Notizie! Credito: obiettivo chiarezza e trasparenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notizie! Credito: obiettivo chiarezza e trasparenza"

Transcript

1 Notizie! Il Vicepresidente API Torino Claudia Porchietto INSERTO REDAZIONALE A CURA DI API TORINO Via Pianezza 123, Torino Tel Fax Allegato a API Flash 15 novembre 2004 Per commenti, comunicazioni e per segnalare notizie: Ufficio Stampa Andrea Zaghi Tel Credito: obiettivo chiarezza e trasparenza A metà del percorso che porterà alla fase attuativa dei criteri di erogazione del credito dettati da Basilea 2, API Torino ha lanciato una nuova serie di iniziative rivolte alle Piccole e Medie Imprese. L obiettivo non è cambiato: creare migliori rapporti fra le aziende e il sistema bancario, basati sulla reciproca chiarezza delle posizioni e dei metodi di lavoro Basilea 2 cambierà le modalità di valutazione del merito creditizio delle nostre imprese che dovranno trasformarsi da semplici comparse in attori principali di questa evoluzione del rapporto Banca Impresa, in soggetti propositivi ed in grado di promuovere il prodotto-azienda in modo chiaro e trasparente; in taluni casi questo implicherà una vera e propria rivoluzione nella conduzione delle nostre imprese: la gestione economico-finanziaria diverrà strategica per il futuro posizionamento sui mercati, con l obiettivo di condurre ad un ottimizzazione della gestione complessiva della nostra attività. Tutto ciò non possiamo nasconderlo ha dei risvolti positivi, ma porta con sé anche dei pesanti oneri per le PMI. Da tempo, API Torino sta lavorando a fianco dei propri associati per adattare, per quanto possibile, i dettati di Basilea 2 alla realtà delle aziende associate, promuovendo importanti iniziative tra cui, in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino, un progetto per aiutare le PMI ad affrontare questa nuova sfida in modo efficace. Tale iniziativa prevede una vera e propria assistenza finanziaria alle PMI con l obiettivo di migliorare le relazioni banca-impresa e consentire alle aziende di accedere con facilità e senza sorprese ai finanziamenti del sistema del credito. Due i momenti principali: una serie di incontri di informazione e formazione su Basilea 2 e sui cambiamenti in atto, poi una vera e propria assistenza in azienda per il chiarimento e la messa a punto della gestione finanziaria. In questo numero di API Notizie trovate le ultime attività su questo punto. Ma l azione di API Torino nei confronti dello snellimento e della trasparenza dei rapporti fra PMI e sistema del credito non finisce certo qui. La nostra presenza sui tavoli istituzionali e la pressione che l Associazione esercita sui diversi attori presenti sul territorio per far comprendere l importanza della necessità di correttezza in questo settore sono continui. Perché a ben vedere il punto cardine del problema è uno solo: quando si parla di credito alle imprese occorre responsabilità da parte di tutti. Certamente le PMI devono compiere un lungo percorso per arrivare a soddisfare i criteri di Basilea 2, che dal 2007 faranno sentire tutto il loro effetto. Ma altrettanta responsabilità e chiarezza deve esserci da parte delle banche, a tutti i livelli e nei confronti di tutte le imprese cui esse si rivolgono. Questo per evitare gli errori fatti in passato, che hanno danneggiato tutto il sistema e cha vanno oltre il problema dell anatocismo, di cui in questi giorni molto si parla e cha a più riprese negli anni l associazione ha denunciato. Rimane chiaro l obiettivo che API sta perseguendo: assistere le PMI nei conflittuali rapporti con le banche, ribadendo ad esse la vitale importanza di un rapporto corretto e trasparente. Non possiamo fare a meno gli uni degli altri, il sistema finanziario ha bisogno del mondo produttivo; ora la partita è nelle nostre mani, cogliamo l attimo. Claudia Porchietto Vicepresidente di API Torino

2 La Vita dell Associazione Manifesto delle PMI torinesi Il documento inviato a tutti i protagonisti della vita economica, politica e sociale. Servono più attenzione alle piccole imprese e una nuova politica per lo sviluppo e la crescita della competitività Maurizio Frari Presidente di Unionmeccanica Vogliamo farci sentire e continuare a fare impresa. Con queste parole è possibile sintetizzare l atteggiamento delle Piccole e Medie Imprese alle prese con una situazione di crescente difficoltà e sofferenza. Problemi derivanti sia dal contesto economico locale e nazionale, sia da quello internazionale, a cui non sono state date per ora risposte adeguate alla gravità del momento. Per questo, su iniziativa di Unionmeccanica, API Torino ha deciso di diffondere un vero e proprio Manifesto delle PMI torinesi. Il documento (che trovate in questo stesso numero di API Notizie) sarà diffuso a tutte le istituzioni (dal Comune alla Provincia alla Regione al Parlamento), alle Organizzazioni Sindacali, alla stampa. API Notizie ha chiesto a Maurizio Frari, presidente di Unionmeccanica, di spiegare il senso dell iniziativa. Le nostre aziende hanno a che fare ogni giorno di più con una situazione economica difficile da molti punti di vista. Basta pensare all aumento dei costi di produzione, ma anche alle difficoltà che continuano a permanere sul fronte del credito e della burocrazia. Accanto a tutto ciò, il contesto internazionale e monetario non ci aiuta certo a guardare con tranquillità al futuro. Ma, se nell attività quotidiana constatiamo ogni giorno questi problemi, da imprenditori e da cittadini dobbiamo purtroppo rilevare la clamorosa assenza della necessaria consapevolezza da parte dell'opinione pubblica e delle istituzioni - ad ogni livello e di ogni parte politica della gravità del quadro in cui le nostre aziende e il Paese stanno vivendo. E chiaramente impossibile pensare di continuare a resistere ancora per molto senza fare nulla. D altra parte, però, è la nostra stessa natura di imprenditori che ci spinge a voler proseguire nel fare impresa. Che, per noi, significa produrre ricchezza e occupazione, affrontare e risolvere i problemi. Non possiamo, tuttavia, agire nel vuoto totale. Non è accettabile che delle esigenze delle Piccole e Medie Imprese nessuno si occupi seriamente. Basta pensare a due circostanze per capire. A Torino, mentre cresce il numero delle imprese costrette a ridimensionarsi o addirittura a chiudere, si impiegano ingenti risorse economiche per meravigliosi studi di fattibilità di Grandi Progetti di incerta realizzazione. A Roma sta nascendo una Legge Finanziaria (e un cosiddetto collegato sulla competitività) che tutto contiene tranne misure concrete per lo sviluppo e le PMI. Tutto questo non è più sopportabile. Il Manifesto delle PMI torinesi, quindi, ha l obiettivo di chiedere anche con una clamorosa dimostrazione di esistenza una nuova politica per lo sviluppo e per la competitività. Una iniziativa politica che abbia come obiettivo il vero governo degli scambi internazionali, il sostegno delle esportazioni, l aiuto all innovazione e alla ricerca, il varo di misure fiscali sensate e in grado di favorire la crescita delle imprese, la resposabilizzazione del sistema creditizio nei confronti delle PMI. Maurizio Frari Presidente di Unionmeccanica 2

3 MANIFESTO DELLE PMI TORINESI Alle Istituzioni Ai Parlamentari Alle Organizzazioni Sindacali FARE IMPRESA È SEMPRE PIÙ DIFFICILE 3 lunghi anni di crisi per l'industria e di progressiva perdita di competitività Selvaggio aumento delle materie prime e la grande committenza non è disponibile a riconoscerci adeguamenti Forte apprezzamento dell'euro con crescenti difficoltà per le nostre esportazioni e le istituzioni non se ne preoccupano Continue difficoltà nella concessione del credito e le banche non scommettono sul nostro futuro Vincoli e costi opprimenti della burocrazia e dobbiamo pagare una schiera di professionisti Costo del lavoro in continuo aumento e le ore produttive calano NOI VOGLIAMO CONTINUARE A FARE IMPRESA Chiediamo che le PMI possano continuare a crescere per produrre ricchezza e occupazione per tutti Crisi e difficoltà delle imprese determinano situazioni di grave disagio sociale Rivendichiamo attenzione e senso di responsabilità a Governo, Parlamento, Istituzioni locali, Banche, Sindacati CHIEDIAMO UNA NUOVA POLITICA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITÁ Governare gli scambi internazionali, l'andamento delle valute e la lotta alle contraffazioni Offrire aiuti concreti all'export per compensare l'apprezzamento dell'euro Governare le delocalizzazioni responsabilizzando la grande impresa ad investire sul territorio Promuovere l'innovazione e la formazione attraverso la semplificazione delle procedure, con controlli sostanziali e non burocratici Favorire con appropriate misure fiscali le aggregazioni e i consorzi di imprese Ridurre il prelievo sulle imprese con l abolizione dell'irap: un intervento vero e non limitato ai ricercatori che solo la grande impresa si può permettere Responsabilizzare le banche per il credito alle PMI 3

4 Cellino confermato presidente dei Giovani dell API Conferma per altri quattro di Fabrizio Cellino alla carica di Presidente del Gruppi Giovani Imprenditori di API Torino. La nomina è avvenuta lunedì 18 ottobre scorso. Cellino conduce la omonima azienda alle porte di Torino attiva nel comparto dell automotive. Il nuovo Consiglio direttivo è invece composto da: Carlo Balabio, Marcellino Conteri, Stefano Gindro, Davide Maiocco, Ivan Monciotti, Claudia Porchietto, Alberto Russo, Davide Varvello. Al via un plafond di credito per le PMI da 10 milioni di euro Nuova iniziativa di API Torino rivolta alle piccole e medie imprese associate che debbano investire per la loro crescita produttiva. Un accordo con Unicredit Banca, infatti, mette a disposizione 10 milioni di euro per investimenti in beni strumentali (nuovi e/o usati) e scorte di magazzino. L accesso alle possibilità di credito, tuttavia, è concesso solamente a chi sia già associato ad API. Le imprese possono già essere clienti o meno di Unicredit Banca (sono escluse dal plafond le imprese clienti di Unicredit Banca D impresa). Gli importi vanno da un minimo di 20mila euro (per le scorte di magazzino) ad un massimo di 300mila euro per i veri e propri investimenti. I rimborsi possono avvenire in mesi per gli investimenti in scorte con rata mensile; e in mesi per gli investimenti in beni strumentali (per la durata di 60 mesi è previsto un preammortamento di 12 mesi) con rata mensile o semestrale. Le richieste sono effettuabili solamente attraverso il sito a partire dal 15/11/04 e fino al 28/02/05. L istruttoria verrà effettuata da Unicredit Banca e da Unionfidi. Gestione aziendale e Basilea 2 Il 18 novembre un incontro per capire cosa cambia con le nuove regole Come devono comportarsi le PMI di fronte agli istituti di credito in vista di Basilea 2? E una domanda che ogni imprenditore deve porsi nel momento in cui vuole capire di più e migliorare i rapporti con la propria banca. Per questo API Torino, insieme alla Camera di Commercio, ha avviato un progetto di assistenza finanziaria alle PMI con l obiettivo di migliorare le relazioni bancaimpresa e consentire alle aziende di accedere con facilità e senza sorprese ai finanziamenti del sistema del credito. Tappa importante del progetto è stato l incontro organizzato per il 18 novembre prossimo su Gestione aziendale e Basilea 2. Fattori critici di successo. Incontro con Sergio Romano Un momento dell incontro con Sergio Romano Globalizzazione e crisi internazionale: come la politica può influire sull economia. E stato questo il tema di un incontro che API Torino ha organizzato con l Ambasciatore Sergio Romano, acuto osservatore della realtà economica e sociale internazionale. In una situazione economica e sociale sempre più difficile da decifrare ha spiegato Sergio Rodda, presidente di API, presentando l intervento -, occorre avere a disposizione strumenti in grado di interpretare i fatti in maniera chiara e utile. Questo vale anche per le Piccole e Medie Imprese, proiettate con forza su mercati ben più vasti che in passato. Al seminario oltre a numerosi imprenditori hanno anche partecipato i componenti della Giunta e del Consiglio di API Claudia Porchietto, Piero Arduini, Maria Grazia Doglione, Luigi Lacidogna, Massimiliano Grasso, oltre che la presidente di APID Giovanna Boschis, il Direttore Generale di API Torino Vittorio Claretta Assandri e il Segretario Generale Alessandro Cocirio. 4

5 Per MEPIT 35 anni di precisione La storia dell azienda inizia nell agosto del 1969 Possono essere due le caratteristiche principali della MEPIT di Settimo Torinese, azienda associata ad API Torino che da pochi giorni ha compiuto 35 anni di attività. Prima di tutto la capacità di realizzare singoli pezzi e lavorazioni in piccole e medie serie di altissima precisione. Poi, la particolare sensibilità nei confronti dell evoluzione che tecnologia e materiali hanno imposto, in maniera sempre più serrata, in questi ultimi anni. MEPIT, oggi, è una delle aziende leader nella produzione di componenti aeronautici ma anche per turbine per la produzione di elettricità e per trafile per la lavorazione della gomma. A raccontare l azienda è il suo fondatore, Giuseppe Pigato, che nell agosto del 1969 rilevò quattro macchine utensili da un altra attività. L officina dice Pigato ad API Notizie era composta da tre persone. Siamo cresciuti e ci siamo allargati. Prima ero l unico titolare, poi ho creato una impresa-famiglia e poi una vera società con mia moglie e mio fratello. Le ultime tappe della crescita sono state il trasloco nello stabilimento di Settimo Torinese, dove adesso lavorano 15 persone, e la certificazione in base alle norme UNI EN ISO 9002 nel Nel frattempo, in azienda sono entrati anche mio figlio Luca che ci ha portati alla certificazione e mia figlia Angela che si è dedicata alla parte amministrativa. MEPIT lavora per imprese del calibro della Avio (l ex Fiat Avio), ma anche per il Politecnico di Torino. In questo caso spiega Pigato stiamo lavorando a strumenti per l esecuzione di prove di resistenza sia alle vibrazioni che alle trazioni. Ma l azienda costruisce anche attrezzature per i banchi prova, parti di turbine per le centrali elettriche e per l industria della gomma. MEPIT riesce a lavorare praticamente qualsiasi tipo di materiale metallico e non: dal plexiglass all alluminio, dal nylon all acciaio super rapido temprato, dalla ghisa all INCONEL, oltre che a tutte le leghe dell acciaio speciale. Un passo importante per noi spiega poi Luca Pigato è stata la certificazione che è arrivata nel settembre del 98 dopo solamente un anno di lavoro. Si è trattato dell occasione per rivedere tutte le nostre procedure, accreditarci presso altri clienti e confermare la nostra qualità nei confronti dei vecchi. E per il futuro? Noi dice Giuseppe Pigato abbiamo ben chiara la necessità che al futuro si guarda attraverso un continuo aggiornamento delle procedure di produzione e delle tecniche. D altra parte, siamo partiti dalle macchine tradizionali e siamo arrivati ai torni a controllo numerico, a centri di lavoro a 5 assi e a macchina di misura a controllo continuo. E il mercato per ora continua a darci risposte positive. 5

6 La Vita dell associazione Dieci punti per la crescita dell economia locale API elabora una piattaforma di proposte rivolta alla Provincia di Torino Migliorare le infrastrutture e i servizi, investire di più in termini di ricerca e di risorse umane. Tutto per dare una nuova carica al territorio e all economia torinesi. Sono dieci i punti operativi che API l associazione che riunisce oltre 3mila PMI ha fornito alla Provincia di Torino come contributo per le Linee Programmatiche Una sorta di piattaforma di lavoro e collaborazione che prende in esame tutti gli aspetti inerenti l attività delle imprese e che nasce da una indagine compiuta dall Ufficio Studi di API Torino che ha permesso di evidenziare le criticità e le positività ma soprattutto le aspettative da parte delle aziende nei confronti dell azione dell Amministrazione Provinciale. Tutto, poi, è sostenuto da un idea di fondo: Alla competitività di un territorio spiega infatti Sergio Rodda, presidente di API - si devono legare due ordini di azioni: il miglioramento delle infrastrutture e dei servizi e, dall altra, gli investimenti in termini di risorse finanziare ed umane nella ricerca, nell innovazione, nei processi di qualità e nella formazione. Più in generale, API Torino da tempo ritiene che la complessità della situazione renda urgente un forte e rinnovato patto per la competitività, lo sviluppo e la coesione sociale. L Amministrazione provinciale può sostenere una iniziativa di questo genere attraverso una forte capacità selettiva nell individuazione degli obiettivi e nella conseguente allocazione delle risorse. Il contributo di API Torino si fonda su dieci proposte operative in cui l Associazione si propone sempre come interlocutore. Eccone la sintesi. 1) 2) 3) 4) 5) Patti territoriali. API Torino è favorevole al mantenimento e rafforzamento di questi strumenti, sottolineando la necessità di governance e di un maggiore orientamento verso il settore industriale. Ricerca e innovazione. E prioritario, da un lato il raccordo tra i centri di ricerca pubblici e quelli privati, in buona parte riconducibili alle grandi imprese operanti in Piemonte e, dall altro, il consolidamento dei rapporti di tali strutture con il mondo della piccola e media impresa. API Torino, a tale proposito, si propone quale interlocutore strategico dei protagonisti della ricerca. Internazionalizzazione. La Provincia deve continuare a sostenere le iniziative promozionali dirette a gruppi omogenei di aziende e/o a serie di imprese che vogliano unirsi in filiera per concorrere alla realizzazione di importanti business, che per limiti dimensionali e di fatturato, non sarebbero in grado di raggiungere singolarmente. Credito. API Torino ritiene opportuno concentrarsi più che sulla definizione di nuovi strumenti finanziari evoluti, sul rendere maggiormente operativi ed efficienti quelli già esistenti. La Provincia deve assumere il ruolo di facilitatore tra il sistema bancario e quello imprenditoriale, in modo che si discuta su quali debbano essere gli strumenti più adatti alle rispettive esigenze. Distretto industriale dell auto, Mirafiori. API Torino sollecita la Provincia a lavorare sul distretto dell auto, sulla scorta dei progetti già sperimentati come l Agenzia dell auto, opportunamen- 6

7 te rimodulati e ricalibrati. Ma vanno evitate inutili dispersioni di energie progettuali. Occorre coordinare il tentativo di policy con tutte le iniziative che insistono sul campo dell automotive. Disegnare un Progetto per Mirafiori richiede azioni e politiche, pubbliche e private, coerenti con il duplice obiettivo di confermare, rinnovandola e potenziandola, l'identità industriale della città, e di programmare un ridisegno urbanistico e territoriale funzionale ed efficiente. Le linee di discussione messe all ordine del giorno dalla Provincia sono condivisibili; nel merito però, dovrà essere chiaro quale ruolo intende giocare la FIAT nella Torino industriale futura. 6) 7) 8) 9) Settore aerospaziale. L associazione accoglie con favore l ipotesi di creare un tavolo di lavoro tra le PMI, gli enti territoriali, le autonomie funzionali, Finmeccanica e FIAT Avio. Il confronto dovrà essere funzionale all elaborazione di una sorta di agenda distrettuale, in cui andranno individuate le priorità e le opportunità che garantiranno le scelte di politica industriale. Information & Comunication Technology. La centralità del comparto dell ICT per la tenuta ed il futuro del nostro sistema è di tutta evidenza, ma altrettanto chiare dobbiamo riconoscere sono le criticità di questo comparto: le azioni della Provincia dovranno necessariamente tener conto della situazione e, in relazione a queste, dovranno essere individuati i primi obiettivi. Energia e Ambiente. In questo settore esistono collaudate relazioni tra API Torino e Provincia. E prioritario lavorare congiuntamente per la semplificazione delle procedure. API Torino, inoltre è disponibile, nell ambito di Agenda 21, per nuovi progetti ambientali di interesse generale o che contemplino miglioramenti di performance ambientali. Infrastrutture. API Torino ritiene necessario: il completamento della tangenziale verso est, la realizzazione dell asse di Corso Marche, allo scopo di alleggerire il traffico della tangenziale, la realizzazione di opere immateriali quali la diffusione dell accesso a reti a banda larga. Per quanto concerne i trasporti urbani, invece, Torino deve saper cogliere l opportunità dell evento olimpico per realizzare: la nuova stazione ferroviaria a Porta Susa, i nuovi progetti per Porta Nuova con auspicabili interventi di interramento dei binari. 10) Politiche del Lavoro e della Formazione. Le recenti modifiche normative, potenzialmente, sono in grado di garantire un significativo miglioramento del mercato del lavoro e della formazione. Sarà centrale, a questo proposito, la capacità di promuovere una fattiva collaborazione che permetta di affinare nuovi strumenti e metodi: basti pensare alla Commissione Tripartita, alle Commissione per la certificazione dei rapporti di lavoro o alla revisione dell istituto dell Apprendistato. 7

8 Il Fatto di cui si parla Provincia promossa, ma le Pmi si aspettano di più Una indagine dell Ufficio Studi ha verificato l efficacia degli interventi ma anche le aspettative e i problemi da risolvere Le Piccole e Medie Imprese promuovono la Provincia di Torino sui Patti territoriali, sulle iniziative per l internazionalizzazione e per i Centri per l Impiego, ma si aspettano molto di più per quanto riguarda l innovazione, la ricerca e le infrastrutture. Sono questi i risultati principali dell indagine che l Ufficio Studi di API Torino ha condotto presso le imprese associate per valutare il grado di efficacia e di conoscenza, oltre che le attese da parte delle aziende, delle azioni dell Amministrazione Provinciale nei confronti delle Pmi e più in generale del sistema economico torinese. La ricerca è stata condotta nell ottobre scorso, ed è servita come base conoscitiva per la redazione di un documento di proposte operative che API Torino ha fornito alla nuova Giunta provinciale. Sempre in generale, la ricerca ha evidenziato la necessità di un maggiore coinvolgimento diretto delle aziende nelle iniziative messe in atto dall Amministrazione Provinciale, anche con una maggiore e più puntuale comunicazione. Ma vediamo, più in dettaglio, alcuni dati. L 89,4% delle aziende non ha percepito qualche cambiamento significativo nell attività svolta dalla Provincia dopo il trasferimento di molte competenze dallo Stato agli enti territoriali. Per quanto riguarda singole iniziative di sviluppo locale, invece, il più alto grado di utilizzo e apprezzamento si registra sui Patti territoriali (57,6%), sui Centri per l impiego (56,1%), sulle iniziative per il sostegno dell internazionalizzazione (51,5%). Interessanti anche i giudizi sui risultati conseguiti dalla partecipazione delle PMI alle iniziative provinciali. Sulle otto principali iniziative della Provincia, cinque (Sportello Unico per le Attività Produttive, progetti per il trasferimento tecnologico, politiche per i distretti industriali, incentivi all occupazione e interventi dei programmi integrati d area), hanno raccolto valutazioni negative. Ma per le PMI quali sono gli interventi prioritari da compiere? La ricerca dell Ufficio Studi di API Torino ha dato una risposta. Per oltre il 50% delle imprese sono da mettere al primo posto le azioni a sostegno dell innovazione e della ricerca applicata e gli interventi per il miglioramento delle infrastrutture. Nello specifico, infine, l indagine ha rilevato che il 54,5% delle imprese chiede la realizzazione della tangenziale est, il 53% della banda larga su tutti i comuni, il 40,9% della linea ferroviaria Torino-Lione e il 36% del prolungamento di corso Marche. 8

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Working Process ai vertici della tecnologia

Working Process ai vertici della tecnologia ING.qxd 29-04-2013 15:54 Pagina 24 Working Process ai vertici della tecnologia Un produttore italiano porta ai massimi livelli la tecnologia della lavorazione del serramento. Working Process ci ha abituati

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli