Approfondimenti per una più efficace regolamentazione dei trasporti lagunari di merci pericolose, generi alimentari refrigerati e sui mezzi meccanici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approfondimenti per una più efficace regolamentazione dei trasporti lagunari di merci pericolose, generi alimentari refrigerati e sui mezzi meccanici"

Transcript

1 Approfondimenti per una più efficace regolamentazione dei trasporti lagunari di merci pericolose, generi alimentari refrigerati e sui mezzi meccanici di sollevamento

2 INDICE INTRODUZIONE & SINTESI DELLE CONCLUSIONI 6 I TRASPORTI ACQUEI DI MERCI PERICOLOSE CON IMBARCAZIONI LAGUNARI 11 LE MERCI PERICOLOSE 12 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI PERICOLOSE 13 NORMATIVA DI RIFERIMENTO ESISTENTE IN CAMPO STRADALE E MARITTIMO 15 Le norme internazionali...15 IL TRASPORTO LAGUNARE 16 Merci sfuse e merci in colli...16 I vettori impiegati...17 Gradualità applicativa e priorità in una proposta di regolamentazione 17 Il problema del potenziale inquinamento...19 Esempi di prodotti pericolosi trasportati in laguna...20 Dimensioni medie dei colli trasportati...21 Proposta per la franchigia nella quantità trasportata...22 PROPOSTA DI NORMATIVA PER IL TRASPORTO MERCI PERICOLOSE IN LAGUNA 25 CONCLUSIONI 27 I MEZZI DI TRASPORTO PER MERCI REFRIGERATE 28 2

3 IN AMBITO LAGUNAREIL TRAFFICO DI MERCI REFRIGERATE IN LAGUNA 28 IL TRAFFICO DI MERCI REFRIGERATE IN LAGUNA 29 Natura del traffico refrigerato...30 Il principale problema del trasporto refrigerato lagunare...35 I MEZZI DI TRASPORTO REFRIGERATO D ALIMENTARI. ATTUALE REGIME NORMATIVO IN LAGUNA. 38 Possibili interventi migliorativi Il caso del pesce...40 CONCLUSIONI...51 PROPOSTA DI LINEE GUIDA E PROCEDURE PER IL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE IN COLLI NELL AMBITO LAGUNARE. 52 Ambito d applicazione delle norme...52 Definizione...52 Classificazione delle merci pericolose...52 Responsabile delle operazioni relative a merci pericolose...53 Conduttore del trasporto in ambito lagunare...54 Ad ogni operazione di trasporto e movimentazione di merci pericolose deve essere costantemente presente almeno una persona munita di specifica istruzione, addestrata ad affrontare le evenienze del trasporto ed a sorvegliare l applicazione delle prescrizioni operative e di sicurezza. Il conduttore risponde al responsabile del trasporto. Se l intestatario della licenza di trasporto è il conduttore stesso, deve essere qualificato come responsabile del trasporto Etichette e contrassegni...54 Dotazioni di sicurezza

4 Comunicazioni con responsabile del trasporto e con incaricati del soccorso...54 Procedure di pronto intervento...55 Corsi di informazione per conduttori e responsabili del trasporto...55 I MEZZI DI SOLLEVAMENTO E DA LAVORO 59 MONTATI SU IMBARCAZIONI LAGUNARIL IMPIEGO DEI MACCHINARI DI SOLLEVAMENTO E LAVORO 59 L IMPIEGO DEI MACCHINARI DI SOLLEVAMENTO E LAVORO 60 INQUADRAMENTO NORMATIVO DEI MACCHINARI MONTATI A BORDO DI UNITÀ LAGUNARI 62 Quanti sono i mezzi di questo genere?...64 ATTUALE REGIME DI CONTROLLO DELLE INSTALLAZIONI ED USO DEI MACCHINARI DA LAVORO A BORDO DELLE IMBARCAZIONI LAGUNARI 66 Necessità dei controlli...66 MODALITÀ DI CONTROLLO 67 NORMATIVA SPECIFICA PER I MACCHINARI DI SOLLEVAMENTO MONTATI A BORDO. 70 Un tentativo di chiarimento della situazione attuale: il Registro di Classifica e la certificazione di classe dell unità...70 Imbarcazioni da lavoro iscritte in Capitaneria di Porto (Registro della navi maggiori e minori non limitate alla laguna veneta), munite di certificato di classe. Regime attuale di sorveglianza degli apparati di sollevamento

5 Imbarcazioni da lavoro iscritte in Capitaneria di Porto (Registro della navi minori in navigazione marittima, limitata alla laguna veneta). Regime attuale di sorveglianza degli apparati di sollevamento...76 Controlli intrinseci e di piattaforma...77 Imbarcazioni da lavoro iscritte alla Motorizzazione Civile ed all Ispettorato di porto. Regime attuale di sorveglianza degli apparati di sollevamento...80 Collaudi delle macchine...81 Collaudi di piattaforma...82 Normativa e controlli in vigore sugli impianti di sollevamento terrestri...84 RISCHI SPECIFICI DEGLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO MONTATI SU GALLEGGIANTI. PERCHE LE NORME DEVONO ESSERE DIVERSE? 87 Motivi delle differenze...88 Criterio RINA di dimensionamento strutturale...90 Aspetti meccanici...90 Stabilità statica e dinamica di una piattaforma galleggiante durante il sollevamento di un carico...91 Cenni sulla stabilità dei galleggianti...92 Fattori di stabilità...92 Carichi pendolari...92 Slittamento dei carichi liquidi...93 Riepilogo sulle condizioni di stabilità di piattaforma dei galleggianti...94 PROPOSTA DI REGOLAMENTAZIONE PER IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO ED OPERATRICI IN LAGUNA 96 Gradualità nell applicazione...97 Accettabilità delle caratteristiche nominali...98 Verifiche e collaudi in esercizio

6 Criteri di sufficiente stabilità di piattaforma APPENDICI Appendice A Contrassegni standardizzati per il trasporto di merci pericolose Appendice B Esempio di scheda prodotto per il trasporto Appendice C Normativa HACCP per merci alimentari refrigerate Appendice D Normativa sanitaria per trasporto di merci alimentari refrigerate Appendice E Direttiva 98/37/CE ( Direttiva macchine ) Appendice F Direttiva 95/16/CE ( Marchio CE ) Appendice G Circolare UE C271/E/509 ( Requisiti tecnici per mezzi di sollevamento ) Appendice H US Department of Labor ( Requisiti tecnici di collaudo e sorveglianza per mezzi di sollevamento ) INTRODUZIONE & SINTESI DELLE CONCLUSIONI Il quadro della normativa di trasporto acqueo in laguna è confuso e di competenze frammentate fra diversi Enti. L evoluzione tumultuosa del trasporto in laguna negli ultimi trenta quarant anni, in questa cornice di generale indeterminatezza ed assenza di controlli, ha originato soluzioni tecniche e modi d operazione orientati ad ottenere il massimo profitto con il minimo investi- 6

7 mento. La ricerca dei minimi costi ha sacrificato spesso la tutela antinfortunistica ed ambientale che nello stesso periodo le norme più recenti mettevano come finalità emergente nelle attività equivalenti in terraferma. Questa condizione di deregulation di fatto ha prodotto maggiori costi per la collettività, tanto meno condivisibili non solo per il divario che si è aperto fra la situazione normativa della terraferma e quella lagunare, quanto e soprattutto perché avvenuta in uno scenario socio economico relativamente opulento, in grado di sostenere autonomamente tali maggiori costi, e per di più in un contesto ambientale ed architettonico unico e delicato. Un intervento di riordino della normativa in termini più attuali e coerenti appare quindi indispensabile. Su richiesta della Provincia di Venezia, Settore Mobilità e Trasporti, si è quindi cercato di dare al legislatore un quadro informativo sufficientemente completo della situazione dei trasporti lagunari di merci pericolose, di generi alimentari refrigerati e sui mezzi di sollevamento e macchine operatrici montate a bordo, aggiornata a fine Sono emersi alcuni punti su cui è stato concentrato l interesse, e che dovrebbero essere oggetto di particolare valutazione: 7

8 E di fondamentale importanza raggiungere la conoscenza anagrafica delle imbarcazioni tramite un unico archivio di immatricolazione aggiornato, premessa essenziale per l efficacia di ogni controllo e valutazione d intervento. Riguardo le merci pericolose, per le quali manca ogni regola di trasporto sia per le merci alla rinfusa che in colli, è opportuno affrontare gradualmente il problema, nel caso delle merci in colli. Per le merci alla rinfusa è consigliabile ipotizzare, in tempi brevi, un intervento normativo che deve essere ben tecnicamente mirato, ma ancora più indispensabile che nel caso del trasporto minuto, a causa del pericolo potenziale anche in termini di immagine per la città. Un efficace controllo delle attività di trasporto cittadino di merci pericolose ed inquinanti non può prescindere, a maggior ragione, dalla rigorosa applicazione anche al trasporto in conto proprio. Va ovviato alla mancanza di un organizzazione anche embrionale di pronto intervento ambientale, attrezzata per interventi in ambito cittadino in caso di incidenti. Nel trasporto di generi alimentari refrigerati, le maggiori carenze si riscontrano nelle carenze igieniche delle strutture di interscambio a terra, mentre il segmento acqueo non presenta differenze normative ed applicative rispetto a quanto abituale in terraferma. I mezzi di sollevamento ed le macchine operatrici devono essere controllate in modo più efficace e sistematico, anche ricorrendo a controlli in delega da parte di officine autorizzate. E auspicabile che vengano introdotti collaudi pratici tanto del macchinario che della stabilità della piattaforma, ora assenti. 8

9 Introdurre un nuovo criterio di accettazione delle macchine operatrici a bordo, basato su prove pratiche e responsabilizzazione del fabbricante è un modo più efficace di controllare la varietà delle installazioni esistenti. 9

10 I TRASPORTI ACQUEI DI MERCI PERICOLOSE CON IMBARCAZIONI LAGUNARI 11

11 LE MERCI PERICOLOSE Le merci pericolose sono prodotti che per loro natura o composizione per il modo del loro trasporto per incompatibilità con altri prodotti eventualmente trasportati possono creare problemi di pericolo o in ogni modo di sicurezza per l ambiente, per il personale che transita vicino, li maneggia e li trasporta. Il trasporto, lo stoccaggio ed il maneggio di merci pericolose è oggetto d attenzione e di normativa internazionale particolare 1 sia nel trasporto in terraferma che marittimo ed aereo, e di norme nazionali o regionali per il deposito e lo stoccaggio, dati gli ovvi aspetti di salute ed incolumità pubblica. I trasporti marittimi di merci pericolose aggiungono l elemento negativo dell eventuale impatto ambientale e della prevenzione dell inquinamento a quelli della sicurezza in senso stretto: essi sono vincolati rigidamente a leggi soprannazionali, emanate dalle Nazioni Unite tramite agenzie intergovernative, e ratificate sostanzialmente da tutte le nazioni mondiali. 2 In laguna, i trasporti acquei di merci pericolose non sono al momento regolamentati sistematicamente. Sono parzialmente regolamentati i trasporti di rifiuti tossici o pericolosi, alcuni trasporti d idrocarburi alla rinfusa (in analogia con i trasporti marittimi) e le modo di stoccaggio se eseguite a terra in ambito portuale. 1 A.D.R, Autotransports dangereux routiers. Londra. 2 I.M.O. International Maritime Organisation, agenzia delle NAzioni Unite con sede a 12

12 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI PERICOLOSE In sede internazionale, la classificazione delle merci pericolose è stata stabilita in nove classi, alcune delle quali ulteriormente suddivise in sottoclassi. Questa classificazione, di tipo numerico e contraddistinta da simboli e colori univoci, è comune ai trasporti stradali, marittimi ed aerei. Le classi delle merci pericolose sono CLASSE 1 CLASSE 2 CLASSE 3 Esplosivi Gas compressi, liquefatti, liquefatti refrigerati Liquidi infiammabili CLASSE 4.1 CLASSE 4.2 CLASSE 4.3 CLASSE 5.1 CLASSE 5.2 CLASSE 6.1 CLASSE 6.2 Solidi infiammabili Materie soggette ad accensione spontanea Materie che originano gas infiammabili a contatto con l acqua Materie comburenti Perossidi organici Materie tossiche Materie infettanti CLASSE 7 CLASSE 8 CLASSE 9 Materie radioattive Materie corrosive Materie pericolose diverse Non tutte le merci sono pericolose in ugual misura: il grado di pericolosità è stabilito sulla base delle caratteristiche di 13

13 infiammabilità tossicità instabilità corrosività ed in ultimo, ma solo nel trasporto marittimo, anche del potenziale inquinante Ogni specifico prodotto classificato come pericoloso è stato etichettato in sede UN con un numero (UN Number) che ne distingue la natura, nonostante le differenti denominazioni possibile nelle svariate lingue, le composizioni alternative, le denominazioni commerciali etc. Ad esempio, il polish per metalli ha UN 1142, classe 3.3 liquido infiammabile con punto d accensione superiore a 23 C. Il numero UN identifica quindi in modo univoco la natura delle materie attive trasportate. Il numero di Kemmler identifica invece il grado di pericolosità dello specifico prodotto, associando un punteggio a ciascun tipo di merce. In questo modo il polish per metalli deve avere un Kemmler diverso da un composto arsenicato concentrato, in quando meno pericoloso. La normativa ed i regolamenti internazionali sono sempre redatti sulla base dei tre parametri precedenti - classe, UN number e Kemmler ed in particolare dalla terna di numeri dipendono Le quantità ammesse, il tipo d imballo, il tipo di vettore utilizzabile Gli impianti di bordo, dotazioni, procedure normali e d emergenza, abilitazioni al maneggio, allo stoccaggio, al trasporto. Le compatibilità e segregazioni fra diversi prodotti Le tipologie e norma d intervento in caso d incidente 14

14 NORMATIVA DI RIFERIMENTO ESISTENTE IN CAMPO STRADALE E MA- RITTIMO Le norme internazionali Poiché non esiste una normativa esaustiva e sistematica per i trasporti di merci pericolose su acque lagunari, è necessario riferirsi a quanto è prassi consolidata in campo terrestre ed in campo marittimo. Sulla base dei principi generali enunciati in questi due settori, con gli opportuni adeguamenti, sarà possibile tracciare un possibile percorso normativo che in ogni caso, in queste pagine, è solamente accennato data la complessità della materia e dei possibilisviluppi applicativi. Tutte le norme ed i regolamenti esistenti in terra, in mare ed in aria, con differenti priorità, gradi di severità e di dettaglio, stabiliscono in che modo conservare, maneggiare, e trasportare le merci pericolose. Il riferimento è sempre la terna classe, UN number e Kemmler. Quello che cambia di caso d ambiente in ambiente è la severità d applicazione, massima nei trasporti aerei, più ridotta ma elevata nei trasporti marittimi, anche a causa delle quantità coinvolte, meno ancora nei trasporti stradali e ferroviari. L ADR è il regolamento internazionale di riferimento per i trasporti stradali di merci pericolose. L ADN è il regolamento di riferimento per i trasporti fluviali di merci pericolose. L IMDG Code è la norma di riferimento per i trasporti marittimi. Esiste una forma di riconoscimento mutuo delle modo di trasporto ammesse, ad es. un veicolo in norma secondo ADR è ammesso al trasporto ferroviario su vagone, od al trasporto marittimo in nave, il maggior e- ventuale onere d impianto essendo a carico del vettore. 15

15 IL TRASPORTO LAGUNARE Merci sfuse e merci in colli Il materiale pericoloso in laguna, escludendo i rifiuti, è sempre originato dalla terraferma, cioè proviene sistematicamente da Vettori stradali o ferroviari, soggetti quindi per loro conto a normativa specifica Depositi costieri od accessibili per via d acqua posti in terraferma Non essendo presenti industrie primarie o di trasformazione di materie prime nel comprensorio insulare, il trasporto di materiale pericoloso alla rinfusa è esclusivamente limitato ai combustibili liquidi petroliferi; una quota rilevante di esso è destinato al rifornimento delle navi in porto, in misura minore al rifornimento dei punti di vendita dei carburanti in ambito locale, dei serbatoi privati d alcune imprese e grandi utenti (ad es. al punto di rifornimento POL della Marina Militare, all analogo punto della stazione navale della Guardia di Finanza etc). I trasporti di massa avvengono con imbarcazioni dedicate (cisternette, chiatte etc). La modalità di trasporto più comune per le merci pericolose è invece l imballaggio in colli, fusti o simili contenitori, caricati a mano o con gru su imbarcazioni ordinarie. Ci limiteremo per queste ragioni ad esaminare quest ultimo aspetto, rimandando nel caso ad altra sede i problemi normativi che pongono i trasporti alla rinfusa, e che pure dovrebbero essere affrontati in modo sistematico. 3 3 Anche per i trasporti alla rinfusa mancano indicazioni tecniche ed operative di riferimento, percorsi ed orari preferenziali, requisiti minimi dei battelli etc, fatto questo di rilevante gravità a causa del grande potenziale di danno che può generarsi in caso di un singolo incidente. 16

16 I vettori impiegati Per il trasporto alla rinfusa, sono utilizzate bettoline autopropulse, di dimensioni comprese fra 15 metri di lunghezza e 35 metri, portate fra 5 e 800 t. La maggior parte dei trasporti è di prodotti petroliferi leggeri e pesanti (gasolio, kerosene, olio lubrificante, nafta media e pesante). Le imbarcazioni sono in genere molto vecchie (età media superiore a 30 anni) e di manutenzione opinabile. Sono poi in servizio quattro bettoline benziniere, da tonnellate di portata, una delle quali di recente costruzione. Trasporti alla rinfusa occasionali sono anche realizzati con pontoni a traino od a spinta, caricati con autocarri. Questo avviene particolarmente con carico di materiale edile potenzialmente inquinante, come le malte di rivestimento. Il rifornimento di alcuni punti di vendita di carburanti al Lido, Malamocco e Pellestrina avviene poi con autocisterne caricate sui traghetti ACTV, in corse speciali prive di passeggeri. La prassi non è regolarissima sotto il profilo normativo, ma ammessa e tecnicamente sicura: potrebbero sorgere problemi (per es. di tipo assicurativo), anzi, se in futuro un concessionario differente dovesse occuparsi di questo servizio pubblico secondario ma essenziale. Le merci in colli sono caricate senza nessuna differenza dalle merci non pericolose, a bordo di normali topi da trasporto, ma anche topette, patanelle, barchini e pontoncini. Il rischio maggiore appare essere quindi, più che l incendio o l esplosione, la possibilità di spandimento o caduta in acqua in caso di collisione, specialmente su imbarcazioni piccole e poco stabili. I rifiuti normali e speciali sono trasportati con barche dedicate, che meriterrebbero maggiore attenzione normativa. Gradualità applicativa e priorità in una proposta di regolamentazione Non è auspicabile che siano elaborati ed applicati in laguna criteri troppo restrittivi ed immediati per i trasporti pericolosi, senza considerare che 17

17 I trasporti di merci pericolose esistono, ma sono una frazione non prevalente rispetto a tutti gli altri trasporti in laguna; Il tasso di incidentalità è basso rispetto ad altri aspetti del trasporto (ad es. antinfortunistici) che richiedono più immediata attenzione; Il livello d attenzione necessario ad un corretto trasporto di merci pericolose, legittimo ed auspicabile, è fuori della preparazione professionale e dalla logica operativa attuale di molti operatori minori, anche se è invece già presente presso i più qualificati. Occorre valutare le priorità effettive nella tutela pubblica che si cerca di ottenere. Un ulteriore problema di carattere normativo e fiscale viene dalla presenza di una quota rilevante di trasporti in conto proprio oppure eseguita in nero ; non essendo alcuna forma di pubblicità né voluta né cercata dagli operatori, per forza di cosa, ben difficilmente si può cercare di pretendere l applicazione di norme vincolanti che evidenziano la natura del trasporto. E il caso d alcune piccole imprese artigiane (tipografie, ad es., ma anche vetrerie, imprese edili, decoratori, alberghi etc) che si approvvigionano in terraferma al dettaglio di materie pericolose in libera vendita, come bombole di propano, fusti di solventi, inchiostri, latte di pittura alla nitrocellulosa, tinture, pigmenti, resine, detersivi, insetticidi e disinfettanti etc. Questo perché limitate quantità non permettono il trasporto economico a cura del fornitore fino a destino, oppure allo scopo di evitare evidenze fiscali dei lavori eseguiti, ed ancora per l assenza d adeguati spazi d immagazzinamento, oppure per evitare la pubblica evidenza d immagazzinamenti proibiti in centro storico, questa merce viaggia anonimamente e con grande difficoltà si può pensare di intercettarla senza una ben di- 18

18 versa e ben più efficace regolamentazione del trasporto in conto proprio. 4 Si consideri che adesso non è neppure obbligatorio avere un estintore in barca. Il problema del potenziale inquinamento Un aspetto tipico del trasporto lagunare è la congestione degli spazi, e la grande vulnerabilità dell ambiente all inquinamento in caso d incidente, non solo per la contaminazione dell acqua, quanto piuttosto per l aggressione chimico fisica,e quindi ai danni, che molti prodotti possono generare sui materiali lapidei. Si pensi ad estese macchie di pittura od inchiostro su muri e rive, corrosioni delle malte, ma anche agli effetti di spandimento d oli minerali, agli effetti d esplosioni ed incendi a bordo in rii ristretti e così via. L inquinamento o meglio la contaminazione ambientale non è un problema sentito in modo particolare su strada, per via delle quantità relativamente limitate trasportate, ma anche per via degli spazi aperti. Non per nulla anche su strada l inquinamento può diventare un problema in caso d incidente in spazi limitati (centri urbani, gallerie, vicinanza di scoli o falde etc), però non è oggetto di particolare attenzione al di fuori di questi casi. In campo marittimo, dove il problema è ben presente, il materiale inquinante è contrassegnato con un simbolo (pesce nero in campo bianco, con croce nera sovrapposta), e valgono alcune norme aggiuntive. In laguna fuori città, i trasporti pericolosi potrebbero generare seri danni per l ecosistema solo nel caso di merci alla rinfusa : in caso contrario, ed anche nel caso più pericoloso (d incidente durante il trasporto di composti velenosi alle vetrerie), le quantità sono comunque limitate, e gli effetti scarsi. Il problema 4 E una situazione equivalente al sistematico trasporto su strada con la propria autovettura, ad esempio di fustini di benzina, di bombole di gas liquido etc. Non a caso sono trasporti vietati. La differenza sta nella quantità, che su un auto sono limitate a kg, su una barca possono essere alcune tonnellate. 19

19 vero del potenziale inquinamento appare invece in città, nel caso d incidenti che coinvolgano merci in colli contaminanti: lo spandimento di pitture (anche ad acqua), d inchiostri, di detersivi, di veleni o d aggressivi e corrosivi. E opportuno che queste merci siano opportunamente segnalate, anche se questo non avviene nel trasporto stradale. Esempi di prodotti pericolosi trasportati in laguna L elenco che segue non ha pretese di completezza, ma semplicemente di dare l idea della varietà di materiale che è classificato come pericoloso, e che è di comune trasporto in laguna. CLASSE 1 CLASSE 2 CLASSE 3 Esplosivi Gas compressi, liquefatti, liquefatti refrigerati Liquidi infiammabili Non circolano se non in rare occasioni con speciali precauzioni Anidride carbonica, azoto, propano, ammoniaca, bromuro di metile, freon Acetone, solventi, vernici, inchiostri, profumi, benzine, alcoli, toluene CLASSE 4.1 Solidi infiammabili Cotone, fibre vegetali, zolfo, fosforo CLASSE 4.2 CLASSE 4.3 CLASSE 5.1 Materie soggette ad accensione spontanea Materie che originano gas infiammabili a contatto con l acqua Materie comburenti Carbone, farine di pesce, celluloide Carburi, alluminio in polvere, sodio e potassio metallici Acqua ossigenata, detersivi, nitrati, permanganati CLASSE 5.2 Perossidi organici Alcuni farmaceutici, tintorie CLASSE 6.1 CLASSE 6.2 Materie tossiche Materie infettanti Cianuri, arsenicati, topicidi, disinfestanti, insetticidi, mercurio Residui di lavorazione di carni, pesce, pelli ed ossa, rifiuti ospedalieri e laboratori d analisi CLASSE 7 Materie radioattive Impiantistica antincendio, strumentazione ospedaliera. Dovrebbe già essere movimentata con apposito permesso. 20

20 CLASSE 8 Materie corrosive Acidi forti organici ed inorganici, batterie, acidi nitrico, solforico, cloridrico. CLASSE 9 Materie pericolose diverse Pile nuove ed esauste, detersivi E da notare che la struttura produttiva della città (piccoli operatori artigiani, piccoli negozi ed micro esercizi pubblici), se dal un lato richiedono una quantità complessivamente considerevole di materiali definibili pericolosi, in realtà hanno esigenze individuali piuttosto piccole. Questo fa sì che sia molto arduo il controllo sistematico di questi trasporti polverizzati, spesso in conto proprio, ma anche che i rischi connessi si siano rivelati storicamente limitati. Si consideri che per disposizione dei Vigili del Fuoco, non potrebbero essere immagazzinate nel centro storico 5 materie pericolose in quantità superiore ad un modesto quantitativo, ma che apparentemente non è così: sono frequenti piccoli (<500 kg) depositi illegali di pitture (marine ed edili), carburanti, lubrificanti, bombole di gas liquido, riforniti alla chetichella con piccole quantità. Dimensioni medie dei colli trasportati Su base soltanto qualitativa, si può ritenere che, usualmente, le merci pericolose siano trasportate in colli di dimensioni medie come segue CLASSE 1 Esplosivi Diversi CLASSE 2 Gas compressi, liquefatti, liquefatti refrigerati Bombole da kg Gruppi di bombole da kg 5 Che fra l altro è particolarmente vulnerabile agli incendi, costituito come è in gran parte da costruzioni parzialmente in legno stagionato. 21

21 CLASSE 3 Liquidi infiammabili Fustini da kg Cartoni di confezioni singole da 5-10 kg CLASSE 4.1 CLASSE 4.2 CLASSE 4.3 Solidi infiammabili Materie soggette ad accensione spontanea Materie che originano gas infiammabili a contatto con l acqua Scatole e sacchi da 5-15 kg (abiti e biancheria) Cartoni di confezioni singole da 5-10 kg Sacchi da 20 kg (raramente) Vasche e confezioni ermetiche CLASSE 5.1 Materie comburenti Bottiglie e scatole da 1-5 kg CLASSE 5.2 CLASSE 6.1 Perossidi organici Materie tossiche Bottiglie e scatole da 1-5 kg Fustini da 20 kg Fustini da kg Cartoni di confezioni singole da 5-10 kg CLASSE 6.2 Materie infettanti Sacchi e scatole CLASSE 7 Materie radioattive Scatole CLASSE 8 Materie corrosive Fustini da 5-25 kg CLASSE 9 Materie pericolose diverse Scatole da kg Le dimensioni e soprattutto i pesi sono in genere tenuti entro i limiti di maneggiabilità a mano. Un caso a parte sono le confezioni dei supermercati, che sono spesso pallets da kg ottenuti da svariate confezioni più piccole della stessa natura. Ad es. un pallet d insetticida, un pallet di vernici. In genere si tratta di merce non classificabile come pericolosa in base all ADR solo in quanto sottofranchigia. Potrebbe nascere il problema del potenziale inquinante. Proposta per la franchigia nella quantità trasportata Nell ADR e nell IMDG code sono previste franchigie sulla quantità minima trasportata, suddivise secondo la classe della merce: al di sotto di queste quantità la normativa non si applica (esenzione totale), o la si applica in modo 22

22 attenuato (esenzione parziale). Alcune classi ad alta pericolosità possono e devono non avere alcuna franchigia, ad es. esplosivi e radioattivi. Le franchigie in campo marittimo sono in genere troppo alte rispetto al trasporto medio lagunare secondo le classi si tratta di 500 o 1000 kg. Per l ADR, alcune franchigie ragionevoli in laguna non si applicano (ad es. per trasporto di bombole di gas compresso infiammabile a bordo di camion e furgoni è richiesta l idoneità del veicolo stradale senza franchigia, ma questo sarebbe vessatorio nel trasporto in conto proprio dell artigiano sul mototopo). Le franchigie lagunari potrebbero quindi essere riviste in modo più flessibile, con un eccezione generale: che valgano le franchigie stradali se il trasporto avviene all interno del veicolo stradale stesso trasferito su pontone (cioè per i rifornimenti dei supermercati),. Si può giustificare col fatto che un pontone grande abbastanza da trasportare un camion è anche sufficientemente sicuro verso le collisioni. L obiettivo è di trovare franchigie che non costringano alla scomposizione dei carichi stradali se non in casi d effettiva necessità (ad es. a non smontare un pallet di detersivi destinato al supermercato, ma a smontare un pallet di pitture inquinanti, o trasportarlo in modo regolamentato); che siano cautelative per la sicurezza e la compatibilità ambientale; che non introducano difficoltà inutili agli operatori; che siano facilmente valutabili per controllo (due bombole, tre fustini etc); Una possibile soluzione di compromesso è di applicare norme attenuate in taluni casi (ad es. imbarcazioni di dimensioni non inferiori a X m, franchigie superiori) Una proposta di franchigie peso / quantità, al di sotto della quale non si applicano norme particolari per il trasporto, e suddivisa per classe di prodotto, è riportata nella tabella che segue 23

23 CLASSE 1 Esplosivi Nessuna franchigia CLASSE 2 CLASSE 3 Gas compressi, liquefatti, liquefatti refrigerati Liquidi infiammabili Due bombole da kg ciascuna senza altre merci pericolose a bordo Quattro fustini da kg o cartoni di confezioni singole da 5-10 kg senza altre merci pericolose a bordo CLASSE 4.1 CLASSE 4.2 CLASSE 4.3 CLASSE 5.1 CLASSE 5.2 CLASSE 6.1 Solidi infiammabili Materie soggette ad accensione spontanea Materie che originano gas infiammabili a contatto con l acqua Materie comburenti Perossidi organici Materie tossiche Scatole e sacchi da 5-15 kg (abiti e biancheria) franchigia 2000 kg senza altre merci pericolose a bordo Un sacco o cartone da 20 kg senza altre merci pericolose a bordo Nessuna franchigia Quattro bottiglie e scatole da 1-5 kg senza altre merci pericolose a bordo Quattro bottiglie e scatole da 1-5 kg Due fustini da 20 kg Un fustino da kg Due cartoni di confezioni singole da 5-10 kg CLASSE 6.2 Materie infettanti Nessuna franchigia CLASSE 7 Materie radioattive Nessuna franchigia CLASSE 8 Materie corrosive Quattro fustini da 5-25 kg totale kg CLASSE 9 Materie pericolose diverse Quattro scatole da kg totale kg 24

24 PROPOSTA DI NORMATIVA PER IL TRASPORTO MERCI PERICOLOSE IN LAGUNA Alla luce di quanto detto in precedenza, i principi informatori di una normativa in materia di trasporto, per merci in colli, dovrebbero comprendere fra gli obiettivi PRIMA FASE Introduzione e sensibilizzazione degli operatori al problema tramite corsi d informazione e preparazione, di tipo semi.abilitante 6 ; Elaborazione di un regolamento di trasporto snello ed essenziale, che preveda però alcuni obblighi e controlli sufficientemente efficaci anche se inizalmente ridotti; Identificazione obbligatoria delle classi di merce trasportata oltre franchigia mediante segnaletica ADR IMO a bordo; Semplici procedure di pronto intervento in caso d incidente, tipo una lista di controllo e numeri di telefono per avvisare i soccorsi. SECONDA FASE Certificato d abilitazione professionale tipo ADR per condotta e maneggio, con corsi di maggior impegno ed esame ufficiale. Imbarcazioni con requisiti tecnici minimi adeguati (costruttivi, d impianto, di dotazioni) sulla base di direttive mirate (doppio scafo? Protezioni anticollisione? Sorveglianza GPS?) Normativa specifica per trasporti molto pericolosi (radioattivi, tossici, infettanti, gas e liquidi infiammabili in sufficiente quantità) 6 Che valga cioè come punteggio di credito per un abilitazione tipo ADR. 25

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Convegno LA SICUREZZA NEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Intervento Francesco Carpinteri Capo Ufficio Sicurezza della Navigazione Comando Generale del Corpo della

Dettagli

Un cordiale benvenuto

Un cordiale benvenuto Trasporto di merci pericolose ADR/SDR 29 marzo 2011 SSIC - Gordola Un cordiale benvenuto 11 MMV SA, 6925 Gentilino - 6370 Stans Markus Maria Vonlaufen Merci pericolose & Sostanze pericolose Le merci percolose

Dettagli

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 ing. Cesare Cosentino Coordinatore AIAS Calabria Consigliere Nazionale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI

Dettagli

Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d appalto, a procedura ristretta accelerata, per l affidamento di un servizio di

Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d appalto, a procedura ristretta accelerata, per l affidamento di un servizio di Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it Allegato 1 Capitolato tecnico di gara d

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it TRASPORTO MERCI PERICOLOSE ADR (Accord Dangereuses Route). Questi pochi e modesti appunti riguardo all accordo europeo relativo ai trasporti internazionali di merci pericolose su

Dettagli

Commento alle modifiche dell ADR

Commento alle modifiche dell ADR Commento alle modifiche dell ADR Il presente commento fa riferimento agli aspetti più importanti contenuti nel documento «Modifications de l ADR» (documento 1.1). Definizioni Nel capitolo vengono inserite

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

STUDIO DI CASI MODALITA STRADALE UN AUTOCISTERNA CONTENENTE ISOPROPILAMMINA E TRASPORTATA CON MODALITA COMBINATA STRADA-FERROVIA

STUDIO DI CASI MODALITA STRADALE UN AUTOCISTERNA CONTENENTE ISOPROPILAMMINA E TRASPORTATA CON MODALITA COMBINATA STRADA-FERROVIA STUDIO DI CASI MODALITA STRADALE CASO 1 SV UN AUTOCISTERNA CONTENENTE ISOPROPILAMMINA E TRASPORTATA CON MODALITA COMBINATA STRADA-FERROVIA a) Indicare la classificazione della merce pericolosa secondo

Dettagli

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957 ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA Ginevra 30/9/1957 Rappresenta un metodo codificato di identificazione delle sostanze pericolose viaggianti su strada o

Dettagli

Commenti alle modifiche dell ADR 2015

Commenti alle modifiche dell ADR 2015 Commenti alle modifiche dell ADR 2015 Le proposte di modifica all ADR 2015 sono raccolte in un documento di oltre 150 pagine (cfr. documento 1.1 «Modifiche ADR 2015»). I commenti che seguono si riferiscono

Dettagli

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE D.M. 4 settembre 1996 - Attuazione della direttiva 94/55/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al trasporto di merci pericolose su strada. IL MINISTRO

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 23 settembre 2005 Pubblicazione della traduzione in lingua italiana del testo consolidato della versione 2005 delle disposizioni degli allegati A

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 23 settembre 2005 Pubblicazione della traduzione in lingua italiana del testo consolidato della versione 2005 delle disposizioni degli allegati A

Dettagli

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Dott. Marco Ottaviani Coordinatore Area Ambiente ANIE-CSI Convegno Mercoledì 6 maggio 2009 Palazzo delle Stelline, Milano, C.so Magenta

Dettagli

Il trasporto di rifiuti speciali e la compatibilità con la norma ADR

Il trasporto di rifiuti speciali e la compatibilità con la norma ADR Il trasporto di rifiuti speciali e la compatibilità con la norma ADR Prefazione La presente pubblicazione è frutto di una sinergia tra vari enti pubblici ed operatori specializzati, che si sono confrontati

Dettagli

La valutazione del rischio d area nelle zone portuali. Il RISP di Genova. Dott. Ing. Tomaso Vairo ARPAL UTCR ASP Grandi Rischi

La valutazione del rischio d area nelle zone portuali. Il RISP di Genova. Dott. Ing. Tomaso Vairo ARPAL UTCR ASP Grandi Rischi La valutazione del rischio d area nelle zone portuali. Il RISP di Genova Dott. Ing. Tomaso Vairo ARPAL UTCR ASP Grandi Rischi Contenuto introduzione e descrizione del caso di studio descrizione delle fonti

Dettagli

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA. 1. Significato del numero di identificazione del pericolo

CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA. 1. Significato del numero di identificazione del pericolo CODICI IDENTIFICATIVI PER IL TRASPORTO Dl MERCI PERICOLOSE PER FERROVIA O PER STRADA Il trasporto di materiali per strada o per ferrovia richiede, in caso di necessità (incidente o altro), di poter identificare

Dettagli

CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO

CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO CAMBIANO LE REGOLE PER L IMBALLAGGIO E L ETICHETTATURA DEI RIFIUTI IN DEPOSITO TEMPORANEO A cura dell ing. Giovanni Maione Tra le pieghe delle modifiche introdotte dal secondo decreto correttivo vogliamo

Dettagli

Quiz-2013-Addendum 1

Quiz-2013-Addendum 1 GA 057 GC-124 GC-125 GC-126 Le autorità competenti dei Paesi RID/ADR/ADN non possono mai derogare al RID/ADR/ADN possono, limitatamente al territorio nazionale, adottare deroghe al RID/ADR/ADN possono

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI GIOIA TAURO ORDINANZA N. 42/2009 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del porto di Gioia Tauro: VISTO: il D.P.R. 06 giugno

Dettagli

Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas

Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso di Prevenzione incendi (L. n. 818 del 1984) Ordine degli ingegneri della Provincia di Vicenza Trasporto Accumulo e Distribuzione di Gas Relatore ing. Ermanno Andriotto

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia

L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia Francesco Franchi Presidente Assogasliquidi L Europa che cambia La Strategia Energetica Europea L Europa manifesta alcune preoccupazioni: La

Dettagli

Ricadute della Direttiva Europea 2006/87/CE sulla navigazione nelle acque interne e promiscue italiane Mantova 29 novembre 2008

Ricadute della Direttiva Europea 2006/87/CE sulla navigazione nelle acque interne e promiscue italiane Mantova 29 novembre 2008 Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ricadute della Direttiva Europea 2006/87/CE sulla navigazione nelle acque interne e promiscue italiane Mantova 29 novembre 2008 Ministero delle infrastrutture

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza 14 aprile 2015 CLASSIFICAZIONE E CODIFICA DEI RIFIUTI classificazione dei rifiuti

Dettagli

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI IL RISCHIO INCENDIO Dopo aver affrontato (in parte) i temi della sicurezza trattati nel Decreto Legislativo 81/2008 affrontiamo adesso uno dei rischi più frequenti e pericolosi che potremmo trovarci di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno. Marco SCAPIN

Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno. Marco SCAPIN Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno Venezia - VEGA Marco SCAPIN 15 marzo 2008 Venezia Tecnologie S.p.a. ha tra i propri azionisti ENI e VEGA ha la propria sede a Porto

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010 SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010 Comando Provinciale Vigili del Fuoco di PARMA Dott.ing. Francesco Martino 1 LEGISLAZIONE ANTINCENDIO IN MATERIA DI SICUREZZA NELL USO DEI

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA

TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO

Dettagli

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni.

Sommario. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. Sommario 1. Cos è un gas: definizione, proprietà. 2. Classificazione dei gas: caratteristiche, rischi, precauzioni. 3. Schede di sicurezza: prodotto, composizione, identificazione pericoli, etc. 4. Pressurizzazione

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Data di stampa: 04.06.2014 Pagina 1 di 6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Sicurezza Antincendio La combustione è la reazione chimica tra due sostanze diverse: il COMBUSTIBILE (materiale capace di

Dettagli

FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE

FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE Moncalieri, 23 maggio 2010 Cibo nel pacco e cibo pacco FUNZIONI DELL IMBALLAGGIO ALIMENTARE Dr.ssa Stefania Gelati Stazione Sperimentale per l Industria delle Conserve Alimentari Parma CONTENITORE PRIMARIO:

Dettagli

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore Dott. Valter Dini Piazzale Amburgo, 1 17100 SAVONA Tel.: 019/862303 fax: 019/861265 e-mail: veterinaria.sv@asl2.liguria.it

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Filtro in Fibra di Vetro (Tipo VBB) 1 (180g/m 2 ) 1.2. Società distributrice: D.L.G.

Dettagli

INDICAZIONI relative a

INDICAZIONI relative a INDICAZIONI relative a Applicazione delle procedure per gli accertamenti sanitari di assenza di tossicodipendenza o di assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope in lavoratori addetti a mansioni

Dettagli

Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici

Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici Sicurezza nell utilizzo dei gas medicinali in ambito ospedaliero e domiciliare Ing. Andrea Fieschi Direttore Assogastecnici Contenuti della presentazione Descrivere caratteristiche e modalità di impiego

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3550 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro degli affari esteri (FINI) di concerto col Ministro per gli affari regionali (LA LOGGIA) col Ministro dell economia

Dettagli

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO CHE COS E IL RISCHIO CHIMICO?

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

RID. ristrutturato in vigore dal 1 luglio 2001. Regolamento concernente il trasporto internazionale ferroviario di merci pericolose (RID)

RID. ristrutturato in vigore dal 1 luglio 2001. Regolamento concernente il trasporto internazionale ferroviario di merci pericolose (RID) RID ristrutturato in vigore dal 1 luglio 2001 Regolamento concernente il trasporto internazionale ferroviario di merci pericolose (RID) Traduzione italiana a cura dell ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità

L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità L eco-ristorazione: meno imballaggi, stessa igiene, più qualità di Marco Bernabè IDEATURISMO S.R.L. Riva del Garda 29.01.2013 Meno imballaggi, stessa igiene Imballaggi e igiene: due facce della stessa

Dettagli

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Politiche della prevenzione e Sicurezza sul lavoro. Dipartiment

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Politiche della prevenzione e Sicurezza sul lavoro. Dipartiment Dipartiment Dipartimento Sociale NOTA INFORMATIVA SINTETICA PER L APPLICAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NEI LAVORI IN AMBIENTI SOSPETTI DI INQUINAMENTO ART. 66 D.LGS. 81/08 Luglio 2009

Dettagli

Caratterizzazione chimica: polvere per soluzione per iniezione o infusione (Principio Attivo: fludarabina fosfato)

Caratterizzazione chimica: polvere per soluzione per iniezione o infusione (Principio Attivo: fludarabina fosfato) FLUDARA I.V. (materiale bulk (sfuso)) 1. Identificazione della sostanza/prodotto e dell azienda/produttore 1.1 Nome commerciale: Fludara i.v. (materiale bulk (sfuso)) 1.2 Uso: prodotto medicinale 1.3 Azienda

Dettagli

L obbiettivo vuole essere quello di

L obbiettivo vuole essere quello di ADDETTI ANTINCENDIO CORSO BASE OBIETTIVO L obbiettivo vuole essere quello di informare e formare, tutti coloro che per la prima volta devono conoscere le basi per la lotta antincendio nell emergenza. Imparando

Dettagli

Il trasporto delle bombole nei veicoli

Il trasporto delle bombole nei veicoli Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Genova Servizio Prevenzione e Protezione Il trasporto delle bombole nei veicoli Il trasporto su strada delle merci pericolose, quindi anche dei gas, è regolato

Dettagli

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Regolamenti Linee guida europee Linee guida nazionali Documenti SANCO Linee guida regionali Vecchia normativa

Dettagli

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l.

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. IL TRASPORTO DEI RIFIUTI PERICOLOSI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. ARGOMENTI TRATTATI Classificazione di un rifiuto ai fini della normativa A.D.R. Prescrizioni applicabili al trasporto

Dettagli

www.siam it net info@studio81 adr.it Dr.Stefano Manassero - - - - Formazione Verifica messa - - - - Consulente REACH/CLP Rev.

www.siam it net info@studio81 adr.it Dr.Stefano Manassero - - - - Formazione Verifica messa - - - - Consulente REACH/CLP Rev. NOVITA ADR 013 1 PARTE 1. DISPOSIZIONI GENERALI, DEFINIZIO ONI E FORMAZIONE 1.1. 5 : Quando è richiesta l applicazione di una norma e vi è un qualsiasi tipo di conflitto tra questa norma e le disposizioni

Dettagli

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Tavola rotonda: «Esperienze e tecnologie per le bonifiche ambientali» Ing. Roberto Vespa Direttore Tecnico -

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015 Prospettiva europea L attenzione europea - anche grazie ad iniziative che ConferenzaGNL stessa potrà promuovere nel Semestre di Presidenza italiana dell UE - si sposterà da Nord a Sud per le nuove opportunità

Dettagli

Scheda di sicurezza. secondo la Direttiva (EU) No 1907/2006 FINOCERA. Data di stampa : 04.02.200 30995 / 30995P / 30995T

Scheda di sicurezza. secondo la Direttiva (EU) No 1907/2006 FINOCERA. Data di stampa : 04.02.200 30995 / 30995P / 30995T Pagina 1 di 5 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/dell'impresa Identificazione della sostanza o preparato Articolo numero Identificazione della società/impresa 30995 / 30995P /

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/D. Roma, 14 luglio 2014. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane

CIRCOLARE N. 10/D. Roma, 14 luglio 2014. Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane CIRCOLARE N. 10/D Roma, 14 luglio 2014 Protocollo: RU 67167 Rif.: Allegati: Alle Direzioni interregionali e regionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) 1 I. Norme generali Art. 1. Il Comune di Poschiavo, conformemente

Dettagli

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Torino, 8 ottobre 2013 Francesca Ilgrande Quanti rifiuti da imballaggio in un anno?

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

PREVENZIONE, PROTEZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE

PREVENZIONE, PROTEZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE INCENDI PREVENZIONE, PROTEZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE informazioni per la tutela della sicurezza dei lavoratori e dei cittadini conforme al D.Lgs. 81/2008 Aggiornamento DPR 151/2011 nell ambito della

Dettagli

Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati

Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati TP N 06/01 Traduzione e adattamento del Documento EIGA TP n 17/08 a cura di Assogastecnici Trasportare bombole di gas o recipienti criogenici su veicoli non dedicati Documenti di riferimento: IGC 103 and

Dettagli

Scheda di sicurezza REDOXAL LA SCHEDA DI SICUREZZA. Direttiva CEE 1999/45 e 67/548

Scheda di sicurezza REDOXAL LA SCHEDA DI SICUREZZA. Direttiva CEE 1999/45 e 67/548 SCHEDA DI SICUREZZA Direttiva CEE 1999/45 e 67/548 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA

Dettagli

EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW

EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW Traduzione informale a cura di ASSOPORTI EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW CE 2010 Consultazione sulla futura politica delle Reti Transeuropee

Dettagli

Direttiva sul trasporto di merci pericolose

Direttiva sul trasporto di merci pericolose Direttiva sul trasporto di merci pericolose Merci pericolose a destinazione con la massima sicurezza. Valida dal 1 /05/2015 Indice 1. Premessa 2. Campo di applicazione della direttiva e condizioni 3. Merci

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

Introduzione alla logistica industriale

Introduzione alla logistica industriale Introduzione alla logistica industriale Definizione di logistica La logistica nasce in ambito militare, con l obiettivo principale di ottimizzare il trasporto e il dislocamento delle truppe e dei materiali.

Dettagli

SEGNALETICA DI PERICOLO

SEGNALETICA DI PERICOLO SEGNALETICA DI SCHEMA DEI FORMATI (mm.) SIGLA DEI MATERIALI E SPESSORI E C C = 330x500 E = 500x700 A B A = 350x125 B = 765x270 D = 1400x500 D ALLUMINIO AL PVC RIGIDO PV 0,5/0,7 mm. 1 mm. DISTANZA LETTURA

Dettagli

Guardia di Finanza REPARTO TECNICO LOGISTICO AMMINISTRATIVO LOMBARDIA Ufficio Amministrazione/Sezione Acquisti AVVISO

Guardia di Finanza REPARTO TECNICO LOGISTICO AMMINISTRATIVO LOMBARDIA Ufficio Amministrazione/Sezione Acquisti AVVISO Guardia di Finanza REPARTO TECNICO LOGISTICO AMMINISTRATIVO LOMBARDIA Ufficio Amministrazione/Sezione Acquisti AVVISO Il Reparto Tecnico Logistico Amministrativo Lombardia della Guardia di Finanza, sito

Dettagli

Delibera G.C. N.175 Prot. 864. Seduta del 11.3.2004. Oggetto: ZTL BUS variazioni tariffarie. LA GIUNTA COMUNALE

Delibera G.C. N.175 Prot. 864. Seduta del 11.3.2004. Oggetto: ZTL BUS variazioni tariffarie. LA GIUNTA COMUNALE Delibera G.C. N.175 Prot. 864 Seduta del 11.3.2004 Oggetto: ZTL BUS variazioni tariffarie. LA GIUNTA COMUNALE Su proposta dell Assessore al Turismo, Cultura e Comunicazione di concerto con il Vice Sindaco

Dettagli

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone.

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone. I combustibili --- DEFINIZIONE DI COMBUSTIBILE I combustibili sono tutti quei materiali che bruciando, producono calore. Per bruciare, i combustibili devono utilizzare ossigeno. Esistono tre tipi di combustibili

Dettagli

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI PREMESSA NOVITA INTRODOTTE DAL D.P.R. 177/2011 Dr.ssa Tiziana BAGNARA Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro S.Pre.S.A.L. ASL TO3 Ogni anno si registrano in Italia numerosi incidenti

Dettagli

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997)

Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) Ordinanza per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Poschiavo (approvata dalla Giunta comunale il 12 maggio 1997) 81.51 Art. 1. Art. 2. Art. 3. Art. 4. I. Norme generali Il Comune

Dettagli

1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa V. 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione V

1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa V. 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione V 3001 Cosa s'intende per collo? 1) L'imballaggio più il suo contenuto di materia pericolosa 2) Il prodotto finale dell'operazione d'imballaggio pronto per la spedizione 3) L'imballaggio o recipiente pronto

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015

CONSULAMBIENTE S.A.S. DI FRACASSETTI LUCIANO & C. CONSULENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO, IGIENE INDUSTRIALE ED AMBIENTE NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 NFORMATIVA NOVITA ADR 2015 Settore: Sicurezza e Salute sul Lavoro / Ambiente Normativa di Settore collegata: ADR 2015 D.Lgs. 35/2010 e smi D.Lgs. 40/2000 e smi Destinatari: Servizio HSE - Consulenti Revisione

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 3 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 3 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Paint Stop (260 g/m 2 ) 1.2. Società: D.L.G. sas via Cal de Livera 71/b 31020 VITTORIO

Dettagli

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006

0,1,67(52'(//('(,75$63257, &$3,7$1(5,$',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 0,1,67(52'(//('(,7563257, &3,71(5,',32572',/,92512 ORDINANZA N. 145_/2006 9,672 il Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2005 n.134 Regolamento recante disciplina per le navi mercantili dei

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

Marin Sanudo, alla fine del XV

Marin Sanudo, alla fine del XV Quante sono le barche che navigano in laguna? di FRANCO FIORIN Marin Sanudo, alla fine del XV secolo, descrivendo la città di Venezia e soffermandosi sulle numerosissime barche che solcavano i canali lagunari,

Dettagli

AdBlue. The Blue Traction

AdBlue. The Blue Traction AdBlue The Blue Traction Chimitex S.p.A., leader nel campo dei prodotti di chimica di base per il settore industriale, ha scelto di impegnarsi a favore di un ambiente più sano e pulito diventando produttore

Dettagli

Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003. Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici

Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003. Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici Circolare n. 3 dell 8 maggio 2003 Raccomandazioni per la sicurezza del trasporto di materiali infettivi e di campioni diagnostici 1-Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di

Dettagli

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984 concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali ( 84/360/CEE ) IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA (a norma dell art. 8 del Regolamento CE 852/2004 sull igiene dei prodotti alimentari) SOMMARIO Presentazione... 4 1.0 Scopo e campo di

Dettagli

Tariffario rifiuti speciali 2015

Tariffario rifiuti speciali 2015 Tariffario rifiuti speciali 2015 Servizi offerti L ACR accetta tutti i rifiuti speciali elencati nella nuova Ordinanza sul traffico dei rifiuti (). L ACR accetta anche gli apparecchi elettrici ed elettronici

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE Ospedali è necessario monitorare le fughe di azoto e di gas inerti, stoccati in bombole nelle strutture ospedaliere ed in particolare nelle sale operatorie.

Dettagli

Scheda di sicurezza BIANCO DVR SCHEDA DI SICUREZZA. Direttiva CEE 1999/45 e 67/548

Scheda di sicurezza BIANCO DVR SCHEDA DI SICUREZZA. Direttiva CEE 1999/45 e 67/548 SCHEDA DI SICUREZZA Direttiva CEE 1999/45 e 67/548 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Pasta pronta per la stampa dei filetti. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/6 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: ACIDE D,L-MALIQUE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli