MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL"

Transcript

1 MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL Edizione Settembre 2013 Sicurpal S.r.l. Via Caduti in Guerra, 10/C Villavara di Bomporto (MO) ITALIA - Tel. 059 / Fax 059 / Internet: M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 1 di 18

2 1. INDICE Pagina 1. INDICE 2 2. INTRODUZIONE 3 3. INDIVIDUAZIONE DEL PUNTO DI ACCESSO ALLA COPERTURA 4 4. COMPONENTI E MATERIALI DA UTILIZZARE PER LA LINEA DI VITA 5 5. DATI TECNICI 6 N.B. I DATI SOTTO ELENCATI SONO RIFERITI A LINEE DI LUNGHEZZA 10 ML INSTALLAZIONE 6 7. MONTAGGIO DELLA LINEA DI VITA PROCEDURA DI INSTALLAZIONE LINEA IMPIEGO DEI DISPOSITIVI CR IMPIEGO DEI DISPOSITIVI PB, PG E PFG MANUTENZIONE E VERIFICHE PRIMA DELL USO UTILIZZO DELLA LINEA DI VITA SICURPAL AVVERTENZE E RACCOMANDAZIONI SCHEDA DI CONTROLLO NOTE 18 M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 2 di 18

3 2. INTRODUZIONE Per realizzare una Linea di Vita su una copertura quando siano presenti almeno due dispositivi di ancoraggio, con Sicurpal è estremamente semplice. Su medie e grandi coperture può risultare difficile spostarsi da un dispositivo di ancoraggio all altro in totale sicurezza. E pertanto opportuno collegare con un apposito cavo i dispositivi di ancoraggio tra loro, in modo che l utilizzatore possa trasferirsi da un Sicurpal all altro senza correre nessun rischio. L utilizzatore, durante il trasferimento, dovrà indossare l apposita imbracatura EN 361 con cordino e ammortizzatore EN 355 con moschettone fissato alla Linea di Vita. All occorrenza è possibile agganciare il dispositivo D.C.R. alla Linea di Vita stessa, permettendo all utilizzatore di lavorare con la massima comodità su tutti i punti della copertura. Sicurpal permette la realizzazione della Linea di Vita, come testato e provato in conformità alla norma di riferimento EN795 (punto 4.3.3). Il datore di lavoro (o committente) dovrà provvedere, in ottemperanza al D.Lgs. 81/2008(testo Unico), ad istruire e formare il personale addetto ai lavori di manutenzione sulla copertura, all utilizzo dei D.P.I. valutando i rischi e i pericoli di infortunio. L utilizzatore deve essere perfettamente a conoscenza della posizione e del funzionamento del sistema di ancoraggio di sicurezza Sicurpal e della Linea di Vita prima di iniziare i lavori. RACCOMANDAZIONE Sicurpal e la Linea di Vita devono essere utilizzati solo ed esclusivamente da utilizzatori autorizzati dal datore di lavoro (o committente) che abbiano totalmente letto e capito le istruzioni contenute nel presente manuale e del Manuale di Istruzioni del dispositivo di ancoraggio. Prima di utilizzare il sistema, è necessario aggiornare la Scheda di Controllo (capitolo 11) del presente manuale della Linea di Vita. M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 3 di 18

4 3. INDIVIDUAZIONE DEL PUNTO DI ACCESSO ALLA COPERTURA Con l installazione della Linea di Vita Sicurpal è possibile mettere in sicurezza l intera copertura. Affinché sia ancora più semplice l impiego di questo impianto di sicurezza, è opportuno predisporre uno o più linee di salita tramite le quali raggiungere la linea di vita senza rischi. In Fig. 1-a e Fig. 1-b sono mostrate, a titolo esemplificativo, due possibilità di realizzazione di linee di salita che collegano un apposita piastra posta in prossimità dell accesso alla copertura al dispositivo Sicurpal più vicino. a) b) Fig. 1 In Fig. 1-a si è immaginato che l accesso al tetto sia attraverso un abbaino: la soluzione più indicata consiste nell installare l apposita piastra forata Sicurpal in prossimità dell abbaino stesso. Tale piastra è fissata al tetto nello stesso modo in cui è ancorato il dispositivo Sicurpal. Il dispositivo di ancoraggio verrà poi collegato attraverso un cavo agli altri dispositivi Sicurpal presenti sulla copertura, come indicato in Fig. 1-a. L utilizzatore ha la possibilità, non appena uscito dall abbaino, di assicurarsi alla linea di salita e mediante la Linea di Vita orizzontale, di spostarsi lungo tutta la copertura. In Fig. 1-b si è previsto il caso in cui l accesso alla copertura avvenga esternamente all edificio, mediante una autoscala, un ponteggio, ecc... In questo caso è opportuno disporre l apposita piastra forata Sicurpal di accesso in prossimità del bordo del tetto (dove la struttura portante lo consenta), in modo che M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 4 di 18

5 l utilizzatore possa facilmente ancorarsi alla linea di salita e raggiungere il colmo della copertura. Nei casi in cui l accesso alla copertura è dato da un lucernario, la piastra di salita dovrà essere posizionata ad una distanza minima di 2 ml dalla gronda, in prossimità del lucernario. La ditta costruttrice non si assume responsabilità per eventuali danni derivanti dalla cattiva disposizione del punto di accesso e per la sicurezza dell utilizzatore, prima che questi si sia ancorato regolarmente a Sicurpal. L utilizzo della Linea di Vita come ancoraggio per D.C.R. (Dispositivo Cavo Retrattile) è consentito solamente quando la stessa è inclinata meno di 15 rispetto all orizzontale. Con inclinazioni superiori la Linea di Vita può essere impiegata con l utilizzo di dispositivi di ancoraggio su cavo a norme UNI EN tipo SKC; per il trasferimento lungo la linea orizzontale usare imbracatura EN361 e cordino EN355. RACCOMANDAZIONE Con l utilizzo di D.C.R. UNI EN 360 nelle Linee Vita formate da dispositivi Sicurpal completi di parte rotante, si consiglia il fissaggio dei D.P.I. all apposito foro come punto di ancoraggio (vedi Manuale prodotto) in grado di ottimizzarne l utilizzo e la sicurezza. Tali componenti non sono in dotazione standard di Sicurpal e sono disponibili su ordinazione. La ditta costruttrice non si assume responsabilità per danni derivanti dall impiego di materiali non conformi alla precedente specifica. 4. COMPONENTI E MATERIALI DA UTILIZZARE PER LA LINEA DI VITA Per la realizzazione della Linea di Vita sono necessari i seguenti componenti: cavo in acciaio INOX AISI 316 diametro 8 mm a 49 fili, con carico di rottura minimo di 3720 dan; radance in acciaio INOX AISI 316 per cavo di diametro 8 mm di resistenza minima di 500 N/mm 2 ; morsetti a cavallotto in acciaio INOX AISI 316 per cavo da 8 mm; tenditori a due forcelle snodate in acciaio INOX AISI 316 M20 lungh. da mm 385 a mm 560 mm con carico di rottura di dan; assorbitore Sicurpal INOX AISI 304 lungh. cm 34 con carico di rottura di dan; staffa tubo passacavo in acciaio INOX AISI 304 con due asole di fissaggio.. M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 5 di 18

6 5. DATI TECNICI Distanza massima tra i dispositivi di ancoraggio m 8-12 Numero utilizzatori per Linea di Vita 03 Carico umano massimo dan 125 N.B. I dati sotto elencati sono riferiti a linee di lunghezza 10 ml. Nella seguente tabella si mostrano i carichi a cui sono sottoposti i singoli dispositivi e le frecce massime misurate in conformità alla norma UNI EN 795. (L = lunghezza Linea di Vita) 1 ASSORBITORE CAMPATA MAX: 10 m L [m] = 10 L [m] = 20 L [m] = 30 L [m] = 40 CARICO [kn] FRECCIA [m] CARICO [kn] FRECCIA [m] CARICO [kn] FRECCIA [m] CARICO [kn] FRECCIA [m] PB - PBC - PG - PFG 10,50 1,30 9,10 1,40 7,70 1,50 6,30 1,60 PGL - PALO TAGLIO TERMICO 8,30 1,30 7,53 1,40 6,76 1,50 6,00 1,60 ST08 11,00 1,35 9,70 1,45 8,40 1,55 7,10 1,65 CAMPATA MAX: 12 m L [m] = 12 L [m] = 24 L [m] = 36 L [m] = 48 CARICO [kn] FRECCIA [m] CARICO [kn] FRECCIA [m] CARICO [kn] FRECCIA [m] CARICO [kn] FRECCIA [m] PB - PBC - PG - PFG 11,00 1,35 9,32 1,45 7,64 1,55 6,00 1,65 PGL - PALO TAGLIO TERMICO 8,80 1,35 7,87 1,45 6,93 1,55 6,00 1,65 ST08 11,60 1,40 10,04 1,50 8,48 1,60 6,92 1,70 CAMPATA MAX: 15 m L [m] = 15 L [m] = 30 L [m] = 45 L [m] = 60 CARICO [kn] FRECCIA [m] CARICO [kn] FRECCIA [m] CARICO [kn] FRECCIA [m] CARICO [kn] FRECCIA [m] PB - PBC - PG - PFG 11,90 1,45 9,95 1,55 8,00 1,65 6,05 1,75 PGL - PALO TAGLIO TERMICO 9,40 1,45 8,26 1,55 7,12 1,65 6,00 1,75 ST08 12,40 1,50 10,45 1,60 8,50 1,70 6,55 1,80 6. INSTALLAZIONE Prima di poter installare la Linea di Vita è indispensabile aver predisposto accuratamente la collocazione dei vari dispositivi di ancoraggio Sicurpal e di averli montati a regola d arte come indicato nel relativo Manuale di Istruzioni. Il progetto della Linea di Vita dovrà tenere conto dei seguenti imprescindibili requisiti: M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 6 di 18

7 1) la lunghezza massima di una Linea di Vita dovrà essere non superiore ai 100 m con tratte di massimo 15 m; 2) la distanza massima tra due dispositivi di ancoraggio Sicurpal adiacenti, connessi dal cavo, dovrà essere non superiore a 15 m; 3) gli ancoraggi intermedi dovranno essere realizzati mediante la Staffa con tubo passacavo per dispositivi Sicurpal BF-BFI-PF02-PN-PNI-PNC (art ) riportata in Fig. 2 o la Staffa con tubo passacavo per dispositivi Sicurpal PB- PG-PFG (art. 0K0A1062) riportata in Fig. 3, facendo passare il cavo in acciaio INOX Ф 8 mm attraverso l apposito tubo (Fig. 2 pos. 1 e Fig. 3 pos. 1); 4) la Linea di Vita uscendo dal tubo passacavo non dovrà avere inclinazioni superiori ai 5 ; 1 Fig. 2 1 Fig. 3 5) la Linea di Vita dovrà necessariamente essere connessa ai dispositivi Sicurpal nelle modalità riportate in questo Manuale. E assolutamente proibito servirsi di ganci, supporti, antenne o simili presenti sulla copertura; 6) il cavo, nel tratto compreso tra due dispositivi di ancoraggio adiacenti, dovrà restare rettilineo, senza che esso venga inflesso o deviato da ostacoli sulla copertura; RACCOMANDAZIONE L installatore deve accertare che la resistenza minima alla rottura del cavo sia almeno il doppio della tensione massima applicata a detto cavo nel momento dell arresto della caduta previsto per tale dispositivo e verificato per mezzo di prove e calcoli. I dispositivi dovrebbero essere installati su strutture che permettano di provarlo. Se non è possibile sottoporre la struttura principale di supporto alle forze di prova, tutti gli ancoraggi strutturali di estremità e intermedi, utilizzati nel sistema dovrebbero dimostrarsi in grado di sopportare il doppio della forza massima prevista (UNI EN 795 punto 4.3.3). I calcoli, eseguiti da un ingegnere qualificato, dovrebbero verificare che la struttura di supporto principale con gli ancoraggi strutturali di estremità e intermedi sopporti tale forza. 7) la Linea di Vita deve essere perpendicolare al palo del dispositivo Sicurpal (Fig. 4 pos. 1), o al massimo può essere inclinata di +/- 15. M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 7 di 18

8 RACCOMANDAZIONE Eventuali collegamenti diversi da come descritto possono creare sforzi eccessivi sulla Linea di Vita. 1 1 Fig. 4 In ciascuna linea di vita realizzata tra due dispositivi di ancoraggio d estremità, deve essere presente un tenditore, come da specifica precedente, avente la funzione di tendere il cavo stesso ed un assorbitore Sicurpal; all altra estremità, il cavo verrà ancorato al dispositivo di ancoraggio mediante la radancia e i morsetti (Fig. 5). Fig. 5 Se il cavo deve operare inclinato rispetto all orizzontale più di 15 (cavi di accesso alla linea principale), non occorre utilizzare il dissipatore e grazie all apposito snodo presente nel tenditore è possibile disporre tale cavo teso in posizione ottimale (Fig. 6). sicurpal snodo pendenza tetto Fig. 6 M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 8 di 18

9 7. MONTAGGIO DELLA LINEA DI VITA 7.1. Procedura di installazione linea Inserire in un foro dell anello di fissaggio Linea di Vita di un dispositivo di ancoraggio Sicurpal d estremità la radancia; inserire nel medesimo foro il cavo in acciaio, adagiandolo nella cavità della radancia, facendolo fuoriuscire per cm; inserire e serrare il primo morsetto, facendo in modo che sia il più vicino possibile alla radancia; montare altri due morsetti, in modo tale che la distanza tra i vari morsetti sia di 10 volte il diametro del cavo; la disposizione corretta degli stessi è riportata in Fig. 7-a. Fig. 7 E assolutamente indispensabile utilizzare 3 morsetti. L errato montaggio dei morsetti può diminuire il carico di rottura della fune del 60%. serrare i dadi dei morsetti al corretto valore della coppia di serraggio mediante chiave dinamometrica; per i morsetti in specifica tale valore è di 3,3 Nm; nel caso di realizzazione di Linea di Vita di lunghezza dai 10 m a massimo 100 m, con campate di lunghezza massima 15 m; bloccare all anello di fissaggio Linea di Vita dei dispositivi di ancoraggio intermedi l apposita Staffa con tubo passacavo riportata in Fig. 2; Nella Fig. 8 sono riportati gli elementi da utilizzare per fissare la staffa con tubo passacavo all anello di fissaggio Linea di Vita presente nei dispositivi Sicurpal BF-BFI-PF02- PN-PNI-PNC; è inoltre riportato lo schema di montaggio della staffa. La staffa (Fig. 8 pos. 1) va posizionata sotto l anello di fissaggio Linea di Vita (Fig. 8 pos. 2) in modo che le due asole della staffa siano allineate a due fori Ф 15 mm presenti nell anello, M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 9 di 18

10 l ancoraggio della staffa deve essere realizzato con due bulloni Ф 12 mm, le rondelle e i dadi devono essere posizionati a contatto con la staffa con tubo passacavo, come riportato in Fig Fig. 8 dopo aver fissato la staffa passacavo, far passare il cavo d acciaio attraverso l apposito tubo riportato in Fig. 8; dopo aver allungato circa cm 16 il tenditore, fissarlo ad un foro dell anello di fissaggio Linea di Vita di un dispositivo di ancoraggio Sicurpal d estremità e bloccare il bullone del tenditore tramite l apposito dado; connettere all altra estremità del tenditore il dissipatore Sicurpal e bloccare il bullone tramite l apposito dado; all altra estremità del dissipatore inserire una radancia e ripetere le stesse operazioni precedentemente descritte per l inserimento del cavo e serraggio dei morsetti (vedi Fig. 7); Per questa operazione è proibito utilizzare altri fori del dispositivo di ancoraggio Sicurpal oltre a quelli predisposti nell apposito anello (vedi Manuale di Istruzioni del dispositivo di ancoraggio Sicurpal). tendere il cavo agendo sul tenditore fino a raggiungere una tensione di 130 dan (kg) e un allineamento orizzontale. M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 10 di 18

11 La tensione di 130 dan della Linea di Vita non deve creare allungamenti all ammortizzatore Impiego dei dispositivi CR01 Per supportare la Linea di Vita Sicurpal è possibile impiegare i dispositivi di ancoraggio Piastra Croce CR01, come evidenziato in Fig Fig. 9 La prima operazione consiste nel fissaggio alla struttura portante del tetto delle piastre di ancoraggio CR01 (Fig. 9 pos. 1), come da specifiche riportate nel Manuale d Istruzioni CR01, al quale si rimanda per ogni dettaglio relativo alla procedura di montaggio. I fori presenti sulla croce (Fig. 9 pos. 2) vengono utilizzati per fissare le estremità della Linea di Vita, che dovrà essere installata con la stessa procedura descritta in 7.1. Se necessario è possibile utilizzare l apposita Prolunga-Croce per sostenere la linea, come mostrato in Fig. 10. M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 11 di 18

12 Fig. 10 Occorre fissare la Prolunga-Croce (Fig. 10 pos. 3) sul CR01, sul lato della croce parallelo alla direzione della Linea di Vita, mediante 4 bulloni M14 (n.1 vite TE UNI 5739 M14x50 INOX A2, n.2 rondelle piane UNI 6592 M14 INOX A2, n.1 dado autobloccante DIN 982 M14 INOX A2) utilizzando gli appositi fori sul dispositivo (Fig. 10 pos. 4). Questi bulloni devono essere montati con coppia di serraggio di 84 Nm. I fori laterali sulla Prolunga-Croce Sicurpal (Fig. 10 pos. 5) divengono i punti di ancoraggio della Linea di Vita, che viene installata seguendo la procedura indicata in 7.1. Il foro centrale sulla Prolunga-Croce (Fig. 10 pos. 6) permette il fissaggio di un DPI a norma EN 355 o EN 360 e costituisce un punto di ancoraggio a norma EN795 classe A1. Per la linea tesa tra due dispositivi CR01 valgono le stesse disposizioni (lunghezza massima, accessori da impiegare, modalità di installazione ed uso ecc.) previste per la Linea di Vita fissata agli altri dispositivi Sicurpal Impiego dei dispositivi PB, PG e PFG Per supportare la Linea di Vita Sicurpal è possibile impiegare i dispositivi di ancoraggio PB PG PFG, come evidenziato in Fig. 11. Fig. 11 M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 12 di 18

13 La procedura di montaggio della Linea di Vita è analoga a quella riportata nel paragrafo 7.1. In questo caso, il tenditore ed il cavo vanno fissati al golfare presente in sommità del dispositivo di ancoraggio. Per la realizzazione di Linee di Vita di lunghezza superiore ai 30 ml, con campate di lunghezza massima 10 ml, interrompere la Linea di Vita come indicato in Fig. 12.pos. 1, a tale scopo è necessario fissare al dispositivo l apposita Staffa di ancoraggio (art. 0K0A1063) riportata in Fig. 12. pos. 2. Tale operazione si rende necessaria anche per effettuare deviazioni della Linea di Vita o per la realizzazione di una Linea di Salita. 2 1 Fig. 12 Nella Fig. 13 sono indicati gli elementi da utilizzare per fissare la staffa al dispositivo Sicurpal PB PG PFG e lo schema di montaggio. Fig. 13 La barra Ф 25 mm del dispositivo Sicurpal deve essere posizionata tra le due staffe di ancoraggio e queste ultime devono essere bloccate con due bulloni Ф 12 mm completi di rondelle e dadi. La procedura di montaggio della Linea di Vita è analoga a quella riportata nel paragrafo 7.1. In questo caso, il tenditore ed il cavo vanno fissati alla Staffa di ancoraggio linea PB PG PFG. Dopo aver realizzato la Linea di Vita è possibile utilizzare il golfare dei dispositivi Sicurpal PB PG PFG (Fig. 12 pos. 2) per il fissaggio di un DPI a norma EN 355 o EN 360, tale golfare, infatti, costituisce un punto di ancoraggio a norma EN795 classe A1. Per la realizzazione di Linea di Vita di lunghezza dai 10 m a massimo 30 m, con campate di lunghezza massima 10 m; fissare ai supporti di ancoraggio intermedi l apposita Staffa con tubo passacavo per linea PB PG PFG (art. 0K0A1062) riportata in Fig. 14 pos. 1. M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 13 di 18

14 1 Fig. 14 Nella Fig. 15 sono indicati gli elementi da utilizzare per fissare la staffa al dispositivo Sicurpal PB PG PFG e lo schema di montaggio. Fig. 15 La barra Ф 25 mm del dispositivo Sicurpal deve essere posizionata tra le due staffe di ancoraggio e queste ultime devono essere bloccate con due bulloni Ф 12 mm completi di rondelle e dadi. La procedura di montaggio della Linea di Vita è analoga a quella riportata nel paragrafo 7.1. Per la linea tesa tra dispositivi PB PG PFG valgono le stesse disposizioni (lunghezza massima, accessori da impiegare, modalità di installazione ed uso ecc.) previste per la Linea di Vita fissata agli altri dispositivi Sicurpal. È possibile utilizzare i dispositivi di ancoraggio Sicurpal PB PG PFG come supporti EN 795 classe C, solo se la direzione della Linea di Vita coincide con la direzione indicata con il n 1 nella Fig. 16; nella direzione della freccia 2, il dispositivo (golfare) deve lavorare come ancoraggio di Classe A1. Per realizzare Linee di Vita nella direzione 2 è necessario utilizzare come fissaggio l apposita Staffa di ancoraggio (art. 0K0A1063) riportata in Fig. 13. M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 14 di 18

15 1 2 Fig MANUTENZIONE E VERIFICHE PRIMA DELL USO La Linea di Vita non richiede particolari manutenzioni, grazie alla propria struttura in acciaio INOX. E comunque indispensabile, prima di utilizzare la Linea di Vita, verificare che: i morsetti siano serrati con la opportuna coppia di serraggio; il cavo sia ben teso; in caso contrario, occorre agire sui tenditori; non ci siano rotture o abrasioni del cavo; nel caso che anche un solo filo del cavo sia spezzato o abraso, occorre provvedere alla sostituzione del cavo stesso; tutti gli organi della Linea di Vita non presentino parti usurate. La Ditta costruttrice non si assume responsabilità per danni derivanti dalla errata installazione della Linea di Vita o dalla mancanza delle opportune verifiche della stessa prima dell uso. E assolutamente proibito utilizzare la Linea di Vita per altri scopi che non siano quelli dell ancoraggio di una persona. 9. UTILIZZO DELLA LINEA DI VITA Sicurpal Utilizzare come fissaggio alla Linea di Vita moschettoni in lega leggera a norma UNI EN 362. Non utilizzare come ancoraggio sistemi che possano danneggiare il cavo d acciaio della Vita. Linea di Sicurpal consiglia l utilizzo dell apposito foro della parte rotante come ancoraggio del D.C.R. EN 360. Quando è presente la Linea di Vita è possibile utilizzarla come ancoraggio di dispositivi EN 360 o funi EN 353/2 - EN EN EN EN 696. M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 15 di 18

16 10. AVVERTENZE E RACCOMANDAZIONI Sicurpal deve essere impiegato solamente per gli usi per i quali è stato progettato e costruito e nel rispetto delle condizioni indicate nel Manuale di Istruzioni. La manomissione/sostituzione non autorizzata di componenti del dispositivo di ancoraggio, un uso improprio o scorretto, potrebbe essere causa di danni per la salute e la sicurezza dell utilizzatore e fa decadere la responsabilità del costruttore. La ditta costruttrice si ritiene altresì sollevata da ogni responsabilità per incidenti che dovessero occorrere agli utilizzatori in conseguenza di manovre irrazionali non previste o sconsigliate nel presente manuale. Il funzionamento e l efficacia del dispositivo di ancoraggio Sicurpal e della Linea di Vita sono subordinati ad un corretto impiego dello stesso. Non apportare modifiche di alcun tipo al dispositivo di ancoraggio Sicurpal senza l autorizzazione scritta della ditta costruttrice. Sicurpal è progettato e garantito per l ancoraggio di persone e ad ogni Linea di Vita possono agganciarsi fino ad un massimo di 3 (tre) utilizzatori. Non agganciare il dispositivo D.C.R. a punti diversi da quelli previsti per tale scopo. In caso di caduta verticale nel vuoto dell utilizzatore agganciato alla Linea di Vita Sicurpal verificare che il sistema non abbia subito deformazioni controllando anche i punti di fissaggio alla copertura. Nel caso di deformazioni del sistema provvedere alla sua revisione. Nel caso di danneggiamento dei punti di fissaggio, provvedere al loro ripristino. L eventuale revisione e/o sostituzione del sistema, in caso di dubbio sulle condizioni di sicurezza, deve essere effettuata dal costruttore o da personale qualificato. La certificazione della Linea di Vita Sicurpal è subordinata all utilizzo dei dispositivi di ancoraggio Sicurpal, la ditta costruttrice si ritiene, pertanto, sollevata da ogni responsabilità per incidenti che dovessero occorrere agli utilizzatori collegati a linee di vita create mediante supporti di ancoraggio non prodotti e certificati da Sicurpal S.r.l.. Il punto di aggancio deve essere preferibilmente ad un altezza maggiore rispetto all utilizzatore. Per i lavori in sospensione si consiglia di utilizzare come ancoraggio i punti fissi UNI EN 795 cl. A1. Gli ancoraggi in classe A1 sono idonei ad 1 operatore M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 16 di 18

17 11. SCHEDA DI CONTROLLO Di seguito si riporta la scheda di controllo della Linea di Vita. RACCOMANDAZIONE Prima dell utilizzo, è necessario compilare la tabella di seguito riportata. E inoltre indispensabile ricordare che, l uso della Linea di Vita è consentito esclusivamente ad utilizzatori che abbiano totalmente letto e capito il presente Manuale di Istruzioni. Sicurpal S.r.l. Sistemi Anticaduta - Dispositivi di Ancoraggio Via Caduti in Guerra, 10/C Villavara di Bomporto (MO) Utilizzabile con funi EN 353/2 - EN EN EN EN 696 Utilizzabile con dispositivo anticaduta retrattile EN360 Int. Nr. Data Descrizione Intervento - Note Utilizzatore Autorizzato da M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 17 di 18

18 12. NOTE M_0130 MANUALE LINEA VITA Pag. 18 di 18

SISTEMI ANTICADUTA. Assistenza alla posa in opera

SISTEMI ANTICADUTA. Assistenza alla posa in opera SISTEMI ANTICADUTA Progettazione e realizzazione di pali, piastre, ganci in acciaio a catalogo e/o specifici Assistenza alla posa in opera Dimensionamento e verifica dei fissaggi Progettazione dello schema

Dettagli

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE

TSafe D A T I G E N E R A L I : Linea vita SCHEDA TECNICA. Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE D A T I G E N E R A L I : Certificazione UNI EN 795:2012 tipo C e UNI CEN/TS 16415:2013 Marcatura CE Garanzia prodotto Numero massimo utilizzatori Materiale Dispositivo Lunghezza linea Cavo Assorbitore

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI

PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI DISPOSITIVI TEMPORANEI PUNTI DI ANCORAGGIO PROVVISORI NORMA DI RIFERIMENTO UNI EN 795:2012 DEFINIZIONE TIPO B Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità

Dettagli

Accessori funzionali Linea VITA

Accessori funzionali Linea VITA Accessori funzionali Linea VITA La linea vita o linee vita (secondo la norma UNI EN 795) è un insieme di ancoraggi posti in quota sulle coperture alla quale si deve agganciare chiunque acceda alla copertura.

Dettagli

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione

Kit Linea Vita. Scheda progettisti. Kit Linea Vita. Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione Scheda progettisti Kit Linea Vita Verifica del fissaggio Disegno piastre base Calcolo dell altezza minima d installazione 0505 Manutenzione 4 1/anno C certificato UNI EN 795:2002 Distanza max tra i pali

Dettagli

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita

Argomenti: Normative sulle cadute legate al D.L. 81. Obbligatorietà. Normative di riferimento linee vita. Adempimenti linee vita Normalmente i sistemi fotovoltaici vengono posizionati sui tetti. Se non sono presenti sistemi di protezione collettiva, sia durante l installazione l che nelle successive periodiche manutenzioni, il lavoro

Dettagli

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08)

LAVORI SPECIALI. (Articolo 148 D.Lgs 81/08) 146 LAVORI SPECIALI (Articolo 148 D.Lgs 81/08) Prima di procedere alla esecuzione di lavori su lucernari, tetti, coperture e simili, fermo restando l obbligo di predisporre misure di protezione collettiva,

Dettagli

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI.

SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. SINTESI DELLA NORMATIVA EUROPEA EN 1263-1 RELATIVA AL MONTAGGIO DELLA RETE ANTICADUTA PER APPLICAZIONI ORIZZONTALI E PER APPLICAZIONI VERTICALI. 1. RETE ANTICADUTA CERTIFICATA EN 1263-1, PER APPLICAZIONI

Dettagli

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse

VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010. Relatore: Ing. Carlo Calisse LE RETI ANTICADUTA DALLE NORME UNI EN 1263-1 1 e 2 ALLE NUOVE LINEE GUIDA AIPAA VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Carlo Calisse INTRODUZIONE ALLE NORME UNI EN 1263-1:

Dettagli

PUNTI DI ANCORAGGIO LINEE VITA

PUNTI DI ANCORAGGIO LINEE VITA AVVERTENZE Verificare sempre che il marchio ATLAS sia presente su ogni prodotto a garanzia della qualità Rifornirsi solo presso la rete dei RIVENDITORI AUTORIZZATI ATLAS, sapranno consigliarvi e risolvere

Dettagli

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051

Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 Manuale ANCORAGGIO STRUTTURALE PALO INCLINATO Ø80 ZINCATO/INOX ART. 68050/68051 2 EDIZIONE GIUGNO 2012 Indice SOMMARIO ELEMENTO DI ANCORAGGIO STRUTTURALE Descrizione del prodotto Modalità d uso e limite

Dettagli

PROGRAMMA LINEE VITA

PROGRAMMA LINEE VITA PROGRAMMA LINEE VITA Cosa sono le linee vita Pighi I DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO CHE SALVANO LA VITA Cosa sono i dispositivi di sicurezza Un dispositivo di ancoraggio permette a qualunque operatore di operare

Dettagli

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo)

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) MACCHINA NUMERO DI FABBRICA LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) Costruttore/Mandatario: CIOFETTI SOLLEVAMENTO INDUSTRIALE SRL S. S. Tiberina Nord, 26/T - 06134

Dettagli

Linea vita temporanea orizzontale SOIT402/HLLW1 Manuale d Utilizzo e Manutenzione rev.00

Linea vita temporanea orizzontale SOIT402/HLLW1 Manuale d Utilizzo e Manutenzione rev.00 (immagine puramente indicativa per identificare il prodotto) Introduzione Linea vita orizzontale temporanea SOIT402/HLLW1 La linea vita orizzontale temporanea SOIT402/HLLW1 è un sistema di protezione provvisorio

Dettagli

SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 SANMARCO SAFE LINE

SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 SANMARCO SAFE LINE SanMarco Safe Line: Dispositivi anticaduta conformi alla Normativa UNI EN 795/2002 > SANMARCO SAFE LINE SanMarco Safe Line. Una scelta di vita. 1 Sicurezza - Indispensabile per lavorare sul tetto con tranquillità

Dettagli

KITPERILMONTAGGIOPONTEGGI

KITPERILMONTAGGIOPONTEGGI KITPERILMONTAGGIOPONTEGGI KIT B10_HT22 KIT B10_HT45 KIT UNIV B10_HT22 KIT UNIV B10_HT45 Kit per ponteggi con Blocfor con fune metallica e cordino per uso in orizzontale Kit B10_HT22 SL: HT22tagliaSL+Blocfor

Dettagli

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE

SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE SINTESI NORMA UNI EN 795:2002 DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO ANTICADUTA DALL ALTO PER LE COPERTURE I DISPOSITIVI ANTICADUTA DALLE COPERTURE SONO SOTTOPOSTI ALLA NORMA UNI EN 795:2002 La norma UNI EN 795:2002

Dettagli

Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture

Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture Convegno Busto Arsizio LAVORI IN QUOTA E RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO Relatore: Soluzioni per la messa in sicurezza delle coperture ing. Alberto Pincigher A norma di legge il presente elaborato non può

Dettagli

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI

Dispositivi iti NON rmanenti PROVVISORI Dispositivi NON permanenti PROVVISORI PIATTAFORME AEREE: dispositivo per il lavoro in quota efficace e di immediato impiego, non richiede attività preparatoria a terra o sulla facciata (a parte la delimitazione

Dettagli

AB01 AB05 AB02 AB03 EN 361 EN 358 EN 361 EN 358 EN 361

AB01 AB05 AB02 AB03 EN 361 EN 358 EN 361 EN 358 EN 361 ANTICADUTA 168 AB01 AB05 Cintura di posizionamento in poliammide 45 mm con schienalino termoformato 2 ancoraggi laterali a "D" in acciaio saldato Munita di 2 anelli di servizio con passante scorrevole

Dettagli

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO

Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 STATO DI FATTO Soluzioni Progettuali Scheda: SP34 Rev: 05/01/2011 Pagina 1/6 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA A FALDA UNICA Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Copertura composta da una falda a

Dettagli

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali

LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Fin Group LINEE VITA Ancoraggi e linee di ancoraggio flessibili orizzontali Prodotti Conformi a UNI EN 795 FIN GROUP S.R.L. Divisione Commerciale Via Sentieri 44 24050 Cividate al Piano (BG) Tel. +39 0363

Dettagli

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima

RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza prima AREA RAGGIUNGIBILE IN SICUREZZA DISTANZA E POSIZIONAMENTO ANCORAGGI RAGGIUNGIBILITA PRIMARIO SISTEMA ANTICADUTA: Dall accesso deve potersi trovare un ancoraggio in grado di garantire all operatore la sicurezza

Dettagli

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891

D.P.I. D.P.I. Corde - UNI EN 1891 D.P.I. Corde - UNI EN 1891 SUL MERCATO SONO DISPONIBILI DUE TIPOLOGIE DI CORDE: DINAMICHE - Norma di riferimento EN 892 SEMI STATICHE - Norma di riferimento EN 1891 La norma UNI EN 353-2 (linee vita fless.)

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Dispositivo classe A2 su tetti inclinati manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA UNI EN 795-2005 CLASSE A2 Dispositivo classe A2 su tetti inclinati Indice 1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA pag.

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO. Pannelli Fotovoltaici X 60

Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO. Pannelli Fotovoltaici X 60 Pannelli Fotovoltaici Serie ASP 60 MONTAGGIO Pannelli Fotovoltaici ASP GUIDA DI MONTAGGIO Questa guida contiene una serie di suggerimenti per installare i prodotti Abba Solar della serie ASP60 ed è rivolta

Dettagli

PRODOTTI. SOSTEGNI GENERICI... pag. 4. PALI TELESCOPICI... pag. 5. PALI CON PIASTRA GIREVOLE CLASSE A1... pag. 5. PIASTRA A PARETE... pag.

PRODOTTI. SOSTEGNI GENERICI... pag. 4. PALI TELESCOPICI... pag. 5. PALI CON PIASTRA GIREVOLE CLASSE A1... pag. 5. PIASTRA A PARETE... pag. PRODOTTI SOSTEGNI GENERICI... pag. 4 PALI TELESCOPICI... pag. 5 PALI CON PIASTRA GIREVOLE CLASSE A1... pag. 5 PIASTRA A PARETE... pag. 5 DOPPIA PIASTRA REGOLABILE... pag. 8 GANCIO ANTIPENDOLO E ANCORAGGIO...

Dettagli

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio

UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio UNI EN 795: Protezione contro le cadute dall alto. Requisiti e prove dei dispositivi di ancoraggio Ing. Salvatore LEANZA 22 Giugno 2012 - Fondazione Ordine degli Ingegneri - Catania UNI EN 795:2002 TITOLO

Dettagli

2.1 Funi metalliche e nozioni sui cavi... 3. 2.1.1 Informazioni generali sui cavi... 3. 2.1.2 Assemblaggio delle funi metalliche...

2.1 Funi metalliche e nozioni sui cavi... 3. 2.1.1 Informazioni generali sui cavi... 3. 2.1.2 Assemblaggio delle funi metalliche... Sommario 2 Cavi - Collegamenti finali 2.1 Funi metalliche e nozioni sui cavi... 3 2.1.1 Informazioni generali sui cavi... 3 2.1.2 Assemblaggio delle funi metalliche... 3 2.1.2.1 Funi ad avvolgimento parallelo...

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA DISPOSITIVI 3 Normative EN Anticaduta La base di un sistema individuale di protezione anticaduta Punto di ancoraggio e connettore Punto di ancoraggio: punto in cui il sistema di protezione anticaduta è

Dettagli

VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity

VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity VOCI DI CAPITOLATO DISPOSITIVI ANTICADUTA HBSecurity INDICE LINEA VITA HBSecurity 2 LINEA VITA HBCap 3 LINEA VITA A BINARIO HBSecurity 4 PALO GIREVOLE HBSecurity 5 HBFlex HBSecurity 6 PUNTO GOLFARE HBSecurity

Dettagli

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112

Modello: linea vita temporanea 2 operatori. Norma: EN 795 B CODICE: 0840112 UNI EN 795:2012 Dispositivo di ancoraggio con uno o più punti di aggancio / ancoraggio fissi, senza la necessità di un ancoraggio strutturale o elemento di fissaggio per essere solidale alla struttura

Dettagli

PAL-ON SCHEDA TECNICA ROOF INDICE. 1. Anagrafica. 2. Caratteristiche Tecniche. 3. Certificazioni. 4. Utilizzo. 5. Posa in Opera. 6.

PAL-ON SCHEDA TECNICA ROOF INDICE. 1. Anagrafica. 2. Caratteristiche Tecniche. 3. Certificazioni. 4. Utilizzo. 5. Posa in Opera. 6. INDICE 1. Anagrafica 2. Caratteristiche Tecniche 3. Certificazioni 4. Utilizzo 5. Posa in Opera 6. Dati tecnici 7. Voce di capitolato 1/5 1. ANAGRAFICA CODICE PRODOTTO: GRUPPO: FAMIGLIA: NOME: LUC51-1075

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA

SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA SICUREZZA IN CANTIERE PER I LAVORATORI CHE OPERANO IN QUOTA Sistemi di protezione collettivi ed individuali con riferimento alle normative europee UNI EN 13374 e UNI EN 795. I lavori in quota possono esporre

Dettagli

Attenuatore d urto redirettivo TUBE-ZM100 Livello 100 km/h secondo 1317:3-2010

Attenuatore d urto redirettivo TUBE-ZM100 Livello 100 km/h secondo 1317:3-2010 Agno 27/05/2015 Revisione 1 Attenuatore d urto redirettivo TUBE-ZM100 Livello 100 km/h secondo 1317:3-2010 Redatto da : Mauro ing. Monteleone Controllato da : Marcello ing. Burzi Approvato da : Mauro ing.

Dettagli

1- Premessa:descrizione intervento,analisi della copertura,tipologia strutturale,

1- Premessa:descrizione intervento,analisi della copertura,tipologia strutturale, 1- Premessa:descrizione intervento,analisi della copertura,tipologia strutturale, impatto visivo L intervento in oggetto è costituito da due manufatti adibiti a loculi cimiteriali di circa metri 8,00x5,00

Dettagli

SOLLEVATORE IDRAULICO

SOLLEVATORE IDRAULICO SOLLEVATORE IDRAULICO MANUALE UTENTE www.motogalaxy.it Pagina 1 www.motogalaxy.it Pagina 1 ISTRUZIONI Lista componenti LISTA COMPONENTI Assemblaggio Inserire i piedi nel sollevatore a assicurarli con un

Dettagli

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati

Sistemi Anticaduta UNI EN 795. Linea Vita per Tetti Aggraffati Sistemi Anticaduta UNI EN 795 Linea Vita per Tetti Aggraffati KIT SA-SIANK FALZ LINE C Distanza tra gli ancoraggi terminali massimo 60 metri Distanza tra ancoraggi terminali o intermedie (campata) massimo

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta

SCS Eurotetti. Di Sara Lanzoni. Azienda specializzata nei sistemi anticaduta SCS Eurotetti Di Sara Lanzoni Azienda specializzata nei sistemi anticaduta Linee vita, parapetti, binari, passerelle, scale di sicurezza e dispositivi di protezione individuale Per una completa sicurezza.

Dettagli

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA

26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 AULA MAGNA DELLA SCUOLA EDILE CPIPE - VIA BASILICATA, 10/12 LOCALITÀ CAMIN PADOVA 26 GIUGNO 2012 Intervento ing. Donato Chiffi Progettazione costruttiva dei dispositivi di ancoraggio e verifica

Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello) PERCORSI VERTICALI Scheda: P005 Rev: 06/06/2009 10.48.00 Pagina 1/5 PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

Dettagli

GRAFFA CENTRALE SENZA CORNICI

GRAFFA CENTRALE SENZA CORNICI ZEBRA SOLAR - GAMMA PER IL FISSAGGIO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI GRAFFA TERMINALE materiale intaglio lunghezza/mm Art. alluminio esagono incassato mm 086 799 9 alluminio intaglio di sicurezza LocTec (misura

Dettagli

RETE SICURA RETE SICURA

RETE SICURA RETE SICURA Manuale di montaggio RETE SICURA RETE SICURA Larghezza della maglia Larghezza della maglia A) Sicura 1. Luogo e scopi d impiego La rete Sicura ferma persone o oggetti che precipitano. Viene utilizzata

Dettagli

Descrizione. Caratteristiche tecniche

Descrizione. Caratteristiche tecniche brevettato Descrizione La CMO è un dispositivo atto a garantire la protezione di persone/cose da urti provocati da organi meccanici in movimento quali cancelli o porte a chiusura automatica. L ostacolo

Dettagli

Collari ed accessori. H 2.i 10/00

Collari ed accessori. H 2.i 10/00 Sommario prodotti H 2.0 Sommario prodotti H 2.1 Attacchi per collari con tronchetto filettato 3G (M16, F10, F8) H 2.2 Attacchi per collari con tronchetto filettato 3G (3/8, F12, F10) H 2.3 Attacchi per

Dettagli

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg

SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SCHEDA 69: TELAIO POSTERIORE ABBATTIBILE PIEGATO PER TRATTORI A CINGOLI CON MASSA MAGGIORE DI 1500 kg E FINO A 3000 kg SPECIFICHE DEL TELAIO DI PROTEZIONE. : il testo compreso fra i precedenti simboli

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2 A NORMA UNI EN 795 A2 Uso e manutenzione Dichiarazione di conformità Relazione di calcolo degli elementi di fissaggio Istruzioni di montaggio Anticaduta Mistral Srl Corso Marconi 25-10125 TORINO tel: 011.6509102

Dettagli

ZEBRA SOLAR - GAMMA PER IL FISSAGGIO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI GRAFFA DI ARRESTO GIUNTO A CROCE GRAFFA CENTRALE

ZEBRA SOLAR - GAMMA PER IL FISSAGGIO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI GRAFFA DI ARRESTO GIUNTO A CROCE GRAFFA CENTRALE ZEBRA SOLAR - GAMMA PER IL FISSAGGIO DI PANNELLI FOTOVOLTAICI GRAFFA DI ARRESTO Dimensionamenti tramite Technical Software Art. 0990 90 00 evita lo scivolamento della graffa terminale in caso di montaggio

Dettagli

PALO CON BASE DI ANCORAGGIO PIANA PALO CON BASE DI ANCORAGGIO SAGOMATA

PALO CON BASE DI ANCORAGGIO PIANA PALO CON BASE DI ANCORAGGIO SAGOMATA La GUALDI LUCA vanta un'esperienza pluriennale nell'ambito di rifacimento coperture e installazione di sistemi di sicurezza, avvalendosi della collaborazione di tecnici qualificati e formati. Tutti i componenti

Dettagli

Dimensioni Altezza del telaio di protezione dai supporti: Larghezza del telaio di protezione:

Dimensioni Altezza del telaio di protezione dai supporti: Larghezza del telaio di protezione: Scheda 23: TELAIO ANTERIORE ABBATTIBILE SALDATO PER MOTOAGRICOLE CON STRUTTURA PORTANTE DI TIPO ARTICOLATO O RIGIDO CON POSTO DI GUIDA ARRETRATO CON MASSA MAGGIORE DI 2000 kg E FINO A 3500 kg SPECIFICHE

Dettagli

Presentazione aziendale

Presentazione aziendale Presentazione aziendale DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER COPERTURE E LINEE VITA G.F. Sicurezza Via A. Grandi, 57-41011 Campogalliano (MO) Web: www.gfsicurezza.com mail: info@gfsicurezza.com G.F. Sicurezza

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Attività: 1 b Step:5 SP33.doc Soluzioni Progettuali Pagina 1/6 Descrizione Copertura: COPERTURA A TRE FALDE STATO DI FATTO Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Il fabbricato presenta copertura a

Dettagli

barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO

barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO barriera stradale di sicurezza in acciaio PAB H2 TE classe H2 - bordo laterale ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SU RILEVATO A) Operazioni preliminari 1. Lo scarico degli elementi della barriera stradale

Dettagli

Marcatura CE conforme alla norma UNI-EN 795-2002.

Marcatura CE conforme alla norma UNI-EN 795-2002. 100246 REV. 0 OTTOBRE 2010 www.tipografia.com 01234 Tutti i dispositivi di ancoraggio della linea Pro.Tetto sono stati progettati nel rispetto della norma UNI EN 795:2002 e testati dal Laboratorio Sigma,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E CUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE PiMUS prof. ing. Pietro Capone 1 Piano di montaggio, uso e smontaggio (PiMUS) Già D.lgs. n 235 del 08/07/2003 Il montaggio, lo smontaggio

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

Sede Centrale Via Archimede, 45 47 20041 Agrate Brianza MI Tel. 039.6553.1 Telefax 039.6553.409 Internet www.demag.it

Sede Centrale Via Archimede, 45 47 20041 Agrate Brianza MI Tel. 039.6553.1 Telefax 039.6553.409 Internet www.demag.it Costruttore/Mandatario Demag Cranes & Components S.p.A. Sede Centrale Via Archimede, 45 47 20041 Agrate Brianza MI Tel. 039.6553.1 Telefax 039.6553.409 Internet www.demag.it Avete acquistato un prodotto

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401)

BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401) BARRIERA DI SICUREZZA DOPPIA SU TERRA H2-B-W4 (3n30401) Livello di contenimento Risultati H2 Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Posizione laterale estrema del veicolo B W4 (1,3 m)

Dettagli

nava NPP30 - Manuale Utente CALIBRAZIONE DELLA PRESSIONE Manuale Operativo

nava NPP30 - Manuale Utente CALIBRAZIONE DELLA PRESSIONE Manuale Operativo Manuale Operativo MO-NPP30-IT Rev.0 Ed.12 - Tutte le modifiche tecniche riservate senza preavviso. Manuale Operativo Pag. 1 Pompa manuale di calibrazione tipo NPP30 MANUALE OPERATIVO Contenuti: 1) Istruzioni

Dettagli

Istruzioni originali Accessorio Orion per un allineamento semplificato Orion Laser

Istruzioni originali Accessorio Orion per un allineamento semplificato Orion Laser Istruzioni originali Accessorio Orion per un allineamento semplificato Orion Laser Nonostante sia stato impiegato ogni sforzo possibile per assicurare l'accuratezza delle informazioni contenute nel presente

Dettagli

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa.

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Firenze, 26 giugno 2006 CONVEGNO Sicurezza nei cantieri mobili e temporanei: i lavori in altezza Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Regolamento di attuazione dell

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA DPGR Toscana 23 novembre 2005, n. 62/R -Art. 5 comma 4 4. L elaborato tecnico della copertura, in relazione alle diverse fattispecie di cui all articolo 6, deve avere

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA (FAQ) ANTICADUTA Che cos è un impatto d urto? All'arresto di una caduta l'operatore subisce un impatto d'urto che può provocare delle lesioni. 400 dan : comparsa di postumi cervicali 600 dan : soglia accettabile

Dettagli

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI

CRITERI DI SCELTA E USO DEI DPI: IMBRACATURE, ELMETTI Normativa nazionale D.L. del 9 aprile 2008 n 81 (TESTO UNICO) D.L. del 03. agosto 2009 n 106 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 09. aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi

PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO. Consulta di Mantova - Relatore Pier Luigi Ghisi PROGETTAZIONE DELLA PREVENZIONE CONTRO LA CADUTA LIBERA VERSO IL VUOTO OBBIETTIVI PRINCIPALI Sviluppare nei progettisti la cultura della sicurezza Formarli alla previsione progettuale di attrezzature di

Dettagli

Azienda con sistema di qualità certificato

Azienda con sistema di qualità certificato Azienda con sistema di qualità certificato SICUREZZA IN COPERTURA DAL 1997 L AZIENDA La Sicurpal, come produttrice di Linee Vita e sistemi anticaduta, è impegnata nella risoluzione dei problemi di sicurezza

Dettagli

SCALE FISSE A DUE MONTANTI IN PRFV PER POZZETTI DI ISPEZIONE A MARCATURA CE

SCALE FISSE A DUE MONTANTI IN PRFV PER POZZETTI DI ISPEZIONE A MARCATURA CE SCALE VERTICALI CE MM13 30.07.2015 Rev. 3 SCALE FISSE A DUE MONTANTI IN PRFV PER POZZETTI DI ISPEZIONE A MARCATURA CE COMPOSITE SOLUTION PAGINA 1 SOMMARIO 1. APPLICAZIONI E CARATTERISTICHE... 3 2. RIFERIMENTI

Dettagli

Tipo: URT 1500 Modello: N Serie: Anno:..

Tipo: URT 1500 Modello: N Serie: Anno:.. Tipo: URT 1500 Modello: N Serie: Anno:.. MECSYSTEM S.r.l. Direzione e stabilimento: Loc. Piego fraz. Monterone - 52038 Sestino (AR) Sede legale: via Graziani n 14 61048 S.Angelo in Vado (PU) Tel. 0575-772353

Dettagli

Dispositivi Anticaduta Possagno

Dispositivi Anticaduta Possagno Dispositivi Anticaduta Possagno Quando sei al lavoro, resta sempre in linea con la sicurezza. La lunga esperienza che abbiamo acquisito nel mondo delle coperture ci consente di conoscere a fondo i rischi

Dettagli

ZEBRA SOLAR. Dott. Ing. Federico Masin

ZEBRA SOLAR. Dott. Ing. Federico Masin ZEBRA SOLAR Sistema di fissaggio per pannelli fotovoltaici Dott. Ing. Federico Masin Fissaggio su copertura Collegamenti di base ed orditure Tipologie di fissaggio Ganci per tetti Vite di congiunzione

Dettagli

MANUALE INSTALLAZIONE per SunNet Roof Tetto Piano

MANUALE INSTALLAZIONE per SunNet Roof Tetto Piano MANUALE INSTALLAZIONE per SunNet Roof Tetto Piano A+ Sun Systems Via San Giovanni Bosco 43 37047 San Bonifacio (Verona) Italia Tel: +39 045 7600 213 info@apsunsys.com www.apsunsys.com Indice Indice...

Dettagli

Antonio Laurìa. Modalità di posa

Antonio Laurìa. Modalità di posa Antonio Laurìa Tecnologia Modalità di posa L articolo descrive le principali istruzioni per la posa a secco di un manto di copertura in laterizio distinguendo tra quelle relative ad un manto in tegole

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUALE DI INSTALLAZIONE INDICE 1. Introduzione 1.1. Revisione 1.2. Validità 1.3. A chi si rivolgono le seguenti istruzioni? 2. Linee guida sulla sicurezza 2.1. Norme di sicurezza 2.2. Qualifica del personale

Dettagli

SICUREZZA ROTTURA MOLLA

SICUREZZA ROTTURA MOLLA SICUREZZA ROTTURA MOLLA 052010 IMPORTANTE: Le molle in tensione sono provviste di una tensione alta; fare sempre molta attenzione, soprattutto in fase di regolazione ed uso di tiranti (12025) che siano

Dettagli

art.4580/2 porta calcio in lega leggera con reggirete posteriori in alluminio, incassati nel terreno, misure 7.32x2.44m. prodotto certificato

art.4580/2 porta calcio in lega leggera con reggirete posteriori in alluminio, incassati nel terreno, misure 7.32x2.44m. prodotto certificato La porta in oggetto, rientra nella normativa europea EN 748, documento elaborato dal CEN/TC 136; tale documento, contempla i requisiti di funzionalità di 4 tipi e due dimensioni di porte da calcio ed è

Dettagli

FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio

FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio FIM LINEE VITA dalla produzione al montaggio LA SOCIETA Negli ultimi anni, vista la forte incidenza di infortuni per le cadute in quota, è stato introdotto l obbligo di installare sulle coperture adeguati

Dettagli

ISTRUZIONI D USO E MONTAGGIO MediSave G + MediSave GLV MediSave + MediSave LV

ISTRUZIONI D USO E MONTAGGIO MediSave G + MediSave GLV MediSave + MediSave LV ISTRUZIONI D USO E MONTAGGIO G + GLV + LV 1 www.seic.it Sommario Descrizione / Numero di utilizzatori......................... 3 Utilizzatori dei dispositivi anticaduta.......................... 4 Verifiche

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali scheda SP 22 rev: 22/10/2009 23.14.00 Pagina 1/1 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA PIANA A DUE LIVELLI CASO A) EDIFICIO ESISTENTE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r ALLEGATO alla seguente pratica: Denuncia inizio attività Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante senza sospensione lavori (art.142 L.R. 01/05) Istanza di sanatoria (art.140

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto

Prevenzione delle cadute dall alto approfondimenti s Prevenzione delle cadute dall alto Relatore: p.i. Paolo Casali, formatore erogatore EQF 5 Padova 12 novembre 2015 Evoluzione ed approfondimenti su normative e revisioni sommario Presentazione

Dettagli

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA

LINEA 795 ROBUST SISTEMI DI PROTEZIONE ANTICADUTA LINE 795 ROUST SISTEMI DI PROTEZIONE NTICDUT PUNTO DI NCORGGIO WCGRE Componente di classe C secondo norma UNI EN 795:2002 Certificati: Certificazione secondo UNI EN 795:2002 Numero operatori: Modello di

Dettagli

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09

Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 ARCH. NICOLA BELLENTANI nicolabellentani@alice.it Art. 91 DL 81.08 come modificato dal DL 106.09 Allegato XVI DPI ASSORBITORI CONNETTORI CORDINI DISPOSITIVI RETRATTILI IMBRACATURE SISTEMI ANTICADUTA DISPOSITIVI

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI

LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI Commissione Lombarda Materiali e Tecniche LA CATENA DI ASSICURAZIONE: LA NORMATIVA EUROPEA E I COMPONENTI Andrea Manes SICUREZZA Inerente materiali e tecniche Parliamo di catena di assicurazione senza

Dettagli

Bimecc Blister PROGRAMMA COMPLETO PER LA VITERIA SOSTITUTIVA IN KIT PRONTI ALL USO

Bimecc Blister PROGRAMMA COMPLETO PER LA VITERIA SOSTITUTIVA IN KIT PRONTI ALL USO Bimecc Blister PROGRAMMA COMPLETO PER LA VITERIA SOSTITUTIVA IN KIT PRONTI ALL USO SICUREZZA DI UN VEICOLO PUO ESSERE COMPROMESSA DA UN FISSAGGIO RUOTA ALLENTATO Viti o dadi allentati possono causare non

Dettagli

Potenziometro per montaggio nel quadro di comando

Potenziometro per montaggio nel quadro di comando Potenziometro per montaggio nel 8455 Istruzioni per l uso Additional languages www.stahl-ex.com Dati generali Indice 1 Dati generali...2 1.1 Costruttore...2 1.2 Informazioni relative alle istruzioni per

Dettagli

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012)

(DGRV 2774/09 così come modificato dalla DGRV 97/2012) ISTRUZIONI TECNICHE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA (DGRV 2774/09 così

Dettagli

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura

Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura L Ordine degli Ingegnere della Provincia di ROMA presenta il Seminario Tecnico: Cadute dall alto, alto, Linee Vita e Ancoraggi per la manutenzione in copertura Relatore Geom Giampiero Morandi In collaborazione

Dettagli

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-A-W5 (3n31679)

BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA H4b-A-W5 (3n31679) BARRIERA DI SICUREZZA SINGOLA SU TERRA Hb-A-W (n679) Prestazioni Livello di contenimento Indice di severità accelerazione ASI Larghezza di lavoro Intrusione del veicolo Deflessione dinamica Hb A W (.70

Dettagli

sicurezza Linea Vita Light Rev. Settembre 2012 linee vita permanentiqualità italiana tecnologia parapetti anticaduta Ancoraggi Classe A1 - A2 - C

sicurezza Linea Vita Light Rev. Settembre 2012 linee vita permanentiqualità italiana tecnologia parapetti anticaduta Ancoraggi Classe A1 - A2 - C qualità certificata prodotto italiano Linea Vita Light MANUALE D'USO Rev. Settembre 2012 Ancoraggi Classe A1 - A2 - C EN 795 linee vita permanentiqualità italiana tecnologia ttrezzature da affidabilità

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE OPERANTE NELLA

REGOLAMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE OPERANTE NELLA ICMQ ICMQ S.p.A. Via G. De Castillia, 10 20124 Milano tel. 02 7015 081 fax 02 7015 0854 e-mail: icmq@icmq.org http://www.icmq.org Capitale Sociale 750.000 CCIAA Milano 261277/2000 REA 1630715 Partita IVA:

Dettagli

SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2

SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2 SISTEMI ANTICADUTA EN 795 MANUALE D INSTALLAZIONE TIRANTE SOTTOTEGOLA SU TETTI INCLINATI CT.CA.06.A2 Cividate al Piano (BG) - Gennaio 2013 INDICE: 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODUTTORE...4 2 IMMAGINE TIRANTE

Dettagli

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta

RACCOLTA NORME UNI. su sistemi e dispositivi anticaduta RACCOLTA NORME UNI su sistemi e dispositivi anticaduta UNI 8088 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati: Criteri di sicurezza Nella norma sono stabilite le caratteristiche essenziali degli apprestamenti

Dettagli