Esami d Analisi Matematica 1. Filippo De Mari e Marina Venturino

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esami d Analisi Matematica 1. Filippo De Mari e Marina Venturino"

Transcript

1 Esami d Analisi Matematica 1 Filippo De Mari e Marina Venturino

2

3 Indice Parte 1. ANNO ACCADEMICO Corso di Studi in Ingegneria Meccanica 5 Parte. ANNO ACCADEMICO Corso di Studi in Ingegneria Meccanica 15 3

4 4 Esami di Analisi Matematica 1 Gli esercizi che compaiono in questa raccolta sono stati effettivamente assegnati come prove scritte d esame alla Facoltà di Ingegneria dell Università di Genova. Essi sono suddivisi per Anno Accademico, per Corso di Studi e per esame. Avvertenze 1) Salvo esplicito avviso del contrario, i logaritmi considerati, denotati log, sono tutti logaritmi naturali, ossia in base e. ) Occasionalmente scriveremo ep (g()) in luogo di e g(), cioè quando l espressione esplicita di g() è troppo ingombrante. 3) Iltempo assegnato per ciascuna prova scritta è normalmente di tre ore, compresa la parte di Geometria. Quindi lo studente dovrebbe essere in grado di svolgere ciascuna prova di esame qui riportata in un ora e mezza. 4) Lo studente dell anno in corso non sarà tenuto a svolgere esercizi su argomenti non svolti in aula.

5 PARTE 1 ANNO ACCADEMICO Corso di Studi in Ingegneria Meccanica 1.1. Primo compitino. 1. Sapendo che 1.51 approssima con due cifre decimali esatte, con quante cifre decimali esatte è noto 1/(1 + )? Soluzione. Dalla diseguaglianza 1.51 <1.5 si deduce < 4.04 e quindi < < < Pertanto 0.4 approssima 1/(1 + ) con due cifre decimali esatte.. Si consideri la funzione f() =1/( +3) 3/11. (a) Disegnare ilgrafico di f. (b) Sia g() =f() per >(1/). Determinare g 1, se esiste, specificandone l insieme di definizione. Soluzione. (a) La parabola y() = + 3 ha vertice in (1/, 11/4) ed è rivolta verso l alto. Il suo grafico sarà quindi ed il grafico della funzione 1/( + 3) sarà 5

6 6 Esami di Analisi Matematica 1 Infine, ilgrafico di f sarà ottenuto dalprecedente traslando verso ilbasso di 3/11. Quindi ilgrafico di f sarà: (b) Per >1/ la parabola y() = +3 è strettamente crescente cosicché 1/( +3) è strettamente decrescente e tale sarà anche g, che risulta quindi invertibile. Inoltre, dal momento che g(1/) = 1/11 e lim g() = 3/11, avremo + g :(1/, + ) ( 3/11, 1/11) e di conseguenza: g 1 : ( 3 11, 1 ) ( ) 1 11, +. Per quanto riguarda l espressione analitica di g 1, posto g() =y, avremo: = y +3 1 y =0,

7 da cui Siccome >1/, risulta 3. Sia p un intero positivo e sia F. De Mari e M. Venturino 7 11y+3 1, = 1 ± g 1 () = f() = log(1 + 3 ) (1 cos ). p Si determini per quali valori di p la funzione f è prolungabile per continuità nell origine. Soluzione. Dire che f è prolungabile per continuità nell origine significa che esiste finito lim f() =l. D altra parte 0 f() = log(1 + 3 ) (1 cos ) = log(1 + ( 3 ) ) p 3 p 3 1 cos p e poichè log(1 + 3 ( ) ) p lim =1, lim = p, cos il limite cercato esiste finito se e solo se esiste finito il limite per 0 della funzione h() =3 (1 p).sep = 1 allora h() = 3 per ogni e h() 3per 0, mentre se p {, 3,...} allora l esponente (1 p) è un intero pari negativo e h() + per 0. Quindi f è prolungabile per continuità nell origine solo per p = 1,edin questo caso l = Secondo compitino. 1. Si consideri la funzione: ( ) arctan se < 1 1 f() = ( π ) se 1 (a) Si stabilisca se f è continua nei punti 1 = 1 e =1. (b) Si stabilisca se esiste la retta tangente al grafico di f nei punti ( 1,f( 1 )) e (,f( )), ed in ciascun caso in cui esiste se ne scriva l equazione. Soluzione. (a) Consideriamo dapprima ilpunto 1 = 1. Siccome ( ) lim f() = lim arctan = π = f( 1), la funzione è continua in 1. Analogamente, per quanto riguarda il punto =1, ( ) lim f() = lim arctan = π = f(1), cosicché la funzione è continua anche in..

8 8 Esami di Analisi Matematica 1 (b) Consideriamo dapprima ilpunto 1 = 1. Siccome f() f( 1) lim = l im 1 + ( 1) applicando il Teorema di de l Hôpitalsi avrà d ) 1 d arctan( = ( ( 1 arctan ) π ) ( 1) ( 1) = , per 1 + (ed anche per 1 ), cosicché la derivata destra in 1 esiste e vale. D altra parte anche la derivata sinistra in 1 di f() = ( π ) esiste e vale. Quindi f è derivabile in 1 e la retta tangente al grafico di f in ( 1,f( 1 )) esiste ed ha equazione y = π ( +1). Similmente, la retta tangente al grafico di f in (,f( )) esiste ed ha equazione y = (π/) ( 1).. Si determini il polinomio di McLaurin di grado della funzione f() = log(1+tan ), dove illogaritmo indicato è quello naturale. Soluzione. Calcoliamo le prime due derivate di f : f () = tan (1 + tan ), f () = ( tan )(1 + tan )(1 + tan ) (1 + tan )(1 + tan ) (1 + tan ) = (1 + tan )(tan + tan 1) (1 + tan ). Pertanto f(0)=0, f (0)=1 e f (0) = 1 ed ilpolinomio cercato è Sia f() =e (a) Si calcoli 1+. lim f(). + (b) Si stabilisca in quali sottointervalli dell insieme di definizione di f essa risulta crescente. (c) Si determinino, se esistono, massimi e minimi relativi ed assoluti di f. Soluzione. (a) Dalmomento che lim + 1+ = l im / =0, e siccome la funzione esponenziale è continua, il limite richiesto vale 1.

9 F. De Mari e M. Venturino 9 (b) Poiché f è definita in [0, + ) e derivabile in (0, + ) sarà sufficiente stabilire il segno di f. D altra parte 1 f () =e 1+ (1 + ) = 1 (1 + ) e (1 + ), e sarà quindi f () > 0seesolose1 3 > 0, cioè per 0 << 3/3. Siccome infine f(0) = 1 ed f() > 1per>0, f è crescente nell intervallo [0, 3/3]. (c) Per quanto visto in (b), f ha ilsolo punto critico 0 = 3/3. Poiché f risulta crescente a sinistra di 0 e decrescente a destra di 0, esso è un massimo assoluto di f esiha: ( ) 3 f 3 ( 3 1/4 ) = ep = ep 1+(1/3) ( 3 3/4 dove si è posto ep y = e y. Inoltre f tende (decrescendo) ad 1 per +, come stabilito in (a). Siccome f(0) = 1, l origine è punto di minimo assoluto per f. Riportiamo per chiarezza ilgrafico di f : 4 ), 1.3. Primo scritto. 1. Determinare in quali intervalli è invertibile la derivata prima della funzione f() =( +1)e. Soluzione Innanzitutto, f () = e ( +1)+e = e ( 1), f () =e ( 4 +3). Perciò f risulterà invertibile in tutti gli intervalli in cui f non cambia segno. Dal momento che f si annulla solo in corrispondenza delle radici di 4 + 3, che sono 1e3,f risulterà invertibile negli intervalli (, 1], [1, 3] e [3, + ).

10 10 Esami di Analisi Matematica 1 ). Si consideri la funzione definita in ( π, π da: log(1 + sin ) se 0 f() = α 0 se =0 (a) Si determini per quali α reali f risulta continua nell origine. (b) Si determini per quali α reali f risulta derivabile nell origine. Soluzione. (a) Per 0 risulta log(1 + sin ) log(1 + sin ) sin = α sin. α Siccome i primi due fattori tendono ad 1 per 0, sarà sufficiente esaminare il comportamento di / α. Ora, mentre lim 0 + lim 0 α = l im α = α = l im 0 1 α = Quindi f è continua nell origine se e solo se α<1. 0 se α<1 1 se α =1 + se α>1, 0 se α<1 1 se α =1 se α>1 (b) Dobbiamo verificare per quali α reali f risulta finito il limite f() f(0) lim 0 =lim 0 log(1 + sin ) α. Moltiplicando e dividendo come nel caso del punto (a), sarà sufficiente verificare il comportamento di 1/ α.ma lim 0 1 α = cosicché f è derivabile nell origine per α 0. 0 se α<0 1 se α =0 + se α>0 3. Provare che per ogni intero N vale la formula N (n 3 n) = N 4 +N 3 N N. n= 4

11 F. De Mari e M. Venturino 11 Soluzione. Per N = risulta 3 =6=( )/4. Supponiamo che la formula sia vera per N. Si avrà quindi N+1 N (n 3 n) = (n 3 n)+ ( (N +1) 3 (N +1) ) n= n= = N 4 +N 3 N N 4 = N 4 +N 3 N N 4 = N 4 +6N 3 +11N +6N 4. + N 3 +3N +3N +1 N 1 + N 3 +3N +N D altra parte (N +1) 4 +(N +1) 3 (N +1) (N +1) 4 = (N 4 +4N 3 +6N +4N +1)+(N 3 +3N +3N +1) (N +N +1) (N +1) 4 = N 4 +6N 3 +11N +6N. 4 Perciò la formula vale anche per (N + 1) ed ilrisultato è vero per ilprincipio di induzione matematica Si calcoli + d. Soluzione. Per la linearità dell integrale, possiamo calcolare separatamente: + d, e 1 + d. Per quanto riguarda ilprimo integrale + d = 1 mentre per ilsecondo Quindi 1 + d = + d = 1 1 ( ) ) d = ( +1 d d log( +)d = 1 log( +)+c, ( + + d =log ++ arctan 1 d ) = ( ) arctan +c. +1 ( ) + c.

12 1 Esami di Analisi Matematica Secondo scritto. 1. Sia f() = log. (a) Dire dove è definita f ; (b) calcolare il polinomio di Taylor di secondo grado di f nelpunto 0 =1; (c) determinare in quali intervalli f risulta convessa. Soluzione. (a) Affinché l og sia definita, deve aversi > 0. In questo caso è allora definito y per ogni y reale, quindi anche log. Perciò f è definita in (0, + ). (b) Osserviamo che f() =e (log ). Calcolando: ( ) log f () =e (log ), ( 4(log ) f () =e (log 1 ) + log ) ) e(log ( = (log ) (log )+1 ). Ne segue che f(1)=1, f (1)=0 e f (1) =, e ilpolinomio cercato è1+( 1). (c) La funzione f risulta derivabile due volte in (0, + ), come visto in (b). Pertanto f sarà convessa negli intervalli nei quali f > 0, cioè se (log ) (log ) +1> 0. D altra parte il polinomio y y +1 è sempre positivo. Quindi f () > 0 per ogni (0, + ).. Sia g() la funzione definita su I =(1, + ) dalla formula g() = log 1. (a) Si calcolino lim g() e lim g() (b) Si provi che g() si annulla in uno ed un sol punto di I. Soluzione. (a) Dalmomento che log 0per 1elog + per +, si avrà lim g() = 1, lim g() = (b) La derivata prima di g è g () =log+1. Quindi g > 0inI e g è (strettamente) crescente in I. Dalmomento che g è continua e, per ilpunto (a), assume valori negativi per prossimo a 1 e positivi per sufficientemente grande, per ilteorema degli zeri g() = 0 per uno ed un solo I. 3. Si calcoli +1 ( 1)( +1) d. Soluzione. Scomponendo l integranda in fratti semplici risulta +1 ( 1)( +1) = A ( 1) + B + C ( +1) = (A + B) +(C B) +(A C) ( 1)( +1) e deve quindi aversi: A + B =0 C B = A C =1

13 F. De Mari e M. Venturino 13 Il sistema ha la soluzione A =3/, B = 3/ ec =1/, perciò: +1 ( 1)( +1) d = 3 d d + 1 d +1 = 3 log log( +1)+ 1 arctan + c = 3 1 log arctan + c.

14 14 Esami di Analisi Matematica 1

15 PARTE ANNO ACCADEMICO Corso di Studi in Ingegneria Meccanica 1.1. Primo compitino. 1. Per ogni intero non-negativo n sia a n = n /(n ). (a) Posto A = {a n : n =0, 1,,...}, calcolare, se esistono, sup A, inf A, ma A e min A. (b) Calcolare, se esiste, lim a n. n + Soluzione. (a) Osserviamo innanzitutto che a 0 =0,a 1 = 1 ea =. Inoltre, per n sihan > 0 e in particolare a n > 0. Quindi, sicuramente a n 1=a 1 per ogni intero non-negativo n, cosicché min A = inf A = 1. Si osservi inoltre che per ogni n risulta a n n n n n 4 4 n, e quest ultima è sempre verificata se n. In altre parole, per ogni n si ha a n. Siccome anche a 0 < ea 1 < siha=a = ma A = sup A. (b) Poiché e l im n +. Sia n =0,siha a n = lim a n =1. n + n n = 1 1 ( ) n 1 f() = log 1/3 ( ) 1. (a) Determinare l insieme di definizione di f. (b) Verificare se per > 3 f è invertibile e in caso affermativo determinare la funzione inversa f 1. (c) Disegnare ilgrafico di f, giustificandone ilprocedimento. (d) Disegnare ilgrafico di h() = f(). Soluzione. (a) Affinché sia definito log 1/3 ( ) deve essere > 0, cioè >. Inoltre, log 1/3 ( ) 0se 1. Quindi l insieme I di definizione di f è I = (, 3) (3, + ). (b) Per >3, f è strettamente crescente. Infatti log 1/3 ( ) è strettamente decrescente e negativa; quindi (1/ log 1/3 ( )) è strettamente crescente, e tale risulta quindi ( 1/ log 1/3 ( ) ) 1. Essendo strettamente 15

16 16 Esami di Analisi Matematica 1 crescente per >3, f è invertibile in tale intervallo. Determiniamo l inversa f 1 ricordando che f() =y se e solo se = f 1 (y). Quindi 1 log 1/3 ( ) 1=y 1 log 1/3 ( ) = y +1 log 1/3 ( ) = 1 (se y 1) = =+ ( 1 3) 1 y+1 ( 1 3) 1 y+1 y +1 Quindi f 1 () =+ ( ) (c) Per disegnare ilgrafico di f, procediamo per passi. 3 Disegnamo dapprima ilgrafico di g() =log 1/3 ( ): Poi disegnamo ilgrafico di 1/g():

17 e infine ilgrafico di 1/g() 1 F. De Mari e M. Venturino 17 (d) La funzione h() = f() è data da f() se f() 0 h() = f() se f() < 0 ed ha quindi grafico: 1.. Secondo compitino. 1. Calcolare, al variare di λ R, l ordine di infinitesimo per 0 della funzione f() = log(1 + λ) sin + 1.

18 18 Esami di Analisi Matematica 1 Soluzione. Dalle formule di McLaurin log(1 + y) =y 1 y y3 + o(y 3 ), sin = o( 4 ) risulta ( f() = λ 1 λ + 1 ) ( 3 λ3 3 + o( 3 ) 1 ) o( 4 ) + 1 =(λ 1) + 1 ( ) ( 1 λ λ ) 3 + o( 3 ). 6 Pertanto, se λ 1 la funzione in esame è infinitesima di ordine uno per 0, mentre se λ = 1 essa è di ordine tre.. Sia g() = arctan ( e ( + +1) 1 ). (a) Calcolare i limiti agli estremi dell insieme di definizione di g. (b) Determinare la monotonia di g. (c) Determinare gli eventuali massimi e minimi relativi e assoluti di g. (d) Determinare ilnumero di zeri di g. (e) Calcolare il polinomio di McLaurin di secondo grado dell argomento dell arcotangente, ossia di h() =e ( + +1) 1. Soluzione. (a) L insieme di definizione di g è R. Poiché ( + +1)/e 0per +, come si verifica ad esempio utilizzando il teorema di de l Hôpital, si ha h() 1per + e quindi g() π/4 per +. Poiché inoltre h() + per, risulta g() π/ per. (b) La funzione in esame è derivabile in tutto R e la sua derivata vale g 1 ( () = ( e + +1 ) + e (4 +1) ) 1+[e ( + +1) 1] e = (3 ). 1+[e ( + +1) 1] Essa si annulla perciò per =0eper =3/ ed ha ilsegno di (3 ). La funzione g è quindi crescente in [0, 3/] e decrescente in (, 0] e in [3/, + ). (c) Per quanto visto alpunto precedente, g ha due punti critici: 1 =0e =3/. L analisi svolta sulla monotonia dimostra che il punto 1 è un minimo relativo mentre è un massimo relativo. Siccome g(0) = 0 e lim + g() = π/4, ilpunto 1 non è un minimo assoluto e poiché certamente g() ( π/,π/) per ogni R e lim g() =π/, ilpunto non è un massimo assoluto. La funzione g non ha estremi assoluti. (d) Sappiamo che g è strettamente decrescente in (, 0] e g(0) = 0; ne segue che g non ha zeri in (, 0). Essa è poi crescente in [0, 3/] ed ha un massimo relativo in 3/: non può annullarsi in (0, 3/]. Infine essa è strettamente decrescente in [3/, + ) e tende a π/4 per + : avrà esattamente uno zero nell intervallo [3/, + ). In conclusione, g ha esattamente due zeri.

19 (e) Sviluppando l esponenziale abbiamo h() =e ( + +1) 1 ( = ( + o( )) + +1 ) 1 F. De Mari e M. Venturino 19 =( + +1) ( )+ 1 ( )+o( ) 1 = 3 + o( ), cosicché ilpolinomio cercato è Primo scritto. 1. Si consideri la funzione: log(1 ) se <0 f() = a se =0; + b cos se >0. (i) Si determini per quali valori di a e b, se ne esistono, la funzione f risulta continua nell origine. (ii) Si determini per quali valori di a e b, se ne esistono, la funzione f risulta derivabile nell origine. Soluzione. (i) Chiaramente, f() b per 0 +, mentre log(1 ) log(1 ) = ( ) per 0, ossia f() per 0. Quindi deve aversi a = b =. (ii) Innanzitutto, affinché f sia derivabile nell origine, essa deve essere ivi continua. Quindi necessariamente a = b =. Studiamo i rapporti incrementali destro e sinistro: f() f(0) = cos + per >0; log(1 ) f() f(0) + log(1 )+ = = per <0. Ilrapporto incrementale destro tende a zero per 0 +, come si verifica con ilteorema di de l Hôpital. Per quanto riguarda il rapporto incrementale sinistro, osserviamo che dallo sviluppo di McLaurin log(1 )+ = 1 ( ) + o( )+ = + o( ), cosicché la derivata sinistra vale. Perciò la funzione non è derivabile nell origine per alcun valore di a e b.. Sia f() = 1+ e 3/. (a) Calcolare i limiti di f agli estremi del suo insieme di definizione;

20 0 Esami di Analisi Matematica 1 (b) determinare eventuali massimi e minimi, relativi e/o assoluti di f ; (c) calcolare il polinomio di McLaurin di quarto grado di f. Soluzione. (a) La funzione è definita in (, 1) ( 1, + ) e risulta: lim f() =, lim lim f() =+, lim 1 + f() =, 1 f() =0. + (b) Dalpunto (a) si ha che f non ha estremi assoluti. Calcoliamo la derivata prima: [ (1 + ) f () =e 3/ 3 ] (1 + ) 1+ e 3/ = 1 (1 + ) (33 + 4) e 3/ = 1 (1 + ) ( 1)( ). Studiando ilsegno delpolinomio ( 1)( +4/3) si vede che f è crescente in (, 4/3] e in [0, 1], mentre è decrescente in [ 4/3, 1), ( 1, 0] e in [1, + ). Quindi f ha due massimi relativi in 4/3 e 1 ed ha un minimo relativo in 0. (c) Poiché f() = e 3/ (1 + ) 1 e il polinomio di McLaurin dell esponenziale è noto, basta calcolare il polinomio di McLaurin di secondo grado di (1 + ) 1. Con facili conti si ottiene (1 + ) 1 =1 + + o( ), e quindi f() = ( ) (1 8 + o( ) + + o( ) ) = o( 4 ). Ilpolinomio cercato è pertanto Secondo scritto. 1. Calcolare il seguente limite: lim 0 1 log(1 + ). Soluzione. Utilizzando lo sviluppo di McLaurin log(1 + ) = 1 + o( ) si ha: 1 1 log(1 + ) = 1 [ ( 1 + o( ) )] = 1 [ ] 1 + o( ) e poiché per definzione o( )/ 0per 0, il limite cercato vale 1/.. Si consideri la funzione f() = e e. (a) Calcolare i limiti di f agli estremi del suo insieme di definizione; = 1 + o( )

21 F. De Mari e M. Venturino 1 (b) determinare eventuali massimi e minimi, relativi e/o assoluti di f ; (c) determinare il polinomio di Taylor di secondo grado di f nelpunto 0 =1. Soluzione. (a) La funzione in esame è definita in (, 0) (0, + ) e risulta: lim f() =+, lim lim f() =+, lim 0 + f() =, 0 f() =+. + (b) Dalpunto (a) si ha che f non ha estremi assoluti. Calcoliamo la derivata prima: f () = d ( e ) d e = e e e + e = e ( 1) + ( 1)e = e ( 1) (1 + e ). Poiché 1+ e > 0 per ogni, la derivata di f ha ilsegno di 1. Ne deduciamo che f ha un minimo relativo in = 1, che vale f(1)=(e e 1 ). (c) Abbiamo f(1) = (e e 1 ), f (1) = 0. Dal calcolo svolto al punto (b) risulta f () =( 1)g(), dove g() =e (1+ e )/. Quindi f () =g()+( 1)g () e f (1) = g(1) = e(1 + e ). Quindi ilpolinomio cercato è: p() =(e e 1 )+ (e + e 1 ) ( 1) Terzo scritto. 1. Determinare, alvariare di λ R, l ordine di infinitesimo per 0 della funzione: f() = log(cos(λ)) +. Soluzione. Utilizzando gli sviluppi di McLaurin cos(λ) =1 λ + λ4 4! 4 + o( 5 ) log(1 + y) =y 1 y + o(y ) si ha: ( [ ]) log(cos(λ))=log 1+ λ + λ4 4! 4 + o( 5 ) [ ] = λ + λ4 4! 4 + o( 5 ) 1 [ ] λ + λ4 4! 4 + o( 5 ) + o( 4 ) [ = λ + λ4 4! 4 + o( 5 ) ] λ o( 4 ) = λ λ o( 4 ). Quindi f() = ( ) 1 λ λ o( 4 ). Pertanto, se λ ± allora f è infinitesima di ordine per 0, mentre se λ = ± essa è infinitesima di ordine 4 per 0.

22 Esami di Analisi Matematica 1. Si determini il numero di zeri della funzione f() =e 1 nelsuo insieme ( 1) di definizione. Soluzione. La funzione in esame è definita in D =(, 1) (1, + ). Poiché f() = e ( 1) 1, ( 1) gli zeri di f sono gli stessi di quelli di g() =e ( 1) 1inD. Ora, g () =e ( 1) +e ( 1) = e ( 1), e quindi g è (strettamente) crescente in (, 1] ed in [1, + ), mentre è (strettamente) decrescente in [ 1, 1]. Siccome: lim g() = 1, g( 1) = 4 e 1=4 e e la funzione g ha esattamente uno zero in (, 1). Similmente, poiché lim g() =+, + g(1) = 1 < 0 essa ha esattamente uno zero in (1, + ). Infine, essa ha esattamente uno zero in ( 1, 1): l origine. In conclusione, g ha tre zeri in D e lo stesso vale per f. > Quarto scritto. 1. Calcolare i seguenti limiti: log(1 + ) lim ; cos log(1 + ) l im. 0 1 cos Soluzione. Per in un intorno bucato dell origine si ha: log(1 + ) 1 cos = Ora, log(1 + )/ 1, mentre 1 cos = 1 cos = log(1 + ) 1 cos. 1 cos per 0 +, = = 1 cos 1 cos 1 cos per 0. Quindi i limiti cercati sono rispettivamente e.. Si consideri la funzione f() =e log(1 + e ). (a) Calcolare i limiti di f agli estremi del suo insieme di definizione; (b) provare che f è strettamente monotona nelsuo insieme di definizione, specificando se f è crescente oppure decrescente.

23 F. De Mari e M. Venturino 3 Soluzione. (a) La funzione f è definita per ogni R. Per ±, f è una forma indeterminata, come risulta evidente scrivendo f() = log(1 + e )/e. D altra parte ( ) e 1+e d log(1 + d e ) d d e = e applicando il Teorema di l Hôpitalabbiamo lim f() =0, lim + e = 1 1+e, f() =1. (b) Da quanto visto alpunto (a), ci aspettiamo che f sia descrescente. Basterà quindi provare che f () < 0 per ogni R. Studiamo allora la derivata prima di f, cioè f () = e log(1 + e )+e e 1+e = 1 1+e log(1 + e ). e Avremo pertanto f () < 0seesolose 1 1+e log(1 + e ) < 0 log(1 + e ) > e e 1+e g() := log(1 + e ) Studiamo perciò ilsegno di g. Osserviamo dapprima che D altra parte lim g() =0, lim g() =+. + e 1+e > 0. g () = e 1+e e (1 + e ) e e = e (1 + e ) 1+e e (1 + e ) = e (1 + e ) > 0. Siccome g cresce da 0 a +, essa è strettamente positiva. Ne segue che f è strettamente decrescente in R Quinto scritto. 1. Si determini l ordine di infinitesimo per 0 della funzione f() = e cos λ( + ) alvariare delparametro λ nell intervallo (0, + ). Soluzione. Dagli sviluppi di McLaurin si ottiene e = o( 3 ) cos =1 1 + o( 3 ) f() = o( 3 ) λ( + ) =(1 λ)( + ) o( 3 ). Pertanto, se λ 1 si ha che f è infinitesima di ordine uno per 0, mentre se λ = 1, allora f è infinitesima di ordine tre per 0

24 4 Esami di Analisi Matematica 1. Si consideri la funzione g() = log(1 + e )+ 1. (a) Calcolare i limiti di g agli estremi del suo insieme di definizione; (b) provare che g ha esattamente uno zero nelsuo insieme di definizione; (c) determinare un intervallo aperto di lunghezza uno che contiene lo zero di g. Soluzione. (a) La funzione g è definita per ogni R. Poiché log(1 + e ) 0per +, siha lim g() =+. + Per quanto riguarda illimite a, dalmomento che g() = log(1 + e ) + log e 1 = log((1 + e )e ) 1 = log(e +1) 1, risulta lim g() = 1. (b) Da quanto visto alpunto (a), siccome g è certamente continua, sarà sufficiente provare che g è (strettamenete) crescente in tutto l asse reale. A tale scopo calcoliamo g, certo esistente per ogni R. Siccome e 1+e +1= 1 g () = 1+e, la derivata prima di g è ovunque positiva e quindi g è (strettamente) crescente in tutto l asse reale, come volevasi. (c) Si osservi che g(0) = log 1 < 0 in quanto <e, mentre g(1) = log(1 + e 1 ) > 0 in quanto 1 + e 1 > 1. Pertanto un intervallo aperto di lunghezza uno che contiene l unico zero di g è l intervallo (0, 1).

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica

Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata, Matematica DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Università degli Studi di Trento Via Sommarive - Povo (TRENTO) Raccolta degli Scritti d Esame di ANALISI MATEMATICA U.D. 1 assegnati nei Corsi di Laurea di Fisica, Fisica Applicata,

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare kπ/ [cos] al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della funzione

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari

Funzioni. Capitolo 6. 6.1 Concetto di funzione e definizioni preliminari Capitolo 6 Funzioni 6. Concetto di funzione e definizioni preliminari Definizione 6. Dati due insiemi non vuoti D e C, si dice applicazione o funzione una qualsiasi legge (relazione) che associa ad ogni

Dettagli

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla

ESERCITAZIONI DI ANALISI 1 FOGLIO 1 FOGLIO 2 FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI. Marco Pezzulla ESERCITAZIONI DI ANALISI FOGLIO FOGLIO FOGLIO 3 FOGLIO 4 FOGLIO 5 FOGLIO 6 FOGLIO 7 SVOLTI Marco Pezzulla gennaio 05 FOGLIO. Determinare il dominio e il segno della funzione ( ) f(x) arccos x x + π/3.

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI ELEMENTARI - ESERCIZI SVOLTI 1) Determinare il dominio delle seguenti funzioni di variabile reale: (a) f(x) = x 4 (c) f(x) = 4 x x + (b) f(x) = log( x + x) (d) f(x) = 1 4 x 5 x + 6 ) Data la funzione

Dettagli

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche

1.2 Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche . Funzioni, dominio, codominio, invertibilità elementare, alcune identità trigonometriche Per le definizioni e teoremi si fa riferimento ad uno qualsiasi dei libri M.Bertsch - R.Dal Passo Lezioni di Analisi

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche

Corso di Analisi Matematica. Successioni e serie numeriche a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Successioni e serie numeriche Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m =

Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo. Se f(x) è asintotica a mx+q allora abbiamo f(x) mx q = o(1), da cui (dividendo per x) + o(1), m = Una ricetta per il calcolo dell asintoto obliquo Se f() è asintotica a m+q allora abbiamo f() m q = o(1), da cui (dividendo per ) m = f() q + 1 f() o(1) = + o(1), mentre q = f() m = o(1). Dunque si ha

Dettagli

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile

1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile 1 Limiti e continuità per funzioni di una variabile Considerazioni introduttive Consideriamo la funzione f() = sin il cui dominio naturale è

Dettagli

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI

SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI SULLE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE E LORO GRAFICI.Definizioni e insieme di definizione. Una funzione o applicazione f è una legge che ad ogni elemento di un insieme D ( dominio )fa corrispondere un

Dettagli

Lezione 6 (16/10/2014)

Lezione 6 (16/10/2014) Lezione 6 (16/10/2014) Esercizi svolti a lezione Esercizio 1. La funzione f : R R data da f(x) = 10x 5 x è crescente? Perché? Soluzione Se f fosse crescente avrebbe derivata prima (strettamente) positiva.

Dettagli

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno),

x ( 3) + Inoltre (essendo il grado del numeratore maggiore del grado del denominatore, d ancora dallo studio del segno), 6 - Grafici di funzioni Soluzioni Esercizio. Studiare il grafico della funzione f(x) = x x + 3. ) La funzione è definita per x 3. ) La funzione non è né pari, né dispari, né periodica. 3) La funzione è

Dettagli

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi

21. Studio del grafico di una funzione: esercizi 1. Studio del grafico di una funzione: esercizi Esercizio 1.6. Studiare ciascuna delle seguenti funzioni in base allo schema di pagina 194, eseguendo anche il computo della derivata seconda e lo studio

Dettagli

Vademecum studio funzione

Vademecum studio funzione Vademecum studio funzione Campo di Esistenza di una funzione o dominio: Studiare una funzione significa determinare gli elementi caratteristici che ci permettono di disegnarne il grafico, a partire dalla

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio

Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio Svolgimento di alcuni esercizi del libro Matematica di Angelo Guerraggio. Funzioni e insiemi numerici.4 Verificare che (A B) (A B) = (A A ) B. ) Sia (a, b) (A B) (A B). Allora a (A A ) e b B, da cui (a,

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

Quesiti di Analisi Matematica A

Quesiti di Analisi Matematica A Quesiti di Analisi Matematica A Presentiamo una raccolta di quesiti per la preparazione alla prova orale del modulo di Analisi Matematica A. Per una buona preparazione é consigliabile rispondere ad alta

Dettagli

Pillole di Analisi. Roberto Paoletti

Pillole di Analisi. Roberto Paoletti Pillole di Analisi Roberto Paoletti 1 Preinari Insiemi numerici. Nel seguito denoteremo con N = {0, 1, 2,...} l insieme dei numeri naturali, con Z = {..., 2, 1, 0, 1, 2,...} l insieme dei numeri interi,

Dettagli

Matematica generale CTF

Matematica generale CTF Successioni numeriche 19 agosto 2015 Definizione di successione Monotonìa e limitatezza Forme indeterminate Successioni infinitesime Comportamento asintotico Criterio del rapporto per le successioni Definizione

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Nel piano riferito

Dettagli

Le funzioni elementari. Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 2010-2011 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p.

Le funzioni elementari. Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 2010-2011 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p. Le funzioni elementari Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia... A.A. 200-20 - Analisi Matematica - Le funzioni elementari - p. /43 Funzioni lineari e affini Potenze ad esponente naturale Confronto

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

COGNOME... NOME... Matricola... Corso Prof... Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 8.30

COGNOME... NOME... Matricola... Corso Prof... Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 8.30 Esame di ANALISI MATEMATICA I - 11 Febbraio 2011, ore 830 A ESERCIZIO 1 (8 punti) Data la funzione = 1 + sin x 2 2 x (a) determinare lo sviluppo di MacLaurin al terzo ordine della funzione ; (b) determinare

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI

CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI CAPITOLO 16 SUCCESSIONI E SERIE DI FUNZIONI Abbiamo studiato successioni e serie numeriche, ora vogliamo studiare successioni e serie di funzioni. Dato un insieme A R, chiamiamo successione di funzioni

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha:

a) Osserviamo innanzi tutto che dev essere x > 0. Pertanto il dominio è ]0, + [. b) Poniamo t = log x. Innanzi tutto si ha: ESERCIZIO - Data la funzione f (x) = (log x) 6 7(log x) 5 + 2(log x) 4, si chiede di: a) calcolare il dominio di f ; ( punto) b) studiare la positività e le intersezioni con gli assi; (3 punti) c) stabilire

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1.

NOME:... MATRICOLA:... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 2007/2008 Analisi Matematica 1, Esame scritto del 08.02.2008. x 1. NOME:... MATRICOLA:.... Scienza dei Media e della Comunicazione, A.A. 007/008 Analisi Matematica, Esame scritto del 08.0.008 Indicare per quali R vale la seguente diseguaglianza : + >. Se y - - è il grafico

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Capitolo 5. Funzioni. Grafici.

Capitolo 5. Funzioni. Grafici. Capitolo 5 Funzioni. Grafici. Definizione: Una funzione f di una variabile reale,, è una corrispondenza che associa ad ogni numero reale appartenente ad un insieme D f R un unico numero reale, y R, denotato

Dettagli

3 GRAFICI DI FUNZIONI

3 GRAFICI DI FUNZIONI 3 GRAFICI DI FUNZIONI Particolari sottoinsiemi di R che noi studieremo sono i grafici di funzioni. Il grafico di una funzione f (se non è specificato il dominio di definizione) è dato da {(x, y) : x dom

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale

Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Grafico qualitativo di una funzione reale di variabile reale Mauro Saita 1 Per commenti o segnalazioni di errori scrivere, per favore, a: maurosaita@tiscalinet.it Dicembre 2014 Indice 1 Qualè il grafico

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti

Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti Ripasso delle matematiche elementari: esercizi svolti I Equazioni e disequazioni algebriche 3 Esercizi su equazioni e polinomi di secondo grado.............. 3 Esercizi sulle equazioni di grado superiore

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2014 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 01 1. Determiniamo l espressione analitica di g() dividendo il suo dominio in intervalli. La circonferenza di diametro AO ha equazione (+) + = + + = 0

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Una funzione reale di una variabile reale f di dominio A è una legge che ad ogni x A associa un numero reale che denotiamo con f(x). Se A = N, la f è detta successione di numeri reali.

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue

Corso di Analisi Matematica. Funzioni continue a.a. 203/204 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni continue Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli studenti.

Dettagli

1 Serie di Taylor di una funzione

1 Serie di Taylor di una funzione Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 7 SERIE E POLINOMI DI TAYLOR Serie di Taylor di una funzione. Definizione di serie di Taylor Sia f(x) una funzione definita

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16)

Diario del corso di Analisi Matematica 1 (a.a. 2015/16) Diario del corso di Analisi Matematica (a.a. 205/6) 4 settembre 205 ( ora) Presentazione del corso. 6 settembre 205 (2 ore) Numeri naturali, interi, razionali, reali. 2 non è razionale. Introduzione alle

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

7 - Esercitazione sulle derivate

7 - Esercitazione sulle derivate 7 - Esercitazione sulle derivate Luigi Starace gennaio 0 Indice Dimostrare il teorema 5.5.3.a................................................b............................................... Dimostrazioni.a

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione Le funzioni elementari La struttura di R La struttura di R è definita dalle operazioni Addizione e moltiplicazione. Proprietà: Commutativa Associativa Distributiva dell addizione rispetto alla moltiplicazione

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = log a (x) si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = log a (x) si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y INTRODUZIONE Osserviamo, in primo luogo, che le funzioni logaritmiche sono della forma y = log a () con a costante positiva diversa da (il caso a = è banale per cui non sarà oggetto del nostro studio).

Dettagli

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013 Corso di laurea in Ingegneria Industriale Corso di Analisi Matematica I (A-E) (Prof. A.Villani) Elenco delle dimostrazioni che possono essere richieste

Dettagli

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere)

l insieme Y è detto codominio (è l insieme di tutti i valori che la funzione può assumere) Che cos è una funzione? Assegnati due insiemi X e Y si ha una funzione elemento di X uno e un solo elemento di Y. f : X Y se esiste una corrispondenza che associa ad ogni Osservazioni: l insieme X è detto

Dettagli

SUCCESSIONI NUMERICHE

SUCCESSIONI NUMERICHE SUCCESSIONI NUMERICHE Definizione: Si chiama successione numerica una funzione definita su IN a valori in IR, cioè una legge che associa ad ogni intero n un numero reale a n. Per abuso di linguaggio, si

Dettagli

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari

Serie numeriche. 1 Definizioni e proprietà elementari Serie numeriche Definizioni e proprietà elementari Sia { } una successione, definita per ogni numero naturale n n. Per ogni n n, consideriamo la somma s n degli elementi della successione di posto d s

Dettagli

Determinare il dominio e la derivata delle seguenti funzioni e studiarne la monotonia ed eventuali massimi/minimi. ( ) x + 2.

Determinare il dominio e la derivata delle seguenti funzioni e studiarne la monotonia ed eventuali massimi/minimi. ( ) x + 2. Determinare il dominio e la derivata delle seguenti funzioni e studiarne la monotonia ed eventuali massimi/minimi (1) (2) (3) (4) f (x) = log ( ) x + 2 x 1 f (x) = x exp( x 3 ) ( f (x) = arctan x ) x 1

Dettagli

3. Quale affermazione è falsa?

3. Quale affermazione è falsa? 1. Quale affermazione è falsa? Se la funzione f) è continua e monotona crescente su R e se f) = 1 e f4) =, allora ha un unico zero nell intervallo, 4) f) non si annulla mai in R f ) > nell intervallo,

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

f(x) = x3 2x 2x 2 4x x 2 x 3 2x 2x 2 4x =, lim lim 2x 2 4x = +. lim Per ricavare gli asintoti obliqui, essendo lim

f(x) = x3 2x 2x 2 4x x 2 x 3 2x 2x 2 4x =, lim lim 2x 2 4x = +. lim Per ricavare gli asintoti obliqui, essendo lim Esercizi 0//04 - Analisi I - Ingegneria Edile Architettura Esercizio. Studiare la seguente funzione e disegnarne il graco. Soluzione: f(x) = x3 x x 4x La funzione è denita dove il denominatore risulta

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 00 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA Se il polinomio

Dettagli

Studio del grafico di una funzione reale

Studio del grafico di una funzione reale Capitolo 1 Studio del grafico di una funzione reale Questo testo è una guida per lo studio del grafico di una funzione. Non è un testo completo ma solo una bozza che servirà agli studenti per arrivare

Dettagli

Programmazione Matematica classe V A. Finalità

Programmazione Matematica classe V A. Finalità Finalità Acquisire una formazione culturale equilibrata in ambito scientifico; comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero scientifico, anche in una dimensione storica, e i nessi tra i

Dettagli

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ANALISI MATEMATICA I - A.A. 0/0 FUNZIONI / ESERCIZI SVOLTI ESERCIZIO. Data la funzione f () = determinare l insieme f (( +)). Svolgimento. Poiché f (( +)) = { dom f : f () ( +)} = { dom f : f () > } si

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

Esercitazione del 16-11-11 Analisi I

Esercitazione del 16-11-11 Analisi I Esercitazione del 6-- Analisi I Dott.ssa Silvia Saoncella silvia.saoncella 3[at]studenti.univr.it a.a. 00-0 Esercizio. Determinare se la funzione f() è continua nel suo dominio sin se 0 f() = 0 se = 0

Dettagli

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B

Osservazione 2 L elemento di arrivo ( output) deve essere unico corrispondenza univoca da A e B. f : A B FUNZIONI Definizione 1 Dati due insiemi A e B, si chiama funzione da A a B una legge che ad ogni elemento di A associa un (solo) elemento di B. L insieme A si chiama dominio della funzione e l insieme

Dettagli

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3.

LEZIONE 7. Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2. 2, x3 +2x +3. 7 LEZIONE 7 Esercizio 7.1. Quale delle seguenti funzioni è decrescente in ( 3, 0) e ha derivata prima in 3 che vale 0? x 3 3 + x2 2 6x, x3 +2x 2 6x, 3x + x2 2, x3 +2x +3. Le derivate sono rispettivamente,

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

LA FUNZIONE INTEGRALE

LA FUNZIONE INTEGRALE LA FUNZIONE INTEGRALE MAGLIOCURIOSO & CAMILLO magliocurioso@hotmail.it Sommario. In questa breve dispensa ho semplicementrascritto in L A TEX il contenuto di questa discussione: http://www.matematicamente.it/forum/

Dettagli

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari

Anno 5 4 Funzioni reali. elementari Anno 5 4 Funzioni reali elementari 1 Introduzione In questa lezione studieremo alcune funzioni molto comuni, dette per questo funzioni elementari. Al termine di questa lezione sarai in grado di definire

Dettagli

Anno 4 Grafico di funzione

Anno 4 Grafico di funzione Anno 4 Grafico di funzione Introduzione In questa lezione impareremo a disegnare il grafico di una funzione reale. Per fare ciò è necessario studiare alcune caratteristiche salienti della funzione che

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli