PAVIMENTI IN CALCESTRUZZO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PAVIMENTI IN CALCESTRUZZO"

Transcript

1 pavimenti SUPERFICI CONTINUE LA RIVISTA DEI PAVIMENTI IN CALCESTRUZZO E IN RESINA, DEI MASSETTI E SOTTOFONDI Associazione Nazional epavimentazioni Continue Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1 CN/BO PAVIMENTI IN CALCESTRUZZO 2012 AITEC: Dati sui consumi del cemento CONPAVIPER: I Bigini.. se è vero che per ogni problema c è una soluzione Bergamo: il caso dell Ospedale

2

3

4

5

6 4 Dario Bellometti nota del Presidente Il Discorso del Presidente VI Congresso conpaviper Cari Soci, cari amici, un saluto a tutti voi intervenuti e un ringraziamento ai RELATORI e agli SPONSOR che hanno contribuito alla realizzazione di questo CONGRESSO. Sono passati pochi anni da quando, la sera, prima di tornare a casa, potevo dedicare l ultima ora di lavoro alla valutazione dei conti dei singoli cantieri, sulla base delle schede registrate a mano dai capi squadra, spesso compilate con qualche parola in bergamasco, verificare le conferme fax degli ordini, controllare gli stampati dei pagamenti e dei movimenti di banca. Dopo di che chiudevo l ufficio con la serenità di chi si sente ogni cosa sotto controllo. Oggi, mentre sono in cantiere, controllo la mail che arrivano sul blackberry, cerco di risolvere ogni problema in diretta attraverso il cellulare, i conti della banche li vedo su uno schermo attraverso un homebanking, mentre le conferme di ordine arrivano in tante forme diverse. Contemporaneamente ho una persona che deve occuparsi dell aggiornamento della sicurezza, dei DURC, dei dati telematici per le agenzie dell entrate e, infine, c è un consulente che mi chiama per dirmi che diventerò vecchio se non porto tutta la mia organizzazione in cloud, che non capisco neanche cosa sia. Cari Soci, cari amici, questa crisi è anche questo. Un mondo nuovo, un modo nuovo di organizzare il lavoro, di fissare le priorità. Un mondo in cui se il cliente di un pavimento da 500 mq non mi paga, non è colpa sua, ma è colpa del fatto che negli Stati Uniti è esplosa la bolla finanziaria, che se una banca non mi da un affidamento, è perchè cresce lo spread con la Germania, che se un cliente decide di non fare la periodica manutenzione del suo pavimento è perché con l EURO gli conviene produrre in Polonia, vendere dalla repubblica ceca e avere gli uffici in Romania È un mondo che si sta evolvendo alla velocità della luce, una velocità che genera forse confusione, che lascia poco tempo per riflettere, per pensare, per gestire in modo corretto un azienda, in cui non solo è facile perdere la bussola ma è anche difficile capire quali sono i reali nemici da combattere. È un mondo in cui è facile prendere la via della depressione. No, non possiamo essere come Don Chisciotte, e ritrovarci a combattere contro dei mulini a vento. Io sono uno di voi. Non posso essere io a trovare le soluzioni per il settore, per tutti noi. Lascerò ad alcuni esperti, chiamati in questo Congresso, il compito di darci dei numeri, presentarci degli strumenti, definire degli scenari. Ma poi parliamone, riflettiamo insieme, perché la risposta non può venire ne solo da noi ma neanche solo dagli altri. Dobbiamo riflettere prendendo atto di questo grande cambiamento. Il nostro è un Paese in cui sono state fatte molte conquiste sociali. Una donna può andare in maternità, un lavoratore può ammalarsi, esiste (o speriamo che esista) una pensione, abbiamo un assistenza sanitaria.

7 Tutto questo ha un costo, che ci rende quindi meno competitivi nel mercato globale della produzione. Chi sta sopravvivendo a questo cambiamento? solo chi riesce a dare valore al proprio lavoro. Per dare valore al nostro lavoro cosa occorre: Norme tecniche chiare, perché sia premiato chi lavora bene e non chi lavora male. Prezziari delle Camere di Commercio diffusi e rispettati, perché il lavoro fatto bene ha un costo. Controlli, e ancora controlli, ma non solo fiscali: è ora che lo stato cominci prima a controllare come si fanno i lavori, e poi si permetta di venire a vedere nelle nostre tasche. Perché un lavoro fatto in assenza di controlli è un lavoro che favorisce non solo la perdita di qualità ma anche situazioni di lavoro non trasparenti. Ci si chiede di trainare l Italia fuori dalla crisi, ma se non ci consentono di averne le risorse, come potremo farlo? L Associazione sta facendo la sua parte, con la preparazione delle norme; con la presenza nell Osservatorio del calcestruzzo, con la sua rivista ma da soli non ce la possiamo fare. Il recente caso degli Ospedali RIUNITI di Bergamo evidenzia dove sta uno dei peggiori tumori delle costruzioni. In un mercato con una riduzione drastica dei volumi, quando accade che una delle opere più importanti nel territorio che oggi ci ospita sia realizzata al massimo ribasso, arrivando poi a dover bloccare i lavori perché ancor prima che l ospedale sia in funzione i massetti presentano gravi problemi, si sta superando il limite. Noi siamo qui per dire basta. Perché il risultato di questa vicenda può essere così riassunto: con il massimo ribasso si impedisce alle aziende di operare nel rispetto dei conti aziendali: e chi cade in questo tranello fa il male del settore e il male di se stesso; con il massimo ribasso e senza regole serie non si dà la possibilità alle aziende di competere in base al loro valore, e il mercato si abitua a valutarci solo in base a un prezzo. Dobbiamo renderci conto che siamo noi per primi che accettando questa logica portiamo il mercato a muoversi solo in questo modo e, in fondo, diventiamo vittime di noi stessi. Dobbiamo smettere di accusare di volta in volta chi cade in questo tranello, e unirci per lavorare insieme per cambiare il sistema. Siamo alla fine di un epoca? Io penso che siamo all inizio di una nuova. La produzione si sposta, ma l Italia si trova in una posizione geografica cruciale: all incrocio tra l Europa, l Africa e il Medio Oriente mediterraneo, e potrà sviluppare un potenziale di crescita immenso se saprà approfittare di questa tripla appartenenza. Potrà diventare il vero polo del commercio e della logistica mondiale. Logistica vuol dire piazzali, capannoni ultra tecnologici, vuol dire servizi collegati, vuol dire lavoro. Abbiamo quindi delle chance come paese per poter venire fuori da questa crisi, ma vanno affrontate senza ipocrisia, perché un paese non può da un lato riconoscere al singolo individuo ogni diritto sociale per una vita dignitosa e dall altro impedire alle imprese che rendono ciò possibile di sopravvivere. Noi no, noi non ci arrendiamo. In questi anni siamo stati volutamente testardi nel cercare di costruire un futuro migliore per il settore. Siamo stati affamati, affamati di norme che definissero le regole per una corretta pratica, siamo stati affamati di leggi, che rendessero chiare le responsabilità, perché non potevamo, e non possiamo accettare, che dietro a un problema ci sia sempre e solo la nostra faccia sul tavolo degli imputati, siamo stati affamati di un identità, perché era chiaro, occorreva essere forti e rappresentativi per poter rappresentare il nostro settore. Questo è il mio messaggio di oggi, dobbiamo continuare ad essere lupi, organizzati in una caccia che non termina e diventa sempre più dura, e non iene che si buttano sulle carogne che ci lascia il mercato. Per farlo CONPAVIPER mette in campo tutte le sue forze. Abbiamo definito un Sistema di Certificazione dei Cicli resinosi. Abbiamo avviato i lavori per un nuovo Codice di Buona Pratica dei Massetti. Abbiamo aderito all Osservatorio sul Calcestruzzo del Consiglio Superiore dei LL.PP., che avrà il compito di monitorare cosa accade nel nostro mercato. Aderiamo a CONFINDUSTRIA, attraverso FEDERBETON, per poter fare parte del sistema di rappresentanza del mondo dell industria. Abbiamo definito un nuovo statuto, che crea tre SEZIONI all interno dell Associazione, per dare una gestione più diretta a ogni imprenditore delle politiche associative. Abbiamo definito un codice deontologico più severo, perché abbiamo bisogno di legalità e di un sistema che premi gli imprenditori veri. E ora lascio la parola a tutti voi, perché questo CONGRESSO deve essere il NOSTRO CONGRESSO, perché deve essere un luogo aperto di riflessione e di idee, di partecipazione e di condivisione, perché come ho affermato anche nel CONGRESSO 2011, abbiamo bisogno di ritrovare serenità.. Il discorso è visibile sul canale youtube CONPAVIPER:

8 6 aitec Dati sul consumo del cemento conpaviper I Bigini... se è vero che per ogni problema c è una soluzione Bergamo Il caso del nuovo ospedale In copertina: La posa di un pavimento in calcestruzzo

9 7 sommario Organo ufficiale di CONPAVIPER Associazione Nazionale Pavimentazioni Continue Sede Legale Via Tiberina, 31/b Fiano Romano (Roma) Sede Operativa Viale della Libertà, Viareggio (LU) Tel Fax nota del Presidente Il Discorso del Presidente VI Congresso CONPAVIPer di Dario Bellometti... 4 sottofondo editoriale Un nuovo statuto e nuova squadra per CONPAVIPer a cura di Andrea Dari incontro con l editore Intervista a Salvatore Tavano di Andrea Dari il punto sul calcestruzzo anche per le formiche si fa dura di Riccardo Romanini La nuova norma UNI EN 197/1 di Massimo Veglia Dati AIteC sui consumi del cemento Pavimentazioni drenanti in calcestruzzo di Enrico Corio XVI Congresso ERMCO Pavimentazioni industriali in calcestruzzo senza rete metallica di Mario Collepardi, Silvia Collepardi, Jean Jacob Ogoumah Olagot, Roberto Troli il punto sulle resine Bigini... se è vero che per ogni problema c è una soluzione di Ciro Scialò Considerazioni sulle Linee guida FeRFA di Ciro Scialò il punto sui massetti Il caso dell Ospedale di Bergamo di Thomas Gessaroli Pubblicata la norma UNI sulla classificazione acustica di Thomas Gessaroli Intervista ai produttori dei mezzi di pompaggio di Thomas Gessaroli rubrica l esperto risponde da CONPAVIPER Direttore Responsabile Andrea Dari Comitato di Redazione Dario Bellometti (Presidente) Paolo Bronzieri Luciano Massazzi Marco Massolino Gian Luigi Pirovano Ivo Salvini Coordinamento Editoriale Stefania Alessandrini Redazione Stefania Alessandrini Thomas Gessaroli Patrizia Ricci Per inserire pubblicazioni aziendali Imready srl Strada Cardio, Galazzano - RSM Tel Fax Pubblicità Idra.pro srl Piazzetta Gregorio da Rimini, Rimini - RN Editore Imready srl Strada Cardio, Galazzano - RSM Tel Fax Grafica Idein Stampa Studiostampa sa La rivista è aperta alla collaborazione di tecnici, studiosi, professionisti, industriali. La responsabilità di quanto espresso negli articoli firmati rimane esclusivamente degli Autori. Autorizzazione: Segreteria di Stato Affari Interni Prot. n. 2188/75/2008 del 21/11/2008. Copia depositata presso il Tribunale della Rep. di San Marino

10 8 speciale congresso Francesco Curcio Paolo Stocco rete wege Un approccio pragmatico alla creazione di reti d impresa Si riporta di seguito un approfondimento trattato durante il Congresso CONPAVIPER tenuosi a Bergamo il 24 Maggio. Le imprese italiane sono in media del 40 per cento più piccole di quelle dell area dell euro. Fra le prime 50 imprese europee per fatturato sono comprese 15 tedesche, 11 francesi, solo 4 italiane. La struttura produttiva del nostro paese appare statica: i passaggi da una classe dimensionale a quella superiore sono rari. Nei primi anni Sessanta gli stabilimenti manifatturieri con oltre 100 addetti assorbivano in Italia il 43% dei lavoratori del settore, contro oltre il 60% in Francia e in Germania. Da allora la quota è scesa in Italia assai più che in Francia e Germania, fin sotto il 30%. La flessibilità tipica delle piccole imprese, che in passato ha contribuito a sostenere con successo la nostra competitività, oggi non basta più. Occorre un maggior numero d imprese medie e grandi che siano in grado di accedere rapidamente ed efficacemente ai mercati internazionali, di sfruttare i guadagni di efficienza offerti dall innovazione tecnologica. Sono parole tratte dall ultimo discorso dell allora Governatore Mario Draghi all Assemblea della Banca d Italia il 31 maggio Esprimono, meglio di qualsiasi altra considerazione, il pericolo che sta correndo l economia industriale del nostro Paese, storicamente vincolata ad un modello organizzativo basato sul principio che piccolo è bello, del tutto inadeguato a sostenere oggi il duplice fronte della crisi economica e della globalizzazione dei mercati. La crescita dimensionale è perciò un esigenza irrinunciabile per restituire competitività al tessuto imprenditoriale italiano, che negli ultimi anni ha perso colpi rispetto a quello di molti altri Paesi: non è senz altro la causa principale di questo deficit, perché le ragioni della debolezza del sistema-paese vanno ben oltre quelle della dimensione delle nostre imprese, ma è senz altro la criticità su cui gli imprenditori italiani si interrogano e sentono di dover fare la loro parte. Come crescere? Il tema delle aggregazioni non è facile da affrontare. Siamo, infatti, difronte ad un vero e proprio paradosso: tutti concordano che le nostre imprese devono crescere, eppure le statistiche continuano a raccontarci che la realtà è ben diversa e che il numero di integrazioni avvenute ed operanti è molto esiguo. Ci lamentiamo, e molto, della nostra dimensione, ma pochi sono gli imprenditori che passano dalle parole ai fatti. Perché? L Italia è il Paese dei 100 campanili, abbiamo uno spiccato senso dell individualismo e dell autonomia, che esprimiamo in qualsiasi contesto e a qualsiasi livello e che mal si concilia con la disponibilità a condividere con altri le nostre cose. Vogliamo e dobbiamo sentirci indipendenti, fatichiamo a vivere fino in fondo il senso di appartenenza, ci fidiamo delle nostre sole forze e soffriamo l obbligo di rispettare le regole comuni di funzionamento e i riti della convivenza. Tutto questo è un valore, perché ci ha portato a sviluppare modelli organizzativi relativamente semplici e snelli, che accorciando la catena decisionale fanno della flessibilità e dell adattabilità alle circostanze elementi di sicura efficienza. Al tempo stesso, è un limite alla ricerca di una visone collettiva e allargata degli orizzonti in cui muoversi insieme ad altri, pur condividendo obiettivi, principi e programmi.

11 Riferimenti rete wege: Francesco Curcio - Paolo Stocco - 9 Per nostra fortuna, le forme di aggregazione tra imprese sono molte e diversificate. Si va dalle più semplici, come un buon contratto di fornitura: questo è già di per sé una forma di aggregazione, perché le parti si impegnano contrattualmente a rispettare determinati requisiti della prestazione, in cambio di un beneficio economico condiviso. Ce ne sono di più complesse, come i gruppi di acquisto, i consorzi, le associazioni temporanee d impresa, nelle quali determinate risorse e attività vengono messe a fattor comune per un obiettivo specifico e, spesso, per un periodo limitato nel tempo. Ci sono le reti commerciali, inclusi i franchising, che rispondono al bisogno di disseminare capillarmente sul mercato i prodotti realizzati centralmente. Ci sono infine i riassetti societari, in cui la proprietà delle imprese rivede i suoi assetti interni e li ridefinisce coerentemente ai nuovi obiettivi che si è data. L ultimo nato, in ordine di tempo, è il contratto di rete. Se ne parla molto, ed è ancora presto per stabilire quanto sia veramente efficace e quali risultati concreti sia in grado di portare. Le premesse sono però quelle giuste, per le cose che cercheremo di spiegare nel proseguo di questo articolo e a noi, studiosi delle organizzazioni d impresa e da sempre nemici di coloro che si innamorano degli strumenti e li utilizzano a prescindere dalla loro originaria destinazione d uso come se bisognasse prima impadronirsi delle soluzioni e poi cercarsi i problemi da risolvere con le soluzioni che si hanno in mano è piaciuto da subito, al punto di averlo sperimentato sulla nostra pelle, concentrando in un contratto di rete tutti gli sforzi di crescita delle nostre società di consulenza. Che cosa rende diverso il contratto di rete dalle altre formule di aggregazione? Una cosa su tutte: permette di lavorare esclusivamente su ciò che unisce i partner della rete e di rinviare ad altro momento la gestione comune delle attività che generano attriti e contrasti. È vero, il più delle volte questo modo di procedere dà origine a legami organizzativi deboli e parziali: le parti possono, ad esempio, decidere di condividere singole fasi del business oppure di affidare alla rete compiti di coordinamento su determinate voci di spesa; non è nemmeno necessario costruire un soggetto distinto dalle imprese partecipanti, che devono pertanto formalizzare con propri atti (ordini, fatture, pagamenti, contratti, etc.) ciascun impegno assunto dalla rete in nome e per conto dei suoi componenti. Questo aspetto non va visto come un limite, bensì come una nuova e straordinaria opportunità messa a disposizione dal legislatore, che ha voluto superare gli ostacoli derivanti dalla diffidenza ad aggregarsi di cui si diceva pocanzi, permettendo di andare oltre il principio della crescita a tutti i costi e invitando i partecipanti della rete a concentrarsi sulla loro capacità di trasformare subito la volontà di collaborazione in azioni concrete e possibili, non dovendo occuparsi di altro che non sia strettamente legato a ciò che li unisce. Facciamo qualche esempio di collaborazioni tipiche del contratto di rete: la condivisione d informazioni acquisite con ricerche affidate a terzi, il finanziamento di attività di ricerca e innovazione, la formazione e l aggiornamento dei collaboratori, la creazione e gestione congiunta di determinati servizi strumentali, la realizzazione di offerte integrate, la promozione di marchi collettivi, l apertura di nuovi mercati ed il raggiungimento di mercati lontani, l acquisto di licenze e brevetti, la condivisione di determinati standard qualitativi di filiera per lo sviluppo di prodotti di qualità, etc. Il contratto di rete propone, in altre parole, un approccio progressivo all aggregazione, iniziando ad affidare alla rete la quota-parte di governo della propria impresa che si è già pronti a condividere e quindi consentendo a tutti di assaggiarsi e di sondare l effettiva volontà di partecipazione al progetto comune. Meglio il 60 % subito, che il 100 % chissà quando. Saranno poi i risultati, se arriveranno, a recuperare quel quid di motivazione che mancava in principio e che condurrà i partecipanti a consolidare la collaborazione, con formulazioni più solide e stabilizzate. Weaver, che in inglese significa Tessitore di reti, è il nome che abbiamo voluto dare all approccio metodologico sviluppato per assecondare gli imprenditori desiderosi di costruire la propria rete d impresa. Lo abbiamo schematizzato in 5 fasi + 1 premessa. Cominciamo dalla premessa, necessaria a capire se c è l opportunità di innescare una nuova rete. Da qui facciamo passare i nostri clienti all inizio del processo di aggregazione e qui si ritorna a passare tutte le volte in cui, durante il processo, si incontrano ostacoli e ci si ferma, per capire dove stanno i problemi e qual è la giusta configurazione. Ci vuole, infatti, un obiettivo chiaro e definito. Vanno sondate le ragioni fondanti del progetto e, soprattutto, va verificato il loro impatto sui valori imprenditoriali e la cultura d impresa esistenti. Un conto, infatti, è inseguire

12 10 una crescita dimensionale i cui bisogni sono solitamente di carattere finanziario, produttivo o commerciale, altro è quello di voler intraprendere un progetto di innovazione tecnologica sul prodotto e/o sul processo, altro ancora è quello di riorganizzare il business attraverso accordi di filiera o la condivisione di servizi alla produzione e al postvendita. Ogni aggregazione ha il suo strumento ottimale per realizzarla, ed è giusto partire dalla sua definizione e riconoscimento, per non sbagliare il primo passo. La Fase 1 è quella della messa a fuoco del tipo di aggregazione. Gli obiettivi correnti, i vincoli ed i bisogni dell imprenditore vengono analizzati alla luce dell obiettivo definito in premessa e si comincia a delineare la geometria della rete (orizzontale, verticale o mista), immaginando i potenziali partner e le modalità con le quali avviare la loro ricerca. È giusto vivere in modo creativo e senza vincoli pregiudiziali questa fase, lasciando ampia libertà alla produzione d idee e alla costruzione di potenziali scenari. La Fase 2 ci riporta invece con i piedi per terra e sottopone a verifica di coerenza quanto si è immaginato realizzabile nella fase precedente. La chiave di lettura principale di questa fase è duplice: da un lato, vanno infatti definiti gli elementi aggreganti; dall altro, tutti i potenziali partner della rete sono chiamati ad analizzare e condividere i presupposti di base. Ciascuno inizia a misurare singolarmente e collettivamente l impatto atteso dalla rete sul rafforzamento della propria azione sul mercato, su quanto migliora la redditività e su quanto diminuiscono i costi; si stabiliscono quali sono gli investimenti da fare e quale priorità assegnare a ciascuno di essi; si analizzano i fabbisogni di risorse e competenze richiesti dal progetto. Nel frattempo, sul piano emotivo, s iniziano a prendere le prime misure della convivenza, perché occorre confermare la sintonia di vedute, esplicitare nuove visioni e obiettivi comuni, dare conto agli altri partner della propria disponibilità a condividere informazioni e strategie e avviare nuovi strumenti comuni di controllo. Noi abbiamo imparato a gestire questa fase, andando a cercare i problemi e mettendo seriamente alla prova la tenuta dell aggregazione: più presto infatti vengono fatti emergere gli ostacoli, più presto vengono affrontati e possibilmente risolti, più velocemente procede l intero percorso di aggregazione. Quando i contrasti non si risolvono in questa fase, c è evidentemente qualcosa di ostativo alla creazione d impresa, che rende sterile ogni tentativo di procedere; meglio tornare ai blocchi di partenza, capire quali valutazioni in premessa sono state sbagliate, correggere e ricominciare. Quando si arriva alla Fase 3, il clima interno alla rete torna ad essere creativo: è il momento infatti della definizione di dettaglio degli obiettivi quantitativi, della esplicitazione del Piano Operativo, della configurazione del sistema di monitoraggio e delle decisioni sui valori target da perseguire. Più si è bravi e dettagliati in questa fase, meno occasioni d incomprensione e conflitto si avranno durante la vita della rete. La Fase 4 è quella più dura: noi l abbiamo chiamata la fase delle Regole. Vengono, infatti, prese le decisioni finali sulla forma organizzativa prescelta per la rete, che può anche non coincidere con quella che si era pensata all inizio del percorso. L importante è procedere alla formalizzazione degli accordi con la formula più opportuna, alla luce delle analisi di dettaglio compiute nelle fasi precedenti. Non basta, però: bisogna, infatti, costruire il regolamento interno dell aggregazione, che descrive il funzionamento dei processi organizzativi messi in comune e stabilisce i comportamenti delle persone nel loro svolgimento. In questa fase, vanno affrontati di petto e risolti due nodi, solitamente cruciali: quello delle decisioni sulla gestione interna della leadership e quello dei ruoli differenziati dei partner e del loro grado di autonomia. Non esistono ricette univoche e ciascuna rete è libera di darsi le proprie regole in tal senso: l unico errore da non compiere è quello di non parlarne e quindi di non decidere. Così come non vanno presi sotto misura gli elementi disgreganti l unione che si sta realizzando, quali ad esempio il riconoscimento dell apporto differenziato di risorse, competenze e attività di ciascun partner, la coerenza tra i tempi di realizzazione e le risorse messe in campo, le implicazioni di carattere finanziario. A questo punto, la rete è nata e Fase 5 coincide con la sua manutenzione. Come ogni cosa nuova, essa avrà infatti bisogno di un tempo di rodaggio, nel corso del quale si mette a punto l operatività della rete, si correggono gli errori di impostazione commessi, si approfondiscono gli accordi presi e molto probabilmente se la rete inizierà a produrre risultati positivi si amplia il campo di applicazione degli accordi stessi. In buona sostanza, gli elementi sostanziali di un aggregazione sono tre: non deve limitare o sopprimere l individualità, ma l individualismo; per rafforzarsi nella competizione, non basta la cultura della cooperazione, ma occorre la cultura della coalizione; nell aggregazione, ruoli e responsabilità vanno distribuiti in maniera equilibrata e condivisa.

13 11 Lo scopo per ciascun imprenditore coinvolto nell aggregazione è però unico e ci piace descriverlo così: Condividere un obiettivo comune, perché in quell obiettivo ciascuno vede la realizzazione dell obiettivo personale. Come fare a capire, se si è pronti per intraprendere un percorso del genere? Noi abbiamo pensato a queste 7 semplici domande che, in modo neanche troppo scherzoso, ripercorrono gli aspetti trattati in questo articolo: 1. Siete pronti a dialogare per realizzare un idea? 2. Siete pronti a non avere tutto il controllo? 3. Siete pronti ad una pianificazione aperta? 4. Siete pronti a rivedere l organizzazione e i processi? 5. Siete pronti a costruire nuovi mercati per nuovi clienti? 6. Siete pronti a rinunciare a parte della vostra autonomia? 7. Sei pronto per cambiare il ritmo e la velocità dei tuoi pensieri e della tua impresa? Se la risposta è SI a tutte e 7 le domande (e badate bene: alle prime 6, noi stiamo cercando un SI espresso congiuntamente da tutti i componenti della rete; all ultima sarà necessario un SI individuale), allora si è pronti fino in fondo a mettersi in gioco e l aggregazione avrà un bel successo! Buona fortuna!. L intervento di Francesco Curcio al VI Congresso CONPAVIPER è visibile sul canale youtube dell associazione al seguente link: com/watch?v=0ajqpy-tqw8

14 12 Ing. Andrea Dari Direttore Responsabile PSC Un nuovo statuto e nuova squadra per CONPAVIPer Nel corso dell ASSEMBLEA dei SOCI 2012, si è proceduto all approvazione del nuovo statuto associativo. Con il nuovo statuto la novità più importante è che sono state istituite tre sezioni all interno di CONPAVIPER: Sezione pavimenti in calcestruzzo. Sezione rivestimenti in resina. Sezione massetti e sottofondi. La scelta ha l obiettivo di consentire ai settori rappresentati da CONPAVIPER di poter operare con maggiore autonomia. Ogni Azienda associata può quindi valutare di iscriversi a una o più sezioni, maturando la possibilità di partecipare alle riunioni specifiche. Ogni Sezione potrà nominare un proprio Coordinatore, avviare riflessioni, costituire comitati e gruppi di lavoro, e proporre la realizzazione di progetti. L altra importante novità è la creazione di un organo di governo allargato: la Giunta, con poteri maggiori rispetto al Direttivo, che risulta ora con composizione più ristretta ed incarichi più operativi. Nel corso dell Assemblea si è anche votato. Innanzitutto è stato prolungato di un anno, con norma transitoria, il mandato del Presidente e dei Vice Presidenti. Quindi è stata eletta la Giunta, il collegio dei revisori dei Conti e il Collegio dei Probiviri. La composizione della Giunta è stata poi completata con la nomina di ulteriori cinque componenti da parte del Presidente. La Giunta nella sua prima riunione ha quindi eletto il Consiglio Direttivo..

15 13 IL NUoVo organigramma DeLL associazione Presidente: Bellometti Dario Vice Presidenti: Massazzi Luciano e Romanini Riccardo Past President: Carissimi Giorgio Responsabile del Fondo Associativo: Cinquini Paolo Giunta Acquaviva Michele Bellometti Dario Bronzieri Paolo Carissimi Giorgio Carniti Marco Cinquini Paolo Colombi Paolo Massazzi Luciano Pari Angelo Parietti Enzo Penati Fabrizio Pirovano Gian Luigi Romanini Riccardo Schiavo Luigi Scialò Ciro Vavassori Edmondo Vinella Costantino Direttivo Acquaviva Michele Bellometti Dario Carissimi Giorgio Cinquini Paolo Massazzi Luciano Pari Angelo Penati Fabrizio Romanini Riccardo Schiavo Luigi Scialò Ciro Vavassori Edmondo Vinella Costantino Revisori dei Conti Bonifaccio Dario Malatesta Stefano Ricchi Gianfranco Probiviri Butrichi Oreste Cassandro Antonella Gabrielli Paolo Invernizzi Andrea Salvini Ivo TRANSMAT MISCELATRICE E TRASPORTATRICE DI MASSETTI, MALTE E CALCESTRuzzI

16 14 incontro con l editore a cura di Andrea Dari Direttore Responsabile PSC Intervista a Salvatore Tavano Presidente ASSIAD, Associazione Italiana Produttori di Additivi e Prodotti per Calcestruzzo Caro Salvatore, sono tanti anni che operi nel settore del calcestruzzo. Cosa ti ha portato anni fa ad avvicinarti? Ho conseguito la laurea in chimica pura a Torino nel luglio 1968 a venticinque anni lavorando contemporaneamente per due anni alla Montecatini come perito chimico. La mia tesi fu sviluppata in base ad un lavoro sperimentale in strutturistica chimica più orientato alla chimica inorganica. A quel tempo i giovani potevano scegliere tra molte offerte ed io scelsi un tipico lavoro basato su un processo di sintesi inorganico com è la produzione del cemento. Nella scelta giocò un certo ruolo, la possibilità di fare uno stage in Germania presso laboratori e centri di ricerca tecnologica ed impiantistica di alto livello. Passare dal cemento al calcestruzzo è stato un fatto quasi automatico. L Italia è uno dei paesi occidentali in cui il calcestruzzo è stato più utilizzato per costruire. Eppure si ha la sensazione che sia un materiale ancora poco conosciuto sia dal mondo della prescrizione sia degli utilizzatori. È così? Se è così, quali sono le motivazioni? Si tratta secondo me, di ragioni storiche legate al fatto che a livello dei cantieri il calcestruzzo è inteso ancora come un semplice mix di cemento, aggregati ed acqua che va sempre bene comunque venga confezionato. Nei casi peggiori, gli additivi sono considerati ancora un prodotto misterioso che provoca più danni che vantaggi. A livelli più alti come nella progettazione o nella prescrizione, la generazione degli ingegneri strutturisti più anziana è ben preparata per la progettazione, ma non conosce altrettanto bene il materiale. Bisogna tener conto che la laurea in ingegneria dei materiali è relativamente recente. Secondo me un ingegnere progettista deve conoscere la scienza dei materiali almeno come conosce la scienza delle costruzioni. Negli Stati Uniti, dopo la tragedia delle torri gemelle e del problema della resistenza al fuoco si è tornati a utilizzare il calcestruzzo armato come materiale principale per la realizzazione di edifici alti. In Italia stiamo assistendo a un fenomeno quasi inverso. Questo significa che la nostra industria non è in grado di ottenere un prodotto di qualità sufficiente? Bisogna premettere che in Italia non si costruiscono molti edifici di grande altezza come in America e quindi la base, per fare confronto statistico, è molto diversa. Inoltre la normativa tecnica si è avvicinata alle classi di resistenza sopra R55, necessarie per questi edifici, solo da poco e i progettisti che prescrivono classi elevate sono relativamente pochi. A livello di produzione di calcestruzzo preconfezionato ad alta e altissima resistenza, la nostra industria più qualificata è assolutamente in grado di farlo ma l assenza di premescolatori presso gli impianti di betonaggio rende sicuramente il compito più difficile. L American Concrete Institute produce ogni anno documenti riguardanti la tecnologia del calcestruzzo per tutte le applicazioni, per i diversi soggetti coinvolti

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli