il CANTIERE MUSICALE Rivista del Conservatorio Niccolò Paganini Autorizzazione Tribunale di Genova n.10/2006 del 21 aprile 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il CANTIERE MUSICALE Rivista del Conservatorio Niccolò Paganini Autorizzazione Tribunale di Genova n.10/2006 del 21 aprile 2006"

Transcript

1 il CANTIERE MUSICALE Rivista del Conservatorio Niccolò Paganini Autorizzazione Tribunale di Genova n.10/2006 del 21 aprile 2006 Genova - Anno VI, Numero 20 (XI/51) OTTOBRE 2011 Lele Luzzati Al fin giungemmo In concomitanza con le ultime fasi delle procedure elettorali per il rinnovo degli organi di governo e con il termine ormai prossimo dei miei due mandati consecutivi alla direzione del Conservatorio di Genova, ho accolto con piacere l invito ad intervenire in questo numero del Cantiere per poter porgere un saluto e il mio ringraziamento ai tanti soggetti, interni ed esterni all Istituto, che in questi anni mi hanno affiancata e consigliata. Non è certo questa la sede adeguata per elencare le tante attività svolte grazie alla collaborazione di ognuno perché, queste, sono già state sintetizzate nelle annuali relazioni esposte in occasione dell inaugurazione dell anno accademico ed ora anche dettagliatamente elencate nella relazione conclusiva settennale di prossima pubblicazione ma, soprattutto, perché sono state costruite con fatica dall intero Istituto e non appartengono certamente a me. A me, invece, appartiene un periodo della vita che ho dedicato esclusivamente al servizio del nostro Conservatorio, in un momento oggettivamente non semplice, non tanto per ambizione personale ma in nome di un più ampio impegno civile in cui credo e che ha richiesto tanta lucidità e un pizzico di utopia: passione, fantasia ed entusiasmo ma, nello stesso tempo, studio, rigore e, quando necessario, anche sacrificio per garantire a questa libera istituzione della nostra Repubblica il meglio possibile. Il meglio ha significato per me, innanzi tutto, che il Conservatorio fosse efficiente, dovendoci scontrare ogni giorno con le tante, segue a pag. 17 In questo numero: Al fin giungemmo pag. 1 Congresso della Società Italiana di Musicologia Il Paganini ospita la SidM pag. 1-2 Uno stretto legame fra studio pratico e storico.-estetico pag. 2 Il Programma del Convegno pag. 3 Il violinista Cristiano Rossi al Paganini Il segreto del successo: natura e tanto studio pag. 4 Un ritratto dietro le quinte pag. 5 Un Fondo musicale per Sanguineti pag. 6 Concerto per Edoardo pag. 6 I giovani si incontrano sul Novecento pag. 7 Un flauto antico al Paganini pag. 7 ONC - Un opportunità mancata? pag. 8 WWM II, un progetto europeo per i giovani diplomati pag. 8 Il Giappone in musica pag. 9 Der Klang des Südens pag. 9 Renato De Barbieri - Severità e umanità pag. 10 Luigi Porro, compositore pag. 11 La nuova mediateca pag. 11 Una Giovine centenaria pag. 12 I New York Singers incidono Lux aeterna di Lauricella pag. 13 Il Conservatorio in CD grazie alla Provincia pag. 13 Rapetti riscopre Dukas pag. 13 Musica, memoria e migrazioni pag. 14 Tubi sonori e corde luminose pag. 15 L equadoriano Duo Paganini nella città di Paganini pag. 15 Allievi (ed ex) in primo piano pag. 16 Arte e musica entrano in AlmaLaurea pag. 18 A proposito del Convegno internazionale pag. 20 Carlo Felice, largo ai giovani pag. 21 Il piacere di far musica insieme pag. 21 Notte bianca: i professori vincono. pag. 22 Cimeli paganiniani pag. 24 Dal 21 al 23 ottobre studiosi a convegno Il Paganini ospita la Società Italiana di Musicologia Il Paganini sarà sede dal 21 al 23 ottobre prossimi dell annuale Convegno di studi organizzato dalla Società Italiana di Musicologia in collaborazione con il nostro Conservatorio e col patrocinio delle principali Istituzioni. Si tratterà di una tre-giorni intensa di relazioni e dibattiti sui temi più vari. Un appuntamento di prestigio per il nostro Istituto che metterà a disposizione dei convegnisti anche la biblioteca e il proprio salone recentemente restaurato. Abbiamo chiesto al presidente della Società, Guido Salvetti, di illustrare l iniziativa. Ogni anno una città diversa ospita una delle più importanti iniziative della Società Italiana di Musicologia: una tre giorni di Convegno di studi ad argomento libero e, in uno dei pomeriggi, il Convegno dei soci. È quindi un attività che si potrebbe chiamare itinerante, poiché ha interessato, negli anni, Milano, Bergamo, Torino, Padova, Ferrara, Firenze (Fiesole), Pesaro, Pisa,

2 Roma, Pescara-Chieti, Napoli, Lecce, Catania e Palermo. L intenzione è stata sempre quella di affermare la presenza della Musicologia nelle diverse aeree del paese, e nelle sedi istituzionali più diverse: Università, Conservatori, Istituti musicali, Biblioteche, Enti sinfonici, e altro. La scelta di Genova per il 2011 è stata sollecitata (come sempre è avvenuto nel passato) da chi opera nella realtà musicale e musicologica della città: in questo caso, gentilissimamente, dal Conservatorio Paganini, nelle persone del direttore e della bibliotecaria. Va anche detto che durante i lavori preparatori abbiamo avvertito un forte interesse da parte di singoli studiosi e di istituzioni genovesi a essere coinvolti nell iniziativa: ottima premessa affinché - come spesso è avvenuto nel passato - la presenza fisica della SIdM a Genova non si esaurisca nei tre giorni del convegno, ma permetta progetti e attività di ampio respiro. Vorrei qui sottolineare come questo tipo di convegno ha assunto negli anni una caratteristica davvero interessante: ogni anno un numero notevole di studiosi nazionali e internazionali fa pervenire le proprie proposte al comitato preposto all organizzazione scientifica dell evento. A fatica il comitato riesce a contenere i relatori prescelti nelle sei sessioni di lavoro: si tratta infatti di due sessioni parallele dal venerdì pomeriggio alla domenica mattina, con esclusione del sabato pomeriggio dedicato all assemblea dei soci. L abbondanza delle proposte costringe purtroppo a qualche esclusione dolorosa, ma permette di puntare sulla qualità (quella, almeno, che si può desumere dagli abstracts) e, forse soprattutto, su un minimo di coerenza tematica nelle singole sessioni. Ne è risultato nel passato e sembra proprio che ne risulterà anche quest anno a Genova una vera e propria rassegna dei temi e dei problemi su cui stanno lavorando non pochi giovani e meno giovani studiosi, soprattutto in Italia, ma non solo. Anche quest anno, il quadro che ne emerge è a dir poco confortante, in assoluta controtendenza con le gravi difficoltà in cui versano le Università e i Conservatori: difficoltà strutturali ed economiche, ma anche emarginazione sempre più accentuata delle discipline storico-musicali e teorico-musicali in un Università sempre più dominata dalle lettere e dalle storie socio-politiche, e in un Conservatorio sempre più indirizzato - nonostante la riforma del a una pratica che rischia di diventare artigianale. Invito, invece, a scorrere l elenco delle relazioni che sono state preannunciate: si notino il grande ventaglio delle epoche e dei generi, la pluralità degli approcci e, in generale, la forte propensione alla ricerca e, quindi, all originalità dei contributi. Una nostra speranza, forse utopistica, è che quest anno a Genova, per chi lo volesse, non manchino gli stimoli per avviare i propri studi musicali verso approfondimenti storici e teorici che li arricchiscano e li rafforzino. Anche per via di questa speranza, ricordo che tutti i lavori sono aperti al pubblico. Guido Salvetti La Società italiana di Musicologia al Paganini Uno stretto legame fra studio pratico e storico-estetico È la prima volta dalla sua fondazione che la Società Italiana di Musicologia, associazione nata nel 1964 con lo scopo di - come si legge nell articolo 2 dello statuto - «valorizzare in Italia gli studi di musicologia e stimolare le attività che comunque favoriscono lo sviluppo e la diffusione della cultura musicale», tiene il proprio congresso annuale a Genova, presso il Conservatorio Paganini. La Sidm, nata in un Conservatorio, ha più volte negli anni usufruito di spazi messi a disposizione da Conservatori in Italia, quasi a voler ribadire ancor più lo stretto legame esistente tra i due volti dello studio della musica, uno necessario all altro, vale a dire quello pratico (esemplato dall attività didattica dei Conservatori italiani) e quello storico-teorico ed estetico (da sempre parte dei curricula universitari). Tra i Conservatori che negli anni passati hanno ospitato congressi della Società Italiana di Musicologia ricordo a titolo esemplificativo quelli di Milano, Roma, Padova, e Pescara. Seguendo una prassi maturata dagli anni 90 del Novecento, la SidM ha scelto di percorrere una larga parte d Italia con i suoi annuali congressi societari itineranti; cito solo le ultime sedi: Palermo, Padova, Roma, Lecce, Pesaro, Torino, Pescara, Bergamo, ancora Roma, Pisa e finalmente Genova. Quest anno il congresso si estende per tre intense giornate dalla mattina alla sera, da venerdì 21 ottobre alla domenica 23 ottobre 2011 (in quest ultima giornata i lavori si concluderanno entro il termine della mattinata). L organizzazione di convegni annuali è una consuetudine di tutte le associazioni musicologiche nazionali (per non parlare del congresso dell International Musicological Society, che si tiene ogni cinque anni in un diverso paese del mondo). Ogni anno, perlopiù nel mese di ottobre, la Società Italiana di Musicologia organizza un congresso ove è prevista - oltre all assemblea ordinaria dei propri soci - un articolata serie di comunicazioni e relazioni tenute da studiosi italiani e stranieri disposte su doppia sessione quotidiana (vale a dire in sedute parallele), di argomento assai libero all interno dello scibile musicologico, raggruppate talora in sessioni a tema. Le relazioni, come ogni anno, sono state scelte tra un ampia rosa di proposte a seguito di concorso libero, tramite presentazione di abstract. Le sessioni si terranno parallelamente nell Auditorium e nella sala Paganini (aula 19) del Conservatorio, e saranno aperte alle ore 14,30 da un concerto di benvenuto presso il nostro Conservatorio e dagli indirizzi di saluto di Guido Salvetti, presidente della Società Italiana di Musicologia e di Patrizia Conti, direttore del Conservatorio Paganini di Genova. Come ogni anno, i temi delle relazioni sono tanto vari quanto interessanti: essi spaziano dal secolo XV fino al XX, attraverso fonti, metodologie, prospettive storiche e analitiche differenziate, da Palestrina a Schaeffer e Scelsi, dalla cantata del Seicento alla musica risorgimentale e al melodramma, dalla segue a pag. 24 2

3 ilcmn Il Programma del Convegno Venerdì 21 ottobre AUDITORIUM, ore 14,30 Concerto di benvenuto - Saluti di Guido Salvetti (Presidente Società Italiana di Musicologia) e Patrizia Conti (Direttore Conservatorio N.Paganini AUDITORIUM, ore 15,30 - Presiede Agostino Ziino Francesco Rocco Rossi, «Faugues? Chi era costui?»: sulle tracce di un musicista franco-fiammingo del Quattrocento Paola Ronchetti, La musica come elemento di celebrazione e glorificazione di santi e di eroi: la Battaglia di Lepanto in due madrigali di Giovanni Pierluigi da Palestrina Peter Poulos, Victoria a Genova: modelli e influenza Lars Berglund, The motets of Bonifazio Graziani and the new delicate style Luca Della Libera - José Maria Dominguez, Una nuova preziosa fonte archivistica per la vita musicale romana dell ultimo Seicento: Memorie, Giornali ed Avvisi del Fondo Bolognetti Michela Berti, La vita musicale a S. Luigi de Francesi a Roma nel XVIII secolo. Primi risultati, nuove prospettive di ricerca SALA PAGANINI, ore 15,30 - Presiede Francesca Seller Alberto Mammarella, Varietas e reminiscenze cacciniane nel Prato di Sacri fiori musicali (1612) di Antonio Brunelli Carrie Churnside, Text-Music Relations in Early Settecento Oratorio Mariacarla De Giorgi, Dramma pastorale, opera seria e Arcadia tra valori estetico-culturali e ideali politici nella composizione femminile mitteleuropea del Settecento Armando Fabio Ivaldi, Il Montezuma berlinese del 1755: inizio e fine di una Berliner-Blaue Legende Paolo Mechelli, Dal cantiere Don Giovanni a Firenze: la ricezione all inizio dell Ottocento Mariateresa Dellaborra, Saverio Mercadante teorico e didatta per il flauto. Le integrazioni alla Nouvelle méthode pour la flute di François Devienne Sabato 22 ottobre AUDITORIUM, ore 9,30 - Presiede Teresa M. Gialdroni Tiziana Affortunato, La circolazione della cantata da camera italiana in Europa in una prospettiva interdisciplinare Giulia Giovani, «Ecco a Vostra Signoria quello che si è risoluto». Sulla genesi delle cantate opera I di Giacomo Antonio Perti Chiara Pelliccia, Amor, di che tu vuoi / ch ora io favelli? Una cantata con violoncello di Giovanni Lorenzo Lulier e la tradizione romana Antonio Caroccia, Inedite fonti napoletane per le scene genovesi Berthold Over, Emanuele d Astorga e il Marchese Ruspoli. Nuove scoperte Giacomo Sciommeri, Carlo Francesco Cesarini: nuove fonti biografiche e cantatistiche SALA PAGANINI, ore 9,30 - Presiede Andrea Estero Daniele Carnini, L età rossiniana e il problema della periodizzazione Manuela Rita, Il brouillon d orchestre di Roma (1912): un concept sketch di Jules Massenet? Luigi Verdi, Vocabolario tematico delle ultime sonate di Aleksander Skrjabin Isabella Abbonizio, Il coinvolgimento dei compositori italiani nella propaganda per l impero fascista: il caso di Adriano Lualdi e Alfredo Casella Nicola Bizzaro, Lo statuto semantico dell oggetto sonoro nella musica concreta di Pierre Schaeffer: il concetto di pseudo-strumento e la dialettica forma/materia Sandro Marrocu, Nastri, partiture e tecniche di notazione nella musica di Giacinto Scelsi Domenica 23 ottobre AUDITORIUM, ore 9,30 - Presiede Marco Gozzi Claudio Bacciagaluppi, Gli inventari del 1660 e del 1722 nell archivio del Musikkollegium Winterthur Marina Vaccarini, Traduzione e tradizione di alcuni testimoni conservati nel fondo Villa della Biblioteca del Conservatorio di Milano Sara Navarro, Il gusto artistico di Carlo IV analizzato attraverso gli inventari di musica inviati da Roma alla corte di Spagna Teresa Chirico, Cembali all ottava bassa. Il registro di 16 nella cembalaria italiana Angela Fiore, La Cappella di Santa Cecilia dei Musici di Palazzo di Napoli. Nuove acquisizioni SALA PAGANINI, ore 9,30 - Presiede Francesco Passadore Daniele Tonini, Il Flauto, «eco fedele dell anima umana». Suono, tecnica ed espressione nei ritrovati testi originali dei Sechs und Zwanzig Uebungen für die Flöte op.107 di Anton Bernhard Fürstenau [Lipsia, 1835] Alceste Innocenzi, Il ruolo delle società filarmoniche nella cultura musicale all indomani dell Unità d Italia Donato Sansone, Congiunta è l Italia: 4 cori patriottici di Lucio Campiani ( ) Gaetano Stella, Una nuova testimonianza analitica nel secondo Ottocento italiano: la Illustrazione della sinfonia storica L Arno di Salvatore Surdi Daniela Gangale, Presenza della musica nelle riviste letterarie della prima metà del Novecento 3

4 Dal 26 al 28 ottobre il grande violinista al Paganini Cristiano Rossi, il segreto del successo: natura e tanto studio Nei giorni 26, 27 e 28 ottobre il violinista Cristiano Rossi terrà una masterclass in Conservatorio al termine della quale offrirà un concerto in duo con il pianista e docente dell Istituto Marco Vincenzi. Abbiamo posto al M Rossi alcune domande sulla didattica e sulle sue esperienze di insegnante oltre che di raffinato artista. - La sua biografia racconta di precocissimo violinista. Quali devono essere, a suo giudizio, le giuste proporzioni fra tecnica, talento, sensibilità e cultura musicale? Prima di tutto sono fondamentali le doti naturali: il principiante che già mostra di avere l orecchio assoluto, mani agili, fantasia. Qualità che si manifestano dai quattro/cinque anni. Ma la natura va supportata con la tecnica. Non di rado capita di incontrare ragazzi dotati ma carenti nel bagaglio tecnico (penso ai vari metodi Sevcik). Mentre una tecnica respirata fin da piccoli riporta il suonare alla sua naturalità. - A quali grandi modelli si è ispirato a inizio carriera e quali indicherebbe a un giovane che inizia oggi il suo percorso musicale? Un nome per primo: Nathan Milstein. A seguire Kogan, il Gulli giovane. E poi, per i giovani di oggi indicherei Perlman, Kremer e Repin - Che cosa rendeva Milstein il suo idolo? Cosa faceva la differenza? Direi la fantasia di interprete. Era persona culturalmente impegnata. Non un funambolo alla Ricci. Ojstrach, ad esempio, aveva un interpretazione chiara e semplice, violinismo purissimo. Anche Milstein aveva lo stesso fascino; nel suo caso legato al modo di interpretare: la fantasia, appunto. - Lei ha ottenuto senza dubbio tutto ciò a cui un violinista potrebbe aspirare. Come mai, a un tratto, ha deciso di dedicarsi alla didattica? In realtà ho iniziato a insegnare molto presto, a ventun anni. Ho iniziato a insegnare a Pesaro, poi ho avuto la cattedra a Firenze dove ho insegnato per diciannove anni. All epoca le masterclass erano poche. Gradatamente ho aumentato il tempo dedicato alla didattica perché mi appassiona molto e in questi anni ho scoperto molti ragazzi davvero in gamba. Nei miei corsi amo il lavoro in profondità e coltivare le specificità di ogni allievo. - In che cosa si è modificato l approccio dei ragazzi allo strumento rispetto ai tempi in cui ha iniziato Lei? La differenza fondamentale sta nel fatto che oggi l istruzione è diventata di massa. Molti ragazzi optano per il doppio binario scuola/strumento, rimandando la scelta definitiva. Anni fa non succedeva e ora crea spesso problemi. Mi riferisco alla tendenza di arrivare fino al diploma di maturità e insieme studiare uno strumento in Conservatorio. In certi casi è possibile conciliare i ritmi imposti dalla scuola superiore. Molto meno - ad esempio - per uno strumento ad arco, dove sono necessarie almeno sei ore di applicazione giornaliera. Negli anni 60/70 noi ragazzi che studiavamo uno strumento eravamo pochi, ma tutti siamo arrivati in fondo perché era avvenuta una pre-selezione naturale. Oggi prevale l idea del vediamo un po se. E non credo funzioni. - Dunque, la musica come scelta senza compromessi, esclusiva Solo se fin da giovanissimi si ha la consapevolezza delle proprie possibilità. - Secondo Lei quali sono le odierne prospettive professionali per gli studenti dei conservatori italiani? Alla luce dei tanti posti di lavoro tagliati, direi minori rispetto a molti altri Paesi. Anche per chi è bravo la situazione è durissima. - Il M Accardo, su La Repubblica dell 11 settembre scorso, alla domanda di un giornalista «Se fosse un giovane violinista sarebbe un cervello in fuga?», ha risposto: «Sicuramente, perché non c è la possibilità di restare. In Italia sono state chiuse più di cento istituzioni concertistiche». Concordo. In Germania (dove, tra l altro, un mio allievo si recherà a studiare avendo concluso diploma e maturità) la situazione è diversa: sono attive ben 600 orchestre, sempre più ragazzi si sacrificano a studiare il tedesco per procurarsi opportunità migliori. Sembra essere tornati un po agli anni 50, quando emigravamo in Francia o Svizzera magari come clandestini - Durante lo scorso anno accademico ha tenuto una sessione di perfezionamento per parlare di repertorio violinistico del 900. Quale è stata la reazione delle nuove leve affrontando questo periodo, inevitabilmente il meno esplorato dalle esecuzioni correnti? Sono ormai due anni che realizzo questo progetto presso l Accademia Filarmonica di Bologna: un corso di dieci incontri annuali, il cui ciclo si conclude - appunto - questo ottobre. La reazione è stata positiva. Ho trovato ragazzi di buon livello, anche perché chi fa questa esperienza è un tipo di studente già for- 4

5 ilcmn mato. Parlare di repertorio ora è più facile che alla metà del secolo scorso. È un impegno stimolante e difficile, che impone maggiore approfondimento rispetto alle ormai acquisite composizioni dell 800. Dal punto di vista tecnico, un lavoro completamente diverso: sarebbe impossibile - ad esempio - applicare le stesse diteggiature di un brano di Mendelssohn a opere novecentesche di notevole interesse, quali quelle di Shostakovich, Prokof ev o Schnittke. - Come sarà impostato il corso che terrà nel nostro Conservatorio dal 26 al 28 ottobre? Alcuni dettagli devono ancora essere concordati con i docenti, ma penso che sarà a tema libero per favorire la partecipazione di un buon numero di studenti. Federica Pellizzetti Il concerto Conservatorio, Salone - 28 ottobre, ore 17,30 Cristiano Rossi, violino Marco Vincenzi, pianoforte I. Pizzetti ( ) Tre Canti (1924) E. Wolf-Ferrari ( ) Sonata n. 2 in la min. op. 10 (1901) F. Busoni ( ) Sonata n. 2 in mi min. op. 36 a (1898) Un ritratto dietro le quinte Nel 1990 la Dynamic (per la quale avevo già registrato un CD) mi contattò per sentire se fossi stato disponibile a incidere le tre Sonate per violino e pianoforte di Wolf-Ferrari, da inserire nel catalogo di first recordings su cui la casa discografica genovese puntava molto in quegli anni. In realtà, però, la speranza del successo del nuovo CD non era affidata al nome del compositore veneziano, bensì a quello del violinista accuratamente scelto per la registrazione. Cristiano Rossi era nel pieno della carriera, ma - a differenza di altri suoi colleghi intellettualmente meno curiosi di lui - si dimostrava sempre interessato a riscoprire musica insolita, quando ne valeva la pena. Ci trovammo nello studio della Dynamic, al Righi, perché Cristiano aveva dato la sua disponibilità, ma voleva verificare dal vivo le Sonate (e forse anche il pianista ). Passammo la giornata a leggere due lavori stampati e un autografo (reso leggibile dalla pazienza e dalla perizia di copista di mia moglie): fino da quella volta, mi colpì il rigore professionale di un grande violinista, che avrebbe potuto tirare via su pagine che nessuno conosceva e invece le affrontava con la stessa serietà con cui - in seguito - gli avrei visto affrontare Beethoven e Brahms. Alla fine decise che il gioco valeva la candela e iniziammo a lavorare assieme per arrivare alla registrazione, che destò consensi al punto da farci trasformare il dilavato manoscritto della terza Sonata in una meticolosa revisione critica per un editore tedesco. Dopo Wolf-Ferrari venne Busoni, ancora per la Dynamic: da allora cominciammo a suonare in duo con crescente frequenza, praticando insieme gran parte del repertorio per violino e pianoforte, da Mozart all integrale delle Sonate di Beethoven fino al Novecento. L anno scorso abbiamo festeggiato il nostro ventennale: ormai siamo molto amici, ma questo non mi impedisce di provare la stessa ammirazione dei primi tempi per quello che considero una specie di fratello maggiore. Mi colpisce ancora la sua umiltà nei confronti della musica: ogni volta che abbiamo un concerto, Cristiano preferisce che ci vediamo qualche giorno prima per riassestare gli equilibri, anche se si tratta di brani che abbiamo eseguito insieme decine di volte. Ogni volta si riparte, facendo in modo che l esperienza già consolidata su quel pezzo possa generare idee nuove; niente è dato per scontato, a partire dai volumi degli strumenti, dalle sfumature di tempo e da quelle di colore. Mi capita di suonare anche con altri violinisti: se proprio non è la prima volta che ci si trova, la maggior parte di questi (e si tratta in genere di musicisti di prestigio) mi chiede di vederci direttamente in sala il giorno del concerto. Naturalmente, la qualità cameristica è diversa: il lavoro minuzioso (e - oserei dire - amorevole) ripaga diversamente dal semplice ripasso di due professionisti. Mi vengono in mente le parole di Wladimir Vogel, un allievo di composizione di Busoni, che parlava dell inconfondibile eticità del suo maestro di fronte alla musica: questa eticità la ritrovo tutta in Cristiano. Detto questo, è evidente che la scelta dei colleghi di violino di affidare una masterclass a Cristiano mi rende particolarmente felice. Alcuni anni fa ne tenemmo una sulle Sonate per duo al Conservatorio di Alessandria: in quell occasione, ebbi modo di vedere il metodo d insegnamento del mio amico. Cristiano fa eseguire un intero movimento, poi passa a isolare gli eventuali problemi tecnici, imbracciando di continuo il suo strumento e suggerendo colpi d arco, diteggiature e posizioni; parallelamente, tiene d occhio la qualità del suono e l insieme col pianoforte. Ho visto diversi allievi pianisti beneficiare in maniera inaspettata di alcuni consigli di un violinista sul fraseggio o sul legato alla tastiera. Con gli allievi di violino ogni dettaglio viene smontato e rimontato, guardando sempre alla naturalezza del gesto e al risultato musicale. D altra parte, Cristiano Rossi è ancora oggi l esponente più illustre di una grande scuola di violino, quella di Sandro Materassi, che fu anche uno degli interpreti più vicini a Dallapiccola, con cui formava un duo caratterizzato dall intelligenza delle scelte di repertorio. Materassi non era soltanto un violinista e un didatta di prim ordine, ma anche un musicista coraggioso, che si metteva in gioco personalmente con la produzione contemporanea. In questo, il suo allievo più eminente ha raccolto il testimone, trasmettendo a sua volta lo stesso messaggio alle nuove generazioni. I violinisti che si sono realmente formati con Cristiano Rossi non hanno preclusioni di repertorio e sono attrezzati per mettere in piedi ogni genere di programma. Non aggiungo niente sul carattere, perché credo che Cristiano sia conosciuto nel nostro difficile ambiente anche per la sua immediatezza e la sua semplicità ( e poi perché sono chiaramente di parte). Sono convinto che i partecipanti alla sua masterclass vivranno una bellissima esperienza musicale e umana. Marco Vincenzi 5

6 Sarà inaugurato nella Biblioteca del Conservatorio il 20 ottobre Un Fondo Musicale per Edoardo Sanguineti «Personalmente cerco di combattere la mitologia del poeta, l idea di essere in possesso di virtù misteriose. Per me è naturalmente l aspetto fondamentale del mio lavoro. Non posso dire che sia quello in cui riesco a dare il meglio di me: certamente è il campo in cui m impegno maggiormente. D altra parte non condivido l idea del poeta puro, lavoro ad ampio raggio e mi piace farlo su commissione. Ho iniziato come molti scrivendo qualche poesia. Poi ho composto testi critici per mostre di amici pittori. A un certo momento ho sostituito l articolo a versi e l idea è piaciuta. L occasione, dico sempre, fa l uomo scrittore». (Edoardo Sanguineti) Ci sono due diverse tipologie nel rapporto fra un poeta e un musicista. La prima si ha quando si scrive un testo per un compositore. Allora occorre trovare un accordo e questo può risultare immediato o richiedere discussioni. L altro caso invece si ha quando si scrive un pezzo senza pensare che possa essere musicato. Se un musicista, poi, lo sceglie, ha lui tutto in mano. Ho un idea servile della parola nei confronti della musica. Se un musicista tratta le mie parole in modo che siano riconoscibili, bene. Ma se le usa come pretesto e le riduce a singoli suoni non mi sento turbato. Raccontava così, Edoardo Sanguineti, i suoi rapporti con i musicisti. L illustre poeta genovese, scomparso nella primavera dello scorso anno, è stato probabilmente il letterato italiano del nostro tempo più vicino al mondo musicale. Il catalogo dei compositori che nell arco di circa cinquant anni hanno collaborato con lui è davvero fitto. Si possono citare Berio, Globokar, Corghi, Manzoni, Morricone, Scodanibbio, Cattaneo, Liberovici senior e junior, Damerini, Lombardi, Razzi, Pastorelli. Il prossimo 20 ottobre, in occasione del XVIII Convegno annuale della Società Italiana di Musicologia di cui si parla in altra parte di questo giornale, nella Biblioteca del nostro Istituto sarà aperto ufficialmente il Fondo musicale Sanguineti. In passato Genova si è fatta sfuggire fondi di illustri personalità: i manoscritti di Paganini sono a Roma, l archivio di Luigi Cortese è finito a Venezia, i materiali di De Andrè sono custoditi a Siena. Per Sanguineti ci si è per fortuna mossi a tempo. Il suo imponente patrimonio bibliografico sarà presto a disposizione degli studiosi presso la Biblioteca Universitaria, mentre l Archivio del Paganini costituirà la testimonianza del suo secondo mestiere (quello di autore per musica), rubando una definizione a suo tempo coniata per ricordare l attività di critico musicale di Eugenio Montale. Nei mesi scorsi, dunque, si è chiesto a numerosi compositori di donare alla Biblioteca le loro opere ispirate a Sanguineti. Al momento sono arrivate in omaggio al Paganini partiture di Basevi (Sing Sang), Corghi (Promenade dans l ile de la liberté), Damerini (Due liriche di Edoardo Sanguineti), Gervasoni (Quattro voci), Globokar (Traumdeutung), Lombardi (Lucrezio), Morricone (Flash), Pastorelli (Nodi), Taglietti (Canzone del carpentiere Duplay), Tesei (Il piccolo Sanguineti) che si aggiungono a quel che già era custodito di Berio (Passaggio). Il Fondo è tuttavia destinato ad ampliarsi in quanto altri musicisti hanno assicurato a breve l invio delle loro opere, da Cattaneo a Scodanibbio, da Ambrosini a Razzi. Il Fondo accoglierà anche pubblicazioni e documenti audio e video. Appassionato musicofilo sin da giovane, nipote di un musicologo (Luigi Cocchi), Edoardo Sanguineti ha iniziato a lavorare nel mondo della musica negli anni Sessanta quando ebbe il primo incontro con Luciano Berio (Passaggio, 1963). La collaborazione con Berio è durata fino al 2004 (Stanze) e ha prodotto lavori dell importanza di Laborintus II (1965) e Canticum Novissimi testamenti I e II (1989). Ma sin dagli anni Sessanta Sanguineti è stato corteggiato da altri artisti a cominciare da Vinko Globokar con cui nel 1967 ha prodotto Traumdeutung. Da lì una lunga sequela di nomi, alcuni giù celebrati e autorevoli, altri giovani, quasi esordienti: Sanguineti, generoso e aperto a esperienze diverse, non si negava mai, quando era troppo impegnato per accettare un nuovo lavoro lasciava al musicista l incarico di scegliersi i versi che riteneva adatti fra quelli già scritti. Sanguineti amava Verdi, provava poca simpatia per Puccini, gli piaceva il Nerone di Boito, e, naturalmente, il teatro espressionista, Schoenberg e molto Novecento:... un punto di riferimento, nella mia formazione giovanile, proprio dal punto di vista letterario - ha dichiarato - era la ricerca dodecafonica come modello di rigore compositivo, che aspiravo a trasportare appunto sul terreno della letteratura. Roberto Iovino Il concerto Il 20, alle ore 17,30, in occasione della inaugurazione del Fondo, avrà luogo un concerto incentrato su alcune delle partiture donate alla Biblioteca. Il programma prevede l esecuzione di pagine di Corghi (... Promenade dans l ile de la liberte per voce e gruppo strumentale), Morricone (Flash, per quartetto vocale), Damerini (Due liriche di Edoardo Sanguineti per canto e pianoforte) e Tesei (Il piccolo Sanguineti per pianoforte), alternate a letture di testi di Sanguineti. Interpreti saranno allievi dell Istituto musicale con la partecipazione di docenti (Lorenza Codignola, Massimo Lauricella e Massimiliano Damerini) e di artisti ospiti (il soprano Laura Catrani e il Ring Around Quartet: Vera Marenco, soprano, Manuela Litro, alto, Umberto Bartolini, tenore, Alberto Longhi, baritono). 6

7 ilcmn Suona francese, Suona italiano I giovani si incontrano sul Novecento È una gran bella occasione il festival Suona francese, giunto quest anno alla quarta edizione, promosso dall Ambasciata di Francia in Italia, in collaborazione con varie istituzioni, tra le quali il Conservatorio Paganini. Il nostro Conservatorio ha partecipato all edizione 2011 con un concerto tenutosi presso il Salone dei Concerti lunedi 23 maggio. Il sottoscritto si è occupato personalmente della scelta dei brani in programma, eseguiti da un nutrito gruppo di allievi ed ex-allievi del nostro Conservatorio, con la partecipazione di due allieve dei Conservatori di Aix-en-Provence e Nizza, rispettivamente la flautista Charlotte Scohy e la violoncellista Marie Viard. I partecipanti genovesi erano: Chiara Bisso (soprano), Jessica Bozzo e Luca Sciri (clarinetti), Enea Polliotto (sax), Damiano Baroni e Lana Gasparyan (violino), Roberta Tumminello (viola), Caterina Bevegni (arpa), Dario Bonuccelli, Anita Frumento e Valentina Messa (pianoforti). Il programma comprendeva musiche di: Messiaen, Desenclos, Una preziosa donazione all Istituto Un flauto antico al Paganini Una recente donazione al nostro Conservatorio (e la nostra gratitudine va al donatore Alessandro Raffele) ci ha lasciato uno strumento interessante. Si tratta di un flauto traverso dei primi anni del secolo scorso costruito da Edoardo Sioli a Milano. Proprio in questa città, dopo la soppressione delle corporazioni d arti e mestieri nel 1787 (che regolava rigidamente le attività artigianali compresa la costruzione di strumenti a fiato) ci fu un notevole fiorire di costruttori di strumenti musicali a fiato come Ubaldo Luvoni, Carlo Bernardi, Pietro Piana, Francesco e Agostino Rampone, Primo Egidio Forni per citare i più noti. Lo strumento che ora si conserva al Paganini è frutto di una tradizione costruttiva che affonda le radici ancora nel Settecento, uno strumento in do, in legno di ebano con 6 fori aperti e 10 chiavi chiuse, con una cameratura interna cilindrica e con posizioni diatoniche del tutto identiche al flauto traverso barocco. La testata (divisa in due) presenta la pompa di intonazione ed è internamente incamiciata, ovvero la cameratura interna è foderata da metallo, che ovviamente ha causato delle crepe nel legno. Le chiavi servivano semplicemente ad agevolare alcuni trilli e rendere più precisi alcuni intervalli. Edoardo Sioli cominciò la sua attività a Milano in Via Pontaccio 1 nel 1904, marchiando i suoi strumenti E. Sioli / Milano fino al Successivamente le denominazioni cambiarono in Sioli e C. (dal 1925 al 1936), in Fusari e Orsi, propr. Ditta Sioli (dal 1939 al 1945), in Sioli (ditta) di Fusari e Orsi (dal 1946 al Berio, Dallapiccola, Donatoni, Contilli. A parte i primi due brani in duo, già preparati dai rispettivi esecutori, tutti gli altri hanno avuto necessità di un serio lavoro preparatorio d insieme. Sappiamo tutti quanto la musica contemporanea, o anche solo quella del Novecento storico, sia stata (e sia tuttora) assente dai programmi conservatoriali. Le difficoltà di grafia, di interpretazione, le nuove tecniche strumentali, le differenze di colore e di dinamica, i piani sonori, tutti questi argomenti sono stati oggetto di lavoro approfondito per circa una settimana, durante la quale i ragazzi hanno vissuto un esperienza insolita e stimolante. Vedere nascere esecuzioni "sensate" e logiche da partiture apparentemente sibilline non è cosa di tutti i giorni. Lavorando intensamente con un gruppo di ragazzi meravigliosi, il risultato non si è fatto attendere. Speriamo in altre esperienze simili nel prossimo futuro. Intanto prepariamo la risposta (Suona italiano) che vedrà la partecipazione di alcuni di noi al concerto che si terrà al Conservatorio di Nizza il 19 ottobre. Il programma comprenderà, pagine di Berio e inoltre di Corghi e di chi scrive su testi di Sanguineti. Interpreti saranno gli studenti dell Ensemble di musica contemporanea diretto da Massimo Lauricella, la cantante Laura Catrani e il sottoscritto al pianoforte. Massimiliano Damerini 1948) e infine in Sioli (ditta) dal 1949 al Fu proprio questo modello di strumento, diffusissimo in Europa fino almeno alla prima guerra mondiale, che tenne testa al flauto Boehm rallentandone la sua diffusione. Il passaggio da uno strumento all altro specialmente in Italia fu molto lento, molti tra i più quotati flautisti rimasero legati al flauto vecchio sistema, poiché la loro credibilità e tecnica flautistica poteva venir meno dovendo mettersi nuovamente in gioco su uno strumento molto diverso. Alcuni continuarono a suonare il flauto vecchio sistema pur insegnando ai loro allievi il flauto Boehm. Una volta scomparso dall uso dei professionisti, il vecchio flauto rimase legato alle bande almeno fino alla seconda guerra mondiale, per finire poi nel dimenticatoio proprio mentre il traversiere barocco veniva già da alcuni anni riutilizzato in Inghilterra e Olanda assieme al flauto dolce dando il via al movimento della cosiddetta Musica Antica. Lo strumento, che necessita di un restauro funzionale, potrebbe offrire agli allievi dei corsi di flauto traverso la possibilità di conoscere direttamente lo strumento che ha convissuto per così tanti anni con il flauto Boehm, valorizzando ancor più la storicità che non possiamo trascurare, soprattutto quando il repertorio si interseca fittamente con lo strumento per cui è scritto. Proprio questo spirito di conoscenza ha portato ad organizzare in Primavera un seminario da me tenuto sull evoluzione del flauto traverso dalla traversa rinascimentale fino al flauto Ziegler, seminario che ha coinvolto con interesse gli allievi delle classi di flauto traverso. Parallelamente si sono svolte lezioni pratiche di prassi esecutiva dal barocco al classicismo che sono convogliate nella masterclass del M Gordon Murray. Manuel Staropoli 7

8 L Orchestra Nazionale dei Conservatori a Parigi Un opportunità mancata? In concomitanza con l uscita nelle sale francesi di Habemus Papam, Nanni Moretti è tornato in palcoscenico con uno spettacolo che ha ripercorso i momenti salienti della sua carriera cinematografica. E lo ha fatto, il 10 settembre a Parigi, sul palco del Théâtre de Bobigny, accompagnato dalle esecuzioni dell Orchestra Nazionale dei Conservatori diretta da Franco Piersanti. Dopo lo straordinario successo ottenuto nella sala parigina, lo spettacolo è stato replicato, questa volta a Roma, nella sala Santa Cecilia del Parco della Musica, lo scorso 24 settembre. L Orchestra Nazionale dei Conservatori è stata recentemente impegnata anche in altri concerti, come quello al Quirinale il 23 settembre scorso, alla presenza del Presidente della Repubblica in occasione della manifestazione Tutti a Scuola, e si appresta a partire per un lunga tournée in Cina e Corea, dal prossimo 18 ottobre sino al 2 novembre. Un attività intensa, dunque, a cui gli studenti selezionati (per il Conservatorio di Genova, i due violinisti Lana Gasparian e Filippo Laneri) partecipano con grande entusiasmo e che riescono, proprio grazie al loro entusiasmo, a farci dimenticare ogni volta le tante perplessità sull effettiva validità del progetto, o meglio sulla conduzione del progetto e sulla reale volontà di perseguire gli obiettivi individuati. L Orchestra Nazionale dei Conservatori fu costituita nel 2008, nell ambito dell Associazione per lo Sviluppo e la Promozione AFAM, attraverso una selezione dei migliori allievi delle istituzioni musicali italiane con l obiettivo sia di offrire agli studenti un opportunità di ulteriore formazione attraverso periodi di studio con direttori ospiti ed un direttore principale ( di perfezionamento e di eccellenza formativa ), sia di rappresentare, in Italia e all estero, la qualità del sistema musicale italiano. Il Conservatorio di Genova è fra i soci fondatori dell Associazione, ha partecipato coi propri allievi alle due selezioni del 2008 e del 2010, ha sempre lasciato che gli studenti partecipassero agli eventi organizzati eppure, sin dal principio, continua a non essere pienamente soddisfatto e a rammaricarsi di quella che potrebbe definirsi un occasione mancata. Ma perché? Perché, di fatto, questa Orchestra non ha mai avuto una vera e propria programmazione ragionata, perché ha svolto la sua attività in modo casuale, perché ha rincorso gli eventi o le occasioni, perché ha finalizzato il lavoro esclusivamente alla produzione, perché si è trovata ad eseguire repertori che, fatte alcune rare eccezioni, davvero poco potevano contribuire al perfezionamento di questi giovani musicisti e, non ultimo, perché si è inconsapevolmente trovata a vestire i panni, antipatici, dell orchestra competitiva in quanto gratuita. Queste stesse perplessità sono condivise con numerosi altri conservatori partecipanti che anch essi, come noi, continuano nonostante tutto a non voler spegnere il sorriso entusiastico dei ragazzi in partenza per i loro concerti e attendono quindi il rinnovo dei Comitati Direttivo e Artistico dell Associazione (rinnovo previsto per statuto e rimandato ormai da oltre un anno) con l auspicio che, dopo questo primo periodo sperimentale, il progetto dell orchestra Nazionale dei Conservatori possa finalmente svilupparsi come merita. Patrizia Conti WWM II un progetto europeo per i giovani diplomati Working with Music è un progetto nato per offrire a musicisti in possesso del titolo di diploma o di diploma accademico di I o di II livello la possibilità di verificare e rinforzare le proprie competenze e di confrontarsi in contesti professionali attraverso periodi di tirocinio, presso imprese e istituzioni europee, finanziati con borse di studio nell ambito del Programma settoriale Leonardo da Vinci - Azione mobilità, a sua volta parte del Programma per l Apprendimento Permanente , istituito con Decisione del (n. 1720/2006/CE). Dopo la prima edizione 2010/2011, a cui hanno partecipato i Conservatori di Frosinone, L Aquila e Trieste, un secondo progetto (WWM2-2011/12) è stato presentato alla commissione europea da una rete più ampia costituita anche dai Conservatori di Genova e di Torino e dall Istituto Musicale Pareggiato di Livorno: il WWM2 è stato segnalato dalla commissione esaminatrice come il progetto più efficace dal punto di vista dell obiettivo lavoro ed è stato perciò selezionato fra i progetti meritevoli del finanziamento della comunità europea. Il progetto ha dunque preso avvio nel mese di settembre con la pubblicazione del nuovo bando attraverso il quale saranno selezionati diplomati dei Conservatori di Musica di Frosinone, Genova, L Aquila, Torino, Trieste e dell Istituto Superiore di Studi Musicali di Livorno che potranno svolgere il loro tirocinio nel corso del Per conoscere il progetto, le sue finalità e le sue modalità di realizzazione, o per conoscere l esperienza già svolta dai 19 vincitori della prima edizione, è disponibile il sito web del progetto (a cui si può accedere anche dai siti dei Conservatori impegnati nel progetto) da cui sono anche scaricabili la guida per i candidati, la modulistica, l elenco delle sedi disponibili (che potrà essere ampliata nel corso del progetto) e persino il kit della sopravvivenza, per aiutare i musicisti vincitori ad avere la meglio sugli aspetti burocratici del tirocinio! 8

9 ilcmn Nella suggestiva cornice del Museo Chiossone Il Giappone in musica In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio (ideate nel 1991 dal Consiglio Europeo per potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra i paesi europei) si è svolto domenica 25 settembre un affascinante concerto dedicato al Giappone presso il Museo d arte orientale E.Chiossone. L appuntamento musicale è frutto di una stretta collaborazione creatasi in questi anni tra il Conservatorio Paganini e il Museo di Villetta Dinegro, il quale ospita ormai da diversi anni i concerti di primavera nell ambito della manifestazione Antichi Cortili. Dario Bonuccelli, Fumi Washio (pianoforte), Damiano Baroni (violino), Hermes Rendina (xilofono) e Yeva Kurganova (soprano) si sono esibiti con un ricco e inconsueto programma tutto a tema, attorniati da preziosi reperti e statue orientali. Grazie alla bravura dei giovani esecutori e alla suggestiva e prestigiosa sala, musiche giapponesi e alcune pagine europee di ispirazione orientale hanno fatto viaggiare con il pensiero nella terra del sol levante un pubblico attento e numeroso. In apertura del programma una prima esecuzione italiana: la Suite per pianoforte in mi minore di Nubuya Monta, celebre compositore nonché oboista diplomatosi a Kyoto e perfezio- natosi a Londra. A seguire il concertino per xilofono e pianoforte di Toshiro Mayuzumi, vincitore del Suntory Music Award e compositore di numerose musiche da film; La principessa Mononoke di Joe Hisaishi, vincitore del Japanese Academy Award per la miglior colonna sonora per ben 4 anni. E per finire Tre liriche giapponesi di Igor Stravinskij (Akahito, Mazatsumi, Tsaraiuki). L incisore Edoardo Chiossone ( ) lavorò dal 1875 al 1891 come direttore dell Officina Carte e Valori del Ministero delle Finanze giapponese a Tokyo. Formò un importante collezione di circa quindicimila pezzi facilitato dall abbandono in quell epoca del sistema feudale giapponese, trasformazione che portò al dissesto finanziario di molte famiglie aristocratiche, che misero in vendita oggetti gelosamente custoditi da secoli, dei quali Chiossone fece incetta. L incisore lasciò nel suo testamento le collezioni alla città di Genova dove giunsero, in un centinaio di casse, nel I bellissimi reperti furono esposti dapprima nel Palazzo dell Accademia in Piazza De Ferrari, e dopo vari traslochi, trovarono posto definitivo nell attuale sede nella Villetta Dinegro in un edificio costruito appositamente. Il Museo riaprì i battenti il 7 maggio 1971 con un patrimonio incrementato dall acquisto del Comune di grandi sculture specie della Cina e del Siam. Carolina Pivetta Der Klang des Südens Un viaggio attraverso suoni, parole, musica 29 settembre gennaio 2012 Museo d Arte Contemporanea di Villa Croce Der Klang des Südens è un progetto che il Goethe-Institut Genua, in collaborazione con la Scuola di Musica Elettronica del Conservatorio di Musica Niccolò Paganini, ha avviato nel gennaio 2010 con la collaborazione di due città sedi del Goethe-Institut, Barcellona e Lisbona, nell ambito dell iniziativa del Goethe-Institut Un viaggio verso Sud. Der Klang des Südens consiste nella produzione di tre Hörspiele (radiodrammi) su testi originali scritti da autori tedeschi e musiche di giovani compositori con esperienza elettroacustica attivi presso il Conservatorio Niccolò Paganini di Genova, il Miso Music Portugal di Lisbona e la Escola Superior de Música de Catalunya (ESMUC) di Barcellona. Il tema del viaggio al Sud è stato sviluppato a partire dal paesaggio sonoro delle città coinvolte. Le scrittrici (Judith Kuckart per Barcellona, Nora Gomringer per Genova e Juli Zeh per Lisbona) hanno infatti scritto i loro testi ispirandosi esclusivamente alle suggestioni del paesaggio sonoro che è stato loro inviato. Una volta tradotti in catalano, italiano e portoghese, i tre testi sono stati registrati da attori professionisti, le cui voci, insieme al paesaggio sonoro, hanno costituito il materiale base su cui costruire la parte musicale dell Hörspiel. Quindi il suono che dal Sud aveva raggiunto la Germania, è ritornato sotto forma di testo per divenire nuovamente suono, musica. Il progetto Der Klang des Südens è coordinato da Roberta Canu, direttore del Goethe-Institut Genua, la supervisione artistica è di Roberto Doati. L Hörspiel. creato a Genova è La Lanterna. Genova speculativa. Il paesaggio sonoro genovese è stato costruito con i suoni che meglio caratterizzano la nostra cultura: il porto e il mare, il dialetto, le crêuze, la cucina, gli stretti caruggi, il trallalero, i particolari trasporti (funicolari e ascensori). E poiché la cultura genovese, nonostante l evidente predominanza del mare e dei suoi traffici, è una cultura di terra, le numerose ore di registrazioni sono state composte seguendo il viaggio che nei secoli i genovesi hanno compiuto dal monte al mare, dal Nord al Sud. La realizzazione ha visto la partecipazione di Giacomo Lepri, Irene Pacini, Michele Pizzi e Luca Serra per le musiche, di Silvia Beillard, Luca Criscuoli, Marta Gerosa e Federica Toti per la recitazione dei testi e di Ruth Heynen per la canzone in tedesco. Per la presentazione genovese del progetto, nel parco del Museo di Villa Croce sono stati creati tre percorsi sonori, ognuno dei quali è dedicato a uno dei tre Hörspiele. Contemporaneamente, il Sud è protagonista anche all interno del Museo, le cui sale ospitano una mostra con opere provenienti dalle collezioni del MACBA - Museo di Arte Contemporanea di Barcellona, del Museu do Chiado - Museo Nazionale di Arte Contemporanea di Lisbona e del Museo di Villa Croce. 9

10 Vent anni fa moriva Renato De Barbieri Severità e umanità di un grande Maestro Mi considero un romantico, forse l ultimo dei romantici. Mi sono accostato tutta la vita alla musica con umiltà, con amore, con grande rispetto. Lo aveva dichiarato Renato De Barbieri nel corso di una intervista rilasciata nel novembre del 1990 in occasione del suo settantesimo compleanno. L anno dopo, in ottobre, il grande violinista genovese (per tanti anni docente al Paganini ) si spense a Trento dove stava trascorrendo un breve periodo di riposo. Dal 1992 riposa nel Pantheon di Staglieno. Per ricordare il Maestro abbiamo chiesto una testimonianza a una sua illustre allieva, Maria Rosaria Fantini, docente di quartetto al Paganini dal 1977 al Avevo cinque anni quando cominciai a studiare il pianoforte e il mio maestro era il padre di Elisa Pegreffi, componente del famoso Quartetto Italiano. Abitavo davanti al loro palazzo e vedevo dalle finestre Paolo Borciani e sua moglie Elisa che studiavano molte ore al giorno, spesso camminando intorno alla stanza. A nove anni entrai in Conservatorio e non essendoci posti disponibili nelle classi di pianoforte fui dirottata nella classe di violino del Maestro De Barbieri. Al momento rimasi delusa ma l adattabilità e la curiosità dei bambini mi fece prendere interesse per quello strumento. Determinante fu la figura del mio maestro. Un giovane uomo che riusciva a far uscire da quel piccolo strumento una cascata di suoni, a volte acutissimi, che mi incantavano e più ancora mi colpiva la capacità di ottenere suoni lunghi vibrati che somigliavano moltissimo alla voce umana. Allora De Barbieri trentenne aveva una carica di energia e di passione per il suo lavoro del tutto eccezionali. Trascinatore, combattivo, non si arrendeva mai e pretendeva sempre il massimo dai suoi allievi. Ricordo un compagno che entrò nella nostra classe quando già aveva superato il sesto anno e studiava il concerto di Cajkovskij; non pochi erano i suggerimenti, gli incitamenti del maestro mentre l allievo eseguiva assieme al pianista il concerto e la sua voce riusciva sempre a superare i due strumenti. Contagiava tutti gli allievi col suo entusiasmo e pochissimi rimanevano passivi. Ma c era un prezzo da pagare: era estremamente esigente ed io, piccola bambina, spesso alle sue dure sgridate mi scioglievo in lacrime. Ma sapeva farsi perdonare perché davanti alle lacrime diventava tenero e paterno. Ci fu un periodo in cui la mia famiglia, per circostanze casuali, comperò un appartamento sotto la sua abitazione e vi andammo ad abitare. La mia libertà finì! Riusciva a sentirmi studiare dal suo appartamento o, peggio, non mi sentiva affatto e quindi, nel primo caso mi rimproverava per il modo scorretto di studiare, nel secondo mi urlava che dovevo sostenere l esame di quinto anno e dovevo impegnarmi molte più ore al giorno. Il risultato fu il superamento dell esame a pieni voti. Cambiai casa nei miei quindici anni e in quel periodo cominciai lo studio di Bach. Ricordo l estremo rispetto, quasi venerazione di De Barbieri per questo autore, il rigore stilistico che pretendeva e nel contempo non permetteva che fosse svuotato del valore espressivo. Quell anno mi propose per l esecuzione del concerto di Bach in mi maggiore con l orchestra degli studenti. Personalmente diresse e curò la realizzazione con grande fer- Elisabetta II in visita a Genova saluta Renato De Barbieri (1980) vore. La sua forte personalità era un esempio per noi studenti a non mollare di fronte alle difficoltà, specie dopo le esemplificazioni pratiche che spesso ci mostrava lasciandoci ammaliati. Intanto il mio percorso andava snodandosi fra autori sempre più impegnativi, ma mi sentivo sicura della mia guida. Tecnicamente il maestro era impositivo e non ammetteva scelte diverse da quelle decise da lui, ma con la maturità ho potuto capire che erano legate ad una logica: le diteggiature, così importanti per uno strumentista a corda, erano concepite non sempre per facilitare ma spesso per esaltare l espressività attraverso percorsi meno facili. L uso dell arco non era mai istintivo, ma sempre meditato e consapevolmente condotto, con spiegazioni dettagliate e specifiche. Circa l intonazione poi, che è il fondamento di tutta la tecnica dello strumento a corda, non era consentito lasciare spazio nemmeno al più piccolo errore, altrimenti si facevano i conti con la sua rumorosa indignazione. Così il vibrato,considerato da molti strumentisti fisiologicamente impostato, doveva essere invece controllato e adattato allo stile del brano e del periodo storico della composizione. Paganini era il suo cavallo di battaglia, molto amato e molto eseguito in concerto, specie i 24 Capricci. La sua facilità metteva in mostra tutte le risorse che gli appartenevano e studiarlo con lui era come avere qualcuno che per mano ti conduce verso la scalata dell Everest. Molti sono gli autori che insieme abbiamo affrontato: tutte esperienze diverse fra loro nel momento in cui si penetrava nell intimo della composizione attraverso la sua parola e i preziosissimi esempi che aprivano scenari ampi e a me sconosciuti. Attraverso un costante arricchimento, grazie alla sua dedizione di insegnante e grazie anche alla sua severità, sono arrivata al traguardo del diploma, ma sapevo che il mio percorso non era terminato. De Barbieri è stato anche insegnante all Accademia Mozarteum di Salisburgo, dove per due stagioni estive frequentai il suo corso e l esperienza di vivere in un ambiente di musicisti di fama internazionale servì non poco alla mia formazione. Quando mi disse che a quel punto dovevo camminare da sola non fui contenta: mi sentii abbandonata, lasciata a me stessa. Soltanto dopo qualche anno capii che con quel gesto mi costrinse a una maggiore ricerca attraverso un analisi minuziosa, una più forte convinzione e consapevolezza circa le scelte musicali e interpretative. Di questo gliene sono ancora profondamente grata. Maria Rosaria Fantini 10

11 ilcmn Il 18 ottobre Concerto in Cattedrale a favore del Fondo Clotilde Rubiola Luigi Porro, compositore polifonia di linee musicali e di storie personali Il 18 ottobre (ore 18) la Cattedrale di San Lorenzo ospiterà un concerto organizzato per il trentennale del Fondo Terapia Tumori Clotilde Rubiola, nato appunto nel 1981 con lo scopo di potenziare i servizi di radioterapia oncologica degli Ospedali Galliera.Il Concerto coinvolgerà l Ensemble vocale e strumentale del Conservatorio diretto da Fabio Macelloni, con la partecipazione di Fabrizio Fancello, organista della Cattedrale ed ex allievo dell Istituto musicale. Il programma sarà un omaggio all arte di don Luigi Porro, indimenticabile sacerdote, musicista, didatta, fondatore del Coro Januensis, scomparso sei anni fa. Di lui verranno eseguiti la Missa VIII de Angelis, il Salmo CL, O salutaris hostia. Completerà il concerto una Fantasia di Banchieri per quintetto di ottoni. Addio Don Luigi Porro, cantore della gioiosità, titolava nel 2005 un giornale genovese, annunciando alla città la morte del grande Maestro. Ora che Il tempo s è compiuto, come sembra suggerirci il titolo di una sua bella e antica composizione, le sue musiche possono testimoniare con netta rilevanza tutto quello La nuova mediateca Finalmente arriva a conclusione il progetto denominato Paganini Medialab e WiFi. Il progetto è stato realizzato grazie ad un finanziamento e ad una convenzione con il Dipartimento per la digitalizzazione e l innovazione tecnologica del Governo Italiano, nell ambito della iniziativa AFAMwifi. Si tratta un progetto che potrebbe acquisire importanza strategica per definire alcune specificità della nostra Istituzione e che speriamo possa costituire una ulteriore possibilità di accesso al mondo del lavoro per gli studenti e favorire la crescita di nuove competenze professionali legate all Alta Formazione Artistica e Musicale. Il progetto si è articolato in diverse fasi: incremento della connettività mediante tecnologia Wireless (con copertura al 100%) a studenti, personale docente e non docente, eventuali ospiti della struttura, con la creazione di un Internet point (con pc dedicato presso la zona biblioteca) e di diverse zone Hot spot; creazione di un archivio (Mediateca) di articoli, registrazioni (al termine dei lavori di riversamento, nelle nostre intenzioni la mediateca sarà la memoria di tutto ciò che è stato registrato nel Ns Conservatorio), riversamenti digitali di dischi (inclusi i materiali già realizzati tramite borse di studio), digitalizzazione di documenti appartenenti al fondo antico della Biblioteca (sotto la supervisione e guida della Prof. Bongiovanni); elaborazione di soluzioni multimediali per archiviare, catalogare e che le parole non riescono a fare compiutamente. Senza voler essere esaustivi - ma con l idea di fornire spunti di riflessione e di ricerca - uno studio sulla scrittura corale di Luigi Porro, se non proprio un analisi complessiva dello stile, non può prescindere da un diretto confronto con la sua figura: una vera sintesi di umanità e di amore per il canto corale (cioè per il canto fatto insieme ) caratteristiche innate che lo avevano portato, per naturale predisposizione, a diventare formatore e didatta di valore. Ecco, proprio attraverso il suo profilo umano, potremmo capire meglio la sua arte compositiva, fatta di emozioni semplici e profonde a un tempo, di soluzioni musicali raffinate e mai cerebrali, di un uso della voce sapiente e calibrato, figlio della tradizione italiana di Perosi e Refice, ma più moderno e mai retorico, in più sensibile alle suggestioni europee - in particolare francesi - senza mai perdere di vista il riferimento imprescindibile al canto gregoriano. L opera corale di Porro è assai ricca. Scriveva per puro piacere, e l ingente mole di musica liturgica, in particolare di Messe - scritte per la Cattedrale di Genova - ne sono viva testimonianza. Senza dimenticare l eccezionale lavoro di elaborazione di brani di tradizione popolare - anche non strettamente connessi con la liturgia - e un continuo lavoro di trascrizione e adattamento allo strumento coro di tutto quello che gli suggeriva il suo istintivo e illuminato talento naturale. Un talento che espresse comunque il meglio di sé quando i testi da musicare potevano direttamente rispondere a scelte personali e non agli obblighi liturgici del maestro di cappella, consentendo così di liberare la sua grande fantasia, e mantenendo su livelli d eccellenza l originalità del linguaggio. Marco Bettuzzi documentare gli eventi (ad es. streaming live e in remoto, consultabile a posteriori dal sito web - documentazione di concerti ed eventi); realizzazione documentari che illustrino e valorizzino l attività artistica e di ricerca. A complemento dell attività produttiva, la mediateca-servizi di biblioteca, potrebbe diventare un punto di riferimento per lo scambio di esperienze didattiche ed artistiche. Abbiamo deciso (di concerto con la Direttrice ed il Direttore Amministrativo, che hanno supportato con grande impegno la progettazione e la realizzazione della convenzione) di non limitare lo svolgimento del progetto ad un mero ampliamento della rete wi-fi (la tecnologia senza contenuti rischia di restare fine a se stessa) ma di investire in formazione dedicata alla creazione/progettazione di contenuti e gestione diretta della Mediateca, affidando all attuale provider di servizi internet (Welcome Web) la gestione della rete Wifi. Dal punto di vista tecnologico il nostro Conservatorio dispone adesso di un Apple Mac OsX Server per la gestione della Mediateca, apparecchiature audiovisive professionali per la registrazione di concerti ed eventi, software professionali per la post-produzione di documenti multimediali. Per la realizzazione del progetto sono state assegnate borse di studio a sei studenti per la gestione di contenuti multimediali via Internet. Quando leggerete queste righe sarà disponibile tramite un link dal sito del Conservatorio la consultazione accessibile a studenti e docenti (anche di altre Istituzioni - previa registrazione). r. dap. 11

12 Un secolo al servizio della musica Una Giovine centenaria Il 1 dicembre salirà sul palcoscenico del Carlo Felice l Orchestra Giovanile del Venezuela Simon Bolivar diretta da Diego Matheuz, complesso nato nell ambito del sistema didatticoeducativo creato nel 1975 da Josè Antonio Abreu. Senza nulla togliere ai grandi concertisti che arriveranno prima e dopo, certo è che la serata del 1 dicembre sarà fra le più emozionanti fra le ventotto previste nel nuovo cartellone della Giovine Orchestra Genovese. E, anche, fra le più in linea con gli intendimenti celebrativi. La GOG festeggia i suoi primi 100 anni di vita. Era il 4 marzo 1912 quando al Vittorino da Feltre, su iniziativa di Padre Semeria, fu costituita una Associazione proprio con lo scopo educativo di promuovere la conoscenza e la diffusione della musica. Da subito emerse un attenzione particolare per la musica contemporanea e per la produzione locale, facendo della GOG un punto di riferimento fondamentale per la cultura genovese. E, per capire il prestigio di cui godette sin dall inizio, vale la pena ricordare che fra i suoi presidenti onorari figurano Luigi Mancinelli e Arturo Toscanini. La famiglia Costa si è avvicinata alla GOG a partire dagli anni Venti e nel secondo dopoguerra è stato Giacomo Costa (che, pianista, si esibiva in duo con il fratello Enrico violinista) ad assumere la presidenza, poi passata, al nipote Nicola, tuttora alla guida della Società. L Orchestra che ai primordi costituiva il fulcro delle attività musicali della GOG è andata gradualmente sciogliendosi già negli anni del primo dopoguerra per riformarsi temporaneamente alla fine del secondo conflitto mondiale sotto la guida di Augusto Silvestri. Ma si è imposta presto la vocazione cameristica della Società che ha ospitato in un secolo il meglio del concertismo internazionale: basta ricordare Rubinstein, Serkin, Fischer, Backhaus, Segovia, Gieseking, Prihoda, Szigeti, Horszowski (nelle due foto) che ha suonato per la prima volta alla GOG nel 1920 (aveva 28 anni, ma a Genova si era già esibito nel 1906 a 14 anni in tre sedi diverse, sala Sivori, Carlo Felice e Teatro Paganini) e l ultima nel 1990 a 98 anni. E, ancora, si possono segnalare il debutto di Accardo nel 1958, seguito da Ughi e Pollini, entrambi nel Il centenario sarà festeggiato nell ambito di due stagioni, quella ormai imminente e quella successiva. Ai due cartelloni saranno affiancate varie iniziative, tra le quali parte rilevante avrà un ciclo di educazione all ascolto. Un altra novità sarà la costituzione di un gruppo (i Solisti della Giovine Orchestra Genovese) che diretto da Pietro Borgonovo rinverdirà la tradizione antica della GOG e si esibirà anche a Bologna e Torino. Fra gli artisti amici che saranno al Carlo Felice a fare gli auguri alla vecchia e gloriosa Signora della musica si citano Uto Ughi, cui sarà affidata l inaugurazione della stagione (10 ottobre), Grigory Sokolov (12 dicembre), Richard Goode (6 febbraio) e gli strepitosi King s Singers (7 maggio). In campo cameristico va segnalata l esecuzione integrale dei Quartetti di Beethoven da parte del Quartetto Belcea, articolata in due stagioni, con tre concerti per annata, mentre nell ambito sacro spicca la Messa in si minore di Bach proposta da Helmuth Rilling sul podio della Junges Stuttgarten Bachensemble (26 marzo). 12

13 ilcmn I New York Virtuoso Singers incidono Lux aeterna di Lauricella Nell aprile dello scorso anno, alla Merkin Concert Hall di New York in occasione del IV Festival of Universal Sacred Music, i New York Virtuoso Singers diretti da Harold Rosenbaum hanno eseguito in prima assoluta la composizione Lux aeterna per coro misto a cappella di Massimo Lauricella, docente di elementi di composizione per didattica al Paganini. Il brano, scritto nel 1999 su testo tratto dal Liber usualis della Messa, si compone di un unico movimento suddiviso in tre sezioni nelle quali l antico ed il contemporaneo si fondono, sia nelle tecniche che nel linguaggio, a creare un clima espressivo di incontro tra il suono di oggi e le sue radici. Nel 2000 Lux aeterna aveva ricevuto il primo premio assoluto al Concorso Internazionale di Composizione per coro J.B. Comes di Segorbe (Valencia, Spagna) ed oggi, a seguito della prima esecuzione americana, i New York Virtuoso Singers hanno realizzato un CD dal titolo "In the Divine Image" per la Soundbrush americana. Nel disco sono presenti i brani che hanno avuto maggior successo al Festival e che l ensemble vocale newyorkese ha deciso di inserire come stabili nel loro repertorio, fra i quali anche il lavoro di Massimo Lauricella. Il CD è stato presentato all inizio di settembre al Kaufmann Center for the Performing Arts di New York ed è già in vendita negli USA e sui principali on-line stores fra cui Amazon e CD-Universe. Il Conservatorio in CD, grazie alla Provincia La difesa e la promozione della cultura musicale nel nostro territorio richiede adeguate sinergie e alleanze. Un importante esperienza in questo senso è stata la collaborazione con la Provincia di Genova, che ha consentito al nostro Conservatorio la registrazione di esecuzioni dal vivo raccolte nel CD Il Conservatorio Paganini in concerto - Live recording, di imminente uscita. L idea nasce nel 2007, quando l Assessorato all Istruzione della Provincia di Genova, rappresentato allora da Maria Cristina Castellani, ritenne che il lavoro svolto da alcuni giovani musicisti del Conservatorio meritasse una diffusione presso i loro coetanei, studenti delle scuole genovesi. Il prodotto è un antologia musicale che affianca a lavori di autori famosissimi (quali Heitor Villa Lobos e Robert Schumann) anche i contributi di un giovanissimo - quale Simone Boi - avviatosi alla composizione proprio nella bellissima sede di villa Bombrini. Ne sono interpreti l Ensemble di violoncelli del Paganini, l orchestra giovanile diretta da Nevio Zanardi, Elena Aiello e Alberto Bo al violino, Raffaele Ottonello e Valentina Giacosa al violoncello, Maria Paola Salio al pianoforte e il soprano Elisabetta Isola. Curatore dell editing Fabio Macelloni. f.p. Rapetti riscopre Dukas Paul Dukas deve essenzialmente la sua popolarità, oggi, al fortunato scherzo sinfonico L apprenti sorcier, reso universalmente noto dal film Fantasia. In realtà il compositore francese, vissuto fra il 1865 e il 1935 vanta una produzione forse non abbondante, ma non priva di altri lavori di interesse nel campo teatrale come in quello cameristico e sinfonico. Recentemente il pianista genovese Marco Rapetti (docente al Paganini ) ha pubblicato per la Brilliant Classics un doppio CD contenente l integrale pianistico del compositore. Benché siano uscite alcune incisioni dell opera pianistica completa di Dukas - dice lo stesso Rapetti - questa è la prima e unica davvero integrale in quanto comprende anche un brano considerato perso o fra i molti distrutti dall autore, l Allegro per Serge Kusevitskij composto nel 1925 in occasione del conferimento a quest ultimo della Légion d honneur. Il manoscritto era alla Library of Congress di Washington. Il disco include anche la trascrizione originale per 2 pianoforti dell Apprendista Stregone (Rapetti è affiancato da Riccardo Risaliti), nonché la serie di pezzi scritti da nove amici e allievi (Schmitt, Falla, Pierné, Ropartz, Rodrigo, Krein, Messiaen,Aubin, Barraine) alla memoria di Dukas e pubblicati nel numero speciale della Revue Musicale del

14 Una collaborazione del Paganini con il Museo del Mare Musica, memoria e migrazioni Nei primi giorni del prossimo novembre il Galata Museo del Mare inaugurerà una nuova sezione permanente dedicata alle migrazioni: il MeM Memoria e Migrazioni. Si tratta di un ampliamento e completamento della mostra La Merica! Da Genova ad Ellis Island. Il viaggio per mare negli anni della grande emigrazione italiana che fu inaugurata nel giugno 2008 e che da allora è divenuta uno dei punti di forza dell esposizione. Dopo gli Stati Uniti, il visitatore, vestendo i panni di un emigrante, potrà sbarcare in Argentina e in Brasile e, nella parte finale del percorso, usufruire di uno sguardo del tutto particolare sull immigrazione contemporanea, i suoi protagonisti, le tragedie dei viaggi per mare. Confermando lo stile che caratterizza l offerta del Mu.Ma., anche questa nuova area si baserà su ricostruzioni d ambiente il più realistiche e fedeli possibile agli elementi storici originali e su una vastissima serie di installazioni multimediali, caratterizzate da un interattività semplice e intuitiva, ma nello stesso tempo all avanguardia per qualità tecnologica e percettiva. Proprio relativamente a quest ultimo settore, il Direttore del Museo del Mare, Pierangelo Campodonico, aveva manifestato nei mesi scorsi il desiderio di valutare la possibilità di una collaborazione con il Paganini, così come, per altre tematiche, s era già verificato con la Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova e altre istituzioni cittadine. Il Consiglio Accademico, informato della proposta, ha ritenuto di accoglierla nel segno di una presenza sempre più incisiva e significativa del Conservatorio accanto ai più importanti poli culturali genovesi. Ne è scaturito un doppio progetto che vedrà protagoniste le classi di Composizione e Musica Elettronica e che si realizzerà con forme e modalità diverse. In una prima fase, avendo come referente il Prof. Riccardo Dapelo, sarà creato il materiale musicale per un installazione della Sala dell Argentina. In essa il visitatore-viaggiatore giungerà dopo aver attraversato la Sala della Chiamata (dedicata alle lettere di chiamata, con cui emigranti già installati nei nuovi paesi invitavano i loro parenti e amici rimasti in Italia a raggiungerli), la Sala dedicata a Genova e gli Emigranti e quelle - già nella mostra La Merica! - intitolate Stazione Marittima, Molo d imbarco e Interni del Piroscafo. L installazione musicale, con cui s ntende mostrare la forte influenza dell emigrazione italiana nella musica argentina, consisterà in una serie di dischi d epoca che, posizionati sul piatto di un grammofono, proporranno antiche melodie che accompagnarono gli emigranti genovesi nel quartiere de La Boca e nuove musiche nate dagli incontri, gli scambi e le contaminazioni di cui Buenos Aires fu fertile terreno. Ovviamente, nonostante la veste esteriore antiquaria, la tecnologia che renderà possibile al visitatore interagire con i dischi e il fonografo a tromba è modernissima. Assai più lungo e complesso sarà il lavoro che condurrà, all inizio della prossima primavera, a produrre un installazione sonora per la sala conclusiva del percorso del MeM e cioè quella dedicata agli Immigrati in Italia. Uno spazio articolato che leggerà il complesso fenomeno dell immigrazione attraverso il racconto della sua storia e dei drammatici viaggi che ancor oggi la costellano, del lavoro degli immigrati, del loro rapporto con la scuola, della loro vita quotidiana (la casa, le cose, la cucina). Per offrire, da ultimo, al visitatore un momento di riflessione personale sui temi dell accoglienza e dell adattabilità in una serie di nicchie della riflessione. L installazione del Paganini, che sarà curata dai Professori Dapelo e Doati, scaturirà da un progetto che impegnerà l attività didattica dei Corsi di Composizione delle Scuole di Composizione e Musica Elettronica per il primo semestre dell a.a Essa utilizzerà materiali sonori provenienti dalla lettura di lettere dei nostri emigranti dei primi del 900 da parte di rappresentanti delle varie etnie presenti a Genova sia in italiano che nelle rispettive lingue d origine, da suoni di ambienti tipici dell immigrazione (carrugi, negozi, luoghi di lavoro ecc.), da musiche composte in collaborazione fra studenti di Composizione e musicisti immigrati. Tali materiali subiranno poi leggere modifiche elettroacustiche e saranno montati per creare una sorta di polifonia di voci e musiche. Al momento in cui verrà installata negli spazi della sala, l organizzazione formale (densità, volume, velocità) della composizione sarà resa variabile, attraverso l uso di specifici sensori, a seconda della densità di presenza dei visitatori in sala e al loro movimento. Un ipotesi di lavoro perfettamente in linea con l interattività che caratterizza il Mu.Ma. e altrettanto in sintonia con l esigenza del nostro Istituto di connettere in modo integrale e totale le opportunità produttive con la progettualità didattica. Claudio Proietti 14

15 ilcmn Al Festival della Scienza 2011 Tubi sonori e corde luminose Anche quest anno prosegue la collaborazione con il Festival della Scienza, che inserisce il nostro progetto di produzione e ricerca negli eventi ospiti. Il progetto prosegue la importante collaborazione con la GOG ed aggiunge un nuovo partner, la società Eidomedia, che ci ha fornito il prototipo di arpa laser (già presentato alla Notte Bianca del 2009) che utilizzeremo in concerto. Il progetto propone come risultato finale una conferenza introduttiva, due laboratori con le scuole e due concerti. Il programma musicale offre nuove composizioni frutto del lavoro di un semestre di studi delle Scuole di Composizione, Musica Elettronica, Arpa e Clarinetto e importanti composizioni tratte dal repertorio storico del Novecento. Fino dalle origini degli studi musicali la corda è stata utilizzata come strumento per esplorare le proprietà fisiche e le implicazioni numeriche del suono. Il monocordo pitagorico costituisce uno degli esempi più significativi di tale esplorazione. L arpa ed il clarinetto dal canto loro hanno una storia plurimillenaria che risale all antico Egitto. Questi strumenti della tradizione vengono reinterpretati in due concerti, in un dialogo con il proprio doppio in forma virtuale. In particolare nel concerto intitolato Dialogo dell arpa doppia viene utilizzata, insieme agli strumenti tradizionali, un arpa laser (concepita e progettata da Matteo Ricchetti, regista e progettista di hardware, software, fondatore di Eidomedia). Questo strumento consiste in 7 illuminatori laser rossi, puntati su di un ricevitore unico, che creano un set di corde luminose. Tali corde luminose forniscono un tipo di feedback aptico molto pronunciato (si ha la sensazione di toccare delle corde reali). Si viene così a creare una sorta di meta-strumento, un passo ulteriore rispetto agli iper-strumenti (strumenti tradizionali con aggiunte di sensori, dispositivi di motion capture, accelerometri ecc), una nuova possibilità di esecuzione, un nuovo campo di indagine. Per favorire l integrazione visiva e spettacolare tra le arpe tradizionali e quella virtuale viene utilizzato anche un sistema interattivo a led per illuminare le arpe ed interagire con l arpa laser. Il concerto intitolato Dialogo del Clarinetto doppio si propone di esplorare il tema del doppio, del dialogo tra reale e virtuale attraverso la elaborazione elettronica, che permette di captare, catturare, amplificare e deformare ogni sfumatura, ogni dettaglio sonoro espresso dallo strumento acustico. Il programma è imperniato sulla figura di Karlheinz Stockhausen, le cui opere presentano spesso una sorprendente capacità di anticipare, prevenire e tracciare tendenze che si sarebbero sviluppate e consolidate in periodi successivi. È il caso di Solo del 1965 in cui vengono immaginate e sperimentate tecniche che saranno (un decennio dopo) tipiche del live electronics. Sul sito del Festival della Scienza 2011 sarà possibile consultare il programma dell evento. Riccardo Dapelo L ecuadoriano Duo Paganini nella città di Paganini È stato un piacere per il Consolato Generale dell Ecuador a Genova collaborare con il Conservatorio Paganini, per consentire il ritorno a Genova del Duo Paganini. Il duo, composto da due dei più prestigiosi musicisti ecuadoriani - il violinista Jorge Saade Scaff ed il chitarrista Julio Almeida - si era esibito l anno scorso, con grande successo di pubblico, nel Salone del Minor Consiglio del Palazzo Ducale di Genova. Il Duo Paganini ha un legame speciale con Genova, in quanto città dove nacque e visse Niccolò Paganini, il musicista che più ha influenzato la loro formazione artistica e musicale. Il Duo Paganini è uno degli interpreti maggiormente apprezzati della musica accademica ecuadoriana, oltre ad essere uno dei più rinomati esponenti della cultura contemporanea dell Ecuador. J. S. Scaff è anche Director Cultural Guayaquil del Ministero della Cultura, uno dei principali enti di promozione culturale, presenti in Ecuador, mentre J. Almeida, residente in Germania da oltre 25 anni, è compositore e professore nei Conservatori Statali di Meerbusch e Neuss. Nell ambito di uno scambio culturale, il Duo Paganini ha tenuto una lezione-concerto aperta a tutti gli studenti del Conservatorio il 29 settembre scorso, ed un concerto insieme al maestro Andrea Bacchetti il giorno successivo. Entrambe le esibizioni si sono svolte presso la Sala Concerti del Conservatorio, ed hanno riscosso un notevole interesse, soprattutto per la possibilità offerta agli studenti di approfondire la conoscenza della musica accademica ecuadoriana e di quella di altri paesi latino-americani. Il Duo Paganini ha suonato prevalentemente musica accademica ecuadoriana, scritta da alcuni dei più valenti compositori del Paese: Diego Luzuriaga, Enrique Espín Yépez, Gerardo Guevara e Claudio Aizaga. La musica accademica ecuadoriana utilizza le forme, i ritmi ed i motivi della musica tradizionale ecuadoriana e li rivisita in un linguaggio accademico; ad esempio riprende le melodie pentatoniche tradizionali degli indigeni dell Ecuador, come i ritmi Yumbo, Sanjuanito, Danzante, Yaraví e Pasillos. Tale musica è scritta da compositori ecuadoriani formati nei conservatori, la cui preparazione e di tipo classico e sinfonico, tra i quali: Luis Humberto Salgado, Sixto María Durán, Corsino Durán Carrión, Arturo Rodas e Julio Bueno. La musica tradizionale è a sua volta una fusione di diversi suoni e ritmi provenienti da diverse parti del mondo, a seguito della colonizzazione europea. Nella musica tradizionale ecuadoriana si possono ritrovare sonorità africane, caraibiche ed europee, che si sono amalgamate con sonorità locali ed indigene. Vorrei rivolgere un sentito ringraziamento alla Direttrice del Conservatorio Patrizia Conti ed alla dott.ssa Anna Rita Certo dell Ufficio Paganini del Comune di Genova per aver supportato la realizzazione di un iniziativa che, favorendo lo scambio culturale e le contaminazioni musicali, promuove lo sviluppo e la crescita delle nuove generazioni. Esther Cuesta Console dell Ecuador a Genova 15

16 Allievi (ed ex) in primo piano Diplomata al Paganini, studia ora alla Royal Academy Paola Delucchi, la mia esperienza londinese Tornassi indietro farei già prima del diploma esperienze di corsi e seminari fuori. Sono importanti, ti permettono di ascoltare altre voci, sentire altri studenti, capire meglio i propri limiti. Esperienze fondamentali per crescere. A sostenerlo è Paola Delucchi, genovese, 25 anni, diplomata in violino nel 2008 al Paganini sotto la guida di Mario Trabucco. La giovane musicista, laureatasi anche in filosofia della musica nel marzo scorso, dal settembre 2010 segue un master alla Royal Academy of Music di Londra, master che concluderà nel prossimo giugno Perché Londra? Intanto Londra mi è sempre piaciuta come città. Ma non è stata una scelta diretta. Quando ho finito il corso a Genova, ho avuto la possibilità di suonare come primo violino nell Orchestra Italiana dei Conservatori. A quel punto ho pensato che era il momento di affacciarmi all estero. Ho preso qualche aereo, ho bussato a porte di vari insegnanti e varie scuole, da Londra alla Germania alla Svizzera. Sono rimasta affascinata dalla Royal School e nel dicembre 2009 ho sostenuto l esame di ammissione che lì viene fatto con dieci mesi di anticipo rispetto all avvio dei corsi. Dopo l esame i migliori vengono ammessi a un colloquio con il direttore che valuta la persona, gli obbiettivi, la formazione. Un aspetto molto interessante, di taglio americano, è proprio questo: l obbiettivo lì è non solo preparare in maniera tecnicamente perfetta un musicista, ma anche aiutarlo a entrare nel mondo della professione con la necessità, quindi, di valutarne le inclinazioni, i gusti, la personalità. Ad esempio fra i nostri compiti c è anche quello di tenere aggiornato un curriculum e di preparare le note di sala per i concerti che teniamo. - Come è stato l impatto con la nuova realtà? Ho un ottimo insegnante, Joshua Fischer (marito della violinista Corina Belcea dell omonimo Quartetto) con il quale sto lavorando molto per sistemare i problemi tecnici, ma anche quelli legati alla emotività. Il lavoro è basato sullo strumento principale, sull orchestra (non c è tutto l anno, ma in vari momenti a seconda dei concerti previsti), sulla musica da camera. In più si può scegliere una materia orale di approfondimento fra una gamma di proposte estremamente ampia. - Sono tanti gli italiani? Siamo uno dei gruppi più piccoli, insieme a tedeschi e spagnoli. A parte gli inglesi ci sono tantissimi asiatici e russi, poi francesi e ancora americani e australiani. C è da dire che i costi sono alquanto alti, sterline l anno per gli europei, per gli extraeuropei. - Pregi e difetti? L aspetto organizzativo è splendido. Per ogni settore di lavoro c è un responsabile sempre presente, periodicamente ci si deve confrontare con il proprio tutor. E questo garantisce a tutti di essere seguiti sotto ogni aspetto. L obbiettivo è la perfezione tecnica e tutti lavorano con grande determinazione anche perché il confronto è tremendo, sei circondato da mostri. Però debbo dire che anche da noi ci sono ottimi insegnanti, io non rinnego nulla di quel che ho fatto prima, anzi, sono grata al Conservatorio della mia città per quello che mi ha dato. Quello che a Londra mi piace poco è la freddezza, l incapacità di fare gruppo. In orchestra c è rigore, serietà, si prova, nessuno fiata: tutto bello, per carità, ma il prodotto è sempre un po distaccato. Non c è quella emotività che abbiamo noi, magari un po troppo confusionari, ma più diretti e spontanei. r.i. Valentina Canevelli a Miss Italia È stata una esperienza faticosa ma bellissima. Valentina Canevelli, 23 anni, diplomanda in violino nel nostro Istituto sotto la guida di Gloria Merani, parla della sua partecipazione al concorso di Miss Italia. Dopo aver superato in estate varie prove di selezione in Liguria, da fine agosto si è trasferita a Montecatini Terme. Messi da parte Mozart e Bach, per settimane ha provato passerelle, sfilate, passi di danza. Alla finale, trasmessa da Raiuno, Valentina ha avuto la soddisfazione di classificarsi nelle prime venti su sessanta concorrenti: Lavorare in Rai - dice - è stato molto interessante e costruttivo. Non so se si apriranno delle prospettive di lavoro. Io, comunque, indipendentemente da quel che potrà ancora accadere, sono già contenta così. Un avventura che non dimenticherò. Chiara Sabattini, dalla tastiera alla canoa L emozione di interpretare una Sonata beethoveniana o un Notturno di Chopin, comunicando le proprie sensazioni agli ascoltatori. E l emozione di gettarsi in una rapida con una canoa, in un duello personale e diretto fra le onde e le proprie capacità di domarle. Sono emozioni molto differenti, entrambe forti che Chiara Sabattini, 17 anni, un viso sereno, prova ormai da anni, dividendosi fra lo sport e la musica. Chiara è allieva di pianoforte al Paganini nella classe di Gisella Dapueto. E si dedica con passione e determinazione alla canoa ambito nel quale ha ottenuto in questi anni risultati davvero prestigiosi, come tre titoli italiani. Per Chiara, insomma, vale davvero l antico motto Mens sana in corpore sano. 16

17 ilcmn Giada Guassardo alla Normale Un bel venerdì 16 settembre (scampata per un soffio la nota funesta combinazione!!) Giada Guassardo, al settimo anno della classe di violino di Gloria Merani, riceve la lieta notizia: l ammissione all Università Normale di Pisa. Tra la folla di studenti aspiranti, 390 circa, solo 27 sono stati scelti. Molto impegno, ma anche fortuna afferma con modestia Giada. La facoltà da lei scelta è Lettere Moderne, campo umanistico già prediletto (come la maturità classica conseguita con 100 e lode lo scorso giugno aveva lasciato sospettare). L idea di tentare questa facoltà era nata in lei due anni fa, ma l approfondimento davvero mirato alla selezione è iniziato con la recentissima conclusione degli studi superiori. Purtroppo, un sospiro per la momentanea rinuncia è innegabile: il regolamento dell Istituto prevede l esclusione di qualsiasi attività extrauniversitaria, musicale o sportiva. Anni fa, esisteva anche un orchestra dell Università, oggi rimane solo il coro. Domani chissà? Francesco Guido vatorio dalla signora Iris Romana Gradi nell anno accademico 2009/2010 per la durata di vent anni e consistente in una borsa di studio da assegnare annualmente a studenti di pianoforte del Conservatorio stesso. Quest anno sono risultati vincitori: Dario Bonuccelli iscritto al secondo anno del biennio nella classe di Marco Vincenzi; Francesco Guido iscritto ai Dario Bonuccelli Borse di studio per tre pianisti Sono state assegnate nei giorni scorso le borse di studio intitolate a Giuseppe Ponta. L iniziativa rientra nell ambito di un legato testamentario disposto a favore del Conser- Silvia Vignolo corsi liberi nell ambito del biennio nella classe di Gisella Dapueto; e Silvia Vignolo diplomata a giugno nei corsi ordinamentali nella classe di Claudio Proietti e ora iscritta al primo anno di biennio. segue da pag. 1 (Al fin giungemmo ) e ormai note e croniche, limitazioni: spazi insufficienti, risorse inadeguate, organici sottodimensionati e poi una grande, immensa, confusione normativa. In questo senso, ho ritenuto fondamentale prestare un attenzione diretta e a volte quasi ossessiva a particolari apparentemente superflui e a garantire una presenza costante e continuativa necessaria a mio avviso per far fronte tanto alla quotidiana e pesantissima routine quanto alle imprevedibili ma frequenti emergenze. Il meglio voleva anche dire, per me, coordinare la crescita del Conservatorio - in un periodo in cui sembrava possibile ogni cosa ed anche il suo contrario - in modo equilibrato, senza privilegiare un solo aspetto (la nuova didattica riformata, o il ruolo culturale e produttivo, o la ricerca, o l internazionalizzazione,.), consapevole che perseguire alcuni risultati probabilmente più appariscenti e vistosi su un solo fronte (modalità assai più facile e comoda, tra l altro), avrebbe rischiato di produrre, in una prospettiva di medio e lungo termine, gravi danni generali. Il meglio ha infine significato per me, con assoluta fermezza, far funzionare il Paganini con equità e nel rispetto della legge anche a costo, talvolta, di fare scelte dolorose o di perdere amicizie. Sotto questo profilo si sono probabilmente consumati i capitoli più difficili della mia esperienza, ogni volta in cui l inevitabile soggettività di una scelta (operata inevitabilmente anche sulla base di personali interpretazioni e di propri riferimenti etici e culturali) si è scontrata con altri modi di pensare, altre interpretazioni, altri riferimenti. Per questo voglio ringraziare, e non per semplice ossequio formale, tutti coloro con i quali ho condiviso il mio lavoro e che mi hanno permesso, per una fortunata e felice convergenza, di non tradire mai i miei ideali e di dormire ogni notte sonni sereni: il Presidente Davide Viziano, veloce ed acuto solutore di problemi e rispettoso delle competenze di ognuno; il Direttore Amministrativo Raffaele Guido, figura professionale di costante riferimento e di grande valore dal quale ho imparato, fra l altro, che la forma è sostanza; tutto il Personale docente, amministrativo e tecnico che quotidianamente accende i motori e fa funzionare l intera macchina svolgendo, di fatto, la maggior parte del lavoro; i membri dei due successivi Consigli Accademici che con determinazione e onestà intellettuale si sono assunti il peso delle proprie responsabilità, operando passo dopo passo importanti scelte strategiche; e poi i collaboratori più vicini, i vicedirettori e i componenti dello staff di direzione che si sono succeduti in questi anni, ai quali mi lega oggi, oltre che una grande riconoscenza per il continuo sostegno, anche una solida amicizia. Oltre ad un sincero ringraziamento a tutte le istituzioni, le associazioni e i singoli cittadini che hanno collaborato in vario modo, voglio salutare infine con affettuosa riconoscenza tutti gli Studenti che, forse senza esserne consapevoli, hanno dato ogni giorno un senso al mio lavoro; con le loro richieste, i loro bisogni, i loro diritti non mi hanno permesso di perdere di vista i destinatari unici ed indiscussi della nostra istituzione e, con la loro attività e i loro più o meno grandi successi, hanno ricompensato ogni fatica, rendendomi tante volte orgogliosa del nostro Conservatorio. Termino dunque qui quest incarico che mi ha regalato croce e delizia, riprendendo il mio insegnamento, continuando a partecipare alla vita del Paganini, felicemente e senza traumi da distacco. Patrizia Conti 17

18 Arte e musica entrano Come tutti gli organi di governo di un Istituzione, anche il Nucleo di Valutazione ha avuto bisogno di un lungo periodo di gestazione per mettere le basi al fine di ottemperare ai suoi compiti. Oseremmo dire che i primi tre anni di lavoro (2005/2008), sono a nostro avviso, passati proprio cercando di capire come diffondere la cultura della valutazione all interno di un Conservatorio di Musica e misurandoci con le differenze dello stesso lavoro svolto dai Nuclei all interno dell Università. I numeri così diversi e il rapporto così speciale fra docenti e studenti sono stati i due elementi che ci hanno indotto, prima di tutto, a studiare la situazione nella sua specificità. Il secondo mandato è stato più fattivo. Sono venute fuori con chiarezza tre linee programmatiche su cui lavorare e i risultati sono del tutto evidenti. La prima di esse riguarda la relazione annuale da inviare al Ministero; in questi giorni si è terminata anche quella relativa all ultimo anno di attività del Nucleo uscente. Il Conservatorio Paganini potrà così avvalersi di uno strumento aggiornato che ha la funzione di monitorare l andamento dell Istituzione, le sue criticità, i suoi punti di forza. La seconda riguarda l opinione degli studenti. Ad essa è legato il questionario, più volte distribuito lungo questi tre anni passati, e diremmo sottovalutato dagli studenti stessi e più ancora dai Docenti che hanno in qualche misura osteggiato questo strumento nonostante i tentativi di sensibilizzazione. Gli studenti non hanno creduto che le opinioni venissero davvero tenute in considerazione per il futuro del Conservatorio e sia gli uni che gli altri hanno fatto presente che l indagine, in un contesto così familiare, non garantisse a sufficienza la privacy. Ci auguriamo che l ultima rilevazione, terminata nell estate 2011, e che verrà elaborata dal Nucleo rinnovato nella sua composizione, sia andata questa volta a buon fine. La terza linea programmatica riguarda l adesione al Consorzio AlmaLaurea che da qualche tempo, su richiesta di alcune istituzioni AFAM, dedica il suo Know how oltre che all Università anche ai Conservatori di Musica e alle Accademie. L adesione al Consorzio del Paganini è praticamente cosa fatta: è stato ritenuto che la creazione di questo ponte "virtuale" fra studenti e mondo del lavoro sia strumento necessario alla vita professionale delle nuove generazioni. Si dovrà vedere poi come questo verrà declinato nel mondo musicale che porta con sè una serie di specificità difficili da prevedere sulla carta. Il fattore artistico nel mondo musicale o teatrale è pur sempre cosa di non poco conto e senza dubbio impermeabile ad una valutazione esclusivamente cartacea. Proprio per far comprendere in maniera più approfondita i temi in gioco, riportiamo stralci di una conversazione che il nostro docente Sergio Lattes ha pubblicato sul suo sito (www.aasp.it -aprile 2011) e che pubblichiamo per sua gentile concessione. Crediamo che il lavoro del prossimo Nucleo possa proseguire la strada tracciata basandosi sull eredità che lasciamo, per molti aspetti consistente e approfondita, per altri, nostro malgrado, molto più superficiale. Valentina Pollio, Lorenza Codignola, Gaetano Gallinaro Conversazione di Sergio Lattes (SL) con Valentina Pollio (VP) e Lorenza Codignola Bo (LC), componenti del nucleo di valutazione del Conservatorio di Genova, e del gruppo di lavoro nazionale AlmaLaurea/Afam SL - Per chiarezza diciamo sommariamente quali sono le linee lungo le quali ha preso a svilupparsi un rapporto fra le istituzioni AFAM e il Consorzio AlmaLaurea. VP - Per quanto riguarda il Conservatorio Paganini di Genova, nel corso del 2010 il nucleo di valutazione, considerata l esigenza di monitorare gli esiti occupazionali dei diplomati, ha preso contatti con il consorzio AlmaLaurea e con un paio di Conservatori che si stavano interessando all argomento al fine di valutare la possibilità di estendere i servizi offerti dal consorzio anche al settore artistico/musicale. LC - Il primo incontro su questo tema è avvenuto nell aprile 2010 a Bologna e come Conservatori hanno partecipato Bologna, Cesena, Genova, L Aquila, Parma, Trento, Trieste. Inizialmente poco più una decina di istituzioni avevano espresso l interesse di aderire al Consorzio ma il numero è destinato a crescere visto anche l interesse manifestato dal Ministero di appoggiare tale iniziativa. Attualmente stiamo lavorando per modificare gli strumenti usati da AlmaLaurea nell Università allo scopo di adeguarli alle specifiche caratteristiche del nostro settore. VP - AlmaLaurea nasce nel 1994 con l intento di mettere in relazione aziende e laureati e di essere punto di riferimento dal- 18

19 ilcmn in AlmaLaurea l interno della realtà universitaria per tutti coloro (studiosi, operatori, etc...) che affrontano a vario livello le tematiche degli studi universitari, dell occupazione, della condizione giovanile. In particolare, cura il monitoraggio dei percorsi di studio degli studenti ed analizza le caratteristiche e le performances dei laureati, oltre ad analizzare l efficacia del percorso formativo attraverso il monitoraggio degli sbocchi occupazionali dopo uno, tre, cinque anni dalla conclusione degli studi. I rapporti annuali prodotti dal Consorzio contengono una molteplicità di variabili (ad es.: età alla laurea, voto di laurea, regolarità negli studi, titolo di studio dei genitori, classe sociale di provenienza, valutazione dell esperienza universitaria, conoscenza delle lingue estere, conoscenze informatiche, lavoro durante gli studi) utili ai nuclei di valutazione, alle commissioni impegnate nella didattica e nell orientamento, ed in generale agli organi di governo, per supportare i processi decisionali e la programmazione delle attività di formazione e di servizio destinate al mondo studentesco. Tutta la documentazione prodotta è tempestivamente resa disponibile sul sito AlmaLaurea, che è consultabile sia dalle aziende che sono in cerca di laureati (la banca dati contiene oltre di CV di cui circa 150mila all anno tradotti anche in inglese) sia dagli studenti, che possono consultare e rispondere direttamente alle offerte di lavoro pubblicate sul sito. Con l adesione al Consorzio si vuole raggiungere un duplice obiettivo, quello di monitorare gli esiti occupazionali e quello di creare un ponte fra le istituzioni e il mondo del lavoro. E anche fra le istituzioni stesse, perché nel sito esiste anche una bacheca dove le istituzioni pubblicano informazioni sulla propria offerta didattica post laurea, consentendo allo studente - per esempio - di scegliere un corso di specializzazione in una istituzione diversa da quella di provenienza. LC - A riguardo ci sono esempi anche nel campo artistico/musicale: sappiamo che in conseguenza dell autonomia scolastica alcuni specifici corsi sono istituiti soltanto in alcuni Conservatori e il fatto di disporre di una bacheca informativa può essere di grande utilità per l utenza. Con la riforma, le vocazioni di singole istituzioni potrebbero in qualche modo manifestarsi o accentuarsi, e AlmaLaurea è lo strumento adatto a accompagnare lo studente nelle sue scelte. SL - A che punto è la rimodulazione degli strumenti di AlmaLaurea per il settore Afam? LC - La rimodulazione va fatta in base alle specificità degli studi - che si tratti di musica o di arti visive o di arte drammatica eccetera. Per fare un esempio evidente, nel curriculum di uno studente d arte drammatica ci devono essere delle fotografie (o addirittura anche il peso corporeo e il colore degli occhi) diversamente dal caso di uno studente di musica. VP - Il curriculum è lo strumento attraverso cui AlmaLaurea mette in relazione il diplomato con il mondo del lavoro. Si tratta perciò di elaborare un curriculum-tipo per questo settore, che consenta di valorizzare le esperienze formative e lavorative del diplomato e che possa essere estrapolato agevolmente da un data-base, magari utilizzando delle parole chiave. Nel nostro caso la tipizzazione è più complessa che all Università. Se un azienda ha bisogno di dieci ingegneri che parlino il russo l incrocio delle competenze sul data-base è abbastanza semplice. AlmaLaurea volendo offre alle aziende anche un servizio di pre-screening e selezione dei candidati. Nel settore artisticomusicale un offerta di lavoro può essere relativa anche ad una singola prestazione. Questo richiede una diversa messa a punto degli strumenti, e questo è un esempio di alcuni dei problemi che stanno emergendo nel lavoro. A parte le specificità va però sottolineato che si sta facendo il tentativo di costruire un unico data-base che comprenda Università e Afam, per poter valorizzare anche le esperienze artistiche dei laureati, e viceversa le competenze extra-artistiche dei diplomati Afam. LC - Il gdl AlmaLaurea/afam sta quindi ora lavorando al questionario e alle modifiche necessarie. VP - Da aprile, per la condivisione dei materiali, è attivo un sito web riservato al gruppo di lavoro. Fino ad ora si ci si è occupati principalmente del questionario da somministrare agli studenti alla fine del corso di studi. Si è cominciato a lavorare anche sul curriculum, come detto prima, e sulle sue particolarità. Qui però bisognerà prima di tutto ragionare sugli utenti potenziali di questi servizi, in modo particolare ponendosi dal punto di vista di chi cerca un diplomato da assumere. SL - A questo proposito: se pensiamo al lavoro propriamente artistico, le valutazioni sono fortemente qualitative e molto individuali, e sono fatte in genere da un direttore artistico. Si può pensare che un teatro scelga un artista in un data-base? LC - Vero, ma va detto che spesso le direzioni artistiche si appoggiano alle agenzie del settore che a loro volta svolgono una lavoro di data-base a carattere privato. E sappiamo che lo fanno talvolta in logiche di scambio piuttosto che di qualità. In questo modo esse si prestano a diventare veicolo di malcostume. Bisogna pensare che un giovane che voglia entrare in un agenzia trova spesso molti ostacoli: le audizioni non sono sempre trasparenti e il costo non è un dato di fatto. Non mi faccio ovviamente illusioni, ma penso che forse, gradatamente si possa creare un altro canale a fianco a quello dei privati. Un canale che costituisca anche un elemento di risanamento. VP - Va detto che questo non potrà in ogni caso essere l unico strumento di collocamento del diplomato, ma può essere uno strumento, una chance in più, per alcuni, di trovare un lavoro. Deve essere visto come una possibilità per incentivare l occupabilità degli studenti nel mercato nazionale e internazionale. Non bisogna dimenticare che AlmaLaurea ci consentirà di disporre per la prima volta di un sistema omogeneo e accreditato di dati, e di specifiche indagini che ci forniranno una fotografia delle performance formative e occupazionali dei diplomati del settore. Questo consentirà di monitorare e confrontare su scala globale l intero sistema educativo artistico-musicale nazionale, facendo luce sui suoi punti di forza e di debolezza. 19

20 A proposito del Convegno Internazionale su Neuroscienze e Musica di Edimburgo Fra i molti meriti della Fondazione Mariani di Milano, che con i suoi 25 anni di attività è diventata un punto di riferimento per la ricerca scientifica legata alle malattie neuropsichiatriche infantili, spicca l'ideazione, organizzazione e sponsorizzazione di un grande congresso internazionale a scadenza triennale dedicato a Neuroscienze e Musica. La prima edizione di questa prestigiosa maratona scientifica si è svolta a Venezia nel Lipsia e Montreal sono state le sedi dei due incontri successivi, mentre quest'anno la scelta è caduta su Edimburgo, dove si è potuto contare sulla collaborazione della locale università (che vanta un eccellente dipartimento musicale) e in particolare dell'institute for Music in Human and Social Development. Il congresso si è svolto a giugno, sotto la quasi costante cappa di pioggia che caratterizza i meravigliosi paesaggi della Scozia, e ha avuto come tema portante Memoria e Apprendimento. Innanzitutto sono state illustrate le nuove tecniche di neuro-imaging e le metodiche d indagine inerenti percezione, cognizione e comportamento durante i primi anni di vita di un essere umano. Partendo dalla teoria dei neuroni specchio, si è dimostrata l efficacia di nuovi modelli educativi basati sulla musica d insieme, quali ad esempio il Musikkindergarten di Berlino. Il Prof. Nigel Osborne ha presentato anche una relazione sulla musica come risorsa terapeutica per i bambini che vivono in zone di conflitto e soffrono di sindrome post-traumatica. La parte centrale del convegno ha invece trattato dei processi di apprendimento e di percezione metricoritmica, dell impatto che l esperienza musicale può avere sui processi neuronali del linguaggio verbale, e di un nuovo settore della ricerca detto Neuroscienza culturale, che analizza l influenza cruciale di ogni cultura nel modellare il funzionamento della mente. I seguenti tre simposi hanno avuto come temi la memoria e l apprendimento nell esecuzione musicale, l immaginario musicale, e infine la plasticità cerebrale funzionale e disfunzionale (come, ad esempio, la distonia focale, alias crampo dello strumentista, che colpisce talvolta i musicisti classici ma - nota bene - non i jazzisti). Di ben più gravi patologie e dei recenti risultati in campo terapeutico si è discusso invece nella parte finale del convegno, dedicata rispettivamente al ruolo della musica nella riabilitazione da colpo apoplettico (ictus), alla fondamentale importanza della musica nella cura dell autismo, e ad un raro quanto misterioso disturbo neuropsicologico, detto amusia congenita o sordità al suono (tone-deafness), che impedisce di sentire la musica, sia da un punto di vista percettivo e riproduttivo, sia da un punto di vista emozionale (disturbo che non va confuso con l'incapacità di intonare una melodia, cioè con l essere stonato ). Oltre alla serie di relazioni multimediali presentate da nomi illustri nel campo della neurologia e della psicologia della musica, la manifestazione ha inoltre coinvolto centinaia di giovani studiosi provenienti da università di tutto il mondo, le cui ricerche - sul rapporto che lega orecchio assoluto e autismo, sulla musica come cura per i malati di Parkinson e di Alzheimer e su numerosi altri argomenti - sono state presentate in forma di poster-session nei saloni della Biblioteca Nazionale di Edimburgo. Vari eventi musicali hanno offerto anche quest anno momenti di svago e distrazione per i partecipanti al convegno (niente di comparabile, tuttavia, all indescrivibile emozione suscitata dalla Messa in si minore di Bach eseguita nella Thomaskirche di Lipsia durante l edizione del 2005; in quell occasione ho visto alcuni anziani tedeschi inginocchiarsi e piangere sulla tomba del compositore). A dire il vero, l evento musicale più coinvolgente ha avuto luogo l ultima sera: nel Museo di strumenti musicali di Edimburgo alcuni relatori si sono lanciati in una travolgente jam session, mentre in un altra sala si svolgeva un inconsueto happening di musica da camera aperto a tutti coloro che avessero voglia di suonare. Così, simpaticamente e senza alcuna spocchia, un gruppo di studiosi di età e nazionalità differenti che avevo ascoltato precedentemente nelle loro esoteriche conferenze, hanno impugnato vari strumenti e si sono messi a leggere a prima vista pagine classiche e barocche, cimentandosi persino in un quartetto di Brahms senza aver mai suonato insieme prima di allora. Difficile non provare un immensa ammirazione. E difficile non provare ammirazione anche per il medico anglo-malese che, con estrema cortesia, mi ha chiesto a un certo punto delle delucidazioni linguistiche inerenti un espressione che gli italiani hanno diffuso a livello planetario: bungabunga. E sì, perché nella sua lingua madre, bunga significa fiore e per esprimere una quantità indefinita si raddoppia il sostantivo: bunga-bunga, ovvero molti fiori. Gli ho spiegato che il significato era un altro, dato che i nostri politici di sicuro non conoscono il malese - va già di lusso se biascicano un po di americanese e se si ricordano di usare il congiuntivo in italiano. "Certo che il vostro è un paese davvero bizzarro!" mi ha detto alla fine. Chissà cosa intendeva. Marco Rapetti 20

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

---------------- Ufficio Stampa

---------------- Ufficio Stampa Ufficio Stampa Presentazione del libro TeatrOpera: Esperimenti Scenici di Maria Grazia Pani Concerto spettacolo con voce recitante, soprani, tenore e pianoforte 11 maggio 2015 Teatro Sociale ----------------

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Cieg, zop, mat, a so tutt mé

Cieg, zop, mat, a so tutt mé Comune di Pesaro Servizio Politiche dei Beni Culturali Concorso letterario riservato agli studenti delle scuole superiori Omaggio a Odoardo Giansanti Cieg, zop, mat, a so tutt mé era l'alba del secolo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA Graduatoria Docenti aspiranti all UTILIZZAZIONE nei LICEI MUSICALI Anno Scolastico 0/ Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA sul posto o sulla quota orario assegnata nell anno scolastico 0/ (docenti titolari

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO N. O. Barnaba- S. G. BOSCO di OSTUNI Sede centrale: N. O. Barnaba via C. Alberto,2 tel/fax 0831301527 Plesso S. G. Bosco Via G. Filangieri, 24 TEL./FAX 0831 332088 C.F. 90044950740

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli