Approfondimenti per una più efficace regolamentazione dei trasporti lagunari di merci pericolose, generi alimentari refrigerati e sui mezzi meccanici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approfondimenti per una più efficace regolamentazione dei trasporti lagunari di merci pericolose, generi alimentari refrigerati e sui mezzi meccanici"

Transcript

1 Approfondimenti per una più efficace regolamentazione dei trasporti lagunari di merci pericolose, generi alimentari refrigerati e sui mezzi meccanici di sollevamento

2 INDICE INTRODUZIONE & SINTESI DELLE CONCLUSIONI 6 I TRASPORTI ACQUEI DI MERCI PERICOLOSE CON IMBARCAZIONI LAGUNARI 11 LE MERCI PERICOLOSE 12 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI PERICOLOSE 13 NORMATIVA DI RIFERIMENTO ESISTENTE IN CAMPO STRADALE E MARITTIMO 15 Le norme internazionali...15 IL TRASPORTO LAGUNARE 16 Merci sfuse e merci in colli...16 I vettori impiegati...17 Gradualità applicativa e priorità in una proposta di regolamentazione 17 Il problema del potenziale inquinamento...19 Esempi di prodotti pericolosi trasportati in laguna...20 Dimensioni medie dei colli trasportati...21 Proposta per la franchigia nella quantità trasportata...22 PROPOSTA DI NORMATIVA PER IL TRASPORTO MERCI PERICOLOSE IN LAGUNA 25 CONCLUSIONI 27 I MEZZI DI TRASPORTO PER MERCI REFRIGERATE 28 2

3 IN AMBITO LAGUNAREIL TRAFFICO DI MERCI REFRIGERATE IN LAGUNA 28 IL TRAFFICO DI MERCI REFRIGERATE IN LAGUNA 29 Natura del traffico refrigerato...30 Il principale problema del trasporto refrigerato lagunare...35 I MEZZI DI TRASPORTO REFRIGERATO D ALIMENTARI. ATTUALE REGIME NORMATIVO IN LAGUNA. 38 Possibili interventi migliorativi Il caso del pesce...40 CONCLUSIONI...51 PROPOSTA DI LINEE GUIDA E PROCEDURE PER IL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE IN COLLI NELL AMBITO LAGUNARE. 52 Ambito d applicazione delle norme...52 Definizione...52 Classificazione delle merci pericolose...52 Responsabile delle operazioni relative a merci pericolose...53 Conduttore del trasporto in ambito lagunare...54 Ad ogni operazione di trasporto e movimentazione di merci pericolose deve essere costantemente presente almeno una persona munita di specifica istruzione, addestrata ad affrontare le evenienze del trasporto ed a sorvegliare l applicazione delle prescrizioni operative e di sicurezza. Il conduttore risponde al responsabile del trasporto. Se l intestatario della licenza di trasporto è il conduttore stesso, deve essere qualificato come responsabile del trasporto Etichette e contrassegni...54 Dotazioni di sicurezza

4 Comunicazioni con responsabile del trasporto e con incaricati del soccorso...54 Procedure di pronto intervento...55 Corsi di informazione per conduttori e responsabili del trasporto...55 I MEZZI DI SOLLEVAMENTO E DA LAVORO 59 MONTATI SU IMBARCAZIONI LAGUNARIL IMPIEGO DEI MACCHINARI DI SOLLEVAMENTO E LAVORO 59 L IMPIEGO DEI MACCHINARI DI SOLLEVAMENTO E LAVORO 60 INQUADRAMENTO NORMATIVO DEI MACCHINARI MONTATI A BORDO DI UNITÀ LAGUNARI 62 Quanti sono i mezzi di questo genere?...64 ATTUALE REGIME DI CONTROLLO DELLE INSTALLAZIONI ED USO DEI MACCHINARI DA LAVORO A BORDO DELLE IMBARCAZIONI LAGUNARI 66 Necessità dei controlli...66 MODALITÀ DI CONTROLLO 67 NORMATIVA SPECIFICA PER I MACCHINARI DI SOLLEVAMENTO MONTATI A BORDO. 70 Un tentativo di chiarimento della situazione attuale: il Registro di Classifica e la certificazione di classe dell unità...70 Imbarcazioni da lavoro iscritte in Capitaneria di Porto (Registro della navi maggiori e minori non limitate alla laguna veneta), munite di certificato di classe. Regime attuale di sorveglianza degli apparati di sollevamento

5 Imbarcazioni da lavoro iscritte in Capitaneria di Porto (Registro della navi minori in navigazione marittima, limitata alla laguna veneta). Regime attuale di sorveglianza degli apparati di sollevamento...76 Controlli intrinseci e di piattaforma...77 Imbarcazioni da lavoro iscritte alla Motorizzazione Civile ed all Ispettorato di porto. Regime attuale di sorveglianza degli apparati di sollevamento...80 Collaudi delle macchine...81 Collaudi di piattaforma...82 Normativa e controlli in vigore sugli impianti di sollevamento terrestri...84 RISCHI SPECIFICI DEGLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO MONTATI SU GALLEGGIANTI. PERCHE LE NORME DEVONO ESSERE DIVERSE? 87 Motivi delle differenze...88 Criterio RINA di dimensionamento strutturale...90 Aspetti meccanici...90 Stabilità statica e dinamica di una piattaforma galleggiante durante il sollevamento di un carico...91 Cenni sulla stabilità dei galleggianti...92 Fattori di stabilità...92 Carichi pendolari...92 Slittamento dei carichi liquidi...93 Riepilogo sulle condizioni di stabilità di piattaforma dei galleggianti...94 PROPOSTA DI REGOLAMENTAZIONE PER IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO ED OPERATRICI IN LAGUNA 96 Gradualità nell applicazione...97 Accettabilità delle caratteristiche nominali...98 Verifiche e collaudi in esercizio

6 Criteri di sufficiente stabilità di piattaforma APPENDICI Appendice A Contrassegni standardizzati per il trasporto di merci pericolose Appendice B Esempio di scheda prodotto per il trasporto Appendice C Normativa HACCP per merci alimentari refrigerate Appendice D Normativa sanitaria per trasporto di merci alimentari refrigerate Appendice E Direttiva 98/37/CE ( Direttiva macchine ) Appendice F Direttiva 95/16/CE ( Marchio CE ) Appendice G Circolare UE C271/E/509 ( Requisiti tecnici per mezzi di sollevamento ) Appendice H US Department of Labor ( Requisiti tecnici di collaudo e sorveglianza per mezzi di sollevamento ) INTRODUZIONE & SINTESI DELLE CONCLUSIONI Il quadro della normativa di trasporto acqueo in laguna è confuso e di competenze frammentate fra diversi Enti. L evoluzione tumultuosa del trasporto in laguna negli ultimi trenta quarant anni, in questa cornice di generale indeterminatezza ed assenza di controlli, ha originato soluzioni tecniche e modi d operazione orientati ad ottenere il massimo profitto con il minimo investi- 6

7 mento. La ricerca dei minimi costi ha sacrificato spesso la tutela antinfortunistica ed ambientale che nello stesso periodo le norme più recenti mettevano come finalità emergente nelle attività equivalenti in terraferma. Questa condizione di deregulation di fatto ha prodotto maggiori costi per la collettività, tanto meno condivisibili non solo per il divario che si è aperto fra la situazione normativa della terraferma e quella lagunare, quanto e soprattutto perché avvenuta in uno scenario socio economico relativamente opulento, in grado di sostenere autonomamente tali maggiori costi, e per di più in un contesto ambientale ed architettonico unico e delicato. Un intervento di riordino della normativa in termini più attuali e coerenti appare quindi indispensabile. Su richiesta della Provincia di Venezia, Settore Mobilità e Trasporti, si è quindi cercato di dare al legislatore un quadro informativo sufficientemente completo della situazione dei trasporti lagunari di merci pericolose, di generi alimentari refrigerati e sui mezzi di sollevamento e macchine operatrici montate a bordo, aggiornata a fine Sono emersi alcuni punti su cui è stato concentrato l interesse, e che dovrebbero essere oggetto di particolare valutazione: 7

8 E di fondamentale importanza raggiungere la conoscenza anagrafica delle imbarcazioni tramite un unico archivio di immatricolazione aggiornato, premessa essenziale per l efficacia di ogni controllo e valutazione d intervento. Riguardo le merci pericolose, per le quali manca ogni regola di trasporto sia per le merci alla rinfusa che in colli, è opportuno affrontare gradualmente il problema, nel caso delle merci in colli. Per le merci alla rinfusa è consigliabile ipotizzare, in tempi brevi, un intervento normativo che deve essere ben tecnicamente mirato, ma ancora più indispensabile che nel caso del trasporto minuto, a causa del pericolo potenziale anche in termini di immagine per la città. Un efficace controllo delle attività di trasporto cittadino di merci pericolose ed inquinanti non può prescindere, a maggior ragione, dalla rigorosa applicazione anche al trasporto in conto proprio. Va ovviato alla mancanza di un organizzazione anche embrionale di pronto intervento ambientale, attrezzata per interventi in ambito cittadino in caso di incidenti. Nel trasporto di generi alimentari refrigerati, le maggiori carenze si riscontrano nelle carenze igieniche delle strutture di interscambio a terra, mentre il segmento acqueo non presenta differenze normative ed applicative rispetto a quanto abituale in terraferma. I mezzi di sollevamento ed le macchine operatrici devono essere controllate in modo più efficace e sistematico, anche ricorrendo a controlli in delega da parte di officine autorizzate. E auspicabile che vengano introdotti collaudi pratici tanto del macchinario che della stabilità della piattaforma, ora assenti. 8

9 Introdurre un nuovo criterio di accettazione delle macchine operatrici a bordo, basato su prove pratiche e responsabilizzazione del fabbricante è un modo più efficace di controllare la varietà delle installazioni esistenti. 9

10 I TRASPORTI ACQUEI DI MERCI PERICOLOSE CON IMBARCAZIONI LAGUNARI 11

11 LE MERCI PERICOLOSE Le merci pericolose sono prodotti che per loro natura o composizione per il modo del loro trasporto per incompatibilità con altri prodotti eventualmente trasportati possono creare problemi di pericolo o in ogni modo di sicurezza per l ambiente, per il personale che transita vicino, li maneggia e li trasporta. Il trasporto, lo stoccaggio ed il maneggio di merci pericolose è oggetto d attenzione e di normativa internazionale particolare 1 sia nel trasporto in terraferma che marittimo ed aereo, e di norme nazionali o regionali per il deposito e lo stoccaggio, dati gli ovvi aspetti di salute ed incolumità pubblica. I trasporti marittimi di merci pericolose aggiungono l elemento negativo dell eventuale impatto ambientale e della prevenzione dell inquinamento a quelli della sicurezza in senso stretto: essi sono vincolati rigidamente a leggi soprannazionali, emanate dalle Nazioni Unite tramite agenzie intergovernative, e ratificate sostanzialmente da tutte le nazioni mondiali. 2 In laguna, i trasporti acquei di merci pericolose non sono al momento regolamentati sistematicamente. Sono parzialmente regolamentati i trasporti di rifiuti tossici o pericolosi, alcuni trasporti d idrocarburi alla rinfusa (in analogia con i trasporti marittimi) e le modo di stoccaggio se eseguite a terra in ambito portuale. 1 A.D.R, Autotransports dangereux routiers. Londra. 2 I.M.O. International Maritime Organisation, agenzia delle NAzioni Unite con sede a 12

12 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI PERICOLOSE In sede internazionale, la classificazione delle merci pericolose è stata stabilita in nove classi, alcune delle quali ulteriormente suddivise in sottoclassi. Questa classificazione, di tipo numerico e contraddistinta da simboli e colori univoci, è comune ai trasporti stradali, marittimi ed aerei. Le classi delle merci pericolose sono CLASSE 1 CLASSE 2 CLASSE 3 Esplosivi Gas compressi, liquefatti, liquefatti refrigerati Liquidi infiammabili CLASSE 4.1 CLASSE 4.2 CLASSE 4.3 CLASSE 5.1 CLASSE 5.2 CLASSE 6.1 CLASSE 6.2 Solidi infiammabili Materie soggette ad accensione spontanea Materie che originano gas infiammabili a contatto con l acqua Materie comburenti Perossidi organici Materie tossiche Materie infettanti CLASSE 7 CLASSE 8 CLASSE 9 Materie radioattive Materie corrosive Materie pericolose diverse Non tutte le merci sono pericolose in ugual misura: il grado di pericolosità è stabilito sulla base delle caratteristiche di 13

13 infiammabilità tossicità instabilità corrosività ed in ultimo, ma solo nel trasporto marittimo, anche del potenziale inquinante Ogni specifico prodotto classificato come pericoloso è stato etichettato in sede UN con un numero (UN Number) che ne distingue la natura, nonostante le differenti denominazioni possibile nelle svariate lingue, le composizioni alternative, le denominazioni commerciali etc. Ad esempio, il polish per metalli ha UN 1142, classe 3.3 liquido infiammabile con punto d accensione superiore a 23 C. Il numero UN identifica quindi in modo univoco la natura delle materie attive trasportate. Il numero di Kemmler identifica invece il grado di pericolosità dello specifico prodotto, associando un punteggio a ciascun tipo di merce. In questo modo il polish per metalli deve avere un Kemmler diverso da un composto arsenicato concentrato, in quando meno pericoloso. La normativa ed i regolamenti internazionali sono sempre redatti sulla base dei tre parametri precedenti - classe, UN number e Kemmler ed in particolare dalla terna di numeri dipendono Le quantità ammesse, il tipo d imballo, il tipo di vettore utilizzabile Gli impianti di bordo, dotazioni, procedure normali e d emergenza, abilitazioni al maneggio, allo stoccaggio, al trasporto. Le compatibilità e segregazioni fra diversi prodotti Le tipologie e norma d intervento in caso d incidente 14

14 NORMATIVA DI RIFERIMENTO ESISTENTE IN CAMPO STRADALE E MA- RITTIMO Le norme internazionali Poiché non esiste una normativa esaustiva e sistematica per i trasporti di merci pericolose su acque lagunari, è necessario riferirsi a quanto è prassi consolidata in campo terrestre ed in campo marittimo. Sulla base dei principi generali enunciati in questi due settori, con gli opportuni adeguamenti, sarà possibile tracciare un possibile percorso normativo che in ogni caso, in queste pagine, è solamente accennato data la complessità della materia e dei possibilisviluppi applicativi. Tutte le norme ed i regolamenti esistenti in terra, in mare ed in aria, con differenti priorità, gradi di severità e di dettaglio, stabiliscono in che modo conservare, maneggiare, e trasportare le merci pericolose. Il riferimento è sempre la terna classe, UN number e Kemmler. Quello che cambia di caso d ambiente in ambiente è la severità d applicazione, massima nei trasporti aerei, più ridotta ma elevata nei trasporti marittimi, anche a causa delle quantità coinvolte, meno ancora nei trasporti stradali e ferroviari. L ADR è il regolamento internazionale di riferimento per i trasporti stradali di merci pericolose. L ADN è il regolamento di riferimento per i trasporti fluviali di merci pericolose. L IMDG Code è la norma di riferimento per i trasporti marittimi. Esiste una forma di riconoscimento mutuo delle modo di trasporto ammesse, ad es. un veicolo in norma secondo ADR è ammesso al trasporto ferroviario su vagone, od al trasporto marittimo in nave, il maggior e- ventuale onere d impianto essendo a carico del vettore. 15

15 IL TRASPORTO LAGUNARE Merci sfuse e merci in colli Il materiale pericoloso in laguna, escludendo i rifiuti, è sempre originato dalla terraferma, cioè proviene sistematicamente da Vettori stradali o ferroviari, soggetti quindi per loro conto a normativa specifica Depositi costieri od accessibili per via d acqua posti in terraferma Non essendo presenti industrie primarie o di trasformazione di materie prime nel comprensorio insulare, il trasporto di materiale pericoloso alla rinfusa è esclusivamente limitato ai combustibili liquidi petroliferi; una quota rilevante di esso è destinato al rifornimento delle navi in porto, in misura minore al rifornimento dei punti di vendita dei carburanti in ambito locale, dei serbatoi privati d alcune imprese e grandi utenti (ad es. al punto di rifornimento POL della Marina Militare, all analogo punto della stazione navale della Guardia di Finanza etc). I trasporti di massa avvengono con imbarcazioni dedicate (cisternette, chiatte etc). La modalità di trasporto più comune per le merci pericolose è invece l imballaggio in colli, fusti o simili contenitori, caricati a mano o con gru su imbarcazioni ordinarie. Ci limiteremo per queste ragioni ad esaminare quest ultimo aspetto, rimandando nel caso ad altra sede i problemi normativi che pongono i trasporti alla rinfusa, e che pure dovrebbero essere affrontati in modo sistematico. 3 3 Anche per i trasporti alla rinfusa mancano indicazioni tecniche ed operative di riferimento, percorsi ed orari preferenziali, requisiti minimi dei battelli etc, fatto questo di rilevante gravità a causa del grande potenziale di danno che può generarsi in caso di un singolo incidente. 16

16 I vettori impiegati Per il trasporto alla rinfusa, sono utilizzate bettoline autopropulse, di dimensioni comprese fra 15 metri di lunghezza e 35 metri, portate fra 5 e 800 t. La maggior parte dei trasporti è di prodotti petroliferi leggeri e pesanti (gasolio, kerosene, olio lubrificante, nafta media e pesante). Le imbarcazioni sono in genere molto vecchie (età media superiore a 30 anni) e di manutenzione opinabile. Sono poi in servizio quattro bettoline benziniere, da tonnellate di portata, una delle quali di recente costruzione. Trasporti alla rinfusa occasionali sono anche realizzati con pontoni a traino od a spinta, caricati con autocarri. Questo avviene particolarmente con carico di materiale edile potenzialmente inquinante, come le malte di rivestimento. Il rifornimento di alcuni punti di vendita di carburanti al Lido, Malamocco e Pellestrina avviene poi con autocisterne caricate sui traghetti ACTV, in corse speciali prive di passeggeri. La prassi non è regolarissima sotto il profilo normativo, ma ammessa e tecnicamente sicura: potrebbero sorgere problemi (per es. di tipo assicurativo), anzi, se in futuro un concessionario differente dovesse occuparsi di questo servizio pubblico secondario ma essenziale. Le merci in colli sono caricate senza nessuna differenza dalle merci non pericolose, a bordo di normali topi da trasporto, ma anche topette, patanelle, barchini e pontoncini. Il rischio maggiore appare essere quindi, più che l incendio o l esplosione, la possibilità di spandimento o caduta in acqua in caso di collisione, specialmente su imbarcazioni piccole e poco stabili. I rifiuti normali e speciali sono trasportati con barche dedicate, che meriterrebbero maggiore attenzione normativa. Gradualità applicativa e priorità in una proposta di regolamentazione Non è auspicabile che siano elaborati ed applicati in laguna criteri troppo restrittivi ed immediati per i trasporti pericolosi, senza considerare che 17

17 I trasporti di merci pericolose esistono, ma sono una frazione non prevalente rispetto a tutti gli altri trasporti in laguna; Il tasso di incidentalità è basso rispetto ad altri aspetti del trasporto (ad es. antinfortunistici) che richiedono più immediata attenzione; Il livello d attenzione necessario ad un corretto trasporto di merci pericolose, legittimo ed auspicabile, è fuori della preparazione professionale e dalla logica operativa attuale di molti operatori minori, anche se è invece già presente presso i più qualificati. Occorre valutare le priorità effettive nella tutela pubblica che si cerca di ottenere. Un ulteriore problema di carattere normativo e fiscale viene dalla presenza di una quota rilevante di trasporti in conto proprio oppure eseguita in nero ; non essendo alcuna forma di pubblicità né voluta né cercata dagli operatori, per forza di cosa, ben difficilmente si può cercare di pretendere l applicazione di norme vincolanti che evidenziano la natura del trasporto. E il caso d alcune piccole imprese artigiane (tipografie, ad es., ma anche vetrerie, imprese edili, decoratori, alberghi etc) che si approvvigionano in terraferma al dettaglio di materie pericolose in libera vendita, come bombole di propano, fusti di solventi, inchiostri, latte di pittura alla nitrocellulosa, tinture, pigmenti, resine, detersivi, insetticidi e disinfettanti etc. Questo perché limitate quantità non permettono il trasporto economico a cura del fornitore fino a destino, oppure allo scopo di evitare evidenze fiscali dei lavori eseguiti, ed ancora per l assenza d adeguati spazi d immagazzinamento, oppure per evitare la pubblica evidenza d immagazzinamenti proibiti in centro storico, questa merce viaggia anonimamente e con grande difficoltà si può pensare di intercettarla senza una ben di- 18

18 versa e ben più efficace regolamentazione del trasporto in conto proprio. 4 Si consideri che adesso non è neppure obbligatorio avere un estintore in barca. Il problema del potenziale inquinamento Un aspetto tipico del trasporto lagunare è la congestione degli spazi, e la grande vulnerabilità dell ambiente all inquinamento in caso d incidente, non solo per la contaminazione dell acqua, quanto piuttosto per l aggressione chimico fisica,e quindi ai danni, che molti prodotti possono generare sui materiali lapidei. Si pensi ad estese macchie di pittura od inchiostro su muri e rive, corrosioni delle malte, ma anche agli effetti di spandimento d oli minerali, agli effetti d esplosioni ed incendi a bordo in rii ristretti e così via. L inquinamento o meglio la contaminazione ambientale non è un problema sentito in modo particolare su strada, per via delle quantità relativamente limitate trasportate, ma anche per via degli spazi aperti. Non per nulla anche su strada l inquinamento può diventare un problema in caso d incidente in spazi limitati (centri urbani, gallerie, vicinanza di scoli o falde etc), però non è oggetto di particolare attenzione al di fuori di questi casi. In campo marittimo, dove il problema è ben presente, il materiale inquinante è contrassegnato con un simbolo (pesce nero in campo bianco, con croce nera sovrapposta), e valgono alcune norme aggiuntive. In laguna fuori città, i trasporti pericolosi potrebbero generare seri danni per l ecosistema solo nel caso di merci alla rinfusa : in caso contrario, ed anche nel caso più pericoloso (d incidente durante il trasporto di composti velenosi alle vetrerie), le quantità sono comunque limitate, e gli effetti scarsi. Il problema 4 E una situazione equivalente al sistematico trasporto su strada con la propria autovettura, ad esempio di fustini di benzina, di bombole di gas liquido etc. Non a caso sono trasporti vietati. La differenza sta nella quantità, che su un auto sono limitate a kg, su una barca possono essere alcune tonnellate. 19

19 vero del potenziale inquinamento appare invece in città, nel caso d incidenti che coinvolgano merci in colli contaminanti: lo spandimento di pitture (anche ad acqua), d inchiostri, di detersivi, di veleni o d aggressivi e corrosivi. E opportuno che queste merci siano opportunamente segnalate, anche se questo non avviene nel trasporto stradale. Esempi di prodotti pericolosi trasportati in laguna L elenco che segue non ha pretese di completezza, ma semplicemente di dare l idea della varietà di materiale che è classificato come pericoloso, e che è di comune trasporto in laguna. CLASSE 1 CLASSE 2 CLASSE 3 Esplosivi Gas compressi, liquefatti, liquefatti refrigerati Liquidi infiammabili Non circolano se non in rare occasioni con speciali precauzioni Anidride carbonica, azoto, propano, ammoniaca, bromuro di metile, freon Acetone, solventi, vernici, inchiostri, profumi, benzine, alcoli, toluene CLASSE 4.1 Solidi infiammabili Cotone, fibre vegetali, zolfo, fosforo CLASSE 4.2 CLASSE 4.3 CLASSE 5.1 Materie soggette ad accensione spontanea Materie che originano gas infiammabili a contatto con l acqua Materie comburenti Carbone, farine di pesce, celluloide Carburi, alluminio in polvere, sodio e potassio metallici Acqua ossigenata, detersivi, nitrati, permanganati CLASSE 5.2 Perossidi organici Alcuni farmaceutici, tintorie CLASSE 6.1 CLASSE 6.2 Materie tossiche Materie infettanti Cianuri, arsenicati, topicidi, disinfestanti, insetticidi, mercurio Residui di lavorazione di carni, pesce, pelli ed ossa, rifiuti ospedalieri e laboratori d analisi CLASSE 7 Materie radioattive Impiantistica antincendio, strumentazione ospedaliera. Dovrebbe già essere movimentata con apposito permesso. 20

20 CLASSE 8 Materie corrosive Acidi forti organici ed inorganici, batterie, acidi nitrico, solforico, cloridrico. CLASSE 9 Materie pericolose diverse Pile nuove ed esauste, detersivi E da notare che la struttura produttiva della città (piccoli operatori artigiani, piccoli negozi ed micro esercizi pubblici), se dal un lato richiedono una quantità complessivamente considerevole di materiali definibili pericolosi, in realtà hanno esigenze individuali piuttosto piccole. Questo fa sì che sia molto arduo il controllo sistematico di questi trasporti polverizzati, spesso in conto proprio, ma anche che i rischi connessi si siano rivelati storicamente limitati. Si consideri che per disposizione dei Vigili del Fuoco, non potrebbero essere immagazzinate nel centro storico 5 materie pericolose in quantità superiore ad un modesto quantitativo, ma che apparentemente non è così: sono frequenti piccoli (<500 kg) depositi illegali di pitture (marine ed edili), carburanti, lubrificanti, bombole di gas liquido, riforniti alla chetichella con piccole quantità. Dimensioni medie dei colli trasportati Su base soltanto qualitativa, si può ritenere che, usualmente, le merci pericolose siano trasportate in colli di dimensioni medie come segue CLASSE 1 Esplosivi Diversi CLASSE 2 Gas compressi, liquefatti, liquefatti refrigerati Bombole da kg Gruppi di bombole da kg 5 Che fra l altro è particolarmente vulnerabile agli incendi, costituito come è in gran parte da costruzioni parzialmente in legno stagionato. 21

21 CLASSE 3 Liquidi infiammabili Fustini da kg Cartoni di confezioni singole da 5-10 kg CLASSE 4.1 CLASSE 4.2 CLASSE 4.3 Solidi infiammabili Materie soggette ad accensione spontanea Materie che originano gas infiammabili a contatto con l acqua Scatole e sacchi da 5-15 kg (abiti e biancheria) Cartoni di confezioni singole da 5-10 kg Sacchi da 20 kg (raramente) Vasche e confezioni ermetiche CLASSE 5.1 Materie comburenti Bottiglie e scatole da 1-5 kg CLASSE 5.2 CLASSE 6.1 Perossidi organici Materie tossiche Bottiglie e scatole da 1-5 kg Fustini da 20 kg Fustini da kg Cartoni di confezioni singole da 5-10 kg CLASSE 6.2 Materie infettanti Sacchi e scatole CLASSE 7 Materie radioattive Scatole CLASSE 8 Materie corrosive Fustini da 5-25 kg CLASSE 9 Materie pericolose diverse Scatole da kg Le dimensioni e soprattutto i pesi sono in genere tenuti entro i limiti di maneggiabilità a mano. Un caso a parte sono le confezioni dei supermercati, che sono spesso pallets da kg ottenuti da svariate confezioni più piccole della stessa natura. Ad es. un pallet d insetticida, un pallet di vernici. In genere si tratta di merce non classificabile come pericolosa in base all ADR solo in quanto sottofranchigia. Potrebbe nascere il problema del potenziale inquinante. Proposta per la franchigia nella quantità trasportata Nell ADR e nell IMDG code sono previste franchigie sulla quantità minima trasportata, suddivise secondo la classe della merce: al di sotto di queste quantità la normativa non si applica (esenzione totale), o la si applica in modo 22

22 attenuato (esenzione parziale). Alcune classi ad alta pericolosità possono e devono non avere alcuna franchigia, ad es. esplosivi e radioattivi. Le franchigie in campo marittimo sono in genere troppo alte rispetto al trasporto medio lagunare secondo le classi si tratta di 500 o 1000 kg. Per l ADR, alcune franchigie ragionevoli in laguna non si applicano (ad es. per trasporto di bombole di gas compresso infiammabile a bordo di camion e furgoni è richiesta l idoneità del veicolo stradale senza franchigia, ma questo sarebbe vessatorio nel trasporto in conto proprio dell artigiano sul mototopo). Le franchigie lagunari potrebbero quindi essere riviste in modo più flessibile, con un eccezione generale: che valgano le franchigie stradali se il trasporto avviene all interno del veicolo stradale stesso trasferito su pontone (cioè per i rifornimenti dei supermercati),. Si può giustificare col fatto che un pontone grande abbastanza da trasportare un camion è anche sufficientemente sicuro verso le collisioni. L obiettivo è di trovare franchigie che non costringano alla scomposizione dei carichi stradali se non in casi d effettiva necessità (ad es. a non smontare un pallet di detersivi destinato al supermercato, ma a smontare un pallet di pitture inquinanti, o trasportarlo in modo regolamentato); che siano cautelative per la sicurezza e la compatibilità ambientale; che non introducano difficoltà inutili agli operatori; che siano facilmente valutabili per controllo (due bombole, tre fustini etc); Una possibile soluzione di compromesso è di applicare norme attenuate in taluni casi (ad es. imbarcazioni di dimensioni non inferiori a X m, franchigie superiori) Una proposta di franchigie peso / quantità, al di sotto della quale non si applicano norme particolari per il trasporto, e suddivisa per classe di prodotto, è riportata nella tabella che segue 23

23 CLASSE 1 Esplosivi Nessuna franchigia CLASSE 2 CLASSE 3 Gas compressi, liquefatti, liquefatti refrigerati Liquidi infiammabili Due bombole da kg ciascuna senza altre merci pericolose a bordo Quattro fustini da kg o cartoni di confezioni singole da 5-10 kg senza altre merci pericolose a bordo CLASSE 4.1 CLASSE 4.2 CLASSE 4.3 CLASSE 5.1 CLASSE 5.2 CLASSE 6.1 Solidi infiammabili Materie soggette ad accensione spontanea Materie che originano gas infiammabili a contatto con l acqua Materie comburenti Perossidi organici Materie tossiche Scatole e sacchi da 5-15 kg (abiti e biancheria) franchigia 2000 kg senza altre merci pericolose a bordo Un sacco o cartone da 20 kg senza altre merci pericolose a bordo Nessuna franchigia Quattro bottiglie e scatole da 1-5 kg senza altre merci pericolose a bordo Quattro bottiglie e scatole da 1-5 kg Due fustini da 20 kg Un fustino da kg Due cartoni di confezioni singole da 5-10 kg CLASSE 6.2 Materie infettanti Nessuna franchigia CLASSE 7 Materie radioattive Nessuna franchigia CLASSE 8 Materie corrosive Quattro fustini da 5-25 kg totale kg CLASSE 9 Materie pericolose diverse Quattro scatole da kg totale kg 24

24 PROPOSTA DI NORMATIVA PER IL TRASPORTO MERCI PERICOLOSE IN LAGUNA Alla luce di quanto detto in precedenza, i principi informatori di una normativa in materia di trasporto, per merci in colli, dovrebbero comprendere fra gli obiettivi PRIMA FASE Introduzione e sensibilizzazione degli operatori al problema tramite corsi d informazione e preparazione, di tipo semi.abilitante 6 ; Elaborazione di un regolamento di trasporto snello ed essenziale, che preveda però alcuni obblighi e controlli sufficientemente efficaci anche se inizalmente ridotti; Identificazione obbligatoria delle classi di merce trasportata oltre franchigia mediante segnaletica ADR IMO a bordo; Semplici procedure di pronto intervento in caso d incidente, tipo una lista di controllo e numeri di telefono per avvisare i soccorsi. SECONDA FASE Certificato d abilitazione professionale tipo ADR per condotta e maneggio, con corsi di maggior impegno ed esame ufficiale. Imbarcazioni con requisiti tecnici minimi adeguati (costruttivi, d impianto, di dotazioni) sulla base di direttive mirate (doppio scafo? Protezioni anticollisione? Sorveglianza GPS?) Normativa specifica per trasporti molto pericolosi (radioattivi, tossici, infettanti, gas e liquidi infiammabili in sufficiente quantità) 6 Che valga cioè come punteggio di credito per un abilitazione tipo ADR. 25

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA. 1. Significato del numero di identificazione del pericolo

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA. 1. Significato del numero di identificazione del pericolo CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA Il trasporto di materiali per strada o per ferrovia richiede, in caso di necessità (incidente o altro), di poter identificare

Dettagli

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 ing. Cesare Cosentino Coordinatore AIAS Calabria Consigliere Nazionale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI

Dettagli

Il trasporto di rifiuti speciali e la compatibilità con la norma ADR

Il trasporto di rifiuti speciali e la compatibilità con la norma ADR Il trasporto di rifiuti speciali e la compatibilità con la norma ADR Prefazione La presente pubblicazione è frutto di una sinergia tra vari enti pubblici ed operatori specializzati, che si sono confrontati

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Convegno LA SICUREZZA NEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Intervento Francesco Carpinteri Capo Ufficio Sicurezza della Navigazione Comando Generale del Corpo della

Dettagli

Anche api punta sul biodiesel

Anche api punta sul biodiesel Anche api punta sul biodiesel Proprio in considerazione dei vantaggi derivati all ambiente (e alla sicurezza) api sta puntando sul biodiesel, perseguendo la strada dello sviluppo sostenibile e la sua missione

Dettagli

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE Anno rif.: 2005 Pagina 1 di 8 NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE 1. QUADRO GENERALE....2 2. DEFINIZIONI....2 3. MODALITA DI NOMINA...2 4. INTEGRAZIONE

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia

L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia Francesco Franchi Presidente Assogasliquidi L Europa che cambia La Strategia Energetica Europea L Europa manifesta alcune preoccupazioni: La

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Regolamenti Linee guida europee Linee guida nazionali Documenti SANCO Linee guida regionali Vecchia normativa

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957 ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957 Rappresenta un metodo codificato di identificazione delle sostanze pericolose viaggianti su strada o

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

GIORGIO CHIMENTI A B C. dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI

GIORGIO CHIMENTI A B C. dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI GIORGIO CHIMENTI A B C dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. n. 81/2008 e del D.Lgs. n. 272/1999 1 A B C dell antincendio nei PORTI TURISTICI

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Tavola rotonda: «Esperienze e tecnologie per le bonifiche ambientali» Ing. Roberto Vespa Direttore Tecnico -

Dettagli

La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo. Confronti con ISM

La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo. Confronti con ISM La sicurezza attiva e passiva del lavoro a bordo Confronti con ISM Cap. Cosimo Sforza D.P.A. & C.S.O. Motia Compagnia di Navigazione SPA Cos è la Sicurezza La scienza della sicurezza è la disciplina che

Dettagli

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente Le barriere da rimuovere per rispondere alle aspettative della UE e del settore industriale per il NG (CNG, GNL e Biogas) nel breve e medio periodo Autopromotec - 22 maggio 2015 Mariarosa Baroni NGV Italy

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

REPORT METODOLOGICO SULL IMPRONTA OCCUPAZIONALE DEL PORTO DI VENEZIA E PRIMI RISULTATI QUANTITATIVI

REPORT METODOLOGICO SULL IMPRONTA OCCUPAZIONALE DEL PORTO DI VENEZIA E PRIMI RISULTATI QUANTITATIVI REPORT METODOLOGICO SULL IMPRONTA OCCUPAZIONALE DEL PORTO DI VENEZIA E PRIMI RISULTATI QUANTITATIVI NOVEMBRE 2012 A seguito della prima fase di censimento delle imprese e degli occupati del Porto di Venezia

Dettagli

la natura ringrazia con il GPL

la natura ringrazia con il GPL con il GPL la natura ringrazia Il è un combustibile a basso impatto ambientale con elevato potere energetico e calorifico. Tramite lo stoccaggio in bombola, oltre ai classici utilizzi per cucina e riscaldamento,

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Valutazione dei rischi

Valutazione dei rischi Oil&nonoil-S&TC Roma Ottobre 2013 Sicurezza ed ambiente nei punti vendita di GPL e GNC uso autotrazione Valutazione dei rischi Pag. 1 Ottobre 2013 ICARO Srl e PEGASO PEGASO Srl formano un sistema coordinato

Dettagli

SIPAR S.r.l. Ferentino (FR)

SIPAR S.r.l. Ferentino (FR) SIPAR S.r.l. Ferentino (FR) Corso di aggiornamento per RSPP-modulo B ATTREZZATURE DI LAVORO ( Ing.. Ugo Romano) DEFINIZIONI Attrezzatura di lavoro: - qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto,

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni:

Di seguito rassiumiamo le principale regolamentazioni: La normati di riferimento in materia del COMMERCIO ITINERANTE (commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche) è l' ORDINANZA 3 aprile 2002 "Requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Scheda di sicurezza. secondo la Direttiva (EU) No 1907/2006 FINOCERA. Data di stampa : 04.02.200 30995 / 30995P / 30995T

Scheda di sicurezza. secondo la Direttiva (EU) No 1907/2006 FINOCERA. Data di stampa : 04.02.200 30995 / 30995P / 30995T Pagina 1 di 5 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/dell'impresa Identificazione della sostanza o preparato Articolo numero Identificazione della società/impresa 30995 / 30995P /

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento CE 852/2004 Regolamento CE 853/2004 Linee guida sancite dall accordo Stato-Regioni rep. n. 2470 e 2477

Dettagli

PREVENZIONE, PROTEZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE

PREVENZIONE, PROTEZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE INCENDI PREVENZIONE, PROTEZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE informazioni per la tutela della sicurezza dei lavoratori e dei cittadini conforme al D.Lgs. 81/2008 Aggiornamento DPR 151/2011 nell ambito della

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

www.siam it net info@studio81 adr.it Dr.Stefano Manassero - - - - Formazione Verifica messa - - - - Consulente REACH/CLP Rev.

www.siam it net info@studio81 adr.it Dr.Stefano Manassero - - - - Formazione Verifica messa - - - - Consulente REACH/CLP Rev. NOVITA ADR 013 1 PARTE 1. DISPOSIZIONI GENERALI, DEFINIZIO ONI E FORMAZIONE 1.1. 5 : Quando è richiesta l applicazione di una norma e vi è un qualsiasi tipo di conflitto tra questa norma e le disposizioni

Dettagli

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius 1 Il Codex ha accettato il sistema HACCP come il migliore strumento per garantire la sicurezza

Dettagli

SCELTA DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CLASSE III CAT a.s. 2014-2015 L1 1 CONCETTO DI QUALITA Un edificio è di qualità se risponde agli scopi per i quali è stato costruito. Passato: Presente: Il riferimento

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo.

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo. L Unione Albergatori incontra l azienda sanitaria Migliora la sicurezza alimentare nelle aziende Nel mese di marzo 2006 l Unione Albergatori ha partecipato ad un importante incontro con il dott Carraro

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

IMPIANTI TECNOLOGICI EFFICIENZA ENERGETICA RINNOVABILI ELETTRICHE RINNOVABILI TERMICHE SOLUZIONI TECNOLOGICHE EFFICIENTI E INNOVATIVE

IMPIANTI TECNOLOGICI EFFICIENZA ENERGETICA RINNOVABILI ELETTRICHE RINNOVABILI TERMICHE SOLUZIONI TECNOLOGICHE EFFICIENTI E INNOVATIVE IMPIANTI TECNOLOGICI EFFICIENZA ENERGETICA RINNOVABILI ELETTRICHE RINNOVABILI TERMICHE SOLUZIONI TECNOLOGICHE EFFICIENTI E INNOVATIVE IRCI Spa, fondata nel 1976, offre consulenza energetica mirata alle

Dettagli

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Introduzione La lotta a organismi infestanti quali roditori o insetti, viene spesso eseguita

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO RELATIVO ALL APPALTO SPECIFICO INDETTO DALLA REGIONE LAZIO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI FARMACEUTICI (GARA FARMACI 2014)

CAPITOLATO TECNICO RELATIVO ALL APPALTO SPECIFICO INDETTO DALLA REGIONE LAZIO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI FARMACEUTICI (GARA FARMACI 2014) CAPITOLATO TECNICO RELATIVO ALL APPALTO SPECIFICO INDETTO DALLA REGIONE LAZIO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI FARMACEUTICI (GARA FARMACI 2014) 1. PREMESSA Il presente capitolato disciplina: - la fornitura

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..)

Luogo di nascita: Comune.. Provincia (..) Stato... Residenza: Via/Piazza N... C.A.P. Comune Provincia (..) ALLEGATO 1 Spazio per apporre il timbro di protocollo Data Prot. Al Dipartimento di Prevenzione ASL 1 Imperiese I - Oggetto: Notifica di inizio attività ai fini della registrazione (art. 6 Reg. CE 852/2004)

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . UNGHERIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN UNGHERIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti normative della tutela ungherese dei consumatori sono le seguenti: Legge del 1997 sulla tutela

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del Comune di OSTRA NOTIFICA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02 LINEE GUIDA GESTIONE e ANALISI DELLE CARTUCCE TONER ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata

Dettagli

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura

Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Eva Pietrantonio Fulvio D Orsi Sostanze chimiche pericolose: classificazione ed etichettatura Come cambia la regolamentazione delle sostanze pericolose dalla direttiva 67/548/CEE al Regolamento 1907/2006

Dettagli

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI Colle Giardino Valutazione complessiva: Sufficiente Posizione: Italia, nei pressi di Rieti SS 4 tra Roma e Ascoli Anno di apertura: 2003 Lunghezza:

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 dicembre 2004 Oggetto: IVA. Territorialità delle cessioni di gas e di energia elettrica. Direttiva 2003/92/CE del Consiglio del 7 ottobre

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Allegato 2 Al Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

La sicurezza nel futuro del trasporto su strada di carburanti

La sicurezza nel futuro del trasporto su strada di carburanti ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 La sicurezza nel futuro del trasporto su strada di carburanti Danilo Delledonne Danilo Delledonne Sbg 10 maggio 2010 Focus L attività del trasporto su strada di prodotti

Dettagli

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az.

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. USL 3 Pistoia ABSTRACT Ci sono novità per i prodotti fitosanitari, a decorrere

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Regolamento CPL UTILIZZATORI PROFESSIONALI RIVENDITORI

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Regolamento CPL UTILIZZATORI PROFESSIONALI RIVENDITORI Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Regolamento CPL UTILIZZATORI PROFESSIONALI RIVENDITORI Cos è il regolamento CLP e perché è stato definito? Sistema mondiale armonizzato di classificazione

Dettagli

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F.

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. SCALE PORTATILI Riferimenti normativi: Il D. Lgs. 626/94

Dettagli

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010 SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010 Comando Provinciale Vigili del Fuoco di PARMA Dott.ing. Francesco Martino 1 LEGISLAZIONE ANTINCENDIO IN MATERIA DI SICUREZZA NELL USO DEI

Dettagli

Caratteristiche di una CasaClima

Caratteristiche di una CasaClima Caratteristiche di una CasaClima Il termine CasaClima non identifica uno stile architettonico o un sistema costruttivo ma uno standard energetico. Una CasaClima è innanzitutto un edificio in grado di assicurare

Dettagli

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a )

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a ) Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE Audizione del presidente

Dettagli

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 Settore: Sicurezza e Salute sul Lavoro / Ambiente Normativa di Settore collegata: ADR 2015 D.Lgs. 35/2010 e smi D.Lgs. 40/2000 e smi Destinatari: Servizio HSE - Consulenti Revisione

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

Inceneritori. Tale rifiuto può seguire solo le seguenti strade:

Inceneritori. Tale rifiuto può seguire solo le seguenti strade: Inceneritori L inceneritore è un sistema per lo smaltimento dei rifiuti solidi, ad oggi è già presente in alcune aree urbane un esempio è l inceneritore di Vienna il cui design è stato elaborato dall architetto

Dettagli

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione per i quadri elettrici di bassa tensione Pubblicato il: 28/02/2005 Aggiornato al: 28/02/2005 di Gianfranco Ceresini Sta per terminare la stagione dei quadri AS e ANS che ha caratterizzato l'ultimo decennio.

Dettagli

AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ COMPETENZA. ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI

AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ COMPETENZA. ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI COMPETENZA AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI SERVIZI AMBIENTALI 20 1993-2013 Soluzioni Ambientali Integrate ECOTRASPORTI, nata nel

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

Competenze e conoscenze come SGQ in ambito di vigilanza ex Reg.to UE 333/11 e D.Lgs 100/11. M.C. Romano, M. Ranieri

Competenze e conoscenze come SGQ in ambito di vigilanza ex Reg.to UE 333/11 e D.Lgs 100/11. M.C. Romano, M. Ranieri Competenze e conoscenze come SGQ in ambito di vigilanza ex Reg.to UE 333/11 e D.Lgs 100/11 M.C. Romano, M. Ranieri Le giornate di Corvara 18 Convegno di Igiene Industriale Corvara (Bz)) 28-30 marzo 2012

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA LA GESTIONE DELLE RETI ABBANDONATE E DEI RIFIUTI DELLA PESCA A CHIOGGIA

COMUNE DI CHIOGGIA LA GESTIONE DELLE RETI ABBANDONATE E DEI RIFIUTI DELLA PESCA A CHIOGGIA COMUNE DI CHIOGGIA LA GESTIONE DELLE RETI ABBANDONATE E DEI RIFIUTI DELLA PESCA A CHIOGGIA Presentazione a cura Stefania Galera di Veritas S.p.A. 11/12/2015 CHIOGGIA BANCHINA DI PUNTA POLI 02/2014 2 NORMATIVA

Dettagli

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali

Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Informazioni sulla FSMA (Legge per la modernizzazione della sicurezza alimentare) Programmi di verifica dei fornitori stranieri per gli importatori di alimenti per l uomo e gli animali Riepilogo/sommario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni.

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. Sommario 1. Cos è un gas: definizione, proprietà. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. 3. Schede di sicurezza: prodotto, composizione, identificazione pericoli, etc. 4. Pressurizzazione

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

Al Comune di GROTTAMMARE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 2232 DEL 28-12-2009) Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Al Comune di GROTTAMMARE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R. N. 2232 DEL 28-12-2009) Luogo di nascita: Comune Provincia Stato 1 (modello x manifestazioni temporanee) Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n 12 dell ASUR Al Comune di GROTTAMMARE di SAN BENEDETTO DEL TRONTO NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

Gli impianti assoggettati alle verifiche periodiche nella provincia di Modena sono così distribuiti: (fonte di rilevazione: anno 2011

Gli impianti assoggettati alle verifiche periodiche nella provincia di Modena sono così distribuiti: (fonte di rilevazione: anno 2011 Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Impiantistico Antinfortunistico 1) ATTIVITA DI VERIFICHE PERIODICHE CONTESTO Il Servizio Impiantistico Antinfortunistico UOIA - effettua principalmente verifiche

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

MOTOCISTERNA COSMO: IL TRASPORTO DI PRODOTTI PETROLIFERI VIA MARE SICURO E AFFIDABILE

MOTOCISTERNA COSMO: IL TRASPORTO DI PRODOTTI PETROLIFERI VIA MARE SICURO E AFFIDABILE MOTOCISTERNA COSMO: IL TRASPORTO DI PRODOTTI PETROLIFERI VIA MARE SICURO E AFFIDABILE anonima petroli italiana SICUREZZA DEL MARE: ELEMENTO DELLA COMPATIBILITÀ TERRITORIALE IL GRUPPO API E L AMBIENTE:

Dettagli

RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI

RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza RESPONSABILITA TECNICHE E AGGIORNAMENTO DEI PROFESSIONISTI DELLA PREVENZIONE INCENDI dott. ing. Marco Di Felice Ordine Ingegneri della Provincia di Vicenza

Dettagli

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI

PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI PROSPETTIVE DELLE TECNOLOGIE ENERGETICHE MONDIALI 2050 (WETO-H2) MESSAGGI FONDAMENTALI Lo studio WETO-H2 ha elaborato una proiezione di riferimento del sistema energetico mondiale e due scenari di variazione,

Dettagli