Notizie dalla Regione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notizie dalla Regione"

Transcript

1 Anno II - Numero 7 dell 8 aprile 2014 Notizie dalla Regione Strutture residenziali psichiatriche, la Regione attua gli accordi nazionali L assessore alla Sanità ha voluto replicare ad alcuni consiglieri di minoranza che, sul tema del disagio mentale, hanno accusato la Giunta di aver agito con fretta. In particolare, ha sostenuto che il riordino della residenzialità psichiatrica non deriva da un autonoma iniziativa dell assessorato, ma dall accordo approvato ad ottobre dalla Conferenza Unificata Stato- Regioni-Enti locali sulla base di un documento Agenas, valido a livello nazionale. La tipologia delle strutture residenziali psichiatriche viene distinta per il livello di intervento terapeutico-riabilitativo e per il livello di intensità assistenziale offerto. Sono 3 le tipologie individuate: SRP1 - struttura residenziale psichiatrica per trattamenti terapeutico-riabilitativi a carattere intensivo; SRP2 - struttura residenziale psichiatrica per trattamenti terapeutico riabilitativi a carattere estensivo. Queste strutture possono essere articolate su diversi livelli di intensità assistenziale, che configurano diverse sottotipologie. SRP3 - struttura residenziale psichiatrica per interventi socio riabilitativi, con differenti livelli di intensità assistenziale, articolata in tre sottotipologie, con personale socio-sanitario presente nelle 24 ore, nelle 12 ore o per fasce orarie. Il Consiglio ha dato mandato alla Giunta di attuare la riclassificazione delle strutture residenziali psichiatriche in Piemonte, secondo le disposizioni nazionali. La Giunta si è limitata a proporre, al momento, la regolamentazione dei cosiddetti gruppi appartamento, attualmente afferenti alle tipologie SRP3 e in parte SRP. La tipologia SRP3, a differenza delle altre che sono a totale carico del SSN, in base all accordo nazionale prevede una compartecipazione del paziente. Ma, proprio per evitare di gravare sui pazienti e sulle loro famiglie ed eventualmente sui Comuni e gli enti gestori nel caso di indigenti, in presenza di redditi medio-bassi l onere sarà a carico dei servizi sociali della Regione. Secondo l assessore non vi è alcuna fuga in avanti, né intempestività, ma solo la volontà di contribuire a avviare un percorso che, indipendentemente dalle amministrazioni pro tempore, dovrà attuare le disposizioni emanate dal servizio sanitario nazionale a tutela dei pazienti e delle loro famiglie, con la previsione di modelli di intervento e di assistenza adeguate alle necessità dei soggetti psichiatrici. 1

2 Screening patologie infettive La Regione Piemonte, prima in Italia, ha avviato e finanziato il progetto Screening patologie infettive nei SerD piemontesi. Coordinato dalla Direzione Sanità, il progetto partito a dicembre 2013 ha come obiettivo la diagnosi precoce e il tempestivo avvio alle cure, aumentando i test infettivologici effettuati nei Servizi per le Dipendenze, fino a testare entro due anni il 100% dei nuovi utenti e il 90% dei soggetti già in carico, perseguendo l incremento annuale del 30% di soggetti vaccinati per HBV (epatite B) nella popolazione a rischio, sino a raggiungere il 90% (Linee di Indirizzo Piano di Azione Regionale Dipendenze ). Nel progetto sono coinvolti i medici infettivologi dei SerD: il Dipartimento Dipendenze 1 dell Asl TO2, diretto dal dottor Emanuele Bignamini, è stato identificato come capofila, in collaborazione con il Centro regionale di riferimento delle Malattie infettive ed il Laboratorio di Virologia dell ospedale Amedeo di Savoia di Torino e il Dipartimento Politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei ministri. Considerando gli anni , in Piemonte si osserva una riduzione dell esecuzione dei test sierologici per HBV e HCV, mentre rimane stabile la proporzione di utenti testati per l HIV. Il 4,9% dei soggetti trattati era sieropositivo per HIV, il 30,7% era sieropositivo o vaccinato contro l infezione da HBV e il 34% era sieropositivo per HCV: dati probabilmente sottostimati a causa della bassa proporzione di soggetti sottoposti al test. Escludendo i soggetti trattati per cannabis, tabacco, gioco d azzardo patologico e disturbi alimentari, la proporzione di soggetti testati nel 2010 è del 53,4% per HIV, del 79,2 per HBV e del 62,6 per HCV. Nel mese di maggio incomincerà la formazione specifica di medici e infermieri dei SerD piemontesi, con incontri già previsti nelle giornate del 7 e del 14 maggio, per la presentazione del progetto agli operatori, e del 22 e 29 maggio per i moduli formativi sull utilizzo del test rapido salivare. Le decisioni della Giunta regionale Durante la riunione del 7 aprile, le aziende sanitarie sono state autorizzate a conferire incarichi di direttore di distretto e di struttura complessa, a condizione che tali strutture siano previste dai vigenti atti aziendali, siano coerenti con la revisione della rete ospedaliera piemontese e che l assenza del responsabile comprometta l organizzazione dei servizi resi ai cittadini. E stato anche deciso che i cittadini iscritti all Aire (Anagrafe degli italiani residenti all estero) con lo stato di emigrato e i titolari di pensione corrisposta da enti previdenziali italiani hanno diritto ad usufruire, qualora non abbiano una copertura assicurativa pubblica o privata, di prestazioni ospedaliere urgenti per un massimo di 90 giorni, anche non consecutivi, per ogni anno. 2

3 Il CSI-Piemonte gestirà il sistema informativo regionale Nell ambito del riordino delle attività regionali nel settore ICT (Information and Communication Technology) la Giunta regionale ha affidato al CSI-Piemonte la gestione e lo sviluppo coordinato del sistema informativo sanitario regionale e delle tecnologie di informazione e comunicazione correlate, con l obiettivo di ridurre la complessità archietturale dell ICT sanitario regionale e razionalizzare i costi di gestione. Le aziende che ancora non hanno il ruolo di socio del Consorzio riceveranno dalla Regione uno specifico indirizzo di adesione, per assicurare uniformità negli adempimenti funzionali alla riorganizzazione dell informatica sanitaria ed evitare così comportamenti disomogenei e controproducenti all obiettivo di razionalizzazione e risparmio della spesa. Notizie dal territorio Identificato per la prima volta un nuovo gene che causa la Sla E' stato identificato un nuovo gene, principale causa della Sla: denominato Matrin3 e localizzato sul cromosoma 5, è stato scoperto in diverse ampie famiglie con più membri affetti da SLA e da demenza frontotemporale. I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale Nature Neuroscience, che ha addirittura dedicato la propria copertina all'evento. Gli autori di questa eccezionale scoperta sono un gruppo di ricercatori italiani del consorzio ITALSGEN (che riunisce 14 centri universitari ed ospedalieri italiani che si sono uniti per la lotta contro la Sla), coordinati dal professor Adriano Chiò (Centro Sla del Dipartimento di Neuroscience Rita Levi Montalcini dell'ospedale Molinette della Città della Salute e della Scienza e dell'università di Torino), dalla dottoressa Gabriella Restagno (Laboratorio di Genetica molecolare dell azienda ospedaliero-universitaria Città della Scienza e della Salute di Torino) e dal professor Mario Sabatelli (dell Istituto di Neurologia-Centro Sla dell Università Cattolica-Policlinico A. Gemelli di Roma), in collaborazione con il dottor Bryan Traynor (neurologo dell NIH di Bethesda, Washington). La scoperta è stata possibile grazie all utilizzazione di nuove tecniche di sequenziamento dell intero esoma (exome sequencing), cioè della parte del dna che codifica per le proteine. La proteina Matrin3 è una proteina che lega il dna e condivide domini strutturali con altre proteine che legano l rna, come Fus e TDP43 che sono anch esse implicate nella Sla. Lo studio è stato eseguito su 108 casi (32 italiani, raccolti dai centri aderenti al consorzio). Per accertare l assenza di mutazioni in soggetti sani, il gene Matrin3 è stato poi sequenziato in circa 5190 controlli sani, 1242 dei quali italiani. Tutti i dati di sequenza degli esomi ottenuti con questa ricerca sono stati resi di dominio pubblico per poter essere utilizzati da altri 3

4 ricercatori in tutto il mondo per ulteriori ricerche. La scoperta di questo nuovo gene rappresenta pertanto una svolta fondamentale per la comprensione di questa terribile patologia ed offre prospettive per l identificazione di terapie per il suo trattamento. La ricerca è stata finanziata per la parte italiana da AriSLA Fondazione Italiana di ricerca per la SLA nell ambito del progetto SARDINIALS, dalla Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, dalla FIGC Federazione Italiana Gioco Calcio, dal Ministero della Salute e dalla Comunità Europea nell ambito del 7 Programma Quadro. Fascicolo sanitario nell Asl CN1, istruzioni per l uso Dal 7 aprile sono attivi, nell Asl CN1, gli sportelli per il rilascio delle credenziali che permettono di accedere ai servizi on line. Entrando in possesso delle credenziali (la procedura di registrazione è gratuita), il cittadino potrà avere accesso, dal mese di maggio, al fascicolo sanitario elettronico e, successivamente, effettuare il cambio del medico di famiglia, ritirare referti, prenotare visite ed esami, pagare il ticket. Il Fascicolo sanitario elettronico traccia la storia clinica, collegando le informazioni e gli esami prodotti dai medici e operatori sanitari. Contiene esami, referti, lettere di dimissioni, prescrizioni e tutto il materiale firmato digitalmente che descrive gli eventi clinici di ciascun cittadino. Aperto l Hospice di Foglizzo Un luogo dedicato alle cure palliative per prevenire e contenere il dolore del persone attraverso un supporto di tipo psicologico e sociale rivolto sia alla persona malata sia al nucleo familiare. L hospice di via Olivero a Foglizzo, in funzione dal 31 marzo, rappresenta la casa per tutti i malati di tumore dove gli operatori lavorano per assicurare la miglior qualità di vita possibile, unita all accudimento delle persone, all ascolto e alla condivisione. Con l hospice di Foglizzo, composto inizialmente da cinque dei dieci posti letto disponibili, si completa così la rete aziendale di cure palliative, domiciliare e residenziale, rappresentata finora dalle unità operative di Chivasso, di Ciriè e di Ivrea e dagli hospice di Lanzo e di Salerano. L assistenza nella nuova struttura è prestata dall Asl TO4 in collaborazione con la cooperativa sociale Pier Giorgio Frassati, che già opera nell attigua residenza sanitaria assistenziale, e con l associazione SAMCO Onlus. Trasferita la struttura di Post Acuzie Cardiologica da Lanzo a Cirié Si sono concluse le operazioni di trasloco della struttura di Post Acuzie Cardiologica dall ospedale di Lanzo a quello di Ciriè, dove sono stati trasferiti alcune pazienti che da pochi giorni possono usufruire di spazi appositamente ristrutturati e rinnovati, compresa la nuova 4

5 palestra adibita ad accogliere le persone che necessitano di riabilitazione a seguito di problemi cardiologici. Il trasferimento rappresenta una nuova opportunità per le persone ricoverate nell ospedale di Cirié grazie alla presenza dell Unità di terapia intensiva coronarica e di un reparto di Cardiologia per acuti. La struttura si trova nei locali dell ex Urologia al terzo piano, ed è in grado di ospitare 17 posti letto. Nuovi laureati in Infermieristica dell Università del Piemonte orientale Si è concluso il corso di laurea in Infermieristica dell Università del Piemonte orientale con sede di studio e di tirocinio formativo nell azienda ospedaliera SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria. Nella giornata di giovedì 27 marzo sono stati proclamati i nuovi dottori in Infermieristica dell anno accademico 2013/2014: Paolo Amato, Francesco Bortaccio, Domenico Calabrò, Carlos Juan Conception Perez, Carlotta De Martino, Giulia Dispenza, Mariaconcetta Ferrera, Elisa Alessandra Furegato, Ariela Gilardenghi, Nicola Matteo Picchio, Simona Pregnolato, Sara Saglieme, Jessica Stinà, Martina Verona. Progetto triennale di screening sui disturbi dell apprendimento Si conclude quest anno il progetto di prevenzione ed intervento avviato dall Asl AL denominato I disturbi dell apprendimento e le difficoltà scolastiche, percorso triennale avvenuto in alcune scuole della provincia di Alessandria dove i bimbi partecipanti sono stati monitorati per evitare l insorgere di disturbi dell apprendimento. La sperimentazione è nata dalla collaborazione tra il servizio di Neuropsichiatria Infantile e quello di Psicologia dell età evolutiva che, insieme agli istituti Rodari di Tortona, Pascoli di Novi Ligure e Montemanni di Cassano Spinola hanno elaborato un progetto finalizzato ad osservare nel tempo l andamento di ogni singolo alunno, evidenziandone miglioramenti oppure sottolineando difficoltà relative agli apprendimenti scolastici. In particolare, dallo screening effettuato nel maggio 2012 sono emersi 24 bambini con necessità di un approfondimento specialistico. A Domodossola inaugurazione di emodinamica e astanteria Giovedì 24 aprile, alle 11, nell ospedale S. Biagio di Domodossola verrà inaugurato il servizio di emodinamica, realizzato grazie al contributo stanziato dalla Regione. La struttura disporrà di un angiografodigitale concesso in comodato d uso gratuito dall Asl TO4. La Regione ha previsto che lo sviluppo dell attività si realizzi in stretta integrazione con l azienda ospedaliera di Novara, che svolge funzione di coordinamento. La fase iniziale dell attività, a carattere sperimentale, verrà svolta con orario 8-16 per alcuni giorni della settimana, per poi prevedere, a regime, l orario di apertura h 24. Nella stessa giornata verrà anche inaugurata la 5 nuova astanteria, dotata di 10 posti letto di

6 osservazione breve, integrata con due posti di osservazione pediatrica. Il punto nascite di Verbania funziona regolarmente A Verbania si partorisce. L incendio scoppiato lo scorso dicembre ha lasciato nell opinione pubblica l idea che il punto nascita di Verbania sia chiuso. Non è così: tutto funziona a pieno regime. Pochi giorni dopo che le fiamme hanno devastato la sala operatoria di Ostetricia, la direzione sanitaria ha riorganizzato l attività utilizzando gli altri blocchi operatori e ha reso pienamente operative le sale parto e un altra sala operatoria per i tagli cesarei. Inoltre, è stata anche allestita una sala operatoria aggiuntiva per eventuali tagli cesarei in emergenza, proprio a ridosso delle sale parto. A testimoniare la completa operatività del punto nascita verbanese, nel mese di aprile le strutture di Ostetricia e Neonatologia avranno una visita di delegati Unicef per ricertificare quanto raggiunto nel 2010: il riconoscimento per il Castelli (unico in Piemonte) del titolo di ospedale Amico del Bambino per la promozione dell allattamento al seno. Premiati due ricercatori dell UniTo Due ricercatori del NICO - Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi - dell Università di Torino sono tra i vincitori delle 130 borse di ricerca annuali assegnate nell ambito del bando Grant 2014 promosso dalla Fondazione Veronesi. Enrica Boda e Paolo Mele, rispettivamente PhD in Neuroscienze e in Farmacologia e Terapia Clinica e Sperimentale all Università di Torino, sono stati premiati il 26 marzo a Roma in Campidoglio dal fondatore Umberto Veronesi e dal presidente Paolo Veronesi. Enrica Boda ha presentato un progetto sulle cellule staminali progenitrici e le loro potenzialità per migliorare le funzioni cognitive e le capacità di rigenerazione del cervello anziano, Paolo Mele studia invece il ruolo delle cure materne nel migliorare la plasticità del cervello, e in particolare il ruolo del gene Npy1r nelle reti perineurali. Studio torinese sulla cefalea si aggiudica l Isico award Ha vinto l Isico Award, in occasione del IX Congresso nazionale R&R che si è tenuto lo scorso 15 marzo a Milano, la ricerca torinese che ha presentato Un programma educazionale e fisico per ridurre cefalea e dolore a collo e spalle in un ambiente di lavoro: uno studio clinico randomizzato. Il congresso di Isico (Istituto scientifico italiano colonna vertebrale) si conferma uno degli appuntamenti più importanti per chi si occupa di trattamento riabilitativo delle patologie della colonna: alle letture magistrali degli ospiti internazionali sono seguite le sessioni pratiche e lapresentazione di quattro ricerche nazionali, tra le quali è stato scelto il vincitore dell Isico Award. 6

7 I primi 5 anni dell ospedale di Mondovì Amarcord in occasione dei primi 5 anni dell ospedale Regina Montis Regalis di Mondovì: sabato 5 aprile il direttore generale dell Asl CN1, Gianni Bonelli, ha ricordato, insieme ad altri protagonisti di primo piano, il percorso che portò negli anni Novanta alla decisione di costruire un nuovo ospedale per il Monregalese e alle successive tappe: il cantiere, l inaugurazione, la nomina di nuovi primari, la crescita di un ospedale che ha moltiplicato i suoi numeri ma che contiene in sé ancora potenzialità di sviluppo. A Ceva un punto biblioteca per la comunità psichiatrica Giovedì 17 aprile alle 11,30 si inaugura presso la Comunità psichiatrica riabilitativa di Ceva un punto biblioteca rivolto principalmente agli utenti della struttura. La biblioteca ospita numerosi volumi di lettura, in particolare: saggi divulgativi, romanzi di varia ambientazione, romanzi classici, best sellers e libri di attualità, raccolte fotografiche. Al Sant Andrea di Vercelli laambulatorio per il tumore della mammella E di questi giorni l attivazione di uno specifico ambulatorio di senologia operativo ogni giovedì presso la Piastra ambulatoriale di Largo Giusti a Vercelli. Un percorso dettagliato e multidisciplinare studiato appositamente per agevolare le donne che riscontrano un nodulo mammario con la finalità di fornire un servizio completo e prestazioni di alto livello in termini di qualità, esperienza chirurgica, oncologica, radiologica e radioterapeutica. Il tumore della mammella è il più frequente tra i tumori che colpiscono le donne. Ogni anno in Italia 13 donne su si ammalano di questa malattia. Per questo tipo di malattia sono oggi disponibili cure molto efficaci, infatti la sopravvivenza dopo 5 anni dalla diagnosi del tumore èdell 87%. Questa percentuale aumenta se la diagnosi viene fatta nelle fasi iniziali del tumore. Proprio per questo motivo è molto importante partecipare a programmi di prevenzione come lo screening attivato dalla Regione Piemonte (Prevenzione Serena). A Vercelli un seminario sui pericoli del web Nell ambito del progetto per contrastare la violenza sui minori, venerdì 11 aprile, nell aula magna dell ospedale Sant Andrea di Vercelli si terrà la giornata di formazione sul tema Minori e web: attrezzarsi per difenderli. I temi riguarderanno le nuove forme di violenza come il bullismo ed cyberbullismo, rappresentano un emergenza che in alcune occasioni ha portato a tragici epiloghi. 7

8 Dal Maria Vittoria solidarietà ai bimbi bielorussi contaminati Prosegue anche quest anno all ospedale Maria Vittoria di Torino la campagna di solidarietà in collaborazione con l associazione Comitato Girotondo per la salute di bambini e ragazzi bielorussi contaminati dall incidente nucleare di Chernobyl,. Giunto in Italia lo scorso 8 marzo, un gruppo di 17 tra bambini e ragazzi di età compresa tra i 7 e i 12 anni sono stati valutati nell ambulatorio di Chirurgia per lo studio, la diagnosi e l eventuale trattamento della patologia tiroidea, indotta dal danno radioattivo conseguente alla tragedia del Newsletter a cura di: Settore Stampa e Nuovi Media della Giunta regionale (Piero Mora, Pasquale de Vita) Ha collaborato: Giancarlo Perazzi 8

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALCIATI ALESSANDRA Indirizzo Telefono 3381985310 CF E-mail VIA CAPRERA 4, 20144 MILANO LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

Dettagli

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco

Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Conferenza dei Sindaci ASL della provincia di Lecco Documento di programmazione e coordinamento dei servizi iis Sanitari i e Socio Sanitari Sanitari anno 2014 Lecco, 28 gennaio 2014 1 Documento di programmazione

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 96

PROPOSTA DI LEGGE N. 96 presentata dai consiglieri Sibau, Ziberna 1 il 26 maggio 2015

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA I disturbi dello spettro autistico rappresentano un disordine neuropsicologico complesso biologicamente

Dettagli

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella

Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale - Mammella Opuscolo informativo Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale PDTA Mammella 1 Gentilissima Signora, lei è stata invitata ad eseguire esami di accertamento perché dopo aver visto l ultima mammografia

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

VISITE SPECIALISTICHE ED ESAMI

VISITE SPECIALISTICHE ED ESAMI VISITE SPECIALISTICHE ed ESAMI Come accedere alle visite specialistiche, agli accertamenti diagnostici e agli esami di laboratorio: documenti necessari, prenotazione, indirizzi e orari. Chi deve pagare

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tumiati Marina Data di nascita 31 gennaio 1964 Qualifica Infermiera Amministrazione Azienda U.L.S.S. 19 Incarico attuale Infermiera con incarico di tutor degli

Dettagli

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Parente Luisa Data di nascita 08/06/1952 AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANNA E SAN SEBASTIANO DI CASERTA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Parente Luisa Data di nascita 08/06/1952 AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANNA E SAN SEBASTIANO DI CASERTA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Parente Luisa Data di nascita 08/06/1952 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Psicologo Dirigente AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANNA E SAN SEBASTIANO

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

Associazione per le cure palliative (onlus)

Associazione per le cure palliative (onlus) CON NOI Associazione per le cure palliative (onlus) CON NOI Associazione per le cure palliative Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) Chi siamo "CON NOI" è un'associazione di volontariato

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU36 08/09/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 30 agosto 2011, n. 18-2532 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU3 17/01/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 11 dicembre 2012, n. 21-5035 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II

PUGLIA. Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Istituto dei Tumori Giovanni Paolo II Via F. S. Hahneman, 10 Bari Tel. 0805555111 Prenotazioni 800290848 www.oncologico.bari.it Direttore Generale Dott. Nicola Pansini Direttore Sanitario Dott. Giuseppe

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2007/08 LAUREA SANITARIA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza: SNT/1 Professioni sanitarie infermieristiche

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE E CURA DEL DIABETE MELLITO REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 17 MARZO 2015, N. 190 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PREVENZIONE, DIAGNOSI PRECOCE

Dettagli

Tale convenzione è stata siglata dalla parti in data 03.11.2010 ed ha avuto validità fino al 31.12.2011.

Tale convenzione è stata siglata dalla parti in data 03.11.2010 ed ha avuto validità fino al 31.12.2011. REGIONE PIEMONTE BU19 09/05/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 16 aprile 2013, n. 41-5670 Approvazione dello schema di convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Autonoma Valle d'aosta per

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013.

Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013. Posti letto per tipo di disciplina negli ospedali a gestione diretta della provincia di Vicenza. Anni 2011 2013. Anno 2011 2012 2013 104 ULSS 4 Alto Vicentino 105 ULSS 5 Arzignano 106 ULSS 6 Vicenza Acuti

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 008/009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA PREMESSA CARATTERISTICHE E FINALITA DEL CORSO Il di Laurea in Infermieristica Pediatrica, appartenente alla Classe delle

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972. Dirigente Tempo Determinato

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972. Dirigente Tempo Determinato INFORMAZIONI PERSONALI Nome Bellucci Maria Teresa Data di nascita 19/07/1972 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Tempo Determinato COMUNE DI ROMA Responsabile

Dettagli

C URRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. FRANCESIA, NADIA nadia.francesia@gmail.com ESPERIENZA LAVORATIVA

C URRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. FRANCESIA, NADIA nadia.francesia@gmail.com ESPERIENZA LAVORATIVA COGNOME NOME: FRANCESIA NADIA Professione : infermiera pediatrica Sede lavorativa: Azienda Sanitaria Ospedaliera O.I.R.M. S.-ANNA E-mail: nadia.francesia@gmail.com CURRICULUM C URRICULUM VITAE INFORMAZIONI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MANCINO PAOLA ASL AL VIA RAGGIO 12, 15067 NOVI LIGURE (AL) Telefono 0143/332912 2363-2465 Fax 0143/332919

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA Terapia della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva (abilitante alla professione sanitaria di Terapista della neuro

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria

OFFERTA SERVIZI. Servizi Sanitari Ospedalieri. Assistenza Primaria OFFERTA SERVIZI Servizi Sanitari Ospedalieri Questi servizi vengono resi all interno del Presidio Ospedaliero di Bobbio e si declinano in: primo intervento urgente valutazioni diagnostico specialistiche

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

IL PIEMONTE E LA LEGGE 38. Coordinatore Commissione Terapia del Dolore

IL PIEMONTE E LA LEGGE 38. Coordinatore Commissione Terapia del Dolore IL PIEMONTE E LA LEGGE 38 Dott.ssa Rossella Marzi Coordinatore Commissione Terapia del Dolore Presupposti per la costituzione del modello (Legge 15 marzo 2010 n. 38, Art. 3. all. A) Compiti delle strutture

Dettagli

brevi informazioni sui servizi socio-sanitari

brevi informazioni sui servizi socio-sanitari Sede legale: via Albere, 30-35043 Monselice Tel. 0429 714111 E-mail: ufficio.protocollo@ulss17.it PEC: protocolloinformatico.ulss17@pecveneto.it www.ulss17.it brevi informazioni sui servizi socio-sanitari

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin:

A relazione del Vicepresidente Pichetto Fratin: REGIONE PIEMONTE BU15 10/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2014, n. 20-7210 Approvazione Fabbisogni Formativi delle Professioni Sanitarie e dei Laureati magistrali delle Professioni

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

Regione. Liguria. Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86

Regione. Liguria. Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86 Regione Liguria Genova (GE) - Ospedale Villa Scassi... Pag. 85 Pietra Ligure (SV) - Ospedale Santa Corona... Pag. 86 Genova (GE) - Ente Ospedaliero Ospedali Galliera... Pag. 87 Lavagna (GE) - Ospedali

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE BU47 22/11/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 31 ottobre 2012, n. 29-4854 Recepimento ed iniziale attuazione dell'intesa del 25.07.2012, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della Legge 5

Dettagli

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Dott. Vitaliano De Salazar, Direttore Generale Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

Dettagli

PROGETTO. Definizione del problema

PROGETTO. Definizione del problema 1 PROGETTO LA CASA DI FAUSTA Realizzazione della Casa di Accoglienza La Casa di Fausta per bambini ricoverati presso il Dipartimento Materno Infantile, dell Azienda Ospedaliero Sanitaria Policlinico di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi le politiche CONFRONTI 3/2011 163 Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi Migliorando le condizioni di vita e spostandosi più in là le frontiere della medicina, da

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

A L L E G A T O. Garanzie di Qualità per il cittadino. anno 2009 verifica

A L L E G A T O. Garanzie di Qualità per il cittadino. anno 2009 verifica A L L E G A T O 1 Garanzie di Qualità per il cittadino anno 2009 verifica GARANZIE DI QUALITÀ PER IL CITTADINO Garanzie di qualità per il cittadini anno 2009 L Azienda Usl di Piacenza promuove il miglioramento

Dettagli

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050 Carta dei servizi INFORMAZIONI GENERALI Scopo di questa Carta dei servizi è quello di offrire le informazioni per

Dettagli

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1

23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento n. 1 Pag. 244 di 259 ORGANIGRAMMA AZIENDALE 23/02/2015 1 23/04/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 33 - Supplemento

Dettagli

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno

Conferenza Stampa. Cure intermedie: attivi 6 posti. all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Conferenza Stampa Cure intermedie: attivi 6 posti all ASP Bassa Est San Mauro Abate di Colorno Mercoledì 17 settembre 2014 - ore 11.30 Sala riunioni Servizio Attività Tecniche AUSL di Parma Via Spalato

Dettagli

PIANO DEI CENTRI DI COSTO

PIANO DEI CENTRI DI COSTO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA Via Dante Alighieri 89900 Vibo Valentia Partita IVA n 02866420793 Allegato A alla delibera n. 109/CS del 8.2.2012 PIANO DEI CENTRI DI COSTO

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tonegutti Lorella Data di nascita 31/07/1966 Qualifica Dietista Amministrazione AUSL Valle d Aosta via Guido Rey, 1 11100 Aosta Incarico attuale Dietista Numero

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale

ALLEGATO N. 2. L'organizzazione aziendale Azienda ULSS n. 8 - Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 ALLEGATO N. 2 L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base

1 Diagnostica vascolare Doppler, vasi del collo e arti inferiori. Appuntamento tramite CUP con richiesta del medico di base Questa guida vuol rendere più facile l accesso ai Servizi che vengono erogati nel Quartiere 3 di Firenze dall Azienda sanitaria a cui fanno capo in convenzione i medici di famiglia, i pediatri con i loro

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

ecampese@ospedale.al.it ecampese@tele2.it

ecampese@ospedale.al.it ecampese@tele2.it aggiornato ad aprile 2010 Nome ELISABETTA CAMPESE Indirizzo ALESSANDRIA,VIA MONTE GRAPPA N 65 Telefono. 0131444477-3393322633 Fax 0131206215 E-mail ecampese@ospedale.al.it ecampese@tele2.it Nazionalità

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente disegno di legge nasce dalla triste

Dettagli

REGIONE LIGURIA IN BREVE

REGIONE LIGURIA IN BREVE REGIONE LIGURIA IN BREVE La Regione Liguria ha approvato, nel tempo, diversi progetti per l autismo, effettuati in collaborazione con i centri specialistici e le associazioni di familiari. Nel 2004 approva

Dettagli

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009.

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie  presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009. C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E Giorgi Federica nata a Velletri il 05.05.1950. Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù Massimiliano Manzetti Direzione Sistemi Informativi e Organizzazione Ospedale Pediatrico Bambino Gesù I Seminario Sicurezza

Dettagli

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL RELATORE ADOTTATO COME TESTO BASE

TESTO UNIFICATO ELABORATO DAL RELATORE ADOTTATO COME TESTO BASE Disposizioni in materia di assistenza psichiatrica. C. 919 Marinello, C. 1423 Guzzanti, C. 1984 Barbieri, C. 2065 Ciccioli, C. 2831 Jannone, C. 2927 Picchi, C. 3038 Garagnani e C. 3421 Polledri. TESTO

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2.

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Alcuni dati di contesto 2 La S.O.C. Psicologia dell A.S.L. CN2 ha valenza territoriale ed ospedaliera; articola gli interventi sanitari su due Presidi Ospedalieri

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Chirurgia fa parte del Dipartimento di Chirurgia Generale e d Urgenza. Comprende la Struttura Semplice

Dettagli

Contratto tra l Azienda Ulss 18 di Rovigo ed i Pediatri di Libera Scelta Anno 2007

Contratto tra l Azienda Ulss 18 di Rovigo ed i Pediatri di Libera Scelta Anno 2007 Contratto tra l Azienda Ulss 18 di Rovigo ed i Pediatri di Libera Scelta Anno 2007 OBIETTIVI ED INTERVENTI DEL CONTRATTO Quota A) 3,10 per assistito AREA DELLA PROMOZIONE DELLA SALUTE PROGETTO SALUTE INFANZIA

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè

COMUNICATO STAMPA. Il Percorso Nascita integrato Cuorgnè-Ciriè UFFICIO COMUNICAZIONE Responsabile: dott.ssa Tiziana Guidetto tel. 0125 414726 011 9176594 cell. 335 5812438 fax 0125 641248 e-mail: tguidetto@aslto4.piemonte.it COMUNICATO STAMPA Il Percorso Nascita integrato

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

Rassegna Stampa. Lunedì 31 marzo 2014

Rassegna Stampa. Lunedì 31 marzo 2014 Rassegna Stampa Lunedì 31 marzo 2014 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 31 marzo 2014

Dettagli

COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA. Posizione Organizzativa - GESTIONE ATTIVITA' SALE OPERATORIE ED AMBULATORIALI

COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA. Posizione Organizzativa - GESTIONE ATTIVITA' SALE OPERATORIE ED AMBULATORIALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome SACCO GIOVANNA Data di nascita 01/04/1949 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO CAPOSALA AZIENDA

Dettagli

IL RETTORE. Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Torino, emanato con Decreto Rettorale n. 1730 del 15 marzo 2012;

IL RETTORE. Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Torino, emanato con Decreto Rettorale n. 1730 del 15 marzo 2012; Tit. 3.05 Decreto Rettorale n. 4846 del 26 luglio 2013 OGGETTO: Attivazione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore del Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco,

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

L'organizzazione aziendale

L'organizzazione aziendale L'organizzazione aziendale Organigrammi: - struttura organizzativa dell'azienda - unità operative in staff alla direzione generale - dipartimento di prevenzione - distretto socio-sanitario unico - ospedale

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 DELLA SARDEGNA RAPPORTO REGIONALE SULLA SALUTE MENTALE IN SARDEGNA 2004-2008 Obiettivi Fornire informazioni attendibili su: lo stato della salute mentale in Sardegna I programmi di sviluppo previsti e

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli