CONSORZIO PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DEL CANAVESE. SEDE LEGALE IN IVREA, Via Camillo Olivetti n. 8 c/o Studio Sabolo Commercialisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSORZIO PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DEL CANAVESE. SEDE LEGALE IN IVREA, Via Camillo Olivetti n. 8 c/o Studio Sabolo Commercialisti"

Transcript

1 CONSORZIO PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI DEL CANAVESE SEDE LEGALE IN IVREA, Via Camillo Olivetti n. 8 c/o Studio Sabolo Commercialisti SEDE OPERATIVA IN COLLERETTO GIACOSA, Via Ribes n. 5 c/o Bioindustry Park Silvano Fumero Iscritta al registro imprese di Ivrea al n. 573 C.F RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 Signori consorziati, anche il 2012 è stato caratterizzato dal perdurare e dall aggravarsi della crisi economica e finanziaria che affligge l economia mondiale senza risparmiare il territorio del Canavese che continua a subire pesanti effetti negativi che si traducono in difficoltà di investimenti e perdita di posti di lavoro. In questo contesto il CIPC ha mantenuto costante il proprio impegno, operando per dare il proprio contributo a ogni possibile segnale di sviluppo, in particolare mettendosi a disposizione con spirito costruttivo di tutti coloro che hanno manifestato interesse ad insediarsi nel territorio, coinvolgendo sempre le amministrazioni interessate; contestualmente ha avviato contatti al fine di verificare la possibilità di dar luogo a nuove iniziative insediative considerando che queste richiedono tempi medio-lunghi di realizzazione ed è necessario lavorare oggi per ampliare l offerta potenziale se si vuole intercettare un mercato più ampio di imprese che potranno in futuro insediarsi nel nostro territorio. Riteniamo necessario richiamare con forza l attenzione di tutti i consorziati, e in particolare degli enti sovraordinati, sulla necessità, che a nostro avviso riveste carattere di urgenza, di avviare un iniziativa che veda coordinate tutte le società di intervento per presentare ad un mercato sovra locale tutte le opportunità localizzative del territorio provinciale e regionale in modo da poter proporre in modo più efficace anche le offerte del nostro territorio: auspichiamo da tempo un iniziativa di questa natura essendo pienamente consapevoli che anche da questa decisione può emergere un vantaggio competitivo per il territorio, offrendoci in futuro l opportunità di orientare l azione del Consorzio anche verso il riuso sostenibile di aree già compromesse e/o sottoutilizzate per poterle offrire agli investitori. L urgenza che segnaliamo deriva da un cambiamento radicale di quelle che sono le condizioni che hanno permesso al Consorzio come ad altre società di intervento territoriale, di rendersi utili allo sviluppo economico ed occupazionale:

2 anche in questo campo occorre fare sistema per evitare il rischio di diventare una sovrastruttura percepita come meno utile. Il cambiamento va letto, interpretato e governato. Il Consorzio, il suo Consiglio Direttivo, non solo non intende sottrarsi alla responsabilità di individuare nuove opportunità, ma anzi le perseguirà con il massimo impegno essendo però consapevole che se scollegati da altri enti o altre politiche avviate nel settore, i suoi sforzi potrebbero non produrre i risultati sperati. Ciò detto, nel corso del 2012 abbiamo interloquito in modo positivo con i nostri consorziati e con il territorio nel suo insieme offrendo il Consorzio come ente al servizio dello sviluppo del Canavese. Per dare continuità, un futuro al Consorzio, ci siamo impegnati a realizzare una drastica riduzione dei costi di gestione senza compromettere l operatività e l immagine del Consorzio, cercando di valorizzare tutte le risorse umane che collaborano stabilmente con il Consorzio. Tale indirizzo è stato condiviso anche con il Comitato di Indirizzo riunitosi due volte nel corso dell anno. Il costante monitoraggio delle spese e delle condizioni di mercato con la conseguente riorganizzazione del consorzio al fine di renderlo idoneo alla congiuntura attuale hanno fortemente impegnato il Consiglio Direttivo e il Collegio dei Revisori nel corso di tutto il Riassumiamo di seguito le azioni adottate per ridurre i costi nel 2012 e in prospettiva: - il monitoraggio delle spese fisse ha evidenziato l elevata incidenza delle stesse e pertanto il C.D. è riuscito a ridurre di una unità il personale dipendente; si è autoridotto del 10% (rispetto al 2011 ed a quanto deliberato dall assemblea del 2012) l emolumento della Presidente e Vicepresidente; ha concordato con il personale dipendente una riduzione del 10% degli orari ed ha richiesto ed ottenuto pari riduzione (10%) da parte dei consulenti esterni e dei principali fornitori di servizi; - il Collegio Sindacale, ha aderito volontariamente all iniziativa del Consiglio Direttivo autoriducendosi del 10% tutti compensi; - i costi di gestione della sede (Villa Gianotti) sono risultati insostenibili alla luce anche della diminuzione dell uso da parte sia del consorzio che da parte delle altre realtà che a vario titolo occupavano i locali di Villa Gianotti. A fronte di tale situazione il C.D. ha prima cercato nuovi soggetti interessati a condividere i locali disponibili di Villa Gianotti, ha poi cercato di trovare soluzioni diverse con la Provincia di Torino (proprietaria dell immobile) ed infine si è visto costretto a recedere dal contratto di locazione e trasferire la propria sede operativa presso il Bioindustry Park Silvano Fumero di Colleretto Giacosa. Tale scelta è volta a trovare nuove forme di collaborazione con altre strutture operanti sul territorio, creare sinergie, ed ha permesso immediatamente una drastica riduzione dei costi legati alla sede che si riverbererà in modo significativo sul bilancio del In questo scenario segnato da forti criticità il Consorzio è comunque riuscito a contenere fortemente le perdite che potranno essere coperte con la riserva utili anni precedenti senza creare ulteriori problemi ai soci.

3 ANDAMENTO DELLA GESTIONE Nel 2012 si rileva come l attività del Consorzio sia risultata comunque intensa e si sia concretizzata in una serie di attività che qui brevemente richiamiamo: o attività svolte a favore del Comune di Borgofranco d Ivrea per lo Sportello Unico Attività Produttive e per la valorizzazione dell Area Industriale intercomunale Ex Novelis ; o attività di assistenza tecnica a Cogeis S.p.A. sulla base dell incarico conferito al Consorzio; o proseguimento delle attività finalizzate al recepimento degli adempimenti previsti dal D.Lgs. 231/2001 in collaborazione con lo Studio Baudino e Associati; o partecipazione alle iniziative pubbliche in qualità di operatore del territorio per la costituzione di Riva Banca; o elaborazione e predisposizione delle procedure per la pubblicazione del bando di gara per la realizzazione di una cabina gas nell area dello stampaggio a caldo Busano/Favria, assegnazione lavori e successiva realizzazione; o adesione all Associazione Marchio del Canavese promossa da Confindustria Canavese; o organizzazione di incontri a Settimo Vittone e a Borgofranco di Ivrea in collaborazione con l Assessorato Provinciale alla Viabilità e ANAS per individuare soluzioni relative alle infrastrutture viarie per favorire l accesso alle aree industriali della zona e risolvere problematiche di sicurezza stradale; o partecipazione alle riunioni istituzionali per la riassegnazione dei fondi PTI; o assunzione di decisioni operative volte a ridurre i costi di gestione; o collaborazione all organizzazione della VI edizione della ISSI (International Summer School di Ivrea); o partecipazione al seminario Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate e innovazione sostenibile del territorio che si è svolto a Venezia il 6 luglio 2012; o formalizzazione della proposta transattiva con DTC PAL, affittuario moroso del Consorzio; o affiancamento del Comune di Albiano per gli approfondimenti relativi al perfezionamento della documentazione richiesta dalla Regione Piemonte per l iniziativa Mediapolis; o trasloco fisico della sede operativa del Consorzio da Villa Gianotti al Bioindustry Park Silvano Fumero; o iniziative volte alla riduzione dei costi di gestione. Occorrerà sviluppare, con l indispensabile collaborazione dei consorziati, le opportune iniziative volte a rendere più competitive le aree industriali esistenti (e conseguentemente le ditte in esse insediate) pubblicizzandole in appositi circuiti nazionali ed internazionali e cercando di ridurre i costi di gestione favorendo, ad esempio, la dotazione di strumenti per il risparmio energetico. E opportuno sottolineare in questa sede come l operatività del Consorzio, ma più in generale delle società di intervento per l urbanizzazione di aree industriali, abbia registrato un forte rallentamento dovuto al venir meno di risorse comunitarie a ciò dedicate; il 2013 auspicabilmente sarà l anno di avvio della fase operativa dei Programmi Territoriali Integrati che hanno avuto una dotazione finanziaria sui fondi

4 FAS nel Fra questi, quello del Canavese aveva avuto un ottima valutazione e ad esso aveva fortemente contribuito il Consorzio nel delineare possibili assi e aree di sviluppo industriale. Nel 2014 si avvierà la nuova fase di programmazione dei Fondi Comunitari a cui dovremo preparare il Consorzio. E anche all interno di questa visione fortemente proiettata al futuro che abbiamo ritenuto importante non solo far parte del Comitato Promotore, ma anche aderire attraverso la sottoscrizione di quote all iniziativa di Riva Banca: riteniamo che si tratti di un ottima iniziativa che da un lato mette in luce la necessità e l utilità di auto-organizzarsi da parte di un territorio, dall altro richiama la necessità di individuare nuove fonti di credito per promuovere lo sviluppo. LE AREE Polo dello Stampaggio a Caldo. L area del Polo Stampaggio a Caldo ha continuato ad attrarre l attenzione degli operatori del settore. Si è inoltre confermato l impegno, a fianco delle imprese insediate, per cercare di trovare soluzione alle talvolta inaccettabili difficoltà che le stesse incontrano al momento dell insediamento nel poter disporre di moderne infrastrutture di collegamento materiale e immateriale nonché di servizi essenziali. Il Consorzio ha espletato le procedure di evidenza pubblica per la fornitura di una cabina gas (impianto di riduzione e misura per gas naturale, in doppia linea), comprensiva dei lavori di posa in opera. A seguito dei risultati della procedura ad evidenza pubblica, è stato quindi sottoscritto il contratto con CPL Concordia per la realizzazione della cabina del gas. Contestualmente sono stati avviati i contatti con SNAM ed Italgas per verificare le modalità di approvvigionamento, gestione e dismissione dopo la realizzazione. Si è provveduto a tenere informata di tutti i passaggi la Regione Piemonte e sono stati puntualmente monitorati tutti gli aspetti operativi della realizzazione, che consentirà di erogare il gas alle aziende insediate. Siamo ora alla ricerca e definizione del soggetto che acquisterà la cabina del gas e ne gestirà l uso. Ad oggi restano circa mq di superficie fondiaria da vendere in un unico lotto eventualmente frazionabile. Area industriale di Samone. Restano cinque lotti disponibili che nel corso del 2012 hanno registrato alcune manifestazioni di interesse che però non si sono concretizzate in atti di vendita. Area industriale di Albiano d Ivrea. Si è prestata assistenza all Amministrazione Comunale per l area di Mediapolis. Area industriale di Borgofranco d Ivrea. Il Consorzio, è impegnato con l Amministrazione Comunale, la Regione Piemonte, la Provincia di Torino, e i proprietari dell area al fine di redigere opportuna documentazione tecnica per la mappatura dell area e delle sue caratteristiche nonché lo sviluppo di uno studio di fattibilità che permetta di porre sul mercato l area recuperando e valorizzando l esistente oltre prevederne uno sviluppo futuro. A tal scopo è stato avviato anche un proficuo rapporto di collaborazione con ANAS al fine di definire congiuntamente uno studio di fattibilità per il necessario miglioramento della viabilità al servizio dell area industriale intercomunale.

5 Servizio sperimentale di assistenza tecnica per favorire l insediamento delle imprese nel Canavese. Si è sostanzialmente concluso l incarico affidatoci dalla Provincia di Torino per il servizio sperimentale di assistenza tecnica volto a favorire l insediamento delle imprese nel Canavese. Tale esperienza ha da un lato favorito l avvio e lo sviluppo dei servizi dello sportello unico ma vista la situazione economica generale non si è ancora concretizzato con l auspicato insediamento di una grande ditta. IL COMITATO DI INDIRIZZO Come ormai noto a partire dal 2011 il Consorzio si è dotato di un nuovo organo, come previsto dallo Statuto, il Comitato di Indirizzo, che nella sua definizione rispecchia e rappresenta i consorziati e i legami con il territorio del Canavese e con l insieme dei soci. Il Comitato di Indirizzo si è riunito durante l esercizio 2012 nei mesi di luglio e novembre, affiancando il C.D. nel monitoraggio del territorio e nell assunzione di indirizzi operativi volti a favorire il miglioramento delle iniziative avviate. EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE Prevediamo ed auspichiamo che il 2013 sia un anno di grande impegno da dedicare prioritariamente alla vendita dei lotti residui, nonché all acquisizione di incarichi per lo sviluppo di nuove iniziative. Abbiamo già operato anche in questa seconda direzione nel corso del 2012 registrando i primi risultati, poiché siamo consapevoli che in un periodo di grandi difficoltà è necessario ampliare la nostra operatività al fine di offrire risultati apprezzabili ai nostri consorziati. Riteniamo che la prossima riattivazione dei PTI, l avvio di approfondimenti molto costruttivi finalizzati sia alla realizzazione di nuove aree che di infrastrutture per la connettività internet caratterizzeranno in modo significativo la nostra attività nell anno in corso potendo contare sul sostegno assai utile del Comitato di Indirizzo che ci ha fortemente segnalato queste opportunità. L auspicio è tuttavia, come segnalato in premessa, che si possa dar luogo, e noi daremo a questo il contributo di cui saremo capaci, alla redazione di un catalogo delle opportunità insediative che rappresenti l offerta del Canavese insieme a quella di altri territori perché contrastare la crisi richiede oggi di fare, ancor più che in passato, un azione coordinata di promozione, da considerare non più un eventualità, ma una necessità. Avendo rilevato il bisogno di un attività più intensa dedicata alla commercializzazione dei lotti che sono ancora oggi nelle nostre disponibilità abbiamo predisposto un piano per promuovere la vendita e l opportunità di insediarsi e investire in Canavese, da rafforzare nel 2013, tramite: - pubblicità a pagamento sui giornali locali - contatto diretto - sito rinnovato - contributo alla auspicata redazione di un catalogo che contenga anche la nostra offerta ma che venga redatto con altri enti (Provincia di Torino, associazioni di

6 categoria, Comuni, Finpiemonte Partecipazioni) al fine di proporre un offerta più ampia che sia più attrattiva per operatori che potrebbero insediarsi anche in Canavese. Seppure il quadro generale sia caratterizzato da grandi difficoltà, possiamo affermare con soddisfazione che il Consorzio ha confermato di essere, anche in questa fase di crisi che non conosce precedenti, un punto di riferimento per il territorio ed i suoi amministratori ed è una realtà che sa stare al passo con i tempi, distinguendosi per la sua reattività, sobrietà del suo operare, per la capacità di utilizzare al meglio le risorse e per la piena collaborazione del Consiglio Direttivo, del Collegio Sindacale e del Comitato di Indirizzo, la cui generosa dedizione voglio sottolineare e ricordare come elemento di ricchezza, fiducia, competitività e buona reputazione del Consorzio. Proprio ai colleghi del Consiglio Direttivo, del Collegio Sindacale e del Comitato di Indirizzo alla struttura operativa porgo i miei ringraziamenti per la generosa collaborazione. Concludendo la relazione, gentili consorziati, Vi invitiamo quindi ad approvare il Bilancio chiuso al 31/12/12, unitamente al relativo conto economico, alla nota integrativa, alla presente relazione e proponiamo di coprire la perdita d esercizio pari a ,88 con la riserva utili anni precedenti che ammonta ad ,90. Ivrea, 30 gennaio 2013 Per il Consiglio Direttivo La Presidente Dott.ssa Alberta Pasquero

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE REGIONANDO 2001 REGIONE PIEMONTE Assessorato Industria, Lavoro, New economy, Coordinamento politiche e fondi comunitari BIOINDUSTRY PARK CANAVESE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: BIOINDUSTRY PARK

Dettagli

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale.

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 85 del 21-06-2013 20905 votazione ed unico voto espresso per ciascun consigliere ; Segretario: funzionario del Comune. Art. 73 Pubblicità delle spese elettorali

Dettagli

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI ACCORDO DI PROGRAMMA FRA GLI ENTI PARTECIPANTI ALLA COSTITUZIONE DI UN CENTRO SERVIZI TERRITORIALE NELLA PROVINCIA DI TORINO PER L INCLUSIONE DEI PICCOLI COMUNI NELL ATTUAZIONE DELL E-GOVERNMENT La Regione

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

L attività di ITP correlata alle numerose iniziative di promozione di Torino e Piemonte. Patrizia Ludi Milano, 9 Ottobre 2006

L attività di ITP correlata alle numerose iniziative di promozione di Torino e Piemonte. Patrizia Ludi Milano, 9 Ottobre 2006 L attività di ITP correlata alle numerose iniziative di promozione di Torino e Piemonte Patrizia Ludi Milano, 9 Ottobre 2006 chi siamo ITP Investimenti Torino Piemonte è la prima agenzia regionale italiana

Dettagli

SOCIETA AEROPORTI ROMAGNA SPA VIALE ALDO MORO 30 - BOLOGNA C.F.

SOCIETA AEROPORTI ROMAGNA SPA VIALE ALDO MORO 30 - BOLOGNA C.F. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO D ESERCIZIO AL 31/12/2011 Signori Azionisti, il Bilancio chiuso al 31 dicembre 2011, che sottoponiamo alla Vostra attenzione, formato dallo Stato Patrimoniale, dal

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, di seguito denominato Dipartimento, c.f. n. 80188230587, con sede in Roma, Largo Chigi,

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI ATTIVITA' E DI PROMOZIONE INDUSTRIALE (2015 2016 2017)

PROGRAMMA TRIENNALE DI ATTIVITA' E DI PROMOZIONE INDUSTRIALE (2015 2016 2017) PROGRAMMA TRIENNALE DI ATTIVITA' E DI PROMOZIONE INDUSTRIALE (2015 2016 2017) Relazione triennale di attività e di promozione industriale (2015-2016-2017) Piano economico preventivo pluriennale (2015-2016-

Dettagli

STATUTO DELL A.I.O.M. AGENZIA IMPRENDITORIALE OPERATORI MARITTIMI PREMESSE

STATUTO DELL A.I.O.M. AGENZIA IMPRENDITORIALE OPERATORI MARITTIMI PREMESSE STATUTO DELL A.I.O.M. AGENZIA IMPRENDITORIALE OPERATORI MARITTIMI PREMESSE - L Associazione degli Spedizionieri di Trieste - L Unione dei Commercianti di Trieste - L Associazione degli Industriali di Trieste

Dettagli

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00

Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami. Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Relazione Presidente Carlo Paolo Beltrami Assemblea Annuale di venerdì 9 ottobre ore 18.00 Gentili ospiti Signore e Signori, Autorità e colleghi Costruttori, vi ringrazio della vostra presenza oggi alla

Dettagli

I soggetti del marketing territoriale

I soggetti del marketing territoriale I soggetti del marketing territoriale Anyway Soggetti Pubblici => legami col governo Privati => fine di lucro Misti Conflitti => Agenzie di marketing territoriale Livelli di ampiezza della responsabilità

Dettagli

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67 ma, secondo l impostazione metodologica ora contenuta nell aggiornamento 2012-2013 del PSN; Considerato che il processo di riforma a livello europeo del Patto di stabilità e di crescita e della governance

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Osservatorio Regionale sui Trasporti, la logistica e le infrastrutture in Molise Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Rapporto finale Gennaio 2008

Dettagli

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ.

PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. PROGETTO: INTERVENTI INTEGRATI PER LA FORMAZIONE E LA RICOLLOCAZIONE PROFESSIONALE DI LAVORATORI/LAVORATRICI IN CIGS O MOBILITÀ. SOGGETTO PROPONENTE/CAPOFILA: ITALIAINDUSTRIA s.r.l. SOGGETTI PARTNER ATTUATORI:

Dettagli

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO

STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO STATUTO DELLA SOCIETÁ ITALIANA PER IL GAS PER AZIONI DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE DURATA DELLA SOCIETÁ CAPITALE OBBLIGAZIONI E ALTRI TITOLI DI DEBITO Articolo 1 La Società Italiana per il Gas per Azioni,

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 15 Adunanza 30 aprile 2013 OGGETTO: PROPOSTA DI ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE APPROVAZIONE. Protocollo:

Dettagli

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 Staff della - Servizio ALL. A PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 tra REGIONE LIGURIA rappresentata dall Assessore alle Pari Opportunità

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

COMUNICATO DELL EMITTENTE AI SENSI DELL ARTICOLO 103, TERZO COMMA, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DELL ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO CONSOB 11971/1999

COMUNICATO DELL EMITTENTE AI SENSI DELL ARTICOLO 103, TERZO COMMA, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DELL ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO CONSOB 11971/1999 COMUNICATO DELL EMITTENTE AI SENSI DELL ARTICOLO 103, TERZO COMMA, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DELL ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO CONSOB 11971/1999 Il consiglio di amministrazione di Società Azionaria

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network)

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE WOMEN (Women of Mediterranean, east and south European Network) PREMESSA Il 26 marzo 1999 veniva sottoscritto a Forlì il protocollo d intesa per la realizzazione di una rete delle

Dettagli

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS

STATUTO BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS STATUTO del BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO - ONLUS Registrazione esente da imposta di registro (art. 8 L. 266/91) e bollo (art. 17 D.Lgs. 460/1997) BANCO DI SOLIDARIETA DI COMO ONLUS Via Oltrecolle, 139

Dettagli

ASSE III COMPETITIVITÀ PRODUTTIVA

ASSE III COMPETITIVITÀ PRODUTTIVA ALLEGATO 1 ASSE III COMPETITIVITÀ PRODUTTIVA Linea di Intervento III.1.1.A - Interventi di completamento di aree artigianali ed industriali già esistenti in modo da soddisfare la domanda di servizi ed

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI (P.D.O.) 2013

PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI (P.D.O.) 2013 PIANO DETTAGLIATO DEGLI OBIETTIVI (P.D.O.) 2013 SETTORE AMMINISTRATIVO FINANZIARIO RESPONSABILE: Salucci Roberta S. AMMINISTRAZIONE GENERALE CONTROLLI INTERNI: SCHEDE DI VALUTAZIONE per controllo successivo

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 15 NOVEMBRE 2012 475/2012/E/COM INTEGRAZIONI E MODIFICHE ALLA DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS 21 GIUGNO 2012, 260/2012/E/COM, RELATIVA AL SERVIZIO CONCILIAZIONE

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

CONVENZIONE EX ART. 30 DEL D. LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267

CONVENZIONE EX ART. 30 DEL D. LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267 CONVENZIONE EX ART. 30 DEL D. LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267 L'anno 2014, il giorno [ ] del mese di [ ] Tra La Provincia di Padova, C.F. [ ], con sede in Padova, Via., n, rappresentata da [ ], nato il [ ],

Dettagli

CASACLIMA NETWORK - SEZIONE FERMO Art. 1: Denominazione Sede - Durata - Scopo 1.1 Nome 1.2 Sede 1.3 Durata

CASACLIMA NETWORK - SEZIONE FERMO Art. 1: Denominazione Sede - Durata - Scopo 1.1 Nome 1.2 Sede 1.3 Durata CASACLIMA NETWORK - SEZIONE FERMO Art. 1: Denominazione Sede - Durata - Scopo 1.1 Nome 1.2 Sede 1.3 Durata Art. 2: Scopo dell associazione Comunicazioni esterne Utilizzo del logo 2.1 Scopo dell associazione

Dettagli

Fondo Housing Toscano

Fondo Housing Toscano Fondo Housing Toscano HOUSING SOCIALE_ Definizione Nuova offerta di alloggi e servizi con forte connotazione sociale per coloro che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato per

Dettagli

Partecipazioni Comunali 2014 05459/064 Direzione di Staff Partecipazioni Comunali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Partecipazioni Comunali 2014 05459/064 Direzione di Staff Partecipazioni Comunali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Partecipazioni Comunali 2014 05459/064 Direzione di Staff Partecipazioni Comunali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 446 approvata il 12 novembre 2014 DETERMINAZIONE: FORN. EN.ELETT.

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE CCIA CUNEO CONTRIBUTO CERTIFICAZIONE SOA CONTRIBUTI

Dettagli

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti Mettersi in proprio con le idee vincenti Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Mettersi in proprio con le idee vincenti Invitalia, l Agenzia nazionale per l

Dettagli

Tutto ciò premesso, si stipula e si conviene quanto segue

Tutto ciò premesso, si stipula e si conviene quanto segue PROTOCOLLO TRA I COMUNI DI BIENNO, BRENO, MALEGNO, NIARDO E PRESTINE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI INFORMATIVI ALL UNIONE DEI COMUNI DEGLI ANTICHI BORGHI DI VALLECAMONICA L anno duemilaundici, il giorno

Dettagli

1. Nuovo modello per le dichiarazioni sostitutive di atto notorio ed informativa sulla privacy

1. Nuovo modello per le dichiarazioni sostitutive di atto notorio ed informativa sulla privacy Alle Aziende ammesse alle agevolazioni del Patto Territoriale del Canavese e p.c. al Consorzio per il Distretto Tecnologico del Canavese c.a. Dott. Loris Mauro e p.c. alla Banca Mediocredito SpA c.a. Sig.ra

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. In Arte Lab. Associazione Culturale

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. In Arte Lab. Associazione Culturale STATUTO DELL ASSOCIAZIONE In Arte Lab Associazione Culturale Articolo 1 - E costituita l Associazione denominata In Arte Lab, libera associazione di fatto, apartitica, apolitica e aconfessionale, con durata

Dettagli

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 - DOCUMENTO PROGRAMMATICO - PREMESSA 1999 2011: DAL RIORDINO AL RISANAMENTO Sono trascorsi 12 anni dal riordino del CONI operato dal decreto-melandri (d.lgs. 242/99) e 9

Dettagli

Statuto dell Associazione CA FOSCARI ALUMNI 28/10/2011

Statuto dell Associazione CA FOSCARI ALUMNI 28/10/2011 Statuto dell Associazione CA FOSCARI ALUMNI 28/10/2011 ART. 1. COSTITUZIONE E costituita, ai sensi dell art. 36 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominata: CA FOSCARI ALUMNI L Associazione

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I)

Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I) Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I) QUESTIONARIO PROPOSTO DAL MIPAF Le risposte di COLDIRETTI 1. MISURE PER L ASSE COMPETITIVITA a. Ritenete che il set di misure proposto in questo asse offra

Dettagli

Sicurezza e durabilità delle opere: l intesa tra Regione Piemonte e ATECAP

Sicurezza e durabilità delle opere: l intesa tra Regione Piemonte e ATECAP In Concreto n 103 Calcestruzzo di Qualità Sicurezza e durabilità delle opere: l intesa tra Regione Piemonte e ATECAP Davide Ruggeri Qualificazione 34 Figura 1 Il Predidente dell Atecap, Silvio Sarno e

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. COMPetitività ASSI MISURA II.1 Innovation Voucher Misura di sostegno Innovation Voucher Categorie di destinatari Favorire la nascita di nuove

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

LA BOTTEGA SOLIDALE - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Sede in Genova - P.zza Tommaseo 42 rosso. Capitale sociale Euro 484.357 interamente.

LA BOTTEGA SOLIDALE - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Sede in Genova - P.zza Tommaseo 42 rosso. Capitale sociale Euro 484.357 interamente. LA BOTTEGA SOLIDALE - SOCIETA' COOPERATIVA SOCIALE A R.L. Sede in Genova - P.zza Tommaseo 42 rosso Capitale sociale Euro 484.357 interamente. versato Iscrizione al registro Imprese di Genova e codice fiscale

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

Statuto CasaClima Network Sezione ABRUZZO

Statuto CasaClima Network Sezione ABRUZZO Statuto CasaClima Network Sezione ABRUZZO Art. 1: Denominazione Sede - Durata - Scopo 1.1 Nome 1.2 Sede 1.3 Durata Art. 2: Scopo dell associazione Comunicazioni esterne Utilizzo del logo 2.1 Scopo dell

Dettagli

Quorum è una società di property management che interviene nei processi destinati al miglioramento del reddito e del valore degli immobili.

Quorum è una società di property management che interviene nei processi destinati al miglioramento del reddito e del valore degli immobili. Quorum è una società di property management che interviene nei processi destinati al miglioramento del reddito e del valore degli immobili. Opera su tutto il territorio nazionale, dispone di strumenti

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo

Pirelli & C. S.p.A. Integrazione al Documento informativo Pirelli & C. S.p.A. Sede in Milano Viale Piero e Alberto Pirelli n. 25 Capitale sociale euro 1.345.380.534,66 Registro delle Imprese di Milano n. 00860340157 Repertorio Economico Amministrativo n. 1055

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

V E R B A L E D I A C C O R D O

V E R B A L E D I A C C O R D O V E R B A L E D I A C C O R D O Fusione per incorporazione di Banca Antonveneta Spa in Banca Monte dei Paschi di Siena Spa e contestuale conferimento di ramo d azienda nella Nuova Banca Antonveneta SpA.

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Ipotesi di scenario dopo il superamento del Servizio di Maggior Tutela

Ipotesi di scenario dopo il superamento del Servizio di Maggior Tutela Ipotesi di scenario dopo il superamento del Servizio di Maggior Tutela DDL Concorrenza Art. 19 - Energia Milano, 14/01/2014 1 Tempistica superamento Maggior Tutela (art.19 ddl Concorrenza) 01/01/2016:

Dettagli

STATUTO Della FONDAZIONE CAMILLO CAVOUR. Articolo 1 Costituzione e sede

STATUTO Della FONDAZIONE CAMILLO CAVOUR. Articolo 1 Costituzione e sede STATUTO Della FONDAZIONE CAMILLO CAVOUR Articolo 1 Costituzione e sede 1. La Fondazione Camillo Cavour, derivante dal lascito disposto dal marchese Giovanni Visconti Venosta con disposizione testamentaria

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO REGIONE VENETO PROVINCIA DI BELLUNO COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO C. A. P. 3 2 0 4 3 C o r s o I t a l i a n. 3 3 T e l. 0 4 3 6 / 4 2 9 1 f a x 0 4 3 6 / 8 6 8 4 4 5 SERVIZIO ECOLOGIA E AMBIENTE DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BEINASCO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI BEINASCO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BEINASCO PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE ESTRATTO DELLA GIUNTA COMUNALE N. 164 OGGETTO: Sistema di videosorveglianza del territorio Comunale. Realizzazione primo lotto funzionale.

Dettagli

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università);

Raccolta di domande di ogni tipo (partendo dalle iscrizioni alle scuole ed alle università); Protocollo Operativo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e Poste Italiane per il servizio di consegna dei libri di testo alle famiglie degli alunni della scuola secondaria

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 17 Adunanza 14 maggio 2013 OGGETTO: PROTOCOLLO DI INTESA SOTTOSCRITTO TRA PROVINCIA DI TORINO, COMUNE DI TORINO, CONSORZIO INTERCOMUNALE

Dettagli

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee

Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee Regolamento Associazione delle Donne del Credito Cooperativo idee PREMESSA Il Regolamento dell Associazione Idee descrive il disegno organizzativo e rappresenta sinteticamente il complesso delle attribuzioni

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

ALLEGATO "B" AL N. 14864 DELLA RACCOLTA STATUTO ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI VIRTUOSI ART. 1

ALLEGATO B AL N. 14864 DELLA RACCOLTA STATUTO ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI VIRTUOSI ART. 1 ALLEGATO "B" AL N. 14864 DELLA RACCOLTA STATUTO ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI VIRTUOSI ART. 1 E costituita, a tempo indeterminato, l'associazione denominata: "Associazione nazionale dei Comuni Virtuosi".

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO INTEGRATIVO PROVINCIALE EDILE INDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI ASTI 2010/2013

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO INTEGRATIVO PROVINCIALE EDILE INDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI ASTI 2010/2013 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO INTEGRATIVO PROVINCIALE EDILE INDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI ASTI 2010/2013 1 PREMESSA Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil della provincia di Asti nel presentare

Dettagli

L'efficienza energetica come fattore fondamentale per il recupero di un'area industriale dimessa. Ing.BOULANGER MICHELE Presidente

L'efficienza energetica come fattore fondamentale per il recupero di un'area industriale dimessa. Ing.BOULANGER MICHELE Presidente L'efficienza energetica come fattore fondamentale per il recupero di un'area industriale dimessa Ing.BOULANGER MICHELE Presidente Progetto R.A.I.B Recupero Area Industriale di Borgofranco d Ivrea 6 Marzo

Dettagli

RICUCIRE LEGAMI. Organizzazioni coinvolte. Premessa

RICUCIRE LEGAMI. Organizzazioni coinvolte. Premessa Organizzazioni coinvolte Consorzio Oscar Romero Consorzio Quarantacinque Cooperativa sociale Dimora d Abramo Cooperativa sociale Il Piccolo Principe Cooperativa sociale L Ovile Cooperativa sociale Solidarietà

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PERUGIA BIG BAND

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PERUGIA BIG BAND STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE PERUGIA BIG BAND Art. 1 È costituita un'associazione culturale denominata PERUGIA BIG BAND, con sede in Perugia, alla Via della Pallotta n. 8: è una libera associazione di

Dettagli

ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA

ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA ALLEGATO 4 STUDIO DI FATTIBILITA Procedura aperta per la selezione di una Società di Gestione del Risparmio per l'istituzione e la gestione di un fondo di investimento, immobiliare, chiuso per il patrimonio

Dettagli

Antonio G. Esposito Dottore Commercialista Revisore Contabile

Antonio G. Esposito Dottore Commercialista Revisore Contabile 1 Circolare n. 2/2015 Milano, 12 gennaio 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LA GESTIONE DELLE LETTERE DI INTENTO DAL 2015 Il c.d. Decreto Semplificazioni (D.L. n.175/14) ha mutato le regole di

Dettagli

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale.

Veneto Casa. Storia e prospettive future 19/11/2012. Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale. 19/11/2012 Veneto Casa Fondo di Investimento Immobiliare Etico per l Housing Sociale Storia e prospettive future 15 Novembre 2012 I.I. BENI Beni STABILI Stabili Gestioni GESTIONI S.P.A S.P.A. SGR - SGR

Dettagli

Complementarietà e addizionalità del PAR del FAS 2007 2013 rispetto alle misure attuate da Regione Piemonte per fronteggiare la crisi

Complementarietà e addizionalità del PAR del FAS 2007 2013 rispetto alle misure attuate da Regione Piemonte per fronteggiare la crisi Complementarietà e addizionalità del PAR del FAS 2007 2013 rispetto alle misure attuate da Regione Piemonte per fronteggiare la crisi economica internazionale Comitato di Pilotaggio 16 dicembre 2009 Organismo

Dettagli

AZIONE ANTI CRISI MISURE SPECIFICHE E CONTRIBUTO DELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE

AZIONE ANTI CRISI MISURE SPECIFICHE E CONTRIBUTO DELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE AZIONE ANTI CRISI MISURE SPECIFICHE E CONTRIBUTO DELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE Oltre a specifiche misure di immediato sostegno ( 1) il contributo della programmazione regionale all azione anticrisi (

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità

UNCEM Green Communities. Cofinanziamento: Produzione: Bologna, 4 maggio 2012. Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità 1 Bologna, 4 maggio 2012 Marco Piroi Governo integrato servizi di mobilità UNCEM Green Communities Cofinanziamento: Produzione: 2 Obiettivi Generali di progetto Promuovere lo sviluppo sostenibile come

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016

PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 COMUNE DI FERRERA DI VARESE PROVINCIA DI VARESE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 Approvato con deliberazione di G.C. n. del INDICE 1. PREMESSA NORMATIVA 2. CONTENUTO DEL PROGRAMMA

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE Lorenzo Garaventa con sede in Genova, Via Pianeletti,7 rosso. Articolo 1 Costituzione

STATUTO FONDAZIONE Lorenzo Garaventa con sede in Genova, Via Pianeletti,7 rosso. Articolo 1 Costituzione STATUTO FONDAZIONE Lorenzo Garaventa con sede in Genova, Via Pianeletti,7 rosso Articolo 1 Costituzione E costituita una Fondazione denominata Fondazione Lorenzo Garaventa, con sede in Genova, Via Pianeletti,7

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI SULLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI PORTI DI CARRARA, LIVORNO E PIOMBINO Tra Regione Toscana e

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI SULLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI PORTI DI CARRARA, LIVORNO E PIOMBINO Tra Regione Toscana e PROTOCOLLO D INTESA PER LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI SULLA SICUREZZA DEL LAVORO NEI PORTI DI CARRARA, LIVORNO E PIOMBINO Tra Regione Toscana e Autorità Portuali di Marina di Carrara, Livorno e Piombino,

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I

STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I STATUTO ASSOCIAZIONE EDITUM TITOLO I Art. 1 Costituzione E costituita una Associazione denominata "Editum", con sede in Ariccia (RM) L Associazione è senza fine di lucro e con divieto di distribuzione

Dettagli

Relazione. del Revisore Unico al bilancio al 31.12.2014. della Fondazione OAGE. Signori componenti il Consiglio di Amministrazione,

Relazione. del Revisore Unico al bilancio al 31.12.2014. della Fondazione OAGE. Signori componenti il Consiglio di Amministrazione, Relazione del Revisore Unico al bilancio al 31.12.2014 della Fondazione OAGE Signori componenti il Consiglio di Amministrazione, il progetto di bilancio che viene sottoposto alla Vostra attenzione è relativo

Dettagli

Art. 5 Possono entrare a far parte dell Associazione tutti coloro che ne intendono perseguire gli scopi e che ne facciano domanda autografa.

Art. 5 Possono entrare a far parte dell Associazione tutti coloro che ne intendono perseguire gli scopi e che ne facciano domanda autografa. Regolamento Interno Art. 1 Tale Regolamento, redatto in attuazione allo STATUTO dell Associazione CROCE AZZURRA SABAUDIA- ONLUS non potrà mai modificare né alterare gli articoli dello STATUTO stesso. Art.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO INTERISTITUZIONALE PROVINCIALE PER L HANDICAP DI MILANO (G.L.I.P.)

GRUPPO DI LAVORO INTERISTITUZIONALE PROVINCIALE PER L HANDICAP DI MILANO (G.L.I.P.) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO AREE DI SUPPORTO AGLI ISTITUTI SCOLASTICI Formazione, Politiche Giovanili e Sostegno alla Persona via

Dettagli

dal Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria

dal Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Progetto Approvato dal Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Cassa dele Ammende Il marchio Sigillo E possibile accompagnare un Ministero ad abbandonare le logiche del

Dettagli

Patti Territoriali della Provincia di Torino

Patti Territoriali della Provincia di Torino Patti Territoriali della Provincia di Torino Progetti infrastrutturali Area Attività produttive Progetti infrastrutturali dei Patti della Provincia di Torino I Patti Territoriali possono essere valutati

Dettagli

Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali

Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali PREMESSA La scelta di redigere il presente documento nasce dalla volontà di far conoscere l ambito di attività del Consorzio Regionale

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E ISL UNIPOL Sommario 02 Convenzione Nazionale fra CISL e Compagnia Assicuratrice Unipol 09 Allegato 1 Prodotti e Condizioni per gli iscritti 09 Linea rischi auto

Dettagli