Natale: toccare e servire la carne di Cristo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Natale: toccare e servire la carne di Cristo"

Transcript

1 insieme Periodico delle parrocchie dell Unità pastorale 18 - Anno X - N. 3 - Dicembre 2014 Natale: toccare e servire la carne di Cristo In un attimo sarà Natale e in quella notte, ancora una volta, ci commuoveremo pensando al Bambino Gesù che nasce in una grotta al freddo e al gelo. Penseremo alle condizioni umili e povere in cui si è realizzata l incarnazione di Dio. Ci faremo gli auguri e, crisi permettendo, ci scambieremo anche alcuni regali. Sarà l occasione per ritrovarci insieme con le nostre famiglie per rinsaldare i vincoli che ci legano con affetto. Insomma, ancora una volta compiremo questo rito natalizio. A questo punto, però, mi nasce una domanda: dopo, che ne sarà del nostro Natale? Che ne sarà di questo Dio che ha preso carne in mezzo a noi perché noi lo potessimo incontrare, vedere ed anche toccare? riaffiorano allora al cuore e alla mente momenti in cui, anche quotidianamente, facciamo esperienza di questo corpo di Cristo che nel Natale celebriamo. Non posso non pensare all Eucarestia, Pasqua settimanale, ma anche Natale settimanale dove l ostia bianca, Corpo di Cristo, diviene nostro cibo. Questo Dio diviene parte stessa di noi, si lascia mangiare da noi, perché uniti in modo così intimo e fisico a Lui, possiamo essere uniti a tutti i fratelli del mondo. ripenso all esperienza della chiesa, che è il corpo di Cristo, una Chiesa nella quale anche noi, come membra vive, abbiamo ricevuto il compito di rendere visibile Cristo a tutto il mondo, attraverso la nostra preghiera, attraverso l annuncio e la testimonianza quotidiana, attraverso l impegno a crescere nella pace, nella concordia e nell unità, ed attraverso l impegno generoso e concreto della carità. Infine, da tempo, mi risuonano nella mente e nel cuore le parole di papa Francesco che nella veglia di Pentecoste ha detto: Noi non possiamo diventare cristiani inamidati, quei cristiani troppo educati, che parlano di cose teologiche mentre prendono il tè, tranquilli. No! Noi dobbiamo diventare cristiani coraggiosi e andare a cercare quelli che sono proprio la carne di Cristo, quelli che sono la carne di Cristo! [...] Questo è il problema: la carne di Cristo, toccare la carne di Cristo, prendere su di noi questo dolore per i poveri. La povertà, per noi cristiani, non è una categoria sociologica o filosofica o culturale: no, è una categoria teologale. Direi, forse la prima catego- ItalIa FraNcIa GraN BretaGNa GerMaNIa SpaGNa polonia portogallo SvezIa ria, perché quel Dio, il Figlio di Dio, si è abbassato, si è fatto povero per camminare con noi sulla strada. E questa è la nostra povertà: la povertà della carne di Cristo, la povertà che ci ha portato il Figlio di Dio con la sua Incarnazione. Una Chiesa povera per i poveri incomincia con l andare verso la carne di Cristo. Se noi andiamo verso la carne di Cristo, incominciamo a capire qualcosa, a capire che cosa sia questa povertà, la povertà del Signore. Il povero è la carne di cristo! Quella carne di cristo che ancora viene al freddo e al gelo di questo ulteriore inverno di crisi economica. Un povero che posso toccare, servire e amare così come, con commozione, desidero fare quando guardo la statuina del Bambin Gesù. Una commozione ed una tenerezza che non devono rimanere sterili, ma devono diventare carne, la mia carne, in una vita che si apre con generosità e calore ad ogni segno di presenza del corpo di Cristo. In questo avvento che rapidamente ci porterà al Natale, facciamoci disturbare ed inquietare da questo appello e desiderio: toccare e servire la carne di Cristo. Don Marco Buon Natale e Felice anno Nuovo Joyeux Noël et Bonne année Merry christmas and Happy New Year Fröhliche Weihnachten und Glückliches Neues Jahr Feliz Navudad y año Nuevo Wesołych Świąt i szczęśliwego Nowego roku Bom Natal e Feliz año Novo God Jul och Gott Nytt År

2 2 Unità Pastorale 18 Suor Irene Stefani presto beata Suor Irene Stefani, missionaria della Con so - lata, sarà beatificata il 23 maggio 2015 a Nyeri, Kenya, dove è sepolta. La notizia, benché attesa, ci ha colmato il cuore di gioia e di riconoscenza a Dio per questo grande dono fatto al nostro Istituto e con slancio immediato abbiamo cantato, insieme a Maria, il nostro Magnificat. Dio non si smentisce nelle sue scelte ed anche questa volta ha voluto innalzare alla gloria degli altari una umilissima creatura, che, approssimandosi alla morte, considerava la sua esistenza, ricca di amore per Dio e di innumerevoli opere di carità per i fratelli, una povera, inutile vita. Suor Irene è tra le missionarie della con - solata della prima ora, essendo entrata nel - l Istituto nel 1914, dopo soli quattro anni dalla sua fondazione. Nasce ad Anfo, in provincia di Brescia, nel 1891, da una famiglia profondamente religiosa. Restando orfana ancora molto giovane della mamma, diventa l angelo della carità delle sue sorelline e, insieme, dei più poveri del paese. Nel 1911 entra nell Istituto delle Suore missionarie della Consolata, a Torino. Il fondatore, beato Giuseppe Allamano, è ancora vivo e suor Irene apprende dalle sue labbra ricchi insegnamenti riguardanti la vita religiosa-missionaria. Ci vuole fuoco per essere apostoli, esorta l Allamano. Ed ancora: Dobbiamo servire le missioni anche a costo della vita. Queste parole restano scolpite nel cuore della giovane suora e la portano a formulare quel proposito, a cui resterà fedele per tutta la vita: Con l aiuto di Maria, amerò la carità più di me stessa. Nel 1914, ad appena 23 anni, lascia la patria e raggiunge le incipienti missioni del Kenya alle quali è destinata. Arriva a Nyeri, dove inizia il tirocinio missionario, ma, poco dopo, gli scontri tra il Kenya e il Tanganika (l attuale Tanzania) nell ambito della prima guerra mondiale, richiedono la presenza delle suore come crocerossine negli improvvisati ospedali da campo, stipati all inverosimile, dove venivano curati i carriers, cioè i portatori indigeni dei rifornimenti e delle munizioni. Suor Irene trova qui un campo immenso dove esercitare la sua instancabile carità. Ella si prodiga con materna cura, insieme ad altre consorelle, per alleviare i dolori di quell umanità sofferente: la situazione miserevole di quegli ospedali non la inasprisce, anzi la sprona ad impegnarsi giorno e notte per curare quei feriti e per salvare le loro anime, parlando loro di Gesù ed invitandoli ad accettare l acqua rigeneratrice del Batte - simo. a guerra finita, lei trascorre un an no a Nyeri, dove si occupa della formazione di giovani africane aspiranti alla vita religiosa e poi, a partire dal 1920, è mandata a Ghekondi, dove trascorrerà i dieci anni più intensi della sua vita apostolica. In questa missione suor Irene si prodiga in tutti i settori: è infermiera, evangelizzatrice instancabile, maestra, segretaria di quella povera gente che, essendo analfabeta, non poteva mandare messaggi scritti ai loro cari lontani. Ben presto tutti sanno che la piccola, scattante (come viene definita) suora è pronta ad accorrere ad ogni richiesta di aiuto, di giorno e di notte. Con un paio di scarponi, conservati ancor oggi come simbolo del suo continuo andare, il rosario e, soprattutto, il sorriso, suor Irene percorre infaticabile le strade della zona, per annunciare con le parole, ma ancor più con i fatti, l amore di Gesù per ogni creatura. Mitezza, comprensione, amore e solidarietà sono le doti che le valgono da parte degli africani il soprannome di Nyaatha, madre tutta misericordia, nome con cui è tuttora ricordata. a 39 anni, di fronte ai bisogni immensi e alle difficoltà delle missioni, sempre più cosciente della sua piccolezza, suor Irene, sospinta dallo Spirito, offre a Dio il sacrificio supremo della vita. Appena due settimane dopo, contagiata da un appestato che stava assistendo e che le muore tra le braccia, muore anche lei, a Ghekondi, vittima della sua carità eroica. È il 31 ottobre La gente, stupita e costernata, accorre in massa per vederne ancora il volto, superando il superstizioso timore dei morti, ancora assai forte a quei tempi. La sua morte è sinceramente rimpianta da tutti, consorelle e africani: tutti capiscono che è morta una santa. Nel 1984, l Istituto dà inizio alla causa di beatificazione, che si è conclusa il 12 giugno scorso, giorno in cui papa Francesco, dopo il riconoscimento ufficiale da parte delle varie commissioni incaricate del miracolo attribuito a suor Irene, ha promulgato il decreto di beatificazione. Questo miracolo merita una menzione, poiché esce dagli schemi tradizionali dei miracoli di guarigione. Esso avvenne nel 1989 a Nipepe, in Mozambico, durante la guerra civile, scoppiata dopo l indipendenza dal Portogallo, tra le fazioni opposte della Frelimo e Renamo che si contendevano il potere. Come Gesù moltiplicò nel deserto i pani e i pesci per la folla che lo seguiva, così nel fonte battesimale (qui sopra) della parrocchia di Nipepe (a fianco), per intercessione di suor Irene, si moltiplicò l acqua del fonte. Per sfuggire agli scontri dei combattenti, nella chiesa si erano rifugiate oltre 200 persone che vi rimasero come sequestrate per tre giorni. Esse si nutrirono di biscotti secchi che il parroco, un missionario della Consolata, aveva conservato nella sacrestia. Per bere, rinfrescarsi ed anche per lavare una neonata venuta alla luce in quei giorni, non ebbero altra possibilità che ricorrere alla scarsa acqua del fonte battesimale, scavato in un tronco d albero: ma l acqua non venne mai meno. Sembrava un albero che produceva acqua, dissero i testimoni, mentre continuavano ad invocare la protezione e l aiuto di Dio attraverso l intercessione di suor Irene. E lei, la madre tutta misericordia, ascoltò la loro preghiera, supplicando il Signore onnipotente di accorrere in loro soccorso, come in realtà avvenne. Suore Missionarie della consolata Grugliasco

3 Unità Pastorale 18 3 Il 16 novembre, Stefano Passaggio è stato ordinato diacono permanente Ecco un pezzo della mia strada Mi chiamo Stefano (e di secondo nome faccio Filippo), mio padre si chiamava Lorenzo. Quindi il mio destino diaconale lo si leggeva tutto già nel mio atto di battesimo (che ho recentemente rivisto, preparando i documenti per l Ordinazione). Infatti Stefano, Filippo e Lorenzo furono tutti santi diaconi della Chiesa dei primi secoli: anche se non ne sarò mai all altezza, Se vogliamo andare avanti nel gioco della rilettura del mio atto di battesimo, mia mamma si chiama Giuseppina (e se San Giuseppe non è stato diacono, perché non il diaconato non c era ancora, avrebbe potuto esserlo benissimo!), mio padrino era Matteo (faceva il falegname, come San Giuseppe, altra analogia), ma io ho finito con il fare il bancario (un po come l altro Matteo, quello del Vangelo); mia madrina era Rosina e faceva la sarta (come mia madre) cucire e ricucire, mettere insieme pezzi diversi, rammendare, mettere delle toppe e colmare i buchi potrebbero essere aspetti del ministero del diacono L atto di battesimo, infine, lo firmò un prete che tutti chiamavano non don, ma teologo : non capivo cosa volesse dire, ma già m inquietava, Sorrisi a parte, nella mia formazione c è sempre stato interesse al diaconato, fin da ragazzo, quando questo servizio era stato appena rilanciato nella Chiesa torinese, allora guidata da padre Michele Pel le grino. All epoca frequentavo la parrocchia dei Santi Pie tro e Paolo, a San Salvario, a Torino. Era un quartiere non ancora multietnico, ma era già crocevia di culture diverse e di sforzi di integrazione. Infatti, se su alcuni portoni c erano cartelli del tipo: Non si affitta ai meridionali, la parrocchia (e la scuola) erano potenti agenzie educative, aiutavano a superare le differenze ed erano grandi equalizzatori sociali. Lì sono cresciuto, educato al senso della comunità e a superare i pregiudizi. adolescente, ci siamo trasferiti a Mira - fiori Nord-città Giardino, parrocchia del Santissimo Nome di Maria: una zona periferica quasi nuova, rivoluzionata dalla costruzione dei grandi condomini degli anni 70. Per noi, all epoca, partecipare alla vita della parrocchia era anche un modo di costruire un pezzo di società cittadina, di contribuire ad edificare il nostro nuovo quartiere. Imparai una passione civile che non ho mai dimenticato. Da allora, ho sempre continuato a partecipare alla vita di questa parrocchia, pur in modalità differenti, a seconda delle vicende della vita. arrivato alla cosiddetta mezza età, nella fase in cui si iniziano a fare i bilanci, in prossimità di quella che poteva essere la probabile fine del percorso lavorativo (doveva ancora arrivare la riforma delle pensioni!), con mia moglie Ornella, decidemmo che si poteva ripensare a questa strada, già individuata nei primi anni di matrimonio, ma accantonata per le normali vicissitudini familiari e lavorative. Si trattava di dare un senso ordinato al mio, al nostro, impegno ecclesiale che, più o meno, c è sempre stato, completandolo, così, in maniera più definitiva. Quello che fino ad allora era stato pur sempre un volontariato, suscettibile di un eventuale passo indietro, sarebbe di ventato una scelta definitiva: una sorta di estensione della logica del per sempre (che caratterizza, ad esempio, il matrimonio cristiano) anche al servizio nella comunità. Soprat - tutto, si trattava di dare una timida, modesta, ma sincera, risposta alla scoperta dell amore che Dio aveva avuto per noi. per questo cammino devo ringraziare, oltre ai diversi ambienti che mi hanno formato, anche le molte persone che mi hanno aiutato, a partire da Ornella: senza il suo contributo, il suo sostegno, l incoraggiamento e la sua piena condivisione, non avrei intrapreso e neanche continuato questa avventura. Alcuni di questi amici ci hanno già lasciato, talvolta prematuramente, e sono tanti, e li ricordo tutti con grande nostalgia ed affetto. voglio, però, anche ricordare qualche figura famosa che mi ha ispirato e tutt ora mi ispira, così condivido, con chi sta leggendo, altre radici della mia formazione, ad esempio, il citato card. Pellegrino, papa Paolo VI, il card. Martini, De Gasperi, Tocqueville, Bobbio, Lubich. Infine, in questi ultimi anni mi sono spesso affidato a San Paolo, molto studiato negli anni di preparazione, per il fascino esercitato dalla sua attitudine a parlare, comunicare, rapportarsi, dialogare con persone diverse: Paolo, l Apostolo delle genti fuori dalla mura dei pregiudizi etnici, ideologici, culturali e di provenienza. con queste righe spero di non aver annoiato e di aver raccontato un pezzo della mia strada. Vorrei chiudere ricordando il desiderio di testimonianza che Ornella ed io abbiamo avuto Fotografia: Don Marco Varello come punto di riferimento della nostra famiglia, fin dal giorno del nostro matrimonio, una sorta di esempio che ancora oggi ci fa da bussola e vorremmo che continuasse a farlo, pur con tutti i nostri tanti limiti. È una riflessione di Chiara Lubich: Ecco la grande attrattiva del tempo moderno: penetrare nella più alta contemplazione e rimanere mescolati fra tutti, uomo accanto a uomo. Vorrei dire di più: perdersi nella folla, per informarla del divino, come s inzuppa un frusto di pane nel vino. Vorrei dire di più: fatti partecipi dei disegni di Dio sull umanità, segnare sulla folla ricami di luce e, nel contempo, dividere col prossimo l onta, la fame, le percosse, le brevi gioie. Perché l attrattiva del nostro, come di tutti i tempi, è ciò che di più umano e di più di divino si possa pensare, Gesù e Maria: il Verbo di Dio, figlio di un falegname; la Sede della Sapienza, madre di casa. Stefano passaggio

4 4 Unità Pastorale 18 Frédéric Antoine Ozanam Ed ecco un altro fine anno e, nell attesa del Santo Natale dove le famiglie si raccolgono attorno al focolare, anche noi Conferenza ci raccogliamo ripensando a cosa valga la pena di essere ricordato. Per il sostegno alla casa abbiamo fatto rete, a livello locale e cittadino, con Caritas, Comune, ATC e Gruppi di Volontariato Vincenziani per scongiurare che un centinaio di famiglie, alcune a livello locale, ricevessero lo sfratto. Sono stati pagati affitti, tra la fine del 2013 e quest anno per circa ed è risultato risolutivo l apporto di mediazione con l ATC del Vicesindaco di Torino Elide Tisi. Abbiamo dedicato particolare cura ai ragazzi delle Parrocchie al fine di individuare iniziative di sostegno o di sensibilizzazione alla Carità che possano essere portate avanti da loro: alcuni, con la collaborazione di una consorella, hanno organizzato incontri con famiglie con bambini distribuendo generi di conforto, altri hanno partecipato alle collette alimentari con ottimo successo, altri ancora hanno iniziato a fare visita ad alcune famiglie con i confratelli più anziani e a partecipare alle nostre Conferenze. Siccome altri ragazzi ci Conferenza di San Vincenzo interparrocchiale Piccoli passi Quest anno la nostra conferenza ha rinnovato le cariche sociali. Guido Gambino ha lasciato l incarico di presidente a Tiziana Lampitelli. Lo ringraziamo per la sua dedizione ed auguriamo a Tiziana e a Saverio Canavero (vice-presidente) che il Signore possa guidare le loro parole e le loro decisioni nell interesse della nostra Conferenza e degli amici che ci affida. chiedono di sperimentarsi in iniziative simili, stiamo riorganizzando le nostre visite al fine di facilitare la loro partecipazione. I giovani sono il nostro futuro e richiedono tutto il nostro impegno. I numeri nudi e crudi parlano di aiuti economici erogati a 65 famiglie dal primo gennaio al 13/11 per affitti, bollette, spese mediche, sussidi per un totale di e beni alimentari consegnati per un totale di circa Kg. Durante la settimana di solidarietà abbiamo raccolto circa 6500 che sono insufficienti per le esigenze annuali delle famiglie ma restiamo fiduciosi nell aiuto di Dio e nella generosità di tutti voi. Ma a mi piace sempre ricordare che, mentre con aiuti economici togliamo la preoccupazione di una bolletta scaduta o di un rateo non pagato, anche quest anno, grazie alle circa 2000 visite fatte presso le case di chi ci cerca, è stato possibile fare CHIESA, portando parole di sollievo, il calore di un abbraccio, talvolta anche solo una spalla su cui piangere perché le parole non servono o non ci sono più. Sogniamo una società basata sul lavoro, dove le persone possano guadagnarsi dignitosamente il loro necessario. In attesa che questo sogno si avveri FAC- CIAMO CARITA nella speranza che le persone ci perdonino il gesto. Quest anno la conferenza ha rinnovato le sue cariche sociali. Guido Gambino ha lasciato il suo incarico di presidente a Tiziana Lampitelli. Ringraziamo Guido per la dedizione con cui ha svolto il suo incarico e auguriamo a Tiziana e a Saverio Canavero (vicepresidente) che il Signore possa guidare le loro parole e le loro decisioni nell interesse della nostra Conferenza e degli amici che ci affida. Marco Guercio Eventuali donazioni fiscalmente detraibili possono essere fatte a favore della Con ferenza mediante bonifico bancario sul conto corrente Banca Prossima, intestato a: conferenza p074 SS. Nome di Maria e S. Ignazio di loyola Società San vincenzo de paoli IBaN: It20e Il Messaggio conclusivo del Sinodo dei Vescovi L amore coniugale è uno dei miracoli più belli coniugale, unico ed indissolubile, che persiste L amore nonostante le tante difficoltà del limite umano, è uno dei miracoli più belli ed anche il più comune. Brilla di speranza il Messaggio conclusivo del Sinodo straordinario sulla famiglia. Ringraziando innanzitutto per la fedeltà, fede, speranza ed amore che le famiglie offrono al mondo, nella prima parte il documento si sofferma sulla realtà viva e complessa in cui vivono i nuclei familiari, su le luci e le ombre, le sfide esaltanti e le prove drammatiche, là dove il male ed il peccato si insinuano tra le mura domestiche. le sfide, dunque: al primo posto, il Messaggio ricorda la fedeltà coniugale, messa a dura prova da individualismo, indebolimento della fede e frenesia quotidiana che possono provocare crisi matrimoniali affrontate senza pazienza, senza perdono, senza riconciliazione reciproca, senza sacrificio. Dai fallimenti matrimoniali - continua il documento - nascono nuove relazioni, nuove coppie, nuovi unioni e nuovi matrimoni, creando situazioni familiari complesse e problematiche per la scelta cristiana. Ulteriori sfide: figli disabili, malattie, vecchiaia, morte di una persona cara, difficoltà economiche causate da sistemi perversi, da quel feticismo del denaro che umilia la dignità della persona. Il pensiero del Sinodo va quindi ai genitori disoccupati, impotenti di fronte alle necessità primarie delle famiglia, ed ai giovani che - in giorni vuoti e senza attesa - possono diventare preda di droga e criminalità. Le ombre calano anche sulle famiglie povere, profughe, perseguitate a causa delle fede, colpite da guerre e oppressioni brutali, sulle donne vittime delle violenza e della tratta, sui minori vittime di abusi persino da pare di coloro che dovevano custodirli. Per questo, il Messaggio lancia un forte appello ai governi ed alle organizzazioni internazionali affinché promuovano i diritti della famiglia per il bene comune. La Chiesa, casa sempre aperta nell accoglienza non esclude nessuno. Il documento sinodale non dimentica la luce che splende in tante famiglie, quella luce che deriva dall incontro pari e reciproco tra i coniugi, in cui al termine della III assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi, che si è svolta dal 5 al 19 ottobre scorso sul tema le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto del - l evangelizzazione, è stato letto il Messaggio conclusivo. eccone ampi stralci. ciascuno si apre all altro, pur rimanendo se stesso. Centrale, quindi, porre l accento sul fidanzamento e la preparazione al sacramento del m atrimonio, che conosce anche la sessualità, la tenerezza e la bellezza che superano il tempo. Perché l amore per sua natura, tende ad essere per sempre. L amore coniugale si diffonde attraverso la fecondità e la generatività, dice il Sinodo, intese non solo come procreazione, ma anche come dono della vita divina nel battesimo, nell educazione e nella catechesi dei figli, e nella capacità di offrire affetto e valori anche per chi non ha potuto generare. Il Messaggio sottolinea, inoltre, l importanza della preghiera comune in famiglia, piccola oasi dello spirito, e dell educazione alla fede ed alla santità, compito che spesso viene esercitato con affetto e dedizione anche dai nonni. In quest ottica, la famiglia, vera Chiesa domestica, può esprimere la carità, la vicinanza a gli ultimi, gli emarginati, i poveri, le persone sole, i malati, gli stranieri. Guardando, poi, all Eucaristia domenicale, quando la famiglia si siede alla mensa del Signore, il documento ricorda che in questa prima tappa del cammino sinodale si è riflettuto sull accompagnamento pastorale e sull accesso ai sacramenti dei divorziati risposati. Infine, il Messaggio dei padri Sinodali guarda alla Sacra Famiglia di Nazaret ed innalza una preghiera a Dio Padre anche in vista dell Assemblea ordinaria del 2015, sempre dedicata al tema della famiglia. L invo ca zione è che il Signore doni sposi forti e saggi, giovani coraggiosi nell impegno stabile e fedele, e una Chiesa sempre più fedele e credibile, per un mondo capace di amare verità, giustizia e misericordia. dal sito

5 Parrocchia SS. Nome di Maria 5 Gruppo Papà Nuovi e ragazzi a tutto G.A.S. Il gruppo Papà Nuovi insieme ai ragazzi Noi nel Mondo propongono la nuova iniziativa: I ragazzi a tutto G.a.S. G r u p p o d i a c q u i s t o S o l i d a l e pa r r o cc h i a l e. I Gruppi di acquisto solidale, da tempo collaudati, hanno lo scopo di sostenere, con i loro acquisti, aziende in difficoltà, o che operano secondo modelli di eticità e di rispetto dell ambiente, oltre che favorire le cooperative che producono sui terreni sequestrati alle mafie, diminuire l inquinamento acquistando prodotti a chilometro zero. ecc. Il Gruppo di acquisto solidale della nostra parrocchia aggiunge alcune caratteristiche proprie: - far maturare nei ragazzi la cultura e l impegno verso una solidarietà seria e operativa, - aiutare i poveri della parrocchia, - intervenire in qualche emergenza particolare, che si definirà di volta in volta (la prima è contribuire al pranzo di Natale per i poveri della parrocchia). Ogni acquirente, infatti, è informato che il costo dei prodotti acquistati ci sarà la decima, come avveniva nelle prime comunità cristiane; quindi, se la merce costa 100, si pagherà 110 (il 10 in più è la decima per i poveri). Tutti possono partecipare, senza iscrizione. Basta prenotare, nei giorni stabiliti, i prodotti che vengono proposti e all arrivo venire a ritirarli. Il pagamento avviene alla consegna. È una iniziativa semplice, conveniente per tutti e soprattutto è solidale. Per ulteriori informazioni, telefonare in parrocchia al , o inviare una mail a Sarete inseriti in una list e riceverete a casa tutte le informazioni circa le date e i prodotti che di volta in volta sono proposti. Lasciatevi tentare da questa avventura di bontà e solidarietà. un papà Nuovo La fede e la benevolenza Una comunità racconta la sua storia di grazia Non è facile la fede in questi tempi chiamati post moderni. Ep pure sono tan ti i segni e i richiami che il Signore ci rivolge, per attrarci a sé. Baste reb - be un cuore semplice e aperto per scoprirli e decidersi per Lui. considero la vita della nostra parrocchia: nonostante la sua marginalità e insignificanza nei riguardi delle grandi istituzioni, è arricchita di tante grazie e benedizioni. Negli ultimi dieci anni nella nostra comunità sono nati cinque nuovi sacerdoti e un sesto giovane, subito dopo la laurea in filosofia, è entrato in un seminario romano per diventarlo. In questi giorni, nel duomo di Torino un nostro parrocchiano è stato ordinato diacono permanente e un ufficiale dell Esercito è stato accettato al primo anno della Scuola di formazione. Una giovane insegnante è stata consacrata nell Ordo Virginum della diocesi. Continuo a parlare di queste cose perché mi stordiscono, mi fanno venire le vertigini, perché non ho spiegazioni o ragionamenti, ma so che è solo grazia, benevolenza, amore. la nostra chiesa è molto frequentata anche nei giorni feriali e la domenica qualche volta abbiamo il problema di come sistemare i tanti fedeli (e la nostra chiesa è molto grande). Se vi capita di passare da queste parti dal giovedì sera sino a venerdì sera, entrate nella nostra cappella, dove Gesù Eucaristia, esposto nello splendore e nella bellezza, vi farà gustare momenti di serenità profonda, di sublimi sensazioni, di paradiso. vivificata da tanta grazia, la nostra comunità si è aperta all amore del prossimo, moltiplicando le iniziative per andare incontro ai poveri e ai disoccupati, sempre più numerosi in questi tempi di crisi. Il gruppo di volontariato Pietre Vive, che stava languendo, è rifiorito e si è at trez - zato per da re alcune ore di la - voro settimanali ad una ventina di persone senza red dito, che così hanno r e c u p e r a t o dignità e fiducia. Se vedete in giro un furgoncino con il logo Pietre Vive, è nostro, comprato per dare la possibilità a un giovane senza lavoro di organizzarsi nella raccolta di ferro vecchio e piccoli traslochi. è nato un Centro di Ascolto, aperto ogni giovedì pomeriggio, non soltanto per ascoltare, ma per intervenire immediatamente con generi alimentari e piccoli aiuti in denaro nei casi più urgenti e gravi. anche i componenti del gruppo Noi nel mondo sono impegnati nella carità, con visite domiciliari, partecipazione al Centro di Ascolto, organizzazione dei magazzini. Collaborano anche il gruppo dei Papà Nuovi nella gestione del nuovo Gruppo di Acquisto Solidale parrocchiale, con la caratteristica per chi acquista di devolvere il 10 % (la decima) in favore di qualche emergenza particolare, da stabilire di volta in volta. Il Centro di Aiuto alla Vita offre assistenza al mamme e bambini in difficoltà, oltre che promuovere la cultura della vita. E nel periodo invernale ospitiamo un senza fissa dimora. I soldi per tutte queste iniziative provengono dalle offerte dei fedeli (nel carrello solidale in chiesa, ogni settimana si raccolgono più di cento chilogrammi di generi alimentari), dal contributo del Comune per i progetti del lavoro accessorio (ne abbiamo ottenuti sei), dalla Caritas diocesana (una volta all anno, estratto dall 8 per mille). vi raccontiamo queste cose, in obbedienza al comando di Gesù che ci ammonisce: Vedano gli altri le vostre opere buone e diano gloria al Padre vostro che è nei cieli. Noi ci permettiamo di aggiungere: anche voi potete fare lo stesso. Un presepio alquanto strano Cercavo, nella preghiera, un idea originale che accompagnasse la nostra parrocchia nel Natale di quest anno. Non sarebbe stato difficile sceglierne una tra le tante che il Natale include. Potrebbe essere la pace, la bontà, la famiglia, la solidarietà, ma nessuna mi entusiasmava. Finalmente, per caso, ho visto una fotografia di papa Francesco e la mente si è accesa e il cuore emozionato. Avevo trovato. Il Papa, chinato verso una donna incinta, con una tenerezza indicibile, le carezzava la pancia pregnante di vita. Ho intuito il vero senso di una vita nuova. La carezza del Papa era per tutti i bambini nascenti, perché tutti sono il segno e la realizzazione dell amore di Dio verso l umanità. Sono convinto che il Papa riesca a cogliere in ogni bambino il Volto di Gesù Bambino, nato per la nostra felicità, che ancora continua a offrirci per mezzo della tenerezza, bellezza e innocenza dei bimbi. così mi piacerebbe fare il presepe quest anno, se ne avessi i mezzi: tanti grandi pannelli, sparsi per tutta la chiesa, con gigantografie delle carezze del Papa sui bambini. Credo davvero che il Natale continui a realizzarsi e attuarsi nella nascita di ogni bambino, in qualsiasi parte e cultura del mondo. Guardate i bambini e vivrete nella gioia del Natale, perché sono essi a possedere il regno dei cieli. Carissimi auguri. don Benito Lettera al Parroco Caro don Benito, da un bel po di tempo, molto, non venivo più nella cappella. Stasera tardi, dopo l ufficio, passo davanti alla chiesa e vedo il cancelletto aperto. Così, mi ricordo dell Ado razione e, chiedendo perdono in quanto davvero peccatore, entro di nuovo per parlare con Gesù. In realtà, non ho affatto parlato, ma tanto Lui sapeva già cosa io avevo nell anima. Beh, volevo dirle che uscendo, mi sono chiesto qual era stata la cosa più bella della mia lunga giornata. E la risposta è stata una sola: i pochi minuti passati con Lui! riccardo

6 6 Parrocchia Maria Madre di Misericordia BATTEZZATI e ritornati! Domenica 16 novembre era la Solennità della chiesa locale. Quale occasione migliore per invitare le famiglie dei bimbi battezzati in questi ultimi anni? Quando si parla di Chiesa e vedi spuntare quei bei faccini, subito provi una sensazione di freschezza e di vitalità all interno della comunità. Anche se sono stati recapitati tanti più inviti personalizzati dei presenti, per noi ciò che conta sono le famiglie che hanno risposto ed anche la loro gioia e soddisfazione. È con queste famiglie che desideriamo costruire un cammino e creare un nucleo capace poi di attrarre sempre nuove persone. Chiesa locale significa prima di tutto chiesa familiare, ossia piccole cellule vive nel tessuto della comunità. Come disse quel grande della storia: Il dado è tratto e noi confidiamo in una minestra gustosa e nutriente. E c è ancora chi ha il coraggio di chiamarci vecchi! chiamateci pure anziani, è la realtà e non abbiamo motivo di offenderci o vergognarci. Ma definirci vecchi, proprio no! Gli anni passano per tutti e non è certamente questo il guaio. Ciò che conta è restare vivi dentro e mantenere uno spirito frizzante. Basta dare uno sguardo al nostro programma di incontri per capire quanto sia ricco sotto ogni aspetto. L incontro settimanale del mercoledì spazia su svariati temi: dalla medicina alla letteratura, dalla catechesi alle feste, dalla scienza alle religioni nel mondo e tanto altro. Ciò che però ci tiene vivi non sono solo gli argomenti: è il piacere di trovare altri amici, creare famiglia, ricaricarci nello spirito, sentirci utili e attivi all interno della comunità. E se a qualcuno potesse far piacere, noi ci troviamo ogni mercoledì alle ore 16. E le 3 Stelle continuano a brillare roprio così: passano i giorni, i mesi e anche gli anni, ma 3 Stelle non tramonta mai. Anche se nel nome troviamo solo 3 Stelle, di fatto le stelle sono tante e siamo proprio noi ragazzi che con tanto entusiasmo ci sentiamo amici ed anche molto attivi all interno della parrocchia: postini, giornalisti, animatori. Come ogni anno, si apre un orizzonte di proposte ricche, divertenti ed anche utili. Già i singoli Clan si sono ritrovati per eleggere il proprio capo, scegliere il logo di questo nuovo anno e definire gli aspetti di tipo organizzativo. Mentre i nostri postini sono in giro con le lettere, i giornalisti non perdono tempo e c è anche chi (animazione) sta preparando una magnifica Festa di Natale. Poi, abbiamo appena assistito ad un piacevole evento: la nascita di 3 Stelle-Blue ray. Confidiamo molto in questo cammino di gruppo ed anche a livello di formazione personale. Come al solito, i veri protagonisti siamo noi e da noi dipenderanno gli sviluppi, come pure il successo dell iniziativa. Silvia P

7 Parrocchia Sant Ignazio di Loyola 7 Giovani e cristiani In un mondo in continuo cambiamento anche la nostra pastorale giovanile ha avuto bisogno di rinnovarsi. Il Gruppo Giovani, nato e cresciuto con Don Luciano, in collaborazione con la parrocchia Santissimo Nome di Maria, ha vissuto esperienze spirituali e formative molto importanti e per continuare a fare in modo che restasse tale, è stato necessario compiere alcune modifiche. Quest anno abbiamo diviso il nostro cammino in due percorsi apparentemente diversi, ma che hanno un unico obbiettivo: l incontro con Cristo. Il primo riguarda gli universitari, dai 20 ai 25 anni: un gruppo molto affiatato e nella maggioranza cresciuto nella nostra parrocchia. Questi giovani, che si trovano a dover affrontare i primi e forse più duri anni di università, condividono le loro difficoltà ponendosi già le prime domande su come sia necessario per questo mondo crescere da veri cristiani. Il secondo percorso vede impegnati i veterani, coloro cioè che hanno già avuto un percorso formativo nel Gruppo Giovani e che sono in discernimento per comprendere se la loro occupazione, il loro fidanzamento, la loro vita nasconda la chiamata a qualcosa di più. Tutti e due i cammini hanno momenti comuni, come ad esempio gli esercizi spirituali (dal 6 all 8 dicembre) e l esperienza estiva, perché come già accennato in precedenza i due percorsi hanno un unico sbocco: crescere insieme in Cristo Gesù. Pertanto, non multa sed multum!, non molte cose, ma molto bene: utilizzando questo motto di San Josemaria Escrivà si tiene a sottolineare che l obbiettivo della pastorale non è moltiplicare le attività, ma farle in modo adeguato per coltivare in modo amorevole tutte le esigenze della nostra comunità, in particolar modo la variegata esperienza giovanile. Ci affidiamo alle vostre preghiere. la segreteria giovani ecco i tre eletti Consiglio Pastorale Parrocchiale Sabato 15 e domenica 16 novembre, dopo le Messe, si sono svolte le elezioni per i rappresentanti dell assemblea eucaristica per il consiglio pastorale parrocchiale (cpp). Questo Consiglio collabora con il Parroco per sentire il polso della comunità e valutare quali azioni pastorali aiutano la comunità stessa a crescere nella comunione con il Signore e tra i suoi componenti. Per questo, il nostro CPP è formato da alcuni membri di diritto (don Marco, padre Granzino e i diaconi Andrea e Lorenzo), dai rappresentanti dei gruppi e delle associazioni attivi in parrocchia e, appunto, da tre persone elette dall assemblea eucaristica. Tra le sette persone che si sono candidate, le tre che hanno raccolto più voti, e quindi entrano a far parte del CPP, sono Claudio Berno, Ada Cesa ed Enrico Bonasso. Ovvia - mente, e come avviene per ogni componente del Consiglio, in caso di impedimento, dimissioni o cambio di residenza, saranno sostituiti da chi, pur ora escluso, ha ottenuto più voti. Benvenuti! Don Nestore Ablam Djougban Il mio nome è ablam Nestore, e Djougban è il cognome. Sono nato il 25 ottobre 1957 a Togoville, nel Togo, Paese dell Africa Occidentale, sul Golfo di Guinea. Sono stato ordinato sacerdote a Lome, la capitale del Togo, il 28 agosto 1992, giorno in cui si festeggia Sant Agostino, e in coincidenza del centenario della Chiesa Cattolica nel mio Paese. Sono in Italia già da tre anni. Sono arrivato, infatti, l 11 novembre 2011 e ho svolto il servizio di collaboratore parrocchiale nella parrocchia di San Luca Evangelista, a Mirafiori Sud. Poi, lo scorso 29 settembre, sono arrivato in questa parrocchia Sant Ignazio di Loyola. Inoltre, mi è stato affidato anche l incarico di cappellano all Ospedale Oftalmico di Torino. Don Marco, nostro parroco, è anche il responsabile dei sacerdoti non italiani in servizio nella diocesi di Torino, e mi ha sempre fatto un accoglienza fraterna. Per me è un fratello. E quando c è un buon padre nella famiglia, tutti si sentono sicuri, protetti, e la gioia di vivere insieme dimostra l amore di questa famiglia verso gli altri. Il 4 ottobre scorso, nella mia prima Messa con i parrocchiani di Sant Ignazio, ed il 5 ottobre nelle concelebrazioni con don Marco e padre Piero, e soprattutto con gli applausi, ho ricevuto una accoglienza molto forte: un aiuto per poter vivere in una famiglia di cristiani, testimone di Gesù. Sono sicuro che il Signore Gesù è presente tra di voi, e vorrei semplicemente dedicargli la mia vita e la mia missione con affetto. Chiedo la vostra preghiera quotidiana per me. Infine, colgo questa occasione per ringraziare il nostro Padre dell Arcidiocesi di Torino, mons. Cesare Nesiglia, per la fiducia. Grazie a tutti voi, anziani, giovani e bambini. In unione di preghiera, che il Signore vi benedica. Filippo Romagnoli Mi chiamo Filippo romagnoli, ho ventidue anni e provengo dalla parrocchia della Beata Vergine delle Grazie (Crocetta) di Torino. Ho due grandi passioni: la prima è quella di seguire e praticare gli sport, infatti non ne esiste davvero uno che non mi attragga; la seconda è quella dello studio e della conoscenza delle lingue: credo che questa mia predisposizione sia davvero un dono del Signore da mettere a frutto. Cresciuto nell ambito parrocchiale nei gruppi di Azione Cattolica, ho fatto l iter di animazione previsto per i giovani delle scuole superiori, che comprende il prestare servizio al doposcuola, all oratorio, nelle realtà caritative territoriali ed infine come educatore a mia volta di ragazzi più piccoli. Nel 2011, mi sono diplomato al liceo scientifico Galileo Ferraris. Dopo le vacanze estive mi sono iscritto all Università, all interfacoltà fra Matematica ed Economia, che reca il titolo di Matematica per la finanza e l assicurazione. È stato però proprio in quel momento, in cui credevo di avere tutto, che il Signore mi ha parlato come fece Gesù con il giovane ricco (Mt 19, 16-22). La mia vita procedeva secondo i canoni ordinari per un giovane della mia età, ma mi mancava qualcosa di imprescindibile per un esistenza umana, come il giovane della parabola del Vangelo: semplicemente non ero felice. Così mi sono reso conto che soltanto Cristo avrebbe potuto dare risposta a ciò che di più profondo cercavo e in fin dei conti che soltanto una vita spesa per l Amore mi avrebbe potuto condurre verso la felicità. Attraverso un percorso di accompagnamento, ho così iniziato il percorso del Seminario, strada che mi guiderà a capire qual è la forma di amore fatta per il mio cuore.

8 8 Tutti i giorni è Natale! Grafica: Alessandro Ginotta Èil 24 dicembre. Il chirurgo passa a controllare un suo paziente nel post-operatorio. Alla moglie, che è in attesa di notizie, dice semplicemente: Ci vediamo domani!. La signora, tra lo stupito, l imbarazzato e l incredulo, afferma: Dottore, domani è Natale. Secca, cortese e rincuorante la risposta: Tutti i giorni è Natale!. Ogni singolo giorno, sosteneva questo medico, andrebbe vissuto come il giorno di Natale: ricordando chi è solo, malato o in difficoltà; condividendo tempo e sorrisi; agendo con accoglienza, cortesia e misericordia. Ogni singolo giorno dovremmo vivere con gioia, ricercando e portando l armonia in famiglia ed in tutti gli ambienti che frequentiamo. Ogni singolo giorno dovremmo ricordarci di quanto quel bimbo, di cui ogni anno festeggiamo la nascita, ci ha insegnato e del comandamento che ci ha lasciato. Ogni singolo giorno è da vivere lontani dalle ipocrisie e vicini al prossimo, chiedendoci cosa possiamo fare noi in prima persona per poter lasciare questo mondo migliore di come lo abbiamo trovato. E farlo. Ogni singolo giorno dovremmo curare tutti i particolari per festeggiare la vita, accogliere l altro e regalare la gioia che l essere cristiano ci dona. Ogni singolo giorno dovremmo ricordarci che tutti i giorni è Natale. elisa calizzano Numeri utili Unità Pastorale 18 parrocchia Maria Madre di Misericordia via Ada Negri 22, Torino, tel Messa prefestiva: ore Domenica e festivi: ore 8.30 e parrocchia Sant Ignazio di loyola via Monfalcone 150, Torino. tel fax Messa prefestiva: ore Domenica e festivi: ore 10, parrocchia SS. Nome di Maria via Guido Reni 96/140, Torino, tel Messa prefestiva: ore Domenica e festivi: ore 9.30, 11, chiesa succursale Sant antonio di padova via Tripoli 2, Lesna, Grugliasco (TO) tel Messa prefestiva: ore Domenica e festivi: ore 10 padri Gesuiti e Istituto Sociale corso Siracusa 10, Torino, tel fax Suore Missionarie della consolata via Crea 15/A, Grugliasco (TO) tel Convenzionato: Arval - Cobra - Autosistem - Maggiore Program - Leasys - N.G.S. - Lease Plan Via Guglielminetti, 29 ang. C.so Siracusa TORINO Tel/Fax Cell P.IVA: C.F.: VLLSVT53B08B418I Risparmi e vantaggi IN VISTA! SCONTO 20% Sconto esclusivo del 20% su: Occhiali da vista Occhiali da sole Lenti a contatto annuali morbide, rigide, astigmatiche Lenti cosmetiche per cambiare il colore degli occhi Prezzi altamente concorrenziali su: Lenti a contatto usa e getta Stampa fotografie digitali e da rullino Strumenti scientifici e di misurazione Vuoi fare una festa?! Ti piacerebbe rallegrarla con dell'animazione?!! Non sai dove farla??? La parrocchia di S. Ignazio di Loyola mette a disposizione locali e animatori per queste occasioni! Per qualsiasi informazione: Roberto TORINO: C.so Siracusa, 67 - Tel Via Tripoli, 45 - Tel CONTROLLO GRATUITO DELLA VISTA Supplemento a Giornale della comunità della parrocchia Gesù Buon Pastore, Torino Autorizzazione del Tribunale di Torino n del 8/3/1978 Direttore responsabile: Marco Bonatti Distribuzione gratuita (ma non si rifiutano le offerte) Tipografia: Impronta, Nichelino (To) Redazione: don Quintino Andreis, don Rosario Ormando, don Marco Prastaro, don Benito Rugolino; suor Anna Maria Ceri, Lorenzo Bortolin, Alessandro Ginotta, Stefano Passaggio e Giulio Steve.

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO

COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO COMUNITA PASTORALE S. PIETRO DA VERONA SEVESO SS. Protaso e Gervaso - Seveso 0362.501623 B.V. Immacolata Baruccana 0362.574486 San Carlo Altopiano 0362.553522 San Pietro martire 0362.70978 www.parrocchieseveso.it

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione,

L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, INTRODUZIONE L introduzione è forse l unica parte seria di questa pubblicazione, ma quello che segue, che si spera sia anche divertente, dovrebbe essere anche più istruttivo. Però un paio di cose serie

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Consegna del Catechismo

Consegna del Catechismo .II C 1.. L albero dove i piccoli trovano il nido Fase II Consegna del Catechismo Lasciate che i bambini vengano a me Parrocchia..... Domenica. LA TUA PAROLA, SIGNORE, È LUCE AI NOSTRI PASSI Se è possibile,

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Vangelo senza confini

Vangelo senza confini Diocesi di Bergamo Centro Missionario Diocesano Ottobre Missionario 2009 Rosario Missionario Vangelo senza confini Nel nome del Padre. Con Maria percorriamo le strade del mondo; come Maria portiamo Gesù;

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

"Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo."

Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo. "Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo." (Giovanni Paolo II, Lettera Juvenum Patris, 5) Egli comincia subito a cercare collaborazione a tutti i livelli: educativa, religiosa,

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa?

Il matrimonio cristiano. chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Il matrimonio cristiano chi si sposa in chiesa sa quello che fa? Antonio Tavilla IL MATRIMONIO CRISTIANO chi si sposa in chiesa sa quello che fa? religione e spiritualità www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire.

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire. Diicembre 2013 Ill Verbo sii è fatto Carne Pio X era rimasto particolarmente colpito da una lettera scritta da Teresa di Lisieux alla cugina Maria Guérin il 30 maggio 1889. In essa voleva aiutare la cugina

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli