Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione XML della Porta di Dominio OpenSPCoop"

Transcript

1 i Gestione XML della Porta di Dominio

2 ii Copyright Link.it srl

3 iii Indice 1 Introduzione 1 2 Hello World! 2 3 Configurazione XML della Porta di Dominio Soggetto SPCoop Attributi Nested Element Riferimenti Porta Delegata Attributi Nested Element Riferimenti Porta Applicativa Attributi Nested Element Riferimenti Soggetto SPCoop Erogatore, Servizio e Azione Attributi Riferimenti Servizio Applicativo Attributi Nested Element Riferimenti Invocazione Porta Attributi Nested Element Riferimenti Credenziali Attributi Riferimenti Invocazione Servizio Attributi Nested Element Riferimenti Gestione Errore Attributi

4 iv Nested Element Riferimenti Risposta Asincrona SPCoop Property Attributi Riferimenti Connettore Attributi Nested Element Riferimenti WS-Security Attributi Nested Element Riferimenti Validazione Contenuti Applicativi Attributi Riferimenti Correlazione Applicativa Attributi Nested Element Riferimenti Configurazione della Porta di Dominio Nested Element Riferimenti Configurazione politiche di Routing Nested Element Riferimenti Accesso Registro dei Servizi Nested Element Validazione Buste E-Gov Attributi Riferimenti Messaggi diagnostici Attributi Nested Element Tracciamenti delle buste e-gov Attributi Nested Element

5 v 4 Il Registro dei Servizi XML di Accordo di Cooperazione Attributi Nested Element Riferimenti Accordo di Servizio Attributi Nested Element Riferimenti Azione di un accordo di Servizio Attributi Riferimenti Port-Type Attributi Nested Element Riferimenti Azione (Operation) di un Port Type Attributi Nested Element Riferimenti Message Attributi Nested Element Riferimenti Porta di Dominio Attributi Riferimenti Soggetto SPCoop Attributi Nested Element Riferimenti Servizio Attributi Nested Element Riferimenti Servizio Correlato Differenziazione connettore per specifica Azione/Fruitore di un Servizio Attributi Nested Element Fruitore Attributi Nested Element Riferimenti

6 vi 5 Esempi di utilizzo di Scenario di Riferimento Funzionalità di Cooperazione Profilo di Collaborazione: OneWay Profilo di Collaborazione: Sincrono Profilo di Trasmissione: Consegna affidabile e senza duplicati Scadenza temporale associata ad una busta egov WS-Security: Funzionalità Generali WS-Security: Autorizzazione dei mittenti di una busta egov Profili di Collaborazione Asincroni Profilo di Collaborazione Asincrono Simmetrico con Richiesta Sincrona Profilo di Collaborazione Asincrono Simmetrico con Richiesta Asincrona Profilo di Collaborazione Asincrono Asimmetrico con Richiesta Sincrona Profilo di Collaborazione Asincrono Asimmetrico con Richiesta Asincrona Profilo di Collaborazione Asincrono Asimmetrico con azioni di uno stesso servizio ID di Collaborazione Consegna in Ordine Cooperazione applicativa con SOAP With Attachments Accordo di Servizio, Port-Types e operations Profilo di gestione della busta e-gov Adeguamento degli accordi alle specifiche CNIPA Dominio di cooperazione: accordi di cooperazione e servizi composti Import/Export degli accordi nel registro dei servizi Funzionalità di Integrazione Autenticazione dei Servizi Applicativi Autorizzazione dei Servizi Applicativi Implementazioni del servizio Ricezione Contenuti Applicativi Implementazioni del servizio Consegna Contenuti Applicativi Propagazione delle informazioni egov ai Servizi Applicativi Riferimento per nome ai Servizi Applicativi Imbustamento Contenuti Applicativi Identificazione dinamica dei servizi erogati Servizio di Message Box Associazione di diversi Servizi Applicativi ad una stessa porta applicativa Correlazione applicativa tra contenuti applicativi e id e-gov Validazione dei contenuti applicativi delle richieste di servizio e delle buste egov Header di Integrazione per i Servizi Applicativi Modalità di trasmissione per un profilo oneway Modalità di gestione Stateless/Stateful

7 vii 5.4 Integrazione dei Servizi Applicativi Funzionalità Avanzate Gestione di più domini di servizi sulla stessa porta di dominio Gestione avanzata dell errore nell invocazione di un Servizio Applicativo Gestione avanzata dell errore ritornato ad un Servizio Applicativo che invoca una Porta Delegata Routing Autorizzazione delle buste egov in ingresso

8 viii Elenco delle figure 1 Scenario Introduttivo Cooperazione con profilo di collaborazione Oneway Scenario di riferimento Cooperazione con profilo di collaborazione sincrono Cooperazione affidabile con riscontri Cooperazione affidabile: ricezione del riscontro Cooperazione con filtro dei duplicati Cooperazione con WS-Security

9 1 / 91 1 Introduzione Questa guida documenta la sintassi, nel linguaggio XML, utilizzata per la gestione della Porta di Dominio e del Registro dei Servizi. supporta per le configurazioni i seguenti repository: Configurazione Porta di Dominio Database Relazionale File XML Configurazione Registro dei Servizi Database Relazionale File XML WEB/HTTP UDDI Nelle sezioni seguenti si farà riferimento esclusivamente alla metodologia XML, sia per quanto riguarda la Porta di Dominio che il Registro dei Servizi. Occorre però precisare che per i due componenti, sulla base delle specifiche esigenze, si possono adottare scelte metodologiche assolutamente indipendenti. Al fine di rendere maggiormente incisiva la presentazione degli argomenti, introduciamo uno scenario d uso esemplificativo, illustrato nella figura seguente, che mostra un tipico scenario d interazione tra due servizi applicativi in accordo allo standard SPCoop. A questo stesso scenario faranno poi riferimento anche la maggior parte degli esempi d uso mostrati nel resto di questa guida (vedi Sezione 5). Figura 1: Scenario Introduttivo Nello scenario è possibile identificare un Sistema Informativo Locale che eroga uno specifico servizio applicativo. Il Sistema può essere contattato dall esterno solo tramite la Porta Applicativa del servizio, presente sulla Porta di Dominio del proprio Dominio di Servizi. Sull altro versante, il Sistema Informativo Locale che intende fruire del servizio può farlo tramite la Porta Delegata del servizio, presente sulla Porta di Dominio del proprio Dominio di Servizi. Entrambe le Porte di Dominio dovranno condividere l accesso a un Registro dei Servizi contenente l elenco dei Soggetti abilitati alle comunicazioni SPCoop, l elenco dei servizi erogati da ogni Soggetto e i relativi accordi di servizio.

10 2 / 91 2 Hello World! In questa sezione viene presentato un primo esempio di utilizzo di. Il caso presentato illustra lo scambio di una busta egov con profilo di collaborazione OneWay, effettuato tra un soggetto fruitore SPC/MinisteroFruitore ed un soggetto SPC/MinisteroErogatore che eroga il servizio oneway SPC/ComunicazioneVariazione. I passi da effettuare, per la configurazione in di questo scenario sono i seguenti: 1. Configurazione del registro dei servizi di : registrazione dell accordo di servizio definito tra i due soggetti, registrazione dei soggetti SPCoop e del servizio che istanzia l accordo di servizio. 2. Configurazione del dominio MinisteroErogatoreSPCoopIT nella porta di dominio : registrazione di una porta applicativa per il servizio SPC/ComunicazioneVariazione. 3. Configurazione del dominio MinisteroFruitoreSPCoopIT nella porta di dominio : registrazione della porta delegata utilizzata dal soggetto SPC/MinisteroFruitore per invocare il servizio SPC/ComunicazioneVariazione. La seguente figura illustra lo scenario di questo esempio: Figura 2: Cooperazione con profilo di collaborazione Oneway 1) Configurazione del registro dei servizi di Il codice seguente mostra come definire l accordo di servizio tra i due soggetti, come registrare i soggetti spcoop e come istanziare il servizio. Le linee 3-7 mostrano come definire un accordo di servizio con nome ComunicazioneVariazione. I servizi istanziati su questo accordo, hanno un profilo di collaborazione OneWay e abilitano l invocazione del servizio senza l utilizzo di un azione.

11 3 / 91 Le linee 9 e 15 mostrano come definire un soggetto SPCoop, fornendo tipo e nome del soggetto. Le linee e definiscono il punto di accesso (url http) delle porte di dominio che ospitano rispettivamente i soggetti SPC/MinisteroFruitore e SPC/MinisteroErogatore. Le linee definisce l istanziazione di un servizio SPC/ComunicazioneVariazione che implementa l accordo di servizio ASComunicazioneVariazione. 1. <registro-servizi xmlns="http://www.openspcoop.org/dao/registry" xmlns:xsi=" xsi:schemalocation="http://www. openspcoop.org/dao/registry registroservizi.xsd"> <accordo-servizio nome="ascomunicazionevariazione" profilo-collaborazione=" oneway" 4. wsdl-definitorio="http://pdderogatore:8080/accordi/ ComunicazioneVariazione/Definitorio.xsd" 5. wsdl-concettuale="http://pdderogatore:8080/accordi/ ComunicazioneVariazione/Concettuale.wsdl" 6. wsdl-logico-erogatore="http://pdderogatore:8080/ ComunicazioneVariazione/InterfacciaErogatore.wsdl" 7. utilizzo-senza-azione="true" / > <soggetto-spcoop tipo="spc" nome="ministerofruitore"> 10. <connettore tipo="http" nome="pddministerofruitore"> 11. <property nome="location" valore="http://pddfruitore:8080/ openspcoop/pa" /> 12. </connettore> 13. </soggetto-spcoop> <soggetto-spcoop tipo="spc" nome="ministeroerogatore"> 16. <connettore tipo="http" nome="pddministeroerogatore"> 17. <property nome="location" valore="http://pdderogatore:8080/ openspcoop/pa" /> 18. </connettore> 19. <servizio tipo="spc" nome="comunicazionevariazione" accordo-servizio=" ASComunicazioneVariazione" 20. wsdl-implementativo-erogatore="http:// pdderogatore:8080/comunicazionevariazione/erogatore.wsdl"/> 21. </soggetto-spcoop> </registro-servizi> 2) Configurazione del dominio MinisteroErogatoreSPCoopIT nella porta di dominio. Il codice seguente illustra sia come configurare un porta applicativa associata all erogazione del servizio SPC/Comunicazione- Variazione nella porta di dominio, sia come configurare la porta di dominio stessa. La linea 5 definisce il soggetto SPC/MinisteroErogatore che la porta di dominio deve gestire. Le linee 6-7 definisce una porta applicativa che permette di rendere pubblica l erogazione del servizio SPC/ComunicazioneVariazione da parte del soggetto SPC/MinisteroErogatore. Le linee 8-14 definiscono il servizio applicativo cui consegnare le richieste e, specificando un connettore, il punto di accesso al servizio erogato (url http). Le linee definiscono invece la configurazione della porta di dominio attraverso la definizione dell accesso ad un registro dei servizi XML reperibile all indirizzo (linee 19-21), la definizione della cadenza di tempo per la gestione dei riscontri (linea 22, funzionalità illustrata nella sezione Profilo di Trasmissione: Consegna affidabile e senza duplicati) e la gestione dei log, che configura openspcoop a produrre solo determinati tipi di log (linea 23, funzionalità illustrata nella sezione Configurazione del sistema di log della porta di dominio). 1. <openspcoop xmlns="http://www.openspcoop.org/dao/config" 2. xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" 3. xsi:schemalocation="http://www.openspcoop.org/dao/config config.xsd"> 4.

12 4 / <soggetto-spcoop tipo="spc" nome="ministeroerogatore" > 6. <porta-applicativa nome="comunicazionevariazione"> 7. <servizio tipo="spc" nome="comunicazionevariazione" /> 8. <servizio-applicativo nome="sa_erogatore" > 9. <invocazione-servizio> 10. <connettore tipo="http" nome="tracer"> 11. <property nome="location" valore="http://saerogatore :8080/TRACE/trace" /> 12. </connettore> 13. </invocazione-servizio> 14. </servizio-applicativo> 15. </porta-applicativa> 16. </soggetto-spcoop> <configurazione> 19. <accesso-registro> 20. <registro tipo="xml" location="http://registro:8080/ registroservizi.xml" /> 21. </accesso-registro> 22. <inoltro-buste-non-riscontrate cadenza="60" /> 23. <messaggi-diagnostici spcoop="infospcoop" openspcoop="infoopenspcoop" /> 24. </configurazione> 25. </openspcoop> 3) Configurazione del dominio MinisteroFruitoreSPCoopIT nella porta di dominio. Il codice seguente illustra come configurare un porta delegata utilizzata da un servizio applicativo appartenente ad un fruitore per fruire del servizio SPC/ComunicazioneVariazione. Inoltre il codice mostra la configurazione della porta di dominio che gestisce il soggetto SPC/Fruitore, che è esattamente uguale a quella precedentemente descritta per il dominio MinisteroErogatoreSPCoopIT. La linea 5 definisce il soggetto SPCoop SPC/MinisteroFruitore che la porta di dominio deve gestire. Le linee 6-9 definisce una porta delegata che permette un servizio applicativo appartenente ad un fruitore di invocare il servizio SPC/ComunicazioneVariazione erogato dal soggetto SPC/MinisteroErogatore. Le linee definiscono invece la configurazione della porta di dominio. 1. <openspcoop xmlns="http://www.openspcoop.org/dao/config" 2. xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" 3. xsi:schemalocation="http://www.openspcoop.org/dao/config config.xsd"> <soggetto-spcoop tipo="spc" nome="ministerofruitore" > 6. <porta-delegata nome="helloworld" autenticazione="none" autorizzazione ="none"> 7. <soggetto-spcoop-erogatore tipo="spc" nome="ministeroerogatore" /> 8. <servizio tipo="spc" nome="comunicazionevariazione" /> 9. </porta-delegata> 10. </soggetto-spcoop> <configurazione> 13. <accesso-registro> 14. <registro tipo="xml" location="http://registro:8080/ registroservizi.xml" /> 15. </accesso-registro> 16. <inoltro-buste-non-riscontrate cadenza="60" /> 17. <messaggi-diagnostici spcoop="infospcoop" openspcoop="infoopenspcoop" /> 18. </configurazione> 19. </openspcoop> La busta egov prodotta dalla porta del dominio MinisteroFruitoreSPCoopIT, utilizzata per l invocazione del servizio SPC/ComunicazioneVariazione è la seguente: <egov_it:intestazione SOAP_ENV:actor="http://www.cnipa.it/eGov_it/portadominio"

13 5 / 91 SOAP_ENV:mustUnderstand="1" xmlns:egov_it="http://www.cnipa.it/schemas/2003/egovit/busta1_0/" xmlns:soap_env="http://schemas.xmlsoap.org/soap/envelope/"> <egov_it:intestazionemessaggio> <egov_it:mittente> <egov_it:identificativoparte tipo="spc"> MinisteroFruitore </egov_it:identificativoparte> </egov_it:mittente> <egov_it:destinatario> <egov_it:identificativoparte tipo="spc"> MinisteroErogatore </egov_it:identificativoparte> </egov_it:destinatario> <egov_it:profilocollaborazione> EGOV_IT_MessaggioSingoloOneWay </egov_it:profilocollaborazione> <egov_it:servizio tipo="spc">comunicazionevariazione</egov_it:servizio> <egov_it:messaggio> <egov_it:identificatore> MinisteroFruitore_MinisteroFruitoreSPCoopIT_ _ _09:55 </egov_it:identificatore> <egov_it:oraregistrazione tempo="egov_it_locale"> T09:55: </egov_it:oraregistrazione> </egov_it:messaggio> <egov_it:profilotrasmissione inoltro="egov_it_piudiunavolta" confermaricezione="false"/> </egov_it:intestazionemessaggio> <egov_it:listatrasmissioni> <egov_it:trasmissione> <egov_it:origine> <egov_it:identificativoparte tipo="spc"> MinisteroFruitore </egov_it:identificativoparte> </egov_it:origine> <egov_it:destinazione> <egov_it:identificativoparte tipo="spc"> MinisteroErogatore </egov_it:identificativoparte> </egov_it:destinazione> <egov_it:oraregistrazione tempo="egov_it_locale"> T09:55: </egov_it:oraregistrazione> </egov_it:trasmissione> </egov_it:listatrasmissioni> </egov_it:intestazione> 3 Configurazione XML della Porta di Dominio La configurazione di una Porta di Dominio in consiste principalmente nella definizione dei seguenti elementi: Soggetti SPCoop, definiscono i soggetti SPCoop (generalmente uno solo) gestiti dalla porta di dominio e prevedono, all interno del Soggetto, la definizione dei seguenti elementi principali: Porte Delegate, permettono a servizi applicativi del Soggetto SPCoop di accedere ai servizi applicativi erogati da altri Domini. Porte Applicative, permettono l accesso da parte di servizi applicativi di altri domini di accedere a servizi applicativi erogati dal Soggetto SPCoop. Servizi Applicativi, descrivono gli aspetti rilevanti per l interazione con i servizi applicativi (fruitore ed erogatore) che interagiscono con le porte delegate ed applicative della porta di dominio.

14 6 / 91 Configurazione, contiene la definizione di parametri di configurazione della porta di dominio (ad esempio le policy di routing, o il registro utilizzato). Andiamo adesso a vedere come si realizza il file config.xml, utilizzato per configurare la Porta di Dominio. Per ciascun elemento, sarà presentata la struttura generale del formato xml, una descrizione introduttiva delle funzionalità gestite da quell elemento, l elenco degli attributi validi per l elemento, l elenco degli elementi definibili annidati al suo interno (nested element) ed infine i riferimenti ad esempi della documentazione rilevanti per quell elemento. 3.1 Soggetto SPCoop Definisce un soggetto SPCoop gestito dalla porta di dominio. Il Soggetto SPCoop viene utilizzato per identificare un organizzazione/dominio che eroga o fruisce di servizi applicativi. Un soggetto e il proprio dominio vengono identificati da un nome simbolico il più possibile autoesplicativo della missione istituzionale del soggetto stesso. L elemento ha la seguente struttura XML: <soggetto-spcoop tipo="tiposoggetto" nome="nomesoggetto" identificativo-porta=" dominiosoggetto" descrizione="descrizionesoggetto" router="true/false"> <porta-delegata...pd1...>... <porta-delegata...pdn...> <porta-applicativa...pa1...>... <porta-applicativa...pan...> <servizio-applicativo...s1...>... <servizio-applicativo...sn...> <connettore...c1...>... <connettore...cn...> </soggetto-spcoop> Attributi tipo [tipo: xsd:string], rappresenta il tipo di soggetto SPCoop. La specifica SPCoop indica di utilizzare il tipo SPC, comunque la porta di dominio permette di definire anche altri tipi (es. AOO, CodiceFiscale...); nome [tipo: xsd:string], rappresenta il nome associato al soggetto SPCoop; identificativo-porta (opzionale) [tipo: xsd:string], rappresenta il dominio associato al soggetto SPCoop. Se un identificativo porta non viene specificato, al soggetto sarà associato il dominio composto dal nome del soggetto con suffisso il valore SPCoopIT, come indicato nella specifica SPCoop; descrizione (opzionale) [tipo: xsd:string], informazione puramente descrittiva contenente una descrizione funzionale associata al soggetto. router [tipo: xsd:boolean] (opzionale, default: false), indica se il soggetto gestito dalla PdD assume il ruolo di router Nested Element porta-delegata, permettono a servizi applicativi del Soggetto SPCoop di accedere ai servizi applicativi erogati da altri Domini; porta-applicativa, permettono l accesso da parte di servizi applicativi di altri domini di accedere a servizi applicativi erogati dal Soggetto SPCoop; servizio-applicativo, descrivono gli aspetti rilevanti per l interazione con i servizi applicativi (fruitore ed erogatore) che interagiscono con le porte delegate ed applicative della porta di dominio; connettore (min=0 max=unbounded), definisce i parametri necessari all invocazione di un servizio applicativo.

15 7 / Riferimenti Ogni scenario esemplificativo presentato in questa guida illustra come definire un soggetto SPCoop. La Sezione illustra come definire più di un soggetto SPCoop gestito da un unica porta di dominio. La Sezione illustra come definire un soggetto che assuma il ruolo di Router in un architettura di rete diversa dal punto-punto. 3.2 Porta Delegata Una Porta Delegata permette a servizi applicativi del Soggetto SPCoop per la quale è definita di accedere ai servizi applicativi erogati da un altro dominio. La sua descrizione contiene le informazioni necessarie ad identificare il servizio SPCoop a cui la porta è abbinata e il tipo di autenticazione/autorizzazione applicato ai servizi applicativi che la invocano. L elemento ha la seguente struttura XML: <porta-delegata nome="nomepd" descrizione="descrizione Porta Delegata" location="invocazionepd" autenticazione="none/basic/ssl/..." autorizzazione="none/ openspcoop/..." autorizzazione-contenuto="..." ricevuta-asincrona-simmetrica="abilitato/disabilitato" ricevuta-asincrona- asimmetrica="abilitato/disabilitato" integrazione="soap,trasporto,urlbased..." allega-body="abilitato/disabilitato" scarta-body="abilitato/disabilitato" gestione- manifest="abilitato/disabilitato" stateless="abilitato/disabilitato" > <soggetto-spcoop-erogatore...> <servizio...> <azione...> <servizio-applicativo...s1...>... <servizio-applicativo...sn...> <ws-security...> <validazione-contenuti-applicativi...> <correlazione-applicativa...> </porta-delegata> Attributi nome [tipo: xsd:string], specifica un nome associato alla porta delegata. Se non viene definito l attributo opzionale location il nome sarà anche utilizzato per l individuazione della porta delegata nel momento in cui un servizio applicativo la invoca attraverso un servizio reso disponibile su di una determinata risorsa da (es. servizio web). Ad esempio, se viene definita una porta delegata con questo parametro uguale al valore Test, poi potrà essere invocata utilizzando il servizio web Ricezione Contenuti Applicativi reso disponibile dalla porta di dominio, associando come parte finale dell url da invocare, il valore Test. Supponendo che sia istanziata una porta di dominio all indirizzo si dovrà invocare il servizio Web per utilizzare la porta delegata. La sezione Implementazioni del servizio Ricezione Contenuti Applicativi illustra le varie modalità di invocazione delle porte delegate fornite da. descrizione (opzionale) [tipo: xsd:string], informazione puramente descrittiva contenente una descrizione funzionale della porta delegata. location (opzionale) [tipo: xsd:string], contiene un identificativo utilizzato al posto del nome, per l individuazione della porta delegata nel momento in cui un servizio applicativo la invoca attraverso un servizio reso disponibile su di una determinata risorsa da (es. servizio web). autenticazione (default:ssl) [tipo: xsd:string], indica il tipo di autenticazione che deve essere utilizzato dai servizi applicativi che invocano la porta delegata. fornisce meccanismi di autenticazione di base e permette la definizione di meccanismi custom.

16 8 / 91 autorizzazione (default:openspcoop) [tipo: xsd:string], indica il tipo di autorizzazione effettuato sui servizi applicativi che invocano la porta delegata. fornisce un meccanismo di autorizzazione di base e permette la definizione di meccanismi custom. autorizzazione-contenuto (opzionale) [tipo: xsd:string], indica il tipo di autorizzazione che verifica il contenuto utilizzato dai servizi applicativi per invocare la porta delegata. non fornisce un meccanismo di autorizzazione del contenuto built-in. Gli utenti che desiderano utilizzare questo tipo di autorizzazione devono creare un tipo di autorizzazione del contenuto ad hoc come descritto in Autorizzazione Contenuti dei Servizi Applicativi. ricevuta-asincrona-simmetrica (default:abilitato) [tipo: xsd:string], indica il tipo di gestione della ricevuta asincrona per il profilo di collaborazione Asincrono Simmetrico. Se l attributo assume il valore abilitato, le ricevute asincrone possiedono nel SoapBody il contenuto applicativo prodotto dall output dai servizi applicativi invocati. Il servizio applicativo che effettua la richiesta o spedisce la risposta deve rimanere in attesa del contenuto applicativo portato nella ricevuta asincrona. Se l attributo assume il valore disabilitato, le ricevute asincrone contengono un SoapBody vuoto. Il servizio applicativo che effettua la richiesta o spedisce la risposta viene immediatamente sbloccato dalla PdD, la quale si occuperà di consegnare la richiesta/risposta asincrona. Un thread effettuerà il re-invio di una busta, per la quale non è pervenuta la relativa ricevuta asincrona. ricevuta-asincrona-asimmetrica (default:abilitato) [tipo: xsd:string], indica il tipo di gestione della ricevuta asincrona per il profilo di collaborazione Asincrono Asimmetrico, nella sola fase di richiesta. Se l attributo assume il valore abilitato, le ricevute asincrone di una richiesta possiedono nel SoapBody il contenuto applicativo prodotto dall output dei servizi applicativi invocati. Il servizio applicativo che effettua la richiesta deve rimanere in attesa del contenuto applicativo portato nella ricevuta asincrona. Se l attributo assume il valore disabilitato, le ricevute asincrone di una richiesta contengono un SoapBody vuoto. Il servizio applicativo che effettua la richiesta viene immediatamente sbloccato dalla PdD, la quale si occuperà di consegnare la richiesta asincrona. Un thread effettuerà il re-invio di una busta, per la quale non è pervenuta la relativa ricevuta asincrona. Nota: nella fase di richiesta stato, la ricevuta porta sempre il contenuto applicativo del servizio invocato per effettuare la richiesta stato. integrazione (default:non definita) [tipo: xsd:string]. Un Servizio Applicativo può dover passare/ricevere informazioni SPCoop dalla Porta di Dominio. L utilizzo degli header di integrazione, permette di passare/ottenere queste informazioni nella maniera più consona all applicazione. L attributo elenca i tipi di integrazione (header di integrazione) che si desiderano abilitare sulla porta delegata, al posto di quelli utilizzati per default dalla porta di dominio (vedi proprietà org.openspcoop.pdd.integrazione.tipo.pd del file openspcoop.properties nella sezione Configurazione Avanzata della Guida di Installazione). I tipi di integrazione devono essere forniti uno di seguito all altro separati da una virgola. L ordine degli header ne definisce il livelllo di importanza in ordine crescente per l integrazione tra servizio applicativo e pdd. Esistono i seguenti tipi di integrazione: trasporto, le informazioni di integrazioni vengono scambiate negli header del protocollo di trasporto (es. header trasporto http); urlbased, le informazioni di integrazioni vengono scambiate nella url di invocazione, attraverso proprietà in stile FORMbased (es. url?proprieta1=value1); soap, le informazioni di integrazioni vengono scambiate tramite un header soap definito dallo schema fornito con la distribuzione in src/schemi/integrazione.xsd; È possibile aggiungere header soap personalizzati. allega-body (default:disabilitato) [tipo: xsd:string], permette di abilitare la funzionalità allega_body in cui il body inviato da un servizio applicativo come richiesta (porta delegata) o come risposta (porta applicativa) viene allegato come attachment, e viene riferito tramite il manifest egov. La funzionalità è utilizzabile solo da servizi applicativi che invocano con messaggi senza attachment. scarta-body (default:disabilitato) [tipo: xsd:string], permette di abilitare la funzionalità scarta_body in cui il body inviato dal servizio applicativo come richiesta (porta delegata) o come risposta (porta applicativa) viene scartato e vengono utilizzati solo gli attachments presenti, e viene creato il manifest egov. La funzionalità è utilizzabile solo da servizi applicativi che invocano con messaggi con attachment. gestione-manifest [tipo: xsd:string], permette di abilitare la funzionalità gestione_manifest a livello di porta delegata per l abilitazione/disabilitazione della gestione del manifest egov da parte della porta di dominio. stateless [tipo: xsd:string], permette di abilitare la modalità di gestione stateless per il profilo oneway e sincrono. Se viene abilitata la gestione stateless, la porta di dominio gestisce i profili di collaborazione Oneway e Sincrono senza salvare informazioni sul database e senza attivare i diversi MDB funzionali. La gestione della richiesta di servizio avviente tramite un unico

17 9 / 91 thread. Questo comportamento permette di avere performance migliori rispetto alla gestione stateful. La modalità stateless differenzia da quella stateful anche nei seguenti aspetti: oneway, la porta di dominio gestisce il profilo oneway con una modalita di trasmissione sincrona, dove la risposta al client non viene restituita fino a che la porta di dominio non ha finito di gestire la richiesta. Questo comportamento differenzia da quello stateful dove la modalita di trasmissione è asincrona (versione 1.0 di ), dove la porta di dominio si prende in carico di consegnare la richiesta e sblocca subito il client; sincrono, non è possibile salvare tramite integration manager (vedi Sezione 5.3.9) eventuali risposte pervenute sulla porta, ma non consegnate al servizio applicativo a causa dello scadere del timeout; Per default, nella versione 1.1 il profilo sincrono viene gestito in modalità stateless, mentre il profilo oneway in modalità stateful, anche se in realtà viene adottato un approccio ibrido (implementazione parzialmente stateful ma con presa in carico da parte della porta di dominio). È possibile anche modificare i default utilizzati dalla porta (vedi opzioni org.openspcoop.pdd.stateless.default.o e org.openspcoop.pdd.stateless.default.sincrono della sezione Configurazione Avanzata della Guida di Installazione) Nested Element soggetto-spcoop-erogatore, indica l identificativo SPCoop del Soggetto, appartenente ad un altra porta di dominio, che fornisce l erogazione del servizio associato a questa porta delegata (vedi Sezione 3.4); servizio, indica l identificativo SPCoop del servizio erogato (vedi Sezione 3.4); azione (opzionale). Indica l identificativo SPCoop di una particolare azione fornita con l erogazione del servizio (vedi Sezione 3.4); servizio-applicativo (min=0 max=unbounded), definisce un servizio applicativo autorizzato ad invocare la porta delegata. La definizione può essere parziale, fornendo solo il nome del servizio applicativo, specificato completamente nella definizione del soggetto SPCoop, o completa (vedi Sezione 3.5 e Sezione 5.3.6). In una porta delegata possono essere specificati più servizi applicativi autorizzati ad invocarla. ws-security, contiene parametri di WS-Security associati alla porta delegata (vedi Sezione 5.2.5). validazione-contenuti-applicativi, permette di abilitare la validazione xsd del contenuto applicativo delle richieste di servizio. Lo schema di validazione xsd deve essere stato registrato nell accordo di servizio, attraverso il relativo tag wsdl-definitorio (vedi Sezione 3.14). correlazione-applicativa, se abilitato permette di riutilizzare lo stesso idegov in caso di richieste con identico contenuto applicativo. Le richieste di servizio devono essere identificabili da un identificatore applicativo, che sia parte del messaggio xml (content-based) oppure parte della url di invocazione della porta delegata (url-based) (vedi Sezione 3.15) Riferimenti Ogni scenario esemplificativo descritto nella sezione apposita di questa guida, illustra come definire porte delegate invocabili come servizi web. Inoltre la Sezione illustra le varie modalità di invocazione delle porte delegate offerte da. La Sezione illustra come definire il tipo di autenticazione associata ad una porta delegata. La Sezione illustra come definire il tipo di autorizzazione associata ad una porta delegata. La Sezione e Sezione illustrano come definire funzionalità WS-Security associate all invocazione della porta delegata. La Sezione illustra come definire ed utilizzare header di integrazione con il servizio applicativo. La Sezione illustra come la modalità di gestione stateless una porta delegata con profilo oneway, permette di gestire la richiesta in una modalita sincrona.

18 10 / Porta Applicativa Una Porta Applicativa permette l accesso da parte di servizi applicativi di altri domini a servizi applicativi erogati dal Soggetto SPCoop. La sua descrizione include le informazioni necessarie a identificare i tipi di busta egov in arrivo da gestire e le informazioni relative al servizio applicativo da invocare per la consegna dei contenuti della busta. L elemento ha la seguente struttura XML: <porta-applicativa nome="nomepa" descrizione="descrizione Porta Applicativa" ricevuta-asincrona-simmetrica="abilitato/disabilitato" ricevuta-asincrona- asimmetrica="abilitato/disabilitato" integrazione="soap,trasporto,urlbased..." allega-body="abilitato/disabilitato" scarta-body="abilitato/disabilitato" gestione- manifest="abilitato/disabilitato" stateless="abilitato/disabilitato" autorizzazione-contenuto="..."> <soggetto-virtuale tipo="tiposoggettovirtuale" nome="nomesoggettovirtuale" > <servizio tipo="tiposervizio" nome="nomeservizio" > <azione nome="nomeazione" > <servizio-applicativo...s1...>... <servizio-applicativo...sn...> <set-spcoop-property...sp1...>... <set-spcoop-property...spn...> <ws-security...> <validazione-contenuti-applicativi...> <correlazione-applicativa...> </porta-applicativa> Attributi nome [tipo: xsd:string], informazione puramente descrittiva contenente un nome associato alla porta applicativa; descrizione (opzionale) [tipo: xsd:string], informazione puramente descrittiva contenente una descrizione funzionale associata della porta applicativa. ricevuta-asincrona-simmetrica (default:abilitato) [tipo: xsd:string], indica il tipo di gestione della ricevuta asincrona per il profilo di collaborazione Asincrono Simmetrico. Se l attributo assume il valore abilitato, le ricevute asincrone possiedono nel SoapBody il contenuto applicativo prodotto dall output dai servizi applicativi invocati. Il servizio applicativo che effettua la richiesta o spedisce la risposta deve rimanere in attesa del contenuto applicativo portato nella ricevuta asincrona. Se l attributo assume il valore disabilitato, le ricevute asincrone contengono un SoapBody vuoto. Il servizio applicativo che effettua la richiesta o spedisce la risposta viene immediatamente sbloccato dalla PdD, la quale si occuperà di consegnare la richiesta/risposta asincrona. Un thread effettuerà il re-invio di una busta, per la quale non è pervenuta la relativa ricevuta asincrona. ricevuta-asincrona-asimmetrica (default:abilitato) [tipo: xsd:string], indica il tipo di gestione della ricevuta asincrona per il profilo di collaborazione Asincrono Asimmetrico, nella sola fase di richiesta. Se l attributo assume il valore abilitato, le ricevute asincrone di una richiesta possiedono nel SoapBody il contenuto applicativo prodotto dall output dei servizi applicativi invocati. Il servizio applicativo che effettua la richiesta deve rimanere in attesa del contenuto applicativo portato nella ricevuta asincrona. Se l attributo assume il valore disabilitato, le ricevute asincrone di una richiesta contengono un SoapBody vuoto. Il servizio applicativo che effettua la richiesta viene immediatamente sbloccato dalla PdD, la quale si occuperà di consegnare la richiesta asincrona. Un thread effettuerà il re-invio di una busta, per la quale non è pervenuta la relativa ricevuta asincrona. Nota: nella fase di richiesta stato, la ricevuta porta sempre il contenuto applicativo del servizio invocato per effettuare la richiesta stato. integrazione (default:non definita) [tipo: xsd:string]. Un Servizio Applicativo può dover passare/ricevere informazioni SPCoop dalla Porta di Dominio. L utilizzo degli header di integrazione, permette di passare/ottenere queste informazioni nella maniera più consona all applicazione. L attributo elenca i tipi di integrazione (header di integrazione) che si desiderano abilitare sulla porta delegata, al posto di quelli utilizzati per default dalla porta di dominio (vedi proprietà org.openspcoop.pdd.integrazione.tipo.pd

19 11 / 91 del file openspcoop.properties nella sezione Configurazione Avanzata della Guida di Installazione). I tipi di integrazione devono essere forniti uno di seguito all altro separati da una virgola e definiscono gli header da impostare per l integrazione tra pdd e servizio applicativo. Esistono i seguenti tipi di integrazione: trasporto, le informazioni di integrazioni vengono scambiate negli header del protocollo di trasporto (es. header trasporto http); urlbased, le informazioni di integrazioni vengono scambiate nella url di invocazione, attraverso proprietà in stile FORMbased (es. url?proprieta1=value1); soap, le informazioni di integrazioni vengono scambiate tramite un header soap definito dallo schema fornito con la distribuzione in src/schemi/integrazione.xsd; È possibile aggiungere header soap personalizzati. allega-body (default:disabilitato) [tipo: xsd:string], permette di abilitare la funzionalità allega_body in cui il body inviato da un servizio applicativo come richiesta (porta delegata) o come risposta (porta applicativa) viene allegato come attachment, e viene riferito tramite il manifest egov. La funzionalità è utilizzabile solo da servizi applicativi che invocano con messaggi senza attachment. scarta-body (default:disabilitato) [tipo: xsd:string], permette di abilitare la funzionalità scarta_body in cui il body inviato dal servizio applicativo come richiesta (porta delegata) o come risposta (porta applicativa) viene scartato e vengono utilizzati solo gli attachments presenti, e viene creato il manifest egov. La funzionalità è utilizzabile solo da servizi applicativi che invocano con messaggi con attachment. gestione-manifest [tipo: xsd:string], permette di abilitare la funzionalità gestione_manifest a livello di porta delegata per l abilitazione/disabilitazione della gestione del manifest egov da parte della porta di dominio.. stateless [tipo: xsd:string], permette di abilitare la modalità di gestione stateless per il profilo oneway e sincrono. Se viene abilitata la gestione stateless, la porta di dominio gestisce i profili di collaborazione Oneway e Sincrono senza salvare informazioni sul database e senza attivare i diversi MDB funzionali. La gestione della richiesta di servizio avviente tramite un unico thread. Questo comportamento permette di avere performance migliori rispetto alla gestione stateful. La modalità stateless differenzia da quella stateful anche nei seguenti aspetti: oneway, la porta di dominio gestisce il profilo oneway con una modalita di trasmissione sincrona, dove la risposta al client non viene restituita fino a che la porta di dominio non ha finito di gestire la richiesta. Questo comportamento differenzia da quello stateful dove la modalita di trasmissione è asincrona (versione 1.0 di ), dove la porta di dominio si prende in carico di consegnare la richiesta e sblocca subito il client; sincrono, non è possibile salvare tramite integration manager (vedi Sezione 5.3.9) eventuali risposte pervenute sulla porta, ma non consegnate al servizio applicativo a causa dello scadere del timeout; Per default, nella versione 1.1 il profilo sincrono viene gestito in modalità stateless, mentre il profilo oneway in modalità stateful, anche se in realtà viene adottato un approccio ibrido (implementazione parzialmente stateful ma con presa in carico da parte della porta di dominio). È possibile anche modificare i default utilizzati dalla porta (vedi opzioni org.openspcoop.pdd.stateless.default.o e org.openspcoop.pdd.stateless.default.sincrono della sezione Configurazione Avanzata della Guida di Installazione). autorizzazione-contenuto (opzionale) [tipo: xsd:string], indica il tipo di autorizzazione che verifica il contenuto presente nelle buste e-gov in ingresso sulla porta applicativa. non fornisce un meccanismo di autorizzazione del contenuto built-in. Gli utenti che desiderano utilizzare questo tipo di autorizzazione devono creare un tipo di autorizzazione del contenuto ad hoc come descritto in Autorizzazione Contenuti delle buste egov in ingresso Nested Element soggetto-virtuale (opzionale) Permette di associare la porta applicativa, oltre al soggetto che la contiene, anche ad un altro soggetto (definito attraverso un tipo e nome). Viene indicato come soggetto virtuale, poiché non è un soggetto realmente gestito dalla porta di dominio; è solo una funzionalità avanzata utilizzata nella cooperazione per eventi su scambio diretto di buste egov. servizio, indica l identificativo SPCoop del servizio composto dalla coppia di attributi di tipo xsd:string tipo e nome. azione (opzionale), indica l identificativo SPCoop di una particolare azione fornita con l erogazione del servizio. L azione deve essere definita attraverso l attributo di tipo xsd:string nome.

20 12 / 91 servizio-applicativo (min=1 max=unbounded), definisce un servizio applicativo di un erogatore del servizio associato alla porta applicativa. La definizione può essere parziale, fornendo solo il nome del servizio applicativo, specificato completamente nella definizione del soggetto SPCoop, o completa (vedi Sezione 3.5 e Sezione In una porta applicativa possono essere specificati più servizi applicativi invocati da una busta egov. set-spcoop-property (min=0 max=unbounded). Permette di propagare le informazioni presenti nella busta egov utilizzata per identificare la porta applicativa. Definisce una proprietà da impostare nell header del protocollo di trasporto utilizzato dal servizio applicativo associato alla porta applicativa. I valori utilizzati nelle proprietà sono keyword che indirizzano ai valori presenti nella busta egov che ha richiesto il servizio (vedi Sezione ws-security, contiene parametri di WS-Security associati alla porta applicativa (vedi Sezione 5.2.5) e Sezione validazione-contenuti-applicativi, configura la validazione xsd del contenuto applicativo delle richieste di servizio. Lo schema di validazione xsd deve essere stato registrato nel servizio, nel registro dei servizi, attraverso il campo wsdl-definitoriò (vedi Sezione 3.14). correlazione-applicativa, se abilitato permette di associare un id applicativo alla cooperazione in corso. Le richieste di servizio devono essere identificabili da un identificatore applicativo, che sia parte del messaggio xml (content-based) (vedi Sezione 3.15) Riferimenti Ogni scenario esemplificativo descritto nella sezione apposita di questa guida, illustra come definire porte applicative che includono la definizione di un singolo servizio applicativo. La Sezione e la Sezione illustrano come definire funzionalità WS-Security all invocazione della porta applicativa. La Sezione illustra come propagare le informazioni della busta egov che identifica la porta applicativa, al servizio applicativo associato. La Sezione illustra un esempio di definizione di servizi applicativi associati alla stessa porta applicativa. La Sezione illustra come definire ed utilizzare header di integrazione con il servizio applicativo. La Sezione illustra come la modalità di gestione stateless una porta delegata con profilo oneway, permette di gestire la richiesta in una modalita sincrona. 3.4 Soggetto SPCoop Erogatore, Servizio e Azione Rappresentano le tre informazioni fondamentali per individuare univocamente un istanza di servizio all interno del registro dei servizi di (la presenza dell azione è opzionale). Vengono utilizzate all interno della definizione di una porta delegata e permettono alla porta di dominio di identificare il servizio SPCoop a cui la porta è abbinata. L attributo nome dei tre elementi può essere definito staticamente nell xml, o in alternativa è possibile definire una modalità di acquisizione dinamica (vedi Sezione 5.3.8). Questi elementi hanno la seguente struttura XML: <soggetto-spcoop-erogatore identificazione="static/urlbased/contentbased/inputbased" tipo=" tiposoggetto" nome="nomesoggetto" pattern="espressioneregolare"/> <servizio identificazione="static/urlbased/contentbased/inputbased" tipo="tiposervizio" nome="nomeservizio" pattern="espressioneregolare"/> <azione identificazione="static/urlbased/contentbased/inputbased" nome="nomeazione" pattern ="espressioneregolare"/> Attributi tipo [tipo: xsd:string], rappresenta il tipo del soggetto/servizio SPCoop. Non è presente nell elemento azione. nome (opzionale) [tipo: xsd:string], rappresenta il nome SPCoop. Deve essere definito solo nel caso in cui l attributo identificazione assume il valore static.

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO

MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO MODALITÀ DI QUALIFICAZIONE DELLA PORTA DI DOMINIO Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE 3 1.1 Autori 3 1.2 Modifiche Documento 3 1.3 Riferimenti 4 1.4 Acronimi e Definizioni 4 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 30419 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it

Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it SmsMobile.it Principali caratteristiche piattaforma web smsmobile.it Istruzioni Backoffice Post get http VERSION 2.1 Smsmobile by Cinevision srl Via Paisiello 15/ a 70015 Noci ( Bari ) tel.080 497 30 66

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO WEB SMS

MANUALE DI UTILIZZO WEB SMS MANUALE DI UTILIZZO WEB SMS (Ultimo aggiornamento 24/08/2011) 2011 Skebby. Tutti i diritti riservati. INDICE INTRODUZIONE... 8 1.1. Cos è un SMS?... 8 1.2. Qual è la lunghezza di un SMS?... 8 1.3. Chi

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER (Ultimo aggiornamento 14/05/2014) 2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. INDICE INTRODUZIONE... 1 1.1. Cos è un SMS?... 1 1.2. Qual è la lunghezza di un SMS?... 1 1.3.

Dettagli

Documentazione tecnica

Documentazione tecnica Documentazione tecnica Come spedire via Post 1.1) Invio di Loghi operatore 1.2) Invio delle Suonerie (ringtone) 1.3) Invio di SMS con testo in formato UNICODE UCS-2 1.4) Invio di SMS multipli 1.5) Simulazione

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente.

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente. Questo documento riporta delle note integrative ai documenti di riferimento della Posta Elettronica Certificata (PEC). Nello specifico le seguenti note fanno riferimento a: Decreto del Presidente della

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche II contenuto del presente documento costituisce materiale riservato e soggetto a copyright. 1 di 39 REDATTO DA < Amici Cinzia > Firma Data 18/01/2011

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 1835 001 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT La chiamata diretta allo script può essere effettuata in modo GET o POST. Il metodo POST è il più sicuro dal punto di vista della sicurezza. Invio sms a un numero

Dettagli

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl

ThemixInfo Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori. Manuale d uso. themix Italia srl Gestione Informazione al Pubblico per Laboratori di analisi e Poliambulatori Manuale d uso Versione 08/07/2014 themix Italia srl tel. 06 35420034 fax 06 35420150 email info@themix.it LOGIN All avvio il

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

Guida al primo accesso sul SIAN

Guida al primo accesso sul SIAN Guida al primo accesso sul SIAN Il presente documento illustra le modalità operative per il primo accesso al sian e l attivazione dell utenza per poter fruire dei servizi presenti nella parte privata del

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0 Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 1 Open Conference Systems è un iniziativa di ricerca sviluppata dal Public Knowledge Project dell Università della

Dettagli

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda mailto:beable@beable.it http://www.beable.it 1 / 33 Questo tutorial è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01)

SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie [COB] Import massivo XML. ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) SINTESI Comunicazioni Obbligatorie [COB] XML ver. 1.0 del 14.05.2008 (ver. COB 3.13.01) Questo documento è una guida alla importazione delle Comunicazioni Obbligatorie: funzionalità che consente di importare

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Programma Servizi Centralizzati s.r.l.

Programma Servizi Centralizzati s.r.l. Via Privata Maria Teresa, 11-20123 Milano Partita IVA 09986990159 Casella di Posta Certificata pecplus.it N.B. si consiglia di cambiare la password iniziale assegnata dal sistema alla creazione della casella

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso

MANUALE D USO G.ALI.LE.O GALILEO. Manuale d uso. Versione 1.1.0. [OFR] - Progetto GALILEO - Manuale d uso [OFR] - - G.ALI.LE.O Versione 1.1.0 MANUALE D USO pag. 1 di 85 [OFR] - - pag. 2 di 85 [OFR] - - Sommario 1 - Introduzione... 6 2 - Gestione ALbI digitale Ordini (G.ALI.LE.O.)... 7 2.1 - Schema di principio...

Dettagli

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0

Guida alla registrazione al sistema Alias nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR. Versione 1.0 nell ambito della sperimentazione di cui alla Delibera n. 42/13/CIR Versione 1.0 1 Introduzione L impiego di Alias come mittente nei messaggi è attualmente regolato dalla delibera n. 42/13/CIR concernente

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA. Versione 1.1

ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA. Versione 1.1 ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA Versione 1.1 VERIFICHE EFFETTUATE SUL FILE FATTURAPA NOMENCLATURA ED UNICITÀ DEL FILE TRASMESSO La verifica viene eseguita al fine di intercettare l invio

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Specifiche API. Gestione utenti multipli

Specifiche API. Gestione utenti multipli Specifiche API Gestione utenti multipli v1.3.73 Last update: Ludovico 28/12/2009 Sommario Descrizione del servizio... 3 Come diventare partner... 3 Modalità di accesso al servizio con gestione utenti multipli...

Dettagli

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i

Scrivere uno script php che, dato un array associativo PERSONE le cui chiavi sono i Esercizi PHP 1. Scrivere uno script PHP che produca in output: 1. La tabellina del 5 2. La tavola Pitagorica contenuta in una tabella 3. La tabellina di un numero ricevuto in input tramite un modulo. Lo

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Informazioni sul documento Redatto da Ruben Pandolfi Responsabile del Manuale Operativo Approvato da Claudio Corbetta Amministratore Delegato

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli