Notizie! Credito: obiettivo chiarezza e trasparenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Notizie! Credito: obiettivo chiarezza e trasparenza"

Transcript

1 Notizie! Il Vicepresidente API Torino Claudia Porchietto INSERTO REDAZIONALE A CURA DI API TORINO Via Pianezza 123, Torino Tel Fax Allegato a API Flash 15 novembre 2004 Per commenti, comunicazioni e per segnalare notizie: Ufficio Stampa Andrea Zaghi Tel Credito: obiettivo chiarezza e trasparenza A metà del percorso che porterà alla fase attuativa dei criteri di erogazione del credito dettati da Basilea 2, API Torino ha lanciato una nuova serie di iniziative rivolte alle Piccole e Medie Imprese. L obiettivo non è cambiato: creare migliori rapporti fra le aziende e il sistema bancario, basati sulla reciproca chiarezza delle posizioni e dei metodi di lavoro Basilea 2 cambierà le modalità di valutazione del merito creditizio delle nostre imprese che dovranno trasformarsi da semplici comparse in attori principali di questa evoluzione del rapporto Banca Impresa, in soggetti propositivi ed in grado di promuovere il prodotto-azienda in modo chiaro e trasparente; in taluni casi questo implicherà una vera e propria rivoluzione nella conduzione delle nostre imprese: la gestione economico-finanziaria diverrà strategica per il futuro posizionamento sui mercati, con l obiettivo di condurre ad un ottimizzazione della gestione complessiva della nostra attività. Tutto ciò non possiamo nasconderlo ha dei risvolti positivi, ma porta con sé anche dei pesanti oneri per le PMI. Da tempo, API Torino sta lavorando a fianco dei propri associati per adattare, per quanto possibile, i dettati di Basilea 2 alla realtà delle aziende associate, promuovendo importanti iniziative tra cui, in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino, un progetto per aiutare le PMI ad affrontare questa nuova sfida in modo efficace. Tale iniziativa prevede una vera e propria assistenza finanziaria alle PMI con l obiettivo di migliorare le relazioni banca-impresa e consentire alle aziende di accedere con facilità e senza sorprese ai finanziamenti del sistema del credito. Due i momenti principali: una serie di incontri di informazione e formazione su Basilea 2 e sui cambiamenti in atto, poi una vera e propria assistenza in azienda per il chiarimento e la messa a punto della gestione finanziaria. In questo numero di API Notizie trovate le ultime attività su questo punto. Ma l azione di API Torino nei confronti dello snellimento e della trasparenza dei rapporti fra PMI e sistema del credito non finisce certo qui. La nostra presenza sui tavoli istituzionali e la pressione che l Associazione esercita sui diversi attori presenti sul territorio per far comprendere l importanza della necessità di correttezza in questo settore sono continui. Perché a ben vedere il punto cardine del problema è uno solo: quando si parla di credito alle imprese occorre responsabilità da parte di tutti. Certamente le PMI devono compiere un lungo percorso per arrivare a soddisfare i criteri di Basilea 2, che dal 2007 faranno sentire tutto il loro effetto. Ma altrettanta responsabilità e chiarezza deve esserci da parte delle banche, a tutti i livelli e nei confronti di tutte le imprese cui esse si rivolgono. Questo per evitare gli errori fatti in passato, che hanno danneggiato tutto il sistema e cha vanno oltre il problema dell anatocismo, di cui in questi giorni molto si parla e cha a più riprese negli anni l associazione ha denunciato. Rimane chiaro l obiettivo che API sta perseguendo: assistere le PMI nei conflittuali rapporti con le banche, ribadendo ad esse la vitale importanza di un rapporto corretto e trasparente. Non possiamo fare a meno gli uni degli altri, il sistema finanziario ha bisogno del mondo produttivo; ora la partita è nelle nostre mani, cogliamo l attimo. Claudia Porchietto Vicepresidente di API Torino

2 La Vita dell Associazione Manifesto delle PMI torinesi Il documento inviato a tutti i protagonisti della vita economica, politica e sociale. Servono più attenzione alle piccole imprese e una nuova politica per lo sviluppo e la crescita della competitività Maurizio Frari Presidente di Unionmeccanica Vogliamo farci sentire e continuare a fare impresa. Con queste parole è possibile sintetizzare l atteggiamento delle Piccole e Medie Imprese alle prese con una situazione di crescente difficoltà e sofferenza. Problemi derivanti sia dal contesto economico locale e nazionale, sia da quello internazionale, a cui non sono state date per ora risposte adeguate alla gravità del momento. Per questo, su iniziativa di Unionmeccanica, API Torino ha deciso di diffondere un vero e proprio Manifesto delle PMI torinesi. Il documento (che trovate in questo stesso numero di API Notizie) sarà diffuso a tutte le istituzioni (dal Comune alla Provincia alla Regione al Parlamento), alle Organizzazioni Sindacali, alla stampa. API Notizie ha chiesto a Maurizio Frari, presidente di Unionmeccanica, di spiegare il senso dell iniziativa. Le nostre aziende hanno a che fare ogni giorno di più con una situazione economica difficile da molti punti di vista. Basta pensare all aumento dei costi di produzione, ma anche alle difficoltà che continuano a permanere sul fronte del credito e della burocrazia. Accanto a tutto ciò, il contesto internazionale e monetario non ci aiuta certo a guardare con tranquillità al futuro. Ma, se nell attività quotidiana constatiamo ogni giorno questi problemi, da imprenditori e da cittadini dobbiamo purtroppo rilevare la clamorosa assenza della necessaria consapevolezza da parte dell'opinione pubblica e delle istituzioni - ad ogni livello e di ogni parte politica della gravità del quadro in cui le nostre aziende e il Paese stanno vivendo. E chiaramente impossibile pensare di continuare a resistere ancora per molto senza fare nulla. D altra parte, però, è la nostra stessa natura di imprenditori che ci spinge a voler proseguire nel fare impresa. Che, per noi, significa produrre ricchezza e occupazione, affrontare e risolvere i problemi. Non possiamo, tuttavia, agire nel vuoto totale. Non è accettabile che delle esigenze delle Piccole e Medie Imprese nessuno si occupi seriamente. Basta pensare a due circostanze per capire. A Torino, mentre cresce il numero delle imprese costrette a ridimensionarsi o addirittura a chiudere, si impiegano ingenti risorse economiche per meravigliosi studi di fattibilità di Grandi Progetti di incerta realizzazione. A Roma sta nascendo una Legge Finanziaria (e un cosiddetto collegato sulla competitività) che tutto contiene tranne misure concrete per lo sviluppo e le PMI. Tutto questo non è più sopportabile. Il Manifesto delle PMI torinesi, quindi, ha l obiettivo di chiedere anche con una clamorosa dimostrazione di esistenza una nuova politica per lo sviluppo e per la competitività. Una iniziativa politica che abbia come obiettivo il vero governo degli scambi internazionali, il sostegno delle esportazioni, l aiuto all innovazione e alla ricerca, il varo di misure fiscali sensate e in grado di favorire la crescita delle imprese, la resposabilizzazione del sistema creditizio nei confronti delle PMI. Maurizio Frari Presidente di Unionmeccanica 2

3 MANIFESTO DELLE PMI TORINESI Alle Istituzioni Ai Parlamentari Alle Organizzazioni Sindacali FARE IMPRESA È SEMPRE PIÙ DIFFICILE 3 lunghi anni di crisi per l'industria e di progressiva perdita di competitività Selvaggio aumento delle materie prime e la grande committenza non è disponibile a riconoscerci adeguamenti Forte apprezzamento dell'euro con crescenti difficoltà per le nostre esportazioni e le istituzioni non se ne preoccupano Continue difficoltà nella concessione del credito e le banche non scommettono sul nostro futuro Vincoli e costi opprimenti della burocrazia e dobbiamo pagare una schiera di professionisti Costo del lavoro in continuo aumento e le ore produttive calano NOI VOGLIAMO CONTINUARE A FARE IMPRESA Chiediamo che le PMI possano continuare a crescere per produrre ricchezza e occupazione per tutti Crisi e difficoltà delle imprese determinano situazioni di grave disagio sociale Rivendichiamo attenzione e senso di responsabilità a Governo, Parlamento, Istituzioni locali, Banche, Sindacati CHIEDIAMO UNA NUOVA POLITICA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITÁ Governare gli scambi internazionali, l'andamento delle valute e la lotta alle contraffazioni Offrire aiuti concreti all'export per compensare l'apprezzamento dell'euro Governare le delocalizzazioni responsabilizzando la grande impresa ad investire sul territorio Promuovere l'innovazione e la formazione attraverso la semplificazione delle procedure, con controlli sostanziali e non burocratici Favorire con appropriate misure fiscali le aggregazioni e i consorzi di imprese Ridurre il prelievo sulle imprese con l abolizione dell'irap: un intervento vero e non limitato ai ricercatori che solo la grande impresa si può permettere Responsabilizzare le banche per il credito alle PMI 3

4 Cellino confermato presidente dei Giovani dell API Conferma per altri quattro di Fabrizio Cellino alla carica di Presidente del Gruppi Giovani Imprenditori di API Torino. La nomina è avvenuta lunedì 18 ottobre scorso. Cellino conduce la omonima azienda alle porte di Torino attiva nel comparto dell automotive. Il nuovo Consiglio direttivo è invece composto da: Carlo Balabio, Marcellino Conteri, Stefano Gindro, Davide Maiocco, Ivan Monciotti, Claudia Porchietto, Alberto Russo, Davide Varvello. Al via un plafond di credito per le PMI da 10 milioni di euro Nuova iniziativa di API Torino rivolta alle piccole e medie imprese associate che debbano investire per la loro crescita produttiva. Un accordo con Unicredit Banca, infatti, mette a disposizione 10 milioni di euro per investimenti in beni strumentali (nuovi e/o usati) e scorte di magazzino. L accesso alle possibilità di credito, tuttavia, è concesso solamente a chi sia già associato ad API. Le imprese possono già essere clienti o meno di Unicredit Banca (sono escluse dal plafond le imprese clienti di Unicredit Banca D impresa). Gli importi vanno da un minimo di 20mila euro (per le scorte di magazzino) ad un massimo di 300mila euro per i veri e propri investimenti. I rimborsi possono avvenire in mesi per gli investimenti in scorte con rata mensile; e in mesi per gli investimenti in beni strumentali (per la durata di 60 mesi è previsto un preammortamento di 12 mesi) con rata mensile o semestrale. Le richieste sono effettuabili solamente attraverso il sito a partire dal 15/11/04 e fino al 28/02/05. L istruttoria verrà effettuata da Unicredit Banca e da Unionfidi. Gestione aziendale e Basilea 2 Il 18 novembre un incontro per capire cosa cambia con le nuove regole Come devono comportarsi le PMI di fronte agli istituti di credito in vista di Basilea 2? E una domanda che ogni imprenditore deve porsi nel momento in cui vuole capire di più e migliorare i rapporti con la propria banca. Per questo API Torino, insieme alla Camera di Commercio, ha avviato un progetto di assistenza finanziaria alle PMI con l obiettivo di migliorare le relazioni bancaimpresa e consentire alle aziende di accedere con facilità e senza sorprese ai finanziamenti del sistema del credito. Tappa importante del progetto è stato l incontro organizzato per il 18 novembre prossimo su Gestione aziendale e Basilea 2. Fattori critici di successo. Incontro con Sergio Romano Un momento dell incontro con Sergio Romano Globalizzazione e crisi internazionale: come la politica può influire sull economia. E stato questo il tema di un incontro che API Torino ha organizzato con l Ambasciatore Sergio Romano, acuto osservatore della realtà economica e sociale internazionale. In una situazione economica e sociale sempre più difficile da decifrare ha spiegato Sergio Rodda, presidente di API, presentando l intervento -, occorre avere a disposizione strumenti in grado di interpretare i fatti in maniera chiara e utile. Questo vale anche per le Piccole e Medie Imprese, proiettate con forza su mercati ben più vasti che in passato. Al seminario oltre a numerosi imprenditori hanno anche partecipato i componenti della Giunta e del Consiglio di API Claudia Porchietto, Piero Arduini, Maria Grazia Doglione, Luigi Lacidogna, Massimiliano Grasso, oltre che la presidente di APID Giovanna Boschis, il Direttore Generale di API Torino Vittorio Claretta Assandri e il Segretario Generale Alessandro Cocirio. 4

5 Per MEPIT 35 anni di precisione La storia dell azienda inizia nell agosto del 1969 Possono essere due le caratteristiche principali della MEPIT di Settimo Torinese, azienda associata ad API Torino che da pochi giorni ha compiuto 35 anni di attività. Prima di tutto la capacità di realizzare singoli pezzi e lavorazioni in piccole e medie serie di altissima precisione. Poi, la particolare sensibilità nei confronti dell evoluzione che tecnologia e materiali hanno imposto, in maniera sempre più serrata, in questi ultimi anni. MEPIT, oggi, è una delle aziende leader nella produzione di componenti aeronautici ma anche per turbine per la produzione di elettricità e per trafile per la lavorazione della gomma. A raccontare l azienda è il suo fondatore, Giuseppe Pigato, che nell agosto del 1969 rilevò quattro macchine utensili da un altra attività. L officina dice Pigato ad API Notizie era composta da tre persone. Siamo cresciuti e ci siamo allargati. Prima ero l unico titolare, poi ho creato una impresa-famiglia e poi una vera società con mia moglie e mio fratello. Le ultime tappe della crescita sono state il trasloco nello stabilimento di Settimo Torinese, dove adesso lavorano 15 persone, e la certificazione in base alle norme UNI EN ISO 9002 nel Nel frattempo, in azienda sono entrati anche mio figlio Luca che ci ha portati alla certificazione e mia figlia Angela che si è dedicata alla parte amministrativa. MEPIT lavora per imprese del calibro della Avio (l ex Fiat Avio), ma anche per il Politecnico di Torino. In questo caso spiega Pigato stiamo lavorando a strumenti per l esecuzione di prove di resistenza sia alle vibrazioni che alle trazioni. Ma l azienda costruisce anche attrezzature per i banchi prova, parti di turbine per le centrali elettriche e per l industria della gomma. MEPIT riesce a lavorare praticamente qualsiasi tipo di materiale metallico e non: dal plexiglass all alluminio, dal nylon all acciaio super rapido temprato, dalla ghisa all INCONEL, oltre che a tutte le leghe dell acciaio speciale. Un passo importante per noi spiega poi Luca Pigato è stata la certificazione che è arrivata nel settembre del 98 dopo solamente un anno di lavoro. Si è trattato dell occasione per rivedere tutte le nostre procedure, accreditarci presso altri clienti e confermare la nostra qualità nei confronti dei vecchi. E per il futuro? Noi dice Giuseppe Pigato abbiamo ben chiara la necessità che al futuro si guarda attraverso un continuo aggiornamento delle procedure di produzione e delle tecniche. D altra parte, siamo partiti dalle macchine tradizionali e siamo arrivati ai torni a controllo numerico, a centri di lavoro a 5 assi e a macchina di misura a controllo continuo. E il mercato per ora continua a darci risposte positive. 5

6 La Vita dell associazione Dieci punti per la crescita dell economia locale API elabora una piattaforma di proposte rivolta alla Provincia di Torino Migliorare le infrastrutture e i servizi, investire di più in termini di ricerca e di risorse umane. Tutto per dare una nuova carica al territorio e all economia torinesi. Sono dieci i punti operativi che API l associazione che riunisce oltre 3mila PMI ha fornito alla Provincia di Torino come contributo per le Linee Programmatiche Una sorta di piattaforma di lavoro e collaborazione che prende in esame tutti gli aspetti inerenti l attività delle imprese e che nasce da una indagine compiuta dall Ufficio Studi di API Torino che ha permesso di evidenziare le criticità e le positività ma soprattutto le aspettative da parte delle aziende nei confronti dell azione dell Amministrazione Provinciale. Tutto, poi, è sostenuto da un idea di fondo: Alla competitività di un territorio spiega infatti Sergio Rodda, presidente di API - si devono legare due ordini di azioni: il miglioramento delle infrastrutture e dei servizi e, dall altra, gli investimenti in termini di risorse finanziare ed umane nella ricerca, nell innovazione, nei processi di qualità e nella formazione. Più in generale, API Torino da tempo ritiene che la complessità della situazione renda urgente un forte e rinnovato patto per la competitività, lo sviluppo e la coesione sociale. L Amministrazione provinciale può sostenere una iniziativa di questo genere attraverso una forte capacità selettiva nell individuazione degli obiettivi e nella conseguente allocazione delle risorse. Il contributo di API Torino si fonda su dieci proposte operative in cui l Associazione si propone sempre come interlocutore. Eccone la sintesi. 1) 2) 3) 4) 5) Patti territoriali. API Torino è favorevole al mantenimento e rafforzamento di questi strumenti, sottolineando la necessità di governance e di un maggiore orientamento verso il settore industriale. Ricerca e innovazione. E prioritario, da un lato il raccordo tra i centri di ricerca pubblici e quelli privati, in buona parte riconducibili alle grandi imprese operanti in Piemonte e, dall altro, il consolidamento dei rapporti di tali strutture con il mondo della piccola e media impresa. API Torino, a tale proposito, si propone quale interlocutore strategico dei protagonisti della ricerca. Internazionalizzazione. La Provincia deve continuare a sostenere le iniziative promozionali dirette a gruppi omogenei di aziende e/o a serie di imprese che vogliano unirsi in filiera per concorrere alla realizzazione di importanti business, che per limiti dimensionali e di fatturato, non sarebbero in grado di raggiungere singolarmente. Credito. API Torino ritiene opportuno concentrarsi più che sulla definizione di nuovi strumenti finanziari evoluti, sul rendere maggiormente operativi ed efficienti quelli già esistenti. La Provincia deve assumere il ruolo di facilitatore tra il sistema bancario e quello imprenditoriale, in modo che si discuta su quali debbano essere gli strumenti più adatti alle rispettive esigenze. Distretto industriale dell auto, Mirafiori. API Torino sollecita la Provincia a lavorare sul distretto dell auto, sulla scorta dei progetti già sperimentati come l Agenzia dell auto, opportunamen- 6

7 te rimodulati e ricalibrati. Ma vanno evitate inutili dispersioni di energie progettuali. Occorre coordinare il tentativo di policy con tutte le iniziative che insistono sul campo dell automotive. Disegnare un Progetto per Mirafiori richiede azioni e politiche, pubbliche e private, coerenti con il duplice obiettivo di confermare, rinnovandola e potenziandola, l'identità industriale della città, e di programmare un ridisegno urbanistico e territoriale funzionale ed efficiente. Le linee di discussione messe all ordine del giorno dalla Provincia sono condivisibili; nel merito però, dovrà essere chiaro quale ruolo intende giocare la FIAT nella Torino industriale futura. 6) 7) 8) 9) Settore aerospaziale. L associazione accoglie con favore l ipotesi di creare un tavolo di lavoro tra le PMI, gli enti territoriali, le autonomie funzionali, Finmeccanica e FIAT Avio. Il confronto dovrà essere funzionale all elaborazione di una sorta di agenda distrettuale, in cui andranno individuate le priorità e le opportunità che garantiranno le scelte di politica industriale. Information & Comunication Technology. La centralità del comparto dell ICT per la tenuta ed il futuro del nostro sistema è di tutta evidenza, ma altrettanto chiare dobbiamo riconoscere sono le criticità di questo comparto: le azioni della Provincia dovranno necessariamente tener conto della situazione e, in relazione a queste, dovranno essere individuati i primi obiettivi. Energia e Ambiente. In questo settore esistono collaudate relazioni tra API Torino e Provincia. E prioritario lavorare congiuntamente per la semplificazione delle procedure. API Torino, inoltre è disponibile, nell ambito di Agenda 21, per nuovi progetti ambientali di interesse generale o che contemplino miglioramenti di performance ambientali. Infrastrutture. API Torino ritiene necessario: il completamento della tangenziale verso est, la realizzazione dell asse di Corso Marche, allo scopo di alleggerire il traffico della tangenziale, la realizzazione di opere immateriali quali la diffusione dell accesso a reti a banda larga. Per quanto concerne i trasporti urbani, invece, Torino deve saper cogliere l opportunità dell evento olimpico per realizzare: la nuova stazione ferroviaria a Porta Susa, i nuovi progetti per Porta Nuova con auspicabili interventi di interramento dei binari. 10) Politiche del Lavoro e della Formazione. Le recenti modifiche normative, potenzialmente, sono in grado di garantire un significativo miglioramento del mercato del lavoro e della formazione. Sarà centrale, a questo proposito, la capacità di promuovere una fattiva collaborazione che permetta di affinare nuovi strumenti e metodi: basti pensare alla Commissione Tripartita, alle Commissione per la certificazione dei rapporti di lavoro o alla revisione dell istituto dell Apprendistato. 7

8 Il Fatto di cui si parla Provincia promossa, ma le Pmi si aspettano di più Una indagine dell Ufficio Studi ha verificato l efficacia degli interventi ma anche le aspettative e i problemi da risolvere Le Piccole e Medie Imprese promuovono la Provincia di Torino sui Patti territoriali, sulle iniziative per l internazionalizzazione e per i Centri per l Impiego, ma si aspettano molto di più per quanto riguarda l innovazione, la ricerca e le infrastrutture. Sono questi i risultati principali dell indagine che l Ufficio Studi di API Torino ha condotto presso le imprese associate per valutare il grado di efficacia e di conoscenza, oltre che le attese da parte delle aziende, delle azioni dell Amministrazione Provinciale nei confronti delle Pmi e più in generale del sistema economico torinese. La ricerca è stata condotta nell ottobre scorso, ed è servita come base conoscitiva per la redazione di un documento di proposte operative che API Torino ha fornito alla nuova Giunta provinciale. Sempre in generale, la ricerca ha evidenziato la necessità di un maggiore coinvolgimento diretto delle aziende nelle iniziative messe in atto dall Amministrazione Provinciale, anche con una maggiore e più puntuale comunicazione. Ma vediamo, più in dettaglio, alcuni dati. L 89,4% delle aziende non ha percepito qualche cambiamento significativo nell attività svolta dalla Provincia dopo il trasferimento di molte competenze dallo Stato agli enti territoriali. Per quanto riguarda singole iniziative di sviluppo locale, invece, il più alto grado di utilizzo e apprezzamento si registra sui Patti territoriali (57,6%), sui Centri per l impiego (56,1%), sulle iniziative per il sostegno dell internazionalizzazione (51,5%). Interessanti anche i giudizi sui risultati conseguiti dalla partecipazione delle PMI alle iniziative provinciali. Sulle otto principali iniziative della Provincia, cinque (Sportello Unico per le Attività Produttive, progetti per il trasferimento tecnologico, politiche per i distretti industriali, incentivi all occupazione e interventi dei programmi integrati d area), hanno raccolto valutazioni negative. Ma per le PMI quali sono gli interventi prioritari da compiere? La ricerca dell Ufficio Studi di API Torino ha dato una risposta. Per oltre il 50% delle imprese sono da mettere al primo posto le azioni a sostegno dell innovazione e della ricerca applicata e gli interventi per il miglioramento delle infrastrutture. Nello specifico, infine, l indagine ha rilevato che il 54,5% delle imprese chiede la realizzazione della tangenziale est, il 53% della banda larga su tutti i comuni, il 40,9% della linea ferroviaria Torino-Lione e il 36% del prolungamento di corso Marche. 8

Emergenza credito anche per le libere professioni

Emergenza credito anche per le libere professioni Lunedì 18 marzo 2013 Emergenza credito anche per le libere professioni È allarmante il quadro economico delle professioni che è emerso nel corso del consiglio di amministrazione di Fidiprof Nord e di Fidiprof

Dettagli

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015

RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 RISPOSTE QUESTIONARIO VALUTAZIONE SEMINARIO DI FORMAZIONE STILI DI VITA E SALUTE Montecatini Terme, 20-22 marzo 2015 Leggi attentamente le seguenti affermazioni e indica il grado di accordo con ciascuna

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Angelo Camilli COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Linee di indirizzo 17 dicembre 2012 Scenario L offerta di credito nel Lazio si riduce progressivamente Il tasso di crescita dei prestiti alle imprese,

Dettagli

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi.

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi. Criteri per la predisposizione del bando INNOVA RETAIL 3 Premessa La DG Commercio, Turismo e Servizi ha supportato le imprese lombarde nelle nuove sfide del mercato globalizzato, sia puntando sulle sinergie

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I)

Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I) Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I) QUESTIONARIO PROPOSTO DAL MIPAF Le risposte di COLDIRETTI 1. MISURE PER L ASSE COMPETITIVITA a. Ritenete che il set di misure proposto in questo asse offra

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI Nel predisporre le linee guida del prossimo mandato della sezione Metalmeccanica ho ritenuto utile, più che trascrivere un programma

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

CAMERE DI COMMERCIO: ACCELERARE SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE PER USCIRE DALLA CRISI 1 Cinque drivers per la promozione nel mondo

CAMERE DI COMMERCIO: ACCELERARE SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE PER USCIRE DALLA CRISI 1 Cinque drivers per la promozione nel mondo CAMERE DI COMMERCIO: ACCELERARE SULL INTERNAZIONALIZZAZIONE PER USCIRE DALLA CRISI 1 Cinque drivers per la promozione nel mondo 1. La necessità di una azione di rete per l internazionalizzazione. Solo

Dettagli

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE

Reagire alla crisi: Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE Reagire alla crisi: 610 Credito e Liquidità per Imprese e Famiglie 1 2 3 4 5 7 8 9 LE TUE DOMANDE, LE NOSTRE RISPOSTE 10 Reagire alla crisi Se sei un imprenditore e hai bisogno di nuovi finanziamenti o

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

Fondo per la crescita sostenibile

Fondo per la crescita sostenibile Fondo per la crescita sostenibile Intervento a favore dei Progetti di R&S negli ambiti tecnologici di Horizon 2020 (Decreti del Ministro dello sviluppo economico 20 giugno 2013 e 15 ottobre 2014) Roma,

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale LA PICCOLA SI FA GRANDE 4 percorsi per la crescita formativa delle PMI RELAZIONE BANCA/IMPRESA Lean thinking Marchi, brevetti e proprietà intellettuale internazionalizzazione Con il patrocinio di Piccolindustria

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Torino Palazzo Cisterna 05 luglio 2011 PROTOCOLLO D INTESA PER IL MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

CUORGNE IVREA CIRIE SETTIMO T.SE SUSA CHIVASSO VENARIA TORINO RIVOLI CHIERI MONCALIERI ORBASSANO PINEROLO 31/10/2006 2

CUORGNE IVREA CIRIE SETTIMO T.SE SUSA CHIVASSO VENARIA TORINO RIVOLI CHIERI MONCALIERI ORBASSANO PINEROLO 31/10/2006 2 Costituita nel 1949, API Torino conta quasi 3.000 aziende associate e una forza lavoro complessiva di circa 44.000 addetti. L attività dell Associazione si articola in due direzioni: rappresentanza, tutela

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

In copertina la sede centrale di Multifidi Consorzio di riferimento di Pmi Sicilia

In copertina la sede centrale di Multifidi Consorzio di riferimento di Pmi Sicilia In copertina la sede centrale di Multifidi Consorzio di riferimento di Pmi Sicilia I Servizi Attraverso aziende partner e la rete delle Sedi Provinciali dell associazione PMISICILIA svolge un ruolo di

Dettagli

Le news settimanali del Consorzio Camerale

Le news settimanali del Consorzio Camerale \ Le news settimanali del Consorzio Camerale SOMMARIO News Credito alle imprese e alle famiglie: ancora in calo i finanziamenti Abi: prorogata la scadenza relativa alla sospensione di mutui alle PMI Commissione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Conferenza stampa di presentazione del PRA Val Pescara (Piano di Rilancio Area di crisi Val Pescara)

Conferenza stampa di presentazione del PRA Val Pescara (Piano di Rilancio Area di crisi Val Pescara) Conferenza stampa di presentazione del PRA Val Pescara (Piano di Rilancio Area di crisi Val Pescara) Pescara, 12 Luglio 2012 - sala Figlia di Iorio Provincia di Pescara Cronologia delle attività 1) Il

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Stresa, 6 luglio 2007 Grand Hotel des Iles Borromées. Situazione congiunturale Piemonte

Stresa, 6 luglio 2007 Grand Hotel des Iles Borromées. Situazione congiunturale Piemonte INTERVENTO DEL PRESIDENTE DEI GIOVANI IMPRENDITORI DELLA CONFINDUSTRIA PIEMONTE, ING. MATTEO FORAPANI, IN OCCASIONE DEL III FORUM SULL ECONOMIA PIEMONTESE LE INNOVAZIONI NECESSARIE Stresa, 6 luglio 2007

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già Bozza dell intervento di Cosmo Colonna, del Dipartimento industria Cisl, al Policy Workshop: "La ripresa economica e la politica industriale e regionale: dalla strategia ai progetti" (Milano, 20 marzo

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA:

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: ESIGENZE DI RICAPITALIZZAZIONE E SOSTEGNO A FAMIGLIE ED IMPRESE di Maria Rosaria Ingenito (Vice Prefetto Prefettura di Roma ) e Saadia Tourougou (Osservatorio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2474 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PREZIOSI, VILLECCO CALIPARI, ALBANELLA, ARLOTTI, BASSO, BRAGA, CAPOZZOLO, CARRESCIA, CASATI,

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia

Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia 1. Il Tavolo-Tunisia della cooperazione decentrata, coordinato dal MAE-DGCS/Ufficio della cooperazione decentrata, si è costituito presso il MAE il 7 aprile 2009

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI Forum di avvio del Processo di Partecipazione, 28 Giugno 2014 Coordinamento del Contratto

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

5. Considerazioni conclusive

5. Considerazioni conclusive 5. Considerazioni conclusive Il quadro emerso dallo studio mostra come il sistema creditizio provinciale sia caratterizzato dalla forte presenza di piccole banche e/o di banche locali e da una buona copertura

Dettagli

Una ripartenza «additiva»

Una ripartenza «additiva» Strettamente riservato Una ripartenza «additiva» Rilanciare la competitività ed il territorio di Terni-Narni attraverso la manifattura additiva 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITTI

Dettagli

LE OPPORTUNITA FINANZIARIE PER LO SVILUPPO DELLE PMI. Lorenzo Alberti Area Manager Credem Milano, 18 novembre 2014

LE OPPORTUNITA FINANZIARIE PER LO SVILUPPO DELLE PMI. Lorenzo Alberti Area Manager Credem Milano, 18 novembre 2014 LE OPPORTUNITA FINANZIARIE PER LO SVILUPPO DELLE PMI Lorenzo Alberti Area Manager Credem Milano, 18 novembre 2014 Contesto di mercato Il PIL italiano è cresciuto a ritmi positivi tra il 2000 e il 2007,

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

PRESENTAZIONE SDM CONSULTING SAS

PRESENTAZIONE SDM CONSULTING SAS PRESENTAZIONE SDM CONSULTING SAS INFORMAZIONI GENERALI SULLA SOCIETA 1.1 PROFILO AZIENDALE La SDM Consulting s.a.s. è una società in accomandita semplice specializzata nel settore dei servizi alle imprese,

Dettagli

1 Titolo del progetto Startup Impresa - Running back. 2 Obiettivi del progetto

1 Titolo del progetto Startup Impresa - Running back. 2 Obiettivi del progetto PROGETTO PARTECIPANTE AL BANDO CCIAA PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE ECONOMICA A FAVORE DELLE MPMI DELLA PROVINCIA DI MANTOVA ATTRAVERSO LE RAPPRESENTANZE

Dettagli

Fare impresa in Piemonte Servizi pubblici di sostegno alla creazione d impresa

Fare impresa in Piemonte Servizi pubblici di sostegno alla creazione d impresa Fare impresa in Piemonte Servizi pubblici di sostegno alla creazione d impresa Torino, 13 novembre 2013 Marco Manero, Provincia di Torino Area Attività Produttive Temi: il sistema dei servizi pubblici

Dettagli

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 1 Tavolo di lavoro: Sviluppo economico, formazione e lavoro Verbale della sessione del 2 luglio 2015 Presenti Amministrazione comunale Virginia Montrasio, assessore

Dettagli

Programma di rilancio delle aree colpite da crisi industriale in Campania

Programma di rilancio delle aree colpite da crisi industriale in Campania ALLEGATOn.1alProtocollodiIntesa.. PIANOAZIONECOESIONE TERZARIPROGRAMMAZIONE Programmadirilancio delleareecolpitedacrisiindustrialeincampania Maggio2013 1 PianodiAzioneperlaCoesione InterventonelleareedicrisiindustrialeinCampania

Dettagli

Riduzione degli oneri amministrativi: dalle norme al risultato

Riduzione degli oneri amministrativi: dalle norme al risultato 21 novembre 2013 : dalle norme al risultato DOCUMENTAZIONE Ministro i per la pubblica amministrazione i i e la semplificazione i La graduatoria Doing Business 2014 2 Il recentissimo rapporto Doing Business

Dettagli

De Vinco confermato Gaetano De Vinco

De Vinco confermato Gaetano De Vinco 52notizie Modena Economica Numero 1 gennaio-febbraio 2012 De Vinco confermato alla guida di Confcooperative Gaetano De Vinco è stato riconfermato alla presidenza di Confcooperative Modena nella 19 a Assemblea

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Imprese piu' affidabili: al via il Codice Italiano Pagamenti Responsabili Mercoledì, 28 Maggio 2014 14:47 Pagamenti in ritardo, come risolvere il problema? L Italia si classifica tra i peggiori pagatori

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 21 ottobre 2014

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 21 ottobre 2014 Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2014 04722/007 Area Adolescenti, Giovani e Pari Opportunità Servizio Orientamento, Adolescenti, Università e Inclusione GG 3 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza INDICE 1. Premessa 2. Garanzie pubbliche per l accesso al credito 3. Patrimonializzazione dei confidi 4. Operatività

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014 Oggetto: Definizione degli ambiti prioritari di intervento ed attuazione degli obiettivi di semplificazione del sistema normativo e amministrativo regionale in favore del tessuto imprenditoriale sardo.

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

SINTESI DEGLI INTERVENTI

SINTESI DEGLI INTERVENTI SINTESI DEGLI INTERVENTI Fabrizio Forquet introduce i lavori del Convegno richiamando l attenzione degli intervenuti sull importanza di iniziative per la crescita e per il supporto alle esportazioni, che

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF ALLEGATO 2 DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 MIGLIORAMENTO DELLA COMMITTENZA PUBBLICA E ADVISORING PER LO SVILUPPO DI STUDI DI FATTIBILITA PQU Regione Lazio MISE

Dettagli

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che:

A relazione dell'assessore De Santis: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU40 08/10/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 21 settembre 2015, n. 15-2120 D.G.R. n. 36-2237 del 22.6.2011 e s.m.i. - Programma Pluriennale 2011-2015 per le Attivita' Produttive

Dettagli

FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete

FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete FORUM PER LA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Enti Territoriali e Società dell Informazione: La Riforma Federalista e la Rete Torino, 27 settembre 1999 STRUMENTI PER PROGETTARE ED ATTUARE LA RIFORMA Relatore:

Dettagli

Proposte per il settore olivicolo

Proposte per il settore olivicolo Proposte per il settore olivicolo Il settore olivicolo italiano sta attraversando una fase di grave instabilità per quanto riguarda la produzione che, nell attuale campagna 2014/2015, ha subito una riduzione

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) La programmazione dei fondi europei 2014 2020 L UE propone attraverso Europa 2020 una strategia concentrata su alcune priorità, innervata

Dettagli

SARDEGNA RICERCHE COMITATO TECNICO DI GESTIONE DELIBERAZIONE

SARDEGNA RICERCHE COMITATO TECNICO DI GESTIONE DELIBERAZIONE SARDEGNA RICERCHE COMITATO TECNICO DI GESTIONE DELIBERAZIONE N.05/25/15-OGGETTO: Convenzione operativa di collaborazione Sardegna Ricerche Fase 1 srl per la progettazione e gestione dei programmi di attività

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio Olbia, 25 novembre 2011 INDICE DELLA PRESENTAZIONE 1. Il disegno strategico 2. Alcune

Dettagli

In Sardegna cessano 27 imprese al giorno.

In Sardegna cessano 27 imprese al giorno. MANOVRA FINANZIARIA REGIONALE 2013 VALUTAZIONI, ESIGENZE E PROPOSTE DI RETE IMPRESE ITALIA SARDEGNA Le Organizzazioni Imprenditoriali della Sardegna che si riconoscono in RETE IMPRESE ITALIA (Casartigiani,

Dettagli

L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria. di Leopoldo Di Girolamo

L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria. di Leopoldo Di Girolamo Nelle difficoltà un bilancio di attenzione alla città L intervento del sindaco sullo strumento di programmazione finanziaria di Leopoldo Di Girolamo Approvato il bilancio preventivo 2010 dal Consiglio

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

1 Definizioni. 1 Comuni di Grosseto, Campagnatico, Castiglione della Pescaia, Roccastrada, Scansano.

1 Definizioni. 1 Comuni di Grosseto, Campagnatico, Castiglione della Pescaia, Roccastrada, Scansano. 1 Definizioni 1.1 Premessa Il COeSO è un'azienda speciale di tipo consortile: un consorzio di comuni cioè, quelli della zona socio sanitaria Grossetana, 1 nato per gestire in modo associato i servizi socio

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive CONTENUTI a) La filiera Automotive in Italia e in Abruzzo b) La sfida,

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a Resoconto

c o m u n i c a t o s t a m p a Resoconto 5 milioni di euro per aiutare le imprese e il territorio ad agganciare la ripresa Bandi ed iniziative della CCIAA per il 2014 Quasi 5 milioni di euro per aiutare le imprese e il territorio barese ad agganciare

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Consiglio Universitario Nazionale Prot. N. 1728 Spedito il 30.07.2004 Al Sig. Ministro

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Gruppo Banca Sella, un finanziamento ad hoc per pagare la tredicesima delle Pmi

Gruppo Banca Sella, un finanziamento ad hoc per pagare la tredicesima delle Pmi COMUNICATO STAMPA Gruppo Banca Sella, un finanziamento ad hoc per pagare la tredicesima delle Pmi Un finanziamento per le piccole e medie imprese, per aiutarle a pagare la tredicesima ai propri dipendenti.

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Le news settimanali del Consorzio Camerale

Le news settimanali del Consorzio Camerale N.15 Anno I Nuova Edizione Le news del Consorzio Camerale Le news settimanali del Consorzio Camerale SOMMARIO News Commissione europea: proroga per orientamenti in materia di aiuti di Stato Pagamenti PA:

Dettagli

DEI RISULTATI QUALITÀ STORIA DI COPERTINA PANORAMA CAD E MOTORI. n. 164 Novembre 2009

DEI RISULTATI QUALITÀ STORIA DI COPERTINA PANORAMA CAD E MOTORI. n. 164 Novembre 2009 meccanica & automazione Dossier INDUSTRIA DEL CICLO E MOTOCICLO n. 164 Novembre 2009 Mensile - Anno XV - 6,00 - Numero 164 - Novembre 2009 - ISSN 1126-4284 PANORAMA CAD E MOTORI STORIA DI COPERTINA QUALITÀ

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA Un partner per crescere API SONDRIO L Associazione Piccole e Medie Industrie di Valtellina e Valchiavenna è una realtà fortemente voluta dagli

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 ECONOMIA SICILIANA Si pubblica l intervento del Ministro per la coesione territoriale, Carlo Trigilia, in occasione

Dettagli

Mini GUIDA della Fondazione Studi

Mini GUIDA della Fondazione Studi ANNO 2015 Mini GUIDA della Fondazione Studi Il sostegno all imprenditorialità come strumento di politica attiva del lavoro. La grave crisi economica e finanziaria che oramai da anni attanaglia l economia

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

GESTIONE E RISORSE UMANE

GESTIONE E RISORSE UMANE GESTIONE E RISORSE UMANE 41 Basilea 2 Docente: Esperti Fidindustria, Università, UIB, e Istituti di Credito Durata: 32 ore Imprenditori, manager. Il nuovo accordo Basilea 2: cosa cambia nel rapporto Banca-impresa.

Dettagli

Gazzetta di Modena 06/08/12. Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario. Non riproducibile. www.heidicomunicazione.com

Gazzetta di Modena 06/08/12. Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario. Non riproducibile. www.heidicomunicazione.com Gazzetta di Modena Gazzetta di Modena Appalti divisi in più lotti per aprirsi alle Pmi VINCOLI ALLE DEROGHE Per i requisiti di fatturato con valori significativi serve la motivazione economica e organizzativa

Dettagli

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Proposte di Cristina Messa La nostra università, nata 15 anni fa, ha bisogno di proseguire nel percorso di crescita,

Dettagli