RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO"

Transcript

1 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO 2005 Torino

2 Strada delle Cacce, 91 Strada delle Cacce, Torino, Italia Sito Internet:

3 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ SVOLTA NELL ANNO 2005 Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 12 giugno 2006 RA 3 Giugno 2006

4 I N D I C E PRESENTAZIONE IV PARTE I SINTESI DELLE ATTIVITÀ SVOLTE E DEI RISULTATI CONSEGUITI 1 STRUTTURE E RESPONSABILITÀ 1 2 ATTIVITÀ SVOLTE E RISULTATI CONSEGUITI Attività di ricerca, scientifiche e tecniche Attività di taratura e prova Attività di accreditamento di laboratori Amministrazione e servizi generali Sistemi di gestione per la qualità, MRA, CMC, 7 3 COSTI E RISORSE FINANZIARIE UTILIZZATE 8 4 RISORSE UMANE UTILIZZATE 10 5 VALUTAZIONE DELLE ATTIVITÀ 12 PARTE II ATTIVITÀ SVOLTE E RISULTATI CONSEGUITI 1 UNITÀ ORGANIZZATIVE, RESPONSABILITÀ, RISORSE IMPIEGATE 14 2 ATTIVITÀ DI RICERCA, SCIENTIFICHE E TECNICHE Metrologia del tempo e della frequenza Metrologia elettrica Fotometria e radiometria Acustica e ultrasuoni Dispositivi quantistici per la metrologia Materiali Elettromagnetismo applicato Visione artificiale Metrologia della lunghezza Metrologia della massa Metrologia termica Dinamometria Metrologia per la chimica, la salute e l ambiente Metrologia interdisciplinare Determinazione di costanti fisiche fondamentali Formazione e diffusione della cultura scientifica Attività di taratura e prova 61 3 AMMINISTRAZIONE E SERVIZI GENERALI Biblioteca, attività di comunicazione e promozione Servizi generali tecnici Sicurezza nell'ambiente di lavoro 67 Relazione INRIM Indice e Presentazione I

5 3.4 Sistemi informatici 68 4 ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DI TARATURA 69 5 SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 71 PARTE III DATI SU ATTIVITÀ SVOLTE E RISULTATI CONSEGUITI 1 PUBBLICAZIONI E PARTECIPAZIONI A CONFERENZE Lavori pubblicati su riviste e atti di conferenze Rapporti tecnici e bollettini Attività di referee per riviste internazionali e atti di conferenze internazionali Comunicazioni presentate a conferenze, chairmanship Dati su lavori pubblicati e partecipazioni a conferenze 98 2 CONFRONTI DI MISURE NUOVE CMC PROGETTI E REALIZZAZIONI DI RILIEVO INIZIATIVE DI DIFFUSIONE DELLA CULTURA SCIENTIFICA Organizzazione di workshop ed eventi culturali Seminari Principali passaggi televisivi CONTRATTI E CONTRIBUTI DI RICERCA E PARTECIPAZIONI A PROGRAMMI DI RICERCA CONVENZIONI E ACCORDI DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA ATTIVITÀ DI FORMAZIONE Corsi di formazione Docenza di personale INRIM presso corsi di formazione esterni Professore a contratto, docenza e tutorato presso università, associazione all INFN Corsi di III livello Tesi di laurea di primo e secondo livello Soggiorni e stage presso l INRIM Soggiorni di personale INRIM presso altri istituti, loro partecipazione a scuole e corsi BREVETTI ATTIVITÀ DI TARATURA E PROVA SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Manuali della qualità e procedure di sistema Procedure tecniche di misura PERSONALE Cessazioni dal servizio Trasferimento ad altro Istituto Personale in distacco Treu Assunzioni con contratto a tempo indeterminato o determinato 132 Relazione INRIM Indice e Presentazione II

6 12.5 Part time, telelavoro, proroghe di contratti TI Incarichi di consulenza e di collaborazione Assegni di ricerca Borse d addestramento alla ricerca Dottorati di ricerca Personale associato, incarichi gratuiti di ricerca e collaborazione tecnica Responsabilità e organismi attivati o rinnovati nel ACQUISIZIONE D APPARECCHIATURE E ATTREZZATURE DI RILIEVO PARTECIPAZIONE AD ORGANISMI SCIENTIFICI E TECNICI Organismi metrologici e d accreditamento Organismi scientifici e tecnici Organismi normativi 144 ACRONIMI 146 Elenco dei Prospetti Parte I Prospetto 1 Alcuni dati sulle attività svolte negli anni Prospetto 2 Pubblicazioni e partecipazioni a conferenze negli anni Prospetto 3 Attività di taratura e prova svolte negli anni Prospetto 4 Attività di accreditamento di laboratori negli anni Prospetto 5 Documenti predisposti per i sistemi di gestione per la qualità 7 Prospetto 6 Capacità di taratura e di misura (CMC) 8 Prospetto 7 Costi negli anni Prospetto 8 Risorse finanziarie negli anni Prospetto 9 Personale dipendente al termine degli anni Prospetto 10 Situazione del personale a tempo indeterminato al 31 dicembre Prospetto 11 Personale impegnato nelle attività IEN e IMGC nel corso del Parte II Prospetto 1 Personale impegnato nelle diverse unità organizzative nel Prospetto 2 Costi delle diverse unità organizzative nel Prospetto 3 Risorse finanziarie utilizzate dalle diverse unità organizzative nel Parte III Prospetto 1 Lavori pubblicati e comunicazioni presentati a conferenze nel Prospetto 2 Certificati di taratura, rapporti di prova e relazioni tecniche emessi nel Prospetto 3 Procedure di sistema: emissioni e revisioni nel Prospetto 4 Procedure tecniche di misura: emissioni e revisioni nel Prospetto 5 Procedure tecniche di misura da predisporre (situazione a fine 2005) 130 Relazione INRIM Indice e Presentazione III

7 PRESENTAZIONE L Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRIM), istituito dal decreto legislativo n. 38/2004 con lo scorporo dell Istituto di Metrologia Gustavo Colonnetti (IMGC) dal CNR e la sua fusione con l Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris (IEN), presenta la sua prima relazione sull attività svolta nel 2005, anno di transizione in cui l INRIM non è stato ancora operativo ed IEN e IMGC hanno operato come due Istituti distinti (il primo come istituto indipendente, il secondo come istituto del CNR), ma preparandosi ad operare come un unico Istituto, dal 1 gennaio 2006 (data di entrata in vigore dei regolamenti dell INRIM). In questo anno di transizione i procedimenti seguiti dai due istituti nel raccogliere i dati significativi sono stati non omogenei. Pertanto questa relazione rappresenta un primo passo verso una descrizione unitaria e integrata delle attività svolte, in modo coerente con il Piano triennale d attività dell INRIM approvato dal Commissario straordinario dell INRIM il 14 febbraio Essa si articola in tre parti: la prima parte presenta una sintesi delle attività svolte e dei risultati conseguiti; la seconda parte descrive le attività svolte e i risultati conseguiti dalle unità organizzative dell IEN e dell IMGC, dal Sistema Qualità e dalle funzioni di coordinamento; la terza parte fornisce informazioni di dettaglio su attività svolte e risultati conseguiti. Questa relazione è stata esaminata nella riunione del 7 giugno 2006 dal Consiglio scientifico, che ha formulato commenti critici e ha richiesto integrazioni, concernenti la disomogeneità e gli squilibri nella presentazione dei dati IEN e IMGC, i valori dei fattori d'impatto, la consistenza del personale operante presso l'inrim nel 2005 (in aggiunta a quello con contratto a tempo indeterminato), la valutazione delle attività svolte. Al recepimento dei commenti critici e delle integrazioni richieste il Consiglio scientifico aveva condizionato il suo parere favorevole. La nuova versione della relazione è stata esaminata e approvata nella riunione del 12 giugno 2006 dal Consiglio di amministrazione, accompagnata però da: una presa d'atto delle disomogeneità dei dati ancora presenti, di alcuni squilibri esistenti nella produzione scientifica delle realtà confluite nell'inrim, con l avvertenza che disomogeneità e squilibri non potranno essere ammessi nei prossimi documenti di programmazione e consuntivazione, anche perché faranno riferimento ad archi temporali coperti da una realtà ormai operante come un unico Istituto; un invito rivolto al Presidente e al Consiglio scientifico ad evidenziare ai responsabili delle unità organizzative tali esiti; un invito rivolto al personale ad esperire tutti i possibili sforzi per ridurre le criticità ed arrivare nei prossimi mesi ad un omogeneizzazione e ad un miglioramento delle prestazioni scientifiche dell'istituto. Secondo il decreto istitutivo, l INRIM è Ente pubblico nazionale con il compito di svolgere e promuovere attività di ricerca scientifica nei campi della metrologia; svolge le funzioni d istituto metrologico primario, già di competenza di IMGC e IEN ai sensi della legge n. 273/1991 istitutiva del sistema nazionale di taratura (SNT); valorizza, diffonde e trasferisce le conoscenze acquisite nella scienza delle misure e nella ricerca sui materiali, per favorire lo sviluppo del sistema Italia nelle sue varie componenti. Di conseguenza l INRIM costituirà il presidio di quasi tutta la metrologia scientifica in Italia, restandone escluse solo le radiazioni ionizzanti che sono tradizionalmente retaggio dell Istituto Nazionale di Metrologia delle Radiazioni Ionizzanti (INMRI) dell ENEA. Lo stesso decreto ha definito gli organi di governo dell INRIM e le loro attribuzioni, i compiti del Direttore Generale e del Dipartimento, il ruolo del Comitato di Valutazione e ha Relazione INRIM Indice e Presentazione IV

8 ribadito l importanza delle collaborazioni con le Università e le imprese. I regolamenti elaborati nel 2005 hanno chiarito le modalità operative e le strutture dell INRIM. Un Istituto Nazionale di Metrologia non svolge soltanto attività di ricerca e di mantenimento dei campioni di misura, ma sviluppa la sua attività scientifica e tecnica su un orizzonte molto ampio, verso l esterno (partecipazioni a organismi internazionali di coordinamento delle attività metrologiche e collaborazioni con altri istituti metrologici nazionali) e verso l interno (garantire l infrastruttura metrologica allo sviluppo del Paese e una distribuzione di servizi di alta qualità). L INRIM dispone inoltre di laboratori di eccellenza per la ricerca sui materiali magnetici e su dispositivi innovativi per i quali sono di grande aiuto le conoscenze nell ambito delle nanotecnologie e dei film sottili. Per quanto riguarda la ricerca di base, la difesa delle posizioni di eccellenza raggiunte e l individuazione di nuove iniziative hanno costituito i punti di maggior impegno. In questi ultimi decenni la ricerca in metrologia ha spesso fatto ricorso all impiego di fenomeni fisici nei quali le costanti fondamentali, la meccanica quantistica, le nanotecnologie e la scienza dei materiali hanno un ruolo essenziale. Le prime assicurano l invarianza spaziale e temporale dei riferimenti, mentre le altre discipline hanno permesso risoluzioni e accuratezze di misura altrimenti non raggiungibili. Si è cercato inoltre di promuovere lo sviluppo delle competenze teoriche e matematiche, necessarie alla corretta interpretazione delle osservazioni sperimentali, all accurata estrazione dei risultati delle misurazioni dai dati osservativi, alla modellazione di esperimenti e alla progettazione. Esempi recenti e pertinenti sono il campione di frequenza a fontana di Cs dell IEN e la modellazione dei processi casuali che affliggono le marce degli orologi atomici. Nell INRIM si è reso possibile più che in passato uno sviluppo efficace di questo tipo di ricerche, anche attraverso collaborazioni con Università, Istituzioni di ricerca e Istituti metrologici di altre nazioni. Si possono citare come esempi: lo studio e l avvio della realizzazione di un campione atomico di frequenza ottico e la messa in funzione di un generatore di pettini ottici per accurate misure di frequenza in ampie zone dello spettro elettromagnetico: da ricerche di questo tipo può conseguire l unificazione dei campioni del secondo e del metro, mentre l ulteriore estensione della scala assoluta di frequenza alla regione γ delle spettro elettromagnetico consentirà, in linea di principio, di unificare anche la realizzazione del kilogrammo attraverso la differenza di massa tra gli stati eccitati e fondamentali di un nucleo atomico; la realizzazione atomica del kilogrammo, mediante la partecipazione a una collaborazione di ricerca internazionale per la determinazione della costante di Avogadro, e la misurazione delle costanti dei gas e di Boltzmann per la ridefinizione del kelvin; le proposte di metodologie di misura di nuova generazione in ottica; lo studio del processo di misurazione nella meccanica quantistica per le sue implicazioni nel calcolo e nella crittografia quantistici; l individuazione e il perseguimento nel campo della chimica delle attività metrologiche di maggior valore aggiunto; è questo un settore d interesse per la salute, la sicurezza e l ambiente, molto vasto e dove già esistono competenze distribuite sul territorio nazionale; le attività di statistica e matematica applicata in metrologia e nelle misurazioni, considerate da EUROMET una delle aree di maggior interesse e sviluppo; i dispositivi innovativi spesso di tipo quantistico sviluppati con sperimentazioni originali; le indagini approfondite sulla dinamica di magnetizzazione estese alle alte frequenze e sul processo di isteresi. Si è cercato inoltre di: Relazione INRIM Indice e Presentazione V

9 cogliere l opportunità offerta dal progetto EUROMET imera (implementation of the Metrology European Research Area), presentato il 6 ottobre 2004 alla Commissione Europea. Esso pone le basi per una struttura di collaborazione e condivisione in Europa e la costruzione di una strategia unica europea per la ricerca in metrologia e la disponibilità dei servizi di taratura; rafforzare i collegamenti con le imprese, attraverso incontri su argomenti tecnici specifici, nei quali si comunicano i risultati acquisiti anche in collaborazione con realtà industriali, e la partecipazione alle iniziative regionali riguardanti la ricerca applicata. La ricerca applicata ha visto l INRIM impegnato in particolare: nella partecipazione ai programmi del sistema di navigazione satellitare GALILEO per quanto riguarda applicazioni della metrologia di tempo e frequenza, intensificando la collaborazione con Alenia Spazio e operando anche attraverso il Consorzio Torino Time ha promosso sin dal 2003 e al quale l IEN ha aderito nel 2004; nella partecipazione ai programmi pluriennali varati dall Agenzia Spaziale Europea (ESA), ad esempio nelle ricerche di metrologia dimensionale e dei propulsori ionici per le missioni GAIA e LISA. In questi programmi le capacità metrologiche di realizzazione di sistemi e d elaborazione di dati, le misure e i sensori di precisione hanno un ruolo fondamentale. In questo contesto l Italia è in posizione favorita, per la sua buona reputazione in ambito metrologico e la presenza d industrie italiane nel settore dei sensori. Nelle sue funzioni di istituto metrologico primario, l INRIM ha svolto anche importanti e onerose attività, non propriamente di ricerca, ma essenziali al sistema produttivo del paese. Queste sono conseguenza di avvenimenti relativamente recenti: Gli istituti metrologici nazionali firmatari del Mutual Recognition Arrangement del CIPM (1999) si sono assunti gravosi impegni a causa delle partecipazioni a confronti chiave e supplementari internazionali necessari alla dichiarazione delle proprie capacità di taratura e misura. Il mutuo riconoscimento dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e di misura pone le basi per l equivalenza delle misure a livello internazionale. La partecipazione alla costruzione di un infrastruttura metrologica sovranazionale ha conseguenze a livello nazionale, è di grande importanza per eliminare barriere commerciali e rafforzare il sistema produttivo italiano, essendo l insieme dei riferimenti internazionalmente riconosciuti anche un valido sostegno alla metrologia legale. L INRIM ha ereditato da IEN e IMGC il compito di offrire al Paese servizi di taratura, prova e accreditamento fisso e ha affrontato i problemi dell accreditamento flessibile. Questa forma di accreditamento che riguarda un più ampio spettro di attività sperimentali di quanto non sia la taratura di strumenti, interessa Istituzioni dotate di riconosciute competenze misuristiche e impegnate in una sperimentazione varia di ricerca e prova. Inoltre ha svolto un ruolo attivo nei processi che potrebbero modificare l assetto dei sistemi d accreditamento volontari in Italia (SINCERT per gli organismi di certificazione e ispezione, SINAL per i laboratori di prova e SIT per i laboratori di taratura). La realizzazione delle infrastrutture metrologiche, l offerta dei servizi di taratura e il trasferimento di know how alle imprese dovrà trovare un rafforzamento, in accordo con il Decreto istitutivo, attraverso convenzioni di sostegno a queste attività tra MIUR, MAP e INRIM. Per quanto riguarda i rapporti con il MAP, che ha designato due membri del Consiglio di Amministrazione dell INRIM, speciali intese dovranno essere raggiunte per quanto riguarda il coordinamento con l INMRI dell ENEA. Tutti i progetti di ricerca e tecnici presentati hanno fondato la loro credibilità sulla Relazione INRIM Indice e Presentazione VI

10 presenza di rilevanti conoscenze acquisite tra un personale altamente qualificato e sul funzionamento di numerosi laboratori in buona parte equipaggiati con strumentazione moderna e dotati di sistemi per lo sviluppo di tecnologie avanzate da utilizzarsi anche per la ricerca e l applicazione future. Nel 2005 la consistenza del personale che ha operato presso l INRIM è stata pari a 285 persone equivalenti a tempo pieno (ETP), di cui 210 ETP con contratto a tempo indeterminato e 75 ETP costituito da personale inserito a vario titolo nelle attività dell INRIM (14 ETP con contratto a tempo determinato, 11 ETP con incarico di collaborazione retribuito, 12 ETP con incarico gratuito di ricerca o collaborazione tecnica, 17 ETP con assegno di ricerca, 10 ETP con borsa di addestramento alla ricerca, 12 ETP come dottorandi, valutati per una quota pari a 0,5 ETP/dottorando). Nei primi cinque mesi il personale con contratto a tempo indeterminato si è ridotto da 221 a 211 unità. Si sta quindi accumulando una grave insufficienza di risorse umane, che richiede interventi urgenti al fine di assicurare una congruità delle risorse umane rispetto ai compiti affidati e agli obiettivi che l INRIM è impegnato a perseguire. Torino, giugno 2006 Elio Bava Presidente dell INRIM Relazione INRIM Indice e Presentazione VII

11 PARTE I SINTESI DELLE ATTIVITÀ SVOLTE E DEI RISULTATI CONSEGUITI La Parte I presenta una sintesi delle attività svolte e dei risultati conseguiti nel 2005 e, inoltre, elementi per il loro confronto con i dati relativi al biennio STRUTTURE E RESPONSABILITÀ L anno 2005 ha coinciso con la fase di transizione da IEN e IMGC a INRIM, fase in cui sono state prorogate le strutture e le responsabilità di IEN e IMGC. Specificamente, in accordo con il regolamento di organizzazione e funzionamento dell INRIM, in questo anno: il direttore generale dell IEN è stato prorogato fino alla nomina del direttore generale dell INRIM; il dirigente dell Unità organica Attività scientifiche e tecniche dell IEN e il direttore dell IMGC hanno conservato la responsabilità scientifica delle rispettive strutture; sono restati in vigore i provvedimenti assunti dall IEN e dal direttore dell IMGC in merito al funzionamento della segreteria centrale SIT; i responsabili dei settori tecnico-scientifici (ST) dell IEN e delle commesse dell IMGC sono stati prorogati fino alla nomina dei responsabili delle divisioni del dipartimento, al quale il decreto istitutivo affida la programmazione e lo svolgimento delle attività di ricerca e tecnico-scientifiche dell INRIM. Di conseguenza, IEN e IMGC per tutto il 2005 hanno operato avvalendosi delle strutture e dei coordinamenti qui di seguito indicati. Per l IEN Direttore generale Comitato di direzione e verifica per la qualità Responsabile del sistema di gestione per la qualità Unità organica Attività scientifiche e tecniche (ST) Settori Metrologia elettromagnetica e di tempo e frequenza (TF) Metrologia elettrica (ME) Fotometria (FT) Acustica (AC) Dispositivi quantistici per la metrologia (DQ) Materiali (MA) Elettromagnetismo applicato (EM) Ingegneria dei sistemi (IS) Accreditamento di laboratori (AL) Coordinamenti a livello IEN Formazione e diffusione della cultura scientifica (FS) Sicurezza nell ambiente di lavoro (SL) Sistemi informatici (SI) Unità organica Attività di gestione e supporto (GS) Settori Attività di supporto agli organi di governo Per l IMGC Direttore Comitato d indirizzo per la qualità Responsabile del sistema di gestione per la qualità Commesse Metrologia della lunghezza (ML) Segreteria generale (SG) Servizi patrimoniali e contabili (PC) Affari del personale (AP) Stipendi (SP) Biblioteca, pubblicazioni e stampa (BP) Servizi generali tecnici (GT) Relazione INRIM Parte I

12 Servizio Ufficio IT Gruppi di lavoro INRIM: Metrologia della massa (MM) Metrologia termica (MT) Metrologia dinamometrica (MD) Metrologia chimica (CH) Metrologia interdisciplinare (MI) Accreditamento laboratori di taratura Metrologia in chimica, per la salute e l ambiente Determinazione di costanti fisiche fondamentali Formazione, comunicazione e diffusione della cultura scientifica Attività di taratura e prova Accreditamento di laboratori Servizi tecnici Sicurezza sul lavoro Sistemi informatici Sistema di gestione per la qualità 2 ATTIVITÀ SVOLTE E RISULTATI CONSEGUITI 2.1 Attività di ricerca, scientifiche e tecniche Nel triennio l IEN: ha consolidato la sua posizione nell area della metrologia e della scienza dei materiali, con risultati in termini di sviluppo di campioni e di sistemi di misura, studio di proprietà fisiche di materiali magnetici, sviluppo di laboratori per produrre e caratterizzare materiali e sensori innovativi; ha potenziato le proprie strutture di ricerca; ha rafforzato la presenza nelle iniziative di organismi internazionali, europei e nazionali e nei programmi di ricerca UE, ESA ed ASI, nonché le collaborazioni con università, istituti metrologici ed enti nazionali interessati alle sue attività; ha mantenuto su livelli significativi l attività di ricerca per conto di committenti e le attività di taratura, prova e accreditamento di laboratori; ha potenziato le attività riguardanti la formazione di ricercatori, giovani laureati e tecnici, l organizzazione di conferenze, workshop, riunioni d organismi internazionali, iniziative di diffusione della cultura scientifica e di divulgazione delle ricerche e dei risultati; ha dato impulso ai processi d innovazione nel suo funzionamento, con una diffusione di sistemi informatici nelle attività di ricerca, sperimentazione e gestione e con iniziative su qualità, sicurezza, valutazione delle attività. In particolare si segnalano: l impegno nei programmi ESA ed UE sul sistema di navigazione satellitare Galileo, su cui IEN ha lavorato con numerosi progetti riguardanti i sistemi di sincronizzazione di scale di tempo e la realizzazione della scala di tempo di riferimento usata dal sistema; a livello locale, l adesione al Consorzio Torino Time, la partecipazione al corso di master presso il Politecnico di Torino in Navigation and related applications, avviato nel 2005; il finanziamento ASI di alcuni progetti di ricerca presentati in risposta ai bandi ASI; l ammissione di progetti di ricerca a finanziamenti della Regione Piemonte. Nel 2005, l IMGC ha partecipato al primo piano triennale dell INRIM, ma è stato gestito dal CNR, operando su 6 delle 8 commesse del Progetto Metodi e Strumenti di Metrologia dell allora costituendo Dipartimento Sistemi di Produzione. Per l autovalutazione delle attività svolte e dei risultati conseguiti l IMGC ha seguito i criteri di valutazione del CIVR. Gli indicatori di risultato per l anno 2005 si allineano, con incrementi numerici talvolta occasionali, sui valori per gli anni 2003 e Rel Att 2005 Parte I 2

13 Tra i risultati di valorizzazione applicativa, alcuni specifici dell IMGC come Istituto nazionale di metrologia, si segnalano: la partecipazione a 27 confronti internazionali, le 68 nuove CMC pubblicate nel 2005 nella base di dati KCDB del BIPM (http://kcdb.bipm.org/); le attività di accreditamento di laboratori come centri di taratura SIT; le 7 unità di personale in distacco Treu presso piccole e medie industrie; la partecipazione di esperti a organismi normativi nazionali e internazionali. Per il trasferimento di conoscenze in termini di formazione, si rileva un impegno crescente nella formazione di ricercatori (tesi di dottorato svolte presso l IMGC, corsi di terzo livello), di laureandi (tesi di laurea di primo e secondo livello, corsi di formazione universitaria) e di personale tecnico (stage di allievi di istituti tecnici; organizzazione di corsi specialistici e di aggiornamento, anche in collaborazione con strutture esterne quali EMIT-LAS, ANGQ, Istituto Tagliacarte; l ultimo caso citato riguarda corsi di formazione per ispettori metrici ed è significativo per l impatto socio-economico delle attività a supporto della metrologia legale, tra le quali si ricorda la collaborazione IMGC/SNAM Rete Gas per la legalizzazione dei contatori e analizzatori di metano). Per la mobilità e le collaborazioni internazionali, si segnalano i soggiorni presso l IMGC di ricercatori e borsisti stranieri, i soggiorni di 3 ricercatori IMGC presso il BIPM. L alto grado di internazionalizzazione delle attività IMGC comporta collaborazioni con: gli organismi della Convenzione del metro, BIPM (http://www.bipm.org/), Comitati Consultivi del CIPM (CCAUV, CCL, CCM, CCQM, CCT) e relativi WG, Comitati Congiunti (JCRB, JCGM); organismi europei o internazionali (EUROMET, EA, ISO, IMEKO, CIRP, EUSPEN, IUPAC, AMCTM); numerosi Istituti nazionali di metrologia. Capacità di accedere/attrarre risorse. A causa del carattere trasversale della metrologia e di una limitata consapevolezza dei problemi di misura nelle aree finanziate dalle iniziative MIUR, l accesso IMGC a finanziamenti banditi a livello nazionale è risultato sottodimensionato rispetto alle possibilità (contributi MIUR-FISR e MIUR-SIINDA). È invece notevole la capacità di attrarre risorse da contratti nazionali e internazionali. Sono ora in corso 45 contratti, di cui 19 (42%) attivati nel Sul totale, 32 (di cui 12 nuovi) sono contratti nazionali e 13 (nuovi 7) internazionali, di cui 5 con la Commissione Europea (diretti o indiretti). Un accordo consortile al livello europeo è attivo con EuroConsultants su un programma di assistenza alla Tunisia. Accordi simili in favore del Marocco e della Turchia sono in fase di discussione preliminare. Nel 2005, l IMGC ha presentato 8 proposte (6 come responsabile, 2 come collaboratore strutturato) per il bando regionale Ricerca Scientifica Piemonte Le fonti principali di finanziamento sono date dai fondi CNR, dai proventi da attività in conto terzi a tariffario (tarature di alto livello e accreditamenti) e da contratti di ricerca. Le risorse nette da fondi esterni, derivanti dall adempimento dei requisiti anche legislativi posti dalla missione istitutiva dell IMGC, costituiscono un importante fonte di auto-finanziamento con un rilevante impatto occupazionale interno sulle posizioni a carico IMGC (3 dei 5 dottorandi, 7 assegni di ricerca, 5 prestatori d opera, e varie collaborazioni occasionali, per un totale di 13,7 ETP). I Prospetti 1 e 2 riportano alcuni dati riguardanti, rispettivamente, le attività svolte e le pubblicazioni e le partecipazioni a conferenze di IEN e IMGC negli anni Con riferimento al 2005, il valor medio dell impact factor (IF) dei lavori pubblicati su riviste internazionali e la somma degli IF (rapportato al numero di ricercatori e tecnologi) sono sensibilmente maggiori per l IEN rispetto all IMGC. Ciò dipende da numerosi fattori, quali: il maggiore coinvolgimento dell IMGC nelle iniziative promosse da organismi che coordinano a livello internazionale le attività nei campi della metrologia e dell accreditamento (in primo luogo nei confronti internazionali di misura); la diversa tipologia delle riviste su cui i lavori sono pubblicati (una maggiore presenza dell IEN dell area delle discipline della fisica e della scienza dei materiali). Rel Att 2005 Parte I 3

14 Prospetto 1 Alcuni dati sulle attività svolte negli anni IEN Partecipazione a confronti internazionali di misure: N. di confronti conclusi nell anno N. di confronti coordinati Descrizione N. di seminari tenuti da personale IEN Brevetti depositati 1 1 N. di contratti di ricerca firmati nell anno Convenzioni e accordi di collaborazione firmati Collaborazioni scientifiche attive Partecipazioni a programmi di ricerca Partecipazione a organismi scientifici e tecnici: internazionali nazionali N. di corsi di dottorato ai quali IEN ha partecipato Tesi di dottorato di ricerca concluse nell anno Tesi di laurea concluse nell anno Corsi specialistici organizzati da IEN 1 (20 h) 1 (20h) 4(190 h) Corsi di III livello tenuti da ricercatori IEN 3 (40 h) 3 (40 h) 8 Docenza di personale IEN presso corsi specialistici e università (h) Soggiorni e stage presso IEN (mesi-persona) di ricercatori e studenti: stranieri italiani Soggiorni di personale IEN presso istituti scientifici (mesi-persona): all estero in Italia IMGC Confronti internazionali di misure: N. di seminari tenuti da personale IMGC 5 Brevetti depositati 1 1 N. di contratti di ricerca firmati nell anno 19 Collaborazioni scientifiche attive 90 Partecipazione a organismi scientifici e tecnici: internazionali 65 nazionali 40 N. di corsi di dottorato ai quali IMGC ha partecipato 1 Tesi di dottorato di ricerca concluse nell anno 2 Tesi di laurea concluse nell anno 12 Progetto, composizione, disegno e design Corsi di formazione Relazioni di contratti Manufatto (apparati, installazioni) Docenza di personale IMGC presso corsi specialistici e università (h) 312 Soggiorni e stage presso IMGC (mesi-persona) di ricercatori e studenti: stranieri 18 4 italiani Soggiorni di personale IMGC presso istituti scientifici esteri (mesi-persona) 16 Seminari di studiosi esterni tenuti presso IEN e IMGC Rel Att 2005 Parte I 4

15 Prospetto 2 Pubblicazioni e partecipazioni a conferenze negli anni Descrizione IEN Pubblicazioni: volumi pubblicati articoli su riviste internazionali articoli su riviste nazionali comunicazioni su atti di congressi internaz. comunicazioni su atti di congressi nazionali rapporti tecnici IF delle pubblicazioni su riviste internazionali: minori di 0,5 compresi tra 0,5 e 1 compresi tra 1 e 2 compresi tra 2 e 3 maggiori di 3 n. di pubblicazioni con IF valore medio di IF scarto quadratico medio di IF somma degli IF /89 1,49 1, /91 1,69 1, /97 1,92 1, Attività di referee per: riviste internazionali atti di conferenze internazionali Comunicazioni presentate a conferenze: internazionali nazionali Chairmanship di sessioni di conferenze IMGC Pubblicazioni: volumi pubblicati articoli su riviste internazionali articoli su riviste nazionali comunicazioni su atti di congressi internaz. comunicazioni su atti di congressi nazionali rapporti tecnici IF delle pubblicazioni su riviste internazionali: minori di 0,5 compresi tra 0,5 e 1 compresi tra 1 e 2 compresi tra 2 e 3 maggiori di 3 n. di pubblicazioni con IF valore medio di IF scarto quadratico medio di IF somma degli IF /38 1,45 1,09 51 Attività di referee per: riviste internazionali atti di conferenze internazionali Comunicazioni presentate a conferenze: internazionali nazionali Chairmanship di sessioni di conferenze Attività di taratura e prova Il Prospetto 3 riporta alcuni dati sulle attività di taratura e prova svolte negli anni da IEN e IMGC presi singolarmente e da IEN + IMGC. 2.3 Attività di accreditamento di laboratori Il Prospetto 4 riportano alcuni dati sulle attività di accreditamento di laboratori svolte da SIT-IEN e SIT-IMGC negli anni , nonché dal SIT nel suo complesso. Si segnala l accreditamento di 4 laboratori stranieri (in HR, GR e CY). Rel Att 2005 Parte I 5

16 Prospetto 3 Attività di taratura e prova svolte negli anni IEN N. di certificati di taratura emessi N. di rapporti di prova emessi N. di relazioni tecniche emesse N. totale di documenti emessi Descrizione N. di commesse di lavoro N. di persone dedicate (equivalenti a tempo pieno ETP) ,8 Fatturato (k ) IMGC N. di certificati di taratura emessi N. di rapporti di prova emessi N. di relazioni tecniche emesse N. totale di documenti emessi N. di persone dedicate (ETP) 9,5 9,5 9,42 Fatturato (k ) IEN + IMGC N. di certificati di taratura emessi N. di rapporti di prova emessi N. di relazioni tecniche emesse N. totale di documenti emessi N. di persone dedicate (ETP) 28,5 29,5 27,22 Fatturato (k ) Prospetto 4 Attività di accreditamento di laboratori negli anni N. di centri SIT operativi a fine anno: accreditati da SIT-IEN accreditati da SIT-IMGC numero totale N. di settori di misura accreditati: da SIT-IEN da SIT-IMGC numero totale N. di certificati SIT emessi: dai centri SIT-IEN dai centri SIT-IMGC da tutti i centri SIT Descrizione N. di persone operanti nei centri SIT (ETP) N. di persone dedicate (ETP) a: SIT-IEN SIT-IMGC SIT-IEN e SIT-IMGC Entrate (k ) derivanti da attività di accreditamento svolte da: SIT-IEN SIT-IMGC SIT-IEN e SIT-IMGC 5,6 7,5 13,1 4,9 7,5 12,4 4,74 6,98 11, Amministrazione e servizi generali La struttura Amministrazione e servizi generali dell IEN ha svolto le funzioni amministrative, contabili e tecniche d occorrenza all esecuzione delle attività dell IEN. Queste funzioni comprendono: gli adempimenti riguardanti l ordinamento, il funzionamento, la struttura e l organizzazione dell IEN; l attività di supporto agli organi di governo e di controllo; la gestione contabile, finanziaria e patrimoniale; la gestione del personale; la predisposizione dei trattamenti economici del personale; la gestione della biblioteca e le attività di pubblicazione e stampa; l esecuzione di quanto occorre al fine del corretto funzionamento degli impianti e dei servizi generali. Detta struttura ha partecipato alla realizzazione del Sistema Qualità, col Rel Att 2005 Parte I 6

17 laborando alla predisposizione del manuale della qualità e delle procedure del Sistema Qualità. Per l IMGC l introduzione delle nuove procedure CNR di programmazione ha favorito una migliore identificazione di obiettivi misurabili. Nel complesso è eccellente il grado di raggiungimento degli obiettivi indicati. Le azioni strategiche sono indirizzate dall alto livello di internazionalizzazione intrinseco alla metrologia (Convenzione del metro ed EUROMET) e dalla sua missione di infrastruttura essenziale nell economia e nella società, che si sviluppa sui 3 assi: metrologia fondamentale, innovazione e qualità della vita. Le dotazioni strumentali e dei servizi sono state mantenute. Il miglioramento e l adeguamento delle dotazioni strumentali hanno subito un notevole ritardo a causa dei tempi decisionali del CNR sulle richieste di fondi aggiuntivi di funzionamento, che ha comportato il blocco cautelativo dei fondi ordinari d investimento come riserva per far fronte al pagamento delle utenze. La procedura per il bando interno di strumenti è stata avviata, ma congelata in attesa della disponibilità dei fondi. In generale, si segnala l inizio di sofferenza a causa di obsolescenza di molti strumenti o installazioni e si suggerisce l avvio di un piano di ammodernamento anche usando in alcuni casi la formula del leasing. La direzione si è impegnata a mantenere e migliorare la qualità dei servizi di base, i cui costi totali sono ripartiti fra le commesse e sono così articolati: Direzione e supporto amministrativo (9,2 ETP), Supporto tecnico (IT, Qualità e servizi generali 7,9 ETP), Commissioni Sicurezza (0,3 ETP), Biblioteca (0,1 ETP), Promozione e immagine (0,5 ETP). 2.4 Sistemi di gestione per la qualità, MRA, CMC L IEN e l IMGC operano con sistemi di gestione per la qualità, che sono conformi alle norme internazionali ISO/IEC General requirements for the competence of testing and calibration laboratories e ISO 9001:2000 Quality management systems Requirements e che garantiscono la trasparenza del loro operato in relazione a: finalità istitutive; responsabilità assegnate dalla legge n. 273/1991 sul sistema nazionale di taratura; cooperazione con organismi, istituzioni e istituti metrologici in ambito nazionale e internazionale; partecipazione all Accordo di mutuo riconoscimento promosso dal Comitè International des poids et mesures (CIPM-MRA) e alle attività del comitato tecnico per la qualità di EUROMET; mantenimento dello status di organismi e/o laboratori notificati per attività di prova dai ministeri, in applicazione di leggi nazionali o direttive europee e in sistemi di certificazione nazionali e europei quali l Associazione per la Certificazione delle Apparecchiature Elettriche (ACAE), l Istituto italiano del Marchio di Qualità (IMQ) e l Underwriters Laboratories Inc. (UL). Il Prospetto 5 mostra il sistema di documenti disponibili alla fine del 2005 per l IEN e l IMGC. Prospetto 5 Documenti predisposti per i sistemi di gestione per la qualità ATTIVITÀ PREDISPOSTI DA PREDISPORRE DOCUMENTI GENERALI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Rel Att 2005 Parte I 7 34 (IEN) + 22 (IMGC) 1 PROCEDURE DI TARATURA (PT) E PROVA (PP) IEN Tempo e frequenza 7 - Metrologia elettrica PT Fotometria e radiometria 31 - Acustica ed ultrasuoni 15 - Materiali 34 - Elettromagnetismo applicato (8 PT + 7 PP) TOTALE DI PROCEDURE DI TARATURA E PROVA IEN IMGC Lunghezza 15 - Massa 20 - Termometria 50 - Dinamometria 27 -

18 Metrologia in chimica 1 - TOTALE DI PROCEDURE DI TARATURA IMGC 113 TOTALE DI PROCEDURE DI TARATURA E PROVA IEN+IMGC Nell ambito dell accordo CIPM-MRA, appendice C, IEN e IMGC hanno sviluppato e dichiarato numerose capacità di taratura e misura (CMC). Il Prospetto 6 riporta le CMC IEN e IMGC raggruppate per grandezze e lo stato del loro iter di approvazione e di pubblicazione nel database KCDB del BIPM (http://kcdb.bipm.fr) alla fine dell anno Specificamente, le CMC IEN sono 260, di cui: 226 approvate e pubblicate nel database KCDB, 1 approvata e in corso di pubblicazione e 33 all esame di EUROMET o di altri organismi metrologici regionali (RMO). Le CMC IMGC sono 224 di cui: 183 approvate e pubblicate sul database KCDB, 41 approvate e in corso di pubblicazione. Prospetto 6 Capacità di taratura e misura (CMC) GRANDEZZA N. DI CMC STATO IEN Tempo e frequenza 16 in esame Elettricità e magnetismo pubblicate, 16 in esame Acustica 23 pubblicate Fotometria pubblicate, 1 in esame Quantità di sostanza 1 approvata e in corso di pubblicazione TOTALE IEN pubblicate, 1 approvata e in corso di pubblicaz., 33 in esame IMGC Lunghezza pubblicate e 5 in esame Massa 8 Pubblicate Volume 5 Pubblicate Termometria pubblicate, 36 in esame Flusso 26 Pubblicate Forza 7 Pubblicate Accelerazione di gravità Pubblicate 1 Pressione 15 Pubblicate Vibrazione (IMGC) 17 Pubblicate Viscosità 29 Pubblicate Durezza 15 Pubblicate Chimica 2 Pubblicate TOTALE IMGC pubblicate, 41 in esame TOTALE IEN + IMGC pubblicate, 1 approvata e in corso di pubblicaz., 74 in esame 3 COSTI E RISORSE FINANZIARIE UTILIZZATE Il Prospetto 7 riporta: a) una sintesi dei costi IEN negli anni 2003 e 2004 e 2005, comprendenti: - oneri per il personale dipendente (con contratto a tempo indeterminato TI o a tempo definito TD); - oneri per altro personale (comprendente: titolari d incarico di collaborazione a titolo oneroso e di contratto di prestazione d opera; titolari d assegno di ricerca e di borsa d addestramento alla ricerca; dottorandi, valutati per una quota pari a 0,5 ETP; titolari d incarico gratuito di ricerca o di collaborazione tecnica); - spese di funzionamento dirette (imputabili alle singole attività) e indirette (per la gestione e la manutenzione ordinaria delle strutture edilizie, degli impianti tecnologici e dei servizi generali); - spese d investimento dirette (imputabili alle singole attività) e indirette (per la realizzazione di laboratori e strutture e la loro manutenzione straordinaria); b) una stima dei costi IMGC negli anni , ottenuta considerando: - oneri per il personale dipendente (a carico dell amministrazione centrale del CNR); - oneri per altro personale; - spese di funzionamento dirette e indirette; Rel Att 2005 Parte I 8

19 - costi sostenuti dal CNR per le funzioni amministrative e generali svolte per l IMGC; - spese d investimento dirette e indirette (per il supporto generale alle suddette attività e la biblioteca); c) una stima dei costi IEN + IMGC negli anni , ricavati sommando: - gli oneri per il personale dipendente; - gli oneri per altro personale; - le spese di funzionamento dirette e indirette, nonché i costi sostenuti dal CNR per le funzioni amministrative e generali svolte per l IMGC; - le spese d investimento dirette e indirette; - differenza da trasferire all esercizio successivo. Prospetto 7 Costi negli anni (k ) Descrizione IEN Oneri per il personale dipendente Oneri per altro personale Spese di funzionamento dirette Spese di funzionamento indirette Spese d investimento dirette Spese d investimento indirette Differenza da trasferire all esercizio successivo Totale IEN IMGC Oneri per il personale Oneri per altro personale Spese di funzionamento dirette Spese di funzionamento indirette Costi CNR per le funzioni amministrative e generali svolte per l IMGC Spese d investimento dirette Spese d investimento indirette Totale IMGC IEN + IMGC Oneri per il personale Oneri per altro personale Spese di funzionamento dirette Spese di funzionamento indirette Spese d investimento dirette Spese d investimento indirette Differenza da trasferire all esercizio successivo Totale IEN + IMGC Il Prospetto 8 riporta per gli anni : a) una sintesi delle risorse finanziarie IEN, comprendenti: - il contributo ordinario del MIUR e il contributo del MIUR per specifici progetti; - le entrate derivanti da contratti di ricerca; - le entrate derivanti dalle attività di consulenza, di taratura di prova; - le entrate derivanti dalle attività di accreditamento di laboratori. - altre entrate. b) una stima delle risorse finanziarie IMGC, ottenuta considerando: - le risorse del CNR (fondi ordinari e costi del personale sostenuti dall amministrazione centrale) destinate all IMGC; - le entrate derivanti da contratti di ricerca; - le entrate derivanti da attività di consulenza e taratura; - le entrate derivanti dalle attività di accreditamento di laboratori; c) una stima delle risorse finanziarie IEN + IMGC, ricavata sommando: Rel Att 2005 Parte I 9

20 - i contributi del MIUR all IEN e le risorse del CNR destinate all IMGC; - le entrate derivanti da contratti di ricerca; - le entrate derivanti dalle attività di consulenza, taratura e prova; - le entrate derivanti dalle attività di accreditamento di laboratori; - altre fonti di finanziamento (avanzo, altre entrate, residui). Prospetto 8 Risorse finanziarie negli anni (k ) Descrizione IEN Avanzo al termine dell esercizio precedente Contributo ordinario del MIUR Contributo del MIUR per specifici progetti Contratti di ricerca Attività di consulenza, taratura e prova Attività di accreditamento di laboratori Altre entrate Totale IEN IMGC Risorse CNR Contratti di ricerca Attività di consulenza e taratura Attività di accreditamento di laboratori Altre entrate (residui di fondi esterni) Totale IMGC IEN + IMGC Contributi MIUR e risorse CNR Contratti di ricerca Attività di consulenza, taratura e prova Attività di accreditamento di laboratori Altre fonti di finanziamento Totale IEN + IMGC RISORSE UMANE UTILIZZATE Il Prospetto 9 riporta alcuni dati sul personale dipendente IEN e IMGC, con contratto a tempo indeterminato (TI) o determinato (TD), al termine degli anni 2003, 2004 e Il personale dipendente dell INRIM con contratto a tempo indeterminato al 31 dicembre 2005 ammontava quindi a 222 unità. Successivamente a detta data, si sono verificati: il pensionamento di n. 6 persone (una dal 1 gennaio 2006, una dal 1 marzo 2006 e quattro dal 1 aprile 2006); il trasferimento di 4 persone, già afferenti all IMGC, ad altro istituto del CNR. Di conseguenza, al 1 aprile 2006, il personale dipendente dell INRIM con contratto TI era pari a 211 unità. Altri quattro pensionamenti sono previsti nel corso del Prospetto 9 Personale dipendente al termine degli anni Descrizione IEN IMGC TI TD TI TD TI TD TI TD TI TD TI TD Ricerc. e tecnol (3) 33 5 (3) 31+1 (2) 5 (3) Tecnici (2) 38+5 (2) 38+4 (2) 2 (4) Amministrativi Totale 130+DG (1) DG (1) DG (1) (2) 5 (3) 81+5 (2) 5 (3) 79+5 (2) 7 (1) Dirigente superiore fuori ruolo (assunto quale Direttore generale). (2) Personale di ruolo in distacco Treu. (3) Ricercatori in sostituzione di personale in distacco Treu. (4) Personale TD in part time a compensazione di personale TI in part time Il Prospetto 10 riporta, per l IEN e l IMGC: la dotazione organica definita dal decre- Rel Att 2005 Parte I 10

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 (Allegato al Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 (Allegato al Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 (Allegato al Piano triennale per la prevenzione della corruzione 2015-2017) 1. Premessa 2. Introduzione: organizzazione e funzioni dell Ente

Dettagli

Accordo di mutuo riconoscimento dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e misura emessi dagli Istituti Metrologici Nazionali

Accordo di mutuo riconoscimento dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e misura emessi dagli Istituti Metrologici Nazionali Accordo di mutuo riconoscimento dei campioni nazionali di misura e dei certificati di taratura e misura emessi dagli Istituti Metrologici Nazionali A cura di Mercede Bergoglio e Anita Calcatelli I.N.R.M.

Dettagli

Il ruolo degli Istituti di Metrologia nel contesto competitivo globale

Il ruolo degli Istituti di Metrologia nel contesto competitivo globale Accreditamento e Taratura: strumenti per la competitività Il ruolo degli Istituti di Metrologia nel contesto competitivo globale Vito Fernicola INRIM - Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica Torino,

Dettagli

PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2009-2011

PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2009-2011 PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2009-2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2009 file: PT INRIM 2009-11_finale.doc SOMMARIO Presentazione...4 Executive Summary...6 PARTE I ELEMENTI

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH94 Pag. 1 di 7 PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER 1 26.09.2002 Rev. Generale

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Le basi della riferibilità internazionale delle misure

Le basi della riferibilità internazionale delle misure Le basi della riferibilità internazionale delle misure Dalla Convenzione del Metro all MRA Giancarlo Marullo Reedtz Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (I.N.RI.M.) 19-20 giugno 2008, XXVII Giornata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE SENATO ACCADEMICO 19/02/2008; 23/09/2008; 19/12/2008; 27/03/2009; CONSIGLIO

Dettagli

Industria e Taratura - novità, progetti, programmi

Industria e Taratura - novità, progetti, programmi ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Industria e Taratura - novità, progetti, programmi Mario Mosca Direttore Dipartimento Laboratori di Taratura m.mosca@accredia.it 011 3 919 735 AFFIDABILITA &

Dettagli

PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2011-2013. Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 24 febbraio 2011

PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2011-2013. Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 24 febbraio 2011 PIANO TRIENNALE D ATTIVITÀ 2011-2013 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 24 febbraio 2011 2/175 INDICE Presentazione... 5 Executive Summary... 7 PARTE I ELEMENTI GENERALI: STRATEGIE, OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

STATUTO DELL'ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS-FERRARA 1391. D.R. Rep. n. 588/2008 Prot. n. 8465 del 4 aprile 2008

STATUTO DELL'ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS-FERRARA 1391. D.R. Rep. n. 588/2008 Prot. n. 8465 del 4 aprile 2008 STATUTO DELL'ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS-FERRARA 1391 SENATO ACCADEMICO 18 marzo 2008 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 28 marzo 2008 DECRETO RETTORALE Entrata in vigore Statuto: 1 maggio

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA GESTIONE RISORSE UMANE PER LA DIDATTICA

ISTRUZIONE OPERATIVA GESTIONE RISORSE UMANE PER LA DIDATTICA Pagina 1 di 12 0. INDICE 0. INDICE...1 1. PREMESSA...2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3. RICHIESTA NUOVI POSTI PER PROFESSORE E RICERCATORE...2 3.1 Trasferimenti...3 3.2 Mobilità interna...3 4. ATTRIBUZIONE

Dettagli

Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico

Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico STATUTO Art. 1 - Obiettivi e finalità della Scuola di Dottorato 1. La Scuola di Dottorato è una struttura dell Università degli Studi

Dettagli

La valutazione dei corsi di dottorato

La valutazione dei corsi di dottorato La valutazione dei corsi di dottorato Approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 24 luglio 2014 1 Premessa Questo documento illustra i criteri e gli indicatori che l ANVUR intende proporre alla

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

Il VQR 2004-2010 www.anvur.org

Il VQR 2004-2010 www.anvur.org Il VQR 2004-2010 www.anvur.org Sergio Benedetto Consiglio Direttivo ANVUR sergio.benedetto@anvur.org CRUI, Roma, 21 luglio 2011 Dalla Valutazione Quinquennale della Ricerca (VQR) 2004-2008 2 Alla Valutazione

Dettagli

Allegato I Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS)

Allegato I Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Allegato I Allegato II Allegato III Allegato IV Allegato V Allegato VI ALLEGATI Scheda Unica Annuale del Corso di Studio Requisiti per i Presidî della Qualità Scheda Unica Annuale della Ricerca dei Dipartimenti

Dettagli

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro

Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT. Dai il via al tuo futuro Master in innovazione di Reti e Servizi nel Settore ICT Dai il via al tuo futuro ACCENDI NUOVE OPPORTUNITÀ Il tuo futuro parte adesso. Perché il mondo delle telecomunicazioni è il futuro. E Telecom Italia

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 2000

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 2000 RELAZIONE DEL 2000 EXECUTIVE SUMMARY La presente relazione si riferisce all attività dell Ateneo nell anno accademico 1999/2000, con alcune anticipazioni sull anno accademico 2000/2001, ed è articolata

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Un po di Storia Fino ad un passato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE DECRETO RETTORALE REP. N 44/2014 PROT.N 1191

Dettagli

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE Quadro generale di riferimento Ministero della solidarietà sociale Previsioni di bilancio 2008 - Nota preliminare L insediamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE Premessa Il Regolamento per l istituzione ed il funzionamento dei corsi master universitari, emanato con D.R. n. 868 del 27.6.2005, è modificato

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 417 del 24 marzo 2015) INDICE Pag. Art. 1 Oggetto 2 Art. 2 Caratteristiche dei corsi 2 Art. 3 Istituzione - attivazione - rinnovo 2 Art.

Dettagli

ILAC P10:01/2013 ed altri Documenti EA ed ILAC

ILAC P10:01/2013 ed altri Documenti EA ed ILAC ACCREDIA L ente italiano di accreditamento ILAC P1:1/213 ed altri Documenti EA ed ILAC Verona, 14-15 ottobre 213 Roma, 24-25 ottobre 213 Dott. Paolo Bianco - Direttore Dipartimento Laboratori di prova

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE DECRETO RETTORALE N. 380/2014 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, emanato con Decreto Rettorale n. 138/2012 del 2 aprile 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Art. 1 Principi e riferimenti normativi

Art. 1 Principi e riferimenti normativi Provvedimento Dirigenziale Rep. 3649/2012 Protocollo n. 59815 del 21/12/2012 OGGETTO: Emanazione delle linee guida riportanti i criteri per la definizione delle indennità di responsabilità ALLEGATO 2)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO. TITOLO I Principi e disposizioni generali REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO TITOLO I Principi e disposizioni generali Articolo 1 Principi e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha come obiettivo la

Dettagli

Nome del dottorato. Scuola di appartenenza. Dipartimento. Data di istituzione. Referente del corso. Prof.

Nome del dottorato. Scuola di appartenenza. Dipartimento. Data di istituzione. Referente del corso. Prof. me del dottorato Scuola di appartenenza Dipartimento Data di istituzione Referente del corso Prof. Requisito 1: Congruità del corpo docente Composizione del Consiglio di Dottorato Prof. I Fascia Unige

Dettagli

SCHEMA DI. Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale della presente Intesa.

SCHEMA DI. Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale della presente Intesa. SCHEMA DI Intesa tra la Provincia autonoma di Trento e l Università degli Studi di Trento, con riferimento all esercizio 2013, afferente gli obblighi e i vincoli a carico dell Università al fine di assicurare

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I, II e III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 2235 Prot. n. 25405 Data 05 agosto 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168 Istituzione del Ministero dell'università e della ricerca scientifica

Dettagli

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE DI RIFORMA DEL DOTTORATO DI RICERCA 1. Il dottorato di ricerca costituisce il terzo livello della formazione universitaria, nel quale si fondono in maniera

Dettagli

CORRELAZIONI ED INTERDIPENDENZE AMBIENTE/COMUNITÀ SCIENTIFICA DEGLI AZIENDALISTI E CRITERI DI SELEZIONE DEI DOCENTI

CORRELAZIONI ED INTERDIPENDENZE AMBIENTE/COMUNITÀ SCIENTIFICA DEGLI AZIENDALISTI E CRITERI DI SELEZIONE DEI DOCENTI Assemblea Generale di SIDREA Società Italiana dei Docenti di Ragioneria e di Economia Aziendale Firenze, 18 novembre 2006 CORRELAZIONI ED INTERDIPENDENZE AMBIENTE/COMUNITÀ SCIENTIFICA DEGLI AZIENDALISTI

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Relazione sul soddisfacimento dei requisiti necessari dei corsi di studio della Facoltà di Ingegneria. Anno Accademico 2008-2009

Relazione sul soddisfacimento dei requisiti necessari dei corsi di studio della Facoltà di Ingegneria. Anno Accademico 2008-2009 Relazione sul soddisfacimento dei requisiti necessari dei corsi di studio della Facoltà di Ingegneria Anno Accademico 2008-2009 Premessa Con il recente D.M. n. 544/2007, il MiUR ha definito i requisiti

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2009/2010 Anni attivati I, II III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli obiettivi

Dettagli

Dal 1769 REGOLAMENTO DIDATTICO

Dal 1769 REGOLAMENTO DIDATTICO Dal 1769 REGOLAMENTO DIDATTICO Accademia di Belle Arti di Carrara Regolamento didattico Titolo I - Principi generali Art. 1 - Finalità Art. 2 - Corsi di studio e Titoli Art. 3 - Crediti Formativi Accademici

Dettagli

DECRETO RETTORALE N. 6164

DECRETO RETTORALE N. 6164 DECRETO RETTORALE N. 6164 Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca e delle scuole di dottorato di ricerca dell Università Cattolica del Sacro Cuore IL RETTORE Visto visto visto vista vista vista lo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 (ai sensi dell art. 11 del decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n. 150/2009) Premessa Il Liceo M. Gioia di Piacenza realizza le proprie finalità

Dettagli

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA 8648 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 del 28-03-2011 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 24 marzo 2011, n. 4 Ulteriori modifiche al Regolamento Regionale n.

Dettagli

Corso Master: (Febbraio Giugno 2009) (52 ore d aula) In collaborazione con: Presenta il: FORMAZIONE SPECIALISTI DELLE MISURE

Corso Master: (Febbraio Giugno 2009) (52 ore d aula) In collaborazione con: Presenta il: FORMAZIONE SPECIALISTI DELLE MISURE FORMAZIONE SPECIALISTI DELLE MISURE Studio dei principi e dell'applicazione delle metodologie tecniche ed organizzative per la qualità dei prodotti, dei servizi e discipline connesse. In collaborazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Liceo Classico Statale M. Minghetti Via Nazario Sauro, 18 40121 Bologna Tel. 051.2757511 Fax 051.230145 www.liceominghetti.gov.it mail: bopc030001@istruzione.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Architettura e Progetto. MASTER DI PRIMO LIVELLO IN LIGHTING DESIGN Regolamento

Università degli Studi di Roma La Sapienza. Dipartimento di Architettura e Progetto. MASTER DI PRIMO LIVELLO IN LIGHTING DESIGN Regolamento Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento di Architettura e Progetto MASTER DI PRIMO LIVELLO IN LIGHTING DESIGN Regolamento Articolo 1 - Introduzione L Università degli Studi di Roma La Sapienza,

Dettagli

(Emanato con decreto rettorale n. 65 del 31 gennaio 2013)

(Emanato con decreto rettorale n. 65 del 31 gennaio 2013) Regolamento di Ateneo per il conferimento dei compiti didattici e di servizio agli studenti a professori e ricercatori universitari, e per il conferimento di contratti per attività di insegnamento. (Emanato

Dettagli

Center for Research on Innovation, Organization and Strategy. Organizzazione e Governance della Conoscenza.

Center for Research on Innovation, Organization and Strategy. Organizzazione e Governance della Conoscenza. Centro permanente di ricerca Permanent research centre Acronimo Denominazione Oggetto di attività CRIOS Center for Research on Innovation, Organization and Strategy Strategia, Economia e Management dell

Dettagli

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 (ai sensi dell art. 14 del Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca emanato con D.R. n. 1548 del 7 agosto 2013)

Dettagli

SEMINARIO SULLA RIFORMA DELL UNIVERSITA

SEMINARIO SULLA RIFORMA DELL UNIVERSITA SEMINARIO SULLA RIFORMA DELL UNIVERSITA Disegno di legge in materia di organizzazione e qualità del sistema universitario, di personale accademico e di diritto allo studio Approvato dal Consiglio dei Ministri

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato - Linee guida per l accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato A. Requisiti necessari per l accreditamento dei corsi di dottorato delle Università. 1. Qualificazione scientifica della

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE. ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA NUCLEO DI VALUTAZIONE

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE. ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA NUCLEO DI VALUTAZIONE RELAZIONE DEL ai fini del sistema AVA sezione 1 parte 4 anno 2014 (ai sensi del D.Lgs. 19/2012 art.12 e 14 e della L.370/99 art.1 c.2) Riunione Nucleo di Valutazione 14/04/2014 Il Nucleo di Valutazione

Dettagli

II Facoltà di Ingegneria

II Facoltà di Ingegneria II Facoltà di Ingegneria La II Facoltà di Ingegneria è una Facoltà giovane come te, in continua evoluzione, dove le nuove idee sono di casa. Ti offre la possibilità di seguire, sin dal primo anno, un percorso

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio ART. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento s intende:

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006

LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006 LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006 I BILANCI ECCELLENTI Estratto dal Bilancio GRUPPO MPS Lo stralcio che segue è estratto da Gruppo MPS Bilancio 2005 Pagine 91-97 euro (+44%

Dettagli

Statuto del Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (CNIT)

Statuto del Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (CNIT) Art.1) Oggetto e sede Statuto del Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (CNIT) Il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni, costituito con atto convenzionale

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Si mette a disposizione degli atenei lo schema del primo Rapporto di Riesame contenente le indicazioni operative e le informazioni che dovrebbero

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

RICONOSCIMENTO MUTUO. Punti essenziali

RICONOSCIMENTO MUTUO. Punti essenziali RICONOSCIMENTO MUTUO DEI CAMPIONI DI MISURA NAZIONALI E DEI CERTIFICATI DI TARATURA E MISURAZIONE EMESSI DAGLI ISTITUTI METROLOGICI NAZIONALI Accordo redatto dal Comitato internazionale dei pesi e delle

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA XII COMMISSIONE IGIENE E SANITÀ AUDIZIONE INFORMALE A. S. 1611 DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ FUNERARIE 15 SETTEMBRE 2015 pag.: 1/6 ACCREDIA ACCREDIA è l'ente Unico Nazionale di Accreditamento,

Dettagli

Valutazione dell Attività d Istituto (Processi di Consulenza e Formazione)

Valutazione dell Attività d Istituto (Processi di Consulenza e Formazione) 1 di 11 Iop03 Valutazione dell Attività d Istituto (Processi di Consulenza e Formazione) INDICE 1 Enti interessati... 2 2 Scopo... 2 3 I ili della Formazione e della Consulenza... 2 3.1 Oggetto di Valutazione...

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

INGEGNERIA DELL AUTOVEICOLO. Mariella Corbani Giuliano Cozzari Raffaella Fiora Mario Vianello

INGEGNERIA DELL AUTOVEICOLO. Mariella Corbani Giuliano Cozzari Raffaella Fiora Mario Vianello Mariella Corbani Giuliano Cozzari Raffaella Fiora Mario Vianello 1 INGEGNERIA POLITECNICO DELL AUTOVEICOLO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO 4 FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2 FACOLTÀ DI ARCHITETTURA 1 a FACOLTÀ

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL DOTTORATO INTERNAZIONALE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL DOTTORATO INTERNAZIONALE IN ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL DOTTORATO INTERNAZIONALE IN ECONOMIA Emanato con D.D. n. 147 del 26/02/2010. TITOLO I- PRINCIPI GENERALI Art. 1 (Definizione generale e obiettivi del Corso) 1. Il Dottorato Internazionale

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

Area Risorse Umane Ufficio Gestione del Rapporto di Lavoro del Personale Tecnico- Amministrativo e dei Collaboratori ed Esperti Linguistici

Area Risorse Umane Ufficio Gestione del Rapporto di Lavoro del Personale Tecnico- Amministrativo e dei Collaboratori ed Esperti Linguistici Area Risorse Umane Ufficio Gestione del Rapporto di Lavoro del Personale Tecnico- Amministrativo e dei Collaboratori ed Esperti Linguistici Firenze, 12 ottobre 2009 Prot. n. 68452 AI RESPONSABILI DELLE

Dettagli

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE

COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA VALUTAZIONE COMUNE DI BONASSOLA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE Sommario CAPO I....2 METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI DEI TITOLARI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA...2 ART. 1 - MISURAZIONE DELLE PERFORMANCE

Dettagli

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S)

POLITECNICO DI BARI. I Facoltà di Ingegneria. Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Gestionale (classe 34/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016

Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 Programma triennale per la trasparenza e l integrità della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati 2014 2016 1 Introduzione: organizzazione e funzioni dell amministrazione Chi siamo: definizione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI DOTTORATI DI RICERCA

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI DOTTORATI DI RICERCA REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI DOTTORATI DI RICERCA Capo I (Ambito di applicazione e finalità) Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente Regolamento disciplina, in attuazione delle disposizioni

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO DEI MASTER UNIVERSITARI DI I E DI II LIVELLO E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE PERMANENTE E RICORRENTE

REGOLAMENTO DI ATENEO DEI MASTER UNIVERSITARI DI I E DI II LIVELLO E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE PERMANENTE E RICORRENTE REGOLAMENTO DI ATENEO DEI MASTER UNIVERSITARI DI I E DI II LIVELLO E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE PERMANENTE E RICORRENTE INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI...3 Art. 1 Ambito di

Dettagli

8. PERSONALE, RISORSE E GESTIONE FINANZIARIA

8. PERSONALE, RISORSE E GESTIONE FINANZIARIA 8. PERSONALE, RISORSE E GESTIONE FINANZIARIA PERSONALE Politiche del personale L ampliamento dei compiti assegnati all Autorità dagli atti di liberalizzazione dei settori regolati accresce l importanza

Dettagli

Commenti alle osservazioni pervenute sul documento provvisorio. di accreditamento dei corsi di dottorato

Commenti alle osservazioni pervenute sul documento provvisorio. di accreditamento dei corsi di dottorato Commenti alle osservazioni pervenute sul documento provvisorio di accreditamento dei corsi di dottorato 21 febbraio 2014 1. Introduzione La pubblicazione del documento provvisorio contenente i criteri/indicatori

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

Università e impresa TALENTI, TECNOLOGIA E TERRITORIO. Manuale informativo sulle opportunità di collaborazione fra l università e le imprese

Università e impresa TALENTI, TECNOLOGIA E TERRITORIO. Manuale informativo sulle opportunità di collaborazione fra l università e le imprese Università e impresa TALENTI, TECNOLOGIA E TERRITORIO Manuale informativo sulle opportunità di collaborazione fra l università e le imprese INDICE Introduzione 3 ASSEGNI DI RICERCA 5 BANCA DATI DELLA RICERCA

Dettagli

Campioni di pressione e sensori Marina Sardi INRIM

Campioni di pressione e sensori Marina Sardi INRIM Campioni di pressione e sensori Marina Sardi INRIM In qualità di Istituto Metrologico Primario l INRIM realizza e mantiene la scala delle pressioni, che copre l intervallo di valori tra 10-6 Pa (campo

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE (34/S) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FACOLTA DI INGEGNERIA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE (34/S) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FACOLTA DI INGEGNERIA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA GESTIONALE (34/S) Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Regolamento Didattico Art. 1 Attivazione del Corso di Studio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 26/04/2004

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 26/04/2004 Oggi in Pavia, alle ore 15.30, presso la Sala riunione del Consiglio d Amministrazione, I piano del Palazzo Centrale, Università di Pavia, C.so Strada Nuova n 65, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo.

Dettagli

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso

10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso Università Università degli studi di Genova Trieste Altre Università (convenzioni Pisa interuniversitarie) Napoli Federico II Classe 10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso Ingegneria

Dettagli

RUFA Rome University of Fine Arts Accademia di Belle Arti legalmente riconosciuta dal MIUR REGOLAMENTO DIDATTICO D'ACCADEMIA

RUFA Rome University of Fine Arts Accademia di Belle Arti legalmente riconosciuta dal MIUR REGOLAMENTO DIDATTICO D'ACCADEMIA RUFA Rome University of Fine Arts Accademia di Belle Arti legalmente riconosciuta dal MIUR REGOLAMENTO DIDATTICO D'ACCADEMIA Indice PARTE PRIMA - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni Art. 2 Finalità

Dettagli

MD-09-01-DL/DSp rev.0 Pag. 1 di 12. Sigla.. Sede. Pag... di... 7. REQUISITI TECNICI

MD-09-01-DL/DSp rev.0 Pag. 1 di 12. Sigla.. Sede. Pag... di... 7. REQUISITI TECNICI Pag. 1 di 12 7. REQUISITI TECNICI L ispettore tecnico deve compilare l intestazione della propria check list con i dati pertinenti dell organizzazione. A fine visita, deve consegnare all ispettore di sistema

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

Articolo 5 Progetto Formativo

Articolo 5 Progetto Formativo REGOLAMENTO DI ATENEO SUI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 41 2015, prot. n. 999 I/3 del 19.01.2015) Articolo 1 Ambito del Regolamento 1. In attuazione dell articolo 1, comma 15, della legge 14

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli