La Carta acquisti. Art 81, comma 32 e 33, della legge 6 agosto 2008 n. 133.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Carta acquisti. Art 81, comma 32 e 33, della legge 6 agosto 2008 n. 133."

Transcript

1 La Carta acquisti Art 81, comma 32 e 33, della legge 6 agosto 2008 n. 133.

2 La Carta acquisti > indice cos è chi ne ha diritto i soggetti dell operazione chi la chiede come si chiede chi la emette chi dispone gli accrediti a quanto ammontano gli accrediti cosa fanno le strutture territoriali la fase di prima applicazione

3 La Carta acquisti > che cos è è una carta elettronica di pagamento prepagata con fondi pubblici ricaricabile con fondi pubblici provvista di PIN personale con validità predeterminata non abilitata al prelevamento di contanti

4 La Carta acquisti > che cos è utilizzabile a precise condizioni nel circuito Mastercard finalizzata all acquisto di generi alimentari e al pagamento delle bollette energetiche e delle forniture di gas

5 La Carta acquisti > chi ne ha diritto i cittadini italiani residenti in Italia di età pari o superiore a 65 anni di età non superiore a 3 anni con specifiche condizioni reddituali

6 La Carta acquisti > chi ne ha diritto cittadino di età =/> 65 anni soggetto incapiente trattamenti pensionistici personali < 6.000,00 ISEE in corso di validità < 6.000,00 non essere intestatario singolarmente o con il coniuge di più utenze domestiche e non domestiche

7 La Carta acquisti > chi ne ha diritto cittadino di età =/> 70 anni soggetto incapiente trattamenti personali < 8.000,00 ISEE in corso di validità < 6.000,00 non essere intestatario singolarmente o con il coniuge di più utenze domestiche e non domestiche

8 La Carta acquisti > chi ne ha diritto cittadino di età =/> 65 anni e =/70 anni non essere proprietario/i di più di un autoveicolo non essere proprietario/i di immobili in % superiori a quelle stabilite non essere titolare/i di patrimonio mobiliare > di ,00 non essere a carico dello Stato per vitto e alloggio

9 La Carta acquisti > chi ne ha diritto N.B. > Ai fini della concessione della Carta rilevano tutti i trattamenti pensionistici compresi quelli esenti da IRPEF: Rendita INAIL Invalidità civile Indennità di accompagnamento Maggiorazione sociale Pensione di guerra

10 La Carta acquisti > chi ne ha diritto cittadino di età < 3 anni ISEE in corso di validità < 6.000,00 non essere intestatario insieme agli esercenti la potestà o ai soggetti affidatari di più di una utenza elettrica domestica e non domestica non essere intestatario/i di più di due utenze del gas

11 La Carta acquisti > chi ne ha diritto cittadino di età < 3 anni non essere proprietario insieme agli esercenti la potestà o ai soggetti affidatari di più di due autoveicoli non essere proprietario/i di immobili in % superiori a quelle stabilite non essere titolare/i di patrimonio mobiliare > di ,00

12 La Carta acquisti > quali sono i soggetti dell operazione Amministrazione responsabile è il Ministero dell economia e delle finanze > Dipartimento del Tesoro Soggetto Attuatore èl INPS Gestore del servizio è Poste Italiane SpA Beneficiario è il cittadino residente in possesso dei requisiti richiesti Titolare è l intestatario della Carta

13 La Carta acquisti > attività del Soggetto Attuatore all INPS, responsabile del trattamento dei dati personali dell operazione, sono state assegnate le attività: predisposizione moduli di domanda verifica compatibilità dei requisiti verifica periodica della compatibilità delle informazioni acquisizione richieste

14 La Carta acquisti > attività del Soggetto Attuatore avvio degli accrediti disposizione degli accrediti periodici autorizzazioni per intestazione della Carta a soggetto diverso dal beneficiario (delega) disattivazione della Carta su richiesta dell Amministrazione responsabile redazione di una relazione annuale

15 La Carta acquisti > chi la chiede il soggetto interessato, che ha tutti i requisiti richiesti, utilizzando il modulo A001/08

16 La Carta acquisti > chi la chiede il delegato/tutore dell interessato, che ha motivati impedimenti di natura fisica, utilizzando il modulo A001/08 e allegando la delega la Carta acquisti sarà intestata al delegato/tutore, ma i requisiti devono essere posseduti dal delegante

17 La Carta acquisti > chi la chiede il tutore/esercente la potestà/soggetto affidatario del soggetto interessato, utilizzando il mod. B001/08 > la Carta acquisti sarà intestata al tutore/esercente la potestà/soggetto affidatario

18 La Carta acquisti > come si chiede la domanda compilata, sottoscritta e completa degli allegati va presentata ad un Ufficio Postale i moduli A001/08 e B001/08 sono disponibili presso gli uffici postali e scaricabili dai siti internet dei soggetti coinvolti nell operazione

19 La Carta acquisti > chi la emette l ufficio postale riceve la domanda e rilascia la Carta acquisti > contestualmente > entro 5 giorni in caso di momentanea indisponibilità l ufficio postale trasmette la domanda all INPS per via telematica per le previste verifiche

20 La Carta acquisti > chi dispone gli accrediti l INPS a livello centrale gestirà le fasi di verifica definitiva dei requisiti concessione del nulla osta per l accredito della Carta

21 La Carta acquisti > a quanto ammontano gli accrediti l accredito della Carta è bimestrale ammonta a 80,00( 40,00 mensili) decorre dal bimestre successivo alla presentazione della domanda le somme non spese nel bimestre di accredito possono essere utilizzate al massimo nei due bimestri successivi

22 La Carta acquisti > attività delle strutture territoriali le strutture INPS territoriali sono coinvolte per dare all utenza informazione consulenza assistenza

23 La Carta acquisti > attività delle strutture territoriali riguardo: alle modalità di compilazione della domanda

24 La Carta acquisti > attività delle strutture territoriali in particolare saranno oggetto di maggior approfondimento i requisiti relativi a il soggetto incapiente l attestazione ISEE la delega

25 il soggetto incapiente il requisito sussiste La Carta acquisti > attività delle strutture territoriali se l ultimo CUD rilasciato dal sostituto di imposta ha IRPEF netta = ZERO se in caso di presentazione di dichiarazione dei redditi, l ultima presentata ha IRPEF netta = ZERO

26 La Carta acquisti > attività delle strutture territoriali l attestazione ISEE in fase di consulenza, indipendentemente dall età anagrafica del richiedente, deve essere esibita e in corso di validità

27 La Carta acquisti > attività delle strutture territoriali in mancanza di attestazione ISEE il soggetto richiedente sarà invitato a presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) presso stessa sede INPS Comune CAAF

28 La Carta acquisti > attività delle strutture territoriali dall ISEE si rileva anche il valore del patrimonio mobiliare (</= ,00) sommando gli importi del quadro F5 dell allegato alla DSU relativo al richiedente la carta e al coniuge ai soggetti affidatari (per bambini < 3 anni)

29 La Carta acquisti > attività delle strutture territoriali la Delega è stato predisposto un modulo specifico il procedimento è analogo a quello previsto per la delega alla riscossione delle pensioni la delega originale va allegata alla domanda che sarà presentata all ufficio postale copia della delega sottoscritta e dei documenti del soggetto delegante e delegato saranno conservati dalla Sede

30 La Carta acquisti > la fase di prima applicazione Per tutte le domande pervenute entro il 31 dicembre 2008 l accreditamento della Carta Acquisti sarà per > il bimestre in corso Nov-Dic 2008 > il mese di Ottobre 2008 per un totale di 120,00.

La Carta Acquisti o Social Card

La Carta Acquisti o Social Card 1 La Carta Acquisti o Social Card La legge 6 agosto 2008 n.133 ha istituito la Carta acquisti finalizzata all acquisto di taluni beni e servizi, con onere a carico dello Stato. Si tratta di una carta di

Dettagli

GUIDA ALLA CARTA ACQUISTI aggiornata al 25 gennaio 2010

GUIDA ALLA CARTA ACQUISTI aggiornata al 25 gennaio 2010 GUIDA ALLA CARTA ACQUISTI aggiornata al 25 gennaio 2010 RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 81, c. 32 38 bis, del DL n. 112 del 25.6.2008 convertito dalla L n. 133 del 6.8.2008 Decreto interministeriale del 16

Dettagli

Care compagne, cari compagni,

Care compagne, cari compagni, Care compagne, cari compagni, la Legge 147/2013 Stabilità 2014 all art. 1 comma 216 oltre ad incrementare per l anno 2014 il fondo per la carta acquisti o social card (istituita dal decreto legge 112/2008),

Dettagli

Comune di Catania Direzione Famiglia e Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO

Comune di Catania Direzione Famiglia e Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO Comune di Catania Direzione Famiglia e Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO Per l'accesso al beneficio della Carta Acquisti Sperimentale ai sensi dell'art.60 del D.L. 9/02/02012, n.5, come modificato dalla

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare?

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare? Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario isee - documentazione cosa presentare? Documentazione da produrre per il rilascio dell ISEE Nucleo Familiare Codice fiscale

Dettagli

Oggetto: Domanda di intervento economico di natura socio-assistenziale

Oggetto: Domanda di intervento economico di natura socio-assistenziale CITTA DI MONTECCHIO MAGGIORE - Provincia di Vicenza - 36075 via Roma, 5 CF e P. IVA 00163690241 AL SIG. SINDACO del Comune di MONTECCHIO MAGGIORE Oggetto: Domanda di intervento economico di natura socio-assistenziale

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Economia e delle Finanze Comune di Catania DOMANDA DI CARTA ACQUISTI SPERIMENTALE Modello di dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l entità della quota di compartecipazione degli utenti al costo delle

Dettagli

Carta Acquisti Illustrazione del programma 26 novembre 2008

Carta Acquisti Illustrazione del programma 26 novembre 2008 Carta Acquisti Illustrazione del programma 26 novembre 2008 1 1. La Carta Acquisti: elementi chiave 2. Approfondimenti 3. Esperienze estere CARTA ACQUISTI: CHE COSA E Carta Acquisti Una normale carta di

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE - Approvato con deliberazione consiliare n. 8 del

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009

NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 NEWS LETTER numero 1 del 12 marzo 2009 Bonus famiglia (art. 1 del DL 29.11.2008 n. 185 convertito nella L. 28.1.2009 n. 2) - Riepilogo della disciplina e dei chiarimenti ufficiali a cura di Matteo Pulga

Dettagli

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 Si informa che a seguito del Dpr 5 dicembre 2013, n.159 e del DM 7 novembre 2014 a partire dal 1^ gennaio 2015 entra in vigore

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO AVVISO PUBBLICO OGGETTO: Erogazione delle agevolazioni a favore delle utenze deboli del Servizio Idrico Integrato della Puglia. Periodo di 2012, 2013 e 2014. CONSIDERATO CHE: IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA QUADRO A - DATI ANAGRAFICI

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA QUADRO A - DATI ANAGRAFICI Modulistica per minorenni DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA (Artt. 5, 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445) QUADRO A - DATI ANAGRAFICI RELATIVI ALL INVALIDO CIVILE,

Dettagli

Contributi e agevolazioni per famiglie

Contributi e agevolazioni per famiglie Contributi e agevolazioni per famiglie Opuscolo realizzato dall Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Signa Febbraio 2014 Bonus sociale tariffe energetiche: luce e gas Il valore del Bonus è differenziato

Dettagli

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART.

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. COMUNE DI BRESCELLO (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71

Roma, 08/04/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 71 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

Indicatore della Situazione Economica Equivalente

Indicatore della Situazione Economica Equivalente Indicatore della Situazione Economica Equivalente La certificazione Ise serve a documentare la situazione economica del nucleo familiare nel momento in cui si richiedono prestazioni sociali agevolate o

Dettagli

Roma, 7 febbraio 2012. OGGETTO: Nuove modalità di pagamento delle pensioni superiori a 1.000 euro. Messaggio INPS n.24711/2011. Comunicazione INPDAP.

Roma, 7 febbraio 2012. OGGETTO: Nuove modalità di pagamento delle pensioni superiori a 1.000 euro. Messaggio INPS n.24711/2011. Comunicazione INPDAP. Roma, 7 febbraio 2012 Circ. n. 4/2012 Uff.Prev. ADR OGGETTO: Nuove modalità di pagamento delle pensioni superiori a 1.000 euro. Messaggio INPS n.24711/2011. Comunicazione INPDAP. Uffici Regionali e Provinciali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità di determinazione della quota

Dettagli

Contributi e agevolazioni per anziani

Contributi e agevolazioni per anziani Contributi e agevolazioni per anziani Opuscolo realizzato dall Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Signa aggiornato Febbraio 2014 Bonus sociale tariffe energetiche: luce e gas Il valore del

Dettagli

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI SOCIALI In attuazione delle disposizioni della deliberazione della Giunta Comunale n. 49 del 06 agosto 2014, con la quale sono

Dettagli

Dal primo gennaio 2015 l indicatore Ise e Isee subisce una profonda revisione rispetto ai criteri che abbiamo conosciuto fino al 31/12/2014.

Dal primo gennaio 2015 l indicatore Ise e Isee subisce una profonda revisione rispetto ai criteri che abbiamo conosciuto fino al 31/12/2014. Dal primo gennaio 2015 l indicatore Ise e Isee subisce una profonda revisione rispetto ai criteri che abbiamo conosciuto fino al 31/12/2014. In particolare : Vengono inclusi nella nozione di redditi anche

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO DELL AMBITO TERRITORIALE N. 12 PER LA DETERMINAZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI E L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI AL SOSTEGNO DELLE SPESE ABITATIVE (AFFITTO/MUTUO) 1. FINALITA DELL INTERVENTO A fronte dell attuale congiuntura

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. OGGETTO: Erogazione delle agevolazioni a favore delle utenze deboli del S.I.I. Puglia. Anno 2012 e 2013. IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

AVVISO PUBBLICO. OGGETTO: Erogazione delle agevolazioni a favore delle utenze deboli del S.I.I. Puglia. Anno 2012 e 2013. IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO AVVISO PUBBLICO OGGETTO: Erogazione delle agevolazioni a favore delle utenze deboli del S.I.I. Puglia. Anno 2012 e 2013. CONSIDERATO CHE: IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO il Decreto Legislativo n. 152/2006

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it SETTORE IV - Servizi 2/3 Politiche Sociali BANDO PER L ASSEGNAZIONE,

Dettagli

FAQ Bonus Sociale. Home. Contatti. Home. Bonus Sociale. Che cos' è il "Bonus Sociale"? In che cosa consiste il Bonus Sociale?

FAQ Bonus Sociale. Home. Contatti. Home. Bonus Sociale. Che cos' è il Bonus Sociale? In che cosa consiste il Bonus Sociale? Contatti Home Home FAQ Bonus Sociale Bonus Sociale Che cos' è il "Bonus Sociale"? Il cosiddetto "Bonus Sociale" è l agevolazione della spesa sostenuta dai clienti domestici per la fornitura di energia

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Ai gentili Clienti Loro sedi

Ai gentili Clienti Loro sedi Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n. 10/2011 Oggetto: Modello 730 Gentile Cliente, con l intento di agevolarla nella preparazione del materiale necessario per la compilazione della dichiarazione dei

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1- Oggetto Oggetto del presente regolamento sono le modalità di accesso e i criteri di

Dettagli

La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai

La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) ai fini dell accesso alle prestazioni sociali agevolate.

Dettagli

Scopri il Conto di base

Scopri il Conto di base Un conto con spese molto contenute per tutti, senza canone né imposta di bollo per chi oggi è in difficoltà economiche e a canone zero o ridotto per i pensionati. LOGO BANCA Il Conto di base 6 Il Conto

Dettagli

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA ANNO SCOLASTICO 2011/2012

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA ANNO SCOLASTICO 2011/2012 AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA ANNO SCOLASTICO 2011/2012 ALLEGATO A INDICAZIONI GENERALI Il sistema di Dote Scuola della Regione Lombardia comprende diverse componenti in cui rientrano: per

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA)

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE COMUNALI

Dettagli

Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012

Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012 Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012 FOGLIO INFORMATIVO E ISTRUZIONI PER IL CALCOLO DELL ISEE Questa guida vuole agevolare la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), la nuova dichiarazione

Dettagli

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 25 del 9 giugno 2003, modificato con deliberazione del

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il D.Lgs n. 109/98. VISTO il D.P.C.M. n. 221/99. VISTO il D.Lgs n. 130/2000. VISTO il D.P.C.M. n 242/2001.

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il D.Lgs n. 109/98. VISTO il D.P.C.M. n. 221/99. VISTO il D.Lgs n. 130/2000. VISTO il D.P.C.M. n 242/2001. OGGETTO: MODALITA ATTUATIVE E AMBITI DI APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE AI SENSI DEL D. LGS. 31 MARZO

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DEL NUCLEO FAMILIARE RICHIEDENTE GLI INTERVENTI ASSISTENZIALI

DICHIARAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DEL NUCLEO FAMILIARE RICHIEDENTE GLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DICHIARAZIONE DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DEL NUCLEO FAMILIARE RICHIEDENTE GLI INTERVENTI ASSISTENZIALI SI DEVONO COMPILARE CON PRECISIONE TUTTE LE PAGINE IN TUTTE LE PARTI - METTERE NO NELLE PARTI CHE

Dettagli

CHECK LIST DEI DOCUMENTI

CHECK LIST DEI DOCUMENTI CHECK LIST DEI DOCUMENTI NECESSARI PER USUFRUIRE DEI SERVIZI ATTIVATI DAL CAAF CISL VICENZA (aggiornamento febbraio 2013) Per usufruire dello sconto riservato agli iscritti CISL occorre portare la tessera

Dettagli

Elenco documenti isee inps e universita

Elenco documenti isee inps e universita M0303_05_01 Rev. 12 del 23/01/2015 Azienda con Sistema Qualità Certificato Iso 9001:2008 Pg. 1 di 8 Elenco documenti isee inps e universita Isee ordinario o standard È valevole per la generalità delle

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

CHIEDO IL RISCATTO DELLA POSIZIONE PER IL SEGUENTE MOTIVO (INDICARE UNA SOLA OPZIONE):

CHIEDO IL RISCATTO DELLA POSIZIONE PER IL SEGUENTE MOTIVO (INDICARE UNA SOLA OPZIONE): Inviare il modulo a: FONDINPS VIA CESARE BECCARIA, 29 00196 ROMA MODULO DI LIQUIDAZIONE IO SOTTOSCRITTO/A CODICE FISCALE NATO/A A PROV. IL RESIDENTE A PROV. CAP VIA N. TEL. E-MAIL DATA CESSAZIONE ATTIVITA

Dettagli

COMUNE DI MONTE ARGENTARIO Provincia di Grosseto Piazzale dei Rioni, 8 58019 Porto S. Stefano Tel. 0564-811908 Fax 0564-810650 C.F.

COMUNE DI MONTE ARGENTARIO Provincia di Grosseto Piazzale dei Rioni, 8 58019 Porto S. Stefano Tel. 0564-811908 Fax 0564-810650 C.F. COMUNE DI MONTE ARGENTARIO Provincia di Grosseto Piazzale dei Rioni, 8 58019 Porto S. Stefano Tel. 0564-811908 Fax 0564-810650 C.F. 00124360538 Bando per l assegnazione di contributi ad integrazione dei

Dettagli

Cordiali Saluti Il Coordinatore Consulta Nazionale CAAF (Valeriano Canepari)

Cordiali Saluti Il Coordinatore Consulta Nazionale CAAF (Valeriano Canepari) - Ai componenti dell Assemblea dei Soci della Consulta Nazionale dei CAAF Roma, 19 gennaio 04 Prot. 04/2004 Circolare n 3/2004 OGGETTO:-------------------------------------------------------------- Guida

Dettagli

Dati generali: Documento di identità valido del dichiarante. Tessera per l assistenza sanitaria attestante eventuali patologie che danno diritto all

Dati generali: Documento di identità valido del dichiarante. Tessera per l assistenza sanitaria attestante eventuali patologie che danno diritto all Dati generali: Documento di identità valido del dichiarante. Tessera per l assistenza sanitaria attestante eventuali patologie che danno diritto all esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI 1. Definizioni Prima casa ammessa a contributo. Si intende l abitazione che usufruisce delle agevolazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.2015 - INDICE Pag. ART. 1 OBIETTIVO. 3 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART.

Dettagli

Studio Luciano Lancellotti

Studio Luciano Lancellotti News per i Clienti dello studio del 29 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Modello CU 2015: illustrate le modalità di rilascio per i pensionati, cassaintegrati ecc.. Gentile cliente con la presente

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 All. A AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 IL RESPONSABILE AREA SERVIZI ALLA PERSONA In attuazione della deliberazione di Giunta Comunale n. 6 del 15/07/2015 e della determinazione

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

Articolo 1 Articolo 2

Articolo 1 Articolo 2 Articolo 1 Definizioni 1. Ai soli fini del presente decreto valgono le seguenti definizioni: ISEE : indicatore della situazione economica equivalente; Scala di equivalenza : la scala di cui all Allegato

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI CITTADINI CHE RICHIEDONO SERVIZI COMUNALI A COSTO AGEVOLATO, AI SENSI

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo

Comune di Azzano San Paolo Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/532230 Fax 035/530073 C.F./IVA n. 00681530168 Email: servizio.istruzione@comuneazzanosanpaolo.gov.it ATTESTAZIONE ISEE Normativa:

Dettagli

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INDICAZIONI GENERALI PREMESSA Il sistema di Dote Scuola della Regione Lombardia comprende le seguenti componenti: per i percorsi di

Dettagli

ALLEGATO 7. 1. Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti

ALLEGATO 7. 1. Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti ALLEGATO 7 1. Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante: Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM

BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM BUONI LAVORO PER LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO VADEMECUM COSA SONO I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) Regolamento per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

Dettagli

OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA

OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA OGGETTO: MODELLO CUD DAL 2013 L INPS LO TRASMETTERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA L INPS: a) con la circolare n. 32 del 26 febbraio scorso (allegato 1) ha: - comunicato che, dal corrente anno, assolverà all obbligo

Dettagli

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE Associazione giuridica riconosciuta Iscritto all'albo dei Fondi Pensione con il n. 106 Piazza Duca d Aosta, 10-20124 Milano MI Tel.: 02 86996939 - Fax: 02 36758014 sito internet: www.fondoarco.it E-mail:

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE CORTORILLO di Chiara Cortorillo

STUDIO PROFESSIONALE CORTORILLO di Chiara Cortorillo Elenco documenti e informazioni necessarie per MODELLO 730/2015 N.B. il contribuente deve presentare i documenti in originale e munirsi anche di fotocopie da lasciare al CAF. DATI PERSONALI Documento d

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI PER MINORI, ANZIANI, DISABILI E ADULTI IN DIFFICOLTA

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI PER MINORI, ANZIANI, DISABILI E ADULTI IN DIFFICOLTA Allegato B S.O.C. Servizi Sociali Distretto 2 di Bra Via Vida, 10 12051 ALBA (CN) Tel +39 0173.316111 Fax +39 0173.316480 e-mail: aslcn2@legalmail.it www.aslcn2.it P.I./Cod. Fisc. 02419170044 RECEPIMENTO

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI

A TUTTI GLI ISCRITTI Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Segreteria Territoriale di Roma Vigili del Fuoco Via Genova, 3/a 00184 Roma Tel. 06.46722222 vigilidelfuoco.roma@uilpa.it uilpavvf.roma@gmail.com A TUTTI

Dettagli

LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA ISEE PER LA RICHIESTA DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA ISEE PER LA RICHIESTA DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA ISEE PER LA RICHIESTA DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Edizione 2012 Le guide di NF Il Notiziario Fiscale del CAF UIL Direttore Responsabile, dottor Sergio Scibetta Ideato

Dettagli

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU)

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) La nuova dichiarazione Ise/Isee cambia sostanzialmente rispetto al passato. Dal 2015 il calcolo del parametro non viene più fatto dal

Dettagli

IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE

IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE Gli aggiornamenti più recenti rimborsi da modello 730 di importo superiore a 4.000 euro erogazione dei rimborsi e comunicazione dei dati del conto corrente aggiornamento agosto 2014 RIMBORSO DA 730 ACCREDITO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 108 del 29.11.2001 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. La valutazione

Dettagli

ART.1 PRIMA ANNUALITÀ

ART.1 PRIMA ANNUALITÀ COMUNE DI GRESSAN COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI EROGAZIONE DI ASSEGNO POST-NATALE, AI SENSI DELL ART. 13 (COMMI 1,2,3 E 4) DELLA LEGGE REGIONALE 27 MAGGIO 1998, N. 44 Approvazione

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

DATI E DOCUMENTI NECESSARI PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI 730 o UNICO DA PRESENTARE AL CAF O AGLI INCARICATI GIA IN FOTOCOPIA

DATI E DOCUMENTI NECESSARI PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI 730 o UNICO DA PRESENTARE AL CAF O AGLI INCARICATI GIA IN FOTOCOPIA DATI E DOCUMENTI NECESSARI PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI 730 o UNICO DA PRESENTARE AL CAF O AGLI INCARICATI GIA IN FOTOCOPIA 1) dichiarazione dei redditi (modelli 730/UNICO) relativa all anno precedente

Dettagli

www.acliservizi.it I.P.

www.acliservizi.it I.P. www.acliservizi.it 2010 I.P. Negli ultimi anni l ICEF è entrato nelle case di migliaia di famiglie trentine: gran parte delle politiche tariffarie e sociali della Provincia Autonoma di Trento, infatti,

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE (ART. 11 - LEGGE 9 DICEMBRE 1998 N.

DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE (ART. 11 - LEGGE 9 DICEMBRE 1998 N. SPETT. ISTITUZIONE COMUNALE PER LA GESTIONE DEI SERVIZI AL CITTADINO COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Via XX Settembre n.49 SAN MARTINO BUON ALBERGO (VR) DOMANDA DI CONTRIBUTO FSA 2005 FONDO REGIONALE

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI

AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI AVVISO PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI (Delibera Giunta Regione Lombardia 18 aprile 2012 n. IX/3301) 1. Definizioni Prima casa ammessa a contributo.

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO)

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) Tel. 055 875011 Fax 055 8750301 P.I. 00255160970 C.F. 01342090485 www.comune.carmignano.po.it REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

Organo informativo a cura del Sindacato CISAL Comunicazione

Organo informativo a cura del Sindacato CISAL Comunicazione 1 WWW.COM.ORG Bonus straordinario: nuova circolare dell Agenzia delle entrate L'Agenzia delle entrate ha emanato una nuova Circolare sul Bonus straordinario per famiglie, lavoratori pensionati e non autosufficienti.

Dettagli

Il Responsabile del servizio

Il Responsabile del servizio BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE - ANNO 2015 L. 431/98, art.11 Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo Il presente

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale COMUNE DI FABRO Provincia di Terni Regolamento Comunale Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 15.10.2003 P R E M E S S A Con il presente regolamento si intende dare attuazione alle

Dettagli

DATI E DOCUMENTI NECESSARI PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI 730 o UNICO DA PRESENTARE AL CAF O AGLI INCARICATI GIA IN FOTOCOPIA

DATI E DOCUMENTI NECESSARI PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI 730 o UNICO DA PRESENTARE AL CAF O AGLI INCARICATI GIA IN FOTOCOPIA DATI E DOCUMENTI NECESSARI PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI 730 o UNICO DA PRESENTARE AL CAF O AGLI INCARICATI GIA IN FOTOCOPIA 1) dichiarazione dei redditi (modelli 730/UNICO) relativa all anno precedente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE . COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE Allegato alla deliberazione di C.C. n.14 del 26/03/2002 INDICE Regolamento Art. 1

Dettagli

I contributi economici a sostegno del reddito

I contributi economici a sostegno del reddito Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate I contributi economici a sostegno del reddito Rimini, 24 gennaio 2012 Le misure della

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI.

REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI. REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 28 aprile 1997

Dettagli

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU)

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) La nuova dichiarazione Ise/Isee cambia sostanzialmente rispetto al passato. Dal 2015 il calcolo del parametro non viene più fatto dal

Dettagli

BANDO DI CONCORSO SUPER MEDIA Anno scolastico 2013/2014 e 2014/2015

BANDO DI CONCORSO SUPER MEDIA Anno scolastico 2013/2014 e 2014/2015 BANDO DI CONCORSO SUPER MEDIA Anno scolastico 2013/2014 e 2014/2015 in favore dei figli o orfani ed equiparati - dei dipendenti della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento è diretto ad individuare, in via sperimentale, per un anno, i criteri unificati

Dettagli

Studio Corno Elaborato per Federazione Opere Educative. Manuale. Buoni Lavoro. Realizzato da: Studio Corno. www.cornoconsulting.it.

Studio Corno Elaborato per Federazione Opere Educative. Manuale. Buoni Lavoro. Realizzato da: Studio Corno. www.cornoconsulting.it. Manuale Buoni Lavoro Realizzato da: Studio Corno www.cornoconsulting.it Ottobre 2010 1 INDICE: Che cosa sono?...3 Perché dovrei utilizzarli?...3 Quali tipologie esistono?...4 Chi può essere il prestatore?...4

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO

COMUNE DI RIVANAZZANO COMUNE DI RIVANAZZANO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEI CRITERI U- NIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECO- NOMICA EQUIVALENTE AI SENSI D. LGS. N.109/98 E SUCC. MODIF. ED INTEGRAZ. (approvato con

Dettagli