Marino Zorzi. I domini veneziani in Istria e Dalmazia e l istituto rettorale. (testo integrale della relazione tenuta il 17 febbraio 2012)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marino Zorzi. I domini veneziani in Istria e Dalmazia e l istituto rettorale. (testo integrale della relazione tenuta il 17 febbraio 2012)"

Transcript

1 Marino Zorzi I domini veneziani in Istria e Dalmazia e l istituto rettorale (testo integrale della relazione tenuta il 17 febbraio 2012) Fino alla fine del secolo XI il Ducatus Venetie era l avamposto dell Impero d Oriente nell Italia settentrionale, una provincia, sia pur dotata di larga autonomia. Gli amplissimi privilegi concessi ai Venetici nel 1082 dall imperatore Alessio Comneno, per compensare l efficace aiuto da essi fornito contro i Normanni, e le possibilità di espansione offerte dalle crociate fecero sì che l autonomia del Ducato si estendesse fino ad una completa indipendenza di fatto. Da un lato Venezia resiste in armi all imperatore Giovanni, che vorrebbe revocare le concessioni del predecessore, dall altro in varie città occupate dai crociati si formano colonie veneziane, legate solo alla madrepatria. Il governo ducale vi invia dei baili, che dirigono gli affari della colonia, giudicano le liti fra i venetici, rappresentano la città madre di fronte ai vicini, amici o nemici. Il termine, non usato prima a Venezia, è forse mutuato dai crociati: il bailo, balivo, baiulo (che si trova anche in Dante), in Francia bailly, baile, in Inghilterra bailiff è appunto un alto funzionario statale. Come noto, nella laguna il sistema feudale non entrò mai: a Costantinopoli esso non esisteva fino alle crociate, essendo estraneo al diritto romano, ancora vigente nell Impero. Quindi la supremazia adriatica che Venezia acquisisce già nel IX secolo, come dimostrano i compiti di polizia marittima ch essa svolge in nome di Costantinopoli, con alterna fortuna, nei confronti di Saraceni e Slavi, non comporta un dominio di tipo feudale nei confronti delle città costiere. Anche la spedizione dell anno Mille, in cui Pietro Orseolo riceve l omaggio delle città istriane e dalmate, non sembra si traduca in una sudditanza formale (tuttavia Carlo Guido Mor parla di un senioratico del dux); d altro canto difficilmente il potentissimo Basilio II, che governava con ferrea energia l Impero allora all apogeo, avrebbe consentito ad una limitazione della sua sovranità. Alla metà del secolo successivo si verifica un fatto nuovo, che condizionerà la storia dalmata: il regno di Ungheria incomincia il suo sforzo secolare per affacciarsi all Adriatico. Zara per qualche tempo diviene dominio ungherese, col favore di una parte dei cittadini; il doge Domenico Contarini ricupera dopo poco tempo la città all Impero, ma la lotta sarà ormai continua, alimentata dagli opposti partiti, filoveneto e filoungherese, che si contenderanno il predominio nelle città fino alla definitiva affermazione veneziana nel Quattrocento. Nel 1107 il re Colomano si insignorisce di Zara e di Spalato, inviandovi un conte. Nel 1123 il doge Vitale Michiel II ristabilisce la supremazia veneziana; più tardi, dato l allentarsi dei vincoli con l Impero d Oriente (l imperatore Manuele arriverà nel 1171 a ordinare l arresto dei Veneziani in tutto l Impero e la confisca delle loro mercanzie), Venezia agisce in proprio e nomina nel 1160 dei conti a Zara, Ossero, Arbe. Il titolo e i poteri ricalcano quelli di cui godevano i governanti ungheresi: Venezia si adegua alla situazione e alle consuetudini dei luoghi, obbedendo a criteri politici che seguirà costantemente. L esperimento dura poco, prevale di nuovo negli anni ottanta il partito ungherese. Le vicende dell Istria presentano forti analogie con quelle dalmate. L antica unità tra il Ducatus Venetie e l Istria si spezza quando i Longobardi, tra il 768 e il 772, conquistano la penisola istriana; permane invece quella ecclesiastica, essendo l Istria e il ducato compresi nel patriarcato di Grado. Ma anche questa unione cessa nel IX secolo, quando l Impero franco, subentrato al regno longobardo, fa sì che l Istria si assoggetti alla giurisdizione del patriarcato di Aquileia. Venezia, che mantiene la supremazia marittima in nome dell Impero d Oriente, non perde il contatto strettissimo con le città della costa. Nel 932 il legame con Giustinopoli (o Capodistria) viene consacrato in un patto formale: la città viene dichiarata federata, e promette fidelitas al dux, impegnandosi a fornire annualmente vini boni amphoras centum. Isola d Istria si dà a Vitale Candiano nel 973. Solo molto tempo dopo, nel 1145, Pola promette, o conferma, la sua fidelitas. Il marchese d Istria, vassallo diretto dell Imperatore Germanico, non è presente all atto, ma vi interviene un comes, Enrico, suo vassallo (l Istria era divisa allora in tre contee, Carsia, Istria e Pola). L anno

2 stesso Giustinopoli conferma l antica fidelitas. In cambio della protezione marittima veneziana, le due città si impegnano ad armare a loro spese, in caso di guerra, una galea, fornita da Venezia. Seguiranno nel 1150 i patti con le altre città della costa. L alta sovranità rimane dunque all Imperatore germanico, da cui dipendono il marchese e i conti; le città costiere, in cui fiorisce ormai la civiltà comunale, coltivano un legame particolare con Venezia, che si aggiunge all altro. La quarta crociata segna un mutamento profondo. Già all avvio, nel 1202, l armata crociata ricupera Zara a Venezia. Poi l imprevisto evento della conquista di Costantinopoli fa sì che il doge divenga un autorità del tutto indipendente, anche formalmente, non solo dall Impero Germanico, cui mai Venezia era appartenuta, ma anche da quello Romano d Oriente, da cui il dux eredita dignità, insegne e cerimoniale. Venezia acquista vasti domini: quella quarta parte e mezzo dell Impero di Romania che riesce solo in parte a occupare. A Costantinopoli riceve una porzione analoga della città e nomina ad amministrarla un potestas, podestà, Marino Zeno. Il termine è largamente usato nel mondo comunale a designare un forestiero stimato e autorevole, estraneo al comune, chiamato a governare la città quando questa non riesce a risolvere le lotte intestine. Lo spiega anche Dante, quando parla dei due frati gaudenti Catalano e Loderingo, da tua terra presi come suol esser tolto un uom solingo per conservar sua pace. Spesso i nobili veneziani, che godevano di larga fama per equità e capacità di governo, erano chiamati all incarico in varie città italiane. A Costantinopoli il caso è ovviamente diverso, ma risalta il fatto che si tratta di un funzionario temporaneo. Al podestà, dopo la caduta dell Impero latino e il ritorno del legittimo imperatore greco, subentrerà nel 1268 il bailo, con analoghe funzioni di capo della comunità veneziana e di ambasciatore, prima presso il sovrano bizantino poi presso il sultano turco, fino al A Creta, l unico territorio che Venezia cerca di colonizzare direttamente, si crea una struttura analoga a quella della capitale lagunare: la governa un duca, temporaneo, nominato da Venezia, assistito da consigli modellati su quelli della madrepatria. A Modone e Corone si invia un castellano. Nelle isole dell Egeo Venezia non ha i mezzi per imporre il proprio dominio diretto e fa quindi ricorso alle istituzioni feudali: Marco Sanudo viene nominato duca di Nasso, e da lui vagamente dipendono vari signori feudali minori, tutti nobili veneziani. Le vicende di queste famiglie si intrecciano con quelle dei feudatari franchi e italiani dell Impero latino; molte sopravviveranno fino alla conquista turca. Nell organizzazione del dominio di Levante risalta quella flessibilità che caratterizza la politica veneziana, quella capacità di adattare le soluzioni alle condizioni e tradizioni di luoghi e società diverse, cui si è già accennato. Tornando al mondo adriatico, a Zara, ricuperata come si è detto nel 1202, e nelle altre città dalmate vengono inviati magistrati, la cui durata in carica è temporanea, col vecchio titolo di conte: nel 1220 Nicolò Querini a Cherso, nel 1237 Giovanni Dandolo a Ragusa, nel 1236 Marco Mastropioero ad Arbe. Spalato e Traù non sono soggette. Nel 1278 si invia a Lesina un podestà. Nel 1254 il conte Marsilio Zorzi riesce a rimanere comes perpetuus a Curzola, altrettanto ottiene Ruggero Morosini ad Arbe: ma sono casi eccezionali, la regola è la temporaneità. Il titolo è solo una rievocazione del passato. In Istria nel Duecento alla pacifica coesistenza tra l entroterra imperiale e la costa legata a Venezia subentra una situazione conflittuale: ciò quando l imperatore Federico II investe il patriarca Wolchero, poi il successore Bertoldo di Andechs, della marca d Istria, prima infeudata alle grandi case tedesche degli Andechs e degli Sponheim, che poco se ne curavano. I patriarchi cercano di affermare la loro autorità, a danno dei comuni costieri e di Venezia. Una soluzione esemplare è quella cui riesce a pervenire Pirano, che ottiene nel 1231 un equilibrato accordo: al Patriarca si riconosce l honor regalis, salvi l honor Venecie (l antica fidelitas ), e le libertà comunali. Ma altrove gli scontri sono gravi, in particolare tra Venezia e Pola, che nel 1242 viene presa e saccheggiata. Il patriarcato mostra la sua debolezza quando nel 1267 il patriarca stesso, Gregorio di Montelongo, viene fatto prigioniero dal conte di Gorizia, avvocato della chiesa aquileiese, che

3 persegue senza scrupoli il proprio interesse. L anno stesso il comune di Parenzo, fiero della sua autonomia minacciata da Capodistria, chiede a Venezia l invio di un console e di un presidio: Venezia manda un podestà. Nel 1269 Umago segue l esempio di Parenzo. L anno dopo Cittanova offre la subiectio. Capodistria, alleatasi al conte di Gorizia, attacca Montona e Isola, veneziane, ma viene sconfitta e si sottomette nel Nel 1283 si danno a Venezia Pirano e Rovigno. Rimane al patriarca Trieste, con cui gli scontri sono durissimi; per mantenere la propria indipendenza di fatto la città si sottomette al duca d Austria. Tornerà a Venezia solo dal 1368 al 1380, poi di nuovo per breve tempo nel Pola riesce a destreggiarsi abilmente tra Venezia e il patriarcato sotto la guida dell antichissima famiglia dei Sergi, detti de Castropola perché il patriarca ha affidato loro il castello che sovrasta la città; essi riescono a dominare il comune sino a farsene veri signori, come accadeva in tante città italiane, ma commettono l errore di farsi nemica Venezia, che - forte anche di un partito cittadino a lei favorevole - li rovescia ed esilia nel Da allora la città riceve un rettore da Venezia, che porta il titolo di conte, in ricordo dell antico feudatario del marchese d Istria. Il Trecento vede il primo acquisto veneziano in Terraferma, nel 1338: Treviso, con Mestre, fino a quell anno terra straniera. Ma quel secolo vede anche lo scontro mortale con Genova. Si trattava di conflitti di dimensioni europee, combattuti in Terraferma, in Dalmazia, sui mari del Levante, nell Adriatico e nel Tirreno, cui prendevano parte a fianco di Genova il regno d Ungheria, il duca d Austria, la signoria di Padova. L ultimo atto fu la guerra di Chioggia, che si chiuse con la vittoria di Venezia, cui seguì nel 1381 la pace di Torino. E un momento eccezionale per la città, che non ha più rivali sul mare. La disfatta subita nel 1402 dall impero turco, attaccato da Tamerlano, la libera per qualche anno dal pericolo maggiore in Levante. E Venezia sa approfittare della situazione. Nel 1386 estende il suo dominio su Corfù e Butrinto; nel 1388 è la volta di Argo, Nauplion e Andros; nel 1390 di Tinos, Mikonos e Negroponte; nel 1392 di Durazzo; nel 1393 di Alessio; nel 1396 di Scutari e Drivasto; nel 1407 di Lepanto e Patrasso; nel 1417 di Zonchio. Tra il 1409 e 1420 l intera Dalmazia, con l eccezione di Ragusa, torna sotto il dominio veneto. Intanto il Veneto, il Friuli, più tardi Bergamo, Brescia e Crema entrano a far parte dello stato. E un avanzata trionfale, favorita dalla ricchezza della città e dalla sua abilità diplomatica, ma anche dalla fama che si era acquistata di amministratrice giusta e benevola. Vi è una gara ad offrirsi a Venezia. Qualche volta l offerta è rifiutata, per timore di complicazioni internazionali: Cattaro la ripete per quattro volte, e solo alla quinta la Repubblica accetta. La terribile guerra con Maometto II, combattuta da Venezia quasi del tutto sola, salvo l aiuto ottenuto dal re persiano Husun Hassan, per diciassette anni, dal 1463 al 1479, in Morea, nell Egeo, in Albania, in Friuli, segnò l inizio del ripiegamento. Venezia subì la perdita di Argo, di Lemno, di Negroponte, di Scutari e Croia in Albania. L acquisto del regno di Cipro nel 1489 costituì un cospicuo compenso. Ma ormai di fronte al colosso turco Venezia era ridotta a una posizione di difesa, e l arretramento continuò, con una resistenza accanita, fino alla grandiosa riscossa della guerra di Morea, dal 1683 al 1699, i cui risultati furono vanificati nel L espansione in Italia, che Venezia aveva ripreso energicamente dopo la fine della guerra turca, fu sbarrata dalla lega europea di Cambrai. Solo in Dalmazia invece vi furono allargamenti territoriali, all interno del paese. Ovunque vengono inviati a governare i territori annessi dei rettori, con titoli diversi: di podestà nei centri maggiori, di conte nelle città dalmate e a Pola, di provveditore nelle piazzeforti importanti e dove vi sia maggior necessità o pericolo di interventi militari, di castellano nelle fortezze. In Friuli e a Cipro viene inviato un Luogotenente. Cariche tutte riservate ai nobili veneziani. Le elezioni avevano luogo nel Maggior Consiglio, per quattro mani di elettori per i reggimenti maggiori, due per i minori: si eleggevano due o quattro gruppi di nove elettori, ciascuno dei quali eleggeva un candidato; tra i due o quattro prescelti sceglieva il Maggior Consiglio. Al di sopra dei rettori si nominava eccezionalmente un provveditore generale, dotato di poteri straordinari, cui si faceva ricorso in caso di guerra o in altri momenti di necessità e di pericolo. La

4 situazione della Dalmazia, esposta all attacco turco a partire dalla guerra che Venezia, come si è detto, condusse dal 1463 al 1479 contro Maometto II, richiedeva di frequente la nomina di tali personaggi, dotati di poteri tali da meglio garantire una efficace difesa. Dal 1597 la carica sarà permanente, mettendo in ombra i rettori. Al provveditore generale in Dalmazia e Albania (tale sarà il titolo) era superiore nell onore soltanto il provveditore generale da mar, ovvero, in caso di guerra, il capitano generale da mar. Talvolta si nominava, in caso di guerra o minaccia di guerra, un provveditore generale in terraferma, mentre i provveditori in campo seguivano da vicino le operazioni belliche, dettando la strategia e controllando l operato dei militari di professione. A fianco del podestà o conte si eleggeva il capitano, ma solo nei reggimenti maggiori, mentre nei minori le cariche si assommavano nella stessa persona. Il capitano aveva compiti militari e fiscali, talvolta esercitava la giurisdizione penale. Sempre nei reggimenti maggiori il camerlengo sovrintendeva alle finanze. Anche queste cariche erano riservate ai nobili veneziani. Delicatissimo il compito dei rettori, che dovevano mediare tra il potere centrale e i sudditi, assicurando l equilibrio tra la volontà e l interesse del primo e le aspirazioni e interessi dei secondi. Come scrive nel 1669 Agostino Barbarigo, podestà e capitano di Capodistria, nella sua relazione, bisognava procurare più con desterità che col rigore di sostener le pubbliche ragioni. Ad essi spettava in ultima istanza, salvo l appello a Venezia, la giurisdizione civile e penale nel reggimento: potere/dovere di decisiva importanza perché il buono o cattivo esercizio di esso poteva assicurare il miglior rapporto tra la Dominante e i sudditi o pregiudicarlo. Il rettore doveva applicare gli Statuti del luogo, rivisti e corretti a seguito della dedizione a Venezia: dummodo sint, come si dice in quello di Padova, secundum deum et iustitiam et honorem nostrum Venetiarum et bonum ipsius civitatis et districtus, bona fide. In definitiva l arbitrium del rettore era decisivo: i Veneziani diffidavano del tecnicismo giuridico e preferivano affidarsi all equità, di cui i magistrati da loro eletti erano gli interpreti. Si comprende quanto fosse importante la corretta applicazione di questo principio da parte del rettore, l unico a godere nel suo giudizio di questa libertas. Nell attività giudiziaria il rettore era coadiuvato da una sua corte, costituita da due o più giudici. Nei grandi centri, come Padova e Verona, l organizzazione era molto complessa, e vi si impiegavano giuristi competenti. Di importanza centrale era il sistema degli appelli, che facevano capo per le questioni di maggiore entità ai consigli della capitale. Le corti competenti erano gli Auditori Vecchi per il dogado e il dominio da mar; gli Auditori Novi per la Terraferma. Si trattava di tre magistrati eletti dal Maggior Consiglio. Se laudavano (confermavano) la sentenza, questa diventava definitiva; se la tagliavano, dagli Auditori Novi ci si appellava ai Vecchi, e viceversa, e per le cause maggiori alla Quarantia. Più tardi l appello, per le cause di valore modesto, andava agli Auditori Novissimi. In materia penale era competente la Quarantia Criminal. In vari reggimenti, come Padova e Verona, era possibile ricorrere in loco a due gradi di giudizio, e se si ottenevano due sentenze conformi la sentenza diventava definitiva. Anche a Capodistria era istituita una corte composta dal podestà e da due consiglieri, che decideva in appello, e quindi in via definitiva, sulle sentenze emesse dai rettori minori, in materia sia civile sia criminale, salvo quelle relative a negotii di comunità, di fondachi e luochi pii. La complessità del sistema era frutto della grande varietà degli ordinamenti vigenti nei luoghi entrati a far parte dello stato, delle diverse condizioni sociali ed economiche in cui questi si trovavano, della diversità dei patti di dedizione, e corrispondeva a quella flessibilità e a quel pragmatismo che, come si è più volte rilevato, caratterizzava la politica veneziana, in questo e altri campi. L ampia possibilità offerta agli interessati di ricorrere alle corti centrali mirava a rendere il più possibile unitaria l amministrazione della giustizia e a controllare l operato dei rettori, sempre avendo in vista l honor Venetie e il bonum della città governata. La macchinosità dell ordinamento, frutto di secolari sovrapposizioni, offriva poi ampi margini di intervento per aggiustamenti e adattamenti a situazioni disparate. Gli appelli costituivano un forte limite al potere dei rettori, che talvolta lamentano la riduzione di autorità che deriva loro dalle frequenti sentenze emesse dalle corti della capitale contrarie alle loro. Vi era anche qui un problema di equilibrio, per cui il governo si sforzava da un lato di venire

5 incontro alle esigenze dei sudditi, dall altro di non impoverire il ruolo dei rettori. Un passo in favore di questi ultimi fu l estensione ad alcuni di essi del rito penale del Consiglio di Dieci, decisa nel Seicento. Altra grave limitazione, le periodiche ispezioni dei sindici, ovvero ispettori in visita nelle città del dominio. Spesso tale ruolo era assunto per la Terraferma dagli Auditori Novi, magistrati non di rado giovani, che talvolta erano portati ad eccedere nello zelo esercitando i loro poteri di controllo. Al rettore peraltro non mancavano occasioni per difendersi, e molto spesso le corti superiori di Venezia finivano col dargli ragione. Accadeva poi che venisse nominato un provveditore generale e sindico, che cumulava i poteri relativi alle due funzioni. Poteri amplissimi; ma anche a simili altissimi personaggi non mancavano difficoltà e fastidi, se si adoperavano con passione. Ne offre un esempio Bernardo Sagredo, provveditore generale e sindico a Cipro nel , che si sforzò negli anni del suo governo di combattere abusi, inganni, sopraffazioni dei feudatari a danno dei contadini, ricevendo in cambio, al ritorno a Venezia, due gravi denunzie al Consiglio di Dieci, cui seguì un lungo processo, con finale assoluzione. Nel corso del Quattro e Cinquecento la carriera dei rettori si definisce. I grandi reggimenti, che aprono la via al Senato e al Collegio, magari alla Procuratia, sono ambiti da chi aspira all elezione negli organi supremi. Le grandi sedi, come Padova, Verona, Brescia, Zara, sono ricoperte spesso dalla stessa persona, che cessato un incarico ne riceve subito un altro, in progressione di importanza, alternando il servizio nei reggimenti ad ambascerie all estero, in sedi via via più prestigiose. Spesso questi patrizi trascorrono dei periodi a Venezia, eletti a qualche alta carica di governo, per poi ripartire infaticabili verso altre sedi; altri non tornano a casa per vari anni. In generale si tratta di nobili provvisti di larghe sostanze, che possono far fronte alle spese che i reggimenti maggiori e le ambascerie comportano, non essendo spesso sufficienti i fondi assegnati dal governo. Le altre sedi inferiori rimangono destinate a nobili di più modesti mezzi e ambizioni. I primi reggimenti sono detti per questo con pena, perché chi li occupa deve sopperire alla deficienza della dotazione di tasca propria, i secondi di soldo, perché l appannaggio consente una vita decorosa. Tuttavia il limite tra gli uni e gli altri doveva non sempre essere netto, perché in molti casi si registrano rifiuti di accettazione della carica, nonostante i divieti e le relative sanzioni pecuniarie e di carriera: evidentemente vi erano posti che non allettavano nessuno, né per il prestigio né per il salario. E d altra parte il sacrificio era in molti casi evidente: rischi, pericoli, spese, lontananza. Ma qualcuno alla fine risultava eletto e, benché scontento, accettava. E in generale si comportava in modo adeguato. Si formano fra i rettori specializzazioni territoriali ereditarie: i Sagredo ad esempio ottengono frequenti incarichi a Zara, a Modone si trovano spesso nel Quattrocento i Bembo. Evidentemente la conoscenza dei luoghi che si trasmetteva nelle famiglie veniva apprezzata dagli elettori. Il rettore, rappresentante dello stato, doveva apparire una figura elevata, posta su di un piano diverso, separato da quello degli amministrati, e ad affermare il principio miravano le leggi della Repubblica: non può legarsi in alcun modo ai sudditi, in particolare partecipando a iniziative commerciali o sposando donne del luogo; non può nemmeno partecipare a feste e banchetti, se non in particolari circostanze. Di fatto molti trasgrediscono, creando per sé e per il proprio casato vincoli proficui e durevoli: è il caso ad esempio delle nozze di patrizi con dame di grandi famiglie zaratine, come Matafari, Bregna, Grisogono, Sopa (anche se di certo non celebrate durante munere ). Tutto ciò veniva tollerato in linea di fatto, in quanto rafforzava i legami con la classe dirigente delle città suddite. Compito del rettore era, come si è detto, rappresentare lo stato nella sua gloria e grandezza, senza esaltare se stesso: tuttavia in linea di fatto si tolleravano iscrizioni e statue in onore di lui, pur vietate in linea di principio, nella convinzione che anch esse indirettamente giovassero al prestigio della Repubblica. Purtroppo il divieto fu rinnovato con insolita energia nel : fu addirittura disposta la distruzione delle opere esistenti, e in qualche reggimento, come Brescia e Feltre, si ebbe la debolezza di obbedire, con la conseguente triste perdita di preziose testimonianze storiche e

6 artistiche. Vietati erano anche gli scritti celebrativi all ingresso e all uscita del rettore, ma per analoghe ragioni se ne fecero molti senza che lo stato intervenisse. Tra i doveri del rettore vi era quello di tenere informato il governo centrale di quanto accadeva nel reggimento, sia per mezzo di frequenti dispacci, sia con una relazione finale, alla conclusione del mandato. Al rientro le notizie venivano comunicate oralmente, poi dovevano essere stese per iscritto, limitatamente alle cose essenziali. Non erano obbligati a redigere una relazione scritta i camerlenghi, i castellani e i rettori delle sedi minori. Oneri analoghi erano imposti agli ambasciatori, le cui relazioni costituiscono, come noto, una fonte di primaria importanza per la conoscenza della storia europea, di cui già il Ranke fece ampio uso. L obbligo della stesura di relazioni venne ribadito con una legge del 1524, che confermava analoghe precedenti disposizioni, non osservate; e questa volta al provvedimento venne data esecuzione. Incomincia da allora un flusso continuo di relazioni, pur con molte lacune, dovute in parte all inadempienza di non pochi rettori, in parte alla scomparsa di alcuni documenti, o alla collocazione di essi in sedi improprie. Tuttavia ciò che rimane è imponente. Le relazioni non sono tutte della stessa qualità e ampiezza, alcune offrono un quadro completo del reggimento sotto ogni aspetto, altre si limitano a trattare alcuni principali argomenti, alcune appaiono ricche di notazioni originali, altre più ripetitive. In generale esse seguono uno schema costante: si comincia con una descrizione della posizione geografica e di ciò che concerne la difesa, poi si tratta dell ambiente sociale, dell economia, dell amministrazione locale, della pubblica assistenza, della giustizia, della sanità. Alcuni studiosi hanno sollevato varie critiche al valore delle relazioni. Si è detto che non conterrebbero dati economici precisi: forse non abbondano i dati statistici, ma all economia della zona sono quasi sempre dedicate osservazioni e proposte puntuali e acute. Si disapprova il tono ossequioso verso i poteri centrali, le lodi costanti al predecessore, il richiamo alle virtù aristocratiche (spirito di sacrificio, senso del dovere): ma si tratta di formule di cortesia che l uso suggerisce, di uno stile che àncora il testo a una secolare tradizione, sottolineando i legami che uniscono l autore alla classe di governo cui appartiene, una classe che ha dato prova nei secoli di possedere davvero quelle virtù ch egli loda. E la cortesia delle formule non impedisce di mettere in evidenza, se necessario, errori del governo e dei predecessori, sia pure nelle forme rispettose richieste dal buon gusto: ad esempio, nella relazione di Bernardo Sagredo, il già ricordato provveditore generale a Cipro, critiche anche severe alla politica dei predecessori e degli organi centrali non mancano affatto. La qualità delle relazioni è in generale elevata. E stato notato che vi mancano informazioni di ordine culturale e artistico: ciò è spiegabile, trattandosi di testi politici e amministrativi, ma non sempre vero. Vorrei ricordare ad esempio la già citata relazione di Agostino Barbarigo, podestà e capitano di Capodistria, letta in Collegio nel 1669, in cui si consacra molto spazio alla descrizione, piena di ammirazione e ricca di particolari, dell arena di Pola, cui il Barbarigo ha dedicato molte cure, togliendo i tronchi di galera abbandonati che la dannificano assai oltre il levarli la natural bellezza e facendo tenir netti li suoi pilastri e volti. Esistono poi dei casi, rari certamente, in cui il rettore provvede ad indagini accuratissime sulla situazione del proprio territorio, affidandole a voluminosi allegati alla relazione. Il massimo esempio è offerto da Francesco Grimani, che raccolse una serie imponente di dati durante i suoi incarichi di provveditore generale in Dalmazia e Albania ( ), provveditore generale da mar, residente nelle Isole Ionie ( ), capitano di Brescia ( ), dati che confluirono poi nell opera grandiosa delle Anagrafi. E stato osservato che le relazioni si presentano con una frequenza maggiore in certi periodi, minore in altri, come nel lungo, drammatico, logorante periodo delle guerre turche, dal 1645 al Esse continuano ad essere prodotte fino agli ultimi anni della Repubblica. Vorrei ricordare a questo proposito la breve ma succosa relazione di Marco Foscari, capitano di Raspo dal 1789 al 1792, di recente pubblicata, assieme ai suoi dispacci e assieme - cosa invero curiosa - alle lettere che il patrizio si faceva inviare sistematicamente da tre suoi dipendenti veneziani per essere informato di ciò che accadeva nella capitale e sentire meno così la nostalgia della sua città.

7 È innegabile quindi che le relazioni costituiscano una fonte di straordinario interesse. Quelle di Terraferma sono state pubblicate, come noto, per iniziativa di Amelio Tagliaferri. Quelle provenienti dal dominio da Mar sono state oggetto di numerose pubblicazioni parziali, ma molte rimangono inedite e molte appaiono difficilmente accessibili. Riteniamo quindi che l iniziativa di Bruno Crevato-Selvaggi, che si svolge sotto gli auspici della Società Dalmata di Storia Patria di Roma, possa rappresentare un fatto di straordinaria importanza per gli studi e consentire una conoscenza più profonda della storia di quelle terre che per secoli sono state strettamente legate alla civiltà veneta. E siamo grati alla Regione del Veneto che ha fatto propria, e resa possibile, un iniziativa così utile e importante.

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati 1000-1454 ITC Custodi, gennaio 2012 1 La nascita dei comuni Le città dell Europa centrale, che erano sottoposte a un signore, a un conte o a un vescovo,

Dettagli

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul.

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul. Il territorio dell'impero Romano d'oriente prima delle conquiste di Giustiniano L'impero alla morte dell'imperatore nel 565 L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

LO STATO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LO STATO. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATO (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) DALLA SOCIETA' ALLO STATO La nascita di uno Stato è il risultato di un lungo processo storico; nel corso dei secoli la società si

Dettagli

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D'INGHILTERRA, noto anche con il nome di Riccardo Cuor di Leone nacque in Inghilterra l 8 settembre 1157, quarto figlio del re d Inghilterra ENRICO

Dettagli

Venezia e il suo impero. Vittore Carpaccio, Leone di San Marco (dettaglio), 1516

Venezia e il suo impero. Vittore Carpaccio, Leone di San Marco (dettaglio), 1516 Venezia e il suo impero Vittore Carpaccio, Leone di San Marco (dettaglio), 1516 L Impero Bizantino Repubblica di Venezia, c. 1000 In rosso scuro i domini della Repubblica, in rosso chiaro le terre di confine,

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi Il Basso Medioevo A cura del prof. Marco Migliardi Introduzione Il drammatico scontro per il diritto di nomina dei vescovi (le investiture) che oppone Papato e Impero è in realtà solo un aspetto del più

Dettagli

I comuni attravero due documenti

I comuni attravero due documenti I comuni attravero due documenti Nel corso dell XI secolo nell Italia del nord e in Europa, gruppi di cittadini o di abitanti del contado danno origine a nuovi ordinamenti giuridici, politici ed economici.

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA di Angelo Fasolo L Italia si trovò spiazzata dallo scoppio della prima guerra mondiale. La triplice alleanza, nata il 20 maggio 1882, era un patto militare di carattere esclusivamente

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

Oliviero Carafa fu condoero e finanziatore della Crociata

Oliviero Carafa fu condoero e finanziatore della Crociata Michele Langella Oliviero Carafa fu condoero e finanziatore della Crociata 2012 vesuvioweb Oliviero Carafa e la Crociata Qualche cenno alla storia della vita del personaggio, coinvolto in una importante

Dettagli

VADEMECUM ACQUISTO RIACQUISTO RINUNCIA CONCESSIONE DELLA CITTADINANZA ITALIANA

VADEMECUM ACQUISTO RIACQUISTO RINUNCIA CONCESSIONE DELLA CITTADINANZA ITALIANA VADEMECUM ACQUISTO RIACQUISTO RINUNCIA CONCESSIONE DELLA CITTADINANZA ITALIANA tutte le tipologie di acquisto e/o riconoscimento della cittadinanza dei cittadini stranieri residenti in Italia: La cittadinanza

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

La crisi dei poteri unversali. 1 - La crisi dell'impero

La crisi dei poteri unversali. 1 - La crisi dell'impero La crisi dei poteri unversali 1 - La crisi dell'impero Quale crisi? L'Istituzione imperiale permane sino al 1804, tuttavia sin dal '300 perde il suo carattere sacro e universale. L'impero si laicizza e

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila Le mura di Avila Santa Teresa d Avila (1515-1582) era al Carmelo di Toledo quando il re del Portogallo,

Dettagli

LA FONDAZIONE GIORGIO CINI Statuto

LA FONDAZIONE GIORGIO CINI Statuto LA FONDAZIONE GIORGIO CINI Statuto Articolo l Con atto 20 aprile 1951, rogato dal Notaio Capo di Roma, il Conte Vittorio Cini ha istituito, anche a nome della propria Famiglia, in ricordo della generosa

Dettagli

IL PIENO MEDIOEVO. 1 3. Il pieno medioevo. 1000 d.c 1300 d.c. 1492 D.C. 476 D.C. V VI VII VIII IX X XI XII XIII XIV XV BASSO PIENO MEDIOEVO

IL PIENO MEDIOEVO. 1 3. Il pieno medioevo. 1000 d.c 1300 d.c. 1492 D.C. 476 D.C. V VI VII VIII IX X XI XII XIII XIV XV BASSO PIENO MEDIOEVO 1 3. Il pieno medioevo IL PIENO MEDIOEVO 476 D.C. 1000 d.c 1300 d.c. 1492 D.C. V VI VII VIII IX X XI XII XIII XIV XV ALTO MEDIOEVO PIENO MEDIOEVO BASSO MEDIOEVO INTRODUZIONE. IL PIENO MEDIOEVO È UN EPOCA

Dettagli

CROCE VERDE ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO - VENEZIA TERRAFERMA STATUTO

CROCE VERDE ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO - VENEZIA TERRAFERMA STATUTO CROCE VERDE ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO - VENEZIA TERRAFERMA STATUTO CAPO 1 ORIGINI, SCOPI ED ORGANIZZAZIONE Art. 1 L Associazione CROCE VERDE - MESTRE VOLONTARI DEL SOCCORSO di VENEZIA TERRAFERMA

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura di giudice

Dettagli

L arbitrato internazionale: perchè e come

L arbitrato internazionale: perchè e come 12 PROMOZIONE FIRENZE n.1, gennaio/giugno 2006 L arbitrato internazionale: perchè e come * Professore ordinario dell Università di Firenze; Avvocato Vincenzo Vigoriti * I - L arbitrato è l istituto che

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

Saluto del Prof. Franco Gallo al Presidente Quaranta Palazzo della Consulta (Udienza pubblica del 15 gennaio 2013)

Saluto del Prof. Franco Gallo al Presidente Quaranta Palazzo della Consulta (Udienza pubblica del 15 gennaio 2013) Saluto del Prof. Franco Gallo al Presidente Quaranta Palazzo della Consulta (Udienza pubblica del 15 gennaio 2013) Il prossimo 27 gennaio il Presidente Quaranta cessa dalla sua carica di giudice costituzionale.

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

Formazione civica. Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri

Formazione civica. Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri Formazione civica Materiali per la programmazione di percorsi di cittadinanza per adulti stranieri EUROPA e ITALIA EUROPA L'UNIONE EUROPEA 28 paesi (fino al 1945 spesso in guerra fra loro) Norme e istituzioni

Dettagli

IL DIFENSORE CIVICO E LA TUTELA DEI DIRITTI UMANI edizione per le scuole della Basilicata

IL DIFENSORE CIVICO E LA TUTELA DEI DIRITTI UMANI edizione per le scuole della Basilicata IL DIFENSORE CIVICO E LA TUTELA DEI DIRITTI UMANI edizione per le scuole della Basilicata 3 Cari studenti dedico a voi questo modesto lavoro pensato per fornirvi le prime ed indispensabili cognizioni

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

SULLA DURATA IN CARICA DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE

SULLA DURATA IN CARICA DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE SULLA DURATA IN CARICA DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE Il quadro legislativo. I Art. 1129, primo comma, c.c.: Quando i condomini sono più di otto, se l'assemblea non vi provvede, la nomina di un amministratore

Dettagli

Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna

Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna Mario Infelise I padroni dei libri. Il controllo sulla stampa nella prima età moderna Laterza, 2014 Pagine 234 ISBN 978 8858111055 I padroni dei libri. 2014 Laterza Assaggio di lettura: pagine 203-205

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio

Luca Masera. Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio Luca Masera Lampedusa: politiche di detenzione e rimpatrio 1. Per comprendere davvero quello che è successo e sta succedendo a Lampedusa, credo sia utile cercare di inserire tale vicenda all interno del

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

I porti dell Albania alla base delle guerre balcaniche

I porti dell Albania alla base delle guerre balcaniche I porti dell Albania alla base delle guerre balcaniche Autore: Daniela Vathi Categoria : Storia dell Albania Data : 6 settembre 2013 L ambasciatore americano Williams svela il retroscena della diplomazia

Dettagli

L idea di Medioevo. Lezioni d'autore

L idea di Medioevo. Lezioni d'autore L idea di Medioevo Lezioni d'autore Immagine tratta da http://bibliotecamakart.altervista.org Il Medioevo come un lungo periodo di secoli oscuri : guerre, torture, caccia alle streghe. È importante sradicare

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

0.854.934.9 Convenzione tra la Svizzera e la Francia concernente l assistenza degli indigenti

0.854.934.9 Convenzione tra la Svizzera e la Francia concernente l assistenza degli indigenti Traduzione 1 0.854.934.9 Convenzione tra la Svizzera e la Francia concernente l assistenza degli indigenti Conchiusa il 9 settembre 1931 Approvata dall Assemblea federale il 21 giugno 1932 2 Ratificazioni

Dettagli

Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione

Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione Relazione sul tirocinio ex art. 73 D.L. 69/2013(convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) Introduzione L articolo 73 del D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98), modificato dagli articoli

Dettagli

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA

I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 515 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com I REFERENDUM PER UNA GIUSTIZIA GIUSTA 12 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I referendum per una giustizia giusta Responsabilità civile

Dettagli

La democrazia moderna è nata in Grecia

La democrazia moderna è nata in Grecia 01 Democrazia significa potere del popolo La democrazia è un sistema politico (regole e istituzioni di uno stato) dove tutti i cittadini hanno gli stessi diritti. La democrazia ha queste caratteristiche:

Dettagli

Province Illiriche (1809-1813)

Province Illiriche (1809-1813) Province Illiriche (1809-1813) Con il Trattato di pace di Vienna del 14 ottobre 1809, l Austria cedeva a Napoleone la Contea di Gorizia, Trieste, la Carniola con le sue enclavi sul golfo di Trieste, il

Dettagli

Era un treno di carne umana. matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale

Era un treno di carne umana. matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale Era un treno di carne umana matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale Diego Fortunati ERA UN TRENO DI CARNE UMANA matricola 80581 diario di un soldato italiano durante

Dettagli

Art. 3 Durata La Comunità ha durata illimitata. L esercizio corrisponde all anno solare.

Art. 3 Durata La Comunità ha durata illimitata. L esercizio corrisponde all anno solare. Art. 1 Costituzione e Denominazione pag. 1 Art. 2 Segno distintivo, timbro e sede legale attuale pag. 1 Art. 3 Durata pag. 1 Art. 4 Carattere pag. 1 Art. 5 Finalità e scopi pag. 1 Art. 6 Membri della Comunità

Dettagli

Carlo Magno e il Sacro Romano Impero

Carlo Magno e il Sacro Romano Impero Leggo il testo e faccio gli esercizi. Non importa se non capisco tutto subito, posso ritornare tante volte sul testo. unità Carlo Magno e il Sacro Romano Impero 5.1 II popolo dei Franchi crea uri grande

Dettagli

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 718 del 14 febbraio 2012, è. intervenuto sul tema della legittimazione processuale degli Ordini

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 718 del 14 febbraio 2012, è. intervenuto sul tema della legittimazione processuale degli Ordini Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 718 del 14 febbraio 2012, è intervenuto sul tema della legittimazione processuale degli Ordini Professionali a proporre autonoma impugnazione del parere con cui si

Dettagli

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE III L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE DELLA CHIESA IN ITALIA PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ----------------------------------------------------------

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Ad un avvocato conviene oggi seguire clienti col patrocinio a spese dello Stato? di Tiziano Solignani*

Ad un avvocato conviene oggi seguire clienti col patrocinio a spese dello Stato? di Tiziano Solignani* Ad un avvocato conviene oggi seguire clienti col patrocinio a spese dello Stato? di Tiziano Solignani* Ciao Tiziano, disturbo per chiederti cortesemente alcune indicazioni in merito alla Vostra esperienza

Dettagli

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani Alle radici della questione balcanica 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani L impero ottomano L impero turco ottomano raggiunge la sua massima espansione

Dettagli

Domenighini Stefano. La Posta in Istria da Cecco Beppe a Tito

Domenighini Stefano. La Posta in Istria da Cecco Beppe a Tito Domenighini Stefano La Posta in Istria da Cecco Beppe a Tito Prima della caduta della Serenissima (1797), operava in Istria il solo ufficio postale (veneto) di Capodistria; l assetto definitivo dato alla

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

può domandare il riesame della decisione presidenziale alla Commissione per l avvocatura.

può domandare il riesame della decisione presidenziale alla Commissione per l avvocatura. Legge sull avvocatura (LAvv) (del 13 febbraio 2012) 3.2.1.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 12 ottobre 2010 n. 6406 del Consiglio di Stato; visto il rapporto 28 novembre

Dettagli

Amnesty International e

Amnesty International e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani AI Foto: Eleanor Roosevelt e la Dichiarazione universale dei diritti umani. Novembre 1949, New York 1. Premessa 1.1 Il 10 dicembre 2008 è il 60 anniversario

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO

NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO L ORDINAMENTO DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 NATURA DELLO STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO ------------------------------------------------------ 3 2 L ORDINAMENTO

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006. Causa C-134/05 CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE M. POIARES MADURO presentate il 14 dicembre 2006 Causa C-134/05 Commissione delle Comunità europee contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Artt. 43 CE

Dettagli

Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni

Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni Il Grosso Veneziano Una trattazione semi-definitiva su tipologie e rappresentazioni A cura di Massimiliano Carrara www.maxcarrara.it numismatica@maxcarrara.it Indice Breve Storia...2 Iconografia e tipologie...3

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

La sentenza della Corte dell Aja e le stragi nazifasciste del 43 45

La sentenza della Corte dell Aja e le stragi nazifasciste del 43 45 6 febbraio 2012 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Numero Speciale Pubblichiamo, in questo speciale di ANPInews, una nota che il nostro Presidente Nazionale Carlo Smuraglia ha inteso redigere riguardo

Dettagli

Über uns Ausbildung Zulassung Mitglieder Fortbildung ReNo Azubi Bürger Aktuelles. Über uns. www.rechtsanwaltskammer-ffm.de

Über uns Ausbildung Zulassung Mitglieder Fortbildung ReNo Azubi Bürger Aktuelles. Über uns. www.rechtsanwaltskammer-ffm.de Über uns Secondo la legge federale relativa alla professione di avvocato, l Ordine degli Avvocati di Francoforte sul Meno è un organo di diritto pubblico che esercita le proprie funzioni in amministrazione

Dettagli

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora 1. Il punto di partenza indiscutibile è quello, sottolineato più volte da tutti, che l iscrizione anagrafica

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI PROF. GIUSEPPE CATALDI Indice 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME

Dettagli

VERSO LA COSTITUZIONE

VERSO LA COSTITUZIONE VERSO LA COSTITUZIONE Tanto tempo fa nel mondo non c erano ancora i treni, gli aerei e le automobili. Non c erano la radio, la televisione e i giornali che diffondono le notizie. Non c era l elettricità

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO. Testo Espositivo By Magenta DICHIARAZIONE DEI DIRITTI DELL UOMO E DEL CITTADINO E COSTITUZIONE A CONFRONTO Testo Espositivo By Magenta La Dichiarazione dei Diritti dell Uomo e del Cittadino Déclaration des Droits de l'homme et du

Dettagli

Intervento dell Avvocato Generale dello Stato. Avv. Michele Dipace

Intervento dell Avvocato Generale dello Stato. Avv. Michele Dipace Intervento dell Avvocato Generale dello Stato Avv. Michele Dipace IN OCCASIONE DELLA CERIMONIA DI INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO 2013 (Roma, 25 gennaio 2013) Signor Presidente della Repubblica, Autorità,

Dettagli

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Domanda: Sono un operatore di polizia giudiziaria e noto che molti colleghi con funzioni

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO IX LEGISLATURA 30ª Seduta pubblica Giovedì 20 gennaio 2011 Deliberazione legislativa n. 1 OGGETTO: PROGETTO DI LEGGE RELATIVO A CELEBRAZIONI PER IL CENTOCINQUANTESIMO ANNIVERSARIO

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

FRA TRECENTO E QUATTROCENTO: MONARCHIE NAZIONALI E SIGNORIE (PP. 190-219)

FRA TRECENTO E QUATTROCENTO: MONARCHIE NAZIONALI E SIGNORIE (PP. 190-219) FRA TRECENTO E QUATTROCENTO: MONARCHIE NAZIONALI E SIGNORIE (PP. 190-219) IN SINTESI: COME NEL TRECENTO SI RAFFORZANO LE MONARCHIE NAZIONALI A CAUSA ANCHE DEL DECLINO DI PAPATO E IMPERO, COSÌ IN ITALIA

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO Il 19 luglio 1943 il generale Alexander sbarcò in Sicilia. Al Suo seguito un esercito militare, dotato dei più moderni

Dettagli

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea di Valentina Bazzocchi Dopo la celebre sentenza Pupino 1, la Corte di giustizia

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli