Marino Zorzi. I domini veneziani in Istria e Dalmazia e l istituto rettorale. (testo integrale della relazione tenuta il 17 febbraio 2012)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marino Zorzi. I domini veneziani in Istria e Dalmazia e l istituto rettorale. (testo integrale della relazione tenuta il 17 febbraio 2012)"

Transcript

1 Marino Zorzi I domini veneziani in Istria e Dalmazia e l istituto rettorale (testo integrale della relazione tenuta il 17 febbraio 2012) Fino alla fine del secolo XI il Ducatus Venetie era l avamposto dell Impero d Oriente nell Italia settentrionale, una provincia, sia pur dotata di larga autonomia. Gli amplissimi privilegi concessi ai Venetici nel 1082 dall imperatore Alessio Comneno, per compensare l efficace aiuto da essi fornito contro i Normanni, e le possibilità di espansione offerte dalle crociate fecero sì che l autonomia del Ducato si estendesse fino ad una completa indipendenza di fatto. Da un lato Venezia resiste in armi all imperatore Giovanni, che vorrebbe revocare le concessioni del predecessore, dall altro in varie città occupate dai crociati si formano colonie veneziane, legate solo alla madrepatria. Il governo ducale vi invia dei baili, che dirigono gli affari della colonia, giudicano le liti fra i venetici, rappresentano la città madre di fronte ai vicini, amici o nemici. Il termine, non usato prima a Venezia, è forse mutuato dai crociati: il bailo, balivo, baiulo (che si trova anche in Dante), in Francia bailly, baile, in Inghilterra bailiff è appunto un alto funzionario statale. Come noto, nella laguna il sistema feudale non entrò mai: a Costantinopoli esso non esisteva fino alle crociate, essendo estraneo al diritto romano, ancora vigente nell Impero. Quindi la supremazia adriatica che Venezia acquisisce già nel IX secolo, come dimostrano i compiti di polizia marittima ch essa svolge in nome di Costantinopoli, con alterna fortuna, nei confronti di Saraceni e Slavi, non comporta un dominio di tipo feudale nei confronti delle città costiere. Anche la spedizione dell anno Mille, in cui Pietro Orseolo riceve l omaggio delle città istriane e dalmate, non sembra si traduca in una sudditanza formale (tuttavia Carlo Guido Mor parla di un senioratico del dux); d altro canto difficilmente il potentissimo Basilio II, che governava con ferrea energia l Impero allora all apogeo, avrebbe consentito ad una limitazione della sua sovranità. Alla metà del secolo successivo si verifica un fatto nuovo, che condizionerà la storia dalmata: il regno di Ungheria incomincia il suo sforzo secolare per affacciarsi all Adriatico. Zara per qualche tempo diviene dominio ungherese, col favore di una parte dei cittadini; il doge Domenico Contarini ricupera dopo poco tempo la città all Impero, ma la lotta sarà ormai continua, alimentata dagli opposti partiti, filoveneto e filoungherese, che si contenderanno il predominio nelle città fino alla definitiva affermazione veneziana nel Quattrocento. Nel 1107 il re Colomano si insignorisce di Zara e di Spalato, inviandovi un conte. Nel 1123 il doge Vitale Michiel II ristabilisce la supremazia veneziana; più tardi, dato l allentarsi dei vincoli con l Impero d Oriente (l imperatore Manuele arriverà nel 1171 a ordinare l arresto dei Veneziani in tutto l Impero e la confisca delle loro mercanzie), Venezia agisce in proprio e nomina nel 1160 dei conti a Zara, Ossero, Arbe. Il titolo e i poteri ricalcano quelli di cui godevano i governanti ungheresi: Venezia si adegua alla situazione e alle consuetudini dei luoghi, obbedendo a criteri politici che seguirà costantemente. L esperimento dura poco, prevale di nuovo negli anni ottanta il partito ungherese. Le vicende dell Istria presentano forti analogie con quelle dalmate. L antica unità tra il Ducatus Venetie e l Istria si spezza quando i Longobardi, tra il 768 e il 772, conquistano la penisola istriana; permane invece quella ecclesiastica, essendo l Istria e il ducato compresi nel patriarcato di Grado. Ma anche questa unione cessa nel IX secolo, quando l Impero franco, subentrato al regno longobardo, fa sì che l Istria si assoggetti alla giurisdizione del patriarcato di Aquileia. Venezia, che mantiene la supremazia marittima in nome dell Impero d Oriente, non perde il contatto strettissimo con le città della costa. Nel 932 il legame con Giustinopoli (o Capodistria) viene consacrato in un patto formale: la città viene dichiarata federata, e promette fidelitas al dux, impegnandosi a fornire annualmente vini boni amphoras centum. Isola d Istria si dà a Vitale Candiano nel 973. Solo molto tempo dopo, nel 1145, Pola promette, o conferma, la sua fidelitas. Il marchese d Istria, vassallo diretto dell Imperatore Germanico, non è presente all atto, ma vi interviene un comes, Enrico, suo vassallo (l Istria era divisa allora in tre contee, Carsia, Istria e Pola). L anno

2 stesso Giustinopoli conferma l antica fidelitas. In cambio della protezione marittima veneziana, le due città si impegnano ad armare a loro spese, in caso di guerra, una galea, fornita da Venezia. Seguiranno nel 1150 i patti con le altre città della costa. L alta sovranità rimane dunque all Imperatore germanico, da cui dipendono il marchese e i conti; le città costiere, in cui fiorisce ormai la civiltà comunale, coltivano un legame particolare con Venezia, che si aggiunge all altro. La quarta crociata segna un mutamento profondo. Già all avvio, nel 1202, l armata crociata ricupera Zara a Venezia. Poi l imprevisto evento della conquista di Costantinopoli fa sì che il doge divenga un autorità del tutto indipendente, anche formalmente, non solo dall Impero Germanico, cui mai Venezia era appartenuta, ma anche da quello Romano d Oriente, da cui il dux eredita dignità, insegne e cerimoniale. Venezia acquista vasti domini: quella quarta parte e mezzo dell Impero di Romania che riesce solo in parte a occupare. A Costantinopoli riceve una porzione analoga della città e nomina ad amministrarla un potestas, podestà, Marino Zeno. Il termine è largamente usato nel mondo comunale a designare un forestiero stimato e autorevole, estraneo al comune, chiamato a governare la città quando questa non riesce a risolvere le lotte intestine. Lo spiega anche Dante, quando parla dei due frati gaudenti Catalano e Loderingo, da tua terra presi come suol esser tolto un uom solingo per conservar sua pace. Spesso i nobili veneziani, che godevano di larga fama per equità e capacità di governo, erano chiamati all incarico in varie città italiane. A Costantinopoli il caso è ovviamente diverso, ma risalta il fatto che si tratta di un funzionario temporaneo. Al podestà, dopo la caduta dell Impero latino e il ritorno del legittimo imperatore greco, subentrerà nel 1268 il bailo, con analoghe funzioni di capo della comunità veneziana e di ambasciatore, prima presso il sovrano bizantino poi presso il sultano turco, fino al A Creta, l unico territorio che Venezia cerca di colonizzare direttamente, si crea una struttura analoga a quella della capitale lagunare: la governa un duca, temporaneo, nominato da Venezia, assistito da consigli modellati su quelli della madrepatria. A Modone e Corone si invia un castellano. Nelle isole dell Egeo Venezia non ha i mezzi per imporre il proprio dominio diretto e fa quindi ricorso alle istituzioni feudali: Marco Sanudo viene nominato duca di Nasso, e da lui vagamente dipendono vari signori feudali minori, tutti nobili veneziani. Le vicende di queste famiglie si intrecciano con quelle dei feudatari franchi e italiani dell Impero latino; molte sopravviveranno fino alla conquista turca. Nell organizzazione del dominio di Levante risalta quella flessibilità che caratterizza la politica veneziana, quella capacità di adattare le soluzioni alle condizioni e tradizioni di luoghi e società diverse, cui si è già accennato. Tornando al mondo adriatico, a Zara, ricuperata come si è detto nel 1202, e nelle altre città dalmate vengono inviati magistrati, la cui durata in carica è temporanea, col vecchio titolo di conte: nel 1220 Nicolò Querini a Cherso, nel 1237 Giovanni Dandolo a Ragusa, nel 1236 Marco Mastropioero ad Arbe. Spalato e Traù non sono soggette. Nel 1278 si invia a Lesina un podestà. Nel 1254 il conte Marsilio Zorzi riesce a rimanere comes perpetuus a Curzola, altrettanto ottiene Ruggero Morosini ad Arbe: ma sono casi eccezionali, la regola è la temporaneità. Il titolo è solo una rievocazione del passato. In Istria nel Duecento alla pacifica coesistenza tra l entroterra imperiale e la costa legata a Venezia subentra una situazione conflittuale: ciò quando l imperatore Federico II investe il patriarca Wolchero, poi il successore Bertoldo di Andechs, della marca d Istria, prima infeudata alle grandi case tedesche degli Andechs e degli Sponheim, che poco se ne curavano. I patriarchi cercano di affermare la loro autorità, a danno dei comuni costieri e di Venezia. Una soluzione esemplare è quella cui riesce a pervenire Pirano, che ottiene nel 1231 un equilibrato accordo: al Patriarca si riconosce l honor regalis, salvi l honor Venecie (l antica fidelitas ), e le libertà comunali. Ma altrove gli scontri sono gravi, in particolare tra Venezia e Pola, che nel 1242 viene presa e saccheggiata. Il patriarcato mostra la sua debolezza quando nel 1267 il patriarca stesso, Gregorio di Montelongo, viene fatto prigioniero dal conte di Gorizia, avvocato della chiesa aquileiese, che

3 persegue senza scrupoli il proprio interesse. L anno stesso il comune di Parenzo, fiero della sua autonomia minacciata da Capodistria, chiede a Venezia l invio di un console e di un presidio: Venezia manda un podestà. Nel 1269 Umago segue l esempio di Parenzo. L anno dopo Cittanova offre la subiectio. Capodistria, alleatasi al conte di Gorizia, attacca Montona e Isola, veneziane, ma viene sconfitta e si sottomette nel Nel 1283 si danno a Venezia Pirano e Rovigno. Rimane al patriarca Trieste, con cui gli scontri sono durissimi; per mantenere la propria indipendenza di fatto la città si sottomette al duca d Austria. Tornerà a Venezia solo dal 1368 al 1380, poi di nuovo per breve tempo nel Pola riesce a destreggiarsi abilmente tra Venezia e il patriarcato sotto la guida dell antichissima famiglia dei Sergi, detti de Castropola perché il patriarca ha affidato loro il castello che sovrasta la città; essi riescono a dominare il comune sino a farsene veri signori, come accadeva in tante città italiane, ma commettono l errore di farsi nemica Venezia, che - forte anche di un partito cittadino a lei favorevole - li rovescia ed esilia nel Da allora la città riceve un rettore da Venezia, che porta il titolo di conte, in ricordo dell antico feudatario del marchese d Istria. Il Trecento vede il primo acquisto veneziano in Terraferma, nel 1338: Treviso, con Mestre, fino a quell anno terra straniera. Ma quel secolo vede anche lo scontro mortale con Genova. Si trattava di conflitti di dimensioni europee, combattuti in Terraferma, in Dalmazia, sui mari del Levante, nell Adriatico e nel Tirreno, cui prendevano parte a fianco di Genova il regno d Ungheria, il duca d Austria, la signoria di Padova. L ultimo atto fu la guerra di Chioggia, che si chiuse con la vittoria di Venezia, cui seguì nel 1381 la pace di Torino. E un momento eccezionale per la città, che non ha più rivali sul mare. La disfatta subita nel 1402 dall impero turco, attaccato da Tamerlano, la libera per qualche anno dal pericolo maggiore in Levante. E Venezia sa approfittare della situazione. Nel 1386 estende il suo dominio su Corfù e Butrinto; nel 1388 è la volta di Argo, Nauplion e Andros; nel 1390 di Tinos, Mikonos e Negroponte; nel 1392 di Durazzo; nel 1393 di Alessio; nel 1396 di Scutari e Drivasto; nel 1407 di Lepanto e Patrasso; nel 1417 di Zonchio. Tra il 1409 e 1420 l intera Dalmazia, con l eccezione di Ragusa, torna sotto il dominio veneto. Intanto il Veneto, il Friuli, più tardi Bergamo, Brescia e Crema entrano a far parte dello stato. E un avanzata trionfale, favorita dalla ricchezza della città e dalla sua abilità diplomatica, ma anche dalla fama che si era acquistata di amministratrice giusta e benevola. Vi è una gara ad offrirsi a Venezia. Qualche volta l offerta è rifiutata, per timore di complicazioni internazionali: Cattaro la ripete per quattro volte, e solo alla quinta la Repubblica accetta. La terribile guerra con Maometto II, combattuta da Venezia quasi del tutto sola, salvo l aiuto ottenuto dal re persiano Husun Hassan, per diciassette anni, dal 1463 al 1479, in Morea, nell Egeo, in Albania, in Friuli, segnò l inizio del ripiegamento. Venezia subì la perdita di Argo, di Lemno, di Negroponte, di Scutari e Croia in Albania. L acquisto del regno di Cipro nel 1489 costituì un cospicuo compenso. Ma ormai di fronte al colosso turco Venezia era ridotta a una posizione di difesa, e l arretramento continuò, con una resistenza accanita, fino alla grandiosa riscossa della guerra di Morea, dal 1683 al 1699, i cui risultati furono vanificati nel L espansione in Italia, che Venezia aveva ripreso energicamente dopo la fine della guerra turca, fu sbarrata dalla lega europea di Cambrai. Solo in Dalmazia invece vi furono allargamenti territoriali, all interno del paese. Ovunque vengono inviati a governare i territori annessi dei rettori, con titoli diversi: di podestà nei centri maggiori, di conte nelle città dalmate e a Pola, di provveditore nelle piazzeforti importanti e dove vi sia maggior necessità o pericolo di interventi militari, di castellano nelle fortezze. In Friuli e a Cipro viene inviato un Luogotenente. Cariche tutte riservate ai nobili veneziani. Le elezioni avevano luogo nel Maggior Consiglio, per quattro mani di elettori per i reggimenti maggiori, due per i minori: si eleggevano due o quattro gruppi di nove elettori, ciascuno dei quali eleggeva un candidato; tra i due o quattro prescelti sceglieva il Maggior Consiglio. Al di sopra dei rettori si nominava eccezionalmente un provveditore generale, dotato di poteri straordinari, cui si faceva ricorso in caso di guerra o in altri momenti di necessità e di pericolo. La

4 situazione della Dalmazia, esposta all attacco turco a partire dalla guerra che Venezia, come si è detto, condusse dal 1463 al 1479 contro Maometto II, richiedeva di frequente la nomina di tali personaggi, dotati di poteri tali da meglio garantire una efficace difesa. Dal 1597 la carica sarà permanente, mettendo in ombra i rettori. Al provveditore generale in Dalmazia e Albania (tale sarà il titolo) era superiore nell onore soltanto il provveditore generale da mar, ovvero, in caso di guerra, il capitano generale da mar. Talvolta si nominava, in caso di guerra o minaccia di guerra, un provveditore generale in terraferma, mentre i provveditori in campo seguivano da vicino le operazioni belliche, dettando la strategia e controllando l operato dei militari di professione. A fianco del podestà o conte si eleggeva il capitano, ma solo nei reggimenti maggiori, mentre nei minori le cariche si assommavano nella stessa persona. Il capitano aveva compiti militari e fiscali, talvolta esercitava la giurisdizione penale. Sempre nei reggimenti maggiori il camerlengo sovrintendeva alle finanze. Anche queste cariche erano riservate ai nobili veneziani. Delicatissimo il compito dei rettori, che dovevano mediare tra il potere centrale e i sudditi, assicurando l equilibrio tra la volontà e l interesse del primo e le aspirazioni e interessi dei secondi. Come scrive nel 1669 Agostino Barbarigo, podestà e capitano di Capodistria, nella sua relazione, bisognava procurare più con desterità che col rigore di sostener le pubbliche ragioni. Ad essi spettava in ultima istanza, salvo l appello a Venezia, la giurisdizione civile e penale nel reggimento: potere/dovere di decisiva importanza perché il buono o cattivo esercizio di esso poteva assicurare il miglior rapporto tra la Dominante e i sudditi o pregiudicarlo. Il rettore doveva applicare gli Statuti del luogo, rivisti e corretti a seguito della dedizione a Venezia: dummodo sint, come si dice in quello di Padova, secundum deum et iustitiam et honorem nostrum Venetiarum et bonum ipsius civitatis et districtus, bona fide. In definitiva l arbitrium del rettore era decisivo: i Veneziani diffidavano del tecnicismo giuridico e preferivano affidarsi all equità, di cui i magistrati da loro eletti erano gli interpreti. Si comprende quanto fosse importante la corretta applicazione di questo principio da parte del rettore, l unico a godere nel suo giudizio di questa libertas. Nell attività giudiziaria il rettore era coadiuvato da una sua corte, costituita da due o più giudici. Nei grandi centri, come Padova e Verona, l organizzazione era molto complessa, e vi si impiegavano giuristi competenti. Di importanza centrale era il sistema degli appelli, che facevano capo per le questioni di maggiore entità ai consigli della capitale. Le corti competenti erano gli Auditori Vecchi per il dogado e il dominio da mar; gli Auditori Novi per la Terraferma. Si trattava di tre magistrati eletti dal Maggior Consiglio. Se laudavano (confermavano) la sentenza, questa diventava definitiva; se la tagliavano, dagli Auditori Novi ci si appellava ai Vecchi, e viceversa, e per le cause maggiori alla Quarantia. Più tardi l appello, per le cause di valore modesto, andava agli Auditori Novissimi. In materia penale era competente la Quarantia Criminal. In vari reggimenti, come Padova e Verona, era possibile ricorrere in loco a due gradi di giudizio, e se si ottenevano due sentenze conformi la sentenza diventava definitiva. Anche a Capodistria era istituita una corte composta dal podestà e da due consiglieri, che decideva in appello, e quindi in via definitiva, sulle sentenze emesse dai rettori minori, in materia sia civile sia criminale, salvo quelle relative a negotii di comunità, di fondachi e luochi pii. La complessità del sistema era frutto della grande varietà degli ordinamenti vigenti nei luoghi entrati a far parte dello stato, delle diverse condizioni sociali ed economiche in cui questi si trovavano, della diversità dei patti di dedizione, e corrispondeva a quella flessibilità e a quel pragmatismo che, come si è più volte rilevato, caratterizzava la politica veneziana, in questo e altri campi. L ampia possibilità offerta agli interessati di ricorrere alle corti centrali mirava a rendere il più possibile unitaria l amministrazione della giustizia e a controllare l operato dei rettori, sempre avendo in vista l honor Venetie e il bonum della città governata. La macchinosità dell ordinamento, frutto di secolari sovrapposizioni, offriva poi ampi margini di intervento per aggiustamenti e adattamenti a situazioni disparate. Gli appelli costituivano un forte limite al potere dei rettori, che talvolta lamentano la riduzione di autorità che deriva loro dalle frequenti sentenze emesse dalle corti della capitale contrarie alle loro. Vi era anche qui un problema di equilibrio, per cui il governo si sforzava da un lato di venire

5 incontro alle esigenze dei sudditi, dall altro di non impoverire il ruolo dei rettori. Un passo in favore di questi ultimi fu l estensione ad alcuni di essi del rito penale del Consiglio di Dieci, decisa nel Seicento. Altra grave limitazione, le periodiche ispezioni dei sindici, ovvero ispettori in visita nelle città del dominio. Spesso tale ruolo era assunto per la Terraferma dagli Auditori Novi, magistrati non di rado giovani, che talvolta erano portati ad eccedere nello zelo esercitando i loro poteri di controllo. Al rettore peraltro non mancavano occasioni per difendersi, e molto spesso le corti superiori di Venezia finivano col dargli ragione. Accadeva poi che venisse nominato un provveditore generale e sindico, che cumulava i poteri relativi alle due funzioni. Poteri amplissimi; ma anche a simili altissimi personaggi non mancavano difficoltà e fastidi, se si adoperavano con passione. Ne offre un esempio Bernardo Sagredo, provveditore generale e sindico a Cipro nel , che si sforzò negli anni del suo governo di combattere abusi, inganni, sopraffazioni dei feudatari a danno dei contadini, ricevendo in cambio, al ritorno a Venezia, due gravi denunzie al Consiglio di Dieci, cui seguì un lungo processo, con finale assoluzione. Nel corso del Quattro e Cinquecento la carriera dei rettori si definisce. I grandi reggimenti, che aprono la via al Senato e al Collegio, magari alla Procuratia, sono ambiti da chi aspira all elezione negli organi supremi. Le grandi sedi, come Padova, Verona, Brescia, Zara, sono ricoperte spesso dalla stessa persona, che cessato un incarico ne riceve subito un altro, in progressione di importanza, alternando il servizio nei reggimenti ad ambascerie all estero, in sedi via via più prestigiose. Spesso questi patrizi trascorrono dei periodi a Venezia, eletti a qualche alta carica di governo, per poi ripartire infaticabili verso altre sedi; altri non tornano a casa per vari anni. In generale si tratta di nobili provvisti di larghe sostanze, che possono far fronte alle spese che i reggimenti maggiori e le ambascerie comportano, non essendo spesso sufficienti i fondi assegnati dal governo. Le altre sedi inferiori rimangono destinate a nobili di più modesti mezzi e ambizioni. I primi reggimenti sono detti per questo con pena, perché chi li occupa deve sopperire alla deficienza della dotazione di tasca propria, i secondi di soldo, perché l appannaggio consente una vita decorosa. Tuttavia il limite tra gli uni e gli altri doveva non sempre essere netto, perché in molti casi si registrano rifiuti di accettazione della carica, nonostante i divieti e le relative sanzioni pecuniarie e di carriera: evidentemente vi erano posti che non allettavano nessuno, né per il prestigio né per il salario. E d altra parte il sacrificio era in molti casi evidente: rischi, pericoli, spese, lontananza. Ma qualcuno alla fine risultava eletto e, benché scontento, accettava. E in generale si comportava in modo adeguato. Si formano fra i rettori specializzazioni territoriali ereditarie: i Sagredo ad esempio ottengono frequenti incarichi a Zara, a Modone si trovano spesso nel Quattrocento i Bembo. Evidentemente la conoscenza dei luoghi che si trasmetteva nelle famiglie veniva apprezzata dagli elettori. Il rettore, rappresentante dello stato, doveva apparire una figura elevata, posta su di un piano diverso, separato da quello degli amministrati, e ad affermare il principio miravano le leggi della Repubblica: non può legarsi in alcun modo ai sudditi, in particolare partecipando a iniziative commerciali o sposando donne del luogo; non può nemmeno partecipare a feste e banchetti, se non in particolari circostanze. Di fatto molti trasgrediscono, creando per sé e per il proprio casato vincoli proficui e durevoli: è il caso ad esempio delle nozze di patrizi con dame di grandi famiglie zaratine, come Matafari, Bregna, Grisogono, Sopa (anche se di certo non celebrate durante munere ). Tutto ciò veniva tollerato in linea di fatto, in quanto rafforzava i legami con la classe dirigente delle città suddite. Compito del rettore era, come si è detto, rappresentare lo stato nella sua gloria e grandezza, senza esaltare se stesso: tuttavia in linea di fatto si tolleravano iscrizioni e statue in onore di lui, pur vietate in linea di principio, nella convinzione che anch esse indirettamente giovassero al prestigio della Repubblica. Purtroppo il divieto fu rinnovato con insolita energia nel : fu addirittura disposta la distruzione delle opere esistenti, e in qualche reggimento, come Brescia e Feltre, si ebbe la debolezza di obbedire, con la conseguente triste perdita di preziose testimonianze storiche e

6 artistiche. Vietati erano anche gli scritti celebrativi all ingresso e all uscita del rettore, ma per analoghe ragioni se ne fecero molti senza che lo stato intervenisse. Tra i doveri del rettore vi era quello di tenere informato il governo centrale di quanto accadeva nel reggimento, sia per mezzo di frequenti dispacci, sia con una relazione finale, alla conclusione del mandato. Al rientro le notizie venivano comunicate oralmente, poi dovevano essere stese per iscritto, limitatamente alle cose essenziali. Non erano obbligati a redigere una relazione scritta i camerlenghi, i castellani e i rettori delle sedi minori. Oneri analoghi erano imposti agli ambasciatori, le cui relazioni costituiscono, come noto, una fonte di primaria importanza per la conoscenza della storia europea, di cui già il Ranke fece ampio uso. L obbligo della stesura di relazioni venne ribadito con una legge del 1524, che confermava analoghe precedenti disposizioni, non osservate; e questa volta al provvedimento venne data esecuzione. Incomincia da allora un flusso continuo di relazioni, pur con molte lacune, dovute in parte all inadempienza di non pochi rettori, in parte alla scomparsa di alcuni documenti, o alla collocazione di essi in sedi improprie. Tuttavia ciò che rimane è imponente. Le relazioni non sono tutte della stessa qualità e ampiezza, alcune offrono un quadro completo del reggimento sotto ogni aspetto, altre si limitano a trattare alcuni principali argomenti, alcune appaiono ricche di notazioni originali, altre più ripetitive. In generale esse seguono uno schema costante: si comincia con una descrizione della posizione geografica e di ciò che concerne la difesa, poi si tratta dell ambiente sociale, dell economia, dell amministrazione locale, della pubblica assistenza, della giustizia, della sanità. Alcuni studiosi hanno sollevato varie critiche al valore delle relazioni. Si è detto che non conterrebbero dati economici precisi: forse non abbondano i dati statistici, ma all economia della zona sono quasi sempre dedicate osservazioni e proposte puntuali e acute. Si disapprova il tono ossequioso verso i poteri centrali, le lodi costanti al predecessore, il richiamo alle virtù aristocratiche (spirito di sacrificio, senso del dovere): ma si tratta di formule di cortesia che l uso suggerisce, di uno stile che àncora il testo a una secolare tradizione, sottolineando i legami che uniscono l autore alla classe di governo cui appartiene, una classe che ha dato prova nei secoli di possedere davvero quelle virtù ch egli loda. E la cortesia delle formule non impedisce di mettere in evidenza, se necessario, errori del governo e dei predecessori, sia pure nelle forme rispettose richieste dal buon gusto: ad esempio, nella relazione di Bernardo Sagredo, il già ricordato provveditore generale a Cipro, critiche anche severe alla politica dei predecessori e degli organi centrali non mancano affatto. La qualità delle relazioni è in generale elevata. E stato notato che vi mancano informazioni di ordine culturale e artistico: ciò è spiegabile, trattandosi di testi politici e amministrativi, ma non sempre vero. Vorrei ricordare ad esempio la già citata relazione di Agostino Barbarigo, podestà e capitano di Capodistria, letta in Collegio nel 1669, in cui si consacra molto spazio alla descrizione, piena di ammirazione e ricca di particolari, dell arena di Pola, cui il Barbarigo ha dedicato molte cure, togliendo i tronchi di galera abbandonati che la dannificano assai oltre il levarli la natural bellezza e facendo tenir netti li suoi pilastri e volti. Esistono poi dei casi, rari certamente, in cui il rettore provvede ad indagini accuratissime sulla situazione del proprio territorio, affidandole a voluminosi allegati alla relazione. Il massimo esempio è offerto da Francesco Grimani, che raccolse una serie imponente di dati durante i suoi incarichi di provveditore generale in Dalmazia e Albania ( ), provveditore generale da mar, residente nelle Isole Ionie ( ), capitano di Brescia ( ), dati che confluirono poi nell opera grandiosa delle Anagrafi. E stato osservato che le relazioni si presentano con una frequenza maggiore in certi periodi, minore in altri, come nel lungo, drammatico, logorante periodo delle guerre turche, dal 1645 al Esse continuano ad essere prodotte fino agli ultimi anni della Repubblica. Vorrei ricordare a questo proposito la breve ma succosa relazione di Marco Foscari, capitano di Raspo dal 1789 al 1792, di recente pubblicata, assieme ai suoi dispacci e assieme - cosa invero curiosa - alle lettere che il patrizio si faceva inviare sistematicamente da tre suoi dipendenti veneziani per essere informato di ciò che accadeva nella capitale e sentire meno così la nostalgia della sua città.

7 È innegabile quindi che le relazioni costituiscano una fonte di straordinario interesse. Quelle di Terraferma sono state pubblicate, come noto, per iniziativa di Amelio Tagliaferri. Quelle provenienti dal dominio da Mar sono state oggetto di numerose pubblicazioni parziali, ma molte rimangono inedite e molte appaiono difficilmente accessibili. Riteniamo quindi che l iniziativa di Bruno Crevato-Selvaggi, che si svolge sotto gli auspici della Società Dalmata di Storia Patria di Roma, possa rappresentare un fatto di straordinaria importanza per gli studi e consentire una conoscenza più profonda della storia di quelle terre che per secoli sono state strettamente legate alla civiltà veneta. E siamo grati alla Regione del Veneto che ha fatto propria, e resa possibile, un iniziativa così utile e importante.

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO 1. POTERI UNIVERSALI Il medioevo cristiano riconosce dal punto di vista politico due somme autorità, il cui potere è di diritto universale, vale a dire un potere

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

L'ARCHIVIO DI STATO DI VENEZIA

L'ARCHIVIO DI STATO DI VENEZIA BIBLIOTHÈQUE DES "ANNALES INSTITUTORUM"-VOL. V ANDREA DA MOSTO Direttore dell'archivio di Stato di Venezia L'ARCHIVIO DI STATO DI VENEZIA INDICE GENERALE, STORICO, DESCRITTIVO ED ANALITICO CON IL CONCORSO

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1. Che cos è l Ordine Al Merito della Repubblica Italiana? L Ordine Al Merito della Repubblica Italiana è il primo degli Ordini cavallereschi nazionali.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

TRA REPUBBLICA E IMPERO (1420-1797)

TRA REPUBBLICA E IMPERO (1420-1797) TRA REPUBBLICA E IMPERO (1420-1797) 301 C a p i t o l o Quarto TRA REPUBBLICA E IMPERO (1420-1797) 1. MODELLI GOVERNATIVI TRA DUE SOVRANITÀ - Lo Scudo della Dominante - Equilibri politici - Tensioni con

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 Convenzione 78 CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro,

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

CARTA COSTITUZIONALE

CARTA COSTITUZIONALE CARTA COSTITUZIONALE DEL SOVRANO MILITARE ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI GERUSALEMME DI RODI E DI MALTA PROMULGATA IL 27 GIUGNO 1961 RIFORMATA DAL CAPITOLO GENERALE STRAORDINARIO DEL 28-30 APRILE

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

(N.132) Legge sulla divisione ed amministrazione delle province del regno.

(N.132) Legge sulla divisione ed amministrazione delle province del regno. (N.132) Legge sulla divisione ed amministrazione delle province del regno. Napoli 8 Agosto GIUSEPPE NAPOLEONE per la grazia di Dio Re di Napoli e di Sicilia, Principe Francese, Grand Elettore dell Impero.

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

L a Camera dei Comuni

L a Camera dei Comuni L a Camera dei Comuni breve guida CONTATTI Ufficio informazioni della Camera dei Comuni Tel: +44 (0)20-7219 4272 London SW1A 2TT Fax: +44 (0)20-7219 5839 Email: hcinfo@parliament.uk Ufficio informazioni

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli