Dottorato di ricerca in "Storia e archeologia del medioevo, Istituzioni e archivi" Sezione "Istituzioni e archivi" Progetto di ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dottorato di ricerca in "Storia e archeologia del medioevo, Istituzioni e archivi" Sezione "Istituzioni e archivi" Progetto di ricerca"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DI SIENA Dottorato di ricerca in "Storia e archeologia del medioevo, Istituzioni e archivi" Sezione "Istituzioni e archivi" Progetto di ricerca IL COMUNE DI PADOVA TRA SETTE E OTTOCENTO: VICENDE ISTITUZIONALI E INVENTARIO ARCHIVISTICO ( ) ANDREA DESOLEI Padova 2004

2 Abstract del progetto Il progetto si sviluppa secondo due linee di ricerca: la prima, di carattere archivistico, mira all inventariazione analitica delle serie «Atti amministrativi» e «Atti riservati» (quasi 4000 pezzi) del fondo «Padova», compreso nella partizione «Comuni» dell Archivio di Stato di Padova (parte II della Guida generale). Tale fondo include, oltre al carteggio amministrativo del periodo , anche le deliberazioni di Consiglio e Giunta, raccolte in maniera non sistematica. Il primo obiettivo del progetto consiste quindi nel fornire agli studiosi uno strumento analitico di ricerca, completo degli elenchi delle deliberazioni. La seconda linea di ricerca, di carattere istituzionale, mira all analisi degli eventi che interessarono Padova e il Veneto tra Sette e Ottocento, con il passaggio dalla dominazione veneziana a quelle successivamente francese, austriaca e infine italiana, ricostruendo gli assetti organizzativi e istituzionali del Comune e delle istituzioni ad esso collegate. 2

3 Sommario Abstract del progetto...2 Sommario...3 Introduzione...4 I rapporti istituzionali centro-periferia e gli archivi...4 Il Comune di Padova tra la fine del Settecento e la fine dell Ottocento (cenni di storia istituzionale)...4 L archivio del Comune di Padova...7 Tema della ricerca...10 Obiettivi e problematiche di ricerca...11 Metodologia...13 Tempi di realizzazione anno anno anno...15 Bibliografia...16 Padova tra la fine del Settecento e la fine dell Ottocento...16 I comuni veneti e il Comune di Padova profilo istituzionale...18 La burocrazia veneta e il Comune di Padova...19 Gli archivi comunali...20 L Archivio del Comune di Padova...22 L inventario archivistico

4 Introduzione I rapporti istituzionali centro-periferia e gli archivi I rapporti tra centro e periferia, tra Stato e autonomie locali hanno sempre rappresentato un tema storiografico di notevole interesse per la storia delle istituzioni 1. Questo lavoro conta di fornire un contributo per la ricostruzione delle vicende di questo rapporto dopo la caduta degli antichi regimi, per verificare quanto c è stato di continuità e di cambiamento tra i vecchi ed i nuovi assetti, partendo dalla costruzione di uno strumento euristico quale l inventario archivistico. In questa prospettiva i documenti dell archivio del Comune di Padova diventano una base di partenza privilegiata per lo sviluppo di un tema di ricerca concentrato sulle vicende di questa città e, di riflesso, del Veneto dopo la caduta della Serenissima. Questo rapporto tra poteri e istituzioni locali e centrali veneziane prima e poi successivamente francesi, austriache e italiane a Padova può essere inoltre analizzato mediante lo studio di istituzioni parallele, con le quali Stato e Comune hanno gestito vari aspetti dell amministrazione del territorio, della popolazione, dell economia, della società. Indispensabile per far questo è naturalmente l accesso agli archivi, in modo particolare quelli dei comuni, spesso abbandonati alla propria sorte, mediante il recupero e l inventariazione dei fondi documentari prodotti dalle istituzioni, oppure con l integrazione degli strumenti di ricerca, nel caso di archivi conservati da più istituti come quello di Padova, suddiviso tra Archivio di Stato e Archivio generale del Comune. In questa prospettiva l archivistica e la storia delle istituzioni sono due discipline che operano in simbiosi e, pur mantenendo la loro autonomia scientifica, procedono necessariamente parallele nel loro percorso, divenendo vicendevolmente fonte di cognizione e strumento di ricerca. Il Comune di Padova tra la fine del Settecento e la fine dell Ottocento (cenni di storia istituzionale) Come noto, Padova fu sottomessa alla dominazione veneziana dal 1405 al Venezia fondò il suo sistema di organizzazione e controllo territoriale sull elezione di funzionari tratti dal patriziato: i rettori 2. «Nelle principali città dello stato (Padova, Vicenza, 1 Si veda da ultimo P. AIMO, Stato e poteri locali in Italia , Roma «Venezia affrontò il problema dell organizzazione territoriale del suo dominio da terra in modo originale e assolutamente diverso rispetto alle soluzioni adottate da altri stati coevi. Lasciò in genere sussistere le strutture comunali preesistenti, già del resto svuotate del loro significato politico dalle esperienze signorili succedutesi da Ezzelino da Romano in poi e ridotte al semplice rango di semplici apparati amministrativi. Rimasero perciò in vigore, a regolare la vita delle singole comunità, gli statuti esistenti, debitamente approvati, aggiornati e completati, a seconda delle necessità, da provvedimenti delle magistrature veneziane. Accanto agli statuti, vissuti sul piano ideologico come baluardi eretti a difesa delle autonomie locali, i patti tra Venezia e le singole comunità soggette e le commissioni della Serenissima ai suoi rappresentanti regolavano i rapporti tra centro e periferia. La Dominante incentrò il suo sistema di controllo e di organizzazione del territorio su una serie di sedi amministrative, già selezionate come preminenti, rispetto agli insediamenti della medesima area, dalle vicende comunali e signorili. In quelle quasi città, oltre che a Padova, Venezia insediò come suoi rappresentanti funzionari elettivi, tratti dalle fila del patriziato lagunare, che rimanevano in carica per un periodo originariamente di 12 e poi di 16 mesi, o più, a seconda delle circostanze: i rettori» G. BONFIGLIO- DOSIO, L amministrazione del territorio durente la Repubblica veneta ( ): gli archivi dei rettori, Padova 1996, p

5 Verona, Brescia e Bergamo) i rettori erano due, il podestà e il capitano, con funzione prevalentemente giudiziaria e civile il primo, finanziaria e militare il secondo» 3, ma «potevano assumere i titoli specifici di podestà, capitano, camerlengo o castellano, con riferimento alle competenze loro attribuite. Talvolta i due titoli di podestà e capitano o di podestà e castellano erano attribuiti al medesimo funzionario. A Padova erano stanziati 1 podestà, 1 capitano, 2 camerlenghi, 1 castellano in Castel Vecchio e 1 castellano alla Saracinesca» 4. La città poi «era retta dal consiglio dei nobili composto da quei cittadini che, superato il venticinquesimo anno d età, avevano il proprio nome riportato in appositi elenchi contenenti appunto le famiglie ammesse al governo cittadino. In esso si eleggevano i deputati in numero di sedici che rappresentavano il consiglio e ogni anno i deputati vecchi con i nuovi costituivano il consiglio dei XVI» 5. «A capo del Comune c era un funzionario (quello che oggi chiameremo Sindaco), la cui denominazione più corrente era degan o marigo, che aveva la rappresentanza generale del Comune, affiancato da un organo collegiale, con poteri decisionali per gli affari correnti e di ordinaria amministrazione» 6. 3 «Il rettore era coadiuvato nella sua attività quotidiana da un gruppo (la cosidetta corte ) di collaboratori, che costituivano una vera a propria sorta di burocrazia: vi erano i cancellieri, che avevano cura della redazione degli atti di governo, e gli assessori, personaggi per lo più originari del Dominio, esperti in diritto e con una robusta formazione tecnica che si appoggiava sul diritto romano e locale, che si affiancavano al podestà nell amministrazione della giustizia» L. PEZZOLO, Podestà e capitani in terraferma, in G. ORTALLI et al., Venezia e le istituzioni di terraferma, Bergamo «Il rettore doveva regere, ossia governare, la città e il territorio di sua giurisdizione, nel rispetto degli statuti e delle consuetudini, ma soprattutto dell onore della Serenissima, perseguendo l ordine, la concordia e il bene della comunità nell osservanza leale e onesta delle leggi, interpretate e integrate, ove necessario, secondo coscienza (arbitrium). In concreto, al di là delle formule con le quali viene costantemente descritta dalle fonti l attività dei rettori, regolamentata da un rigido rituale, garanzia di onorabilità, si esplicava principalmente nel rendere giustizia (rendere ius) nel civile e nel criminale. Ma la presenza del rettore, elemento tangibile del dominiio veneziano, era costante e diffusa nella vita amministrativa delle comunità. Presiedeva infatti tutti i consigli, doveva imporre il rispetto degli statuti, mantenere l ordine pubblico, sorvegliare le finanze, vigilare sull esecuzione delle opere pubbliche, sul rifornimento e la distribuzione delle vettovaglie, sull efficienza delle difese. Nel complesso, a parte l amministrazione della giustizia, il podestà [sic] svolgeva una serie di attività estremamente compenetrate con il funzionamento degli organi della comunità» BONFIGLIO-DOSIO, L amministrazione del territorio durante la Repubblica veneta ( ), cit., p BONFIGLIO-DOSIO, L amministrazione del territorio durante la Repubblica veneta ( ), cit., p. 4. «Il Podestà (chiamato Castellano quando la località rivestiva particolare importanza militare) presiedeva al buon andamento della terra, curava i lavori pubblici di interesse statale (spesso la regolazione di fiumi e le grandi opere pubbliche), amministrava la giustizia (quella civile solitamente in grado di appello), assistito dagli assessori esperti di diritto. Il Capitano (presente solo nei reggimenti maggiori o nelle piazze di maggiore importanza strategica) era il comandante militare della terra, curava le fortificazioni fisse e le dotazioni di armi delle milizie territoriali (le cernide), nonché l esazione dei tributi ; il Camerlengo esercitava le funzioni della nostra attuale Intendenza di Finanza, per conto della Dominante» I. CACCIAVILLANI, La legge comunale veneziana (1781), Limena 1986, p G. SILVANO, Padova democratica (1797): finanza pubblica e rivoluzione, Venezia 1996, p. 18. Per una maggiore precisione nel delineare le istituzioni e le magistrature padovane nel periodo veneziano si veda M. BORGHERINI, Il governo di Venezia in Padova nell ultimo secolo della Repubblica ( ), Padova «L organo collegiale di governo era a sua volta variamente denominato, mai però chiamto giunta, pur avendo poteri sostanzialmente analoghi a quelli dell attuale Giunta e pur essendo un termine certamente derivato dal dirittto veneziano. Con questonome veniva individuato uno speciale organo provvisorio e con funzioni solitamente limitate nel tempo, imposto da esigenze contingenti: quando l argomento in discussione avanti a un determinato organo collegiale era di particolare importanza o delicatezza, ai componenti normali o stabili ne venivano aggiunti altri o per elezione o per cooptazione perché, partecipando all elaborazione della decisione, ne assicurassero una maggiore e più sicura rispondenza all interesse generale; tale aggregazione straordinaria veniva chiamata zonta o giunta. Accanto agli organi politici (incaricati cioè delle scelte di governo dell ente locale) erano elettivi anche tutti gli organi esecutivi: colui che doveva controllare l esazione dei tributi (sempre affidata ad esattori appaltatori), detto solitamente sindico o massaro; i controllori dei confini, detti campari ; ancora elettive erano le cariche dei custodi della legalità, gli attuali vigili urbani, dotati peraltro anche ed in via esclusiva delle funzioni di polizia giudiziaria (di indagare sui delitti e di assicurare alla giustizia i colpevoli» CACCIAVILLANI, La legge comunale veneziana, cit., p

6 Dopo la caduta della Serenissima le vicende Sette-Ottocentesche della città possono essere così brevemente riassunte: 1. Governo democratico della Municipalità (28 aprile gennaio 1798) 2. prima dominazione austriaca (20 gennaio gennaio 1801) 3. occupazione militare francese (16 gennaio 6 aprile 1801) 4. seconda dominazione austriaca (6 aprile novembre 1805) 5. occupazione francese e governo provvisorio presieduto da Antonio Nalin, prima, e dal conte Girolamo Polcastro, dopo (5 novembre aprile 1806) 6. annessione al Regno Italico (1 maggio novembre 1813), interrotta tra il 26 aprile e il 4 maggio da un occupazione militare austriaca 7. terza dominazione austriaca (7 novembre marzo 1848) 8. Repubblica Veneta (dal 22 marzo al 4 giugno 1848) e la fugace adesione al Regno di Sardegna (dal 5 al 12 giugno 1848) 9. quarta ed ultima dominazione austriaca e annessione all Italia (dal 13 giugno 1848 all 11 luglio 1866) Come ricorda Carlo Ghisalberti «quando gli eserciti francesi irruppero nella penisola italiana municipalità e dipartimenti, more geometrico ordinati, presero per tre anni il posto dei particolari ordinamenti locali dando inizio ad una profonda rivoluzione nell organizzazione delle strutture amministrative locali e seppellendo ben presto il ricordo di un autonomismo municipale. [In questo periodo] la municipalità era retta da un apposita amministrazione municipale, costituita da un numero variabile di persone riunite a loro volta in comitati incaricati di presiedere collegialmente alle varie branche dell amministrazione stessa» 7. A Padova l amministrazione municipale in questo periodo era composta da 30 persone scelte «fra i cittadini più noti per probità, per civismo, per amore della libertà, per virtù», con un Presidente e un vice-presidente e suddivisi in 7 comitati: «1. Comitato di Corrispondenza generale 2. Comitato di Sicurezza generale 3. Comitato di Pubblica istruzione 4. Comitato di Sanità 5. Comitato di Economia pubblica e finanze 6. Comitato di Militare 7. Comitato di Sussistenza, Pesi e misure» 8. Nel periodo dalla caduta delle municipalità (1798) all annessione al Regno Lombardo Veneto il controllo centrale si accentua e diminuisce l autonomia locale. Sia durante la «prima dominazione austriaca ( ) e poi quella francese, anche se nelle forme del Regno d Italia ( ), il volere regio [è portato nelle singole circoscrizioni] tramite l Imperial-Regio Capitano provinciale, poi mediante il Prefetto del Dipartimento. Ci sono, è vero i Consigli generali e distrettuali, ma la nomina dei loro componenti viene dall alto, come era calata quella dei consigli comunali e dei podestà» 9. Da notare che la nomina dei sindaci sarà di competenza dei consigli comunali solo dal 1888 e che nel 1807 erano stati creati i Comuni modernamente intesi «con un Consiglio ed un podestà» 10, sulla base delle norme emanate con il decreto 8 giugno 1805, n. 46, sull Amministrazione pubblica e sul Compartimento territoriale del Regno. 7 C. GHISALBERTI, Le amministrazioni locali nel periodo napoleonico, in N. RAPONI, Dagli stati preunitari d antico regime all unificazione, Bologna 1981, p Organizzazione sistematica provvisoria di tutto il Dipartimento padovano, disposizioni del generale di brigata BRUNE comandante la divisione Massena e il padovano, [Padova 1797], p G. NETTO, Province e comuni nel Veneto dal 1813 al 1866, in I problemi dell amministrazione austriaca nel Lombardo_veneto: Atti del Convegno di Conegliano organizzato in collaborazione con l Assiciazione Italia-Austria: settembre 1979, Conegliano 1981, p NETTO, Province e comuni nel Veneto, cit., p

7 L organizzazione data dalle truppe napoleoniche al territorio italiano viene confermata dall Austria per il Veneto dapprima con uno speciale editto emanato a Trento l 8 novembre 1813, con il quale «dichiarasi permanenti gli attuali dipartimenti nonché le successive divisioni dei medesimi in distretti, in cantoni e in comuni Restano provvisoriamente confermati tutti gl impiegati regj e comunali, i quali non abbandonarono i loro posti Parimenti confirmati si dichiarano i Consiglj generali, distrettuali e comunali, e perciò abilitati a fungere i loro incarichi» 11, e poi con la patente imperiale del 7 aprile 1815: «si conservano (per ora) i Consigli comunali e, nel Veneto, quelli levati devono essere ripristinati» 12. Con la successiva patente imperiale del 12 febbraio 1816 si stabilisce che «ogni comune sarà amministrato dal Convocato generale degli estimati che delibererà sugli affari riguardanti il proprio interesse, affidando l amministrazione del partimonio a una Deputazione. Avranno invece Consiglio comunale i capoluoghi di provincia e le città regie, oltre i comuni nei quali il gran numero di estimati, a giudizio del governo, divenisse ostacolo alle regolari deliberazioni. Nei primi due casi la deputazione prende il nome di Congregazione municipale e il sio capo assumerà la qualifica di podestà. Gli assessori (cioè i componenti della C.M.) saranno designati dal Consiglio cui spetta di proporre al Re la nomina del podestà» 13. Questo assetto istituzionale, con alcune modifiche, si manterrà praticamente immutato fino all annessione al Regno d Italia nel 1866 e, come afferma Giovanni Netto, anche oltre: «viviamo tuttora in strutture sorte nel periodo franco-austriaco: i comuni sorti tra il 1807 ed il 1816 sono tuttora vivi e vitali le province nate nel 1815 hanno superato il secolo e mezzo di attività» 14. La legge comunale e provinciale del 1859 del Regno d Italia, cioè l allegato A della legge 20 marzo 1865 n. 2248, sulla Unificazione amministrativa del Regno, sarà poi l ultimo passo verso l uniformazione anche dei termini per definire le istituzioni come il convocato degli estimati, la congregazione municipale e il podestà che diverranno, come in tutta Italia, quelli il consiglio, la giunta e il sindaco, mutando la forma, ma non la sostanza delle istituzioni locali venete 15. L archivio del Comune di Padova Come buona parte dei comuni italiani, anche nel caso di Padova la parte più antica del suo archivio è conservata presso il locale Archivio di Stato. La documentazione più antica risale al 1420, in quanto tutta la documentazione relativa alla signoria carrarese, ed ai primi quindici anni di dominazione veneziana, è andata perduta in un terribile incendio avvenuto in quell anno, a seguito del quale furono emanate apposite norme per la tenuta dell archivio e affidata la cura dello stesso ad un insigne umanista: Sicco Polenton Editto concernente l interinale organizzazione delle provincie dall Imperial Regia Armata dell Austria di già occupate nel Regno d Italia fuori del Tirolo italiano. Padova 8 novembre 1813, disposizioni date dal generale d artiglieria barone DE HILLER comandante in capo l imperial regia Armata dell Austria interio alla volta d Italia, dato a Trento il pubblicato a Padova il Si veda anche sul tema della continuità M. MERIGGI, Gli stati italiani prima dell Unità: una storia istituzionale, Bologna 2002, in particolare p NETTO, Province e comuni nel Veneto, cit., p NETTO, Province e comuni nel Veneto, cit., p NETTO, Province e comuni nel Veneto, cit., p La continuità delle istituzioni locali venete è evidenziata soprattutto nel citato NETTO, Province e comuni del veneto. 16 «la parte più antica dell'archivio comunale è andata perduta; in particolare a causa dell incendio del 1420, che ha distrutto quasi completamente la cancelleria civica. Risulta infatti mancante la documentazione relativa al periodo 7

8 L archivio civico, integrato con le carte notarili fin dal XV secolo 17, è poi passato per alterne vicende: si ricordi qui solamente l incendio del 1615 (fortunatamente non rovinoso come quello del 1420) 18, il crollo della volta tra il palazzo della Ragione e il palazzo comunale nel 1172 a causa del peso dei documenti stessi 19 e in particolare la sua suddivisione, effettuata da Andrea Gloria nel , tra la parte di antico regime, affidata alle cure dei paleografi del costituendo Museo civico, e la parte moderna, rimasta presso gli uffici comunali. Nel corso del XIX secolo l archivio si era arricchito anche dei fondi relativi alle Corporazioni laiche e religiose soppresse (1848), agli archivi governativi veneziani, francesi e austriaci (1850), agli archivi giudiziari (1851) e agli estimi antichi (1851) 21. La parte antica dell archivio, definita Archivio civico antico e conservata nella sede del Museo civico sito nell ex-convento dei Minori di piazza del Santo, divenne quindi la base per la creazione dell Archivio di Stato di Padova, previsto dalla legge archivistica del , e formalmente istituito solo nel trasferendo la sua Direttrice, Erice Rigoni, dai ruoli del Comune di Padova e quelli dello Stato e mantenendo la stessa sede di piazza del Santo, già dall anno precedente ceduta in affitto alla Provincia di Padova, ente sul quale ricadeva l onere per le spese di mantenimento dell Archivio di Stato. In questo modo fu trasferito però allo Stato non solo la parte antica, integrata come abbiamo visto, ma anche la documentazione moderna fino al 1884, versata dagli uffici comunali al Museo civico presumibilmente nei primi anni del Novecento 24. L Archivio di comunale e alla signoria dei Carraresi. Pertanto la documentazione conservata [nell'archivio di Stato di Padova] comincia in linea di massima con la soggezione del Comune alla Repubblica di Venezia» R. BAGGIO COLLAVO, Archivio di Stato di Padova, in Guida generale degli Archivi di Stato italiani, III, Roma 1986, pp «Nel 1476, il 6 agosto, il Consiglio maggiore della comunitàribadisce con vigore l obbligo di versamento alla cancelleria comunale delle scritture dei notai defuntida parte degli eredi» G. BONFIGLIO-DOSIO, La politica archivistica del Comune di Padova dal XIII al XIX secolo: con l inventario analitico del fondo Costituzione e ordinamento dell archivio, Roma 2003, p «le magistrature responsabili di allora si preoccuparono non poco di questo problema e molte precauzioni si andavano così adottando per evitare ulteriori perdite di materiale documentario. Tuttavia nulla impedì il verificarsi di un secondo incendio nel febbraio del 1615, durante il quale andarono bruciate le scritture della Cancelleria Pretoria» L. BRIGUGLIO, L'Archivio Civico Antico di Padova e l'opera dei suoi ordinatori ( , «Bollettino del Museo Civico di Padova» XLV (1956), pp «L 8 maggio 1772 crollò il colto sottostante l archivio adiacente al palazo pretorio: nel fondo qui inventariato le perizie, i progetti, i preventivi, le fatture, i rilievi documentano in modo analitico le varie fasi del restauro e del ripristino del volto» BONFIGLIO-DOSIO, La politica archivistica del Comune di Padova, cit., p La definitiva suddivisione fisica fu attuata nel 1871 da Andrea Gloria, allora direttore del Museo, della Biblioteca e dell Archivio civico. In occasione della costruzione del nuovo Museo cittadino in piazza del Santo, fondato con il meritorio intento di creare un istituto unitario per la conservazione e la tutela della cultura padovana, e nel quale fu concentrata gran parte delle fonti archivistiche, bibliografiche, museali ed artistiche padovane, il Gloria trasferì presso la nuova sede l Archivio civico antico (documentazione dal 1420 al 1805), separandolo anche fisicamente dall archivio moderno (documentazione successiva al 1805). Per approfondimenti A. DESOLEI, L archivio del Comune di Padova tra cultura e amministrazione, in BONFIGLIO-DOSIO, La politica archivistica del Comune di Padova, cit., p «Ne facevano inoltre parte l ingente documentazione relativa agli archivi giudiziari ed agli estimi antichi, ceduti nel 1851 al comune rispettivamente dal tribunale e dalla delegazione, nonché i preziosi archivi di tutte le corporazioni religiose e laiche soppresse dal governo napoleonico e consegnati nel 1848 dalla locale intendenza di finanza» BAGGIO COLLAVO, Archivio di Stato di Padova, cit., p Legge 22 dicembre 1939, n. 2006, Nuovo ordinamento degli Archivi di Stato. 23 «Con decreto del Ministero dell'interno in data 19 luglio [1948] è stata istituita a partire dal 1 agosto la Sezione di Archivio di Stato di Padova. La nuova sezione ha sede nei locali del Civico Museo in Piazza del Santo, già occupati dall'archivio Civico antico, che ne costituisce il nucleo principale. L'archivio consta complessivamente di oltre volumi e buste raccolti in varie stanze dell'ex-convento di S.Antonio» E. RIGONI, Sezione di Archivio di Stato di Padova: nuova istituzione, «Notizie degli Archivi di Stato», n 2-3, VIII (1948), p Non vi sono fonti attestanti con precisione l epoca precisa e le modalità di tale trasferimento. Appare però sufficientemente probante al riguardo la relazione dell ing. Eugenio Maestri del 25 maggio 1871, letta al Consiglio comunale nella seduta del 30 maggio 1871, riguardante «i lavori di adattamento dei locali nello stabile ex Caserma 8

9 Stato si trasferì infine nel 1980 presso la nuova sede di via dei Colli 29, portando con sé anche la documentazione civica 25. Alla fine degli anni Ottanta del 900 si iniziò a progettare la costruzione di una nuova sede per l Archivio del Comune di Padova (parte moderna ), la cui consistenza, appurata con un censimento nel 1998, si attesta ormai su quasi 14 chilometri lineari di carte, a quel tempo dispersi su ben 87 sedi 26. La nuova sede è stata inaugurata il 19 dicembre del Santo ad uso del civico Museo». Essa infatti attesta che «al giorno d oggi sono approntati i locali pel Museo Bottacin e Medagliere, è quasi terminato il trasloco di tutte le carte degli archivi nel pianterreno ed ammezzato del lato sud del grande chiostro, pronti i locali della Biblioteca a ricevere il materiale che vi si destina, e finalmente scoperto il grande corridoio della Pinacoteca». Successivamente, e a più riprese, fu poi trasferita a questo istituto tutta la documentazione prodotta dal Comune fino all anno Non è facile ricostruire con certezza i tempi e le modalità del trasferimento della documentazione relativa agli anni dal 1806 al 1884, dato che nella maggior parte dei casi non sono stati redatti, come per la parte più antica, appositi documenti. Sicuramente nel 1876, o negli anni immediatamente successivi, deve essere avvenuto un primo trasferimento. In quell anno infatti Andrea Gloria, su richiesta del sindaco Francesco Piccoli, dà il suo assenso perché «siano trasportati in questo Museo gli atti municipali del Governo Italico e degli anni seguenti fino al 1848». Nel periodo dal 1876 al 1903 deve essere poi avvenuto un altro trasferimento. Esso non risulta dagli atti dell Archivio del Museo civico ma, nella prima edizione dell opera Il Museo Civico di Padova di Andrea Moschetti 24, si trova che, nel 1902, era conservata presso di esso «la serie completa di tutti gli atti d ufficio del Comune dal 1806 al 1860 con tutti i protocolli e gli indici relativi». Il trasferimento della restante documentazione, riguardante gli anni dal 1861 al 1884, è avvenuto quindi sicuramente negli anni dal 1903 al 1927, dato che nella seconda edizione del Museo Civico di Padova del Moschetti, edita nel 1938 ma riportante dati relativi al 1927, risulta che ivi era conservata «la serie completa di tutti gli atti d ufficio del Comune dal 1806 al 1884 con tutti i protocolli e gli indici relativi». Altri trasferimenti di materiale devono essere stati compiuti negli anni successivi, prima del 1948, poiché dalla Guida generale degli Archivi di Stato italiani risulta che in quello di Padova, sono conservate: «bb. e regg ( ) Atti amministrativi , bb. e regg Atti riservati , bb 51. Atti contabili , bb. 3143». In questo momento non si è in grado di conoscere con precisione l anno in cui è stato effettuato tale trasferimento, ma l ipotesi più plausibile è che i documenti siano stati trasferiti al Museo nel , in occasione della costruzione dei nuovi locali dell Archivio civico antico presso il Museo, poi divenuti sede dell Archivio di Stato nel 1948 ed ora ospitanti il Museo di sant Antonio. Questa ipotesi è anche suffragata da due documenti che sono stati trovati nell Archivio del Museo Civico. Il primo è una lettera del 27 novembre 1903 in cui il Direttore del Museo, Andrea Moschetti, scrive al Sindaco di Padova che «in questi giorni si sta eseguendo il trasporto degli archivi moderni dai vecchi ai nuovi locali, per poter quindi procedere al trasporto degli archivi antichi. Ma a causa della grande quantità di buste recentemente portate dal Municipio al Museo, le cui sale che nel prospetto dell edificio erano state destinate agli archivi moderni, ora si dimostrano insufficienti, tanto che molte centinaia di buste della Ragioneria rimangono nei vecchi locali inadatti all uso d archivio». Non è purtroppo specificato nella lettera a quali annate appartengano i documenti contenuti nelle buste portate dal Municipio al Museo. Il secondo documento è una lettera del 9 marzo 1905 in cui il Sindaco invia al Direttore del Museo «dei documenti rinvenuti fra gli atti d archivio del 1869 perché siano collocati nella rispettiva posizione», nella fattispecie dei mandati di pagamento. Questa lettera potrebbe quindi far ritenere che il trasferimento sia stato effettuato sicuramente prima di tale data. Rimane però il problema che si tratta di documenti contabili, i quali potrebbero avere avuto, come spesso accade, sorti diverse dal resto dell Archivio. Purtroppo, dato che non è ancora stato concluso l inventario provvisorio dell Archivio del Museo Civico (il quale arriva al momento solo all anno 1914), è necessario anche ipotizzare che il trasferimento dei documenti relativi agli anni dal 1861 al 1884 possa essere avvenuto in un periodo successivo, vale a dire nel periodo dal 1915 al Per approfondimenti si veda DESOLEI, L archivio del Comune di Padova, cit., p Questo trasferimento non è stato a torto ancora studiato, ma lo meriterebbe in quanto è in questo momento che si crea probabilmente la vera suddivisione istituzionale tra l ente conservatore dello Stato ed il Comune, senza che i contorni di tale suddivisione siano mai perfettamente nitidi. Si veda ad esempio a tale proposito, la suddivisione tra gli statuti delle Fraglie padovane, conservati come codici in Biblioteca civica, e gli archivi delle stesse, conservati presso l Archivio di Stato: «Si può dedurre che nel 1902 fosse già stata eseguita una prima divisione del materiale corporativo: gli statuti erano materiale destinato alla biblioteca e gli archivi delle medesime rimanevano nell archivio» P. DESOLEI, Gli statuti delle fraglie padovane: catalogo dei manoscritti conservati presso la Biblioteca civica di Padova, tesi di laurea in codicologia, relatore prof. Paolo Eleuteri, Università ca Foscari di Venezia, a. acc , p.xlv. 26 Relazione sul censimento del patrimonio archivistico del Comune di Padova Proposte operative per la concentrazione del materiale nella nuova sede e per la realizzazione di un servizio archivistico comunale redatta dalla prof. Giorgetta Bonfiglio-Dosio e presentata alla Giunta Comunale in data

10 Tema della ricerca Questo progetto di ricerca è l ideale continuazione, anche se a ritroso, del lavoro iniziato nel 1999 con la tesi di laurea 27. In quella sede infatti è stata affrontata per la prima volta in maniera sistematica l analisi delle vicende e dell organizzazione postunitaria ottocentesca dell archivio del Comune di Padova, compiendo anche il primo tentativo di inventariazione analitica del materiale documentale conservato dal Comune di Padova (serie Atti amministrativi per categorie anni , solo 46 bb.) 28, vale a dire il carteggio più antico conservato dal comune, compiendo anche un campionamento sull intera serie, dal 1885 al E stato anche approntato uno studio istituzionale del Comune in età postunitaria ottocentesca, evidenziando in modo particolare le strutture burocratiche, i regolamenti del personale, gli stipendi e le piante organiche. Considerata la suddivisione in cui versa l archivio tra Archivio di Stato ( ) e Archivio generale del Comune di Padova (1885- ), con questo progetto si intende cercare di ricucire, almeno logicamente, le due parti dell archivio, ponendo le basi per la redazione di uno strumento unitario di ricerca e la ricostruzione delle vicende istituzionali. Il progetto si sviluppa infatti secondo due linee di ricerca: la prima, di carattere archivistico, mira all inventariazione analitica delle serie «Atti amministrativi» e «Atti riservati» (quasi 4000 pezzi) del fondo «Padova», compreso nella partizione «Comuni» dell Archivio di Stato di Padova (parte II della Guida generale). Tale fondo include, oltre al carteggio amministrativo del periodo , anche le deliberazioni di Consiglio e Giunta, raccolte in maniera non sistematica. Tenendo conto che per fare un inventario si deve procedere anche alla ricostruzione delle vicende istituzionali dell istituto che ha prodotto l archivio, il primo obiettivo del progetto consiste quindi non solo nel fornire agli studiosi uno strumento analitico di ricerca, completo degli elenchi delle deliberazioni, ma porre la prima base per ricostruire le vicende istituzionali patavine tra la fine del Settecento e la fine dell Ottocento. La seconda linea di ricerca, infatti, di carattere prettamente istituzionale, partendo da tale base elaborata durante l inventariazione del fondo, integrando tali informazioni con fonti bibliografiche e notizie provenienti da altri archivi, mira all analisi degli eventi che interessarono Padova e il Veneto tra Sette e Ottocento, con il passaggio dalla dominazione veneziana a quelle successivamente francese, austriaca e infine italiana, ricostruendo gli assetti organizzativi e istituzionali del Comune e delle istituzioni ad esso collegate. 27 A. DESOLEI, Archivio Storico del Comune di Padova: inventario analitico della serie Atti amministrativi per Categorie (anni ) e riflessioni sulla storia e sull organizzazione archivistica comunale postunitaria ottocentesca, tesi di laurea in archivistica, relatore prof. Giorgetta Boniglio-Dosio, Università di Padova, a. acc Con la creazione dell Archivio generale del Comune di Padova quel lavoro, anche se molto lentamente e con l aiuto di stagisti e studenti di archivistica, sta continuando, utilizzando la metodologia elaborata durante la tesi di laurea. 10

11 Obiettivi e problematiche di ricerca Oltre a delineare una prima base di storia istituzionale del Comune di Padova tra la fine del Settecento e la fine dell Ottocento, sotto il profilo archivistico si intende da una parte fornire agli studiosi un nuovo strumento analitico per la ricerca storica, anche comparativa, corredato degli apparati di indice sistematico e alfabetico, delle tabelle della composizione degli organi, degli elenchi delle cariche istituzionali, delle piante organiche del personale e, soprattutto, dell elenco sistematico delle deliberazioni di Giunta e Consiglio; dall altra parte si intende ricostruire la storia dell archivio e soprattutto analizzare l introduzione del sistema protocollo/titolario, confrontando l organizzazione archivistica comunale prima e dopo la sua adozione, valutando le conseguenze del suo utilizzo e gli effetti della sue successive evoluzioni. Le serie oggetto dell inventario sono, come detto, quelle degli Atti amministrativi e degli Atti riservati, così identificate nella Guida generale degli archivi di Stato (pag. 253): Archivio di Stato di Padova Parte III, Comuni Fondo «Padova», , bb. e regg serie «Atti amministrativi», , bb. e regg serie «Atti riservati», , bb. 51 serie «Atti contabili», , bb (?) Per ragioni di economicità nei tempi di realizzazione, si è deciso di escludere quest ultima serie dall inventario. Potrebbe comunque essere necessario procedere all inventariazione anche di quest ultima serie, al fine della ricostruzione della storia istituzionale anche mediante i documenti contabili. In questo caso ne potrebbe derivare sia un eccessivo allungamento dei tempi, costringendo alla chiusura dell inventario al 1866, oppure ad uno sbilanciamento della ricerca a favore degli obiettivi archivistici. Il perseguimento degli obiettivi di ricerca in ambito istituzionale è infatti possibile solo se il lavoro archivistico viene effettuato in maniera completa e scrupolosa. Dal punto di vista istituzionale si intende delineare gli elementi di continuità e di frattura che si sono creati nei passaggi di regime, secondo due percorsi di ricerca: 1. ricostruzione degli assetti organizzativi interni al Comune, analisi della formazione di istituti autonomi o semi-autonomi in seno allo stesso (ad es. il Museo Civico, l Ufficio civico dei Lavori pubblici, il Dazio, etc.) e la ricostruzione dei procesi di nascita o trasformazione di istituzioni collegate al Comune o che da esso si distaccano (ad es. i Vigili del fuoco, la Fiera, la Casa d industria, etc.) 2. continuità e modificazioni delle istituzioni comunali tra antico regime e governi francese, austriaco e italiano, analizzando le diverse ripartizioni di competenze tra Stato e Comune nei vari periodi ed evidenziando, quando possibile, le differenze tra le funzioni attribuite alle istituzioni comunali e quelle effettivamente svolte nel caso specifico di Padova Le problematiche maggiori in questo caso risiedono soprattutto nella difficoltà di delineare le effettiva competenze comunali, al di là delle funzioni affidate dalla legge (distinzione tra competenze di diritto e competenze di fatto), e quindi di ricostruire la struttura della macchina burocratica comunale, destinata progressivamente a crescere e 11

12 divenire strutturalmente sempre più complessa con il passare del tempo. Altri problemi possono inoltre venire dalla difficoltà di individuare e classificare in modo adeguato le istituzioni collegate al comune o che da esso si distaccano oppure che, pur rimanendo nell ambito del comune, agiscono in maniera quasi autonoma. Altre problematiche potrebbero provenire infine da elementi imprevisti, che potrebbero far dilatare i tempi di schedatura del fondo, in questo caso la criticità potrebbe essere superata mediante la riduzione temporale dell inventario dal periodo al periodo , consentendo di ottenere un risultato ugualmente valido e coerente ai fini archivistici e istituzionali, rinviando il completamento dell'inventario ad una fase successiva. 12

13 Metodologia Come noto l inventario archivistico si compone di tre parti 29 : 1. introduzione, comprendente la storia istituzionale, la storia dell archivio e la descrizione della metodologia utilizzata 2. schede analitiche 3. indice dei nomi, toponimi, istituti, autori, cose notevoli Il tutto è poi naturalmente accompagnato dalla bibliografia e da varie appendici testuali (ad es. elenchi delle deliberazioni, delle persone che ricoprono cariche politiche, piante organiche, etc.) o iconografiche (riproduzioni di documenti, etc.) Nel caso concreto la ricostruzione della storia istituzionale del Comune di Padova e del suo archivio nel periodo Sette-Ottocentesco e della storia dell archivio civico sarà effettuata preliminarmente mediante una ricerca bibliografica, in parte già effettuate e, successivamente alla schedatura, utilizzando le informazioni desunte dai documenti d archivio. La schedatura sarà effettuata sia a livello di unità di condizionamento, sia a livello di unità archivistico (fascicolo di affare), riportando in linea di massima 30 : Unità di condizionamento (busta/registro): - numero di corda - estremi cronologici - classificazione - titolo sul dorso, eventualmente integrato criticamente - note 29 Il riferimento ufficiale è ancora quello del MINISTERO DELL INTERNO, DIREZIONE GENERALE DEGLI ARCHIVI DI STATO, UFFICIO STUDI E PUBBLICAZIONI, Circolare n 39, 25 giugno 1966, Uniformità redazionale dei lavori archivistici destinati alla pubblicazione, pubblicate in P. CARUCCI, Le fonti archivistiche: ordinamento e conservazione, Roma 1998, pp Oltre ai capitoli dedicati agli inventari in ogni manuale di archivistica generale, per quanto riguarda gli aspetti metodologici dell inventariazione si può far riferimento ai saggi contenuti in A.N.A.I. SEZIONE VENETO (a cura di), L inventariazione archivistica: aspetti, metodologie, problemi: atti del seminario interregionale sull inventariazione: Venezia, 15 febbraio 1992, s.l. [1992], tra i quali si evidenzia, relativamente alla struttura dell introduzione, G. BONFIGLIO-DOSIO, Introduzione generale all inventario, pp Vi sono poi i saggi contenuti in ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARCHIVISTICA ITALIANA, Gli strumenti archivistici: metodologia e dottrina: atti del convegno: Rocca di Papa, maggio 1992, «Archivi per la storia», ottobre 1994, tra i quali si segnalano: M. SAVOIA, Struttura dell archivio e inventariazione, pp , M. CARASSI, I. MASSABÒ RICCI, La struttura dell inventario, pp e P. CAROLI, D. ROBOTTI, I presupposti e gli obiettivi dell inventariazione, pp Interessanti poi anche i saggi in D. TOCCAFONDI (a cura di), Gli strumenti per la ricerca, Firenze 1997, e la cosiddetta bibbia degli olandesi S. MULLER, J. A. FEITH, R. RUIN, Ordinamento e inventario degli Archivi, Milano- Roma-Napoli 1908, ristampa Milano Da vedere inoltre P. CARUCCI, Gli inventari, Rassegna degli Archivi di Stato, XLIX(1989), n 3 (mag-ago), p. 547; A. ROMITI, Aspetti e problemi dell inventariazione archivistica e ID., I mezzi di corredo archivistici, entrambi in ID., Temi di archivistica, Lucca 1996, e A. M. NAPOLIONI, Il primo seminario sull inventariazione archivistica: (Ancona, 6-7 settembre 1986), Rassegna degli Archivi di Stato, XLVI(1986), n 3(set-dic), p Per i problemi relativi all inventariazione degli archivi storici comunali si vedano G. BONFIGLIO- DOSIO, Problemi connessi all inventariazione degli archivi comunali, in MINISTERO DEI BENI CULTURALI E AMBIENTALI, ARCHIVIO DI STATO DI ROVIGO, Archivi storici in Polesine: esperienze a confronto: atti della giornata di studi: Ficarolo Rovigo 14 dicembre 1996, Rovigo 1997 e G. PANSINI, Per una corretta inventariazione degli archivi storici comunali, Rassegna degli Archivi di Stato, XXIV(1964), n 1 (gen-apr), p Sulle questioni relative agli standard per la descrizione degli archivi si vedano: A. CAMPANINI, I. GERMANI, Gli standard internazionali per la descrizione archivistica: incontro seminariale sulle proposte di revisione elaborate dal gruppo di lavoro ANAI (Bologna, 11 febbraio 1998): le regole ISAD(G), Bologna 1998; S. VITALI, La traduzione italiana delle ISAD(G), Rassegna degli Archivi di Stato, LV(1995), n 2-3(mag-dic), pp ; A. ANTONIELLA, Difficoltà nell uniformazione delle descrizioni archivistiche, Rassegna degli Archivi di Stato, LIV(1994), n 1(genapr), p. 51; MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI UFFICIO CENTRALE PER I BENI ARCHIVISTICI, Gli standard per la descrizione degli archivi europei: Esperienze e proposte: atti del seminario internazionale: San Miniato, 31 agosto 2 settembre 1994, Roma

14 Unità archivistica (fascicolo/registro): - estremi cronologici e di protocollo (se presente) - classificazione - titolo originario attribuito all affare, quando presente, eventualmente integrato criticamente, oppure, in mancanza, titolo critico - presenza di allegati particolari - stato di conservazione - note L indice dei nomi sarà unico e riporterà, con forma grafica diversa 31, ripettivamente quelli: di persona e di famiglia in carattere tondo dei toponimi (città, paesi, località, vie, strade, piazze, edifici, etc.) in carattere corsivo di istituzioni, organi, enti, società, imprese, associazioni, legati ed eredità in carattere grassetto degli autori citati in carattere MAIUSCOLETTO, con l iniziale del nome di battesimo puntata di altre parole e formule notevoli in carattere grassetto e corsivo. Relativamente alle appendici, oltre alla bibliografia sistematica, suddivisa per argomenti, saranno redatti: 1. gli elenchi delle deliberazioni di Giunta e Consiglio comunale, che riporteranno in linea di massima: - data ed eventuale numero, anche assegnato criticamente - oggetto della deliberazione, testuale o critico - esito della deliberazione - note - posizione fisica nell archivio, in quanto buona parte delle deliberazioni del periodo non sono raccolte in una serie unica 2. gli elenchi delle cariche istituzionali 3. le piante organiche, gli stipendi, i regolamenti e l organizzazione burocratica 4. le schede delle istituzioni collegate al Comune contenenti in linea di massima: - denominazione, con eventuali modificazioni, e sede/i - storia istituzionale evidenziando: fondamenti giuridici, atti d istituzione e altri documenti notevoli, elenchi delle cariche istituzionali, piante organiche, stipendi, regolamenti e organizzazione burocratica, funzioni attribuite e competenze/attività svolta - eventuali fondi archivistici autonomi - note 5. le riproduzioni di alcuni documenti, delineando un minimo di diplomatica del documento comunale ottocentesco, estrapolandone degli esempi che andranno a far parte dell appendice iconografica. Come detto, dal punto di vista della storia istituzionale sarà quindi ricostruito l assetto organizzativo del Comune, delineando la composizione degli organi e degli uffici, le piante organiche, gli stipendi, le competenze demandate per legge o per ragioni organizzative e, per le istituzioni collegate al Comune, con la creazione di schede ad hoc. Da questo punto di vista le difficoltà maggiori saranno proprio quelle di delinerare i momenti di nascita o trasformazione delle istituzioni, il loro grado di indipendenza, non solo formale, dal Comune e dallo Stato e le funzioni effettivamente svolte, al di là delle competenze assegnate dalle legge, riconoscendo vischiosità archivistiche e istituzionali. 31 Questa modalità di redazione è stata elaborata da G. Bonfiglio-Dosio e poi integrata e applicata nella redazione dell indice della tesi. 14

15 Tempi di realizzazione 1 anno - Schedatura «Atti amministrativi» e «Atti riservati» a livello di unità archivistica (inizio) - Redazione dell elenco delle deliberazioni di Giunta e Consiglio comunale (inizio) - Ricostruzione della pianta organica e della ripartizione in uffici (inizio) - Redazione delle schede delle istituzioni comunali collegate al Comune (inizio) - Ricerca bibliografica - Frequenza di corsi e seminari 2 anno - Schedatura «Atti amministrativi» e «Atti riservati» a livello di unità archivistica (fine) - Redazione dell elenco delle deliberazioni di Giunta e Consiglio comunale (fine) - Ricostruzione della pianta organica e della ripartizione in uffici (fine) - Redazione delle schede delle istituzioni comunali collegate al Comune (fine) - Analisi di alcuni fondi dell antico regime conservati in Archivio di Stato di Padova, con particolare attenzione al XVIII secolo, per evidenziare continuità e fratture istituzionali - Ricerca bibliografica - Frequenza di corsi e seminari 3 anno - Analisi di fondi conservati presso l Archivio di Stato di Venezia per identificare istituzioni e vicende istituzionali del governo Veneto legate alle vicende comunali patavine - Redazione della storia istituzionale del Comune di Padova tra Sette e Ottocento - Redazione della storia istituzionale delle singole istituzioni e istituti che hanno operato all interno o nell ambito del Comune di Padova - Redazione della storia dell archivio civico e degli archivi delle singole istituzioni - Produzione dell inventario - Ricerca bibliografica - Frequenza di corsi e seminari 15

16 Bibliografia Padova tra la fine del Settecento e la fine dell Ottocento L opera generale più significativa sulla storia di Padova può essere tuttora ritenuta A. VENTURA, Padova, Roma-Bari 1989, sebbene concentrata sul periodo postunitario, che si va ad aggiungere alle più datate opere di A. GLORIA, Il territorio padovano illustrato, Bologna 1862 (rist. 1983) e G. CAPPELLETTI, Storia di Padova: dalla sua origine sino al presente, Padova e alle più recenti S. CELLA, Padova. Profilo storico dalle origini ai nostri giorni, Padova 1967, A. SIMIONI, Storia di Padova: dalle origini alla fine del secolo 18., Padova 1968 (limitato però alla fine dell antico regime) e A. MENEGHINI, Storia di Padova e la sua provincia, Brescia Molto interessante poi, anche se costruita come storia urbanistica della città ma provvista anche di un inquadramento storico complessivo, è L. PUPPI, M. UNIVERSO, Padova, Roma-Bari 1982, come anche A. MOSCHETTI, Padova, Bergamo 1927 e C. FOLIGNO, The story of Padua, Liechtenstein 1970 legate alla descrizione artistico-architettonica della città. Per l ultimo periodo di dominazione veneziana a Padova non sono stati trovati testi specifici, si deve quindi far riferimento ai più generali P. DEL NEGRO - P. PRETO, L ultima fase della Serenissima, Roma 1998 (che fa parte della Storia di Venezia), F. VENTURI, Venezia nel secondo Settecento, Torino 1980, M. BERENGO, La società veneta alla fine del Settecento: ricerche storiche, Firenze 1956 e naturalmente F. C. LANE, Storia di Venezia, Torino Per il periodo di passaggio tra i secoli XVIII e XIX, oltre al citato Cappelletti (pp ) troviamo un inquadramento molto interessante nel lavoro di G. MONTELEONE, Padova tra rivoluzione e restaurazione: , Padova 1997, che raccoglie e rielabora i suoi precedenti ID., L occupazione francese di Padova nel 1801 (16 gennaio-6 aprile), «Bollettino del Museo Civico di Padova», LI(1963), ID., Padova dal Trattato di Campoformido alla caduta del regime napoleonico ( ), «Bollettino del Museo Civico di Padova», LXXV(1986), ID., Riflessi della rivoluzione francese nella terraferma veneta: il caso padovano ( ), «Archivio veneto», 1989, serie 5, vol. 23, pp e ID., Annali di Padova, : MS 80 della Biblioteca universitaria di Padova, Venezia Riguardo l occupazione francese, il Governo democratico della municipalità e il Regno italico, oltre agli ormai datati G. DE CASTRO, Principio di secolo: storia della caduta del Regno Italico, Milano 1897, A. ONGARO, La municipalità a Padova nel 1797: con appendice di documenti inediti, Padova 1904, G. FLECHIA, I Francesi in Italia: conferenza, Schio 1908 e B. BRUNELLI, Francesi a Padova, Padova 1956, abbiamo i più recenti G. SILVANO, Padova democratica: finanza pubblica e rivoluzione, Padova 1996, D. ZUCCHERINI, La municipalità democratica a Padova nel 1797: tesi di laurea, Padova 1997, gli atti del convegno curati da A. BALDUINO, La municipalità democratica di Padova (1797): storia e cultura. Convegno di studi nel secondo centenario della caduta della Repubblica Veneta, Venezia Per il periodo di dominazione austriaca, i moti del quarantotto e la soggezione al Regno Lombardo-Veneto oltre ai datati I. TOFFANIN, Il dominio austriaco in Padova dal 20 gennaio 1798 al 16 gennaio 1801, Padova 1901, G. OTTOLEGNGHI, Padova e il Dipartimento del Brenta , Padova 1909, Cronaca di Padova: dal 10 dicembre 16

17 1849 al 2 giugno 1867, Trieste 1977 (ripr. anast.), A. GLORIA, Il Comitato provvisorio dipartimentale di Padova dal 25 marzo al 13 giugno 1848, Padova 1927 (ripr. anast.) e E. N. LEGNAZZI, L 8 febbraio 1848 in Padova, Padova 1892, si vedano i più recenti e specifici P. DEL NEGRO-N. AGOSTINETTI, Padova , Padova 1991 e G. MONTELEONE, Aspetti economici e sociali di Padova durante la dominazione austriaca, Padova Per un inquadramento più generale del periodo austriaco si veda in particolare il volume di della Storia d Italia UTET di M. MERIGGI, Il Regno Lombardo-Veneto, Torino 1989 e poi L Austria nella Venezia dopo la pace di Villafranca: relazioni e documenti, Torino 1860, A. SANDONA, Il Regno Lombardo-Veneto : la costituzione e l amministrazione: studi di storia e di diritto, con la scorta degli atti ufficiali dei dicasteri centrali di Vienna, Milano 1912, A. CISCATO, Gli ultimi tempi del Regno Lombardo-Veneto , Vicenza, R. BLAAS, L Austria di fornte al problema veneto, Venezia 1968, F. VALSECCHI, A. WANDRUSZKA, Austria e province italiane: : potere centrale e amministrazioni locali, Bologna 1981, Il tramonto di un regno: il Lombardo-Veneto dalla restaurazione al risorgimento ( ), Milano 1988, Il Regno Lombardo-Veneto, : villa Contarini, aprile-ottobre 1989, Piazzola sul Brenta 1989, M. GOTTARDI, L Austria a Venezia: società e istituzioni nella prima dominazione austriaca , Milano 1993, N. DACREMA, Il Lombardo-Veneto: : storia e cultura, Pasian di Prato 1996, A. BERNARDELLO, Veneti sotto l Austria: ceti popolari e tensioni sociali: , Verona Spunti interessanti, anche se fa parte della Storia di Milano, sono inoltre offerti da Sotto l Austria ( ), Milano 1960 e da P. CECCHETTI, Raccolta di leggi, notificazioni, avvisi, etc. pubblicati in Venezia dal giorno 24 agosto 1849 in avanti, giunti quelli emanati nel Regno Lombardo-Veneto dal 22 marzo 1848, Venezia L unica opera che tratta monograficamente il periodo postunitario ottocentesco è G. MONTELEONE, Economia e politica nel Padovano dopo l Unità ( ), Venezia Interessanti, anche se non circoscritte all ambito padovano, sono Storia della cultura veneta: 6: Dall età napoleonica alla prima guerra mondiale, Vicenza 1986, E. FRANZINA, Tra Otto e Novecento e M. ISNENGHI, I luoghi della cultura entrambi in S. LANARO (a cura di), Il Veneto, Torino Per ulteriori approfondimenti sul periodo inoltre M. UNIVERSO, Padova moderata e popolare, Storia urbana, 1979, n 9, pp ; R. VERGANI, Elezioni e partiti a Padova dopo l Unità ( ), Rassegna storica del Risorgimento, LIV(1967), n 2-3. Anche se non direttamente attinente agli scopi di questo lavoro si segnala ugualmente per il periodo del primo Novecento A. VENTURA, C. MUNARI, (a cura di), Padova : nascita della città moderna: Padova, Palazzo del Monte. 10 maggio-7 giugno 1992, Padova 1992, M. CARNIELLO, Padova democratica: politica ed amministrazione negli anni del blocco popolare ( ), Padova 1974 e poi due testi molto interessanti anche se affrontano solo aspetti particolari della storia di Padova: C. MUNARI (a cura di), Padova : la città, il costume, le arti: Padova, Palazzo del Monte, 14 novembre 13 dicembre 1987, Padova 1987 e M. ISNENGHI, G. LENCI (a cura di), Padova al muro: la storia contemporanea nei manifesti del Comune di Padova , Padova Si ritiene utile infine segnalare anche delle opere che non hanno un carattere propriamente storiografico ma ugualmente stimolanti: S. ZANOTTO, Storia di Padova, Padova 1958, D. VALERI, Padova: i secoli, le ore, Bologna 1967; M. BOLZONELLA, Padova racconta: storia della città e del suo territorio corredata da documenti fotografici ed otto tavole fuori testo, Padova 1989; ID., Memorie patavine, [Padova] 1981; G. SAGGIORI, Padova nella storia delle sue strade: con 10 piante della città e 16 tavole di raffronto del 17

18 centro storico, Padova 1972, P. F. GASLINI, Cronache padovane di vita economica, Padova 1954; G. TOFFANIN, Padova nel Settecento, Padova 1992, ID., Padova fra Ottocento e Novecento, Milano 1982, M. B. RIGOBELLO AUTIZI, Storia di Padova: città d Europa, dalle origini alle soglie del Duemila, Bologna 1991, G. TOFFANIN, Frammenti di storia padovana, Padova 1994, ID., il 1886 a Padova, Padova 1985 e G. FABRIS, Cronache e cronisti padovani, Fossalta di Piave Interessanti infine anchep. GALLETTO, Galantuomini padovani dell Ottocento, Padova 1992 e G. TOFFANIN JR, Cent anni in una città (schedario padovano), Padova 1973, che raccolgono delle brevi biografie di alcuni padovani illustri. I comuni veneti e il Comune di Padova profilo istituzionale Per il periodo veneziano, oltre allo specifico volume su Padova di M. BORGHERINI, Il Governo di Venezia in Padova nell ultimo secolo della Repubblica ( ), Padova 1909, si vedano le più generali opere di I. CACCIAVILLANI, Le autonomie locali nella Serenissima, Limena 1992, ID., La legge comunale veneziana: 1781, Limena 1986, ID., La Repubblica Serenissima: profilo della costituzione veneziana, Limena 1985 e la raccolta di saggi curata da G. ORTALLI et al., Venezia e le istituzioni di terraferma, Bergamo 1988, incentrata però più sulla realtà bergamasca come anche I. PEDERZANI, Venezia e lo Stato de Terraferma: il governo delle comunità nel territorio bergamasco, sec , Milano Relativamente alla figura dei rettori veneziani nelle città venete e a Padova in particolare si vedano G. BONFIGLIO-DOSIO, L amministrazione del territorio durante la Repubblica veneta ( ): gli archivi dei rettori, Padova 1996, Podestaria e capitanato di Padova, Milano 1975 della collana Relazioni dei Rettori veneti in terraferma, A. GLORIA, Dei podestà e capitani di Padova dal 1405 al 1509: serie cronologica provata coi documenti, Padova Interessante infine per questo periodo anche G. GENNARI, Annali della città di Padova, Bologna 1804 (rist. 1971). Per il periodo preunitario ottocentesco si segnalano per Padova le disposizioni francesi e austriache: Organizzazione sistematica provvisoria di tutto il Dipartimento padovano, disposizioni del generale di brigata BRUNE comandante la divisione Massena e il padovano, [Padova 1797], Editto concernente l interinale organizzazione delle provincie dall Imperial Regia Armata dell Austria di già occupate nel Regno d Italia fuori del Tirolo italiano. Padova 8 novembre 1813, disposizioni date dal generale d artiglieria barone DE HILLER comandante in capo l imperial regia Armata dell Austria interio alla volta d Italia, dato a Trento il pubblicato a Padova il , poi l opera di E. Tonetti, Governo austriaco e notabili sudditi: congregazioni e municipi nel Veneto della Restaurazione ( ), Venezia 1997 e i più generali M. MERIGGI, Gli stati italiani prima dell unità: una storia istituzionale, Bologna 2002, P. AIMO, Stato e poteri locali in Italia , Roma 1998, C. GHISALBERTI, Contributi alla storia delle amministrazioni preunitarie, Milano 1963 e ID., Le amministrazioni locali nel periodo napoleonico, in N. RAPONI, Dagli stati preunitari d antico regime all unificazione, Bologna 1981, p. 431, si veda il più e. Si segnalano inoltre le schede riportate in G. NETTO, Province e Comuni nel Veneto dal 1831 al 1866: allegati, in I problemi dell amministrazione austriaca nel Lombardo-Veneto. Atti del Convegno di Conegliano, Vittorio Veneto Un utile confronto può essere trovato anche in A. PETRACCHI, Le origini dell ordinamento comunale e provinciale italiano: storia della legislazione piemontese sugli enti locali dalla fine dell Antico regime al chiudersi dell età cavouriana ( ), Venezia 1962, 3 voll. 18

19 Per il periodo postunitario si veda in particolare M. S. GIANNINI, I Comuni, in Atti del Congresso celebrativo del centenario delle leggi amministrative di unificazione, Vicenza 1967 e poi M. NIGRO, Storia e problemi, in ID., Il governo locale: anno accademico : lezioni di diritto amministrativo, Roma 1980, V. CAIANIELLO, Premesse storicoculturali dell ordinamento delle autonomie locali, in Scritti in onore di Pietro Virga, Milano 1994, pp. 305 e segg., A. KOLEGA, Lineamenti istituzionali e documentazione del comune postunitario ( ), in SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER IL LAZIO, Gli Archivi Storici Comunali: Lezioni, Roma 1998, pp , G. DE ROSA, La storia dei Comuni dopo l Unità, Rassegna di politica e di storia, luglio 1962, p.3 e segg., F. VOLPI, Le finanze dei Comuni e delle Provincie nel regno d Italia , Torino 1962, M.BIANCHINI-D.FRIGO-C.MOZZARELLI, Governo della casa, governo della città, Parma Poi ci sono il corposo e politico R. GHERARDI, Le autonomie locali nel liberismo italiano , Milano 1984 e l interessante approccio microstorico di A. GAMBASIN, L. TORRESAN (a cura di), Comuni e Parrocchie nella storia veneta fra l Ottocento e il Novecento, Vicenza Per lo specifico di Padova le fonti principali derivano dalle deliberazioni di Consiglio comunale, pubblicate a stampa dal 1866 al 1927, dagli annuari e da altre pubblicazioni del Comune di Padova come COMUNE DI PADOVA, Il Comune di Padova , Padova Può essere infine utile, per avere un inquadramento giuridico generale dell argomento in chiave contemporanea, consultare: L. VANDELLI, F. MASTRAGOSTINO, I Comuni e le Province, Bologna 1996, L. GIOVENCO, A. ROMANO, L ordinamento comunale, Milano 1994 e P. VIRGA, L amministrazione locale, Milano 1991 e ID. Amministrazione locale, in ID., Diritto Amministrativo, Milano Si segnalano inoltre B. F. STADERINI, Diritto degli enti locali, Padova 1999; G. BERTI, Amministrazione comunale e provinciale, Padova 1994; P. VOCI, Il decentramento amministrativo e le autonomie locali nel citato S. CASSESE, C. FRANCHINI, L amministrazione pubblica in Italia. Infine, anche se un po datati, si possono ugualmente vedere: V. CAIANIELLO, I Comuni, Torino 1977; A. VILLANI, Il potere locale: Regioni, Province e Comuni in Italia, Milano Si può anche segnalare per la ricerca sulle funzioni dei Comuni e sulla loro distribuzione: F. MERLONI, V. SANTANTONIO, L. TORCHIA, Le funzioni del governo locale in Italia, Milano , 2 voll. La burocrazia veneta e il Comune di Padova Relativamente al periodo veneziano, oltre alle citate opere del Cacciavillani e agli accenni contenuti sulla figura del cancelliere/massaro in G. BONFIGLIO-DOSIO, La politica archivistica del Comune di Padova, Roma 2002, un cenno merita l opera di A. ZANNINI, Burocrazia e burocrati a Venezia in età moderna: i cittadini originari (sec. XVI-XVIII), Venezia Sul personale comunale nel periodo di dominazione austriaco si può vedere, oltre al già citato TONETTI, Governo austriaco e notabili sudditi., C. MOZZARELLI, Il modello del pubblico impiegato nel Lombardo-Veneto della Restaurazione in F. VALSECCHI, A. WANDRUSZKA (a cura di ), Austria e Province italiane Potere centrale e amministrazioni locali, Bologna 1981, C. GHISALBERTI, Aspetti di vita pubblica e amministrativa nel Veneto intorno al 1866, «Clio», II (1966), pp , U. TUCCI, Stipendi e pensioni dei pubblici impiegati nel Regno Lombardo-Veneto dal 1824 al 1866, «Archivio economico dell unificazione italiana», Roma 1960, E. TONETTI, Minima burocratica : l'organizzazione del lavoro negli uffici del governo austriaco nel Veneto, 19

20 Venezia 2000 e il citato I problemi dell'amministrazione austriaca nel Lombardo-Veneto: atti del Convegno di Conegliano organizzato in collaborazione con l'associazione Italia- Austria, settembre 1979, Conegliano Utili spunti vengono infine da C. MOZZARELLI, Per la storia del pubblico impiego nello stato moderno: il caso della Lombardia austriaca, Milano 1972 che si occupa della burocrazia della Lombardia austriaca settecentesca. Per il periodo postunitario per lo specifico di Padova abbiamo invece i regolamenti e le piante organiche del personale: COMUNE DI PADOVA, Regolamento pegli impiegati del Comune di Padova: approvato nella seduta consigliare del 12 febbraio 1872, Padova 1872, che viene poi ripubblicato con le variazioni apportate alla pianta organica in ID., Regolamento per gl impiegati del Comune di Padova e ruoli organici, Padova 1881, ed anche in ID., Regolamento per gl impiegati del Comune di Padova e ruoli organici, Padova Il regolamento del 1872 è modificato nel 1889, lo vediamo in ID., Regolamento per gli impiegati del Comune di Padova e ruoli organici: deliberati dal Consiglio comunale nelle adunanze 9, 11, 12 febbraio 1889: approvati dalla Deputazione provinciale nel 15 marzo 1889, Padova 1889, e poi nel 1901, vedi ID., Regolamento per gli impiegati del Comune di Padova e ruolo organico: deliberati dal Consiglio comunale nelle adunanze 28, 29 dicembre 1900, 7, 29 marzo 1901: approvati dalla Giunta provinciale amministrativa nella adunanza 19 aprile 1901, giusta nota prefettizia 24 detto n divis. II, Padova 1901, e ID., Regolamento per gli impiegati del Comune di Padova e ruolo organico 1901, Padova Gli archivi comunali Per il secolo XIX si veda lo specifico Amministrazione e archivi comunali nel secolo XIX: atti del seminario svoltosi a Milano il 19 gennaio 1993, Milano Molto interessante, anche se orientato soprattutto verso la parte postunitaria, è poi il recente SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER IL LAZIO, Gli Archivi Storici Comunali: Lezioni, Roma 1998 e il classico A. ANTONIELLA, L archivio comunale postunitario: contributo all ordinamento degli archivi dei comuni, Firenze Fondamentale su questo tema rimane comunque l inquadramento operato da F. VALENTI, Appunti delle lezioni di archivistica tenute presso la Facoltà di Lettere dell Università di Bologna durante l anno accademico (a cura di Gabriele Fabbrici), Roma 1995, in forma di dispensa ad uso delle Scuole di Archivistica, Palografia e Diplomatica. Interessanti poi, in quanto trattano soprattutto di casi specifici, S. BARIZZA, Il Comune di Venezia : l istituzione, il territorio, guida-inventario dell Archivio municipale, Venezia 1987, M. P. GUERRA (a cura di), Gli archivi del Comune, Bologna 1996, che parla degli archivi dei Comuni di Modena, Firenze e Mirandola; E. INSABATO, S. PIERI, Archivi comunali toscani: atti delle giornate di studio di Carmignano (13 dicembre 1986) e di Lastra a Signa (9 maggio 1987): esperienze e prospettive, Firenze 1989; D. FERRARI (a cura di), La gestione dell archivio comunale: problemi e prospettive: Atti del seminario: Suzzara novembre dicembre 1992, Mantova 1994, che illustra le problematiche degli archivi lombardi; i già citati SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER IL LAZIO, Gli Archivi Storici Comunali: Lezioni e G. PENZO DORIA (a cura di), Archivi e cittadino: genesi e sviluppo degli attuali sistemi di gestione degli archivi: Atti della giornata di studio Chioggia, 8 febbraio 1997, quest ultimo contiene dei saggi specifici sugli archivi comunali di Venezia e Vicenza, MINISTERO DEI BENI CULTURALI E AMBIENTALI, ARCHIVIO DI STATO DI ROVIGO, 20

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

ARCHIVI STORICI DEGLI ENTI PUBBLICI RIORDINAMENTO E INVENTARIAZIONE

ARCHIVI STORICI DEGLI ENTI PUBBLICI RIORDINAMENTO E INVENTARIAZIONE Ministero per i Beni e le Attività Culturali SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER IL PIEMONTE E LA VALLE D AOSTA Torino ARCHIVI STORICI DEGLI ENTI PUBBLICI RIORDINAMENTO E INVENTARIAZIONE GUIDA PER GLI ARCHIVISTI

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Relazioni triennali - Prima sessione 2014. Relazioni triennali - Prima sessione 2014 Data Chiusura 30/05/2014. Dipartimento di Studi Umanistici

Relazioni triennali - Prima sessione 2014. Relazioni triennali - Prima sessione 2014 Data Chiusura 30/05/2014. Dipartimento di Studi Umanistici Relazioni triennali - Prima sessione 2014 Relazioni triennali - Prima sessione 2014 Data Chiusura 30/05/2014 Cognome Nome Qualifica Dipartimento Ha usufruito di un periodo di congedo per motivi di studio

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO. CCCLXXXIV Legge sul governo dello Stato della Città del Vaticano.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO. CCCLXXXIV Legge sul governo dello Stato della Città del Vaticano. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO CCCLXXXIV Legge sul governo dello Stato della Città del Vaticano. N. CCCLXXXIV Legge sul governo dello Stato della Città del Vaticano. 16 luglio 2002 GIOVANNI PAOLO PP. II

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli