Notizie dalla Regione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notizie dalla Regione"

Transcript

1 Anno II - Numero 7 dell 8 aprile 2014 Notizie dalla Regione Strutture residenziali psichiatriche, la Regione attua gli accordi nazionali L assessore alla Sanità ha voluto replicare ad alcuni consiglieri di minoranza che, sul tema del disagio mentale, hanno accusato la Giunta di aver agito con fretta. In particolare, ha sostenuto che il riordino della residenzialità psichiatrica non deriva da un autonoma iniziativa dell assessorato, ma dall accordo approvato ad ottobre dalla Conferenza Unificata Stato- Regioni-Enti locali sulla base di un documento Agenas, valido a livello nazionale. La tipologia delle strutture residenziali psichiatriche viene distinta per il livello di intervento terapeutico-riabilitativo e per il livello di intensità assistenziale offerto. Sono 3 le tipologie individuate: SRP1 - struttura residenziale psichiatrica per trattamenti terapeutico-riabilitativi a carattere intensivo; SRP2 - struttura residenziale psichiatrica per trattamenti terapeutico riabilitativi a carattere estensivo. Queste strutture possono essere articolate su diversi livelli di intensità assistenziale, che configurano diverse sottotipologie. SRP3 - struttura residenziale psichiatrica per interventi socio riabilitativi, con differenti livelli di intensità assistenziale, articolata in tre sottotipologie, con personale socio-sanitario presente nelle 24 ore, nelle 12 ore o per fasce orarie. Il Consiglio ha dato mandato alla Giunta di attuare la riclassificazione delle strutture residenziali psichiatriche in Piemonte, secondo le disposizioni nazionali. La Giunta si è limitata a proporre, al momento, la regolamentazione dei cosiddetti gruppi appartamento, attualmente afferenti alle tipologie SRP3 e in parte SRP. La tipologia SRP3, a differenza delle altre che sono a totale carico del SSN, in base all accordo nazionale prevede una compartecipazione del paziente. Ma, proprio per evitare di gravare sui pazienti e sulle loro famiglie ed eventualmente sui Comuni e gli enti gestori nel caso di indigenti, in presenza di redditi medio-bassi l onere sarà a carico dei servizi sociali della Regione. Secondo l assessore non vi è alcuna fuga in avanti, né intempestività, ma solo la volontà di contribuire a avviare un percorso che, indipendentemente dalle amministrazioni pro tempore, dovrà attuare le disposizioni emanate dal servizio sanitario nazionale a tutela dei pazienti e delle loro famiglie, con la previsione di modelli di intervento e di assistenza adeguate alle necessità dei soggetti psichiatrici. 1

2 Screening patologie infettive La Regione Piemonte, prima in Italia, ha avviato e finanziato il progetto Screening patologie infettive nei SerD piemontesi. Coordinato dalla Direzione Sanità, il progetto partito a dicembre 2013 ha come obiettivo la diagnosi precoce e il tempestivo avvio alle cure, aumentando i test infettivologici effettuati nei Servizi per le Dipendenze, fino a testare entro due anni il 100% dei nuovi utenti e il 90% dei soggetti già in carico, perseguendo l incremento annuale del 30% di soggetti vaccinati per HBV (epatite B) nella popolazione a rischio, sino a raggiungere il 90% (Linee di Indirizzo Piano di Azione Regionale Dipendenze ). Nel progetto sono coinvolti i medici infettivologi dei SerD: il Dipartimento Dipendenze 1 dell Asl TO2, diretto dal dottor Emanuele Bignamini, è stato identificato come capofila, in collaborazione con il Centro regionale di riferimento delle Malattie infettive ed il Laboratorio di Virologia dell ospedale Amedeo di Savoia di Torino e il Dipartimento Politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei ministri. Considerando gli anni , in Piemonte si osserva una riduzione dell esecuzione dei test sierologici per HBV e HCV, mentre rimane stabile la proporzione di utenti testati per l HIV. Il 4,9% dei soggetti trattati era sieropositivo per HIV, il 30,7% era sieropositivo o vaccinato contro l infezione da HBV e il 34% era sieropositivo per HCV: dati probabilmente sottostimati a causa della bassa proporzione di soggetti sottoposti al test. Escludendo i soggetti trattati per cannabis, tabacco, gioco d azzardo patologico e disturbi alimentari, la proporzione di soggetti testati nel 2010 è del 53,4% per HIV, del 79,2 per HBV e del 62,6 per HCV. Nel mese di maggio incomincerà la formazione specifica di medici e infermieri dei SerD piemontesi, con incontri già previsti nelle giornate del 7 e del 14 maggio, per la presentazione del progetto agli operatori, e del 22 e 29 maggio per i moduli formativi sull utilizzo del test rapido salivare. Le decisioni della Giunta regionale Durante la riunione del 7 aprile, le aziende sanitarie sono state autorizzate a conferire incarichi di direttore di distretto e di struttura complessa, a condizione che tali strutture siano previste dai vigenti atti aziendali, siano coerenti con la revisione della rete ospedaliera piemontese e che l assenza del responsabile comprometta l organizzazione dei servizi resi ai cittadini. E stato anche deciso che i cittadini iscritti all Aire (Anagrafe degli italiani residenti all estero) con lo stato di emigrato e i titolari di pensione corrisposta da enti previdenziali italiani hanno diritto ad usufruire, qualora non abbiano una copertura assicurativa pubblica o privata, di prestazioni ospedaliere urgenti per un massimo di 90 giorni, anche non consecutivi, per ogni anno. 2

3 Il CSI-Piemonte gestirà il sistema informativo regionale Nell ambito del riordino delle attività regionali nel settore ICT (Information and Communication Technology) la Giunta regionale ha affidato al CSI-Piemonte la gestione e lo sviluppo coordinato del sistema informativo sanitario regionale e delle tecnologie di informazione e comunicazione correlate, con l obiettivo di ridurre la complessità archietturale dell ICT sanitario regionale e razionalizzare i costi di gestione. Le aziende che ancora non hanno il ruolo di socio del Consorzio riceveranno dalla Regione uno specifico indirizzo di adesione, per assicurare uniformità negli adempimenti funzionali alla riorganizzazione dell informatica sanitaria ed evitare così comportamenti disomogenei e controproducenti all obiettivo di razionalizzazione e risparmio della spesa. Notizie dal territorio Identificato per la prima volta un nuovo gene che causa la Sla E' stato identificato un nuovo gene, principale causa della Sla: denominato Matrin3 e localizzato sul cromosoma 5, è stato scoperto in diverse ampie famiglie con più membri affetti da SLA e da demenza frontotemporale. I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale Nature Neuroscience, che ha addirittura dedicato la propria copertina all'evento. Gli autori di questa eccezionale scoperta sono un gruppo di ricercatori italiani del consorzio ITALSGEN (che riunisce 14 centri universitari ed ospedalieri italiani che si sono uniti per la lotta contro la Sla), coordinati dal professor Adriano Chiò (Centro Sla del Dipartimento di Neuroscience Rita Levi Montalcini dell'ospedale Molinette della Città della Salute e della Scienza e dell'università di Torino), dalla dottoressa Gabriella Restagno (Laboratorio di Genetica molecolare dell azienda ospedaliero-universitaria Città della Scienza e della Salute di Torino) e dal professor Mario Sabatelli (dell Istituto di Neurologia-Centro Sla dell Università Cattolica-Policlinico A. Gemelli di Roma), in collaborazione con il dottor Bryan Traynor (neurologo dell NIH di Bethesda, Washington). La scoperta è stata possibile grazie all utilizzazione di nuove tecniche di sequenziamento dell intero esoma (exome sequencing), cioè della parte del dna che codifica per le proteine. La proteina Matrin3 è una proteina che lega il dna e condivide domini strutturali con altre proteine che legano l rna, come Fus e TDP43 che sono anch esse implicate nella Sla. Lo studio è stato eseguito su 108 casi (32 italiani, raccolti dai centri aderenti al consorzio). Per accertare l assenza di mutazioni in soggetti sani, il gene Matrin3 è stato poi sequenziato in circa 5190 controlli sani, 1242 dei quali italiani. Tutti i dati di sequenza degli esomi ottenuti con questa ricerca sono stati resi di dominio pubblico per poter essere utilizzati da altri 3

4 ricercatori in tutto il mondo per ulteriori ricerche. La scoperta di questo nuovo gene rappresenta pertanto una svolta fondamentale per la comprensione di questa terribile patologia ed offre prospettive per l identificazione di terapie per il suo trattamento. La ricerca è stata finanziata per la parte italiana da AriSLA Fondazione Italiana di ricerca per la SLA nell ambito del progetto SARDINIALS, dalla Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, dalla FIGC Federazione Italiana Gioco Calcio, dal Ministero della Salute e dalla Comunità Europea nell ambito del 7 Programma Quadro. Fascicolo sanitario nell Asl CN1, istruzioni per l uso Dal 7 aprile sono attivi, nell Asl CN1, gli sportelli per il rilascio delle credenziali che permettono di accedere ai servizi on line. Entrando in possesso delle credenziali (la procedura di registrazione è gratuita), il cittadino potrà avere accesso, dal mese di maggio, al fascicolo sanitario elettronico e, successivamente, effettuare il cambio del medico di famiglia, ritirare referti, prenotare visite ed esami, pagare il ticket. Il Fascicolo sanitario elettronico traccia la storia clinica, collegando le informazioni e gli esami prodotti dai medici e operatori sanitari. Contiene esami, referti, lettere di dimissioni, prescrizioni e tutto il materiale firmato digitalmente che descrive gli eventi clinici di ciascun cittadino. Aperto l Hospice di Foglizzo Un luogo dedicato alle cure palliative per prevenire e contenere il dolore del persone attraverso un supporto di tipo psicologico e sociale rivolto sia alla persona malata sia al nucleo familiare. L hospice di via Olivero a Foglizzo, in funzione dal 31 marzo, rappresenta la casa per tutti i malati di tumore dove gli operatori lavorano per assicurare la miglior qualità di vita possibile, unita all accudimento delle persone, all ascolto e alla condivisione. Con l hospice di Foglizzo, composto inizialmente da cinque dei dieci posti letto disponibili, si completa così la rete aziendale di cure palliative, domiciliare e residenziale, rappresentata finora dalle unità operative di Chivasso, di Ciriè e di Ivrea e dagli hospice di Lanzo e di Salerano. L assistenza nella nuova struttura è prestata dall Asl TO4 in collaborazione con la cooperativa sociale Pier Giorgio Frassati, che già opera nell attigua residenza sanitaria assistenziale, e con l associazione SAMCO Onlus. Trasferita la struttura di Post Acuzie Cardiologica da Lanzo a Cirié Si sono concluse le operazioni di trasloco della struttura di Post Acuzie Cardiologica dall ospedale di Lanzo a quello di Ciriè, dove sono stati trasferiti alcune pazienti che da pochi giorni possono usufruire di spazi appositamente ristrutturati e rinnovati, compresa la nuova 4

5 palestra adibita ad accogliere le persone che necessitano di riabilitazione a seguito di problemi cardiologici. Il trasferimento rappresenta una nuova opportunità per le persone ricoverate nell ospedale di Cirié grazie alla presenza dell Unità di terapia intensiva coronarica e di un reparto di Cardiologia per acuti. La struttura si trova nei locali dell ex Urologia al terzo piano, ed è in grado di ospitare 17 posti letto. Nuovi laureati in Infermieristica dell Università del Piemonte orientale Si è concluso il corso di laurea in Infermieristica dell Università del Piemonte orientale con sede di studio e di tirocinio formativo nell azienda ospedaliera SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria. Nella giornata di giovedì 27 marzo sono stati proclamati i nuovi dottori in Infermieristica dell anno accademico 2013/2014: Paolo Amato, Francesco Bortaccio, Domenico Calabrò, Carlos Juan Conception Perez, Carlotta De Martino, Giulia Dispenza, Mariaconcetta Ferrera, Elisa Alessandra Furegato, Ariela Gilardenghi, Nicola Matteo Picchio, Simona Pregnolato, Sara Saglieme, Jessica Stinà, Martina Verona. Progetto triennale di screening sui disturbi dell apprendimento Si conclude quest anno il progetto di prevenzione ed intervento avviato dall Asl AL denominato I disturbi dell apprendimento e le difficoltà scolastiche, percorso triennale avvenuto in alcune scuole della provincia di Alessandria dove i bimbi partecipanti sono stati monitorati per evitare l insorgere di disturbi dell apprendimento. La sperimentazione è nata dalla collaborazione tra il servizio di Neuropsichiatria Infantile e quello di Psicologia dell età evolutiva che, insieme agli istituti Rodari di Tortona, Pascoli di Novi Ligure e Montemanni di Cassano Spinola hanno elaborato un progetto finalizzato ad osservare nel tempo l andamento di ogni singolo alunno, evidenziandone miglioramenti oppure sottolineando difficoltà relative agli apprendimenti scolastici. In particolare, dallo screening effettuato nel maggio 2012 sono emersi 24 bambini con necessità di un approfondimento specialistico. A Domodossola inaugurazione di emodinamica e astanteria Giovedì 24 aprile, alle 11, nell ospedale S. Biagio di Domodossola verrà inaugurato il servizio di emodinamica, realizzato grazie al contributo stanziato dalla Regione. La struttura disporrà di un angiografodigitale concesso in comodato d uso gratuito dall Asl TO4. La Regione ha previsto che lo sviluppo dell attività si realizzi in stretta integrazione con l azienda ospedaliera di Novara, che svolge funzione di coordinamento. La fase iniziale dell attività, a carattere sperimentale, verrà svolta con orario 8-16 per alcuni giorni della settimana, per poi prevedere, a regime, l orario di apertura h 24. Nella stessa giornata verrà anche inaugurata la 5 nuova astanteria, dotata di 10 posti letto di

6 osservazione breve, integrata con due posti di osservazione pediatrica. Il punto nascite di Verbania funziona regolarmente A Verbania si partorisce. L incendio scoppiato lo scorso dicembre ha lasciato nell opinione pubblica l idea che il punto nascita di Verbania sia chiuso. Non è così: tutto funziona a pieno regime. Pochi giorni dopo che le fiamme hanno devastato la sala operatoria di Ostetricia, la direzione sanitaria ha riorganizzato l attività utilizzando gli altri blocchi operatori e ha reso pienamente operative le sale parto e un altra sala operatoria per i tagli cesarei. Inoltre, è stata anche allestita una sala operatoria aggiuntiva per eventuali tagli cesarei in emergenza, proprio a ridosso delle sale parto. A testimoniare la completa operatività del punto nascita verbanese, nel mese di aprile le strutture di Ostetricia e Neonatologia avranno una visita di delegati Unicef per ricertificare quanto raggiunto nel 2010: il riconoscimento per il Castelli (unico in Piemonte) del titolo di ospedale Amico del Bambino per la promozione dell allattamento al seno. Premiati due ricercatori dell UniTo Due ricercatori del NICO - Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi - dell Università di Torino sono tra i vincitori delle 130 borse di ricerca annuali assegnate nell ambito del bando Grant 2014 promosso dalla Fondazione Veronesi. Enrica Boda e Paolo Mele, rispettivamente PhD in Neuroscienze e in Farmacologia e Terapia Clinica e Sperimentale all Università di Torino, sono stati premiati il 26 marzo a Roma in Campidoglio dal fondatore Umberto Veronesi e dal presidente Paolo Veronesi. Enrica Boda ha presentato un progetto sulle cellule staminali progenitrici e le loro potenzialità per migliorare le funzioni cognitive e le capacità di rigenerazione del cervello anziano, Paolo Mele studia invece il ruolo delle cure materne nel migliorare la plasticità del cervello, e in particolare il ruolo del gene Npy1r nelle reti perineurali. Studio torinese sulla cefalea si aggiudica l Isico award Ha vinto l Isico Award, in occasione del IX Congresso nazionale R&R che si è tenuto lo scorso 15 marzo a Milano, la ricerca torinese che ha presentato Un programma educazionale e fisico per ridurre cefalea e dolore a collo e spalle in un ambiente di lavoro: uno studio clinico randomizzato. Il congresso di Isico (Istituto scientifico italiano colonna vertebrale) si conferma uno degli appuntamenti più importanti per chi si occupa di trattamento riabilitativo delle patologie della colonna: alle letture magistrali degli ospiti internazionali sono seguite le sessioni pratiche e lapresentazione di quattro ricerche nazionali, tra le quali è stato scelto il vincitore dell Isico Award. 6

7 I primi 5 anni dell ospedale di Mondovì Amarcord in occasione dei primi 5 anni dell ospedale Regina Montis Regalis di Mondovì: sabato 5 aprile il direttore generale dell Asl CN1, Gianni Bonelli, ha ricordato, insieme ad altri protagonisti di primo piano, il percorso che portò negli anni Novanta alla decisione di costruire un nuovo ospedale per il Monregalese e alle successive tappe: il cantiere, l inaugurazione, la nomina di nuovi primari, la crescita di un ospedale che ha moltiplicato i suoi numeri ma che contiene in sé ancora potenzialità di sviluppo. A Ceva un punto biblioteca per la comunità psichiatrica Giovedì 17 aprile alle 11,30 si inaugura presso la Comunità psichiatrica riabilitativa di Ceva un punto biblioteca rivolto principalmente agli utenti della struttura. La biblioteca ospita numerosi volumi di lettura, in particolare: saggi divulgativi, romanzi di varia ambientazione, romanzi classici, best sellers e libri di attualità, raccolte fotografiche. Al Sant Andrea di Vercelli laambulatorio per il tumore della mammella E di questi giorni l attivazione di uno specifico ambulatorio di senologia operativo ogni giovedì presso la Piastra ambulatoriale di Largo Giusti a Vercelli. Un percorso dettagliato e multidisciplinare studiato appositamente per agevolare le donne che riscontrano un nodulo mammario con la finalità di fornire un servizio completo e prestazioni di alto livello in termini di qualità, esperienza chirurgica, oncologica, radiologica e radioterapeutica. Il tumore della mammella è il più frequente tra i tumori che colpiscono le donne. Ogni anno in Italia 13 donne su si ammalano di questa malattia. Per questo tipo di malattia sono oggi disponibili cure molto efficaci, infatti la sopravvivenza dopo 5 anni dalla diagnosi del tumore èdell 87%. Questa percentuale aumenta se la diagnosi viene fatta nelle fasi iniziali del tumore. Proprio per questo motivo è molto importante partecipare a programmi di prevenzione come lo screening attivato dalla Regione Piemonte (Prevenzione Serena). A Vercelli un seminario sui pericoli del web Nell ambito del progetto per contrastare la violenza sui minori, venerdì 11 aprile, nell aula magna dell ospedale Sant Andrea di Vercelli si terrà la giornata di formazione sul tema Minori e web: attrezzarsi per difenderli. I temi riguarderanno le nuove forme di violenza come il bullismo ed cyberbullismo, rappresentano un emergenza che in alcune occasioni ha portato a tragici epiloghi. 7

8 Dal Maria Vittoria solidarietà ai bimbi bielorussi contaminati Prosegue anche quest anno all ospedale Maria Vittoria di Torino la campagna di solidarietà in collaborazione con l associazione Comitato Girotondo per la salute di bambini e ragazzi bielorussi contaminati dall incidente nucleare di Chernobyl,. Giunto in Italia lo scorso 8 marzo, un gruppo di 17 tra bambini e ragazzi di età compresa tra i 7 e i 12 anni sono stati valutati nell ambulatorio di Chirurgia per lo studio, la diagnosi e l eventuale trattamento della patologia tiroidea, indotta dal danno radioattivo conseguente alla tragedia del Newsletter a cura di: Settore Stampa e Nuovi Media della Giunta regionale (Piero Mora, Pasquale de Vita) Ha collaborato: Giancarlo Perazzi 8

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALCIATI ALESSANDRA Indirizzo Telefono 3381985310 CF E-mail VIA CAPRERA 4, 20144 MILANO LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tumiati Marina Data di nascita 31 gennaio 1964 Qualifica Infermiera Amministrazione Azienda U.L.S.S. 19 Incarico attuale Infermiera con incarico di tutor degli

Dettagli

IL PIEMONTE E LA LEGGE 38. Coordinatore Commissione Terapia del Dolore

IL PIEMONTE E LA LEGGE 38. Coordinatore Commissione Terapia del Dolore IL PIEMONTE E LA LEGGE 38 Dott.ssa Rossella Marzi Coordinatore Commissione Terapia del Dolore Presupposti per la costituzione del modello (Legge 15 marzo 2010 n. 38, Art. 3. all. A) Compiti delle strutture

Dettagli

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella Opuscolo informativo Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale PDTA Mammella 1 Gentilissima Signora, lei è stata invitata ad eseguire esami di accertamento perché dopo aver visto l ultima mammografia

Dettagli

Tale convenzione è stata siglata dalla parti in data 03.11.2010 ed ha avuto validità fino al 31.12.2011.

Tale convenzione è stata siglata dalla parti in data 03.11.2010 ed ha avuto validità fino al 31.12.2011. REGIONE PIEMONTE BU19 09/05/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 16 aprile 2013, n. 41-5670 Approvazione dello schema di convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Autonoma Valle d'aosta per

Dettagli

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi le politiche CONFRONTI 3/2011 163 Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi Migliorando le condizioni di vita e spostandosi più in là le frontiere della medicina, da

Dettagli

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità

VOL. 6. Progetto S STEGNO. A chi rivolgersi. in caso di necessità Progetto S STEGNO VOL. 6 A chi rivolgersi in caso di necessità A chi rivolgersi in caso di necessità 118 ORE Il 118 è il numero telefonico attivo in Italia per la richiesta di soccorso sanitario. È un

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU3 17/01/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 11 dicembre 2012, n. 21-5035 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin:

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin: REGIONE PIEMONTE BU15 10/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2014, n. 20-7210 Approvazione Fabbisogni Formativi delle Professioni Sanitarie e dei Laureati magistrali delle Professioni

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU36 08/09/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 30 agosto 2011, n. 18-2532 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Parente Luisa Data di nascita 08/06/1952 AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANNA E SAN SEBASTIANO DI CASERTA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Parente Luisa Data di nascita 08/06/1952 AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANNA E SAN SEBASTIANO DI CASERTA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Parente Luisa Data di nascita 08/06/1952 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Psicologo Dirigente AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANNA E SAN SEBASTIANO

Dettagli

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute

Casa della Salute. Portomaggiore e Ostellato. Portomaggiore. Via De Amicis 22. Casa della Salute. Casa della Salute Casa della Salute Casa della Salute Azienda Unità Sanitaria Locale di Ferrara Casa della Salute Portomaggiore e Ostellato Via De Amicis 22 Portomaggiore Cos è la Casa della Salute La Casa della Salute

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MANCINO PAOLA ASL AL VIA RAGGIO 12, 15067 NOVI LIGURE (AL) Telefono 0143/332912 2363-2465 Fax 0143/332919

Dettagli

Notizie dalla Regione

Notizie dalla Regione Anno II - Numero 6 del 25 marzo 2014 Notizie dalla Regione Zanetta direttore della Città della Salute e della Scienza Gian Paolo Zanetta è stato nominato direttore generale dell azienda ospedaliero-universitaria

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE Mantova Professione per la vita: L INFERMIERE Scegliere un lavoro che ti permette di essere protagonista nella vita vera, di essere un punto di riferimento per gli altri e di esercitare importanti responsabilità,

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

Rassegna Stampa. Lunedì 31 marzo 2014

Rassegna Stampa. Lunedì 31 marzo 2014 Rassegna Stampa Lunedì 31 marzo 2014 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 31 marzo 2014

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione.

Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Da oggi per diversi importanti problemi di salute i cittadini potranno

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Via F. S. Hahneman, 10 Bari Tel. 0805555111 Prenotazioni 800290848 www.oncologico.bari.it Direttore Generale Dott. Nicola Pansini Direttore Sanitario Dott. Giuseppe

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

IL RETTORE. Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Torino, emanato con Decreto Rettorale n. 1730 del 15 marzo 2012;

IL RETTORE. Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Torino, emanato con Decreto Rettorale n. 1730 del 15 marzo 2012; Tit. 3.05 Decreto Rettorale n. 4846 del 26 luglio 2013 OGGETTO: Attivazione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore del Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco,

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 29-4146 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2

ASL TO2 Torino Nord Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE. Direzione Sanitaria Aziendale. Dipendenze 1. Dipendenze 2 ASL TO2 "Torino Nord" Piano di organizzazione DIREZIONE GENERALE Direzione Sanitaria Macro livello Distretti Circ. 4,5,6,7 Direzione distretto 4 Circoscr. 4 Direzione distretto 5 Circoscr. 5 Direzione

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

Corso di formazione per operatori del territorio sulla violenza domestica e sessuale contro le donne

Corso di formazione per operatori del territorio sulla violenza domestica e sessuale contro le donne Azienda Ospedaliero-Universitaria S. GIOVANNI BATTISTA DI TORINO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE INFANTILE REGINA MARGHERITA S. ANNA DI TORINO DOVE NASCE IL FUTURO Corso di formazione per operatori del territorio

Dettagli

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO q Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO D A T I P E R S O N A L I Nome e cognome Data e luogo di nascita Residenza Nicoletta Scavino 6 settembre 1959, Alba (CN) C.so Francia 103/a 10098 RIVOLI Tel. 011-9572601

Dettagli

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag.

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag. pag. 7 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA

Dettagli

A relazione del Presidente Cota:

A relazione del Presidente Cota: REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 1-2202 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

ANGSA LOMBARDIA ONLUS

ANGSA LOMBARDIA ONLUS ANGSA LOMBARDIA ONLUS Convegno Coop. Sociale Cascina Bianca ASCOLTARE, INFORMARE SENSIBILIZZARE, FARE RETE presentazione di RETE AUTISMO CRITICITA DEL PROGETTO DI VITA DELLE PERSONE CON AUTISMO I CARE

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

CURRICULUM DR.ssa RENATA NACINOVICH

CURRICULUM DR.ssa RENATA NACINOVICH CURRICULUM DR.ssa RENATA NACINOVICH Nata a La Spezia il 7/2/1958 Maturità classica nel 1976 con 60/60 Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1982 con 110/110 discutendo una tesi su: Aspetti psicologici della

Dettagli

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base Questa guida vuol rendere più facile l accesso ai Servizi che vengono erogati nel Quartiere 3 di Firenze dall Azienda sanitaria a cui fanno capo in convenzione i medici di famiglia, i pediatri con i loro

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854

Via Venezian, 1 20133 Milano direttore.sanitario@istitutotumori.mi.it Recapito telefonico ore ufficio 02 23902676 fax 02 23902854 CURRICULUM VITAE E PROFESSIONALE DOTT. VITO CORRAO Informazioni personali Data di nascita 9 agosto 1955 Luogo di nascita Mazara del Vallo (TP) Codice fiscale CRR VTI 55M09 F061M Comune iscrizione liste

Dettagli

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari;

tirocinio pre-laurea presso la Clinica Nefrologica del Policlinico di Bari; Curriculum Vitae Informazioni Personali Nome e Cognome ANNA MARIA CARRERA Data di nascita 22/06/53 Qualifica DIRIGENTE MEDICO Amministrazione ASL LE - LECCE Incarico attuale DIRIGENTE MEDICO Telefono Ufficio

Dettagli

RELAZIONE AZIENDALE SOCIOSANITARIA

RELAZIONE AZIENDALE SOCIOSANITARIA RELAZIONE AZIENDALE SOCIOSANITARIA EX ART. 17 L.R. N. 18 DEL 6 AGOSTO 2007 Anno 2013 (dati 2012) Direttore Generale Avv. Federico Gallo La Relazione Sociosanitaria È lo strumento di accertamento e documentazione

Dettagli

CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA

CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA La CORSO DI Ph.D. (Dottorato di Ricerca) SPECIALISTA IN RICERCA FARMACOLOGICA TECNICO IN RICERCA BIOCHIMICA La Formazione al Mario Negri L Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri è un organizzazione

Dettagli

corso di laurea in INFERMIERISTICA

corso di laurea in INFERMIERISTICA corso di laurea in INFERMIERISTICA a.a. 00/005 Corso di laurea triennale in Infermieristica INFORMAZIONI GENERALI Classe di appartenenza: Professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972. Dirigente Tempo Determinato

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972. Dirigente Tempo Determinato INFORMAZIONI PERSONALI Nome Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Tempo Determinato COMUNE DI ROMA Responsabile

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tonegutti Lorella Data di nascita 31/07/1966 Qualifica Dietista Amministrazione AUSL Valle d Aosta via Guido Rey, 1 11100 Aosta Incarico attuale Dietista Numero

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag.

Regione. Sardegna. Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. Regione Sardegna Oristano (OR) - Presidio Ospedaliero San Martino... Pag. 218 Olbia (OT) - Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II... Pag. 219 Cagliari (CA) - Azienda Ospedaliera G. Brotzu... Pag. 220 Carbonia

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA Terapia della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva (abilitante alla professione sanitaria di Terapista della neuro

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Porretto Simone Lazzaro Data di nascita 20/03/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Medico Direttore di Struttura Complessa ASL AL ALESSANDRIA Direttore

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

RELAZIONE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FONDAZIONE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO PORDENONESE

RELAZIONE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FONDAZIONE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO PORDENONESE RELAZIONE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE FONDAZIONE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO PORDENONESE In uno scenario socio economico come quello attuale, la Fondazione Bcc Pordenonese ha rafforzato il suo impegno

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

Tipo di azienda o settore Ospedale divisione di Medicina Interna Clinica Medica Tipo di impiego Medico

Tipo di azienda o settore Ospedale divisione di Medicina Interna Clinica Medica Tipo di impiego Medico F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FOTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MAURO ZENO Nazionalità Italiana Data di nascita 29/09/1950 ESPERIENZA LAVORATIVA Da anno 1977 al

Dettagli

TESTATA: La Stampa Torino Sette DATA: 07 dicembre 2012

TESTATA: La Stampa Torino Sette DATA: 07 dicembre 2012 TESTATA: La Stampa Torino Sette DATA: 07 dicembre 2012 TESTATA: La Repubblica.it DATA: 29 novembre 2012 Nova Coop e Fondazione Vialli e Mauro insieme contro la SLA Da sinistra, Renato Pocaterra (segretario

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Casciano Dr. Giacinto nato a Taranto il 20/01/1956 C.da Difesa Murge, cs Laterza (TA) E-mail: giacinto.casciano@gmail.

CURRICULUM VITAE. Casciano Dr. Giacinto nato a Taranto il 20/01/1956 C.da Difesa Murge, cs Laterza (TA) E-mail: giacinto.casciano@gmail. CURRICULUM VITAE Casciano Dr. Giacinto nato a Taranto il 20/01/1956 C.da Difesa Murge, cs Laterza (TA) CF: CSCGNT56A20L049D E-mail: giacinto.casciano@gmail.com ISTRUZIONE E FORMAZIONE 1981 Laurea in Medicina

Dettagli

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE Direzione centrale salute e protezione sociale PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE 2006-2008 (ex articolo 7 L.R. 23 del 29 luglio 2004) Documento N.2 di 2 Schede di ospedale Dicembre 2005 INDICE

Dettagli

URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE COLLEGNO: 011-4017271 URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE PINEROLO: 0121-233318

URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE COLLEGNO: 011-4017271 URP UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE PINEROLO: 0121-233318 A.S.L. TO3 Azienda Sanitaria Locale di Collegno e Pinerolo Sede legale provvisoria Via Martiri XXX Aprile, 30 COLLEGNO Sede di Pinerolo Str. Fenestrelle, 72 PINEROLO CENTRALINO COLLEGNO: 011-95511 CENTRALINO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Ultima revisione: Aprile 2014 PARTE GENERALE 1. PRESENTAZIONE DELLA FONDAZIONE SCARPARI FORATTINI ONLUS L ente trae origine dalle disposizioni testamentarie

Dettagli

COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA. Posizione Organizzativa - GESTIONE ATTIVITA' SALE OPERATORIE ED AMBULATORIALI

COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA. Posizione Organizzativa - GESTIONE ATTIVITA' SALE OPERATORIE ED AMBULATORIALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome SACCO GIOVANNA Data di nascita 01/04/1949 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA AZIENDA

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 23 febbraio

Dettagli

IL RETTORE DECRETA. Corso di Master Universitario di I livello in Infermiere Psichiatrico (AA.AA. 2014/2015 e 2015/2016, VI ed.)

IL RETTORE DECRETA. Corso di Master Universitario di I livello in Infermiere Psichiatrico (AA.AA. 2014/2015 e 2015/2016, VI ed.) \ DIVISIONE PRODOTTI SETT ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9 Fax 0161 210 289 progetti.didattica@unipmn.it Decreto del Rettore Repertorio n. 616/2014 Prot. n. 12671 del

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE

DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE Organigramma DIREZIONE GENERALE SICUREZZA DEI LAVORATORI E DEGLI AMBIENTI DILAVORO CONTROLLO DIGESTIONE AREA DI SUPPORTO DIREZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LO SVILUPPO (ASDOS) INGEGNERIA CLINICA DIREZIONE

Dettagli

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Carla Repetto Data di nascita 23 luglio 1957 Qualifica CPSE Amministrazione ASL AL Incarico attuale Responsabile SITRO Formazione Numero telefonico

Dettagli

Lauree triennali delle professioni sanitarie. Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista

Lauree triennali delle professioni sanitarie. Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista Lauree triennali delle professioni sanitarie Terapista della neuro e psicomotricità della età evolutiva Educatore professionale Logopedista I.R.C.C.S. E. Medea: Polo di Eccellenza in Sanità Friendly Hospital

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

RESPONSABILE PROPONENTE DEL PROGETTO

RESPONSABILE PROPONENTE DEL PROGETTO SCHEMA GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL PROGETTO DI RETE ONCOLOGICA PIEMONTE VALLE D AOSTA Polo Oncologico di riferimento: Poli Oncologici coinvolti: Azienda Sanitaria (di riferimento): Altre Aziende partecipanti:

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Brescia, 11 febbraio 2012

Brescia, 11 febbraio 2012 Brescia, 11 febbraio 2012 Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Requisiti per l ammissione al Corso di Laurea

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Ospedale privato Villa Igea

Ospedale privato Villa Igea Residenza psichiatrica il Borgo Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

MEDICI - Dirigente medico a rapp.esclusivo. Incarico di natura prof.,studio/ricerca

MEDICI - Dirigente medico a rapp.esclusivo. Incarico di natura prof.,studio/ricerca CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome [COGNOME, Nome] Data di nascita Qualifica MORGANTE SUSANNA 16-dic-57 MEDICI - Dirigente medico a rapp.esclusivo Amministrazione Azienda Ulss n.20 Incarico attuale

Dettagli

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Angelo Bianchetti Come si finanzia l ospedale Remunerazione attività tariffate: Attività di degenza (ricovero e DH) per acuti remunerate

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

sanità asl 14 Azienda Sanitaria Locale n. 14 del Verbano Cusio Ossola

sanità asl 14 Azienda Sanitaria Locale n. 14 del Verbano Cusio Ossola asl 14 Azienda Sanitaria Locale n. 14 del Verbano Cusio Ossola SEDE ORGANIZZATIVA: via Mazzini, 117 28887 Omegna (VB) 0323 868178 800 307114 (numero verde, informazioni da lunedì al venerdì dalle 8.00

Dettagli

Curriculum Vitae: VIRZI ANTONIO Data di nascita 09/11/1954. Curriculum Studiorum. Carriera Accademica ed attività didattiche

Curriculum Vitae: VIRZI ANTONIO Data di nascita 09/11/1954. Curriculum Studiorum. Carriera Accademica ed attività didattiche Curriculum Vitae: VIRZI ANTONIO Data di nascita 09/11/1954 Luogo di nascita Curriculum Studiorum Catania Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1978 con il massimo dei voti. Dall anno accademico 1978/79

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Dipartimento di Scienze della Salute Università di Milano Via A. di Rudinì, 8 20142 MILANO

Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Dipartimento di Scienze della Salute Università di Milano Via A. di Rudinì, 8 20142 MILANO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Prof. Dr. Enrica Riva Clinica Pediatrica Ospedale San Paolo Dipartimento di Scienze della Salute

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

La formazione di base

La formazione di base Formazione La formazione di base LA FORMAZIONE DI BASE PROFESSIONALIZZANTE Per formazione di base si intende la formazione scolastica, professionale, accademica e di riqualificazione che, attuandosi secondo

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 28-4145 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli