L Ora X Né prima né dopo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Ora X Né prima né dopo"

Transcript

1 L Ora X Né prima né dopo > Comunicato stampa > Né prima né dopo Anna Mattirolo > Conto alla rovescia Giulio Paolini > Biografia Paolini > Scheda volume

2 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Regione Campania Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei Giulio Paolini L Ora X Né prima né dopo Napoli, Museo Archeologico Nazionale Sala della Meridiana dal 29 novembre 2009 al 18 gennaio 2010 Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ospita dal 29 novembre 2009 al 18 gennaio 2010 l installazione di Giulio Paolini L Ora X. Né prima né dopo, a cura di Anna Mattirolo. La mostra è promossa dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei in collaborazione con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania ed è realizzata grazie al co-finanziamento della Regione Campania, Assessorato al Turismo e Assessorato ai Beni Culturali, nell ambito del programma di eventi denominato 6 Viaggi. L intervento ideato dall artista per la Sala della Meridiana al piano superiore del Museo, è intimamente legato al contesto espositivo. Se le dimensioni monumentali dell ambiente hanno spinto l artista a concepire un allestimento raccolto al centro dello spazio, in un atmosfera rarefatta, la presenza della Meridiana lo ha indotto a porre in risalto il tema del Tempo. Nel cuore della Sala, immersa nella penombra, sono allestiti quattro lavori recenti, in parte riformulati per l occasione: Tre per tre (Ognuno è l altro o nessuno), Alfa (Un autore senza nome), Omega (Il corpo dell opera) e Capogiro (Lo sguardo dello spettatore). Altre otto opere sono invece chiamate in scena come comparse, in forma di proiezioni a ciclo continuo su lastre trasparenti distribuite tra i lavori esposti. Complessivamente, le dodici opere scandiscono altrettanti momenti all interno di un hortus clausus: dodici come le ore dell orologio, le opere annunciano simbolicamente il loro avvicendarsi nel flusso del Tempo (Paolini). Dalle opere vere a quelle virtuali, che prima ancora di dichiararsi si disperdono nei fasci di luce, lo sguardo assiste al teatro dell opera nel suo stesso farsi e disfarsi. Tutte insieme le opere si dispongono all attesa dell Ora X : l appuntamento cui Paolini, fin dai suoi esordi, convoca sempre e di nuovo lo spettatore e se stesso nell attesa della rivelazione dell opera a venire. Alla teatrale messinscena del nucleo espositivo corrisponde un nulla di fatto : nello spazio della rappresentazione, ogni opera annuncia il suo stesso divenire, ma nel contempo si sottrae a ogni definizione ultima. Un vuoto che allude a un comunicato stampa 2 < torna all indice

3 pieno incalcolabile, indeterminato, dettato dall inesauribile susseguirsi delle diverse esperienze che danno vita all avventura dell arte (Paolini). Il Tempo nelle sue più svariate sfaccettature costituisce un vero e proprio leitmotiv della ricerca paoliniana: il Tempo immutabile della storia dell arte, in cui opere e autori si sovrappongono in una stessa identità e dove la fine coincide con l inizio; il Tempo deflagrato da cui memorie e miti riemergono come frammenti archeologici; il Tempo senza data né luogo dell opera nel suo annunciarsi; il Tempo interminabile dell attesa di un opera senza fine; il Tempo del conto alla rovescia, in cui il dopo si confonde con il prima... Il tema del Tempo è sotteso nell intero arco della mia attività: affiora già in certe opere della fine degli anni Sessanta per crescere progressivamente e raggiungere oggi una chiara preminenza (Paolini). La mostra è accompagnata da un volume Electa della collana Pesci rossi con testi di Anna Mattirolo, Giulio Paolini, Rossana S. Pecorara e Chiara Bertola, corredati da una documentazione fotografica della mostra a cura di Luciano Romano. 3

4 Enti promotori Mostra a cura di Progetto scientifico Coordinamento generale per la Soprintendenza Coordinamento generale per la Direzione Regionale Progetto di allestimento Organizzazione e comunicazione Immagine coordinata Servizi Museali Fotografie Sede Regione Campania Assessorato al Turismo Riccardo Marone Assessorato ai Beni Culturali Oberdan Forlenza Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania Gregorio Angelini Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei Mariarosaria Salvatore Anna Mattirolo Anna Mattirolo Valeria Sampaolo Anna Capuano Mariano Boggia Electa Tassinari/Vetta (Leonardo Sonnoli) Pierreci Luciano Romano Museo Archeologico Nazionale di Napoli Periodo 29 novembre gennaio 2010 Orari Tariffe dalle 9 alle (chiuso martedì) 10,00 euro intero 5,00 euro ridotto il Museo è inserito nel circuito campania > artecard prenotazione obbligatoria tel per gruppi, scuole e visite didattiche sito internet catalogo ufficio stampa Electa Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei tel Electa Enrica Steffenini tel Carolina Perreca tel informazioni tecniche 4 < torna all indice

5 Né prima né dopo Anna Mattirolo La Meridiana inserita alla fine del Settecento nel pavimento del salone secentesco, che fungeva da biblioteca dell Università di Napoli, evoca un momento storico in cui i diversi ambiti della conoscenza erano ancora strettamente connessi. Da questa tradizione nasce l esigenza di avere uno spazio dedicato alla misurazione e rappresentazione della categoria tempo; posta al centro del campo visivo, la meridiana ci ammonisce sul suo inesorabile procedere. Il tempo viene qui misurato attraverso la luce che a mezzogiorno si insinua in un foro ricavato nell angolo a sud-ovest del salone, spettatore in attesa della rivoluzione terrestre di ogni giorno. La linea della luce, muovendosi in accordo con la rivoluzione del pianeta, modifica la sua inclinazione al variare delle stagioni, dei mesi e delle costellazioni. Per quanto questa misurazione ci risulti ormai imprecisa, tuttavia è ancora l imago fedele di una manifestazione naturale non mediata dall uomo, che ha scovato le giuste misure per poterla decodificare senza tentare di riprodurne il meccanismo. Oggi il tempo nella Sala della Meridiana continua a essere scandito come nel Settecento, ma questa luce ci appare come un segno di cui ormai ignoriamo il significato, seguiamo il suo movimento come si guardano i reperti di una cultura lontana. Il nostro desiderio di misurazione non è però cambiato nel corso di questi secoli, forse perché deriva dal bisogno immutato di controllare il tempo che coincide poi con la paura di non renderci conto del suo scorrere. In un passaggio di consegne, la Sala della Meridiana ci restituisce quell enigma dell ora, così caro a Giulio Paolini, che continua ad assillarci con la prepotenza di una domanda inevasa. Agli albori della sua storia, l uomo inizia a interrogarsi su come leggere la luce che regolarmente scandisce le sue attività; dopo secoli di scoperte, ricerche, studi, alla fine dell Ottocento la stipula della Convenzione del metro sembra dare una parziale risposta al problema stabilendo quantità e unità di misura. Questa convenzione, che già nel nome evoca una sottesa falsità, regola le nostre giornate di lavoro basate, quindi, su un accordo sottoscritto da tutti noi in maniera inconscia. Forte di questa sottoscrizione, la giornata si replica e si sostenta, perdendo i suoi residui caratteri di privatezza e diventando sempre più partecipata e accessibile; è ormai parte di una grande performance collettiva l ora di internet ne è la prima diretta conseguenza di cui Paolini critica la perdita dei momenti dedicati alla riflessione. In questo tempo sincopato, dove il prima e il dopo sembrano confondersi in un unico istante eternamente contemporaneo, la percezione del tempo individuale viene dilatata verso il futuro, inseguendo i nostri desideri che, quindi, deformano il momento presente. Questa continua proiezione induce a farci rileggere il passato in funzione delle nostre aspirazioni, attribuendogli così motivazioni a posteriori. Inevitabilmente questo processo di rimozione e selezione investe anche la lettura degli avvenimenti storici, che si intersecano con la breve linea temporale delle nostre esistenze. Una storia ridotta al tempo della vita che misuriamo con strumenti scientificamente macroscopici come il secondo, che sappiamo imperfetto, e che comprendiamo in un intervallo brevissimo, se relazionato al tempo cosmico. L imperfettibilità di questa misurazione saggio dal volume 5 < torna all indice

6 ci costringe a continue risincronizzazioni collettive, che non sono poi altro che la prova di un fallimento: mandiamo avanti o indietro un istante che è adesso, solo perché lo intuiamo come tale. Un presente archeologico che, nel suo farsi, è già storicizzato da centinaia di materiali cartacei e digitali che ne attestano l esistenza e, di conseguenza, il suo essersi appena concluso. Le vestigia del passato ci sono di conforto nel dubbio di non poter stabilire un prima e un dopo nel flusso temporale in cui siamo immersi, non ci fanno arrendere alla percezione di una durata indistinta e ci convincono di poter stabilire dei paletti, dei limiti, delle consequenzialità. Parlando di Paolini, nel suo saggio del 1972, Germano Celant lo descrive come un documento storico 1 ; se la sua opera si manifesta nei progetti di esposizione, essa lo fa soprattutto come atto bibliografico; avendo in se stessa la ragione e il senso del suo essere, rifiuta il prima e il poi dell atto critico immergendosi direttamente nel tempo storico. Di questo tempo della storia non individuale, ma collettivo Paolini parla diverse volte in maniera dichiarata o attraverso le sue opere. Esse si misurano con una classicità che ha contribuito a creare i nostri attuali canoni temporali, una sorta di lente, talora deformante, con cui continuiamo a leggere il passato; usiamo le esperienze di ieri per predire il domani, nella presunta convinzione che la linea del tempo sia circolare. Se le opere sono sempre state considerate emanazione della storia, oggi l arte, come scrive Paolini, è memoria di se stessa ma anche predestinazione 2 ; dovendo quindi trovarle una nuova possibile identità, essa non è una fenomenologia, ma una filosofia della storia. La nostra conoscenza è intuitiva e si attua in un tempo relativo e le architetture temporali, dove ordiniamo il passato, sono la sintesi di rappresentazioni soggettive del tempo e di forme antiche che giungono a noi già reinterpretate; ognuna provoca una nuova deformazione e solo la storia può svolgere e dipanare le incongruenze fra queste forme chiarendo gli ordini compositi delle architetture. Una di queste è quella della nostra storia dell arte che Paolini ha visualizzato nell opera 174 (1965): le ricerche artistiche procedono per linee parallele e il principio dell unidirezionalità del tempo sembra essere messo in questione dai continui ritorni, involuzioni e rivoluzioni che la caratterizzano. La qualità del tempo che possiamo percepire distintamente è solo l istante, ed è questo che ci permette di distinguere fra un prima e un dopo; se dunque rinunciamo a essere in questo presente, come sembra voler fare l artista nelle sue ultime dichiarazioni, non ci sarà possibile fissare un discrimine fra ieri e domani. Pur nella consapevolezza che il tempo è una categoria anisotropa e asimmetrica, quindi difficilmente definibile, non riusciamo tuttavia a smettere di domandarci se sia possibile intelligere la sua natura. Il museo è chiamato a essere nel tempo, forse è anche un fenomeno del tempo, deve quindi raccogliere la sfida di rispondere a questa domanda. Come l angelo di Benjamin siamo costretti a guardare verso il passato, senza poter in alcun modo volgerci verso il futuro e dovremmo quindi abbandonarci alla visione delle macerie che ci precedono. Tuttavia il museo non può esimersi dal guardare dall altra parte e in questo senso l apertura di un nuovo spazio costituisce una presa e una prova di responsabilità nei confronti del futuro; futuro che in qualche modo stiamo già vivendo attraverso la definizione di una progettazione culturale a lungo termine, che dovrà testimoniare il presente, ma su cui lavoriamo già oggi. Le difficoltà che inevitabilmente si stagliano sul nostro percorso non possono portarci ad accettare l alternativa di una caduta libera nel tempo. In un suo recente intervento al Mart di Rovereto, Paolini ha studiato le opere della collezione; nel corso di quella che ha definito una visita privata ha conce- 6

7 pito una serie di lavori, Sala di lettura (2004), che guarda lo spazio museale come luogo di interpretazione del messaggio artistico. Tuttavia qualsiasi processo di lettura implica una scrittura e il museo deve essere quindi anche un centro di produzione, altrimenti si perderebbe il senso di questa sua funzione decodificante. Se accettiamo che l opera esprima un eternità regolata e misurata dallo spazio 3, dobbiamo fare in modo di trovare questo spazio e inserirlo all interno di un sistema di lettura contemporaneo. Mi sembra che il cortocircuito proposto da Paolini in L Ora X dia la misura di quello che siamo chiamati a realizzare come museo: poter guardare l opera in uno stato di bonheur che renda possibile, anche solo per il breve tempo della visita, una conciliazione fra tempi individuali e collettivi, in un reciproco scambio dove il vissuto personale si fa storia e il tempo dell opera entra nella vita di ognuno. Certamente la percezione richiede silenzio, come più volte Paolini ha sottolineato, ma questa condizione può essere raggiunta solo offrendo un luogo che dia a tutti la possibilità di abbandonare per un momento il tempo sincopato delle nostre esistenze. Per realizzare tutto questo c è bisogno dell impegno delle tre polarità l opera, l autore, lo spettatore a considerarsi all interno di un tempo unitario, nonostante la difficoltà di trovare un metro comune. Anna Mattirolo è storica dell arte e direttore del MAXXI Arte, Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo Note 1 G. Celant, Giulio Paolini, catalogo della mostra a cura di G. Celant, New York, Galleria Sonnabend, New York 1972 (trad. it Giulio Paolini , catalogo della mostra a cura di G. Celant, Milano, Fondazione Prada, 29 ottobre - 18 dicembre 2003, Milano 2003, p. 218). 2 G. Paolini in C. Bertola, Il pescatore di perle, in L Ora X, catalogo della mostra a cura di C. Bertola, Venezia, Fondazione Querini Stampalia, 28 marzo - 30 maggio 2004, Edizioni Gli Ori, Prato 2004, p G. Paolini, Quattro passi. Nel museo senza muse, Einaudi, Torino 2006, pp

8 Conto alla rovescia Giulio Paolini Quando è il presente? R.M. Rilke, lettera a Lou Andreas-Salomé, 11 febbraio 1922 L artista ha perso la voce, non potremo più assistere alle sue apparizioni dal vivo. Già da tempo, del resto, da molto prima del segnale dell ora X la sua voce, pur prodiga di affermazioni e perfino insistente nelle recenti e numerose interviste, mai aveva inteso farsi davvero sentire. Paradossalmente molte delle parole spese fin qui erano tutte rivolte a invocare il silenzio, o almeno a moderare il flusso eccedente di opinioni e commenti riferiti a temi delicati come quello dell arte e della sua storia. Forse troppi equivoci sono oggi provocati dalla credenza, ampiamente condivisa, che individua l artista come interprete del suo tempo. Il tempo che conta non è il suo, ma quello dell opera, alla quale non corrisponde l arco di esperienze della vita dell autore. Al contrario, dalla vita sua o non sua l artista prende distanza tale da consentirgli di orientare lo sguardo oltre la linea dell orizzonte. Se poi l opera come sappiamo non ha un tempo suo proprio, ma appartiene a una linea continua (o circolare) che tende a riflettersi nella perennità di un modello immutabile (o imperscrutabile), possiamo davvero parlare di enigma dell ora, di qualcosa che non si manifesta ma si deposita sul fondo degli abissi del Tempo. Ci troviamo insomma in quella terra di nessuno che non può ospitarci ma dalla quale non riusciamo neppure a evadere. L artista accoglie la propria opera con discrezione e rifugge, prova imbarazzo per la dote di talento e di creatività che gli viene attribuita e che deve far valere, per esempio, in occasione delle esposizioni collettive per affrontare la prova d esame del grande pubblico ed esibire le sue sacrosante fatiche. La forzosa socializzazione dei linguaggi diversi e individuali dei singoli artisti intorno a un nodo tematico è il seme infestante, portatore di un incongruo regime di scambio innestato nel giardino segreto, nell hortus clausus della parola dell arte. Come non ricordare le antiche ma sempre attuali parole da Il Libro del Cortegiano (1528) di Baldassarre Castiglione: Usar in ogni cosa una certa sprezzatura, che nasconda l arte e dimostri ciò che si fa e dice venir fatto senza fatica e quasi senza pensarvi. Da questo credo io che derivi assai la grazia; perché delle cose rare e ben fatte ognun sa la difficultà, onde in esse la facilità genera grandissima maraviglia si po dir quella esser vera arte che non pare esser arte perché se è scoperta, leva in tutto il credito e fa l omo poco estimato. L artista che resta nel suo studio rinuncia ai propri diritti civili e alla proposta indecente dell amplificazione sociale del suo ruolo (o non-ruolo). L artista, un tempo maledetto, oggi pressoché unanimemente benedetto, dovrebbe essere a parer mio semplicemente non detto, nel senso di non insignito di quel valore primario che spetta invece all opera in quanto tale, perché originata dalla stessa dinastia che la precede nel Tempo e dalla quale discende in linea diretta. Un opera, per essere autentica, deve dimenticare il suo autore. Tra le pareti del mio studio posso contare sugli strumenti di lavoro più fede- saggio dal volume 8 < torna all indice

9 li (matite, squadre, compassi ). Lì riesco a fingere di esistere, a mettere ordine tra le mie carte: o meglio, mettere in scena un finto e calcolato disordine per farmi credere di essere all opera. A breve distanza (pochi passi mi separano dal numero 6 di via Carlo Alberto) Friedrich Nietzsche firmava le sue Lettere da Torino e doveva salire o precipitare? all ultimo piano di quell edificio per varcare la soglia dello squilibrio mentale, cedere alla vertigine e inoltrarsi in un vicolo cieco. Tutto questo (anche se non so bene perché) mi ricorda la Parabola del padrone e dei suoi servi: l uomo, dovendosi assentare per qualche tempo dalla sua dimora, affidò a tre fedeli servitori tre uguali somme di denaro perché potessero far fronte a ogni eventuale necessità. I primi due impegnarono le loro somme in attività redditizie, tali cioè da far fruttare quel denaro disponibile; il terzo invece pensò di sotterrare la somma e di metterla così al sicuro. Fu lui, quest ultimo, a ricevere il rimprovero del suo padrone: il denaro andava impiegato per mettere a frutto il dono del proprio talento e così farlo rendere. Ma è proprio con lui che avrei invece condiviso la scelta di nascondere, custodire qualcosa: la mia presunta e pretestuosa autorità, l ignobile talento che mi è stato attribuito ma che non mi appartiene e del quale non intendo dare pubblica dimostrazione. L artista non è un esploratore, non mira alla conquista dell Eldorado, non procede al di là dei suoi stessi passi alla ricerca di effetti speciali. È semmai un archeologo intento a scavare nel sottosuolo senza altre aspettative che non siano quelle di poter insistere nel suo stesso fare e disfare Chiedo scusa, agli artisti e non solo: ai critici, ai conoscitori, agli storici, ai visitatori ma non ai lettori, ai quali vorrei invece fare una confidenza. Nei musei, e in ogni altro luogo in generale, allo sguardo capita abitualmente di cogliere una visione d insieme dove la quantità s impone a tutta prima sulla qualità dei quadri alle pareti. Le cornici, opportunamente distribuite secondo l economia degli spazi disponibili, si dispongono in ordine regolare, l una accanto all altra. Devo confessare che è proprio questa la visione che più mi attrae, e mi convince, prima ancora di accedere all osservazione dei singoli elementi che la compongono. L esistenza (qui o altrove) di quei quadri (quelli o altri ancora) è l attesa conferma, l effettiva constatazione di un mondo parallelo, senza ingombro e senza peso appunto sospeso un ordine misurato e silenzioso contrapposto al germinare organico e casuale di ogni altro possibile accadimento. Non importa se non arriviamo a percepire una a una ogni singola immagine. Anzi, è questo il privilegio, l incanto, la visione da cogliere: visione mentale, certo, ma quale visione non lo è? Siamo stati in molti ad aver scavato la fossa alla parola ispirazione, decisi a sostituirla con termini come indagine o ricerca ; però un indagine (sempre vagamente poliziesca) o una ricerca (sempre vagamente scientifica) si rivolgono a qualcosa posto al di fuori di sé. L opera d arte,rivolgendosi invece soltanto a se stessa, ha invece il privilegio di non sapere e soprattutto non volere dimostrare alcunché. Non mi nascondo che queste considerazioni, questi pensieri siano suggeriti dall età, dal peso crescente della sfera umorale-affettiva, da una certa inclinazione alla malinconia che toglie slancio alla dominante speculativa degli anni giovanili, all illusione di onnipotenza e di immortalità della stagione dell adolescenza; pensieri appunto ispirati dall imminenza di una senilità che sembra sopraggiungere senza transitare attraverso la maturità dell età adulta. 9

10 Ma non scopro proprio nulla Anzi per meglio dire scopro che nulla è già stato perché tutto è ancora e sempre uguale a se stesso: tutto galleggia come al primo istante sul mare dell eternità. Ed è grazie alla lettura dei primi filosofi di Parmenide in particolare, conosciuto su quella spiaggia di Capo Palinuro che un tempo ero solito frequentare se mi sono convinto del primato del prima, dell origine della verità che, seppur nascosta come ha da essere, si colloca nel suo luogo naturale: all inizio e non alla fine dell esperienza. Chi scrive è disposto a dimenticare tutto o quasi, perfino il suo nome, ma non a rinunciare alle urgenze che hanno contraddistinto e tuttora muovono le sue iniziative. L artista e continuo a non fare il suo nome è pronto a passare le consegne, a sottrarsi alle cronache e affidare i suoi gesti alla pazienza e alla devozione degli archivi. Ho già sostenuto altre volte come l artista non sia autore della sua opera, la quale in certo modo è già da sempre annunciata, prefigurata e preesistente, ma di quell opera sia soltanto attore e dunque latore della sua rappresentazione. Attore che lascia ora il palcoscenico trasferendosi dietro le quinte ad abitare il retroscena. Un trasloco di breve distanza ma comunque significativo: una sorta di clausura, una scelta dovuta soprattutto all insofferenza per le ovvietà e le approssimazioni del cosiddetto mondo dell informazione. E non sono errori di forma, ma vizi capitali: la forma non sbaglia mai, non può sbagliare perché una forma è vuota, è il vuoto stesso che appunto si conforma e si rende visibile al nostro sguardo. L importante è non formulare, non pretendere di esprimersi sapendo di farlo. È in atto una vera e propria asfissia provocata dal vasto processo, ormai giunto a saturazione, fondato su quel falso valore, enfatico e illusorio, chiamato comunicazione. Credo che tutto, in arte, si possa osare purché consapevoli dell impossibilità (della pretenziosità) di arrivare a dire o a capire. Inutile, o per lo meno rischioso, perché spesso è ingannevole o fuorviante il tentativo di cercare riparo nel lasciapassare della mediazione culturale. Occorre soprattutto arrivare ad ammettere la vanità, l inconsistenza di questo voler arrivare a dire o a capire. L arte non si dimostra: semplicemente, discretamente si afferma. L arte è contemporanea soltanto al proprio passato, così come tende ad assomigliare al proprio futuro: nel presente si affatica a trovare un identità che nessuno è in grado di attribuirle. Tutti invece alzano subito la voce, da una parte e dall altra, impegnati da un lato a strafare, a occupare quanto più spazio possibile, produrre opere sempre più invadenti; dall altro a discutere, a spiegare l inspiegabile, a fornire valutazioni non richieste perché fuori luogo e, soprattutto, fuori tempo. Occorre cioè appurare se si possa autorizzare una propria convinzione a diventare un affermazione. In altri termini, non esprimere alcunché significa forse non avere un idea propria, non saperne nulla? Dire, come mi è capitato di dire, chi si esprime è perduto non è assenza di una personale valutazione, ma esortazione al contenimento di un opinione che pur si possiede, ma che non si vuole trasformare in una perentoria affermazione. Nei miei quadri il tentativo è sempre quello di decifrare quale immagine potrà mai configurarsi per effetto di una ricerca che non tende a cogliere la verità, ma piuttosto a intravedere o addirittura rivelare l immagine che sembra appartenere a questo o a quel quadro. Quale quadro? Restiamo a osservare, fino a convincerci della necessità, dell urgenza di poterlo avvistare (uno, soltanto uno!) senza peraltro volerne conoscere le misure e i contorni. 10

11 Ancora una volta, Giulio Paolini eccomi dunque dichiarato, nome e cognome si annuncia e si propone come soggetto attivo di un esposizione. È il mio Sessantotto: ricordo di aver trascorso quell anno, a quell epoca, nella più convinta indifferenza verso i fermenti di allora. Oggi, invece, il mio sessantottesimo anno di età mi suggerisce qualche mutamento nelle attività e attitudini abituali 1. Che ora è? Potrei rispondere allo stesso tempo (e proprio di tempo si tratta) in due diverse opposte direzioni: a. È ora, adesso. Un affermazione, una constatazione ferma e inequivocabile. b. Silenzio, nessuna risposta a una questione che non si pone se questa volta consideriamo il Tempo come un area illimitata, una dimensione indeterminata. Ho perso la voce. Dunque non parlo, ma scrivo, anzi scrivevo tempo fa: Se siamo (come siamo) dei corpi, siamo morti. Insomma, chi vivrà vedrà o volgerà gli occhi altrove senza più vedere l oggetto in grado di dare un senso al corretto esercizio dello sguardo. Note 1 Spetterà alla Fondazione appena costituita il compito di ordinare e aggiornare i dati e i progetti a venire: spetterà alle sue pubblicazioni ai prossimi Pretesti, inediti brevi, tracce esili ma autentiche affidate a voci ospiti, scene di conversazione dedicate ai vari aspetti dell attività dell artista (di un artista senza nome) prendere la parola o restare in ascolto 11

12 Biografia Paolini Giulio Paolini è nato a Genova nel 1940 e risiede a Torino. Dal 1964, l anno della sua prima mostra personale alla Galleria La Salita a Roma, Paolini ha esposto in gallerie e musei di tutto il mondo. La collaborazione con le gallerie d avanguardia italiane degli anni sessanta e settanta (La Salita, Roma; Notizie, Torino; Galleria dell Ariete, Milano; Galleria del Leone, Venezia; La Tartaruga, Roma; L Attico, Roma; Studio Marconi, Milano; Modern Art Agency, Napoli) è integrata rapidamente dalla regolare presenza in importanti gallerie straniere (dal 1971 Paul Maenz, Colonia; dal 1972 Sonnabend, New York; dal 1973 Annemarie Verna, Zurigo; dal 1976 Yvon Lambert, Parigi). Dagli anni ottanta Paolini è rappresentato principalmente dalle gallerie Christian Stein, Milano; Massimo Minini, Brescia; Tucci Russo Studio per l Arte Contemporanea, Torre Pellice; Alfonso Artiaco, Napoli; Yvon Lambert, Parigi; Lisson Gallery, Londra; Marian Goodman, New York. Le grandi antologiche nei musei prendono avvio verso la fine degli anni settanta (Istituto di Storia dell Arte dell Università di Parma, Parma 1976; Städtisches Museum, Mönchengladbach 1977; Mannheimer Kunstverein, Mannheim 1977; Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes, Napoli 1978; Stedelijk Museum, Amsterdam/The Museum of Modern Art, Oxford 1980) per culminare nella seconda metà degli anni ottanta (Le Nouveau Musée, Villeurbanne 1984, itinerante a Montréal, Vancouver e Charleroi; Staatsgalerie Stuttgart, Stoccarda 1986; Galleria Nazionale d Arte Moderna, Roma 1989; Galleria Comunale d Arte Moderna, Villa delle Rose, Bologna 1990). Tra le personali più recenti si distinguono quelle di Graz (Neue Galerie im Landesmuseum Joanneum, 1998), Torino (Galleria Civica d Arte Moderna e Contemporanea, 1999), Verona (Galleria d Arte Moderna e Contemporanea Palazzo Forti, 2001), Milano (Fondazione Prada, 2003), Winterthur (Kunstmuseum Winterthur, 2005), Münster (Westfälisches Landesmuseum für Kunst und Kulturgeschichte, 2005) e Bergamo (GAMeC Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, 2006). Le mostre collettive, innumerevoli a partire dalla partecipazione al Premio Lissone nel 1961, includono le esposizioni legate all Arte Povera ( , , 1989, ), le principali rassegne internazionali di arte italiana e numerose tra le più significative mostre dedicate agli sviluppi artistici della seconda metà del XX secolo (a titolo indicativo: Vitalità del negativo, Roma 1970; Contemporanea, Roma 1973; Projekt 74, Colonia 1974; Europe in the Seventies, Chicago e itinerante negli Stati Uniti ; Westkunst, Colonia 1981; 60-80: Attitudes/concepts/images, Amsterdam 1982; An International Survey of Recent Painting and Sculpture, New York 1984; The European Iceberg, Toronto 1985; Transformations in Sculpture, New York 1985; Bilderstreit, Colonia 1989; : Reconsidering the Object of Art, Los Angeles 1995; The Last Picture Show: Artists Using Photography, , Minneapolis e itinerante ). Paolini ha partecipato diverse volte alla Documenta di Kassel (1972, 1977, 1982, 1992) e alla Biennale di Venezia (1970, 1976, 1978, 1980, 1984, 1986, 1993, 1995, 1997). Dal 1969 Paolini ha realizzato diverse scenografie teatrali, in particolare in collaborazione con Carlo Quartucci; tra i progetti di maggior rilievo si distinguono le scene ideate per le Valchirie (2005) e il Parsifal (2007) di Richard Wagner al Teatro di San Carlo a Napoli (regia di Federico Tiezzi). Fin dagli esordi Paolini ha accompagnato la sua produzione artistica con riflessioni e dichiarazioni, riunite nel corso del tempo in libri d artista, antologie di scritti e altre pubblicazioni in varie lingue. La prima raccolta di scritti, intitolata Idem e pubblicata da Einaudi, risale al 1975; tra le più recenti, ricordiamo La verità in quattro righe e novantacinque voci (Einaudi, Torino 1996), la trilogia edita da Exit Edizioni fra il 1994 e il 1998 (Lezione di pittura, Black out e Giro di boa) e Quattro passi. Nel museo senza muse, Einaudi, Torino Un edizione integrale degli scritti dell artista in lingua italiana è uscita nel 1995 presso le Edizioni ADV Publishing House di Lugano (Giulio Paolini: la voce del pittore. Scritti e interviste ). Le più significative pubblicazioni monografiche dedicate a Giulio Paolini sono state realizzate in occasione delle mostre personali di Parma (1976), Lucerna (1981), Ravenna (1985), Stoccarda (1986), Graz (1998) e Milano (2003). Nel 1990 Francesco Poli ha curato una monografia sull artista (Edizioni Lindau, Torino). Nel 1992 Marco Noire ha pubblicato Impressions graphiques, un catalogo generale dell opera grafica di Paolini dal Nel 2008 è uscito in due volumi presso l editore Skira a Milano il Catalogo ragionato delle opere dal 1960 al 1999, curato da Maddalena Disch. profilo biografico 12 < torna all indice

13 L Ora X Né prima né dopo Autore Anna Mattirolo, Giulio Paolini Foto di Luciano Romano Collana Pesci rossi Editore Electa Pagine 88 Illustrazioni 28 Prezzo 15,00 In libreria dicembre 2009 La collana Pesci rossi di Electa si arricchisce di un nuovo volume L Ora X. Né prima né dopo che accompagna un esposizione di un artista contemporaneo in un istituzione storica, quale il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, come è accaduto nel caso del precedente Arienti. Arte in-percettibile (mostra in corso a Palazzo Ducale di Mantova). La Sala della Meridiana del Museo, il luogo in cui si misurava il tempo, accoglie l installazione di Paolini L Ora X. Né prima né dopo composta da quattro lavori che danno vita a un ciclo continuo di proiezioni in cui si manifestano dodici momenti che alludono alle dodici ore e allo scorrere del tempo. Gli autori: Giulio Paolini, l artista; Anna Mattirolo, la curatrice. I saggi contenuti nel volume, che comprendono anche i contributi di Chiara Bertola e Rossana S. Pecorara, analizzano le opere di Paolini in cui il tema del tempo ha raggiunto un evidente preminenza; il rapporto artista-spettatore-opera in attesa dell istante in cui l opera si manifesta. L ampia documentazione fotografica di Luciano Romano, realizzata durante il lavoro di installazione dell artista in loco, e che correda il libro, fornisce al lettore un utile ed esplicativo apparato visivo del lavoro dell artista, una guida per immagini dell esposizione (dal 29 novembre 2009 al 18 gennaio 2010). scheda volume 13 < torna all indice

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola)

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola) P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE ( Coro per voce sola) Di Marco Brovia Enzo Massa Simona Colonna Mauro Fede IL LIBRO TITOLO: TESTI: IMMAGINI: FORMATO: EDITRICE: STAMPA: IL PESO DELLE PAROLE (Coro per

Dettagli

Rispondo con piacere ad un invito pensando all occasione dell incontro.

Rispondo con piacere ad un invito pensando all occasione dell incontro. Roberto Latini Che cosa vuol dire direzione artistica? Santarcangelo 2mila8 Scusate. Rispondo con piacere ad un invito pensando all occasione dell incontro. Eppure arrivo a questo appuntamento con qualche

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO Dal fallimento al successo La storia di un uomo che affronta la vita, estratto del libro in anteprima È il 1990: ho 42 anni e sono praticamente fallito. Sono con l acqua

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino A- Acquisizione di strumenti utili a sviluppare una lettura critica ed autonoma dello spazio; acquisizione

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei Elena Sbaraglia Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei STEP BY STEP EDIZIONI SIMPLE Via Weiden, 27 62100 Macerata info@edizionisimple.it www.edizionisimple.it ISBN 978-88-6259-746-3

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Davvero! Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna

Davvero! Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Davvero! La Pompei di fine '800 nella pittura di Luigi Bazzani Luigi Bazzani, Tablino della Casa della Caccia Antica (VII 4, 48) Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Dal 29 marzo al 26 maggio

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Inserire ritratto fotografico e/o foto di un opera (facoltativo, ma suggerito) Prof. DAVIDE TRANCHINA Materia di insegnamento: DIREZIONE DELLA FOTOGRAFIA Ricevimento: il MARTEDI dalle 18 alle 19 Aula 60

Dettagli

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Come Attuare il Cambiamento Attraverso la PNQ e il Modellamento della Realtà 2 Titolo LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Autore Luca Clun Editore Bruno Editore Sito internet

Dettagli

VISION a Casa del Volontariato VOCE

VISION a Casa del Volontariato VOCE Un oasi di solidarietà, nel cuore della città. VISION a Casa del Volontariato VOCE LVolontari al Centro è il luogo che racchiude in modo nuovo la dimensione comunitaria della vita a Milano e nella sua

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO

ESERCITAZIONE OSSERVARE UN ALBERO L esercizio richiesto consiste nella scelta di un albero e il suo monitoraggio/racconto al fine di sviluppare l osservazione attenta come mezzo per la conoscenza del materiale vegetale. L esercitazione

Dettagli

Il museo della scuola e dei bambini

Il museo della scuola e dei bambini Il museo della scuola e dei bambini Plesso Collodi scuola Gigante Neghelli Cavalleggeri d Aosta Napoli Senza Memoria non c è Futuro Dietro una piccola porta, al piano terra della scuola Collodi di Napoli,

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO Ricostruire la Propria Identità attraverso la Determinazione e la Libertà di Scelta 2 Titolo MOTIVATORE DI ME STESSO Autore Marco Antuzi Editore Bruno Editore Sito

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Chi siamo. L organizzazione

Chi siamo. L organizzazione Chi siamo Il Forum Giovani di Marigliano nasce con lo scopo di raccogliere idee, sogni e domande dei giovani cittadini. È uno strumento di partecipazione attiva per incidere sul territorio, fornendo occasioni

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani

Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani vademecum_dizionario 04/10/13 11:31 Pagina 1 a cura di Roberto Gatti Luca Alici Ilaria Vellani Vademecum della democrazia UN DIZIONARIO PER TUTTI Editrice AVE vademecum_dizionario 04/10/13 11:28 Pagina

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell. Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell. Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. SABATINI - F. MENNA LICEO ARTISTICO Indirizzi : Arti figurative - Architettura e Ambiente - Audiovisivo e

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Manuale Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Premessa Gestione Biblioteca scolastica è un software che permette di gestire in maniera sufficientemente

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Le biblioteche raccontate a mia fi glia

Le biblioteche raccontate a mia fi glia La collana Conoscere la biblioteca si rivolge direttamente agli utenti delle biblioteche per spiegare, con un linguaggio semplice, il ruolo e i diversi aspetti di questo servizio. Per tali caratteristiche

Dettagli

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI Musica, arti e creatività Il fondamento filosofico del fare musica tutti nel sistema formativo Convegno internazionale di studi IV Edizione Roma, 31 marzo - 1 aprile 2011 Musica e poesia: una partitura

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. The Leader Sviluppo personale - self Help Permettimi di darti un consiglio: Scegli ora di essere tu il tuo LEADER SEMPRE! Sviluppo personale

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita.

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita. PROGETTARE UNA GITA Prima di dare avvio al percorso è opportuno condividere con gli alunni tutto il progetto ed eventualmente modificare alcuni elementi in rapporto alla discussione. Gli alunni devono

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Conoscenza Università e Società

Conoscenza Università e Società Giuseppe losappio riflessioni Collana Editoriale Conoscenza Università e Società Giuseppe Losappio Conoscenza, Università e Società riflessioni Collana Editoriale 1 Nulla, mamma, pensavo (R. Musil) La

Dettagli

BANDO CONCORSO FOTOGRAFICO E DI DOCUMENTAZIONE L UMBRIA E I SUOI PAESAGGI NELLA MEMORIA STORICA

BANDO CONCORSO FOTOGRAFICO E DI DOCUMENTAZIONE L UMBRIA E I SUOI PAESAGGI NELLA MEMORIA STORICA Direzione Programmazione, innovazione e competitività dell Umbria Ambito di coordinamento: Territorio, Infrastrutture e Mobilità Servizio Valorizzazione del territorio e tutela del paesaggio, promozione

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei

4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei 4.3.4 Analisi di siti web di eventi culturali temporanei SCHEDA 4 DATI GENERALI EVENTO CULTURALE: Federico Zandomeneghi, impressionista veneziano LUOGO: Milano, Fondazione Antonio Mazzotta PERIODO: 20

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

METTI IN MOTO IL TALENTO

METTI IN MOTO IL TALENTO METTI IN MOTO IL TALENTO Laboratorio di sviluppo, al femminile e non solo. Progetto di valorizzazione del personale rivolto ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino Provincia di

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Eccesso di una cosa buona

Eccesso di una cosa buona 1 Qualità autentiche Le qualità autentiche sono gli attributi che formano l essenza (il nucleo) di una persona; le persone sono impregnate da queste qualità, che pongono in una determinata luce tutte le

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA rivolto a persone con disabilità IL CORPO RACCONTA Associazione La Comune Milano Premessa Che cosa è il teatro? Eugenio Barba, uno dei più importanti registi-pedagoghi

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

Napoli - dal 16 marzo al 16 aprile 2009 Gianluca Vassallo - Sapere Avvenire PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA Via Dei Mille 60 (80121) +39 0817958605, +39 0817958608 (fax) info@palazzoartinapoli.net

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd Scuola dell Infanzia qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd GEOGRAFIA qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd Istituto Comprensivo Castell Arquato qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli