Verifica di possibili criteri di individuazione di soglie pluviometriche per situazioni di emergenza idrogeologiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verifica di possibili criteri di individuazione di soglie pluviometriche per situazioni di emergenza idrogeologiche"

Transcript

1 Verifica di possibili criteri di individuazione di soglie pluviometriche per situazioni di emergenza idrogeologiche Codice IReR: 2006B009 Project Leader: Federico Rappelli Sintesi Milano, luglio 2007

2 La ricerca è stata affidata ad IReR nell ambito del Piano delle ricerche strategiche Responsabile di progetto: Federico Rappelli, IReR. Gruppo di lavoro tecnico: Alberto Biancardi, responsabile regionale della ricerca, Dirigente U.O. Protezione Civile, D.G. Protezione civile, prevenzione e polizia locale; Maurizio Molari, responsabile del Centro Funzionale Monitoraggio Rischi, U.O. Protezione Civile; Antonella Belloni, Architetto e Responsabile dello Sviluppo attività formative e progetti UE internazionali e comunitari, U.O. Protezione Civile; Claudia Zuliani, funzionario geologo U.O. Protezione Civile. Gruppo di ricerca: Fabio Luino, geologo, ricercatore del CNR-IRPI di Torino; Guido Nigrelli, naturalista del CNR-IRPI di Torino; Chiara Giorgia Cirio, geologo, assegnista di ricerca del CNR-IRPI di Torino; Marcella Biddoccu, ingegnere ambiente e territorio assegnista di ricerca del CNR-IRPI di Torino; Monica Missaglia, geologa. Si ringrazia per il contributo dato Paolo Fassi, geologo Coordinatore Servizio Tecnico per Lombardia Informatica della Sala Operativa regionale di Protezione Civile. 2

3 La ricerca La presente ricerca è stata commissionata all IRPI-CNR di Torino dalla U.O. Protezione Civile della Regione Lombardia con lo scopo di approfondire le conoscenze sull intensità e sul quantitativo totale delle piogge innescanti i fenomeni torrentizi di trasporto in massa e di conseguenza anche sui loro tempi di sviluppo, parametro fondamentale per l emanazione degli allerta della Protezione Civile solo nei casi veri, in modo da ridurre i falsi ed i mancati allerta, che allarmano inutilmente la popolazione, creando un senso di sfiducia verso gli Enti preposti alla tutela e vigilanza del territorio. L ambiente alpino lombardo, a causa della sua morfologia, è soggetto a movimenti gravitativi sui versanti, a fenomeni torrentizi lungo i ripidi impluvi e ad esondazioni dei corsi d acqua principali sul fondovalle. Tale ambiente, quindi, risulta essere un area particolarmente idonea per lo studio della previsione e prevenzione dei fenomeni naturali. La Regione Lombardia da alcuni anni sta sviluppando alcuni progetti per poter prevenire e prevedere questo genere di fenomeni e mitigarne il loro impatto sul territorio: proprio nell ambito di queste iniziative, si colloca la tematica che ha dato vita al presente lavoro di ricerca. La ricerca è di per sé molto complessa per le numerose variabili in gioco. Tale problema è già stato affrontato in passato all estero da numerosi gruppi di lavoro, in particolare americani e giapponesi e negli ultimi decenni anche in Italia. Mentre molto si conosce ora in letteratura internazionale circa le cause predisponenti, la dinamica e la reologia dei processi torrentizi, appare ancora abbastanza difficile la ricerca di una correlazione quantitativa fra le precipitazioni innescanti e le colate fangoso-detritiche torrentizie. Nell ambito della presente ricerca sono stati considerati alla stessa stregua sia le colate detritiche torrentizie (debris flow) propriamente dette, sia quelle fangose (mud flow), non distinguendo cioè la frazione solida, in quanto nella maggior parte dei casi, se non in presenza di specifiche descrizioni o di fotografie, è risultato particolarmente difficile distinguere con certezza le une dalle altre. È stato altresì osservato, soprattutto mediante l ausilio di sopralluoghi di campagna, che questo tipo di processo naturale s innesca sovente come effetto di temporanei sbarramenti in alveo, prodotti da accumuli di soil slip o da restringimenti artificiali dell alveo torrentizio, in breve tempo asportati ad opera 3

4 della corrente. Per tale motivazione la presente ricerca ha preso in considerazione anche la possibile correlazione esistente fra precipitazioni e frane superficiali. Il fenomeno dei muddy-debris flow (MDF) attira l attenzione dei geomorfologi da oltre un secolo. Essi hanno modellato notevolmente il paesaggio alpino creando negli ultimi anni un elevatissimo numero di conoidi allo sbocco nelle vallate principali. Tali conoidi sovente, a causa della loro mole, hanno modificato la morfologia stessa del fondovalle. Sebbene numerose contromisure siano state inventate e predisposte, i MDF risultano essere ancora uno dei più pericolosi fenomeni naturali in diverse zone del pianeta: ogni anno a causa di tali processi si contano nel mondo alcune centinaia di vittime. I MDF si manifestano da migliaia di anni, eppure solamente negli ultimi decenni la comunità scientifica, le pubbliche amministrazioni e le popolazioni hanno mostrato un certo interesse. Ciò è dovuto soprattutto alla necessità di definire la pericolosità sul conoide. Tali processi naturali avvengono lungo i corsi d acqua dei bacini montani, dove gli effetti morfologici prodotti da nubifragi (soprattutto estivi), anche se localizzati, sono molto marcati e le conseguenze per le zone urbanizzate sui conoidi sono sovente molto gravi: per tale motivo i MDF risultano essere fra i più pericolosi processi geomorfologici naturali dell arco alpino. Essi sono molto diffusi, più di quanto non si creda, in quanto spesso, fino a qualche decennio fa, venivano classificate come frane. In realtà si possono considerare come fenomeni a metà fra i movimenti gravitativi e le piene torrentizie con ingente trasporto solido. La capacità distruttiva dei MDF è sovente sottovalutata in quanto essi si originano lungo torrenti alpini di modeste dimensioni, con aree di qualche chilometro quadrato, caratterizzati da portate ordinarie in più delle volte pari a qualche decina di litri/sec per la maggior parte dell anno. Le condizioni-chiave che si debbono presentare contemporaneamente affinché si manifesti il fenomeno sono essenzialmente: a) presenza di materiale detritico; b) adeguata pendenza del fondo; c) apporto di frazione liquida sufficiente per la mobilizzazione del materiale solido. Un ruolo preminente è assunto dalle ragguardevoli quantità di materiale solido mobilizzato dal torrente in piena. Si tratta di un trasporto in massa durante il quale vengono presi in carico i materiali alluvionali e detritici di ogni granulometria presenti in alveo, fino talvolta al completo svuotamento dell'asta torrentizia. Soprattutto nei bacini caratterizzati da estesi e diffusi movimenti gravitativi si possono rilevare imponenti accumuli pronti a giocare un importante ruolo nei processi torrentizi. Essi, infatti, rappresentano una cospicua fonte di alimentazione di sedimento, soprattutto se ubicati in prossimità dell asta torrentizia. Il distacco, anche se non improvviso, di una frana può provocare il temporaneo sbarramento del corso d acqua e la conseguente formazione di un invaso: la sua successiva erosione o tracimazione possono generare l improvviso collasso dello sbarramento e di conseguenza imponenti MDF. Più raramente, anche in presenza di aree glacializzate, vi è la possibilità che si manifestino colate fangoso-detritiche torrentizie, come diretta conseguenza di improvvisi 4

5 svuotamenti di laghetti proglaciali o di invasi nascosti all interno di apparati morenici frontali. La miscela solido-liquida che si muove lungo l impluvio ha una densità variabile da 1,4 ton/m³ sino a 2,5 ton/m³ e trascina spesso verso valle tronchi d'albero sradicati che ne aumentano il volume complessivo, raggiungendo in alveo altezze considerevoli, soprattutto nel settore frontale. I MDF sono in grado di trasportare massi di dimensioni ciclopiche (Figura 1). La miscela solido-liquida si muove come in un fluido viscoso: essa è composta per buona parte di acqua ed aria, mentre la parte solida può essere composta da materiale fine (argilla, limo, sabbia) che costituisce la matrice, sino a giungere a massi litoidi di grandi dimensioni, fino ad alcune centinaia di m³. Le velocità di traslazione della miscela sono comprese tra 1 m/s e 26 m/s. I tempi di sviluppo, a partire dall'inizio della precipitazione, possono dipendere dall'intensità di quest'ultima: con piogge brevi ed intense le probabilità di accadimento dei MDF aumentano considerevolmente. Durante violenti eventi idrometeorologici la risposta del bacino può essere molto rapida: superata una certa soglia pluviometrica, differente da zona a zona in funzione del clima e delle condizioni geomorfologiche (circa il 10% della precipitazione media annua della zona), i processi d instabilità sui versanti seguono una sequenza d innesco abbastanza precisa che vede originarsi rapidamente proprio i SS sui ripidi versanti e i MDF nei bacini di piccole dimensioni. Figura 1 - Comune di Novate Mezzola (SO), frazione Campo. Colata detritica torrentizia del T. Vallone di Campo, affluente del T. Mera, avvenuto nella notte fra il agosto Non vi furono vittime, ma ingenti danni (fotografia di Giacon Motta): si notino le dimensioni del masso sulla destra dell immagine 5

6 La Lombardia è una regione per buona parte montuosa e di conseguenza numerosissimi risultano essere i bacini e i sottobacini anche di piccole dimensioni. Una rapida analisi geomorfologica, condotta con l ausilio delle fotografie aeree o più semplicemente mediante la consultazione delle cartografie disponibili, può consentire facilmente d identificare con buona approssimazione i torrenti maggiormente soggetti a processi torrentizi in base alla dimensione e forma del bacino, alla pendenza dell asta torrentizia e alle dimensioni del proprio conoide alluvionale. Un altro tipo di approccio è quello storico. In base alle notizie storiche presenti nell archivio del CNR-IRPI di Torino oltre 600 bacini risultano soggetti a processi naturali che spaziano dalla piena torrentizia sino alla colata fangoso-detritica. Per alcuni di essi si dispone di una sola notizia storica relativa ad un processo che ha provocato danni (forse anche per l assenza di un centro abitato sul conoide); per altri, invece, si hanno numerose notizie e in base alla ricorrenza del fenomeno si può dedurre la pericolosità del torrente. Una ricerca condotta presso l IRPI di Torino nel 1997, riguardante i bacini soggetti a processi torrentizi nella sola provincia di Sondrio, ha messo in luce che in almeno 299 bacini si è manifestato almeno un fenomeno (piena torrentizia e MDF). Tale dato è certamente sottostimato in quanto è stato ottenuto solamente tramite un approfondita ricerca storica. Per questi 299 bacini sono state schedati ben 2025 eventi. Fra tutti i torrenti analizzati della provincia di Sondrio vale la pena citare il: - T. Tartano (Talamona), per il quale sono state ritrovate notizie storiche di almeno una settantina di eventi torrentizi (piene con ingente trasporto solido e MDF) a partire dal 1400: ciò significa un evento circa ogni 8 anni e mezzo. - T. Schiesone (Prata Camportaccio), una quarantina di eventi torrentizi (piene con ingente trasporto solido e MDF) dal 1755 ad oggi, vale a dire mediamente un evento circa ogni 6 anni. - T. Codera (Novate Mezzola), una cinquantina di eventi torrentizi (piene con ingente trasporto solido e MDF) dal 1811 ad oggi, vale a dire mediamente un evento circa ogni 4 anni. A causa della stretta connessione con i MDF, in questo lavoro sono stati presi in considerazione anche i SS, vale a dire le frane per saturazione e fluidificazione della coltre superficiale di copertura del substrato roccioso. Sono fenomeni d instabilità che si originano sia nel periodo estivo per precipitazioni di breve durata ed elevata intensità, sia nei periodi primaverile/autunnale a causa di precipitazioni prolungate: tali movimenti gravitativi assumono un interesse particolare per la diffusione areale e la loro imprevedibilità. Si tratta in genere di frane di piccole dimensioni e di modesto spessore (fra 30 cm e 1-2 m), che si generano tuttavia in numero anche molto elevato, corrispondentemente a zone prative o comunque prive di un'efficiente copertura forestale con pendenze solitamente comprese fra i 16 e i 45. I tempi di sviluppo di tali fenomeni, a partire dall'inizio della pioggia, sono molto brevi ed unico 6

7 indizio per riconoscere potenziali instabilità di questo tipo è fornito talora dalla presenza di tracce di franamenti analoghi avvenuti in passato nella medesima area. I SS risultano molto diffusi in tutto il mondo, in quanto segnalati in differenti contesti geomorfologici, caratterizzati da climi anche molto diversi (mediterraneo, tropicale, continentale). L elemento predisponente fondamentale è la presenza di una coltre di copertura eluvio-colluviale poggiante su un substrato roccioso, indipendentemente dalle caratteristiche di quest ultimo (CAMPBELL, 1975; GOVI & SORZANA, 1980). Fattore importante è anche la presenza di una netta differenziazione dei valori di permeabilità e resistenza fra la coltre superficiale e il substrato. Fattori morfologici predisponenti risultano essere la presenza di concavità longitudinali e/o trasversali del versante, rotture del pendio ed avvallamenti. Un altro fattore importante è costituito dal regime delle pressioni neutre nelle fasi antecedenti quella parossistica, le cui caratteristiche a loro volta risultano strettamente connesse con quelle pluviometriche. Nel territorio alpino lombardo il campo di variazione relativo alla precipitazione cumulata media annua varia tra 700 e 2250 mm: ciò pone in evidenza la marcata variabilità delle condizioni idrauliche iniziali in grado di determinare l innesco dei SS. Molto variabili si dimostrano, a livello mondiale, i caratteri tipici degli eventi pluviometrici innescanti: nei casi esaminati la pioggia cumulata ha avuto un minimo di 45 mm sino ad un massimo di 416 mm. Anche l intensità media della precipitazione presenta un campo di variazione compreso fra 2 e 80 mm/h, con durate dell evento da 30 a 120 ore. Metodologia d indagine Ricerca delle notizie pregresse La raccolta dei dati relativi agli eventi pregressi di MDF avvenuti sul territorio lombardo è stata condotta seguendo la classica metodologia dell IRPI di Torino, già testata in passato durante altre ricerche, che consiste innanzitutto in una approfondita rassegna bibliografica. Proprio presso l IRPI di Torino è presente la più vasta biblioteca riguardante il dissesto idrogeologico nell Italia Settentrionale. La biblioteca contiene libri e riviste inerenti l area disciplinare Scienze della Terra e dell Ambiente. Nella sezione regionale sono presenti oltre 400 pubblicazioni trattanti il territorio lombardo. Interessanti notizie sono state tratte da alcuni degli oltre 900 lavori di geomorfologia e 600 volumi di Atti di Congressi (a partire dal 1960). Sono state considerate tutte le pubblicazioni aventi almeno un accenno ad un MDF o ad un SS avvenuto in Lombardia. Il presente lavoro è stato facilitato dalla presenza del volume di GOVI & TURITTO (1994) i quali avevano già condotto un approfondita indagine sui processi naturali avvenuti in Valtellina e Valchiavenna. Purtroppo molti degli eventi da loro citati non hanno una copertura 7

8 pluviometrica temporale, essendo avvenuti antecedentemente al 1917, anno nel quale sono iniziate le misurazioni delle piogge con una certa uniformità sul territorio lombardo. Il primo archivio preso in considerazione è stato l Archivio storico dell IRPI di Torino, ove sono contenuti oltre documenti inediti, riguardanti eventi franosi, di piena e torrentizi avvenuti nell Italia Settentrionale dal 1800 ad oggi. Questi documenti sono in larga parte costituiti da relazioni descrittive a seguito di sopralluoghi, dichiarazioni di pubblica calamità, delibere comunali, segnalazioni di dissesti e di danni, rapporti d'evento, richieste di sussidio, atti pubblici e privati. Molte informazioni sugli argomenti di interesse sono conservate anche in progetti corredati di planimetrie, relazioni di testimonianze dirette, interviste, telegrammi e fotografie in bianco e nero o colore. La creazione di questo patrimonio documentale è stata possibile grazie ad un lungo lavoro di ricerca e di raccolta svolto presso numerosi archivi: quelli comunali, provinciali e regionali, gli Archivi di Stato, dell ex Ministero LL.PP., degli Ispettorati Provinciali della Agricoltura, dell'ispettorato Ripartimentale delle Foreste, delle Prefetture, dei Provveditorati Regionali alle Opere Pubbliche, degli Uffici del Genio Civile, dell'azienda Nazionale Autonoma Strade Statali e altri di tipo privato. Nell archivio storico dell IRPI sono stati passati in rassegna i documenti presenti nelle cartelle di ogni singolo centro abitato montano lombardo, con particolare riguardo per quelli ubicati su conoide. Le numerose notizie sono state selezionate e validate, prima di essere inserite nel database. Anche in questo caso, come in quello precedentemente citato, moltissimi eventi essendo avvenuti prima del 1917 sono stati così raccolti, ma non utilizzati per la fase di analisi. La ricerca di documenti relativi ed eventi pregressi è proseguita presso gli archivi dell ARPA della Regione Lombardia (archivi dell ex Servizio Geologico). Le relazioni tecniche, correlate da cartografie e talora da fotografie riferite agli eventi descritti sono disseminate in diversi archivi che negli ultimi anni hanno subito almeno due traslochi. Non esiste a tutt oggi un elenco aggiornato di tutti gli archivi regionali e del loro specifico contenuto: il personale non è in grado d indicare con certezza l ubicazione di diversa documentazione archiviata. Presso il terzo piano dello stabile di Via Sassetti sono stati consultati tutti i faldoni delle province di Sondrio, Bergamo, Brescia, Como, Lecco e Varese. In ogni faldone sono solitamente contenuti una decina di cartelle, ognuna delle quali contiene documenti riguardanti i dissesti pregressi di uno specifico territorio comunale. Sono stati ritrovati alcune decine di relazioni descriventi MDF e SS, soprattutto coinvolgenti centri abitati, ma purtroppo pochi riferimenti agli orari d innesco. Sempre nello stesso stabile sono stati consultati i faldoni relativi alla Legge 267/98 (studi per perimetrazione delle aree a rischio idrogeologico molto elevato e progetti per la messa in sicurezza di tali aree). Anche in questo caso, i documenti utili per la presente ricerca non sono stati molti. Di rilevante importanza ai fini dello studio è stata la visita effettuata in 7 archivi comunali di altrettanti centri abitati scelti fra quelli maggiormente interessati in passato da MDF. Sono stati quindi visionati gli archivi dei comuni di: Bormio, Sondalo, Chiesa Valmalenco, Lanzada, Torre Santa Maria, Novate 8

9 Mezzola e Prata Camportaccio. Tutti sono risultati ben ordinati e di facile accesso. In tutti i Comuni vi è stata grande disponibilità da parte del personale tecnico che ha fornito indicazioni utili e talvolta ha accompagnato il gruppo di lavoro in sopralluoghi lungo l asta dei torrenti, mostrando le situazioni idrauliche più critiche. Il materiale ritrovato è stato numeroso e di ottima qualità a partire dal 1820 circa sino ai giorni nostri. Le relazioni inedite descrivono gli eventi in maniera accurata e talvolta sono accompagnate da indicazioni sulle aree colpite, cartografie, valori quali volumetrie e spessori e persino fotografie. Purtroppo solamente una ventina di documenti descriventi MDF e SS sono stati correlati alle precipitazioni orarie, essendo avvenuti posteriormente all inizio delle registrazioni. Un ulteriore incremento di dati si è ottenuto con la consultazione degli Archivi del Corpo Forestale dello Stato. Sono stati visitati l Archivio del Coordinamento provinciale di Sondrio e l Archivio del Coordinamento Regionale a Milano, in Via Vitruvio 43. Il Corpo Forestale, a partire dagli anni 70 del secolo scorso, ogni qual volta avveniva un dissesto che interessava zone di sua competenza, effettuava un sopralluogo, compilando una scheda di sintesi. Tale scheda, contenente informazioni sull ubicazione (cartografia IGM), la data ed eventualmente l ora di accadimento, le caratteristiche geometriche, le caratteristiche geologiche, le cause probabili, i danni, ecc. è risultata di grande utilità. Sono state raccolte un ottantina di documenti prodotti dalla fine degli anni 60 del secolo scorso, sino al novembre Tramite l Ordine dei Geologi della Regione Lombardia è stata richiesta la collaborazione dei geologi liberi professionisti regionali. A quelli delle province di Sondrio, Bergamo, Brescia, Como, Lecco e Varese è stata inoltrata una scheda tipo, di rapida e semplice compilazione, con particolari indicazioni sulla tipologia del fenomeno, l ubicazione, la data e l orario di accadimento. Su 62 professionisti contattati due hanno risposto, inviando 15 schede in tutto. Nel corso della ricerca sono state complessivamente raccolte informazioni relative a 1126 fenomeni di instabilità, che è stato possibile classificare, secondo le descrizioni contenute nei documenti, come MDF o SS. In particolare, presso gli archivi storici dell IRPI CNR di Torino e comunali, è stata rinvenuta documentazione relativa a 327 processi di questo tipo avvenuti a partire dalla fine del XVI secolo fino al Per tali eventi non si può ovviamente disporre di misure pluviometriche, sebbene spesso nei documenti siano contenute indicazioni qualitative relative alle condizioni meteorologiche corrispondenti all accadimento del fenomeno. Relativamente ai fenomeni avvenuti tra il 1917 ed il 2006, si nota che 222 sono tratti da documenti conservati presso l Archivio dell IRPI di Torino (copie, pubblicazioni, stampa locale, ecc.) mentre i restanti 577 sono stati estratti da documenti consultati presso gli archivi della Direzione Generale Territorio e Urbanistica della Regione Lombardia, del Corpo Forestale dello Stato, comunali 9

10 oppure ricavati da pubblicazioni scientifiche o da schede compilate dai liberi professionisti. Tra i casi utilizzabili ai fini della ricerca ricadono tutti i fenomeni per i quali, oltre al giorno di accadimento, è stato possibile ricavare informazioni relative all orario d innesco. Talvolta le informazioni non sono state ottenute da un unico documento, ma ricavate dall unione di notizie provenienti da diverse fonti. In alcuni casi è nota l ora esatta in cui il fenomeno è avvenuto o una fascia oraria ristretta, in altri l indicazione temporale è più generica (mattina, pomeriggio, sera, notte) e di conseguenza meno precisa anche per la sua soggettività (Figura 2). Figura 2 - Fenomeni di instabilità (MDF e SS) avvenuti in Lombardia per i quali sono state rintracciate informazioni nel corso della ricerca. I fenomeni avvenuti nel periodo sono stati suddivisi a seconda della massima precisione con cui è indicato nei documenti l accadimento: A= informazioni relative al solo anno di accadimento (2,5%); M= mese o periodo dell anno di accadimento (13,4%); G= giorno di accadimento (35,9%); T= momento della giornata di accadimento (31,8%); O= ora di accadimento (16,4%) T 31,8% O 16,4% G 35,9 % M 13,4 % A 2,5% Per quanto riguarda i 799 processi avvenuti tra il 1917 ed il 2006, si può osservare che: - nel 2,5 % dei casi si conosce solo l anno di accadimento; - per il 13,4 % è noto il mese o il periodo dell anno (ad esempio la stagione) di accadimento; - nel 35,9 % è noto il giorno di accadimento; - nel 31,8 % è noto il momento della giornata in cui è avvenuto il fenomeno; - soltanto per il 16,4 % dei fenomeni si conosce l ora di accadimento. Sono 385 i processi naturali avvenuti tra il 1917 ed il 2006 dei quali è noto almeno il momento della giornata un cui è avvenuto l innesco: per 259 di essi è 10

11 stato possibile avere a disposizione dati pluviometrici (giornalieri o orari) relativi agli eventi che li hanno generati: questi fenomeni costituiscono la banca dati sulla quale sono state poi effettuate le successive analisi nel corso della ricerca. Si tratta dei fenomeni avvenuti nel settore pre-alpino ed alpino della Regione Lombardia, per i quali sono noti, oltre alla localizzazione: - data esatta e orario (più o meno preciso) di accadimento; - dati pluviometrici registrati da strumenti posti a distanza inferiore a circa 5 km dal luogo di accadimento del fenomeno. Si rimanda al paragrafo successivo per le considerazioni relative al tipo ed alla qualità di dati pluviometrici acquisiti. Le segnalazioni sono state ricavate da comunicazioni degli enti locali, da relazioni tecniche redatte da tecnici comunali o geologi del Servizio Regionale o da liberi professionisti, da schede compilate dal personale del Corpo Forestale, da notizie di giornale, da pubblicazioni scientifiche, da indicazioni dei liberi professionisti operanti in Regione Lombardia. I fenomeni censiti sono avvenuti nel periodo compreso tra il 1927 ed il 2006 (Figura 3), nel territorio ricadente nelle attuali province di Brescia, Como, Lecco, Sondrio. La maggior parte dei fenomeni di instabilità risultano essere avvenuti in provincia di Sondrio (79%), seguita dalla provincia di Brescia (14%). Figura 3 - Suddivisione per province dei fenomeni di instabilità avvenuti nel territorio lombardo tra il 1917 e il 2006 (per cui sono disponibili dati pluviometrici ed è noto il momento della giornata o l orario di accadimento) SO 79% LC 1% CO 1% BS 14% BG VA 3% 2% Ricerca dei dati pluviometrici Lo studio della correlazione tra fenomeni di instabilità e precipitazioni presuppone la disponibilità di dati pluviometrici relativi agli eventi oggetto di studio. 11

12 Nel corso della presente ricerca è stato quindi necessario acquisire il maggior numero di dati pluviometrici relativi agli eventi nel corso dei quali è stato registrato l innesco di movimenti di massa. La ricerca dei dati pluviometrici si è svolta attraverso fasi successive: 1. censimento delle reti di misura pluviometrica in Regione Lombardia; 2. verifica dell ubicazione delle stazioni pluviometriche e della disponibilità dei dati; 3. acquisizione dei dati relativi agli eventi selezionati. Nell effettuare la ricerca storica relativa ai fenomeni di instabilità avvenuti sul territorio lombardo sono stati selezionati, in prima approssimazione, gli eventi successivi al 1917, anno in cui fu costituito il Servizio Idrografico Mareografico Nazionale (SIMN). Dopo aver effettuato l ubicazione del fenomeno considerato e la georeferenziazione del punto d innesco relativo in GIS, si è reso necessario verificare la disponibilità di dati pluviometrici relativi all evento meteorologico connesso all innesco dell instabilità, registrati da stazioni di misura poste possibilmente all interno del sottobacino in cui si è verificato il fenomeno o, comunque situate ad una distanza massima di circa 5 km rispetto all ubicazione dello stesso (Figura 4). Figura 4 - Fenomeni di instabilità censiti avvenuti a partire dal 1564, con indicazione della disponibilità di dati pluviometrici e di informazioni più o meno precise relative all orario d innesco Eventi periodo Eventi periodo Eventi periodo privi di dati pluviometrici Eventi periodo con dati pluviometrici e senza indicazione oraria di accadimento Eventi periodo con dati pluvio con orario e indicazione ora di accadimento generica Eventi periodo con dati pluvio con orario e indicazione ora di accadimento precisa La fase di analisi dei dati pluviometrici è stata attuata sui fenomeni per i quali si hanno a disposizione, oltre all ora d innesco, dati pluviometrici su base oraria o semioraria, a seconda che tali dati provengano da pluviografi tradizionali 12

13 (strumenti dell ex SIMN) oppure da strumenti di misura automatici appartenenti alla rete di monitoraggio pluviometrica dell ARPA Lombardia. I fenomeni considerati sono stati classificati, in base alla loro dinamica, in tre categorie: i fenomeni classificati come MDF risultano essere 171, i SS 75 e i SS evoluti in MDF 13 (Figura 5). Figura 5 - Fenomeni d instabilità considerati nella fase di analisi dei dati, suddivisi a seconda della tipologia SS 75 SS/MDF 13 MDF 171 Database georefenziato per la catalogazione dei fenomeni Per una veloce ed agevole consultazione e gestione dei dati raccolti, i fenomeni, di cui è stato possibile reperire informazioni sull orario di accadimento e dati di pioggia con campionamento orario o semiorario, sono stati schedati ed inseriti in un database strutturato in forma tabellare (Tabella 1), contenente informazioni esaustive sulle caratteristiche temporali, spaziali e dinamiche del processo naturale. Per ogni evento, il punto di innesco del dissesto è stato georiferito, mediante l utilizzo di applicazioni GIS, nel sistema regionale della Lombardia (coordinate Gauss Boaga), utilizzando come base cartografica di riferimento la Carta Tecnica Regionale alla scala 1: È stato ottenuto, quindi, un database georeferenziato, che consente un immediata localizzazione spaziale dei fenomeni. Questo passaggio è risultato essenziale per poter visualizzare il database in ambiente GIS e confrontare l ubicazione dei fenomeni con quella delle stazioni pluviometriche presenti nel territorio regionale, allo scopo di individuare gli strumenti di misura più vicini e più rappresentativi per l analisi delle piogge correlate. 13

14 Tabella 1 - Stralcio della tabella dei movimenti di massa catalogati nel database, ordinati in modo crescente secondo il campo codice fenomeno CODICE FENOMENO BACINO GENERALE BACINO DI ORDINE SUPERIORE ASTA TORRENTIZIA COIVOLTA 1LUGIA Ticino (F.) Lugano (L.) Giarone (Riale) CO PROV COMUNE LOCALITÀ ANNO MESE GIORNO ORE TIPOLOGIA Campione d'italia Val Cottima - Via Totone MDF STAZIONI AUTOMATICHE STAZIONI MECCANICHE San Fedele Intelvi UBICAZIONE CLASSE ARCHIVIO GA 2 Territorio- Lombardia 3ADARL Adda (F.) Adda (F.) Arlate (T.) SO Grosotto Grosotto * M MDF Fusino Valgrosina GA 2 CNR-IRPI Torino 3ADCAM Adda (F.) Adda (F.) Campello (T.) SO Bormio Bormio MDF Bormio GA 1 CNR-IRPI Torino 3ADCAM Adda (F.) Adda (F.) Campello (T.) SO Bormio Val Campello MDF Presa d'adda; Presa Frodolfo Bormio GA 1 Comune di Bormio 3ADCAM Adda (F.) Adda (F.) Campello (T.) SO Bormio Val Campello MDF Presa d'adda; Presa Frodolfo Bormio GA 1 Comune di Bormio + Territorio- Lombardia 3ADCAM Adda (F.) Adda (F.) Campello (T.) SO Bormio Val Campello MDF Presa d'adda; Presa Frodolfo Bormio GA 1 Comune di Bormio 3ADCAM Adda (F.) Adda (F.) Campello (T.) SO Bormio Val Campello P MDF Presa d'adda; Presa Frodolfo Bormio GA 1 Comune di Bormio 3ADCAN Adda (F.) Adda (F.) Canale (T.) SO Tirano Conoide del T. Canale S MDF Tirano GA 2 CNR-IRPI Torino 3ADFIN Adda (F.) Adda (F.) Fine (T. di Valle) SO Val di Sotto Ponte del Diavolo MDF Le Prese GA 2 CNR-IRPI Torino 3ADFRO Adda (F.) Adda (F.) Frodolfo (T.) SO Valfurva S. Caterina N MDF 3ADIMP Adda (F.) 3ADLAV Adda (F.) Adda (F.) Adda (F.) Impluvi Versante SO Costiera del Reit La Vallaccia (R. ) 3ADMAL Adda (F.) Adda (F.) Mallero (T.) SO SO Bormio Versante SO Costiera del Reit- SS. Stelvio-Bagni Vecchi MDF SO Val di Sotto Cepina N MDF Chiesa Valmalenco Costi MDF Presa Frodolfo; Santa Caterina Presa d'adda; Presa Frodolfo Curlo; Funivie Bernina; Laghi Chiesa; Ganda di Lanzada; Piazzo Cavalli Forni GA 1 Bormio P 2 Bormio; Le Prese GA 2 Lanzada P 1 CNR-IRPI Torino Comune di Bormio + Territorio- Lombardia CNR-IRPI Torino Territorio- Lombardia

15 Conclusioni La ricerca delle informazioni relative ai movimenti di massa che sono stati considerati per il presente lavoro e la successiva acquisizione dei dati degli eventi pluviometrici potenzialmente responsabili di detti movimenti, ha consentito di raccogliere complessivamente 142 casi. Di questi, solamente 46 riportano l ora certa dell avvenuto movimento (32% sul totale dei casi rilevati), mentre i restanti 96, contengono informazioni temporali indicative (es. mattina, pomeriggio, tarda sera). Al fine di poter trarre conclusioni di tipo applicativo circa le relazioni piogge-movimenti, è indispensabile poter focalizzare l attenzione sui casi in cui è segnalata l ora dell avvenuto movimento. I 46 fenomeni sono ordinati per tipologia di movimento: 34 si riferiscono a MDF e 12 a SS; di questi, gli ultimi due sono stati classificati come soil slip evoluti in colata (SS-MDF). Le colate fangoso-detritiche torrentizie sono processi naturali molto comuni nell ambiente alpino: le numerose vallate lombarde non risultano essere esenti da tali fenomenologie. I numerosi fenomeni che da diecimila anni a questa parte si sono susseguiti formando ampi conoidi sui fondivalle principali hanno causato danni a strutture e infrastrutture via via sempre più ingenti a causa dell aumentare della pressione antropica. Le rare volte in cui in passato vi sono state distruzioni e morti sono probabilmente da ascriversi all imprevedibilità delle colate detritiche torrentizie che talora possono manifestarsi con volumi superiori al passato o disalveare all apice del conoide dirigendosi verso aree mai colpite precedentemente. La natura imprevedibile del processo è condizionata, come ampiamente descritto nel primo capitolo, da moltissime variabili, prima fra tutte la pioggia. L estrema difficoltà nella previsione è legata al fatto che non sussista sempre una correlazione diretta fra precipitazione intensa e movimento di massa. Un analisi condotta, infatti, su tutti i diagrammi settimanali relativi a 7 stazioni pluviometriche (Bormio, Chiavenna, Codera, Fusino Valgrosina, Lanzada, Mese e Moledana Ratti) ha messo in luce la presenza di numerosissimi eventi pluviometrici caratterizzati da precipitazioni particolarmente intense che non hanno provocato alcun fenomeno documentato, pur avendo avuto un intensità oraria maggiore di alcuni eventi responsabili dell innesco di detti fenomeni. È il caso dello scroscio temporalesco registrato presso la stazione meteorologica di Codera il 9 agosto 1957, pari a 53,4 mm in poco più di 2 ore. In 15

16 tal caso non è stato ritrovato alcun documento che testimoni l accadimento di un MDF. Uno dei problemi maggiori è costituito dall assoluta mancanza di osservazioni dirette compiute in corso di evento, lacuna che si traduce nella difficoltà di ubicare correttamente i luoghi di innesco dei MDF e nella corretta comprensione dei loro meccanismi. Dall'analisi della distribuzione cronologica degli eventi emerge come questi processi possano ripetersi a intervalli di tempo considerevoli (nell'ordine delle decine di anni), sovente con carattere episodico se rapportato alla scala dell'esistenza umana, e con ricorrenze tali da attenuare il ricordo e quindi la sensibilità e la coscienza della situazione di pericolo. È necessario quindi che per la zona in esame si debba disporre di un adeguata banca dati, relativamente al tipo di processo naturale considerato: maggiore è il numero delle notizie pregresse, migliore sarà la definizione dello scenario. Nell affrontare uno studio volto all individuazione di soglie pluviometriche, in fase preliminare occorre: - definire l area in esame e di conseguenza il tipo di soglia: a seconda delle finalità della ricerca e della precisione che si vuole ottenere, è necessario stabilire se la soglia deve essere di tipo regionale o locale. Nel secondo caso sarà necessario infittire i dati relativi alle condizioni climatiche, geomorfologiche e litologiche, ai fenomeni di dissesto e agli eventi pluviometrici; - definire il tipo di processo naturale (MDF, SS, frana, piena, ecc.) al quale correlare la soglia pluviometrica. La scelta comporterà l analisi di differenti tipologie di eventi pluviometrici: estivi, brevi ed intensi nella maggior parte dei casi per i MDF e SS, primaverili/autunnali e di più giorni di durata per frane profonde e piene fluviali; - definire i parametri pluviometrici (durata, intensità oraria, PMA, ecc.) da utilizzare per la definizione delle soglie, a seconda del tipo di soglia empirica che si vuole ottenere. Per quanto riguarda i dati pluviometrici, è importante disporre di strumenti di riferimento adeguati nell area in esame, che rispondano a determinati criteri relativamente a: - localizzazione: le stazioni scelte devono essere rappresentative per l area in esame e poste a quote e distanze adeguate rispetto ai fenomeni considerati, possibilmente all interno del bacino idrografico considerato; - tipo di strumento: per poter effettuare uno studio finalizzato all individuazione di soglie pluviometriche è necessario disporre di strumenti in grado di registrare la pioggia oraria o meglio ancora semioraria; le registrazioni delle precipitazioni giornaliere (pluviometri) non sono purtroppo utilizzabili; - disponibilità di dati: è necessario che siano disponibili serie storiche di dati, relative agli strumenti di riferimento, tali da permettere una 16

17 ricostruzione degli eventi considerati ed, eventualmente, l analisi statistica dei dati. A seconda della quantità e della precisione dei dati su cui si basa lo studio, sarà possibile ottenere una soglia più o meno attendibile, la validità della quale potrà essere verificata in caso di avvenimento di nuovi eventi meteorici eccezionali che provochino processi d instabilità. Come detto nelle considerazioni preliminari, in Lombardia non esiste a tutt oggi alcun bacino sperimentale attrezzato nel quale poter condurre ricerche utili allo sviluppo delle conoscenze sulle correlazioni fra precipitazioni e MDF. Sulla base dei dati e delle informazioni raccolte per la presente ricerca, molti bacini risulterebbero essere sedi ottimali da un punto di vista sperimentale: si segnala in maniera particolare il bacino del Torrente Rezzalasco (Comune di Sondalo, Valtellina), che oltre a manifestare MDF con una frequenza quasi annuale, è stato sede di un attenzione particolare da parte dell Amministrazione comunale che ha impegnato recentemente ingenti quantità di denaro per ottenere un rilievo con laser-scanner e conseguentemente un DTM ad alta precisione. La capacità distruttiva delle colate è ampiamente dimostrata da documenti storici pregressi, testimonianze e fotografie. I tempi ridotti di preavviso e l elevata velocità delle colate detritiche rendono quanto mai difficile qualsiasi intervento di salvaguardia e di mitigazione del rischio. La prevenzione dei MDF consiste nella predisposizione di misure utili ad evitare danni, vale a dire difese passive o difese attive. Le prime limitano l uso delle aree esposte a rischio sia in maniera definitiva, sia in corso di evento, senza peraltro intervenire sul processo. Le seconde intervengono, invece, direttamente sul fenomeno e sui suoi possibili effetti. La previsione di tali fenomeni non è certamente facile: per poter prevedere esattamente quando e in che modo si manifesterà il processo non sono sufficienti né le notizie degli eventi pregressi (che danno un idea della ricorrenza temporale e della predisposizione del bacino a produrre MDF), né una precisa zonazione del conoide con differenti livelli di rischio. Tali conoscenze possono senz altro aiutare, ma senza dubbio la mitigazione del rischio può avvenire solamente grazie all utilizzo di tecnologie innovative. Sarebbe necessario quindi installare all interno di ogni bacino indagato un sistema di monitoraggio ed allarme in grado di allertare la popolazione esposta al rischio, in maniera tale da limitare il più possibile i danni producibili. È ovvio che la buona riuscita sia condizionata dal tipo di strumentazione che si posiziona all interno dal bacino soggetto a MDF: e ciò dipende da quanto si è disposti ad investire. È necessario valutare se il sistema di monitoraggio in tempo reale sia economicamente vantaggioso e cioè se la colata sia in grado di arrecare danni maggiori dei costi degli interventi. E tutto ciò senza tenere in considerazione le vite umane, che ovviamente non hanno prezzo. Un adeguata informazione sui rischi presenti su un determinato territorio è di fondamentale importanza in un ottica di prevenzione dell emergenza. Si legge nella nota di sintesi dell OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) in merito ai rischi emergenti nel XXI secolo che: Una risposta efficace all emergenza dipende non solo dalle azioni condotte 17

18 immediatamente prima, durante o subito dopo una catastrofe, ma anche e soprattutto, dai piani, strutture e accordi preesistenti per coordinare in modo ampio ed efficace gli interventi del governo, dei volontari e delle società private. Le azioni che si possono condurre in fase preventiva consistono nella valutazione dei rischi presenti nell ambiente e nel fornire una comunicazione efficace per giungere all attivazione di schemi di comportamento idonei. Molti fenomeni naturali, infatti, non possono essere evitati e sono sovente difficilmente prevedibili: è possibile far sì che essi non si trasformino in eventi calamitosi, operando per ridurre la vulnerabilità dei sistemi fisici ed umani esposti. Come si può arrivare a questo? Innanzitutto è necessario conoscere a fondo quali siano i processi naturali che possono generare il rischio per la popolazione in una data area. La conoscenza permetterà di poter creare un sistema di monitoraggio in continuo che consenta alla popolazione che vive in zone a rischio di poter avere un tempo sufficientemente ampio per potersi mettere in salvo. Ma fondamentale risulterà essere un approfondita formazione della popolazione stessa affinché si renda conto dei rischi ai quali è soggetta, legati all evoluzione che può avere il processo naturale durante la fase culminante, delle zone che potrebbero essere maggiormente colpite e di conseguenza sia a conoscenza delle vie preferenziali di fuga. La formazione e l informazione dovrebbe essere il primo passo per una corretta cultura ambientale, affinché la popolazione non commetta in futuro gli errori di pianificazione territoriale che sovente sono stati commessi in zone a rischio. Possiamo considerare, quindi, un duplice aspetto nella valutazione del rischio: da un lato avremo attività mirate a contenere la vulnerabilità del territorio tramite l uso di tecnologie nuove ed emergenti e la costituzione di un sistema di monitoraggio e di sorveglianza efficace, dall altra la formazione di una cultura del rischio che coinvolga i cittadini, ma anche i politici, gli amministratori comunali, i tecnici, i volontari, gli insegnanti, gli studenti e qualunque gruppo sociale. Ciò può avvenire tramite una comunicazione efficace, intesa sia come scambio di contenuti informativi, sia come capacità di relazionarsi con l altro. Comunicazione non come un processo a senso unico in cui gli esperti istruiscono la popolazione, bensì come un circuito interattivo e retroattivo in cui i ruoli siano intercambiabili e le informazioni fluiscano tra i diversi attori. Il messaggio va curato nella struttura e nel contenuto, va diffuso attraverso mezzi diversificati e riproposto attraverso molteplici canali. 18

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i versanti boscati di molte parti del mondo nell emisfero

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 5

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 5 Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 5 Quadro dei processi alluvionali prevalenti

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI VINCOLI GENERATORI DI RISCHIO pag. 3 2.1 rischio idrogeologico pag. 5 3 CARTA DI SINTESI FINALIZZATA ALL EDIFICABILITA pag. 7 1 1. PREMESSA Per

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Seminario: Il dissesto idrogeologico: dalla conoscenza del territorio alla sua protezione Milano, 20 maggio 2015 INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Dott. Geol. Dario Fossati Regione

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale Marco Amanti, Domenico Berti, Mauro Lucarini & Alessandro Troccoli ISPRA Lo studio affronta le possibili relazioni tra dissesto geologico-idraulico e variazioni climatiche, attraverso un approfondimento

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE Realizzazione del prodotto Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni Revisione Data Oggetto Revisione 1 13/02/2008 Prima emissione INDICE 1. Scopo ed Obiettivi 2. Campo di applicazione

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO

STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO COMUNE DI CAPOLIVERI Provincia di Livorno STUDIO IDROLOGICO IDRAULICO a cura del dott. Ing. Filippo Ginanni Il Sindaco: Ruggero Barbetti I Progettisti: arch. Gianni Vivoli e arch. Sergio Seritti Collaborazione:

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Rev Data Archivio. Titolo. Tipo. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio.

Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014. Rapporto. Alessandro Trigila, Carla Iadanza Revisione Data revisione Archivio. Titolo Rapporto di sintesi sul dissesto idrogeologico in Italia 2014 Tipo Rapporto Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio geologico d Italia Servizio Istruttorie, Piani di Bacino e Raccolta Dati Redatto

Dettagli

CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO BACINO TERZIARIO PIEMONTESE RISCHIO IDROGEOLOGICO

CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO BACINO TERZIARIO PIEMONTESE RISCHIO IDROGEOLOGICO CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO BACINO TERZIARIO PIEMONTESE RISCHIO IDROGEOLOGICO 1 RISCHIO IDROGEOLOGICO In geologia con il termine rischio idrogeologico si designa il rischio connesso

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 189 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 6.1 Premessa Il Sistema Informativo

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone

Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone Relazione geologica e idrogeologica a corredo del P. R.G. del Comune di Frontone INDAGINI GEOLOGICHE INTEGRATIVE A cura di Diego TALOZZI Geologo e Ingegnere libero professionista. Gennaio 2009 1 INDAGINI

Dettagli

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione

Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Modello metodologico per la stima del danno atteso da inondazione Risultati preliminari Luino F., Biddoccu M., Cirio C. G. fabio.luino@irpi.cnr.it CNR-IRPI Strada delle Cacce 73-10135 (TO) http://www.irpi.to.cnr.it/

Dettagli

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto

III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto III Forum di partecipazione pubblica I linguaggi del rischio: discipline a confronto 15 gennaio 2013, c/o Camera di Commercio di Parma Via Verdi, Parma Il rischio idraulico La memoria degli eventi calamitosi

Dettagli

La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA

La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA MONITORAGGI E FRANE: IL PROGETTO MIARIA E L ATLANTE REGIONALE DELLE FRANE La gestione delle criticità sulle reti di monitoraggio geologico gestite da ARPA a cura di: Dott. Geol. Luca Dei Cas U.O. Centro

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

Le colate di fango del 10 novembre 2009 di Casamicciola Terme (Ischia). Il Monte Epomeo ha retto. Hanno ceduto i versanti dei valloni pedemontani.

Le colate di fango del 10 novembre 2009 di Casamicciola Terme (Ischia). Il Monte Epomeo ha retto. Hanno ceduto i versanti dei valloni pedemontani. Le colate di fango del 10 novembre 2009 di Casamicciola Terme (Ischia). Il Monte Epomeo ha retto. Hanno ceduto i versanti dei valloni pedemontani. Premessa La mattina del 10 novembre 2009 intorno alle

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

Workshop: «Valutazione del danno alluvionale: metodologie, strategie, soluzioni» IRPI TORINO. Torino, 13 febbraio 2015 Sala Unione Industriale

Workshop: «Valutazione del danno alluvionale: metodologie, strategie, soluzioni» IRPI TORINO. Torino, 13 febbraio 2015 Sala Unione Industriale Workshop: «Valutazione del danno alluvionale: metodologie, strategie, soluzioni» IRPI TORINO Torino, 13 febbraio 2015 Sala Unione Industriale Ogni anno, in diverse località italiane, si manifestano numerosi

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 1 2. ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ DI BACINO DEI FIUMI LIRI-GARIGLIANO E VOLTURNO 1

INDICE 1. PREMESSA 1 2. ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ DI BACINO DEI FIUMI LIRI-GARIGLIANO E VOLTURNO 1 INDICE 1. PREMESSA 1 2. ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ DI BACINO DEI FIUMI LIRI-GARIGLIANO E VOLTURNO 1 3. BANCA DATI MULTIMEDIALE ALFANUMERICA 2 3.1.1 Creazione della tabella di riferimento per l archiviazione

Dettagli

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico

Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Rischi naturali e gestione del territorio nella Provincia di Roma: il rischio idraulico Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO

PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO PROVINCIA DI SAVONA ASSESSORATO DIFESA DEL SUOLO PIANO DI BACINO STRALCIO SUL RISCHIO IDROGEOLOGICO (ai sensi dell art.1, comma 1, del D.L. 180/1998 convertito in L. 267/1998) Caratteristiche idrauliche

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008)

2. Sistemazione movimento franoso loc. Rif. Rey/San Giusto: RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (29 settembre 2008) INDICE 1. Lavori di mitigazione dei fattori di rischio idrogeologico nel bacino del Rio San Giusto (Frana Rifugio Rey / Rio San Giusto) : RELAZIONE E CERTIFICATO DI COLLAUDO (13 aprile 2006) 2. Sistemazione

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Premio per la P ubblica A mministrazione lucana che comunica e condivide M I G L I O R E P R O G E T T O I N T E R N E T Bando del Consiglio Regionale della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Valutazione Globale Provvisoria

Valutazione Globale Provvisoria REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Territorio e Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO Attuazione della direttiva 2007/60/CE

Dettagli

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO IRPI Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA GRUPPO DI GEOMONITORAGGIO - TORINO IL MONITORAGGIO DI CORSI D ACQUA E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

Dissesto idrogeologico è un termine

Dissesto idrogeologico è un termine Il Dissesto idrogeologico un disastro italiano di Giovanni Maria Di Buduo* Dissesto idrogeologico è un termine infelice perché molto fuorviante: frane e alluvioni non sono dissesti, ma sono la concretizzazione

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica WORKSHOP PERICOLOSITÁ IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Bolzano, 9-10 giugno 2011 Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

PRESENTAZIONE GENERALE

PRESENTAZIONE GENERALE PRESENTAZIONE GENERALE Il sito è stato ideato ed istituito per rendere visibile a tutti, specialmente ai soggetti operanti nella protezione civile, la situazione idrometeorologica rilevata dalle stazioni

Dettagli

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8 Idrogeologico 1/8 3.2.1 INTRODUZIONE E CONCETTI GENERALI Il rischio idrogeologico è conseguenza di una modificazione geomorfologica e climatica in un tempo più o meno breve e si può definire come dissesto

Dettagli

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Centro Funzionale per la Meteorologia, l Idrologia e la Sismologia Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi

Dettagli

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Regione Piemonte Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Settore Cartografico Regione Piemonte C.so Orbassano 336 (Centro NADIM) Torino tel. 011-4326466 - fax 011-4326462 - e-mail: cartografico@regione.piemonte.it

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011 Il rischio idrogeologico e il contributo della ricerca Il caso della Puglia Polemio M. irpi - Sede di Bari Il Consiglio Nazionale

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it

Consiglio Nazionale Geologi.it Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi Roma, 25 gennaio 2007 Rif. P/CR.c/381 LORO SEDI CIRCOLARE N 252 OGGETTO: Parere relativo alla competenza del geologo a

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree Specialistiche in Ingegneria per l Ambiente

Dettagli

Il monitoraggio delle colate detritiche

Il monitoraggio delle colate detritiche Workshop PERICOLOSITÁ IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Bolzano, 9-10 giugno 2011 Il monitoraggio delle colate detritiche Lorenzo Marchi (CNR IRPI

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.4. FLUSSO INFORMATIVO E MESSAGGISTICA Il flusso informativo tra le diverse componenti del sistema di protezione civile e da/verso l esterno è un aspetto cruciale del piano regionale di gestione del rischio

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni:

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni: 1 2 Una breve descrizione del network dei Centri Funzionali: nei confronti del rischio idrogeologico, il sistema di allerta nazionale è assicurato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (DPCN),

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale

Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale Il recepimento della Direttiva Alluvioni: Le attività di competenza del sistema di protezione civile Il sistema di allertamento regionale IL QUADRO NORMATIVO Direttiva europea 2007/60: Relativa alla valutazione

Dettagli

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO

LA GESTIONE TECNICO-OPERATIVA IN EMERGENZA DELL EVENTO IDROGEOLOGICO STITUTO NAZIONALE SUPERIORE FORMAZIONE OPERATIVA di PROTEZIONE CIVILE Pianificazione di Emergenza Coordinamento - Formazione di Protezione Civile Relazione Cosimo Golizia Vice Presidente I.N.S.F.O. P.C.

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA. Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura "Infrastruttura per l'informazione Territoriale"

REGIONE LOMBARDIA. Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura Infrastruttura per l'informazione Territoriale REGIONE LOMBARDIA Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura "Infrastruttura per l'informazione Territoriale" Indirizzo Via F. Sassetti, 32/2-20124 Milano Telefono/Fax 02 67654333 / 02 67654620 E-Mail

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici

Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici M. Maugeri 1, M. Brunetti 2, L. Buffoni 3, F. Mangianti 4, F. Monti 1, T. Nanni 2, R. Pastorelli

Dettagli

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE

RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE RISCHIO IDRAULICO ED IDROGEOLOGICO IN PIEMONTE L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE DAL 1994 AD OGGI Vincenzo COCCOLO Regione Piemonte Il quadro fisico del Piemonte Superficie pari a circa 25.000

Dettagli

TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Premessa:

TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Premessa: TAVOLO 2: Rischio idraulico e geomorfologia, attuazione direttive, cambiamenti climatici Dossier di sintesi: quadro attuale finalizzato all analisi SWOT partecipata Premessa: Con riferimento ai temi da

Dettagli

Proposta di una metodologia per la gestione in tempo reale di emergenze idrogeologiche nella Comunità Montana Valtellina di Tirano (So)

Proposta di una metodologia per la gestione in tempo reale di emergenze idrogeologiche nella Comunità Montana Valtellina di Tirano (So) DISAT CNR - IDPA Convenzione tra la Comunità Montana Valtellina di Tirano ed il Consiglio Nazionale delle Ricerche (IDPA Sezione di Milano) Cagli 15-17 giugno 2009 Comunità Montana Valtellina di Tirano

Dettagli

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni.

D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. D.Lgs. 23 febbraio 2010 n. 49 Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni. Piano di Gestione del Rischio Alluvioni dicembre 2013 A cura di: Direzione

Dettagli

Domanda C.1.1 (risposta SI/NO)

Domanda C.1.1 (risposta SI/NO) Domanda C.1.1 (risposta SI/NO) Secondo lei, le colate di fango possono essere causate da piogge di lunga durata e continue? Tipologia di risposta Numero di risposte SI 87 NO 5 NON SO 8 Non risponde 0 Pagina

Dettagli

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

2. Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici

2. Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici . Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici.1. Obiettivi I dati di precipitazioni in Piemonte sin dall inizio del secolo scorso sono stati raccolti da stazioni di misura in parte

Dettagli

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO Domenico Morini Dirigente Servizio Geologico Regione Toscana Stefano Romanelli La.m.m.a. Regione

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele

Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele Per la Previsione e Prevenzione dei Grandi Rischi Autorità di Bacino Regionale Sinistra Sele PIANO STRAORDINARIO PER LA RIMOZIONE DELLE SITUAZIONI A RISCHIO PIÙ ALTO contenente L INDIVIDUAZIONE E LA PERIMETRAZIONE

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * *

CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * * 1 CONSORZIO DI BONIFICA DELLA VERSILIA V I A R E G G I O * * * REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA 2 INDICE 1. Premessa 1.1 quadro di riferimento generale pag. 3 1.2 scopi del servizio di piena pag. 3 2.

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO Dario TRICOLI (*), Nicola COSCINI (**), Nicola DEL SEPPIA (**), Enzo DI CARLO (**), Andrea MORELLI (**) (*) Autorità di Bacino

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA

CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA CONSORZIO DI BONIFICA UFFICIO DEI FIUMI E FOSSI - PISA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PIENA V1 1990 1 i n d i c e 1. premessa pag. 1.1 quadro di riferimento generale 2 1.2 scopi del servizio di piena 2 2.

Dettagli

Analisi sperimentale del comportamento idrologico di un versante argilloso instabile: interpretazione con flusso non parallelo al versante

Analisi sperimentale del comportamento idrologico di un versante argilloso instabile: interpretazione con flusso non parallelo al versante Analisi sperimentale del comportamento idrologico di un versante argilloso instabile: interpretazione con flusso non parallelo al versante Lorenzo Masini Laureato in Scienze Geologiche, Università di Bologna,

Dettagli

1966 IL RISCHIO GEOLOGICO-IDRAULICO IN ITALIA

1966 IL RISCHIO GEOLOGICO-IDRAULICO IN ITALIA Firenze, 1966 IL RISCHIO GEOLOGICO-IDRAULICO IN ITALIA Cosa c è di buono e cosa può essere migliorato nella visione del problema a livello istituzionale, tra gli esperti, nei media e nella pubblica opinione?

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.3. LE FASI OPERATIVE A giugno 2015 è stato approvato dal tavolo tecnico della Commissione speciale di pc il documento sulla omogeneizzazione del Sistema di allertamento nazionale. Il documento sull omogeneizzazione

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli