MECCANISMI FLESSIBILI. di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MECCANISMI FLESSIBILI. di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore"

Transcript

1 MECCANISMI FLESSIBILI di Silvia Fazi Valentina Garruto Marina Muratore

2 AGENDA Introduzione Meccanismi Flessibili Requisiti essenziali Progetti CDM e JI Baseline Vantaggi e Svantaggi Caso Italiano CDM: Attori Ciclo di un progetto CDM JI: Attori Ciclo di un progetto JI Prime esperienze

3 Introduzione Meccanismi Flessibili Requisiti essenziali Progetti CDM e JI Baseline Vantaggi e Svantaggi Caso Italiano CDM: Attori Ciclo di un progetto CDM JI: Attori Ciclo di un progetto JI Prime esperienze

4 MECCANISMI FLESSIBILI DI KYOTO Clean CleanDevelopment Mechanism (baseline and and credit) Permette alle imprese dei Paesi Annex I (con vincoli di emissione) di realizzare progetti che mirano alla riduzione delle emissioni dei gas serra nei Paesi non Annex I (senza vincoli di emissione). (Art.12) Joint JointImplementation (baseline and and credit) Permette alle imprese dei Paesi Annex I (con vincoli di emissione) di realizzare progetti che mirano alla riduzione delle emissioni dei gas serra nei Paesi Annex I (con vincoli di emissione). (Art.6) Emission Trading (cap (capand and trade)

5 PERCHE FLESSIBILI? Flessibilità geografica: un Paese dell Annex 1 può raggiungere gli obiettivi di Kyoto assegnatigli attraverso realizzazione di progetti in un Paese diverso in cui i costi marginali di abbattimento sono inferiori Flessibilità temporale: se si abbatte più del necessario, le riduzioni in eccesso possono essere utilizzate in periodi successivi

6 COP COP 9 Milano: Emission Trading L Unione Europea ha confermato la sua convinta intenzione di attivare tutte le misure necessarie per ridurre le emissioni di gas serra e raggiungere i propri obiettivi di Kyoto. A proposito del meccanismo di ET l Unione ha dichiarato che: nel 2005 partirà il mercato interno dei permessi di emissione che coprirà circa la metà delle emissioni di CO2 dell Unione (Direttiva 2003/87/CE) è previsto di permettere la conversione dei permessi ottenuti mediante Joint Implementation (JI) e Clean Development Mechanism (CDM) nei permessi utilizzabili nell ambito del sistema di emission trading europeo (Direttiva Link).

7 CDM INVESTITORE INVESTIMENTO PROGETTO PAESE ANNEX 1 PAESE IN VIA DI SVILUPPO Aziende Private, NGOs, Fondazioni o Soggetti Pubblici realizzano un progetto in un paese in via di sviluppo mirato alla riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra

8 CDM INVESTITORE INVESTIMENTO PROGETTO PAESE ANNEX 1 CERs PAESE IN VIA DI SVILUPPO La differenza fra la quantità di gas serra emessa realmente e quella che sarebbe stata emessa senza la realizzazione del progetto (scenario di riferimento) è accreditata sotto forma di CREDITI DI EMISSIONE CERs

9 JI INVESTITORE INVESTIMENTO PROGETTO PAESE ANNEX 1 PAESE ANNEX 1 Aziende Private, NGOs, Fondazioni o Soggetti Pubblici realizzano un progetto in un paese ANNEX 1 mirato alla riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra

10 JI INVESTITORE INVESTIMENTO PROGETTO PAESE ANNEX 1 ERUs PAESE ANNEX 1 La differenza fra la quantità di gas serra emessa realmente e quella che sarebbe stata emessa senza la realizzazione del progetto (scenario di riferimento) è accreditata sotto forma di UNITA DI RIDUZIONE ERUs

11 CDM e JI CERs o ERUs Sviluppo sostenibile nel Paese Ospite Investitore Può usarli per aumentare il proprio budget emissivo BANKING Può venderli sul mercato dei permessi di emissione

12 REQUISITI ESSENZIALI DEI PROGETTI CDM e JI IL PROGETTO DEVE PORTARE AD UNA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI ALMENO UNO DEI GAS REGOLATI DAL PROTOCOLLO DI KYOTO (CO 2, CH 4, N 2 O, HFC, PFC, SF 6 ) IL PAESE OSPITANTE DEVE AVER RATIFICATO IL PROTOCOLLO DI KYOTO IL PROGETTO DEVE ESSERE VOLONTARIO LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI E ADDIZIONALE ALLA SITUAZIONE CHE SI AVREBBE IN ASSENZA DI TALE PROGETTO (BASELINE AND CREDIT) IL PROGETTO DEVE PORTARE BENEFICI DI LUNGO TERMINE NELLA MITIGAZIONE DEL CLIMA

13 REQUISITI ESSENZIALI DEI PROGETTI CDM e JI IL PROGETTO DEVE PREVEDERE IL TRASFERIMENTO DI TECNOLOGIE PULITE E NON DEVE PREVEDERE L UTILIZZO DI UNA TECNOLOGIA NUCLEARE IL PROGETTO DEVE CONTRIBUIRE ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL PAESE OSPITANTE: SONO ESCLUSI I PROGETTI CHE HANNO UN IMPATTO SOCIO-ECONOMICO ED AMBIENTALE NON EQUILIBRATO (documento di approvazione da parte del Paese host) DEVE ESISTERE UN METODO RICONOSCIUTO DI VALUTARE QUANTITATIVAMENTE LE EMISSIONI EVITATE IL PROGETTO NON DEVE UTILIZZARE FONDI PUBBLICI DI ASSISTENZA ALLO SVILUPPO; SI DEVE POTER AFFERMARE CHE, SENZA L INCENTIVO DEI CREDITI, IL PROGETTO NON SAREBBE REALIZZABILE

14 INFLUENZA DEI PROGETTI JI E CDM SUL BUDGET DI KYOTO JI CDM ALLARGAMENTO DEL BUDGET DI KYOTO INVESTOR COUNTRY HOST COUNTRY INVESTOR COUNTRY

15 INFLUENZA DEI PROGETTI CDM UNILATERALI SUL BUDGET DI KYOTO COP 7 di Marrakech (2001): Si introduce la possibilità di progetti CDM autonomamente gestiti dai LDCs CDM unilaterale BUDGET EMISSIVO ANNEX I ALLARGAMENTO DEL BUDGET DI KYOTO

16 CDM e JI EMISSIONI CREDITI GENERATI SCENARIO DI RIFERIMENTO (BASELINE) EMISSIONI REALI INIZIO PROGETTO TEMPO

17 CDM: Tempi I progetti CDM forniscono CERs già a partire dall anno I crediti generati a partire da tale anno possono essere accumulati ed utilizzati per il rispetto degli obblighi CHI REALIZZA IN TEMPI BREVI PROGETTI CDM SI TROVA AVVANTAGGIATO!!! JI: Tempi I progetti JI generano ERUs solo a partire dall anno 2008 (commitment period)

18 JI EMISSIONI SCENARIO DI RIFERIMENTO (BASELINE) CREDITI GENERATI INIZIO PROGETTO 2008 EMISSIONI REALI TEMPO

19 BASELINE Nei progetti di JI il Paese Ospite non sarà interessato ad emettere una non realistica quantità di ERUs in quanto questi vengono sottratti dal proprio budget nazionale di emissioni Nei progetti di CDM entrambi i Paesi sono interessati ad una sovrastima dei CERs: L OSPITE PER ATTRARRE INVESTIMENTI L INVESTITORE PER AUMENTARE IL PROPRIO BUDGET EMISSIVO NECESSITA DI UN ACCURATA DEFINIZIONE DELLE BASELINE

20 BASELINES STANDARDISED APPROACHES: METODOLOGIE APPROVATE DALLA COP 7 DI MARRAKECH STATUS QUO EMISSIONS MARKET CONDITIONS BEST AVAILABLE TECHNOLOGY PROJECT BASED APPROACHES E POSSIBILE UTILIZZARE ANCHE UNA METODOLOGIA ALTERNATIVA, MA VA DESCRITTA DETTAGLIATAMENTE E GIUSTIFICATA (maggiore soggettività, maggiori costi di transazione)

21 Best Available Technology (BAT) BASELINES Host country average Host country average of last 5 years Best technology currently commercial Best technology in host country Baseline CDM Project

22 CDM: Periodo di Generazione dei Crediti EMISSIONI CREDITI GENERATI I BASELINE II BASELINE III BASELINE CREDITI GENERATI EMISSIONI REALI 2001 INIZIO PROGETTO TEMPO

23 Paesi Investitore CDM e JI: Perché partecipare? Raggiungere gli obiettivi di Kyoto a minori costi Aziende Investitrici NGOs Development Banks Investitori istituzionali Associare i propri investimenti al principio dello sviluppo sostenibile: miglioramento dell immagine aziendale Esplorazione e potenziale allargamento nei nuovi mercati dei paesi ospiti emergenti Aumentare il proprio budget emissivo Accedere ad agevolazioni offerte dalle istituzioni finanziarie internazionali Contenere la realizzazione nei LDCs di investimenti in tecnologie produttive mature e a basso costo che generano potenziale concorrenza di prezzo Generare una nuova fonte di reddito (vendita dei CERs) mediante esportazione delle proprie tecnologie ambientalmente efficienti Promuovere lo sviluppo e la sostenibilità Promuovere lo sviluppo sostenibile Creare nuovi mercati Diversificazione del portafoglio Investimento socialmente responsabile

24 CDM e JI: Perché partecipare? Ricevere nuovi investimenti esteri: aumento dell occupazione e diminuzione della povertà Paesi Ospiti Importare nuove tecnologie che facilitino lo sviluppo in un ottica di sostenibilità Miglioramento delle condizioni ambientali Trasferimento di tecnologia Imprese Ospiti Miglioramento dell efficienza tecnica ed economica Acquisizione di vantaggi competitivi rispetto alle altre imprese nazionali

25 CDM e JI: Svantaggi COSTI DI TRANSAZIONE: per la produzione della documentazione di progetto INVESTITORI per l implementazione del piano di monitoraggio per le procedure di valutazione e verifica per la registrazione dei crediti per l eventuale intermediazione per la vendita dei crediti OSPITI Eventuale perdita di altre forme di finanziamento per lo sviluppo Aumento della dipendenza economica e tecnologica dai Paesi Sviluppati Per i Paesi Ospiti Annex I (JI) maggiori difficoltà nel raggiungimento del proprio vincolo di Kyoto

26 CDM e JI: ESEMPI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA - Conversione/costruzione di impianti alimentati a biomassa o da rifiuti - Costruzione di impianti alimentati da fonti rinnovabili - Recupero di scarti di lavorazione industriale a scopo energetico - Interventi mirati al miglioramento dell efficienza (miglioramento caldaia, cogenerazione, cicli combinati) - Conversione verso combustibili fossili a minore intensità di CO2

27 CDMe JI: ESEMPI DISTRIBUZIONE DI ENERGIA: miglioramento efficienza distribuzione di energia termica e elettrica DEMAND SIDE MANAGEMENT: diffusione delle apparecchiature ad alta efficienza, costruzione di ecoimmobili TRASPORTI: trasformazione di veicoli a gas naturale RIFIUTI: recupero gas da discarica a fini energetici EMISSIONI DIFFUSE DA COMBUSTIBILI: riduzione delle perdite da serbatoi di combustibile e dagli oleodotti

28 CDM: ESEMPI AFFORESTAZIONE RIFORESTAZIONE nei LDCs le regole relative a tale CDM sono state stabilite nel corso della COP 9 di Milano (1-12 dicembre 2003)

29 L Italia e i Meccanismi Flessibili Nella Delibera CIPE 2002 è affidato ai meccanismi flessibili un ruolo importante nel raggiungimento degli obiettivi di Kyoto: Mt CO2 eq Mt CO2: progetti di riduzione del gas flaring e del gas venting Riduzione necessaria Misure già individuate Ulteriori misure Progetti CDM e JI Misure di riduzione interna Riduzione rispetto allo scenario tendenziale 2010 CDM e JI come strumenti per l accesso ai finanziamenti internazionali e come veicolo per l internazionalizzazione dell economia italiana

30 Eni e Meccanismi flessibili Eni può contribuire notevolmente al conseguimento dell'obiettivo italiano di Kyoto mediante investimenti esteri finalizzati alla riduzione dei gas serra prodotti all estero dalle sue attività. 3 Dicembre 2003: nell'ambito della COP 9, Eni e il Ministero dell Ambiente sottoscrivono un accordo volontario finalizzato all individuazione, la promozione e la valorizzazione dei progetti CDM e JI. A tal fine vengono riconosciuti come progetti CDM e JI quelli finalizzati alla eliminazione o riduzione del flaring e del venting di gas metano associato alla produzione petrolifera. Reiniezione in giacimento Flaring - Venting Generazione elettrica Treni LNG

31 Shell e CDM

32 Introduzione Meccanismi Flessibili Requisiti essenziali Progetti CDM e JI Baseline Vantaggi e Svantaggi Caso Italiano CDM: Attori Ciclo di un progetto CDM JI: Attori Ciclo di un progetto JI Prime esperienze

33 CDM -ATTORI Governance COP / MOP Executive Board (EB) Designated Operational Entities (DOE) Project participants: - Investor -Host Designated National Authorities (DNA) Stakeholders

34 CDM: Executive Board (EB) Istituito durante la COP 7 di Marrakech Eletto da COP/MOP Costituito da 10 membri (4 Annex I, 5 Non-Annex 1, 1 AOSIS) Si riunisce almeno tre volte all anno Decide con i 3/4 di maggioranza Ha le seguenti principali responsabilità: Approvazione di nuove metodologie per la definizione delle baselines e dei piani di monitoraggio Supervisione dei progetti Registrazione dei progetti Rilascio dei CERs Garantire un equa distribuzione spaziale dei progetti Divulgazione delle attività e delle opportunità relative al CDM Accreditamento e controllo degli Operational Entities

35 CDM - Designated operational entities (1) I DOE sono enti legali nazionali o internazionali indipendenti accreditati dall Executive Board Hanno le seguenti responsabilità: Validazione e richiesta di registrazione dei progetti Verifica e certificazione dell effettiva riduzione delle emissioni per i CDM registrati e realizzati Presentazione di un resoconto annuale all Executive Board Compilazione di una lista pubblica dei progetti Fornire informazioni sui progetti

36 CDM - Designated operational entities (2) Principali requisiti per l accreditamento: Provata competenza su tematiche ambientali, regionali, settoriali, nella definizione di baseline e piani di monitoraggio, nell auditing ambientale Indipendenza dal progetto Ad eccezione dei progetti di piccole dimensioni (small scale projects), gli enti accreditati per la validazione devono essere diversi da quelli accreditati per la verifica La finalità dei DOE è di garantire l integrità ambientale dei progetti CDM e di facilitare il commercio dei CERs

37 Designated National Authority (DNA) I governi dei DC devono designare un Autorità Nazionale per i progetti CDM Le DNA hanno il compito di certificare l effettivo contributo del progetto agli obiettivi di sviluppo sostenibile del paese ospite Prima della registrazione del progetto l Executive Board deve ricevere una lettera di approvazione dalla DNA

38 CICLO DI UN PROGETTO CDM Step Definizione Ente responsabile Fase progettuale 1. PROJECT DESIGN 2. VALIDATION and REGISTRATION Documento che fornisce informazioni sul progetto Valutazione indipendente del progetto Accettazione formale del progetto Partecipanti al progetto Operational Entity Executive Board 3. MONITORING Documento di monitoraggio della riduzione di emissioni Partecipanti al progetto Fase realizzativa 4. VERIFICATION and CERTIFICATION Verifica della reale riduzione di emissioni Attestazione formale del raggiungimento degli obiettivi Operational Entity Operational Entity 5. ISSUANCE Rilascio dei CERs Executive Board

39 CICLO DI UN PROGETTO CDM FASE PROGETTUALE 2. VALIDATION & REGISTRATION 1. PROJECT DESIGN CERs 5. ISSUANCE 3. MONITORING 4. VERIFICATION & CERTIFICATION FASE REALIZZATIVA

40 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 1: Project Design Descrizione del progetto Piano di monitoraggio Metodologia di baseline Calcoli

41 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 1: Project Design Descrizione del progetto: Scopo Spiegazione tecnica Trasferimento di tecnologia Confini del progetto Durata Identificazione del periodo per l ottenimento dei crediti (massimo di sette anni con possibilità di rinnovarlo due volte o di dieci anni senza possibilità di rinnovo) Addizionalità Impatti (sociali e ambientali) rilevanti per il paese ospite Fonti di finanziamento pubblico Commenti dei soggetti coinvolti (Stakeholders)

42 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 1: Project Design Piano di monitoraggio: Identificazione della qualità dei dati. Sono accurati? Confrontabili? Completi? Definizione delle metodologie utilizzate nel raccoglimento dei dati e nel progetto di monitoraggio Se vengono proposte nuove metodologie (devono essere approvate dall Executive Board): Descrizione della nuova metodologia Identificazione dei punti di forza e di debolezza Descrizione di eventuali progetti in cui la metodologia è stata applicata con successo

43 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 1: Project Design Metodologia di baseline: Se si utilizza una metodologia approvata: Dichiarazione della metodologia adottata Come tale metodologia sarà applicata Se si utilizza una nuova metodologia : Descrizione e giustificazione della nuova metodologia Punti di forza e di debolezza Parametri chiave Proiezione dell ammontare di emissioni nello scenario di riferimento Leakage

44 Calcoli: CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 1: Project Design A. Emissioni da baseline per fonte + B. Leakage = Emissioni totali da baseline C. Emissioni del progetto CDM per fonte + D. Leakage = Emissioni totali da progetto CDM (A+B) (C+D) = riduzione di emissioni dovuta al progetto

45 CICLO DI UN PROGETTO CDM FASE PROGETTUALE 2. VALIDATION & REGISTRATION 1. PROJECT DESIGN CERs 5. ISSUANCE 3. MONITORING 4. VERIFICATION & CERTIFICATION FASE REALIZZATIVA

46 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 2: Validation and Registration L Ente accreditato procede alla validazione del progetto, accertando l esistenza dei seguenti elementi: Rispetto dei requisiti di partecipazione Volontarietà Addizionalità Commento dei soggetti coinvolti Analisi d impatto ambientale Confini del progetto Che la metodologia di baseline osservi i metodi già approvati (nuove metodologie devono essere approvate dall Executive Board) Scelta del periodo per ottenere i crediti L Ente accreditato riceve la lettera dalle Autorità Nazionali

47 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 2: Validation and Registration L Ente accreditato, dopo aver validato il progetto, invia una richiesta di registrazione all Executive Board La fase progettuale si conclude con la registrazione formale del progetto da parte dell Executive Board La registrazione è considerata completa otto settimane dopo il ricevimento della richiesta, a meno che una delle Parti coinvolte o almeno tre membri dell Executive Board non richiedano una revisione del progetto

48 CICLO DI UN PROGETTO CDM FASE PROGETTUALE 2. VALIDATION & REGISTRATION 1. PROJECT DESIGN CERs 5. ISSUANCE 3. MONITORING 4. VERIFICATION & CERTIFICATION FASE REALIZZATIVA

49 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 3: Monitoring Quando il progetto diventa operativo, i partecipanti devono monitorare la riduzione di emissioni di GHG seguendo la metodologia stabilita nel Piano di Monitoraggio Tutte le modifiche del Piano di Monitoraggio devono essere giustificate e sottoposte nuovamente al procedimento di validazione

50 CICLO DI UN PROGETTO CDM FASE PROGETTUALE 2. VALIDATION & REGISTRATION 1. PROJECT DESIGN CERs 5. ISSUANCE 3. MONITORING 4. VERIFICATION & CERTIFICATION FASE REALIZZATIVA

51 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 4: Verification and Certification I risultati del monitoraggio devono essere sottoposti alla revisione dell Ente accreditato al fine di verificare la reale riduzione delle emissioni rispetto allo scenario di riferimento Se la verifica è positiva, L Ente accreditato rende pubblica una certificazione formale del progetto

52 CICLO DI UN PROGETTO CDM FASE PROGETTUALE 2. VALIDATION & REGISTRATION 1. PROJECT DESIGN CERs 5. ISSUANCE 3. MONITORING 4. VERIFICATION & CERTIFICATION FASE REALIZZATIVA

53 CICLO DI UN PROGETTO CDM Fase 5: Issuance L Executive Board rilascia una quantità di crediti di emissione (CERs) pari alla riduzione di emissioni ottenuta mediante il progetto Tutti i dati sul rilascio, il possesso, il trasferimento e l acquisizione dei CERs vengono depositati in un registro apposito

54 CDM: Small-Scale Projects Progetti che riguardano fonti rinnovabili fino a 15 MW Attività di miglioramento di efficienza fino a 15 GWh/anno Altri progetti con emissioni inferiori alle 15 ktonn di CO 2 eq. all anno Il Comitato Esecutivo utilizza una procedura semplificata per la validazione, il monitoraggio e la verifica, allo scopo di ridurre i costi di transazione.

55 Introduzione Meccanismi Flessibili Requisiti essenziali Progetti CDM e JI Baseline Vantaggi e Svantaggi Caso Italiano CDM: Attori Ciclo di un progetto CDM JI: Attori Ciclo di un progetto JI Prime esperienze

56 Modalità di realizzazione JI: Track 1 La modalità veloce si applica quando il paese ospitante, è in grado di rispettare alcuni requisiti richiesti dal Protocollo di Kyoto riguardanti l inventario nazionale delle emissioni. In questo caso, è il paese ospitante che decide la procedura da seguire per la registrazione dei progetti, il rilascio dei crediti (ERUs) e la verifica delle riduzioni effettive di Gas Serra il loro trasferimento all investitore.

57 Modalità di realizzazione JI: Track 2 La modalità lenta si applica quando il paese ospitante, non è in regola con i requisiti richiesti dal Protocollo di Kyoto o non ha una struttura istituzionale in grado di supervisionare e seguire il progetto in tutte le fasi. In questo caso, il progetto deve essere sottoposto ad un Comitato di Supervisione e seguire un iter simile a quello per i progetti CDM.

58 Requisiti per JI Requisiti per paese ospitante Track 1 Track 2 Ratifica protocollo di Kyoto + + AAUs stabiliti da Annex B + + Sistema nazionale per l inventario nazionale delle emissioni e la metodologia di calcolo + Registro nazionale per variazioni di AAUs, ERUs + + Report annuale dell inventario + Linee guida e procedure nazionali per approvazione di progetti di JI + Istituita DNA + + Costi di Transazione Risparmio di

59 JI Track 1 Segratariato nazionale UNFCCC COP/MOP Autorità Nazionale Partecipanti al progetto Fase Progettuale Progetto JI Fase Realizzativa ERUs

60 CICLO DI UN PROGETTO JI Track 1 Step Definizione Ente responsabile Fase progettuale 1. PROJECT DESIGN 2. VALIDATION and REGISTRATION Documento che fornisce informazioni sul progetto Valutazione indipendente del progetto Accettazione formale del progetto Partecipanti al progetto Partecipanti al progetto 3. MONITORING Documento di monitoraggio della riduzione di emissioni Partecipanti al progetto Fase realizzativa 4. VERIFICATION and CERTIFICATION 5. ISSUANCE Verifica della reale riduzione di emissioni Attestazione formale del raggiungimento degli obiettivi Rilascio dei ERUs Partecipanti al progetto Partecipanti al progetto

61 JI Track 2 Segratariato nazionale UNFCCC COP/MOP Comitato Supervisore Ente Indipendente Accreditato (AIE) Autorità Nazionale Partecipanti al progetto Fase Progettuale Progetto JI Fase Realizzativa ERUs

62 CICLO DI UN PROGETTO JI Track 2 Step Definizione Ente responsabile Fase progettuale 1. PROJECT DESIGN 2. VALIDATION and REGISTRATION Documento che fornisce informazioni sul progetto Valutazione indipendente del progetto Accettazione formale del progetto Partecipanti al progetto AIE 3. MONITORING Documento di monitoraggio della riduzione di emissioni Partecipanti al progetto Fase realizzativa 4. VERIFICATION and CERTIFICATION 5. ISSUANCE Verifica della reale riduzione di emissioni Attestazione formale del raggiungimento degli obiettivi Rilascio dei ERUs AIE Comitato Supervisore

63 JI e i paesi dell Europa Centro-Orientale

64 Perché i paesi dell Europa Centro-Orientale? Sono paesi ad economia in transizione; Non fanno parte della bolla europea; Bassi costi marginali nel ridurre emissioni di gas serra; Bisogna distinguere tra nuovi stati membri, dell Unione Europea, con decorrenza 2004 e i paesi candidati.

65 Perché i paesi dell Europa Centro-Orientale? Nuovi Stati Membri Hanno baseline in linea con le stringenti disposizioni ambientali Europee Paesi Candidati Baseline più alta rispetto agli standard europei Entrata prevista: 2007 Costi Marginali di abbattimento più elevati rispetto alla situazione ex ante. Investimenti diretti esteri

66 Perché i paesi dell Europa Centro-Orientale? Nuovi Stati Membri Hanno baseline in linea con le stringenti disposizioni ambientali Europee Paesi Candidati Baseline più alta rispetto agli standard europei Entrata prevista: 2007 Repubblica Ceca, Ungheria e Slovacchia hanno iniziato il sistema di trading di emissioni domestiche Romania e Bulgaria cercano cooperazione con paesi industrializzati per JI

67 Prototype Carbon Fund

68 Prototype Carbon Fund Struttura a fondo mutuo con portafoglio progetti diversificato: progetti e contratti di acquisto di certificati Azionisti: Governi $10 MiL, Aziende $5Mil Obiettivi del PCF Certificati a prezzo competitivo e di qualità Fascia di prezzo acquisto: $ /tco2 Target di prezzo di cessione agli azionisti $ 5.6 /tco2 Qualità Kyoto (CDM/JI; diritto di veto da parte del GEF) Generare esperienza e competenze nell emergente carbon market Contribuire allo sviluppo sostenibile dei PVS

69 ERUPT

70 ERUPT Investimenti, in ambito JI, in Europa Centro-Orientale di cui si fa promotore il ministero dell economia in Olanda. Olanda ERUPT1 ERUPT2 Compra ERUs Vende ERUs ERUs stimati 4 MIL 10 MIL Investitore per ERUs Tot. 36 MIL 25 MIL Caratteristiche Investimenti Energia rinnovabile Efficienza energetica Fuel switch Rimboscamento Gestione rifiuti CO2 tra CERUPT: investimenti in ambito CDM

71 ERUPT Autorità indipendente Track1: Autorità Indipendente designata da: governo olandese e governo ospitante 3. Richiesta di validazione 4. Validazione 8. Richiesta di verifica 9. Verifica 1. Richiesta per approvazione 7. Riduzione di emissioni Governo ospitante Investitore 2. Lettera di approvazione 13. ERUs 12. Richiesta di ERUs 6. Contratto 5. Proposta di progetto 11. Pagamenti 10. Report Governo olandese

72 ERUPT Autorità indipendente Track 2 : Autorità Indipendente designata dal Comitato Supervisore 3. Richiesta di validazione 4. Validazione 8. Richiesta di verifica 9. Verifica 1. Richiesta per approvazione 7. Riduzione di emissioni Governo ospitante Investitore 2. Lettera di approvazione 13. ERUs 12. Richiesta di ERUs 6. Contratto 5. Proposta di progetto 11. Pagamenti 10. Report Governo olandese

73 WEB-GRAFIA

74 JI INFLUENZA DEI PROGETTI JI E CDM SUL BUDGET DI KYOTO EURs INVESTOR COUNTRY HOST COUNTRY INVESTOR COUNTRY HOST COUNTRY Budget emissivi back

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità

Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING. che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Direttiva 2003/87/CE EMISSION TRADING che istituisce un sistema per lo scambio di quote di emissioni dei gas a effetto serra nella Comunità Il Protocollo di Kyoto: obiettivi per l Europa e per l Italia

Dettagli

Il protocollo di Kyoto

Il protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Il protocollo di Kyoto E' il primo tentativo globale di coordinamento delle politiche economiche di singoli stati sovrani. Il protocollo di Kyoto è lo storico accordo internazionale

Dettagli

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015

Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 Conferenza finale Bologna, 15/12/2015 BoCaM Il contesto dal quale nasce il progetto Le iniziative pregresse Il percorso Kyoto meccanismi di mercato: il sistema ETS International Emissions Trading I paesi

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale

Tematica Argomento Docente. Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale legislativi inquadramento generale Tematica Argomento Docente Parte prima: Elementi di diritto ambientale: quadro normativo internazionale, comunitario, nazionale Avv. Alessandra inquadramento generale Emissioni in atmosfera: quadro normativo

Dettagli

Michela Gallo. CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università di Genova. Pavia

Michela Gallo. CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università di Genova. Pavia La creazione e la contabilizzazione di un credito locale di CO 2 Michela Gallo CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università di Genova 13 ottobre 2008 Pavia Il Protocollo

Dettagli

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra

il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Comune di Bastia Umbra ACCORDO VOLONTARIO tra il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Comune di Bastia Umbra (di seguito denominate Parti Firmatarie ) in materia di Promozione di progetti comuni

Dettagli

ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO

ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO ANALISI DELL APPLICAZIONE DEL CLEAN DEVELOPMENT MECHANISM ED APPROFONDIMENTO SU PROGETTI DESTINATI A PAESI AFRICANI CON CASO STUDIO Giovanni Maiocchi UNIVERSITÀ DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2008-4- 2

Dettagli

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair

I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair I meccanismi flessibili per la riduzione dei gas serra: il progetto Desair Edoardo Croci IEFE - Università Bocconi FUTURO SOSTENIBILE: AZIONI E STRUMENTI Conferenza programmatica DG Qualità dell ambiente

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Metodologie e vantaggi. Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality

Metodologie e vantaggi. Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality GLI STRUMENTI VOLONTARI DI RENDICONTAZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS A EFFETTO SERRA (GHG) Lo standard ISO 14064 Metodologie e vantaggi Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality VERSO

Dettagli

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto

Protocollo di Kyoto 1988 IPCC 1992 UN Framework Convention on Climate Change http://unfccc.int protocollo di Kyoto Protocollo di Kyoto Nel 1988 Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) gruppo intergovernativo indipendente, informa l opinione pubblica e i politici sui progressi della ricerca sul cambiamento

Dettagli

Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2

Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2 Sistemi filtro ed arborei di pianura per l immobilizzazione della CO2 Dott.ssa Elisa Scanzi ERSAF Prof. Maurizio Borin UNIPD - Patto di collaborazione Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Emission Trading: dal Protocollo di Kyoto verso Copenhagen Fabio Di Benedetto Castellanza,

Dettagli

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica.

Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Lo schema del C.D.M e l interazione positiva con l industria chimica. Giuseppe Astarita FEDERCHIMICA Milano, 19 aprile 2012 CDM Inquadramento nelle politiche climatiche La risposta internazionale al problema

Dettagli

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni Incentivazione del risparmio energetico nell industria tramite i Certificati Bianchi Linea Guida per accedere al contributo PREMESSA La legislazione

Dettagli

1. Fondi Misti pubblici privati. 1.1 Fondi gestiti dalla Banca Mondiale. Capitalizzazione /US$/yen $180M

1. Fondi Misti pubblici privati. 1.1 Fondi gestiti dalla Banca Mondiale. Capitalizzazione /US$/yen $180M 1. Fon Misti pubblici privati 1.1 Fon gestiti dalla Banca Monale Nome fondo Attività/obiettivi Investitori Anno Tipologie Prototype 6 governi 2000 CERs 17 imprese (PCF) Acquisto CERs / e JI e loro stribuzione

Dettagli

Ing. Francesco Bazzoffi

Ing. Francesco Bazzoffi IL MERCATO DELLE EMISSIONI DI CO 2 IN ITALIA E LE POSSIBILITÀ OFFERTE DAI MECCANISMI FLESSIBILI DEL PROTOCOLLO DI KYOTO Ing. Francesco Bazzoffi Firenze, 27 ottobre 2009 1 Il Progetto SETatWork (Sustainable

Dettagli

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini

Emission Trading: i costi del Protocollo. Giovanni Straffelini Emission Trading: i costi del Protocollo Giovanni Straffelini Dicembre 2004: la Russia ha ratificato il Protocollo di Kyoto Il 18 febbraio il Protocollo di Kyoto è entrato in vigore ed è vincolante per

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

Industria del recupero e packaging chain

Industria del recupero e packaging chain Gestione rifiuti, riciclo materiali, recupero energetico: il possibile contributo alla sfida di Kyoto Ecomondo, 3 novembre 2004 Giancarlo Longhi Direttore Generale 1 Le positive conseguenze dell industria

Dettagli

Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2

Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2 Il convenant of Mayors e le azioni locali per il clima: dalla pianificazione all attuazione Il mercato dei crediti volontari di CO2 25 settembre 2013 Kyoto meccanismi flessibili Il protocollo di Kyoto

Dettagli

Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale

Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale Analisi e riflessioni sulle tendenze e la regolamentazione del mercato energeticoambientale in Italia Francesco Gullì Alba, 27 gennaio 2011 Tre angoli di visuale Dinamica del prezzo del petrolio (accresciuta

Dettagli

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen? TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali:

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera

Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Accesso alla banca dati dell inventario delle emissioni in atmosfera Regione Liguria Dipartimento Ambiente Patrizia Costi Settore aria clima e ciclo integrato dei rifiuti INDICE Accesso alle informazioni

Dettagli

Obiettivi (Progetto esecutivo)

Obiettivi (Progetto esecutivo) Programma delle Ricerche Strategiche 2004/2005 Produzione e uso razionale e sostenibile dell energia - Parte III Project leader: Alessandro Colombo Emission trading in Lombardia: Studio per una ipotesi

Dettagli

Obiettivi e Strumenti

Obiettivi e Strumenti Libro verde sul quadro al 2030 per le politiche energetiche e climatiche Consultazione pubblica del Ministero dello Sviluppo Economico Risposte Confindustria Confindustria considera il tema affrontato

Dettagli

The ideal partner toward a more sustainable world. Lo sviluppo sostenibile partendo da un piano di cottura

The ideal partner toward a more sustainable world. Lo sviluppo sostenibile partendo da un piano di cottura The ideal partner toward a more sustainable world Lo sviluppo sostenibile partendo da un piano di cottura Chi siamo? CarbonSinkGroup s.r.l. è uno Spin-Off dell Università degli Studi di Firenze, specializzato

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT

Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT Seminario regionale informale su Kyoto e dintorni Bologna, 11 luglio 2005 Il Protocollo di Kyoto: la situazione italiana e le attività dell APAT Domenico Gaudioso Agenzia per la Protezione dell Ambiente

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Area Previsione e Monitoraggio Ambientale Torino 21-9-2006 2006 Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Corso-Laboratorio Educazione Ambientale Modulo Il Cambiamento Climatico

Dettagli

Torino, 15 novembre 2011

Torino, 15 novembre 2011 Prime esperienze a Livello Internazionale di Certificazione e definizione di Registri di Contabilizzazione delle Emissioni applicate ad Ambiti e Politiche Territoriali Prof. Ing. Domenico Andreis Torino,

Dettagli

Imprese, forestazione e crediti di emissioni di CO 2

Imprese, forestazione e crediti di emissioni di CO 2 Imprese, forestazione e crediti di emissioni di CO 2 di Danilo Devigili Verbania,19 gennaio 2008 impatto energetico i consumi di energia elettrica in Italia sono ca 317.000 mln di Kwh, di questi il 50%

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico. Ing. Andrea D Ascanio

BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico. Ing. Andrea D Ascanio BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico Ing. Andrea D Ascanio lunedì 11 Dicembre 14 dicembre 2009 2009 La storia di Banca Etica Anni 80: prime esperienze

Dettagli

Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA. 1. costo inevitabile e incontrollato

Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA. 1. costo inevitabile e incontrollato Ing. Fabio Minchio L AUDIT ENERGETICO ENERGIA: DA COSTO INCONTROLLATO A VARIABILE STRATEGICA 1. costo inevitabile e incontrollato 2. costo controllato 3. costo pianificato 4. costo pianificato + valore

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

CAPITOLO I: SCOPI E PRINCIPI

CAPITOLO I: SCOPI E PRINCIPI STATUTO RURENER Principi, diritti e doveri dei membri RURENER Disclaimer La responsabilità esclusiva del contenuto di questa pubblicazione è degli autori. Non riflette necessariamente l opinione delle

Dettagli

Politiche energetiche ed ambientali. Previsioni sull energia prodotta da rinnovabili

Politiche energetiche ed ambientali. Previsioni sull energia prodotta da rinnovabili Generazione Diffusa: Impatto sulla Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale Sviluppo della generazione diffusa in Italia MILANO, 30 APRILE 2009 Pianificazione e Sviluppo Rete / Pianificazione Rete 1 La

Dettagli

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015

Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Carbon Neutrality Federchimica Workshop 2015 Andrea Ronchi Business Development Manager Milano, 6 Maggio 2015 www.ecoway.it Member of: EcoWay S.p.a. L Azienda Anno di costituzione: 2003 Prima società italiana

Dettagli

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni Michela Gallo Bologna, 26 novembre 2007 1 Primati del RINA Il RINA, da sempre promotore di schemi

Dettagli

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità

Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Il Sistema Internazionale delle Emissioni e gli Strumenti di Flessibilità Modelli integrati territoriali per l utilizzo dei biocarburanti Università di Teramo spapa@unite.it Riscaldamento terrestre Secondo

Dettagli

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica

Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Certificati Bianchi Titoli di Efficienza Energetica Dott.ssa Valeria Paoletti I certificati bianchi sono stati istituiti per raggiungere gli OBIETTIVI NAZIONALI di risparmio energetico, finalizzati all

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE VISTA la decisione 93/389/CEE del Consiglio dell Unione Europea, modificata

Dettagli

Iniziative e progetti pilota per la promozione dei Sistemi di Gestione Ambientale in Lombardia

Iniziative e progetti pilota per la promozione dei Sistemi di Gestione Ambientale in Lombardia Iniziative e progetti pilota per la promozione dei Sistemi di Gestione Ambientale in Lombardia Regione Lombardia U.O. Riduzione Emissioni in atmosfera e Sostenibilità Ambientale Arch. Anelisa Ricci 1 La

Dettagli

Emissions Trading Systems Teoria e Pratica

Emissions Trading Systems Teoria e Pratica Emissions Trading Systems Teoria e Pratica Edilio Valentini (Universita G. D Annunzio di Chieti-Pescara) Piano della lezione Analisi delle principali caratteristiche teoriche e di funzionamento dei permessi

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Verona, 5 Maggio 2010. www.gse.it

Verona, 5 Maggio 2010. www.gse.it Piano di azione nazionale per le energie rinnovabili Direttiva 2009/28/CE Costantino Lato Direttore Studi, Statistiche e Servizi Specialistici SOLAREXPO Verona, 5 Maggio 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività

Dettagli

Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto

Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto SUSTAINABILITY SERVICES Rischi e opportunità per il settore finanziario correlati all Emission Trading nell ambito del protocollo di Kyoto Massimiliano Rigo 24 ottobre 2006 ADVISORY 2006 KPMG Advisory

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO POMPE DI CALORE clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA DCO 2/08 AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (Articolo 2, comma 3, dei decreti ministeriali 20 luglio 2004) Documento per

Dettagli

Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica

Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica Microcogenerazione La sostenibilità economica dell efficienza energetica Rimini li 12 Dicembre 2014 Perché parlare di efficienza energetica? L'efficienza energetica è la capacità di sfruttare in modo razionale

Dettagli

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica

La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica La politica Europea e Italiana per l Efficienza Energetica Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Sommario Direttiva Europea sull Efficienza Energetica Strategia Energetica Nazionale (sett. 2012) 2

Dettagli

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions

CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Carbomark LIFE07 ENV/IT/000388 CarboMark as an opportunity for exploitation of forests and wood products to offset CO2 emissions Alessandro Peressotti Centro Congressi Torino Incontra 15/16 Novembre 2011

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.)

SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA (S.G.E.) Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH 193 Pag. 1 di 5 AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI (S.G.E.) 0 01.10.2013

Dettagli

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a )

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a ) Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE Audizione del presidente

Dettagli

Compensazione CO 2 per le imprese

Compensazione CO 2 per le imprese Compensazione CO 2 per le imprese Il cambiamento climatico è un dato di fatto! Gli ultimi anni hanno confermato il trend Aumento simultaneo della concentrazione di CO 2 nell atmosfera, della temperatura

Dettagli

Incontro informativo. Il mercato delle quote di emissione del GME

Incontro informativo. Il mercato delle quote di emissione del GME ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio Area Ambiente e Sicurezza Incontro informativo Il mercato delle quote di emissione del GME Stefano Alaimo Milano, 16 marzo 2007 Il mercato delle

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

7 a edizione. Bando di concorso. Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6

7 a edizione. Bando di concorso. Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6 7 a edizione Bando di concorso Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6 Art.1 Finalità, soggetti promotori e obiettivi Il Premio Impresa Ambiente è promosso dalla Camera di Commercio di Roma - Asset

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna).

Potenza efficiente Produzione lorda di lorda energia elettrica. Figura 1: situazione degli impianti di cogenerazione nel 2005 (fonti GSE e Terna). Scheda D Analisi e valutazioni relative al decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 di attuazione della Direttiva 2004/8/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e altre norme in materia di cogenerazione

Dettagli

NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2.

NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2. NER 300 PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE COMMERCIALE FINALIZZATI AL TRATTENIMENTO, IN TOTALE SICUREZZA AMBIENTALE, E LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DI CO2. PROGETTI DI DIMOSTRAZIONE DI TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA PRODUZIONE

Dettagli

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria VIII Commissione permanente Camera Audizione Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria Alessandro Pascucci 29 settembre 2014 1 Egr. Presidente, in qualità di Federesco (Federazione

Dettagli

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010

Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 Emissions trading: funzionamento, aspetti normativi e contrattuali 22/04/2010 1 Quadro normativo di riferimento (i) Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici adottata a New York

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi A21 -- Ambiente nel 21 secolo Tel. 030 7995986 - Cell. 335 8130355 mail: info@a21.it - www.a21.it

Dettagli

ENG TEAM & PARTNERS ENG TEAM & PARTNERS

ENG TEAM & PARTNERS ENG TEAM & PARTNERS Chi siamo LA SOCIETA ENG TEAM & PARTNERS è una società di consulenza del Nord Est Italia. Gli ambiti in cui opera sono molteplici proponendosi con competenze specifiche nei settori delle infrastrutture,

Dettagli

Tholos Green Benefits

Tholos Green Benefits Tholos Green Benefits Certificati Bianchi: nuove opportunità per la cogenerazione Cogenerazione ed efficienza energetica tra vantaggi, problematiche e iter normativi ENERSOLAR 16 novembre 2011 Consumi

Dettagli

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE Dott. Ing. Andrea Papageorgiou, Direttore Generale Bryo S.p.A Giovedì 2 Ottobre 2014 AEPI Industrie Srl Imola In collaborazione

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it

CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it CRESCITA ECONOMICA, COMMERCIO INTERNAZIONALE E AMBIENTE NATURALE: DINAMICHE E INTERAZIONI Valeria Costantini CONTATTI: LEZIONE 2 LEZIONE 2 costanti@uniroma3.it 1 CAMBIAMENTO CLIMATICO E PROTOCOLLO DI KYOTO

Dettagli

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Milano, 28-02-06 www.kyototarget.org Per approfondimenti: Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518110 Cell 333 4963144

Dettagli

Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem. Casale, 11 marzo 2008

Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem. Casale, 11 marzo 2008 Effetto serra e cambiamenti climatici Il ruolo dell industria d i italiana Paolo Zelano, Emissions Trading Manager, Buzzi Unicem Casale, 11 marzo 2008 Effetto serra il meccanismo I gas responsabili dell'effetto

Dettagli

Uniamo le Energie. Workshop parallelo La finanza energetica CARLO MARIA MAGNI. Coordinato del gruppo di lavoro finanza del Kyoto Club

Uniamo le Energie. Workshop parallelo La finanza energetica CARLO MARIA MAGNI. Coordinato del gruppo di lavoro finanza del Kyoto Club Uniamo le Energie Workshop parallelo La finanza energetica CARLO MARIA MAGNI Coordinato del gruppo di lavoro finanza del Kyoto Club 23 maggio 2008 Palavela, Torino Introduzione Uniamo le energie Uniamo

Dettagli

PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEL MIX ENERGETICO UTILIZZATO PER LA PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VENDUTA DALL IMPRESA DI VENDITA

PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEL MIX ENERGETICO UTILIZZATO PER LA PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VENDUTA DALL IMPRESA DI VENDITA Pagina 1 di 17 DEL MIX ENERGETICO UTILIZZATO PER LA (Ai sensi dell articolo 5, comma 7, del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 31 luglio 2009) Pagina 2 di 17 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 GLOSSARIO...

Dettagli

Le Diagnosi Energetiche e i Sistemi di Gestione dell Energia

Le Diagnosi Energetiche e i Sistemi di Gestione dell Energia organizzato da: in collaborazione con: Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia VERONA FORUM DEGLI ENERGY MANAGER Energy management for a smarter energy Sala Rossini Smart Energy Expo 11 Ottobre

Dettagli

Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi. Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale

Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi. Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale Fonti Energetiche Rinnovabili: Incentivi Economia Ambientale Corso di Laurea In Ingegneria Civile e Ambientale Contesto Politiche per il Cambiamento Climatico Riduzione delle emissioni di gas serra anche

Dettagli

Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES

Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES Strumenti operativi a disposizione dei Comuni per l elaborazione dei PAES La Regione Emilia Romagna per agevolare gli Enti locali coinvolti nell iniziativa Patto dei Sindaci, ha messo a disposizione dei

Dettagli

L applicazione della direttiva sull emission trading

L applicazione della direttiva sull emission trading L applicazione della direttiva sull emission trading FIRE Il mercato dell efficienza energetica: opportunità legate all incontro fra gli attori 19-20 ottobre 2006 Isola di S. Servolo Venezia Mario Contaldi

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

primo piano The carbon market: major operational carbon funds and financed projects

primo piano The carbon market: major operational carbon funds and financed projects Il mercato del carbonio: principali carbon funds esistenti e progetti finanziati Anil Markandya*, Veronica Nobili** I meccanismi flessibili previsti dal Protocollo di Kyoto hanno via via determinato un

Dettagli

La Gestione del Carbon Footprint in ottica di Filiera L esperienza di PALM

La Gestione del Carbon Footprint in ottica di Filiera L esperienza di PALM Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova 049 8275536-9 www.cesqa.it Responsabile: Prof. Antonio Scipioni Relatore: Ing. Filippo Zuliani filippo.zuliani@unipd.it

Dettagli

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1

Progetto LIFE10 ENV IT 000307 NO.WA. Azione 3 - Attività 3.1 Azione 3 - Attività 3.1 Organizzazione delle attività di mappatura GENERALITÀ Denominazione della buona pratica: GreenEvent Promotore/i: Agenzia provinciale per l ambiente della Provincia autonoma di Bolzano

Dettagli

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE

REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE REVISIONE DELLE LINEE GUIDA PER LE POLITICHE E MISURE NAZIONALI DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DEI GAS SERRA (Legge 120/2002) IL CIPE VISTA la decisione 93/389/CEE del Consiglio dell Unione europea, modificata

Dettagli

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it POSITION PAPER Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE 1 La sostenibilità ambientale della carta prodotta da fibre vergini o riciclate è oggi uno dei fattori in grado di

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli