreri Consulente ABI Formazione La Funzione di Compliancein Banca Nino Balistreri Consulente ABI Formazione Sommario L inquadramento normativo della funzione di compliance L ambito normativo di competenza Il processo di operativo 2 Banca

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ( BY INTERNAL AUDITING FACTORIT SPA ) SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI L azienda Factorit ha da qualche anno costituito una funzione di presidio del monitoraggio dei rischi aziendali strettamente connessi

Dettagli

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013

Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi. Firenze, 28 Febbraio 2013 Assetti Organizzativi, di Controllo e Risk Governance nei Confidi Firenze, 28 Febbraio 2013 Indice ß Introduzione ß Assetti Organizzativi ß Sistema dei Controlli Interni ß Risk Governance ß Conclusioni

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1 Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione / emissione dei prestiti obbligazionari della Banca di Credito Cooperativo di Borghetto Lodigiano s.c. (Adottate ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari

Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari Accordo di coordinamento in materia di identificazione e adeguatezza patrimoniale dei conglomerati finanziari La Banca d Italia, la CONSOB e l ISVAP VISTA la direttiva 2002/87/CE del Parlamento europeo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO 1 INDICE AMBITO DI APPLICAZIONE p. 3 TITOLO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE COMUNE DI CORMANO PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO INTERNO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (approvato con deliberazione C.C. n. 58 del 01/12/2003) 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 AMBITO DI

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI

LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI Ambito di applicazione Il decreto si applica alle seguenti operazioni: Aperture di credito regolate in conto corrente, in base alle quali il

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

Policy di gestione delle operazioni con soggetti collegati. Allegato 1 Sistema dei limiti alle attività di rischio verso soggetti collegati

Policy di gestione delle operazioni con soggetti collegati. Allegato 1 Sistema dei limiti alle attività di rischio verso soggetti collegati Policy di gestione delle operazioni con soggetti collegati Allegato 1 Sistema dei limiti alle attività di rischio verso soggetti collegati Aggiornamento del 24 luglio 2014 INDICE 1. Obiettivi del documento...

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE CON LA NUOVA NORMATIVA APPLICABILE AGLI INTERMEDIARI FINANZIARI

LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE CON LA NUOVA NORMATIVA APPLICABILE AGLI INTERMEDIARI FINANZIARI SLC Avvocati LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE CON LA NUOVA NORMATIVA APPLICABILE AGLI INTERMEDIARI FINANZIARI La disciplina prevista dal Titolo V del D. Lgs. n. 385/1993 (Testo Unico Bancario) viene radicalmente

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO

INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO INFORMATIVA AL PUBBLICO IN MATERIA DI GOVERNO SOCIETARIO DI BANCA SELLA HOLDING S.P.A. 22 giugno 2015 Circolare Banca d Italia n. 285 del 17.12.2013, Parte Prima, Titolo IV, Capitolo I, Sezione VII 1 Aggiornamento

Dettagli

Il risk management, invece, verifica concretamente le attività rischiose per la società, individuando e sviluppando le strategie per governarle.

Il risk management, invece, verifica concretamente le attività rischiose per la società, individuando e sviluppando le strategie per governarle. Workshop di approfondimento in merito alla creazione di uno standard di riferimento per l'implementazione delle metodologie di raccolta dati e di informazioni da parte degli organismi deputati alla vigilanza

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing

Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni finanziarie nel processo di listing e post listing Nel seguito sono presentati i servizi di revisione contabile e verifica delle informazioni

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Finalità del processo di gestione del patrimonio Fondo stabilizzazione

Dettagli