Linee guida per la determinazione dell incidenza delle spese generali sull attività di ricerca presso le Università italiane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per la determinazione dell incidenza delle spese generali sull attività di ricerca presso le Università italiane"

Transcript

1 Linee guida per la determinazione dell incidenza delle spese generali sull attività di ricerca presso le Università italiane Scopo di questa analisi è l individuazione di linee guida per la determinazione di un sistema di calcolo delle spese generali da applicare a tutti quei progetti di ricerca finanziati da soggetti nazionali e internazionali che prevedono l identificazione delle spese generali in modo analitico e non forfetario, tenendo in considerazione la normativa nazionale vigente che prevede l adozione di un metodo di imputazione equo, corretto e debitamente giustificato e la specificità delle procedure contabili degli Atenei. Il metodo proposto consente di determinare il tasso di spese generali anche agli atenei in contabilità finanziaria non dotati di una contabilità analitica in grado di classificare i costi sostenuti in base alla loro destinazione nell attività di didattica, di ricerca o in altre attività. Esso, naturalmente, non preclude agli atenei con sistemi informativi più evoluti di utilizzare i dati risultanti dalla contabilità analitica derivante dal bilancio finanziario o dal bilancio in contabilità economico patrimoniale. Occorre rilevare che le istruzioni ministeriali, contenute nei bandi di finanziamento, pur ritenendo ammissibile l esposizione delle spese generali, non forniscono indicazioni specifiche per gli enti pubblici. Il presente documento costituisce il risultato del Gruppo di lavoro spese generali istituito in seno al CODAU e intende fornire linee guida meramente indicative, adattabili alle esigenze di ogni singolo Ateneo, per la determinazione del metodo di calcolo richiesto dagli Enti finanziatori. I1 gruppo di lavoro, coordinato da Barbara Rebecchi dell'università di Modena e Reggio Emilia, è composto da: Baccigotti Alessandra Baggini Sofia Bandini Verdiana Barbieri Patrizia Borin Monica Brajkovic Laura D'Errico Gerardo De Tullio Maurizio Gallotti Enrico Lauria Massimiliano Maccario Tiziana Malaspina Antonino Pedron Laura Pirani Francesca Pomici Ileana Protasoni Maria Teresa Università di Bologna Università di Pavia Università di Bologna Università di Bologna Università di Pavia Università di Modena e Reggio Emilia Università di Milano Università di Torino Università di Pavia Università di Torino Università di Torino Università di Milano Politecnico di Torino Università di Modena e Reggio Emilia Università di Pavia Università di Pavia 1

2 Quadro normativo comunitario PROGRAMMA QUADRO DI RST Storicamente, la maggior parte delle Università italiane ha partecipato ai Programmi Quadro di RST europei attraverso il modello Additional Cost (AC), che prevedeva la quantificazione dei costi indiretti come importo forfetario pari al 20% del totale dei costi diretti esclusi i subcontratti. In alcune Università, nel VI Programma Quadro, è stata inoltre utilizzata la clausola speciale 22 del model contract 1 che permetteva di utilizzare il modello Full Cost limitatamente ad alcune strutture dell organizzazione. Il modello Full Cost prevedeva il calcolo analitico dei costi indiretti. La stessa opportunità è contemplata anche dalla Clausola n nel GA del VII Programma Quadro e risulta che alcuni Atenei abbiano già optato per tale soluzione. Il VII Programma Quadro ha radicalmente modificato il panorama di riferimento, eliminando il concetto di modello di costo in favore di un sistema unico a costi pieni declinato in 4 tipologie alternative per la quantificazione dei costi indiretti 3. Tra queste, la maggior parte delle Università italiane (ed europee) ha optato per lo Special Transitional Flat Rate, che consente di quantificare i costi indiretti come importo forfetario pari al 60% del totale dei costi diretti esclusi i subcontratti. Tale possibilità è riservata, peraltro, solo a Università, Enti di ricerca no profit, Enti pubblici e Piccole e Medie Imprese. La legislazione comunitaria in materia di aiuti di stato e di libera concorrenza lascia presumere che in futuro anche i soggetti ad oggi favoriti dall adozione dello Special Transitional Flat Rate saranno obbligati ad utilizzare un sistema analitico di calcolo delle spese generali. Dato questo scenario, le Università hanno la necessità di elaborare metodologie analitiche di calcolo dei costi indiretti reali. L elaborazione di tali metodologie presenta numerose criticità, tra le quali è utile citare: la mancanza di un sistema contabile integrato economico patrimoniale ed analitico (attivo in alcune Università e in altre solo a livello solo sperimentale); la scelta di una metodologia di calcolo che tenga conto della complessità dell articolazione organizzativa dei singoli soggetti giuridici (amministrazione generale, dipartimenti/strutture dotate di autonomia di bilancio, ecc.) e la conseguente possibilità di utilizzare sistemi semplificati (un'unica percentuale di costi indiretti per l organizzazione nel suo insieme) o 1 22) Different cost reporting model within the same legal entity Notwithstanding the provisions of Article II.22.4, [name of the department/institute] which is an integral part of contractor [name of legal entity] may use the FC cost model for identifying its eligible costs in FP6 contracts, despite the fact that the contractor uses the AC cost model in FP6 contracts Departments/institutes etc. Within a legal entity that can identify their real Indirect costs where the (whole) legal entity cannot [Name of the department/institute etc.], which is an integral part of beneficiary [name of legal entity] has an analytical accounting system which allows it to identify its actual indirect costs. Therefore, and notwithstanding the provisions of article II.15.3, [name of the department/institute etc.] may declare indirect costs in FP7 grant agreements based on its actual indirect costs, despite the fact that the beneficiary has opted for a flat rate. 3 Costi indiretti reali, modello semplificato, importo forfetario pari al 20% dei costi diretti esclusi i subcontratti, importo forfetario pari al 60% dei costi diretti esclusi i subcontratti (Special Transitional Flat Rate). 2

3 sistemi di ribaltamento dei costi indiretti più articolati sulle strutture decentrate (con percentuali di costi indiretti differenziate per struttura); la necessità di tenere conto, nel calcolo dei costi indiretti, in maniera separata dei soli costi pertinenti alle attività di ricerca, escludendo i costi relativi alle attività didattiche e di assistenza e anche escludendo i costi considerati non ammissibili dalla base giuridica dei programmi predisposta dall ente finanziatore. Il VII Programma Quadro prevede, per i soggetti giuridici che hanno concluso contratti multipli con la Commissione Europea, la possibilità che quest ultima verifichi la procedura adottata dai beneficiari, relativamente al calcolo dei costi medi del personale e dell incidenza dei costi indiretti 4, attraverso la presentazione di una certificazione della metodologia. Le istruzioni dettagliate per la predisposizione del certificato sulla metodologia, che deve essere redatto da un auditor qualificato, sono riportate nel Model Grant Agreement Allegato 7e. Tali istruzioni, in particolare per gli aspetti riguardanti il calcolo dei costi indiretti, possono risultare utili in quanto meglio esplicitano i requisiti espressi dalla Commissione Europea. Dall analisi dei requisiti espressi in tale allegato emerge che: i costi indiretti devono includere solo i costi che non possono essere allocati a progetti specifici (ad es. non può essere utilizzato il costo del personale di ricerca, di beni di consumo specifico), ma che sono invece di supporto al funzionamento dell organizzazione nel suo complesso; devono essere esclusi costi che si riferiscono esclusivamente ad attività non di ricerca dell organizzazione; se l organizzazione realizza attività diverse dalla ricerca (ad es. produzione, didattica, ecc.), i costi connessi devono essere separati da quelli relativi alla ricerca. Nel caso tale separazione non fosse possibile, i costi comuni a più attività devono essere ripartiti attraverso l utilizzo drivers oggettivi; deve essere possibile riconciliare il totale dei costi oggetto di ripartizione con i dati registrati in contabilità e con il bilancio; devono essere esclusi dai costi indiretti i costi definiti come non ammissibili dalla base giuridica del VII PQ; qualora il Beneficiario opti per un metodo di calcolo dei costi indiretti semplificato (ad es. a causa dell assenza di una contabilità analitica articolata per sotto-unità organizzative), sarà possibile determinare l incidenza dei costi generali della ricerca a livello di soggetto giuridico nel suo insieme, senza necessariamente ricorrere alla creazione di centri di costo, ribaltamenti intermedi dei costi e percentuali di incidenza differenziate all interno delle varie unità organizzative. ; la scelta del/dei driver da utilizzare è lasciata alla singola organizzazione, a condizione della loro dimostrabilità e della loro oggettività; negli esempi presentati dalla Commissione l allocazione dei costi indiretti può essere calcolata come percentuale sui costi del personale oppure come importo fisso proporzionato al numero delle ore dedicate alla ricerca. 4 Vedi il documento Certificates Issued by External Auditors - Guidance Notes for Beneficiaries and Auditors disponibile presso ftp://ftp.cordis.europa.eu/pub/fp7/docs/guidelines-audit-certification_en.pdf 3

4 Quadro normativo nazionale: PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO GESTITI DAL MIUR Con Decreto Ministeriale del 2 gennaio 2008, il Ministero dell Università e della Ricerca ha adeguato le disposizioni di cui al D.M. n. 593 del 8 agosto 2000 ( Modalità procedurali per la concessione delle agevolazioni previste dal D.lgs. 27 luglio 1999 n. 297 ) e al D.Lgs. n. 297 del 27 luglio 1999 ( Riordino della disciplina e snellimento delle procedure per il sostegno della ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione delle tecnologie, per la mobilità dei ricercatori ). Come evidenziato nella Nota Esplicativa del 15 maggio 2008 n. prot. GAB./4., l adeguamento normativo è stato reso necessario dalla modifica della Disciplina Comunitaria sugli Aiuti di Stato alla Ricerca, Sviluppo ed Innovazione di cui alla Comunicazione 2006/C 323/01. Tra le novità, di particolare rilievo appare l introduzione del calcolo analitico delle spese generali da effettuare in base ai costi effettivi sostenuti con imputazione pro rata secondo un metodo equo corretto debitamente giustificato e la conseguente eliminazione della possibilità del calcolo forfetario. Ai sensi della nota esplicativa citata sopra, la percentuale di incidenza delle spese generali sarà determinata in base al rapporto tra le spese generali aziendali (riconducibili all attività di ricerca e sviluppo) ed il costo del personale (dipendente e non dipendente) sulla base dei dati contabili relativi all esercizio di riferimento durante il quale è stato svolto il progetto di ricerca. In termini operativi le spese generali saranno calcolate e rendicontate sulla base dell ultimo bilancio consuntivo approvato; tale valore, che rimarrà valido per un anno, dovrà essere ricalcolato dopo l approvazione del prospetto di bilancio dell esercizio successivo. Utilizzando tale metodo le spese generali, sui progetti finanziati attraverso il FAR, non potranno comunque essere rendicontate per un valore superiore al 50% del costo del personale. Gli effetti di tale adeguamento si riferiscono ai progetti presentati a partire dal 1 gennaio 2008 finanziati dal MIUR sia singolarmente (es. FAR) sia ad integrazione dei fondi comunitari amministrati dalle Joint Undertakings. E probabile inoltre che tale normativa riguarderà il nuovo strumento di finanziamento (FIRST) che verrà introdotto in sostituzione del PRIN, del FIRB e del FAR. PROGRAMMI DI FINANZIAMENTO GESTITI DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Il MiSE gestisce numerosi programmi che vedono la possibilità di un inserimento delle Università in quanto organismi di ricerca all interno di progetti in partenariato con le imprese. Le regole che caratterizzano le varie iniziative cambiano a seconda del bando. Una delle voci di spesa imputabili e rendicontabili che si differenzia in maniera sostanziale nelle varie misure di finanziamento è quella relativa alle Spese Generali, per le quali sono consentite modalità estremamente diverse, come risulta dalla tabella di seguito riportata. MISURA DI FINANZIAMENTO Industria 2015 IMPUTAZIONE SPESE GENERALI UNIVERSITÀ Spese generali supplementari, basate sui costi effettivi 4 IMPUTAZIONE SPESE GENERALI IMPRESA Spese generali supplementari, basate sui costi effettivi NORMATIVA DI RIFERIMENTO - Art. 1 della legge 296 del 27/12/2006 che istituisce il Fondo per la competitività e lo sviluppo

5 MISURA DI FINANZIAMENTO Sistema Elettrico FIT L. 46/82 IMPUTAZIONE SPESE GENERALI UNIVERSITÀ direttamente imputabili al programma sulla base di un calcolo pro rata secondo un metodo equo e corretto debitamente giustificato Massimo 60% del costo del personale coinvolto, calcolato forfetariamente (eventuale verifica a campione) Se supera 60% dettaglio delle spese Massimo 30% del costo del personale coinvolto, calcolato forfetariamente IMPUTAZIONE SPESE GENERALI IMPRESA direttamente imputabili al programma sulla base di un calcolo pro rata secondo un metodo equo e corretto debitamente giustificato Massimo 60% del costo del personale coinvolto, calcolato forfetariamente (eventuale verifica a campione) Se supera 60% dettaglio delle spese Massimo 30% del costo del personale coinvolto, calcolato forfetariamente NORMATIVA DI RIFERIMENTO - Decreto del Ministero Sviluppo Economico n. 87 del 27 marzo 2008, con cui è adottato il regolamento di istituzione di un regime di aiuto a favore delle attività' di ricerca, sviluppo e innovazione, in conformità alla Disciplina comunitaria sugli Aiuti di Stato - Art. 11 del Decreto del Ministro delle Attività Produttive del 17 aprile 2001 che istituisce il Fondo per il finanziamento delle attività di ricerca e sviluppo di interesse generale per il sistema elettrico nazionale - Decisione della Commissione Europea C (2006) 6681 del 20/12/2006 che stabilisce che i contributi erogati nell ambito di questo bando sono soggetti alla Disciplina comunitaria sugli Aiuti di Stato. - Legge n. 46 del 17 febbraio 1982 che istituisce il FIT. - Decreto del Ministero Sviluppo Economico del 10 luglio 2008, che ha adeguato le disposizioni di cui al Decreto del Ministero dell Industria, Commercio e Artigianato del 16 gennaio 2001, contenente le direttive per la concessione delle agevolazioni FIT La rendicontazione delle spese generali presenta notevoli problematiche per enti, come le Università, che per la maggior parte non sono dotati di contabilità analitica, bensì utilizzano esclusivamente la contabilità finanziaria. A seguito di chiarimenti richiesti al MISE è stata confermata la necessità che le spese generali supplementari, anche se calcolate forfetariamente, debbano "essere direttamente connesse con i progetti di ricerca ammessi a contribuzione ed essere effettivamente sostenute durante il periodo di realizzazione del progetto medesimo. Le spese generali dovranno essere comprovate da idonea documentazione da predisporre ed esibire all'occorrenza. Si ricorda che i costi di viaggio e missione rientrano tra le spese generali. Tale interpretazione è in evidente conflitto con la qualifica di spesa forfetaria del bando relativo al Sistema Elettrico e del FIT. Metodologia di calcolo adottata A fronte delle problematiche sopra descritte, è stato predisposto un metodo di calcolo dell incidenza delle spese generali sul personale destinato all attività di ricerca applicabile dagli Atenei 5

6 in contabilità finanziaria alle risultanze di ciascun esercizio contabile (da aggiornare quindi annualmente in base ai bilanci approvati). Tale metodo nei suoi principi generali è comunque applicabile anche agli atenei che hanno un bilancio in contabilità economico-patrimoniale e che ritengano non opportuno ricorrere ai dati della contabilità economico patrimoniale e/o analitica ancora sperimentale. Per la scelta del metodo si sono prese in considerazione due ipotesi su cui basare il calcolo: 1) poste correlate alle uscite finanziarie pagate in competenza e pagate in conto residui anni precedenti. 2) poste correlate alle uscite finanziarie pagate solo in competenza (escludendo la quota in conto residui). Si precisa che la seconda soluzione più prudente, poiché esclude il pagato in conto residui, porterebbe a non considerare nel calcolo di nessun esercizio finanziario una parte consistente del bilancio, ovvero quella quota parte di impegnato nell anno che per qualche ragione non viene pagata nell anno di riferimento (ricordiamo che mediamente le condizioni di pagamento prevedono scadenze delle fatture a 60gg). Questa seconda soluzione non risponderebbe, in maniera completa, alle logiche finanziarie di cassa. D altra parte la prima soluzione potrebbe comportare il rischio di considerare nel conteggio delle poste pagate anche pagamenti che derivano da impegni per competenza relativi ad anni precedenti. Poiché, nel caso della contabilità finanziaria, ambedue i sistemi non garantiscono il rispetto del principio della competenza economica stante le limitazioni proprie del modello contabile basato sulla sola contabilità finanziaria, entrambe le modalità sono state considerate ammissibili, lasciando ai singoli Atenei la scelta circa il tipo di poste di bilancio su cui basare il calcolo. In prima istanza è necessario chiarire che non viene qui descritto un sistema di calcolo di una quota overhead, che definisce la percentuale di spese generali attribuibili al singolo soggetto/struttura dell ateneo impegnata in attività di ricerca, ma si intende arrivare alla definizione di una percentuale di costi generali dell intera struttura, riferiti in particolare alla ricerca (metodologia cosiddetta overall). Per overall si intende il risultato di una frazione in cui al numeratore sono riportate tutte le cosiddette spese generali (funzionalità ambientale, organizzativa e operativa) e al denominatore il costo del personale coinvolto in attività di ricerca. Nell incertezza della normativa si è preferito orientare il calcolo secondo principi di prudenza. Nei casi dubbi circa l attribuzione di una voce di costo al numeratore è stato quindi preferito evitarne l inserimento, per ridurre il rischio di un improprio aumento della percentuale di ricarica applicabile. Di contro, nel caso di incertezza su una voce del denominatore si è ritenuto opportuno l inserimento, in relazione, ad esempio, alla difficoltà di determinarne la collocazione del costo rappresentato da una risorsa umana all interno di una funzione piuttosto che in un altra. Il metodo di calcolo proposto si fonda sull analisi della natura e, nei limiti del possibile, della destinazione delle poste di bilancio, isolando quelle che sono tipicamente afferenti la struttura nel suo insieme (es. tutte le utenze, i costi relativi alla cancelleria, il costo del personale amministrativo) e che non saranno rendicontate in modo diretto sui progetti allo scopo di evitare la doppia imputazione. I costi generali così determinati verranno rapportati al costo del personale strutturato impegnato promiscuamente in attività sia di ricerca sia di didattica. 6

7 Il metodo di calcolo proposto si fonda su: un bilancio di ateneo consolidato o che quantomeno raggruppi per natura le differenti voci di spesa e che elida le poste di trasferimento tra strutture interne all ateneo; utilizzo dei dati contabili connessi all avvenuto pagamento (in conto competenza ed eventualmente anche in conto residui) in quanto più vicini al rispetto del principio della competenza economica; periodicità annuale del calcolo del tasso di incidenza in correlazione con l ultimo bilancio approvato al momento della predisposizione del rendiconto dei costi sostenuti sul progetto di ricerca. Il metodo di calcolo proposto permette il rispetto del principio della competenza economica per la maggior parte dei costi rendicontati (costi del personale amministrativo, ricercatore e docente) mentre non ne assicura il rispetto assoluto relativamente alla rilevazione dei costi connessi al l acquisto dei beni e dei servizi (proprio per via delle differenze temporali tra il momento dell arrivo del bene e l inizio del suo utilizzo o tra il momento del ricevimento del servizio e quello della fatturazione e del pagamento). Al fine della determinazione della percentuale di ricarica dei costi generali, i dati di contabilità finanziaria sono depurati degli investimenti, mentre, per gli Atenei che dispongono del relativo calcolo, sono aggiunti i dati relativi agli ammortamenti. Quest ultimi sono calcolati extra-contabilmente e generalmente sulla base di criteri deliberati dal Consiglio di Amministrazione dell Ateneo ed ispirati alle indicazioni contenute nel Manuale dei principi e delle regole contabili - Edizione 2008 del MEF. Tra gli ammortamenti è possibile considerare anche quelli degli immobili, a condizione che siano di proprietà, non siano già interamente ammortizzati e non vi siano stati contributi esterni specifici che ne hanno finanziato per intero la realizzazione (non mutui). L allegato 1 contiene l analisi della composizione del numeratore e del denominatore proposta per il calcolo del tasso, tenendo in considerazione che la composizione delle voci di spesa ammissibili, per l imputazione dei costi indiretti, varia a seconda della base giuridica dei vari programmi di finanziamento riguardo soprattutto all Iva e all IRAP.. DEFINIZIONE VOCI RICOMPRESE AL NUMERATORE All interno del Conto Consuntivo Consolidato devono essere individuati i costi eleggibili classificabili come spese generali per natura, previsti dai seguenti capitoli: - Funzionalità ambientale (es. vigilanza, pulizia, riscaldamento, energia, illuminazione, acqua, lubrificanti, gas vari); Spese di pulizia Spese di riscaldamento e condizionamento Energia elettrica Acqua e gas Manutenzione ordinaria immobili ed impianti Vigilanza - Funzionalità organizzativa (es. direzione generale, CdA, contabilità generale, personale di supporto, segretariale); Locazioni immobili e spese condominiali Assegni fissi dirigenti e personale tecnico amministrativo 7

8 Competenze accessorie dirigenti e personale tecnico amministrativo Direttore amministrativo e dirigenti a tempo determinato Oneri previdenziali ed assistenziali per i dirigenti e personale non docente Oneri prev.li ed assistenziali per direttore amministrativo e dirigenti a tempo determinato - Funzionalità operativa (es. posta, telefono, cancelleria, fotoriproduzioni, abbonamenti, assicurazioni); Spese postali e spedizioni Assicurazioni Telefonia e collegamenti informatici Trasporti e facchinaggio In generale, vale il principio secondo cui tutti i costi inseriti al numeratore non possono essere caricati come costi diretti di progetto allo scopo di evitare la doppia imputazione. In alcuni casi eccezionali tale principio non può essere rispettato. Si pensi ad esempio ai progetti che coinvolgono direttamente in maniera quasi esclusiva il personale tecnico amministrativo. In tali casi, non potendo evitare la rendicontazione di tale personale tra i costi diretti, sarà opportuno diminuire in maniera conseguente l ammontare imputato nel numeratore della frazione di calcolo delle spese generali, ottenendo in tal modo la riduzione della percentuale di incidenza. DEFINIZIONE VOCI RICOMPRESE AL DENOMINATORE All interno del Conto Consuntivo Consolidato devono essere individuati i costi classificabili come costi di personale docente e di altro personale coinvolto in attività di ricerca. La prima difficoltà è rappresentata dal fatto che non è possibile distinguere oggettivamente la percentuale di tempo produttivo che il personale docente dedica alla ricerca rispetto a quello che dedica alla didattica o ad altre attività istituzionali. Tanto premesso, in ottemperanza al principio della prudenza che ha guidato l attività del Gruppo di Lavoro, si è preferito non prevedere alcun tipo di ripartizione dell onere rappresentato dal personale parzialmente coinvolto nell attività di ricerca. Viene quindi utilizzato l intero capitolo di bilancio legato al costo del personale docente. Tale scelta riduce notevolmente la percentuale che si andrà ad ottenere in quanto costi generali afferenti alla sola attività di ricerca verranno imputati anche su attività che afferiscono, per esempio, alla sola didattica. Al denominatore potranno essere ricompresi tutti i costi identificabili per il personale che svolge attività di ricerca anche se non strutturato (es. assegnisti, cococo di ricerca, ecc). Nel caso in cui si scegliesse di non inserire anche questi costi al denominatore, al momento della rendicontazione gli oneri indiretti dovranno essere calcolati sul solo costo del personale docente e ricercatore strutturato. E facoltà dei singoli Atenei individuare altre tipologie di costo di personale coinvolto nella ricerca (borsisti di dottorato, borsisti di ricerca e formazione avanzata), anche in relazione alle modalità di rendicontazione dei costi diretti previste dai singoli programmi di ricerca. A titolo meramente esemplificativo viene riportato, all Allegato 1, un elenco di capitoli di bilancio finanziario da inserire nei due termini della frazione. 8

9 Conclusioni Il calcolo semplificato è basato principalmente sulla natura delle voci di spesa. Viceversa, la disponibilità di un sistema informativo sofisticato che permetta l allocazione delle voci di spesa in base alla loro destinazione consentirebbe la determinazione di una aliquota di incidenza più aderente alla realtà operativa delle Università e anche in via di principio economicamente più vantaggiosa. In mancanza di tale sistema informativo aziendale, il criterio scelto dal Gruppo di Lavoro ha il pregio di consentire la rendicontazione delle spese generali in modo trasparente e verificabile anche alle Università italiane che non dispongono ancora di strumenti di controllo di gestione sofisticati. 9

10 Allegato 1: Modalità di calcolo applicata al conto consuntivo di un Ateneo NUMERATORE: DENOMINATORE: CODICE COSTO DEL PERSONALE CLASSIFICABILE TRA I COSTI GENERALI Competenze fisse ai dirigenti a tempo indeterminato Competenze fisse al personale tecnico amministrativo a tempo indeterminato Straordinario al personale tecnico amministrativo a tempo indeterminato Altre competenze accessorie ai dirigenti a tempo indeterminato Altre competenze accessorie al personale t/a a tempo indet. (Al netto delle retribuzioni accessorie connesse al conto terzi) 1111 CODICE COSTO DEL PERSONALE UTILIZZABILE PER ATTIVITA' DI RICERCA Competenze fisse al personale docente e ai ricercatori a tempo indeterminato 1213 Assegni di ricerca 1218 Ricercatori a tempo determinato Direttori amministrativi Dirigenti a tempo determinato Amministrativi e tecnici a tempo determinato Competenze accessorie ai direttori amministrativi a tempo determinato (Al netto delle retribuzioni accessorie connesse al conto terzi) Competenze accessorie ai dirigenti a tempo determinato (Al netto delle retribuzioni accessorie connesse al conto terzi) Competenze accessorie al personale tecnico amministrativo a tempo determinato (Al netto delle retribuzioni accessorie connesse al conto terzi) Competenze accessorie ai collaboratori ed esperti linguistici di madre lingua a tempo determinato (Al netto delle retribuzioni accessorie connesse al conto terzi) Straordinario al personale tecnico amministrativo a tempo determinato (Al netto delle retribuzioni accessorie connesse al conto terzi) F Contributi obbligatori per i ricercatori a tempo determinato Contributi obbligatori per il personale docente e per i ricercatori a tempo indeterminato Contributi obbligatori per gli assegni di ricerca Contr.per ind.fine serv.e TFR per il personale docente e per i ricercatori a tempo indeterminato Contr.per ind.fine serv.e TFR per i ricercatori a tempo determinato Altri contributi per il personale docente e per i ricercatori a tempo indeterminato Altri contributi per i ricercatori a tempo determinato Dottorati di ricerca (solo nel caso di opzione per rendicontazione tra i costi diretti) Altre borse (solo nel caso di opzione per rendicontazione tra i costi diretti) Totale costo del personale coinvolto in attività di ricerca 10

11 D Personale con contratto di fornitura di lavoro temporaneo - lavoratori interinali (dedicati a servizi amministrativi) Collaborazioni coordinate e continuative (Co.co.co) (solo AMMINISTRAZIONE CENTRALE) (coinvolte esclusivamente in attività amministrative non rendicontate sui progetti) Contributi obbligatori per i dirigenti a tempo indeterminato Contributi obbligatori per il personale tecnico-amministrativo a tempo indeterminato Contributi obbligatori per i direttori amministrativi Contributi obbligatori per i dirigenti a tempo determinato Contributi obbligatori per il personale amministrativo e tecnico a tempo determinato Contr. prev. complementare per i dirigenti a tempo indeterm. Contr.per ind.fine serv.e TFR per i dirigenti a tempo indeterminato Contr.per ind.fine serv.e TFR per il personale tecnico-amministrativo a tempo indeterminato Contr.per ind.fine serv.e TFR per i direttori amministrativi Contr.per ind.fine serv.e TFR per i dirigenti a tempo determinato Contr.per ind.fine serv.e TFR per il personale amministrativo e tecnico a tempo determinato Altri contributi per i dirigenti a tempo indeterminato Altri contributi per il personale tecnico-amministrativo a tempo indeterminato Altri contributi per i direttori amministrativi Altri contributi per i dirigenti a tempo determinato Altri contributi per il personale amministrativo e tecnico a tempo determinato Totale costo del personale classificabile tra spese generali 11

12 COSTI INDIRETTI DELLA STRUTTURA 1510 Formazione del personale non docente 1520 Buoni pasto 1530 Mensa 1540 Compensi per commissioni concorso Indennità di missione e rimborsi spese 1550 viaggi afferenti l attività amministrativa dell ente 1570 Interventi assistenziali a favore del personale 1580 Accertamenti sanitari resi necessari dall'attività lavorativa 2110 Missioni e rimborsi spese trasferta organi istituzionali 2120 Gettoni/Indennità ai membri degli organi isituzionali 2212 Carburanti, combustibili e lubrificanti 2213 Pubblicazioni, giornali e riviste 2215 Cancelleria e altro materiale di consumo 2224 Spese postali 2225 Assicurazioni 2227 Assistenza informatica e manutenzione software 2228 Spese per liti (patrocinio legale) 2229 Smaltimento rifiuti nocivi 2230 Altre spese per servizi relative ad attività amministrativo gestionale 2311 Utenze e canoni per telefonia fissa 2312 Utenze e canoni per telefonia mobile 2313 Utenze e canoni per reti di trasmissione 2314 Utenze e canoni per energia elettrica 2315 Utenze e canoni per acqua 2316 Utenze e canoni per gas 2317 Altre Utenze e canoni 2410 Pulizia 2420 Riscaldamento e condizionamento Manutenzione ordinaria e riparazioni di immobili Manutenzione ordinaria e riparazioni di apparecchiature Manutenzione ordinaria e riparazioni di automezzi Altre spese di manutenzione ordinaria e riparazioni 12

13 2470 Servizi ausiliari, traslochi e facchinaggio 2510 Locazioni (escluse foresterie per studenti) 2520 Noleggi e spese accessorie (relative ad attività amministrativo gestionale 2540 Licenze software (relative ad attività amministrativo gestionale 7311 (Ammortamento)Mezzi di trasporto 7313 (Ammortamento)Mobili e arredi per locali ad uso specifico 7315 (Ammortamento) Hardware (acquisiti per attività amministrativo gestionale) (Ammortamento) Impianti e 7323 attrezzature(acquisiti per attività amministrativo gestionale) Ammortamento immobili (da inserire solo se sono state effettuate delle stime di valutazione) A Totale costi indiretti della struttura CALCOLO % SPESE GENERALI SU BILANCIO CONSOLIDATO A B C=A-B D E=C+D F H=E/F % Totale costi indiretti della "struttura" IVA sui costi della struttura calcolata in modo analitico o, se ciò non fosse possibile, in via forfettaria (Ax20)/120 totale costi indiretti della "struttura" al netto dell'iva costo del personale classificabile tra i costi generali totale costi generali Totale costo del personale coinvolto in attività di ricerca incidenza percentuale delle spese generali sul costo del personale utilizzabile nell'attività di ricerca In tale prospetto è stata sottratta l IVA come previsto in alcune azioni comunitarie. Resta inteso che nei programmi in cui l IVA è un costo ammissibile essa non deve essere scorporata. Stesso principio deve essere applicato al costo rappresentato dall IRAP, non eleggibile nel programma quadro di RST della Commissione Europea, nonché ad ogni altro costo che risultasse differentemente considerabile a seconda del programma. 13

126.926.088,47 126.926.088,47 1111 Competenze fisse al personale docente e ai ricercatori a tempo

126.926.088,47 126.926.088,47 1111 Competenze fisse al personale docente e ai ricercatori a tempo Ente Codice 000061130000000 Ente Descrizione UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA (ATENEO) Categoria Universita' Sotto Categoria UNIVERSITA Periodo ANNUALE 2014 Prospetto PAGAMENTI PER CODICI GESTIONALI Importi

Dettagli

SIOPE Pagina 1 PAGAMENTI PER CODICI GESTIONALI. Ente Codice 000141639000000 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Periodo ANNUALE 2013

SIOPE Pagina 1 PAGAMENTI PER CODICI GESTIONALI. Ente Codice 000141639000000 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Periodo ANNUALE 2013 SIOPE Pagina 1 Ente Codice 000141639000000 Ente Descrizione UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA (ATENEO) Categoria Universita' Sotto Categoria UNIVERSITA Periodo ANNUALE 2013 Prospetto PAGAMENTI PER CODICI

Dettagli

Università degli Studi di BARI USCITE (Amministrazione centrale - Interventi diritto allo studio)

Università degli Studi di BARI USCITE (Amministrazione centrale - Interventi diritto allo studio) S100 RISORSE UMANE S110 PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO S111 Competenze fisse personale a tempo in 1111 Competenze fisse al personale docente e ai ricercatori a tempo in 1112 Competenze fisse ai dirigenti

Dettagli

Università degli Studi della BASILICATA USCITE (Consolidato d'ateneo)

Università degli Studi della BASILICATA USCITE (Consolidato d'ateneo) DAAP Disavanzo di amministrazione accertato nell'esercizio precedente 0 S100 RISORSE UMANE 39.820.913 39.445.153 38.444.457 38.082.142 378.270 1.376.456 S110 PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO 26.495.221

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Area Finanziaria Decreto Interministeriale 01.03.2007 criteri per l omogenea redazione dei conti consuntivi delle università. - Esercizio 2011 - UNIVERSITA DEGLI STUDI

Dettagli

Università degli Studi della BASILICATA USCITE (Consolidato d'ateneo)

Università degli Studi della BASILICATA USCITE (Consolidato d'ateneo) DAAP Disavanzo di amministrazione accertato nell'esercizio precedente S100 RISORSE UMANE 40.310.842 39.090.605 39.051.810 37.875.948 1.464.520 1.259.032 S110 PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO 27.614.282

Dettagli

Università per Stranieri di PERUGIA USCITE (Consolidato d'ateneo)

Università per Stranieri di PERUGIA USCITE (Consolidato d'ateneo) S100 RISORSE UMANE 14.640.006 14.617.877 S110 PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO 9.986.116 9.988.904 S111 Competenze fisse personale a tempo in 9.298.732 9.301.895 1111 Competenze fisse al personale docente

Dettagli

ENTRATE Voce Elementare CONSUNTIVO ESERCIZIO 200. PER FUNZIONE

ENTRATE Voce Elementare CONSUNTIVO ESERCIZIO 200. PER FUNZIONE ENTRATE Voce Elementare Accertamenti Accertamenti Accertamenti Accertamenti Accertamenti Accertamenti Ricavi Ricavi Ricavi Ricavi Ricavi Ricavi al 01/01 al 31/12 Avanzo di amministrazione accertato AAAP

Dettagli

Gestione Competenza. Accertamenti. di cui gestione competenza

Gestione Competenza. Accertamenti. di cui gestione competenza Dati di sintesi consuntivo 2013 ENTRATE Università degli Studi di Bergamo Accertamenti Riscossioni E100 ENTRATE PROPRIE 42.962.807,56 27.344.328,30 28.421.968,05 23.325.655,61 15.706.914,87 14.540.839,51

Dettagli

Categoria. Pagina 1 SIOPE. DlSPONIBILITA' LIQUIDE

Categoria. Pagina 1 SIOPE. DlSPONIBILITA' LIQUIDE DlSPONIBILITA' LIQUIDE SIOPE Pagina 1 Ente Codice Ente Descrizione Categoria Sotto Categoria Periodo Prospetto Tipo Report Data ultimo aggiornamento Data stampa Importi in EURO 000715784000000 UN]VERSlTA'

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Area Finanziaria Decreto Interministeriale 01.03.2007 criteri per l omogenea redazione dei conti consuntivi delle università. - Esercizio 2008 - Consolidato Ateneo UNIVERSITA

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA ASSOCIAZIONE TRA CODICI SIOPE E VALIDAZIONE AMMINISTRATIVA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA ASSOCIAZIONE TRA CODICI SIOPE E VALIDAZIONE AMMINISTRATIVA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA ASSOCIAZIONE TRA CODICI SIOPE E VALIDAZIONE AMMINISTRATIVA SIOPE ENTRATE NELLA REGISTRAZIONE ER1111 Tasse e contributi per corsi di laurea e laurea

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Area Finanziaria Decreto Interministeriale 01.03.2007 criteri per l omogenea redazione dei conti consuntivi delle università. VALORI DELLE FUNZIONI - Esercizio 2014 -

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI "FEDERICO II "

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI "FEDERICO II " BILANCIO DI ATENEO DI PREVISIONE ANNUALE NON AUTORIZZATORIO - ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 - *** RICLASSIFICATO IN BASE ALLA TASSONOMIA SIOPE Entrate - - Avanzo

Dettagli

Raffronto esercizi 2000-2001 della gestione finanziaria centralizzata

Raffronto esercizi 2000-2001 della gestione finanziaria centralizzata Raffronto esercizi 2000-2001 della gestione finanziaria centralizzata Livelli ENTRATE Gestione finanziaria centralizzata Accertamenti Riscossioni 0 0 0 0 AVANZO 44.066 23.736-46,1% 1 0 0 0 ENTRATE PROPRIE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASLAZIONALE VIA SOLAROLI, 17 - NO BILANCIO DI PREVISIONE 2012

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASLAZIONALE VIA SOLAROLI, 17 - NO BILANCIO DI PREVISIONE 2012 PARTE SPESE Codice Denominazione Previsioni definitive anno 2011 Dipartimento Medicina VARIAZIONI IN AUMENTO VARIAZIONI IN DIMINUZIONE previsione anno 2012 01 RISORSE UMANE 145.005,26 15.175,01 129.830,25

Dettagli

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE N. 20/UCPIC ADDENDUM ENEA

ALLEGATO ALLA CIRCOLARE N. 20/UCPIC ADDENDUM ENEA Unità Centrale Pianificazione e Controllo ALLEGATO ALLA CIRCOLARE N. 20/UCPIC ADDENDUM ENEA ALLA PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DIRETTO DEL PERSONALE E DEI COSTI INDIRETTI DELL ENEA ANNO 2011

Dettagli

Bilancio di esercizio 2014

Bilancio di esercizio 2014 Bilancio di esercizio 2014 Prospetti dei dati SIOPE: - incassi - pagamenti - indicatori aggregati Allegato J della deliberazione di Consiglio n. 5 del 27 aprile 2015 Proposto da: Area Risorse finanziarie

Dettagli

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute Via Solaroli, 17 28100 Novara

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute Via Solaroli, 17 28100 Novara RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 La Facoltà di Medicina adotta un bilancio annuale di previsione per l anno finanziario 2010 redatto in conformità a quanto previsto dal Regolamento di Ateneo

Dettagli

Criteri di aggregazione

Criteri di aggregazione INCASSI PER CODICI SIOPE Pagina 1 Criteri di aggregazione Categoria Regioni e province autonome di Trento e di Bolzano Sotto Categoria REGIONI - GESTIONE SANITARIA Circoscrizione ITALIA NORD-OCCIDENTALE

Dettagli

PIANO DEI CONTI COAN. CA.01.010.02.01.01 Terreni 5. CA.01.010.02.01.02 Fabbricati 5. CA.01.010.02.01.03 Impianti sportivi 5

PIANO DEI CONTI COAN. CA.01.010.02.01.01 Terreni 5. CA.01.010.02.01.02 Fabbricati 5. CA.01.010.02.01.03 Impianti sportivi 5 CA.01 ATTIVO 1 CA.01.010 IMMOBILIZZAZIONI 2 CA.01.010.01 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 3 CA.01.010.01.01 Costi di impianto, di ampliamento e di sviluppo 4 CA.01.010.01.02 Diritti di brevetto e diritti di

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

Ente Codice 000700930 Ente Descrizione REGIONE BASILICATA Periodo MENSILE 12/2010 Prospetto INCASSI PER CODICI GESTIONALI

Ente Codice 000700930 Ente Descrizione REGIONE BASILICATA Periodo MENSILE 12/2010 Prospetto INCASSI PER CODICI GESTIONALI Ente Codice 000700930 Ente Descrizione REGIONE BASILICATA Periodo MENSILE 12/2010 Prospetto INCASSI PER CODICI GESTIONALI 000700930 - REGIONE BASILICATA TITOLO 1o: ENTRATE DERIVANTI DA TRIBUTI PROPRI DELLA

Dettagli

F.S SPESE F.S.00 Disavanzo 0,00 F.S.01 ORGANI UNIVERSITARI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI 0,00 F.S.01.01 GETTONI DI PRESENZA AI COMPONENTI DEGLI ORGANI

F.S SPESE F.S.00 Disavanzo 0,00 F.S.01 ORGANI UNIVERSITARI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI 0,00 F.S.01.01 GETTONI DI PRESENZA AI COMPONENTI DEGLI ORGANI Chiave Descrizione Previsione iniziale 2010 Previsione assestata 2010 variazione + rispetto alla previsione assestata variazione - rispetto alla previsione assestata PREVISIONE 2011 F.S SPESE F.S.00 Disavanzo

Dettagli

Tipo Anno Nr.Mr Incass./Pag.Lordo. Tot.p. Cod. Gestionale: 1101 Competenze fisse per il personale a tempo indeterminato 17.766.

Tipo Anno Nr.Mr Incass./Pag.Lordo. Tot.p. Cod. Gestionale: 1101 Competenze fisse per il personale a tempo indeterminato 17.766. Stampato il 13/03/2014 Pag.1 di 10 Cod. Gestionale: 1101 Competenze fisse per il personale a tempo indeterminato Tot.p. Cod. Gestionale: 1101 Competenze fisse per il personale a tempo indeterminato 17.766.030,88

Dettagli

RICERCA SCIENTIFICA. Tabella 28 Fondi assegnati dall Amministrazione Centrale

RICERCA SCIENTIFICA. Tabella 28 Fondi assegnati dall Amministrazione Centrale RICERCA SCIENTIFICA Le risorse destinate nel 2007 alla ricerca scientifica sono state complessivamente pari a 7.445.235,62 di cui 2.269.331,38 trasferiti ai Dipartimenti dall Amministrazione centrale ed

Dettagli

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Via Solaroli, 17 28100 Novara

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Via Solaroli, 17 28100 Novara RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 Il Dipartimento di Medicina Clinica adotta un bilancio annuale di previsione per l anno finanziario 2010 redatto in conformità a quanto previsto dal Regolamento

Dettagli

Note per la compilazione del rendiconto contabile

Note per la compilazione del rendiconto contabile Note per la compilazione del rendiconto contabile Il responsabile scientifico del progetto (RS) è tenuto a compilare il rendiconto contabile entro 60 giorni dalla scadenza amministrativa del progetto (17

Dettagli

01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 01 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento

01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 01 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 01 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento importo di spesa 319.832,27 Competenze fisse per il personale a tempo indeterminato

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi BILANCIO DI PREVISIONE 2016 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Antonio Catricalà

Dettagli

Rendiconto di Gestione 2014

Rendiconto di Gestione 2014 ALLEGATO 12 Comune di Riccione Rendiconto di Gestione 2014 Altri quadri contabili Assessore al Bilancio Dott. Roberto Monaco Dirigente al Bilancio Dott.ssa Cinzia Farinelli INCASSI PER CODICI GESTIONALI

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA BILANCIO: A.85 - DIPARTIMENTO DI MATEMATICA PREVENTIVO FINANZIARIO ANNO 2011 Chiave iniziali F.E ENTRATE F.E.0 AVANZO 823.279,82 823.279,82 F.E.1 ENTRATE PROPRIE

Dettagli

PROSPETTI DATI CONSUNTIVI SIOPE

PROSPETTI DATI CONSUNTIVI SIOPE P R O V I N C I A D I Settore Risorse Finanziarie S A S S A R I Allegato alla deliberazione del Consiglio Provinciale n. 15 del 30.04.2014 PROSPETTI DATI CONSUNTIVI SIOPE ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 (ART.

Dettagli

GESTIONE DI COMPETENZA CHIAVE DENOMINAZIONE TOTALE ACCERTAMENTI

GESTIONE DI COMPETENZA CHIAVE DENOMINAZIONE TOTALE ACCERTAMENTI UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA A.ACEN - AMMINISTRAZIONE CENTRALE DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA - RENDICONTO FINANZIARIO ESERCIZIO 2012 - ENTRATE CAPITOLO GESTIONE DI COMPETENZA CHIAVE DENOMINAZIONE

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Classificazione della spesa delle università per missioni e programmi VISTI gli articoli

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO UNICO DI ATENEO PER L'ESERCIZIO 2015 A CARATTERE NON AUTORIZZATORIO IN CONTABILITÀ FINANZIARIA

BILANCIO PREVENTIVO UNICO DI ATENEO PER L'ESERCIZIO 2015 A CARATTERE NON AUTORIZZATORIO IN CONTABILITÀ FINANZIARIA BILANCIO PREVENTIVO UNICO DI ATENEO PER L'ESERCIZIO 2015 A CARATTERE NON AUTORIZZATORIO IN CONTABILITÀ FINANZIARIA PREVENTIVO FINANZIARIO Esercizio Unità analitica autonoma Periodo 2015 UA.00 - Universita'

Dettagli

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11.

Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua. Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare n. 36 del 18.11. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori Fondi paritetici interprofessionali per la formazione continua Linee guida sui costi ammissibili in applicazione della Circolare

Dettagli

INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1

INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 Ente Codice 025616978 Ente Descrizione AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI MONZA E DELLA BRIANZA Categoria Province - Comuni - Citta' metropolitane - Unioni di Comuni

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Maurizio Manetti

Dettagli

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014

Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 N.A.A.A. ONLUS Via San Maurizio, 6 10073 CIRIE -TO- C.F. 92023940015 Nota integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014 PREMESSA Il bilancio consuntivo dell esercizio chiuso al 31/12/2014 si compone di

Dettagli

363.770,56 1.461.435,08 1111 Addizionale IRPEF. 23.187,03 295.492,07 1131 Addizionale sul consumo di energia elettrica

363.770,56 1.461.435,08 1111 Addizionale IRPEF. 23.187,03 295.492,07 1131 Addizionale sul consumo di energia elettrica Ente Codice 011120255 Ente Descrizione COMUNE DI SAN POLO D'ENZA Categoria Province - Comuni - Citta' metropolitane - Unioni di Comuni Sotto Categoria COMUNI Periodo MENSILE Dicembre 2013 Prospetto INCASSI

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLA GESTIONE DELL'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 Il rendiconto

Dettagli

RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014

RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 COMUNE DI PRATA DI PORDENONE Provincia di Pordenone Gestione Ambientale Verificata Reg. N IT-000639 RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2014 Riscontro corrispondenza Codici SIOPE Decreto Ministero

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO ESERCIZIO 2010

BILANCIO CONSUNTIVO ESERCIZIO 2010 ALLEGATO _ BILANCIO CONSUNTIVO ESERCIZIO 2010 DATI SIOPE DATI SIOPE Ai sensi dell articolo 2 del Decreto le Ministero dell Economia e delle Finanze n. 38666 del 23/12/2009 gli Enti Locali allegano al rendiconto

Dettagli

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese 1. Oggetto dell intervento Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività: Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale.

Dettagli

Prospetto dei dati SIOPE (Incassi)

Prospetto dei dati SIOPE (Incassi) Prospetto dei dati Prospetto dei dati (Incassi) Esercizio : 2014 Voci di : ENTRATA Mese di : Dicembre Calcolato su : REVERSALI Titolo 1 - Entrate tributarie 1101 ICI - IMU riscossa attraverso ruoli 569,81

Dettagli

PROSPETTO DEI DATI SIOPE ALLEGATO F

PROSPETTO DEI DATI SIOPE ALLEGATO F PROSPETTO DEI DATI SIOPE ALLEGATO F INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 Ente Codice 025616978 Ente Descrizione AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI MONZA E DELLA BRIANZA Categoria Province - Comuni

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Settore Attività Economico Finanziarie Sezione Ragioneria. (All. I)

COMUNE DI ROVIGO Settore Attività Economico Finanziarie Sezione Ragioneria. (All. I) COMUNE DI ROVIGO Settore Attività Economico Finanziarie Sezione Ragioneria (All. I) INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 Ente Codice 000033453 Ente Descrizione COMUNE DI ROVIGO Categoria Province

Dettagli

PROSPETTO GENERALE DEI LIMITI DI DELEGA DI SPESA Allegato n. 2 DELEGATI CAPITOLI Direttore Direttore Dipartimento

PROSPETTO GENERALE DEI LIMITI DI DELEGA DI SPESA Allegato n. 2 DELEGATI CAPITOLI Direttore Direttore Dipartimento CAPITOLI Dipartimento della Affari Generali Ufficio Speciale PROSPETTO GENERALE DEI LIMITI DI DELEGA Allegato n. 2 CAPITOLI Dipartimento della Affari Generali Ufficio Speciale Cap. 110 - Compensi al Presidente

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale EMILIA ROMAGNA ISTITUTO COMPRENSIVO I.C. N.

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale EMILIA ROMAGNA ISTITUTO COMPRENSIVO I.C. N. Pag. 1 01 Personale 3.710,84 1.483,76 1.483,76 0,00 2.227,08 25.399,11 25.399,11 8.067,41 17.331,70 17.331,70 01 Supplenze brevi e saltuarie docenti 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 12.911,09 12.911,09 0,00 12.911,09

Dettagli

AGENZIA NAZIONALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA UNIVERSITARIO DELLA RICERCA RENDICONTO FINANZIARIO ESERCIZIO 2012

AGENZIA NAZIONALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA UNIVERSITARIO DELLA RICERCA RENDICONTO FINANZIARIO ESERCIZIO 2012 ENTRATA Riscosse S o m m e A c c e r t a t e Riscuotere Accertamenti Titolo I - Entrate Correnti Categoria I - Entrate contributive 101010 Finanziamento statale - funzionamento 101011 Finanziamento Statale

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE AUTORIZZATORIO ANNO 2014 RICAVI

BILANCIO DI PREVISIONE AUTORIZZATORIO ANNO 2014 RICAVI BILANCIO DI PREVISIONE AUTORIZZATORIO ANNO RICAVI CA.R.A.01.01 Proventi per la didattica 25.328.240,00 CA.R.A.01.01.01.01 Tasse e contributi Corsi di laurea di I e II livello 22.900.000,00 CA.R.A.01.01.02.01

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "CURIE-SRAFFA" MILANO (MI)

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CURIE-SRAFFA MILANO (MI) Esercizio finanziario A A01 Funzionamento amministrativo generale ENTRATE Aggr. Voce S.Voce 01 Avanzo di amministrazione presunto 38.902,96 01 Avanzo Non vincolato 35.000,00 Avanzo Non vincolato 0 35.000,00

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA - BUDGET ECONOMICO 2014 A. PROVENTI OPERATIVI Sede Amministrativa Dipartimenti Totali Ateneo CA.PO.10 PROVENTI PROPRI EER RICAVI ES 22.159.400,00 1.374.400,00 23.533.800,00

Dettagli

Novità sugli aspetti di rendicontazione e auditing dei progetti finanziati da AIRC

Novità sugli aspetti di rendicontazione e auditing dei progetti finanziati da AIRC Novità sugli aspetti di rendicontazione e auditing dei progetti finanziati da AIRC Renato Ceccarini Università degli Studi di Milano, 20 dicembre 2011 FASI DELLA RENDICONTAZIONE 1. Lettera di assegnazione;

Dettagli

La Concessione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali è subordinata al possesso dei seguenti requisiti:

La Concessione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali è subordinata al possesso dei seguenti requisiti: Allegato alla Delib.G.R. n. 49/32 del 7.12.2011 L.R. 14. 5 2009 n.1, art.17. Criteri e modalità di concessione e rendicontazione dei contributi a favore delle scuole dell infanzia non statali ai sensi

Dettagli

CALABRIA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.T.E. V. DE FAZIO LAMEZIA TERME

CALABRIA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE I.T.E. V. DE FAZIO LAMEZIA TERME A A01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Voce Sotto voce ENTRATE 01 Avanzo di amministrazione presunto 51.300,00 01 Non vincolato 45.576,25 02 Vincolato 5.723,75 02 Finanziamenti dello Stato 91.303,58

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania Ente di Diritto Pubblico Giurisdizione Tribunali Catania e Caltagirone Viale Vittorio Veneto, 343 95126 Catania

Dettagli

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 43/14 del 28.10.2014 Direttive per la presentazione dei programmi di attività, per la ripartizione delle risorse tra le organizzazioni professionali agricole regionali e per

Dettagli

INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1

INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 Ente Codice 011141444 Ente Descrizione COMUNE DI PORTO CESAREO Categoria Province - Comuni - Citta' metropolitane - Unioni di Comuni Sotto Categoria COMUNI

Dettagli

CODICE SIOPE VECCHIO CODICE CODICE ECONOMICO E PATRIMONIALE CODIC E CODICE INFN DESCRIZIONE

CODICE SIOPE VECCHIO CODICE CODICE ECONOMICO E PATRIMONIALE CODIC E CODICE INFN DESCRIZIONE SIOP VCCHIO 102060 Missioni Italia 1214 10 B14d 102070 Missioni estero 1214 20 B14d Come precedente Spese soggiorno 102061 1214 30 B14d Come precedente ospiti ricercatori 102110 102140 Buoni pasto e mensa

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

PROSPETTO GENERALE DEI LIMITI DI DELEGA Allegato 2 DELEGATI CAPITOLI

PROSPETTO GENERALE DEI LIMITI DI DELEGA Allegato 2 DELEGATI CAPITOLI Cap. 110 - Compensi al Presidente ed ai Nei limiti previsti dalla legge. Membri dell'autorità Cap. 111 - Oneri previdenziali ed assistenziali a carico dell'autorità Cap. 112 - Rimborso spese di missione

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MODENA BILANCIO PREVENTIVO DELL ANNO 2016

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MODENA BILANCIO PREVENTIVO DELL ANNO 2016 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MODENA BILANCIO PREVENTIVO DELL ANNO 2016 1. Preventivo finanziario gestionale; 2. Quadro generale riassuntivo della gestione finanziaria;

Dettagli

ORDINE DEI GIORNALISTI Consiglio Regionale delle Marche Via G. Leopardi, 2-60122 Ancona - tel 071/57237 fax 071/2083065

ORDINE DEI GIORNALISTI Consiglio Regionale delle Marche Via G. Leopardi, 2-60122 Ancona - tel 071/57237 fax 071/2083065 ORDINE DEI GIORNALISTI Consiglio Regionale delle Marche Via G. Leopardi, 2-60122 Ancona - tel 071/57237 fax 071/2083065 Bilancio consuntivo chiuso il 31/12/2014 A) STATO PATRIMONIALE ATTIVITA' 2014 2013

Dettagli

Amministrazione Missione Categoria CE2 Codice Gestionale Erario Tesoreria Esterno Pagato Totale 001 - COMPETENZE FISSE 143 - ASSEMBLEE LEGISLATIVE

Amministrazione Missione Categoria CE2 Codice Gestionale Erario Tesoreria Esterno Pagato Totale 001 - COMPETENZE FISSE 143 - ASSEMBLEE LEGISLATIVE 02 - MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE 01 - Organi costituzionali, a rilevanza costituzionale e Presidenza del Consiglio dei ministri 04 - TRASFERIMENTI CORRENTI AD AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 01-

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

STRUTTURE SANITARIE - CODICI GESTIONALI INCASSI

STRUTTURE SANITARIE - CODICI GESTIONALI INCASSI INCASSI Allegato "A" DESCRIZIONE VOCI ENTRATE DERIVANTI DALLA PRESTAZIONE DI SERVIZI E DALLA VENDITA DI BENI DI CONSUMO 1100 Compartecipazione alla spesa per prestazioni sanitarie (ticket) 11.351.328,12

Dettagli

INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1

INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 INCASSI PER CODICI GESTIONALI SIOPE Pagina 1 Ente Codice 000721458 Ente Descrizione COMUNE DI CORROPOLI Categoria Province - Comuni - Citta' metropolitane - Unioni di Comuni Sotto Categoria COMUNI Periodo

Dettagli

I.N.A.F. PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio 2014

I.N.A.F. PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio 2014 PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio PARTE I - ENTRATA Residui attivi corso ( iniziali ) Avanzo di cassa presunto 65.431.595,69 Avanzo di amministrazione presunto 75.451.723,09.. TOTALE TOTALE

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 Signori Consiglieri, il presente bilancio preventivo 2015 è redatto ai sensi dell art. 16 del Decreto legislativo del 31 maggio 2011, n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

I.N.A.F. PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio 2013

I.N.A.F. PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio 2013 PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - Esercizio PARTE I - ENTRATA Residui attivi corso ( iniziali ) Avanzo di cassa presunto 81.184.204,08 Avanzo di amministrazione presunto 76.359.883,83.. TOTALE TOTALE

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza

Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Principio contabile internazionale n. 26 (rivisto nella sostanza nei 1994) Fondi di previdenza Ambito di applicazione 1. Il presente Principio deve essere applicato per la presentazione delle informazionifinanziarie

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università

REGIONE LAZIO. Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Area Programmazione dell'offerta Formativa

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE DELLA SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI ESERCIZIO FINANZIARIO 2012

BILANCIO DI PREVISIONE DELLA SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 BILANCIO DI PREVISIONE DELLA SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 INDICE INDICE... 1 RELAZIONE DEL DIRETTORE E DEL DIRETTORE AMMINISTRATIVO... 3 QUADRO RIASSUNTIVO

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 E N T R A T E

BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 E N T R A T E Ufficio parlamentare di bilancio BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 COD. CAP. E N T R A T E DESCRIZIONE RESIDUI PRESUNTI ALLA FINE DELL'ANNO PREC PREVISIONI DI COMPETENZA PER L'ANNO IN CORSO

Dettagli

Adempimenti connessi al contenimento della spesa pubblica per spese di funzionamento ( Esercizio 2013 al 31/12/2013) Introduzione. Pag.

Adempimenti connessi al contenimento della spesa pubblica per spese di funzionamento ( Esercizio 2013 al 31/12/2013) Introduzione. Pag. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA RISORSE E BILANCIO SERVIZIO BILANCI BUDGET CENTRI AUTONOMI DI GESTIONE SETTORE CONTABILITÀ ANALITICA E RENDICONTAZIONI Adempimenti connessi al contenimento della spesa

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI Direzione Regionale della Lombardia VIII CONVEGNO ANNUALE CODIS CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAN MARIO COLOMBO 9 Novembre 2011 - Teatro Angelicum Milano CONTABILITA FISCALE DEGLI

Dettagli

DISPONIBILITA' LIQUIDE SIOPE Pagina 1. Ente Codice 000262435000000 ASL N. 6 DEL FRIULI OCCIDENTALE - PORDENONE (GESTIONE UNICA)

DISPONIBILITA' LIQUIDE SIOPE Pagina 1. Ente Codice 000262435000000 ASL N. 6 DEL FRIULI OCCIDENTALE - PORDENONE (GESTIONE UNICA) DISPONIBILITA' LIQUIDE SIOPE Pagina 1 Ente Codice 000262435000000 Ente Descrizione ASL N. 6 DEL FRIULI OCCIDENTALE - PORDENONE (GESTIONE UNICA) Categoria Strutture sanitarie Sotto Categoria ASL Periodo

Dettagli

ELENCO DELLE PREVISIONI E DEI RISULTATI DI COMPETENZA E DI CASSA SECONDO LA STRUTTURA DEL PIANO DEI CONTI. DENOMINAZIONE VOCE del PIANO DEI CONTI

ELENCO DELLE PREVISIONI E DEI RISULTATI DI COMPETENZA E DI CASSA SECONDO LA STRUTTURA DEL PIANO DEI CONTI. DENOMINAZIONE VOCE del PIANO DEI CONTI ELENCO DELLE PREVISIONI E DEI RISULTATI DI E DI SECONDO LA STRUTTURA DEL PIANO DEI ENTRATE E.01.00.00.00.000 Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 68.267.980,00 68.267.980,00

Dettagli

1101 Competenze fisse per il personale a tempo indeterminato 287.432,05 1.874.713,06

1101 Competenze fisse per il personale a tempo indeterminato 287.432,05 1.874.713,06 Ente Codice 000028339 Ente Descrizione COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Categoria Province - Comuni - Citta' metropolitane - Unioni di Comuni Sotto Categoria COMUNI Periodo MENSILE Dicembre 2012 Prospetto

Dettagli

Collegio IPASVI di Varese

Collegio IPASVI di Varese Collegio IPASVI di Varese Via Pasubio n. 26 21100 Varese Approvati rispettivamente dal Consiglio Direttivo il giorno 18 febbraio 2013 con atto deliberativo n 39 Assemblea ordinaria il giorno 15/03/2013

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

Questa circolare fornisce le informazioni principali sulle modalità di presentazione delle domande.

Questa circolare fornisce le informazioni principali sulle modalità di presentazione delle domande. DIREZIONE AMMINISTRATIVA U~[VERS[TÀ DEGU STUDI DI PADOVA SERVIZIO RICERCA UfficI via Padovanino, 9 35123 Padova Recapito postale via 8 febbraio, 2 Ai Docenti e Ricercatori dell'ateneo e, p.c. 35122 Padova

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI

LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI LA RENDICONTAZIONE DEI BENI INVENTARIABILI Francesca Pirani Spoleto, 30 Marzo 2007 1 COSTI PER ATTREZZATURE DUREVOLI Le attrezzature durevoli sono beni che: non esauriscono la propria utilità dopo un utilizzo

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna P.O.R. Sardegna 2000/2006 - Misura 3.13 - Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese e territorio - Progetti di ricerca e innovazione al di sotto della soglia de minimis. ELENCO QUESITI RICORRENTI Quali

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

SAPIENZA Università Di Roma. Previsione Triennale 2015 2017. Versione : V_INP. Anno : 2015

SAPIENZA Università Di Roma. Previsione Triennale 2015 2017. Versione : V_INP. Anno : 2015 SAPIENZA Università Di Roma Dettaglio Imputazioni Previsione Triennale 20152017 Versione : V_INP Anno : 2015 COSTI Codice Voce Codice Ua Ua Voce A.A.02.02.020.010 Attrezzature CORRDotazione Ordinaria (ricavi)

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna Pagina 1 di 397

Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna Pagina 1 di 397 Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna Pagina 1 di 397 Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna Pagina 2 di 397 RENDICONTO FINANZIARIO DECISIONALE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DEI PROGETTI PRIVATI MISURA 4.2 AZIONE 4.2.1 POR MOLISE 2000-2006 AIUTI DE MINIMIS ALLE IMPRESE ARTIGIANE S.F.I.D.E. Sviluppo, formazione, ideazione di progetti per

Dettagli

TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI TABELLA N. 4 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI 353 foglio 1 di 2 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (Tabella 04) 040/678 Indice analitico capitoli Capitolo UdV Foglio Capitolo

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "VARIAZIONE" -- Data 30/10/2014 -- Aggregato ENTRATE Voce Sottovoce 01 Avanzo di Amministrazione presunto 1.194,00 0,00 1.194,00 01 Non Vincolato 0,00 0,00 0,00 02 Vincolato 1.194,00 0,00 1.194,00 02 Finanziamenti

Dettagli

Variazione delle rimanenze del prodotti In corso di lavorazione, e finiti (Euro 2.956.15)

Variazione delle rimanenze del prodotti In corso di lavorazione, e finiti (Euro 2.956.15) Senato della Repubblica - 545 - Camera dei deputati Variazione delle rimanenze del prodotti In corso di lavorazione, e finiti (Euro 2.956.15) semilavorati L'importo si riferisce per la sua totalità alla

Dettagli