MECCANISMI FLESSIBILI. di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MECCANISMI FLESSIBILI. di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore"

Transcript

1 MECCANISMI FLESSIBILI di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore

2 AGENDA Introduzione Meccanismi Flessibili Requisiti essenziali Progetti CDM e JI Baseline Vantaggi e Svantaggi Caso Italiano CDM: Attori Ciclo di un progetto CDM JI: Attori Ciclo di un progetto JI Prime esperienze

3 Introduzione Meccanismi Flessibili Requisiti essenziali Progetti CDM e JI Baseline Vantaggi e Svantaggi Caso Italiano CDM: Attori Ciclo di un progetto CDM JI: Attori Ciclo di un progetto JI Prime esperienze

4 MECCANISMI FLESSIBILI DI KYOTO Clean CleanDevelopment Mechanism (baseline and and credit) Permette alle imprese dei Paesi Annex I (con vincoli di emissione) di realizzare progetti che mirano alla riduzione delle emissioni dei gas serra nei Paesi non Annex I (senza vincoli di emissione). (Art.12) Joint JointImplementation (baseline and and credit) Permette alle imprese dei Paesi Annex I (con vincoli di emissione) di realizzare progetti che mirano alla riduzione delle emissioni dei gas serra nei Paesi Annex I (con vincoli di emissione). (Art.6) Emission Trading (cap (capand and trade)

5 PERCHE FLESSIBILI? Flessibilità geografica: un Paese dell Annex 1 può raggiungere gli obiettivi di Kyoto assegnatigli attraverso realizzazione di progetti in un Paese diverso in cui i costi marginali di abbattimento sono inferiori Flessibilità temporale: se si abbatte più del necessario, le riduzioni in eccesso possono essere utilizzate in periodi successivi

6 COP COP 9 Milano: Emission Trading L Unione Europea ha confermato la sua convinta intenzione di attivare tutte le misure necessarie per ridurre le emissioni di gas serra e raggiungere i propri obiettivi di Kyoto. A proposito del meccanismo di ET l Unione ha dichiarato che: nel 2005 partirà il mercato interno dei permessi di emissione che coprirà circa la metà delle emissioni di CO2 dell Unione (Direttiva 2003/87/CE) è previsto di permettere la conversione dei permessi ottenuti mediante Joint Implementation (JI) e Clean Development Mechanism (CDM) nei permessi utilizzabili nell ambito del sistema di emission trading europeo (Direttiva Link).

7 CDM INVESTITORE INVESTIMENTO PROGETTO PAESE ANNEX 1 PAESE IN VIA DI SVILUPPO Aziende Private, NGOs, Fondazioni o Soggetti Pubblici realizzano un progetto in un paese in via di sviluppo mirato alla riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra

8 CDM INVESTITORE INVESTIMENTO PROGETTO PAESE ANNEX 1 CERs PAESE IN VIA DI SVILUPPO La differenza fra la quantità di gas serra emessa realmente e quella che sarebbe stata emessa senza la realizzazione del progetto (scenario di riferimento) è accreditata sotto forma di CREDITI DI EMISSIONE CERs

9 JI INVESTITORE INVESTIMENTO PROGETTO PAESE ANNEX 1 PAESE ANNEX 1 Aziende Private, NGOs, Fondazioni o Soggetti Pubblici realizzano un progetto in un paese ANNEX 1 mirato alla riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra

10 JI INVESTITORE INVESTIMENTO PROGETTO PAESE ANNEX 1 ERUs PAESE ANNEX 1 La differenza fra la quantità di gas serra emessa realmente e quella che sarebbe stata emessa senza la realizzazione del progetto (scenario di riferimento) è accreditata sotto forma di UNITA DI RIDUZIONE ERUs

11 CDM e JI CERs o ERUs Sviluppo sostenibile nel Paese Ospite Investitore Può usarli per aumentare il proprio budget emissivo BANKING Può venderli sul mercato dei permessi di emissione

12 REQUISITI ESSENZIALI DEI PROGETTI CDM e JI IL PROGETTO DEVE PORTARE AD UNA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI ALMENO UNO DEI GAS REGOLATI DAL PROTOCOLLO DI KYOTO (CO 2, CH 4, N 2 O, HFC, PFC, SF 6 ) IL PAESE OSPITANTE DEVE AVER RATIFICATO IL PROTOCOLLO DI KYOTO IL PROGETTO DEVE ESSERE VOLONTARIO LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI E ADDIZIONALE ALLA SITUAZIONE CHE SI AVREBBE IN ASSENZA DI TALE PROGETTO (BASELINE AND CREDIT) IL PROGETTO DEVE PORTARE BENEFICI DI LUNGO TERMINE NELLA MITIGAZIONE DEL CLIMA

13 REQUISITI ESSENZIALI DEI PROGETTI CDM e JI IL PROGETTO DEVE PREVEDERE IL TRASFERIMENTO DI TECNOLOGIE PULITE E NON DEVE PREVEDERE L UTILIZZO DI UNA TECNOLOGIA NUCLEARE IL PROGETTO DEVE CONTRIBUIRE ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL PAESE OSPITANTE: SONO ESCLUSI I PROGETTI CHE HANNO UN IMPATTO SOCIO-ECONOMICO ED AMBIENTALE NON EQUILIBRATO (documento di approvazione da parte del Paese host) DEVE ESISTERE UN METODO RICONOSCIUTO DI VALUTARE QUANTITATIVAMENTE LE EMISSIONI EVITATE IL PROGETTO NON DEVE UTILIZZARE FONDI PUBBLICI DI ASSISTENZA ALLO SVILUPPO; SI DEVE POTER AFFERMARE CHE, SENZA L INCENTIVO DEI CREDITI, IL PROGETTO NON SAREBBE REALIZZABILE

14 INFLUENZA DEI PROGETTI JI E CDM SUL BUDGET DI KYOTO JI CDM ALLARGAMENTO DEL BUDGET DI KYOTO INVESTOR COUNTRY HOST COUNTRY INVESTOR COUNTRY

15 INFLUENZA DEI PROGETTI CDM UNILATERALI SUL BUDGET DI KYOTO COP 7 di Marrakech (2001): Si introduce la possibilità di progetti CDM autonomamente gestiti dai LDCs CDM unilaterale BUDGET EMISSIVO ANNEX I ALLARGAMENTO DEL BUDGET DI KYOTO

16 CDM e JI EMISSIONI CREDITI GENERATI SCENARIO DI RIFERIMENTO (BASELINE) EMISSIONI REALI INIZIO PROGETTO TEMPO

17 CDM: Tempi I progetti CDM forniscono CERs già a partire dall anno I crediti generati a partire da tale anno possono essere accumulati ed utilizzati per il rispetto degli obblighi CHI REALIZZA IN TEMPI BREVI PROGETTI CDM SI TROVA AVVANTAGGIATO!!! JI: Tempi I progetti JI generano ERUs solo a partire dall anno 2008 (commitment period)

18 JI EMISSIONI SCENARIO DI RIFERIMENTO (BASELINE) CREDITI GENERATI INIZIO PROGETTO 2008 EMISSIONI REALI TEMPO

19 BASELINE Nei progetti di JI il Paese Ospite non sarà interessato ad emettere una non realistica quantità di ERUs in quanto questi vengono sottratti dal proprio budget nazionale di emissioni Nei progetti di CDM entrambi i Paesi sono interessati ad una sovrastima dei CERs: L OSPITE PER ATTRARRE INVESTIMENTI L INVESTITORE PER AUMENTARE IL PROPRIO BUDGET EMISSIVO NECESSITA DI UN ACCURATA DEFINIZIONE DELLE BASELINE

20 BASELINES STANDARDISED APPROACHES: METODOLOGIE APPROVATE DALLA COP 7 DI MARRAKECH STATUS QUO EMISSIONS MARKET CONDITIONS BEST AVAILABLE TECHNOLOGY PROJECT BASED APPROACHES E POSSIBILE UTILIZZARE ANCHE UNA METODOLOGIA ALTERNATIVA, MA VA DESCRITTA DETTAGLIATAMENTE E GIUSTIFICATA (maggiore soggettività, maggiori costi di transazione)

21 Best Available Technology (BAT) BASELINES Host country average Host country average of last 5 years Best technology currently commercial Best technology in host country Baseline CDM Project

22 CDM: Periodo di Generazione dei Crediti EMISSIONI CREDITI GENERATI I BASELINE II BASELINE III BASELINE CREDITI GENERATI EMISSIONI REALI 2001 INIZIO PROGETTO TEMPO

23 Paesi Investitore CDM e JI: Perché partecipare? Raggiungere gli obiettivi di Kyoto a minori costi Aziende Investitrici NGOs Development Banks Investitori istituzionali Associare i propri investimenti al principio dello sviluppo sostenibile: miglioramento dell immagine aziendale Esplorazione e potenziale allargamento nei nuovi mercati dei paesi ospiti emergenti Aumentare il proprio budget emissivo Accedere ad agevolazioni offerte dalle istituzioni finanziarie internazionali Contenere la realizzazione nei LDCs di investimenti in tecnologie produttive mature e a basso costo che generano potenziale concorrenza di prezzo Generare una nuova fonte di reddito (vendita dei CERs) mediante esportazione delle proprie tecnologie ambientalmente efficienti Promuovere lo sviluppo e la sostenibilità Promuovere lo sviluppo sostenibile Creare nuovi mercati Diversificazione del portafoglio Investimento socialmente responsabile

24 CDM e JI: Perché partecipare? Ricevere nuovi investimenti esteri: aumento dell occupazione e diminuzione della povertà Paesi Ospiti Importare nuove tecnologie che facilitino lo sviluppo in un ottica di sostenibilità Miglioramento delle condizioni ambientali Trasferimento di tecnologia Imprese Ospiti Miglioramento dell efficienza tecnica ed economica Acquisizione di vantaggi competitivi rispetto alle altre imprese nazionali

25 CDM e JI: Svantaggi COSTI DI TRANSAZIONE: per la produzione della documentazione di progetto INVESTITORI per l implementazione del piano di monitoraggio per le procedure di valutazione e verifica per la registrazione dei crediti per l eventuale intermediazione per la vendita dei crediti OSPITI Eventuale perdita di altre forme di finanziamento per lo sviluppo Aumento della dipendenza economica e tecnologica dai Paesi Sviluppati Per i Paesi Ospiti Annex I (JI) maggiori difficoltà nel raggiungimento del proprio vincolo di Kyoto

26 CDM e JI: ESEMPI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA - Conversione/costruzione di impianti alimentati a biomassa o da rifiuti - Costruzione di impianti alimentati da fonti rinnovabili - Recupero di scarti di lavorazione industriale a scopo energetico - Interventi mirati al miglioramento dell efficienza (miglioramento caldaia, cogenerazione, cicli combinati) - Conversione verso combustibili fossili a minore intensità di CO2

27 CDMe JI: ESEMPI DISTRIBUZIONE DI ENERGIA: miglioramento efficienza distribuzione di energia termica e elettrica DEMAND SIDE MANAGEMENT: diffusione delle apparecchiature ad alta efficienza, costruzione di ecoimmobili TRASPORTI: trasformazione di veicoli a gas naturale RIFIUTI: recupero gas da discarica a fini energetici EMISSIONI DIFFUSE DA COMBUSTIBILI: riduzione delle perdite da serbatoi di combustibile e dagli oleodotti

28 CDM: ESEMPI AFFORESTAZIONE RIFORESTAZIONE nei LDCs le regole relative a tale CDM sono state stabilite nel corso della COP 9 di Milano (1-12 dicembre 2003)

29 L Italia e i Meccanismi Flessibili Nella Delibera CIPE 2002 è affidato ai meccanismi flessibili un ruolo importante nel raggiungimento degli obiettivi di Kyoto: Mt CO2 eq Mt CO2: progetti di riduzione del gas flaring e del gas venting Riduzione necessaria Misure già individuate Ulteriori misure Progetti CDM e JI Misure di riduzione interna Riduzione rispetto allo scenario tendenziale 2010 CDM e JI come strumenti per l accesso ai finanziamenti internazionali e come veicolo per l internazionalizzazione dell economia italiana

30 Eni e Meccanismi flessibili Eni può contribuire notevolmente al conseguimento dell'obiettivo italiano di Kyoto mediante investimenti esteri finalizzati alla riduzione dei gas serra prodotti all estero dalle sue attività. 3 Dicembre 2003: nell'ambito della COP 9, Eni e il Ministero dell Ambiente sottoscrivono un accordo volontario finalizzato all individuazione, la promozione e la valorizzazione dei progetti CDM e JI. A tal fine vengono riconosciuti come progetti CDM e JI quelli finalizzati alla eliminazione o riduzione del flaring e del venting di gas metano associato alla produzione petrolifera. Reiniezione in giacimento Flaring - Venting Generazione elettrica Treni LNG

31 Shell e CDM

32 Introduzione Meccanismi Flessibili Requisiti essenziali Progetti CDM e JI Baseline Vantaggi e Svantaggi Caso Italiano CDM: Attori Ciclo di un progetto CDM JI: Attori Ciclo di un progetto JI Prime esperienze

33 CDM -ATTORI Governance COP / MOP Executive Board (EB) Designated Operational Entities (DOE) Project participants: - Investor -Host Designated National Authorities (DNA) Stakeholders

34 CDM: Executive Board (EB) Istituito durante la COP 7 di Marrakech Eletto da COP/MOP Costituito da 10 membri (4 Annex I, 5 Non-Annex 1, 1 AOSIS) Si riunisce almeno tre volte all anno Decide con i 3/4 di maggioranza Ha le seguenti principali responsabilità: Approvazione di nuove metodologie per la definizione delle baselines e dei piani di monitoraggio Supervisione dei progetti Registrazione dei progetti Rilascio dei CERs Garantire un equa distribuzione spaziale dei progetti Divulgazione delle attività e delle opportunità relative al CDM Accreditamento e controllo degli Operational Entities

35 CDM - Designated operational entities (1) I DOE sono enti legali nazionali o internazionali indipendenti accreditati dall Executive Board Hanno le seguenti responsabilità: Validazione e richiesta di registrazione dei progetti Verifica e certificazione dell effettiva riduzione delle emissioni per i CDM registrati e realizzati Presentazione di un resoconto annuale all Executive Board Compilazione di una lista pubblica dei progetti Fornire informazioni sui progetti

36 CDM - Designated operational entities (2) Principali requisiti per l accreditamento: Provata competenza su tematiche ambientali, regionali, settoriali, nella definizione di baseline e piani di monitoraggio, nell auditing ambientale Indipendenza dal progetto Ad eccezione dei progetti di piccole dimensioni (small scale projects), gli enti accreditati per la validazione devono essere diversi da quelli accreditati per la verifica La finalità dei DOE è di garantire l integrità ambientale dei progetti CDM e di facilitare il commercio dei CERs

37 Designated National Authority (DNA) I governi dei DC devono designare un Autorità Nazionale per i progetti CDM Le DNA hanno il compito di certificare l effettivo contributo del progetto agli obiettivi di sviluppo sostenibile del paese ospite Prima della registrazione del progetto l Executive Board deve ricevere una lettera di approvazione dalla DNA

38 CICLO DI UN PROGETTO CDM Step Definizione Ente responsabile Fase progettuale 1. PROJECT DESIGN 2. VALIDATION and REGISTRATION Documento che fornisce informazioni sul progetto Valutazione indipendente del progetto Accettazione formale del progetto Partecipanti al progetto Operational Entity Executive Board 3. MONITORING Documento di monitoraggio della riduzione di emissioni Partecipanti al progetto Fase realizzativa 4. VERIFICATION and CERTIFICATION Verifica della reale riduzione di emissioni Attestazione formale del raggiungimento degli obiettivi Operational Entity Operational Entity 5. ISSUANCE Rilascio dei CERs Executive Board

39 CICLO DI UN PROGETTO CDM FASE PROGETTUALE 2. VALIDATION & REGISTRATION 1. PROJECT DESIGN CERs 5. ISSUANCE 3. MONITORING 4. VERIFICATION & CERTIFICATION FASE REALIZZATIVA

40 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 1: Project Design Descrizione del progetto Piano di monitoraggio Metodologia di baseline Calcoli

41 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 1: Project Design Descrizione del progetto: Scopo Spiegazione tecnica Trasferimento di tecnologia Confini del progetto Durata Identificazione del periodo per l ottenimento dei crediti (massimo di sette anni con possibilità di rinnovarlo due volte o di dieci anni senza possibilità di rinnovo) Addizionalità Impatti (sociali e ambientali) rilevanti per il paese ospite Fonti di finanziamento pubblico Commenti dei soggetti coinvolti (Stakeholders)

42 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 1: Project Design Piano di monitoraggio: Identificazione della qualità dei dati. Sono accurati? Confrontabili? Completi? Definizione delle metodologie utilizzate nel raccoglimento dei dati e nel progetto di monitoraggio Se vengono proposte nuove metodologie (devono essere approvate dall Executive Board): Descrizione della nuova metodologia Identificazione dei punti di forza e di debolezza Descrizione di eventuali progetti in cui la metodologia è stata applicata con successo

43 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 1: Project Design Metodologia di baseline: Se si utilizza una metodologia approvata: Dichiarazione della metodologia adottata Come tale metodologia sarà applicata Se si utilizza una nuova metodologia : Descrizione e giustificazione della nuova metodologia Punti di forza e di debolezza Parametri chiave Proiezione dell ammontare di emissioni nello scenario di riferimento Leakage

44 Calcoli: CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 1: Project Design A. Emissioni da baseline per fonte + B. Leakage = Emissioni totali da baseline C. Emissioni del progetto CDM per fonte + D. Leakage = Emissioni totali da progetto CDM (A+B) (C+D) = riduzione di emissioni dovuta al progetto

45 CICLO DI UN PROGETTO CDM FASE PROGETTUALE 2. VALIDATION & REGISTRATION 1. PROJECT DESIGN CERs 5. ISSUANCE 3. MONITORING 4. VERIFICATION & CERTIFICATION FASE REALIZZATIVA

46 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 2: Validation and Registration L Ente accreditato procede alla validazione del progetto, accertando l esistenza dei seguenti elementi: Rispetto dei requisiti di partecipazione Volontarietà Addizionalità Commento dei soggetti coinvolti Analisi d impatto ambientale Confini del progetto Che la metodologia di baseline osservi i metodi già approvati (nuove metodologie devono essere approvate dall Executive Board) Scelta del periodo per ottenere i crediti L Ente accreditato riceve la lettera dalle Autorità Nazionali

47 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 2: Validation and Registration L Ente accreditato, dopo aver validato il progetto, invia una richiesta di registrazione all Executive Board La fase progettuale si conclude con la registrazione formale del progetto da parte dell Executive Board La registrazione è considerata completa otto settimane dopo il ricevimento della richiesta, a meno che una delle Parti coinvolte o almeno tre membri dell Executive Board non richiedano una revisione del progetto

48 CICLO DI UN PROGETTO CDM FASE PROGETTUALE 2. VALIDATION & REGISTRATION 1. PROJECT DESIGN CERs 5. ISSUANCE 3. MONITORING 4. VERIFICATION & CERTIFICATION FASE REALIZZATIVA

49 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 3: Monitoring Quando il progetto diventa operativo, i partecipanti devono monitorare la riduzione di emissioni di GHG seguendo la metodologia stabilita nel Piano di Monitoraggio Tutte le modifiche del Piano di Monitoraggio devono essere giustificate e sottoposte nuovamente al procedimento di validazione

50 CICLO DI UN PROGETTO CDM FASE PROGETTUALE 2. VALIDATION & REGISTRATION 1. PROJECT DESIGN CERs 5. ISSUANCE 3. MONITORING 4. VERIFICATION & CERTIFICATION FASE REALIZZATIVA

51 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 4: Verification and Certification I risultati del monitoraggio devono essere sottoposti alla revisione dell Ente accreditato al fine di verificare la reale riduzione delle emissioni rispetto allo scenario di riferimento Se la verifica è positiva, L Ente accreditato rende pubblica una certificazione formale del progetto

52 CICLO DI UN PROGETTO CDM FASE PROGETTUALE 2. VALIDATION & REGISTRATION 1. PROJECT DESIGN CERs 5. ISSUANCE 3. MONITORING 4. VERIFICATION & CERTIFICATION FASE REALIZZATIVA

53 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 5: Issuance L Executive Board rilascia una quantità di crediti di emissione (CERs) pari alla riduzione di emissioni ottenuta mediante il progetto Tutti i dati sul rilascio, il possesso, il trasferimento e l acquisizione dei CERs vengono depositati in un registro apposito

54 CDM: Small-Scale Projects Progetti che riguardano fonti rinnovabili fino a 15 MW Attività di miglioramento di efficienza fino a 15 GWh/anno Altri progetti con emissioni inferiori alle 15 ktonn di CO 2 eq. all anno Il Comitato Esecutivo utilizza una procedura semplificata per la validazione, il monitoraggio e la verifica, allo scopo di ridurre i costi di transazione.

55 Introduzione Meccanismi Flessibili Requisiti essenziali Progetti CDM e JI Baseline Vantaggi e Svantaggi Caso Italiano CDM: Attori Ciclo di un progetto CDM JI: Attori Ciclo di un progetto JI Prime esperienze

56 Modalità di realizzazione JI: Track 1 La modalità veloce si applica quando il paese ospitante, è in grado di rispettare alcuni requisiti richiesti dal Protocollo di Kyoto riguardanti l inventario nazionale delle emissioni. In questo caso, è il paese ospitante che decide la procedura da seguire per la registrazione dei progetti, il rilascio dei crediti (ERUs) e la verifica delle riduzioni effettive di Gas Serra il loro trasferimento all investitore.

57 Modalità di realizzazione JI: Track 2 La modalità lenta si applica quando il paese ospitante, non è in regola con i requisiti richiesti dal Protocollo di Kyoto o non ha una struttura istituzionale in grado di supervisionare e seguire il progetto in tutte le fasi. In questo caso, il progetto deve essere sottoposto ad un Comitato di Supervisione e seguire un iter simile a quello per i progetti CDM.

58 Requisiti per JI Requisiti per paese ospitante Track 1 Track 2 Ratifica protocollo di Kyoto + + AAUs stabiliti da Annex B + + Sistema nazionale per l inventario nazionale delle emissioni e la metodologia di calcolo + Registro nazionale per variazioni di AAUs, ERUs + + Report annuale dell inventario + Linee guida e procedure nazionali per approvazione di progetti di JI + Istituita DNA + + Costi di Transazione Risparmio di

59 JI Track 1 Segratariato nazionale UNFCCC COP/MOP Autorità Nazionale Partecipanti al progetto Fase Progettuale Progetto JI Fase Realizzativa ERUs

60 CICLO DI UN PROGETTO JI Track 1 Step Definizione Ente responsabile Fase progettuale 1. PROJECT DESIGN 2. VALIDATION and REGISTRATION Documento che fornisce informazioni sul progetto Valutazione indipendente del progetto Accettazione formale del progetto Partecipanti al progetto Partecipanti al progetto 3. MONITORING Documento di monitoraggio della riduzione di emissioni Partecipanti al progetto Fase realizzativa 4. VERIFICATION and CERTIFICATION 5. ISSUANCE Verifica della reale riduzione di emissioni Attestazione formale del raggiungimento degli obiettivi Rilascio dei ERUs Partecipanti al progetto Partecipanti al progetto

61 JI Track 2 Segratariato nazionale UNFCCC COP/MOP Comitato Supervisore Ente Indipendente Accreditato (AIE) Autorità Nazionale Partecipanti al progetto Fase Progettuale Progetto JI Fase Realizzativa ERUs

62 CICLO DI UN PROGETTO JI Track 2 Step Definizione Ente responsabile Fase progettuale 1. PROJECT DESIGN 2. VALIDATION and REGISTRATION Documento che fornisce informazioni sul progetto Valutazione indipendente del progetto Accettazione formale del progetto Partecipanti al progetto AIE 3. MONITORING Documento di monitoraggio della riduzione di emissioni Partecipanti al progetto Fase realizzativa 4. VERIFICATION and CERTIFICATION 5. ISSUANCE Verifica della reale riduzione di emissioni Attestazione formale del raggiungimento degli obiettivi Rilascio dei ERUs AIE Comitato Supervisore

63 JI e i paesi dell Europa Centro-Orientale

64 Perché i paesi dell Europa Centro-Orientale? Sono paesi ad economia in transizione; Non fanno parte della bolla europea; Bassi costi marginali nel ridurre emissioni di gas serra; Bisogna distinguere tra nuovi stati membri, dell Unione Europea, con decorrenza 2004 e i paesi candidati.

65 Perché i paesi dell Europa Centro-Orientale? Nuovi Stati Membri Hanno baseline in linea con le stringenti disposizioni ambientali Europee Paesi Candidati Baseline più alta rispetto agli standard europei Entrata prevista: 2007 Costi Marginali di abbattimento più elevati rispetto alla situazione ex ante. Investimenti diretti esteri

66 Perché i paesi dell Europa Centro-Orientale? Nuovi Stati Membri Hanno baseline in linea con le stringenti disposizioni ambientali Europee Paesi Candidati Baseline più alta rispetto agli standard europei Entrata prevista: 2007 Repubblica Ceca, Ungheria e Slovacchia hanno iniziato il sistema di trading di emissioni domestiche Romania e Bulgaria cercano cooperazione con paesi industrializzati per JI

67 Prototype Carbon Fund

68 Prototype Carbon Fund Struttura a fondo mutuo con portafoglio progetti diversificato: progetti e contratti di acquisto di certificati Azionisti: Governi $10 MiL, Aziende $5Mil Obiettivi del PCF Certificati a prezzo competitivo e di qualità Fascia di prezzo acquisto: $ /tco2 Target di prezzo di cessione agli azionisti $ 5.6 /tco2 Qualità Kyoto (CDM/JI; diritto di veto da parte del GEF) Generare esperienza e competenze nell emergente carbon market Contribuire allo sviluppo sostenibile dei PVS

69 ERUPT

70 ERUPT Investimenti, in ambito JI, in Europa Centro-Orientale di cui si fa promotore il ministero dell economia in Olanda. Olanda ERUPT1 ERUPT2 Compra ERUs Vende ERUs ERUs stimati 4 MIL 10 MIL Investitore per ERUs Tot. 36 MIL 25 MIL Caratteristiche Investimenti Energia rinnovabile Efficienza energetica Fuel switch Rimboscamento Gestione rifiuti CO2 tra CERUPT: investimenti in ambito CDM

71 ERUPT Autorità indipendente Track1: Autorità Indipendente designata da: governo olandese e governo ospitante 3. Richiesta di validazione 4. Validazione 8. Richiesta di verifica 9. Verifica 1. Richiesta per approvazione 7. Riduzione di emissioni Governo ospitante Investitore 2. Lettera di approvazione 13. ERUs 12. Richiesta di ERUs 6. Contratto 5. Proposta di progetto 11. Pagamenti 10. Report Governo olandese

72 ERUPT Autorità indipendente Track 2 : Autorità Indipendente designata dal Comitato Supervisore 3. Richiesta di validazione 4. Validazione 8. Richiesta di verifica 9. Verifica 1. Richiesta per approvazione 7. Riduzione di emissioni Governo ospitante Investitore 2. Lettera di approvazione 13. ERUs 12. Richiesta di ERUs 6. Contratto 5. Proposta di progetto 11. Pagamenti 10. Report Governo olandese

73 WEB-GRAFIA

74 JI INFLUENZA DEI PROGETTI JI E CDM SUL BUDGET DI KYOTO EURs INVESTOR COUNTRY HOST COUNTRY INVESTOR COUNTRY HOST COUNTRY Budget emissivi back

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni

.4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni .4Modulo 4 di 4 Affrontare il Cambiamento climatico Le soluzioni Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 4Affrontare il Cambiamento climatico Spesso sentiamo

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Guida alla partecipazione a Carbomark

Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC Documento elaborato da: Roberto Vaccaro Adriano Bisello Daniele Vettorato Wolfram Sparber Collaboratori:

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE

POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Corso di PRODUZIONE DI MERCI E INNOVAZIONE a.a. 2012-2013 POLITICHE ED AZIONI INTERNAZIONALI SULL AMBIENTE Valeria Spada Università degli Studi di Foggia v.spada@unifg.it ! " #$ %%&'! Se nei tempi % passati

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi

Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Scenari ENEA per la Strategia Energetica Nazionale: metodologie e problemi Maria Rosa Virdis ENEA - Unità Centrale Studi e Strategie Università Bocconi - Milano, 5 Dicembre 2012 1 SOMMARIO Le attività

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 DIRETTIVA 2006/32/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE DOSSIERMETES

AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE DOSSIERMETES AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE 2008 DOSSIERMETES 5 FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE a cura di LUCA BOLLETTA e MICHELE DELLA

Dettagli

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS Proposta in risposta al bando del MATTM Finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane TECnologie

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA. A cura di Carlo Manna. Workshop

DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA. A cura di Carlo Manna. Workshop DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA A cura di Carlo Manna Workshop ENEA PER LA TECNOLOGIA, IL SISTEMA PRODUTTIVO E IL TERRITORIO Roma, 17 maggio

Dettagli

Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame 2009. Sintesi

Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame 2009. Sintesi Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Sintesi Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Il Governo Italiano ha segnato progressi sostanziali in numerosi

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli