RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RDefinizione (Funzione) . y. . x CAPITOLO 2"

Transcript

1 CAPITOLO 2 Funzioni reali di variabile reale Nel capitolo precedente è stata introdotta la nozione generale di funzione f : A B, con A e B insiemi arbitrari. Nel presente capitolo si analizzeranno più in dettaglio le funzioni reali di variabile reale considerate come caso particolare della nozione generale di funzione. RDefinizione (Funzione) Siano X e Y sottoinsiemi di R. Si dice funzione reale di variabile reale un applicazione f : X Y che associa ad ogni valore X uno ed un solo valore y Y. f.. y X Y Figura 2.1 Rapprentazione grafica della funzione f : X Y. La variabile X è detta indipendente mentre y = f () è detta variabile dipendente. Si ricorda che l insieme X è detto dominio di f e rappresenta il sottoinsieme di R per cui la legge f () ha significato. L immagine di X tramite f, indicata con f (X ), è invece rappresentata da tutti quei valori y Y che, attraverso l applicazione f, provengono da qualche X : f (X ) = {y Y y = f () X }, 38

2 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 39 ed è detta anche codominio della funzione. Il grafico G f dell applicazione f è invece quel sottoinsieme di R 2 costituito da tutte le coppie (, y) tali che y = f (), X : G f = {(, y) R 2 ( X ) (y = f ())}. "Osservazione Se si conviene di rappresentare gli elementi del grafico dell applicazione f come punti del piano cartesiano, il grafico stesso sarà rappresentabile, in generale, come una curva del piano. y y a b Figura 2.2 Un esempio di curva che è un grafico di una funzione (a) e di curva che non rappresenta il grafico di una funzione (b). "Osservazione Dall analisi del grafico di una funzione si può stabilire se essa risulta iniettiva e/o suriettiva. In effetti, se ogni retta parallela all asse delle ascisse (di equazione y = k, k R) interseca il grafico della funzione al più in un punto, la funzione risulterà iniettiva perchè ogni valore k proviene, al più, da un solo appartenente al dominio della funzione. Se invece ogni retta parallela all asse delle ascisse di equazione y = k, k Y interseca almeno in un punto il grafico della funzione essa sarà suriettiva siccome ogni y Y proverrà da qualche X.

3 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 40 f() f() y = k y = k a b Figura 2.3 Un esempio di funzione iniettiva (a) e di funzione non iniettiva (b). f() Y y=k X Figura 2.4 Un esempio di funzione non suriettiva.

4 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE Funzioni monotòne Sia data la funzione RDefinizione (Monotonia) Se per ogni 1, 2 X, con 1 < 2 risulta f : X Y. f ( 1 ) < f ( 2 ) si dice che la funzione f è monotòna crescente; se f ( 1 ) f ( 2 ) si dice che la funzione f è monotòna non decrescente (o monotòna crescente in senso largo); se f ( 1 ) > f ( 2 ) si dice che la funzione f è monotòna decrescente; se f ( 1 ) f ( 2 ) si dice che la funzione f è monotòna non crescente (o monotòna decrescente in senso largo). "Osservazione Le funzioni crescenti o decrescenti si dicono anche strettamente monotòne. Tali funzioni risultano essere sempre iniettive. f() f() a b Figura 2.5 Un esempio di funzione crescente (a) e di funzione non decrescente (b).

5 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 42 f() f() a b Figura 2.6 Un esempio di funzione decrescente (a) e di funzione non crescente (b). 2.2 Funzioni pari e dispari Sia data la funzione f : X Y e si supponga che il dominio X sia un insieme simmetrico rispetto l origine cioè se X allora risulta anche che il suo opposto X. RDefinizione (Funzioni pari e dispari) La funzione f () si dice pari se risulta mentre sarà detta dispari se risulta f ( ) = f (), X f ( ) = f (), X.

6 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 43 Figura 2.7 Un esempio di funzione pari (a) e dispari (b). " Osservazione Come si può osservare dalla figura 2.7, il grafico di una funzione pari risulta essere simmetrico rispetto l asse delle ordinate mentre quello di una funzione dispari risulta essere simmetrico rispetto l origine. EEsempio 2.1 Le funzioni 1. f () = sono pari visto che risulta, in tutti i casi, f ( ) = f (). EEsempio 2.2 Le funzioni 1. f () = f () = f () = sono dispari risultando, in ogni caso, f ( ) = f ().

7 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE Funzioni invertibili Sia data la funzione RDefinizione (Funzione invertibile) f : X Y. La funzione f si dice invertibile se (il simbolo! si legge esiste ed è unico ) y f (X )! X y = f (). Si dice che X è la controimmagine di y = f () f (X ) e si usa la notazione La funzione = f 1 (y). f 1 : f (X ) X si chiama funzione inversa di f. Il dominio della funzione inversa ha f (X ) come dominio e X come codominio o, in altre parole, f 1 (f (X )) = X. f y=f() f 1 Figura 2.8 Rappresentazione grafica della funzione f e della sua inversa f 1. "Osservazione Si ha:

8 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE Condizione necessaria e sufficiente per l invertibilità è l iniettività 2. La stretta monotonia è sufficiente per l invertibilità 3. La stretta monotonia non è necessaria per l invertibilità: si consideri ad esempio la funzione seguente f () = { se se < 0 è invertibile essendo iniettiva ma non è strettamente monotòna (è crescente se < 0 ed è decrescente se 0.) f() Figura 2.9 Un esempio di funzione invertibile non monotòna Grafico della funzione inversa Noto il grafico della funzione invertibile f, è possibile costruire immediatamente il grafico della funzione inversa f 1. Si osservi, infatti, che il grafico di y = f () è identico al grafico di = f 1 (y) se si rappresenta la variabile indipendente y sull asse delle ordinate e la variabile dipendente sull asse delle ascisse. Volendo rappresentare, come convenuto precedentemente, il grafico di una funzione utilizzando l asse delle ascisse per i valori della variabile indipendente e quello delle ordinate per la variabile dipendente, è sufficiente (si veda la figura 2.10) riflettere il grafico di y = f () simmetricamente rispetto la bisettrice del primo quadrante.

9 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 46 Figura 2.10 Il grafico di f 1 (linea tratteggiata) ottenuto a partire dal grafico di f (linea continua). 2.4 Funzioni elementari Con funzioni elementari si intende la classe delle funzioni più semplici attraverso le quali descrivere il legame tra la variabile indipendente e la variabile dipendente y. In quanto segue si accennerà anche al possibile uso di tali relazioni in ambito economico Funzione costante La funzione costante f () = k, k R è rappresentabile come una retta orizzontale parallela all asse delle ascisse del piano cartesiano f() y = k Figura 2.11 Grafico della funzione costante y = k.

10 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 47 Il dominio di tale funzione è l insieme dei numeri reali mentre l immagine è rappresentata dal solo punto {k}. Essa non è iniettiva (associa, in effetti, ad ogni R lo stesso valore y = k) e, quindi, non è invertibile. Vista come funzione da R a R non è nemmeno suriettiva in quanto esistono infiniti elementi (più precisamente R\{k}) che non sono immagine di alcun punto del dominio. "Osservazione La funzione costante non è crescente né decrescente. Essa può, tuttavia, essere considerata contemporaneamente crescente e decrescente in senso largo Funzione lineare affine La funzione f () = a + b a,b R, è detta funzione lineare affine. Tale funzione è rappresentabile sul piano cartesiano tramite una retta. Per tracciare tale retta è sufficiente consocere due punti del grafico (si ricordi che per due punti passa una ed una sola retta ). Ad esempio si possono considerare i punti di ascissa = 0 e = 1. Per = 0 si ottiene y = b mentre per = 1 si ottiene y = a + b. Risultano così individuati due punti del grafico di f : (0,b) e (1, a + b). f() a > 0 f() a < 0 b b Figura 2.12 Grafico della funzione lineare affine Dominio e codominio di f () coincidono con l insieme dei numeri reali R (si veda figura 2.12). La funzione è iniettiva (ogni retta parallela all asse delle ascisse incontra il grafico di f una sola volta) e suriettiva (ogni retta parallela all asse delle ascisse incontra il grafico di f almeno una volta) e, quindi, invertibile. Essa è crescente se a > 0 mentre è decrescente se a < 0. Il parametro a è noto come coefficiente angolare della retta e rappresenta la pendenza della retta stessa: a = tanθ, dove θ è l angolo che la retta forma con l asse delle ascisse: acuto se a > 0, ottuso se a < 0.

11 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 48 f() a=tan θ θ Figura 2.13 Il legame tra il coefficiente angolare a e la pendenza della retta a + b. "Osservazione Se il coefficiente angolare a = 0 la funzione affine degenera nella funzione costante f () = b. Se, invece, b = 0, la funzione affine f () = a è detta lineare Alcuni modelli (economici) affini Se per produrre un unità di un certo bene il costo sostenuto è pari a m (noto anche come costo marginale) per produrre unità di tale bene occorrerà impiegare la somma m. In presenza dei costi fissi (indipendenti cioè dalla quantità di bene prodotta e presenti anche se tale quantità è nulla 1 ) la funzione costo C () potrà essere espressa come C () = m + q, avendo indicato con q l ammontare dei costi fissi Se si indica con r il ricavo ottenuto dalla vendita di un unità di un certo bene (noto anche come ricavo marginale) la funzione R() = r rappresenterà il ricavo ottenuto dalla vendità della quantità del bene in questione 1 Si pensi ad esempio al costo dovuto all acquisto o al noleggio di una apparecchiatura.

12 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 49 Se i costi per la produzione e i ricavi ottenuti dalla vendita di un certo bene sono le funzioni affini descritte in precedenza, anche la funzione guadagno G = R C risulterà essere affine: G() = r (m + q) = (r m) q. La grandezza r m è nota come guadagno marginale La quantità D domandata di un certo bene può essere vista come funzione del prezzo p dell unità del bene stesso: D = D(p). Tale quantità è spesso descritta come funzione affine del prezzo p : D(p) = ap + b. La grandezza a rappresenta la variazione della domanda per variazione unitaria del prezzo: D(p + 1) D(p) = a(p + 1) + b (ap + b) = a. Siccome, in generale, si può supporre che all aumentare del prezzo di un bene dimuisca la relativa domanda, la domanda marginale a è rappresentata da un numero negativo. Il parametro b può invece essere interpretato come la quantità domandata del bene in questione quando questo venga offerto gratuitamente (cioè con p = 0): D(0) = a 0 + b = b La quantità O offerta di un certo bene può essere vista come funzione del prezzo p dell unità del bene stesso: O = O (p). Anch essa, spesso, è descritta come funzione affine del prezzo p : O (p) = cp + d. La grandezza c rappresenta la variazione dell offerta per variazione unitaria del prezzo: O (p + 1) O (p) = c(p + 1) + d (cp + d) = c. In generale, si può supporre che all aumentare del prezzo di un bene aumenti la relativa offerta: l offerta marginale c è rappresentata da un numero positivo. Il parametro d può invece essere interpretato come la quantità offerta del bene in questione quando questo abbia prezzo nullo : O (0) = c 0 + d = d. Il prezzo p del bene in corrispondenza del quale domanda e offerta coincidono (cioè quel prezzo tale che D(p ) = O (p )) si chiama prezzo di equilibrio domanda-offerta ed è determinabile come ascissa del punto di intersezione dei grafici delle funzioni domanda e offerta.

13 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE Funzione quadratica La funzione f () = a 2 + b + c è detta funzione quadratica. Tale funzione è rappresentabile sul piano cartesiano tramite una parabola. Per tracciare il grafico di tale parabola è sufficiente conoscere il vertice, l intersezione con l asse delle ordinate e le eventuali intersezioni con l asse delle ascisse. Queste ultime sono determinate dalla soluzione dell equazione a 2 + b + c = 0, determinabili tramite la formula risolutiva delle equazioni di secondo grado: 1,2 = b ± b 2 4ac. 2a Chiaramente tali intersezioni esistono se e solo se risulta 0, avendo posto = b 2 4ac. In caso contrario, infatti, l estrazione della radice quadrata non darebbe un numero reale. Il punto di intersezione della parabola con l asse delle ordinate risulta essere (0,c) mentre il vertice ha coordinate ( b 2a, 4a ). Se a > 0 la parabola avrà concavità rivolta verso l alto mentre se a < 0 la parabola risulterà concava verso il basso. f() f() c c b 2a b 2a 2 a b Figura 2.14 Il grafico della funzione quadratica per a > 0 (a) e a < 0 (b) nel caso in cui > 0. La funzione quadratica non è iniettiva: esistono rette parallele all asse delle ascisse che intersecano la parabola in due punti. Vista come funzione a valori in R essa non è suriettiva in quanto

14 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 51 f (R) = { [ 4a,+ ) se a > 0 (, 4a ] se a < 0 e, pertanto, esistono rette parallele all asse delle ascisse che non intersecano il grafico della funzione. Come si può osservare dal grafico della funzione quadratica, essa non è monotòna: ad esempio se a > 0 e > 0, essa risulta decrescente nell intervallo (, b b 2a ) mentre risulta crescente nell intervallo ( 2a,+ ). Nel caso particolare in cui b = c = 0, la funzione quadratica diviene f () = a 2. Essa è una parabola con vertice nel punto (0,0) e intersezione con l asse delle ordinate e delle ascisse coincidenti col punto (0,0). Essendo in tal caso l asse di simmetria coincidente con l asse delle ordinate, tale funzione risulta essere pari: a( ) 2 = a 2. f() f() a b Figura 2.15 Grafico della parabola a 2 con a > 0 (a) e a < 0 (b) Un modello economico quadratico Nel caso in cui il prezzo di vendita di un certo bene subisca sconti legati alla quantità di merce venduta si può porre tale prezzo p() di vendita dipendente dalla quantità venduta, cioè p() = p a a > 0.

15 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 52 Dalla vendita di unità del bene si avrà un ricavo R() pari a R() = (p a) = a 2 + p. Se per la funzione costo si assume un andamento affine, C () = m + q, il guadagno G() relativo alla vendita della quantità sarà G() = R() C () = a 2 + p m q = a 2 + (p m) q, il cui grafico è una parabola con la concavità rivolta verso il basso. L ascissa del vertice di tale parabola rappresenta la quantità da vendere per massimizzare il guadagno Funzioni n La funzione f () = n, con n N, si chiama potenza n esima di. Si considerino due casi distinti: potenza con esponente n > 2 e pari. In tal caso il grafico della funzione potenza è qualitativamente simile a quello di f () = 2. Pertanto si può concludere che tali funzioni non sono iniettive né suriettive (se considerate a valori in tutto R) e, di conseguenza, non sono invertibili. Sono decrescenti per < 0 e crescenti per > 0. Poiché se n è pari risulta tali funzioni sono pari. ( ) n = n,

16 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 53 f() Figura 2.16 Grafico della funzione n con n 2 e pari. Potenza con esponente n > 2 e dispari. Il grafico di tali funzioni è qualitativamente simile. Si può fare riferimento a quello di f () = 3, (si veda figura 2.17). Dall analisi del grafico di tali funzioni si può concludere che esse sono iniettive e suriettive e, pertanto, sono invertibili. Sono funzioni strettamente crescenti e visto che per n dispari risulta esse sono dispari. ( ) n = n, Figura 2.17 Grafico della funzione n con n 3 e dispari.

17 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE Funzioni inverse delle funzioni potenza Si è visto precedentemente che le funzioni potenza f () = n, n N con n 3 e dispari, risultano essere funzioni invertibili. Le corripondenti funzioni inverse sono le cosiddette radici n esime: = n y o, utilizzando la notazione standard per la variabile dipendente e quella indipendente, y = n. Il grafico di tali funzioni inverse si può ottenere, come visto in precedenza, riflettendo il grafico delle funzioni dirette rispetto la bisettrice del primo e terzo quadrante. f() Figura 2.18 Grafico della funzione n con n 3 e dispari (linea continua) e della sua inversa n (linea tratteggiata). Le funzioni f () = n, n N con n 2 e pari, come si è osservato precedentemente, non sono invertibili.

18 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 55 f() Figura 2.19 La funzione n, n N con n 2 e pari non è invertibile non essendo iniettiva. Si osservi comunque che se si considera la restrizione di tali funzioni al semiasse positivo cioè f : R + 0 R (con R + 0 si intende l intervallo [0,+ )) tali funzioni risultano monotòne crescenti quindi iniettive e invertibili. f() Figura 2.20 Restrizione della funzione n, con n 2 e pari, all intervallo [0,+ ). Essa risulta essere iniettiva e, quindi, invertibile. Le funzioni inverse sono le radici n esime di ordine pari: f 1 () = n.

19 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 56 f() Figura 2.21 Grafico della funzione n, con n 2 e pari (linea continua), e della sua inversa n (linea tratteggiata) Funzioni 1 n Se n N è un numero pari, la funzione f () = 1 n ha come dominio R\{0} e come immagine R +. Figura 2.22 Grafico della funzione f () = 1 n, con n N e pari. Dalla figura 2.22 si può osservare che tale funzione non è iniettiva, visto che ogni retta y = k con k > 0 interseca il suo grafico in due punti e, vista come funzione da R\{0} a R non è suriettiva, essendo la sua immagine f (R\{0}) = (0,+ ) Essa non è monotona (è crescente per < 0 e decrescente per > 0) e risulta essere una funzione pari.

20 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 57 Se, invece, n N è un numero dispari la funzione f () = 1 n è definita nel dominio R\{0} ed assume valori nell immagine R\{0}. Figura 2.23 Grafico della funzione f () = 1 n con n N dispari. Come si può osservare dalla figura 2.23, tale funzione è iniettiva, visto che ogni retta y = k interseca il suo grafico al più in un punto. Non è suriettiva se l insieme di arrivo è posto pari a R, visto che la retta y = 0 non interseca il suo grafico. E decrescente negli intervalli (,0) e (0,+ ) ma non è monotòna su tutto il suo dominio. E una funzione dispari visto che, per n N dispari risulta ( ) n = () n e, quindi, f ( ) = f () Funzione esponenziale La funzione f () = a, a > 0, è detta funzione esponenziale. Il parametro a è noto come base della potenza mentre si chiama esponente. Il dominio della funzione esponenziale è, tutto l insieme dei numeri reali R mentre l immagine è, se 2 a 1, pari a R +. 2 Se a = 1 la funzione esponenziale si riduce alla funzione costante f () = 1.

21 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 58 f() f() 1 1 a b Figura 2.24 Grafico della funzione esponenziale con a > 1 (a) e con 0 < a < 1 (b). Come si può osservare dalla figura 2.24, la funzione esponenziale è iniettiva: la generica retta y = k interseca il suo grafico al più una volta. Vista come funzione a valori in R non è suriettiva poiché le rette y = k, k 0 non inersecano il suo grafico. La funzione risulta essere crescente se a > 1 mentre è decrescente se 0 < a < Funzione logaritmica Come visto precedentemente, la funzione esponenenziale è, per a 1, iniettiva e, quindi, invertibile. La funzione inversa della funzione esponenziale y = a si chiama logaritmo in base a: = log a y. Esso rappresenta l esponente da assegnare alla base a per ottenere il valore y. Usando le notazioni solite per la variabile dipendente e quella indipendente si ha: y = log a. Il grafico del logaritmo si può ottenere immediatamente a partire da quello della funzione esponenziale ribaltando quest ultimo rispetto la bisettrice del primo e del terzo quadrante:

22 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 59 f() f() 1 1 a b Figura 2.25 Grafico della funzione f () = log a con a > 1 (a) e 0 < a < 1 (b). La funzione logaritmo risulta essere iniettiva e suriettiva visto che ogni retta y = k interseca il suo grafico in uno ed un solo punto. Risulta essere una funzione crescente se a > 1 mentre è decrescente se 0 < a < 1. Una particolare importanza, per motivi che saranno ovvi nel seguito, è rivestita dal cosiddetto logaritmo naturale, indicato con il simbolo f () = ln : esso è il logaritmo in base e, dove e = è noto come numero di Nepero. Il legame tra il logaritmo naturale e quello in base a (0,1) (1,+ ) è dato dalla seguente relazione log a = ln ln a. Si ricordano inoltre le principali proprietà della funzione logaritmo (si supporrà a > 0,b > 0 e, per comodità, saranno espresse usando la base naturale e): e ln a = a ln a + lnb = ln(ab) ln a lnb = ln( a b ) ln a b = b ln a lne = 1 ln1 = 0

23 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE Un modello economico esponenziale Si supponga di investire, al tempo t = 0 la somma C al tasso di interesse annuo pari a i. Se al tempo s > 0 si disinveste, si ritorna in possesso della somma inizialmente versata e dell interesse maturato tra t = 0 e s. Molto spesso il computo degli interessi è effettuato secondo la cosiddetta legge di capitalizzazione composta che prevede un reinvestimento continuo degli interessi via via maturati. In tal caso la somma della quale si ritorna in possesso all istante s vale C (s) = C (1 + i ) s : al variare di s, pertanto, la funzione C (s) è descritta da un esponenziale di base 1+i ed esponente s Funzioni goniometriche Le funzioni goniometriche sono le più semplici funzioni periodiche cioè funzioni che assumono valori uguali ad intervalli regolari. Più precisamente RDefinizione (Funzione periodica) La funzione f () si dice periodica se f ( + kt ) = f (), k Z. Il più piccolo T per cui la relazione precedente è soddisfatta si chiama periodo della funzione periodica. Per introdurre le funzioni goniometriche si può fare riferimento alla circonferenza goniometrica ovvero una circonferenza di centro O e raggio unitario.

24 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 61 sin P O cos A Figura 2.26 La circonferenza goniometrica e le funzioni goniometriche sin e cos. Si ricorda che, sulla circonferenza unitaria, misurando gli angoli in radianti, come si supporrà sempre nel seguito, la misura dell angolo coincide con quella dell arco AP 3 e che si conviene di considerare come verso di crescita di un angolo quello antiorario. Si ricorda anche che all angolo retto (90 ) corrisponde la misura π/2, all angolo piatto (180 ) corrisponde la misura π, all angolo di 270 corrisponde la misura 3π/2 e all angolo giro (360 ) corrisponde la misura 2π. Si consideri il punto P sulla circonferenza goniometrica (si osservi la figura 2.26), che individua l angolo compreso tra OP e l asse delle ascisse. L ascissa di tale punto è detta coseno dell angolo, ed indicata come cos mentre l ordinata è detta seno dell angolo ed indicata come sin. Una relazione tra le funzioni seno e coseno può essere ottenuta applicando il teorema di Pitagora al triangolo rettangolo di ipotenusa OP rappresentato nella figura Si ottiene: (cos ) 2 + (sin ) 2 = 1. I valori che le funzioni assumono in corrispondenza dei principali angoli sono riportati nella tabella seguente: 3 Più in generale se la circonferenza avesse raggio R risulterebbe AP = R.

25 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 62 cos sin π/2 0 1 π 1 0 3π/ π 1 0 Dalla definizione delle funzioni seno e coseno si evince che esse sono funzioni periodiche di periodo 2π : in effetti la misura dell angolo è equivalente a quella dell angolo + 2kπ, k Z e, pertanto, sono uguali seno e coseno dell angolo o dell angolo + 2kπ, k Z. I grafici delle funzioni seno e coseno possono essere pertanto riportati solo per [0, 2π]. sin cos π /2 π 3 π /2 2 π 0 π /2 π 3 π /2 2 π 1 1 Figura 2.27 Grafici delle funzioni seno e coseno Le funzioni seno e coseno non sono iniettive, hanno come codominio l intervallo [ 1,1] e non sono monotòne. Come visto in precedenza per la funzione quadratica, se si considera la restrizione di una funzione in un sottoinsieme del dominio in cui essa risulti iniettiva, è possibile introdurre la relativa funzione inversa. In particolare, per la funzione seno si conviene di considerare la sua restrizione all intervallo [ π 2, π 2 ] :si può introdurre a questo punto la sua funzione inversa, detta arcoseno e indicata come y = arcsin. Anche la funzione coseno risulta essere invertibile se considerata nell intervallo [0,π]. La sua funzione inversa, detta arcoseno, è indicata con arccos.

26 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 63 Figura 2.28 Grafico delle funzioni arcsin (a) e arccos (b). Tra le funzioni goniometriche elementari si annovera anche la funzione tangente. Essa può essere definita a partire dalle funzioni seno e coseno tramite tan = sin cos. tan P P sin O cos A A Figura 2.29 Rappresentazione di tan sulla circonferenza goniometrica e suo significato geometrico.

27 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 64 Dalla similitudine tra i triangoli (si veda figura 2.29) O A P e O AP tangente dell angolo rappresenta l ordinata del punto P. segue che la Figura 2.30 Grafico della funzione tan. Come si può osservare dalla figura 2.30, tale funzione non è definita per quei valori che annullano cos, cioè per = π 2 + kπ. La funzione tan non è iniettiva ed è suriettiva. Non è una funzione monotòna e risulta essere periodica di periodo π. Si osservi che tale funzione è comunque iniettiva e, quindi, invertibile per [ π 2, π 2 ]: la corrispondente funzione inversa si chiama arcotangente ed è indicata come arctan. Figura 2.31 Grafico della funzione arctan.

28 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE Funzioni deducibili dalle funzioni elementari Le funzioni elementari introdotte precedentemente possono essere considerate i mattoni con cui costruire funzioni più complesse, quali quelle necessarie per la descrizione dei fenomeni economici Funzione composta Si considerino le due funzioni e f : X Y g : Y Z. Sia X e y = f (). Siccome il punto y appartiene al dominio Y della funzione g, ha senso considerare il valore z = g (y) g (f ()). f g y Y z X Z Figura 2.32 Rappresentazione grafica di z = g (f ()). Risulta definita, quindi, un applicazione, sia essa h, che trasforma il punto X nel punto z Z : RDefinizione (Funzione composta) h : X Z. Siano f : X Y e g : Y Z due funzioni. L applicazione h : X Z che associa ad ogni X il valore g ( f ()) Z è detta applicazione composta ed indicata con il simbolo 4 g f. 4 Il simbolo g f si legge g composto f.

29 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 66 f g y X Y z g f Z Figura 2.33 Rappresentazione grafica della funzione composta g f. "Osservazione Date le funzioni f : X Y e g : Y Z non è detto che si possa costruire la funzione composta f g : potrebbe risultare, infatti, che, fissato un y Y il valore g (y) Z non appartenga al dominio X della funzione f, per cui non avrebbe senso considerare il valore f (g (y)). Se ciò accadesse per ogni y Y il dominio della funzione composta sarebbe l insieme vuoto. "Osservazione Date le funzioni f : X Y e g : Y Z, con Z X, ha senso considerare anche la funzione composta f g in quanto, fissato y Y, risulterà g (y) Z g (y) X. L operazione f (g (y)) è quindi ben definita. In generale, comunque, risulterà f g g f, come sarà chiaro dagli esempi che seguiranno. "Osservazione Quando si considera la funzione composta g f senza specificare i domini ed i codomini di f e g si supporrà di aver scelto il dominio di f in modo che la sua immagine sia contenuta nel dominio di g. A partire dalla nozione di funzione composta si possono costruire funzioni più complesse: si considerino, ad esempio, le funzioni f () = 3 : R R e g () = e : R R +. Si ha: e f g () = f (g ()) = [g ()] 3 = [e ] 3 = e 3 : R R + Si osservi che, in generale, g f f g. g f () = g (f ()) = e f () = e 3 : R R +.

30 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 67 EEsempio 2.3 Siano f () = 2 e g () = e. Per le funzioni composte f g e g f si ottiene: e f g () = f (g ()) = g () [g ()] 2 = e e 2 EEsempio 2.4 g f () = g (f ()) = e f () = e 2. Siano f () = + 1 e g () = ln. Per le funzioni composte f g e g f si ottiene: e f g () = f (g ()) = g () + 1 = ln + 1 EEsempio 2.5 g f () = g (f ()) = ln f () = ln + 1. Siano f () = e g () = ln( 1). Per le funzioni composte f g e g f si ottiene: e f g () = f (g ()) = g () = ln( 1) EEsempio 2.6 g f () = g (f ()) = ln(f () 1) = ln( 1). Siano f () = e e g () = ln( 2 + 1). Per le funzioni composte f g e g f si ottiene: e f g () = f (g ()) = e g () = e ln(2 +1) = EEsempio 2.7 g f () = g (f ()) = ln([f ()] 2 + 1) = ln(e 2 + 1). Siano f () = 2 e g () = Per le funzioni composte f g, g f e g g si ottiene:

31 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 68 e f g () = f (g ()) = [g ()] 2 = g f () = g (f ()) = g g () = g (g ()) = 1 ( + 1) 2, 1 f () + 1 = g () + 1 = = Funzioni definite a più leggi In molti casi non è possibile esplicitare tramite un unica forma analitica la dipendenza tra la variabile dipendente e quella indipendente per ogni punto del dominio. Tuttavia può accadere di poter suddividere il dominio in intervalli tali che in ciascuno di essi la legge che lega le variabili dipendente ed indipendente possa essere espressa tramite una forma analitica elementare (o derivante dalla composizione di funzioni elementari). EEsempio 2.8 Sia f : R R una funzione di tipo quadratico per valori di 0 e di tipo logaritmico per valori di > 0. Tale funzione può essere rappresentata come f () = { ln se > 0 2 se 0. (2.1) f() Figura 2.34 Grafico della funzione (2.1).

32 CAPITOLO 2. FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE 69 " Osservazione La funzione f () che definisce la distanza (euclidea) tra il punto della retta orientata di coordinata e l origine (di coordinata = 0) è nota come funzione modulo ed indicata con il simbolo. Essa risulta descrivibile come funzione definita a più leggi: = { se 0 se < 0. f() Figura 2.35 Grafico della funzione modulo Trasformazioni di funzioni note Si supponga assegnata la funzione f () e si supponga di conoscere il suo grafico. Dalla conoscenza di quest ultimo è possibile risalire al grafico della funzione g () ottenuta da f () tramite le trasformazioni 1. g () = f () + c, c R. In tal caso il grafico della funzione g si ottiene a partire da quello della funzione f traslando quest ultimo verticalmente verso l alto (se c > 0) o verso il basso (se c < 0).

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte

Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte Anno 5 Funzioni inverse e funzioni composte 1 Introduzione In questa lezione impareremo a definire e ricercare le funzioni inverse e le funzioni composte. Al termine di questa lezione sarai in grado di:

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Lo studio di unzione Ing. Alessandro Pochì Appunti di analisi Matematica per la Classe VD (a.s. 011/01) Schema generale per lo studio di una unzione Premessa Per Studio unzione si intende, generalmente,

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue:

In base alla definizione di limite, la definizione di continuità può essere data come segue: Def. Sia f una funzione a valori reali definita in un intervallo I (itato o ilitato) e sia un punto interno all intervallo I. Si dice che f è continua nel punto se: ( )= ( ) Una funzione f è continua in

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552 Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0940855 La funzione: y = cos x DEFINIZIONE Si dice funzione coseno di un angolo nel cerchio trigonometrico, la

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06

Analisi Mat. 1 - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 23-3-06 Analisi Mat. - Ing. Inform. - Soluzioni del compito del 3-3-6 Sia p il polinomio di quarto grado definito da pz = z 4. Sia S il settore circolare formato dai numeri complessi che hanno modulo minore o

Dettagli

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue:

SEGNO DELLA FUNZIONE. Anche in questo caso, per lo studio del segno della funzione, occorre risolvere la disequazione: y > 0 Ne segue: CAMPO DI ESISTENZA. Poiché la funzione data è una razionale fratta, essa risulta definita su tutto l asse reale tranne che nei punti in cui il denominatore della frazione si annulla, cioè: C.E. { R: 0}

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

Funzioni e loro grafici

Funzioni e loro grafici Funzioni e loro grafici Dicesi funzione y=f(x) della variabile x una legge qualsiasi che faccia corrispondere ad ogni valore di x, scelto in un certo insieme, detto dominio, uno ed uno solo valore di y

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Le Derivate delle Funzioni Elementari

Le Derivate delle Funzioni Elementari Capitolo 4 Le Derivate delle Funzioni Elementari In questo Capitolo impareremo a trovare la formula per la funzione derivata di una funzione elementare, cioè di una funzione costruita con ingredienti di

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali.

Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Appunti e generalità sulle funzioni reali di variabili reali. Premessa Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire solamente i concetti

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli