Roma, Centro S. Maria della Provvidenza, giovedì 17 aprile MESSA IN COENA DOMINI celebrata dal SANTO PADRE FRANCESCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roma, Centro S. Maria della Provvidenza, giovedì 17 aprile 2014. MESSA IN COENA DOMINI celebrata dal SANTO PADRE FRANCESCO"

Transcript

1 Roma, Centro S. Maria della Provvidenza, giovedì 17 aprile 2014 MESSA IN COENA DOMINI celebrata dal SANTO PADRE FRANCESCO

2 da Pedagogia del dolore innocente Dopo lo scoppio della bomba, Marco, l unico superstite dei quattro bambini, che, ignari e spensierati, giocavano su di un campo minato, era stato immediatamente sottoposto all intervento chirurgico: amputazione delle gambe, estrazione del bulbo oculare e regolarizzazione della vaste e numerose ferite che ne crivellavano il fragile corpo palpitante. Lo vidi qualche tempo dopo l operazione, quando ancora le medicazioni quotidiane lo facevano tanto soffrire e gli domandai. Quando ti strappano le bende, ti frugano nelle ferite e ti fanno piangere, a chi pensi? A nessuno, mi rispose con una punta di meraviglia nella voce. Ma tu non credi che ci sia qualcuno al quale forse tu potresti offrire il tuo dolore, per amore del quale tu dovresti reprimere i lamenti e inghiottire le tue lacrime e potrebbe aiutarti a sentir meno il tuo dolore? Marco fissò nel vuoto il viso devastato, guardando con l unico occhio stranito, e poi, scuotendo lentamente la testa, disse: Non capisco... e tornò a giocherellare distratto con l orlo del lenzuolo. Fu in quel momento che io ebbi la precisa, quasi materiale, sensazione di una immensa irreparabile sciagura: della perdita di un tesoro, più prezioso di un quadro d autore o di un diamante di inestimabile valore. Era il grande dolore innocente di un bimbo che cadeva nel vuoto, inutile ed insignificante, soprannaturalmente perduto per lui e per l umanità, perché non diretto all unica mèta nella quale il dolore di un innocente può prendere valore e trovare giustificazione: Cristo crocifisso; e, attraverso tutti quei lettini d ospedale, in quei bimbi sofferenti, e per essi in tutti i bimbi sofferenti del mondo (quale massa di dolore era stata imposta ai bambini durante la guerra e nei tragici anni seguenti di tormentosa pace!) mi parve vedere allargarsi a dismisura questo dissennato dispendio, senza che gli educatori cristiani vi si opponessero sufficientemente, consci della preziosità di questo puro tesoro e l urgente necessità di ricuperarlo avaramente, per farne dono al Cristo ed alla Chiesa. Don Carlo Gnocchi 2 3

3 TRIDUO PASQUALE Giovedì Santo MESSA VESPERTINA IN COENA DOMINI CELEBRATA DAL SANTO PADRE FRANCESCO Canto all ingresso ACCLAMATE AL SIGNORE Acclamate al Signore, voi tutti della terra, servite il Signore nella gioia, presentatevi a Lui con esultanza. Acclamate, acclamate, acclamate al Signor. Riconoscete che il Signore è Dio; Egli ci ha fatti e noi siamo suoi, suo popolo e gregge del suo pascolo. Varcate le sue porte con inni di grazie, i suoi atri con canti di lode, lodatelo, benedite il Suo Nome; poiché buono è il Signore, eterna è la sua misericordia, la sua fedeltà per ogni generazione. C. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. T. Amen. ATTO PENITENZIALE Signore, pietà! 17 aprile 2014 chiesa del Centro S. Maria della Provvidenza Fondazione Don Carlo Gnocchi ROMA, via Casal del Marmo 401 Gloria a Dio nell alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà. Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa. Signore Dio, Re del cielo, Dio Padre Onnipotente, Signore Figlio unigenito Gesù Cristo, Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del Padre, Tu che togli i peccati del mondo abbi pietà di noi, Tu che togli i peccati del mondo accogli la nostra supplica, Tu che siedi alla destra del Padre abbi pietà di noi, perchè Tu solo il Santo, Tu solo il Signore, Tu solo l'altissimo Gesù Cristo, con lo Spirito Santo, nella gloria di Dio Padre. Amen. 4 5

4 COLLETTA O Dio, che ci hai riuniti per celebrare la santa Cena nella quale il tuo unico Figlio, prima di consegnarsi alla morte, affidò alla Chiesa il nuovo ed eterno sacrificio, convito nuziale del suo amore, fa che dalla partecipazione a così grande mistero attingiamo pienezza di carità e di vita. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli- T. Amen. Prima Lettura (Es 12, ) Prescrizioni per la cena pasquale. Dal libro dell Èsodo «Questo mese sarà per voi l inizio dei mesi, sarà per voi il primo mese dell anno. Parlate a tutta la comunità d Israele e dite: Il dieci di questo mese ciascuno si procuri un agnello per famiglia, un agnello per casa. Se la famiglia fosse troppo piccola per un agnello, si unirà al vicino, il più prossimo alla sua casa, secondo il numero delle persone; calcolerete come dovrà essere l agnello secondo quanto ciascuno può mangiarne. Il vostro agnello sia senza difetto, maschio, nato nell anno; potrete sceglierlo tra le pecore o tra le capre e lo conserverete fino al quattordici di questo mese: allora tutta l assemblea della comunità d Israele lo immolerà al tramonto. Preso un po del suo sangue, lo porranno sui due stipiti e sull architrave delle case nelle quali lo mangeranno. In quella notte ne mangeranno la carne arrostita al fuoco; la mangeranno con azzimi e con erbe amare. Ecco in qual modo lo mangerete: con i fianchi cinti, i sandali ai piedi, il bastone in mano; lo mangerete in fretta. È la Pasqua del Signore! In quella notte io passerò per la terra d Egitto e colpirò ogni primogenito nella terra d Egitto, uomo o animale; così farò giustizia di tutti gli dèi dell Egitto. Io sono il Signore! Il sangue sulle case dove vi troverete servirà da segno in vostro favore: io vedrò il sangue e passerò oltre; non vi sarà tra voi flagello di sterminio quando io colpirò la terra d Egitto. Questo giorno sarà per voi un memoriale; lo celebrerete come festa del Signore: di generazione in generazione lo celebrerete come un rito perenne». Parola di Dio T. Rendiamo Grazie a Dio Salmo Responsoriale (Sal 115) T. Il tuo calice, Signore, è dono di salvezza. Che cosa renderò al Signore, per tutti i benefici che mi ha fatto? Alzerò il calice della salvezza e invocherò il nome del Signore. T. Il tuo calice, Signore, è dono di salvezza. Agli occhi del Signore è preziosa la morte dei suoi fedeli. Io sono tuo servo, figlio della tua schiava: tu hai spezzato le mie catene. T. Il tuo calice, Signore, è dono di salvezza. A te offrirò un sacrificio di ringraziamento e invocherò il nome del Signore. Adempirò i miei voti al Signore davanti a tutto il suo popolo. T. Il tuo calice, Signore, è dono di salvezza. 6 7

5 Seconda Lettura (1 Cor 11, 23-26) Ogni volta che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore. Dalla prima lettera di S. Paolo apostolo ai Corinzi Fratelli, io ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso: il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese del pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e disse: «Questo è il mio corpo, che è per voi; fate questo in memoria di me». Allo stesso modo, dopo aver cenato, prese anche il calice, dicendo: «Questo calice è la Nuova Alleanza nel mio sangue; fate questo, ogni volta che ne bevete, in memoria di me». Ogni volta infatti che mangiate questo pane e bevete al calice, voi annunciate la morte del Signore, finché egli venga. Parola di Dio T. Rendiamo Grazie a Dio Canto al Vangelo (Cf Gv 13,34) Lode a te, o Cristo, Re di eterna gloria! Vi do un comandamento nuovo, dice il Signore: come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Lode a te, o Cristo, Re di eterna gloria! Vangelo (Gv 13, 1-15) Li amò sino alla fine Dal vangelo secondo Giovanni Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine. Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l asciugamano di cui si era cinto. Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri». Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi». Parola del Signore T. Lode a Te o Cristo RITO DELLA LAVANDA DEI PIEDI 8 9

6 Canto SERVO PER AMORE Una notte di sudore sulla barca in mezzo al mare e mentre il cielo si imbianca già, tu guardi le tue reti vuote. Ma la voce che ti chiama un altro mare ti mostrerà e sulle rive di ogni cuore, le tue reti getterai. Offri la vita tua come Maria ai piedi della croce e sarai servo di ogni uomo, servo per amore, sacerdote dell'umanità. Avanzavi nel silenzio fra le lacrime e speravi che il seme sparso davanti a Te cadesse sulla buona terra. Ora il cuore tuo è in festa perché il grano biondeggia ormai, è maturato sotto il sole, puoi riporlo nei granai. Offri la vita tua come Maria ai piedi della croce e sarai servo di ogni uomo, servo per amore, sacerdote dell'umanità. Canto DOV E CARITA E AMORE Dov è carità e amore, lì c è Dio. Ci ha riuniti tutti insieme Cristo amore: godiamo esultanti nel Signore! Temiamo e amiamo il Dio vivente, e amiamoci tra noi con cuore sincero. Noi formiamo, qui riuniti, un solo corpo; evitiamo di dividerci tra noi: via le lotte maligne, via le liti! E regni in mezzo a noi Cristo Dio. Chi non ama resta sempre nella notte e dall ombra della morte non risorge; ma se noi camminiamo nell amore, saremo veri figli della luce. Nell amore di colui che ci ha salvati, rinnovati dallo Spirito del Padre, tutti uniti sentiamoci fratelli e la gioia diffondiamo sulla terra. Imploriamo con fiducia il Padre santo, perché doni ai nostri giorni la sua pace: ogni popolo dimentichi i rancori ed il mondo si rinnovi nell amore. Fa che un giorno contempliamo il tuo volto nella gloria dei beati, Cristo Dio; e sarà gioia immensa, gioia vera: durerà per tutti i secoli, senza fine! 10 11

7 PREGHIERA DEI FEDELI C. Giunta l ora di passare da questo mondo al Padre il Signore Gesù ci ha lasciato il testamento del suo amore nell umile gesto della lavanda dei piedi e nel dono supremo dell Eucaristia. Consapevoli che il Padre ha posto tutto nelle sue mani, rivolgiamo a lui la nostra preghiera. T. O Gesù, Maestro e Signore, ascoltaci L. Per il nostro Papa Francesco e per tutti i pastori della Chiesa, perchè vivano il loro sacerdozio come servizio instancabile e donazione senza limiti a te che sei presente nei tuoi fratelli, preghiamo. T. O Gesù, Maestro e Signore, ascoltaci L. Per tutto il popolo cristiano, perchè in Te che lavi i piedi agli Apostoli e sulla mensa pasquale spezzi il pane e offri il calice, sappia riconoscere i grandi segni della tua regalità e del tuo amore, preghiamo. T. O Gesù, Maestro e Signore, ascoltaci L. Per i cristiani divisi, perchè questo memoriale della santa Cena faccia risuonare nel loro spirito l ardente appello all unità che hai innalzato nella tua preghiera sacerdotale al Padre, preghiamo. T. O Gesù, Maestro e Signore, ascoltaci L. Per gli uomini prigionieri della cupidigia e della violenza, e per tutti i commensali mancati al banchetto della fraternità, perchè sentano che soprattutto per loro hai pregato e ti sei offerto al Padre come agnello innocente e mansueto, preghiamo. T. O Gesù, Maestro e Signore, ascoltaci L. Per tutti noi che condividiamo il pane del cielo alla mensa eucaristica, perchè siamo disponibili a condividere i valori e i beni di questo mondo con quanti hanno fame e sete di giustizia e di misericordia, preghiamo. T. O Gesù, Maestro e Signore, ascoltaci C. Signore Gesù, in quest ora suprema in cui ci chiami come amici a mangiare la Pasqua con te, rendici degni di essere eredi e commensali della gloria nel banchetto eterno. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. T. Amen LITURGIA EUCARISTICA Sulle offerte C. Concedi a noi tuoi fedeli, Signore, di partecipare degnamente ai santi misteri, perché ogni volta che celebriamo questo memoriale del sacrificio del Signore, si compie l opera della nostra redenzione. Per Cristo nostro Signore. T. Amen PREFAZIO C. Il Signore sia con voi. T. E con il tuo spirito. C. In alto i nostri cuori. T. Sono rivolti al Signore. C. Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio. T. È cosa buona e giusta

8 C. È veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, rendere grazie sempre e in ogni luogo a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente e misericordioso, per Cristo nostro Signore. Sacerdote vero ed eterno, egli istituì il rito del sacrificio perenne; a te per primo si offrì vittima di salvezza, e comandò a noi di perpetuare l offerta in sua memoria. Il suo corpo per noi immolato è nostro cibo e ci dà forza, il suo sangue per noi versato è la bevanda che ci redime da ogni colpa. Per questo mistero del tuo amore, uniti agli angeli e ai santi, cantiamo con gioia l inno della tua lode: Santo, Santo, Santo il Signore Dio dell universo. I cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Osanna nell alto dei cieli. Benedetto colui che viene nel nome del Signore. Osanna nell alto dei cieli. RITI DI COMUNIONE Canto È GIUNTA L ORA È giunta l ora, Padre, per me, ai miei amici ho detto che questa è la vita, conoscere Te e il Figlio Tuo, Cristo Gesù. Erano tuoi, li hai dati a me e ora sanno che torno a Te, hanno creduto, conservali Tu nel Tuo amore, nell unità Tu mi hai mandato ai figli tuoi, la Tua parola è verità. E il loro cuore sia pieno di gioia, la gioia vera viene da Te. Io sono in loro e Tu in me e siam perfetti nell unità e il mondo credo che Tu mi hai mandato, li hai amati come ami me. IL PANE DEL CAMMINO (IL TUO POPOLO IN CAMMINO) Il tuo popolo in cammino cerca in te la guida sulla strada verso il Regno sei sostegno con il tuo corpo. Resta sempre con noi, Signore. È il tuo Pane Gesù che ci dà forza e rende più sicuro il nostro passo. Se il vigore nel cammino si svilisce la tua mano dona lieta la speranza. È il tuo vino, Gesù, che ci disseta e sveglia in noi l'ardore di seguirti. Se la gioia cede il passo alla stanchezza, la tua voce fa rinascere freschezza

9 È il tuo corpo, Gesù, che ci fa Chiesa, fratelli sulle strade della vita. Se il rancore toglie luce all'amicizia, dal tuo cuore nasce giovane il perdono. È il tuo sangue, Gesù, il segno eterno dell'unico linguaggio dell'amore. Se il donarsi come te richiede fede, nel tuo Spirito sfidiamo l'incertezza. È il tuo dono, Gesù, la vera fonte del gesto coraggioso di chi annuncia. Se la Chiesa non è aperta ad ogni uomo, il tuo fuoco le rivela la missione. PANE DEL CIELO Pane del Cielo sei Tu, Gesù, via d'amore: Tu ci fai come Te. No, non è rimasta fredda la terra: Tu sei rimasto con noi per nutrirci di Te, Pane di Vita; ed infiammare col tuo amore tutta l'umanità. Sì, il Cielo è qui su questa terra: Tu sei rimasto con noi ma ci porti con Te nella tua casa dove vivremo insieme a Te tutta l'eternità. No, la morte non può farci paura: Tu sei rimasto con noi. E chi vive in Te vive per sempre. Sei Dio con noi, sei Dio per noi, Dio in mezzo a noi. DOPO LA COMUNIONE C. Padre onnipotente, che nella vita terrena ci nutri alla Cena del tuo Figlio, accoglici come tuoi commensali al banchetto glorioso del cielo. Per Cristo nostro Signore. T. Amen REPOSIZIONE DEL SANTISSIMO SACRAMENTO PANGE LINGUA Genti tutte proclamate il mistero del Signor del suo corpo e del suo sangue che la vergine donò, e fu sparso il sacrificio per salvar l'umanità. Dato a noi da madre pura per noi tutti s'incarnò. La feconda sua parola tra le genti seminò; con amore generoso la sua vita consumò

10 Nella notte della cena coi fratelli si trovò. Del pasquale sacro rito ogni regola compì e agli apostoli ammirati come cibo si donò. La Parola del Signore pane e vino trasformò: pane in carne, vino in sangue, in memoria consacrò. Non i sensi, ma la fede, prova questa verità. Adoriamo il Sacramento che Dio Padre ci donò. Nuovo patto, nuovo rito nella fede si compì. Al mistero è fondamento la Parola di Gesù. Gloria al Padre onnipotente, gloria al Figlio redentor, lode grande, sommo onore all'eterna carità. Gloria immensa, eterno amore alla Santa Trinità. Amen. PREGHIERA DEL BEATO DON GNOCCHI O Dio, che ci sei Padre, e in Gesù Cristo ci rendi fratelli, ti ringraziamo per il dono di don Carlo Gnocchi che la Chiesa venera come Beato. Donaci la sua fede profonda, la sua speranza tenace, la sua carità ardente, perché possiamo continuare, sul suo eroico esempio, a servire la vita di ogni uomo «percosso e denudato dal dolore». Don Carlo ci insegni a cercarti ogni giorno tra i più fragili, negli occhi casti dei bimbi, nel sorriso stanco dei vecchi, nel crepuscolo dei morenti per amarti ogni giorno con «l inesausto travaglio della scienza, con le opere dell umana solidarietà e nei prodigi della carità soprannaturale». RINGRAZIAMENTO del presidente della Fondazione Don Gnocchi, mons. Angelo Bazzari Amen 18 19

11 IL BEATO DON CARLO GNOCCHI ( ) Carlo Gnocchi, terzogenito di Enrico, marmista, e Clementina Pasta, sarta, nacque a San Colombano al Lambro (MI) il 25 ottobre Rimasto orfano del padre all età di cinque anni, si trasferì a Milano con la madre e i due fratelli - Mario e Andrea - che di lì a poco morirono di tubercolosi. Seminarista alla scuola del cardinale Andrea Ferrari, nel 1925 venne ordinato sacerdote dall Arcivescovo di Milano, Eugenio Tosi. Celebrò la sua prima Messa il 6 giugno a Montesiro, il paesino della Brianza dove viveva la zia e dove, fin da piccolo, aveva trascorso lunghi periodi di convalescenza, lui di salute così cagionevole. Il primo impegno apostolico del giovane don Carlo fu quello di responsabile d oratorio a Cernusco sul Naviglio; poi, dopo solo un anno, nella popolosa parrocchia di San Pietro in Sala, a Milano. Raccolse stima, consensi e affetto tra la gente, tanto che la fama delle sue doti di ottimo educatore giunse fino in Arcivescovado. Nel 1936 il Cardinale Schuster lo nominò assistente spirituale di una delle scuole più prestigiose di Milano: l Istituto Gonzaga dei Fratelli delle Scuole Cristiane. Morì prematuramente a Milano, il 28 febbraio L ultimo suo gesto profetico fu la donazione delle cornee a due ragazzi non vedenti quando ancora in Italia il trapianto d organi non era regolato dalla legge. Il processo di canonizzazione al Servo di Dio Carlo Gnocchi è stato avviato dal cardinale Carlo Maria Martini nel Nel dicembre 2002 Giovanni Paolo II, riconoscendone l eroicità delle virtù, ha proclamato don Gnocchi Venerabile. Sabato 17 gennaio 2009 Benedetto XVI ha autorizzato la pubblicazione del decreto che attribuisce a don Gnocchi il miracolo che ha visto protagonista, il 17 agosto 1979, Sperandio Aldeni, artigiano elettricista e alpino di Villa D Adda (BG), incredibilmente sopravvissuto a una mortale scarica elettrica. Don Carlo Gnocchi è stato proclamato Beato a Milano, in piazza Duomo, domenica 25 ottobre 2009, giorno della sua nascita. Hanno partecipato alla solenne celebrazione 50 mila fedeli. Tre milioni di italiani hanno seguito il rito dagli schermi televisivi. Allo scoppiare della guerra si arruolò come cappellano volontario e partì, prima per il fronte greco albanese e poi - con gli alpini della Tridentina - per la campagna di Russia. Nel gennaio del 43, durante l immane tragedia della ritirata del contingente italiano, cadde stremato ai margini della pista dove passava la fiumana dei soldati: raccolto da una slitta, si salvò miracolosamente. E fu in quei giorni che, assistendo gli alpini feriti e morenti e raccogliendone le ultime volontà, maturò in lui il sogno di realizzare una grande opera di carità, che trovò compimento, a guerra finita, nella Fondazione Pro Juventute Rientrato in Italia, aiutò molti partigiani e perseguitati politici a fuggire in Svizzera, rischiando in prima persona la vita: fu arrestato dalle SS e incarcerato con l accusa di attività contro il regime. In questo stesso periodo iniziò il suo pietoso pellegrinaggio attraverso le vallate alpine, alla ricerca dei familiari dei caduti, per dare loro conforto materiale e morale: accolse i primi orfani di guerra e i bambini mutilati, avviando l Opera che lo portò a guadagnare sul campo il titolo di padre dei mutilatini

12 LA FONDAZIONE DON GNOCCHI Istituita quasi sessant anni fa da don Gnocchi per assicurare cura, riabilitazione e integrazione sociale a mutilatini e poliomielitici, la Fondazione ha progressivamente ampliato nel tempo il proprio raggio d azione e la propria attività, continuando a rispondere - spesso con soluzioni innovative e sperimentali - ai bisogni emergenti delle persone più fragili. Oggi continua ad occuparsi di ragazzi portatori di handicap, affetti da complesse patologie acquisite e congenite; di pazienti di ogni età che necessitano di interventi riabilitativi in ambito neuromotorio, cardiorespiratorio e oncologico; di persone con esiti di traumi, colpite da ictus, sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica, morbo di Parkinson, malattia di Alzheimer o altre patologie invalidanti; di anziani non autosufficienti, malati oncologici terminali e pazienti con gravi cerebrolesioni o in stato vegetativo prolungato. Riconosciuta Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), segnatamente per i Centri di Milano e Firenze, oggi la Fondazione Don Gnocchi conta oltre 5500 operatori. L attività si articola in ambito sanitario-riabilitativo (in regime di ricovero residenziale e day-hospital, ambulatoriale e domiciliare), socio-assistenziale (Centri Diurni Integrati, Residenze Sanitario-Assistenziali, interventi domiciliari, ricoveri di sollievo, Centri residenziali per cure palliative) e socio-educativo (Centri Diurni Disabili, Residenze Sanitarie per Disabili, Degenze Diurne Riabilitative, comunità-alloggio, case-vacanza...). La Fondazione Don Gnocchi svolge oggi le proprie attività in regime di accreditamento con il Servizio Sanitario Nazionale in 29 Centri - organizzati in 8 Poli Territoriali - diffusi in 9 Regioni italiane, Tali strutture offrono una pluralità di servizi, che può essere così riassunta: 2 Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) 22 Unità di riabilitazione polifunzionale 9 Unità di riabilitazione ospedaliera 4 Unità per le gravi cerebrolesioni acquisite (GCA) 8 Residenze per anziani non autosufficienti (RSA) 2 Nuclei specializzati nella cura del morbo di Alzheimer 3 Hospice per malati oncologici terminali 2 Case di Cura 2 Centri di Formazione, Orientamento e Sviluppo (CeFOs) 31 ambulatori territoriali di riabilitazione 2 Centri Diurni Integrati per anziani (CDI) 7 Centri Diurni per Disabili (CDD) 1 Comunità Socio Sanitaria Disabili (CSS) 3 Residenze Sanitarie per Disabili (RSD) 3 progetti di Custode Sociale e Socio-Sanitario 1 Casa sollievo per disabili e anziani 3602 posti letto accreditati ed operativi di degenza piena e day hospital persone circa curate o assistite in media ogni giorno Intensa è l attività di ricerca scientifica e di formazione ai più diversi livelli. Riconosciuta Organizzazione Non Governativa (ONG), la Fondazione Don Gnocchi è impegnata in progetti si solidarietà nei Paesi in via di sviluppo; ha realizzato negli ultimi anni Centri per bambini disabili in Bosnia-Erzegovina ed Ecuador, sostiene strutture di chirurgia ortopedica e di riabilitazione in Rwanda, Sierra Leone e Burundi e sta promuovendo progetti di promozione umana e di formazione sulla disabilità in Tunisia, Bolivia, Georgia e Sri Lanka. Altri interventi sono in corso o in fase di studio in diverse nazioni povere del mondo

13 LA FONDAZIONE DON GNOCCHI A ROMA Il Centro S. Maria della Pace La presenza dell opera di don Carlo Gnocchi a Roma, risale a circa 65 anni fa. Era infatti il 1950 quando, alla presenza di Alcide De Gasperi, venne solennemente inaugurato il Collegio S. Maria della Pace, vicino a Ponte Milvio, una struttura destinata ad accogliere i mutilatini, cioè i bambini vittime degli ordigni della Seconda Guerra Mondiale. Nel Centro sono passati centinaia di ragazzi che vi hanno trovato accoglienza, cure mediche, istruzione, formazione professionale e integrazione sociale. Proprio qui nacque, in anni nei quali ancora non si parlava di medicina riabilitativa, una delle prime palestre di fisioterapia e una piscina concepita per l idroterapia. Dopo i mutilatini, il Centro accolse i poliomielitici e, negli anni 70, si specializzò nel trattamento delle patologie della colonna vertebrale. Il Centro S. Maria della Provvidenza Nel 2003 l Istituto Madre Nasi della Piccola Casa della Divina Provvidenza (Cottolengo) di Roma è entrato a far parte della Fondazione Don Gnocchi, con il nome di Centro S. Maria della Provvidenza, ideale passaggio di testimone tra due autentici giganti della carità : san Giuseppe Cottolengo e il Beato don Carlo Gnocchi. La struttura, ubicata su una collina di via Casal del Marmo, era stata aperta nel 1972 come Istituto medico-psico-pedagogico per accogliere gli ospiti della sede romana del Cottolengo. Con l ingresso nella Fondazione Don Gnocchi, il Centro ha ampliato l offerta delle proprie attività, rinnovando e migliorando gli spazi. Oggi, il Centro opera nel campo della riabilitazione neuromotoria, pneumologica, cardiologica e nella riabilitazione delle patologie degenerative e vascolari; dispone di 65 posti letto di degenza residenziale e 105 di degenza diurna per la riabilitazione post acuta. È presente inoltre una Casa di Cura con 30 posti. Offre, inoltre, una serie di prestazioni specialistiche e strumentali a carattere ambulatoriale, un servizio di riabilitazione non residenziale, una piscina appositamente attrezzata per la terapia in acqua, un qualificato centro di neuropsichiatria infantile e il Servizio Informazione e Valutazione Ausili (SIVA). Oggi dispone di 150 posti letto suddivisi tra una Residenza Sanitaria Assistenziale per persone con disabilità di 60 posti letto, un moderno reparto di riabilitazione estensiva neuromotoria ad alto livello assistenziale di 60 posti letto e di un reparto di 30 posti letto in solvenza per l assistenza e la riabilitazione integrata di pazienti affetti da patologie di origine neuromotoria ad uno stato avanzato, non più assistibili a domicilio o in altre forme. A questi vanno aggiunti 40 posti letto di day hospital in fase di attivazione e l attività di riabilitazione ambulatoriale e domiciliare. Il Centro ospita altresì la sede romana del CeFOS (Centro di Formazione Orientamento e Sviluppo), che si occupa di interventi di istruzione e formazione professionale rivolti a persone con disabilità, operatori del mondo dell assistenza e operatori scolastici e alcuni laboratori dove viene svolta attività di ricerca scientifica con l utilizzo anche della realtà virtuale

14 I PONTEFICI, DON CARLO E LA FONDAZIONE PAPA PIO XII 11 luglio 1948, Vaticano (Sala Clementina): udienza particolare a don Gnocchi e ai mutilatini. 20 maggio 1950, Basilica di San Pietro: incontro con i mutilatini per l inaugurazione del Centro S. Maria della Pace di Roma. 27 agosto 1953, Castelgandolfo: udienza ai mutilatini europei partecipanti al Campo d Agosto. 8 agosto 1954, Castelgandolfo: udienza ai partecipanti al II Raduno dei Dirigenti d Europa dell Opera Mutilatini di guerra. PAPA GIOVANNI XXIII 25 dicembre 1958, Vaticano: udienza a un piccolo gruppo di ospiti della Fondazione. 4 maggio 1963, Vaticano: udienza a una rappresentanza di ospiti della Fondazione per il mese mariano. PAPA PAOLO VI 23 dicembre 1963, Roma: visita al Centro S. Maria della Pace. PAPA GIOVANNI PAOLO II 23 dicembre 1990, Roma: visita al Centro S. Maria della Pace. 24 maggio 1997, Vaticano (Sala Clementina): udienza particolare alla Fondazione a chiusura delle celebrazioni per il 40esimo della morte di don Gnocchi. 30 novembre 2002, Vaticano (Aula Paolo VI): udienza particolare alla Fondazione a chiusura delle celebrazioni per il centenario della nascita di don Gnocchi. PAPA BENEDETTO XVI 10 marzo 2010, Vaticano (Aula Paolo VI): incontro di ringraziamento per la beatificazione di don Gnocchi e consegna della reliquia. PER APPROFONDIRE Barbara Garavaglia, Malato d infinito. Don Gnocchi e le virtù, Centro Ambrosiano, Gaetano Agnini, Don Gnocchi, alpino cappellano, Mursia, Milano, Emanuele Brambilla (a cura di), «E d ora in poi sia chiamato Beato». I volti, le emozioni, le immagini del 25 ottobre 2009, Mursia, Roberto Parmeggiani, Don Carlo Gnocchi imprenditore della carità, San Paolo, Luisa Bove, Don Carlo Gnocchi, Edizioni Paoline, Ennio Apeciti, Li amò sino alla fine, Centro Ambrosiano, Vincenzo Russo, Se il destino è contro di me, peggio per il destino, Mursia, Carlo Gnocchi, Restaurazione della persona umana, Libreria Editrice Vaticana, 2009 Edoardo Bressan, Don Carlo Gnocchi. Una vita al servizio degli ultimi, Mondadori, Emanuele Brambilla, Don Gnocchi. Il prete che cercò Dio tra gli uomini, Centro Ambrosiano, Carlo Gnocchi, Cristo con gli alpini, Mursia, Sergio Toppi -Beppe Ramello, Don Gnocchi, una vita spesa per gli altri (biografia a fumetti), San Paolo-Fondazione Don Gnocchi, Carlo Gnocchi, Poesia della vita. Pensieri, a cura di Angelo Bazzari e Oliviero Arzuffi, San Paolo, Stefano Zurlo, L Ardimento. Racconto della vita di don Gnocchi, Rizzoli, Carlo Gnocchi, Poesia della vita (a cura di Angelo Bazzari e Oliviero Arzuffi), San Paolo, Sergio Didonè (a cura di), Grazie papà don Carlo. L'opera di Don Gnocchi nelle testimonianze e nei ricordi dei suoi figli, Effatà Editrice, Carlo Gnocchi, Dio è tutto qui. Lettere di una vita, Mondadori, Giorgio Cosmacini, La mia baracca. Storia della Fondazione Don Gnocchi, Laterza, Giorgio Rumi-Edoardo Bressan, Don Carlo Gnocchi. Vita e opere di un grande imprenditore della carità, Mondadori, Milano Carlo Gnocchi, Gli Scritti ( ), Àncora-Fondazione Pro Juventute, Milano Per ricevere informazioni e notizie su don Carlo e sulla Fondazione Don Gnocchi: Amis, notiziario trimestrale Missione Uomo, rivista quadrimestrale sito internet: Amis, news letter mensile (per iscriversi, consultare il sito internet) 26 27

15

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA IN CENA DOMINI) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA IN CENA DOMINI) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA IN CENA DOMINI) ======================================================

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio)

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) CORPUS DOMINI 22 giugno 2014 Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) Canto: Adoramus Te Domine (canone di Taizè) - Ti riconosciamo, Signore, presente a noi nell eucaristia - Ti adoriamo,

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

SAN TOMMASO DEI BATIUTI

SAN TOMMASO DEI BATIUTI rr;;;:.-~ J/(::il. 10 ~m. "'~"'. TO O H "NT U. CAPPELLANIA OSPEDALE SAN TOMMASO DEI BATIUTI PORTOGRUARO 19 Settelnbre Benedizione Cappella 2014 San Giovanni Paolo II BENEDIZIONE DELL'ACQUA E ASPERSIONE

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

RIFLESSIONI PER LA PROCESSIONE DEL CORPUS DOMINI

RIFLESSIONI PER LA PROCESSIONE DEL CORPUS DOMINI RIFLESSIONI PER LA PROCESSIONE DEL CORPUS DOMINI I) Il Corpo di Cristo Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 26, 26-28) Mentre mangiavano, Gesù prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e, mentre lo dava

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE. Lectio e meditatio

Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE. Lectio e meditatio Duomo di Milano, 13 aprile 2013 INCONTRO MINISTRI STRAORDINARI DELLA COMUNIONE Lectio e meditatio Lc 22,19-27 Il Signore Gesù poi prese il pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo

Dettagli

La festa del Corpus Domini

La festa del Corpus Domini Parrocchia Santa Maria Domenica Mazzarello Anno XI - n. 553-26 giugno 2011 Corpo e Sangue del Signore La festa del Corpus Domini Il mistero di Cristo viene proposto all adorazione e alla meditazione del

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Sussidio liturgico - Rito ambrosiano

Sussidio liturgico - Rito ambrosiano Sussidio liturgico - Rito ambrosiano PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA 26 febbraio 2012 Possibili canti per la celebrazione Libro diocesano Lodate Dio Inizio: Dono di grazia, 590; È tempo favorevole, 592; Cristo

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Maggio ogni giorno con Maria

Maggio ogni giorno con Maria Maggio ogni giorno con Maria Maria, Maestra di contemplazione: i misteri della luce Il Rosario con San Giovanni Paolo II [BRUNA FREGNI] Proposta ispirata alla lettera apostolica sul Rosario di papa Giovanni

Dettagli

Viviamo nell era della

Viviamo nell era della PREGHIERA E CATECHESI Nell attesa della venuta di Gesù, ogni giorno c è un per te Una proposta di preghiera personale per ogni giorno di Avvento Viviamo nell era della comunicazione «continua». Il ne è

Dettagli

VEGLIA DI PREGHIERA A MARIA

VEGLIA DI PREGHIERA A MARIA VEGLIA DI PREGHIERA A MARIA CON MARIA IN ATTESA DELLA PENTECOSTE Canto; NOME DOLCISSIMO GUIDA: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Ti salutiamo o Maria, piena di grazia, il Signore

Dettagli

APPARIZIONI DI GIOVANNI PAOLO II A CAVARZERE

APPARIZIONI DI GIOVANNI PAOLO II A CAVARZERE APPARIZIONI DI GIOVANNI PAOLO II A CAVARZERE Traduzione dell articolo pubblicato il mese di Marzo 2011 dalla rivista Cattolica francese L APPEL DU CIEL APPARIZIONI DI GIOVANNI PAOLO II Nel 2005, in occasione

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

EUCARISTIA, DONO DI AMORE

EUCARISTIA, DONO DI AMORE EUCARISTIA, DONO DI AMORE Voce guida La nostra processione, quest'anno, sarà accompagnata dalla lettera enciclica di Benedetto XVI, sul tema dell'amore di Dio come fondamento e sviluppo della nostra vita

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini

Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini Interventi per l animazione della S. Messa in Coena Domini Introduzione Ci ritroviamo insieme questa sera per celebrare la Cena del Signore, al termine del cammino quaresimale. Il clima pasquale fa da

Dettagli

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO 18 settembre INTRODUZIONE VESPRI V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto.. Alleluia INNO San Giuseppe onoriamo: la sua virtù sublime l'ordine

Dettagli

Inserto Redazionale al n. 1 Gennaio 2012 della Rivista Sacro Cuore - Aut. del Tribunale di BO 15-06-1995 n. 6451 - Poste Italiane SPA - Spedizione in

Inserto Redazionale al n. 1 Gennaio 2012 della Rivista Sacro Cuore - Aut. del Tribunale di BO 15-06-1995 n. 6451 - Poste Italiane SPA - Spedizione in Inserto Redazionale al n. 1 Gennaio 2012 della Rivista Sacro Cuore - Aut. del Tribunale di BO 15-06-1995 n. 6451 - Poste Italiane SPA - Spedizione in A. P. - D. L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46)

Dettagli

Preghiera eucaristica I o Canone Romano

Preghiera eucaristica I o Canone Romano Preghiera eucaristica I o Canone Romano 1 6) offerta: chiede l accettazione dell offerta e supplica per la chiesa Si tratta dell offerta dei doni nei quali c è l offerta di sé. Infatti il gradimento dell

Dettagli

PROCESSIONE EUCARISTICA nella solennità del Corpus Domini

PROCESSIONE EUCARISTICA nella solennità del Corpus Domini PROCESSIONE EUCARISTICA nella solennità del Corpus Domini G. Ci mettiamo in cammino per le strade della nostra città per confermare la nostra fede nella presenza eucaristica di Cristo, che abbiamo celebrato

Dettagli

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI Una lacrima per i Defunti evapora, un fiore sulla tomba appassisce, una preghiera, invece, arriva fino al cuore dell Altissimo. (Sant Agostino) 1 L'eterno riposo

Dettagli

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle.

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle. DIOCESI DI VIGEVANO 2 Introduzione Guida: Fratelli e sorelle. Questa veglia ci mette in sintonia con tutta la Chiesa nel condividere l ascolto della Parola e la preghiera, ed ancor più ci aiuta a riscoprire

Dettagli

Parrocchia di RAMERA ADORAZIONE EUCARISTICA Per i ragazzi del catechismo con la presenza della Reliquia del Beato Papa Giovanni Paolo II

Parrocchia di RAMERA ADORAZIONE EUCARISTICA Per i ragazzi del catechismo con la presenza della Reliquia del Beato Papa Giovanni Paolo II Parrocchia di RAMERA ADORAZIONE EUCARISTICA Per i ragazzi del catechismo con la presenza della Reliquia del Beato Papa Giovanni Paolo II Canto Guida: Questo pomeriggio siamo qui, davanti a Gesù e davanti

Dettagli

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore?

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? Parrocchia Gesù Crocifisso VAJONT Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? INCONTRO CEB E GRUPPI FAMILIARI Marzo 2012 Presso fam. Via giorno Ore Introduzione Tutti abbiamo una grande sete di amore,

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

SOLENNE ADORAZIONE EUCARISTICA IN CONTEMPORANEA MONDIALE. Schema e Intenzioni per l Adorazione Eucaristica

SOLENNE ADORAZIONE EUCARISTICA IN CONTEMPORANEA MONDIALE. Schema e Intenzioni per l Adorazione Eucaristica SOLENNE ADORAZIONE EUCARISTICA IN CONTEMPORANEA MONDIALE Schema e Intenzioni per l Adorazione Eucaristica 2 GIUGNO 2013 INTENZIONE DI PREGHIERA Il Santo Padre chiede che il momento di adorazione eucaristica

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Santa Messa di Prima Comunione

Santa Messa di Prima Comunione O Signore, nostro Dio, Trinità Santa e indivisibile unità, che ci hai voluto Figli del Padre, Parrocchia San Camillo de Lellis Santa Messa di Prima Comunione che ci hai nutrito col Corpo e Sangue del Figlio

Dettagli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli

RITI di CONCLUSIONE. Padre nostro che sei nei cieli BENEDIZIONE Il celebrante benedice le mamme, che tengono in braccio il loro bambino, quindi i papà e tutti i presenti, dicendo: Dio onnipotente, che per mezzo del suo Figlio, nato dalla vergine Maria,

Dettagli

Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione

Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione Catalogo completo di tutti i soggetti per Prima Comunione, Prima Confessione e Confermazione Edizioni Trappiste LA PRIMA CONFESSIONE SERIE PR in due versioni Immagine semplice con interno bianco: dimensioni

Dettagli

Meditazioni sulle letture Messa in Coena Domini. 2^ serata

Meditazioni sulle letture Messa in Coena Domini. 2^ serata Meditazioni sulle letture Messa in Coena Domini 2^ serata Ieri sera abbiamo sentito cosa è successo al momento della liberazione dall Egitto. Quell evento doveva essere celebrato ogni anno in memoria della

Dettagli

60 ore di Adorazione per il 60simo di sacerdozio del Papa

60 ore di Adorazione per il 60simo di sacerdozio del Papa CHIESA DI REGGIO EMILIA - GUASTALLA 20 21 22 23 GIUGNO 2011 60 ore di Adorazione per il 60simo di sacerdozio del Papa Preghiamo per la santificazione del clero e per il dono di nuove e sante vocazioni

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

OMELIA S. Messa in Coena Domini 5 aprile 2012

OMELIA S. Messa in Coena Domini 5 aprile 2012 OMELIA S. Messa in Coena Domini 5 aprile 2012 Fratelli e sorelle carissimi, amati confratelli nel sacerdozio, con questa liturgia solenne e suggestiva diamo inizio al triduo pasquale, i tre giorni più

Dettagli

RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO. 13 dicembre 2015. Terza domenica di Avvento

RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO. 13 dicembre 2015. Terza domenica di Avvento RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO 13 dicembre 2015 Terza domenica di Avvento Premesse Di seguito si suggerisce uno schema di celebrazione per l inizio dell anno giubilare. Il presente testo può essere utilizzati

Dettagli

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI 7 GIUGNO 2015 BASILICA CATTEDRALE CASSANO ALLO IONIO Dove vuoi che andiamo a preparare la cena di Pasqua? Andate in città! Dove vuoi che andiamo a preparare perché tu

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

C O N F R A T E R N I T A D E L S S. M O S A C R A M E N T O. Francavilla al Mare (CH) SANTA MESSA PER LA

C O N F R A T E R N I T A D E L S S. M O S A C R A M E N T O. Francavilla al Mare (CH) SANTA MESSA PER LA C O N F R A T E R N I T A D E L S S. M O S A C R A M E N T O Francavilla al Mare (CH) SANTA MESSA PER LA C O M M E M O R A Z I O N E D E I C O N F R A T E L L I D E F U N T I SANTA MESSA PER LA C O M

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

www.parrocchiamadonnaloreto.it

www.parrocchiamadonnaloreto.it www.parrocchiamadonnaloreto.it Prima di Natale, ci sono quattro settimane che sono molto speciali settimane che prendono il nome di Avvento, perche caratterizzate dall Attesa. Qualcuno potrebbe dire: attesa

Dettagli

Lo Spirito riempì tutta la casa

Lo Spirito riempì tutta la casa Veglia di preghiera per il Sinodo della famiglia Pentecoste 2015 Lo Spirito riempì tutta la casa Introduzione 1L. Dal Magistero del nostro Arcivescovo La famiglia è la via maestra e la prima, insostituibile

Dettagli

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. È un cam m ino di preghiera m olto presente nella tradizione della Chiesa: essa aiuta i credenti a far m em oria della passione del Salvatore per rendere presente il suo am ore salvifico nella loro vita

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

s a b a t o 2 5 a p r i l e III settimana di Pasqua - Proprio

s a b a t o 2 5 a p r i l e III settimana di Pasqua - Proprio Introduzione S. Marco evangelista (festa) s a b a t o 2 5 a p r i l e III settimana di Pasqua - Proprio la preghiera Alleluia! O Dio vieni a salvarmi! Signore vieni presto in mio aiuto. Gloria al Padre

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli

GALATI 4: 4-5 (1-7) Natale

GALATI 4: 4-5 (1-7) Natale Natale GALATI 4: 4-5 (1-7) 1.- Noi siamo abituati a circondare l evento della nascita di Gesù con quella che chiamiamo la poesia del Natale una poesia che tra origine dai racconti di Luca e di Matteo,

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

Liturgie matrimoniali

Liturgie matrimoniali Liturgie matrimoniali Le Chiese battiste (e i suoi pastori!) hanno sempre rivendicato libertà nelle forme di liturgia da utilizzare non solo nel culto domenicale, ma anche nei culti speciali. La diversità

Dettagli

EUCARISTIA. VOLTO DI CRISTO. VOLTO DEL DISCEPOLO. VOLTO DELLA CHIESA. ADORAZIONE EUCARISTICA DEL GIOVEDI SANTO 2015

EUCARISTIA. VOLTO DI CRISTO. VOLTO DEL DISCEPOLO. VOLTO DELLA CHIESA. ADORAZIONE EUCARISTICA DEL GIOVEDI SANTO 2015 EUCARISTIA. VOLTO DI CRISTO. VOLTO DEL DISCEPOLO. VOLTO DELLA CHIESA. ADORAZIONE EUCARISTICA DEL GIOVEDI SANTO 2015 INTRODUZIONE: Questa adorazione si presenta come una Via Crucis in cui vengono ripresi

Dettagli

Lampada ai miei passi, Signore, è la Tua Parola.

Lampada ai miei passi, Signore, è la Tua Parola. Lampada ai miei passi, Signore, è la Tua Parola. Veglia di Pentecoste Comunità Parrocchiale di San Camillo de Lellis Sabato 1 8 maggio 2013 C: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo T: Amen

Dettagli

ORAZIONALE PER LA PREGHIERA DEI FEDELI secondo il rito della santa Chiesa di Milano

ORAZIONALE PER LA PREGHIERA DEI FEDELI secondo il rito della santa Chiesa di Milano PONTIFICIO ISTITUTO AMBROSIANO DI MUSICA SACRA ORAZIONALE PER LA PREGHIERA DEI FEDELI secondo il rito della santa Chiesa di Milano T E M P O DI Q U A R E S I M A Ciclo feriale - Questi formulari per la

Dettagli

RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI. TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17

RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI. TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17 RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17 Anno 2010 Parrocchia dei SS. Lorenzo ed Anna Ramate di Casale Corte Cerro (VB)

Dettagli

BIGLIETTO DA VISITA DEL CRISTIANO

BIGLIETTO DA VISITA DEL CRISTIANO BIGLIETTO DA VISITA DEL CRISTIANO 25a domenica per anno 24 settembre 2006 ACCOGLIENZA Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo Il Signore che guida i nostri cuori nell amore e nella pazienza

Dettagli

SALÌ AL CIELO E SIEDE ALLA DESTRA DEL PADRE

SALÌ AL CIELO E SIEDE ALLA DESTRA DEL PADRE SALÌALCIELOESIEDEALLADESTRADELPADRE At1,1 11 Ebr9,24 28;10,19 23 Lc24,46 53 L Ascensione è il ritorno al Padre, dove Gesù, seduto alla sua destra comincia un esistenzanuovainpienezzadivitaedipotenza.cristo,primadivenirealmondo,era

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO Don Carlo Gnocchi Beato

ARCIDIOCESI DI MILANO Don Carlo Gnocchi Beato ARCIDIOCESI DI MILANO Don Carlo Gnocchi Beato UNA MISSIONE CHE CONTINUA DON CARLO GNOCCHI (1902-1956) LA SANTITÀ: UNA SCALATA VERSO DIO Questa, in estrema sintesi, è l interpretazione di don Gnocchi della

Dettagli

Famiglia che accoglie i piccoli e si accompagna

Famiglia che accoglie i piccoli e si accompagna Diocesi di Concordia - Pordenone Commissione diocesana Pastorale per la Famiglia e la vita 15 Novembre 2015 FAMIGLIE SOLIDALI dalla globalizzazione dell indifferenza alla globalizzazione della solidarietà

Dettagli

Commemorazione di tutti i fedeli defunti /A

Commemorazione di tutti i fedeli defunti /A PARROCCHIA MARIA MADRE DELLA CHIESA S. Janni - Cava - Alli Commemorazione di tutti i fedeli defunti /A 2 novembre 2014 - Viola Oggi la liturgia della Chiesa ci chiede di raccoglierci in preghiera per tutti

Dettagli

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi Card. Stanisław Ryłko Presidente Pontificio Consiglio per i Laici Città del Vaticano GIOVANNI PAOLO II: AMICO DEI GIOVANI Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi 1.

Dettagli