Aurelio Marengo Graziella Pace. 150 anni. uniti per crescere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aurelio Marengo Graziella Pace. 150 anni. uniti per crescere"

Transcript

1 Aurelio Marengo Graziella Pace 150 anni uniti per crescere

2 Prefazione al libro 2

3 Lettera del Sindaco 3

4 Lettera di Don Giuseppe MARCON Parroco di Vinovo Festeggiare i 150 anni della fondazione dell Asilo Infantile di Vinovo non è solo guardare al passato con nostalgia, ma è un ripercorrere la storia per cogliere le cose belle che sono state fatte e che diventano patrimonio prezioso per tutta la comunità. Celebrare diventa occasione per fare nostre le motivazioni per cui Luigi Rey si è impegnato nella fondazione dell asilo: La formazione e l educazione dei bambini e di quanti erano nel bisogno Una motivazione che supera il tempo e che a distanza di 150 anni fa sì che questa istituzione sia ancora attuale e amata dai Vinovesi. Per rimanere in tema nel formulare l augurio faccio mie le parole del salmo 150 Alleluia. Lodate il Signore nel suo santuario, lodatelo nel firmamento della sua potenza. Lodatelo per i suoi prodigi, lodatelo per la sua immensa grandezza. Lodatelo con squilli di tromba, lodatelo con arpa e cetra; lodatelo con timpani e danze, lodatelo sulle corde e sui flauti. Lodatelo con cembali sonori, lodatelo con cembali squillanti; ogni vivente dia lode al Signore. Alleluia. Dopo aver lodato il Signore, voglio Ringraziare quanti oggi continuano a impegnarsi perché l asilo possa proseguire e mantenere vivi i valori per cui è stato fondato. Le celebrazioni del 150 della fondazione dell asilo possano essere un occasione per riscoprire una pagina bella nella storia del nostro paese. 4

5 Introduzione Cari lettori, appare giusto e doveroso commemorare fatti e persone che, nel corso del tempo, lasciarono una forte impronta di sé e che offrono oggi, a chi ne ripercorre le vicende, non esempi astratti, ma lezioni concrete e vissute circa il valore delle cose umane. E siccome la storia di un Asilo può essere scritta da diversi punti di osservazione, rilevandone gli aspetti più significativi, noi la scriveremo con un taglio cattolico, d ispirazione cristiana; ciò significa che focalizzeremo l attenzione sul ruolo svolto dall Asilo nella collaborazione con la famiglia alla formazione della personalità del bambino, in coerenza con valori cristiani ed universali quali la pace, la condivisione, l accoglienza, la fratellanza ed il rispetto. L istituto ha attualmente una struttura amministrativa articolata in un Assemblea dei Soci (attualmente in numero di 82) ed un Consiglio d Amministrazione, eletto con cadenza quinquennale dai soci. Il Consiglio è presieduto dal Presidente Geom. Antonio Ramello, ed è composto dal Vice presidente Giuseppe Pace, dal segretario Avv.Roberto Castellani, dal tesoriere Barbara Catozzi, dai consiglieri Sibona Dino, Mario Lanfranco, Pietro Lardone Carlo Bernardi, Giovanni Olivero. Ne fanno parte, quali consiglieri di diritto, il parroco Don Beppe Marcon,e la signora Rey Pia Reineri, discendente del fondatore. L educazione dei bambini è attualmente affidata maestre laiche ed alle Suore della Congregazione S. Giuseppe di Pinerolo, coordinate da Suor Dina Benotto. Oggi l Asilo Infantile è situato nel centro della cittadina di Vinovo, accanto al castello Della Rovere, a due passi dalla Chiesa di S. Bartolomeo, dalle ex Scuole Rey e dalle piazze principali. Non fu tuttavia questa la sua prima sede, poiché è solo dal 1870 che si trova in questi locali. La scuola riveste un importanza storica per Vinovo in quanto svolge la sua missione da 150 anni e fino al è stata l unica scuola materna presente in paese. Le Suore hanno svolto per anni, dal 1870 ininterrottamente fino ad oggi, un ruolo centrale nella scuola. Oggi sono in numero ridotto a causa della mancanza di vocazioni ma l impegno non è diminuito. Il loro contributo ha rappresentato una bella pagina nella storia dell Asilo, sorto con una forte motivazione sociale, quella di garantire la formazione e l educazione dei nostri bambini, e quanti erano nel bisogno. Per questa ragione il Paese ha sempre sentito l Asilo come un bene di famiglia, destinandogli donazioni in denaro e dedicando ad esso parte del proprio tempo in attività di volontariato; l Asilo e la comunità hanno sempre camminato insieme nella vita quotidiana: dagli avvenimenti più tristi come i funerali, ove spesso i bimbi dell Asilo accompagnavano il corteo funebre, ai saggi ed ai teatrini organizzati per Natale, Pasqua, fine anno, ai quali nonni e genitori hanno sempre partecipato con un misto di allegria e commozione. Per questo Asilo si sono impegnati in tanti: il promotore, Luigi Rey, i vari Presidenti e Consiglieri, le Suore e le insegnanti che vi si sono susseguite, i tanti volontari che nel tempo hanno assicurato il loro silenzioso aiuto, Parroci, Sindaci e tutta la cittadinanza; sicuramente molti che oggi hanno i capelli bianchi rivivono con struggente nostalgia i tempi dell Asilo: per questo sembra doveroso ricostruire, sebbene in sintesi, i fatti principali della storia dell Ente. 5

6 L Asilo nasce prima che questi signori unificassero l Italia Foto - atto erezione Asilo d Enfanzia a Vinovo

7 Luigi Rey. Biografia di un benefattore. In primo luogo pare opportuno iniziare la narrazione con la biografia di colui che risulta essere stato il principale promotore della costruzione dell Asilo. Luigi Rey, Ritratto di Luigi Rey Ritratto della moglie Rosa Cardone figlio di Rey Simone, nasce a Torino nel La famiglia Rey ricopriva una posizione di rilievo nella borghesia piemontese: era infatti imparentata con i Sella di Biella (il fratello Giacomo Antonio sposò infatti Maria Luigia Sella, nipote del famoso Ministro Quintino Sella), che a loro volta erano parenti dei Sella della Motta di Candiolo. Tra i nipoti di Luigi Rey troviamo inoltre Guido Rey, apprezzato alpinista e studioso di scienze piemontese, che molte volte soggiornò in Vinovo (lo si ritova in alcune fotografie d epoca scattate al castello). Fotografia di Guido Rey 7

8 Con i suoi fratelli, Giacomo Antonio e Giuseppe, Luigi intraprende l attività di filatura, fondando un azienda di telerie e filati in Borgo Dora a Torino. Nel 1843 i tre fratelli acquistano, dalla città di Torino, il Castello di Vinovo per istallarvi, nel 1847, la propria azienda di teleria, che produceva i manufatti con telai in legno e che rimarrà attiva fin verso il Il castello funge contemporaneamente anche da residenza di famiglia: nel frattempo infatti Luigi si è sposato con Rosa Cardone e la coppia ha avuto una bambina di nome Emma. Come imprenditore ed esponente della borghesia vinovese, Luigi Rey prende parte attiva alla vita sociale e civile del paese, contemporaneamente ricopre per lunghi anni la carica di Assessore e Consigliere a Torino. Nel 1856, con decreto di Vittorio Emanuele, viene nominato Cavaliere dell Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro. La sua vita è tuttavia segnata da un evento luttuoso: a soli cinque anni la figlia Emma muore stroncata da una polmonite. Segue per l imprenditore un periodo buio in cui, forse proprio con il pensiero rivolto alla figlia, il Rey inizia a prestare maggiore attenzione verso il mondo dell infanzia e verso le difficoltà affrontate dai suoi dipendenti per crescere i figli e badare alla loro cura ed educazione. E di questo periodo la decisione di fondare, in collaborazione con il sindaco ed altre facoltose famiglie vinovesi, una scuola per l infanzia, che inizierà la sua attività nel L interesse del Rey per il mondo dei bambini verrà poi riconfermato dalla decisione di donare al Comune un terreno di sua proprietà con il vincolo di costruirvi un edificio scolastico. Nel 1889 verranno quindi edificate, su progetto di Crescentino Caselli, quelle che ancora oggi si chiamano Scuole Rey ed ospiteranno le scuole elementari fino al 1980, quando verrà completato il trasferimento di tutte le classi presso le nuove scuole elementari Don Milani. Attualmente l edificio ospita la sede di alcune Associazioni Vinovesi. 8

9 L imprenditore continua comunque ad occupare una posizione di rilievo nella società borghese del tempo. Nel 1873 Luigi Rey, già Presidente della Commissione Provinciale delle Imposte di Torino, viene nominato Commendatore dell Ordine della Corona d Italia, con nomina firmata da Vittorio Emanuele II, controfirmata dal Ministro Quintino Sella. Nel 1875 ottiene ulteriori riconoscimenti all interno dell Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro con la nomina a Ufficiale. Prende inoltre parte al Congresso Internazionale sui filati tenutosi a Torino, avanzando una propria proposta in merito alla numerazione uniforme dei filati. Nel 1891 viene nominato Membro del Comitato esecutivo della Casa Benefica per giovani derelitti della città di Torino, con decreto firmato da Umberto I Re d Italia, vedendo così confermata la sua vocazione per l infanzia. In accordo con altri imprenditori locali, si fa infine promotore della costruzione della linea tranviaria lungo il tratto Torino-Stupinigi-Vinovo-Piobesi, inaugurata nel 1882, per agevolare il trasporto delle proprie produzioni di tele e filati, prodotti nel castello di Vinovo. 9

10 . Luigi Rey muore nel Il Sindaco di Torino, nella Sessione Straordinaria del Consiglio Comunale di Torino, riunitosi il 27 febbraio 1893 per la Commemorazione funebre del Consigliere comm. Luigi Rey, ne elogia la figura di Consigliere da ben 30 anni, più volte chiamato a far parte della Giunta, cofondatore di una delle più importanti ed onorate ditte commerciali e industriali di Torino, amministratore zelante e benemerito di filantropiche istituzioni aggiungendo che il comm. Rey ben può dirsi essere stato nelle molteplici estrinsecazioni della sua attività la personificazione dell antica solerzia ed onestà piemontese. Il generale cordoglio che ne accompagnò la dipartita, reso evidente dal corteo di cittadini di ogni classe sociale che vollero rendere omaggio alla salma, dimostrò quanta stima si fosse meritata il commendatore. Al Museo civico torinese il Rey destinò, come segno del suo legame con il capoluogo, una parte delle porcellane del Gioanetti, prodotte nel castello Della Rovere di Vinovo. 10

11 11

12 Luigi Rey, (a destra nella foto, con lo sguardo rivolto al castello). Foto del 1861 Dall archivio storico dell asilo: i primi documenti. La storia dell Asilo si ricostruisce in primo luogo esaminando i documenti presenti in archivio, recuperati dalle cantine e sistemati in locali idonei dal signor Giuseppe Pace prima, pazientemente selezionati e catalogati dalla signora Maria Grazia Bersanti successivamente. I primi documenti risalgono agli anni , date sicuramente significative, perché ci riportano ad un periodo particolare, immediatamente precedente l Unità d Italia. Se è innegabile che, oggi come allora, sicuramente i genitori nutrissero speranze e timori simili a quelle dei genitori di oggi per i propri figli ed il loro futuro, è certo che la vita delle famiglie fosse notevolmente più difficile. Indubbiamente all epoca la maternità riceveva minore tutela, sia dal punto di vista sociale che medico, la mortalità infantile raggiungeva punte elevatissime ed i bambini, fasciati immobili in culla per i primi mesi di vita, rimanevano successivamente spesso privi di adeguata assistenza e lontani dai genitori, impegnati nel lavoro. Dunque, proprio in questo periodo, il Comune di Vinovo inizia ad avvertire l esigenza di avere un asilo per l infanzia ed il Consiglio Comunale emana due delibere, una in data 7 giugno 1857 e l altra il 25 aprile 1858, con cui ne sottolinea la necessità. Purtroppo in quel periodo il Comune di Vinovo non aveva ancora tutti gli strumenti legislativi ed economici per promuovere e mantenere un servizio di questo tipo alla cittadinanza. 12

13 La fondazione Si rivela quindi decisivo l intervento di Luigi Rey e di un gruppo di famiglie benestanti che, il 20 marzo 1859, decisero di fondare una Società d Azionisti, per provvedere a questa necessità. Tra questi benefattori si cita il Geom. Giuseppe Sanmartino che destinò alla Società, con lascito testamentario, casa e giardino, di cui la società sarebbe entrata in possesso dopo la morte del testatore e dei suoi familiari. La Società d Azionisti, con queste credenziali e con l aiuto del Comune, presentò una richiesta al Governo Piemontese, per l edificazione di un asilo per l infanzia Foto - Documenti che diedero inizio alla fondazione dell Asilo (1859) Con grande sorpresa e soddisfazione di tutti il 3 maggio 1859, con decreto di Eugenio di Savoia, controfirmato dal Conte di Cavour, veniva approvata l edificazione, nel Comune di Vinovo, di un Asilo per l Infanzia, d ambo i sessi, promosso dalla Società di Azionisti, con l aiuto del Comune ed altre benemerite donazioni. Con il documento, si riconosceva inoltre la validità del legato testamentario di Giuseppe Sanmartino. Subito furono chiamati tutti i soci della Società in Assemblea Generale per approvare, in data 26 giugno 1859, il Regolamento Organico dell Asilo (statuto), composto da 59 articoli. 13

14 Primo elenco degli azionisti dell asilo 14

15 Foto - Mappa di Vinovo del 1860 Il Regolamento Organico divenne esecutivo con decreto del Ministero degli Interni del Piemonte datato 10 settembre 1859 e rimase sostanzialmente invariato fino al 1919, quando gli articoli furono ridotti da 59 a 34 ed assunse la denominazione di Statuto. Il 1859 fu dunque l anno in cui l Asilo iniziò la sua attività sul piano burocratico. Il 9 ottobre si riunirono infatti i soci per la nomina del Consiglio d Amministrazione, e successivamente, l 11 ottobre 1859, i primi consiglieri nominati si riunirono a loro volta per la nomina delle cariche, così attribuite: Presidente Luigi Rey Vicepresidente Martina ( notaio ) Tesoriere Giovanni Filippi Segretario Secondo Parpaglione Prevosto Don Giacomo Roda Economo Don Pietro Boglioni Non rimaneva ora che concretizzare l obbiettivo prefissato e dare inizio alle attività dell Asilo. La Società prese in affitto la casa della signora Caterina Artero, (corrispondente all edificio attualmente situato nel cortile della Società Operaia in Via Marconi n. 8); il Presidente venne incaricato di contattare alcune Congregazioni Religiose che volessero mettere a disposizione due religiose come maestre per l Asilo. Dopo alcuni contatti, la congregazione delle Suore Rosminiane di Borgomanero diede la sua disponibilità. La Congregazione, fondata nel 1832 da padre Antonio Rosmini con il nome di Suore della Divina Provvidenza era già allora dedita alla formazione di giovani e fanciulli. A seguito di tali contatti, Suor Benvenuta, maestra e Superiora, e Suor Angelina, furono dunque incaricate dell educazione dei bambini di Vinovo. 15

16 Nella seduta del 5 agosto 1860, si decise inoltre di trovare una abitazione per le due Suore ed anche l acquisto dei banchi per l Asilo, fabbricati dalla falegnameria Grana di Vinovo. Foto - dove l asilo mosse i suoi primi passi Vennero richieste donazioni per il pagamento dei banchi e l acquisto dei libri scolastici; l Ordine Mauriziano donò lire 300 come aiuto iniziale. Secondo quanto indicato nel Regolamento Organico, l Asilo avrebbe accolto bambini di età compresa tra i 3 e i 6 anni, che avrebbero poi potuto frequentare fino ad un massimo di 7 anni di età. Avrebbe garantito l apertura tutti i giorni dell anno, escluse le feste di precetto, con un eventuale breve periodo di chiusura in autunno (la scelta sembra evidentemente motivata dall esigenza di poter ospitare i bambini quando le famiglie erano maggiormente impegnate nei lavori agricoli in estate). In coerenza con lo scopo sociale per il quale l Asilo era sorto, fu stabilita l accoglienza di un nutrito gruppo di bambini provenienti dalle famiglie meno 16

17 abbienti del paese: inizialmente, come risulta da una delibera 6 agosto 1860, gli alunni non paganti ammessi furono quaranta (tra questi il primo nominativo risulta essere quello di Aliberti Margarita del fu Antonio e Lucia Rena). Registro dei primi bambini ammessi gratuitamente 40 17

18 A questi si aggiungeranno successivamente, nel mese di novembre, quarantaquattro alunni paganti (di questi il primo iscritto risulta Mittenviller Alberto figlio di Enrico e Anna Shcmidit). Registro dei bambini paganti ammessi 44 18

19 Si sarebbe altresì dovuto stilare il regolamento interno dell asilo, con la disciplina di dettaglio del suo funzionamento, ma, per mancanza di tempo e di esperienza in merito, si decise di adottare quello dell Asilo Infantile di Moncalieri, finchè l esperienza non avesse suggerito l introduzione di innovazioni o modifiche. Tutti lavorano per l apertura Esaminando il libro delle adunanze, emerge un intensa attività nel mese di agosto volta a definire gli aspetti pratici ed organizzativi in vista dell apertura. Innanzitutto il Consiglio delibera all unanimità di istituire un registro per le signore visitatrici ovvero delle socie azioniste dell Asilo, native o residenti in Vinovo, cui, da Statuto, era affidata la vigilanza interna sull andamento dell Asilo. Queste nel corso delle loro periodiche visite alla scuola, avrebbero infatti dovuto segnalare al componente del Consiglio di Amministrazione individuato quale Ispettore di turno eventuali problemi o aspetti da migliorare. Elenco delle visitatrici Nell adunanza successiva del 19 agosto 1860, viene deciso di istituire un registro per la redazione del bilancio preventivo di tutte le spese necessarie per l avvio dell Asilo. Nella medesima seduta vengono anche istituiti due ulteriori registri per l iscrizione degli alunni paganti e non paganti. Si dispone infine che le iscrizioni rimangano aperte fino al 10 settembre 1860 e che le liste delle iscrizioni siano appese all albo Pretorio del Comune. 19

20 L adunanza del 17 ottobre 1860 è quella che stabilisce l apertura della scuola due giorni dopo: il 19 ottobre In questa occasione il Prevosto Don Giacomo Roda, su invito del Presidente Luigi Rey, annunciò dal pulpito la celebrazione di una cerimonia religiosa per l apertura dell Asilo, alla quale furono invitati tutti i soci e la cittadinanza. I primi anni di attività. Tra le numerose difficoltà organizzative ed economiche e quelle correlate alla parziale inidoneità dell edificio preso in affitto, l asilo mosse i suoi primi passi. Poche sono le notizie giunte a noi sulle attività svolte in Asilo nei primi anni: rimangono infatti solo i quaderni con gli appunti delle visitatrici, i documenti ed i verbali delle adunanze dell Assemblea dei Soci, relativi ai bisogni ed alle necessità dell Asilo. Da queste apprendiamo, ad esempio, che il 12 luglio 1862 il Consiglio d Amministrazione decide di utilizzare il fondo di cassa rimasto alla chiusura dell anno precedente per l acquisto di una cedola del debito pubblico di lire 709,50 con rendita di 50 lire. Tale rendita potrà essere impiegata per regolare le spese di gestione dell Asilo, come quelle relative alle stoffe per i grembiulini, ai premi da consegnare ai ragazzi più meritevoli, alla manutenzione ordinaria dei locali. Nello stesso anno, nell adunanza del 7 settembre, viene stabilito che il numero complessivo dei bambini non dovrà superare i cento, tenendo presente che gli alunni ammessi gratuitamente, individuati tra i più bisognosi, non potranno essere più della metà. Apprendiamo inoltre dalla lettura del Regolamento Organico e da delibere di adunanze di anni successivi, che la salute dei bambini veniva periodicamente controllata dal medico condotto del paese, che di quando in quando visitava l asilo nell interesse dell igiene (così recita un sollecito indirizzato nel 1866 da Luigi Rey al medico Eugenio Gisla). Il primo trasloco Nel frattempo l Asilo ha dovuto affrontare il primo dei suoi traslochi. L inadeguatezza dei locali si è infatti sin da subito manifestata con evidenza. Dall esame della documentazione emerge come, dopo un anno soltanto dall apertura, fosse stata avanzata la richiesta di sospendere le attività durante il periodo estivo in quanto l eccessivo calore, per la ristrettezza dei locali dove si tengono le lezioni potrebbe risultare nocivo per la salute dei bambini. Nello stesso documento si afferma che questo periodo di chiusura non avrebbe creato disagi ai genitori perché in tale periodo dell anno il lavoro dei campi era pressoché terminato. Divenuta così dunque improrogabile la necessità di cambiare i locali, la Società decise di affittare, con il contributo del Comune, la casa del sig. Giovanni Canavero (che si trovava nell attuale Via Gavuzzi). La conclusione del contratto di locazione, in concorso con il Comune, risulta dalla delibera del 3 settembre 1861, la quale da atto altresì di un lascito testamentario e di altre donazioni a favore dell Asilo. 20

21 In tanti aiutano Pochi anni più tardi, nel marzo 1866, con la morte della signora Caterina Sibona, l Asilo Infantile entrava in possesso della casa e del giardino situati in via Regina Margherita n 6, attuale via Gioanetti, che il Geometra Sanmartino aveva destinato all Asilo, con lascito testamentario del 1859, quando fossero morti i suoi familiari. Casa e giardino della famiglia Sanmartino furono venduti con asta pubblica ed il Consiglio di Amministrazione decise all unanimità di apporre una lapide commemorativa alla memoria del geometra, situata sulla porta d ingresso al giardino della casa, in via del Molino. Contemporaneamente, si stabilì che venisse posta un altra lapide a ricordo dei benefattori più importanti. Le donazioni dei benefattori rivestono infatti in questo periodo un ruolo importante per la sopravvivenza finanziaria dell Asilo che beneficia talora di donazioni rilevanti, come quella della vedova Lanza, che nel 1867 lascia in legato all Asilo un prato di circa 70 tavole. A questo faranno seguito numerosi altri lasciti, come quello di Rosa Cardone, moglie del Commendatore Luigi Rey, di lire 600, o quello della Damigella Artero Caterina di lire 500 con l obbligo che l insegnamento sia affidato a maestre monache, in caso contrario tale legato passa alla Congregazione di Carità. 1870, un anno di cambiamenti: una nuova sede Il 1870 è un anno di cambiamenti per Vinovo, che all epoca contava circa 2400 abitanti, e soprattutto per il suo Asilo Infantile. L 11 maggio 1870 il Presidente Luigi Rey comunica infatti al Consiglio l intenzione di acquistare casa Talucchi, così conosciuta dal nome dei suoi proprietari, industriali tessili torinesi, che qui avevano allevato bachi da seta fino al Lo scopo era quello di cedere in locazione l edificio, ove a quei tempi si riuniva l Amministrazione in adunanza, all Asilo Infantile, che vi si sarebbe stabilito, unitamente alle scuole elementari femminili, così da risparmiare sui costi di gestione dei due enti. Illustra quindi le modifiche da apportare all edificio perché oltre alle scuole, che vi rimarranno fino all edificazione delle Scuole Rey, possa trovare posto anche l alloggio per le Suore maestre. Nella successiva riunione del 15 maggio, il Presidente chiede il riconoscimento di un canone di locazione adeguato rispetto alle spese che dovrà sostenere per la ristrutturazione dei locali e dichiara che intende donare all Asilo, con legato testamentario, casa Talucchi alla sua morte. Il Consiglio accoglie la proposta. Alla 21

22 copertura delle spese di adeguamento dei locali concorrerà anche l Asilo con la vendita per asta pubblica del prato lasciato come legato dalla vedova Lanza (delibera del 12 febbraio 1871). L Asilo si trasferisce così nella palazzina settecentesca che ancora attualmente occupa....e un nuovo Ordine religioso. La decisione di trasferire l Asilo nella nuova sede ebbe però una ripercussione negativa: le Suore Rosminiane avanzarono infatti richieste eccessivamente dispendiose, in relazione ai lavori di adattamento dei nuovi locali, per continuare la loro attività; il Consiglio nella seduta del 29 luglio 1870 non potè che respingerle e, conseguentemente, le Suore si dimisero, facendo ritorno al loro Convento di Borgomanero. Si aprirono così le trattative con un altro ordine religioso per il nuovo anno. Anche le scuole elementari vissero lo stesso disagio e l adunanza del 31 agosto 1870 dimostra che vi furono trattative con Monsignor Vescovo di Pinerolo per ottenere la disponibilità di alcune suore maestre della Congregazione di S. Giuseppe, di casa in quella cittadina. L inserimento in un istituto volto in particolare alla cura dei fanciulli delle famiglie più bisognose sembrava infatti coerente con lo spirito delle Congregazione, fondata nel 1650 dal Padre gesuita Medaille. per l umile servizio e l evangelizzazione dei più poveri. Furono quindi messe a disposizione due suore abilitate all insegnamento per le scuole comunali e altre non munite di abilitazione per l Asilo infantile. Il 24 ottobre 1870 iniziarono così il lavoro a Vinovo sette suore Giuseppine : Suor Ernesta Cussino, Suor Eulalia Ambrosio, Suor Carolina Pugliaro, Suor Demetria Sanmartino, Suor Margherita Cassini, Suor Ermenegilda Cavalli, Suor Caterina Durando. Foto 1872 Le due Suore diplomate cessarono la loro attività presso le scuole nel 1924, in quanto la Congregazione si trovò carente di insegnanti abilitate, e la scuola elementare passò così alla Provincia. Le altre religiose, invece, continuarono ad occuparsi dell Asilo e del laboratorio di cucito e ricamo per le giovani ragazze. Nei primi anni 70, con l aumento degli alunni e delle classi, queste iniziarono ad essere affiancate da insegnanti laiche diplomate, il cui numero aumentò nel corso degli anni. 22

23 Lettera della Madre Superiora Elenco delle Superiore incaricate della direzione dell Asilo: Suor Ernesta Cussino dal 1870 al 1913 Suor Virginia Benedetto dal 1913 al 1915 Suor Margherita Marchini dal 1915 al 1930 Suor Onorata Schiara dal 1930 al 1931 Suor Lucina Ravera dal 1931 al 1939 Suor Margherita Marchini dal 1939 al 1945 Suor Lucina Ravera dal 1945 al 1951 Suor Elisa Regalio dal 1951 al 1953 Suor Serafina Cappella dal 1953 al 1957 Suor Camilla Giordano dal 1957 al 1964 Suor Grazia Viola dal 1964 al 1970 Suor Cecilia Vespa dal 1970 al 1972 Suor Consolatrice Possetto dal 1972 al 1973 Suor Artemia Rambuschi dal 1973 al al 1990 Suor Benigna Viscardi dal 1980 al 1981 Suor Rachele Dazzan dal 1981 al 1987 Suor Artemia Rambuschi dal 1987 al 1990 Suor Consilia Vinci dal 1990 al 1996 Suor Renza Valsania dal 1996 al 2006 Suor Dina Benotto dal 2006 ad oggi Suore insegnanti e collaboratrici Suor Camilla Rinetti dal 1886 al 1913 deceduta a Vinovo Suor Luigina Daziano dal 1886 al 1941 Suor Immacolata Battagliotti dal 1916 al 1918 Suor Giulia Davicino dal 1930 al 1932 Suor Romana Camusso dal 1934 al 1957 Suor Paola Camuso dal 1934 al 1937 Suor Cecilia Vespa dal 1938 al 1951 Suor Alma Borga dal 1947 al 1959 Suor Amata Morra dal 1954 al al 1979 Suor Elsa Casetta dal 1958 al 1972 Suor Consolatrice Possetto dal 1958 al 1970 Suor Benvenuta Dal Lago dal 1958 al 1959 Suor Pietrina Borga dal 1963 al 1967 Suor Marcella Rosa dal 1965 al 1970 Suor Marisa Bourolt dal 1965 al 1969 Suor Cornelia Apruzzi dal 1970 al 1974 Suor Aurora Bianciotto dal 1971 al 1977 Suor Rosangela Marucco dal 1972 al 1973 Suor Luigina Giordano dal 1974 al 1976 Suor Esterina Plos dal 1975 al 1976 Suor Antonina Guzzonato dal 1976 al 1998 Suor Graziana Zavattiero dal 1979 al 2000 Suor Silvana Manovella dal 1988 al 1990 Suor Ada Veneri dal 1982 al al 2008 Suor Rosanna Pipino dal 2007 ad oggi 23

24 Foto del Foto della piazza di Vinovo

25 Foto del Quanto alla sede dell Asilo, va ancora precisato che Casa Talucchi -ovvero la palazzina fatta costruire nel 1783 da tale Antonio Domenico Cambiano, diverrà definitivamente proprietà dell Ente solo alla morte del Rey nel 1893, superando qualche difficoltà nell esecuzione testamentaria. Si legge infatti nel registro delle adunanze che il 19 novembre 1893, il presidente Pietro Grana (eletto presidente pro tempore) convocò in adunanza il Consiglio di Amministrazione della Società dell Asilo infantile per informare gli altri membri del direttivo che il testamento del defunto Luigi Rey era da considerarsi nullo. Il primo testamento olografo scritto nel marzo del 1892, destinava all Asilo infantile l intero edificio ed il giardino di casa Talucchi, riservando lo spazio adibito a cortile e la tettoia alla costruzione di una palestra per la scuola comunale. A ciò si aggiungeva una rendita di lire 100, vincolata alla condizione che l amministrazione accettasse gratuitamente di accogliere nell istituto 20 bambini tra maschi e femmine figli degli operai poveri della ditta dei fratelli Rey di Vinovo. Tuttavia tale documento, secondo quanto stabilito dall articolo 779 del Codice Civile, doveva considerarsi privo di efficacia per mancata indicazione della data. La questione fu risolta dando esecuzione ad un precedente testamento, anch esso olografo (fortuitamente ancor più generoso nei confronti dell Asilo!), datato 8 gennaio 1890, in cui il Rey dichiarava la volontà di lasciare alla Società il caseggiato e il giardino, già occupati dall Asilo fin dal 1871, con l aggiunta dello spazio della tettoia e una camera al primo piano ad uso dormitorio, già concessa nel La rendita, ammontante in questo caso a lire 250, era ugualmente vincolata alla condizione che l Amministrazione accettasse di accogliere gratuitamente 20 bambini tra maschi e femmine, figli degli operai poveri della fabbrica Rey. Il nipote Giacomo Vincenzo Rey viene nominato Presidente. Il 19 ottobre 1894 fu nominato Presidente a vita dell Asilo Giacomo Vincenzo Rey, nipote del defunto Luigi ed erede universale, sposato con Lydia Mongenet de Resencourt e padre di 5 figli (Ugo, che gli seguirà nella Presidenza dell Asilo, Guido, Mario, Clotilde ed Eugenia). 25

26 Questi è ricordato per la sua generosità nei confronti dell Asilo, testimoniata dalla donazione, nel 1907, della rilevantissima somma di lire , ma soprattutto per aver dato impulso ai lavori di restauro dell edificio. Tra questi vale la pena citare la costruzione della manica nuova adiacente alla palazzina, con le camere destinate ai bambini, nell area della tettoia, avviata, su progetto degli ingegneri Quaglia e Caselli, il 23 aprile 1900 e sicuramente terminata nei due anni successivi. Progetto di Crescentino Caselli e Quaglia del 1900 E noto infatti che Crescentino Caselli, allievo prediletto dell Antonelli, sia stato molto attivo a Vinovo in quel periodo; a lui si devono la facciata del Santuario di S.Desiderio (1888), l Ospizio del Cottolengo (1890), il Casino delle Vigne o Rotonda (1894) e l Ala del Mercato Comunale (1900). I locali dell Asilo, così risistemati, vengono utilizzati non solo per le attività con i bambini, ma anche come luogo di incontro della popolazione in occasioni di rilievo. Così accadde ad esempio nel giugno 1909 quando il Comune di Vinovo organizzò presso il salone dell Asilo una conferenza relatore il Generale comm. Vincenzo Giochetti- per illustrare con numerose proiezioni luminose un viaggio nella colonia eritrea, recentemente conquistata; tale episodio ci dimostra come gli avvenimenti nazionali riscuotessero curiosità ed interesse anche nella piccola comunità vinovese, intrecciandosi con le sue vicende. Qualche anno dopo, nel 1914, anche presso l Asilo di Vinovo verrà installato l impianto della luce elettrica, modificando, così come stava avvenendo in tutto il paese, le abitudini ed i ritmi della vita quotidiana 26

Trova il tempo di pensare, Trova il tempo di pregare, Trova il tempo di ridere, È il più grande potere sulla Terra. È la musica dell'anima.

Trova il tempo di pensare, Trova il tempo di pregare, Trova il tempo di ridere, È il più grande potere sulla Terra. È la musica dell'anima. Trova il tempo di pensare, Trova il tempo di pregare, Trova il tempo di ridere, È la fonte del potere È il più grande potere sulla Terra È la musica dell'anima. Madre Teresa di Calcutta. 1907/2011 Scuola

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF)

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) Scuola dell Infanzia paritaria Clemente e Marina Benecchi PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) Via Rabaglia, 32 43058 Coenzo Sorbolo (PR) 348 0388008 scuolabenecchi@gmail.com BREVE STORIA DELLA SCUOLA DELL

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

STATUTO SEDE - ORIGINE - NATURA GIURIDICA - FINALITÁ

STATUTO SEDE - ORIGINE - NATURA GIURIDICA - FINALITÁ STATUTO SEDE - ORIGINE - NATURA GIURIDICA - FINALITÁ Articolo 1 L asilo infantile del Capoluogo, oggi Scuola Materna, con sede nel Comune di Calcinato, ebbe origine nel 1898. Si costituì mediante il generoso

Dettagli

STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA. (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1

STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA. (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1 STATUTO PERSONA GIURIDICA PRIVATA (ex Ipab) FONDAZIONE SCUOLA PARITARIA PER L INFANZIA P. CAPRETTINI GOTTOLENGO BS ORIGINI ART.1 La Scuola d Infanzia Fondazione Pietro Caprettini ebbe origine su donazione

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA ASILO INFANTILE DI SIZIANO REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA PARTE PRIMA FINALITA E CARATTERI DELLA SCUOLA MATERNA Art. 1 La Scuola dell Infanzia Paritaria gestita dall Ente Morale Asilo Infantile di Siziano

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra

S.E. il Cardinale Carlo Caffarra ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 13 aprile 11 Destinatario: DIRETTORE

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA F.I.S.M. - VICENZA FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE C.Fiscale 80025120249 P.Iva 01922310246 Viale Verona, 108 36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax 0444/291.448 e-mail segreteria@fismvicenza.it STATUTO

Dettagli

FONDAZIONE SCUOLA DELL'INFANZIA "CLARA MAFFEI" CLUSONE

FONDAZIONE SCUOLA DELL'INFANZIA CLARA MAFFEI CLUSONE FONDAZIONE SCUOLA DELL'INFANZIA "CLARA MAFFEI" CLUSONE Sede legale Via Roma, 10 Sede operativa Via Trieste, 12/14 Tel. e Fax. 0346-21173 e-mail: maternaclaramaffei@yahoo.it maternaclaramaffei@pec.it cdaclaramaffei@gmail.com

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI GRUPPO DI EBREI ADOTTATI Il 15 giugno 2009, pranzai presso la Villa Immacolata a Torreglia (PD), nello stesso tavolo con la signora Alberoni Angelina detta Imelda di Vigodarzere. In quella circostanza

Dettagli

Guida ai Lasciti Testamentari. In questa guida trovi informazioni utili per redigere il testamento in piena libertà

Guida ai Lasciti Testamentari. In questa guida trovi informazioni utili per redigere il testamento in piena libertà Guida ai Lasciti Testamentari In questa guida trovi informazioni utili per redigere il testamento in piena libertà Glossario n Testamento Il testamento è un atto revocabile con il quale taluno dispone,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA PRINCIPE DI NAPOLI E NIDO INTEGRATO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA PRINCIPE DI NAPOLI E NIDO INTEGRATO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA PRINCIPE DI NAPOLI E NIDO INTEGRATO Costituzione Sede Durata Scopi TITOLO I IDENTITA E FINALITA DELLA SCUOLA ---------------------------------------------------------Art.1----------------------------------------------------------------

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

STATUTO SCOPO PATRIMONIO. Art. 1

STATUTO SCOPO PATRIMONIO. Art. 1 STATUTO Art. 1 In memoria di Enrica Amiotti nata in Albonese l 11 ottobre 1885 ed ivi defunta il 20 agosto 1961, che per 47 anni si votò all insegnamento nella scuola elementare, è istituita la Fondazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO COTTOLENGHINO ONLUS STATUTO

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO COTTOLENGHINO ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO COTTOLENGHINO ONLUS STATUTO Articolo 1 1.1. E costituita in Torino, Via Cottolengo 14, l Associazione di Volontariato, senza scopo di lucro, denominata Associazione Volontariato

Dettagli

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DON AGOSTINO ROSCELLI P:zza Paolo da Novi,11 16129 Genova ANNO SCOLASTICO 2014 2015 La scuola dell infanzia non è scuola dell obbligo,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON TITOLO I NATURA, SCOPI E FINALITA Art. 1 Costituzione È costituita l Associazione sportiva denominata Associazione Sportiva Dilettantistica

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64

Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64 Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64 Interventi regionali a favore degli immigrati extra-comunitari residenti in Piemonte pubblicata su B.U.R. Piemonte n. 46 del 15 novembre 1989 Art. 1 (Finalità)

Dettagli

S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV)

S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV) S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO RICERCHE DIDATTICHE UGO MORIN PADERNO DEL GRAPPA (TV) (con le modifiche approvate dall Assemblea dei Soci del 14 aprile 1996) 1 S T A T U T O DELL ASSOCIAZIONE CENTRO

Dettagli

FONDAZIONE ONLUS. Costituzione Denominazione e Sede Legale

FONDAZIONE ONLUS. Costituzione Denominazione e Sede Legale FONDAZIONE ONLUS Costituzione Denominazione e Sede Legale La Congregazione Suore Carmelitane di S. Teresa di, con atto a rogito Dott. Benvenuto Gamba, il 16 giugno 2008 repertorio numero 1741577/45838,

Dettagli

ISTITUTO FIGLIE DI S. ANNA ERITREA. Ristrutturazione della casa di accoglienza delle orfane

ISTITUTO FIGLIE DI S. ANNA ERITREA. Ristrutturazione della casa di accoglienza delle orfane ISTITUTO FIGLIE DI S. ANNA ERITREA Ristrutturazione della casa di accoglienza delle orfane ASMARA, 22 SETTEMBRE 2013 LA BEATA ROSA GATTORNO Madre Rosa nacque a Genova il 14 ottobre 1831. Fin dal principio

Dettagli

STATUTO (Atto pubblico registrato in Fermo il 08/08/2013 al n.2777 serie 1T; approvato dalla Regione Marche con decreto n. 115/ACG del 12/11/2013)

STATUTO (Atto pubblico registrato in Fermo il 08/08/2013 al n.2777 serie 1T; approvato dalla Regione Marche con decreto n. 115/ACG del 12/11/2013) STATUTO (Atto pubblico registrato in Fermo il 08/08/2013 al n.2777 serie 1T; approvato dalla Regione Marche con decreto n. 115/ACG del 12/11/2013) Art.1 - Denominazione, natura e sede La Fondazione Sagrini

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Comune di Spilamberto REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 28.05.2012, divenuta esecutiva ai

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Immobile di Puegnago del Garda (BS): primo lascito testamentario. del Rinnovamento nello Spirito Santo ONLUS

Immobile di Puegnago del Garda (BS): primo lascito testamentario. del Rinnovamento nello Spirito Santo ONLUS Immobile di Puegnago del Garda (BS): primo lascito testamentario. Per sostenere FONDAZIONE ALLEANZA del Rinnovamento nello Spirito Santo ONLUS DONAZIONI c/c postale intestato a Fondazione Alleanza del

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

SINTESI DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

SINTESI DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2015-2016 Scuola dell Infanzia DAVIDE BERNASCONI Via V Giornate, 3 22012 Cernobbio CO Tel/fax 031. 512230 info@asilobernasconicernobbio.it www.asilobernasconicernobbio.it SINTESI DEL PIANO

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio. Fondazione AVANTEA ONLUS

Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio. Fondazione AVANTEA ONLUS Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio Fondazione AVANTEA ONLUS Art. 1 - Origini, denominazione, sede e durata Art. 2 - Scopi ed attività Art. 3 - Patrimonio Art. 4 - Mezzi finanziari Art. 5 - Bilancio

Dettagli

Deliberazione n. 1/pareri/2005

Deliberazione n. 1/pareri/2005 Deliberazione n. 1/pareri/2005 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Enrico Gustapane (relatore) dott. Mario Donno dott.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

COMUNE DI POLISTENA. Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO

COMUNE DI POLISTENA. Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLA SOLIDARIETA E VOLONTARIATO Approvato con delibera C.C. n. 36 del 29-07-2005 Modifiche: delibera C.C. n. 10 del 09-05-2008 P a g i n a 2 Sommario

Dettagli

STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA

STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA STATUTO DEL MUSEO STORICO ITALIANO DELLA GUERRA TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1 Il Museo Storico Italiano della Guerra, organizzazione non lucrativa di utilità sociale ONLUS, fondato nel 1921,

Dettagli

Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano

Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano STATUTO DELLA Il presente saggio e quello di Valeria Messina, pubblicato su questo stesso numero della rivista, si configurano Statuto della Fondazione Bergamo nella storia* Art. 1 - È costituita la fondazione

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE DI RELIGIONE E DI CULTO S. I. C. A. R. Solidarietà, Integrazione, Cooperazione, Annuncio, Reciprocità

STATUTO DELLA FONDAZIONE DI RELIGIONE E DI CULTO S. I. C. A. R. Solidarietà, Integrazione, Cooperazione, Annuncio, Reciprocità STATUTO DELLA FONDAZIONE DI RELIGIONE E DI CULTO S. I. C. A. R. Solidarietà, Integrazione, Cooperazione, Annuncio, Reciprocità Articolo 1 NATURA E SEDE 1. La Fondazione di religione e di culto S.I.C.A.R.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano

uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano uno sguardo che sapeva elevarsi e arrivare lontano La Casa della Carità, nasce nel 1941 dall intuizione di Don Mario Prandi, Parroco di Fontanaluccia, per rispondere al bisogno di assistenza di alcune

Dettagli

LO STATUTO. Fondazione Banca San Paolo di Brescia. Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE

LO STATUTO. Fondazione Banca San Paolo di Brescia. Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È istituita la Fondazione denominata "Fondazione Banca San Paolo di Brescia" al fine di assicurare, con un nuovo strumento adeguato alla vigente legislazione, la prosecuzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA Approvato atto C.C. 25-3.3.1995 Modificato atto C.C. 9-10.3.2005 1 Art.1: Denominazione, origini,

Dettagli

STATUTO DELLA "FONDAZIONE COMBONIANE NEL MONDO - ONLUS" Articolo 1 DENOMINAZIONE E DURATA

STATUTO DELLA FONDAZIONE COMBONIANE NEL MONDO - ONLUS Articolo 1 DENOMINAZIONE E DURATA STATUTO DELLA "FONDAZIONE COMBONIANE NEL MONDO - ONLUS" Articolo 1 DENOMINAZIONE E DURATA E' costituita una fondazione denominata "FONDAZIONE COMBONIANE NEL MONDO - ONLUS" (di seguito anche "Fondazione")

Dettagli

STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia

STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia STATUTO del CIFA Onlus Centro Internazionale per l Infanzia e la Famiglia ART. 1 É costituita una Associazione denominata C.I.F.A. ONLUS - CENTRO INTERNAZIONALE PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA, abbreviabile

Dettagli

FONDAZIONE APOSTOLICA Ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia STATUTO

FONDAZIONE APOSTOLICA Ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia STATUTO FONDAZIONE APOSTOLICA Ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia STATUTO Articolo 1. E costituita la Fondazione apostolica (ente patrimoniale della Chiesa Apostolica in Italia) che rappresenta

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO Approvato dall Assemblea il 10 marzo 2011 Art. 1 Costituzione 1. È costituita l associazione di volontariato

Dettagli

Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni

Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni ARCHIVIO DI STATO DI CREMONA Scuola di commercio maschile serale Angelo Bargoni Inventario (1906-1973) La scuola serale maschile di commercio di Cremona fu istituita il 22 gennaio 1894, per iniziativa

Dettagli

FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC ONLUS

FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC ONLUS FONDAZIONE CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA CDEC ONLUS STATUTO Art.1 E istituita in Milano la Fondazione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE EBRAICA CONTEMPORANEA C.D.E.C. Organizzazione non lucrativa

Dettagli

Statuto dell Associazione Dalmazio Mongillo (A.DA.MO.)

Statuto dell Associazione Dalmazio Mongillo (A.DA.MO.) Statuto dell Associazione Dalmazio Mongillo (A.DA.MO.) Art. 1 È costituita l Associazione denominata Associazione Dalmazio Mongillo, in breve (A.DA.MO.). Art. 2 L Associazione ha sede in Roma, Largo Russell

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE

STATUTO DELLA FONDAZIONE STATUTO DELLA FONDAZIONE Art. 1 Scopi Tra i costituiti, che si sono proposti di dare un impulso vivo e concreto allo sviluppo dell Europa e dell unità politica europea, attraverso progetti di studio, di

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI

STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI STATUTO FONDAZIONE TORINO MUSEI Articolo 1 Costituzione, sede, Fondatori 1.1 È costituita una fondazione denominata "Torino Musei", con sede in Torino, via Magenta, 31 presso la Galleria Civica d Arte

Dettagli

A.I.D.I.A. ASSOCIAZIONE ITALIANA DONNE INGEGNERI E ARCHITETTI Statuto

A.I.D.I.A. ASSOCIAZIONE ITALIANA DONNE INGEGNERI E ARCHITETTI Statuto A.I.D.I.A. ASSOCIAZIONE ITALIANA DONNE INGEGNERI E ARCHITETTI Statuto ART. 1 DENOMINAZIONE, AMBITO E SEDE 1. Nell anno 1957 è stata costituita a Torino l Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti.

Dettagli

è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma

è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma Torino, 30 settembre 2013 Gentili Dirigenti Scolastici ed Insegnanti, è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma il tuo Natale, promosso dalla Fondazione Ospedale Infantile

Dettagli

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche)

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) 1. Denominazione 1.1 L associazione è denominata: World Vision Italia ONLUS 1.2 Il nome e il logo di World Vision Italia ONLUS

Dettagli

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo Il 16 ottobre siamo andati a visitare il museo itinerante o meglio il museo è venuto da noi!! Infatti era un pullman doppio parcheggiato

Dettagli

COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO

COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO COSTITUZIONE - SEDE & SCOPO ARTICOLO 1 È costituita l Associazione Nazionale denominata LEGA DEL FILO D ORO - organizzazione non lucrativa di utilità sociale avente sede in Osimo (Ancona) in via Linguetta

Dettagli

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto

Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto 1 Centro Regionale S.Alessio Margherita di Savoia per i Ciechi. Statuto (Approvato con delibera della Giunta regionale della regione Lazio in data 01 luglio 2008 n. 461) 1 Capo I Origine - Sede Fini Redditi

Dettagli

STATUTO CASA PIA DEI CEPPI

STATUTO CASA PIA DEI CEPPI STATUTO CASA PIA DEI CEPPI Art. 1 Origini storiche La Casa Pia dei Ceppi è il più antico ente benefico della città di Prato. Prima ci fu il Ceppo Vecchio, fondato nel 1282 da Monte Turino de Pugliesi,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Delibera di Consiglio n... del.. Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento

Dettagli

Le eventuali sovvenzioni da Enti Pubblici saranno sottoposte alla regolamentazione dettata dagli

Le eventuali sovvenzioni da Enti Pubblici saranno sottoposte alla regolamentazione dettata dagli Statuto DENOMINAZIONE SEDE SCOPO Articolo 1 È costituita la Fondazione denominata CITTÀ DELLA SPERANZA ONLUS in forma di Fondazione riconosciuta. La Fondazione è apolitica, non ha fini di lucro ed ha durata

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO CONTATTI Inseri re q ui il m essag gio. N on su per are le d ue o tr e fr asi. Scuola dell Infanzia Monumento ai caduti Via Trento Trieste 16 31059 ZERO BRANCO tel e fax 0422.97032 e-mail: scuolainfanziazero@libero.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI ( approvato con delibera consiliare n. 42 del 30/09/2014) Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento. Art. 2 Luogo della celebrazione.

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI.SOLESINO (PD) E LE PARROCCHIE DI SANTA MARIA ASSUNTA E CUORE IMMACOLATO DI MARIA PER IL SERVIZIO DI SCUOLA DELL INFANZIA IL COMUNE DI SOLESINO (PD), codice fiscale..., in persona

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS

OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS ERETTA IN CERCENASCO STATUTO ORGANICO UMBERTO I PER GRAZIA DI DIO E VOLONTA DELLA NAZIONE RE D ITALIA Sulla proposta del Nostro Ministro Segretario di Stato per gli affari dell

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO. 1..(cognome, nome,luogo e data di nascita, residenza, attività, nazionalità) 2..

ATTO COSTITUTIVO. 1..(cognome, nome,luogo e data di nascita, residenza, attività, nazionalità) 2.. (Schema atto costitutivo) ATTO COSTITUTIVO Addì.(giorno in lettere) del mese di.(in lettere) dell anno.(in lettere) nella.. di in via..di.(indicare il comune e lo Stato), si sono riuniti i signori: 1..(cognome,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro ARTICOLO 1. E costituita l Associazione "ROMANDANDO Associazione senza scopo di lucro", in forma abbreviata: "ROMANDANDO". La durata

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA

REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA f.i.s.m. PIEMONTE Federazione Italiana Scuole Materne REGIONE PIEMONTE Maggio 2012 Pag. 1 PARTE PRIMA Finalità e caratteri della scuola dell

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata.

Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata. STATUTO L.266/91 ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Piccolo carro Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata. a - E costituita in data 1 MARZO 2008 l Associazione di Volontariato denominata Piccolo

Dettagli

"Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo."

Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo. "Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo." (Giovanni Paolo II, Lettera Juvenum Patris, 5) Egli comincia subito a cercare collaborazione a tutti i livelli: educativa, religiosa,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. XXII n. 21 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa dei senatori PONTONE e FLORINO COMUNICATA ALLA PRESIDENZA IL 17 OTTOBRE 2003 Istituzione di una Commissione

Dettagli

STATUTO. DENOMINAZIONE-SEDE-DURATA ART. 1 E costituita un associazione religiosa denominata ASSOCIAZIONE OPERA SALESIANA DEL SACRO CUORE

STATUTO. DENOMINAZIONE-SEDE-DURATA ART. 1 E costituita un associazione religiosa denominata ASSOCIAZIONE OPERA SALESIANA DEL SACRO CUORE STATUTO DENOMINAZIONE-SEDE-DURATA ART. 1 E costituita un associazione religiosa denominata ASSOCIAZIONE OPERA SALESIANA DEL SACRO CUORE ART.2 L Associazione ha sede legale in Bologna, via G. Matteotti

Dettagli

VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DELL ASSOCIAZIONE KUNTERBUNT

VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DELL ASSOCIAZIONE KUNTERBUNT VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DELL ASSOCIAZIONE KUNTERBUNT Verbale di assemblea N 1 Il giorno 12 febbraio 2014, alle ore 13.30, presso l aula 405 della Scuola Germanica di Milano, via Legnano 24, Milano,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire (Allegato a) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Vds Voglia di stupire Sulle orme di Karol Titolo I Costituzione e Scopi Art. 1. E costituita l Associazione denominata Vds Voglia di stupire con sede presso parrocchia

Dettagli

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche

SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche SIUSA Sistema Informativo Unificato Sovrintendenze Archivistiche 6 SCHEDA DI RILEVAZIONE - SOGGETTO PRODUTTORE ENTE 8 Codice Ente Denominazione Denominazione parallela Sede Casa della Serenità del Comune

Dettagli

Statuto della Società Dante Alighieri

Statuto della Società Dante Alighieri Eretta Ente Morale con R.Decreto 18 luglio 1893, N.347 Onlus per legge ex Decreto Legge n. 136 del 28 maggio 2004 così come modificato dall allegato alla Legge di conversione del 27 luglio 2004, n.186.

Dettagli

" UN AMORE Celeste Programmazione di Educazione Religiosa Scuola dell Infanzia Paritaria C. Arienta Prato Sesia a.s. 2015-2016

 UN AMORE Celeste Programmazione di Educazione Religiosa Scuola dell Infanzia Paritaria C. Arienta Prato Sesia a.s. 2015-2016 " UN AMORE Celeste Programmazione di Educazione Religiosa Scuola dell Infanzia Paritaria C. Arienta Prato Sesia a.s. 2015-2016 Alle Scuole Paritarie è assicurata piena libertà per quanto concerne l orientamento

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

Raccolta degli statuti e regolamenti in vigore nel Comune di Arezzo

Raccolta degli statuti e regolamenti in vigore nel Comune di Arezzo Raccolta degli statuti e regolamenti in vigore nel Comune di Arezzo Statuto organico dell Istituto Thevenin di Arezzo aggiornamento: 1.6.1999 ISTITUTO THEVENIN AREZZO Statuto organico INDICE Capo I Origine

Dettagli

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE. Istituto Figlie di S. Anna Provincia Eritrea

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE. Istituto Figlie di S. Anna Provincia Eritrea Casa Rosa Gattorno - Asmara Comunità d accoglienza di bambine e fanciulle orfane PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE proposto da Istituto Figlie di S. Anna Provincia Eritrea Dicembre 2012 Introduzione Casa Rosa

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

S T A T U T O. E' costituita l'associazione denominata "Scuola materna di Mezzolombardo con sede in Mezzolombardo.

S T A T U T O. E' costituita l'associazione denominata Scuola materna di Mezzolombardo con sede in Mezzolombardo. S T A T U T O Art. 1 - COSTITUZIONE E' costituita l'associazione denominata "Scuola materna di Mezzolombardo con sede in Mezzolombardo. Art. 2 - SCOPO Scopo dell'associazione è la gestione della scuola

Dettagli

"Un asilo nido multietnico: Sogno di Bimbi

Un asilo nido multietnico: Sogno di Bimbi "Un asilo nido multietnico: Sogno di Bimbi Sogno di bimbi Aggiornamento a novembre 2010 ALL 88 PRO 06.05 bis Rev. 0 01/09/2007 LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: PROGETTO: RESPONSABILE: BENEFICIARI DIRETTI:

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO FONDAZIONE Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE STATUTO EDIZIONE n/04 REVISIONI N. Descrizione Data 0 Gennaio 2004 1 Inserimento indice, modifiche grafiche

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE (ONLUS) HUMAN WAVE ITALIA AVENTE LA FORMA GIURIDICA DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE (ONLUS) HUMAN WAVE ITALIA AVENTE LA FORMA GIURIDICA DI ASSOCIAZIONE Atto esente dall'imposta di bollo ex art. 27bis tabella all. B DPR 642/1972 STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE (ONLUS) HUMAN WAVE ITALIA AVENTE LA FORMA GIURIDICA DI ASSOCIAZIONE

Dettagli

Comune di Lecce REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

Comune di Lecce REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Comune di Lecce REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 15 FEBBRAIO 2013 Indice Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento Art 2

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

STATUTO DI CASA MATERNA S.CM/1993

STATUTO DI CASA MATERNA S.CM/1993 5 STATUTO DI CASA MATERNA S.CM/1993 548 N O T A Il presente statuto, che sostituisce quello del 1979, è stato approvato con l articolo 69/SI/1993. Preambolo A) Storia Il 12 giugno 1905 il pastore della

Dettagli

S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE "A. CAMUSSONI" DI ALBAIRATE

S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE A. CAMUSSONI DI ALBAIRATE S T A T U T O DELL ASILO INFANTILE "A. CAMUSSONI" DI ALBAIRATE DENOMINAZIONE - SEDE ORIGINE NATURA GIURIDICA ART. 1 La Scuola dell Infanzia ALESSANDRO CAMUSSONI, con sede in Albairate Via Roma n. 22, ebbe

Dettagli

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA

TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE TITOLO SECONDO: FINALITA STATUTO Coordinamento Nazionale per la tutela dai campi elettromagnetici CO.NA.CEM. ONLUS TITOLO PRIMO: COSTITUZIONE Art. 1 - Costituzione e denominazione. 1 E costituita l Associazione denominata «Coordinamento

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE HUB FOR KIMBONDO

STATUTO ASSOCIAZIONE HUB FOR KIMBONDO 29 Settembre 2014 STATUTO ASSOCIAZIONE HUB FOR KIMBONDO Art 1 - Costituzione e Denominazione E' costituita, ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile una Associazione denominata Hub for Kimbondo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. Titolo I. Costituzione e scopi. E' costituita, con sede in Vignola, Via Papa Giovanni Paolo II, l Associazione

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. Titolo I. Costituzione e scopi. E' costituita, con sede in Vignola, Via Papa Giovanni Paolo II, l Associazione STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE Titolo I Costituzione e scopi Art. 1 E' costituita, con sede in Vignola, Via Papa Giovanni Paolo II, l Associazione culturale denominata. Art. 2 L'Associazione, senza

Dettagli

Comune di San Polo dei Cavalieri

Comune di San Polo dei Cavalieri Comune di San Polo dei Cavalieri (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.5 del 4/2/2015 Indice Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli