Valore in dogana. Cenni storici.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Valore in dogana. Cenni storici."

Transcript

1 Valore in dogana. Cenni storici. Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali Venezia, 26 novembre 2011 Francesco Gattola Ufficio Applicazione Tributi DCGTRU Agenzia delle Dogane Roma 1

2 Evoluzione dopoguerra WTO 1994 GATT 1979 D.V.B GATT 1947 ITO

3 Art. VII GATT Merce simile Merce importata al quale si applica il diritto Non su valore di merce di origine nazionale né su valori arbitrari o fittizi VALORE REALE

4 Art. VII GATT Il valore reale = prezzo al quale, nei tempi e luoghi determinati dalla legislazione del paese di importazione, le merci importate/simili sono vendute/offerte in vendita in occasione di operazioni commerciali normali effettuate in condizioni di piena concorrenza. valore normale (B DV) travenditore e valore normale (B.D.V.) tra venditore e compratore indipendenti (non legati)

5 Art. VII GATT Poiché si trattava di dover ragionevolmente ricostruire il valore reale/normale sulla base dei prezzi praticati nei mercati di esportazione ed in quelli di importazione, ogni doganiere disponeva di una quantità considerevole di listini prezzo, cataloghi, mercuriali, tariffe da consultare per ogni bolletta. Pex Pim = margine utile commercio int.le

6 Problemi del valore normale (Kennedy Round) = non tariff barriers Vlt Valutazione troppo discrezionale i = mancanza trasparenza; non riflette il rapporto tra cambiamento del prezzo ed i vantaggi concorrenziali; nuovi e rari prodotti non sono previsti nei listini e nelle mercuriali; prezzi praticati iluogo di esportazione e per prodotti simili ili nel mercato di importazione; differenti interpretazioni nelle diverse dogane; uso del valore per combattere il dumping; incertezza dell importatore prima della presentazione in dogana dll della merce: ciò che è normale in un mercato (e per il suo delegato nei consessi internazionali) non è altrettanto normale per altri.

7 GATT accordo sull applicazione dell art.vii (1979) accordo OMC 1994 Abbandono del vecchio concetto di valore normale (per cui è possibile il riferimento al prezzo mediamente praticato )per recepire il principio di neutralità attraverso il valore di transazione o valore di fattura (prezzo pagato o da pagare): la verifica di dati quanto più obiettivi ed inconfutabili avviene attraverso una ricostruzione documentale dei fatti (diversa per ogni fattispecie).

8 Accordo OMC Reg. Cee 2913/92 Valore non più unilateralmente ricostruito o stabilito dalla Dogana ma quello dichiarato dalla parte privata, salvo prova contraria. Prezzo di fattura Addizioni Obiettive e quantificabili Prezzo pagato o pagabile Deduzioni obiettive quantificabili

9 WTO Decision No. 6.1 (1995) Decisione sull onere della prova Domanda all importatore di fornire altre spiegazioni: documenti + altro Ancora avendo dubbi ragionevoli, il valore in dogana non può basarsi sulle disposizioni art. 11 La Dogana comunica i suoi argomenti alla base del dubbio Decisione finale motivata da comunicare per iscritto Ragionevole opportunità di controbattere tt

10 WTO Decision No. 6.1 (1995) E del tutto appropriata nell applicare l Agreement l assistenza di uno Stato nei confronti di un altro in termini mutualistici. Guida allo scambio di informazioni in materia di Valore in Dogana: Ragionevole dubbio: non applicazione ai sensi dell Art. 1. Informazione non presa a base. Solo parte della soluzione (insieme al risk assessment, post audit, ecc..). checklist sulle azioni di verifica del valore.

11 Oltre il valore di transazione Merci iidentiche = stesso Paese, stesse caratteristiche ti fisiche, i qualità, rinomanza (se due, valore più basso); Merci similari = caratteristiche analoghe vendute dalla stessa persona allo stesso livello ll commerciale ed in quantità identiche; altrimenti correzioni opportune e riscontrabili ragionevolmente; Valore dedotto = P. a persone non legate commissioni/margini per utili spese trasporto/assicurazione t i dazi idoganali; Valore calcolato (ricostruito) = costi materie prime + costi produzione + royalties + utili (M.A.A.) Criteri sussidiari: con mezzi ragionevoli compatibili con art. VII Gatt. Comunque mai su valori arbitrari/fittizi, minimi, del mercato interno dell esportatore, a destinazione di altro Paese diverso da importatore, del più elevato tra 2 valori possibili, del P praticato nella UE.

12 Valore in dogana. Le Royalties. Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali Venezia, 26 novembre 2011 Francesco Gattola Ufficio Applicazione Tributi DCGTRU Agenzia delle Dogane Roma 12

13 Fonti normative Artt CDC Artt bis 181bis DAC Allegati Artt. 69 e 70 D.P.R. 633/72 (IVA)

14 Disciplina Principio generale = valore di transazione (prezzo effettivamente pg pagato o da pg pagare per le merci) a cui vanno addizionati i costi per: Commissioni e spese di mediazione Contenitori + imballaggio esterno Beni/servizi utilizzati nella produzione Trasporto + assicurazione i Corrispettivi e diritti di licenza

15 Nozione di royalties All. 23 (note interpretative art. 32, prg. 1 lett. c) del CDC: tra l altro i pagamenti effettuati per brevetti, marchi di fabbrica o di commercio e diritti d autore.

16 Nozione di royalties Art. 157 prg. 1 DAC: il pagamento pg per l uso dei diritti inerenti: 1. Fabbricazione merci importate (brevetti, modelli, know how) 2. Vendita per l esportazione delle merci importate (marchi commerciali, di fabbrica, modelli depositati) 3. Impiego/rivendita merci importate (diritti d autore, proc. di produzione incorporati inscindibilmente nelle merci)

17 Nozione di royalties Modello OCSE di convenzione contro le doppie imposizioni sul reddito e sul patrimonio (1997): compensi di qualsiasi natura corrisposti per l uso o concessione in uso di un diritto d autore, dautore, di brevetti, marchi di fabbrica o di commercio, disegni, modelli, progetti, formule, procedimenti segreti, attrezzature industriali, commerciali, scientifiche, know how.

18 Modalità pagamento brevetti, knowhow Marchi Diritti d autore Il licenziatario paga le royalties al licenziante (accordo di licenza)

19 Modalità pagamento Rate (mensili, trimestrali, annuali), solitamente una % su fatturato o ricavo di vendita Somma forfettaria Canone di licenza + rate ulteriori

20 Modalità pagamento Royalties pagate sull acquistato Per pezzo acquistato In% sul valore acquistato (lordo /netto) della merce importata Royaltiespagate sul venduto Per pezzo venduto In % sul fatturato netto di vendita dei prodotti importati

21 Royalties pagate sul venduto Differimento i della dll Cl Calcolo, l previo determinazione accordo con la dl del valore in dogana dogana, di una Scelta dell (art. 257 DAC): importatore rettifica globale Contabilizzazione per importazioni immediata dell importo dei dazi calcolati sulla base delle indicazioni provvisorie Costituzione di garanzia sufficiente per coprire la differenza tra importo dichiarato e quello virtuale. effettuate in un periodo +/ rappresentativo.

22 Incidenza Royalties Modalità di calcolo Tra l 8 ed il 15% sul prezzo di vendita della merce importata Diffusione degli accordi di licenza negli scambi commerciali Particolarmente nel mercato dei giocattoli, dell abbigliamento e nell agroalimentare

23 Quando includerle DEVONO ESSERE VERSTATE DAL COMPRATORE NON DEVONO ESSERE INCLUSE NEL PREZZO EFFETTIVAMENTE PAGATO O DA PAGARE DEVONO ESSERE RELATIVE ALLE MERCI DA VALUTARE DEVONO ESSERE UNA CONDIZIONE DI VENDITA DELLE MERCI DA VALUTARE

24 RAPPORTI TRA SOGGETTI LICENZIATARIO = ACQUIRENTE = IMPORTATORE (ITA) LICENZIANTE = VENDITORE = ESPORTATORE

25 RAPPORTI TRA SOGGETTI ESPORTATORE venditore licenziatario Acquirente Importatore in ITA Art. 162 DAC Irrilevanza dl del Paese di residenza licenziante

26 RAPPORTI TRA SOGGETTI ACQUIRENTE IMPORTATORE ITA LICENZIATARIO VENDITORE ESPORTATORE LICENZIANTE

27 Regola non inclusione nel Prezzo Occorre attentamente verificare che le royalties non siano già contabilizzate in fattura dal produttore/fornitore al fine di evitare duplicazioni. LETTURA DETTAGLIATA SIA DEL CONTRATTO DI LICENZA CHE DELLA FATTURA DI VENDITA (VOCE DIRITTI DI LICENZA)

28 Relazione royalties/merci oggetto ingredienti/elementi serventi del processo di del prodotto oggetto di licenza dell accordo di licenza produzione/fabbricazione dei prodotti oggetto di licenza

29 Art. 32 co. 2 CDC + all.to 23 Ogni elemento da aggiungere al prezzo effettivamente pagato o da pagare è basato esclusivamente su dati oggettivi e quantificabili. In mancanza di dati oggettivi e quantificabili, il valore di transazione non può essere determinato applicando l art lart. 29 (esempio del prodotto poi mescolato con altro di origine nazionale con impossibilità di identificare poi separatamente il primo dal secondo).

30 TAXUD/800/2002 KNOW HOW (formule, ricette, istruzioni sul modo di usare il prodotto oggetto di licenza). Se però il corrispettivo è relativo alle spese di formazione del personale del licenziatario (assistenza tecnica nei settori del management, contabilità, uso dei macchinari come nel franchising ), si deve escludere dal valore in dogana.

31 Condizioni di vendita scenario a due parti art. 159 DAC LICENZIANTE/VENDITORE/ESPORTATORE Scenario a tre parti art. 160 DAC VENDITORE/ESPORTATORE Merci Royalties Controllo diretto/indiretto LICENZIANTE Royalties Merci LICENZIATARIO/ACQUIRENTE/IMPORTA TORE ITA LICENZIATARIO/ACQUIRENTE/IMPORTA TORE ITA

32 Controllo diretto o indiretto All. 23 DAC: si considera che una persona ne controlli un altra quando la prima sia in grado di esercitare, di diritto o di fatto, un potere di costrizione o di orientamento sulla seconda licenziante produttore venditore licenziatario

33 Condizioni di vendita per essere inclusi nel valore in dogana delle merci dichiarate per l importazione, i corrispettivi ed i diritti di licenza debbono configurarsi come condizione della vendita, ossia come elemento essenziale del contratto di compravendita tra il fornitore estero e l importatore acquirente, tale da impedire la fornitura delle merci in caso di mancato pagamento (art. 32 del CDC e art. 157 delle DAC).

34 Condizioni di vendita l art. 159 delle DAC richiede che al prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci importate è aggiunto un corrispettivo o diritto di licenza relativo al diritto di utilizzare un marchio commerciale o di fabbrica soltanto se: il corrispettivo o il diritto di licenza si riferisce a merci rivendute tal quali o formanti oggetto unicamente di lavorazioni secondarie successivamente all'importazione le merci sono commercializzate con il marchio di fabbrica, apposto prima o dopo l'importazione, per il quale si paga il corrispettivo o il diritto di licenza, l'acquirente non è libero di ottenere tali merci da altri fornitori non legati al venditore.

35 Condizioni di vendita A mente dell art. 160 dlr del Reg. CE 2454/93 qualora l acquirente paghi un corrispettivo o un diritto di licenza ad un terzo, le condizioni previste dall art. 157, par. 2, si considerano soddisfatte solo se il venditore o una persona ad esso legata chiede all acquirente acquirente di effettuare tale pagamento.

36 COMMENTO 11 TAXUD/800/2002 Oltre il mero controllo sulla qualità, occorre una combinazione di una serie di fattori ivi elencati (indicatori), tra cui: a) il licenziante sceglie ed impone il produttore; b) controlla la produzione (centri e metodi); c) ha diritto di esaminare la contabilità del produttore o dell acquirente; d) divieto di produzione per la concorrenza senza consenso del licenziante; e) il licenziante sceglie i metodi di produzione da utilizzare e fornisce i modelli; f) le specifiche tecniche sono proprie del marchio del licenziante; g) caratteristiche delle merci e tecnologia utilizzata definite dal licenziante.

37 Condizione di vendita (implicita od esplicita) La linea di confine tra royalties da comprendere e royalties da escludere consiste nella loro connessione al contratto di compravendita (collegamentonegozialenegoziale tra questo ed il contratto di licenza): l ll l è f se il prezzo della licenza è fattore irrinunciabile di tale contratto, esso è da includere nel valore.

38 CTP Milano 2010 Importanza di dei pareri del dlcomitato valore (TAXUD), ritenuti pregnanti per una corretta interpretazione t i dll delle norme doganali liin materia, considerato il rinvio dell art. 43 NCDC: La Commissione adotta, secondo la procedura di cui all art. 184 prg. 2 le misure che stabiliscono gli elementi che, ai fini della determinazione del valore in dogana, devono essere addizionati al prezzo effettivamente pagato o da pagare o che possono essere esclusi.

39 CTP Milano 2010 Per determinare se i corrispettivi e diritti di licenza vengano pg pagati come condizione di vendita delle merci da valutare, il problema da risolvere (p. 12 commento n.3) 3)è di accertare se il venditore è disposto a vendere le merci senza che siano pagati un corrispettivo o un diritto di licenza.

40 CTP Milano 2010 La sopravvenuta conoscenza di ftti fatti che comportano una modifica della dichiarazione doganalenon non costituisce un errore attivo dell Amministrazione che ha il potere/dovere di procedere alla revisione dell accertamento (artt. 78 CDC e 11 D.Lgs. n. 374/1990) per correggere gli elementi dell accertamento che comportano una diversa contabilizzazione i dei didiritti itti doganali dovuti : non sussiste l errore attivo della Dogana quale condizione prevista dall art art. 220 n. 2 b) CDC che legittima l affidamento del debitore.

41 CTP Milano 2010 il licenziatario i i può produrre direttamente t i prodotti previa approvazione del licenziante, ma può anche disporre che la produzione possa essere effettuata da terzi. In tal caso deve darne preventiva comunicazione al licenziante (che può opporsi) ed è interamente responsabile dell osservanza delle calusole contrattuali.; il licenziante i ha anche il diritto itt di intervenire i direttamente nei luoghi della produzione al fine di verificare la conformità dei prodotti alle leggi in generale ed al contratto di licenza : il quadro che ne emerge palesa le condizioni di vendita.

42 CTP Varese 2009 dall esame del contratto emerge che vi sia un controllo indiretto del titolare del diritto licenziato nel processo di produttivo, atteso che il titolare del diritto di licenza si riserva un espresso ed effettivo controllo sulla produzione, consistente non solo nella previa approvazione del produttore ma anche nella richiesta di rispetto del codice di condotta per i fabbricanti e nell attività di verifica.

43 CTP Milano 2008 Con riferimento i all autofatturazione di royalties, li una interpretazione che ritenesse fondato l assunto dell ufficio i con la richiesta ihi dl del pagamento dell IVA, senza tener conto del versamento della stessa, anche se in difformità della normativa riguardo alle modalità e ufficio di destinazione, determinerebbe una duplicazione dell imposta sullo stesso rapporto tributario con violazione del principio della neutralità dell applicazione dell IVA.

44 CTP Milano 2008 laddove una verifica condotta sulla inclusione i di royalty nel valore in dogana constati un debito IVA non dichiarato che, se dichiarato correttamente, avrebbe comportato un concomitante diritto alla detrazione, l omesso esercizio del diritto alla detrazione è indissociabile dall omessa dichiarazione del debito fiscale. Detrazione e debito IVA = 2 facce della stessa medaglia per cui ogni rettifica operata dal fisco deve prendere entrambe in considerazione. La Dogana, determinando il debito erariale senza tener conto dell imposta già versata a monte mediante autofattura, ha violato i principi comunitari della neutralità dell imposta e del divieto di doppia imposizione

45 CTP Firenze il fatto che il produttore debba realizzare manufatti rispondenti a elevati standard qualitativi imposti dal proprietario della licenza non implica l esistenza lesistenza di un controllo, sia pure indiretto, sui fornitori extracomunitari.

46 CTP Milano l onere della prova in ordine all esistenza del legame, di diritto o di fatto, tra il licenziatario e il produttore deve essere fornita dall Agenzia delle Dogane attraverso una serie di elementi gravi, precisi e concordanti.

47 Revisione dell accertamento Dall esame dll della documentazione fornita dll dalla società. la stessa ha corrisposto royalties in virtù di contratti di licenzacalcolate calcolate sugli importi netti fatturati (su prezzo unitario di vendita X n articoli venduti). Tuttavia si è constatato che lo stesso corrispettivo, inserito nella casella 45 (aggiustamento) del DAU, è stato calcolato applicando la % di royalties previste it per contratto tt direttamente sul prezzo di acquisto indicato in fattura e dichiarato al momento dell importazione e non, come indicato dal contratto di licenza, sugli importi netti fatturati.

48 Case study Comitato Il caso concerne la non iscrizione i i dll delle royalties li e diritti i i di licenza sul valore in dogana dichiarato al momento dell'importazione delle merci vendute da una società svizzera ad una società collegata italiana, che aveva firmato un accordo in merito al pagamento dei canoni e diritti per una terza società collegata, anche questa con sede in Svizzera. I rapporti commerciali tra le aziende (tutte appartenenti allo stesso gruppo industriale) possono essere riassunti come segue. CH1 LICENZIANTE CH2 PRODUTTORE IT1 LICENZIATARO IMPORTATORE conclude un accordo con IT 1, concedendo a quest'ultima il diritto esclusivo e la licenza di utilizzare i marchi, know how, brevetti e relativi diritti di proprietà intellettuale. vende prodotti, oggetto dell'accordo, ad esso 1. acquista i beni per loro rivendita nel territorio di Italia, San Marino e il Vaticano. Il "prezzo" dei diritti di licenza è una percentuale delle vendite nette (in Italia) dei prodotti.

49 Case study Comitato IT riceve 1 da CH 2 una fattura per l'acquisto dei prodotti. Tale fattura è la base per la dichiarazione di valore in dogana delle merci importate. Questa fattura non include le spese di licenza e royalty. IT 1, sulla base delle sue vendite mensili, riceve una fattura separata dal CH 1 per il pagamento delle royalties e diritti di licenza.

50 Case study Comitato Artt. 32 (1) (c) + 32 (5) (b) CDC; Artt. 159 e 160 delle DAC. IT1 ha contestato le conclusioni dell'amministrazione doganale, in particolare sostenendo che: 1. il licenziante è un terzo non legato, la vendita dei prodotti soggetti a licenza, da CH1 a IT 1, non dipende dal pagamento delle royalties da IT1 a CH1. 2. Laccordo L'accordo di licenza permette a IT1 di avere "gli ingredienti prodotto da una o più parti indipendenti sul territorio o altrove, utilizzando il proprio know how o la licenza sui brevetti". Questa condizione è anche legata al marchio e l'applicazione del terzo comma dell'articolo 159 delle DAC. 3. I diritti di licenza sono calcolati, secondo l'accordo, sulla base delle vendite nette realizzato da IT 1 in Italia, San Marino e il Vaticano, tali contributi non riguardano prodotti venduti e destinati alla UE. (È stato sottolineato che per le vendite dei prodotti in altri territori, all'interno o all'esterno dell'ue, nessun diritto sarebbe dovuto).

51 Case study Comitato Anche quando il dazio doganale è pari a 0%, la questione dell'iva si pone in relazione al pagamento dei canoni, dopo l'importazione sulle vendite nette. In tal caso si comprendono tali pg pagamenti nel valore in dogana (importazione post)? Ha importanza che il parametro è il fatturato netto della società IT1, non le vendite relative (dice la Società) per l'importazione della merce? Se è accettato, sulla base del Contratto di licenza, che l'acquirente è libero di ottenere tali merci da altri fornitori non legati al venditore, qual è il significato del fatto che si tratta di uno scenario a tre parti, di cui all'articolo 160 delle DAC? In altre parole, qual è il legame tra l'articolo 159 e 160 delle DAC?

52 Case study Comitato Art. 160DAC CH1 e CH2 (rispettivamente licenziante e venditore) sono collegati, le condizioni di cui all'articolo 157 (2) DAC per l'inclusione dei diritti di licenza al prezzo pagato o da pagare sono soddisfatte. Art. 157 (2) DAC i diritti di licenza devono essere aggiunti al prezzo pagato o da pagare quando: Sono in relazione alle merci da valutare; Il pagamento costituisce una condizione di vendita. l'accordo stabilisce l'obbligo per IT1 di pagare CH1 per il diritto esclusivo e la licenza di utilizzare i marchi, know how, brevetti e relativi diritti di proprietà intellettuale. Ininfluente il fatto che l'importo pagato da IT1 è calcolato come % delle vendite nette, essendo considerato mera pratica contabile (l'art. 161, comma 2 non si applica).

53 Case study Comitato In sintesi, sembra opportuno concludere che nel caso in questione, per la determinazione del valore in dogana delle merci, royalties e pagamenti di licenze devono essere aggiunti al prezzo effettivamente pagato o da pagare solo nella misura in cui non si riferiscono al diritto di utilizzare marchi.

54 Nuove DAC Atil Article Royalties and licence fees MCC implemented provision ii MCC empowering provision ii Current IP provision Article 41 Article 43(a) Article Current Code Provision Art For the purposes of Article (1)(c), royalties and licence fees refers to payment for the use of rights relating to, inter alia, know how, trade marks, copyright, patents, designs and models. 2. Royalties and licence fees are related to the imported goods where, in particular, the rights transferred under the licence or royalties agreement are embodied in the goods. The method of calculation of the amount of the royalty or licence fee is not the decisive factor. However, where the method of calculation of the amount of a royalty or licence fee derives from the price of the imported goods, it may be assumed in the absence of evidence to the contrary that the payment of that royalty or licence fee is related to the goods to be valued. 3. Payments made by the buyer for the right to distribute or resell the imported goods are not part of the customs value if such payments are not a condition of the sale for export to the Customs territory of the Community of the goods. 4. Royalties and licence fees are considered to be paid as a condition of sale for the imported goods a) if the seller or a person related to the seller requires the buyer to make this payment, or b) if the payment is made to satisfy an obligation of the seller, or c) if the goods cannot be sold to, or purchased by, the buyer without payment of the royalties or license fees. [This condition is met in the following cases: [the seller is required by contract to pay royalties or license fees to the licensor and the buyer pays the licensor to satisfy an obligation of the seller; and/or the seller may refuse to sell, or cancel the sale of the goods, if the buyer does not pay royalties or license fees to the licensor.] 5. The country in which the recipient of the royalty or licence payment is established is not a material consideration.

55 Valore in dogana. Le spese per commissioni e mediazione. Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali Venezia, 26 novembre 2011

56 Art. 32 Reg. CE 2913/1992 Debbono essere aggiunti al valore di transazione, nella misura in cui sono a carico del compratore ma non sono stati inclusi nel prezzo pagato o da pagare. COMMISSIONI E SPESE DI MEDIAZIONE, ESCLUSE LE COMMISSIONI DI ACQUISTO

57 Art. 32 Reg. CE 2913/92 co. 4 Commissioni di acquisto = somme versate dall importatore al suo agente per il servizio da questi fornito nel rappresentarlo al momento dell acquisto delle merci da valutare. pianificazione verifica/controllo contenzioso

58 Commissioni e spese per mediazione Attività di intermediazione svolte da un terzo ai fini del perfezionamento dell affare alla base dell importazione e sostenute dall importatore sulla base di elementi oggettivi e quantificabili riferibili esclusivamente alle merci oggetto dell operazione commerciale.

59 Commissioni e spese per mediazione produttore pagate all estero mediazione prodotto Affari (no rappresentanza)

60 Commissioni di acquisto Commissioni di acquisto Corrisposte postimport x servizi acquisto/vendita successivi ad immissione il LP Corrisposte ad agente per rappresentanza al momento dell acquisto

61 Giurisprudenza comunitaria Causa C 379/00 (Overland Footwear Ltd v. Commissioner of Customs & Excise) una commissione d acquisto inclusa nel valore in dogana e non distinta dal prezzo = parte integrante del valore di transazione (non scorporabilità).

62 Comitato valore Commissione Europea (conclusione 14 Taxud 800/2002) Contratto d agente Y X Z PRODUTTORE

63 Comitato valore Commissione Europea (conclusione 14 Taxud 800/2002) Il compratore Y dichiara il prezzo dll delle merci in dogana e presenta la fattura emessa da X: la commissione d acquisto non è dichiarata come elemento del valore. In teoria occorrerebbe presentare la fattura del fornitore fabbricante fabbricante ma in tale circostanza la Dogana può accettare la fattura di X (senza commissioni d acquisto) con riserva di eventuali verifiche.

64 Profili soggettivi Agente Mandato (con/senza rappresentanza) Remunerazione = commissione (in genere % del prezzo fatturato dei beni) Dalle tipologie di agente si può indurre se tale remunerazione vada o meno addizionata i al prezzo pagato o da pagare ex art. 32 CDC.

65 Profili soggettivi per conto dl del venditore Agente di ricerca clienti vendita organizza deposito (selling agent) consegna i beni Selling commissions incluse in fattura (nel valore in dogana) escluse da fattura (da computare ed addizionare)

66 Profili soggettivi per conto dl del compratore Agente di acquisto (rapporto di fiducia) (buying agent) ricerca fornitori contratta raccoglie campioni illustra i prodotti ispeziona i beni Buying commission non va aggiunta se fatturata separatamente

67 Profili soggettivi BROKER terzo che agisce in favore di entrambi (venditore ed acquirente) mette in contatto le parti avendocome unico fine la conclusione dell affare Brokerage, fee, consideration calcolata in % sul prezzo di vendita = prestazione dl del servizio ii prestato da un intermediario

68 Onere della prova L importatore t è tenuto t a dare prova alla dogana della natura del rapporto e del ruolo svolto dall agente (attraverso contratti, pagamenti, corrispondenza, lettere di credito): se risulta che i servizi non sono in favore dell acquirente, può dalla dogana essere richiesta laggiunta l aggiunta delle commissioni al prezzo pagato o da pagare. La dogana ha l onus probandi nel caso ritenesse le spese sostenute da includere nel valore in dogana sulla base del contratto di agenzia, degli ordini, delle conferme, della corrispondenza (telex, e mail) mail), delle lettere di credito, oltreché di elementi fattuali.

69 Fattura di prima vendita Reg. CEE 1224/1980 art. 3.1 CDC art. 32 a).i DAC art. 147 c. 2 Sent. CausaC C 229/90 CGE First sale rule

70 Fattura di prima vendita Art. 147 co. 2 : qualora venga dichiarato un prezzo relativo ad una vendita anteriore all ultima vendita sulla cui base le merci sono state introdotte nel territorio doganale della Comunità, deve essere dimostrato adeguatamente all autorità doganale che tale vendita è stata conclusa ai fini della esportazione verso il territorio doganale...

71 Fattura di prima vendita Sentenza (causa C 299/90): quando un commissionario per l acquisto è intervenuto in nome proprio, ma ha rappresentato l importatore il quale ha sostenuto da solo il rischio finanziario dell avvenuta transazione, la transazione da prendere in considerazione per determinare il valore in doganadellamerce della importata è quellaavvenuta avvenuta fra il produttore/fornitore e l importatore

72 Fattura di prima vendita Sentenza (causa C 299/90): per cui la commissione d acquisto versata dall importatore al commissionario per l acquisto non deve essere inclusa nel valore in dogana anche qualora l importatore abbia qualificato come venditore il commissionario per l acquisto nella sua dichiarazione di valore in dogana ed abbia dichiarato il prezzo della merce fatturato da detto commissionario

73 Fattura di prima vendita Reg. CEE n. 1224/1980 art. 3: il valore di transazione che determina il valore in dogana è rappresentato dal prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci allorché sono vendute per l esportazione a destinazione del territorio doganale della Comunità

74 Fattura di prima vendita Art. 147 co. 1, 2 DAC: in caso di più vendite successive realizzate prima della valutazione, può essere dichiarato anche un prezzo anteriore all ultima vendita sulla cui base le merci sono state introdotte nel territorio doganale purché si dimostri: trasporto diretto verso la Comunità a cura del terzo fornitore, oppure le caratteristiche produttive delle merci tali da poter inequivocabilmente essere destinate al consumo esclusivamente nel mercato comunitario.

75 Fattura di prima vendita Cl Calcolo l della dll base imponibile ibil ai fini i del dlvalore in dogana delle merci il valore di fattura di prima vendita, quale prezzo effettivo della transazione (pagato o da pagare) da partedell acquirente acquirente al produttore/fornitore. Può essere posto un obbligo al rappresentante in dogana dell importatore di allegare, oltre alla fattura di prima vendita, anche la transazione tra intermediario ed acquirente finale al fine di rendere efficace ed efficiente il controllo documentale (anche in caso di procedure domiciliate o di revisioni dell accertamento).

76 Caso pratico Soluzione con Commento 7 Taxud/800/2002: Fornitori produttori Extra CE vendita Società svizzera gruppo vendite Europa vende Figlia IT Spedizione diretta dei beni come provato da polizza di carico e della packing list relativa al prodotto oggetto delle transazioni: le merci sono fabbricate in relazione alle specifiche CE (bollino CE); Inoltre alle altre società del gruppo sono state rilasciate analoghe autorizzazioni aventi ad oggetto la regola della prima fattura; Inoltre sono addizionate al valore in Dogana: le prestazioni di servizi R&S in % sul singolo prezzo di acquisto di ciascun prodotto, i costi di assicurazione (in % per ogni 100 $ di vendite mondiali stimate, costo degli stampi (costo dell assist/u prodotte x U importate).

77 Caso pratico P. del maker al middleman < Soc. HK ITA Soc. HK Trader Distributore fattura con % Ordine acquisto Soc. controllante ITA Ordinativo con specifiche dettate da ITA Fornitori specializzati fatturano a Soc. HK Merce

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli